Crea sito

George Orwell: una fantasia benigna, rispetto a ciò che il WEF ha in mente per l’umanità

Il Mondo post Covid, il progetto diabolico del WEF: “Reimpostare il futuro dell’agenda del lavoro” – Dpo il Grande Ripristino”. Un futuro orribile

Di Peter Koenig

Il Forum Economico Mondiale (WEF) ha appena pubblicato (ottobre 2020) un cosiddetto Libro Bianco, intitolato “Resettingthe Future of Work Agenda – in a Post-Covid World”.

Questo documento di 31 pagine si legge come un progetto su come “eseguire” – perché un’esecuzione (o implementazione) sarebbe – il “Covid-19 – The Great Reset” (luglio 2020), di Klaus Schwab, fondatore e CEO (dalla fondazione del WEF nel 1974) e il suo socio Thierry Malleret.

Chiamano “Resetting the Future” un Libro bianco, il che significa che non è proprio una versione finale. È una specie di bozza, un pallone di prova, per misurare le reazioni delle persone. Sembra davvero il racconto di un boia. Molte persone potrebbero non leggerlo – non hanno consapevolezza della sua esistenza. Se lo facessero, si armerebbero e combatterebbero questo ultimo progetto totalitario, offerto al mondo dal WEF.

E promette un futuro terrificante per alcune – più l’80% della popolazione (sopravvissuto). “1984” di George Orwell si legge come una fantasia benigna, rispetto a ciò che il WEF ha in mente per l’umanità.

Il lasso di tempo è di dieci anni – entro il 2030 – l’agenda delle Nazioni Unite 2021-2030 dovrebbe essere implementata.

Misure aziendali pianificate in risposta a COVID-19:

  • Un’accelerazione dei processi di lavoro digitalizzati, che porta all’84% di tutti i processi di lavoro come conferenze digitali o virtuali / video.
  • Circa l’83% delle persone è programmato per lavorare a distanza – cioè non più interazione tra colleghi – assoluto distacco sociale, separazione dell’umanità dal contatto umano.
  • Si prevede che circa il 50% di tutte le attività saranno automatizzate: in altre parole, l’input umano sarà drasticamente ridotto, anche durante il lavoro a distanza.
  • Accelerare la digitalizzazione dell’upskilling / reskilling (ad es. Fornitori di tecnologie per l’istruzione): il 42% dell’aggiornamento delle competenze o della formazione per nuove competenze sarà digitalizzato, in altre parole, nessun contatto umano – tutto su computer, intelligenza artificiale (AI), algoritmi.
  • Accelerare l’implementazione dei programmi di riqualificazione / riqualificazione – il 35% delle competenze è pianificato per essere “riqualificato” – cioè le competenze esistenti sono pianificate per essere abbandonate – dichiarate defunte.
  • Accelerare le trasformazioni organizzative in corso (es. Ristrutturazioni) – si prevede di “ristrutturare” il 34% degli attuali assetti organizzativi – o, in altre parole, le strutture organizzative esistenti saranno dichiarate obsolete – per fare spazio a nuovi insiemi di quadri organizzativi, digitali strutture che garantiscono il massimo controllo su tutte le attività.
  • Riassegnare temporaneamente i lavoratori a compiti diversi: si prevede che toccherà il 30% della forza lavoro. Ciò significa anche scale retributive completamente diverse – molto probabilmente salari invivibili, che renderebbero anche il previsto “stipendio base universale” o “reddito di base” – un salario che ti consente a malapena di sopravvivere, un bisogno evidente. – Ma ti renderebbe totalmente dipendente dal sistema – un sistema digitale, dove non hai alcun controllo.
  • Ridurre temporaneamente la forza lavoro: si prevede che questo interesserà il 28% della popolazione. Si tratta di una cifra aggiuntiva sulla disoccupazione, sotto mentite spoglie, poiché il “temporaneo” non tornerà mai a tempo pieno.
  • Riduzione permanente della forza lavoro – 13% della forza lavoro ridotta in modo permanente.
  • Aumentare temporaneamente la forza lavoro – 5% – non c’è alcun riferimento a che tipo di forza lavoro – probabilmente manodopera non qualificata che prima o poi verrà sostituita anche dall’automazione, dall’intelligenza artificiale e dalla robotizzazione del posto di lavoro.
  • Nessuna misura specifica implementata – 4% – significa che solo il 4% rimarrà intatto? Dall’algoritmo e dai nuovi posti di lavoro diretti dall’intelligenza artificiale? – per quanto piccola e insignificante sia la figura, suona come un “pio desiderio”, da non realizzare mai.
  • Aumentare permanentemente la forza lavoro – solo l’1% è proiettato come “forza lavoro in aumento permanente”. Questo ovviamente non è nemmeno un’azione cosmetica. È uno scherzo.

Questo è ciò che viene proposto, ovvero il processo concreto di implementazione di The Great Reset.

Il Great Reset prevede anche che uno schema di credito, in base al quale un debito personale sarà “condonato” – contro la consegna di tutti i beni personali a un ente o agenzia amministrativa – potrebbe essere il FMI.

Quindi, non possederesti nulla e sarai felice. Perché tutte le tue necessità saranno soddisfatte.

Inoltre, non dovrebbe venirti in mente di non essere d’accordo con il sistema, perché – ormai ognuno di voi è stato vaccinato per il covid e il nano-chip – in modo che con il 5G e presto il 6G, la vostra mente possa essere letta e influenzata.

Per favore, non chiamatela teoria della cospirazione. È un Libro bianco, un “rapporto autorevole” del WEF.

La DARPA Defense Advanced Research Projects Agency, fa parte del Pentagono – e anni fa ha sviluppato la tecnologia. È solo questione di tempo per implementarlo. E lo sarà implementato, se noi, il popolo, non protestiamo – la massiccia disobbedienza civile è nell’ordine – e questo piuttosto prima che poi.

Più aspettiamo con l’azione, più dormiamo in questo disastro umano assoluto.

*******************************

Le relazioni sociali e umane vengono sviscerate.

Ciò ha diversi vantaggi per questo nuovo approccio “totalitario” del WEF all’umanità: il controllo dell’umanità.

– Noi, il popolo, non possiamo ribellarci, non abbiamo più coesione tra di noi,

-“Noi, Il Popolo”, saremmo messi l’uno contro l’altro – e c’è un controllo digitale assoluto sull’umanità – eseguito da una piccola super élite.

