Crea sito

Il tempo che non hai mai avuto oggi ce l’hai

 

Visto che siete in casa e di tempo ne avete, vista la quarantena imposta, consiglio di guardarvi in piena libertà questo video sotto esposto, per carità nulla di cui questo blog ne abbia già parlato in dieci anni di attività, ma questo video raccoglie tutto, a partire dalla religione, fino ad arrivare a ogggi, manca solo il #CORONAVIRUS, l’astuta arma per condizionare e obnubilare il cervello, con la paura della morte, paura che insita in tutti gli esseri viventi e non per niente peregrina visto che si muore veramente per questa epidemia, oggi pandemia, pandemia che nei decenni e secoli scorsi si è sempre verificata, falciando migliaia di vite, come le guerre che si sono succedute fin dagli albori della storia umana.

Buona visione 

 

®wld

Enormi insabbiamenti del passato

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Perché il Vaticano ha nascosto la storia dell’Umanità Prima del Diluvio

dal Sito Web Think-AboutIt traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La chiesa cattolica romana ha lavorato duramente per impedire al grande pubblico di comprendere appieno la civiltà “prima del diluvio” nella storia umana.

Il mondo prima del diluvio è misterioso e sembra essere stato cancellato dalla storia per adattarsi alle ideologie bibliche; una strategia utilizzata per impedire alla razza umana di interagire con le razze aliene.

Quindi, il Vaticano controlla la storia?

Chiunque operi una ricerca può vedere che la storia è stata riscritta da potenti forze, le prove che arrivano sotto forma di manufatti e articoli accademici, sono state nascoste o distrutte.

Perché?

Le chiese furono costruite su siti pagani per conquistare le civiltà e coprire i resti di prima del diluvio.

La narrazione è stata propagata.

Siamo portati a credere che una volta gli esseri umani erano tutti uomini di Neanderthal, che poi si sono evoluti nella nostra attuale condizione umana.

Ma le prove suggeriscono il contrario…

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Forse perché la civiltà pre-diluvio è stata creata da una specie aliena…

Rapporti da Disclose.tv:

Questi alieni hanno creato le prime popolazioni umane per portarle dove siamo oggi – sebbene il diluvio abbia spazzato via gran parte di queste prove.

Se il grande pubblico fosse a conoscenza di questa precedente civiltà, non ci sarebbe alcun controllo sulla popolazione.

Inoltre, i siti pagani su cui sono state costruite molte chiese sono serviti da portali per questi alieni che viaggiano avanti e indietro tra la Terra e le loro aree dell’universo.

Alcune prove di ciò risiedono sia nei resti dei giganti sia in quelli con altre deformità genetiche.

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Queste anomalie erano dovute al mescolamento di specie non umane con l’uomo.

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Il diluvio ha tentato di ripulire la lavagna da tutte queste anomalie ma non ha svolto del tutto il lavoro.

Pertanto, il Vaticano ha dovuto entrare con le ideologie della Bibbia e tentare di coprire il resto delle prove

È davvero affascinante vedere alcuni di questi enormi insabbiamenti esposti mentre curiosi ricercatori trovano sempre più prove di questa grande civiltà.

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

 

Uomo di vimini – Toro di bronzo

 

Pene capitali orribili e prolungate nei tempi antichi

di Micki Pistorius 

Tutti hanno familiarità con il rogo delle streghe e dei criminali – che spesso sono morti per asfissia o arresto cardiaco prima che la loro carne fosse consumata dalle fiamme – ma fin dall’antichità l’ingenua ingenuità dei torturatori ha ispirato misure sorprendentemente orribili per punire i trasgressori e prolungare le loro morti angoscianti e lancinanti, spesso per gratificare i piaceri sadici dei loro carnefici.

Raffigurazione di un uomo di vimini, rifornito di vittime da bruciare. (Archivista / Adobe Stock)  

Arrostiti vivi e piombo fatto ingerire 

Secondo la leggenda, i druidi celtici tenevano prigionieri i legionari romani in cestini di vimini, e poi li incendiavano, come sacrifici per i loro dei. Sebbene Cicerone, Tacito e Plinio il Vecchio, abbiano commentato il sacrificio umano tra i Celti, è solo Giulio Cesare nel suo Commentario delle Guerre Galliche, che attribuisce questa particolare pratica ai druidi. Esiste la possibilità che i cestini di vimini possano essere stati spinti dai romani per alimentare la paura e il disprezzo della popolazione romana nei confronti dei viziosi nemici celtici e per giustificare le invasioni delle terre celtiche. Tuttavia, potrebbe esserci della verità in quanto un commento molto più tardi si trova nel Commenta Bernensia del X secolo ((o Berna scholia conservato nella Burgerbibliothek di Berna, Svizzera) in riferimento al poema epico di Lucano De Bello Civili Pharsalia, che descrive la combustione delle genti fatta dai Celti in un’effigie di legno come sacrificio a Taranis, dio del tuono.

 La costruzione di Perillos dove è stato chiuso con l’inganno in un toro di bronzo che fece costruire per Falaride da Pierre Woeiriot (circa 1562) (dominio pubblico)

Diodoro Siculo, nella sua Bibliotheca Historica, racconta del toro siciliano, un toro di bronzo inventato da Perilli di Atene per Falaride, il tiranno di Akragas, in Sicilia. I prigionieri furono maneggiati attraverso un chiavistello aperto sul lato del toro di metallo e poi fu fatto un fuoco sotto di esso, per arrostire lentamente in vita le vittime intrappolate all’interno. Perillos disse a Falaride di aver progettato un dispositivo acustico impiantato all’interno del toro che avrebbe convertito i lamenti pietosi delle vittime nel “melodioso muggito” di un toro, per uscire, insieme all’incenso, attraverso il naso aperto del toro di bronzo. Falaride ingannò Perillos in una dimostrazione, lo chiuse a chiave all’interno del toro e accese il fuoco.

Immagine in alto: i santi Savino e Cipriano vengono torturati (circa 1100) Chiesa abbaziale di Saint-Savin-sur-Gartempe (dominio pubblico) 

Per saperne di più

Fonte:  https://www.ancient-origins.net/

®wld

La Verità storica sul Medioriente

La Verità storica sul Medioriente. La volete sentire SI o NO?  

di   

Quando succede qualcosa in Siria, in Libano, in Israele (o decapitano qualche sfortunato come appena accaduto alle due ragazze scandinave in Marocco) spuntano come funghi ipotesi sulle cause dei mali del medioriente. Si tratta di cause metastoriche, che mescolano espisodi veri a leggende inventate di sana pianta, oppure che prendono per le corna una questione che andrebbe presa per la coda. Alla fine, i lettori di queste analisi concludono dicendo cose del tipo “si ammazzano tra di loro”, “non sanno andare d’accordo”, “gli abbiamo rubato il petrolio”, e cose così.

Allora proviamo a fare chiarezza, ma senza perderci nei mille rivoli dei sunniti, sciiti, palestinesi e partito Baath. 

Bene. Si parte. 

