Crea sito

PROFEZIE-CORONA

Nel 2013 è uscito il libro di Sylvia Browne (sopra illustrato); alla pagina 220 veniva profetizzata una pandemia di virus che si diffonderà su vasta scala.

Questa pandemia sarà talmente contagiosa che le persone infettate dovranno essere messe in quarantena. Dovremo passare quattro o cinque anni di panico, prima che si scopra che il fungo o i batteri che lo provocano sia distrutti (così riporta il capitolo a pagina 220) da una associazione di corrente elettrica o calore elevatissimo.

Entro il 2020 diventerà di prassi indossare in pubblico mascherine chirurgiche e guanti di gomma, a causa di una grave malattia simile alla polmonite, che attaccherà sia i polmoni che i canali bronchiali e che sarà refrattaria a ogni tipo di cura.

Tale patologia sarà particolarmente sconcertante perché, dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, sembrerà scomparire completamente per altri dieci anni, rendendo ancora più difficile la sua causa e la sua cura.

Qui sotto il video

Correlazioni:

Il messaggio degli dei della peste nell’era della quarantena

®wld

Quattro sorprendenti scoperte astronomiche dell’antica Grecia

 

 

Quattro antiche scoperte dell’astronomia greca che ancora confondono gli esperti 

 

Le storie di Erodoto (dal 484 a.C. al 425 a.C.) offrono una straordinaria finestra sul mondo, come era noto all’antica astronomia greca nella metà del 20 ° secolo a.C. Tuttavia, quasi altrettanto interessante di ciò che sapevano è ciò che non sapevano. Ciò pone le basi per notevoli progressi nella loro comprensione nei prossimi secoli, semplicemente facendo affidamento su ciò che potrebbero osservare con i propri occhi.

 

Erodoto sosteneva che l’Africa era quasi completamente circondata dal mare. Come lo sapevi? Racconta la storia dei marinai fenici che furono mandati dal re Neco II d’Egitto (intorno al 600 a.C.) a navigare in senso orario attorno all’Africa continentale, iniziando nel Mar Rosso. Questa storia, se vera, racconta la più antica circumnavigazione conosciuta in Africa, ma contiene anche una visione interessante della conoscenza astronomica del mondo antico.

 

Il viaggio è durato diversi anni. Dopo aver arrotondato la punta meridionale dell’Africa e aver seguito una rotta verso ovest, i marinai osservarono che il Sole era alla loro destra, sopra l’orizzonte settentrionale. Questa osservazione semplicemente non aveva senso in quel momento perché non sapevano ancora che la Terra avesse una forma sferica e che esistesse un emisfero meridionale. 

 

1. I pianeti orbitano attorno al sole

 

Pochi secoli dopo, erano stati fatti molti progressi. Aristarco di Samo (dal 310 a.C. al 230 a.C.) sostenne che il Sole era il “fuoco centrale” del cosmo e collocò tutti i pianeti conosciuti nel loro corretto ordine di distanza attorno a loro. Questa è la più antica teoria eliocentrica nota del sistema solare. 

 

Sfortunatamente, il testo originale in cui fa questo argomento è andato perduto nella storia, quindi non possiamo sapere con certezza come l’abbia risolto. Aristarco sapeva che il Sole era molto più grande della Terra o della Luna e avrebbe potuto presumere che dovesse quindi avere la posizione centrale nel Sistema Solare.

 

Tuttavia, è una scoperta sorprendente, soprattutto se si considera che non è stato riscoperto fino al XVI secolo da Nicolaus Copernicus, che ha persino riconosciuto Aristarco durante lo sviluppo della propria opera.

 

 

Ritratto di Nicola Copernico. Il primo uomo a riscoprire le scoperte di Aristarco dall’antica astronomia greca. (Museo regionale di Toruń / Dominio pubblico) 

 

2. La dimensione della luna 

 

Uno dei libri sopravvissuti di Aristarco è sulle dimensioni e le distanze del Sole e della Luna . In questo straordinario trattato, Aristarco presentò i primi tentativi noti di calcolare le dimensioni e le distanze relative al Sole e alla Luna.

 

Per molto tempo è stato osservato che il sole e la luna sembravano avere la stessa dimensione apparente nel cielo e che il sole era più lontano. L’hanno capito dalle eclissi solari, causate dal passaggio della luna di fronte al sole ad una certa distanza dalla Terra.

 

Inoltre, nell’istante in cui la luna si trova nel primo o terzo trimestre , Aristarco pensò che il sole, la terra e la luna avrebbero formato un triangolo rettangolo.

 

Dato che Pitagora aveva determinato come le lunghezze dei lati del triangolo fossero collegate un paio di secoli prima, Aristarco usò il triangolo per stimare che la distanza dal sole era tra 18 e 20 volte la distanza dalla luna. Ha anche calcolato che la dimensione della luna era circa un terzo di quella della Terra, in base all’attento tempismo delle eclissi lunari.

