Crea sito

RISCALDATORI IONOSFERICI NEL MONDO

IL REQUIEM PER HAARP E’ RIMANDATO

aurora_ingvaldsen1
Articolo di NOGEOINGEGNERIA
“HAARP CHIUDE I BATTENTI!“

Questa notizia sull’installazione civile e militare statunitense situata in Alaska si è diffusa soprattutto in rete nel maggio del 2013. Nessun annuncioufficiale, ma a dar notizia della chiusura era l’ARRL (American Radio Relay League, l’associazione radioamatori statunitense) che aveva chiesto a James Keeney, program manager del progetto HAARP, il motivo dell’apparente stato di inattività del complesso.

Una sintesi, che richiama la fonte succitata, è disponibile qui: tinyurl.com/q3rmjmp

L’impianto NON è stato chiuso, ma ha continuato a lavorare sotto la guida della US AIRFORCE. Il website non era accessibile e quindi non erano più reperibili i dati delle sue attività. L’ultimo aggiornamento è del 5 giugno 2013. web.archive.org/web/20130517193516/http://www.haarp.alaska.edu/haarp/in…
E’ passato un anno e nuovamente si è parla dello shut down di HAARP. Ne abbiamo riferito in questo articolo: HAARP NON SUONA PIU’, SUPERATO DA NUOVE TECNOLOGIE?

“Ebbene, con buona pace dei cospirazionisti (che tuttavia… potrebbero ritenere la chiusura solo una monumentale messa in scena)non serve più a nientescrive Wired.it(ed altri con toni simili) nel maggio 2014 VEDI QUI.

Questa volta però la fine di HAARP è stata resa nota con un annuncio ufficiale, ovvero la fine del “Programma per la ricerca delle alte frequenze delle aurore boreali”, identificato per lo più nello stabilimento vicino a Gakona, ma che in realtà coinvolge altre 20 strutture minori, situate in diversi luoghi del Pianeta.
Ma anche questa notizia non è definitiva, infatti la recente decisione è stata annullata i primi di luglio: HAARP closure postponed until 2015 – La US Air Force ha rinviato la chiusura del programma di ricerca attiva fino a maggio del 2015.

E’ Deborah Lee James, segretario della Air Force, a comunicare alla senatrice Lisa Murkowski il rinvio dello smantellamento del sito di HAARP. Scienziati dell’University of Alaska ed altri istituti di ricerca ionosferica hanno sollevato obiezioni. Sono stati ascoltati ed accontentati. HAARP ha la capacità non solo di osservare la ionosfera, ma di riscaldarla e quindi studiarne gli effetti. HAARP trasforma una porzione della ionosfera in laboratorio. Non è possibile riprodurre queste condizioni artificialmente in laboratorio, annotano geofisici e altri scienziati manifestando il loro disappunto per la decisione (come qui ftp://ftp.acp.org/WULI/April%202014%20Physics%20Today/pt_issues0414.pdf).

Si procederà con la rimozione delle parti non essenziali cercando di ridurre i costi. Lo strumento più importante della stazione HAARP è lo strumento di ricerca ionosferica (IRI) usato per eccitare la ionosfera. Altri strumenti, come per esempio un radar VHF e UHF, un magnetometro fluxgate, una digisonda (dispositivo sonoro ionosferico) e un magnetometro ad induzione, sono utilizzati per studiare i processi fisici che si verificano nella regione stimolata.
Rosalie Bertell aveva tracciato gli sviluppi tecnologici storici che precedevano la struttura di HAARP e concluse:

Sarebbe azzardato supporre che HAARP sia un esperimento isolato che non venga ampliato. È legato a cinquanta anni di programmi intensi e sempre più distruttivi per capire e gestire l’alta atmosfera.
Sarebbe sconsiderato non associare HAARP alla costruzione del laboratorio spaziale che è stato progettato dagli Stati Uniti. HAARP è parte integrante di una lunga storia di ricerca spaziale ….
Background of the HAARP Project (in inglese) 

RISCALDATORI IONOSFERICI NEL MONDO

Quelli noti sono EISCAT in Norvegia, SURA in Russia, Arecibo in Puerto Rico, SPEAR in Svalbard, HIPAS in Alaska , MU a Kyoto-Giappone….

Il più potente impianto dopo HAARP è
EISCAT: Tromsø, NORVEGIA 

EISCAT(European Incoherent Scatter Scientific Association) è un’organizzazione di ricerca internazionale che opera nel nord della Scandinavia. E’ finanziata e gestita dai consigli di ricerca di Norvegia, Svezia, Finlandia, Giappone, Cina, Regno Unito e Germania(gli EISCAT Associati.)
http://www.eiscat.uit.no

Gli altri sono:
SURA – NIZHNIY NOVGOROD, Russia
ARECIBO – PUERTO RICO
SPEAR – SVALBARD, Groenlandia
SONDRESTROM – Groenlandia

Http://isr.sri.com/

HIPAS – ALASKA

 

http://web.archive.org/web/20080212193205/http://www.hipas.alaska.edu/hipasweb/hipas.htm
 

MU RADAR – KYOYO, Giappone

 

Harold E Holt Communications Station – AUSTRALIA

VEDI ANCHE:
HAARP SURA EISCAT ed altri….
http://whyiswaldo.tumblr.com/post/27264631917/haarp-coordinates-and-explaination

VIDEO: HAARP SURA EISCAT ed altri….
https://www.youtube.com/watch?v=45T_DVfK3rw
  HEATING OVERVIEW PPT
POWER POINT HEATING OVERVIEW

The effects of modfication of high-latitude ionosphere
PDF The_effects_of_modification_of_a_high-latitude_ionosphere_by_high-power_HF_radio_waves._Part_1._Results_of_multi-instrument_ground-based_observations

Fonte

®wld

“Il controllo dell’anima”