Iniziamo dicendo che tutto il casino ha una data d’inizio e un luogo d’origine. La data d’inizio è il 1916, in piena Guerra Mondiale, il luogo è Londra. Se sfrugugliate su wikipedia leggerete una fesseria assoluta, e cioè che il petrolio fu scoperto in Arabia Saudita nel 1938. In verità gli inglesi sapevano benissimo che l’Arabia sonnecchiava su un mare di petrolio fin dalla Prima Guerra Mondiale e voleva dunque impossessarsene. Sia delle materie prime dell’attuale Arabia Saudita, sia di quelle dei paesi limitrofi (dall’Egitto all’Iran)! 

Nel 1916 la situazione era questa: esisteva un impero musulmano, l’impero ottomano, guidato da un califfo che era il capo politico dei turchi di Istanbul e di tutte le aree del medioriente. Oltre che un capo politico, però, questo califfo era anche il capo spiriturale, cioè una sorta di “Papa” dei musulmani. L’impero Ottomano era all’epoca in guerra contro Francia e Inghilterra e le cose si stavano mettendo male. Gli inglesi, che avevano i piedi ben piantati in mezza Africa, dall’Egitto a Città del Capo, volevano mettere le mani su quest’area mediorientale per sfruttarne le enormi ricchezze. Così anche i francesi, seppur nei  limiti logistici loro propri in quel frangente, visto che avevano i tedeschi del Kaiser ai confini in Europa. 

Gli inglesi, nel 1916, già stavano pensando a come mettere a posto le cose in caso di loro vittoria, peraltro sempre più probabile. La loro difficoltà era legata proprio al fatto che qualora avessero vinto i turchi, non sapevano come fare per sostituirlo, perchè un conto è sostituire un capo di stato con un fantoccio di comodo, un altro è sostituire un capo religioso e spirituale in grado di tenere assieme tutto l’Islam. 

La figura che gli inglesi individuarono era quella di un principe nato a Istanbul e che aveva studiato in Inghilterra e che conosceva bene l’inglese, cioè che lo parlava fluentemente. 

Costui poteva rappresentare il degno sostituto del Califfo turco non solo e non tanto per la sua ampia cultura, ma anche perchè nel 1916 era il custode dei luoghi sacri in Arabia della Mecca e di Medina. Come se qui da noi ci fosse un cardinale con poteri speciali e molto riconosciuto dei fedeli in lizza per diventare il futuro Papa. Il nome di questo Principe era Hussein (al-Ḥusayn ibn ʿAlī in arabo), ed aveva il ruolo, appunto di Sceriffo della Mecca. Insomma, amici, stiamo parlando del pretendente ideale a prendere le redini del califfato: un principe arabo molto colto, conoscitore dell’Inghilterra e della fede musulmana. Non solo, tenetevi forte, costui era anche discendente del profeta Maometto!!!  

Insomma, un taccone decisamente meglio del precedente… gli inglesi avevano trovato la soluzione ideale. 

Durante la Grande Guerra, al-Ḥusayn ibn ʿAlī (Hussein) si era a dire il vero inizialmente alleato con gli Ottomani e la germania, ma fu poi convinto a mutare decisamente orientamento da una corrispondenza durata dall’estate 1915 all’inizio 1916 che ebbe con l’Alto Commissario britannico al Cairo, Sir Henry McMahon (che fu poi improvvidamente resa pubblica dal figlio Faysal davanti al Consiglio supremo inglese anni dopo). Gli inglesi, alla ricerca di una figura che si ponesse a capo dell’insurrezione araba, dettero la garanzia a Hussein che sarebbe stato ricompensato con un “Grande regno arabo” che avrebbe abbracciato il territorio intero fra Egitto e Persia, con l’eccezione dei possedimenti imperiali britannici e di quelli sotto tutela francese. 

Qualcuno ha mai visto il film Lawrence d’Arabia con Peter O’Toole e Omar Sharif? Beh… è quella storia lì e non è affatto inventata, sono ancora custodite le lettere degli accordi presi tra il Principe Hussein e gli inglesi e si possono leggere integralmente. 

ATTENZIONE: Hussein non era uno sprovveduto e non stava affatto svendendo il popolo arabo e turco (che NON sono la stessa cosa, peraltro). Hussein leggeva il Times tutte le mattine e aveva capito benissimo il potenziale delle risorse del medioriente, cioè di Siria, Libano, Arabia ecc ecc, ma sapeva anche che avrebbe avuto bisogno degli occidentali perchè aveva bisogno delle tecnologie e degli ingegneri per estrarre e realizzare grandi infrastrutture per il suo popolo. Quindi l’accordo era molto intelligente e fu semmai sciocco il Califfo ottomano di allora a preferire i tedeschi e quindi posizioni di retroguardia. 

Ad un certo punto gli inglesi fecero la loro offerta a Hussein. La proposta prevedeva di accedere al suolo dei paesi del “nuovo” califfato pagandogli delle royalties. Ora, cari lettori, immaginatevi Hussein che prende la calcolatrice dalla mensola della cucina, che si fa una bella risata e che dice agli algidi interlocutori: “tornate un’altra volta con una proposta almeno dieci volte più alta e ricominciamo a parlarne”.

Gli inglesi, però, non tornarono un’altra volta.

Fecero tutt’altro. 

OCCHIO ORA che siamo arrivati al punto: gli inglesi presero la tribù più sporca e retriva di tutta l’area, i wahabiti e li misero sul trono del nuovo califfato al posto di Hussein.  

Cosa dire dei wahabiti, oltre al fatto che ovviamente accettarono le condizioni di sfruttamento del medioriente? 

Per due secoli il Wahhabismo è stato il credo dominante nell’attuale Arabia Saudita. Esso costituisce una forma estremamente rigida di Islam sunnita, che insiste su un’interpretazione rigida e molto discussa del Corano. I wahhabiti credono che tutti coloro che non praticano l’Islam secondo le modalità da essi indicate siano nemici dell’Islam. I critici affermano però che la rigidità wahhabita ha portato a un’interpretazione quanto mai erronea e distorta dell’Islam, ricordando come dalla loro linea di pensiero siano scaturiti personaggi come Osama bin Laden e i Ṭālebāni. L’esplosiva crescita del Wahhabismo ha permesso l’insorgere di scuole (madrasa) e moschee wahhabite in tutto il mondo islamico… i fenomeni più terribili vengono da qui: da Al Quaeda e dalla sua variante oggi tanto di moda, l’Isis. 

Quali sono le abitudini dei wahabiti in Arabia Saudita? Beh, tagliano le mani ai ladri, lapidano le donne, non le lasciano guidare l’automobile, ad esempio. Cosette simpatiche, insomma, che però nulla di nulla hanno a che fare con la grande cultura araba di filosofia e matematica nè con i sogni aulici di Mille e una Notte che tutti abbiamo letto da bambini. 

Da quando gli occidentali, prima gli inglesi e i francesi e, dopo la seconda Guerra, anche gli americani, hanno scelto i wahabiti a fare da padri spiriturali nell’area – nonchè reali d’Arabia –  sono successi i veri casini. Le loro colpe sono di gran lunga peggiori di quelle di Israele, che pure ne ha, e di molto gravi. 

