Crea sito

L’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa

Tecno-censura: la via scivolosa dalla censura E della “disinformazione” al tacere la verità

John W. Whitehead, Rutherford
Waking Times

“Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alle persone ciò che non vogliono sentire” – George Orwell

Questa è la china scivolosa che porta alla fine della libertà di parola come una volta la conoscevamo.

In un mondo sempre più automatizzato e filtrato dalla lente dell’intelligenza artificiale, ci troviamo in balia di algoritmi inflessibili che dettano i confini delle nostre libertà.

Una volta che l’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa, ci sarà poco ricorso: saremo soggetti ai giudizi intransigenti dei tecno-governanti.

Ecco come inizia.

L’avvertimento di Martin Niemöller sull’allargamento della rete che ci intrappola tutti è ancora valido.

“Prima sono venuti per i socialisti e io non ho parlato, perché non ero un socialista. Poi sono venuti per i sindacalisti e io non ho parlato, perché non ero un sindacalista. Poi sono venuti per gli ebrei e io non ho parlato, perché non ero ebreo. Poi sono venuti per me e non c’era più nessuno a parlare per me.

Nel nostro caso, tuttavia, è iniziato con i censori che inseguivano gli estremisti sputando i cosiddetti “discorsi di odio” e pochi si sono espressi perché non erano estremisti e non volevano vergognarsi di essere percepiti come politicamente scorretti.

Poi i censori di Internet sono stati coinvolti e hanno inseguito gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulle elezioni rubate, sull’Olocausto e su Hunter Biden , e pochi hanno parlato, perché non erano estremisti e non volevano essere evitati per sembrare in disaccordo con la maggioranza. .

Quando i tecno-censori inseguivano gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulla pandemia COVID-19 e sui vaccini, i censori avevano sviluppato un sistema e una strategia per mettere a tacere i non conformisti . Tuttavia, pochi hanno parlato.

Alla fine, “noi il popolo” saremo quelli nel mirino.

Ad un certo punto o in un altro, a seconda di come il governo ei suoi alleati aziendali definiscono ciò che costituisce “estremismo,” noi il popolo “potremmo essere tutti considerati colpevoli di qualche crimine di pensiero o altro.

Quando arriverà quel momento, potrebbe non esserci più nessuno a parlare o parlare in nostra difesa.

Qualunque cosa tolleriamo ora – qualunque cosa su cui chiudiamo un occhio – qualunque cosa razionalizziamo quando viene inflitta ad altri, sia in nome della giustizia razziale o della difesa della democrazia o della lotta al fascismo, alla fine tornerà a imprigionarci, tutti e tutti.

Guarda e impara.

Dovremmo allarmarci tutti quando voci di spicco dei social media come Donald Trump, Alex Jones, David Icke e Robert F.Kennedy Jr. vengono censurate, messe a tacere e fatte scomparire da Facebook, Twitter, YouTube e Instagram per dare voce a idee che sono ritenute politicamente scorretto, odioso, pericoloso o complottista.

La questione non è se il contenuto del loro discorso fosse legittimo.

La preoccupazione è cosa succede dopo che obiettivi così importanti sono stati messi con la museruola. Cosa succede una volta che i tecnocensori aziendali volgono gli occhi sul resto di noi?

È un pendio scivoloso dalla censura delle cosiddette idee illegittime al tacere la verità. Alla fine, come aveva predetto George Orwell, dire la verità diventerà un atto rivoluzionario.

Siamo su una traiettoria in rapido movimento.

Ci sono già richieste all’amministrazione Biden di nominare uno “zar della realtà” per contrastare la disinformazione, l’estremismo interno e la cosiddetta “crisi della realtà” della nazione.

Sapendo ciò che sappiamo sulla tendenza del governo a definire la propria realtà e ad attaccare le proprie etichette a comportamenti e discorsi che sfidano la sua autorità, questo dovrebbe essere motivo di allarme in tutto lo spettro politico .

Ecco il punto: non devi amare Trump o nessuno degli altri a cui è stata messa la museruola, né devi essere d’accordo o persino simpatizzare con le loro opinioni, ma ignorare le ramificazioni a lungo termine di tale censura sarebbe pericolosamente ingenuo. .

Come sottolinea giustamente Matt Welch, scrivendo per Reason , “ Le modifiche proposte alla politica del governo dovrebbero sempre essere visualizzate con il team avversario responsabile dell’implementazione.

In altre parole, qualunque potere tu permetta al governo e ai suoi agenti corporativi di rivendicare ora, per il bene del bene superiore o perché ti piacciono o ti fidi dei responsabili, alla fine sarà abusato e usato contro di te da tiranni di tua stessa creazione.

Come scrive Glenn Greenwald per The Intercept :

L’evidente errore che si trova sempre al centro dei sentimenti pro-censura è la convinzione ingenua e delirante che i poteri di censura saranno impiegati solo per sopprimere le opinioni che non piacciono, ma mai le proprie opinioni … Facebook non è un genitore benevolo, gentile, compassionevole o un attore sovversivo e radicale che controllerà il nostro discorso al fine di proteggere i deboli e gli emarginati o servirà come un nobile controllo delle offese dei potenti. Faranno quasi sempre esattamente l’opposto: proteggere i potenti da coloro che cercano di minare le istituzioni d’élite e rifiutare le loro ortodossie. I giganti della tecnologia, come tutte le società, sono tenuti per legge ad avere un obiettivo fondamentale: massimizzare il valore per gli azionisti.Useranno sempre il loro potere per placare coloro che percepiscono detengono il più grande potere politico ed economico.

Benvenuti nell’era del tecnofascismo.

Rivestito di tirannica ipocrisia, il tecnofascismo è alimentato da colossi tecnologici (sia aziendali che governativi) che lavorano in tandem per raggiungere un obiettivo comune.

Finora, i giganti della tecnologia sono stati in grado di eludere il Primo Emendamento in virtù del loro status non governativo, ma nella migliore delle ipotesi è una distinzione dubbia. Certamente, Facebook e Twitter sono diventati gli equivalenti moderni delle piazze pubbliche, i tradizionali forum sulla libertà di parola, con Internet stesso che funge da utilità pubblica.

Ma cosa significa per la libertà di parola online: dovrebbe essere protetta o regolamentata?

Quando viene data una scelta, il governo sceglie sempre l’opzione che espande i suoi poteri a scapito dei cittadini. Inoltre, quando si tratta di attività di libertà di parola, regolamentazione è solo un’altra parola per indicare la censura.