L’INFRASTRUTTURA PER IL CONTROLLO GLOBALE


Sappiamo che è in arrivo un governo Globale, il cui fine ultimo è il controllo sull’umanità intera e delle principali azioni di ogni singola persona.
Questo sarebbe tecnicamente impossibile, gran parte dell’umanità dovrebbe lavorare in questo governo globale per controllare ogni comunicazione di ogni altro essere umano. Implicherebbe turni a rotazione di troppe persone, no, impossibile. Ma se questo lavoro lo facesse un computer… allora la cosa cambierebbe, e non poco. Con una buona programmazione ed una unica infrastruttura globale a cui partecipino, in un modo o nell’altro, tutte le persone, sarebbe possibile.
L’infrastruttura c’è: si chiama Internet.
Come sappiamo, Internet nacque qualche decennio fa per collegare insieme i computer delle basi militari americane. Poi l’esperimento si spostò ad un certo numero di college universitari americani. Dopo i primi risultati, si è arrivati a quello che vediamo oggi.
Internet è un’ossatura, ormai globale, a cui sono connessi moltissimi computer. Ogni computer rappresenta, diciamo, una persona o poche persone.
Chi lo usa per cercare informazione, chi per giocare, chi per comunicare con altre persone, chi per lavoro… appare chiaro che su Internet viaggiano contenuti. Tanti contenuti, di tutti i tipi. Questi contenuti, raccolti assieme ed opportunamente analizzati, col tempo possono costruire quello che è il modo di pensare di una persona, le sue abitudini, quello che fa, quello che dice, quello che comunica, insomma quello che è, il suo intero essere.
Questo è possibile con programmi sufficientemente complessi ed un database di informazioni ben costruito. Chi controlla una infrastruttura del genere, nel momento in cui le persone non possono fare a meno di essa per la propria vita ed il proprio lavoro, controlla tutto.
 
Il problema? Che, giorno dopo giorno, ci avviciniamo a questa prospettiva allucinante.
Il paradosso? Che ce lo stiamo costruendo da soli, prendendolo per una cosa positiva.
Da qui consideriamo alcuni elementi che, se fossero legati, indicano una forte vicinanza con questa situazione.
Il Cloud Computing: i nostri computer sono collegati in Internet. Sono composti da un monitor, un mouse ed una tastiera, ed un corpo centrale con memoria RAM [quella dove stanno i programmi che state utilizzando a computer acceso] ed un disco fisso [dove vengono conservati tutti i dati, programmi, film, insomma tutto quello che ci mettete dentro]. Bene, quello che usate e volete usare ancora sta nel disco fisso [indicato come C:], che sta dentro al vostro Pc. Immaginate che il vostro Pc non abbia più un disco fisso. Che qualcuno vi proponga di lasciare i vostri dati su un disco fisso ‘virtuale’ di capacita illimitata e con nessuna responsabilità di gestione da parte vostra come costi, messa in ordine, antivirus eccetera. Questo vuol dire che i Pc, per funzionare, avrebbero bisogno di essere connessi SEMPRE ad internet, perché i programmi che usate sono tutti in Rete. Questo comporta che siano sul computer di qualcun altro, tutti i vostri programmi e tutti i vostri dati. Vi diranno che ci tengono alla vostra privacy. Ma tutte le vostre cose sono sul Pc di altre persone, tutti i dati di lavoro, tutti i codici, tutti i dati affettivi, film e fotografie.
Se anche fossero ligi alle regole, i gestori, esiste sempre la possibilità che qualcuno possa andare a controllare quello che ne ha voglia, senza farvelo sapere.
Non è certo fantascienza, andate a dare un’occhiata a Google Gdrive, il disco fisso on-line. Lo faranno arrivare.
Google Latitude:questo c’è già. Si tratta di un’applicazione per i telefoni cellulari, basata su Google Maps, quella che ti fornisce le mappe geografiche e stradali di tutto il globo.
Ebbene, con questa applicazione, è possibile vedere sul proprio cellulare, in tempo reale, le posizioni, ovunque siano, dei propri amici [previo che anche loro abbiano Google Latitude sul telefonino], con le loro icone o facce sulla mappa. Insomma, è possibile sapere in ogni momento dove siano.
Questo a casa mia si chiama tracciare le persone. E la cosa divertente è che non c’è nessuna invasione della privacy da parte di Google. Siamo noi stessi che le diamo il consenso di tracciarci e monitorarci, tramite il sistema di localizzazione dei cellulari. Un giorno, quando succederà un’infrazione, di qualunque genere essa sia, ogni persona sarà rintracciabile. Alla faccia del Big Brother di Orwelliana memoria. E ce la costruiremo da noi.
Ilmicrochip RFID: parliamo di quello impiantabile nell’essere umano. Parliamo di quello con il codice identificativo per ogni essere umano, paragonabile al tatuaggio imposto agli ebrei nei campi di sterminio nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Parliamo di quello che sarebbe pubblicizzato come necessario, come risoluzione ad un problema di caos, guerra o terrorismo.
In una società senza il denaro contante il microchip avrebbe le stesse funzioni che oggi ha un Bancomat, solo che funzionerebbe passando semplicemente la mano su un apposito lettore, essendo univoco per ogni persona. Tutto veramente facilitato! Ci sono anchepubblicità che ne illustrano tutti i vantaggi. Veramente favolosa! Praticamente un Telepass per la spesa, sempre a portata di mano. Uno Spesapass.
Peccato solo per una cosa. Se il denaro è solo elettronico, se la spesa fosse possibile solo con lo Spesapass… bè, lo Spesapass è controllato da un computer. E qualcuno, da quel computer, alla pressione di un tasto può decidere che qualcuno non possa più mangiare [ovvero fare spesa] a meno di comportarsi in un certo modo. E la fame… è il migliore modo per arrivare al cervello della gente. E dal cervello si passa all’anima. Il microchip si rivela uno strumento efficace per il controllo dell’anima di chi non ha una volontà sufficientemente forte per opporsi o per chi non volesse proprio opporsi.
Il microchip è prodotto dalla Verichip. Tra i suoi scopi, il microchip, ha il controllo dei parametri sanitari della persona [parametri del sangue, colesterolo ecc…].
La Verichip, negli ultimi anni, andava male finanziariamente, molto male [ora si chiama Xmark], quindi cercava un partner ‘forte’ per essere sostenuta.
Ebbene, l’ha trovato.
Si tratta di Microsoft, che ha comprato parte della Verichip per il suo programma Microsoft Healthvault. Si tratta di un gigantesco archivio informatico dei dati sanitari di tutti gli americani [ passerà presto ad esserlo per tutto il mondo]. La motivazione è che quest’archivio sia immediatamente utilizzabile dai medici per risalire alla documentazione sanitaria degli americani. Che c’entra il chip? Se tutti gli americani fossero chippati, non ci sarebbe nessun problema di riconoscimento del paziente se questo arrivasse in coma o in stato di incoscienza in ospedale e senza documenti. Sono partite le sperimentazioni di microchip negli ospedali americani, sui pazienti diabetici. Presto si passerà al poter entrare in certi posti di lavoro, come banche, laboratori od importanti uffici, solo se in possesso del chip. un giorno non troppo lontano sarà possibile ottenere un lavoro solo se chippati.
Tutto questo con le scuse della ‘sicurezza’ delle persone “perbene” e dei loro bambini.
Tutto questo per il controllo capillare, tramite mezzi informatici, della vita della gente.
L’amministrazione di Barack Obama. Obama stesso ha affermato di essere favorevole alla mappatura dei dati sanitari degli americani ed all’inserimento in un unico archivio informatico entro 5 anni. Da notare, nello stesso articolo, quanto voglia premere per la diffusione capillare di Internet sul suolo americano.
Joe Biden è il vice-presidente di Obama. Ha promesso un decreto alla Corte Suprema USA riguardante l’innesto obbligatorio del chip alla popolazione americana. Non c’è molto da aggiungere.
Se volete conoscere altri motivi per cui non c’è da aspettarsi nulla di buono dall’amministrazione Obama,qui ne trovate altri. Che ciascuno pensi quello che vuole.