Il terrorismo islamico, dalla Cenenia russa alla Siria, dalla Libia alla Nigeria di Bocho Aram ha come unica matrice spirituale e finanziamento materiale l’Arabia Saudita dei wahabiti alleati degli americani. I sauditi, nostri alleati, presero il posto di Hussein alla guida dell’Islam e ancora oggi consentono la speculazione delle multinazionali sulle materie prime a vantaggio solo loro, che sono numericamente in pochi abitanti e a tutto svantaggio del resto del cosiddetto Islam. 

Quindi, se in Occidente volessimo risolvere per sempre la questione (sia per noi, che per i musulmani di tutto il mondo) dovremo lavorare con gli altri arabi  per ridimensionare o abbattere il regime wahabita che governa da decenni in Arabia. Tutto il resto, le bombe di mia nonna in cariola, Putin che aiuta Assad, Obama che aiuta Erdogan, l’Iran che se la fa con i russi … i bambini morti per colpa di Tizio e di Caio sono specchietti per le allodole, falsi macroscopici ad uso e consumo del lobotomizzato cittadino occidentale, delle grosse tette di Selvaggia Lucarelli e del piccolo cervello di Saverio Tommasi 

Fonte articolo: http://micidial.it/ 

Consiglio: leggere anche i commenti all’interno del post originale

®wld 

Ps: se sei arrivato fin qui, non perderti l’articolo appena sotto della situazione della storia attuale … 

I maiali della guerra

  

I maiali della guerra si stanno finalmente rivelando – E questo è solo l’inizio … 

di: Brandon Smith  

Nel 2016 durante la campagna elettorale di Donald Trump uno dei principali fattori della sua popolarità tra i conservatori fu che fu uno dei primi candidati dopo Ron Paul a discutere per aver portato a casa le truppe statunitensi e per porre fine al coinvolgimento americano nelle varie guerre elitarie fabbricate nel Medio Oriente. Dall’Iraq, all’Afghanistan, alla Siria e allo Yemen e oltre, i Neo-Contro e i Neo-Lib per volere dei loro padroni globalisti avevano intrapreso guerre di guerra senza sosta da oltre 15 anni. I tempi erano maturi per un cambiamento e la gente era certa che se Hillary Clinton entrasse alla Casa Bianca, sarebbero stati garantiti altri 4-8 anni di guerra.  

Non c’era nulla da guadagnare da queste guerre. Stavano solo trascinando gli Stati Uniti verso il basso socialmente ed economicamente, e anche l’idea di “ottenere il petrolio” si era trasformata in una farsa poiché la maggior parte del petrolio iracheno andava in Cina, non negli Stati Uniti. Le stime generali sui costi delle guerre ammontano a $ 5 trilioni di dollari USA e oltre 4500 morti americani insieme a circa 40.000 feriti. Le uniche persone che stavano beneficiando della situazione erano i globalisti e le élite bancarie, che chiedevano a gran voce di destabilizzare il Medio Oriente dal giorno in cui avevano lanciato il loro “Progetto per un nuovo secolo americano” (PNAC). Davvero, tutte le guerre sono guerre di banchieri. 

I tentativi dell’amministrazione Obama di indurre gli americani a sostenere la guerra aperta con il regime di Assad in Siria erano falliti. I tentativi coerenti di George W. Bush e Obama di aumentare le tensioni con l’Iran erano svaniti. Gli americani mostravano segni di stanchezza, FINALMENTE stufo delle bugie che venivano costruite per ingannarle e renderle complici nelle guerre dei banchieri. Trump era una boccata d’aria fresca … ma ovviamente, come tutti gli altri burattini dei globalisti, le sue promesse erano vuote. 

Nel mio articolo “Clinton contro Trump e la cooptazione del movimento per la libertà” , pubblicato prima delle elezioni del 2016, ho avvertito che la retorica di Trump potrebbe essere un grande spettacolo e che potrebbe essere scritta dall’establishment per riportare i conservatori in la piega repubblicana / neo-con. A quel tempo, l’outlet mediatico di sinistra Bloomberg si scatenava apertamente nell’idea che Trump potesse assorbire e distruggere il “Tea Party” e il movimento per la libertà e trasformarli in qualcosa di molto più gestibile. La domanda era se il movimento per la libertà avrebbe o meno acquisito completamente Trump o se fosse rimasto scettico. 

Inizialmente, non credo affatto che il movimento si sia aggrappato alla sua obiettività. Troppe persone hanno acquistato Trump alla cieca e immediatamente sulla base di speranze errate e del desiderio di “vincere” contro la sinistra. Neanche il folle cultismo della sinistra politica ha aiutato molto le cose. 

Quando Trump ha iniziato a saturare il suo gabinetto con élite bancarie e globalisti del CFR nel momento in cui è entrato in carica, ho saputo senza dubbio che era una frode. Le strette associazioni con le creature della palude dello stabilimento erano qualcosa per cui aveva costantemente criticato Clinton e altri politici durante la campagna, ma Trump non era migliore o diverso da Clinton; era solo un fattorino per le élite. La differenza singolare era che la sua retorica era stata progettata per attrarre direttamente i conservatori con la libertà. 

Ciò significava che era solo questione di tempo prima che Trump infrangesse la maggior parte delle promesse della sua campagna, comprese le sue affermazioni secondo cui avrebbe riportato a casa le truppe statunitensi. Alla fine, la maschera doveva staccarsi se Trump avrebbe continuato a portare avanti l’agenda dei suoi padroni. 

Oggi, la maschera si è effettivamente staccata. Negli ultimi tre anni Trump ha fatto annunci di un imminente ritiro delle truppe in Medio Oriente, inclusa la recente affermazione che le truppe avrebbero lasciato la Siria. Tutti gli annunci sono stati seguiti da un AUMENTO della presenza di truppe statunitensi nella regione. Sono stati fatti tentativi coerenti per fomentare un nuovo conflitto con l’Iran. L’accumulo della guerra è stato ovvio, ma alcune persone sul treno Trump non l’hanno ancora capito. 

L’argomento più comune che ho sentito quando ho sottolineato tutte le incoerenze nelle affermazioni di Trump e i suoi collegamenti diretti con i globalisti è stato che “Non aveva avviato alcuna guerra, quindi come poteva essere un burattino globalista …?” La mia risposta ha sempre stato “Dagli un po ‘di tempo, e lo farà.” 

Uno dei miei lettori ha notato di recente che la “Trump Derangement Syndrome” (TDS) in realtà va in entrambe le direzioni. Le persone di sinistra raddoppiano il loro odio per Trump in ogni occasione, ma i cultisti di Trump raddoppiano il loro sostegno a Trump indipendentemente da quante promesse infrange. Questa è sempre stata la mia più grande preoccupazione – Che i conservatori nel movimento per la libertà abbandonassero alla fine i loro principi di governo limitato, la fine delle élite bancarie alla Casa Bianca e la fine delle guerre illegali perché si erano investiti così completamente nella farsa di Trump essere troppo imbarazzato per ammettere che erano stati ingannati

Un’altra preoccupazione è che il movimento per la libertà sarebbe stato infettato da un afflusso di persone che sono statisti neoconservatori nel loro nucleo. Queste persone fingono di essere conservatori attenti alla libertà, ma quando il velo viene sollevato mostrano i loro veri colori come i maiali di guerra che sono davvero. Bisogna fare una distinzione tra maniaci del controllo neo-con dell’era Bush e conservatori costituzionali; ci sono poche o nessuna somiglianza tra i due gruppi, ma l’establishment spera che il primo divori il secondo.

