Crea sito

Almanacco di marzo 2021

VIDEO: MICROSOFT FORMA IL “MINISTERO DELLA VERITÀ”

Un rapporto video con un’attenta ricerca sul ruolo di Bill Gates nella “Battaglia contro le notizie false”

L’iniziativa Bill Gates è supportata da “Adobe, Arm, BBC, Intel, Microsoft e Truepic in una coalizione per sviluppare uno standard aperto end-to-end per tracciare l’origine e l’evoluzione dei contenuti digitali” Sotto il timone di Bill Gates, “Tecnologia e entità dei media uniscono le forze per creare gruppi di standard volti a creare fiducia nei contenuti online”.

Produzione video di Really Graceful (RG) Fonte https://www.globalresearch.ca/video-microsoft-forms-ministry-of-truth/5738770 e https://www.windowscentral.com/microsoft-joins-battle-against-fake-news

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

***********************************************

Il concetto fatale della tecnocrazia che affligge il processo decisionale

L’analisi critica della tecnocrazia è in rapido aumento durante la pandemia dichiarata dai tecnocrati del 2020. Il processo decisionale non dovrebbe mai essere affidato a tecnocrati dalla mentalità ristretta, tutti in gran parte non eletti e inspiegabili. TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

Scienziati stimolano il cervello per rimuovere la paura, aumentare la “fiducia”

Gli scienziati tecnocrati vogliono accedere al funzionamento interno del cervello per controllare gli impulsi di base tramite la stimolazione e l’intelligenza artificiale. Il potenziale per il lavaggio del cervello utilizzando questa tecnologia è sbalorditivo. TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

I dipartimenti della polizia locale riceveranno i droni con “l’IA più avanzata di sempre”

In previsione di un’ampia accettazione da parte delle forze dell’ordine locali, Skydio ha già ottenuto una valutazione di 1 miliardo di dollari con iniezioni di capitale di rischio. Questa sorveglianza basata sui droni sarà onnipresente, autonoma e incrollabile e promuoverà la mentalità dello stato di polizia. TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

ATTACCO E CONQUISTA. La guerra normativa

Con il crollo del muro di Berlino ha inizio la Terza guerra mondiale.

Una guerra combattuta più che tra Stati, tra “Prìncipi moderni”: oligarchie private più ricche degli Stati, con propri strumenti politici, comunicativi, legali e militari.

Una guerra in cui il conflitto più taciuto è il più importante: la guerra normativa.

Perché la legge è un’arma, e l’ab-uso del diritto, per conquistare e consolidare il proprio dominio, è una strategia nota da secoli. Eppure, ci siamo fatti trovare impreparati.

A seguito della globalizzazione reggimenti di avvocati e lobbisti si sono dati battaglia, attraverso un vero e proprio “arsenale legale”, seguendo strategie giuridiche a breve, medio e lungo termine che, giocate come una partita a scacchi, non vengono percepite se non quando il progetto è giunto a termine.

La conseguenza di tale “offensiva di tipo giuridico” è che “Prìncipi moderni” hanno assunto il controllo di settori strategici e si sono appropriati in maniera strutturale di risorse vitali: tra queste la più importante è l’acqua.

Analizzare il percorso compiuto per appropriarsi dell’acqua ci consente di comprendere che le modalità attraverso le quali si sono affermate le gestioni delle Big Corporation non sono le regole del mercato, ma l’uso strategico delle leggi.

Pubblicato sul sito web: http://solangemanfredi.blogspot.com/

®wld

Nikola Tesla e il popolo spaziale

Il documento declassificato dell’FBI menziona il contatto di Nikola Tesla con il “popolo spaziale”

di: Arjun Walia

Molti decenni fa il mentore di Wernher Von Brauns Hermann Oberth, il padre fondatore della missilistica e dell’astronautica, noto anche come il “padre dei voli spaziali“, affermò la sua convinzione che “i dischi volanti sono reali” e che “sono navi spaziali di un altro sistema solare. Penso che probabilmente siano presidiati da osservatori intelligenti che sono membri di una razza che potrebbe aver indagato sulla nostra Terra per secoli “.

Ha scritto queste parole in “Flying Saucers Come From A Distant World”, The American Weekly, 24 ottobre 1954.

All’epoca accademici come Oberth erano ben consapevoli del fenomeno UFO, e oggi l’argomento ha acquisito ancora più “credibilità” dato che più governi hanno ormai confermato l’esistenza di questi oggetti.

Non mancano i dati di tracciamento radar, prove video, prove fotografiche e testimonianze di alto rango che sono ora disponibili nel pubblico dominio.

Questo sembra confondere molte persone, dal momento che la “divulgazione UFO tradizionale” sta decollando dopo una campagna decennale di “ridicolo e segretezza”. (Ex direttore della CIA Roscoe Hillenkoetter).

Anche Nikola Tesla, nato prima di Oberth, aveva un forte interesse quando si trattava dell’idea della vita su altri pianeti. Ci sono molti esempi che documentano questo fatto.

Ad esempio, in un’intervista rilasciata a Time all’età di 75 anni, Tesla ha dichiarato quanto segue:

“Penso che niente possa essere più importante della comunicazione interplanetaria. Sicuramente arriverà un giorno e la certezza che ci sono altri esseri umani nell’universo, che lavorano, soffrono, lottano, come noi, produrrà un effetto magico sull’umanità e formerà le fondamenta di una fratellanza universale che durerà finché l’umanità stessa. “

Non c’è dubbio che il contatto, la comunicazione e le relazioni con esseri di altri mondi avrebbero enormi implicazioni e cambierebbero per sempre la coscienza umana. Come ho già detto molte volte, non lascerebbe veramente intatto nessun aspetto dell’umanità.

Ci sono molti altri esempi e dichiarazioni interessanti di Tesla a cui arriveremo in seguito, ma prima volevo attirare la vostra attenzione su alcuni documenti del Federal Bureau of Investigation (FBI) declassificati che sono stati conservati dall’agenzia di pertinenza di Tesla. Il documento è una registrazione di una “Newsletter delle sessioni interplanetarie” del 1957.

La newsletter sembra essere una promozione stampata di una conferenza tenuta da George Van Tassel. La newsletter sembra essere stata scritta dalla scrittrice Margaret Storm, insieme a quello che sembra essere suo marito, John.

Ciò che è interessante chiedere è: perché l’FBI era così interessato al punto da documentare questi incontri, discussioni e raduni? Perché hanno tenuto traccia di questa specifica newsletter? È perché avevano un forte interesse per il fenomeno UFO / extraterrestre?

Ricorda, questo è degli anni ’50, oggi sappiamo che i governi e le agenzie di intelligence, come l’FBI, hanno avuto un interesse lungo e documentato per il fenomeno.

Parte del documento recita come segue,

Margaret Storm è stata assegnata a determinati lavori con Space People, come segue: sta scrivendo un libro – Return of the Dove – una storia della vita di Nikola Tesla, scienziato, e il ruolo che le sue invenzioni avranno nella New Age.

Gran parte dei dati per questo libro sono stati forniti alla signora Storm tramite trascrizioni ricevute sul set di Tesla, una macchina di tipo radio inventata da Tesla nel 1938 per la comunicazione interplanetaria.

Tesla morì nel 1943 ei suoi ingegneri non costruirono il set Tesla fino a dopo la sua morte. È stato messo in funzione nel 1950 e da quel momento gli ingegneri Tesla sono stati in stretto contatto con le navi spaziali.

The Space People ha visitato molte volte gli ingegneri Tesla e ci ha detto che Tesla era un venusiano, portato su questo pianeta da bambino , nel 1856, e lasciato con il signor e la signora Tesla in una remota provincia di montagna in quella che è ora Yogoslavia.

Che tu creda o meno che questo dipenda da te, poiché non esiste un modo reale per verificare le affermazioni. Il documento fa emergere fenomeni UFO più correlati.

Per quanto riguarda George Van Tassel, ha avuto una lunga carriera nell’aviazione, iniziando con Douglas Aircraft per poi passare a Hughes e finire con Lockheed. All’inizio degli anni ’50 divenne pubblico sostenendo di aver avuto esperienze di contatto con persone dallo spazio.

