Archivi categoria: Religione

Almanacco di luglio 2018

LA CHIESA CONDANNA SALVINI, MA CON CHE FACCIA? (mettere preti, immobili e miliardi dove stanno le preghiere)   
 
 
La Chiesa di Bergoglio si cucia la bocca prima di condannare Salvini, ipocriti. 
 
E’ facile sparare su Matteo Salvini il “razzista”, il “sorridente sui cadaveri color scuro”, perché Matteo Salvini è in effetti colpevole di ambiguità umanitaria. Primo, non ha mai preso chiare distanze dal razzismo becero e disumano a cui il suo trionfo ha dato la stura in Italia. Chi non vive sui Social non immagina l’orda di bruti e soprattutto brute fasci-nazi-razzisti che dilaga là fuori al grido “Non toccate Salvini” e il porcile agghiacciante che arrivano a pronunciare su quella che è una tragedia storica. Secondo, il leader leghista si contenta di risbattere il problema là dove si è originato, e non ha neppure l’ombra di un disegno politico sistemico di cui l’Italia si faccia portavoce nel G7 per fermare gli immensi flussi (fra 12 anni 1,3 miliardi d’indiani avranno la metà dell’acqua per vivere, e dove vanno?). Questo è meno che umano nel momento in cui Salvini non dice che i migranti, soprattutto quelli economici, hanno crediti di trilioni di dollari e di centinaia di milioni di vittime verso le nostre società, perché sulle loro risorse è stato creato tutto ciò che abbiamo, e ancora accade. Sarebbe gradito che un Paolo Becchi suggerisse a Matteo Salvini di rimediare con urgenza a entrambi i punti, mentre giustamente ferma gli arrivi caotici in Italia
 
Ma che a crocifiggere il leghista sia la Chiesa è molto oltre l’inaccettabile. 
 
Nel 2014 il Ministro delle Finanze Vaticane, Cardinale George Pell, disse che “… abbiamo scoperto centinaia di milioni di euro nascosti in conti dimenticati di cui non avevamo rendicontazione”. E questi sono solo gli spiccioli di Papa Bergoglio.
 
Secondo l’International Business Times, il Vaticano gestisce strumenti d’investimento per 6 miliardi di euro; ha 700 milioni investiti sulle Borse; tiene 20 milioni di dollari in oro alla Federal Reserve in USA. 
 
Il gioielliere Bulgari a Londra paga l’affitto alla Chiesa di Roma in uno dei palazzi meglio prezzati del mondo a New Bond Street. L’investment bank Altium Capital idem, nella prestigiosa St James’s Square. Secondo il Consiglio d’Europa il merchant banker dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA), Paolo Mennini, nel 2012 da solo gestiva 680 milioni di euro per i Cardinali, i quali solamente dallo IOR ricevono dividendi per 60 milioni annui. 
 
I valori delle proprietà immobiliari usate per profitto commerciale e speculativo dalla Santa Sede sono impossibili da calcolare, ma ecco un’idea: il Sole24Ore ha stimato che la sola ‘agenzia immobiliare’ vaticana chiamata APSA, diretta fino al 2016 dal Cardinale Domenico Calcagno, gestisce 10 miliardi di euro in immobili commerciali (esclusi quindi chiese, canoniche, seminari ecc.) che, si ribadisce, è solo una vaga idea del totale in mano alla Santa Sede nel mondo. 
 
Allora, è accettabile che le ‘belle anime’ cattoliche italiane, di cui l’innominabile Catto-Sinistra è pregna, si permettano di tuonare dalle pagine ad esempio di Famiglia Cristiana contro Salvini perché “ha mosso critiche al mondo cattolico che accoglie i migranti”? Accoglie i migranti? Ah, davvero? E come li accoglie? Con quanti denari concretamente sborsati fra i sopraccitati miliardi che tengono in speculazioni finanziarie e di Borsa? Può la Santa Sede mostrarci le cifre? In quanti immobili milionari che posseggono li hanno accolti, quanti sono stati allestiti per loro? Può la Santa Sede, che millanta di “accogliere”, fornirci le mappe? Ma con che inguardabile faccia questi ipocriti intimidiscono con l’abietta superstizione del senso di colpa il Salvini e i suoi elettori? 
 
Allora, Papa Bergoglio, prima di condannare i peccatori, veda di mettere le gabbane dei suoi preti, i miliardi delle vostre speculazioni e le migliaia di proprietà dove stanno le vostre parole. E se proprio dovete sdoganare la politica leghista sulla tragedia dei migranti come politica criminale contro gli innocenti – che non è, perché al peggio è gretta insensibilità dettata da meschina ignoranza personale o da vere difficoltà economiche – ecco chi davvero ha fatto in epoca contemporanea una politica criminale di massa contro gli innocenti, col crocifisso al collo: 
 
(da un mio articolo di 2 anni fa): “Nel 2012 persino JP Morgan ha dovuto prendere le distanze dallo IOR per sospetti di riciclaggio in armi. Vatileaks, scatenato da Gianluigi Nuzzi, già 3 anni fa rivelava il marciume criminale delle finanza vaticane. Mentre l’adorato Papa Francesco scalava in diligente silenzio i ranghi della Chiesa in Argentina, la P2 con lo IOR e Calvi erano i maggiori canali di forniture di missili Exocet proprio alla Giunta di Buenos Aires (30.000 morti), oltre ad armare criminali di massa e torturatori in Guatemala, Perù, Equador e Nicaragua. E scrive Vittorio Cotesta nel libro Global Society, Cosmopolitanism and Human Rights: “Uno dei maggiori obiettivi di questo network (IOR ecc. nda)… è di sostenere i golpisti che gli Stati Uniti e il Vaticano usano per schiacciare la Teologia della Liberazione”. Papa Francesco ne fu complice ideologico e, in due casi, anche fisico fino al 2013.”
 
Sono l’ultimo a sostenere Matteo Salvini in Italia, ma odio gli ipocriti. Creano molta più sofferenza dei razzisti, perché sono loro che al temine di epoche di disgustoso finto buonismo (vero PD?) tradiscono i popoli sui diritti fondamentali e li spingono all’aspetto più deteriore del Populismo, quello di rabbia cieca e poi infine anche disumana. Fonte

 

GIUDICE GIULIANO AMATO, ECCO QUAL E’ LO STATO RAZZISTA 

 
In Israele sorge un razzismo simile a quello del nazismo ai suoi inizi”. A dirlo non è un suprematista ariano, ma Zeev Sternhell, una delle grandi figure della cultura ebraica: membro dell’Accademia ebraica, docente all’università ebraica di Gerusalemme, storico di valore mondiale – i suoi saggi sulla storia dei fascismi europei sono fonti di riferimento esemplari sul tema. Adesso, in un intervento su Le Monde, Sternhell si domanda: quando precisamente questo stato “nato nel 1948, fondato sulle rovine dell’ebraismo … Leggi tutto

 

L’alleanza del Wifi, è in arrivo al tuo vicinato: Wireless 5G

Proprio come ogni nuova tecnologia pretende di offrire lo sviluppo più avanzato; che la loro definizione di progresso curerà i mali della società o faciliterà la vita eliminando la fatica di apparecchi antiquati, la Wifi Alliance è stato organizzato come una rete wireless in tutto il mondo per collegare “tutti e tutto, ovunque” in quanto prometteva “miglioramenti in quasi ogni aspetto della vita quotidiana“. 
 
L’Alleanza, che non ha pretese di potenziali problemi di salute o ambientali, ha ulteriormente proclamato (e potrebbe essere corretto) che ci sono ” più dispositivi wifi che persone sulla terra” . È l’esposizione inevitabile alle tecnologie wireless ubiquitarie in cui si trova il problema. 
 
Poco dopo la scoperta dei xray del 1895, la nuova tecnologia in erba non era priva di rischi per la salute di ustioni e perdita di capelli. Eppure l’uso della radiazione elettromagnetica (EMR) si è evoluto a un ritmo esponenziale drammatico dal giorno di Marie Curie in un settore onnipotente da mille miliardi di dollari creando un mondo totalmente dipendente dalle sue pericolose applicazioni wireless.  

