Archivi categoria: NIBIRU-IL-PIANETA-X

Dèi di un Nuovo Ordine Mondiale

 

Sollevando il Velo

Dove sono andati gli dèi, e quali le implicazioni per il futuro? Sono interrogativi che ci portano inevitabilmente a una rivalutazione della storia del mondo, soprattutto per ciò che concerne il periodo che va dal 2000 al 200 a.C.

Un arco di tempo, questo, che iniziò dopo la distruzione nucleare di Sodoma, Gomorra e della base spaziale del Sinai e in cui troviamo personaggi biblici quali Isacco, Giacobbe, Giuseppe e Mosè.

Un periodo a proposito del quale i resoconti scritti abbondano ma scarseggiano le documentazioni archeologiche. Altri periodi presentano il fenomeno inverso: buone documentazioni archeologiche, scarsi resoconti scritti.

Un velo di oscurità discende su un’epoca di grande disordine e di guerre: quando terminò, la gran parte delle città del mondo antico erano state rase al suolo.

Prima del 200 a.C. i Sumeri registravano tutto, anche le cose qutidiane più secondarie. Ma nel periodo 2000-200 a.C. le conache divengono scarse, e ancor meno sono quelle giunte fino a noi.

L’archeologia, pertanto, diventa il principale strumento di conoscenza, ma è uno strumento spuntato che consiste in gran lavoro e in molto a tirar a indovinare e che dunque è assai lontano dall’essere una scienza esatta.

La conseguenza è che possediamo una comprensione molto limitata degli eventi di questo che è un periodo chiave della storia umana.

Pur non essendo uno storico ufficialmente riconosciuto come tale, ho potuto rapidamente rendermi conto che per questo particolare periodo non esistono esperti. Anzi, si finisce con il pensare che gli Imperi siano sorti e poi crollati senza motivo apparente, i misteriosi Hyksos conquistarono l’Egitto, un altrettanto “popolo del mare” comparve dal nulla per mettere a ferro e fuoco il vicino Oriente e civiltà progredite sorsero come dal nulla nel Nuovo Mondo delle Americhe.

Mentre tentavo di sbirciare sotto il velo della storia per osservare la presenza incessante (o meno) degli dèi, ho potuto appurare che molti inspiegabili avvenimenti storici cominciavano ad avere una logica.

Senza verne l’intenzione stavo mettendo alla prova il nuovo paradigma che sta alla base di questo libro, e i risultati sono positivi a dir poco.

Il mio obiettivo principale era comunque di effettuare delle ricerche sulle attività mdegli dèi, una bella sfida. Come si fa a individuare la presenza degli dèi in un’epoca così tanto caotica?

Sorprendentemente, gli indizzi da seguire erano molti. Per esempio, il nome di un re o di un faraone assai spesso segnala la sua alleanza con un particolare dio. E in modo analogo un’opera artistica raffigura molto spesso la figura di un dio, vuoi nelle sembianze di un serpente o di un toro o anche una dea dal seno nudo. Infine, si sono rivelate utili molte iscrizioni che richiamavano direttamente i nomi di determinati dèi in determinate nazioni.

Procedendo in questo modo è stato possibile costruire un panorama politico generale degli avvenimenti nel mondo. Ma come appurare la presenza fisica di questi dèi? Come essere certo che i sovrani non si stavano rivolgendo a degli dèi assenti?

Il primo indicatore attendibile era costituito da interventi di tipo tecnologico. A volte si trovavano descritti nei testi, per esempio l’Arca dell’Alleanza nella Bibbia. Altre volte risultavano riscontrabili in forma fisica, per esempio nel caso delle Piramidi che ancora oggi esistono a Teotihuacan.

Il secondo indicatore è stato anch’esso fisico: l’intensità delle distruzioni di antiche città. Un’intensità che si evidenzia agli occhi degli archeologi ogni volta che scavano, ma com’è possibile che così tante città abbiano potuto essere rase al suolo soltanto con il fuoco, le spade, gli archi e le frecce?

Il problema maggiore che mi son trovato ad affrontare nel redigere il presente capitolo è stato quello della cronologia. In seguito alla pubblicazione del libro A Test of Time (1995) di David Rohl enormi punti di doanda si sono sollevati sulla cronologia convenzionale dei faraoni egiziani. Inltre, la nuova cronologia di Rohl ha messo in allarme anche altri settori, specie a motivo della datazione del regno del babilonese Hammurabi che viene posticipato di due secoli.

Personalmente trovo la nuova cronologia di Rohl piuttosto convincente e ho quindi deciso di adottarla lingo tutto questo capitolo, indicandola, là dove sia il caso, con le iniziali NC. Comunque, mentre tutti questi temi restano oggetto di dibattito, è buona regola esercitare una certa prudenza.

Torniamo all’inizio

Prima di avviarci alla ricerca della presenza o meno degli dèi dopo il 200 a.C., è bene ripassare brevemente il contesto storico sinora affiorato, prestando particolare attenzione alle origini tribali e alle alleaze dell’uomo.

La nstra rassegna ha inizio con il Diluvio, quando dell’Arca di Noè emersero tre figliazioni umane. Le tribù di pelle scura con Cam per capistipite si diressero verso i territori africani a sud, le tribù di sem si stabilirono nel Levante e nei monti circostanti la Mesopotamia, mentre le tribù di Iafet andarono a nord, all’altopiano dell’Anatolia (la moderna Turchia) e altre ancora.

Ci fu però un’importante eccezione. Prima della guerra degli dèi(c. 8700 a.C.) Caanan un figlio di cam, aveva occupato illegalmente il Libano. Sebbene fosse poi stato concesso alla sua tribù di rimanerci, la Bibbia ci dice che vennero condannati a svolgere mcompiti servili.