-Noi non abbiamo accesso a questo controllo digitale – va ben oltre la nostra portata. L’idea è che gradualmente ci crescerà dentro – quelli di noi che potrebbero sopravvivere. Entro una generazione o giù di lì, dovrebbe diventare la Nuova Normalità.

L'”angolo di sopravvivenza” è un aspetto non menzionato direttamente né in The Great Reset, né nella “Implementation Guide” – ovvero nel Libro bianco “Resetting the Future of Work Agenda – in a Post-Covid World”.

Bill Gates, i Rockefeller, Kissinger e altri, non hanno mai nascosto la loro ferma opinione che il mondo sia sovrappopolato e che il numero di persone debba essere letteralmente ridotto. Abbiamo a che fare con eugenetisti.

Un metodo perfetto per ridurre la popolazione mondiale sono i programmi di vaccinazione avviati da Bill Gates e supportati dall’OMS. Scandali di tali disastrosi programmi di vaccinazione con conseguente morte di bambini sono stati registrati in India (negli anni ’90), Kenya (2014 e successivi) e in altre parti del mondo.

Vedi anche un TedTalk molto rivelatore su Bill Gates del febbraio 2010, “Innovatingto Zero“, proprio nel momento in cui è stato pubblicato il “Rapporto Rockefeller 2010” – lo stesso rapporto che ci ha fornito finora, il “Lock Step Scenario” – e lo stiamo vivendo adesso. Difficilmente protestando – il mondo intero – 193 paesi membri delle Nazioni Unite – è stato cooptato o costretto a seguire questo abietto abuso dei diritti umani su scala globale.

Ciò che entrambi i rapporti, The Great Reset e “Resetting the Future of Work Agenda” non menzionano a chi imporrà queste nuove regole draconiane? – Si suppone che siano le stesse forze che ora vengono addestrate per la guerra urbana e per sopprimere rivolte e disordini sociali: sono la polizia e l’esercito.

Parte della nostra Organizzazione popolare per la disobbedienza civile, sarà su come concentrarsi e parlare con, educare, informare la polizia e l’esercito di ciò per cui saranno usati da questa piccola élite e che alla fine sono anche loro esseri umani, come tutti noi, quindi è meglio che si alzino in difesa del popolo, dell’umanità. Lo stesso deve essere fatto agli insegnanti e al personale medico: l’informazione, la verità senza restrizioni.

Questa è la sfida. Se ci riusciamo, il gioco finisce. Ma è una lunga strada.

La disinformazione dei media è brutale e potente e difficile da contraddire per “noi”, senza un budget considerevole per la contro-propaganda, e come gruppo di persone, che è sempre più diviso dagli stessi media. L’obbligo di indossare maschere e l’allontanamento sociale – ha già fatto nemici di ciò che eravamo, colleghi, amici, anche all’interno delle famiglie.

Questo stesso diktat è riuscito a creare spaccature, divisioni e discordie all’interno delle nostre società

Nessuna paura – ma distruggere letteralmente il “Resetting the Future of Work Agenda” e “The Great Reset” – con un’alternativa umana che eliminerebbe organizzazioni come il WEF e le agenzie delle Nazioni Unite cooptate, come WHO, UNICEF, WTO, Banca mondiale, FMI e forse anche l’intero sistema delle Nazioni Unite. I leader politici e aziendali dietro questo progetto devono essere confrontati. Devono essere applicati i principi fondamentali del diritto internazionale, compresa Norimberga.

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

***************************************

Video Correlati, l’informazione da sostenere:

LE COSE CHE NON DICONO SUL LOCKDOWN – James Corbett

STANNO ELIMINANDO LE LIBERTÀ CHE HANNO FATTO GRANDE L’OCCIDENTE E LA SUA CULTURA #NoPauraDay Cesena

“LA POLIZIA MI HA MULTATA PER LA MASCHERINA SCRIVENDO IL FALSO” ► Il racconto di Daniela Martani

Articolo correlato:

Great Reset

Alla vigilia del grande Cambiamento, il “Great Reset” si avvicina. 

®wld

DISTOPIA: Trasformazione onnicomprensiva

green future
La “quarta rivoluzione industriale” distopica sarà molto diversa dalla prima
Se si prendono le pubblicazioni del World Economic Forum (WEF) come un’indicazione di come la “Quarta rivoluzione industriale” cambierà la società, il mondo sta affrontando un massiccio attacco contro la libertà individuale e la proprietà privata. Sta per emergere un nuovo tipo di collettivismo. Come il comunismo del passato, il nuovo progetto si rivolge al pubblico con la certezza del progresso tecnologico e dell’inclusione sociale. Inoltre, la sostenibilità ecologica e la promessa di longevità o addirittura immortalità vengono utilizzate per attirare il pubblico. In realtà, tuttavia, queste promesse sono profondamente distopiche. 
 
La quarta rivoluzione industriale

Secondo Klaus Schwab, fondatore e attuale presidente esecutivo del WEF, la “Quarta rivoluzione industriale” (2016) rappresenta una nuova tappa dei progressi tecnologici dirompenti iniziati verso la fine del diciottesimo secolo con l’industria tessile e l’uso di forza vapore. La seconda rivoluzione industriale ha avuto luogo nei decenni prima e dopo il 1900. Ha creato una pletora di nuovi beni di consumo e tecnologie di produzione che hanno permesso la produzione di massa. La terza rivoluzione industriale è iniziata intorno al 1950 con le scoperte nelle tecnologie digitali. Ora, secondo Klaus Schwab, la quarta rivoluzione industriale significa che il mondo si sta muovendo verso “una vera civiltà globale”.

La quarta rivoluzione industriale fornisce il potenziale “per robotizzare l’umanità e quindi compromettere le nostre tradizionali fonti di significato: lavoro, comunità, famiglia, identità”. Schwab prevede che la quarta rivoluzione industriale “solleverà l’umanità in una nuova coscienza collettiva e morale”.

Il transumanesimo fa parte della trasformazione che arriva con la quarta rivoluzione industriale, poiché l’intelligenza artificiale  (AI) supererà anche le migliori prestazioni umane in compiti specifici. Le nuove tecnologie “non smetteranno di diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi, dichiara Schwab.

