Crea sito

L’anima individuale è un sogno deterministico, di cui non ha controllo.

 

 Foto di dominio pubblico

Gli Umani sono fatti di particelle provenienti da lontane galassie – siamo visitatori Extragalattici della Via Lattea

Magari non ci pensiamo spesso, ma condividiamo una relazione molto speciale con lo spazio…

Molti anni fa, il famoso astronomo e cosmologo Carl Sagan (1934-1996) disse che siamo fatti di polvere da stelle

Oggi sappiamo che è vero. Gli astronomi hanno scoperto che gli umani sono fatti di particelle che provengono da galassie lontane.

Ciò significa che siamo i visitatori extragalattici di quella che pensiamo sia la nostra galassia, la Via Lattea.  

“L’azoto nel nostro DNA, il calcio nei nostri denti, il ferro nel nostro sangue e il carbonio nelle nostre torte di mele, sono state creati all’interno di stelle collassanti.
Siamo fatti di stelle”, disse Carl Sagan.

E’ da molto tempo che gli astronomi sono consapevoli che gli elementi sono stati forgiati nelle stelle che si spostavano da una galassia all’altra, ma trovare il nostro posto nell’universo non è stato facile.

Mentre stavano eseguendo delle simulazioni al computer, gli astrofisici della Northwestern University di Evanston, Illinois – scoprirono che più della metà della materia nella Via Lattea veniva trasportata attraverso i venti intergalattici.

Di conseguenza, ognuno di noi, in parte è fatto di materia extragalattica.

“Dato che una buona quantità di materia di cui siamo formati potrebbe provenire da altre galassie, potremmo considerarci dei viaggiatori spaziali o extragalattici.

È probabile che gran parte della materia della Via Lattea si trovasse in altre galassie, prima di essere espulsa da un vento potente, viaggiare attraverso lo spazio intergalattico e alla fine trovare la sua nuova casa nella Via Lattea”, disse Daniel Anglés-Alcázar, del dipartimento di astrofisica della Northwestern University.

Secondo Daniel Anglés-Alcázar, la metà degli atomi intorno a noi, incluso quelli nel sistema solare, nella Terra e in ognuno di noi, non proviene dalla nostra galassia ma da altre galassie distanti fino a un milione di anni luce.

Anche se nella ricerca volta a determinare il ruolo degli umani sul pianeta Terra, si guarda maggiormente ai libri di storia e alle scoperte archeologiche, ci sono alcuni che guardano le stelle e cercano nel Cosmo le risposte sull’umanità…

 

 

Ad esempio, il dottor Ellis Silver, rinomato ambientalista ed ecologista, ha avanzato una teoria controversa in cui insinua che gli umani si siano evoluti da qualche altra parte nella galassia; per cui siamo degli alieni che vivono su questo pianeta.

Come menzionato in un nostro precedente articolo, le argomentazioni di Silver si basano principalmente sulla nostra fisiologia che lui considera sorprendentemente inadatta e mal equipaggiata per l’ambiente terrestre.

Silver pensa che l’umanità possa essersi evoluta su un altro pianeta e che poi sia stata portata qui come una specie altamente sviluppata.

Inutile dire che la controversa teoria di Silver ha fatto nascere molti dibattiti.

Ora che sappiamo che siamo fatti di stelle, e che le particelle del nostro corpo provengono da galassie lontane, possiamo guardare il cielo riflettendo di più sul nostro ruolo nell’Universo; tuttavia, non abbiamo ancora risolto il mistero del nostro DNA codificato e neppure conosciamo l’identità del “programmatore“…

di Cynthia MacKanzie
dal Sito Web MessageToEagle 
traduzione di Claudiordali  
 

 

 *************************

 

Dio gioca a dadi? Il nostro inconscio decide cosa fare prima che lo sappiamo?

Una delle grandi domande nella storia dell’umanità è quella che riguarda la libertà o il determinismo dell’esistenza umana e dell’universo. Ci sono diversi modi per capire questa domanda. Si suggerisce che l’intero universo è concatenato dalla causalità al punto che se in un dato momento del tempo conoscessimo le posizioni e le velocità di tutte le particelle nell’universo, potremmo calcolare il loro comportamento in qualsiasi altro momento nel tempo. Ciò ha causato a Laplace di dire a Napoleone che non ha visto la figura di Dio in nessun punto del suo sistema: “Non ho bisogno di questa ipotesi”. Una volta che l’universo fu messo in moto, o nelle parole di Stephen Hawking, una volta che il fuoco era stato soffiato alle equazioni, la partecipazione di Dio non era necessaria. L’universo funzionava da solo, come un perfetto orologio svizzero. Da qui la famosa frase di Einstein, “Dio non gioca a dadi”, l’universo è razionale ed è governato da leggi esatte che rendono possibili le previsioni e in definitiva determinano i nostri destini individuali.  
 
Einstein trovò una certa calma nella visione deterministica dell’universo e in uno dei suoi scritti cita Schopenhauer: “Un uomo può fare quello che vuole ma non può volere ciò che vuole”, una frase piuttosto enigmatica che servì Einstein come consolazione, perché secondo lui, lo faceva rilassare e prendere le cose con umorismo, perché alla fine non era responsabile della sua vita, c’era una “volontà”, cieca ma perfettamente intelligente, (la natura stessa, il “Dio di Spinoza”) spostando il cosmo legittimamente. Schopenhauer in The World as Will and Representation ha scritto: “Nessun uomo può fare diversamente come ha fatto e nessuna verità è più certa di questo, che tutto ciò che accade, sia piccolo che grande, necessariamente avviene completamente.” Lo stato delle cose è determinato da ciò che è appena accaduto, dice Schopenhauer, così che tutti gli eventi, dopo tutto, erano già determinati dal primo evento nella catena causale. Perché quel primo stato di cose, arbitrariamente stipulato, avrebbe irrevocabilmente determinato e fissato nella sua origine lo stato che lo ha successo, sia nell’insieme sia nei più piccoli dettagli, questo secondo farebbe lo stesso con il prossimo e così via, per secoli a venire … “Se vuoi mantenere un universo completamente causale, senza il possibile intervento di una divinità o di un’intelligenza trascendente, in un certo modo devi abbandonare l’idea di libertà.  
 
Un’altra lettera per la visione deterministica della realtà viene mischiata dagli esperimenti di Benjamin Libet. Nel suo famoso studio del 1983, Libet ha chiesto a diversi volontari di premere un pulsante nel momento desiderato, osservando un orologio speciale che permetteva loro di osservare il tempo con grande precisione. Comunemente le persone pensavano che stavano decidendo di premere il pulsante 200 millisecondi prima che le loro mani si muovessero – tuttavia, gli elettrodi hanno rivelato che l’attività nel cervello che controlla il movimento si verifica 350 millisecondi prima che venga presa una decisione, che Suggerisce che la nostra mente inconscia è responsabile e “decide” quando premere il pulsante. Alcune persone hanno visto questo esperimento come la prova che non siamo liberi, c’è una determinazione elettromagnetica nei nostri atti di cui non siamo a conoscenza. Il libero arbitrio sarebbe un’illusione post-hoc generata dal cervello.  
 
Lo stesso Libet credeva nell’esistenza di una forma di libero arbitrio. “Il processo di volatilità inizia nel cervello inconsciamente”, scrive, “ma la funzione cosciente potrebbe ancora controllare il risultato, può porre il veto all’atto”. Qui potremmo avere una regressione infinita, perché potremmo dire che anche il veto è iniziato inconsciamente. Ma l’idea di Liber è più sottile, sarebbe un’interazione tra le iniziative deterministiche che sorgono nel cervello e la libera possibilità di eseguirle o di porre il veto su di loro.  
 
Il ruolo della coscienza libera sarebbe, quindi, non iniziare un atto volontario, ma controllare se l’atto si verifica o meno. Possiamo quindi vedere iniziative inconsce per atti volontari come “ribollire nel cervello”. La coscienza volitiva seleziona quindi quale di queste iniziative avanza verso l’atto e che veto e abortisce, senza che l’atto accada.  
 
Libet ha notato che questa intima combinazione di bisogno e libertà, senza cancellarsi l’un l’altro, si adatta alla comprensione della libertà del teismo. L’individuo è soggetto a impulsi che nascono senza essere in grado di controllarli, per esempio, i cosiddetti impulsi della “carne”, ma ha la facoltà di non perseguirli, una capacità che si sviluppa come parte della coltivazione della moralità. Ciò coincide con la nozione che il mondo sia stato creato liberamente da una divinità e che l’uomo sia libero, essendo l’immagine della divinità, ma d’altra parte non è un sovrano completo del mondo, perché il suo essere è stato dato a lui e le leggi del mondo in cui esistono sono state stabilite indipendentemente dalla loro volontà. Non è una questione di pura libertà incondizionata, come vorrebbero alcuni idealisti tedeschi, ma di una libertà che si esercita all’interno di un quadro prestabilito. Un esempio utile potrebbe essere un gioco, ci sono alcune regole che il giocatore deve seguire, alcune che sono addirittura impossibili da violare, ma all’interno di quel quadro ha la capacità di eseguire determinati atti liberamente  
 
Un’altra critica che è stata fatta ai deterministi che interpretano l’esperimento di Libet come la prova che il libero arbitrio non esiste è molto semplice. Questa conclusione dipende dalla premessa che sappiamo cos’è la coscienza e quindi possiamo dire, alla luce dell’esperimento, che le nostre decisioni sono inconsce. Ma la verità è che la scienza non ha una definizione soddisfacente di coscienza. Non sappiamo cosa sia la coscienza, il cosiddetto duro problema della scienza. Sebbene sia fuori controllo, non si può escludere che gli stessi strumenti di misurazione abbiano una qualche forma di coscienza, secondo la nozione di panpsichismo, o che siano influenzati dalla coscienza della persona esperta.
 
“Come possiamo stabilire che questi eventi accadono millisecondi prima delle loro controparti coscienti se non sappiamo in cosa consista questa controparte conscia? Come possiamo quindi tradurre quegli eventi neuronali in termini di coscienza?”, Commenta Roberto Calasso in Incompatible News. In altre parole, l’esperimento parte dal presupposto che la coscienza è un evento che si traduce in segnali elettrici che possono essere misurati e solo quello. Qualcosa che non è stato dimostrato molto meno.
 
In contraddizione con l’idea di Einstein. Stephen Hawing ha detto che Dio gioca a dadi. Hawking sottolinea che, nel caso del principio di indeterminazione, almeno era ancora possibile prevedere una combinazione di posizione e velocità (un calcolo di probabilità). Ma con ciò che è stato scoperto intorno alla fisica dei buchi neri, anche questo scompare. Una teoria suggerisce che l’informazione di una particella che cade in un buco nero può essere persa – e quindi non siamo in grado di calcolare la posizione o la velocità di un’altra particella con cui è intrecciata – che rovina la nozione di universo prevedibile e deterministico. Secondo Hawking: “Einstein aveva doppiamente sbagliato … Non solo Dio gioca a dadi, ma a volte ci confonde gettandoli dove non possiamo vederli”. A sua difesa, va detto che Einstein era consapevole di questi problemi e credeva che l’apparente casualità dell’universo fosse solo un comportamento statistico non fondamentale per le leggi dell’universo e che avrebbe dovuto essere spiegato in futuro con una teoria delle variabili nascoste (il fisico David Bohm ha postulato un’interessante alternativa che, tuttavia, non è stata accettata dalla comunità scientifica).
 
Una famosa interpretazione della meccanica quantistica suggerisce che ciò che realmente esiste non sono particelle con una determinata posizione e velocità, ma piuttosto ondate di probabilità dalle quali si originano casualmente – o da un processo misterioso – o dalla realtà che sperimentiamo. Finché non viene fatta un’osservazione, tutti gli stati si sovrappongono. Ancora più radicale, la “teoria dei multiversi” suggerisce che con ogni decisione o misura viene creato un universo parallelo. 
 
Una soluzione interessante a questo problema è postulata dal Vedanta. Il mondo è governato dal karma, equivalente alla causalità, con l’aggiunta dell’intenzione mentale. Ogni evento che viviamo è il risultato dei nostri atti precedenti, ai quali siamo soggetti da un tempo immemorabile. Ma il mondo stesso è un’illusione. L’individuo non è chi pensa di essere. Vive avvolto nella maya, l’illusione di essere un’anima individuale in un corpo. In realtà non è il karma o la causalità che lo lega, ma la sua ignoranza. Una volta che si risveglia alla conoscenza della sua vera natura, il sogno della causalità viene annullato. Questo risveglio è codificato nel riconoscimento della frase della Upanishad: Tat tvam asi, tu sei quello. Vale a dire, l’essere che pensa che esista in un corpo nella realtà è tutto, nulla esiste al di fuori di esso. Il mondo è un sogno. Dal punto di vista dell’anima individuale è un sogno deterministico, di cui non ha controllo. Dal punto di vista dell’Atman, il mondo è il suo sogno, e il momento in cui riconosce questo si risveglia.