Il brevetto di Microsoft sul corpo umano è una realtà: si tratta dello studio sulla conducibilità elettrica del corpo umano, utilizzato come antenna ricevente e trasmittente per onde elettromagnetiche. In sostanza, gli esseri umani funzionerebbero come antenne. In pratica, come per il circuito elettronico all’interno delle chiavi dell’auto o come gli RFID installati già nei prodotti per i magazzini, con il microchip od un opportuno dispositivo portato sempre addosso, si è in grado di spedire, in automatico ed in base alla conducibilità del corpo umano, un segnale di risposta a quello inviatoci da lettori posti per strada, per segnalare a tali lettori la nostra posizione e il nostro stato di salute. Il nostro stesso corpo fornirebbe, di rimbalzo, la trasmissione necessaria per la nostra localizzazione.
E questi non sono che pochi esempi. I segni del passaggio, lento ma continuo, verso una società del monitoraggio completo degli esseri umani, ci sono. I computer ne sono i mezzi, facendo il lavoro di controllo di molti uomini e senza mai stancarsi. Internet è l’infrastruttura necessaria per tutto questo. Provate a immaginarvi l’impero romano con un sistema comunicativo tipo Internet… chissà cosa avrebbero pagato per averlo!
Facciamo caso anche ad alcune cose. Nessuna tecnologia, davvero nessuna, ha conosciuto uno sviluppo veloce e globale come Internet. E la stanno portando ovunque. Persino in quei luoghi d’Africa che avrebbero bisogno più di cibo che di Internet. Troppo veloce, troppo globale come sviluppo. Tutto solo per il bisogno di comunicazione? Insomma… il bisogno di comunicazione c’è, ma lo si soddisfa anche con gli amici del paese. Tutti bisogni indotti da chi sta al potere, che ci fa credere di non poterne fare a meno. La cosa più ironica, ripeto, è che questo sistema lo costruiamo prevalentemente noi, accettando, e di buon grado, tutto quello che ci viene proposto. Al punto di non ritorno… allora ci sarà da ridere.
Qui vengono indicate due realtà collegate al sistema del numero 666, cioè nei codici a barre e nella stessa parola ‘computer’.
Si sa che è in arrivo un “Digital Tsunami” che è il flusso enorme di dati digitali che si può raccogliere analizzando ogni transazione o ogni oggetto elettronico usato dalle persone: la Ue sta studiando questa Internet 3.0 ovvero l’Internet delle Cose ( Internet of Things) e si prospetta un’allarmante impennata della Surveillance Society, la società del controllo in pieno stile Grande Fratello preconizzato da George Orwell. 
 
Internet, nella sua definizione, World Wide Web [Rete Estesa Globale], è abbreviato notoriamente in WWW. La lettera W sia nell’alfabeto greco che in quello ebraico ha valore di 6. WWW – 666.
Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, computi il numero della bestia, perché è un numero d’uomo; e il suo numero è seicentosessantasei. (Apocalisse 13:18)

Articolo di Iafet

Articolo correlato QUI

MA QUANTO SEI FIGO

 

Anteprima del chip sottopelle

Ecco il prototipo del futuro del “chip”, arrivato anche in Italia per la gioia degli obnubilati gonzi, non sanno che tutti i dati vengono inviati tramite le ultime generazioni di tablet, smart phone e iphone. Non bastava facebook e twitter, per raccontare la propria vita ora arriva anche il braccialetto UP24 Jawbone. Pensavo che il micro-chip cutaneo sarebbe arrivato entro dieci anni, mi sbagliavo, sarà solo questione di poco tempo, forse mesi, sempre con il livemotive della salvaguardia della salute. Una volta c’era il Beghelli per le persone anziane, oggi abbiamo UP24, vuoi mettere, è fichissimo; ho letto alcuni commenti entusiastici girando nel web, ma nemmeno uno, dico uno contrario. Non basta il wi-fi sparso in ogni dove e bluetooth, adesso se lo portano anche durante il sonno, senza sapere i gravi rischi che comporta tale “giochino”. Vedi anche QUI