Leggi tutto (articolo in lingua Iinglese)

 

 

Guerra al cancro: quanti morti dal 1950 ad oggi?

 
di Marcello Pamio 
 
Quando nel 1971 il Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon firmò il «National Cancer Act», si diede ufficialmente inizio alla «guerra al cancro».
Una guerra violenta, combattuta a colpi di gas vescicanti e napalm in vena. Potremo dire senza sbagliare, l’unica vera guerra mondiale perché portata avanti da tutti i paesi del globo.
L’America è sempre stata la direttrice, e non a caso dopo Nixon tutti i presidenti che seguirono fecero lo stesso, e tra questi si distinse Barack Obama che arrivò a paragonare il conflitto alle «Missioni Apollo» della NASA. Infatti secondo lui, con il «Cancer Moonshot Initiative» l’America sfida il cancro: sarà come conquistare la Luna!

Leggi tutto

 

 Lettera dalla Spagna nell’anno 2050

La tecnocrazia in Europa è garantita, come è chiaramente inteso da molti osservatori.
 
Questo scenario di un futuro disumanizzato in Spagna, è stato descritto da un Professore di Diritto Costituzionale dell’Unione Europea che vive a Santiago de Compostela. 
 
Attratte nell’illusione, 
 
“Il sovraccarico di informazioni unito a una miriade di insiemi di dati,in assenza di una guida ufficiale hanno reso le persone incapaci di discernere il vero dal falso, il giusto dallo sbagliato, mentre il reale e la realtà sono spariti dalla mente pubblica decenni fa.”
 
 
Nell’anno 2050, la Spagna, un tempo un orgoglioso impero globale composto da persone tutte di un pezzo, è diventata la copia perfetta di Bruxelles. 
 
Pochi paesi hanno trasformato la loro antropologia in modo così rapido e completo. La modernizzazione, la tecnocratizzazione e l’europeizzazione sono state spinte così drammaticamente da farla sembrare uno stato super-vassallo dell’Unione Europea. 
 
La ricerca della democrazia ha da tempo lasciato il posto alla ricerca della conformità. La cultura spagnola è piatta come una lastra di vetro. 
 
Gli spagnoli sono diventati “i Prussiani del Sud”, in contrasto con i loro ex cugini italiani, portoghesi e latino-americani.  
 
 

Castaeneda alla scuola degli stregoni brujos

L’ultima intervista di Carlos Castaneda

di Cesare Medail, giornalista del Corriere della Sera e autore del libro “Le Piccole Porte” edito da Corbaccio (fuori catalogo)

“Los Angeles. Che fine ha fatto Castaneda? Perché è sparito? E’ prigioniero? Si è suicidato? E’ morto vent’anni fa su un pullman messicano? Sono veramente suoi gli ultimi libri? Queste e altre fantasie sono fiorite attorno all’antropologo di origine peruviana divenuto scrittore di culto attorno al ’68, dopo aver raccontato i propri anni di full immersion nella stregoneria messicana; un mistero alimentato dalla sua effettiva sparizione dalla pubblica scena, oltre che dall’ assenza di foto (salvo una che lo ritrae studente) e di registrazioni audio e video.

Carlos Castaneda, settantadue anni, si è materializzato sulla porta di un piccolo ristorante francese, il Moustache Café di Westwood, il volto seminascosto da un berretto nero ben calcato in fronte. Dopo un mese di fax e telefonate con i suoi agenti, rinvii e un contrordine dell’ultima ora, Castaneda era lì, il 12 novembre 1997, per concedere una delle rarissime interviste della sua vita al riparo dei mass media, la prima, dopo decenni, a un giornale europeo. Non alto, asciutto, carnagione bruna, capelli grigi e lisci, un po’ arruffati, occhi scuri in moto perpetuo, volto capace di modulare espressioni più varie come i comici del muto.

Stiamo a tavola quattro ore, lui quasi non mangia ma si produce in un crescendo di umorismo e filosofia, parole di saggezza e scherzi con le due compagne, Talia Bey, presidente di Cleargreen, società che cura le iniziative che lo riguardano, e Florinda Donner, una delle tre antropologhe che lo hanno seguito nelle esperienze vissute tra i brujos, gli stregoni del Messico.

Mentre cercava una via di fuga dall’America opulenta, la cultura alternativa, uscita dalle ceneri della protesta degli anni Sessanta, fu stregata dai suoi racconti. Nel 1973, Time gli dedicò la copertina. La gloria durò fino alle metà degli anni Settanta, quando scattò una campagna di denigrazione accademica a colpi di saggi dove il suo nome era inesorabilmente accompagnato dal termine hoax, truffatore…

Ma che cosa avevano di eversivo quei libri venduti a milioni di copie? Trasmettevano un sapere che sgretolava la compattezza del mondo empirico: don Juan Matus, lo stregone del deserto di Sonora incontrato alla stazione degli autobus di Nogales (Arizona) divenuto un mito letterario, gli impartì un tirocinio di tredici anni prima usando la droga, poi semplici gesti per fargli sperimentare quei livelli di realtà che presto divennero un miraggio per chiunque in America coltivasse gli “stati alterati di coscienza”. L’anatema accademico non fermò l’uscita dei suoi libri, ma di lui si persero le tracce.

“Non sono affatto sparito” protesta Castaneda. “Solo che per molti anni non c’era modo di contattarmi, dato che ero a coltivare giardini sulle montagne del Guatemala, una terra dalle tradizioni vicine ai brujos messicani”. Certo in quegli anni Castaneda non si limitò a fare giardinaggio ma approfondì le tecniche di quegli stregoni che non sapevano ben maneggiare l’enormità delle conoscenze ereditate nei secoli. In segreto. Castaneda in quegli ultimi anni cercò di divulgare gli straordinari insegnamenti che aveva appreso prima che andassero perduti per sempre… Qual’era l’intento dei brujos? “L’intento, lo scopo ultimo – continua Castaneda – è la libertà che si raggiunge tramite la consapevolezza dell’essere: non è solo questione di benessere psicofisico.

Per i brujos, noi siamo come una città assediata da un Predatore molto speciale che fa parte dell’universo: è una forza invisibile che loro riescono a vedere fisicamente, mentre divora la nostre energia. Il Predatore ci toglie la consapevolezza di essere tutt’uno col fluire dell’universo: e ci lascia in balia dell’Ego, prigionieri dell’egomania e per questo infelici. Ridistribuendo l’energia bloccata con i giusti movimenti, i passi magici possono fermare il Predatore, favorendo la crescita della consapevolezza e l’espandersi della percezione. E’ a questo punto che i praticanti sono in grado di accedere a mondi inimmaginabili”.

Ma quei mondi sono reali o si tratta di una finzione letteraria, o di un prodotto del subcosciente stimolato dalle pratiche dei brujos e dalle droghe?

“Alla scuola degli stregoni ho avuto percezione di mondi concreti e pericolosi, talmente concreti che ti attraggono e talora non ti fanno uscire, Sono certo che non sono prodotti dalla psiche perché, in tali esperienze, le situazioni si possono fissare, ripetere in modo sempre identico: al contrario le visioni indotte dal subcosciente sono cangianti, mutano di continuo. In quanto alle droghe, don Juan me ne ha propinate molte, e fortissime. Per questo ho lo stomaco ridotto così male: prendo un goccio di caffè, che già mi sento in colpa! Allora ero prigioniero del buon senso, quadrato, testardo, perché mi avevano educato persone vecchie di mente, piene di pregiudizi, paurose del nuovo. Le droghe di don Juan hanno scardinato questo mondo: per entrare nel suo bisogna essere fluidi, senza idee precostituite e soprattutto senza paura dell’ignoto. Poi non c’è stato più bisogno di mescalito”.