 

In una seconda parte di questo articolo, che dovrebbe rimanere incompiuta proprio a causa della complessità del problema, considereremo la nozione indù del tempo come un “lancio di dadi”.

Fonte: https://pijamasurf.com/

  *************************

L’intuizione è la più alta forma di intelligenza, secondo lo psicologo
Di Mayukh Saha / Teoria della verità
 

Secondo Gerd Gigerenzer, che lavora presso l’Istituto Max Planck per lo sviluppo umano, la vera intuizione sta avendo l’istinto necessario per capire su quali conoscenze dobbiamo concentrarci e su cosa possiamo permetterci di dimenticare.

Nel suo lavoro “Gut Feelings: The Intelligence of the Unconscious”, Gerd spiega come l’intuizione e la razionalità possano andare di pari passo usando se stesso come esempio. Mentre è immerso nella sua ricerca, spesso ha una sensazione che di solito porta avanti perché sa solo che gli darà la risposta. Ma controlla anche due volte usando formule scientifiche per capire le ragioni dietro le sue intuizioni. Ma quando si tratta di questioni personali, si dedica esclusivamente a ciò che la sua intuizione gli dice.

Allora, dove sta l’intuizione? Non è stato formalmente riconosciuto come intelligenza. Cosa significa questo per una persona che ha un’intuizione più acuta?

L’intuizione è una forma di intelligenza, ma ha bisogno di andare insieme ad altri fatti. Chi possiede già la curiosità intellettuale e è disposto a lavorare sodo per imparare di più è sicuramente intelligente. Non puoi semplicemente sederti e aspettare che la conoscenza ti colpisca. È necessario guidare l’esplorazione di un argomento e esaminarne tutti gli aspetti. Quando la tua intuizione ti dà una sensazione allora, quella è sicuramente una forma di intelligenza e molto importante per quello.

Un modo per capire l’intuizione è guardarla come se avesse una comprensione dell’intelligenza collettiva. Se guardiamo al modo in cui il world wide web viene messo insieme, l’organizzazione dei siti dipende dall’intuizione, in modo che gli utenti siano in grado di comprendere meglio il loro funzionamento e possano facilmente orientarsi. Ci sono voluti anni per sviluppare questo concetto di rimozione di informazioni non necessarie per essere compreso. Internet era un tempo abbastanza caotico prima.

Secondo Theo Humphries, affinché un progetto sia vero basato sull’intuizione, deve essere capace di essere compreso anche quando non ci sono tutorial. Gli utenti devono essere in grado di capirlo perché deve far parte dell’intelligenza collettiva che tutti condividiamo.

Quando l’intuizione e la disciplina vanno di pari passo, si ottengono risultati straordinari. Le basi di ogni argomento devono essere apprese, la logica deve essere ricercata e la tua intelligenza deve essere esercitata affinché la tua intuizione sia veramente potente. Più studi, più intensa sarà la tua intuizione. Non puoi semplicemente oziarti in giro e poi essere offeso quando gli altri non si fidano del tuo istinto, perché sono solo un colpo nell’oscurità.

Molti di noi avrebbero sentito parlare della teoria di Einstein sull’intuizione. Credeva che l’intuizione fosse un dono e la razionalità un servitore. La società tende a lodare il servo ma dimentica che il dono esiste. Ci sono momenti in cui la tua razionalità ti può condurre lungo la strada sbagliata, quindi avrai bisogno della tua intuizione per riportarti in carreggiata. Se senti che qualcosa non va, è la tua mente intuitiva che ti avverte che devi pensare in un modo diverso.

Coloro che sono intelligenti prestano attenzione a questi avvertimenti. I migliori tra noi usano questo istinto per correre grandi rischi e sono quelli che hanno veramente successo. Disciplinare il tuo intuito è la chiave.

Credito immagine: 123RF

 

Shemsu Hor – ultima parte

 

Shemsu Hor, gli architetti celesti della grande Sfinge, un monumento di 800.000 anni

by Ancient Code

C’è qualcosa che ci dice che la cronologia ufficiale della storia umana è completamente sbagliata. Ci sono scoperte che incriminano, c’erano altre civiltà dprima di noi sulla terra, civiltà che avevano conoscenza e tecnologia di gran lunga superiore a quello che abbiamo oggi, una società sofisticata che potrebbe rispondere ai numerosi enigmi che circondano le nostre civiltà e la storia antica.

Detto questo, devo dire che senza dubbio i seguaci di Horus restano come uno dei più grandi e misteriosi enigmi per i ricercatori e gli storici quando si tratta della storia egiziana. Questi esseri mitici, citati nel papiro di Torino, nella stele di Palermo e in altri testi antichi, raccontano la storia inquietante che alcuni ricercatori mainstream hanno classificato solo come “inquietante” e nient’altro che racconti i mitologici vuoti, la sorprendente verità però è più lontana.

Il riferimento ai misteriosi ‘esseri’ può essere trovato in diversi testi. Impariamo la loro esistenza nell’antico Egitto prima della prima dinastia di Faraoni. Per gli egittologi, questi esseri sono entità mitologiche, il risultato di ‘storie selvagge’ che sono state prese fuori dal contesto da molti, eppure la loro esistenza sembra essere di estrema importanza.

Un recente studio “controverso” della grande Sfinge d’Egitto ha sfidato i principali reperti archeologici sulla sua età, origine e costruttori. Lo studio presentato alla conferenza internazionale di Geoarcheologia e Archaeomineralogia tenutasi a Sofia intitolato: aspetto geologico del problema di datazione la grande costruzione della Sfinge egiziana, suggerisce una teoria controversa e rivoluzionaria indicando che la grande Sfinge d’Egitto potrebbe avere almeno 800.000 anni. (Fonte)

Secondo Manichev e Parkhomenko, gli autori dello studio, “Il problema della datazione della costruzione della grande Sfinge egiziana è ancora valido, nonostante la storia a lungo termine della sua ricerca. L’approccio geologico in connessione ad altri metodi scientifici-naturali permette di rispondere alla domanda circa l’età relativa della Sfinge. L’indagine visiva condotta della Sfinge ha permesso la conclusione circa l’importante ruolo dell’acqua da grandi corpi idrici che parzialmente allagato il monumento con formazione di cavità a taglio d’onda sulle sue pareti verticali.” (Fonte)

“La morfologia di queste formazioni ha un’analogia con simili cavità formate dal mare nelle zone costiere. La somiglianza genetica delle forme di erosione confrontata e la struttura geologica e la composizione petrografica dei complessi rocciosi sedimentari portano alla conclusione che il fattore decisivo di distruzione del monumento storico è l’energia delle onde piuttosto che l’abrasione della sabbia nel processo eolico. La voluminosa letteratura geologica conferma il fatto dell’esistenza di laghi di acqua dolce di lunga durata in vari periodi del Quaternario dal Pleistocene inferiore all’Olocene. Questi laghi sono stati distribuiti nei territori adiacenti al Nilo. Il segno assoluto della cavità superiore grande erosione della Sfinge corrisponde al livello di superficie dell’acqua che ha avuto luogo nel Pleistocene precoce. La grande Sfinge egiziana era già in piedi sull’altopiano di Giza da quel tempo geologico (storico).”

Ciò significa che la storia come la conosciamo, quando si tratta dell’antico Egitto ha bisogno di un aggiornamento urgente, un aggiornamento che può accogliere le nuove teorie e prove postulati dai ricercatori che hanno deciso di interrogare le opinioni ufficiali e cercare spiegazioni alternative.

Ci sono numerosi ricercatori che non sono d’accordo con le opinioni mainstream sull’egittologia. Questi “pensatori alternativi” credono che l’antica civiltà egizia sia molto più vecchia di quella che ci sta dicendo la storia tradizionale, e Gaston Maspero, una delle personalità più influenti dell’Egittologia, ha sollevato una domanda importante nelle vedute principali della storia degli antichi egizi.

Da dove provengono gli antichi egiziani? Qual è la loro vera origine? Maspero è stato in grado di combinare con incredibile abilità un profilo di esploratori con quello di archeologi esperti e ha concluso che le persone che hanno creato questo sofisticato ‘corpus di credenze’ erano già presenti nel moderno Egitto molto prima delle prime dinastie dei faraoni ‘mortali’ governatori delle terre dell’antico Egitto.

Per comprendere l’origine, le credenze e le incredibili storie che stanno dietro agli antichi egiziani, dobbiamo cambiare i nostri metodi di pensiero e guardare la nostra storia da una prospettiva completamente diversa.

Gaston Maspero, ha visitato l’Egitto nel 1880 come parte della missione francese nel paese, e come molti altri prima e dopo di lui, Maspero è stato ipnotizzato dalla bellezza immensa dell’altopiano di Giza, le piramidi e soprattutto la grande Sfinge, un monumento che lo sconcertato. Dopo questo viaggio, Maspero ha fatto enormi sforzi per studiare tutto ciò che riguarda l’antica civiltà egizia…

“… La grande Sfinge Harmakhis ha montato la guardia sulla sua estremità settentrionale fin dai tempi dei seguaci di Horus. Scavata dalla solida roccia all’estremo margine dell’altopiano, sembra alzare la testa in modo che possa essere il primo a vedere attraverso la valle il sorgere del padre, il sole. Solo il generale out-line del leone può ora essere tracciato nel suo corpo indossato dal tempo. La parte inferiore della testa è caduta, in modo che il collo appare troppo sottile per sostenere il peso della stessa testa. – L’alba della civiltà: Egitto e Chaldea, 1894 (fonte)

Alcune delle credenze di Maspero potrebbero sembrare sorprendenti per molti archeologi e ricercatori, ma Maspero semplicemente rifletteva le credenze e gli antichi egiziani in relazione ai loro antenati, sottolineando l’importanza dell’Egitto pre-dinastico e il tempo dei Seguaci di Horus, la razza di esseri semi-divini che governavano le terre dell’antico Egitto prima dei faraoni mortali.

Ma molto prima di Maspero, altri hanno guardato indietro alla storia degli antichi egizi da un punto di vista completamente diverso.

Manetho (III secolo A.C.), era un sacerdote e storico egiziano che visse durante il Regno di Tolomeo I e Tolomeo II. Egli, come molti altri dopo di lui, si riferì a questi dèi e semidei che governarono l’Egitto nella sua opera Aegizitiaca (storia dell’Egitto).

Manetho stabilì quattro dinastie prima di Menes, due degli dei, semidei e una quarta transizione che suggerisce l’origine della civiltà egiziana può essere attribuita a 7 divinità principali: Ptah, RA, Shu, geb, Osiride, Seth e, Horus, che governarono le terre dell’Egitto per un periodo di 12.300 anni. Dopo di loro, una seconda dinastia governò l’antico Egitto guidato da Toth, composto da 12′ faraoni divini’ che governarono più di 1500 anni e dopo di che 30 semidei salivano al potere, questi erano di solito identificati con i seguaci di Horus e sono stati simbolizzati come Falconi e governarono le terre dell’antico Egitto per un periodo di 6.000 anni. Dopo la venuta di questi esseri “ultraterreni”, Chaos governò le terre d’Egitto fino a quando Menes riuscì a ristabilire l’ordine e unificò la terra dell’antico Egitto.

I seguaci di Horus… veri esseri divini che governavano l’antico Egitto? Immagine di credito yigitkoroglu DeviantArt

Il più noto riferimento ai seguaci di Horus si trova nel canone reale di Torino, un papiro frammentato che ci dice, che questi esseri misteriosi governarono l’Egitto per circa 6.000 anni, in un periodo intermedio tra il Regno degli dei e le prime dinastie dei faraoni. Questo prezioso testo antico conservato nel Museo Egizio di Torino, in Italia è anche indicato come il papiro reale di Torino e contiene letteralmente una lista di governanti dell’antico Egitto, prima e dopo ‘i seguaci di Horus’ che hanno governato le terre dell’antico Egitto. L’antico documento contiene una lista dei governanti dell’antico Egitto da Menes (o Narmer) alla travagliata XVII dinastia. Anche se l’inizio e la fine della lista è persa, sul retro del papiro c’è un elenco dettagliato degli antichi governanti Egizi dove vengono visualizzati (prima del ‘primo faraone mortale’), governanti dell’antico Egitto che erano ‘divini’ o ‘semi-divini’ e non erano esseri umani mortali come Menes.

È interessante notare che, secondo il sito Web Gigalresearch, è stato il ricercatore e filosofo Schwaller de lubicz (1887-1961) che, generalmente ha “imposto” la traduzione degli “shemsu Hor” come “seguaci di Horus”, che è stato ripreso allora da migliaia di altri. Egli ha così capito che le persone molto avanzate arrivarono in Egitto in epoca preistorica e improvvisamente hanno portato tutta la conoscenza.

Una delle domande più grandi è… come gli studiosi dovrebbero interpretare il canone reale di Torino? E gli esseri misteriosi che governarono l’Egitto prima del tempo dei faraoni? Erano questi esseri veri, governanti in carne e ossa? O erano solo dei governanti mitologici che non esistevano?