 


Una riproduzione del X secolo di un diagramma di Aristarco che mostra parte della geometria che ha usato nei suoi calcoli, dimostrando i progressi compiuti nell’antica astronomia greca. (Dominio pubblico) 

 

Sebbene la sua distanza stimata dal Sole fosse troppo bassa (il rapporto effettivo è 390), a causa della mancanza di precisione telescopica disponibile al momento, il valore del rapporto tra le dimensioni della Terra e della Luna è sorprendentemente preciso (la Luna è 0,27 volte il diametro della Terra).

 

Oggi conosciamo le dimensioni e la distanza dalla luna esattamente con una varietà di mezzi, inclusi telescopi precisi, osservazioni radar e riflettori laser che gli astronauti dell’Apollo hanno lasciato in superficie. 

 

3. La circonferenza della Terra

 

Eratostene (dal 276 a.C. al 195 a.C.) fu capo bibliotecario della Grande Biblioteca di Alessandria e grande sperimentatore. Tra i suoi numerosi successi vi fu il primo calcolo noto della circonferenza terrestre. Pitagora è generalmente considerato il primo difensore di una Terra sferica, sebbene apparentemente non abbia le sue dimensioni. Il famoso e semplice metodo di Eratostene si basava sulla misurazione delle diverse lunghezze di ombre proiettate da pali catturati verticalmente nel terreno, a mezzogiorno nel solstizio d’estate, a diverse latitudini.

 

Il Sole è abbastanza lontano che ovunque i suoi raggi raggiungano la Terra, sono effettivamente paralleli, come Aristarch aveva precedentemente mostrato. Quindi la differenza nelle ombre ha mostrato quanto la superficie della Terra si curvasse. Eratostene usò questo per stimare la circonferenza della Terra in circa 40.000 km (24.856 miglia). Questo è entro un paio di percento del valore reale, come stabilito dalla moderna geodesia (la scienza della forma della Terra).

 

Più tardi, un altro scienziato di nome Posidonio (dal 135 a.C. al 51 a.C.) usò un metodo leggermente diverso e trovò quasi esattamente la stessa risposta. Posidonio visse sull’isola di Rodi per gran parte della sua vita. Lì osservò che la stella luminosa Canopo si sarebbe trovata molto vicino all’orizzonte. Tuttavia, quando si trovava ad Alessandria, in Egitto, notò che Canopo sarebbe salito a circa 7,5 gradi sopra l’orizzonte.

 

Poiché 7,5 gradi sono 1/48 di un cerchio, ha moltiplicato la distanza da Rodi ad Alessandria per 48 e ha anche raggiunto un valore di circa 40.000 km. 

 

4. Il primo calcolatore astronomico

 

Il calcolatore meccanico sopravvissuto più antico del mondo è il meccanismo Anticythera. Il sorprendente dispositivo fu scoperto in un antico naufragio al largo dell’isola greca di Antikythera nel 1900.

 

 

Questo dispositivo, il meccanismo Anticythera, è considerato il computer più antico del mondo. Attraverso una serie di ingranaggi, è stato utilizzato per prevedere posizioni astronomiche ed eclissi per scopi calendari e astrologici. (Turisti del fine settimana / CC BY 2.0) 

 

Il dispositivo ora è frammentato nel tempo, ma quando intatto sarebbe apparso come una scatola che ospita dozzine di ruote dentate in bronzo finemente lavorate. Quando viene ruotato manualmente da una maniglia, la distanza dei segni degli ingranaggi all’esterno mostra le fasi lunari, i tempi delle eclissi lunari e le posizioni dei cinque pianeti conosciuti (Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno) su diversi periodi dell’anno. Questo spiega anche il loro movimento retrogrado, un cambiamento illusorio nel moto dei pianeti attraverso il cielo.

 

Non sappiamo chi l’abbia costruito, ma risale a qualche tempo tra il III e il I secolo a.C. e potrebbe anche essere stato opera di Archimede. La tecnologia degli ingranaggi con la raffinatezza del Meccanismo Anti-Cythera non è stata vista da mille anni.

 

Sfortunatamente, la stragrande maggioranza di queste opere è andata perduta nella storia e il nostro risveglio scientifico è stato ritardato di millenni. Come strumento per introdurre la misurazione scientifica, le tecniche di Eratosthenes sono relativamente facili da eseguire e non richiedono attrezzature speciali, consentendo a coloro che hanno appena iniziato il loro interesse per la scienza di capire, sperimentare e, in definitiva, seguire le orme di alcuni dei primi scienziati.

 

Si può ipotizzare dove potrebbe essere la nostra civiltà ora se questa antica scienza avesse continuato senza sosta. 