Certo, le esperienze che Castaneda aveva tentato di trasmettere non erano, a suo dire, riconducibili ad alcuna categoria del mondo civilizzato; potevano risultare incomprensibili, ma certamente minavano la fede nel mondo visibile come unica possibilità dell’essere, la fede nella “fasciatura aderentissima che ci stringe vietandoci di percepire i soffi di realtà diverse e maggiori”, come scrive Zolla nel saggio Il letterato e lo sciamano. Ma proprio qui stava il punto, il nodo irrisolto dei racconti castanediani come di tutta la letteratura visionaria. I mondi visitati e descritti da Carlos erano concreti, reali oppure soltanto il prodotto di uno stato allucinatorio, favorito prima dall’uso di droghe e poi dalle pratiche dei brujos? La questione poteva riguardare la sua iniziazione nei deserti messicani così come le esperienze dei mistici, dei veggenti, dei grandi sognatori d’ogni tempo. Di fronte ai miei dubbi, Castaneda mi parlò di Tonal e Nagual, spiegando che il primo corrispondeva alla realtà fisica coma la conosciamo, mentre il secondo è l’”altra possibilità dell’essere”, sperimentabile solo da chi impara a vedere “oltre l’apparenza”.

A questo punto provai a insistere sull’”altra possibilità dell’essere” (l’intervista era finita ma lui mi sollecitava: “Chiedi, chiedi non so se sarò ancora qui quando tornerai”; sarebbe morto sei mesi dopo). In altre parole gli domandai: che cosa si intravede dalla porticina della visione, aperta nel grande portone del mondo ordinario? Castaneda mi rispose che i brujos potevano vedere gli uomini come conglomerati di energia, come una sorta di sfere tenute insieme da filamenti luminosi che le attraversano e si diramano all’infinito. In ciascuna sfera essi vedono energia rafferma, inutilizzata, che riescono a sbloccare, a ridistribuire nel corpo, attraverso pratiche molto semplici, magari con un colpetto in un punto particolare, sulla scapola del discepolo.

L’allievo dello stregone insisteva sull’unicità dell’insegnamento dei Nagual, che non sarebbe comparabile in nulla alle tradizioni religiose o alle scuole iniziatiche d’Oriente e d’Occidente. Io stesso percepivo quei discorsi come alieni. Tuttavia quelle ”uova” luminose, poco a poco, mi diventavano familiari: pensavo alle mandorle di luce nelle quali i pittori racchiudevano i santi, alle sfere di Bosch, alle aure fiammeggianti di certi bodhisattva o di figure sacre dell’induismo.

La suggestione di quei discorsi mi spinse ad andare oltre, a chiedere per esempio che cosa si aspetta un Nagual dopo la fine del corpo. In particolare pensavo all’episodio del “salto nell’abisso” che più di ogni altro fa a pugni con la ragione nella saga di Castaneda. Don Juan si getta in un burrone e scompare, almeno dal nostro piano di realtà; ma la prova decisiva per diventare Nagual esige che anche Carlos, con tre discepoli, vi si lanci. Ciò avviene senza che si sfracellino: la violazione dell’ordine naturale è palese. In proposito Zolla cita l’ascesa di San Paolo al Terzo Cielo: “Fu col corpo? O non con il corpo? Non lo so si chiese l’apostolo”; e Castaneda gli fa eco:

“Saltammo con il corpo o con l’immaginazione allucinata nel vortice dell’energia pura? Non lo sappiamo”. Carlos non ha una risposta ma ricorda che da quell’esperienza uscì radicalmente mutato quanto a percezione sottile, capacità visionaria e potere di interagire con la materia delle visioni. D’altra parte, nessun mistico dispone delle parole necessarie a descrivere l’indicibile dell’esperienza estatica. Alla domanda su che cosa aspettasse gli stregoni dopo la morte, Castaneda scoppiò in una risata accusandomi di usare la mia logica per un sistema assolutamente prelogico. Ma io insistevo: che fine ha fatto don Juan? Il suo tono cambiò e si fece per una volta grave:

“Alla fine della vita i corpi degli stregoni bruciano dall’interno prima di sparire come un soffio d’aria e trasformarsi in energia pura dotata di consapevolezza”.

In fondo, mi dissi, si tratta del cambiamento di stato di un essere che mantiene coscienza di sé oltre il trapasso: concetto della sopravvivenza alla morte non troppo diverso da quanto concepito da filosofi, teologi, religiosi di ogni tempo e cultura. Ma “dopo”, domandai, che cosa avviene di quell’energia consapevole nella quale il corpo si trasforma e che sopravvive a esso? E Carlos:

”Alla fine della vita non ci aspettano né paradisi né inferni, né reincarnazione, né nirvana. Il vero premio è continuare la lotta per acquisire sempre maggiore consapevolezza in altri livelli di realtà, concreti, dove si può nascere, vivere e morire; e dove il corpo, nella sua nuova forma, è atteso da nuove sfide e non sfide: La lotta continua: ed è una visione tremendamente congrua con le moderne teorie sulla natura dell’universo”.

Alle ultime parole Castaneda diede molta enfasi, battendo il pugno sul tavolo. L’idea di vari livelli di realtà (che don Juan paragona agli strati di una cipolla) può anche ricordare le molteplici dimensioni dell’universo (o multiverso) concepite dalla fisica moderna; ma soprattutto ricorda quanti in Occidente hanno ipotizzato vari gradi o livelli dell’essere, da Giordano Bruno alla purificazione attraverso esistenze successive (sulla terra ma anche in mondi superiori) degli orientali. L’uomo-mago di Bruno non è in balia della natura mutante ma può padroneggiarla per elevarsi e salire, attraverso un lungo e aspro processo di purificazione, i diversi piani dell’essere. Non troppo diverso da don Juan.

Quando lasciammo il Moustache Café, Carlos mi parve molto più vicino di quanto facessero supporre l’estraneità dei suoi racconti alle nostre categorie mentali. Mi aveva aperto una porta su panorami inesorabilmente alieni ma poi, mano a mano che osservavo i particolari e scoprivo riferimenti familiari, avevo avuto l’impressione di ritrovarmi a casa, sia pure arricchito da prospettive e angoli di visuale sovvertiti rispetto alla mia geografia culturale.

Lo stesso Castaneda, nell’accompagnarmi in albergo, manifestava cordialità, mi parlava del film mai girato con Fellini e mi confidò di avere frequentato da ragazzo l’Accademia di Brera, quando era diretta dallo scultore Marino Marini, a due passi dalla mia casa a Milano.

Sulla porta dell’albergo mi abbracciò a lungo: forse sapeva che non ci saremmo più rivisti, in ogni caso avvertivo una commozione imprevista nel discepolo dello stregone. Ripensavo alle “infinite maschere di Dio” di cui parlava il romanziere cristiano Morris West e mi domandavo se almeno una di esse non fosse applicabile a quell’antica tradizione messicana. Ne sapevo troppo poco per rispondere. Sicuramente quelle ore mi avevano dato la possibilità di guardare al pensiero occidentale, alla stessa questione metafisica, al confronto fra culture e tradizioni, da un punto di vista assolutamente eccentrico rispetto alle mie conoscenze. Anche Castaneda era stato una risorsa; ne ero, e ne sono più che convinto.

Estratti dal libro “Le Piccole Porte” edito da Corbaccio (fuori catalogo) di Cesare Medail, giornalista del Corriere della Sera e ricercatore del sacro – tramite il sito di Giorgio Cerquetti, www.cerquetti.org

Un tappeto magico composto di seta verde

Il Kebra Nagast-Re Salomone e il mistero dei tappeti volanti

by Ivan 

In breve: i tappeti volanti sono menzionati in numerose leggende. Ad esempio, si dice che il re Salomone possedesse un tappeto volante lungo sessanta miglia e largo sessanta miglia, capace di trasportare 40.000 uomini. 

In altre leggende, il re Phraate II, un re dei Parti ha ingaggiato il suo nemico mentre volava su un tappeto in grado di sparare luci e fuoco. 

Leggende di divinità e divinità che viaggiano in tempi antichi attraverso la Terra in potenti macchine volanti possono essere trovate in un certo numero di leggende in varie culture in tutto il mondo.

Secondo il libro sacro degli etiopi, ad esempio, il Kebra Nagast, che si credeva fosse stato scritto tra il V e il II secolo d.C., la regina Saba era dotata di un tappeto volante dal re Salomone.

La storia è di grande importanza e la sua importanza è segnata dal fatto che è scritta in uno dei più importanti testi antichi mai scritti.

Si ritiene che il lavoro contenga la genealogia della nuova dinastia salomonica.

Il Kebra Nagast, noto anche come il libro dei Re, sembra essere il libro più sacro e importante degli antichi etiopi.