Le facili previsioni

Segni e sintomi delle scie chimiche

by Zen Gardner:
 
Un vero cielo sereno nella maggior parte dei casi rivelerà un orizzonte marrone per la maggior parte della popolazione che vive in zone popolate. Anche un cielo limpido non è veramente chiaro, mentre il pianeta è stato “oscurato” di oltre il 20% dopo decenni di irrorazioni spruzzate. Tuttavia, il regolare inquinamento, non permetterebbe di vedere un cielo bianco, solitamente è buio e depone verso il basso. Quando il cielo lo si vede biancastro, vuol dire che il cielo brunastro è stato sostituito con le irrorazioni chimiche.

Bisogna fare i complimenti al complesso di proprietà del servizio meteorologico militare-industriale, è ora possibile sapere quando aspettarsi una irrorazione delle scie chimiche. Non solo possiedono il tempo come hanno detto che lo avrebbero avuto nel 2025, ma sono venuti anche in possesso dei servizi di previsioni meteorologiche. Oggi, George Orwell ne sarebbe fiero.

 

Controlla il tuo telefono e controlla le previsioni del tempo. Se vedi una formazione di nubi velate che lambiscono il Sole (alias velature, parola molto in voga tra i metrologi) potrebbe benissimo essere una previsione di scie chimiche.
 
Regolarmente, date un’occhiata fuori per guardare il cielo. Guarda come un normale cielo sereno viene cancellato da linee o scie chimiche che si espandono fino a coprire  tutto il cielo.
Ora guarda cosa ha predetto il tuo telefono rispetto a quello che ci si aspetterebbe ad un giorno di bel tempo. In normali condizioni atmosferiche e nella maggior parte dei casi, si tratta di un fenomeno ingegnerizzato.

Sì, il “meteorologo” di tutto questo ne è al corrente, conoscono i giorni delle irrorazioni e dove vengono fatte. Tutto viene fatto per farlo sembrare un fatto “naturale”. E i meteorologi sanno, e non osano dire la verità, sanno che potrebbero perdere il loro posto di lavoro o … qualcosa di più.

Ho studiato questo da molto tempo, come hanno fatto molti altri, e non potrebbe essere più evidente. Se siete disposti a guardare, potreste collegare tutti i puntini.

Leggi QUI l’intero articolo di Zen Gardner in lingua anglosassone.

Scie chimiche il controllo del clima NBC4
Fonte:

Impostare falsi attacchi alieni

 
Falsa invasione aliena 

Potrebbe forse il mondo essere impostato per un falso attacco alieno? A parlare di invasioni aliene extraterrestri, UFO, sono storie regolarmente raccontate dai media mainstream. Ci sono studi scientifici, articoli di giornale, e programmi televisivi in talk show fino a tarda notte che si occupano di extraterrestri (ETS), anche se la Casa Bianca sostiene Ufficialmente che non ci sono ET, né ha alcun contatto e mai stato fatto.

Allora, perché ci sarebbe in cerca un flusso costante di conversazioni fatte sui visitatori alieni con l’attuale copertura mediatica? La causa è forse un genuino interesse pubblico per il contatto alieno, o potrebbe solo essere un caso di programmazione predittiva, con gli extraterrestri che a volte in fase di discussione viene ritrattata in un modo da indurre paura?

Le false flag dell’ostile origine aliena  

Nel dicembre del 2000, l’ex scienziato della NASA Dr. Carol Rosin ha testimoniato nell’ambito del Disclosure Project, in quell’occasione ha testimoniato di essere stato avvertito di un pianificato finto attacco alieno sull’umanità, un programma, che si sarebbe verificato in futuro. L’avvertimento è arrivato dai decenni precedenti da parte di Werner Von Braun, lo scienziato tedesco che ha portato negli Stati Uniti la tecnologia della WW2 come parte dell’Operazione Paperclip. Durante il periodo di Rosin Von Braun ha lavorato alla Fairchild Industries dal 1974-1977, la avvertì una sinistra sensazione di ampia portata, volta a militarizzare lo spazio e che culminerà in una falsa e definitiva messa in scena di una invasione aliena. La finta minaccia di invasione sarebbe stata effettuata per il mantenimento delle spese militari e da potenti interessi, tutto questo per garantire la sicurezza dell’umanità.

https://www.youtube.com/watch?v=qf5SvJpGuv0
La preparazione del pubblico 

Cosa potrebbe convincere la popolazione mondiale a credere nella effettiva ivasione su ciò che potrebbe verificarsi? E’ una storia che si sarebbe verificata piuttosto in là nel tempo, con grande cura è stato preparato e programmato questo falso attacco preparando la maggioranza delle persone a far si della veridicità. Inoltre per riuscire nell’intento, bisognava avere a disposizione  di tecnologia ET/UFO, non ci sarebbe quindi stato l’essenziale per lo stato psicologico di una diffusione di ampia paura necessaria per rendere l’inganno davvero efficace. Alla popolazione è  già stato innescato inconsciamente la visione degli alueni come una minaccia, attraverso i film, notizie e altre forme che i media hanno divulgato, con i vari scenari, tutto questo è stato facile da sfruttare. Nel corso di molti decenni, c’è stata una proliferazione dei media che ritraggono ET come una minaccia invasore, Nonostante le prove suggerite che sono tranquilli e vogliono aiutare l’umanità.