 

Immagine di copertina: l’astronomia dell’antica Grecia ha confuso gli esperti per secoli: come facevano a sapere ciò che sapevano tanto tempo fa? Queste quattro scoperte lo incarnano. Nell’immagine: vista della Terra, della Luna e del Sole dagli elementi spaziali (immagine originale della NASA). Fonte: vovan / Adobe stock

 

L’articolo “Quattro scoperte dell’antica astronomia greca ancora sconcertanti per gli esperti” di Gareth Dorain e Ian Whittaker è stato originariamente pubblicato come “Quattro sorprendenti scoperte astronomiche dell’antica Grecia” in The Conversation ed è stato ripubblicato sotto licenza Creative Commons. 

 

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

 

®wld

Trasformazione globale

Wikimedia Commons, Gregory “Slobirdr” Smith 

Aumento della tecnocrazia: l’orso di Troia della trasformazione globale 

Postato da: Patrick Wood

Sì, questo è un gioco di parole tratto dal titolo del mio libro del 2014,

Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation, ma si adatta perfettamente.

Con il coronavirus come fattore scatenante, tutti i mercati azionari globali sono ora entrati in un mercato ribassista, in calo del 20% rispetto ai picchi più recenti. Lo shock finanziario di staccare fino a $ 30 trilioni di dollari in azioni è stato appena avvertito, ma gli analisti stanno già avvertendo di importanti difetti strutturali che potrebbero rivelarsi esistenziali per gli attuali sistemi finanziari ed economici globali.

In altre parole, il collasso del sistema economico esistente lascerebbe un vuoto che alla fine dovrebbe essere colmato, ma la grande domanda è, riempita di cosa?

I tecnocrati sono pronti a rispondere a questa domanda: sviluppo sostenibile, noto anche come tecnocrazia. Lo sviluppo sostenibile è la versione di Technocracy delle Nazioni Unite, originariamente definita come un sistema economico basato sulle risorse che dipende dal controllo totale su risorse, produzione e consumo e in cui l’energia è la valuta principale. I concetti di domanda e offerta vengono eliminati e ogni cosa viene valutata in base all’energia che ha investito nella sua produzione.

Per tutti coloro che pensano che questa sia una follia, considera che questo è esattamente ciò di cui parla la cosiddetta ideologia del New Deal verde. Grazie al persistente incoraggiamento delle Nazioni Unite, il colore “verde” è già stato stampato su ogni nazione sulla terra.

Quando a tutti questi pensatori verdi viene presentato questo vuoto di capitalismo collassato e libera impresa, cosa pensi che richiederanno? Una ricostruzione dello stesso sistema?

Quasi. Daranno invece la colpa al capitalismo e alla libera impresa di ottenere ciò che meritava per “distruggere” il mondo in primo luogo. Dopotutto, credono che sia stato il motore dell’esacerbazione del riscaldamento globale da parte dell’uomo. Il capitalismo diventerà un paria e le richieste di qualcosa di “nuovo” saranno gridate dai tetti delle case (e dai grattacieli).

La ricaduta economica risultante dall’attuale tracollo globale vedrà i governi e le banche centrali spargere carichi di finanziamenti di nuovi incentivi forniti dai contribuenti per riprendersi dalla spirale discendente. Guarda dove vengono spesi i soldi. Sarà per “lavori verdi”, infrastrutture verdi e altri progetti di sviluppo sostenibile.

Proprio come l’11 settembre ha dato vita allo stato di sorveglianza totale, il coronavirus introdurrà un nuovo sistema economico. Mentre ciò sta avvenendo, lo stato di sorveglianza totale sarà ulteriormente rafforzato dalla spesa per l’Internet of Things, i progetti di ingegneria sociale, l’intelligence geospaziale, ecc.

Anche il testo della famosa ballata di Bob Dylan si adatta perfettamente: The Times They Are a-Changin’:

Venite intorno gente
dovunque voi siate
ed ammettete che le acque
attorno a voi stanno crescendo
e accettate che presto
sarete inzuppati fino all’osso.
E se il tempo per voi
significa qualcosa
fareste meglio a cominciare a nuotare
o affonderete come pietre
perché i tempi stanno cambiando.
Venite scrittori e critici
che profetizzate con le vostre penne
e tenete gli occhi ben aperti
l’occasione non si ripeterà
e non parlate troppo presto
perché la ruota sta ancora girando
e non c’è nessuno che può dire
chi sarà scelto
dato che il perdente di adesso
sarà il vincitore di domani
perché i tempi stanno cambiando.
Venite senatori, membri del congresso
rispondete alla chiamata
e non rimanete sulla porta,
non bloccate l’atrio
perché quello che si farà male
sarà colui che ha cercato di impedirci l’ingresso
c’è una battaglia fuori
e sta infuriando
Presto scuoterà le vostre finestre
e farà tremare i vostri muri
perché i tempi stanno cambiando.
Venite madri e padri
da ogni parte del paese
e non criticate
quello che non potete capire
i vostri figli e le vostre figlie
sono al dì la dei vostri comandi
la vostra vecchia strada
sta rapidamente finendo.
Per favore spostatevi dalla nuova
se non potete dare una mano
perché i tempi stanno cambiand
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
sarà in seguito più veloce
e cio che ora è il presente
diventerà passato
L’ordine sta rapidamente
scomparendo.
E il primo di adesso
sarà l’ultimo
perché i tempi stanno cambiando.