Si ritiene che Sir Wallis Budge, uno studioso inglese che ha lavorato per il British Museum, abbia creato la prima traduzione in inglese del Kebra Nagast intitolato The Glory of the Kings.

The Flying Carpet, una rappresentazione dell’eroe del folklore russo, Ivan Tsarevich. Immagine di credito: Wikimedia Commons. Dominio pubblico 

Il Kebra Nagast è composto da 117 capitoli ed è considerato un’opera di letteratura composita.

Nell’antica opera letteraria, scopriamo come il re Salomone possedesse una sorta di dispositivo volante. Una macchina volante.

 

In aggiunta a ciò, il libro contiene resoconti su come l’Arca del patto arrivò in Etiopia con Menelik I, il primo imperatore salomonico dell’Etiopia, tradizionalmente ritenuto figlio del re Salomone.

Presumibilmente, Dio aveva conferito al re Salomone la comprensione del linguaggio degli uccelli e un certo numero di altri insegnamenti sacri denominati “il signore degli uomini, dei geni e degli uccelli”. 

Nelle leggende antiche, è descritto come volare attraverso l’aria con un tappeto “magico” composto di seta verde. 

Le leggende dicono che il tappeto volante di Salomone aveva la capacità di trasportare fino a 40.000 uomini mentre era in volo. 

La descrizione del tappeto volante di Solomon è sconcertante. Si dice che fosse lunga sessanta miglia e larga sessanta miglia: e “quando Salomone si sedette sul tappeto, fu preso dal vento, e salpò così rapidamente nell’aria che fece colazione a Damasco e cenò in Media“. 

Oltre a quanto sopra, un certo numero di antiche leggende in Medio Oriente parlano di come il re Salomone aveva in suo possesso un dispositivo volante che gli permetteva di viaggiare senza problemi in diversi posti in Medio Oriente, in un numero di montagne comunemente soprannominate Montagne di Salomone. 

Inoltre, un uomo chiamato Nicholas Rourke, che era un esploratore russo-americano viaggiò attraverso l’Asia e il Tibet e le sue montagne negli anni ’20 e affermò che i tibetani avevano leggende che parlavano del re Salomone che volava in Tibet con la sua magnifica macchina volante. 

Questo mi fa domandare se stiamo davvero parlando di un tappeto volante, o forse, come suggeriscono alcuni teorici dell’antica astronauta, di antiche macchine volanti, conferite all’uomo da un moccio dalla Terra?

Ma queste leggende non parlano di tappeti volanti come solo un mezzo di trasporto. In numerosi racconti, i tappeti volanti sono raffigurati come potenti armi.

Infatti, se guardiamo storie del II secolo aC, scopriamo come Phraates II, un re dei Parti impegnato in battaglia con Antioco VII, re dell’Impero seleucide. 

È qui che la storia diventa interessante.

La storia racconta che re Phraate volò “a bordo” di un tappeto volante dalle alture della montagna Zagros. Quando ha raggiunto il suo nemico, ha sparato, dal tappeto volante, fuoco e lampo. 

Dopo il suo attacco vittorioso, si dice che il re Phraates sia volato sopra le teste dei suoi soldati in un ricevimento trionfale. 

Secondo Hai ben Sherira dell’accademia talmudica, la biblioteca perduta di Alessandria era la patria di innumerevoli “tappeti magici”. 

Quindi, tappeti volanti o antichi Vimana? 

Se diamo un’occhiata all’antica mitologia indù, troveremo una serie di descrizioni che descrivono in dettaglio potenti macchine volanti chiamate Vimana. 

Si dice che questi possenti dispositivi volanti siano esistiti migliaia di anni fa, permettendo a “divinità” e “divinità” di percorrere grandi distanze e persino recarsi nello spazio.

Tutti questi incredibili “antichi dispositivi volanti” potrebbero essere i Carri degli dei di Erich Von Daniken menzionati nei suoi libri? 

Fonte: https://www.ancient-code.com/the-kebra-nagast-king-solomon-and-the-mystery-of-flying-carpets/

®wld 

L’avanzato punto della reingegnerizzazione umana

 

Comunismo, Rothschild e il cartello delle banche centrali

L’umanità è condannata finché questi banchieri controllano la società. Qual è il rimedio? Nazionalizzare le banche centrali, ripudiare i debiti creati dal nulla, rompere i cartelli, in particolare Hollywood e i media, e istituire un rigoroso finanziamento della campagna pubblica.  

 … di Jonas E. Alexis e Henry Makow – 3 luglio 2018  

Henry Makow ha un dottorato di ricerca nella letteratura inglese dell’Università di Toronto ed è l’autore del libro best-seller Cruel Hoax: Feminism & the New World Order. Makow è cresciuto in una famiglia ebrea. 

Jonas E. Alexis: Se non hai mai letto Il secolo ebraico di Yuri Slezkine, forse è il momento di consultare la tua biblioteca locale e iniziare a scavare. Slezkine non è un teorico della cospirazione o “antisemita”. È un professore ebreo all’Università della California. The Jewish Century è pubblicato dalla Princeton University Press, quasi un bastione dell’istituzione “antisemita”. 

Cosa offre Slezkine all’inizio del libro? Bene, eccola: “L’era moderna è l’era ebraica, e il ventesimo secolo, in particolare, è il secolo ebraico … La modernizzazione, in altre parole, riguarda il fatto che tutti diventino ebrei.” [1]  

La semplice domanda è questa: cosa ci ha portato questo “secolo ebraico”? Pace e armonia? Ogni studioso serio o osservatore meticoloso sa che il ventesimo secolo ci ha portato la prima guerra mondiale, la rivoluzione bolscevica, la seconda guerra mondiale, la creazione di Israele, l’ideologia neoconservatrice, ecc. Tutti sono stati disastri completi per il mondo intero. Ad esempio, prendi la creazione di Israele. Cosa ci dice lo storico israeliano Benny Morris stesso?  

“Uno stato ebraico non sarebbe nato senza lo sradicamento di 700.000 palestinesi. Quindi è stato necessario sradicarli. Non c’era altra scelta che espellere quella popolazione. Era necessario ripulire l’entroterra e pulire le aree di confine e pulire le strade principali. È stato necessario ripulire i villaggi dai quali sono stati licenziati i nostri convogli e i nostri insediamenti.” [2]  

Non importa come ridurli, non è moralmente giusto sradicare almeno 700.000 persone dalla loro terra e dai loro territori. E se spostiamo la discussione sulla prima guerra mondiale, sulla seconda guerra mondiale e persino sulla rivoluzione bolscevica, la tesi che il “secolo ebraico” abbia portato il caos totale al mondo intero è abbastanza convincente.  

Anche in questo solo secolo, il neoconservatorismo, che tutti conosciamo come un movimento ideologico ebraico, [3] ha già fatto abbastanza danni nel mondo. Se questo sembra troppo radicale, pensa alla guerra dei sei trilioni di dollari nel 2003 [4] e alle migliaia di soldati che hanno dovuto subire lesioni cerebrali a causa di quella stupida guerra. [5] Pensa alla distruzione delle case e della sodomia in luoghi come Abu Ghraib. [6]  

Se questo non è ancora abbastanza, pensa a ciò che i Neoconservatori stessi hanno articolato diabolicamente. Prendiamo ad esempio l’ebreo Neocon Jonah Goldberg, che ha dogmaticamente affermato che “ogni dieci anni circa, gli Stati Uniti hanno bisogno di raccogliere un piccolo e schifoso paese e gettarlo contro il muro, solo per mostrare al mondo di cosa intendiamo per affari”. [7 ] 

Ovviamente persone come Goldberg sono pericolose non solo per l’America ma per il resto del mondo. Mac’è molto di più in queste persone che saltano all’occhio qui, e Henry Makow porterà la discussione al livello successivo. Quello che segue è il suo giudizio su come “gli ebrei cabalisti” e le loro marionette stanno trascinando gran parte del mondo in un’ideologia oscura e nichilista.  