Tra i’11000 e il 4000 a.C. l’uomo disponeva del medesimo potenziale di intelligenza di oggi, ma in genere conduceva un’esistenza nomade.

La popolazione crebbe dovunque nel mondo. Poi, dal 3800 a.C. in poi, una serie di sviluppi portano all’avvento di una nuova èlite di uomini civilizzati.

Questa fase iniziò nelle città di Sumer ricostruite negli stessi luoghi in cui erano sorte prima del diluvio. Ciò avvenne in coincidenza del pianeta Nibiru e la visita reale di Anu.

In quello stesso periodo il dio Ishkur avviò una nuova fase della costruzione di Tiahanaco volta alla produzione del bronzo.

Tratto dalle mie letture “Il Mistero della Genesi delleAntiche Civiltà

di: Alan F. Alford

Capitolo 15 P: 391-392-393

®wld

Nuovi studi sul pianeta X (il nono Pianeta)

 

Immagine di credito: James Tuttle Keane/Caltech.

Nuove prove rivelano che il pianeta X è elusivo è molto più vicino alla Terra di quanto si credesse in precedenza   

by Ivan  

Sono passati tre anni da quando i ricercatori del Caltech hanno proposto che il nostro sistema solare mancasse una Super Terra, orbitando intorno al nostro sole a grandi distanze fino a 800 unità astronomiche.

“I nostri nuovi sforzi, sia teorici che numerici, suggeriscono che nel documento originale abbiamo sopravvalutato i parametri del Pianeta Nove”, ha spiegato Konstantin Batygin del Caltech.

Da quando è stata annunciata l’esistenza dell’ipotetico pianeta, gli astronomi di tutto il mondo hanno cercato nei bordi più esterni del nostro sistema solare per il misterioso mondo alieno.

Fino ad ora, abbiamo trovato solo un piccolo pezzo del puzzle che suggeriscono la sua esistenza.

“Anche se questa analisi non dice nulla direttamente sul fatto che il Pianeta Nove sia presente, indica che l’ipotesi si basa su una solida base”, ha detto Michael Brown, professore di astronomia planetaria al Caltech, in un comunicato stampa.

Ora, sono stati pubblicati due nuovi studi che presentano nuove prove che il pianeta è reale, e sostiene che il mondo sfuggente sarà ufficialmente trovato nel prossimo decennio o giù di lì.

Il nuovo articolo scientifico presenta nuovi dettagli sul pianeta nove. Secondo un articolo, l’enigmatica “super-Terra” si trova tra 400 e 600 unità astronomiche (AU) di distanza dalla Terra ed è fino a cinque volte la massa del nostro pianeta.

Soprannominati anche Pianeta X, Pianeta Gigante Cinque o Pianeta Prossimo, gli astronomi sospettano che questo mondo misterioso esista perché non siamo ancora stati in grado di osservarlo direttamente.

Ma l’idea che il Pianeta X esiste realmente deriva da vari calcoli della sua influenza gravitazionale su altri oggetti situati al di là dell’orbita di Nettuno.

Alcuni di questi oggetti, soprannominati “oggetti trans-nettuniani” si trovano oltre il gigante gassoso più lontano e all’interno della cosiddetta Kuiper Belt.

Negli ultimi anni, gli astronomi sono stati in grado di identificare oscillazioni nelle orbite degli oggetti più distanti del sistema solare e dedurre che ciò è dovuto alla presenza di un pianeta enorme, ancora sconosciuto.

Il primo articolo riguardante il pianeta nove è stato pubblicato sull’Astronomical Journal. Gli scienziati hanno trovato le probabilità dell’esistenza del pianeta nove a uno su 500.

 

Immagine di credito: James Tuttle Keane/Caltech.


Il secondo articolo, pubblicato su Physics Reports, dà un’occhiata alle dimensioni del mondo sfuggente.

Secondo gli esperti, il pianeta è molto probabilmente situato molto più vicino al sole ed è probabilmente tra 400 a seicento unità astronomiche dalla Terra. Un’UA è uguale alla distanza tra la Terra e il sole.

Si ritiene inoltre che le dimensioni del Pianeta X siano molto più piccole rispetto alle stime precedenti.

“A cinque masse terrestri, il Pianeta Nove probabilmente ripermerà molto bene una tipica SuperTerra extrasolare,” dice Batygin.

“È l’anello mancante del sistema solare di formazione dei pianeti. Nell’ultimo decennio, le indagini sui pianeti extrasolari hanno rivelato che pianeti di dimensioni simili sono molto comuni intorno ad altre stelle simili al sole. Il Pianeta Nove sarà la cosa più vicina che troveremo ad una finestra sulle proprietà di un tipico pianeta della nostra galassia.”

“La prospettiva di un giorno di vedere immagini reali del Pianeta Nove è assolutamente elettrizzante”, ha spiegato Batygin.

“Anche se trovare il Pianeta Nove astronomicamente è una grande sfida, sono molto ottimista che lo immagineremo entro il prossimo decennio”, ha concluso Batygin.

Image Credit: James Tuttle Keane/Caltech.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Demoni e antichi astronauti

Gilgamesh era il Demone dell’antica Sumeria, un deceduto degli antichi astronauti? 

di Ivan 

Indubbiamente, la cultura popolare non gli rende la giustizia che merita e il suo nome diventa più inosservato di quanto dovrebbe essere. Gilgamesh è il padre di tutti gli eroi mitologici che sono stati conosciuti nella storia dell’umanità.