Gli archeologi tradizionali sembrano minare il significato storico di questo testo antico incredibilmente prezioso, ignorando completamente i contenuti che non rientrano nelle loro opinioni della storia. La ragione dietro è semplice, se il testo antico non è d’accordo con la loro versione della storia, deve essere irrilevante, falso, o costituito.

Questo, tuttavia, non è esclusivo di testi antichi che sfidano la storia, la stessa cosa è fatta con i ricercatori che mettono in discussione le viste archeologiche mainstream, in quella lista possiamo trovare i ricercatori come Robert Schoch, John Anthony West, Robert Bauval, Graham Hancock e Semir Osmanagic che hanno interrogato non solo la storia, ma i fondamenti fondamentali della nostra società.

Mentre oggi, nessuno può dire con precisione chi ha costruito le piramidi di Giza né la grande Sfinge, è fermamente creduto e accettato da molti che questi incredibili monumenti dell’altopiano di Giza anteriori l’antica civiltà egiziana da migliaia se non, centinaia di migliaia di anni. È molto possibile, secondo molti ricercatori, che i seguaci di Horus e coloro che hanno governato prima di loro avrebbero potuto creare alcuni dei monumenti più enigmatici che vediamo oggi in Egitto.

Se abbiamo imparato qualcosa dagli antichi testi e autori menzionati in questo articolo è che gli studiosi di oggi sono diventati estremamente selettivi, accettando solo ciò che si inserisce nella loro visione ‘stretta’ della storia umana, rifiutando e rassicurando potenziali teorie che potrebbero rivoluzionare tutto ciò che conosciamo sulla storia dell’umanità. La prova dell’approccio selettivo degli studiosi mainstream è il fatto che gli egittologi di oggi usano ancora la datazione di Manetho, che è considerata perfettamente affidabile per tutto ciò che riguarda le dinastie riconosciute “ufficialmente”, evitando qualsiasi cosa che si riferisce alle dinastie preistoriche.

Fonte e riferimenti:

QUI QUI QUI QUI QUI QUI

Pubblicato su https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

Gli Akhu-Shemsu-Hor (I seguaci di Horus)

SHEMSU-HOR II PARTE
SHEMSU-HOR PARTE III
“Zep Tepi”
 

CHI SEI? – WHO ARE YOU?  

®wld

Cosa succede se il governo è il tuo dottore?

 

Sei Malato: l’intelligenza artificiale si prepara a subentrare all’assistenza sanitaria

L’IA sta invadendo tutte le aree del settore sanitario: sala esami, diagnosi, prognosi, opzioni ed esclusioni di trattamento, gestione HMO, assegni di assicurazione sanitaria, ecc. La prossima volta che vai in uno studio medico, nota quanti dati stanno raccogliendo su di te! ⁃ Editor TN  

Il paziente soffre di dolori addominali, insieme a sintomi in sedi atipiche, il che rende difficile la diagnosi. Un esame accurato rivela la causa: una forma insolita di appendicite. Tuttavia, il credito non va al radiologo. Invece, una macchina di immagini costruita con la tecnologia dell’intelligenza artificiale, che può attingere alla conoscenza di decine di milioni di scansioni simili, riconosce l’anomalia e fa la diagnosi.

Quello scenario non è più roba da fantascienza. Pressato per ridurre i costi e aumentare la produttività, i produttori di apparecchiature medicali e le società tecnologiche stanno investendo sempre più in AI. Molti di questi sistemi esistono già e la crescita potrebbe aumentare nei prossimi anni, in particolare nel campo delle immagini diagnostiche.

“Basandoci sulla nostra analisi delle capacità dell’IA e sulle discussioni con i dirigenti e gli esperti del settore, stiamo assistendo a numerose applicazioni nell’intero spettro dell’assistenza sanitaria, dalla prevenzione alla diagnosi al follow up”, afferma Michael Jungling, a capo di Morgan Stanley Il team di ricerca e tecnologia medica.

In un recente rapporto, Jungling e i suoi colleghi hanno scoperto che, mentre gli ostacoli allo sviluppo e al dispiegamento dell’IA di MedTech erano in arrivo, comprese le domande sulla regolamentazione e sulla privacy dei dati dei pazienti, l’implementazione efficace dell’IA sul campo potrebbe aumentare la produttività, ridurre i costi di trattamento e guidare la crescita attraverso la catena del valore sanitario.

Morgan Stanley stima che il mercato globale dell’IA nell’assistenza sanitaria potrebbe aumentare da $ 1,3 miliardi oggi a $ 10 miliardi entro il 2024, con un tasso composto annuo del 40%. Per gli investitori, le grandi aziende MedTech e fornitori di attrezzature, così come i fornitori di tecnologia di intelligenza artificiale e gli emergenti perturbanti delle startup potrebbero presentare opportunità.

AI, Machine che apprendono e MedTech

L’IA mira a imitare i processi cognitivi umani, come l’apprendimento e il ragionamento tramite algoritmi e grandi serie di dati. Il metodo più diffuso è l’apprendimento automatico, in cui un modello viene formato su un set di dati, ad esempio le scansioni intestinali di milioni di pazienti, per analizzare e classificare in modo indipendente nuovi set di dati. Più il volume dei dati è complesso e ampio, più aumenta la capacità di ragionamento cognitivo del modello.

L’IA medica ha un grande potenziale, dalla gestione della dialisi all’ottimizzazione del dosaggio del paziente alla diagnosi precoce della malattia. Tuttavia, molto dipende dalla potenza e dal design dell’IA stessa. “Le tempistiche per l’adozione di MedTech abilitato all’IA saranno probabilmente determinate dai vantaggi economici tangibili prodotti dal prodotto e dalla facilità di usabilità e integrazione nei flussi di lavoro esistenti”, afferma Jungling.

Siamo ancora nelle prime fasi. Con distribuzioni relativamente modeste di intelligenza artificiale, come l’intelligenza assistita, che aiuta a ridurre i processi manuali e le attività semplici, ma ripetitive, come la pianificazione degli appuntamenti, lasciando più tempo al personale medico specializzato per lavori specializzati e generatori di entrate.

Forme di intelligenza artificiale più avanzate potrebbero aiutare i professionisti del settore medico a prendere decisioni, valutando le immagini diagnostiche e creando piani di trattamento. Questa forma di intelligenza artificiale, conosciuta come apprendimento automatico senza supervisione, può valutare i dati grezzi non strutturati e cercare i modelli. “Tale funzionalità potrebbe portare a notevoli miglioramenti della produttività, specialmente in contesti clinici in cui la fornitura di professionisti altamente qualificati è limitata”, afferma Jungling.

AI potrebbe alla fine eseguire compiti come la diagnostica senza input da parte dell’utente, ma tali scenari rimangono in fondo alla strada.

Leggi la storia completa qui …

Fonte:  https://www.technocracy.news/

 

Quando l’assistenza sanitaria è gestita dai tecnocrati, non ammalarti!

 Postato da: Dr. Jane Orient, M.D. 

L’intero settore dell’assistenza sanitaria è stato interrotto da cima a fondo dai tecnocrati che ritengono che i loro programmi di IA conoscano meglio il modo in cui trattare rispetto al proprio medico. ⁃ Editor TN

Le persone erano solite sapere chi era il loro dottore. Il suo nome e il numero di telefono erano sul muro o sul frigorifero accanto al telefono. Era lì per te e poteva gestire la maggior parte dei tuoi problemi.

Quando avevo circa 13 anni, mia madre mi portò dal nostro pediatra per il dolore della pancia. Stava per uscire dalla porta, ma si fermò per prendersi cura di me. Ha diagnosticato un’appendicite basata sulla storia e sull’esame fisico. Chiamò il suo chirurgo preferito (“Billy”, una leggenda di Tucson), che venne dal campo da golf per incontrarmi al pronto soccorso. In poche ore, la mia appendice arroventata era in un barattolo. I miei genitori pagarono la bolletta dell’ospedale ($ 150-10 giorni di paga per un operaio edile) poiché fui dimesso pochi giorni dopo.

Oggi, il paziente con dolore addominale potrebbe aspettare per ore per vedere il fornitore di ER, possibilmente un infermiere o un assistente medico che non ha mai visto un caso di appendicite acuta. Probabilmente riceverà una scansione TC, dopo un’altra attesa. Alla fine, il Dott. Un servizio di guardia potrebbe portarla in sala operatoria, si spera prima che l’appendice si rompa. E il conto sarà al di là dei mezzi della gente comune.

Ero in grado di dirigere direttamente i pazienti dal mio ufficio e inviarli con una serie di ordini all’ufficio di ammissione dell’ospedale. Per anni, questo è stato impossibile. L’ospedale è decisamente ostile ai medici indipendenti. Ora c’è un guardiano nel pronto soccorso e la maggior parte dei pazienti è sotto il controllo di un ospedale.

Questo ospedale, ancora cattolico, almeno di nome, è ora di proprietà di un enorme conglomerato nazionale. Recentemente, ha ostacolato tutti gli sforzi per impedirgli di disidratare un paziente fino alla morte nonostante la mancanza di una direttiva anticipata o il permesso dei parenti più prossimi. La madre del paziente ha contestato la diagnosi di morte cerebrale. Il gastroenterologo di sua scelta era disposto e in grado di posizionare un tubo di alimentazione, necessario per trasferire il paziente in una struttura infermieristica specializzata, ma l’ospedale non lo permetteva. Un medico esterno che la madre aveva chiamato è stato rimosso dalla stanza del paziente dalla sicurezza, quando stava semplicemente pregando con la madre. La madre non ha potuto ottenere una telefonata restituita da un medico curante. Chi era il dottore? Apparentemente, il sistema ospedaliero.

Recentemente, un medico mi ha chiamato su sua madre, che era apparentemente prigioniera in un ospedale di fama mondiale. Era preoccupata per lo stato nutrizionale della madre e il calo del livello di ossigeno. Non poteva parlare con il medico curante. “Suonano medici musicali”.

In gran parte guidato dalla politica del governo, il sistema è sempre più in controllo. Un nuovo livello di intrusione viene proposto in California in una legge (SB276) che metterebbe fuori legge tutte le esenzioni mediche per i vaccini, a meno che un funzionario della sanità pubblica non approvi ognuno, sulla base della lista molto ristretta delle controindicazioni accettate dai Centri per il controllo delle malattie e Prevenzione (CDC).

I medici tradizionalmente hanno giurato di non recare danno ai pazienti, e sono responsabili se lo fanno. Ma i funzionari governativi sono immuni dalla responsabilità, anche se hanno la precedenza su un giudizio del medico che un particolare paziente deve affrontare un rischio inaccettabile di danno da un vaccino.

Se non sei d’accordo con il tuo medico privato, puoi licenziarlo o semplicemente rifiutarti di seguire il suo consiglio. Ma cosa succede se il governo è il tuo dottore?

In Arizona, le forze dell’ordine in attrezzature tattiche hanno fatto irruzione in una casa in cui i bambini dormivano, sono entrati con le armi e hanno portato via tre bambini ai loro genitori. La ragione dichiarata: la madre aveva deciso di non seguire il consiglio di un medico per portare il bambino di 2 anni al pronto soccorso per la febbre, perché la febbre si era abbassata e il bambino stava molto meglio subito dopo aver lasciato l’lo studio medico. La preoccupazione principale sembrava essere che il bambino non fosse stato vaccinato.

Gli americani hanno bisogno di difendere il loro diritto di avere un medico indipendente, di scegliere il proprio medico e il tipo di assistenza, e di dare o negare il consenso informato alle cure mediche. Altrimenti, il loro “dottore” sarà un protocollo in un sistema formato da automi intercambiabili. I trattamenti saranno inaccessibili o richiesti, adattati per soddisfare le esigenze e le convinzioni del sistema.

Se il governo è l’autorità suprema per la tua “assistenza sanitaria”, ricorda che i suoi strumenti per verificare se un bambino ha una malattia potenzialmente letale come la meningite includono arieti e fucili d’assalto.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Riscrivere i nostri Libri di Storia

 

È forse una bugia tutto quello che ci è stato detto sulle origini umane e sulla storia?

di Ivan   

No, non abbiamo tutte le risposte agli innumerevoli enigmi che hanno sconcertato gli esperti per innumerevoli decenni, ma abbiamo quello che molti considerano ‘prove’ che le origini umane e la nostra storia sono tutt’altro che complete. Qui elencati sono solo alcune delle tante scoperte che spingono la nostra comprensione delle origini umane, antiche civiltà e la vita sulla terra al limite. Forse è il momento di un aggiornamento tanto necessario, che spiega quante di queste scoperte siano possibili.

È come se vi fosse una massiccia copertura in atto che impedisca agli esperti mainstream di indagare più profondamente su certe scoperte.

La verità è che le scienze tradizionali non sono riuscite ad affrontare e spiegano innumerevoli scoperte che sono state fatte sulla terra in passato.