  

Henry Makow: I Rothschild sono ebrei cabalisti che rappresentano la loro demente megalomania che mette a repentaglio il destino dell’umanità. Stanno imponendo la loro tirannia occulta in virtù del loro monopolio mondiale sul mezzo di scambio. Producono credito e valuta dal nulla sotto forma di debito verso se stessi, qualcosa che il nostro governo potrebbe fare da sé, senza interessi né debito. Gli ebrei organizzati e la Massoneria sono complici di questa truffa. Ahimè, i nostri “soldi” sono solo coupon, chip virtuali nel loro casinò digitale. Possono manipolare o annullare questi chip ogni volta che vogliono.  

Il loro programma è di proteggere il loro monopolio monetario estendendolo in un monopolio su tutto – potere, conoscenza, cultura, religione – ridisegnando l’umanità per servirli. Questo è il vero significato del comunismo. 

Questo è il motivo per cui le nazioni occidentali sono inondate da migranti. Perché i valori comunisti e LGBT sono imposti ai bambini. Perché le università sono state castrate. Perché le società e le banche promuovono la migrazione e l’omosessualità. Perché la politica estera dell’Occidente punta a distruggere qualsiasi resistenza (Russia, Siria, Yemen, Iran, Corea).

Il processo di reingegnerizzazione umana è avanzato fino al punto in cui la società è complice della propria distruzione. Tutto ciò è stato messo a nudo nel 1938 dagli insigni Illuminati Chaim Rakovsky quando è stato arrestato dal NKVD di Stalin. Il suo interrogatorio è trapelato e pubblicato con il titolo “The Red Symphony”. 

La maggior parte della gente pensa che il comunismo sia un’ideologia dedicata alla difesa dei lavoratori e dei poveri. Questo è stato uno stratagemma di grande successo che ha manipolato milioni di persone. 

Dietro questo artificio, il “comunismo” è dedicato a concentrare tutta la ricchezza e il potere nelle mani del cartello delle banche centrali (i Rothschild e i loro alleati) mascherandolo come potere dello Stato.  

Il cartello bancario centrale è il monopolio ultimo. Ha un monopolio quasi globale sul credito del governo. Il suo scopo è di tradurre questo in un monopolio su tutto – politico, culturale, economico e spirituale. Un governo mondiale = monopolio dei Rothschild = comunismo. 

Qualsiasi ideologia che concentri ulteriormente ricchezza e potere nelle mani dello “Stato” è il comunismo sotto un’altra forma. Queste ideologie – socialismo, liberalismo, fascismo, neo-conservatorismo, sionismo e femminismo – sono fronti per “comunismo” e sono organizzate e finanziate dal cartello delle banche centrali. Gli eventi attuali sono tutti progettati dai banchieri centrali per aumentare il potere del governo.

LA SINFONIA ROSSA 

“The Red Symphony” è la migliore rivelazione dello stato reale del nostro mondo. “The Red Symphony” è un interrogatorio della polizia segreta stalinista (NKVD) del 1938 di Christian Rakovsky, un insider sovietico visto qui con un altro ebreo e agente Rothschild, Leon Trotsky. Il testo è online o in Des Griffin, Quarto Reich dei ricchi.  

Ho presentato questo documento esplosivo di 50 pagine ai miei lettori nel 2003. Toglie il velo alla storia moderna e spiega il vero significato di Rivoluzione, Comunismo, Massoneria e Guerra. Non era destinato a diventare di dominio pubblico. Il traduttore, il Dr. J. Landowsky, ne fece una copia non autorizzata.  

L’esperimento umano è messo in pericolo da interessi privati ​​che hanno usurpato la funzione della creazione di denaro ovunque. 

La storia moderna riflette il processo graduale con cui trasferiscono tutta la ricchezza e il potere a se stessi, distruggendo la civiltà occidentale e creando uno stato di polizia mondiale. Nel 1938, Rakowsky potrebbe dire che il mondo intero è controllato dai banchieri ebrei sabbatea e dai loro alleati.  

Nella sua autobiografia, La mia vita, Leon Trotsky ha scritto: “Christian G. Rakovsky … ha svolto un ruolo attivo nel funzionamento interno di quattro partiti socialisti – il bulgaro, il russo, il francese e il rumeno – per diventare alla fine uno dei leader della Federazione sovietica, fondatore del Partito comunista internazionale, presidente del Soviet ucraino dei commissari del popolo, e rappresentante diplomatico sovietico in Inghilterra e Francia …” 

Rakovsky, il cui vero nome era Chaim Rakover, fu condannato a morte nell’epurazione di Stalin della fazione trotskista del partito. Cercò di salvarsi consegnando un messaggio a Stalin sugli Illuminati. 

Nel processo, Rakovsky disse al suo interrogatore che i banchieri crearono lo stato comunista come una “macchina del potere totale” senza precedenti nella storia. In passato, a causa di molti fattori, “c’era sempre spazio per la libertà individuale. Capisci che quelli che già governano in parte le nazioni e i governi mondani hanno pretese di dominio assoluto? Comprendi che questa è l’unica cosa che non hanno ancora raggiunto.” 

Una forza perniciosa paralizza la nostra vita nazionale. Rakovsky lo identifica: “Immagina a te stesso, se puoi in un piccolo numero di persone che hanno potere illimitato attraverso il possesso della ricchezza reale, e vedrai che sono i dittatori assoluti della borsa e [dell’economia] … Se hai abbastanza immaginazione allora … vedrai [la loro] influenza anarchica, morale e sociale, cioè rivoluzionaria … Comprendi adesso?”

“… Hanno creato credito in modo da rendere il volume vicino all’infinito. E per dargli la velocità del suono … .è un’astrazione, un essere di pensiero, una figura, un numero, un credito, una fede …. ” (Pp.245-246)

Ovviamente hanno bisogno di proteggere il loro monopolio creditizio creando un “governo mondiale”. Questo impedisce a qualsiasi paese di emettere il proprio credito (denaro) o di ripudiare il proprio debito.

MARXISMO  

Il Movimento Rivoluzionario, che definisce la storia moderna, era un mezzo per istituzionalizzare il potere dei banchieri distruggendo il vecchio ordine. Il marxismo, “prima di essere un sistema filosofico, economico e politico, è una cospirazione per la rivoluzione”.

Rakovsky si fa beffe del “marxismo elementare … il popolare demagogico” che viene usato per ingannare gli intellettuali e le masse. (238) Marx fu assunto da Rothschild per ingannare le masse. Rakovsky dice che Marx “ride sotto la sua barba a tutta l’umanità”. (Griffin, 240) Naturalmente, Marx non menzionò mai i Rothschild. (243)  

Per quanto riguarda la Massoneria: “Ogni organizzazione massonica cerca di creare tutti i prerequisiti necessari per il trionfo della rivoluzione comunista; questo è l’obiettivo ovvio della Massoneria”, dice Rakovsky, un massone di alto rango.  

Lo scopo della rivoluzione non è altro che quello di ridefinire la realtà in termini di interessi dei banchieri. Ciò comporta la promozione della verità soggettiva rispetto alla verità oggettiva. Se Lenin “sente qualcosa che crede reale”, allora è reale. “Per lui ogni realtà, ogni verità era relativa di fronte all’unico e assoluto: la rivoluzione.”  

Questo è il cabalismo: gli ebrei cabalisti creano la realtà perché credono di essere il canale della volontà di Dio. (In altre parole, l’umanità è caduta per una gigantesca frode).  

In altre parole, il bianco è nero e su è giù. È così che è stato nell’Unione Sovietica; e ora in Occidente, la verità e la giustizia vengono sostituite dal diktat politico. “Political correctness” un termine bolscevico è ora di uso comune. Quindi, l’omosessualità che gli psichiatri consideravano sempre un disturbo dello sviluppo, divenne nel 1973 una “scelta di vita” dal diktat politico. Ora le scuole pubbliche incoraggiano i bambini eterosessuali “a sperimentare con la loro sessualità”. Questo è malsano e innaturale, ma è proprio questo il satanismo e la “rivoluzione”, che rovesciano il salutare ordine intrinseco.  

Rakovsky si meraviglia che “i banchi su cui sedevano i grassi usurai per scambiare i loro soldi, ora sono stati convertiti in templi, che si estendono magnificamente in ogni angolo delle grandi città contemporanee con i loro colonnati pagani, e le folle vanno là … per portare assiduamente i loro depositi di tutti i loro beni al dio del denaro …” 

Dice che la stella sovietica a cinque punte rappresenta i cinque fratelli Rothschild con le loro banche, che possiedono colossali accumuli di ricchezza, la più grande mai conosciuta.”  