In questo momento, è trendy e politicamente opportuno denunciare, mettere a tacere, urlare e svergognare chiunque le cui opinioni sfidano le norme prevalenti, quindi i giganti della tecnologia si stanno allineando per placare i loro azionisti.

Questa è la tirannia della maggioranza contro la minoranza – esattamente la minaccia alla libertà di parola che James Madison ha cercato di impedire quando ha redatto il primo emendamento alla Costituzione – marciando al passo con il tecnofascismo.

Con l’intolleranza come la nuova lettera scarlatta dei nostri giorni, ora ci troviamo governati dalla folla.

Coloro che osano esprimere un’opinione o usare una parola o un’immagine tabù che va contro le norme accettate sono i primi in fila per essere svergognati, rimproverati, messi a tacere, censurati, licenziati, scacciati e generalmente relegati nel mucchio di polvere degli ignoranti, bulli dallo spirito meschino che sono colpevoli di vari “crimini verbali” e banditi dalla società.

Ad esempio, un professore della Duquesne University è stato licenziato per aver usato la parola N in un contesto accademico. Per riavere il suo lavoro, Gary Shank dovrà seguire un corso di formazione sulla diversità e ristrutturare i suoi programmi di lezione.

Questo è ciò che oggi viene considerato libertà accademica in America.

Se gli americani non difendono rumorosamente il diritto di una minoranza di uno di sottoscrivere, per non parlare di voce, idee e opinioni che possono essere offensive, odiose, intolleranti o semplicemente diverse, scopriremo presto che non abbiamo diritti qualunque cosa (parlare, riunirsi, essere d’accordo, in disaccordo, protestare, accettare, rinunciare o forgiare i nostri percorsi come individui).

Non importa quale sia il nostro numero, non importa quale sia il nostro punto di vista, non importa a quale partito potremmo appartenere, non passerà molto tempo prima che “noi popolo” costituiamo una minoranza impotente agli occhi di uno stato fascista alimentato dal potere. spinto a mantenere il suo potere a tutti i costi.

Siamo quasi a quel punto adesso.

La costante e pervasiva censura che ci viene inflitta dai giganti della tecnologia aziendale con la benedizione dei poteri forti minaccia di portare a una ristrutturazione della realtà direttamente dal 1984 di Orwell , dove il Ministero della Verità controlla il discorso e assicura che i fatti sono conformi a qualsiasi versione della realtà abbracciata dai propagandisti del governo.

Orwell intendeva il 1984 come un avvertimento. Invece, viene utilizzato come manuale di istruzioni distopico per l’ingegneria sociale di una popolazione conforme, conformista e obbediente al Grande Fratello.

Niente di buono può venire dalla tecno-censura.

Ancora una volta, per citare Greenwald:

Il potere di censura, come i giganti della tecnologia che ora lo detengono, è uno strumento di conservazione dello status quo. La promessa di Internet fin dall’inizio era che sarebbe stato uno strumento di liberazione, di egualitarismo, consentendo a coloro che non avevano denaro e potere di competere in modo equo nella guerra dell’informazione con i governi e le società più potenti. Ma proprio come è vero per consentire a Internet di essere convertito in uno strumento di coercizione e sorveglianza di massa, niente ha fegato che prometta, quel potenziale, come il potere di padroni aziendali e monopolisti irresponsabili di regolare e sopprimere ciò che può essere ascoltato .

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People , questi censori di Internet non agiscono nel nostro migliore interesse per proteggerci da pericolose campagne di disinformazione. Stanno gettando le basi per prevenire qualsiasi idea “pericolosa” che potrebbe sfidare la morsa dell’élite del potere sulle nostre vite.

Pertanto, è importante riconoscere la prigione del pensiero che si sta costruendo intorno a noi per quello che è: una prigione con una sola via di fuga: libertà di pensiero e libertà di parola di fronte alla tirannia.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

I droni dotati di riconoscimento facciale stanno arrivando

I droni utilizzati nella sorveglianza avranno presto la capacità di riconoscimento facciale.

I droni dotati di riconoscimento facciale stanno arrivando, che il mondo sia pronto per loro o no. (Foto di Sunil Ghosh / Hindustan Times tramite Getty Images) Hindustan Times tramite Getty Images

I droni con riconoscimento facciale sono pronti per volare, ma il mondo non è ancora pronto

Alcuni dei primi droni con capacità avanzate di riconoscimento facciale sono stati sviluppati da società di sorveglianza israeliane, poiché la polizia americana valuta se aggiungeranno presto la controversa tecnologia alle loro macchine volanti senza pilota.

Come segno dell’imminente arrivo dell’identificazione biometrica dall’aria, una startup israeliana, precedentemente finanziata da Microsoft, ha brevettato tecnologie per il riconoscimento facciale basato sui droni. Una domanda di brevetto, pubblicata all’inizio di questo mese, è stata presentata da AnyVision con sede a Tel Aviv nell’agosto 2019 negli Stati Uniti, descrivendo in dettaglio la tecnologia per aiutare un drone a trovare le migliori angolazioni per uno scatto di riconoscimento facciale, prima di provare a trovare una corrispondenza per l’obiettivo. facendo riferimento ai volti memorizzati in un database. Era intitolato “Posizionamento adattivo dei droni per un migliore riconoscimento facciale” e presentato da dipendenti attuali ed ex di AnyVision, di cui tre da Belfast, Regno Unito 

Il brevetto mira a appianare alcune delle complessità dell’identificazione dei volti da una macchina volante. Quando si cerca di riconoscere qualcuno da un drone sorgono vari problemi evidenti: l’acquisizione di un’angolazione in cui un volto può essere adeguatamente catturato e la possibilità di ottenere immagini di buona qualità mentre si muove o si libra. Entrambi sono considerevolmente più difficili che ottenere una corrispondenza da filmati statici.

La startup israeliana AnyVision vuole eseguire la sorveglianza del riconoscimento facciale dai cieli.

Il brevetto AnyVision descrive in dettaglio come funzionerebbe il riconoscimento facciale da un drone. Screenshot dell’Ufficio brevetti degli Stati Uniti

Le agenzie militari statunitensi hanno cercato di trovare soluzioni, tra cui il progetto Advanced Tactical Facial Recognition at a Distance Technology presso lo US Special Operations Command (SOCOM) e l’Intelligence Advanced Research Projects Activity (IARPA) iniziativa Biometric Recognition and Identification at Altitude and Range .