Ogni scoperta — quando parliamo di antichi resti umani — sembra spingere sempre più le origini umane indietro nel tempo ogni volta.

Non molto tempo fa, gli scienziati hanno trovato la prova che una specie umana in precedenza sconosciuta e a lungo perduta viveva sulla terra e che era intercresciuta con gli esseri umani migliaia di anni fa. Il ricercatore introdotto in biologia molecolare ed evoluzione ha fatto una scoperta controversa che cambia quello che ci è stato detto circa i nostri antenati.

Tuttavia, questa è solo una delle molte scoperte recenti che hanno spinto i limiti delle origini umane a un punto in cui abbiamo bisogno di riscrivere molto di ciò che abbiamo pensato dei nostri antenati.

In Australia, gli esperti hanno scoperto come gli esseri umani si stabilirono in Australia circa 65.000 anni fa, riscrivendo efficacemente i libri di storia. Questa scoperta smacca completamente precedenti stime iniziali che hanno messo l’occupazione umana in Australia circa 45.000 anni fa.

Ma c’è di più.

Se prendiamo un breve viaggio nel continente africano, troveremo tracce di antiche impronte umane di 3,6 milioni anni.

Nel 2016, gli scienziati hanno trovato 13 impronte che secondo l’analisi risalgono a un sconcertante 3,6 milioni anni fa.

Scoperte nell’odierna Tanzania, le antiche impronte umane sono state conservate grazie, ad una regione che a quel tempo era ricoperta di cenere vulcanica bagnata, dove i nostri antenati camminarono per tutta l’area milioni di anni fa.

Dall’Africa, andiamo in Siberia dove gli archeologi hanno trovato un dente di una giovane ragazza che viveva lì circa 128.000 anni fa.

Ciò che è affascinante di questa scoperta è il fatto che è stata salutata come una delle più antiche specie umane conosciute recuperate in Asia centrale e si crede che possano essere più vecchie di almeno 50.000 e 100,00 anni del primo fossile noto Denisovan. Stupendo giusto? Ma come probabilmente sapete, c’è molto di più.

Un osso della coscia scoperto intorno a 80 anni fa è stato recentemente messo a una serie di test che hanno dimostrato come un vecchio fossile di 124.000-anni-di Neanderthal-scavato in Germania dalla grotta Hohlenstein-Stadel-contiene il DNA moderno. Gli scienziati ritengono che ciò dimostri come la migrazione “fuori dall’Africa” si sia verificata molto prima di quanto gli esperti pensassero — circa 270.000 anni fa, il che significa che dobbiamo riscrivere – ancora una volta – molto di quello che pensavamo di sapere sull’umanità.

Un’altra scoperta che si è piegata alla mente è stata fatta in Marocco quando gli esperti hanno recuperato ossa di 300.000 anni che hanno fatto luce sull’evoluzione dell’ Homo sapiens, e mostrano come la nostra specie si sia evoluta molto prima, almeno circa 100.000 anni prima, che precedentemente creduto, riscrivendo efficacemente la storia dell’umanità di nuovo.

Poi, troviamo anche come gli esperti hanno dimostrato che l’Europa era il luogo di nascita dell’umanità e non l’Africa come creduto per decenni.

I ricercatori hanno trovato un fossile di 7,2 milioni anni che dimostra come l’uomo moderno abbia avuto origine nel Mediterraneo e non in Africa.

Ma prendiamoci una pausa dalle origini umane e diamo un’occhiata alle innumerevoli strutture che si trovano in tutto il mondo, che sfidano completamente la nostra comprensione delle antiche civiltà e delle loro capacità tecnologiche migliaia di anni fa.

In primo luogo, diamo un’occhiata alla grande piramide di Giza e l’antica civiltà egiziana.

La grande piramide di Giza è rimasta un enigma per gli esperti che hanno studiato il monumento per oltre cento anni. Nessuno sa con certezza come è stata costruita, né chi esattamente l’habbia costruita. Molti punti ci portano verso Khufu come il suo costruttore, ma gli esperti non sembrarano  pienamente d’accordo.

Poi c’è l’incredibile precisione incorporata nella struttura, è la piramide più accuratamente allineata in esistenza e affronta il Nord vero con solo 3/60 di un grado di errore. Capita anche di trovarsi al centro della massa terrestre, ed è l’unica piramide a otto facce conosciuta in Egitto.

Passando dalla piramide diamo un’occhiata alle capacità degli antichi egiziani e se erano molto più avanzati di quello che li accreditano oggi.

Antiche mummie egiziane hanno dimostrato di contenere tracce di tabacco e cocaina — piante che in quel momento sono state trovate solo a crescere nelle Americhe. Allora, come sono finito in Egitto? Una spiegazione è che l’antica civiltà egiziana era in grado di viaggi transoceanici migliaia di anni fa.

Abbiamo anche i glifi Gosford in Australia che sono fondamentalmente antichi geroglifici egiziani inscritti in pietra al Brisbane Water National Park, Kariong. Si ritiene che le sculture in pietra 250 sono state parte del folklore locale della zona per oltre un secolo, il che significa che non è qualcosa che è stato scoperto di recente. I glifi Gosford sono un argomento molto controverso, e molti egittologi moderni li hanno categorizzati come una bufala elaborata, soprattutto a causa del fatto che sono ben… Situati in Australia.

Questi sono i glifi Gosford.

Ma ci sembra anche di avere “strumenti” che risalgono a un tempo in cui non avrebbe dovuto essere nessuno sulla terra secondo gli studiosi mainstream.

Un esempio è un martello di 400 milioni anni scoperto nella città di Londra, Texas, USA, in 1934. Si crede che il capo del martello sia stato costruito con una purezza di ferro realizzabile solo con la tecnologia moderna. I test hanno mostrato come la testa del controverso martello è fatta del 97% di ferro puro, 2% per cento di cloro e 1% percento di zolfo. Non può essere reale, vero?

In Cina, abbiamo scoperte più curiose. I tubi di Baigong di 150.000 anni sono considerati da molti come la prova di una civiltà tecnologicamente avanzata che esisteva nella regione centinaia di migliaia di anni fa.

Gli esperti indicano come non è stato possibile identificare l’8% del materiale nelle tubazioni. I tubi divennero popolari quando nel 2007, il più grande giornale statale in Cina pubblicò un articolo su di loro.

Ma ci sono più polemiche là fuori. Diamo un’occhiata all’antica lista dei re Sumeri che afferma come “… In 5 città 8 re; governarono per 241.200 anni. Poi il diluvio li spazzati via…” ma … come sulla terra possono 8 re vivere e governare per 241.200 anni? Erano immortali? alieni? Leggi di più qui.

Abbiamo anche il Megalith di al-Naslaa che è una roccia massiccia, divisa a metà come se un laser di precisione l’avesse tagliata in piedi nel mezzo del deserto. Questa incredibile roccia si trova all’oasi di Tamya in Arabia Saudita. Le due pietre divise a metà hanno creato confusione tra gli esperti fin dalla loro scoperta. Alcuni dicono che è stato creato naturalmente, mentre altri mantengono la tesi della tecnologia avanzata che è stata utilizzata per dividere le rocce con tale precisione.

Roccia tagliata come fosse stato usato un laser di precisione.

E come stiamo coprendo tali siti controversi non possiamo lasciare fuori Puma Punku.

Puma Punku è un antico sito archeologico situato 45 miglia a ovest di La Paz, nascosto in profondità nelle montagne andine. Questo antico sito presenta alcune delle più grandi-intricate pietre intagliate nelle Americhe.

Secondo l’analisi, uno dei più grandi blocchi di pietra trovato a Puma Punku è di 7,81 metri di lunghezza, e di 5,17 metri di larghezza, medie 1,07 metri di spessore si stima che pesa circa 131 tonnellate metriche. Come diavolo hanno fatto gli antichi a trasportare questa pietra?

Ma se la dimensione delle pietre di Puma Punku non ti fa grattare in testa, i tagli di precisione, e superfici lisce certamente lo farà. Nemmeno un foglio di carta si può inserire tra alcune delle pietre millenarie trovate a Puma Punku.

Qui sto cercando di fare un punto, il motivo per cui vi porterà ora a Ollantaytambo, un altro antico sito archeologico che è assolutamente sorprendente. Situato a un’altitudine di 3.000 metri, il complesso archeologico di Ollantaytambo si trova a circa 70 chilometri da Cusco.

 

Ollantaytambo: il Tempio del sole. Come ha fatto l’antica umanità a fare questo? In questa immagine, abbiamo sei monoliti in granito rosso che dovevano essere parte di una parete circolare incompiuta. I monoliti sono separati da “rocce distanziatrici” che impediscono loro di crollare durante gli eventi sismici.

Ollantatytambo-proprio come Puma Punku-caratteristiche sbalorditive, pietre massicce.

Molte delle pietre di Ollantaytambo pesano più di 70 tonnellate, e anche loro sono state estratte dal lato di una montagna, a decine di chilometri di distanza. Uno dei monumenti più curiosi di Ollantaytambo sono i sei monoliti supermassicci che sono stati messi insieme in modo tale che non un singolo pezzo di carta può inserirsi tra di loro.

Interessante giusto? Ma ci sono innumerevoli altri siti archeologici degni di menzione.

La pietra di Cochno, scoperta in 1887 è una lastra di 5.000 anni che presenta circa 90 spirali intagliate in modo intricato che secondo molti rappresentano una mappa cosmica.

Come potete vedere, innumerevoli scoperte fatte in tutto il mondo sembrano spingere la nostra conoscenza della razza umana, le nostre origini e antiche civiltà al limite, e forse è il momento per gli studiosi mainstream di riscrivere i nostri libri di storia, e pubblicare un aggiornamento tanto necessario sulla razza umana.

Grazie per aver letto questo articolo molto lungo, fatemi sapere cosa ne pensate!

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Meditazione & Consapevolezza

La meditazione non è il paradiso di pace e tranquillità che alcuni promettono. 

Negli ultimi anni, la meditazione ha guadagnato terreno nella cultura occidentale, in una certa misura perché è stata presentata come una sorta di “antidoto” ad alcuni degli effetti più dannosi dello stile di vita prevalente nelle nostre società.

La fretta in cui viviamo, il desiderio di avere tutto sotto controllo, l’ossessione di essere sempre impegnati sono alcune delle situazioni proprie del nostro modo di vivere in Occidente che conducono a stati come irrequietezza, rabbia o ansia. Di fronte a tutto ciò, la meditazione è stata offerta come una sorta di rifugio di pace e tranquillità, un metodo che, si dice, ci permette di rimanere calmi anche nel mezzo della tempesta delle nostre vite.

Ma è reale o è solo un modo piacevole per presentare la pratica della meditazione? La meditazione porta necessariamente o automaticamente a stati mentali o benessere pacifici?

Secondo i risultati di uno studio recentemente pubblicato, almeno 2,5 persone su 10 che meditano regolarmente affermano che questa attività ha causato emozioni come angoscia o paura.

La ricerca è stata condotta da un team guidato da Marco Schlosser, uno psichiatra collegato all’University College di Londra e, in termini generali, consisteva nel sondaggio di 1232 persone che affermavano di aver meditato almeno una volta alla settimana negli ultimi due mesi. Oltre alle domande sugli stati emotivi, il questionario distribuito tra i volontari includeva anche domande sul tipo di meditazione praticata e sulle condizioni per eseguirlo.

Durante l’analisi dei risultati, Schlosser ei suoi colleghi hanno scoperto che circa il 25% di detta popolazione aveva “esperienze spiacevoli” che si riferivano specificamente alla meditazione, tra cui quella di provare emozioni come angoscia, paura e altre associate a disturbi psicologici.

Secondo lo studio, questa esperienza negativa con la meditazione era ancora più probabile nelle donne, persone religiose, persone che, prima di meditare, avevano pensieri negativi ricorrenti e persone che avevano frequentato un ritiro il cui unico scopo era quello di meditare.

Infine, i risultati suggeriscono un’altra associazione tra il tipo di pratica praticata e questa esperienza negativa. Sembra che le forme di meditazione considerate “decostruttiviste” (come la meditazione Zen o Vipassanā) siano più inclini a “risvegliare” il lato oscuro di una persona, rispetto ad altre forme di pratica come la consapevolezza.

Su quest’ultimo punto, Schlosser nota che la meditazione in cui invita a considerare l’impermanenza di tutte le cose (la sua transitorietà, la transitorietà del mondo) può condurre alcune persone a uno stato mentale disturbante, dominato da pensieri di paura e annientamento. A questo proposito, il ricercatore chiede se la meditazione è davvero su questo o se è in grado di generare sofferenza inutile nel professionista.

Tuttavia, varrebbe la pena di porre questa domanda: quei pensieri “negativi” che i volontari hanno detto di aver provato, erano una conseguenza della meditazione o erano già lì prima? E in questo senso, di fronte a ciò che è dentro di noi, a quelli che ci costituiscono come persone ed è espresso quotidianamente nelle nostre azioni e nelle nostre decisioni, cosa è meglio, sapendolo o ignorandolo?