Non è strano che Marx non menzioni mai questo fatto? Chiede Rakovsky. Non è strano che durante le rivoluzioni, i mob non attacchino mai i banchieri, i loro palazzi o le loro banche? 

GUERRA 

La guerra è il mezzo con cui i banchieri centrali avanzano il loro programma. Rakovsky dice che Trotsky era dietro l’omicidio dell’Arcinto Duca Ferdinando (che scatenò la prima guerra mondiale). Ricorda la frase usata dalla madre dei cinque fratelli Rothschild: “Se i miei figli lo vogliono, allora non ci sarà più guerra”. Ciò significa che erano gli arbitri, i padroni della pace e della guerra, ma non gli imperatori. Sei capace di visualizzare il fatto di una tale importanza cosmica? La guerra non è già una funzione rivoluzionaria? Guerra? La Comune Da quel momento ogni guerra è stata un passo da gigante verso il comunismo”. 

Dopo l’omicidio di Walter Rathenau nel 1922, gli Illuminati danno posizioni politiche o finanziarie solo agli intermediari, dice Rakowsky. “Ovviamente a persone fidate e leali, che possono essere garantite in mille modi: così si può affermare che quei banchieri e politici [nell’opinione pubblica] – sono solo uomini di paglia … anche se occupano posti altissimi e sono fatti apparire come gli autori dei piani che vengono eseguiti”.  

Nel 1938, Rakovsky delineò tre motivi per l’imminente seconda guerra mondiale. Il primo è che Hitler avevainiziato a stampare i propri soldi. “Questo è molto serio. Molto più di tutti i fattori esterni e crudeli nel nazionalsocialismo.”  

In secondo luogo, il “nazionalismo pienamente sviluppato dell’Europa occidentale è un ostacolo al marxismo … la necessità di distruggere il nazionalismo merita una guerra in Europa”.  

Infine, il Comunismo non può trionfare se non sopprime il “cristianesimo ancora vivo”. Si riferisce alla “rivoluzione permanente” come risalente alla nascita di Cristo, e la riforma come “la sua prima vittoria parziale” perché ha diviso il cristianesimo. Ciò suggerisce che la “cospirazione” contiene anche un fattore razziale o religioso. 

“In realtà, il cristianesimo è il nostro unico vero nemico da tutti i fenomeni politici ed economici degli Stati borghesi. Il cristianesimo che controlla l’individuo è capace di annullare la proiezione rivoluzionaria del neutrale Stato sovietico o ateo”.  

Ora i Banchieri Centrali stanno promuovendo la Terza Guerra Mondiale come in “Lo scontro di civiltà”. Sostituite dall’Islam per il cristianesimo in alto e “i cristiani” contro di loro.   

CONCLUSIONE  

Il Nuovo Ordine Mondiale crea una falsa realtà che rappresenta la nostra schiavitù mentale. Legioni di esperti, professori e politicanti fanno rispettare i suoi precetti. 

La società è totalmente sovvertita. Il governo, l’educazione, l’intrattenimento e i mezzi di informazione sono nelle mani del cartello delle banche centrali. Il settore privato canta dallo stesso libro di canzoni su argomenti come “diversità”. Lo stesso vale per think tanks, fondazioni, ONG, associazioni professionali e importanti associazioni di beneficenza. Le agenzie di intelligence servono i banchieri centrali. (Questo articolo “Come la Fed ha acquistato la professione di economia” è il modello per tutte le professioni).  

Di conseguenza, la società non è in grado di affrontare il suo vero problema: la concentrazione del potere nelle mani dei banchieri credenti della Cabala.Siamo ostacolati dalla falsa accusa di “antisemitismo” quando la maggior parte degli ebrei ignorano il quadro generale. Non mancano i lacchè, spesso massoni e ebrei massonici, disposti a condividere il bottino delle frodi dei banchieri. Questo oggi viene definito “successo”.  

L’umanità è condannata finché questi banchieri controlleranno la società. Qual è il rimedio? Nazionalizzare le banche centrali, ripudiare i debiti creati dal nulla, rompere i cartelli, in particolare Hollywood e i media, e istituire un rigoroso finanziamento della campagna pubblica. Inoltre, abbiamo bisogno di una rinascita spirituale, un ritorno alla vera religione, o almeno un’affermazione di Dio e un ordine morale. 

Ma finché le persone percepiscono i loro interessi in termini di status quo, i nostri problemi sono sistemici e non andranno via. 

[1] Yuri Slezkine, The Jewish Century (Princeton: Princeton University Press, 2004), 1.

[2] Ari Shavit, “Survival of the Fittest? an Interview with Benny Morris,” Counterpunch, January 16, 2004.

[3] Murray Friedman, The Neoconservative Revolution: Jewish Intellectuals and the Shaping of Public Policy (Cambridge: Cambridge University Press, 2004); Stefan Halper and Jonathan Clarke, America Alone: The Neo-Conservatives and the Global Order (Cambridge: Cambridge University Press, 2004)

[4] Ernesto Londono, “Study: Iraq, Afghan war costs to top $4 trillion,” Washington Post, March 28, 2013; Bob Dreyfuss, The $6 Trillion Wars,” The Nation, March 29, 2013; “Iraq War Cost U.S. More Than $2 Trillion, Could Grow to $6 Trillion, Says Watson Institute Study,” Huffington Post, May 14, 2013; Mark Thompson, “The $5 Trillion War on Terror,” Time, June 29, 2011; “Iraq war cost: $6 trillion. What else could have been done?,” LA Times, March 18, 2013.

[5] “360,000 veterans may have brain injuries,” USA Today, March 5, 2009.

[6] See Mark Kukis, Voices from Iraq: A People’s History, 2003-2009 (New York: Columbia University Press, 2011); Dana Priest and Joe Stephens, “Secret World of U.S. Interrogation,” Washington Post, May 11, 2004; for similar reports, see Jane Mayer, “The Black Sites: A Rare Look inside the C.IA.’s Secret Interrogation Program,” New Yorker, August 13, 2007; Craig Whitlock, “Jordan’s Spy Agency: Holding Cell for the CIA,” Washington Post, December 1, 2007; Jane Mayer, The Dark Side: The Inside Story of How the War on Terror Turned into a War on American Ideals (New York: Anchor Books, 2009); Mark Danner, Torture and Truth: America, Abu Ghraib, and the War on Terror (New York: New York Review of Books, 2004); George W. Bush: War Criminal?: The Bush Administration’s Liability for 269 War Crimes (Westport: Praeger Pubishers, 2009); Lila Rajiva, The Language of Empire: Abu Ghraib and the American Media (New York: Monthly Review Press, 2005). Rebecca Gordon, Mainstreaming Torture: Ethical Approaches in the Post-9/11 United States (New York: Oxford University Press, 2014).

[7] Conor Friedersdorf, “The Real Radicals of the Iraq War: Its Proponents,” Atlantic, March 6, 2013.  

Fonte: https://www.veteranstoday.com/2018/07/03/communism-the-rothschilds-and-the-central-banking-cartel/

®wld

L’albero evolutivo di tutte le religioni sulla Terra

Grafico creato da Simon E. Davies.

L’inizio della religione: questo è l’albero evolutivo di tutte le religioni sulla Terra  

Di Ivan  

Sin dagli albori dell’umanità, gli umani hanno cercato di dare un senso al loro mondo, soprattutto di fronte a fenomeni sconosciuti come “cosa causa tempeste”, “cosa ci succede dopo la morte” e “come è stato formato il mondo”? È plausibile che da tali domande si siano formate le nostre prime religioni primitive.  

La prima prova di una pratica religiosa può essere fatta risalire a 100.000 anni fa quando abbiamo iniziato a seppellire i nostri morti. Sebbene non possiamo definire questo come l’origine della fede, suggerisce che agli albori dell’umanità, avevamo iniziato a considerare una specie di aldilà.  