Era il primo

Come molte cose nella nostra cultura, anche lui ha avuto origine nell’antica Sumer, la terra considerata la culla della civiltà, nascosta nelle profondità dell’antica Mesopotamia.

 

Statua di Gilgamesh all’Università di Sydney (Samantha / Flickr / Creative Commons) 

 

Probabilmente il primo supereroe della storia, Gilgamesh ha raggiunto la fama soprattutto come il protagonista del “Poema di Gilgamesh”, chiamato anche “Epopea di Gilgamesh“.

Prove storiche suggeriscono che Gilgamesh abbia costruito le mura cittadine di Uruk per difendere il suo popolo. Gilgamesh ha combattuto contro il demone Humbaba (o Huwawa), insieme al suo ex nemico Enkidu.

Dopo aver ucciso il demone, riportarono la sua testa su Uruk su una zattera, costruita da alberi massicci. Gilgamesh ed Enkidu sconfissero anche il Toro del Paradiso inviato dalla furiosa dea Ishtar dopo che Gilgamesh si rifiutò di diventare il suo amante.

L’Epopea di Gilgamesh, (che si ritiene sia stata scritta intorno al 2150-1400 a.C.), la grande opera poetica sumera, è considerata la più antica opera di letteratura epica mondiale.

Precede gli scritti di Omero di almeno 1.500 anni.

Il primo poema epico che è conservato negli annali della storia, racconta le sue avventure e la ricerca dell’immortalità dopo la morte del suo amico Enkidu.

Si ritiene che l’epopea sia stata scritta approssimativamente nell’anno 2500 a.C., fatta in modo di sopravvivere alla storia incarnata in tavolette d’argilla.

La storia lo colloca come l’eroe principale, un re crudele e lussurioso, che dormiva con donne appena sposate prima di consumare il matrimonio con i loro mariti.

L’antica Lista dei Re Sumeri ci dice molte cose su Gilgamesh.

Secondo la lista storica, Gilgamesh era il figlio della dea Ninsun e un sacerdote di nome Lillah ed era il sovrano del distretto di Kulab e il quinto re della città di Uruk intorno al 2750 a.C. Gilgamesh era a due terzi dio da sua madre, la dea Ninsun e un terzo umano da suo padre.

Nella mitologia sumera, Ninsun è la figlia delle divinità Anu e Uras. Ninsun è stato anche collegato a divinità più antiche poiché si ritiene che sia la loro reincarnazione.

Secondo “Viaggio di Pabilsag a Nibru“, Ninsun era originariamente chiamata Nininsina. Secondo l’antico testo babilonese, Nininsina sposò Pabilsag vicino a una riva del fiume e diede alla luce Damu come risultato dell’unione.

È succeduto al re Lugalbanda e regnò per 126 anni e poi lasciò il trono al figlio Ur-Nungal, che regnò per 30 anni.

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

GILGAMESH THE KING

La prima vera Opera Letteraria della Storia

Il mito di Gilgames

Gilgamesh – Il senso della vita

Un fortuito ritrovamento

ENUMA ELISH IL MITO DELLA CREAZIONE

®wld

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata

 

Zecharia Sitichin aveva ragione riguardo gli Anunnaki e un pianeta extra nel nostro sistema solare?

di Arjun Walia   

La storia antica è piena di strane storie documentate, che sfortunatamente continuiamo a ignorare, ma stiamo migliorando e la mente umana collettiva si sta aprendo a nuove spiegazioni per la natura della realtà e una miriade di altri argomenti, come per esempio, la storia umana. 

Molte “leggende” del nostro mondo antico sembrano essere in fase di riscoperta, un grande esempio sarebbe la correlazione tra le antiche credenze spirituali orientali e la fisica quantistica, con la sua forte correlazione e dipendenza dalla coscienza. Un altro esempio potrebbero essere le antiche pratiche sanitarie, comunemente chiamate medicina naturopatica. L’esempio in questo articolo si occupa di antiche tradizioni di esseri appartenenti ad altri mondi, ed è ancora più interessante a causa della moderna rivelazione di UFO che stiamo vedendo e l’evidenza che suggerisce che alcuni di loro potrebbero essere extraterrestri è piuttosto affascinante, almeno per quelli che hanno avuto il tempo di guardare. 

Quando si contempla specificamente gli extraterrestri, ci sono molti esempi tra cui scegliere. Che siano gli Uomini delle stelle a parlare delle storie dei Nativi del Nord America, o i presunti incontri moderni con diversi tipi di esseri extraterrestri, credetemi, non c’è differenza. 

Forse una delle storie più famose viene dal lavoro di Zecharia Sitchin, un uomo e autore di molti libri che propongono una spiegazione per le origini umane che coinvolgono gli antichi astronauti. Il famoso ricercatore Jim Marrs nel suo libro, Our Occulted History, descrive bene il lavoro di Sitchin e le sue scoperte, 

“In diversi racconti incisi permanentemente nelle loro tavolette d’argilla, gli antichi scribi sumerici fornivano maggiori dettagli sulla fonte della loro conoscenza. Hanno scritto che 432.000 anni prima del Grande Diluvio, gli Anunnaki arrivarono e insegnarono loro le basi della civiltà … Secondo le interpretazioni di Zecharia Sitchin e molti altri, il termine Anunnaki significa “quelli che sono venuti dai cieli sulla Terra”. Nella narrativa di Sitchin, questi erano astronauti del pianeta Nibiru che hanno viaggiato attraverso la fascia degli asteroidi e inizialmente sono sbarcati nel Golfo Persico.” 