Secondo lui, questi esseri emettono avvertimenti di distruzione dati i modi dell’umanità insieme a messaggi di pace universale. Dopo questo apparentemente hanno iniziato a istruire Tassel su come costruire un edificio che potesse invertire il processo di invecchiamento.

Si chiamava “The Integration” e il progetto ha consumato tutto il suo tempo. Ha affermato che le istruzioni per il dispositivo provenivano da extraterrestri del pianeta Venere. Apparentemente è morto per un attacco di cuore poco prima che avesse luogo la prima manifestazione. ( fonte1 ) ( fonte2 )

Avendo studiato la tradizione del fenomeno UFO / extraterrestre da più di 15 anni, una cosa che trovo particolarmente interessante sono le storie e gli incontri che coinvolgono messaggi di preoccupazione sulla direzione in cui è necessaria l’umanità e l’urgente necessità di cambiare rotta per evitare la povertà, guerra, fame, distruzione ambientale e disastro.

Ci sono innumerevoli esempi di questo, uno dei tanti sarebbe l’incontro che più di 60 bambini in età scolare hanno avuto in Zimbabwe nel 1994 .

Solo perché le affermazioni nel documento non possono essere verificate, non significa che l’interesse di Tesla per la comunicazione extraterrestre non sia verificato. Come accennato in precedenza nell’articolo, lo è.

Ad esempio, secondo la Library of Congress, Tesla ha affermato di aver ricevuto comunicazioni radio da Marte. Citano un articolo del Richmond Times che pretendeva di offrire un’ampia descrizione e commento della sua presunta scoperta.

“Mentre sedeva accanto al suo strumento sulla collina del Colorado, nel profondo silenzio di quella regione austera e stimolante, dove pianti i tuoi piedi nell’oro e la tua testa sfiora le costellazioni – mentre sedeva lì una sera, da solo, la sua attenzione, squisitamente vivo in quel momento, fu arrestato da un debole suono proveniente dal ricevitore: tre colpi fatati, uno dopo l’altro, a intervalli fissi. Quale uomo che sia mai vissuto su questa terra non invidierà Tesla in quel momento! “

Una citazione diretta da Tesla di seguito, tratta dal suo pezzo,

Talking With Planets“.

Non riesco mai a dimenticare le prime sensazioni che ho provato quando mi sono reso conto di aver osservato qualcosa di forse dalle conseguenze incalcolabili per l’umanità.

Mi sentivo come se fossi presente alla nascita di una nuova conoscenza o alla rivelazione di una grande verità. Anche adesso, a volte, posso ricordare vividamente l’incidente e vedere il mio apparato come se fosse effettivamente davanti a me.

Le mie prime osservazioni mi terrorizzarono positivamente, poiché in esse era presente qualcosa di misterioso, per non dire soprannaturale, e di notte ero solo nel mio laboratorio; ma quella volta l’idea che questi disturbi fossero segnali controllati in modo intelligente non mi si presentava ancora.

I cambiamenti che notavo avvenivano periodicamente, e con un suggerimento così chiaro di numero e ordine che non erano riconducibili a nessuna causa allora a me nota.

Conoscevo, naturalmente, i disturbi elettrici prodotti dal sole, dall’aurora boreale e dalle correnti terrestri, ed ero certo, come potevo esserlo, che queste variazioni non fossero dovute a nessuna di queste cause.

La natura dei miei esperimenti precludeva la possibilità che i cambiamenti fossero prodotti dai disturbi atmosferici, come è stato avventatamente affermato da alcuni.

Qualche tempo dopo mi balenò in mente il pensiero che i disturbi che avevo osservato potessero essere dovuti a un controllo intelligente.

Sebbene non potessi decifrarne il significato, mi era impossibile pensare che fossero stati del tutto accidentali.

Cresce costantemente in me la sensazione di essere stato il primo a sentire il saluto di un pianeta a un altro … Non stavo semplicemente assistendo a una visione, ma avevo intravisto una grande e profonda verità.

Un altro esempio dei pensieri di Tesla, nelle sue stesse parole:

Altri potrebbero deridere questo suggerimento … (di) comunicare con uno dei nostri vicini celesti, come Marte … o trattarlo come uno scherzo pratico, ma ci sono stato molto sul serio da quando ho fatto le mie prime osservazioni a Colorado Springs …

All’epoca non esisteva nessun impianto wireless diverso dal mio in grado di produrre un disturbo percettibile in un raggio di oltre poche miglia.

Inoltre le condizioni in cui operavo erano ideali ed ero ben addestrato per il lavoro. Il carattere dei disturbi registrati precludeva la possibilità che fossero di origine terrestre, e ho anche eliminato l’influenza del sole, della luna e di Venere.

Come ho poi annunciato, i segnali consistevano in una ripetizione regolare di numeri, e uno studio successivo mi ha convinto che dovevano essere emanati da Marte, il pianeta essendo proprio allora vicino alla Terra. ( fonte )

Pensieri finali

È abbastanza chiaro che Tesla aveva un forte interesse per la vita extraterrestre e ha tentato di comunicare.

È incredibile come sia stato il primo a sviluppare apparecchiature in grado di potenziare i segnali provenienti dallo spazio e da altri pianeti.

Oggi, i segnali di origine sconosciuta sono comuni nella comunità scientifica, vengono comunemente rilevati massicci lampi radio e altre anomalie.

Abbiamo scritto su questo argomento sin dal nostro inizio nel 2009 e se sei interessato a sfogliare i nostri articoli sull’argomento, puoi farlo qui.

Come Tesla allude all’inizio di questo articolo, il contatto ha enormi implicazioni. Costringerà, ed è attualmente, l’umanità a guardare a una visione più ampia della realtà e ad intrattenere concetti che forse una volta non rientravano nel quadro accettato della conoscenza.

In tutte le fasi della storia umana, concetti plausibili e persino quelli supportati da prove ed esempi hanno sempre affrontato una dura opposizione e resistenza, ma alla fine sono stati accettati.

Siamo ancora una razza molto giovane e senza dubbio ci sono verità che aspettano “là fuori” di essere scoperte. Una cosa è certa, sicuramente non abbiamo i nostri affari qui sul pianeta Terra in ordine.

Man mano che cresciamo sembra che più mettiamo in discussione le nostre vite, cosa stiamo facendo qui e perché lo facciamo. Sembra che continuiamo a cambiare la nostra capacità di cambiare il nostro mondo in meglio nelle mani di altri che potrebbero non avere a cuore i nostri migliori interessi.

In qualche modo, in qualche modo, è tempo per noi di assumerci la responsabilità e iniziare a creare un’esperienza umana che risuoni con tutti ed è in armonia con la madre Terra.

Come facciamo questo? Non lo so, ma so che restare in silenzio, non esplorare e non espandere la nostra coscienza non è la risposta.

“Per secoli questa idea è stata proclamata nei saggi insegnamenti della religione, probabilmente non solo come mezzo per assicurare la pace e l’armonia tra gli uomini, ma come una verità profondamente radicata. Il buddista lo esprime in un modo, il cristiano in un altro, ma entrambi dicono la stessa cosa: siamo tutti uno”. – Nikola Tesla

Fonte: https://humansarefree.com/

Articolo correlato: Tesla disse che l’etere è ifluenzato dalla forza creatrice vivificante

®wld

60 resoconti diversi sul leggendario primo re di Roma Romolo

L’indovinello di Romulus: il leggendario primo re di Roma esisteva davvero?

Recenti scavi a Roma hanno riacceso il dibattito sul fatto che il leggendario primo re di Roma, Romolo, fosse un personaggio storico o solo un’opera di fantasia. In effetti, all’inizio di quest’anno, gli archeologi hanno portato alla luce  un presunto santuario di Romolo  che risale a circa 2.600 anni fa. Oltre a questa scoperta, gli archeologi negli ultimi decenni hanno  fatto scoperte  che sembrano essere collegate al mito canonico della fondazione di Roma. Mentre la maggior parte degli accademici ha a lungo scritto Romolo come una “fabbricazione letteraria”,  alcuni hanno contestato  questa opinione prevalente e hanno sollevato nuove prove; ma ce n’è abbastanza per risolvere finalmente la controversia?