Ho notato che i Maiali da Guerra sono entrati in vigore la scorsa settimana, battendo le loro casse e chiedendo più sangue. Il governo americano ha assassinato il comandante militare iraniano Qasem Soleimani, sono iniziate ritorsioni contro obiettivi statunitensi e ora il governo iracheno ha chiesto che le truppe statunitensi fossero rimosse dalla regione, alla quale Trump ha detto “no” e ha invece chiesto il pagamento. È stata avviata una nuova ondata di truppe che finirà in una guerra totale. Il tit-for-tat è appena iniziato. 

Come rispondono i cultisti di Trump? “Uccidi quei terroristi!” 

Sì, molte delle stesse persone che hanno applaudito la presunta opposizione di Trump alle guerre tre anni fa, ora stanno tifando fanaticamente per l’inizio della guerra forse più distruttiva di tutte. Le razionalizzazioni per questo abbondano. Dicono che Soleimani stava pianificando attacchi contro obiettivi statunitensi in Iraq. E questo potrebbe essere vero, sebbene non sia stata ancora presentata alcuna prova concreta. 

Mi vengono in mente le affermazioni dell’era Bush sulle “Armi di distruzione di massa” irachene, le armi che non furono mai trovate e nessuna prova fu trovata che fossero mai esistite. Le uniche armi che l’Iraq aveva erano le armi che gli Stati Uniti avevano venduto loro decenni fa. Qualsiasi governo può fabbricare una scusa per l’assassinio o la guerra per il consumo pubblico; l’amministrazione Trump non è diversa.

Detto questo, penso che il fattore più importante in questo dibattito sia caduto a margine. La linea di fondo è che le truppe e le basi statunitensi NON dovrebbero essere in Iraq in primo luogo. Trump stesso ha dichiarato più volte. Anche se Soleimani fosse dietro gli attacchi e le rivolte in Iraq, i beni statunitensi non possono essere attaccati nella regione se vengono RIMOSSI dalla regione come Trump ha detto che avrebbe fatto. 

C’è solo un motivo per mantenere le attività statunitensi in Iraq, Afghanistan o Siria in questo momento, e quello di creare tensioni in corso nell’area che possono essere utilizzate dall’establishment per innescare una nuova guerra, in particolare con l’Iran.

I maiali di guerra hanno sempre ragioni e ragioni, però. Dicono che il mondo musulmano è una minaccia per il nostro modo di vivere e sono d’accordo sul fatto che la loro ideologia è completamente incompatibile con i valori occidentali. Detto questo, la soluzione non sta mandando i giovani americani a morire all’estero in guerre basate su bugie. Ancora una volta, queste guerre avvantaggiano solo banchieri e globalisti; non ci rendono più sicuri come popolo. L’unica soluzione morale è assicurarsi che gli elementi fascisti dell’estremismo musulmano non vengano importati nelle nostre coste. 

I maiali di guerra affermano che meritiamo il pagamento per i nostri “servizi resi” nella regione prima di partire, facendo eco ai sentimenti di Donald Trump. Chiedo, quali servizi? Pagamento per cosa? L’invasione che gli iracheni non volevano, sulla base di errori che sono stati pubblicamente esposti? Le basi statunitensi che non dovrebbero esserci in primo luogo? Le centinaia di migliaia di morti di una guerra che non aveva altro scopo se non quello di destabilizzare deliberatamente la regione? 

Non riceveremo mai “pagamenti” dagli iracheni come compensazione per questi sforzi folli, e i maiali di guerra lo sanno. Vogliono la guerra. Vogliono che continui per sempre. Vogliono attaccare i loro ego all’evento. Vogliono rivendicare la gloria per se stessi in modo vicario quando vinciamo e vogliono rivendicare la vittima per se stessi in modo vicario quando i nostri soldati o cittadini vengono uccisi. Sono perdenti che possono essere vincitori solo attraverso i sacrifici degli altri.

I maiali di guerra difendono l’idea che al presidente dovrebbe essere permesso di fare la guerra unilateralmente senza il sostegno del congresso. Dicono che questo tipo di azione è legale e tecnicamente hanno ragione. È “legale” perché i controlli e gli equilibri di guerra sono stati rimossi sotto l’amministrazione Bush e Obama. Il passaggio dell’AUMF (Authorization For Use Of Military Force) nel 2001 conferì al potere esecutivo dittatoriale il potere di iniziare la guerra per capriccio senza controllo. Solo perché è “legale” non significa che sia costituzionale o giusto. 

Alla fine, il carrozzone di Trump ha lo scopo di realizzare molte cose per i globalisti; l’obiettivo principale è che è progettato per trasformare i conservatori della libertà in statisti rabbiosi. È progettato per trasformare gli attivisti contro la costituzione contro la guerra in mongeri e sostenitori del grande governo, purché sia ​​un grande governo sotto il “nostro controllo”. Ma non è sotto il nostro controllo. Trump NON è il nostro ragazzo. È un agente dello establishment ed è sempre stato. 

Per ora, il tintinnio della sciabola è aggressivo ma le azioni sono state limitate. Questo non sarà il caso a lungo. Alcuni potrebbero chiedersi il motivo per cui l’establishment non abbia semplicemente lanciato una guerra totale adesso? Perché iniziare in piccolo? In primo luogo, hanno bisogno di conservatori psicologicamente investiti nell’idea. Ciò potrebbe richiedere un evento di falsa bandiera o un attacco ai civili americani. In secondo luogo, devono eseguire un vasto accumulo di truppe, che potrebbe richiedere alcuni mesi. Le dichiarazioni di un “bisogno di pace” sono sempre usate per bloccare il tempo mentre le élite si posizionano per la guerra. 

La guerra con l’Iran è inutile, e francamente, non vincibile, e le élite lo sanno. Non è solo una guerra con l’Iran, è una guerra con l’Iran, i loro alleati e ogni altra nazione che reagisce negativamente alle nostre azioni. E queste nazioni non devono reagire militarmente, possono reagire economicamente scaricando i titoli del Tesoro USA e il dollaro come riserva mondiale. 

L’establishment vuole che gli Stati Uniti siano coinvolti in Afghanistan, Iraq, Iran, ecc. Fino a quando non saremo così svuotati dal conflitto da crollare. 

Hanno anche bisogno di una notevole distrazione per nascondere la loro responsabilità per l’implosione della bolla di tutto e il dolore economico che ne deriverà. Il fine gioco per l’establishment è che l’America si autodistrugga, in modo che possa essere ricostruita in qualcosa di irriconoscibile ed eternamente mostruoso. Vogliono che ogni traccia dei nostri principi originali venga cancellata, e per farlo, hanno bisogno che siamo complici della nostra stessa distruzione. Hanno bisogno di noi per partecipare. Non partecipare e rifiuta di sostenere nuove guerre di banchieri. Non essere un maiale della guerra. 