Marrs, continua descrivendo come una volta lì, cominciarono a colonizzare e cercare l’oro, oltre a manipolare il DNA dei “primitivi” sulla Terra, che alla fine divennero i re e le famiglie aristocratiche sulla Terra, che alla fine portarono alla devastazione e guerra in tutto il mondo. 

Storie di altri esseri del mondo sono presenti anche in molte leggende africane della creazione, come il popolo Zulu, che significa “cielo”. La loro connessione con le storie di Zecharia Sitchin è piuttosto affascinante, poiché le storie di questi “Dei” hanno gli stessi aspetti attribuiti agli Anunnaki nelle tavolette sumeriche. Se vuoi ascoltare alcuni esempi di storie, basta digitare su Google Credo Mutwa. Anche il ricercatore sudafricano Michael Tellinger lo descrive abbastanza bene, questo è un altro estratto dalla nostra storia occulta. 

“La maggior parte della mitologia africana parla delle stesse cose, gli dei del cielo, l’abelungu che discese dal cielo. Hanno creato il popolo, per estrarre l’oro. Credo Mutwa (e uno sciamano africano) ci dice che Abantu in Zulu significa i figli di Antu. Antu è la dea sumera dell’Abzu, da cui proviene l’oro. Lord Enki è anche conosciuto come Enkei come il creatore-dio, l’uomo di medicina sumero. Ha clonato una specie. Il suo simbolo è sul simbolo medico, caduceo. Questo è uno dei più antichi simboli sulla terra codificati con così tanta conoscenza e informazione che possiamo dedicare solo una conferenza su di esso.” 

Un altro esempio potrebbe essere Quetzalcoatl, considerato un racconto mitico. Il cronista spagnolo, Juan de Torquemada, afferma che Quetzalcoatl era “un uomo dalla carnagione chiara e rubiconda con una lunga barba”. Il ricercatore Graham Hancock lo descrive come segue

“Una persona misteriosa … un uomo bianco con un possente corpo, fronte ampia, occhi grandi e una barba fluente. Era vestito con una lunga veste bianca che arrivava fino ai piedi. Condannò i sacrifici, ad eccezione di frutta e fiori, ed era conosciuto come il dio della pace. Quando si parla di guerra, si dice che si sia tappato le orecchie con le dita”. (Fonte) 

Ora, è importante tenere presente che ci sono qui molte più storie in molti periodi di tempo. La Mesopotamia sembra davvero un luogo in cui il contatto extraterrestre si stava verificando frequentemente, e stiamo vedendo cosa potrebbe aver avuto luogo. Ci sono storie di contatti amichevoli tra varie tribù del Nord America, e ci sono diversi tipi di esseri, descrizioni diverse, eppure tante somiglianze. 

Ad essere onesti, come disse una volta l’Astronauta Story Musgrave, “ci sono probabilmente trilioni di razze diverse là fuori che fanno viaggi tra le stelle”. 

“C’è un altro modo, che si tratti di wormhole o di spazio di warping, che ci sia un modo per generare energia in modo da poterlo estrarre dal vuoto, e il fatto che siano qui ci mostra che hanno trovato un modo.”

Jack Kasher , Ph.D, Professore emerito di fisica, Università del Nebraska. 

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata, il modo in cui viene detto ora è abbastanza noioso, secondo me, siamo bloccati sul creazionismo e sull’evoluzione come le nostre uniche due opzioni quando potrebbe essere qualcosa di molto più grande e più complesso e selvaggio, con un po’ di mix di tutto, forse. L’unica certezza è che ciò che ci viene insegnato non sembra adattarsi a tutte le strane scoperte che sono state fatte negli anni di giganti e strani teschi umanoidi / corpi

Il nostro mondo è intriso di segretezza, e quelle che vengono percepite come le idee più “stravaganti”, in molti casi, di solito hanno la massima validità. La verità non si ferma, è sempre lì. Tuttavia, la percezione umana della verità e la reazione ad essa determinano ciò che creiamo come verità. Se tutti crediamo che qualcosa lo sia, lo potrebbe essere? Ma quelle sono discussioni più profonde, il punto è che ci sono verità che rimangono, quando l’umanità sceglierà di accettarle così da poter passare da quelle che non risuonano, è una storia diversa, ma stiamo facendo un buon lavoro di ricerca. 

Secondo Sitchin, circa mezzo milione di anni fa questi esseri Anunnaki vennero sulla Terra perché il nostro pianeta e il loro pianeta si trovavano nelle immediate vicinanze. 

Il lavoro di Sitchin è stato criticato e respinto dal mondo accademico tradizionale, allo stesso modo quello della parapsicologia. Ad esempio, un professore di statistica presso la UC Irvine ha pubblicato un documento che mostra che gli esperimenti parapsicologici hanno prodotto risultati molto più forti di quelli che mostrano una dose giornaliera di aspirina per aiutare a prevenire un attacco di cuore. 

Quando spingi i confini delle credenze, non importa quanti ricercatori, studiosi e accademici sono d’accordo con te, ci sarà sempre il grande che non lo fa e quella è la persona che otterrà la maggior pubblicità per screditarti, al fine di mantenere una sorta di status quo. Questo è quello che è successo a molte persone, incluso Sitchin, ma c’è una ragione per cui milioni di persone sono così affascinati da tutte le connessioni fatte da lui, e da coloro che hanno seguito il suo lavoro o fanno ricerche in un’area simile. 