Ma l’industria privata potrebbe arrivarci prima. Questo dicembre, è stato rivelato che i dirigenti di AnyVision avevano collaborato con il fornitore della difesa israeliano Rafael per una nuova joint venture chiamata SightX. Nelle demo fornite ai media israeliani alla fine del 2020, i piccoli droni di SightX non avevano alcuna capacità di riconoscimento facciale, anche se i dirigenti hanno affermato che la funzione sarebbe stata presto disponibile. Non è chiaro se la tecnologia sia solo per i militari o se verrà venduta alle agenzie di polizia. Né SightX né Rafael hanno risposto alle richieste di commento.

Ciò che è chiaro è che la tecnologia è pronta per il lancio. Il CEO di AnyVision Avi Golan ha detto a Forbes che, sebbene AnyVision non avesse alcun drone in produzione con riconoscimento facciale, sarebbe presto diventato una realtà.

“In realtà sono molto contento di avere un brevetto su questo”, ha detto, suggerendo che funzionerebbe bene nelle città intelligenti, dove i droni potrebbero fornire funzioni oltre la sorveglianza. Ha indicato che i droni per le consegne potrebbero richiedere il riconoscimento facciale per determinare se hanno raggiunto l’acquirente corretto. Amazon ha già brevettato una tecnologia simile, indicando i suoi potenziali piani per la sua flotta sperimentale di consegna di droni.

Ma, ha aggiunto Golan, sebbene la tecnologia esista, AnyVision sta aspettando una più ampia accettazione sia dei droni che del riconoscimento facciale prima che qualsiasi prodotto venga rilasciato. “Penso che sia una tecnologia più futuristica, ma voglio averla in tasca una volta che sarà più accettata dall’umanità.” Ha notato che la società attualmente non lavora con le forze dell’ordine statunitensi, scegliendo invece di lavorare con società private come casinò e rivenditori. 

AnyVision ha già dovuto respingere le domande sull’uso della sua tecnologia. Microsoft ha acquistato una partecipazione nella startup durante un round di $ 74 milioni nel 2019, ma l’anno scorso si è ritirata dopo che i rapporti secondo cui lo strumento di AnyVision era stato utilizzato ai valichi di frontiera tra Israele e Cisgiordania.

Golan ha affermato che il motivo principale per cui Microsoft è uscita è stata la sua incapacità di esercitare il controllo su AnyVision. Microsoft ha detto più o meno la stessa cosa dopo che un audit condotto dall’ex procuratore generale degli Stati Uniti Eric Holder ha scoperto che era utilizzato al confine, ma ha scontato le affermazioni secondo cui il software AnyVision era stato utilizzato per sorvegliare i palestinesi in tutta la Cisgiordania.

Per quanto riguarda quando gli americani possono aspettarsi i droni della polizia con riconoscimento facciale, anche se le agenzie di polizia non stanno pianificando immediatamente di mandarli nei cieli, c’è l’aspettativa che arriveranno in una forma o nell’altra. “Penso che ad un certo punto in futuro, probabilmente lo vedremo”, ha detto Mike Hutchins, tenente e capo dei droni al dipartimento di polizia di Sacramento. “Stiamo cercando di bilanciare la tecnologia con il diritto alla privacy delle persone.

E ovviamente, se entri in un negozio di alimentari, in un negozio al dettaglio, in una banca, ti stanno catturando il viso mentre entri. Praticamente ovunque tu vada in pubblico, ora il tuo viso viene catturato da telecamere chiaramente capaci di eseguire il software di riconoscimento facciale. Ma non abbiamo alcun piano per unire quei due in qualsiasi momento in futuro. Per non dire che a un certo punto potrebbe non accadere “.

Fonte: https://www.forbes.com/

®wld

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando

Illustrazione di ktsdesign / Shutterstock

Il mondo infestato dagli alieni

Schermare l’ipotesi di un oggetto alieno di un animale domestico suggerendo che non viene preso sul serio a causa di un difetto nel modo in cui facciamo scienza è giocare un gioco falso con i fatti.

Sapete che ci sono molti scienziati che dedicano la loro vita lavorativa a tracciare abilmente le parti più modeste del nostro sistema solare, parti che probabilmente nessuna delle nostre specie vedrà mai da vicino? Pezzi che, individualmente, sono semplici puntini nella nuvola di milioni di avanzi planetari così primordiali che circondano il nostro sole. O sei consapevole che c’è chi passa giorno dopo giorno a lottare per misurare e decodificare le straordinarie danze orbitali di esopianeti irraggiungibili, o per rilevare e interpretare i delicati spettri che rivelano la composizione di atmosfere aliene a decine di trilioni di miglia di distanza?

Se non loro, allora che dire di coloro che, per decenni, hanno affrontato alcune delle domande più scoraggianti sul fenomeno che chiamiamo vita stessa, incluso come è iniziata qui sulla Terra miliardi di anni fa, e come potrebbe essere iniziato in qualsiasi altro luogo in il cosmo? E riesci a ricordare che ci sono scienziati devoti e di talento che perseguono la squisita possibilità che da qualche parte ci siano menti aliene che inviano segnali strutturati e ricchi di informazioni, o ripropongono i loro ambienti in modi in cui noi, altri frammenti di vita pensante, potremmo essere in grado di individuare attraverso il vuoto spalancato dello spazio interstellare?

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando.

Se potessi rispondere di sì a una di queste domande, ben fatto. Sei un cittadino ben informato del pianeta Terra, consapevole dei continui sforzi dell’umanità per dare un senso alla natura della realtà. Se, d’altra parte, non potessi rispondere affermativamente, forse non sbatteresti un occhio davanti ad articoli di giornale o titoli televisivi chiedendoti perché (oh perché?!) gli scienziati non si assumeranno il compito di “cercare alieni”. “Più seriamente? O articoli che insistono su quanto sia conservatrice la scienza quando si tratta di “pensare fuori dagli schemi”, specialmente se l’argomento è stato abusato così tante volte nel corso dei secoli letteralmente che i ricercatori ora hanno poca scelta se non quella di applicare estrema cura e cautela.

Se al momento non siete al corrente delle vostre notizie scientifiche, mi riferisco a una recente raffica di parole e opinioni che sono state, in parte, innescate dalla pubblicazione del libro Extraterrestrial dell’astrofisico teorico Avi Loeb, in cui egli tenta di dimostrare che un recente oggetto interstellare che attraversa il nostro sistema solare (l’oggetto ‘Oumuamua) potrebbe essere stato un pezzo di tecnologia, presumibilmente anche una vela leggera che rotola da un’astronave aliena, piuttosto che un pezzo di roccia ghiacciata e gas. Loeb scrive anche di come la scienza a volte possa essere eccessivamente conservatrice, indirizzando le sue lamentele in particolare sulla reticenza di elevare la questione della vita aliena a un posto più prominente nelle nostre ipotesi su ciò che vediamo nell’universo che ci circonda.