Fonte: http://www.alt-market.com/ 

®wld

L’albero di Natale e le sue leggendarie origini storiche

 

È una casa rara che non è adornata in questo momento con un abete di Natale. In questi tempi familiari, piccoli e grandi di solito trasformiamo il nostro albero di Natale nell’asse centrale della nostra casa: ai tuoi piedi appariranno i regali il 25 dicembre e accanto a lui ci incontreremo, assaporando deliziosi piatti e dolci. Ci siamo abituati così tanto alla sua presenza magica, che non ricordiamo nemmeno – o molte volte sappiamo – i motivi per cui, anno dopo anno, diventa il protagonista del nostro Natale.

Tuttavia, sebbene la documentazione storica sull’abete natalizio appaia solo pochi secoli fa, è vero che le leggende e le tradizioni che ci raccontano risalgono a tempi molto antichi. Tradizioni e leggende frutto di culture, epoche e usanze molto diverse: alcune di origine strettamente cristiana e altre molto precedenti alla nascita del cristianesimo. 

Il simbolismo dell’albero nel corso della storia

Gli alberi sono sempre stati considerati un simbolo di vita, specialmente per quelle culture strettamente legate alle forze della natura. Dalla preistoria gli uomini primitivi introdussero piante perenni e tutti i tipi di fiori nelle loro caverne e rifugi ai quali conferirono un significato magico e / o religioso. Mentre Greci e Romani decoravano le loro case con edera, i Vichinghi e altri popoli nordici preferivano farlo con il vischio e altre piante sempreverdi come alloro, agrifoglio e rami di varie conifere.

 I popoli nordici decoravano le loro case con agrifoglio e altre piante perenni. Illustrazione di una pianta di agrifoglio disegnata da Otto Wilhelm per il suo libro “Flora di Germania, Austria e Svizzera” (1885). (Dominio pubblico)

Gli antichi abitanti del nord Europa hanno celebrato la nascita di Frey, dio del sole e della fertilità, adornando un albero perenne vicino al solstizio d’inverno. Questo albero rappresentava il divino Yggdrasil (Albero dell’albero dell’universo supporto dei Nove mondi), nella cui corona era il cielo in cui era Asgard (la dimora degli dei), e all’interno di Asgard el Valhalla (sala di Odino nella che ha ricevuto eroi vichinghi uccisi in combattimento). Al contrario, le loro radici profonde affondarono in Helheim, il regno dei morti. La celebrazione di quel giorno era decorarla con torce che rappresentavano le stelle, la luna e il sole. Intorno a lui, danza e canta in onore di Frey. Dopo l’evangelizzazione di quella parte del vecchio continente, i nuovi cristiani hanno adottato l’idea dell’albero sacro per celebrare la nascita di Cristo.

Per i Celti l’albero era considerato un elemento sacro e venerato dai Druidi. Era un mezzo per celebrare il “culto della luce” nel giorno del solstizio d’inverno, la notte più lunga dell’anno. Dal solstizio d’inverno fino all’inizio di gennaio i Celti hanno bruciato rami di quercia (simbolo dell’anno che muore) nella convinzione che le scintille prodotte porterebbero a nuovi giorni luminosi, mentre le ceneri si spargevano attraverso i campi per favorire il Colture future

Esistono innumerevoli culture in cui l’albero rappresenta il mezzo di unione tra cielo e terra. Pertanto, specialmente nelle culture orientali, l’albero è un simbolo dell’incontro con il sacro: un punto d’incontro tra esseri umani e divinità. Per millenni gli alberi sono stati per l’uomo un simbolo di saggezza, fertilità, longevità e crescita. Quindi, ci sono così tante leggende che ruotano attorno agli alberi e al loro rapporto con gli umani.

Giovane donna che decora il suo albero di Natale nel “Natale” (1898), di Marcel Rieder (1862-1942). (Dominio pubblico) 

L’albero di Natale cristiano

L’albero di Natale simboleggia per il cristianesimo la speranza di rinascita nella notte più buia dell’anno e l’invocazione della luce attraverso la nascita di Gesù di Nazaret. Inoltre, ricorda l’albero del Paradiso di cui mangiarono i frutti Adamo ed Eva e da dove proviene il peccato originale. D’altra parte, la sua forma triangolare (perché si usa generalmente una conifera) simboleggia la Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo.

Secondo una popolare tradizione tedesca, San Bonifacio (675-754) – vescovo inglese che viaggiò in Frisia e Germania per evangelizzare i suoi abitanti, si sentì molto ferito nel Natale del 723 quando vide che i tedeschi erano tornati alla loro vecchia idolatria e si prepararono a celebrare il solstizio d’inverno sacrificando un giovane sotto la sacra quercia di Thor. Tale era la sua delusione e rabbia che, prendendo un’ascia, andò a tagliare quell’albero. La leggenda narra che, al primo colpo dell’ascia, una forte raffica di vento abbatté immediatamente la quercia. La gente del posto, sorpresa e spaventata, riconobbe l’intervento della mano di Dio in un simile evento e implorò San Bonifacio di spiegare come avrebbero dovuto celebrare il Natale.

Quindi, il sacerdote notò un piccolo abete che, miracolosamente, rimase intatto accanto ai resti della quercia caduta. Lo vide come un simbolo dell’amore di Dio e lo adornava con mele – frutti di tentazioni peccaminose – e con candele che rappresentano la luce di Cristo che nasce per illuminare il mondo. Alla fine, poiché aveva familiarità con l’usanza pagana di decorare case con foglie e rami di piante perenni durante l’inverno, chiese a ogni famiglia di portare un abete a casa.

Statua di San Bonifacio a Fritzlar, Germania, raffigurante il santo che porta un’ascia dopo aver abbattuto la quercia di Thor. (Dominio pubblico)

A poco a poco, la tradizione si è evoluta, cambiando mele per palline colorate e candele per faretti e luci lampeggianti. Ma, nonostante questi cambiamenti, le sfere colorate simboleggiano ancora le preghiere fatte durante il periodo dell’Avvento cristiano: il tempo di preparazione fino alla nascita di Gesù.

In questo modo, le palle blu simboleggiano le preghiere di pentimento, quelle d’argento corrispondono alle preghiere per dire grazie, quelle dorate sono un simbolo delle preghiere di lode e le sfere rosse delle richieste rivolte a Dio. Allo stesso modo, la stella con cui è sormontato l’abete di Natale rappresenta la fede e la luce che dovrebbero guidare ogni buon cristiano, ricordando alla stella che, secondo il credo cristiano, ha guidato i Magi a Betlemme.

Per quanto riguarda il resto delle figurine con cui è decorato l’albero di Natale, rappresentano le buone azioni e i sacrifici che i cristiani offrono in dono a Gesù per il suo “compleanno” il 25 dicembre.