Ad esempio, Paul Von Ward, un importante autore, ricercatore e psicologo ha scritto, 

“Anche se non sono d’accordo con la sua cosmologia … la sua delucidazione dei dettagli storici e la loro connessione ad altri campi della conoscenza si alzano sotto una revisione comparativa con il lavoro di altri studiosi. Il suo sommario di informazioni relative agli “antichi dei” conosciuti in Sumeria come gli Anunnaki presenta una miscela coesiva e difendibile di materiale testuale e interpretazione giudiziosa”. 

Un autore che ha studiato più di trecento traduzioni di antichi scritti mesopotamici e vedici, scrive CL Turnage, 

“Dopo aver studiato la teoria di Sitchin, ho iniziato la mia personale contemplazione dell’epopea biblica pre-biblica dell’Enuma Elish. Fu da uno studio di questa narrazione che Sitchin divenne consapevole del pianeta Nibiru e del suo insediamento all’interno del nostro sistema solare. Questo racconto è stato originariamente scritto su sette tavolette d’argilla, ognuna corrispondente a un giorno della creazione … Dopo il mio studio di queste cronache, sono d’accordo con le scoperte di Sitchin.”

Nondimeno, i fatti affascinanti rimangono inspiegabili a meno che non prendiamo una prospettiva extraterrestre. Prendiamo ad esempio che i Sumeri antichi stavano descrivendo accuratamente i pianeti Urano, Nettuno e Plutone … Questi pianeti non possono nemmeno essere visti senza un telescopio.

Il decimo pianeta  

Questo tipo di cose è stato abbastanza popolare in certi punti della storia umana. Nel 1981 gli scienziati stavano contemplando la possibilità di prove strane che suggerivano un ulteriore corpo solare nel nostro sistema. 

Il libro di Marrs continua descrivendo un articolo di Hugh McCann, uno scrittore per il Detroit News all’epoca, 

“Se le nuove prove dell’US Naval Observatory di un decimo pianeta nel sistema solare sono corrette, potrebbe provare che i Sumeri … erano molto più avanti rispetto all’uomo moderno in astronomia”. 

I Sumeri lo chiamavano il 12° pianeta, ma contano la luna e il sole, quindi ha un senso. 

Il 30 dicembre 1983, il Washington Post aveva un titolo in prima pagina che diceva: 

“Un corpo celeste grande quanto il pianeta gigante Giove e possibilmente così vicino alla Terra che lo farà parte di questo sistema solare, è stato trovato nella direzione della costellazione di Orione da un telescopio orbitante a bordo dell’IRAS (Infrared Astronomical Satellite) statunitense. Così misterioso è l’oggetto che gli astronomi non sanno cosa sia …” 

Ciò che viene in mente sono le recenti dichiarazioni dell’astronauta dell’Apollo 15 Al Worden, 

“Noi Siamo gli alieni, ma pensiamo che siano qualcun altro, ma siamo noi che siamo venuti da qualche altra parte. Perché qualcun altro doveva sopravvivere, e hanno preso una piccola astronave spaziale e sono venuti qui, sono atterrati e qui, hanno iniziato la civiltà, questo è quello che credo. E se non mi credi, vai a prendere libri sugli antichi Sumeri e vedi cosa hanno da dire a riguardo, te lo diranno subito “. 

I suoi commenti differiscono in modo significativo dal dott. Edgar Mitchell, che ha affermato di “essere abbastanza privilegiato per essere presente sul fatto che non siamo soli in questo pianeta” e che “siamo stati visitati molte volte”. 

Il nostro mondo è intriso di segretezza, pensi che se un tale corpo nel nostro sistema solare fosse scoperto che avremmo persino sentito qualcosa a riguardo? Molto probabilmente no. 

Un grande esempio è la recente rivelazione di UFO da parte del governo degli Stati Uniti attraverso le To The Stars. Puoi leggere di più su questo in dettaglio nell’articolo collegato sotto. 

Ancora una volta, la storia degli Anunnaki potrebbe essere vera, ma è stato tanto tempo fa, e se quel pianeta esiste, forse anche le cose sono cambiate. Stiamo esaminando, semmai, un piccolo racconto di contatti extraterrestri che si è verificato nella storia di questo pianeta.  

Se vuoi leggere altri nostri articoli sull’argomento UFO / Extraterrestri, puoi cliccare qui.

Nibiru il Grande Perturbatore – Il Colosso Oscuro

NIBIRU: l’Umanità si troverà presto faccia a faccia con la più temibile delle “Avanguardie” che orbita attorno a questo “Colosso Oscuro”!

Probabilmente l’umanità si troverà presto faccia a faccia con la più temibile delle Avanguardie (comete e asteroidi) che orbita attorno a questo “Colosso Oscuro”…il Pianeta X o Nibiru. Ma questo rappresenterebbe soltanto l’inizio di un lungo ciclo di stravolgimenti.

La nube di Oort è una nube sferica di comete che si estenderebbe tra le 2.000 e le 5.000 UA fino ad arrivare alle 50.000 UA dal Sole. Altre stime collocano il confine della Nube di Oort tra le 100.000 e le 200.000 unità astronomiche. Questa nube non è mai stata osservata perché troppo lontana e buia perfino per i telescopi odierni, ma si ritiene che sia il luogo da cui provengono le comete di lungo periodo.

Dentro questa immensa nube, composta da innumerevoli oggetti cosmici, si aggira qualcosa di imponente e spaventoso. Un corpo spaziale enorme, la cui identità “sembra” essere sconosciuta. Non sappiamo ancora quanto questo “ipotetico” corpo planetario possa essere distante da noi, ma potrebbe trattarsi della stella compagna binaria del Sole. Molti sono convinti che questo massiccio e oscuro pianeta si stia avvicinando alla Terra, ma sappiamo anche che la NASA insieme al Vaticano, stanno monitorando il suo percorso in entrata nel sistema solare.