Ma basta aver trascorso un po ‘di tempo di recente nei corridoi delle chiamate scientifiche Zoom o sui social media per vedere l’infelicità espressa da molti ricercatori su tutto questo. Quell’infelicità raggiunge un livello rovente ogni volta che viene pubblicato un nuovo pezzo d’opinione che riprende questo particolare filo. Più recentemente (almeno mentre scrivo questo), è l’apparizione sul New York Times di un articolo di opinionecon il titolo “Gli alieni devono essere là fuori: perché non li cerchiamo?”, scritto dall’editorialista Farhad Manjoo. Penso che sia giusto dire che il tono del titolo, suggerendo erroneamente che la vita aliena esiste perché pensiamo che debba e che non stiamo prestando attenzione, riflette gran parte della spinta del contenuto. Raggiungendo un apice di sorta quando il pezzo usa i pensieri di Loeb sull’argomento per ammonire la scienza e le agenzie di finanziamento della scienza, per la loro “chiusura mentale” e “scetticismo riflessivo” quando si tratta di considerare cose esotiche (sì, aliene) nel mix per spiegare fenomeni cosmici nuovi o inaspettati. 

Ciò che è così incredibilmente deludente per uno scienziato come me e per tanti miei colleghi in discipline correlate – dall’astronomia alla scienza planetaria, all’astrobiologia – è che non ci sono altre voci rappresentate in questo tipo di scrittura. Nessun frammento o citazione dalle centinaia di scienziati che sono gli esperti mondiali su questioni come ‘Oumuamua, o altri oggetti extraterrestri, dagli asteroidi alle comete a (sì) blocchi interstellari, o alla Ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI), o esopianeti, o in effetti la stessa ricerca delle cosiddette firme tecnologiche che viene menzionata fugacemente. E questo articolo non è affatto l’unico in quella strana incompletezza, dove la “due diligence” sembra essere uscita dalla finestra.

In realtà ci sono persone che pensano a tutte queste domande scientifiche, settimana dopo settimana. Scavano montagne di dati e sudano sangue per comprendere la delicata natura delle misurazioni astronomiche e della strumentazione. Costruiscono veicoli spaziali per andare in altri mondi, così come asteroidi e comete, finanziati da agenzie nazionali come NASA, ESA, JAXA, CNSA e altre. Queste persone sono entusiaste e motivate, motivate proprio da questi stessi enigmi extraterrestri: siamo soli? Da dove veniamo noi o qualsiasi altra vita?

Questi scienziati, inclusi quelli come la straordinaria Jill Tarter, una delle forze motrici e delle voci dietro SETI negli ultimi 40 anni, hanno spinto i loro strumenti e le loro abilità ai limiti assoluti nella ricerca di prove di vita extraterrestre. Spesso di fronte a un intenso scetticismo. Nonostante questo sforzo, non ci sono state prove fino ad oggi di vita extraterrestre. Ma questa mancanza di prove non è dovuta al fatto che l’impresa scientifica è uniformemente conservatrice, rigida e di vedute chiuse, come suggerito da Loeb e ripreso acriticamente da alcuni editorialisti. È perché nessuna scoperta o evento è salito al livello in cui è inspiegabile in qualsiasi altro modo. Potrebbero maggiori finanziamenti e sostegno cambiare questa storia? Forse, ma lo stesso si potrebbe dire per quasi ogni altra ambiziosa impresa scientifica, e la risposta non può essere conosciuta in anticipo.

Una proposta secondo cui un fenomeno come ‘Oumuamua è un artefatto alieno incontrerà sicuramente un respingimento. Ma questo respingimento è fondato. È il risultato del vasto lavoro di esperti scientifici proprio su questo tipo di visitatore interstellare. I nostri modelli di formazione di stelle e pianeti hanno a lungo ipotizzato l’esistenza di residui di materiale solido (planetesimi) che potrebbero trascorrere eoni spostandosi attraverso lo spazio interstellare. Hanno delineato come un intruso come ‘Oumuamua sarebbe una straordinaria scoperta. Ma sarebbe una scoperta sbalorditiva che riflette i processi naturali; serbatoi di questi planetesimi – già suggeriti dalla luce nebbiosa vista intorno ad alcune altre stelle – che possono essere espulsi e dispersi nello spazio interstellare in quantità che possono essere perfettamente coerenti con le possibilità che il nostro sistema solare venga visitato da uno.Proprio per questo un’agenzia come l’ESA sta sviluppando il proprioComet Interceptor Mission, per essere pronti a inseguire futuri visitatori interstellari.

Fonte: https://nautil.us/blog/the-alien_haunted-world

®wld

IL BENEFATTORE

Clicca sull’immagine per vedere il video

L’episodio precedente ci ha portato – finalmente – alla ragnatela appiccicosa e mortale della Cabala. Questa è la casa di Bill, Melinda Gates e Warren Buffett. Qui è dove i Protocolli di Sion vengono implementati nella pratica. Vi piacerebbe vedere la Cabala al lavoro, usando uno dei loro strumenti preferiti? Bene, allora sedetevi e godetevi questa parte 8!

Se ti sei perso i “Sequel” dei video precedenti, li puoi trovare QUI

Fonte: https://www.bitchute.com/channel/T1U1suK2lmBJ/

®wld

La scienza elevata a uno stato di divinità immutabile

Lo scientismo, non la sinistra, è alla base di tutta la censura big-tech

C’è una religione molto oscura alla base sia della tecnocrazia che del transumanesimo. Questo è lo  scientismo. Una volta capito, la massiccia censura per mano di Big Tech inizia ad avere perfettamente senso.

Lo scientismo fu proposto per la prima volta dal filosofo francese Henri De Saint-Simon (1760-1825). Ha scritto,

“Uno scienziato, miei cari amici, è un uomo che prevede; è perché la scienza fornisce i mezzi per prevedere che è utile e gli scienziati sono superiori a tutti gli altri uomini”.

L’idea di scienza di Saint-Simon era più una proposizione metafisica che lasciò il posto a quella che oggi chiamiamo “pseudo-scienza”. Si tratta principalmente di speculazioni travestite da scienza. In ogni caso, nessuno scienziato o ingegnere ha una sfera di cristallo per “prevedere” il futuro né sono “superiori a tutti gli altri uomini”.

Tuttavia, Saint-Simon divenne uno dei riconosciuti “padri fondatori” sia della tecnocrazia che del transumanesimo.