Nella prefazione dell’ultimo libro di Schwab, Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution  (2018), il CEO di Microsoft, Satya Nadella, afferma che l’evoluzione delle nuove tecnologie “è interamente in nostro potere”. Microsoft e le altre società high-tech “stanno scommettendo sulla convergenza di diversi importanti cambiamenti tecnologici: realtà mista, intelligenza artificiale e informatica quantistica”.

Satya Nadella informa i lettori che Microsoft, Amazon, Google, Facebook e IBM collaboreranno in una   partnership AI che lavorerà per sviluppare e testare la tecnologia in campi come “automobili e sanità, collaborazione uomo-AI, spostamento economico e come AI può essere utilizzato per il bene sociale. “

Trasformazione onnicomprensiva

Nella prefazione al suo ultimo libro, Klaus Schwab prevede che la quarta rivoluzione industriale “stravolgerà i modi esistenti di percepire, calcolare, organizzare, agire e fornire risultati”. Afferma che “le esternalità negative” dell’attuale economia globale danneggiano “l’ambiente naturale e le popolazioni vulnerabili”.

I cambiamenti che verranno con le nuove tecnologie saranno globali e sconvolgeranno “il modo in cui produciamo e trasportiamo beni e servizi”. La rivoluzione sconvolgerà il modo in cui “comunichiamo, il modo in cui collaboriamo e il modo in cui viviamo il mondo che ci circonda”. Il cambiamento sarà così profondo che i progressi nelle neurotecnologie e nelle biotecnologie “ci costringono a chiederci cosa significhi essere umani”.

Come la prefazione di Satya Nadella, il testo di Schwab ribadisce più volte l’affermazione che “l’evoluzione della quarta rivoluzione industriale” è “interamente in nostro potere” quando “noi” usiamo la “finestra di opportunità” e guidiamo per l ‘”empowerment”. Il “noi” di cui parlano entrambi gli autori è l’élite tecnocratica globale che richiede il controllo centrale e l’interventismo statale (chiamato “plasmare il futuro”) in un nuovo sistema caratterizzato da un’intima cooperazione tra imprese e governo, o, più specificamente tra alta tecnologia e una manciata di stati chiave.

La pagina web del World Economic Forum sul “Great Reset” proclama che “la crisi del Covid-19” rappresenta “una finestra di opportunità unica per plasmare la ripresa”. Nell’attuale “crocevia storico”, i leader mondiali devono affrontare “le incongruenze, le inadeguatezze e le contraddizioni” che vanno dalla sanità e l’istruzione alla finanza e all’energia. Il forum definisce lo “sviluppo sostenibile” come l’obiettivo centrale delle attività di gestione globale.

Il “Great Reset” richiede la cooperazione globale per raggiungere obiettivi come “sfruttare la quarta rivoluzione industriale”, “ripristinare la salute dell’ambiente”, “ridisegnare contratti sociali, competenze e posti di lavoro” e “dare forma alla ripresa economica”. Come tematizzato al “Jobs Reset Summit” del 20-23 ottobre 2020, una “ripresa verde” dalla crisi covid-19 promette un “orizzonte verde“. Il vertice del WEF del gennaio 2021 affronterà in modo specifico le trasformazioni che verranno. I temi principali includono “clima stabile”, “sviluppo sostenibile”, un’economia a “zero emissioni di carbonio” e la produzione agricola che ridurrebbe l’allevamento di bestiame in sintonia con la riduzione globale del consumo di carne.

L’alternativa

L’aumento del tenore di vita insieme alla crescita della popolazione mondiale è diventato possibile a causa della rivoluzione industriale. Chi vuole abbattere la società capitalista e l’economia deve necessariamente optare per il declino del tenore di vita e lo spopolamento. I promotori dei piani per realizzare un nuovo ordine mondiale con la forza dello stato negano che il capitalismo radicale potrebbe fornire molto meglio i mezzi per passare a un mondo migliore, come è stato dall’inizio della prima rivoluzione industriale.

Ciò che ha determinato le rivoluzioni industriali del passato sono stati il ​​libero mercato e la scelta individuale. Come spiega Mises, è stata l’ ideologia del laissez-faire a produrre la prima rivoluzione industriale. Ci fu prima una rivoluzione spirituale che pose fine all ‘”ordine sociale in cui un numero sempre crescente di persone era condannato a un bisogno abietto e alla miseria” e dove l’attività manifatturiera “aveva quasi esclusivamente soddisfatto i bisogni dei benestanti”. do “e la loro” espansione era limitata dalla quantità di lussi che gli strati più ricchi della popolazione potevano permettersi “.

L’ideologia del World Economic Forum è quella dell’era preindustriale. Mentre il sito web del forum ( WEF ) pullula di termini come “potere”, “organizzazione” e “sviluppo sostenibile gestito”, concetti come “libertà”, “coordinamento del mercato” e “scelta individuale” sono palesemente assenti. Il forum nasconde il fatto che invece del progresso umano, l’impoverimento e la repressione sono il futuro dell’umanità. La conseguenza implicita della pianificata “economia ecologica” è la drastica riduzione della popolazione mondiale.

Con l’abolizione dei mercati e la soppressione della scelta individuale, che i piani collettivisti del WEF propongono, sarebbe arrivata una nuova era oscura. Diversamente da quanto presumono i progettisti, il progresso tecnologico stesso si fermerebbe. Senza la creatività umana che nasce dalla mentalità dell’individualismo, nessun progresso economico è mai stato possibile.

Conclusione

Le nuove tecnologie che accompagnano la quarta rivoluzione industriale possono essere di immenso beneficio per l’umanità. Le tecnologie di per sé non sono il problema, ma come vengono utilizzate. Un futuro distopico ci attende se l’élite mondiale del World Economic Forum avrà voce in capitolo. Il risultato sarebbe un regime terroristico tecnocratico mascherato da governo mondiale benevolo. Eppure c’è un’alternativa. Come ampiamente dimostrato negli ultimi duecento anni, il libero mercato e la scelta individuale sono le fonti del progresso tecnologico, del progresso umano e della prosperità economica. Non ci sono ragioni razionali per presumere che la quarta rivoluzione industriale richiederebbe il collettivismo. Il libero mercato è il modo migliore per affrontare le sfide che derivano dalle nuove tecnologie. Non meno ma più capitalismo è la risposta.

Autore:

Antony P. Mueller

Il dottor Antony P. Mueller è un professore tedesco di economia che attualmente insegna in Brasile. Scrivi una mail. Vedi il suo sito web e blog.