Il caso contro l’esistenza di re Romolo

Il caso contro il leggendario fondatore e re romano, Romolo, è piuttosto semplice: ci sono episodi fantastici nel racconto di Romolo che semplicemente non possono essere veri. Dopotutto, per non dire altro, sembra altamente improbabile che Romolo fosse il figlio del  dio Marte, fu salvato da una lupa carnivora selvaggia e ascese miracolosamente nei cieli, dopodiché divenne il dio Quirino che vegliava sullo stato romano . Se queste storie dubbie non fossero abbastanza dannose, ci sono altre leggende della fondazione romana in competizione che non si concentrano su un eroe omonimo.

Oltre a queste questioni, alcuni accademici hanno sostenuto che la datazione archeologica di Roma non è in linea con la presunta fondazione della città nel 753 a.C., e ci sono pochissime, se non nessuna, prove iniziali convincenti dell’esistenza del re  Romolo . Mentre gli scettici di Romolo fanno molti punti giusti, non chiudono necessariamente il caso contro un fondatore omonimo di Roma.

Denario con la testa laureata, dai capelli lunghi e barbuta di Quirino (Romolo). (Classical Numismatic Group, Inc./  CC BY SA 3.0  )

Spiegazioni del mondo reale per le leggende di Romulus

Prima di tutto, semplicemente perché nella leggenda di Romolo esistono componenti soprannaturali non significa che la nozione di fondatore di un eroe sia priva di credibilità, soprattutto considerando che c’erano alternative più plausibili e antiche. Per uno, alcuni storici antichi credevano che il padre di Romolo non fosse il dio della guerra. Piuttosto,  un ammiratore o il re canaglia di Alba Longa  – Amulio – violentò selvaggiamente e impregnò la madre di Romolo – nota come Rea Silvia – portando alla scandalosa gravidanza.

Anche la leggenda della lupa  è di origine discutibile, dato che i lupi hanno maggiori probabilità di divorare i bambini che di allattarli. Tuttavia, alcuni storici antichi sostenevano che un lupo di nome Lupa non avesse aiutato il piccolo Romolo. Invece, una prostituta lo ha fatto, e la giustificazione di questa convinzione è  che  lupa  era un termine antico  che si traduceva essenzialmente in “puttana”. Quindi, una prostituta – forse chiamata Acca Larentia – piuttosto che un lupo avrebbe potuto prendersi cura di Romulus.

Replica della lupa romana, Romolo e Remo, Capitole, Roma, Italia. ( CC0 )

Infine, l’ascensione di Romolo nei cieli dovrebbe essere motivo di scetticismo. La maggior parte dei pensatori moderni richiede prove di qualche tipo quando si confrontano con tali individui che si suppone si smaterializzino e diventino vere divinità, specialmente quelli appartenenti ai pantheon di quelle che ora sono religioni morte. Ma alcuni scrittori romani e greci credevano che la verità sulla morte e scomparsa di Romolo fosse molto più semplice: un quadro di romani  stanchi del regno dispotico e ingiusto del re Romolo, spietatamente  lo uccise,  smembrò il suo corpo, nascose i resti e poi disse a tutti che aveva subito un’apoteosi miracolosa.

Pertanto, l’esistenza di episodi soprannaturali nella leggenda canonica non è necessariamente uno sciopero contro Romolo, dato che esistevano alternative antiche più plausibili. I componenti spettacolari potrebbero essere stati creati solo per rafforzare la reputazione di re Romolo e nascondere verità sgradevoli al pubblico romano.

L’orgoglio del re Romolo. ( Dominio pubblico )

Le vedute dei miti e dell’archeologia moderna

Gli antichi scrittori conoscevano  diversi miti di fondazione  che variavano anche al di là di questi.  Dionigi di Alicarnasso  menzionò di conoscere 14 leggende,  Plutarco  ricordò 13, Festo 10 e Servio 8, ma lo stimato storico moderno TP Wiseman affermò di aver scoperto almeno  60 resoconti diversi  che esistono in qualche forma. Alcuni sono simili alla versione canonica; altri variano notevolmente; ci sono numerosi nomi diversi del fondatore e primo re di Roma, inclusi Rhomos, Rhomus, Rhomylos e, naturalmente, Romulus (molte di queste varianti hanno anche diverse genealogie); e alcune narrazioni non menzionano nemmeno un fondatore omonimo. Infatti, ha  scritto Plutarco , “Alcuni dicono che i Pelasgi, dopo aver vagato per la maggior parte della terra abitabile e sottomesso la maggior parte dell’umanità, si stabilirono in quel sito, e che grazie alla loro  forza  in guerra chiamarono la loro città Roma.”

Di solito, le numerose narrazioni contraddittorie sarebbero prove convincenti contro l’esistenza di un eroe fondatore di Roma, ma la maggior parte dei resoconti afferma che qualcuno – il cui nome era Romolo o un derivato simile – ha svolto un ruolo critico nella  fondazione di Roma. Inoltre, ogni volta che venivano incluse le date, gli antichi concordavano ampiamente che Roma fosse stata fondata intorno all’800-700 a.C.

Numerosi accademici moderni hanno rifiutato questa datazione e affermano che le prove fisiche non lo confermano. Tuttavia, i ritrovamenti degli ultimi decenni hanno messo in discussione questo punto di vista. Secondo l’ archeologo moderno  Andrea Carandini  – che non è privo di polemiche –  sono stati scoperti un antico muro del Palatino, un pavimento del Foro Romano, manufatti votivi e persino resti di una casa regale sul  Palatino e risalgono a circa 800-700 AVANTI CRISTO.

Riproduzione del blocco di pietra di Lapis Niger con l’iscrizione in latino antico. (Sailko /  CC BY-SA 3.0  ) Gli  antichi romani credevano che il Lapis Niger segnasse la tomba del primo re di Roma, Romolo, o il punto in cui fu ucciso dal senato, o il luogo in cui Faustolo, il padre adottivo di Romolo cadde in battaglia.

Molti di questi reperti sembrano anche potenzialmente legati al mito di Romolo. Dopotutto, si diceva che avesse costruito un muro sul Palatino, forse preparato il Foro per l’uso, innalzato templi dove sono state trovate reliquie votive e persino eretto una casa sul Palatino. Sebbene questi reperti archeologici siano affascinanti, purtroppo nessuno di essi conferma in modo definitivo l’esistenza di Romolo.

Gli scettici di Romolo sottolineano anche che i primi scritti e manufatti conosciuti che raccontano o almeno alludono al mito di Romolo arrivano centinaia di anni dopo la sua presunta morte. La  prima scrittura nota che  menziona il fondatore di un eroe risale alla metà del IV secolo a.C. e la prima arte e moneta indiscussa e ben attestata raffigurante Romolo risale rispettivamente al 296 e al 269/268 a.C. La prima era una statua di Romolo, Remo e Lupa, e la seconda era una moneta d’argento con il trio sul dritto.

Questo è molto tempo dopo che Romolo presumibilmente visse, ma questa non è una prova definitiva contro di lui, considerando che la scrittura e l’arte romana erano relativamente scarse per gran parte della sua storia antica. Inoltre, l’annalista  Livio affermò  che gran parte dell’inestimabile corpus di documenti antichi di Roma andò perduta durante il saccheggio gallico di Roma intorno al 390 aC, sebbene gli storici moderni mettano in dubbio la reale portata della distruzione. A parte questo, sembra lecito ritenere che la maggior parte dei primi documenti e arte di Roma potrebbero non essere sopravvissuti fino all’era moderna.

 Romolo, Victor su Acron, trascina il ricco bottino al tempio di Giove. ( Dominio pubblico)

Trovare fatti nella finzione?