Il nostro Sistema Solare potrebbe infatti far parte di un sistema stellare binario, o comunque di un sistema multiplo. Il Sole potrebbe avere una sua compagna, una stella più piccola che possiede un’orbiota più esterna e che ogni migliaia di anni si avvicina influenzando il SOLE e tutti i pianeti del sistema solare. Le informazioni a riguardo sono scarse e quelle inoppugnabili vengono tenute al sicuro sotto il velo della segretezza da parte dei due enti preposti alla sorveglianza di Nibiru chiamato il Grande Perturbatore o pezzo grosso…

E’ da considerarsi quindi una grande fortuna conoscere quel “poco” che negli ultimi 30 anni di ricerche è trapelato, arrivando sino a noi come un puzzle scomposto. Si pensa che anche le altre stelle abbiano una nube di Oort e che i bordi esterni delle nubi di due stelle vicine possano a volte sovrapporsi, causando un’occasionale “intrusione” cometaria. E’ veramente affascinante come tutti i pianeti dell’Universo, appartenenti al nostro Piano Fisico, incontrino molti ostacoli simili tra loro e che subiscano importanti periodi di rinnovi ciclici collegati ai moti orbitali dei propri sistemi planetari e stellari.

Cambiamenti nel Sistema Solare

Le piogge meteoriche che arrivano ad entrare nell’atmosfera terrestre e il passaggio costante di comete all’interno del nostro sistema, evidenziano un chiaro mutamento gravitazionale appartenente a forze che spingono questi detriti rocciosi e ghiacciati nelle zone a ridosso della Terra…proprio come fu rappresentato nel crop circle di Santena, apparso il 17 Giugno 2012. I “Guardiani” provenienti da mondi sconosciuti (altre dimensioni) sono costantemente presenti nel nostro piano fisico e ne abbiamo avuto prova in tantissime occasioni. Di certo il più incredibile è stato l’intervento, da “Loro” effettuato, sul grosso meteorite caduto in Russia il 15 Febbraio 2013. Un dato di fatto inconfutabile.

 

Le Avangurdie (asteroidi e comete) precedono l’arrico di Nibiru

Non possiamo immaginare quanti asteroidi vengano deviati da parte di queste “Sentinelle Extraterrestri” anche in zone più distanti al di fuori dell’atmosfera terrestre. Sicuramente la “Loro” presenza è costante e sempre attiva, la dimostrazione è data anche dall’insistenza nell’essere onnipresenti attorno al Sole, considerato uno Stargate o Portale dimensionale.

Uno dei casi più incredibili, ma estremamente reale, fu quello degli articoli riguardanti l’asteroide “Nibiru” (denominazione provvisoria che è tipico venire utilizzata dagli scienziati NASA, detta da loro, prima di assegnare una “sigla ufficiale” ad un corpo spaziale minaccioso appena scoperto). Questi articoli furono fatti scomparire quasi subito dopo la loro pubblicazione da tutti i giornali ( e magazine web (ricordiamo che uscirono su CNN, NBC, AlJazeera, ITN, BBC, NOS e altri, nel periodo di Novembre 2012) che ne divulgarono la notizia. Oltre agli articoli scomparve “ovviamente” l’intero asteroide minaccioso…ma vogliamo ribadirlo: la notizia non era assolutamente falsa; semplicemente (probabilmente) quell’asteroide fu fatto “sparire” proprio dai Guardiani Extraterrestri.

asteroide chelyabinsk scortato da un ufo 

Nibiru viene considertato come un pianeta 10 masse più grande della Terra e alcuni scienziati sostengono che questo copro massiccio, sia una piccola Nana Rossa e Planet X il vero Nibiru che gli orbita intorno, ma molto più esternamente rispetto a quanto ipotizzato.

“Nibiru” era a tutti gli effetti un corpo roccioso spaziale reale, che avrebbe di certo devastato una buona parte del pianeta Terra. La tensione che si percepiva leggendo le interviste rilasciate a quei giornali era reale, i nomi dei giornalisti e quelli degli scienziati intervistati erano reali, i contenuti scientifici e le “paure” della NASA erano reali. Una notizia che, visto la gravità, era sfuggita di mano alle agenzie governative, ma poi “ridimensionata” immediatamente e quindi fatta ritirare con decisione assoluta dagli “alti” stadi governativi Top Secret, dopo (forse) aver ricevuto una “garanzia di difesa” offerta segretamente da esseri provenienti da altri mondi…?

 

 Un UFO potrebbe aver deviato e abbattutto l’asteroide di Chelyabinsk

Non vi è dubbio che “osservando Chi” da sempre ci osserva, possiamo trarre la conclusione che l’intervento di questi Guardiani Multidimensionali, nell’interagire col Sistema Solare e col nostro ecosistema, venga svolto per motivi di “prevenzione” in questo delicato momento; lo dimostra anche l’insistenza nei Loro costanti interventi sulle dinamiche termonucleari del Sole.

Qualcosa ci “perturba” sempre più, ma ancora non possiamo vedere esattamente di cosa si tratti. Il Sole sta attendendo un’Ombra Oscura, ovvero una stella oscura (Dark Star) che inevitabilmente farà presto ritorno. I Guardiani delle stelle aumentano la loro presenza nei nostri cieli, Essi conoscono gli eventi, da tempo ci avvertono, da sempre vegliano su di noi. I nostri occhi si accorgeranno presto di un nuovo brillìo nascere dal buio oscuro. L’Avanguardia più imponente precederà il ritorno del Secondo Sole e la Russia ha già avvertito i suoi abitanti dell’arrivo di questi asteroidi, un pericolo reale e molto spesso senza preavviso.