Ai suoi tempi, propose che la leadership religiosa fosse letteralmente sostituita da un sacerdozio di scienziati e ingegneri, che avrebbe interpretato l’oracolo della scienza per fare dichiarazioni alla società sulle azioni umane necessarie per condurre l’umanità fuori dalle tenebre e nell’utopia. Così, la scienza sarebbe elevata a uno stato di divinità immutabile, adorato dai suoi seguaci, che a loro volta sono guidati dai suoi sacerdoti.

Questo suona familiare nel mondo di oggi? Ebbene, dovrebbe.

Penseresti che questa strana religione dello scientismo sarebbe evaporata nella storia dopo 200 anni, invece si è ingrandita e proliferata.

I sacerdoti della “scienza” del riscaldamento globale guardano al futuro per dirci con una certa autorità che i mari si innalzeranno e il mondo letteralmente brucerà. Vengono offerti rimedi per scongiurare un destino così terribile, come la demolizione dell’economia di libero mercato a favore dello sviluppo sostenibile, come promesso dalle Nazioni Unite.

I sacerdoti della “scienza” della pandemia globale scrutano il futuro e ci dicono che centinaia di milioni di persone moriranno sicuramente. L’unico modo per salvarti è fare esattamente quello che ti dicono di fare: indossare una maschera, anzi, due o tre maschere, negare ogni contatto sociale con la famiglia e gli amici, interrompere le attività economiche non essenziali, ecc. Quello che originariamente era un 14 L’esercizio quotidiano per semplicemente “appiattire la curva” si è ora intenzionalmente trasformato in una cascata senza fine di istruzioni e richieste pseudo-scientifiche.

Fidati della scienza. Obbedite ai sacerdoti. Non ascoltare nessuno o nient’altro.

Lo scientismo rifiuta in modo specifico e acuto tutte le altre fonti di verità che non possono essere scoperte dal suo sacerdozio di scienziati e ingegneri. Quindi, la filosofia è fuori. La Bibbia è uscita. La religione in generale è fuori uso. Tutto ciò  che non si adatta alla loro narrativa è fuori.

Questo è esattamente il punto in cui la censura moderna può essere veramente compresa. Non è una questione di sinistra contro destra, conservatore contro liberale o Democratico contro repubblicano. È una questione di verità auto-illusa contro realtà.

Considera queste aree comuni di censura ripetuta:

  1. Scetticismo sui vaccini  – Non consentito. I vaccini sono scienza e devi prenderli, punto.
  2. Ottimo ripristino –  Censurato. Non si può criticare la globalizzazione. The Great Reset si basa su scienza, ingegneria sociale, gestione scientifica.
  3. Global Warming –  Taboo da criticare. Il riscaldamento artificiale è “scientifico”; tutto il resto è considerato fake news e fake science.
  4. Scandalo di Hunter Biden –  Assolutamente verboten. Tali scandali espongono la corruzione tra gli oligarchi dell’élite globale, che sono tutti pesantemente investiti nella Big Tech e nella gestione scientifica della società.
  5. Maschere per il viso, blocchi: la  loro scienza dice di farlo, non sono consentite discussioni alternative.
  6. Trattamenti COVID alternativi come HCQ –  Totalmente censurati come anti-scienza, anche se offerti da eminenti medici e scienziati.

Che dire del divieto di Twitter al presidente Trump e a decine di migliaia di utenti di social media orientati al populismo? Il populismo è la più grande minaccia per la Big Tech perché i populisti sono uniformemente contro la globalizzazione (tutto sulla scienza), il Grande Reset (tutto sulla scienza) e il bullismo scientifico.

E le società che censurano? Hai indovinato. Sono tutti basati su una tecnologia avanzata: Google, Twitter, Facebook, Instagram, Amazon, Mailchimp, Stripe, Mastercard, GoDaddy, ecc.

In sintesi, la censura riguarda la scienza, la loro scienza. Pseudoscienza. Se attraversi la loro “scienza” o una parte di essa, verrai cancellato. Come ti cancellano? Oh, è tutto automatizzato con la tecnologia. Si chiama Intelligenza Artificiale.

La religione dello scientismo è diffusa in ogni agenzia e azienda governativa high-tech del mondo. Sono gli “escluditori”. Scienziati e ingegneri legittimi sono gli “esclusi” e, insieme a loro, chiunque osi ripetere i propri avvertimenti.

Combattere la Big Tech per la censura significa combattere la sua religione accuratamente nascosta dello scientismo, che è esattamente ciò che lo rende così pericoloso.

Fonte: https://www.technocracy.news/

Articolo correlato:

Looking Glass – Vedere il Passato e il Futuro attraverso lo Specchio.

®wld

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

C’è una buona ragione per cui la Bibbia avverte: “Dove non c’è visione, il popolo perisce” (Prov. 29:18). Nel caso del colpo di stato della Tecnocrazia, chi non vedrà, non potrà vedere. La loro schiavitù tecnocratica sarà sulle loro stesse teste. Abbiamo avvertito dall’inizio del panico pandemico che l’intero schema era una frode intenzionale.

Ci sono proteste giganti in tutto il mondo che chiedono la cessazione dei blocchi e la restituzione della libertà. Quei manifestanti possono non avere alcuna comprensione del quadro generale, ma comprendono il dolore della disoccupazione, della privazione sociale, delle relazioni rovinate e della fame. ⁃ TN Editor

La “guerra nella nebbia” è un termine usato per descrivere l’incertezza, il caos e la confusione che possono verificarsi durante la battaglia. Ciò che pensavi fosse vero entrando in battaglia potrebbe essere capovolto, offuscando il tuo giudizio mentre cerchi di prendere decisioni in una sorta di realtà sospesa.

In questo momento stai vivendo una guerra nel mezzo di una nebbia  – una nebbia di guerra COVID – secondo Jeffrey Tucker, direttore editoriale dell’American Institute for Economic Research (AIER): “Spesso non è chiaro chi sta prendendo decisioni e perché, e cosa le relazioni sono tra le strategie e gli obiettivi. Anche la logica può diventare sfuggente poiché la frustrazione e il disorientamento sostituiscono la chiarezza e la razionalità”. 1

Questa descrizione è tipicamente riservata al disorientamento della battaglia, ma ora si applica in modo inquietante bene alla nebbia che circonda la mitigazione della malattia COVID-19. Se desideri un esempio concreto, guarda la sequenza temporale del video sopra, che ti porta da gennaio 2020, quando l’uso delle maschere era sconsigliato, a dicembre 2020, quando le maschere sono diventate obbligatorie in molte aree. 2

Marzo: le maschere per il viso non possono proteggere dal nuovo coronavirus

Nel febbraio 2020, Christine Francis, consulente per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità, è stata descritta in un video, mostrando una maschera usa e getta. Ha detto: “Maschere mediche come questa non possono proteggere dal nuovo coronavirus se usate da sole … L’OMS raccomanda l’uso di maschere solo in casi specifici”. 3

Questi casi specifici includono se hai tosse, febbre o difficoltà a respirare. In altre parole, se sei attivamente malato e mostri sintomi. “Se non hai questi sintomi, non devi indossare maschere perché non ci sono prove che proteggano le persone che non sono malate”, ha continuato.