Postato su: https://mises.org/

®wld

GLI UFO ESISTONO E ORA LO DICE ANCHE IL PENTAGONO

GLI UFO ESISTONO E ORA LO DICE ANCHE IL PENTAGONO – ROBERTO PINOTTI –

Michele Crudelini

Su Byoblu si parla di UFO, insieme allo scrittore, giornalista e ufologo Roberto Pinotti, affrontando così domande che hanno accompagnato la storia dell’uomo da sempre. Siamo soli nell’universo? Alzando gli occhi al cielo e guardando le infinità dello spazio siderale viene difficile pensare che l’uomo sulla terra sia l’unica creatura intelligente presente nel cosmo.

Eppure fino ad oggi mancherebbe ancora la prova incontrovertibile che dimostri il contrario. Alcuni studiosi però sostengono che le prove ci sono e anche tante. Tra queste il fenomeno UFO occupa uno spazio di primo piano. Oggetti volanti non identificati. Avvistamenti di velivoli dotati di tecnologia sconosciuta sulla terra che vengono continuamente avvistati in tutto il mondo.

Testimonianze e filmati amatoriali fanno da quadro a questo vasto e misterioso fenomeno, che apre prospettive impensabili sulla storia e il destino dell’uomo.

Fonte: https://www.byoblu.com/2020/10/30/gli-ufo-esistono-e-ora-lo-dice-anche-il-pentagono-roberto-pinotti/

Ti potrebbe interessare:

Cosa c’è da sapere su “The Great Reset”

La Banca Mondiale getta tutto il peso dietro al grande ripristino

Un lockdown light

®wld

RESA DEI CONTI

Tra USA e Cina la sfida è nucleare. E Bolsonaro può minare i BRICS – Il blog di Cristiano Puglisi 

di: Dottor Roberto Slaviero 29.10.20 

Il prossimo 3 novembre si svolgeranno le elezioni in Usa, per l’elezione del prossimo Presidente. 

La posta in gioco è altissima, poiché si scontrano due sistemi di pensiero e di azione altamente contrapposti, seppur facenti sempre parte della stessa medaglia: la medaglia di un paese che, dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi, ha dettato praticamente la legge nel pianeta, nel bene e nel male! 

Uno Stato profondo, che non vuole mollare le sue prerogative di potere, ottenute soprattutto con il mondialismo e la globalizzazione, dopo i petroldollari degli anni 70, contro un pensiero più autarchico, del pensiamo prima a casa nostra e dopo al resto. 

Poi vi è, nello sfondo, principalmente la potenza emergente cinese, rilanciata nel 2000, con l’ingresso nel Wto (commercio mondiale) dalla presidenza Usa Clinton, che ne permise l’ingresso, mantenendo però un cambio di valuta fisso: ciò le permise, in 2 decenni, di diventare la potenza odierna. 

E questo fu fatto, per favorire le multinazionali Usa, che potevano spostare le aziende in un paese dove il costo del lavoro era bassissimo, visto il trattamento riservato ai lavoratori, per rivendere poi i loro prodotti nel mondo con ricarichi allucinanti.

L’Europa è dal 1945 praticamente una colonia Usa, chi più, chi meno, e a Bruxelles, le maggiori multinazionali americane la fanno da padrone. 

Come vedete, all’avvicinarsi del 3 novembre, con la solita scusa del corona, stanno chiudendo quasi tutte le nazioni europee; Francia e Germania clamorosamente in primis, nonché Italia ed il resto. 

Spero che molti di voi abbiano raggiunto il “satori“ https://www.treccani.it/enciclopedia/tag/satori/ e tendenzialmente capiscano, che il virus è principalmente politica ed economia di guerra, per ridisegnare poteri e confini. 

Lo scandalo della positività ai tamponi Pcr, è stata recentemente evidenziata, principalmente dall’italiano Prof Scoglio ed altri ricercatori, tra i quali il Prof Montanari e Gatti. 

Le rilevazioni dei test, catturano una serie di frazioni virali della grande famiglia dei coronavirus e probabilmente, anche di altre forme virali, e vengono tutte catalogate per Covid. 

Dal 1 aprile 2020, con una sola sequenza genetica si dichiara la positività, mentre fino al 31 marzo erano necessarie 3 sequenze genetiche positive. 

Lasciamo perdere inoltre i test falsi positivi. Lasciamo perdere le migliaia di persone in salute, che si fanno tamponare nei bazar pubblici predisposti all’aperto e che contribuiscono cosi all’aumento dei positivi, seppur asintomatici. 

Viviamo immersi tra miliardi di virus e batteri e col sistema del Pcr sopra descritto, si può trovare di tutto. 

Perchè pensare sempre al virus mortale? E’ più semplice capire che, con sbalzi di temperatura nelle stagioni fredde, molti organismi perdono il loro equilibrio e possono favorire lo sviluppo di cariche batteriche o virali…

Mettiamoci poi i veleni chimici ed elettromagnetici in continua espansione e il giochetto è fatto! 

L’uomo, a differenza degli animali, nasce a piedi nudi, senza zoccoli o polpastrelli ed è quindi facile immaginare, che sia nato originariamente in luoghi con temperature miti, senza il bisogno di molte protezioni; ed è per questo che sbalzi di temperatura, possano incidere sul suo equilibrio e salute! 

Tornando all’aprile 2020, chiaramente, con l’assestamento delle terapie, la malattia stava scemando ed avevano bisogno di continuare l’emergenza e lo hanno fatto e lo stanno facendo con l’inganno!

Tra l’altro, si scopre che negli ospedali, per ogni paziente Covid, vi sono contributi statali per migliaia di euro: quindi continuano ad aprire reparti covid, creando gravi carenze per le altre patologie, con aumento della mortalità. 

Uno scandalo di proporzioni bibliche. Ciò non significa negare la malattia, ne abbiam parlato fino allo sfinimento: ogni giorno in Italia muoiono circa 1600 persone e pare oltre una trentina, per problemi respiratori, causati da svariate cause non virali. 

Le malattie esistono e sempre esisteranno.

Comunque, chi continua a credere nella pandemia è COMPLICE di chi ha scatenato la terza guerra mondiale, che stiamo vivendo in questi mesi; guerra che causerà catastrofi economiche e sociali ben peggiori di quelle vissute prima; quanto meno, con un fucile si poteva sparare e ci si poteva difendere.