Fonte:  https://www.technocracy.news/

https://www.instagram.com/tv/B9qzGlsoMWc/?igshid=1tft56faog5sf

https://altrarealta.blogspot.com/

 

®wld

Un Cocktail esplosivo

Il Coronavirus e lo Stato Orwelliano

di David Icke
28 febbraio 2020

dal sito Web di YouTube
David Icke ha avvertito per quasi 30 anni di un imminente stato orwelliano globale in cui alcuni minuscoli avrebbero schiavizzato l’umanità attraverso il controllo della finanza, del governo, dei media e una Gestapo della polizia militare che sovrintendeva alla sorveglianza di una popolazione con microchip.

Ha detto che la realtà “fisica” è un’illusione e ciò che pensiamo sia il “mondo” è una simulazione olografica o “Matrix” creata da una forza non umana per intrappolare la percezione umana nella servitù permanente.

Lo chiamavano “pazzo”, “pazzo”, un “pazzo”, ed è stato sottoposto a decenni di ridicolo, licenziamento e abuso.
Oh, ma come cambiano le cose.
Oggi i suoi libri sono letti in tutto il mondo e i suoi eventi di lingua sono seguiti da migliaia di persone in tutti i continenti.
Perché…?
Perché ciò che è stato così deriso per dire ora sta accadendo negli eventi mondiali e persino gli scienziati tradizionali stanno concludendo che la realtà è davvero una simulazione.
Quasi ogni giorno qualcosa che David Icke ha detto molto tempo fa è supportato da eventi e prove.
Come disse Mahatma Gandhi:
“Prima ti ignorano, poi ridono di te, poi ti combattono, poi vinci.”
Il video è da ascoltare, è possibile attivare i sottotitoli in italiano

Attivismo per la fine dell’antropocene

 

La professoressa occultista e femminista britannica chiede l’estinzione umana per combattere i cambiamenti climatici 

HAF

Mentre la maggior parte dei venditori ambulanti di isteria climatica grideranno dai tetti che il loro obiettivo è quello di evitare l’estinzione umana, altri proclamano abbastanza orgogliosamente che la decimazione della razza umana è l’unico modo per salvare il pianeta. 

Alla fine di gennaio, Bloomsbury Academic ha pubblicato un libro della “attivista della morte” e della professoressa femminista goth Patricia MacCormack intitolato” The Ahuman Manifesto: Activism for the End of the Anthropocene 

MacCormack, professore di filosofia continentale alla Angelia Ruskin University, offre ai lettori una soluzione sicura per il riscaldamento globale, “eliminando gradualmente la riproduzione” e permettendo all’umanità di morire.

  

“Questo è così che possiamo pensare attivamente e vivere visceralmente, con connettività (attuale non virtuale), e con passione e grazia, verso un nuovo mondo.” 

Credo sia quello che i bambini chiamano “insalata di parole”.

Nel suo libro, che indubbiamente è un gran casino di parole d’ordine svegliate come la sua descrizione, MacCormack presenta “l’apocalisse come un inizio ottimista” per tutte le altre specie che fioriranno sulla Terra una volta che gli esseri umani saranno fuori dai piedi. 

Secondo Cambridge News, “sostiene che a causa del danno arrecato ad altre creature viventi sulla Terra, dovremmo iniziare gradualmente a eliminare gradualmente la riproduzione”. 

“Sono arrivato a questa idea da un paio di direzioni”, ha detto MacCormack al Cambridge News. 

“Mi è stata introdotta la filosofia a causa del mio interesse per il femminismo e la teoria queer, quindi i diritti riproduttivi [l’aborto] sono stati a lungo un interesse per me – questo mi ha portato di più a conoscere i diritti degli animali, che è quando sono diventato vegano. 

“La premessa di base del libro è che siamo nell’era dell’Antropocene, l’umanità ha causato problemi di massa e uno di questi sta creando questo mondo gerarchico in cui le persone bianche, maschili, eterosessuali e abili hanno successo, e le persone di razze, generi, sessualità diversi e quelli con disabilità stanno lottando per ottenerlo”. 

“Il libro sostiene anche che dobbiamo smantellare la religione”, ha continuato, “e altri poteri prevalenti come la chiesa del capitalismo o il culto di se stessi, in quanto fa sì che le persone agiscano secondo regole imposte anziché rispondere pensosamente alle situazioni di fronte loro.” 