Nel corso del tempo, questa pratica religiosa ha dato origine a una nuova ideologia che si è diffusa in tutti i continenti, conosciuta oggi come “animismo”. Questa fede emergente era il sistema di credenze di base che si sarebbe evoluto e si sarebbe espanso in numerose altre ideologie in tutto il mondo. Il viaggio di queste religioni in evoluzione può essere suddiviso in tre periodi classici. 

Va notato che questi periodi non sono indicativi di una nuova ideologia che migliora i precedenti sistemi di fede. Le religioni cambiano nel tempo, si estinguono e si dividono in tradizioni distinte.   

Si adattano al loro ambiente, costruiscono il loro ambiente in parte, tutto proprio come fa l’evoluzione organica.   

Periodo 1: Animismo (100.000 a.C. – Presente)  

Gli umani cominciarono a credere che i costrutti naturali (ad es. Piante, animali, rocce e vento) possedessero un’essenza spirituale. Si credeva che queste entità spirituali avessero poteri e temperamenti che influenzarono il nostro mondo quotidiano. Adorando questi esseri divini, si è creduto che potessimo mantenere l’armonia con questo mondo spirituale e ottenere da loro favori.   

Periodo 2: Politeismo (15.000 a.C. – Presente)  

Le radici del politeismo potrebbero trovarsi nell’era epipaleolitica. Linguisti e storici hanno definito un’ipotetica famiglia linguistica chiamata Nostratic, che sembra aver influenzato tutti i dialetti africano ed euroasiatico. Molte delle parole che possono essere ricostruite coinvolgono gli dei della natura (come la madre terra e il padre del cielo). Ciò suggerisce che gli spiriti della natura dell’animismo si erano evoluti in una nuova generazione di Dei (dando agli esseri astratti del tuono e dell’acqua una forma più umana). Durante la rivoluzione neolitica, iniziarono ad emergere civiltà che richiedevano nuove aree di competenza (ad es. Legislazione, metallurgia, agricoltura e commercio). Erano i discendenti degli dei nostratici (ad esempio gli indoeuropei e i sumeri) che assunsero il ruolo di guida e leader nel mondo civilizzato.  

Tipicamente questi esseri divini erano divisi in diverse classi, che sorvegliavano i cieli, il regno dei morti e il mondo sotterraneo. Ciascuna divinità possedeva i propri poteri, pratica religiosa e dominio (ad es. Commercio, diplomazia, guerra, ecc.). L’uomo potrebbe adorare uno o tutti questi esseri, ottenendo il favore da loro tramite le offerte, la preghiera e persino il sacrificio.

Periodo 3: Monoteismo (1348 a.C. – Presente)  

Nell’età del bronzo, un nuovo movimento prese forma dando la priorità a un Dio su tutte le altre divinità. Questo sistema è noto come Monoteismo – una credenza in un Essere Supremo. Nel 1348 a.C., il faraone Akhenaton, elevò un dio meno conosciuto chiamato “Aten” allo status supremo, sottovalutando il ruolo di tutte le altre divinità egiziane. Un po’ più tardi in Iran, Zoroastro (un prete persiano) sostenne che “Ahura Mazda” fosse l’unica divinità suprema. Questo nuovo sistema emergente postulò che un dio creatore aveva formato l’universo conosciuto ed era totalmente autosufficiente, capace di governare su tutti gli altri domini. Questa idea divenne importante nel giudaismo, nel cristianesimo, nell’islam e nel sikhismo.  

La maggior parte dei sistemi monoteistici tendono ad essere di natura esclusiva, il che significava che gli dei del Vecchio Mondo dovevano essere eliminati dalla coscienza dell’uomo. Di conseguenza, le religioni monoteistiche mostravano una tolleranza religiosa inferiore rispetto alle religioni politeiste, con il risultato di molte guerre e dispute politiche.   

Questo articolo è stato scritto da Simon E. Davies. Collaboratore su Ancient-Code.com    

Fonte:  https://www.ancient-code.com/ 

®wld

Ermete Trismegisto: un nome avvolto nel mistero

Chi era Ermete Trismegisto?

Detto di aver creato il CorpettoErmetico, una serie di testi sacri che sono alla base dell’ermetismo, Ermete Trismegisto è un nome avvolto nel mistero.

Molti autori lo associano al dio greco Hermes, così come al dio egiziano Thoth. Thoth, ad esempio, era fortemente associato alla conoscenza. Nella mitologia egizia, Toth plaid un ruolo cruciale nel mantenere l’ordine nel cosmo. Thoth era fortemente associato alla magia, alla scrittura e allo sviluppo della scienza.

Nell’antica mitologia greca, Ermes veniva indicato come il Dio della religione e della mitologia. Fu spesso ritratto come emissario e messaggero degli Dei. Hermes è identificato con il dio romano Mercurio.

Un collegamento egiziano

Ermete Trismegisto è spesso menzionato nella letteratura occulta come saggio egiziano, parallelo al dio Toth che creò l’alchimia e sviluppò un sistema di credenze metafisiche che oggi sono conosciute come ermetismo.

Per molti pensatori medievali, Ermete Trismegisto era un profeta pagano che annunciò l’avvento del cristianesimo.

Corpus Hermeticum: prima edizione latina, di Marsilio Ficino, 1471 d.C., un’edizione appartenuta in precedenza alla Bibliotheca Philosophica Hermetica, Amsterdam. Immagine di credito: Wikimedia Commons.

Tavolette di smeraldo e Sir Isaac Newton

Gli studi di alchimia sono stati fortemente collegati a lui, così come la tavoletta di smeraldo, che è stata persino tradotta dal latino all’inglese di Isaac Newton.

Questa è la traduzione di Emerald Tablet di Isaac Newton. È stato scoperto tra i suoi documenti alchemici attualmente ospitati nella King’s College Library, Università di Cambridge.

È vero senza mentire, sicuro e vero.
Ciò che è sotto è come ciò che è sopra e ciò che è sopra è come ciò che è in basso per fare i miracoli di una sola cosa 

E come tutte le cose sono state e sono nate da una con la mediazione di una: così tutte le cose nascono da questa cosa per adattamento. 

Il Sole è suo padre, la luna è sua madre, il vento lo ha portato nel suo ventre, la terra è la sua nutrice.
Il padre di ogni perfezione nel mondo intero è qui. La sua forza o potenza è intera se convertita in terra. 
 

Separa tu la terra dal fuoco, il sottile dal grossolano dolcemente con la grande industria.
Salita dalla terra al cielo e di nuovo scende verso la terra e riceve la forza delle cose superiore e inferiore. 

Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo e quindi tutta l’oscurità volerà da te. 

La sua forza è soprattutto forza. Perché sconfigge ogni cosa sottile e penetra in ogni cosa solida.  

Così è stato creato il mondo. 

Da questo sono e arrivano ammirevoli adattamenti in cui i mezzi (o processi) sono qui in questo. Quindi sono chiamato Hermes Trismegist, con le tre parti della filosofia di tutto il mondo
Ciò che ho detto dell’operazione del Sole è compiuto e concluso. 

La filosofia è anche fortemente legata a Ermete Trismegisto.

Tuttavia, a causa della mancanza di prove conclusive sulla sua esistenza, la figura storica è stata costruita fittiziamente dal Medioevo fino ad oggi, specialmente dal risorgere dell’esoterismo.

Gli alchimisti europei consideravano la tavoletta smeraldo come il fondamento della loro arte e della sua tradizione ermetica.

Secondo antiche credenze egiziane, gli dei governavano l’antico Egitto prima dei faraoni mortali. Queste divinità alla fine hanno civilizzato le regole mortali trasmettendo loro la conoscenza.

Il dio egizio Thoth era il dio della saggezza e il patrono dei maghi. Era anche il guardiano e il commesso degli archivi che conteneva la conoscenza degli dei.

Clemente di Alessandria stimò che gli Egizi possedessero quarantadue scritti sacri, che contenevano tutti gli insegnamenti dei sacerdoti egizi. Clemente di Alessandria era un teologo cristiano che insegnava alla Scuola di catechesi di Alessandria

Hermes Trismegistus è stato infine accreditato con decine di migliaia di scritti, che erano reputati di immensa antichità. Per esempio, il Timeo e Critia di Platone descrivono che nel tempio di Neith a Sais si potevano trovare innumerevoli sale segrete che custodivano documenti storici che erano stati tenuti lì per almeno 9.000 anni.