Perchè l’Europa si blinda e mette il coprifuoco? Perchè, che vinca l’uno o l’altro, scoppieranno probabilmente seri problemi o rivolte sociali negli Usa e la situazione potrebbe innescare rivolte nella colonia europea, in debito di ossigeno e sull’orlo della catastrofe economica, tra Brexit e corona.

Poi, come fanno altrimenti a far sparire i triliardi di operazioni fittizie di debiti e crediti mondiali mai onorabili ed esegibili? 

Lasciamo perdere i crimini di pedofilia e prostituzione minorile e sfruttamento del lavoro minorile?

La guerra pianifica e fa dimenticare. Inoltre, con la scusa del corona, gli Stati, con le limitazioni imposte possono controllare tutto e tutti.

A fine 1989 uscì un film, Total Recal, dove si mostrava una vita con i crediti se lavoravi per lo Stato e ti comportavi bene e microchip impiantati per via nasale, con pistole simili a quelle usate oggi per i tamponi; e dove il controllo del Gps impiantato negli umani, veniva monitorato su di un apparecchio navigatore, simile al termometro frontale ad infrarossi usato oggi!

Inoltre, erano tutti collegati alle intelligenze artificiali e venivano proposti viaggi turistici, in realtà solo immaginativi: chi si ribellava al sistema veniva isolato od eliminato!

Conoscete la schiavitù delle popolazioni africane, principalmente del Congo per l’estrazione del Coltan?

https://it.wikipedia.org/wiki/Columbite-tantalite 

Senza questi minerali, tutti gli smart che possedete e questa realtà fittizia, non potrebbe esistere; lavori massacranti, per un pugno di dollari e per la perdita della salute.

Ma tanto chi se ne frega di quei derelitti, noi viviamo collegati globalmente e ci divertiamo a sparare cazzate sui social…

Torniamo alla guerra in corso; gli Usa hanno centinaia di basi militari in Europa e credo che se serva, le useranno nuovamente sul territorio europeo.

Non penserete mica che si facciano soffiare troppo il loro potere, magari da quella Cina, che utilizza già i crediti di lavoro e dove, se sei uno spione delatore per lo Stato, vieni premiato!

Mi pare che l’Italia stia seguendo il cammino cinese, con la massa di spioni sguinzagliati da questo governo tossico.

Quindi se non avete ancora capito quello che sta succedendo, spero che vi mettiate in fila per farvi iniettare il vaccino anti Covid e possiate poi finalmente rilassarvi e sognare viaggi esotici o spaziali.

Tra l’altro adesso, “gli scienziati“ della Nasa e soci vari, han detto che c’è acqua sulla Luna … fantastico: in effetti ero un po’ preoccupato, poiché Marte è leggermente più lontano rispetto alla Luna.

Quindi miei cari, preparate tra un po’ le valigie e andate sulla Luna, dove c’e’ l’H2O: io preferisco bere l’H2O che scende dal monte Elmo, bella fresca e spumeggiante!

Alla massa dei creduloni incalliti, auguro tanti viaggi spaziali e molte seghe…mentali chiaramente!

Mi rifaccio vivo dopo le Idi del 3 novembre.

Salutoni a tutti

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Usi accettabili e inaccettabili della tecnologia

Scenario “mondo in catene”: un futuro governato da uno stato totalitario 

 
Cosa servirebbe per far sì che un governo totalitario globale salisse al potere indefinitamente? Esiste o no il pericolo che una tecnologia schiavizzi il mondo?

Questo scenario da incubo è così vicino che la BBC se ne è occupata con un reportage il 16 ottobre 2020.

 

Come sarebbero stati i governi totalitari del passato se non fossero mai stati sconfitti? Per esempio, per fermare i nazisti che operavano con la tecnologia del XX secolo è servita una guerra mondiale. Oggi quanto sarebbero stati potenti i gerarchi se avessero sconfitto gli Stati Uniti con la bomba atomica? Il controllo della tecnologia più avanzata dell’epoca avrebbe permesso al potere nazista di cambiare il corso della storia.

 

Quando pensiamo ai rischi esistenziali vengono in mente eventi come la guerra nucleare o l’impatto di un asteroide. Eppure c’è una minaccia futura che è molto meno nota e, sebbene non implichi una vera e propria estinzione, potrebbe essere anche più grave.

 

Questo scenario è chiamato “Mondo in catene”: un futuro governato da uno Stato totalitario globale che utilizza una nuova tecnologia per schiavizzare la maggioranza del mondo tenendola in una sofferenza perpetua.

 

Ricercatori e filosofi stanno riflettendo su come ciò potrebbe accadere e, cosa più importante, cosa possiamo fare per evitarlo. 

 

Toby Ord, ricercatore senior presso il Future of Humanity Institute (FHI) dell’Università di Oxford ritiene che le probabilità che accada una catastrofe naturale sono inferiori a 1 su 2.000, perché gli esseri umani sono sopravvissuti per 2.000 secoli senza vederne una. Ma la probabilità di un disastro causato dall’uomo è di 1 su 6! Non a caso il dottor Ord si riferisce a questo secolo come “al precipizio” poiché il rischio di perdere il nostro futuro non è mai stato così alto.

 

I ricercatori del Center on Long-Term Risk, un istituto di ricerca senza scopo di lucro a Londra, hanno ampliato i cosiddetti “rischi X”: pericoli oggettivi per il pianeta.

 

Questi “rischi” sono definiti come “sofferenza su scala astronomica che supera di gran lunga tutte le sofferenze che sono esistite finora sulla Terra”.

 

In questi scenari la vita continua per miliardi di persone, ma la qualità è così bassa e le prospettive così cupe che sarebbe preferibile morire. Quindi stanno ipotizzando un futuro così negativo da preferire l’estinzione, ed è proprio qui che entra in gioco lo scenario del “mondo in catene”.

 

Cosa succederebbe se un gruppo o un governo acquisisse improvvisamente il potere di dominare il mondo attraverso la tecnologia? Potrebbe portare a un lungo periodo di sofferenza e sottomissione.

 

Un rapporto del 2017 sui rischi esistenziali del Global Priorities Project, in collaborazione con FHI e il Ministero degli Affari Esteri della Finlandia, ha avvertito che “un lungo futuro sotto uno stato totalitario globale particolarmente brutale potrebbe essere probabilmente peggiore della completa estinzione”.

 

Ipotesi Singleton 

 

I ricercatori nel campo dei rischi esistenziali stanno rivolgendo la loro attenzione alla sua causa più probabile: l’intelligenza artificiale (AI).