Quindi l’eliminazione graduale della riproduzione non implicherebbe regole “applicate” ma sarebbe invece una risposta volontaria, “ponderata” ai cambiamenti climatici? Considerando le inclinazioni dei governi totalitari per il controllo forzato della popolazione, ne dubito. 

Come ricercatrice che ha “pubblicato nelle aree della filosofia continentale … femminismo, teoria queer, teoria postumana, film horror, modificazione del corpo, diritti degli animali / abolizionismo, cinesexuality [un termine che ha coniato per le persone che provano” un’attrazione intensa per il cinema “] ed etica”, possiamo affermare con sicurezza che MacCormack non dovrebbe essere considerato una fonte di saggezza e credibilità. 

Ciò non ha impedito al suo libro di raccogliere le lodi degli accademici di tutto il mondo.

“Questo libro è una deliziosa provocazione e un invito: immaginare un mondo senza umani e pensare a cosa possiamo fare per arrivarci”, recita una recensione di Christine Daigle, professore di filosofia e direttore del Posthumanism Research Institute presso la Brock University in Canada. 

“È un invito urgente all’azione. Una chiamata gioiosa, lucida, ferventemente intelligente ai lettori per sperare e lavorare per un futuro non per se stessi, ma per la prosperità di tutta la vita non umana. Impegnarsi in questo libro sarà un’esperienza trasformativa. Non si può vedere il mondo o se stessi allo stesso modo dopo averlo letto.” 

Questo è disgustoso, ma sicuramente non è sorprendente. Questa è l’ideologia alla radice della sinistra oggi. Il movimento pro-aborto, il movimento pro-LGBT, la spinta al controllo della popolazione, tutto questo. È un rifiuto dell’ordine creato da Dio e un abbraccio al male e alla morte. Questa è solo la cultura della morte senza maschera.  

Di Elizabeth Johnston, scrittrice ospite

Fonte: https://humansarefree.com/ 

®wld 

La Sorgente sta creando e giocando molti giochi di realtà virtuale

 

La magnifica verità del perché siamo qui 

di Jeff Street,

Quando Michael Becker di NewEarthKnowledge.com mi ha chiesto di condividere i miei pensieri sulla domanda ” Perché siamo qui? “Per il suo prossimo eBook, ho pensato che intendesse” perché stiamo vivendo questa esperienza umana sulla terra. “Che nella mia mente si riduce a, qual è lo scopo e il significato di tutto questo, se ce ne sono. C’è un punto ad esso?

Ero un po’ divertito quando ho ricevuto il suo invito perché questo argomento è uno dei primi di cui ho scritto quando ho iniziato questo blog all’inizio del 2015. Quell’articolo è piuttosto datato ora perché la mia comprensione della realtà più grande si è evoluta da allora. Quindi, sono felice di avere l’opportunità di scrivere di nuovo su questo argomento.

Una risposta poliedrica

La domanda sul perché siamo qui? “Non ha una risposta singolare. Come molti dei soggetti della metafisica spirituale, la risposta è a più livelli e sfaccettata. Discuterò questa domanda solo da due punti di vista molto distinti, ma ce ne sono sicuramente altri. Tuttavia, penso che i due che ho scelto siano probabilmente i più pertinenti ed essenziali. Ma prima di immergerci in questo, diamo una rapida occhiata a ciò che le persone di tutte le età hanno pensato a questo argomento.

Il significato e lo scopo della vita?

Alcuni credono che siamo qui per caso. Quella vita è nata nell’universo da un lungo processo di casualità e quindi non vi è alcun significato o scopo reale in nessuno di essi – lo è e basta. E questo punto di vista va bene perché possiamo sempre scegliere il nostro scopo. Possiamo decidere da soli perché siamo qui e procedere di conseguenza. Non c’è niente di sbagliato in questo.

Ma è possibile che ci sia un significato più profondo in tutto questo? È possibile che ci sia qualcos’altro dietro le quinte? Dalle nostre osservazioni superficiali del nostro mondo e del nostro universo, sembra certamente che ciò che stiamo vedendo sia tutto ciò che c’è. Se sta succedendo qualcosa di più grande, non è immediatamente evidente. Quindi, penso che sia perfettamente ragionevole decidere che ciò che vediamo è tutto ciò che è. E che è nato semplicemente in virtù delle leggi fisiche e non è in base alla progettazione, e quindi non ha alcuno scopo o significato intrinseco.