Tutti gli ornamenti natalizi in abete hanno un profondo significato simbolico. (Kris de Curtis-CC BY 2.0) 

Origini dell’albero di Natale moderno

Oggi non sappiamo quale sia stata la prima copia dell’albero di Natale nella storia, dal momento che ci sono diverse città del nord Europa che contestano questo onore. Ad esempio, a Riga, in Lettonia, c’è una targa che afferma che il primo albero fu adornato in quella città nel 1510. Tuttavia, ci sono anche testimonianze che affermano che era nella Brema tedesca, nel 1570, quando fu decorato per la prima volta un albero a base di noci, frutta secca e nastri di carta.

Nonostante quanto sopra, sono gli spettacoli medievali – che rappresentavano misteri e passaggi biblici – che, secondo gli esperti, forniscono gli indizi più importanti sulla vera origine del moderno albero di Natale. Questi spettacoli hanno adempiuto alla funzione di insegnare la religione cristiana alle persone che, per la maggior parte, erano composte da individui analfabeti. Queste opere sono diventate molto popolari e diffuse in tutta Europa. Così, alla vigilia di Natale, il 24 dicembre, era rappresentato il passaggio del peccato originale di Adamo ed Eva. Durante tutto il lavoro, l’albero biblico del bene e del male ha occupato il centro della scena. In linea di principio si pensava di usare un melo, ma non sarebbe stato adatto in inverno, quindi si decise di far adornare un abete con mele, wafer e dolci per bambini dai quali, secondo gli esperti, sarebbero derivati ​​i nostri attuali alberi di Natale.

Secondo gli esperti, è stato sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” di decorare un albero di Natale è emersa nel 16° secolo. (Dominio pubblico)

Secondo gli esperti, è stato sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” di decorare un albero di Natale è emersa nel 16° secolo. (Dominio pubblico)

Questi stessi esperti suggeriscono anche che si trovava sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” dell’albero di Natale è emersa nel XVI secolo. Una delle prime prove documentali di ciò è la documentazione della città di Schlettstadt dell’anno 1521, che include l’ordine di fornire una protezione speciale alle foreste nei giorni prima di Natale, essendo i ranger responsabili della punizione Chiunque abbia tagliato un albero per decorare la propria casa. Inoltre, un altro documento informa che, a Strasburgo, capitale dell’Alsazia, gli abeti furono venduti sul mercato, per portarli a casa e decorarli. Dall’Alsazia la tradizione si diffuse nel resto della Germania, poi in tutta Europa e, infine, nel resto del mondo cristiano. 

Immagine di copertina: particolare del dipinto ad olio “L’albero di Natale” (1911), di Albert Chevallier Tayler. (Dominio pubblico)

Autore: Mariló T. A. 

riferimenti

L’albero di Natale: origini e senso cristiano. http://www.primeroscristianos.com/index.php/origenes/item/791-el-arbol-de-navidad-sus-origenes-y-sentido-cristiano/791-el-arbol-de-navidad-sus- Origenes-e-senso-cristiana

Fernandez, Tere. Natale e le sue tradizioni: l’albero di Natale. http://es.catholic.net/op/articulos/18260/la-navidad-y-sus-tradiciones-el-rbol-de-navidad.html

Castelli, Eleonora. L’abete come albero di Natale: origine, storia e leggenda. http://galakia.com/abeto-arbol-de-navidadorigenhistoria-leyenda/

Gómez Fernández, Francisco José. Breve storia del Natale. Edizioni Nowtilus.

Fonte articolo: https://www.ancient-origins.es/

®wld

I Sumeri, il popolo attraverso il quale tale alta forma di civiltà ha potuto realizzarsi

DIVINITÀ DEL CIELO E DELLA TERRA

Come avvenne che dopo centinaia di migliaia e persino milioni di anni di lento e faticoso sviluppo umano, le cose cambiarono d’un tratto così completamente da trasformare dei nomadi primitivi, dediti alla caccia e alla raccolta di semi e frutti, in agricoltori stanziali e fabbricanti di terraglie, e poi in costruttori di case, ingegneri, matematici, astronomi, fabbricanti di metalli, musicisti, giudici, medici, scrittori, bibliotecari, sacerdoti? E potremmo andare ancora più avanti e domandarci, come ha fatto il professor Robert J. Braidwood (Prehistoric Men, «Gli uomini preistorici»): «Perché tutto questo è accaduto? Perché gli esseri umani non vivono ancora come nell’età della pietra?».

I Sumeri, il popolo attraverso il quale tale alta forma di civiltà ha potuto realizzarsi, avevano una risposta a questa domanda. Essa si trova incisa su una delle innumerevoli iscrizioni dell’antica Mesopotamia portate alla luce dagli scavi archeologici: «Tutto ciò che appare bello lo abbiamo fatto per grazia degli dèi». Gli dèi di Sumer, dunque. Ma chi erano? Erano forse simili agli dèi greci, che vivevano nella grande e maestosa casa di Zeus nei cieli: l’Olimpo, che corrispondeva, sulla Terra, al monte più alto della Grecia, il Monte Olimpo, appunto? I Greci descrivevano i loro dèi come essere antropomorfi, simili ai mortali nel fisico come nel carattere: sapevano essere arrabbiati e gelosi; si innamoravano, litigavano, combattevano;e, come gli esseri umani, procreavano, generavano figli attraverso rapporti sessuali tra loro o con i mortali.

Erano irraggiungibili, eppure costantemente presenti nelle faccende dell’uomo. Potevano coprire distanze enormi viaggiando a grande velocità, apparire e scomparire a loro piacimento; disponevano di armi dotate di un immenso e strano potere. Ognuno di loro aveva una funzione specifica e, di conseguenza, ogni specifica attività umana poteva essere influenzata, nel bene o nel male, dall’atteggiamento del dio preposto a quella particolare attività; i rituali di culto e le offerte agli dèi miravano quindi a ottenerne il favore.

La principale divinità dei Greci era Zeus, “Padre degli dèi edegli uomini”, “Signore del fuoco celeste”. Il suo simbolo e arma principale era il fulmine. Egli era il re dei cieli, ma “regnava” anche sulla Terra, prendeva decisioni e dispensava bene e male tra i mortali, eppure il suo dominio originario era nei cieli. Quello di Zeus non era il primo caso di commistione tra cielo e Terra. Nella mitologia greca – che altro non è che una mescolanza tra teologia e cosmologia – al principio di tutto vi era il Caos; poi apparvero Gea (la Terra) e il suo consorte Urano (il cielo), i quali generarono i dodici Titani, sei maschi esei femmine.

Questi compirono le loro imprese sulla Terra, sebbene si attribuisse loro anche una corrispondenza astrale. Crono, il maschio più giovane dei Titani, divenne la figura principale dell’Olimpo mitologico. Ottenne con la forza una posizione di supremazia sugli altri Titani, dopo aver evirato suo padre Urano; quindi, timoroso della reazione dei suoi fratelli, li imprigionò e poi li scacciò. Per questo fu maledetto da sua madre, che gli predisse che anch’egli avrebbe subito lo stesso destino di suo padre e sarebbe stato detronizzato dai suoi stessi figli. Crono si unì con sua sorella Rea e generò tre figli maschi e tre femmine: Ade, Poseidone e Zeus; Estia, Demetra ed Era. Ancora una volta, era destino che fosse il figlio più giovane a rovesciare suo padre e la maledizione di Gea si avverò quando Zeus detronizzò Crono, suo padre.