Se siamo onesti, alla fine le prove a favore e contro Romolo sono nel migliore dei casi deboli. Le prove archeologiche, artistiche e numismatiche sono inconcludenti, il che lascia solo il record letterario. Plutarco ha insistito sul fatto che la nozione di un fondatore omonimo era la “tradizione più autentica”, e  Dionisio di Alicarnasso  – che raccontò una storia dettagliata della prima Roma – affermò di aver fatto affidamento sugli storici e sui resoconti “meglio accreditati”.

Mentre i documenti esistenti della fondazione di Roma sono tristemente carenti, la maggior parte dei resoconti sembra supportare la teoria di un fondatore di un eroe omonimo. Sebbene questa non sia necessariamente una prova di Romolo di  per sé , il consenso della maggioranza all’interno delle storie scritte sembra suggerire che qualcuno di nome Romolo o qualcosa di simile fosse parte integrante della fondazione di Roma intorno all’800-700 a.C.

E questo potrebbe essere plausibilmente il caso. Dopotutto, è più logico accettare che ci sia un nocciolo di verità all’interno di una leggenda per la quale ci sono ampie prove letterarie, nonostante le sue carenze, e alcune potenzialmente a sostegno di prove archeologiche accessorie   invece di credere in qualcosa quando ce n’è molto meno, se ce ne sono , prova.

Forse dove c’è fumo c’è fuoco e  forse c’è un pizzico di verità  in alcuni dei miti fondanti di Roma. Ricorda che prima che Heinrich Schliemann scoprisse e scavasse Troia, i suoi contemporanei credevano quasi universalmente che Troia e  la famosa guerra di Troia  fossero creazioni di fantasia. Eppure sono stati smentiti e si è scoperto che c’erano frammenti di verità nei racconti antichi. Forse è lo stesso con i vari miti di fondazione romana e Roma prende il nome da una persona che si profilava in grande nella sua storia antica.

Si pensa che lo scrittore e filosofo Albert Camus abbia detto: “La finzione è la menzogna attraverso la quale diciamo la verità”, e questa citazione sembra avere un significato speciale rispetto al dibattito su Romolo. La fondazione di Roma è avvolta nell’incertezza, ed è oscurata dal passare del tempo e da abbellimenti e creazioni letterarie. Tuttavia, è possibile che queste fossero  le bugie attraverso le quali gli antichi dicevano la verità .

Immagine in alto: Romolo, il leggendario primo re di Roma, ( neurobita  / Adobe Stock) esisteva davvero? ( samott  / Adobe Stock)

Di  Marc Hyden

Marc Hyden è il direttore degli affari del governo statale presso il R Street Institute. È anche l’autore di ” Romulus: The Legend of Rome’s Founding Father ” e ” Marius: The Rise and Fall of Rome’s Savior “.

Pubblicato sul siro web: https://www.ancient-origins.net/

®wld

Contro la dittatura dell’uno

Di Lidia Sella

Conversazione del video trascritto dal minuto 31:23 al minuto 35:53

Contro la dittatura dell’uno

Ultima chiamata

Non può finire così la nostra civiltà per mano di questi tiranni del mundialismo, assetati di profitto, nemici di ogni libertà, assassini seriali di costituzioni e mercati internazionali.

Tanto barbari e feroci da incarcerare i bambini, terrorizzare gli anziani, e condannare milioni di cittadini alla miseria.

Qualcuno si illude che esista ancora una opposizione, a governarci invece è una banda di giuda, che ha venduto il proprio popolo per trenta denari.

L’isolamento e il distanziamento sociale, limitano lo scambio di idee e scoraggiano i movimenti di protesta.

Perciò i maggiordomi del potere finanziario, con il pretesto del covid, eliminano qualsiasi luogo e occasione di incontro; i lacchè della cupola massonica ricorrono a qualunque mezzo, pur di impoverire umiliare e asservire l’occidente.

Quando: Bar, Ristoranti, Discoteche, Palestre Stadi, Piscine, Alberghi, Stabilimenti Balneari, Piste da Sci, Cinema, teatri, Sale da concerto, Musei e Chiese, Avranno chiuso per sempre non avremmo più un posto dove ritrovarci, al massimo potremo andare da McDonald’s.

Perché dopo aver spolpato i cadaveri delle piccole imprese e fagocitato l’identità italiana, le multinazionali spazzeranno via anche la nostra nobile tradizione culinaria.

Se impongono il lavoro agile, e insistono sull’insegnamento a distanza, non’è esplicitamente per venderci i loro computer, ma perché il compagno di scuola e il collega d’ufficio, in futuro dovranno sparire.

Intanto le mascherine, servono da museruole per azzerare l’empatia, neutralizzare l’espressività, bloccare i sorrisi, strozzare il respiro, impedire la parola, deprimere l’umore, cancellare l’identità dei volti, ammalarci di anidride carbonica, e inibire i fanciulli un corretto sistema celebrale.

La dittatura globale decide dove, come, quando, con chi e che cosa dobbiamo fare; moderni despoti, stabiliscono quante persone possiamo invitare in casa nostra, con la psicosi del contagio, minano persino i rapporti familiari e amicizia,

Allo scopo di dividersi hanno instaurato un clima di terrore, repressione, diffidenza, sospetto, alimentando la vile pratica della delazione.

Non cadiamo in questa trappola, restiamo uniti se non vogliamo che una cortina di solitudine e disperazione soffochino l’Italia.

Arte, Letteratura, filosofia, Musica, e scienza onesta rendono l’Uomo superiore alla bestia. Lottiamo per riprendere in mano le nostre vite, il diritto al lavoro, il futuro dei figli e nipoti, la cultura che ha reso grande l’Italia; ribelliamoci alle menzogne mediatiche opponiamoci a stato di polizia.

Occorre reagire ai soprusi, all’arbitrio, alla arroganza di amministratori che ci hanno scambiato per pecore, schiavi o burattini; è giunta l’ora di imboccare la strada della disobbedienza civile con orgoglio, coraggio e determinazione, siamo pronti ad aprire le vie legali per punire i traditori della patria, colpevoli di aver prima distrutto la Sanità Pubblica e poi disintegrato l’Economia del Paese.

A chiedercelo è la storia!

******************************************** 

A Natale dovevano liberarci, invece chiudono di nuovo

®wld

DISTOPIA: Trasformazione onnicomprensiva

green future
La “quarta rivoluzione industriale” distopica sarà molto diversa dalla prima
Se si prendono le pubblicazioni del World Economic Forum (WEF) come un’indicazione di come la “Quarta rivoluzione industriale” cambierà la società, il mondo sta affrontando un massiccio attacco contro la libertà individuale e la proprietà privata. Sta per emergere un nuovo tipo di collettivismo. Come il comunismo del passato, il nuovo progetto si rivolge al pubblico con la certezza del progresso tecnologico e dell’inclusione sociale. Inoltre, la sostenibilità ecologica e la promessa di longevità o addirittura immortalità vengono utilizzate per attirare il pubblico. In realtà, tuttavia, queste promesse sono profondamente distopiche. 
 
La quarta rivoluzione industriale

Secondo Klaus Schwab, fondatore e attuale presidente esecutivo del WEF, la “Quarta rivoluzione industriale” (2016) rappresenta una nuova tappa dei progressi tecnologici dirompenti iniziati verso la fine del diciottesimo secolo con l’industria tessile e l’uso di forza vapore. La seconda rivoluzione industriale ha avuto luogo nei decenni prima e dopo il 1900. Ha creato una pletora di nuovi beni di consumo e tecnologie di produzione che hanno permesso la produzione di massa. La terza rivoluzione industriale è iniziata intorno al 1950 con le scoperte nelle tecnologie digitali. Ora, secondo Klaus Schwab, la quarta rivoluzione industriale significa che il mondo si sta muovendo verso “una vera civiltà globale”.

La quarta rivoluzione industriale fornisce il potenziale “per robotizzare l’umanità e quindi compromettere le nostre tradizionali fonti di significato: lavoro, comunità, famiglia, identità”. Schwab prevede che la quarta rivoluzione industriale “solleverà l’umanità in una nuova coscienza collettiva e morale”.