Eppure molte persone credono che stia succedendo qualcosa di più grande e che tutto abbia uno scopo profondo. E se studi le antiche culture del mondo, scoprirai che la maggior parte di loro ha condiviso questa convinzione. E anche se sono stato ateo per la maggior parte della mia vita, ora sono arrivato a credere che ci sia davvero qualcosa dietro le quinte e che abbia sicuramente uno scopo profondo. Sono anche arrivato a credere che questo scopo più grande abbia una relazione diretta con il motivo per cui qui stiamo vivendo un’esperienza umana. L’esperienza umana non è un incidente, è di progettazione.

Per comprendere lo scopo dell’esperienza umana e lo scopo del viaggio di ogni anima attraverso quelle esperienze, dovrai capire il quadro più ampio. Quindi, cominciamo qui.

Esplorando l’immagine più grande

Prima di tutto, riformuliamo la domanda originale nel contesto più ampio. La domanda ” perché siamo qui? “Allora diventa – perché Source ha deciso di creare la nostra realtà? E perché sta giocando tutte le parti del gioco? Sapevi che Source sta giocando tutte le parti in tutte le realtà che ha creato? Sì, almeno indirettamente lo è, ma questo è un altro argomento (controlla Il Sé Multidimensionale per saperne di più).

Questo è uno dei grandi segreti esoterici dell’esistenza. Ogni singola anima che interpreta un personaggio in questo gioco (o in qualsiasi altro gioco) è un pezzo o parte della coscienza sorgente! Siamo tutti Fonte – alla fine, ce n’è solo uno a giocare a questo gioco. E questo non è l’unico gioco che abbiamo (noi) stiamo giocando a molti personaggi in molti giochi!

Allora perché lo sta facendo? Perché sta creando moltitudini di realtà e mondi e poi si tuffa e gioca al loro interno? La risposta a questa domanda è sia semplice che un po ‘sorprendente: non c’è nient’altro da fare!

Lasciatemi spiegare. E per spiegarlo adeguatamente, dovrò rivedere la natura ultima della realtà e dell’esistenza.

Il terreno dell’esistenza

Alla base dell’esistenza c’è un’intelligenza che presiede un campo di energia / informazione. Questa intelligenza è stata definita con molti nomi, ma preferisco il termine “Coscienza della Fonte”. Questo campo di energia / informazione presieduto da questa intelligenza, potremmo riferirci come Campo Sorgente ed Energia Sorgente. L’energia della fonte è la materia che viene modellata in mondi, in universi e nei corpi degli avatar che usiamo per rappresentarci quando giochiamo in questi mondi. E, naturalmente, la Coscienza Sorgente è l’intelligenza che sta modellando. Ecco perché la Fonte viene spesso definita “Il Creatore!”

L’unico gioco in città

Ma perché crea mondi? Li crea in modo che possa avere esperienze al loro interno! Ma che senso ha? Per prima cosa, avere esperienze “fisiche” guida l’espansione e l’evoluzione della sua coscienza! Per altro, è l’unico gioco in città. La fonte è pura coscienza, senza forma e non fisica. E sebbene diciamo che il campo Fonte sia energia, è essenzialmente informazione. In effetti, Source è un sistema di informazione intelligente e consapevole! E come tale, può solo leggere, elaborare, archiviare e comunicare informazioni tra le sue parti! Nativamente Può “pensare” ma non molto altro. A meno che, naturalmente, inventi un modo per avere esperienze diverse da quella, che ha fatto – la creazione di “Realtà”. Ciò le ha permesso di sperimentare se stesso come esseri “fisici” individualizzati all’interno dei cosiddetti mondi “fisici”.

La natura virtuale della realtà

E la parte davvero divertente è che in questa realtà abbiamo accuratamente nascosto entrambi questi fatti da noi stessi (controlla Costruire il gioco di separazione per saperne di più) per renderlo un gioco più coinvolgente ed emozionante! Ecco perché potresti essere sorpreso e più che scettico delle mie affermazioni. Ma per quanto possa essere difficile da credere, la coscienza di Source sta creando e giocando molti giochi di realtà virtuale – e lo sta facendo attraverso di noi! Merda! È incredibile!

Ed ecco l’accordo, si scopre che le esperienze “virtuali” sono altrettanto valide delle esperienze “reali”. Le esperienze sono reali anche se i mondi in cui le stai vivendo non lo sono. Tutto ciò che conta è che quelle esperienze siano formative per la coscienza – cosa che sicuramente lo sono. E per “formativo alla coscienza” intendo che guidano l’espansione e l’evoluzione della coscienza, che è il punto centrale, perché alla fine non c’è altro che coscienza!

L’uno è il molti e i molti sono l’uno

E la cosa sorprendente è che NOI (tutti noi) siamo pezzi individualizzati e parti di questa coscienza – della coscienza sorgente. Come è possibile che tu possa chiederlo? Sebbene la coscienza della Sorgente sia l’unica e l’unica coscienza esistente, non è monolitica. Se così fosse, nessuno di noi esisterebbe. La coscienza di origine è un composito, un multiplex; una rete. Ha molti nodi di coscienza che sono tutti collegati insieme in una coscienza più grande. E sì, noi (la nostra coscienza) siamo tutti quei nodi.