 

Nella sua “Ipotesi Singleton”, Nick Bostrom, direttore dell’FHI di Oxford, ha spiegato come potrebbe formarsi un governo globale con l’intelligenza artificiale o altre potenti tecnologie e perché potrebbe essere impossibile rovesciarlo.

 

Un mondo con “una singola agenzia decisionale al più alto livello” potrebbe verificarsi se quell’agenzia “ottenesse un vantaggio decisivo attraverso una svolta tecnologica nell’intelligenza artificiale o nella nanotecnologia molecolare”. Una volta in carica controllerebbe i progressi della tecnologia come la sorveglianza e le armi, e grazie a questo monopolio rimarrebbe perennemente al potere.

 

Anche nei paesi con i regimi totalitari più rigidi le notizie trapelano e le persone possono anche fuggire, ma un governo totalitario globale eliminerebbe queste speranze.

 

Per essere peggio dell’estinzione significa “che non sentiamo assolutamente nessuna libertà, nessuna privacy, nessuna speranza di fuggire, nessuna agenzia per controllare le nostre vite”, dice Tucker Davey, uno scrittore del Future of Life Institute in Massachusetts.

 

Potremmo non avere ancora le tecnologie per farlo”, ha detto Ord, “ma sembra che i tipi di tecnologie che stiamo sviluppando lo rendano molto più facile”…

 

IA e autoritarismo 

 

L’intelligenza artificiale sta già consentendo l’autoritarismo in alcuni paesi e rafforzando le infrastrutture che potrebbero essere usate da un despota opportunista.

 

Abbiamo assistito a una sorta di resa dei conti con il passaggio da visioni molto utopiche di ciò che la tecnologia potrebbe portare a realtà molto più che fanno riflettere e che sono, per alcuni aspetti, già abbastanza distopiche”, afferma Elsa Kania, senior fellow del Center for New American Security, una no-profit bipartisan che sviluppa politiche di sicurezza e difesa nazionale.

In passato, la sorveglianza richiedeva centinaia di migliaia di persone – un cittadino su 100 nella Germania orientale era un informatore – ma ora può essere attuata tramite la tecnologia. Negli Stati Uniti, la National Security Agency (NSA) ha raccolto centinaia di milioni di registrazioni di chiamate e messaggi di americani prima che interrompessero la sorveglianza domestica nel 2019 e si stima che nel Regno Unito ci siano dai quattro ai sei milioni di telecamere a circuito chiuso.

Diciotto delle 20 città più sorvegliate al mondo si trovano in Cina, ma Londra è la terza.

L’infrastruttura è già pronta per applicarla e l’IA, che l’NSA ha già iniziato a sperimentare, consentirebbe alle agenzie di cercare tra i nostri dati con una velocità mai vista prima.

Oltre a migliorare la sorveglianza, l’IA sostiene anche la crescita della disinformazione online, che è un altro strumento dell’autoritario. I deep fake basati sull’intelligenza artificiale possono diffondere messaggi politici fabbricati ad arte, e il micro-targeting algoritmico sui social sta rendendo la propaganda più persuasiva. Questo mina la nostra capacità di distinguere ciò che è vero da ciò che è falso.

Il rapporto sull’uso dannoso dell’intelligenza artificiale scritto da Belfield e da 25 autori di 14 istituzioni, prevede che tendenze come queste amplieranno le minacce esistenti alla nostra sicurezza politica e ne introdurranno di nuove nei prossimi anni.

Cosa vogliamo fare?

Conclusione 

Molto interessante questo approfondimento della BBC. Forse qualcuno ci vuole avvertire sui rischi che stiamo correndo, o ci stanno facendo vedere quello che sarà il nostro inesorabile e distopico futuro?

Comunque sia, è ora il momento per decidere attentamente quali sono gli usi accettabili e inaccettabili della tecnologia in generale, soprattutto dell’IA, perché se permettiamo di controllare tutta la nostra esistenza, domani sarà troppo tardi per tornare indietro. A tal proposito ricordo che il 5G e il 6G risultano fondamentali in questa visione…

Stiamo armando le forze di polizia con il riconoscimento facciale e i vari governi stanno raccogliendo tutti i nostri dati (anche grazie a quello che noi gratuitamente e inconsapevolmente lasciamo nei social), e questo è molto ma molto pericoloso!

https://www.bbc.com/future/article/20201014-totalitarian-world-in-chains-artificial-intelligence

Pubblicato su:: https://disinformazione.it/

®wld

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

La   scienza ha dimostrato che l'”intenzione collettiva” influenza il mondo fisico

di Paul Lenda dal sito web: Shift

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

Possono il pensiero, l’intenzione e l’emozione influenzare il mondo fisico?

Molte persone credono di poterlo fare, ma i modelli scientifici per testare e quantificare questa idea spesso falliscono. La fisica classica ha avuto molto successo nel comprendere la natura fisica dell’universo , tuttavia questa visione del mondo presume che la realtà sia limitata alla materia.

Ciò lascia la fisica classica mal equipaggiata per misurare o quantificare i fenomeni non fisici.

Ciò ha portato a un movimento verso la scienza post-materiale. Se sperimentate l’intuizione e altri fenomeni non fisici, sarete entusiasti di apprendere che la scienza sta iniziando a convalidare questo regno.

Sarai ispirato ad esplorare i modi quantistici in cui sei connesso con l’intero universo. Le pratiche spirituali come la meditazione, il qi gong e lo yoga erano considerate forme di scienza molto prima che Newton ispirasse la fisica classica.

La fisica quantistica flirta con i regni del mistero che erano tradizionalmente riservati ai mistici.

Non c’è bisogno di essere in disparte come osservatore perché ci sono alcuni progetti di ricerca molto interessanti in corso negli interstizi tra scienza e spiritualità, che esploreremo di seguito.

Oggi abbiamo un’opportunità senza precedenti di partecipare a questo processo storico che integra fisica, coscienza e meditazione di gruppo.

Perché la scienza dei materiali post?

La fisica newtoniana classica si concentra principalmente sul mondo materiale, ma gli studi sulla coscienza sono una delle punte di diamante della ricerca scientifica.

Ciò richiede un nuovo paradigma che consenta di accettare la mente, la coscienza e i fenomeni non materiali nell’equazione della realtà, trovando al contempo mezzi adeguati per studiarli e quantificarli.