Nel marzo 2020, il Surgeon General degli Stati Uniti ha accettato pubblicamente, twittando un messaggio in cui si afferma: “Sul serio, gente, smettetela di comprare maschere!” e proseguendo dicendo che non sono efficaci nell’impedire al grande pubblico di contrarre il coronavirus. 4  Al 31 marzo 2020, l’OMS sconsigliava ancora l’uso di maschere per il viso per le persone senza sintomi, affermando che “non esiste alcuna prova” che tale utilizzo della maschera prevenga la trasmissione di COVID-19. 5

Giugno: il pubblico dovrebbe indossare una maschera per il viso

Entro il 6 giugno 2020, la retorica era cambiata. Citando “l’evidenza in evoluzione”, l’OMS ha invertito la sua raccomandazione, con Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, che consiglia ai governi di incoraggiare il pubblico in generale a indossare maschere dove c’è una trasmissione diffusa e l’allontanamento fisico è difficile. 6

Questo incoraggiamento si è trasformato in mandati in molte aree, con  minacce di multe  per coloro che non si sono conformati. Nella contea di Humboldt, in California, ad esempio, chiunque abbia violato l’ordine di indossare coperture per il viso in pubblico potrebbe essere multato da $ 50 a $ 1.000 e / o affrontare 90 giorni di carcere per ogni giorno in cui si è verificato il reato. 7

A Salem, nel Massachusetts, potresti anche essere multato per non aver indossato una maschera in pubblico, comprese le aree comuni all’interno di un condominio. 8  Qual è l’evidenza in evoluzione a cui si riferiva l’OMS che li ha indotti a invertire la loro posizione sulle maschere per il pubblico in buona salute in un periodo di soli due mesi? Ciò non è chiaro, ma si è verificato uno sviluppo interessante.

CHI: trasmissione asintomatica “molto rara”

Durante un briefing con la stampa dell’8 giugno 2020 – appena due giorni dopo che Ghebreyesus aveva consigliato alle persone sane di iniziare a indossare maschere – Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per la pandemia COVID-19, ha chiarito che le persone che hanno COVID-19 senza alcun i sintomi  trasmettono “raramente” la malattia  ad altri. 9

Le linee guida provvisorie dell’OMS del 5 giugno 2020 supportano la dichiarazione di Kerkhove, osservando: “Gli studi completi sulla trasmissione da individui asintomatici sono difficili da condurre, ma le prove disponibili dal tracciamento dei contatti riportate dagli Stati membri suggeriscono che le persone con infezione asintomatica hanno molte meno probabilità di trasmettere il virus rispetto a coloro che sviluppano i sintomi. ” 10

Se questo è il caso, tuttavia, la raccomandazione che le persone sane e asintomatiche indossino maschere per il viso o siano rinchiuse nelle loro case non ha senso, evidenziando solo un caso della “nebbia COVID” in corso.

Per non essere richiamato sulle loro sfacciate contraddizioni, il 9 giugno 2020, il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’OMS, ha rapidamente fatto marcia indietro la dichiarazione di Van Kerkhove, dicendo che le osservazioni erano “male interpretate o forse non abbiamo usato le più elegante parole per spiegarlo. ” 11  Van Kerkhove ha anche affermato che i dati che ha menzionato provenivano solo da un “piccolo sottoinsieme di studi” e ha aggiunto: 12

“Non stavo affermando una politica dell’OMS o qualcosa del genere. Stavo solo cercando di articolare ciò che sappiamo. E in questo, ho usato la frase “molto raro” e penso che sia un malinteso affermare che la trasmissione asintomatica a livello globale è molto rara”.

10 milioni di persone, non un caso di trasmissione asintomatica

Dopo la debacle della diffusione asintomatica dell’OMS, il discorso su questo argomento si è notevolmente attenuato. 13  Ma, in silenzio, uno studio fondamentale che ha coinvolto 9.899.828 milioni di residenti di Wuhan, in Cina, è stato pubblicato su Nature Communications. 14  I partecipanti sono stati testati per COVID-19 tra il 14 maggio 2020 e il 1 giugno 2020.

Non sono stati identificati nuovi casi sintomatici e 300 casi asintomatici. Tra i 300 casi asintomatici, sono stati identificati 1.174 contatti stretti e nessuno di loro è risultato positivo per COVID-19.

Inoltre, dei 34.424 partecipanti con una storia di COVID-19, 107 individui (0,31%) sono risultati nuovamente positivi, ma, cosa importante, nessuno era sintomatico. Come notato dagli autori, “le colture di virus erano negative per tutti i casi asintomatici positivi e ripositivi, indicando l’assenza di “virus vitale” nei casi positivi rilevati in questo studio”. 15  Tucker ha spiegato: 16

“La conclusione non è che la diffusione asintomatica sia rara o che la scienza sia incerta. Lo studio ha rivelato qualcosa che non accade quasi mai in questo tipo di studi. Non c’era un caso documentato. Dimentica i rari. Dimentica anche il precedente suggerimento di Fauci secondo cui la trasmissione asintomatica esiste ma non guida la diffusione. Sostituisci tutto ciò con: mai. Almeno non in questo studio per 10.000.000″.

Una meta-analisi di 21.708 persone a rischio, di cui 663 positive per COVID-19 e 111 asintomatiche, ha anche scoperto che i tassi di trasmissione asintomatica possono effettivamente essere “inferiori a quelli di molti studi altamente pubblicizzati”. 17  Hanno suggerito che la prevalenza di casi di COVID-19 asintomatico è di 1 su 6 e hanno scoperto che il rischio relativo di trasmissione asintomatica era del 42% inferiore al rischio di trasmissione sintomatica.