Questa tattica dell’utilizzo costante della manipolazione della mente come: note, immagini e insinuazioni per impiantare le idee inconsce sul cambiamento sociale pianificato si chiama programmazione predittiva. Se si cerca un caso di programmazione predittiva per un falso attacco alieno ad oggi, potremmo anche aspettarci di vedere riferimenti a extraterrestri nei media mainstream atti a lavorare per sostenere questo racconto. 

L’attuale Dialogo ET 

Una rapida scansione di alcuni recenti titoli dei media rivela la carenza di commenti sui temi degli ET e UFO. Mentre alcuni argomenti – colorati: come quelli degli scienziati che parlano della probabilità di vita su altri pianeti – sono più benigni, altri invece hanno una visione del mondo diametralmente opposta, sostengono che gli alieni sono una minaccia per l’umanità.

Il discorso di Bill Clinton sugli alieni 

Quando l’ex presidente americano Bill Clinton è apparso su Jimmy Kimmel Live! nel mese di aprile 2014, al termine del consueto colloquio di battute su Kimmel ha parlato del tema sugli UFO. Clinton ha iperespresso il fatto che “non sarebbe sorpreso se un giorno ci visitassero gli alieni”, avendo la speranza che non fosse come il conflitto del film “Independence Day.” Ha continuato dicendo: se ci fosse in futuro un conflitto con invasori spaziali, “l’unico modo sarebbe unire tutte le forze del mondo, invece che essere tutti divisi come ora”, “e di” pensare a come tutte le differenze tra le persone sulla Terra sembrerebbero piccole se ci dovessimo sentire minacciati da un invasore spaziale”.

https://www.youtube.com/watch?v=6PNttGg-z84

Il fatto significativo di che Bill Clinton e che è apparso sulla grande rete televisiva che parla di UFO, Area 51, visite extraterrestri, e come l’umanità potrebbe anche reagire all’invasione da esseri provenienti da altri pianeti. Questo è, dopo tutto, un ex presidente degli Stati Uniti, che figurano in un popolare show televisivo a tarda notte che domina con persone che vanno dai 18 ai 49 anni. In un colpo solo, Clinton ha rafforzato la narrazione della minaccia aliena, come pure la necessità che tutti gli esseri umani in tutto il mondo si possano unisre contro un ipotetico attacco degli ET.

Clinton non è la prima figura di alto livello che affronta questi temi. I suoi eco commenti sono stati gia fatti in passato da Ronald Reagan nelle dichiarazioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1987, quando era presidente. Reagan ha detto al raduno mondiale che “Forse abbiamo bisogno di una minaccia universale che venga da fuori” per unire il mondo e ha detto che di tanto si metteva a pensare di, “come le nostre differenze in tutto il mondo svanirebbero rapidamente se fossimo di fronte ad una minaccia aliena al di fuori di questo mondo”. Chiaramente Reagan, a questo raduno mondiale, di tutto questo non parla a braccio.

https://www.youtube.com/watch?v=Ag44dRO8LEA

I commenti di Clinton stranamente ricordavano le dichiarazioni di Reagan effettuate più di due decenni prima. Dobbiamo chiederci perché due persone di opposti partiti politici, che hanno ciascuno tenuto la carica più alta negli Stati Uniti, hanno entrambi alluso alla minaccia di una invasione aliena che unisce l’umanità?

Uno studio conclusivo, ci spiega che gli esseri umani non sono pronti a far fronte ad un’invasione ET

Secondo un recente studio dal neuropsicologo clinico Gabriel De la Torre, la persona media non è pronta ad avere un incontro con gli extraterrestri. Questi risultati, che erano basati su un sondaggio di 116 studenti universitari in Spagna, Italia e Stati Uniti sono dovute a quello che De la Torre chiama una mancanza di “coscienza cosmica”. De la Torre Asserisce avevano delle persone che hanno una insufficiente comprensione della vita, manca lo spazio e l’ordine dell’universo che contribuisce a una coscienza cosmica, o la consapevolezza, che sarebbe utile per rendere un positivo un contatto ET.

È interessante notare che, mentre la mancanza di “percezione cosciente della realtà”, che sarebbe necessaria per superare stati di ansia, paura e ostilità nei confronti di eventuali visitatori alieni futuri, Mentre De la Torre torna in Nord America, Hollywood mentore dell’umanità, è occupato a sfornare il suo prossimo racconto apocalittico della guerra contro gli invasori alieni. 

Indagine Aliena della CNN 

La CNN è riuscita a parlare di ET in tandem con la scomparsa del volo della Malaysian Airlines Flight 370 quando ha intervistato i lettori online ai primi di maggio 2014 circa le loro opinioni e punti di vista della scomparsa tragica del volo. Il sondaggio internazionale ha coperto argomenti che vanno al pensiero degli intervistati sul fatto che ci potrebbero forse essere dei  sopravvissuti, se essi pensavano che si dovesse ancora considerare la ricerca .

Hanno anche chiesto al lettore opinioni su ciò che è accaduto, come un guasto meccanico o incidente. altri possono scegliere tra più risposte a scelta su chi potrebbe anche essere responsabile, con alcuni dei potenziali colpevoli, tra cui terroristi, dirottatori e alieni.