Scritto da Massimo Fratini

Per Redazione Segnidalcielo

 

Fonte: http://www.segnidalcielo.it/

*********************************************

®wld

Un enorme corpo stellare sta passando vicino al Sole

Le sonde SOHO e STEREO mostrano un enorme “corpo stellare” che passa vicino al Sole. Potrebbe essere NIBIRU?

Il video che puoi vedere a fondo pagina non è certo curioso è approfondito è una reale preoccupazione per le fotografie scattate dalle sonde eliosferiche SOHO e dalla navicella STEREO della NASA che mostrano un misterioso corpo stellare che passa vicino al sole.

Le fotografie registrate dalle sonde il 22 aprile 2018 sono visibili sul web dal sito ufficiale SOHO che ha approntato una serie di diapositive correlate, uno strano evento vicino al Sole. Si tratta di uno strano oggetto a forma di un volattile. Non presenta una formazione che ci si aspetterebbe da un corpo che viaggia attraverso il nostro sistema solare. Inoltre, se confrontiamo le dimensioni rispetto al Sole, si evince che lo strano oggetto è lungo due milioni di chilometri. Ma l’indagine continua sul sito STEREO. Altre anomalie sono state raccolte anche nelle diapositive all’alba tra il 22 e il 23 aprile.

Le immagini mostrano un enorme corpo circolare che passa sopra il Sole. Immagini completamente ufficiali della NASA. Un oggetto che, rispetto al Sole, è noto che le sue dimensioni oscillano in un milione di chilometri di diametro. Qualcosa di assolutamente spettacolare. Un fatto del genere, un corpo stellare così grande, avrebbe dovuto influenzare la gravità del nostro pianeta e il resto dei corpi vicini. Questo mi ha venire alla mente tutte le storie su Nibiru. Sappiamo che Nibiru potrebbe essere un pianeta o una nana bruna, ma l’oggetto è stato per ore vicino al Sole, poi ha iniziato a essere fotografato alle 5 del mattino del 23 aprile e la sua visibilità è durata fino alle 20:00. Ma nessuna menzione mediatica ha fatto eco alle notizie. Nessuno tranne il canale YouTube “Hidden Truth” che trasmette le notizie

Altre immagini che questo canale ha condiviso alcuni giorni fa riguardano una raccolta di fotografie del sistema solare in movimento. Durante il processo video, una specie di flash (o bagliore) si osserva a destra del monitor vicino a uno dei pianeti e scompare all’improvviso. Ribadiamo che sono immagini ufficiali della stessa NASA.

Per YouTuber è qualcosa di assolutamente unico e, francamente, preoccupante. È possibile che sia il cosiddetto pianeta Nibiru? Dopo queste rivelazioni la NASA divulgherà quello che le immagini mostrano? Siamo in pericolo? Molte domande passano per le nostre teste dopo aver visto queste immagini. E, se non è un pianeta o un corpo celeste di queste dimensioni, cosa potrebbe essere? Delle immagini della NASA potrebbe essere uno dei pianeti all’interno del sistema solare, ma non sappiamo quale

Queste immagini sono ufficiali e sono raccolte dal vivo, e non vi è alcuna possibilità di manipolazione, anche se c’è la censura. Non siamo sicuri che la NASA permetta a queste immagini rivelatrici di rimanere su Internet. Condividiamo i link in modo da poter assistere a questo misterioso documento grafico.

Se accedi al sito ufficiale apolo11.com, si può vedere la trasmissione delle diapositive di domenica 12 aprile fino alle ore 6 del giorno successivo. Tuttavia, c’è un salto dalle dieci del mattino alle sei del pomeriggio, dove le immagini corrispondenti che ti abbiamo mostrato, nelle ore in cui appare il corpo celeste, sono state censurate.

Fonte: http://nibiru-hoy.es/

®wld

Planet X / Nibiru Segni sfacciati della sua venuta

Il Messaggiero – Planet X / Nibiru Segni sfacciati della sua venuta, scudi solari e divulgazione binaria mainstream

Il tema dei pianeti ribelli, delle oscure stelle binarie, o solo del pianeta X e tutta la recente discussione sui cicli della catastrofe, dopo essere stati così a lungo tabù, non è una coincidenza da trascurare. Per decenni il tema del Pianeta X è stato ai margini persino dalle comunità di cospirazione, e ora guadagna terreno nelle agenzie di stampa apparentemente credibili. L’evidenza empirica e circostanziata di questo improbabile sistema binario canaglia che passa per la terra durante la tua vita può, all’inizio, quando l’ego umano è involuto, apparire minimo. Eppure, con ulteriori indagini, le prove di imminenti e terribili cambiamenti sono assolutamente immensi e i segnali, per la minoranza risvegliata in grado di ricrearli, sono stati testati in tutto il mondo settimanalmente.