Il colpo di mano non fu, però, né facile né rapido: perparecchi anni, infatti, si susseguirono battaglie tra gli dèi e altri esseri soprannaturali, che culminarono con la lotta tra Zeus e Tifone, una divinità dalle sembianze di serpente. Fu una battaglia senza esclusione di colpi, che si svolse tanto sulla Terra quanto in cielo e che si concluse presso il Monte Casio,vicino al confine tra Egitto e Arabia – a quanto pare in qualche punto della penisola del Sinai. (vedi foto sotto)

 

Zeus, che aveva vinto la battaglia, fu riconosciuto come la divinità suprema, ma doveva dividere il potere con i suoi fratelli. Che sia stato dunque per scelta o, come dicono alcuni, affidandosi a un lancio di dadi, i tre giunsero a un accordo: Zeus avrebbe avuto il controllo dei cieli, il fratello maggiore Ade quello degli Inferi, mentre Poseidone avrebbe avuto il dominio dei mari. Anche se col tempo Ade e il suo territorio divennero sinonimo di Inferno, originariamente il suo dominio era collocato in una imprecisata zona “molto in basso”, che comprendeva terre deserte e paludose e zone bagnate da fiumi impetuosi.

Ade era considerato “l’invisibile”, colui che incute timore, rigoroso e austero. Poseidone, invece, era spesso rappresentato con in mano il suo simbolo, il tridente. Oltre a dominare i mari, egli era anche signore dell’arte, della sculturae della lavorazione dei metalli, e anche un mago particolarmente astuto. Se Zeus veniva visto, nella tradizione greca, come un dio severo con il genere umano, tanto da volerne, ad un certo punto, addirittura l’annientamento, Poseidone era invece considerato amico della stirpe umana, e anzi faceva di tutto per ottenere le lodi dei mortali.

I tre fratelli e le loro tre sorelle, tutti figli di Crono e Rea, costituivano la parte più antica della cerchia dell’Olimpo, il gruppo dei dodici Grandi Dèi. Gli altri sei erano tutti figli di Zeus e la mitologia greca tratta con molta precisione della loro genealogia e dei reciproci rapporti. Tutti gli dèi e le dee che si considerano figli di Zeus avevano madri diverse. Unitosi inizialmente con una dea di nome Meti, Zeus ebbe da lei una figlia, Atena, che divenne la dea della sapienza.

Ma poiché era stata anche l’unica a rimanere al fianco di Zeus durante il suo combattimento con Tifone, mentre tutti gli altri dèi erano scappati, Atena si vide attribuire anche doti marziali e divenne anche la dea della guerra. Essa era la “vergine perfetta” e non sposò nessuno; ma talvolta nei racconti mitologici viene associata a suo zio Poseidone, il quale, pur avendo come moglie ufficiale la dea che era anche la Signora del Labirinto sull’isola di Creta, non disdegnava sua nipote Atena come amante.

Zeus si unì poi ad altre dee, ma i figli che ebbe da loro non entrarono a far parte della cerchia dell’Olimpo. Quando ritenne che fosse giunto il momento di assicurarsi un erede maschio, Zeus si rivolse a una delle sue sorelle. La maggiore, Estia, era una specie di eremita – forse troppo vecchia o troppo malata per essere oggetto di attenzioni matrimoniali – e così Zeus non ebbe bisogno di molte scuse per scegliere Demetra, la sorella mediana, la dea della fertilità.

Ma, invece di un figlio maschio, essa gli generò una femmina, Persefone, che divenne moglie di suo zio Ade e con lui divise il dominio sul mondo degli Inferi. Deluso per non essere riuscito ad avere figli maschi, Zeus cercò amore e conforto in altre dee. Armonia gli diede nove figlie. Poi fu la volta di Leto, che gli diede una figlia femmina e un maschio, Artemide e Apollo, i quali vennero finalmente ammessi nel gruppo delle divinità maggiori.

Apollo, come primo figlio maschio di Zeus, fu una delle figure più importanti del pantheon ellenico, temuto dagli uomini come dagli dèi. Egli era colui che interpretava per imortali il volere di suo padre Zeus e perciò era la massima autorità in fatto di culto e di legge religiosa. In quanto rappresentante delle leggi morali e divine, era l’emblema della purificazione e della perfezione, tanto spirituale quanto fisica. Il secondo figlio di Zeus era Ermes, figlio della dea Maia. Protettore dei pastori, guardiano delle greggi e delle mandrie, egli meno importante di suo fratello Apollo, ma più vicino alle faccende umane; qualunque voltafaccia della fortuna veniva attribuito a lui.

Come dispensatore di fortuna, era il dio preposto al commercio, protettore di mercanti e viaggiatori. Ma il suo ruolo principale, nella mitologia come nell’epica, era quello di messaggero degli dèi. Spinto dalle tradizioni dinastiche, Zeus era ancora alla ricerca di un figlio maschio da concepire con una delle sue sorelle: si rivolse dunque alla più giovane, Era. Dopo averla sposata con un rito sacro e ufficiale, la proclamò regina degli dèi, la Madre Dea. Dal loro matrimonio nacque un figlio maschio, Ares, e due femmine, ma il rapporto era interrotto dalle continue infedeltà di Zeus e da una presunta infedeltà anche da parte di Era, che getta qualche dubbio sulla reale paternità di un altro figlio, Efesto.

Ares venne anch’egli ammesso tra i Grandi dell’Olimpo e divenne anzi il braccio destro di Zeus, il dio della guerra. Era rappresentato come l’emblema stesso della combattività, eppure era tutt’altro che invincibile: mentre combatteva dalla parte dei Troiani nella guerra di Troia, si procurò una ferita che solo Zeus potè guarire. Efesto, da parte sua, dovette lottare non poco per essere ammesso nell’Olimpo.

Egli era il dio della creatività, capace dicostruire oggetti magici per gli uomini e per gli dèi; a lui si doveva il fuoco delle fornaci e l’arte di lavorare i metalli. Secondo la leggenda, egli era nato zoppo e per questo fu scacciato dalla madre Era; un’altra versione, però, senza dubbio più credibile, attribuisce a Zeus la cacciata di Efesto, forse a causa della sua paternità incerta. Efesto, comunque, usò i suoi magici poteri creativi per costringere Zeus ad ammetterlo tra i Grandi Dèi.

La leggenda dice anche che un giorno Efesto costruì una rete invisibile che avrebbe circondato il letto di sua moglie se questo fosse stato scaldato da un amante; e in effetti una tale precauzione poteva non rivelarsi inutile, visto che sua moglie era Afrodite, dea dell’amore e della bellezza. Su di lei, naturalmente, si raccontavano numerose storie d’amore, molte delle quali riguardavano Ares, fratello di Efesto (uno dei frutti di questo amore illecito fu Eros, il dio dell’amore.) Afrodite fu ammessa tra i dodici Grandi Dèi dell’Olimpo e le circostanze di questa ammissione gettano luce su ciò di cui ci stiamo occupando. Afrodite non era né sorella né figlia di Zeus, eppure non poteva essere ignorata.