Il fatto che “il nome più affidabile nella News” ha incluso gli “alieni, viaggiatori che viaggiano nel tempo o esseri provenienti da un’altra dimensione” accanto al dirottatori e terroristi, tutto questo è molto significativo. Questo raggruppamento di potenziali colpevoli incoraggia l’errore di associazione da parte del pubblico. In altre parole, se l’umanità è stata esposta al fumo passivo in futuro (che sia in uno scenario reale o messa in scena) un altro strato alla narrazione della società è stato aggiunto: Di conseguenza i visitatori ET possono essere messi a spalla a spalla ed essere raggruppati insieme ai dirottatori e pericolosi terroristi e visualizzati di conseguenza. Notizie diffuse rapidamente in tutta internet hanno fatto pensare al 9% degli americani che probabilmente gli alieni siano stati coinvolti nella scomparsa dell’aereo di linea, e questo naturalmente ha ulteriormente alimentato i commenti denigratori sul contatto ET. 
Allora perché esattamente sono stati inclusi gli extraterrestri nella lista dei possibili sospetti per la scomparsa di un aereo di linea? Mentre l’intervista di Clinton potrebbe essere passata come commedia causando risate fino a tarda notte, questa indagine è una situazione terribile che coinvolge la scomparsa e probabile morte di 239 persone. Sicuramente “alieni” in questo grave sondaggio non è stato elencato come uno scherzo.
Conclusione 

Considerando i punti dell’intervista di Clinton con Jimmy Kimmel, alongwith studio di De la Torre e il sondaggio della CNN, sembra che gli sforzi per ritrarre gli extraterrestri come ostili è stato efficace e le persone già colpite a livello inconscio, a questo punto di vista con i media che giocano un ruolo fondamentale nella ri-enforcing.

Più alto è il profilo nella figura pubblica nel divulgare notizie che parlano di argomenti ET, più il pubblico può essere sicuro che è stato fatto di tutto per centrare l’obiettivo, viene considerato uno scopo particolare per produrre un certo risultato. Per questo motivo, è necessaria obiettività Quando viene valutato il dialogo relativo agli extraterrestri, vi è in questo caso il potenziale di questo problema che non deve essere compromesso da coloro che beneficiano  a lungo termine per la contesa planetaria delle spese in armamenti.

In definitiva, se una falsa invasione aliena dovesse essere perpetrata, una popolazione condizionata dovrebbe temere i visitatori interplanetari, questo è esattamente ciò che permetterebbe la manipolazione su questo tema.

Quindi, siamo stati preparati per una falsa invasione aliena? La retorica di sostegno per l’attacco è stato portato avanti per decenni, e ancora oggi si ripete in in modo stranamente coerente.

Autore
Dara Percival
su ReachingLight.com.

postato su:
ZenGardner.com

“Aerosol Crimes”

La deliberata distruzione della nostra atmosfera
Il chimico americano Clifford Carnicom e, autore dello splendido documentario “Aerosol Crimes” e fondatore dell’Istituto Carnicom, ha dimostrato sulla base di numerosi studi scientifici l’esistenza delle scie chimiche negli Stati Uniti.
Poco dopo l’uscita del suo sito web, ha visitato diverse basi dell’Air Force, le agenzie di intelligence, costruttori di aeromobili, fabbricanti di componenti di aeromobili, aziende farmaceutiche, istituti di ricerca e imprenditori armi.
Questo fatto dovrebbe parlare da solo. Perché si può dire di quanto grande e ampio sia il cartello, che beneficia del programma delle scie chimiche e le sue aspettative.
In attesa del video documentario italiano di Tanker-Enemy,
Guarda il nuovo documentario “La Copertura delle nuvole: la distruzione deliberata della nostra atmosfera” di Clifford Carnicom:

per il nostro bene

Chi ha rubato il tempo? Scie chimiche e Geo-ingegneria 

Il notevole aumento e l’esistenza della tesi delle scie persistenti di condensazione che regolarmente vediamo nel cielo dietro a jet che volano sopra le nostre teste, procede rapidamente e sono diventate di comune conoscenza. In sintesi, ironia della sorte sono state chiamati “scie chimiche” nella letteratura dei programmi militari, ma questo termine è stato ben presto demonizzato come “complice” di sintesi degli stessi poteri e le loro coorti, al fine di reprimere le informazioni che raggiungono il pubblico mainstream.

Dopo tutto, se c’è davvero una sorta di programma di irrorazione, che cosa stanno spruzzando, e perché?

Queste sono questioni molto serie, e a quanto pare le risposte non avrebbero incontrato l’approvazione del pubblico. Una litania di letteratura, studi scientifici e brevetti e, per quanto riguarda questi programmi, si possono facilmente reperire in internet. La storia di gran lunga più dominante è che tutto questo viene fatto per cercare di far riflettere la luce solare dalla Terra per mitigare il riscaldamento globale. Qualunque siano le vostre idee e nozioni, la scienza e/o retorica, sul riscaldamento globale è assurda ed estremamente pericolosa, sia per la nostra ecosfera che per la salute umana. E’ stato dimostrato che il nanoparticolato, fatto di metalli pesanti intrappola il calore della terra, riducendo la germogliazione riempiendoli di buchi.

Ma quali sono i veri scopi? Certamente non ne stiamo parlando.

Troverete ora questo programma della geo-ingegneria per il controllo del tempo, così come altre idee folli: come le alghe e deliberati esperimenti sonar subacquei di tutto il mondo. La geo-ingegneria è un termine tradizionale e apertamente promosso e finanziato dal contribuente tramite i militari e da privati “frontman” finanziatori: come artisti del calibro di Bill Gates e altri. L’aerosol che viene spruzzato è spesso documentato sui media mainstream come “un’idea futuristica” per testare le acque e anestetizzare la protesta pubblica. Non lasciatevi ingannare.

A quanto pare è stato venduto a vari livelli come una sorta di “misura di emergenza” per salvare il pianeta, senza dubbio con pressioni molto alte, come il ricatto e la corruzione. Tutto questo nonostante il fatto che l’antropomorfo riscaldamento globale sia stato completamente sfatato. Vorrei aggiungere inoltre che fatta eccezione, per il programma di irrorazione tossica, ha anche scatenato il caos nel nostro clima, portando a risposte di previsioni innaturali e orribili come le pericolose emissioni di metano.

Lo sfondo delle scie chimiche

L’esistenza delle scie chimiche, o scie persistenti, se si desidera chiamarle, è documentata fin dagli anni ’40 con la prima irrorazione a spruzzo usata per seminare le nuvole, un vecchio modello meteorologico per uso agricolo, così è stato per la guerra. Più tardi, sono state usate per far deflettere i radar, sembra essere diventata un’altra direttiva per rilasciare metalli in atmosfera per interrompere le trasmissioni elettromagnetiche. Tutto questo argomento  è verificabile tramite semplici ricerche su internet.