Il transumanesimo fa parte della trasformazione che arriva con la quarta rivoluzione industriale, poiché l’intelligenza artificiale  (AI) supererà anche le migliori prestazioni umane in compiti specifici. Le nuove tecnologie “non smetteranno di diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi, dichiara Schwab.

Nella prefazione dell’ultimo libro di Schwab, Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution  (2018), il CEO di Microsoft, Satya Nadella, afferma che l’evoluzione delle nuove tecnologie “è interamente in nostro potere”. Microsoft e le altre società high-tech “stanno scommettendo sulla convergenza di diversi importanti cambiamenti tecnologici: realtà mista, intelligenza artificiale e informatica quantistica”.

Satya Nadella informa i lettori che Microsoft, Amazon, Google, Facebook e IBM collaboreranno in una   partnership AI che lavorerà per sviluppare e testare la tecnologia in campi come “automobili e sanità, collaborazione uomo-AI, spostamento economico e come AI può essere utilizzato per il bene sociale. “

Trasformazione onnicomprensiva

Nella prefazione al suo ultimo libro, Klaus Schwab prevede che la quarta rivoluzione industriale “stravolgerà i modi esistenti di percepire, calcolare, organizzare, agire e fornire risultati”. Afferma che “le esternalità negative” dell’attuale economia globale danneggiano “l’ambiente naturale e le popolazioni vulnerabili”.

I cambiamenti che verranno con le nuove tecnologie saranno globali e sconvolgeranno “il modo in cui produciamo e trasportiamo beni e servizi”. La rivoluzione sconvolgerà il modo in cui “comunichiamo, il modo in cui collaboriamo e il modo in cui viviamo il mondo che ci circonda”. Il cambiamento sarà così profondo che i progressi nelle neurotecnologie e nelle biotecnologie “ci costringono a chiederci cosa significhi essere umani”.

Come la prefazione di Satya Nadella, il testo di Schwab ribadisce più volte l’affermazione che “l’evoluzione della quarta rivoluzione industriale” è “interamente in nostro potere” quando “noi” usiamo la “finestra di opportunità” e guidiamo per l ‘”empowerment”. Il “noi” di cui parlano entrambi gli autori è l’élite tecnocratica globale che richiede il controllo centrale e l’interventismo statale (chiamato “plasmare il futuro”) in un nuovo sistema caratterizzato da un’intima cooperazione tra imprese e governo, o, più specificamente tra alta tecnologia e una manciata di stati chiave.

La pagina web del World Economic Forum sul “Great Reset” proclama che “la crisi del Covid-19” rappresenta “una finestra di opportunità unica per plasmare la ripresa”. Nell’attuale “crocevia storico”, i leader mondiali devono affrontare “le incongruenze, le inadeguatezze e le contraddizioni” che vanno dalla sanità e l’istruzione alla finanza e all’energia. Il forum definisce lo “sviluppo sostenibile” come l’obiettivo centrale delle attività di gestione globale.

Il “Great Reset” richiede la cooperazione globale per raggiungere obiettivi come “sfruttare la quarta rivoluzione industriale”, “ripristinare la salute dell’ambiente”, “ridisegnare contratti sociali, competenze e posti di lavoro” e “dare forma alla ripresa economica”. Come tematizzato al “Jobs Reset Summit” del 20-23 ottobre 2020, una “ripresa verde” dalla crisi covid-19 promette un “orizzonte verde“. Il vertice del WEF del gennaio 2021 affronterà in modo specifico le trasformazioni che verranno. I temi principali includono “clima stabile”, “sviluppo sostenibile”, un’economia a “zero emissioni di carbonio” e la produzione agricola che ridurrebbe l’allevamento di bestiame in sintonia con la riduzione globale del consumo di carne.

L’alternativa

L’aumento del tenore di vita insieme alla crescita della popolazione mondiale è diventato possibile a causa della rivoluzione industriale. Chi vuole abbattere la società capitalista e l’economia deve necessariamente optare per il declino del tenore di vita e lo spopolamento. I promotori dei piani per realizzare un nuovo ordine mondiale con la forza dello stato negano che il capitalismo radicale potrebbe fornire molto meglio i mezzi per passare a un mondo migliore, come è stato dall’inizio della prima rivoluzione industriale.

Ciò che ha determinato le rivoluzioni industriali del passato sono stati il ​​libero mercato e la scelta individuale. Come spiega Mises, è stata l’ ideologia del laissez-faire a produrre la prima rivoluzione industriale. Ci fu prima una rivoluzione spirituale che pose fine all ‘”ordine sociale in cui un numero sempre crescente di persone era condannato a un bisogno abietto e alla miseria” e dove l’attività manifatturiera “aveva quasi esclusivamente soddisfatto i bisogni dei benestanti”. do “e la loro” espansione era limitata dalla quantità di lussi che gli strati più ricchi della popolazione potevano permettersi “.

L’ideologia del World Economic Forum è quella dell’era preindustriale. Mentre il sito web del forum ( WEF ) pullula di termini come “potere”, “organizzazione” e “sviluppo sostenibile gestito”, concetti come “libertà”, “coordinamento del mercato” e “scelta individuale” sono palesemente assenti. Il forum nasconde il fatto che invece del progresso umano, l’impoverimento e la repressione sono il futuro dell’umanità. La conseguenza implicita della pianificata “economia ecologica” è la drastica riduzione della popolazione mondiale.

Con l’abolizione dei mercati e la soppressione della scelta individuale, che i piani collettivisti del WEF propongono, sarebbe arrivata una nuova era oscura. Diversamente da quanto presumono i progettisti, il progresso tecnologico stesso si fermerebbe. Senza la creatività umana che nasce dalla mentalità dell’individualismo, nessun progresso economico è mai stato possibile.

Conclusione

Le nuove tecnologie che accompagnano la quarta rivoluzione industriale possono essere di immenso beneficio per l’umanità. Le tecnologie di per sé non sono il problema, ma come vengono utilizzate. Un futuro distopico ci attende se l’élite mondiale del World Economic Forum avrà voce in capitolo. Il risultato sarebbe un regime terroristico tecnocratico mascherato da governo mondiale benevolo. Eppure c’è un’alternativa. Come ampiamente dimostrato negli ultimi duecento anni, il libero mercato e la scelta individuale sono le fonti del progresso tecnologico, del progresso umano e della prosperità economica. Non ci sono ragioni razionali per presumere che la quarta rivoluzione industriale richiederebbe il collettivismo. Il libero mercato è il modo migliore per affrontare le sfide che derivano dalle nuove tecnologie. Non meno ma più capitalismo è la risposta.

Autore:

Antony P. Mueller

Il dottor Antony P. Mueller è un professore tedesco di economia che attualmente insegna in Brasile. Scrivi una mail. Vedi il suo sito web e blog.

Postato su: https://mises.org/

®wld

Il Filantrocapitalismo

Nicoletta Dentico

Ricchi e Buoni? – Le trame oscure del Filantrocapitalismo –

dal Sitio Web Vita Informazione inviata da NM

Un documentatissimo libro-inchiesta di Nicoletta Dentico sul perché Bill Gates, Warren Buffett, Bill Clinton e Mark Zuckerberg sono i protagonisti della nuova mega filantropia. Il ruolo ambiguo di Bill Gates sul vaccino anti-Covid19…


Perché l’élite dell’1% del pianeta, la classe più predatoria della storia umana, è anche la più socialmente impegnata a sostenere cause nobili come salute, educazione, lotta alla fame, con la scusa di cambiare il mondo?

Che cosa si nasconde dietro la rinascita della filantropia a vocazione globale?

L’impegno sempre più pervasivo dei filantropi è davvero la soluzione alle sfide della contemporaneità o non è piuttosto un ambiguo e problematico effetto delle disuguaglianze strutturali che rendono la nostra epoca la più ingiusta di tutti i tempi?

E che cosa è il “filantrocapitalismo“, la versione più sofisticata della filantropia che da due decenni domina la scena internazionale e che si consolida oggi nel tempo di Covid19?

 

Sono queste, e molte altre, le domande che la giornalista Nicoletta Dentico, esperta di salute globale e cooperazione internazionale, affronta nel suo formidabile saggio-inchiesta Ricchi e Buoni? – Le Trame Oscure del Filantrocapitalismo (Editrice missionaria italiana).