Un gruppo leader di scienziati di tutto rispetto si è riunito e ha presentato un Manifesto per la scienza post-materialistica come soluzione ai limiti della fisica classica.

Come per ogni nuovo campo di indagine, non è privo di controversie e sconvolge alcuni membri dello status quo scientifico.

I principali progressi della scienza – persino le rivoluzioni – seguono il crollo di paradigmi obsoleti, il cui rovesciamento è forzato dall’accumulo di prove empiriche che violano il paradigma.

Dave Pruett Ex ricercatore della NASA Professore emerito di matematica, James Madison University


Come la scienza è arrivata alla soglia della spiritualità

I primi echi della necessità di un nuovo paradigma che affronti la realtà non fisica provenivano da Einstein all’inizio degli anni ’30.

Nella sua ricerca, ha osservato qualcosa di così bizzarro che riusciva a malapena a credere a ciò che stava vedendo.

Lo definì “azione spettrale a distanza“, che in seguito divennero due dei concetti principali studiati nelle scienze dell’informazione quantistica, noti come entanglement e non-località.

L’entanglement si verifica quando due particelle sono così profondamente legate (da un campo quantistico) che una particella può istantaneamente (cioè più veloce della velocità della luce!) Influenzare l’altra anche a grandi distanze non localmente.

Ciò implica che la distanza fisica tra le particelle è irrilevante, quindi un salto di qualità nella nostra idea di ciò che è possibile.

Il passaggio dalla scienza materialistica alla scienza post-materialistica può essere di vitale importanza per l’evoluzione della civiltà umana.

Può essere ancora più centrale rispetto alla transizione da geocentrismo a eliocentrismo .

Un manifesto per la scienza post-materialistica

Sebbene questo fenomeno non sia completamente compreso, è accettato nella meccanica quantistica.

Forse hai vissuto un momento in cui hai pensato casualmente a una persona cara a cui non pensavi da molto tempo, poi il telefono squilla e tu lo sollevi per sentire la sua voce?

Questo tipo di “sincronicità” si verifica spesso per molte persone, ma può essere difficile dimostrare esattamente perché o come si verificano.

La fisica quantistica è proprio all’inizio dell’esplorazione di questo fenomeno che è stato spesso chiamato coincidenza … fino ad ora.

Senza il mondo spirituale il mondo materiale è un enigma sconfortante.

Joseph Joubert


La scienza della ricerca incontra la meditazione, l’intenzione umana e la coscienza


Bill (William) Tiller, membro dell’American Academy for the Advancement of Science e presidente emerito del Dipartimento di scienza dei materiali della Stanford University , ha trascorso trentaquattro anni nel mondo accademico dopo nove anni come consulente fisico presso i Westinghouse Research Laboratories.

Ha pubblicato oltre duecentocinquanta articoli scientifici convenzionali, tre libri e diversi brevetti. In qualità di famoso scienziato, è anche un forte sostenitore della meditazione, della scienza non fisica e della spiritualità.

Ha coniato il termine Scienza Psicoenergetica per descrivere il suo lavoro che combina coscienza e scienza .

Negli ultimi quattrocento anni, un assunto non dichiarato della scienza è che l’intenzione umana non può influenzare ciò che chiamiamo “realtà fisica”.

La nostra ricerca sperimentale dell’ultimo decennio mostra che, per il mondo di oggi e nelle giuste condizioni, questa ipotesi non è più corretta.

Noi umani siamo molto più di quanto pensiamo di essere e la Scienza Psicoenergetica continua ad ampliarne le prove.

Dottor Bill Tiller

Tiller è convinto che l’intenzione possa influenzare le sostanze fisiche e ha sviluppato una tecnologia al silicio a base cristallina in grado di catturare e memorizzare un’intenzione diretta da un gruppo di meditatori.

Questa intenzione energetica risuona a una frequenza che può essere registrata o trasmessa per ottenere un effetto designato nelle persone.

Le prime ricerche con questa tecnologia nel suo laboratorio a Stanford, così come nei laboratori di Londra e Berlino, indicano la capacità dell’intenzione umana diretta di,

aumentare o abbassare il pH dell’acqua di un punto, la crescita delle larve a una velocità maggiore del 30% e l’uccisione dei batteri a una velocità maggiore del 30% …

Ciò implica una sorta di connessione non fisica, non locale tra l’intenzione e queste sostanze fisiche.


Affrontare lo scetticismo

Come per qualsiasi nuovo campo di studio, ci saranno successi e fallimenti.

Gli scienziati sono vulnerabili alle debolezze che tutti sperimentiamo.

Negazione dei fatti, pregiudizi di conferma, resistenza a nuove idee, ecc. Sono questioni che gli scienziati del vecchio e del paradigma emergente dovranno affrontare.

Una ricerca vigorosa può essere costosa e può essere difficile trovare finanziamenti per teorie non convenzionali.

Quindi sì, ci saranno scettici e ci saranno anche nuove scoperte che faranno cadere le convinzioni di lunga data sugli esseri umani, l’universo e ciò che è possibile.

Proprio come era Einstein ,

sconcertato e scettico riguardo alle proprie osservazioni sull’entanglement,

… siamo tutti suscettibili di vedere le nostre nozioni preconcette sfidate e ribaltate da questo campo emergente della scienza non materiale.


Posso essere coinvolto?

Si, puoi!

La cosa migliore della ricerca sulla coscienza su scala globale è che richiede la partecipazione di molte persone.

Poiché affrontiamo sfide senza precedenti con,

… non c’è mai stato un momento più potente sul pianeta per gli umani per accedere collettivamente a regni di potenziale superiori.

Siamo pronti per un cambiamento quantico e ne abbiamo davvero bisogno.

Sincronizzato a livello globale per un balzo quantico

Attualmente, le menti più importanti nel campo della scienza, della spiritualità e della tecnologia stanno imparando a collaborare in modi che sicuramente faranno ondate.

Il Merraki Institute ha collaborato con Bill Tillere sta conducendo una vigorosa ricerca scientifica in un altro esperimento globale partecipativo.

Merraki è una parola greca che significa,

“Fare qualcosa con anima, creatività o amore”,

… ed è piacevole vedere questa etica essere centrale in un progetto di ricerca scientifica.

Se sei interessato a partecipare alla nuova entusiasmante tecnologia di Tiller che utilizza il silicio a base cristallina per immagazzinare ed emettere una trasmissione di energia dell’intenzione, puoi saperne di più o essere coinvolto qui.