La coscienza della sorgente può suddividersi in tutti i nodi individualizzati della coscienza che desidera. Ciò gli consente di fare molte cose contemporaneamente, tra cui la progettazione e la generazione di moltitudini di realtà virtuali e la riproduzione di tutte le parti in esse!

I nodi della coscienza che si dedicano a recitare parti nelle cosiddette realtà “fisiche” sono stati chiamati Anime. Le anime sono parti della Sorgente che sono molti livelli di suddivisione rimossi dalla radice del sistema di coscienza della sorgente.

Con la nostra recensione del quadro generale completo, ora possiamo esplorare la questione del “perché siamo qui” dal punto di vista dell’anima.

Il viaggio delle anime

Tutto ciò che un’anima sperimenta, mentre recita parti in varie realtà, contribuisce non solo al proprio apprendimento e alla propria crescita, ma a quello della Sorgente nel suo insieme. Tutta l’esperienza, e tutta la conoscenza e la saggezza derivate da quell’esperienza, scorre attraverso la rete di coscienza fino al nodo radice. Si accumula tutto in alto, si accumula tutto nella stessa Fonte.

Dal punto di vista delle anime che recitano parti di questa realtà, la chiamiamo apprendimento, la chiamiamo crescita, ma ciò di cui stiamo veramente parlando è l’espansione e l’evoluzione della nostra coscienza. E poiché la nostra coscienza fa parte di una coscienza composita (cioè Sorgente), la nostra espansione contribuisce alla sua espansione e la nostra evoluzione contribuisce alla sua evoluzione.

Quindi, in definitiva, siamo qui per contribuire all’espansione e all’evoluzione della coscienza di origine. E avere esperienze all’interno di realtà virtuali lo fa in grande stile.

Sei qui per consentire allo scopo divino di svolgersi. Questo è quanto sei importante!

Il viaggio delle anime individuali

Tuttavia, in questo contesto del nostro scopo più ampio, ogni anima ha i suoi motivi e scopi specifici per cui gioca il gioco dell’essere più e più volte. Ogni pezzo di coscienza, ogni anima è in un lungo viaggio di esperienze umane, imparando gradualmente, crescendo, espandendo ed evolvendo la sua coscienza. È come una scuola con molti voti o un gioco con molti livelli. E ad ogni passo, sta scegliendo i temi che vuole sperimentare e le potenziali lezioni che vuole imparare. Sta attraversando una progressione di apprendimento e crescita che è specifica ad esso, ma utile per il tutto.

Il gioco della terra e l’esperienza umana (come tutte le realtà) sono scelti sia perché è divertente e interessante sia perché è formativo per la nostra coscienza. In un certo senso, è sia un gioco di intrattenimento che un gioco educativo. Quindi, l’anima desidera divertirsi, ma sta anche cercando di imparare e crescere. Ed ecco la cosa, ciò che guida meglio l’apprendimento e la crescita è la sfida e le avversità. Quindi, ricordalo, e non ti lamenterai così tanto – dopotutto, ti sei registrato per questo. Tutto alla fine serve a uno scopo più elevato. C’è molto di più che potrei dire sul viaggio delle anime, ma per ora è abbastanza.

La linea di fondo

La fonte si sta espandendo ed evolvendo attraverso noi e le nostre esperienze! La fonte sta accumulando una grande quantità di esperienza e conoscenza e saggezza derivate attraverso questo processo di cui siamo parte integrante.

In definitiva, siamo la Sorgente e la Sorgente siamo noi e siamo veramente tutti uno. Questa è la magnifica verità di ciò che siamo e perché siamo qui!

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

Professor Barbero, la pianti di dire la verità sull’Europa

Oh, Barbero! Che hai fatto

Lo storico piemontese Alessandro Barbero è l’intellettuale italiano oggi maggiormente coccolato dai media. Non è divisivo come Vittorio Sgarbi e Diego Fusaro, non si acconcia da hipster come Massimo Cacciari e non si improvvisa tuttologo di calcio come Mughini. Barbero buca il video con il suo aplomb anglosassone ed i suoi occhiali da secchione; sa catturare l’attenzione anche dello spettatore più pigro grazie ad una voce entusiasta e così “chiara e distinta” da far impallidire le idee di Cartesio. E’ simpatico, Barbero, anche quando ti dice cose che non avresti mai immaginato e ti fa sentire ignorante. 

Non solo. Barbero è riuscito ad imporsi come il conferenziere più amato dagli italiani anche sul web, dove spopolano i suoi video-pipponi lunghi due ore su figure storiche come Carlo Magno e Napoleone. Roba che Paolo Mieli non ci dorme la notte, per l’invidia!  