Anche gli inclusi e meno pressanti usi di irrorazione aerea hanno deliberatamente infettato le popolazioni, mirate per testare le tecniche di guerra biologica, così come è stata fatta la famosa polverizzazione estremamente pericolosa “dell’Agente Arancio” per defoliare la giungla del Vietnam, solo per citarne solo due degli usi. Quando si cerca di conoscere le operazioni, d’irrorazione aerea in uso, la maggior parte della gente non si rende conto o, non nella parte maggiore dei casi ne è all’oscuro completamente.

Ecco una approfondita, obiettiva analisi basata scientificamente di questo programma in corso è essenziale per l’identificazione e la comprensione di questo fenomeno. Il fatto, non è solo inconfessato ma addirittura negato dalle cosiddette autorità che dovrebbero darci ancora più motivo di preoccupazione. 

La manipolazione con HAARP e EMF – la chiave per la guerra climatica 

La maggior parte di tutti noi sanno che i militare vogliono militarizzare qualsiasi cosa. Per classificarlo dopo con la copertura finale della “sicurezza nazionale”. Come chiunque di noi, mi sfuggono le massiccie operazioni segrete che girano intorno a noi, ma questo è il mondo ipnotizzato in cui viviamo volentieri “( … ) e meno di tutti, non mettono in discussione l’autorità.”

“Dopo tutto, deve essere fatto per il nostro bene e per proteggerci.”

Una nuova tecnologia basata sul lavoro del genio Nikola Tesla, la cui intensa schiera estremamente potenti di antenne potrebbero trasmettere onde a radio frequenza nella ionosfera terrestre e quindi modificare la sua composizione, creando un tipo di reazione plasmatica. E’ provato che potrebbero essere usate come una sorta di dispositivo rimbalzante per inviare il segnale a parti mirate in tutto il globo. IO radio-ingegneri hanno a lungo conosciuto e utilizzato questo principio riflettente, ma questa cosa sta prendendo nuovi livelli inquietanti.

Ancora una volta, la scusa data a questo nome per questo programma ormai ben noto, l’impianto originario per il quale è chiamato HAARP, o più facilmente verificabile impianto ad alta frequenza “Active Auroral Research Program“, che presumibilmente rimane per scopi militari benigni, in questo caso il rilevamento sottomarino e la comunicazione. Di certo una cosa plausibile per il non indagatore, almeno è così per il facile placato patriota.

Ecco una carrellata molto più esaustive e consapevoli su questa tecnologia, merita una visione più attenta. Esso comprende l’ingresso a dei militari nel controllo della ionosfera che ha preso posto proprio di recente, confessando di aver “spostato” l’HAARP ad altre tecnologie.

Quindi cosa dire sulle scie chimiche? 

Le scie chimiche sono cariche di particelle e metalli pesanti, di nuovo, facilmente verificabili in rete. Molti campioni di acqua e aria che sono stati presi indipendentemente hanno determinato una minaccia di una vasta gamma di particelle che piovono sui nostri fiumi, torrenti, piante e animali, e ovviamente sulla razza umana, sono estremamente tossici per la vita. I componenti principali sono polveri miniaturizzate di ossidi di alluminio e bario, mentre gli altri componenti sono più che preoccupanti, questo, per non dire altro.

Le particelle mettalliche, oltre ad essere altamente tossiche, molto delle quali sono di dimensioni nanometriche, al fine di rimanere a galla, nonché in grado di permeare tutto il possibile, sono molto sensibili alle influenze elettromagnetiche. Con questo intruglio spruzzato nell’atmosfera, un dispositivo ad energia diretta potrebbe letteralmente guidare la corrente a getto e modelli meteorologici locali.

E questo, è esattamente quello che fanno.


USAF-2025-uragano-scie chimiche-700x309
“Il Tempo come moltiplicatore di forza
Possedere Il Tempo entro il 2025″ – un documento del governo 

Naturalmente questo per i militari “sarebbe un successo” per i soliti disclaimer è solo un fatto di congetture, ma vedere di persona la mentalità dietro a questo massiccio intervento e ciò che la loro agenda è veramente. Per alcuni questo potrebbe anche essere una grande idea. Per ogni persona pensante è al di là di tutto, è inquietante.

Bisogna risalire attraverso gli anni e rivalutare gli incidenti meteorologici estremi in questa nuova luce, e quindi la ricerca dei particolari. Si tratta solo di un aprire gli occhi.

Ecco un estratto dal loro rapporto:

Sintesi
Nel 2025, le forze aerospaziali degli Stati Uniti possono “possedere il clima”, capitalizzando sulle tecnologie emergenti e
puntando allo sviluppo di quelle tecnologie per le applicazioni belliche. Questa capacità offre la guerra
strumenti di caccia per modellare il campo di battaglia in modi mai prima possibili. Esso offre l’opportunità di impatto delle
operazioni attraverso l’intero spettro dei conflitti ed è pertinente a tutti i futuri possibili. Lo scopo di questa
carta è definire una strategia per l’uso di un futuro sistema di modificazione del clima per la realizzazione militare
sono gli obiettivi piuttosto che fornire una mappa stradale tecnica dettagliata.
Un alto rischio, alta ricompensa e sforzo, la modificazione del clima offre un dilemma non dissimile dalla scissione del
atomo. Mentre alcuni segmenti della società saranno sempre restii a esaminare le questioni controverse: come
la modificazione del clima, le enormi capacità militari che potrebbero derivare da questo campo vengono ignorati a
rischio e pericolo. Lo sviluppo delle operazioni amiche o interrompere quelle del nemico tramite una piccola sartoria di
modelli climatici naturali per completare il dominio delle comunicazioni globali e il controllo dello spazio,
la modificazione del clima offre al combattente un’ampia gamma di possibili opzioni per costringere e sconfiggere l’avversario.
Vedere il documento originale QUI >>
Ecco un’analisi ancora più completa di questo Programma completo: 

L’ultima arma di distruzione di massa:
 “Possedere il Tempo” per uso militare 

    Tecniche di modificazione ambientale (ENMOD) per uso militare costituiscono, nel contesto della guerra globale, l’ultima arma di distruzione di massa.