 

Si tratta del primo libro in Italia dedicato al tema del filantrocapitalismo, un’abile strategia inaugurata all’inizio del nuovo millennio da una ristretta classe di vincitori sulla scena della globalizzazione economica e finanziaria.

 

Grazie alle donazioni erogate tramite le loro fondazioni in nome della lotta alla povertà questi imprenditori, nuovi salvatori bianchi, hanno cominciato a esercitare un’influenza sempre più incontrollata sui meccanismi di governo del mondo e sulle loro istituzioni, modificandole profondamente.

 

Il tutto, in un intreccio di soldi, potere e alleanze con il settore del business che i governi non sanno più arginare né possono più controllare. Anzi, sono i leader del mondo politico ad accogliere i ricchi filantropi a braccia aperte, ormai, senza più fare domande.

Come è avvenuto in passato con John Rockefeller e Andrew Carnegie, la generosità di chi ha accumulato mastodontiche ricchezze rischia di non essere del tutto disinteressata.

 

“Il Wealth-X and Arton Capital Philantrophy Report 2016 evidenzia come le donazioni dei super-ricchi siano incrementate del 3% nel 2015”, scrive Dentico.

“Numeri alla mano, il rapporto racconta gli effetti benefici di questa arte della generosità: gli imprenditori che hanno versato almeno un milione di dollari hanno finito per ammassare più profitti dei loro pari di classe”.

 

Di questa realtà di costante accumulazione si nutre l’ottimismo win-win che alimenta il fenomeno filantropico, i cui valori, strumenti e metodi sono inequivocabilmente quelli della cultura di impresa, applicata al mondo dei bisogni umani disattesi.

 

I filantropi, per loro stessa ammissione, puntano a creare nuovi mercati per i poveri.

 

“Funziona così: se i poveri diventano consumatori non saranno più emarginati. E da clienti possono riguadagnarsi la loro dignità”.

 

Rispetto alla filantropia classica, il filantrocapitalismo ha assunto dimensioni così pervasive e sistemiche da condizionare la stessa azione degli stati:

 

“Libere da ogni costrizione territoriale, le fondazioni filantrocapitaliste sono riuscite a occupare un campo d’azione sconfinato” si legge nel libro.

“Esercitano un ruolo ingombrante nella produzione di conoscenza, nell’affermazione di modelli, nella definizione di nuove strutture della governance globale”.

“Il liquido amniotico della filantropia è la disuguaglianza” sostiene Nicoletta Dentico, che nella sua poderosa inchiesta motiva accuratamente le ragioni per cui questa élite si è messa alla testa della battaglia per cambiare il mondo.

Invece,

“se nel mondo vigesse un’equa distribuzione delle risorse non ci sarebbe tanto spazio per la filantropia”, perché non ci sarebbero più i pochi plutocrati che detengono più della metà delle risorse del pianeta.

 

Dentico mette in luce uno degli aspetti più controversi e paradossali del fenomeno:

 

le enormi agevolazioni fiscali di cui godono nel mondo filantropi e fondazioni, anche le più opulente:

“Che cosa legittima politicamente l’idea di un incentivo sulle tasse a questi miliardari e alle loro fondazioni?

Quali vantaggi ne avrebbe una società, se si utilizzasse invece la tesoreria pubblica, perduta a causa degli incentivi, per produrre il bene comune?”.

 

Il filantrocapitalismo diventa così una strana forma di legittimazione morale, “una valvola di sfogo” tramite cui investire, detassati, i profitti spesso accumulati con flagranti operazioni di elusione o evasione fiscale.

 

Un esempio per tutti:

 

“Nel 2012, un rapporto del Senato americano calcolava in quasi 21 miliardi di dollari la quantità di denaro che Microsoft era riuscita a trafugare nei paradisi fiscali in un periodo di tre anni, grosso modo l’equivalente della metà dell’incasso netto delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, con un guadagno fiscale di 4,5 miliardi dollari annui”.

 

Oggi il fondatore di Microsoft, Bill Gates, è la figura preminente e più iconica del filantrocapitalismo, con una fondazione intitolata a lui e alla moglie Melinda che al momento della nascita (2000) disponeva di 15,5 miliardi di dollari per esercitare la propria azione, focalizzata su,

 

salute e vaccinazioni, biotecnologie, incremento della produttività agricoltura in Africa (ciò che significa far largo agli OGM), educazione, finanza…

 

La Fondazione Gates mantiene un forte legame finanziario con aziende assai poco virtuose sul piano dei consumi e della salute, che però garantiscono sicure remunerazioni sull’investimento:

 

ad esempio, investe 466 milioni di dollari negli stabilimenti della Coca-Cola e 837 milioni di dollari in Walmart, la più grande catena di cibo, farmaceutici e alcolici degli USA.

 

La Fondazione Gates spicca oggi per l’incontenibile attivismo con cui dirige le attività internazionali nella ricerca di un vaccino anti-coronavirus, con implicazioni non banali data la rilevanza pubblica di un’emergenza mondiale come quella di Covid-19:

 

“Nel 2015, Gates aveva capito che un virus molto contagioso sarebbe arrivato a sconquassare il mondo iperglobalizzato.

Sars-CoV-2 è arrivato, alla fine, e il mondo si è fatto trovare del tutto impreparato. L’unico pronto a un simile scenario è stato il monopolista filantropo di Seattle”, spiega Dentico…

 

300 milioni di dollari subito sul piatto da parte della Fondazione Gates (poi saliti addirittura a 530 milioni di dollari), ormai accreditatasi sulla scena della lotta alla pandemia alla pari di istituzioni internazionali come OMS, Banca Mondiale e Commissione Europea, un pericoloso precedente nella governance di fenomeni globali – come in questo caso la lotta a una pandemia.

 

Tanto più che,

 

“in tutti questi anni, Bill Gates ha molto contribuito al rafforzamento geopolitico di Big Pharma (il cartello composto dalle principali case farmaceutiche mondiali, ndr), erodendo e sottraendo terreno alla società civile in questo duro conflitto politico”.

 

L’implacabile inchiesta di Nicoletta Dentico scruta anche l’azione filantropica di altre figure di imprenditori plutocrati o politici potentissimi diventati improvvisamente “benefattori” globali:

  • Ted Turner
  • Bill e Hillary Clinton
  • i nuovi arrivati sulla scena della filantropia come Mark Zuckerberg

 

Unico nella sua genesi è il caso della famiglia Clinton, che ha fatto della filantropia globale – tramite la Fondazione Clinton – la via maestra per continuare a esercitare il potere dopo due mandati presidenziali, anche a costo di contraddire l’agenda diplomatica statunitense, nel momento in cui Hillary Clinton è segretaria di stato dell’amministrazione Obama.

Molto eloquente a questo riguardo il caso del potentissimo uomo d’affari Frank Giustra che entra nel giro delle estrazioni minerarie in Kazakhstan grazie ai buoni uffici della Fondazione Clinton nel paese centro-asiatico, che gli Stati Uniti hanno stigmatizzato per le sistematiche violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali della persona.

Come scrive Bandana Shiva nella prefazione,

 

“il libro di Nicoletta Dentico arriva al momento giusto, ed è necessario.

Sarà una bussola importante per difendere le nostre esistenze e libertà dalle forme della ricolonizzazione variamente avallate dal filantrocapitalismo“.

Ricchi e Buoni? – Le Trame Oscure del Filantrocapitalismo

Nicoletta Dentico, giornalista, è esperta di cooperazione internazionale e salute globale.

Dopo una lunga esperienza con Mani Tese, ha coordinato in Italia la Campagna per la messa al bando delle mine vincitrice del Premio Nobel per la Pace nel 1997, e diretto in Italia Medici Senza Frontiere (MSF) – premio Nobel per la Pace nel 1999 – con un ruolo di primo piano nel lancio e promozione della Campagna internazionale per l’Accesso ai Farmaci Essenziali.