E l’amore?

Esistiamo tutti all’interno di un campo di energia più ampio, un campo quantistico.

Forse amore, intenzione ed emozione sono intrecciati in questo campo misterioso?

Abbiamo la capacità di accedere a vari stati interni di coscienza attraverso la meditazione e la consapevolezza, possiamo alterare le nostre relazioni sociali e potenzialmente possiamo cambiare le cose su scala globale.

Questo processo inizia all’interno, si approfondisce con la pratica personale ed è celebrato nella comunità più ampia che si sta impegnando in queste antiche pratiche. Potremmo finalmente iniziare a vedere la convalida scientifica per i regni invisibili che molti di noi sentono intuitivamente. Si spera che inizieremo anche a sperimentare cambiamenti quantistici nel mondo che ci circonda mentre approfondiamo la nostra comprensione.

 

Siamo non solo, ei confini dove iniziare o finire come esseri fisici, emotivi, ed elettriche viene costantemente ridefinito dalla scienza.

L’unità di coscienza può essere una legge scientifica che aspetta di essere scoperta …

La combinazione di fisica, coscienza e meditazione di gruppo è ancora nelle prime fasi di esplorazione della scienza, ma il potenziale di scoperta è infinito …!

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

***********************************

Ti potrebbero interessare:

La Nuova Normalità

La corruzione nel mondo classico

®wld

IL BRACCIO OPERATIVO DEL DEEP STATE.

annadoss  
Ricevo da Anna Dossena e pubblico
 
PROGETTI, OPERAZIONI ED ESPERIMENTI SONO, DA SEMPRE, FINALIZZATI ALLA MANIPOLAZIONE E CONTROLLO DELLA MENTE UMANA E DELL’AMBIENTE.
 
L’UNICO OBIETTIVO È MANTENERE IL CONTROLLO RENDENDOCI SCHIAVI INCONSAPEVOLI=DORMIENTI.
 
Vediamone alcuni:
 
🔹️PROGETTO BLUEBIRD:
Sperimentazione illegale su esseri umani
 
 
 
🔹️PROGETTO BLUEBEAM:
Ingannevoli Proiezioni olografiche di un invasione aliena con arrivo del falso Messia.
 
 
 
🔹️MK- NAOMI:
arsenale di armi batteriologiche 
 
 
🔹️MK-ULTRA:
Programma di Controllo mentale
 
 
🔹️PROGETTO MONARCH:
Prosecuzione Mk-Ultra per il controllo mentale 
 
 
🔹️OPERAZIONI CAOS:
operazione di  False flag= creare il caos, in modo che l’opinione pubblica ne chiedesse al governo la repressione.
 
 
🔹️OPERAZIONE GLADIO:
E’ un’organizzazione segreta con l’obiettivo di rimodellare il mondo a propria immagine.
 
 
 
🔹️OPERAZIONE MOCKINGBIRD:
manipolazione dei mezzi di informazione a fini della propaganda. La CIA finanziava organizzazioni studentesche e culturali e riviste come organizzazioni di facciata.
 
 
🔹️OPERAZIONE PAPERCLIP:
Nazisti tedeschi arruolati dagli americani 
 
 
🔹️OPERAZIONE NORTHWOODS:
la CIA creava le condizioni per aver il sostengo degli americani e quindi giustificare le rappresaglie contro Cuba.
 
 
🔹️OPERAZIONE RANCH HAND
Durante la Guedel Vietnam, la CIA utilizzò aerei per spruzzare di defolianti ed erbicidi oltre zone rurali del Vietnam del Sud, nel tentativo di privare il Viet Cong di cibo e vegetazione di copertura. 
 
 
🔹️OPERAZIONE POPEYE:
Manipolazione Climatica
 
 
🔹️COINTELPRO:
Cointelpro (Portmanteau derivato da CO unter INTEL ligence PRO grammo) (1956-1971) fu una serie di segreto , ea volte illegali, progetti condotti dagli Stati Uniti Federal Bureau of Investigation (FBI) volto a sorvegliare, infiltrandosi, discredito, e interrompendo nazionali organizzazioni politiche .
 
 
🔹️OPERAZIONE PROJECT SEAL:
l’esercito americano utilizzo’ ordigni capaci di provocare inondazioni Tsunami e terremoti. 
 
 
 
🔹️PROGETTO STARGATE
Stargate Project era il nome in codice del 1991 per un’unità segreta dell’esercito americano fondata nel 1978 a Fort Meade , nel Maryland , dalla Defense Intelligence Agency (DIA) e SRI International (un appaltatore della California) per indagare sul potenziale di fenomeni psichici nell’intelligence militare e domestica.
 
 
🔹️PROGETTO HIGHJUMP:
Spedizione segreta in Antartide
Una Base nazista in Antartide sarebbe sopravvissuta alla Seconda Guerra Mondiale e ospiterebbe, forse ancor oggi, i discendenti dei gerarchi e dei criminali di guerra tedeschi.
 
 
🔹️OPERAZIONE DELIRIUM:
Psicochimici sperimentati sui soldati e guerra fredda.
 
 
🔹️PROGETTO RAINBOW:
Tecniche anti-radar
 
 
🔹️OPERAZIONE MIDNIGHT CLIMAX:
Spionaggio illegale della CIA sui cittadini degli Stati Uniti e di come la CIA aveva condotto esperimenti di droga non consensuali.
 
 
🔹️PROGETTO WOODPECKER:
riguarda il metodo di riscaldamento a risonanza del ciclotrone elettronico che è progettato per “alterare il campo magnetico terrestre … al fine di modificare il tempo, creare o innescare terremoti e vulcani, diffondere virus, creare il fenomeno noto come impulso elettromagnetico (EMP), e, per modificare il controllo del comportamento tra i popolosi”.
 
 
🔹️PROGETTO STAGATE-GRILL FRAME:
identifica le capacità e le vulnerabilità associate a fenomeni paranormali
aventi applicazioni militari.
 
 
🔹️SUN STREAK:
Progetto che testa la percezione sensoriale extra “psicoenergetica”. Il progetto è stato classificato dalla Defense Intelligence Agency (DIA) negli anni ’80. 
 
 
OGNI PROGETTO, OGNI OPERAZIONE DELLA CIA, PORTA LA FIRMA DELLA C A B A L A.
 
#Q17aa
 
Anna Dossena