La fusione di due dei 

Alla fine, Hermes, il dio greco, e Thoth, la controparte egiziana, furono uniti come uno, diventando il patrono di Astrologia e Alchimia.

L’Asclepio e il Corpus Hermeticum sono i più importanti dell’Hermetica, gli scritti superstiti attribuiti a Ermete Trismegisto.

Alla fine, durante il Rinascimento, molti studiosi vennero ad accettare che Ermete Trismegisto era un contemporaneo di Mosè. Alla fine, questa idea svanì dopo che fu scoperto che gli scritti ermetici furono scritti non prima del secondo o terzo secolo d.C.

Si crede anche da alcuni autori come Sayyid Ahmed Amiruddin che Hermes Trismegisto sia il costruttore delle piramidi di Giza

Altri studiosi propongono una connessione tra Ermete Trismegisto. E il Profeta Muhammad.

Il Profeta Muhammad, che si ritiene abbia viaggiato nei cieli nella notte di Isra e Mi’raj, possa essere un diretto discendente di Ermete Trismegisto, affermano i genealogisti arabi. Ibn Kathir, uno storico molto influente, esegeta e studioso durante l’era mamelucca in Siria, disse:

“Per quanto riguarda Idris … Egli è nella catena genealogica del Profeta Muhammad, tranne che secondo un genealogista … Ibn Ishaq dice che fu il primo a scrivere con la Penna. Ci fu un intervallo di 380 anni tra lui e la vita di Adamo. Molti studiosi sostengono che fu il primo a parlare di questo, e lo chiamarono Tre Ermi-Ermete [Ermete Trismegisto], “- Ismail ibn Kathir (fonte).

Il corpus ermetico

Si crede comunemente che gli Hermetica siano testi di saggezza greco-egizia risalenti al II secolo dC e forse anche più tardi.

Questi scritti sono spesso presentati come dialoghi in cui un insegnante, solitamente identificato come Ermete Trismegisto, illumina un discepolo. I testi sono considerati la base dell’ermetismo. Discutono del divino, del cosmo, della mente e della natura. Alcuni toccano l’alchimia, l’astrologia e concetti correlati.

https://www.ancient-code.com/who-was-hermes-trismegistus/

®wld

Ipostasi degli Arconti

 

Gli Arconti; I Divini Creatori del Cosmo e dell’Umanità

Nell’antichità ci si riferiva all’Arcano o agli Arconti come ai servitori del Demiurgo, il dio creatore che si frapponeva tra la razza umana e un Dio trascendente che poteva essere raggiunto solo attraverso la conoscenza della vera natura dell’umanità come divina, portando alla liberazione della scintilla divina all’interno l’umanità dai vincoli dell’esistenza terrena.

L’arconte è anche la parola greca che significa “sovrano”, che veniva anche spesso usato nei tempi antichi come il titolo di un certo ufficio pubblico in un governo. 

Se diamo un’occhiata agli Arconti da un punto di vista gnostico, capiremo che in questo contesto erano considerati gli angeli e i demoni del vecchio testamento. 

Ipostasi degli Arconti: i creatori divini dell’universo e dell’umanità 

I governanti prepararono i piani e dissero: “Venite, creiamo un uomo che sarà suolo dalla terra”. Hanno modellato la loro creatura come un tutt’uno con la terra. Ora il corpo […] dei governanti […] hanno […] femmina […] è con la faccia di una bestia. Avevano preso un po’ di terra dalla terra e modellato il loro uomo dopo il loro corpo e dopo l’immagine di Dio che era apparso loro nelle acque. Dissero: “Veniamo, lasciateci prendere per mezzo della forma che abbiamo modellato, in modo che possa vedere la sua controparte maschile […], e possiamo afferrarla con la forma che abbiamo modellato” – non capendo la forza di Dio, a causa della loro impotenza. Gli soffiarono in faccia, e l’uomo venne per avere un’anima e rimase per terra molti giorni. Ma non potevano farlo alzare a causa della loro impotenza. Come venti tempestosi, persistevano nel soffiare, cercando di catturare quell’immagine, che era apparsa loro nelle acque. Senza conoscere l’identità del suo potere. (Fonte 

Chiamata anche The Reality of the Rulers, l’Ipotesi degli Arconti è un’esegesi – un’interpretazione critica di un testo religioso – sul Libro di Genesi 1-6 ed esprime la mitologia gnostica dei creatori divini del cosmo e dell’umanità.   

Credito d’immagine: Klaus Wittman. Pubblicato con permesso. 

Il libro della Genesi è il primo libro della Bibbia ebraica (il Tanakh) e l’Antico Testamento cristiano.

Questo antico testo era venerato tra molti altri dalla biblioteca di Nag Hammadi. La biblioteca di Nag Hammadi chiamata anche “Manoscritti di Chenoboskion” o “Vangeli gnostici” è una raccolta di numerosi testi cristiani e gnostici trovati nell’alto Egitto nel 1945. 

Si ritiene che la Realtà dei sovrani sia stata scritta durante il terzo secolo d.C. I ricercatori credono che sia nato da un periodo tradizionale nello gnosticismo quando si trasformava da uno stato puramente mitologico in una fase filosofica.

La scrittura è presentata come un’istruzione sul tema dei dominatori (arconti) del mondo menzionati da San Paolo.

L’intenzione espressa di questo scritto è di insegnare la verità sui poteri che hanno autorità su questo mondo. 

La storia inizia con il vanto del demiurgo, l’arconte supremo, in parole attribuite al Dio della Bibbia: “Io sono quello che sono, Dio non è nulla separato da me” 

La Realtà dei Sovrani viene presentata come un trattato erudito in cui un insegnante si avvicina a un argomento suggerito dal dedicatario del lavoro. Il trattato inizia con un frammento di cosmogonia, che guida una “vera storia” revisionistica degli eventi nella storia della creazione della Genesi, rivelando una sfiducia gnostica del mondo materiale e il demiurgo che l’ha concepito. Un “dialogo di rivelazione angelica” emerge all’interno di questa narrazione in cui un angelo ripete ed elabora il frammento dell’autore del mito cosmogonico in un ambito molto più ampio, concludendo con una profezia storica della venuta del salvatore e della fine dei giorni.

Bentley Layton, professore di studi religiosi (antico cristianesimo) e professore di lingue e civiltà del Vicino Oriente (copto) all’Università di Yale, scrive: La realtà dei sovrani (‘Ipostasi degli arconti’) racconta la storia gnostica dalla creazione di Yaldabaoth giù fino a Noè e alla grande alluvione e si conclude con una predizione dell’avvento finale del salvatore, la distruzione dei poteri demoniaci e la vittoria degli gnostici. 

Come notato da Roger A. Bullard nel suo libro “L’ipostasi degli arconti: il testo copto con traduzione e commento“, l’inizio e la conclusione del testo sono cristiani gnostici, ma il resto del materiale è un racconto mitologico sull’origine e natura dei poteri arconali che popolano i cieli tra la Terra e l’Ogdoad, e come questi antichi eventi influenzano il destino dell’uomo.

Sebbene non sia collegato a questo punto, è possibile che i cosiddetti Arconti fossero in qualche modo collegati agli Anunnaki Antichi? Cibo per la mente. 

Secondo l’Ipostasi degli Arconti, questi sono i personaggi mitici:

Il genitore dell’intera società: l’invisibile spirito vergine

incorruttibilità 

Il bambino: presiede per intero 

I quattro luminari: Eleleth e altri tre  

Il vero essere umano 

La razza non domata 

Saggezza: Sophia o Pistis Sophia

Zoe (vita): figlia di Sophia

Yaldabaoth: Il capo sovrano chiamato anche Sakla e Samael

Sabaoth: uno dei primi sette discendenti di Yaldabaoth 

Adamo: il primo essere umano 

Eva: la moglie e la controparte di Adamo

Caino: il figlio di Eva generato dai governant

Abele: il figlio di Eva generato da Adamo 

Seth: un figlio per dio  

Norea: la figlia di Eva 

https://ancient-code.com/

®wld

Articoli correlati>

Norea la figlia di Eva

Sophia e gli Arconti

indagine sugli arconti

“ARCONTI”