Va detto, infine, che ci sono molti sistemi di pensiero che parlano di “morire prima di morire” per rinascere in questa stessa vita. Questa è una considerazione in cui le stesse scuole filosofiche come le religioni o le correnti spirituali coincidono. Forse l’angoscia non è piacevole, ma è necessaria. La paura che in Occidente di solito dobbiamo morire (che evitiamo a tutti i costi, con distrazioni di ogni genere) ci impedisce di renderci conto che spesso l’angoscia che ci sveglia è il fuoco che lo spirito ha bisogno per purificare la sua visione e guardare con chiarezza il valore autentico della vita.

Senza la nostra conoscenza o il nostro consenso

 

Realtà fisiche: il costo dell’ignoranza 

di KevinMugurGalalae 

Introduzione:

Dalla fine della seconda guerra mondiale e con la formazione delle Nazioni Unite nel 1945, la pace e la stabilità internazionali sono state mantenute controllando la crescita della popolazione. All’insaputa delle masse, i governi hanno usato metodi segreti per limitare la nascita di paesi sottosviluppati e sovrapopolati e per accelerare le morti in Africa e in alcune zone criticamente povere e sovrappopolate altrove. Le nascite sono state prevenute interferendo con il sistema riproduttivo in modo da ridurre la fertilità umana, mentre i decessi sono stati promossi indebolendo il sistema immunitario in modo da aumentare la morbilità e la mortalità.

I metodi utilizzati da ogni paese per controllare la crescita della popolazione sono stati dettati dal livello di sviluppo e infrastruttura esistente tanto quanto dalla volontà politica o dalla mancanza di essa e sono stati imposti con la forza e l’inganno dall’esterno o adottati volontariamente dal governo, gli stati delle élite militare e scientifica che hanno fatto affidamento sull’assistenza morale, tecnica e monetaria delle Nazioni Unite, delle sue agenzie e della più grande comunità internazionale. Indipendentemente dai metodi usati per controllare la popolazione e se siano imposti o autoimposti, sono stati necessari una stretta segretezza e un inganno per impedire alle masse di scoprire l’asprezza che negli ultimi 68 anni sono state l’oggetto di una campagna silenziosa e globale, una campagna di attrito che ha trasformato gli elementi di base della vita in armi di sterilità di massa e morte selettiva.

Senza la nostra conoscenza o il nostro consenso, i governi di tutto il mondo hanno sovvertito la nostra libertà riproduttiva e la capacità di procreare per raggiungere obiettivi demografici ambiziosi e necessari e nel processo hanno impegnato i crimini più odiosi e diffusi nella storia umana per salvare l’umanità da mali ancora più grandi: annientamento nucleare, fame di massa e devastazione ambientale. La nascita di quasi due miliardi di persone è stata prevenuta e la morte di mezzo miliardo di persone si è affrettata.

Mentre questi obiettivi sono stati intenzionali, gli architetti della politica di spopolamento globale hanno involontariamente minato la dotazione genetica e intellettuale della specie umana e hanno ritardato gli eoni della selezione naturale. Le loro intenzioni non sono mai state malevoli, ma i risultati involontari delle loro azioni sono spaventosi. È compito di questo articolo rivelare i metodi segreti ei mezzi insidiosi dell’offensiva silenziosa, che costituiscono il contegno più grande del mondo, in modo che un risveglio alle terribili realtà che affrontiamo spingerà tutti gli esseri umani sulla terra a chiedere una quota di responsabilità e il controllo della popolazione potrà essere legiferato in tutto il mondo, con poca o nessuna resistenza, per le prossime tre generazioni o finché il nostro numero non sia sufficientemente basso da consentire all’umanità di vivere in equilibrio con la natura e in pace con se stessa. Questo è l’unico modo in cui i nostri figli avranno un futuro e una vita dignitosa.

(nda, Il corposo articolo ma “ridimensionato” dal pdf originale continua qui sotto per chi vuole approfodire)

******************************   

Ora ci confrontiamo con un insieme di realtà fisiche che non hanno precedenti: sovrappopolazione, iper-consumo e lunga durata della vita.

Sovrappopolazione.

Per i primi 250 milioni di anni della nostra esistenza, abbiamo faticato a sopravvivere e siamo rimasti pochi, raggiungendo i 500 milioni nel tardo Medioevo. Nei successivi 300 anni – dal 1500 circa al 1800 d.C. – abbiamo raddoppiato i nostri numeri grazie a miglioramenti in agricoltura, trasporto e distribuzione. Le pressioni della popolazione durante questi tre secoli furono sollevate dall’emigrazione nel Nuovo Mondo. Il successivo raddoppio, da uno a due miliardi, è durato un solo secolo e si è verificato con l’avvento della rivoluzione industriale quando la popolazione europea ha iniziato a crescere a un ritmo senza precedenti. I progressi medici hanno permesso alla maggior parte dei bambini di sopravvivere nell’infanzia mentre una migliore alimentazione e servizi igienico-sanitari prolungava la durata della vita.

Le pressioni della popolazione durante questo periodo furono alleviate dalla conquista europea e dallo sfruttamento delle colonie in Africa e in Asia. Quando i benefici della scienza e della tecnologia divennero globali, l’aumento della popolazione divenne globale e un miliardo di persone furono aggiunte in soli 50 anni, portando il totale a 3 miliardi entro il 1950. Le pressioni della popolazione in questo mezzo secolo non potevano più essere assorbite dalla migrazione o lo sfruttamento delle colonie e questo ha portato ad un’aspra lotta per le risorse durante le due guerre mondiali; una lotta che ha devastato intere nazioni e ucciso più di 80 milioni di persone, più vittime di tutti gli altri conflitti nella storia messi insieme. Dal 1950, abbiamo aggiunto un miliardo di nuove persone ogni 10 o 15 anni, portando la popolazione totale a 4 miliardi nel 1970, a 5 miliardi nel 1987, a 6 miliardi nel 1999 ea 7 miliardi entro il 2011.

Si prevede che la popolazione raggiungerà il picco a 9 miliardi entro il 2050 e poi inizierà a diminuire. La ragione per cui la popolazione dovrebbe raggiungere il picco entro il 2050 non è a causa della prosperità e dell’istruzione, come siamo portati a credere, ma perché l’élite globale che costituisce la comunità internazionale e controlla le Nazioni Unite ha preso misure proattive dal 1945 per garantire che la scarsità di risorse e l’avidità nazionale non causano la terza guerra mondiale. Nel bene o nel male dobbiamo loro sei decenni di relativa pace e stabilità, che è un risultato straordinario se si considera che questo è stato raggiunto mentre la popolazione è cresciuta al ritmo più veloce nella storia. Se i nostri leader non avessero adottato misure proattive per frenare la crescita della popolazione, ora dovremmo affrontare una popolazione globale di 9 miliardi invece di 7 e il nostro numero continuerà a raddoppiare per 40 anni e raggiungere 14 miliardi entro il 2050 e 28 miliardi entro un secolo.

A giudicare dallo stato lugubre della metà dei popoli del mondo e dal ritmo allarmante del degrado ambientale, anche l’attuale popolazione è insostenibile. Non dobbiamo dimenticare che, anche a 7 miliardi, metà di noi vive in povertà o povertà estrema nonostante gli enormi progressi scientifici e tecnici dell’ultimo mezzo secolo e che in molti luoghi le condizioni della terra sono così volatili e disperate che le società sono sull’orlo di crollo. L’esplosione demografica chiaramente fa presagire la catastrofe globale. Iper-consumo Non solo la popolazione globale è cresciuta al ritmo più veloce della storia umana negli ultimi sei decenni, ma anche le sue esigenze pro capite sono cresciute al ritmo più veloce nella storia umana e, di fatto, a un ritmo molto più rapido della popolazione esponenziale crescita che abbiamo vissuto. L’uomo medio moderno consuma 100 volte più risorse dei nostri antenati un paio di secoli fa, e almeno 50 volte più risorse dei nostri nonni nel 1950.

Ciò significa che, a tutti gli effetti, i 7 miliardi di persone che sono vivi oggi hanno un impatto enorme sull’ecosistema del pianeta, un numero equivalente di nostri antenati nel lontano e immediato passato. Di conseguenza, il pianeta sta sforzandosi sotto il nostro carico. L’erosione del suolo, l’accumulo di anidride carbonica, la rapida deforestazione, il riscaldamento globale e lo scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai sono solo alcune delle conseguenze del peso ambientale che siamo diventati una specie. Dato l’impatto che abbiamo sul pianeta a 7 miliardi di persone, non ci vuole nessuno scienziato che preveda che il pianeta non possa sostenere 14 miliardi di noi, figuriamoci 28 miliardi, che è il punto in cui saremmo entrati in meno di un secolo. intervento e interferenze aggressive con la nostra capacità di avere figli. Man mano che i nostri bisogni e numeri aumentano, stiamo ponendo richieste insostenibili su risorse critiche come acqua e combustibili fossili, che sono vitali per la nostra sopravvivenza e definiscono il nostro tenore di vita.

La penuria d’acqua è già un ostacolo allo sviluppo e persino una minaccia alla nuda sopravvivenza, che causa conflitti all’interno e tra le nazioni. Sia le nostre forniture di acqua dolce sia le nostre riserve di combustibili fossili sono in crisi. 1,1 miliardi di persone vivono senza acqua potabile e 2,6 miliardi mancano di servizi igienico-sanitari adeguati e questi problemi combinati uccidono quasi 4000 bambini ogni giorno da malattie trasmesse dall’acqua

Per alcune nazioni la scarsità d’acqua è critica e peggiora di anno in anno perché le riserve in diminuzione devono essere condivise da un numero crescente di persone. L’uso giornaliero pro capite di acqua nelle aree residenziali varia di conseguenza. Mentre il Nord America e il Giappone hanno a disposizione 350 litri per ogni persona, l’Europa ne ha solo 200, e l’Africa subsahariana ha un misero da 10 a 20 litri.1 Il consumo di acqua nel XX secolo è aumentato di sei volte e il doppio della popolazione crescita. Gli americani, ad esempio, usavano 7 litri d’acqua al giorno un secolo fa e 145 litri oggi.

Poiché lo sviluppo si è verificato prima e più rapidamente in alcuni paesi che in altri, e la politica di conquista e sfruttamento ha impedito una distribuzione equa, il consumo pro capite differisce notevolmente in tutto il mondo non solo per l’acqua e il petrolio. I nordamericani consumano in media 3 volte più risorse degli europei, 5 volte di più dei giapponesi, 20 volte di più degli asiatici e 40 volte di più degli africani. Se tutti sulla terra avessero lo standard di vita dell’America, le risorse globali esistenti potrebbero sostenere solo 1,2 miliardi di persone. Se fossimo soddisfatti dello standard europeo, allora le nostre risorse sosterrebbero 3,6 miliardi.

E se dovessimo adottare universalmente lo standard di vita giapponese, la nostra risorsa globale potrebbe teoricamente accogliere 6 miliardi. Il problema è che le richieste che facciamo sull’ambiente sono già molto più grandi della capacità della terra di rigenerarsi, motivo per cui l’ambiente sta collassando e stiamo esaurendo le risorse vitali. Ciò significa che il nostro pianeta non potrebbe sostenere 1,2 miliardi di americani perpetuamente, più di quanto non potrebbe sostenere 3,6 miliardi di europei o 6 miliardi di giapponesi. Comunque lo si affetta e lo si taglia, si giunge a una sola conclusione; ovvero che siamo in troppi e se continueremo a consumare risorse con la stessa voracità che siamo diventati il ​​World Water Council, http://www.worldwatercouncil.org/library/archives/water-crisis/. Attualmente gli Stati Uniti hanno 320 milioni di persone. Il 5% della popolazione mondiale, ma consuma il 25% delle risorse del mondo.

Abituati a (e al fatto che tutti gli altri sulla terra aspirano) e che il nostro livello di civiltà richiede, non abbiamo altra scelta che ridurre drasticamente il nostro numero a un livello che rientra nella capacità della terra di rigenerarsi. La semplice interruzione della popolazione globale a 7 miliardi, quindi, non è una soluzione. Quanto bene vogliamo vivere determinerà quanti di noi la terra può ospitare. E poiché la natura umana richiede un costante miglioramento nel nostro modo di vivere, possiamo solo soddisfare i nostri bisogni personali e civili riducendo ulteriormente i nostri numeri. Long Life Spans. Non è solo la terra sovrappopolata e tesa sotto la nostra crescente domanda di risorse, ora viviamo anche più a lungo che mai. L’aspettativa di vita è aumentata drasticamente nel corso degli ultimi 100 anni.