Proprio la scorsa settimana l’Europa orientale era disorientata da strane, puzzolenti “nevi arancioni”.

https://globalnews.ca/news/4105977/orange-snow-europe/

Un terremoto a 500 miglia di profondità ha scosso la Bolivia e le Ande

http://newsinfo.inquirer.net/979757/6-8-magnitude-powerful-deep-earthquake-strikes-bolivia-usgs

Sembra che ogni giorno un nuovo vulcano stia eruttando in questi giorni e abbia avuto eruzioni dall’Isola della Riunione e dal Giappone, con segnalazioni di vulcanismo sotto la piattaforma di ghiaccio dell’Antartide!

http://abcnews.go.com/International/lightning-japans-called-james-bond-volcano/story?id=54261603

http://strangesounds.org/2018/04/antarcticas-ice-sheet-is-melting-ocean-water-volcanoes-hot-spots.html 

C’è uno sforzo sottile ma concertato da parte del mainstream per desensibilizzare e divulgare il soggetto del Pianeta X al pubblico. E per trollarlo, ridimensionarlo e creare una quantità di generale confusione, incredulità e dibattito. Fino a quando si verifica un evento o si verifica un avvistamento di massa. Le prove fotografiche continuano a nascondere in modo visibile il sistema planetario alla tecnologia avanzata per l’occultamento. (Guarda il video qui sotto e le immagini)

Se fosse semplicemente un riflesso dell’obiettivo, il mainstream avrebbe scritto articoli satirici, graffianti o informativi sull’argomento? Sono costretti a confrontarsi e divulgare il soggetto, nel loro modo “mainstream”, perché milioni di immagini, anomalie e luoghi sconcertanti vengono visti in tutto il mondo, quasi ogni giorno!

Recentemente uno scienziato che ha lavorato per l’USGS, ha dichiarato pubblicamente al mondo che la NASA ha coperto il ritorno del Planet X per 30 anni o più.

http://www.ibtimes.sg/nasa-covering-existence-nibiru-over-30-years-says-former-usgs-scientist-25713

https://www.dailystar.co.uk/news/weird-news/691097/nasa-nibiru-2018-planet-x-earth-news-cover-up 

Solo pochi giorni fa centinaia nel Regno Unito hanno notato che il cielo notturno è diventato di un blu inquietante

https://www.dailystar.co.uk/news/weird-news/693853/aliens-ufo-spotting-united-kingdom-oxfordshire-cambridgeshire-weird-news

Anche l’International Business Times chiede: “È l’approccio di Nibiru?”

http://www.ibtimes.sg/strange-blue-lights-uk-skies-baffle-residents-25745

E giorni prima l’IBT aveva discusso della presenza di Rogue Systems quando un oggetto è stato individuato sul feed della fotocamera ISS.

 http://www.ibtimes.sg/red-giant-spotted-iss-live-feed-nibiru-claim-conspiracy-theorists-25602

Altre fonti mainstream stavano discutendo l’argomento dei sistemi binari, in effetti molto rilevanti, e tutte le fonti principali sostenevano che l’asteroide interstellare “Oumuamua” (Oumuamua corsivo mio) provenisse da un sistema binario del genere. Ci vuole solo una piccola quantità di pensiero critico per legarlo direttamente al sistema binario visto nelle immagini e nei video sottostanti.

http://www.astronomy.com/news/2018/03/interstellar-asteroid-oumuamua-came-from-binary-star-system

https://thevarsity.ca/2018/04/03/interstellar-object-oumuamua-likely-came-from-binary-stars/ 

Lo sforzo di divulgazione continua e persino quegli straccioni da strapazzo come la Popular Mechanics hanno un peso con un articolo sulla possibile vita nelle nuvole di Venere. Chi potrebbe indovinare!

https://www.popularmechanics.com/space/solar-system/a19672527/scientists-propose-craft-to-search-clouds-of-venus-for-life/

https://gizmodo.com/dark-splotches-on-venus-could-be-signs-of-life-1824264313 

La scorsa settimana abbiamo sentito che ammettono di aver partecipato alla geoingegneria solare. Solar Shield, un film 50000 volte più sottile di un pelo nell’atmosfera. L’uscita del mainstream di questo scudo solare ha fatto appena un’increspatura nei titoli, sebbene spiegherebbe le linee dirette viste nelle telecamere australiane sul video qui sotto … quindi penso che questa sia una sorta di rivelazione

https://www.theguardian.com/global-development/2018/apr/05/scientists-suggest-giant-sunshade-in-sky-could-solve-global-warming

https://www.engadget.com/2018/03/27/floating-calcium-sun-shield-could-protect-the-great-barrier-re/

http://www.straitstimes.com/asia/australianz/ultra-thin-sun-shield-could-protect-australias-great-barrier-reef

http://www.dw.com/en/australian-scientists-develop-sun-shield-that-could-protect-great-barrier-reef-from-rising-temperatures/a-43170751 

Sotto: Dalle webcam australiane si vede una linea, ancora e ancora nel cielo vicino al sole. Lo scudo solare è già installato?

L’editoria tradizionale di quello che una volta era un argomento tabù, aggiunge peso alle sconcertanti anomalie che vengono viste e sentite, sulla terra e nei cieli. Quando ci si prende il tempo di esaminare il cielo e le webcam da tutto il mondo, inizia a comparire un’immagine inquietante.

I segni sono lì per chiunque a gli occhi per vederli. I segni di occultamento e della tecnologia che interrompono la luce del sole e il cielo. Non è un bagliore dell’obiettivo, anche se potremmo desiderarlo che lo fosse, e non può più essere rappresentato come una folle teoria della cospirazione.

Il Sistema Planet X è nella coscienza tradizionale e, come mostrano le sorprendenti immagini al di sotto dei corpi planetari craterizzati dalla rotazione e rotando, non sono ancora andati via.

Preparati finché puoi, nel caso in cui …

Sotto: ciò che sembra essere una “luna” che ruota velocemente nel sistema binario

Sotto: Il colore dell’arcobaleno e la linea retta suggeriscono che la tecnologia è al lavoro e copre l’oggetto in questa immagine dall’Australia

Sotto: Dall’Alaska emerge un grande e piccolo pianeta

Fonte: http://beforeitsnews.com/

®wld