Co-fondatrice dell’Osservatorio Italiano sulla Salute Globale (OISG), ha lavorato a Ginevra per Drugs for Neglected Diseases Initiative (DNDi) e poi per l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Più di recente è stata per alcuni anni responsabile della sezione internazionale della Fondazione Lelio Basso.

Dal 2013 al 2019 è stata consigliera di amministrazione di Banca Popolare Etica e vicepresidente della Fondazione Finanza Etica.

Dalla fine del 2019 dirige il programma di salute globale di Society for International Development (SID).

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Letture consigliate:

Infanzia: diritti celebrati, diritti negati – Un mondo rovesciato

Lo scietticismo del vaccino

®wld

Chi ha controllato il passato controlla il presente e chi controlla il presente controlla il futuro

Biglino: bugie e manipolazione zootecnica, fin dall’antichità

Ci stanno manipolando in modo “zootecnico”, come fossimo animali d’allevamento? Non c’è da stupirsene: secondo i testi antichi, è sempre successo. E l’élite che manipola l’umanità è anche quella che le impone la sua versione della storia. Lo sostiene il biblista Mauro Biglino, già autore di 19 traduzioni dell’Antico Testamento per le Edizioni San Paolo. Ridicolo, secondo Biglino, parlare di complottismo: oggi, a lanciare certe accuse sono personaggi come l’arcivescovo Carlo Maria Viganò, già nunzio apostolico negli Usa, cui fa eco padre Livio Fanzaga, direttore di “Radio Maria”, ma anche un giornalista come Aldo Maria Valli, storico vaticanista della Rai, che (sul suo blog) accenna a una manipolazione occulta dell’umanità che risalirebbe almeno all’epoca della Rivoluzione Francese. Biglino va oltre: la stessa Bibbia dimostra il carattere “zootecnico” della dominazione esercitata sugli umani. E un libro come “L’altra Europa”, di Paolo Rumor, ipotizza l’esistenza di una struttura-ombra, la cui origine risalirebbe addirittura a migliaia di anni fa.
A segnalare un’enorme deformazione della “storiografia” è anche un vescovo cattolico dei primissimi secoli, Eusebio di Cesarea, basandosi su un sacerdote fenicio del XII secolo avanti Cristo: la prima falsificazione l’avrebbe compiuta la casta sacerdotare, “inventando” le religioni (con tanto di miti e allegorie) per nascondere la vera storia della nostra origine.
«Le sorti del mondo intero sono minacciate da una cospirazione globale: un piano mondiale, denominato Great Reset», ha scritto Viganò. «Ne è artefice un’élite che vuole sottomettere l’umanità intera, imponendo misure coercitive con cui limitare le libertà delle persone e dei popoli». In un accattivante video su YouTube, Mauro Biglino (autore di bestseller basati sulla traduzione letterale della Bibbia) mette Viganò in relazione diretta con il libro di Rumor, uscito nel 2010. “L’altra Europa” parla del memoriale del padre, Giacomo, cugino di Mariano Rumor (più volte primo ministro democristiano) e già rappresentante del Vaticano durante le trattative segrete per la rifondazione dell’Europa postbellica.
Se Viganò scrive – nelle sue lettere a Trump – che questa crisi serve a «rendere irreversibile» il Grande Reset, «in nome di un’emergenza sanitaria che sempre più si rivela come strumentale alla instaurazione di una disumana tirannide senza volto», Rumor parla dell’esistenza di una “entità” super-riservata, fatta di persone che «non esitano a ricorrere a tecniche di suggestione, o dissimulazione, per pilotare l’opinione pubblica, le sue aspettative, le sue aspirazioni mentali, e conseguentemente far accettare cambiamenti strutturali che coinvolgono le comunità nazionali».
«L’attività dei singoli governi – aggiunge Rumor – non sembra avere la capacità di interferire con la citata programmazione». Fuori causa anche i partiti politici, «totalmente esclusi da quella che, in gergo, viene chiamata “la Grande Opera”». Questa misteriosa “entità” sarebbe «una sorta di struttura trasversale, che funge da catalizzatrice a determinate decisioni contingenti – di natura economica, sociale e politica – in concomitanza con certi momenti storici importanti». Rumor parla di una struttura-ombra, che esisterebbe «fin dalle origini delle civiltà».
La sua missione? Manipolarci, a nostra insaputa. Biglino ricorda che lo stesso Rudolf Steiner, già all’inizio del ‘900, «parlava di élite che, in modo occulto, cercano di mettere in piedi e gestire programmi di controllo dell’umanità». Le clamorose accuse di Viganò – sottolinea Biglino – sono state ora rilanciate dal direttore di “Radio Maria”, secondo cui oggi saremmo tutti vittime di «un colpo di Stato sanitario e massmediatico».
Attenzione: “Radio Maria” è un network a diffusione mondiale, gestito da 20.000 volontari e seguito da 30 milioni di persone; trasmette in più di 70 nazioni, con programmi in oltre 50 lingue. Biglino non si scompone: «La gestione della storia è fondamentale, per chi vuole governare». E cita Orwell: «Chi controlla il passato controlla il futuro, e chi controlla il presente controlla il passato».
Vietato stupirsene, avverte Biglino: i testi antichi ci svelano che, di fatto, siamo manipolati da sempre. Clamoroso il caso del vescovo cattolico Eusebio di Cesarea, “Padre della Chiesa”, che nel III-IV secolo rivaluta lo storico greco Filone di Byblos, il quale a sua volta presenta gli studi del sacerdote fenicio Sanchuniaton, vissuto nel XII secolo avanti Cristo. La denuncia di Sanchuniaton? Le religioni sarebbero state “inventate” dall’antica casta sacerdotale, che ha fabbricato mitologie e allegorie «per nascondere la verità» sulla reale identità delle “divinità” con cui l’uomo era stato in contatto.
La stessa Bibbia, ricorda Biglino, ne fornisce una documentazione più che esplicita. Nel Deuteronomio, in premessa, al popolo che si è scelto (i giudei) Yahweh dice: «Tu dominerai molte nazioni, ma su di te esse non domineranno». E già qui, annota Biglino, si introduce il concetto di élite. «Per arrivare a questa gestione dell’umanità, bisogna che noi uomini siamo considerati come merce, come strumenti da utilizzare. Quali sono, dunque, i semi di questa concezione?».
Nell’Esodo, sempre Yahweh («che quindi non è affatto onnisciente») dispone di censire la “sua” popolazione: «Aveva soprattutto bisogno di sapere su quanti maschi validi potesse contare, per combattere le sue guerre di conquista». Nel censire i giudei, Yahweh istituisce una sorta di tassazione: «Ciascuno pagherà il riscatto per la propria vita a Yahweh». In pratica: io ti censisco, e tu mi paghi. «Capite, qual è il concetto di proprietà sugli individui?». C’è anche il prezzo: mezzo siclo (circa 10 grammi d’argento).
«E’ un concetto duro: io ti censisco e tu mi paghi, perché la tua vita è mia. Tu la puoi riscattare pagandola, e io – il preteso dio spirituale, trascendente, onnisciente, onnipotente – mi arricchisco con il tuo argento».
Questo, osserva Biglino, «ci fa comprendere quanto i semi del passato siano presenti nell’attualità, e quanto questo ci aiuti a capire – almeno a livello ipotetico – che cosa ci stanno forse preparando, per il futuro». Tutto ha un prezzo, da versare come riscatto alla “divinità”: uomini, animali, case. Se qualcuno poi ha impegnato i suoi beni con il Tempio (cioè il “demanio” dell’epoca: il fisco), li potrà riscattare versando il loro valore, maggiorato del 20%. «In pratica: l’Iva». Ognuno ha un prezzo: un maschio dai venti ai sessant’anni “vale” 50 sicli d’argento, mentre un anziano 15, una donna 30, una vecchia 10. «Arriviamo quindi a una mercificazione addirittura spaventosa delle persone».
Tutto questo, ragiona Biglino, ci fa capire come un sistema parta dall’antichità (la Bibbia), venga ipotizzato anche da famiglie politiche importanti (i Rumor) e venga documentato da scrittori del 1.200 avanti Cristo (Sanchuniaton). «Un sistema che si è davvero protratto nei secoli, e che dice: io controllo il passato, e attraverso la gestione delle conoscenze del passato gestisco il presente e programmo il futuro. Non meravigliamoci, se qualcuno dice che oggi sarebbe in atto una programmazione sociale di tipo zootecnico, su scala mondiale».
Ci stanno manipolando in modo “zootecnico”, come fossimo animali d’allevamento? Non c’è da stupirsene: secondo i testi antichi, è sempre successo. E l’élite che manipola l’umanità è anche quella che le impone la sua versione della storia.
Lo sostiene il biblista Mauro Biglino, già autore di 19 traduzioni dell’Antico Testamento per le Edizioni San Paolo. Ridicolo, secondo Biglino, parlare di complottismo: oggi, a lanciare certe accuse sono personaggi come l’arcivescovo Carlo Maria Viganò, già nunzio apostolico negli Usa, cui fa eco padre Livio Fanzaga, direttore di “Radio Maria”, ma anche un giornalista come Aldo Maria Valli, storico vaticanista della Rai, che (sul suo blog) accenna a una manipolazione occulta dell’umanità che risalirebbe almeno all’epoca della Rivoluzione Francese. Biglino va oltre: la stessa Bibbia dimostra il carattere “zootecnico” della dominazione esercitata sugli umani.
E un libro come “L’altra Europa”, di Paolo Rumor, ipotizza l’esistenza di una struttura-ombra, la cui origine risalirebbe addirittura a migliaia di anni fa. A segnalare un’enorme deformazione della “storiografia” è anche un vescovo cattolico dei primissimi secoli, Eusebio di Cesarea, basandosi su un sacerdote fenicio del XII secolo avanti Cristo: la prima falsificazione l’avrebbe compiuta la casta sacerdotare, “inventando” le religioni (con tanto di miti e allegorie) per nascondere la vera storia della nostra origine.
«Le sorti del mondo intero sono minacciate da una cospirazione globale: un piano mondiale, denominato Great Reset», ha scritto Viganò. «Ne è artefice un’élite che vuole sottomettere l’umanità intera, imponendo misure coercitive con cui limitare le Padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Marialibertà delle persone e dei popoli». In un accattivante video su YouTube, Mauro Biglino (autore di bestseller basati sulla traduzione letterale della Bibbia) mette Viganò in relazione diretta con il libro di Rumor, uscito nel 2010. “L’altra Europa” parla del memoriale del padre, Giacomo, cugino di Mariano Rumor (più volte primo ministro democristiano) e già rappresentante del Vaticano durante le trattative segrete per la rifondazione dell’Europa postbellica.