Mentre all’inizio del XX secolo ci si poteva aspettare di vivere circa 35 anni, all’inizio del XXI secolo ci si può aspettare di vivere per quasi 70 anni. Questo raddoppiamento della durata della nostra vita significa che gli esseri umani moderni non solo consumano sostanzialmente più risorse delle persone nel passato, ma che li consumano anche per il doppio del tempo dei loro antenati. Sovrappopolazione, sovraconsumo e lunghi periodi di vita sono gli opposti polari delle condizioni in cui l’uomo viveva nel lontano passato, quando era alla mercé della natura, era scarso in numero, viveva di fatto in una mano e moriva giovane. Abbiamo ribaltato l’equilibrio naturale che mantiene le specie in relazioni simbiotiche e così facendo siamo diventati una minaccia per l’ambiente naturale che sostiene tutta la vita sulla terra,

Includendo il nostro Se abbiamo imparato qualcosa è che il progresso arriva a costo della natura, ma può avvenire solo in un ambiente naturale sano. Le esigenze in competizione del progresso e della natura possono essere riconciliate solo se il progresso si verifica entro i limiti finiti della natura, e affinché ciò avvenga, ci deve essere meno di noi; abbastanza pochi, infatti, per la natura per assorbire e riparare il nostro impatto.

LE LEGGI DEI PROGRESSI

Il costo del progresso ci ha insegnato tre importanti lezioni: 1. Data la natura umana, il consumo pro capite aumenterà solo da una generazione all’altra. 2 Più grande è l’impronta ecologica pro capite, meno persone possono essere ospitate da risorse limitate della terra. La civiltà umana non può sopravvivere nel futuro se non impara a vivere all’interno della capacità rigenerativa della Madre Terra, quindi entro i limiti dell’ambiente naturale e delle sue risorse limitate. Quello che stiamo per imparare è che, avendo vinto la dura battaglia, ora dobbiamo vincere la battaglia in discesa.

Lasciatemi spiegare.

Per aumentare gli innumeri, la nostra civiltà ha dovuto superare gli ostacoli naturali posti per preservare l’equilibrio all’interno degli ecosistemi, un equilibrio duramente conquistato da millenni di evoluzione che, una volta sconvolto, ha causato gravi danni alla natura.

Se vogliamo ristabilire l’equilibrio naturale che sostiene tutta la vita sulla terra, dobbiamo ora ridurre la nostra popolazione o perire. Ma per diminuire la popolazione la nostra civiltà deve superare gli ostacoli artificiali fissati per preservare l’equilibrio socio-economico all’interno delle società, di un equilibrio duramente conquistata da secoli di dare e avere, tentativi ed errori, conflitto e cooperazione, di conseguenza danneggiare il tessuto della società. Le battaglie ascendenti e discendenti sono ugualmente dure e dirompenti, le prime sulla natura e le seconde sulla società. Solo una popolazione stabile che vive entro i limiti della natura può sopravvivere in perpetuo e continuare ad evolversi. Se non riusciremo a raggiungere un tale stato di equilibrio tra l’uomo e la natura, ci troveremo a vivere su un pianeta spogliato di ogni vita animale e vegetale e moriremo insieme ad esso.

Solo l’uomo può fermare l’uomo. Questo è stato realizzato da quelli con lungimiranza che silenziosamente ha cominciato a prendere misure proattive, senza ostacoli per l’indifferenza o ignoranza della vasta maggioranza che non era in grado di prevedere e rimane disposta ad accettare l’impatto che abbiamo come specie che ha superato l’elemento naturale ed è riuscito nello sfruttamento della natura unicamente a proprio vantaggio e che, di conseguenza, ora vive in un rapporto parassitario e quindi insostenibile con la natura. Una volta che queste menti illuminate si sono rese conto che la popolazione globale doveva essere stabilizzata, dovevano trovare un modo per stabilizzarla. È arrivata la decisione e la volontà politica di affrontare il controllo della popolazione.

Di fronte alle Nazioni Unite che furono istituite immediatamente dopo la seconda guerra mondiale per mantenere la pace tra le nazioni, così da evitare la guerra a tutti i costi. Ma la guerra fu l’ultimo nemico naturale rimasto a una crescita demografica sfrenata, poiché la carestia e la pestilenza sono state ampiamente eliminate nella prima metà del XX secolo. Le Nazioni Unite dovettero quindi affrontare il non invidiabile compito di dover trovare un sostituto alla guerra come mezzo per fermare l’esplosione demografica. Non solo l’umanità ha perso il gusto per la guerra dopo due guerre mondiali che si sono verificate in una singola generazione, ma lo sviluppo di armi nucleari ha reso l’idea di guerra inconcepibile in quanto significherebbe un reciproco annientamento garantito. Che senso ha fare la guerra se nessuno può vincerla, perché non ci sarebbe nulla da fare alla fine di una guerra nucleare? Popolazione di controllo come un sostituto alla WARIf la carneficina della guerra, l’ultima piaga rimanente dell’umanità, non poteva più essere invocata per ridurre il nostro numero e che le nazioni possano vivere con i propri mezzi, quindi un modo doveva essere trovato per impedire la nascita di nuove persone.

Ed è così che la ragion d’essere delle Nazioni Unite e la premessa primaria per l’esistenza di una comunità internazionale è diventata il controllo della popolazione. Una volta che la decisione è stata presa per perseguire la pace e la cooperazione internazionale per evitare la guerra, la consapevolezza che l’unico modo per preservare la pace è quello di garantire che le nazioni vivano all’interno dei loro mezzi era inevitabile, come era la realizzazione che per vivere entro i mezzi disponibli ogni paese ha dovuto limitare la crescita della sua popolazione. La comunità delle nazioni sotto gli auspici delle Nazioni Unite ha dovuto solo trovare e concordare accettabili vie per impedire una nuova vita, che si è dimostrato più facile a dirsi che a farsi. Ostacoli tremendi erano di ostacolo.

La Sterilizzazione chimica – per il mondo sviluppato – il bisfenolo A (BPA).

Per chiudere la scappatoia creata dall’abitudine moderna di bere in bottiglia piuttosto che acqua di rubinetto, la lobby di spopolamento ha sostituito il vetro con le di plastica nel 1980 e ha usato una sostanza chimica deprimente specifica della fertilità, chiamata bisfenolo A (BPA) per La fluorizzazione è il metodo di scelta dell’Occidente per sopprimere la fertilità sia negli uomini che nelle donne. È stato utilizzato in tutto l’Occidente sin dal 1950 e il fluoro viene fornito attraverso l’acqua del rubinetto, sale da cucina o latte a seconda del paese e del suo livello di sviluppo.

Alcune nazioni selezionate e benestanti nell’Europa settentrionale utilizzano piani dentistici obbligatori per garantire che ogni cittadino riceva periodicamente applicazioni di fluoro direttamente in bocca. Indipendentemente dall’agente di consegna utilizzato, la popolazione è stata sottoposta alla fluorizzazione con il pretesto che combatte la carie, che è completamente inaccurata e disonesta. Dei quattro metodi, la fluorizzazione dell’acqua è di gran lunga la più ampia, in quanto viene utilizzata su quasi 1 miliardo di persone in tutto il mondo. La fluorizzazione dell’acqua, tuttavia, è possibile solo in luoghi con un’infrastruttura moderna di impianti di trattamento delle acque e quindi anche nelle nazioni ricche è possibile solo nelle città che hanno almeno 10.000 persone. La fluorizzazione del sale è il secondo metodo di fluorizzazione più diffuso ed è in uso in tutta l’America Latina e nella regione dei Caraibi, così come in alcuni paesi europei che hanno abbandonato la fluorizzazione dell’acqua. La fluorizzazione del latte è limitata a pochissimi paesi e viene utilizzata come metodo supplementare di fluorizzazione altrove. Per mantenere gli esseri umani in uno stato costante di avvelenamento da fluoro, i dentifrici e i prodotti per la salute dentale in tutto il mondo sono fluorurati.

Aerosol di alluminio, spruzzato e polverizzato in alta quota da aerei – un fenomeno noto come “scie chimiche” – è un metodo piuttosto nuovo di controllo della popolazione che è limitato ai paesi della NATO e mira a contrastare gli agricoltori biologici e tradizionali per fare spazio alle corporazioni e le loro colture geneticamente modificate. L’alluminio spruzzato cade a terra e avvelena il suolo e l’acqua, che ha due conseguenze: in primo luogo, rende impossibile la coltivazione di semi tradizionali e costringe i contadini alla bancarotta, portandli a vendere la terra a favore di agro-giganti che sono già pronti con semi geneticamente modificati resistenti all’alluminio e in secondo luogo, l’alluminio si lega ai composti del fluoruro e aumenta notevolmente la tossicità del fluoro, riducendo quindi il livello di tossicità del corpo umano precedentemente ritenuto sicuro.

In altre parole, con il fluoruro di alluminio è possibile fare molto più danni alla salute umana di quanto si possa fare con il solo fluoruro e ne occorre meno. Ecco perché, ad esempio, la spruzzatura di alluminio aerosol è molto più diffusa sulle coste occidentali del Canada e degli Stati Uniti, dove la fluorizzazione dell’acqua di rubinetto è scarsa e la gente ingerisce il fluoro dall’acqua in bottiglia e dalle bevande analcoliche e dagli alimenti in scatola, ma a livelli inferiori livelli rispetto alle persone la cui acqua del rubinetto è luoridata.

La fabbricazione di due tipi di materie plastiche: policarbonati e resine epossidiche.

Il BPA viene ingerito quando si riversa nei cibi e nelle bevande per il consumo umano. Quasi tutte le bottiglie di plastica del pianeta sono ora realizzate in policarbonato BPA e quasi ogni metallo e alluminio nel mondo è rivestito con resine epossidiche contenenti BPA, le persone sono cronicamente esposte. Il rivestimento di lattine di metallo con BPA è rivolto sia ai poveri urbani che a quelli rurali che sono più propensi a mangiare minestre in scatola, verdure e frutta e riceverà così più della loro quota di agenti deprimenti della fertilità, poiché le assorbiranno da più fonti. Ma poiché la lobby di spopolamento ha una forte componente eugenetica, ridurre il numero dei poveri è un risultato desiderabile.

Metodi batterici e batteriologici per il mondo in via di sviluppo

I vaccini. I flustriin di binaengineering, come N1H1, l’influenza suina e i virus dell’influenza aviaria, sono stati usati per fabbricare la paura di massa delle pandemie e condizionare il pubblico alla pratica di vaccini obbligatori o di programmi di vaccinazione imposti dal governo. Ciò consentirà alle autorità di rivolgersi a popolazioni specifiche quando e se gli eugenisti decidono che un nuovo ceppo mortale deve essere introdotto in una popolazione inflessibile, come è stato fatto in Africa, ad Haiti e in Brasile fino al 1980. L’HIV / AIDS e la lobby di spopolamento non è in grado di controllare il numero di persone nate nel mondo, allora aumenterebbero il numero di persone che stanno vivendo in questo mondo. In altre parole, se non sono in grado di affrontare il problema della popolazione controllando la fertilità, lo avrebbero risolto e affrontato per il fine della vita aumentando la morbilità e la mortalità.

Questo è stato ritenuto necessario per l’Africa, che ha resistito a qualsiasi tentativo di controllo della popolazione. Il virus dell’HIV / AIDS è stato specificamente creato per la popolazione dell’Africa sub-sahariana da uno sforzo cooperativo tra scienziati sovietici e americani per l’impiego degli stabilimenti industriali militari della loro nazione. È stato progettato per fare il massimo danno minando il sistema immunitario e avere un’affinità per le persone di colore. Gradualmente raggiunse il suo scopo prefissato, fu introdotto nelle correnti sanguigne di innumerevoli innocenti in Africa, Brasile e Haiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso il suo programma di vaccinazione contro il vaiolo terminato nel 1980. L’infezione è arrivata al 30% in alcune nazioni africane (5% continente) e il 70% di tutte le morti di AIDS si verificano in Africa. Più di un milione di persone muoiono in Africa per l’AIDS ogni anno e quasi due milioni di nuove infezioni sono registrate ogni anno. ·I paesi poveri non hanno impianti di trattamento delle acque e quindi non possono fluoridare la loro acqua. La fluorizzazione del sale richiede la volontà politica e la stabilità necessarie per cooptare un ristretto numero di politici e burocrati, ma il panorama politico dell’Africa è instabile e in continua evoluzione. E la fluorizzazione del latte è costosa e moralmente riprovevole quando si rivolge a bambini innocenti attraverso programmi scolastici di lattanti e li ammala quando sono giovani e indifesi. I leader africani, inoltre, hanno ampiamente resistito alla pressione internazionale per avvelenare il loro popolo. Questo è il motivo per cui la lobby di spopolamento ha escogitato metodi efficaci di controllo della popolazione per l’Africa in particolare e più recentemente per altri paesi poveri e riluttanti la cui cooperazione volontaria era impossibile da ottenere.

