Archivi categoria: Musica

Domenica 4 marzo – Il capriccio che governa le genti

At enim quis reprehendet quod in parricidas res pupublicae decretum erit? Tempus dies fortuna, quoius lubido gentibus moderatur.

Mi si dirà: chi potrà biasimare quanto si sarà stabilito contro dei traditori? Le circostanze, il tempo, la sorte, il cui capriccio governa le genti. Gaio Sallustio Crispo

Per non dimenticare quella notte – questa notte …

Per Lory

Ci sarai sempre quando mi sentirò solo,
quando sarò triste, quando il dolore sarà più acuto,
quando mi cimenterò in una nuova avventura.
Tu sai quanto ti ho amato, non lascerò andare via i ricordi,
mi seguiranno ed arricchiranno la mia vita.
Porterò sempre nel mio cuore il bagliore
dei tuoi occhi verdi, il tuo sorriso il tuo dolce amore.
…mi manchi…
23 dicembre 2006

Una mia poesia, tratta dal mio vecchio blog “Windows live space” del: 31 ottobre 2008

NOSTALGIA

Il testo della canzone milanese

“Se el mar con l’onda salada, el toccass la Baia del Re, Cors San Gottard e via Meda, sarien pien de forestee. Fuss Grattasoeui on’isoletta, piena de oliv e de agrumm e ben piantada in Conchetta, fuss ‘na montagna col fumm, se tutt quest chi el fuss possibil ghe sariom minga nun.”

“Milan,bella Milan, te see la mia innamorada. Per ti,bella cittaa, hoo pestaa ona gran crappada. Stanott,chi in de per mi, settaa su ona banchetta, mi voraría vess poetta e cantà Milan.”

“Se el Paradis che prometten, el fuss bell come te see. Se in de ‘sto Regn trasportassen el Vicolin di Lavandee. Se i Sant cantassen in coro, i canzonett meneghinn, fuss angiolin e angiolette tucc Martinitt e Stellinn Se tutt quest chi el fuss possibil me faria Cappuccin.”(Nino.Rossi)

Traduzione 

Se il mare con l’onda salata, toccasse la Baia del Re, Corso San Gottardo e via Meda, sarebbero piene di forestieri. Se Grattosoglio fosse un’isoletta con una montagna con il fumo (vulcano), piena di ulivi ed agrumi e ben piantata in Via Conchetta, se tutto questo fosse possibile, noi non saremo qui.

Milano, bella Milano, tu sei la mia innamorata. Per te bella città, ho picchiato una grande testata. Questa notte tutto solo, seduto su di una panchina, vorrei essere un poeta e cantare le lodi di Milano.

Se il paradiso che promettono, fosse come sei tu. Se in questo regno trasportassero il vicolino dei lavandai. Se i santi cantassero in coro, le canzonette meneghine, Se i Martinit e le Stelline, fossero angiolini e angiolette, io mio farei Frate Capuccino. 

La Milano che non c’è più