In una versione prestampata del loro studio, i ricercatori hanno osservato: “Le nostre stime della proporzione di casi asintomatici e della loro velocità di trasmissione suggeriscono che è improbabile che la diffusione asintomatica sia un fattore determinante per i cluster o la trasmissione comunitaria dell’infezione …” 18  Come ha osservato Tucker: 19

“Continuiamo a sentire come dovremmo seguire la scienza. Il reclamo è ormai stanco. Sappiamo cosa sta realmente accadendo.

La lobby del lockdown ignora tutto ciò che contraddice la loro narrativa, preferendo aneddoti non verificati a un vero studio scientifico di 10 milioni di residenti in quello che è stato il primo grande hotspot al mondo per la malattia che stiamo cercando di gestire. Ti aspetteresti che questo studio sia un’enorme notizia internazionale. Per quanto ne so, viene ignorato.”

Se la diffusione asintomatica è rara, perché maschere e blocchi?

La diffusione asintomatica diffusa è l’unica ragione per cui i blocchi e l’uso di maschere tra i sani hanno senso. Per mesi, i funzionari sanitari hanno perpetuato il mito della diffusione asintomatica per aumentare la paura.

Ora, poiché le persone sono sempre più desiderose di tornare a un certo senso di normalità,  si dice che un ceppo di SARS-CoV-2 mutato , che è presumibilmente più virulento, sia emerso e abbia portato a nuove e più severe restrizioni di blocco nel Regno Unito 20

Questa perpetuazione della paura si è estesa ben oltre lo scopo iniziale dei blocchi, che era quello di appiattire la curva ed evitare di sovraccaricare gli ospedali. Come ha sottolineato Tucker, tuttavia, questo è gradualmente cambiato in modo tale che ora dobbiamo affrontare blocchi a tempo indeterminato: 21

“Il primo round di blocchi non riguardava la soppressione del virus, ma il rallentamento per un motivo: preservare la capacità dell’ospedale. Se e in che misura la “curva” sia stata effettivamente appiattita sarà probabilmente discusso per anni, ma a quel tempo non si trattava di estinguere il virus. Il volume delle curve, alte e veloci o corte e lunghe, era lo stesso in entrambi i casi. Le persone avrebbero preso il bug fino a quando non si fosse esaurito (immunità di gregge).

Gradualmente, e talvolta quasi impercettibilmente, la logica dei blocchi è cambiata. L’appiattimento delle curve è diventato un fine in sé, a parte la capacità ospedaliera. Forse questo era perché il problema dell’affollamento degli ospedali era estremamente localizzato in due distretti di New York mentre gli ospedali di tutto il paese venivano svuotati per i pazienti che non si presentavano: 350 ospedali licenziati i lavoratori”.

La scienza è ciò che dovrebbe essere usato per dettare la politica, ma non è questo che sta accadendo. I test in corso su persone asintomatiche si stanno aggiungendo al problema, poiché i test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) vengono utilizzati anche come giustificazione per tenere bloccate ampie porzioni del mondo.

Il problema è che un test PCR positivo   non significa che sia presente un’infezione attiva. Il tampone PCR raccoglie l’RNA dalla cavità nasale. Questo RNA viene quindi trascritto al contrario nel DNA. Tuttavia, gli snippet genetici sono così piccoli che devono essere amplificati per diventare distinguibili.

Ciò che fa è amplificare qualsiasi sequenza, anche insignificante, di DNA virale che potrebbe essere presente al punto che il test risulta “positivo”, anche se la carica virale è estremamente bassa o il virus è inattivo. Questi casi “positivi” stanno mantenendo viva la narrativa sulla pandemia.

Caso in questione, tra il 22 marzo e il 4 aprile 2020, 215 donne incinte ricoverate in un ospedale di New York City sono state sottoposte a screening al momento del ricovero per i sintomi di COVID-19 e testate per il virus. Solo l’1,9% delle donne presentava febbre o altri sintomi di COVID-19 e tutte quelle donne sono risultate positive.

Delle restanti donne che sono state testate anche se non avevano sintomi, il 13,7% era positivo. Ciò significa che, nel complesso, l’87,9% delle donne risultate positive al test per SARS-CoV-2 non presentava sintomi, 22  e la ricerca travolgente suggerisce che probabilmente non avrebbero trasmesso il virus nemmeno ad altri.

Le maschere sono inefficaci

Cosa dice la scienza sulle maschere per prevenire l’infezione da COVID-19? Il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 persone per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione.

Il “Danmask-19 Trial“, pubblicato il 18 novembre 2020 negli Annals of Internal Medicine, 23 ha  rilevato che tra i portatori di maschere l’1,8% (42 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2, rispetto al 2,1% (53 ) tra i controlli. Quando hanno rimosso le persone che hanno riferito di non aderire alle raccomandazioni per l’uso, i risultati sono rimasti gli stessi – 1,8% (40 persone), il che suggerisce che l’adesione non fa alcuna differenza significativa.

Rational Ground ha anche esaminato i casi COVID-19 dal 1 maggio 2020 al 15 dicembre 2020, in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, con e senza  mandato di maschera . Tra gli stati senza mandato di maschera, sono stati contati 17 casi ogni 100.000 persone al giorno, rispetto ai 27 casi ogni 100.000 persone al giorno negli stati con mandato di maschera 24  – I casi COVID-19 erano più alti nelle aree con mandati di maschera che senza.

I risultati mettono ulteriormente in dubbio l’efficacia delle maschere obbligatorie per prevenire il COVID-19, così come un’indagine caso-controllo su persone con COVID-19 che hanno visitato 11 strutture sanitarie statunitensi. Il rapporto dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha rivelato i fattori associati alla contrazione della malattia, 25  compreso l’uso di coperture facciali in tessuto o maschere nei 14 giorni prima di ammalarsi.

La maggioranza di loro – il  70,6% – ha riferito di aver indossato “sempre” una maschera , ma si è comunque ammalata. Tra gli intervistati che si sono ammalati, 108, ovvero il 70,6%, hanno affermato di indossare sempre una maschera, rispetto a sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “non farlo mai”, e altri sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “raramente “Ha fatto.

Nel complesso, ciò mostra che, degli adulti sintomatici con COVID-19, il 70,6% indossava sempre una maschera e si ammalava ancora, rispetto al 7,8% di quelli che lo facevano raramente o mai. 26

Vedere attraverso la nebbia

Un’abbondanza di prove suggerisce che bloccare l’uso di maschere salutari e obbligatorie per coloro che non hanno sintomi è irrazionale, nella migliore delle ipotesi, e pericoloso, nel peggiore dei casi, considerando che sia le maschere che i blocchi sono associati a  effetti negativi  propri. 27  Secondo Tucker: 28

“Con una solida evidenza che la diffusione asintomatica non ha senso, dobbiamo chiederci: chi prende le decisioni e perché? Di nuovo, questo mi riporta alla metafora della nebbia. Stiamo tutti sperimentando confusione e incertezza sulla precisa relazione tra le strategie e gli obiettivi di una panoplia di regolamenti e stringenze che ci circondano.