ORGANI geneticamente modificati

Gli organismi sono l’arma più recente e più sofisticata nell’arsenale eugenico e sono destinati al mondo in via di sviluppo in cui i metodi di controllo della popolazione chimica non possono essere applicati a causa di infrastrutture carenti. Le colture primarie di OGM sono mais, colza, cotone e soia. La feroce resistenza alle colture OGM ha tuttavia messo in dubbio la loro validità come agente deprimente della fertilità globale. Il loro vantaggio sta nel fatto che le persone prese di mira aumenteranno il loro veleno e ne pagheranno, il che rende gli OGM ideali per le nazioni povere i cui governi non possono permettersi di pagare il controllo della popolazione di qualsiasi tipo, chimico, biologico o batteriologico. il vantaggio sta anche nel fatto che possono essere progettati per fare il minimo o il danno che è desiderabile e nessuno sarà più saggio per questo.

METODI INTERNI – POSIZIONE PER FERMARE LA FAMIGLIA

L’abuso di sostanze

Vari paesi hanno incoraggiato varie forme di abuso di sostanze per sminuire gli individui dalla vita familiare e causare lo scioglimento di famiglie per lo più a basso reddito per morte prematura, malattia cronica o debito paralizzante. L’Occidente ha promosso l’uso di droghe ricreative. La Cina ha incoraggiato l’uso eccessivo di tabacco. E la Russia ha reso l’alcol sufficientemente economico e onnipresente per creare una nazione di alcolizzati. Di conseguenza, la tossicodipendenza ha raggiunto proporzioni epidemiche in molti paesi occidentali e in particolare negli Stati Uniti e in Canada, dove migliaia di famiglie vengono distrutte dalla tossicodipendenza.

Le morti per fumatori sono triplicate in Cina nel corso dell’ultimo decennio e il tabacco è diventato il killer numero uno causando 1,2 milioni di morti all’anno. Entro il 2030 il numero di decessi legati al tabacco dovrebbe raggiungere i 3,5 milioni all’anno. E si prevede che se le tendenze continueranno, un terzo di tutti i maschi in Cina sarà ucciso dal tabacco entro il 2050. Ancora più disastroso è il problema dell’alcol russo. Il consumo di alcol è quasi triplicato negli ultimi 16 anni e più di mezzo milione di russi muoiono di alcol·Psicosociale. Da quando le Nazioni Unite hanno assunto il controllo e la responsabilità primaria sulla politica di spopolamento globale nei primi anni ’60, ha cercato modi più umani per raggiungere gli obiettivi demografici previsti e ha concentrato gran parte dei suoi sforzi e risorse sulla ricerca di modi psicosociali per cambiare la dinamica della vita familiare e fare pressione su famiglie e individui per rendere difficile e indesiderabile avere più di un figlio.

La criminalizzazione

La forma più sottile e insidiosa di controllo della popolazione è la manipolazione della legge per criminalizzare comportamenti sociali e liti domestiche precedentemente accettabili, e per incarcerare una larga percentuale di poveri al fine di impedire loro di formare famiglie e crescere bambini. In tutto il mondo occidentale e in particolare negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda, questa forma di controllo della popolazione soddisfa i requisiti eugenetici della politica, poiché si rivolge principalmente alle minoranze e ai poveri. La “legge nazionale di tolleranza zero”, i reati minori di droga e la “legge contro gli scioperi” sono esempi tipici di una legislazione concepita per soddisfare i requisiti della politica di spopolamento globale. La legge nazionale di tolleranza zero è concepita per rompere le famiglie al minimo conflitto.

Rimuovere i poteri discrezionali dalla polizia e dare allo stato l’autorità di andare oltre la volontà dei coniugi di esercitare pressioni penali che si traducono in bancarotta e scioglimento familiare. I conflitti che potrebbero essere risolti nella privacy delle case in pochi minuti o giorni sono stati dati allo stato per crimine violento per distruggere famiglie, separare i genitori dai bambini e trasferire le loro ricchezze alla classe giudiziaria.

I tre regolamenti di legge impartiscono condanne severe per chiunque abbia oè stato condannato per due crimini e che dopo essere stato condannato per un terzo crimine rischia la vita in carcere. È stato applicato per la prima volta nello stato di Washington nel 1993 e poi in California nel 1994 per compensare la loro mancanza di fluorizzazione dovuta all’opposizione popolare e poi diffuso in tutta la costa occidentale per la stessa ragione. Come risultato di tali leggi eugenetiche, centinaia di migliaia di famiglie vengono distrutte annualmente nel mondo di lingua inglese così come in diversi paesi europei. Negli Stati Uniti, la magistratura è diventata lo strumento principale per gli obiettivi eugenici, dando all’America la dubbia distinzione di essere la nazione con il più alto tasso di incarcerazione nel mondo e anche nella storia a 743 adulti dietro le sbarre per sempre 100.000 cittadini. Quando si prendono in considerazione le persone sulla sorveglianza correzionale e sugli arresti domiciliari, gli Stati Uniti superano di gran lunga persino la Russia stalinista nel numero e nella proporzione di prigionieri per la popolazione generale.

Questo non è successo fino al 1980 da quando l’uso eugenetico della magistratura è stato scatenato. Le statistiche mostrano anche che le minoranze visibili sopportano il peso della mania della detenzione che ha attanagliato gli Stati Uniti e, in misura minore, gran parte del mondo occidentale. Il Canada distrugge la sua popolazione nativa con questo metodo. Le statistiche europee, così come quelle australiane, sono distorte dal fatto che gli immigrati sono detenuti in centri di detenzione separati e non vengono conteggiati come detenuti. La pratica di imprigionare immigrati e richiedenti asilo è una diretta conseguenza della politica di spopolamento globale e viene discussa più avanti nel testo.

OBIETTIVI: LIPOSUZIONE della POPOLAZIONE

La vastità della politica di spopolamento globale ha dettato un approccio graduale e incrementale che ha tre fasi distinte, ciascuna con il proprio obiettivo primario. Fase 1-Controllo della popolazione -1950-2000 Dal 1950 al volgere del XXI secolo, l’obiettivo generale delle lobby di spopolamento è stata quella di portare il tasso di fertilità totale (TFR) di ogni paese sulla terra a 2 bambini per donna, il cosiddetto livello di fertilità di sostituzione. Alla fine della guerra, la popolazione mondiale ha raddoppiato ogni 30 anni a causa di alti tassi di fertilità e molti paesi in via di sviluppo hanno raddoppiato il loro numero ogni 20 anni. Tra il 1945 e il 1970 il Giappone, l’Europa orientale, l’Europa occidentale,

l’Unione Sovietica e il Nord America istituirono misure segrete di sterilizzazione chimica (principalmente acqua la fluorizzazione, in misura minore la fluorizzazione del sale e, per i paesi scandinavi, il Regno Unito e la Germania, la fluorizzazione attraverso programmi dentali gratuiti ma obbligatori) e ha portato i loro TFR a quasi il livello magico di due bambini per donna. Come abbiamo visto, le misure di controllo della popolazione furono prima imposte alle potenze dell’Asse e alle nazioni cobelligeranti non appena la guerra finì. Agli inizi degli anni Cinquanta furono implementati in tutta Europa, sia in Oriente che in Occidente, per cui l’Unione Sovietica forzò un paese nella sua sfera di influenza e gli Stati Uniti ricambiarono imponendolo in un paese di uguali dimensioni in Occidente Europa. Il Regno Unito a sua volta lo ha imposto alle nazioni del Commonwealth a partire da Singapore (1956), Hong Kong (1961) e Ceylon, che ora è noto come Sri Lanka (1962).

Fase 3 – Depopolamento controllato da -2040 a 2150

Una volta che la popolazione globale raggiunge i 9 miliardi o giù di lì, la panoplia completa degli agenti di depressione della fertilità rimarranno in vigore per garantire un declino costante e controllato. Quanto basso sarà il calo della popolazione, sarà dettato dai nostri modelli di consumo e dalle nostre necessità ambientali. A giudicare dalla velocità con cui il mondo in via di sviluppo aspira a raggiungere gli standard di vita occidentali e dal ritmo rapido con cui i combustibili fossili e l’acqua dolce si stanno esaurendo, è lecito ritenere che la popolazione globale dovrà ridurre di almeno due terzi i suoi picco di 9 miliardi di euro, a patto che le tecnologie per le energie rinnovabili saranno pienamente impegnate nei prossimi 50 anni e l’impronta ecologica di ogni essere umano si ridurrà alla metà di ciò che è oggi. In assenza di un uso parsimonioso delle risorse e dell’uso universale della tecnologia avanzata, la popolazione dovrà diminuire a meno di un miliardo se la civiltà umana dovesse fermare la distruzione dell’ambiente da cui dipende la sua stessa sopravvivenza.

Poiché nessun’altra risorsa sulla terra è più vitale dell’acqua e le nostre riserve di acqua dolce sono già sottoposte a uno stress tremendo, è la disponibilità di acqua più anche del petrolio che determinerà quante persone saranno in grado di vivere sulla terra nel 22° secolo. Le tendenze e le previsioni non sono rosee. L’Istituto per la popolazione dipinge il seguente quadro: Il rapporto sullo sviluppo mondiale dell’acqua del 2009 ha rivelato che circa la metà della popolazione mondiale vivrà entro il 2030 in regioni con elevato stress idrico. Questa proiezione è particolarmente scoraggiante considerando che nel 2000, 508 milioni di persone hanno abitato regioni stressate o scarsamente idriche indicando che la percentuale della popolazione mondiale colpita dalla scarsità d’acqua potrebbe gonfiarsi dall’8%, al 47% in soli tre decenni. Questa scarsità d’acqua è direttamente correlata alla povertà. La quantità di persone che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno corrisponde approssimativamente alla quantità di coloro che non sono in grado di accedere all’acqua potabile sicura.

La popolazione mondiale si sta espandendo di 80 milioni di persone all’anno, aumentando la domanda di acqua dolce di circa 64 miliardi di m3 all’anno. 3 In effetti, i ritiri idrici sono triplicati negli ultimi 50 anni a causa della crescita della popolazione. Questo rapido tasso di crescita ha anche causato la potenziale disponibilità globale di acqua per diminuire da 12.900 m3 pro capite all’anno nel 1970, a 9.000 m3 nel 1990, a circa 7.000 m3 nel 2000. Fino a quando lo spopolamento è perseguito in modo equo e la varietà genetica dell’umanità è preservata, non c’è motivo di temere un 90% di diminuzione nei nostri numeri e ogni ragione per accoglierla. Population Institute, luglio 2010: http: //www.populationinstitute.org/external/files/Fact_Sheets/Water_and_population.pdf

GIUSTIFICAZIONI STORICHE PER IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE

In linea di massima, le preoccupazioni della popolazione e i metodi usati per affrontarle hanno attraversato tre distinte giustificazioni, ciascuna radicata nel proprio periodo storico e nelle proprie circostanze. 1.Civilizzare i selvaggi – Superiorità razziale (1850-1945) Durante la fine del periodo coloniale, le potenze europee giustificavano il loro saccheggio di terre non proprie e l’assassinio di persone diverse da loro con la scusa che stavano civilizzando i selvaggi portando loro i benefici della cultura europea e della tecnologia occidentale. Quell’arroganza europea e il senso del diritto, che ebbe origine nell’impero britannico e prosperò durante la rivoluzione industriale, decadde in delusioni di superiorità razziale che trovarono sostegno politico e popolare in ogni paese dell’Europa occidentale con colonie ad abusi.

La superiorità razziale dell’Europa ha raggiunto il suo apice nell’ideologia nazifascista e si è conclusa con le depredazioni dell’Olocausto e della Seconda Guerra Mondiale. Quello che era iniziato come il fardello dell’uomo bianco e apparentemente come un progetto per far progredire la civiltà, si è evoluto in una credenza demente nella superiorità razziale dei caucasici e nella scienza egoistica dell’eugenetica, che è stata usata per giustificare moralmente il genocidio degli ebrei e degli zingari in tutta Europa e la pulizia etnica di innumerevoli popolazioni indigene in tutta l’Asia, l’Africa, l’Australia e le Americhe. L’Eugenetica è la filosofia sociale di migliorare le qualità ereditarie umane attraverso programmi sociali e interventi governativi.

L’impero ha costretto la Gran Bretagna a pensare in termini generali, anche a livello globale, ea cercare soluzioni proattive prima che la legge e l’ordine crollassero. Ciò ha portato a vari atti eugenetici legislativi rivolti agli indigeni in tutto l’impero britannico. Come prima industrializzazione della nazione, la Gran Bretagna è stata anche la prima a occuparsi delle conseguenze dell’industrializzazione sia positive che negative. L’industrializzazione, ad esempio, ha allontanato molte persone dalla terra e le ha costrette a entrare nelle città dove la povertà è aumentata e i governi non sapevano come impiegare il crescente numero di poveri. ·La Gran Bretagna fu anche la prima nazione a industrializzarsi e ciò rese ancor più acuto lo sfruttamento delle risorse naturali, poiché una società industriale ha bisogno di infinitamente più risorse di una società agricola.