Essa proveniva dalle coste asiatiche del Mediterraneo di fronte alla Grecia (secondo il poeta greco Esiodo era arrivata attraverso Cipro) e si dice che fosse nata per opera di Urano stesso. Apparteneva dunque a una generazione precedente a quella di Zeus, essendo, per così dire, sorella di suo padre e incarnazione del progenitore degli dèi, colui che era stato evirato.

 

Vedi figura sopra Afrodite, dunque, doveva essere inclusa tra gli dèi dell’Olimpo, senza tuttavia che fosse superato il numero complessivo di dodici. Come fare? Semplice: qualcuno doveva andarsene per far posto a lei, e questo qualcuno fu Ade. Poiché a lui era stato dato il dominio sugli Inferi, egli non poteva rimanere nell’Olimpo con gli altri dèi: ecco, dunque, che venivaa crearsi un posto libero, perfetto per essere occupato da Afrodite. Sembra proprio che il dodici fosse un requisito assolutamente imprescindibile per gli dèi dell’Olimpo: essi non dovevano essere di più, ma neanche meno di dodici, come dimostrano le circostanze che portarono all’ammissione di Dioniso nel circolo dell’Olimpo. Dioniso era frutto di una relazione adulterina di Zeus con la propria figlia Semele; dovendo nascondersi dal furore di Era, legittima moglie di Zeus, egli venne mandato in terre lontane – fino in India – e dovunque andò introdusse la pratica di coltivare la vite e diprodurre il vino.

Nel frattempo, nell’Olimpo si era creato un posto libero, poiché Estia, la sorella maggiore di Zeus, troppo vecchia e debole, era stata allontanata dal circolo dei dodici. Dioniso potè quindi tornare in Grecia e occupare il posto di Estia: gli dèi olimpici erano ancora una volta dodici. Sebbene la mitologia greca non sia troppo chiara riguardo all’origine del genere umano, leggende e tradizioni attribuiscono a eroi e re un’origine divina.

Questi semidèi rappresentavano il legame tra il destino umano – con le sue fatiche quotidiane, la dipendenza dagli elementi, le malattie, la morte – e un passato lontano e felice, quando sulla Terra si aggiravano soltanto gli dèi. E anche se, tra gli dèi, molti erano nati sulla Terra, il ristretto circolo dei dodici rappresentava, per così dire, l’aspetto “celestiale” del pantheon divino. Nell’Odissea si afferma che l’Olimpo si trovava nella “pura aria superiore”; i dodici dèi maggiori erano dèi del cielo che erano discesi sulla Terra e rappresentavano i dodici corpi celesti della” volta del cielo”.

I nomi latini che i Romani attribuirono agli dèi greci confermano questa sorta di associazione astrale: Gea divenne la Terra; Ermes, Mercurio; Afrodite, Venere; Ares, Marte; Crono, Saturno; e Zeus divenne Giove. Come per i Greci, anche per i Romani Giove era una divinità “tonante” armata di fulmine eassociata al toro (vedi figura sotto).

 

Quasi tutti gli studiosi concordano ormai nell’affermare chele basi della civiltà greca siano da ricercare sull’isola di Creta, dove, tra il 2700 e il 1400 a.C. circa, fiorì la civiltà minoica.Nel complesso di miti e leggende che caratterizzano la civiltà minoica, un ruolo preminente è svolto dal “minotauro”, mezzouomo e mezzo toro, frutto dell’unione tra Pasifae, moglie di Minosse, e un toro.

Numerosi reperti archeologici confermano questo esteso culto minoico del toro, che in alcune raffigurazioni si presenta come un’entità divina accompagnata da una croce, simbolo, probabilmente, di qualche stella o pianeta non ancora identificato. Si pensa, quindi, che il toro che i Minoici adoravano non fosse il comune animale terreno, ma il Toro celeste – la costellazione del Toro, appunto – in onore diqualche evento che era avvenuto quando il Sole, all’equinozio di primavera, era apparso in quella costellazione, intorno al 4000 a.C. (vedi figura sotto).

 

Secondo la tradizione greca, Zeus arrivò in Grecia via Creta,da dove era fuggito, attraverso il Mediterraneo, dopo averrapito Europa, la bellissima figlia del re di Tiro, la città fenicia. In effetti, quando Cyrus H. Gordon riuscì a decifrare il più antico scritto in lingua minoica, fu dimostrato che si trattava di «un dialetto semitico originario delle coste del Mediterraneo orientale».

I Greci, infatti, non avevano mai detto che i loro dèi olimpici fossero arrivati in Grecia direttamente dal cielo. Zeus, come abbiamo visto, era arrivato attraverso il Mediterraneo, via Creta. Poseidone (Nettuno per i Romani) arrivò a cavallo dall’Asia Minore. Atena portò “l’olivo, fertile e spontaneo” in Grecia dalle terre bibliche. Non vi è dubbio che le tradizioni e i culti religiosi elleni ci siano arrivati in Grecia dal Vicino Oriente, attraverso l’Asia Minore e le isole del Mediterraneo.

È qui, dunque, che vanno ricercate le radici del pantheon dei Greci, le origini dei loro dèi e le relazioni astrali con il numero dodici. L’induismo, l’antica religione dell’India, considera i Veda – composizioni formate da inni, formule sacrificali e altri detti riguardanti gli dèi – come scritture sacre, “non di origine umana”: gli dèi stessi le avrebbero composte in un’età precedente a quella attuale.

Con il passare del tempo, però, degli originari 100.000 e più versi tramandati oralmente di generazione in generazione, gran parte andò perduta, finché un saggio decise di scrivere i versi che ancora rimanevano, li suddivise in quattro libri e li affidò a quattro dei suoi discepoli, perché ne conservassero uno ciascuno.

Quando, nel XIX secolo, gli studiosi cominciarono adecifrare le lingue antiche e a individuarne le reciproche interconnessioni, si accorsero che i Veda erano scritti inun’antichissima lingua indoeuropea, antenata del sanscrito – dalla cui radice sarebbe poi nato l’indiano – del greco, del latino e delle altre lingue europee.

Quando poi furono finalmente ingrado di leggere e analizzare i Veda, rimasero molto sorpresi di vedere le indubbie analogie tra i racconti vedici sugli dèi e quelli dei Greci. Gli dèi, secondo i Veda, erano tutti membri di un unico, non necessariamente tranquillo, gruppo familiare.

In mezzo airacconti di salite al cielo e discese sulla Terra, battaglie celestia suon di armi portentose, amicizie e rivalità, matrimoni e infedeltà, sembra esservi stata anche una certa preoccupazione di indicare i principali rapporti genealogici: chi era il padre e chi il figlio, qual era il primogenito e di chi, ecc. Gli dèi sulla Terra erano originari del cielo, e i principali tra essi, anche sulla Terra, continuavano a rappresentare la corrispondenza con corpi celesti.

Continua …

 

Di ZECHARIA SITCHIN IL PIANETA DEGLI DEI
(The 12th Planet,1976) – Capitolo terzo

 

®wld