Raramente riconosciuto nel dibattito sul cambiamento climatico globale, clima mondiale può ora essere modificato come parte di una nuova generazione di armi elettromagnetiche sofisticate. Sia gli Stati Uniti che la Russia hanno sviluppato capacità di manipolare il clima per uso militare.

Tecniche di modificazione ambientale è stata applicata dai militari degli Stati Uniti per più di mezzo secolo. Il matematico statunitense John von Neumann, in collaborazione con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ha iniziato la sua ricerca sulla modificazione del clima alla fine del 1940, al culmine della Guerra Fredda e prevedeva ‘forme di guerra climatica come ancora inimmaginabili’. Durante la guerra del Vietnam, sono state utilizzate tecniche di cloud-seeding, a partire dal 1967 nell’ambito del Progetto Popeye, la cosa reale nominale è l’obiettivo di prolungare la stagione dei monsoni e bloccare i nemici nelle rotte di approvvigionamento, lungo il Sentiero di Ho Chi Minh.

L’esercito americano ha sviluppato funzionalità avanzate ha consentito a modelli meteorologici selettivamente vecchi. La tecnologia, che viene perfezionata nell’ambito del programma di ricerca attiva aurorale ad alta frequenza (HAARP) è un’appendice della Iniziativa di Difesa Strategica – ‘Star Wars’. Dal punto di vista militare, HAARP è un’arma di distruzione di massa, che operano dall’atmosfera esterna e capace di destabilizzare sistemi agricoli ed ecologici in tutto il mondo.

Meteo-modifica, il documento AF US Air Force 2025 è la finale Conformata Relazione.

“Offre al combattente un’ampia gamma di possibili opzioni per sconfiggere o reprimere la capacità dell’avversario’, si dice inoltre, che si estende alla attivazione di inondazioni, uragani, siccità e terremoti:’ la modificazione meteorologica diventerà parte della sicurezza interna e internazionale e Potrebbe essere fatto unilateralmente … Essa potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e anche essere utilizzata per scopi di deterrenza. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare lo spazio tempo … e la produzione di clima artificiale tutto sono una parte di un insieme integrato di tecnologie [militari] “.

L’ONU riconosce il Divieto dell’uso del Meteo per la guerra

Nel 1977, in un convegno internazionale che ha sancito l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il quale ha vietato ‘uso ostile militare o di tecniche di modificazione ambientale che hanno ampia diffusione, di lunga durata o effetti gravi.’ Ha definito ‘tecniche di modificazione ambientale’ come ‘qualsiasi tecnica per cambiare, attraverso la deliberata manipolazione dei processi naturali – della dinamica, composizione o struttura della terra, inclusi la sua litosfera, l’idrosfera e l’atmosfera, o lo spazio esterno.’

Secondo la Convenzione sulla proibizione dell’uso militare o di altra ostile tecnica di modificazione ambientale:

Il termine “tecniche di modificazione ambientale” si riferisce a qualsiasi tecnica per cambiare – attraverso la deliberata manipolazione dei processi naturali – le dinamiche, la composizione o la struttura della Terra, compresa la sua bio, litosfera, l’idrosfera e l’atmosfera, o lo spazio esterno. (Convenzione sulla proibizione dell’uso militare o di altre ostili tecniche di modificazione ambientale, Nazioni Unite, Ginevra: 18 mag 1977)

Mentre la sostanza della convenzione del 1977, che ha ribadito nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), firmato in occasione del vertice di Rio 1992, il dibattito sulla modificazione del clima per uso militare è diventato un tabù scientifico. [Enfasi mia]

Gli analisti militari e scienziati sono muti sull’argomento. I meteorologi non stanno studiando la questione e gli ambientalisti sono focalizzati sulle emissioni di gas a effetto serra nell’ambito del protocollo di Kyoto. Né conoscono la possibilità di una manipolazione climatica e ambientale da parte dell’ordine del giorno dell’intelligence militare, mentre è tacitamente riconosciuta, da parte del più ampio dibattito sui cambiamenti climatici sotto l’egida dell’ONU.

Fonte

                                      «Ma perché dovrebbero?”

Ironia della sorte, questa domanda scoraggia di più le persone di accettare i fatti evidenti davanti ai loro occhi di ogni altra cosa. Che si tratti del 9/11, o la ovvia manipolazione economica, tradimenti governativi o l’assalto concertato sul nostro cibo, l’acqua e la salute, le implicazioni sono apparentemente troppo difficili per la maggior della gente da gestire.

L’umanità viene malmenata e manipolata su scala globale, e, come Hitler e altri despota hanno sottolineato, più grande è la menzogna, meno la si può sfidare.

Questo è un argomento di seria riflessione e considerazione, non un spontaneo licenziamento stigmatizzato in nome di “teoria della cospirazione”. Qualsiasi sfida alla oligarchia dominante di oggi e all’assalto generale sul nostro pianeta, stiamo assistendo alla spazzatura che è sotto il tappeto che Prontamente ha un’etichetta di comodo.

O ci svegliamo e prendiamo coscienza, o le nostre stesse vite come il nostro pianeta sono in pericolo imminente di estinzione.

Cerca le prove e indaga da solo la realtà non può essere più che evidente.

Per ulteriori informazioni su questo argomento vai a geoengineeringwatch.org, carnicominstitute.org, e altri dei tanti siti di giornalismo investigativo in materia. I fatti sono là fuori se si è disposti a guardare. 

by Zen Gardner