La Gran Bretagna è una società insulare con risorse naturali limitate e nel corso della sua storia ha dovuto ricorrere al saccheggio per compensare la mancanza di terra e la mancanza di ricchezza naturale. Non è un caso che la Gran Bretagna e il Giappone, entrambi paesi insulari, siano tra le nazioni più aggressive della storia. La loro mancanza di ricchezza naturale li ha costretti a cercarla altrove e a prenderla con la forza, motivo per cui hanno formato i più grandi imperi marittimi della storia.

CHI HA FATTO LA POLITICA ORIGINATA DELLA DEPOPOLAZIONE E DOVE E’ STATA FATTA?

In questa sezione cercherò di rintracciare le preoccupazioni della popolazione sulle loro origine e di identificare brevemente perché sono state in grado di dare forma alle azioni governative e dove hanno trovato il maggior supporto.

1).ENGLAND Mentre le persone hanno litigato per lungo tempo con carestia e conflitti, non è stato formalmente riconosciuto che la crescita continua della popolazione potrebbe essere il problema di fondo fino a quando Thomas Malthus scrisse Un saggio sul principio della popolazione nel 1798.

Il governo britannico prese la tesi di Malthus e approvò il Census Act nel 1800 che ha permesso la tenuta di un censimento nazionale nel 1801, il primo del suo genere, e ogni dieci anni da allora. Malthus ha identificato due tipi di controlli sulla crescita della popolazione: controlli positivi, che aumentano il tasso di mortalità, come fame, malattie e guerra; e controlli negativi per abbassare il tasso di natalità, come l’aborto, il controllo delle nascite, la prostituzione, il rinvio del matrimonio e il celibato. Non appena detto, i governi britannici iniziarono a interferire con la crescita della popolazione promuovendo il celibato e incoraggiando il rinvio del matrimonio tra i poveri. Diversi fattori sono responsabili della comparsa di preoccupazioni demografiche in Gran Bretagna piuttosto che altrove:

Il Regno Unito, essendo la Gran Bretagna l’unica nazione europea in cui la monarchia rimase saldamente radicata, le pretese e il diritto aristocratico erano tenuti a insinuarsi nella politica pubblica e infettarla con disprezzo nei confronti dell’uomo comune. Non è una coincidenza che l’eugenetica sia nata in Inghilterra e che i suoi primi sostenitori siano stati per la maggior parte aristocratici britannici.

2). USA / Russia non è un caso della storia che le più grandi nazioni sulla terra l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti d’America, e il Regno Unito (il cui Impero occupava un terzo della massa terrestre del mondo) – erano vittoriosi alla fine della seconda guerra mondiale.

Non dovrebbe inoltre sorprendere che queste nazioni colossali trovassero facile concordare sulla necessità di controllare la crescita della popolazione dato che, in quanto potenze mondiali, condividevano le stesse preoccupazioni geopolitiche. Né dovrebbe sorprendere il fatto che abbiano di conseguenza mantenuto il controllo della politica di spopolamento globale come architetti e soprattutto proponenti e hanno spinto le Nazioni Unite verso metodi di spopolamento sempre più brutali. Per le nazioni giganti è difficile risolvere problemi di microgestione. È molto più facile trovare grandi soluzioni che impiegano gli strumenti smussati a disposizione dei governi. La leadership politica di nazioni che si trovano a cavallo di più etnie – e che nel caso degli Stati Uniti, Regno Unito è stata e continua ad essere in modo schiacciante, il Caucasico – potrebbe anche essere meno collegata emotivamente alla popolazione in generale data la divisione razziale.

Ciò renderebbe più facile implementare metodi di controllo della popolazione radicale senza scrupoli come la sterilizzazione chimica segreta del fluoruro da loro favorita dal 1945.

3). I PAESI NORDICI (Norvegia, Svezia, Danimarca, Olanda) I più fedeli sostenitori della politica di spopolamento globale e tra i suoi più generosi finanziatori sono i paesi dell’Europa settentrionale della Norvegia, Svezia, Danimarca e Olanda, il che spiega incidentalmente perché i loro funzionari hanno un ruolo così importante nella burocrazia dell’ONU e perché hanno una rappresentanza così ampia e proporzionata nelle fila e soprattutto a livello di organizzazioni internazionali.

CONCLUSIONI

I problemi sociali non possono essere risolti attraverso la scienza. Non senza creare nuovi e ancora più gravi problemi sociali. I problemi sociali richiedono soluzioni sociali. Sostituire la cieca fiducia in Dio con la fede cieca nella scienza ci ha messo in guai seri. Né Dio né la scienza possono salvarci. Possiamo solo salvare noi stessi. La scelta è semplice.

Scelgo quest’ultimo. Cosa sceglierai? È giunto il momento di scegliere e scegliere bene o moriremo tutti miserabili. A coloro che si aggrappano alla finzione che il nostro pianeta non è sovrappopolato, considero questa immagine della terra di notte.

IL COSTO DEL DISSENZO: LA PRIMA PRIGIONE GEOPOLITICA AL MONDO 

La domanda più comune a cui ho dovuto rispondere è come sono venuto a conoscenza della Politica di Depopolamento Globale. La storia della scoperta è degna di un film di Hollywood e risale a quasi dieci anni. Per farle giustizia, dedicherò un libro a tempo debito chiamato “Violenza strutturale: responsabilità personale nei sistemi nazionali e internazionali”.

Non lasciarti ingannare dal titolo accademico perché nasconde un giro sulle montagne russe e un’avventura di suspense sanguinosa. Per il momento, darò solo un breve abbozzo delle prove e delle tribolazioni che ho attraversato e continuo a presentarvi la verità e ad ambientare il mondo. È una storia straziante e trovo difficile scriverlo anche se la sto vivendo; o forse perché la vivo tutt’ora. Nel 2004, mentre viaggiavo per il mondo, ho avuto un’epifania nelle isole di Palau, nel sesto giorno del kayaking solitario attraverso questo paradiso marino. È stata un’esperienza troppo forte da raccontare, quindi lascia che le mie note del diario raccontino la storia:

Puoi leggerle qui l‘ntero articolo in pdf a questo link (in lingua inglese): https://real-agenda.com/wp-content/uploads/2013/10/KILLING-US-SOFTLY2.pdf

®wld

L’intossicazione alimentare non è uno scherzo

 

Il CDC avverte l’America: NON LAVATE quel pollo infestato da malattie e superbatteri che state per mangiare

(Natural News)

Sei paranoico dei germi? Dovresti lavarti bene con acqua calda e sapone e prendere della vitamina D. Sei paranoico di germi nel cibo? Secondo il CDC, non lavare mai la carne cruda o le uova prima della cottura, perché quei germi sono molto pericolosi e possono facilmente diffondersi. Quindi, dorrai cucinarli quei germi, compresi i batteri e la salmonella, e poi mangiarli. Lavare il pollo nella tua cucina potrebbe diffondere germi mortali su utensili, taglieri e ripiani, quindi fai attenzione. Grazie all’intuizione, l’agenzia di regolamentazione “i cani da guardia”. Non smettono mai di stupirci.

Sì, questo è il miglior consiglio del CDC per evitare di essere infettati da batteri presenti nei polli allevati durante l’operazione alimentare di animali confinati (CAFO – dove la maggior parte dei polli in America vengono allevati e macellati in modo disumano), dove all’animale gli vengono sparati quantità massicce di antibiotici, perché vive in ambienti orrendi, malato dal mangiare cibi geneticamente modificati e pieno di sostanze cancerogene da sovradosaggio di ormoni.

In America, settimane (o anche mesi) prima che il pollo muoia, soffre di malattia, tristezza, e sente e guarda le sue coorti essere massacrate. Quella carne è spesso contaminata da salmonella, batteri perfringens di clostridium e batteri campylobacter, tra tutti i micidiali parassiti e patogeni. Stai pensando di essere al sicuro perché adesso mangi meno carne rossa e più pollo? Pensa di nuovo.

Clostridium perfringens sono la causa di oltre un miliardo di malattie gravi ogni anno. Perché? Perchè la maggior parte della gente crede che il CDC e LE LORO MENZOGNE nel cuinare il pollo, credono di eliminare e uccidere tutti i batteri. Non è così. Non del tutto. Le spore possono ancora crescere di nuovo e i batteri possono prosperare, specialmente se non refrigerate o congelate correttamente quello che avete cucinato.

Al Bar il cibo viene lasciato sui banchi per molto tempo, come alle feste della fortuna, così anche i batteri iniziano a festeggiare a temperatura ambiente molto rapidamente. Pensa al cibo preparato qui o al cibo che è semplicemente tenuto “caldo” per ore e ore, come la maggior parte dei bar e di cibo nei ristoranti, nei negozi di alimentari e al bar, degli alimenti preparati dai “GMO e canola-mastri” – Cibi integrali. Vuoi del sugo caldo extra-delizioso su quella carne di mucca o il la menzogna “fresca”?

 

Gli americani ingurgitano qualsiasi carne, credendo ALLA GRANDE BUGIA CHE sia meglio per loro mangiare carne bianca invece di “carne rossa”

I Funzionari della salute del CDC continuano ancora con il loro fumo negli occhi e il gioco degli specchi. Benvenuti nel circo, il più grande “spettacolo” sulla terra, in cui i funzionari del governo aiutano a far ammalare le persone fingendo di prendersene cura. Preoccupati che tu possa lavare il tuo pollo a casaccio e tutto lo schifo, le malattie in tutta la tua cucina, ma non preoccuparti della tua testolina ha circa 50 vaccini che contengono tutte le neurotossine, le proteine ​​del sangue di altre persone (da aborti), l’urina animale, il glutammato monosodico e sì, c’è ancora mercurio nei preparati dell’influenza.

Esiste una serie di passaggi che è possibile adottare per evitare di avere noti agenti cancerogeni iniettati nel tessuto muscolare. Fase 1: leggere l’inserto del vaccino. Fase due: usare il buon senso e il giudizio. Fase tre: Ricorda che gli stessi germi trovati nel pollo sono in vaccini, tra cui E. coli e organismi geneticamente modificati.

Malattie di origine alimentare che aspettano solo di infestare il tuo corpo

L’intossicazione alimentare non è uno scherzo. Il CDC, sul loro sito web, cerca di “eliminare” la serietà del problema salute menzionando solo la febbre e la diarrea e lasciando fuori il cancro e la morte. È sempre solo una preoccupazione a breve termine per le aziende e le agenzie di regolamentazione. Si chiama malattia di 24 ore, perché se non ti ammali e muori quella notte o il giorno successivo dopo averlo mangiato, non attribuirai mai i tuoi mali sulla salute ad esso. Sì, stiamo ancora parlando di pollo. Non è più sicuro della tua carne di mucca o carne di maiale.

Anche i macellai e le fabbriche usano la candeggina e l’ammoniaca per uccidere i batteri nella maggior parte dei polli che si trovano nei fast food, nei negozi di alimentari e nei ristoranti delle catene di negozi. La maggior parte delle galline in America stanno veicolando pericoli per la salute mentre sono ancora in vita, e le persone che le consumano una volta morte, preparate, vendute e mangiate. Vengono miscelati batteri, virus, tossine di metalli pesanti, ammoniaca, candeggina, OGM, ormoni, antibiotici, parassiti, agenti patogeni e pensare di poter “cucinare” tutto ciò è solo un puro suicidio per la salute.

Molte persone vengono semplicemente infettate perché usano lo stesso coltello e il tagliere sui prodotti dopo aver tagliato il pollo crudo. O lo fanno tutto sul bancone e questo porta tutti i germi. Poi, come idioti completi, ottengono un vaccino antinfluenzale e un rimedio per il morbillo e pensano di essere “bravi”.

L’intossicazione alimentare può uccidere qualcuno che ha già un sistema immunitario debole, basta chiedere al CDC. Bene, allora la maggior parte degli Stati Uniti dovrebbe evitare il pollo come la peste, perché almeno 200 milioni di cittadini hanno indebolito il sistema immunitario quotidianamente da acqua fluorizzata, farmaci da prescrizione farmaceutica, OGM Frankenfoods come mais e soia e tutti i vaccini.

Scopri alcuni fatti che potresti non sapere sul pericolo di consumare carne cruda o carne che è stata “tenuta al caldo”

Soffri di febbre alta, sangue nelle feci, eruzioni cutanee, vertigini, vomito, frequenti mal di testa, disidratazione, infiammazione, artrite e letargia? Benvenuto in America. Si consiglia a questo punto di chiamare un medico naturopata che in realtà ha frequentato corsi di nutrizione al college, a differenza di tutti gli altri medici elitari M.D.s.

Sintonizzati su Chemicals.News per gli aggiornamenti sugli alimenti che non dovresti mai mangiare di nuovo se ti piace la salute e speri per la longevità, la forza d’animo e la felicità fino in fondo.

Le fonti per questo articolo includono:

FoxNews.com

CheatSheet.com

NaturalNews.com

Chemicals.News

CafoTheBook.org

aRespectfulLife.com

Fonte: https://www.naturalnews.com/


®wld