Se Viganò scrive – nelle sue lettere a Trump – che questa crisi serve a «rendere irreversibile» il Grande Reset, «in nome di un’emergenza sanitaria che sempre più si rivela come strumentale alla instaurazione di una disumana tirannide senza volto», Rumor parla dell’esistenza di una “entità” super-riservata, fatta di persone che «non esitano a ricorrere a tecniche di suggestione, o dissimulazione, per pilotare l’opinione pubblica, le sue aspettative, le sue aspirazioni mentali, e conseguentemente far accettare cambiamenti strutturali che coinvolgono le comunità nazionali».

«L’attività dei singoli governi – aggiunge Rumor – non sembra avere la capacità di interferire con la citata programmazione». Fuori causa anche i partiti politici, «totalmente esclusi da quella che, in gergo, viene chiamata “la Grande Opera”». Questa misteriosa “entità” sarebbe «una sorta di struttura trasversale, che funge da catalizzatrice a determinate decisioni contingenti – di natura economica, sociale e politica – in concomitanza con certi momenti storici importanti». Rumor parla di una struttura-ombra, che esisterebbe «fin dalle origini delle civiltà».

La sua missione? Manipolarci, a nostra insaputa. Biglino ricorda che lo stesso Rudolf Steiner, già all’inizio del ‘900, «parlava di élite che, in modo occulto, cercano di mettere in piedi e gestire programmi di controllo dell’umanità». Le clamorose accuse di Viganò – sottolinea Biglino – sono state ora rilanciate dal direttore di “Radio Maria”, secondo cui oggi saremmo tutti vittime di «un colpo di Stato sanitario e massmediatico».

Attenzione: “Radio Maria” è un network a diffusione mondiale, gestito da 20.000 volontari e seguito da 30 milioni di persone; trasmette in più di 70 nazioni, con programmi in oltre 50 lingue. Biglino non si scompone: «La gestione della storia è Paolo Rumorfondamentale, per chi vuole governare». E cita Orwell: «Chi controlla il passato controlla il futuro, e chi controlla il presente controlla il passato».

Vietato stupirsene, avverte Biglino: i testi antichi ci svelano che, di fatto, siamo manipolati da sempre. Clamoroso il caso del vescovo cattolico Eusebio di Cesarea, “Padre della Chiesa”, che nel III-IV secolo rivaluta lo storico greco Filone di Byblos, il quale a sua volta presenta gli studi del sacerdote fenicio Sanchuniaton, vissuto nel XII secolo avanti Cristo. La denuncia di Sanchuniaton? Le religioni sarebbero state “inventate” dall’antica casta sacerdotale, che ha fabbricato mitologie e allegorie «per nascondere la verità» sulla reale identità delle “divinità” con cui l’uomo era stato in contatto.

La stessa Bibbia, ricorda Biglino, ne fornisce una documentazione più che esplicita. Nel Deuteronomio, in premessa, al popolo che si è scelto (i giudei) Yahweh dice: «Tu dominerai molte nazioni, ma su di te esse non domineranno». E già qui, annota Biglino, si introduce il concetto di élite. «Per arrivare a questa gestione dell’umanità, bisogna che noi uomini siamo considerati come merce, come strumenti da utilizzare. Quali sono, dunque, i semi di questa concezione?».

Nell’Esodo, sempre Yahweh («che quindi non è affatto onnisciente») dispone di censire la “sua” popolazione: «Aveva soprattutto bisogno di sapere su quanti maschi validi potesse contare, per combattere le sue guerre di conquista». Nel censire i giudei, Yahweh istituisce una sorta di Viganòtassazione: «Ciascuno pagherà il riscatto per la propria vita a Yahweh». In pratica: io ti censisco, e tu mi paghi. «Capite, qual è il concetto di proprietà sugli individui?». C’è anche il prezzo: mezzo siclo (circa 10 grammi d’argento).

«E’ un concetto duro: io ti censisco e tu mi paghi, perché la tua vita è mia. Tu la puoi riscattare pagandola, e io – il preteso dio spirituale, trascendente, onnisciente, onnipotente – mi arricchisco con il tuo argento». Questo, osserva Biglino, «ci fa comprendere quanto i semi del passato siano presenti nell’attualità, e quanto questo ci aiuti a capire – almeno a livello ipotetico – che cosa ci stanno forse preparando, per il futuro». Tutto ha un prezzo, da versare come riscatto alla “divinità”: uomini, animali, case. Se qualcuno poi ha impegnato i suoi beni con il Tempio (cioè il “demanio” dell’epoca: il fisco), li potrà riscattare versando il loro valore, maggiorato del 20%. «In pratica: l’Iva».

Ognuno ha un prezzo: un maschio dai venti ai sessant’anni “vale” 50 sicli d’argento, mentre un anziano 15, una donna 30, una vecchia 10. «Arriviamo quindi a una mercificazione addirittura spaventosa delle persone». Tutto questo, ragiona Biglino, ci fa capire come un sistema parta dall’antichità (la Bibbia), venga ipotizzato anche da famiglie politiche importanti (i Rumor) e venga documentato da scrittori del 1.200 avanti Cristo (Sanchuniaton). «Un sistema che si è davvero protratto nei secoli, e che dice: io controllo il passato, e attraverso la gestione delle conoscenze del passato gestisco il presente e programmo il futuro. Non meravigliamoci, se qualcuno dice che oggi sarebbe in atto una programmazione sociale di tipo zootecnico, su scala mondiale».

Pubblicato su: https://www.libreidee.org/

®wld