Ecco perchè il medievalista torinese è riuscito in questi anni ad uscire dalle polverose stanze dell’Accademia per entrare nei salotti buoni della televisione. Non è raro vederlo come conduttore a Rai Storia oppure a fianco di Piegiorgio Odifreddi a riempire i teatri. Insomma, Barbero è uno storico che sembra venire dal mondo anglosassone: uno storico che ce l’ha fatta. 

Eh già, perchè mentre in Italia l’allegra brigata del Ciccap è riuscita a convincerci tutti che al primo potere ed al quarto potere devono sedere solo i positivisti in stile Piero Angela and Son, altrove anche i classicisti, i filosofi e gli storici hanno un ruolo che non rimane relegato ai banchi di scuola. Boris Johnson – pochi lo sanno – è un classicista, Noam Chomsky un filosofo ed un sociologo, Henry Kissinger, uno storico. 

Barbero, dunque, è uno dei pochissimi umanisti che in questo Paese non è costretto a sbarcare il lunario dando ripetizioni di latino agli studenti del ginnasio. 

Fino a quando… 

Fino a quando, poco prima di natale, Massimo Bernardini non ha commesso il passo falso di intervistarlo sulla democrazia. In quel di Reggio Emilia, per l’esattezza al Teatro Asioli di Correggio, il conduttore di Tv Talk ha (mal)pensato di portare Barbero sulla strada dell’europeismo convinto. Un dialogo che nelle intenzioni del giornalista doveva condurre il pubblico emiliano (e come tale di sinistra per definizione) nel petaloso mondo dell’invincibile Europa, dell’euro irreversibile, e dell’antisovranismo militante. 

Qualcosa, però, è andato storto. 

Non senza lo stupore dell’intervistatore e del pubblico, sull’Eurosistema Barbero ha avuto l’ardire di dire la verità. 

Dopo aver chiarito la funzione principale dei parlamenti in una democrazia moderna (legiferare e controllare l’operato dei governi), il dialogo è andato circa così: 

Barbero. “La costituzione vuol dire: eleggiamo un parlamento! dalla rivoluzione francese in poi i popoli hanno voluto le costituzioni ed in esse il ruolo del Parlamento è chiarissimo. Il popolo ha detto eleggiamo un parlamento. Ed il governo? Il governo deve rispondere al parlamento!!! 

Su queste cose c’è una confusione enorme oggi, anche nel nostro Paese. Storicamente, la differenza tra PARLAMENTO e GOVERNO è chiarissima. Il governo prende le deicisioni dopo essere stato nominato da un Presidente della Repubblica (una volta era il Re). Non è un dettaglio da niente… il presidente della repubblica, che è un po’ come l’equivalente del Re, nomina il governo. Ma il governo deve avere l’approvazione del parlamento eletto dal popolo. Il parlamento serve a quello! Quando il parlamento non vota la fiducia, il governo cade. 

Ora, io come molti non ho le idee chiarissime di come funzioni l’Europa, ma non mi sembra proprio che funzioni così… 

Non mi sembra che tutti i giorni la commissione europea prenda le decisioni e debba poi andare tutti i giorni in Parlamento col rischio di cadere perchè ai rappresentanti del popolo non va bene… 

A me non sembra che funzioni così (e se funziona così riesce a non farlo vedere molto bene), e la gente questo lo percepisce”. 

Giornalista. “Però da 40 anni noi stiamo votando direttamente questo Parlamento Europeo. Tutti gli europei votano il parlamento, mandiamo rappresentati dal 1979”. 

Barbero. “Ma – chiedo per sapere… – il Parlamento Europeo, può far cadere il governo europeo?” 

A questo punto, sul teatro Asioli cala il gelo.  

Bernardini non risponde. 

Il pubblico non fiata. 

In pochi secondi, in una riga dattiloscritta, seppur con educazione e attraverso la forma dubitativa della domanda, Alessando Barbero – storico dei media ufficiali – dice quello che tutta la controinformaione degna di questo nome urla da anni fino a farsi uscire le vene dal collo, e cioè che 

L’UNIONE EUROPEA NON E’ UNA DEMOCRAZIA 

Insomma, il Re è nudo, solo che stavolta a dirlo non è stato un bambino, ma uno dei più grandi accademici italiani.

Allora faccio un appello allo stimato storico torinese: professore si fermi qua! 

Professore si fermi ora!

Vuole continuare ad andare da Piero Angela? Vuole rimanere in cima alle classifiche dei libri e pubblicare per Sellerio, Laterza e tutta la compagnia? Vuole continuare ad essere invitato dai media che contano e ad essere osannato nei teatri? 

Allora la pianti di dire la verità sull’Europa. E’ pericolosissimo! A sto punto, non mi stupirei se la sbattessero fuori dall’Università.  Ma cosa le è saltato in mente? Preghiamo. 

**************************