Anche la logica è diventata elusiva – persino confutata – poiché la frustrazione e il disorientamento hanno sostituito ciò che ricordiamo vagamente come chiarezza e razionalità della vita quotidiana”.

Vivere in una tale nebbia può intimidire, ma lo scopo di questo articolo non è quello di diffondere più paura ma, piuttosto, di potenziarti con le informazioni. La guerra nella nebbia, dopotutto, non è sempre un impedimento. Può anche essere usato per ottenere un vantaggio, 29  e  vedere attraverso la nebbia  è il primo passo per vincere la guerra.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld

A-L-E-X-A … PARLA CON IL CINQUE GI

LA GABBIA DEL CINQUE GI – IL DOCUMENTARIO DI JAMES CORBETT [VIDEO]

Sinossi del documentario di James Corbett -The 5G Dragnet- tradotta in Italiano

Le società di telecomunicazioni si sono lanciate nell’implementazione della tecnologia cellulare di quinta generazione. Ma il mondo del 5G è un mondo dove tutti gli oggetti sono connessi tra loro e continuamente scambiano dati. L’oscura verità è che lo sviluppo di reti 5G e la moltitudine di prodotti connessi che vedremo nascere nelle infrastrutture delle città smart globali, rappresenta la più grande minaccia alla libertà della storia umana.

James Corbett

Introduzione di Giulio Bona, traduttore e doppiatore del documentario:

James Corbett, Canadese di nascita, Giapponese di adozione, giornalista indipendente, analizza molto lucidamente l’attuale stato di questa nuova tecnologia, che si sta sviluppando ultimamente. Mai nella storia c’è stata una repulsione così diffusa tra il popolo, ed alla stessa misura una così grande ostinazione da parte delle multinazionali, per l’implementazione di una tecnologia così inutile, frivola, nociva per la salute, e soprattutto, che distrugge la libertà e la privacy degli individui.

In un mondo dove il cancro ed i tumori sono tra le cause più diffuse di morte, e dove è anche ultra risaputo che le radiazioni sono tra le maggiori cause di queste malattie, oggi ci stiamo impegnando in una saturazione completa dell’etere di onde e radiazioni. Il 5G porterà questo e molto altro, e senza un motivo o un bisogno apparente di questa tecnologia.

Il motivo per molti definiti “complottisti” è la costruzione di un’infrastruttura che raccoglierà costantemente dati in tempo reale sulla normale vita delle persone, questi dati verranno poi trattati dalle raffinatissime intelligenze artificiali, le quali potranno estrarre profili accurati e prevedibili delle persone comuni. Queste informazioni poi chissà dove vengono portate, come vengono elaborate, o chi, magari tra i servizi di intelligence, prende vantaggio da queste stesse informazioni.

Potere prevedere o controllare le persone nella propria intimità è il sogno proibito di tutti i tiranni della storia, probabilmente essi stessi credono che nella storia abbiano sempre fallito perché non potevano prevedere le mosse del popolo così nel dettaglio, così da vicino, se solo avessero potuto…

Be’, oggi si può! La tecnologia di oggi ce lo consente. E questo non è “complottismo”, è un semplice dato di fatto.

Ed io mi chiedo… Ma quale potrebbe essere il motivo primario per questa ostinazione, investimenti e sforzi per: installare decine di migliaia di sensori e trasmettitori, allacciarli tutti a delle strutture centralizzate di raccolta dati, mandare in orbita migliaia di nuovi satelliti, mandare una marea di pubblicità, coinvolgere i politici, trattare con leggerezza o volutamente ignorare gli studi sulla salute, mentire nei progetti dei nuovi dispositivi installando dispositivi nascosti e miniaturizzati dentro di essi (la dottoressa Shoshana Zuboff ha fatto uno splendido studio su questo), inondare il mercato di suddetti dispositivi, stanziare miliardi e spenderli tutti, stanziare altri miliardi e spenderli tutti, corrompere, avere gente nei posti chiave delle autorità di controllo preposte a proteggere il pubblico… è veramente uno sforzo MASTODONTICO per avere i telefonini che vanno più veloce o per fare in modo che il frigo ordini da solo la birra quando sta per finire!

Corbett si focalizza poco sull’aspetto della salute, lui si preoccupa molto di più di ciò che riguarda sia le libertà individuali che la semplice privacy. Tutti i dati raccolti da questi oggetti smart, se usati impropriamente possono diventare letteralmente un incubo distopico per le persone. L’aspetto della salute non va sottovalutato, ma se in futuro queste compagnie ed entità che stanno spingendo per questo, riusciranno a rendere questa tecnologia innocua per quanto riguarda la salute, non ci sarà più alcuna scusa per non fare un uso selvaggio di essa che avvantaggierà solo coloro che sono al potere.

Le persone crederanno di usare queste tecnologie ma sarà l’esatto contrario, queste tecnologie sfrutteranno le persone come risorse. Ma poniamoci anche un’altra domanda: coloro che possiedono oggi queste tecnologie sono davvero meritevoli della nostra fiducia?

Crediamo davvero che Google o Facebook o qualunque società di comunicazione, applichi alcuna etica nelle loro politiche aziendali? Sono compagnie private che (per statuto) vogliono 2 cose: tendere al monopolio sul mercato e fare soldi.

Questo è troppo potere persino nelle mani delle entità pubbliche statali, che in tanti esempi nella storia hanno abusato del proprio potere a discapito del popolo. Figuriamoci se in mano di compagnie private il cui unico scopo è soffocare la concorrenza e riempirsi le tasche. Non credo sia complottismo avere sfiducia di queste entità sia statali che private, ritengo sia molto ingenuo ed incosciente pensare il contrario, historia docet.

La previsione di Corbett è che se questa tecnologia sarà implementata, funzionerà esattamente come una rete da pesca che intrappola le sue prede mentre viene trascinata in mare. In lingua Italiana ho pensato che la “Gabbia”, che si chiude sulla sua preda, fosse una figura retorica equivalente e della stessa efficacia.

Ricordate che la preda viene sempre attratta dentro la gabbia da luci e suoni magici… e bellissimi… e che la preda siamo noi.

Buona Visione.

FONTE

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld