Crea sito

Sopra i sogni

Sveglia Gente

 

So che sei la fuori, ora posso sentirti, so che lo sai, hai paura del cambiamento, non conosco il futuro, non lo conoscevo, vieni qui che ti dirò come andrà a finire.

Sono venuto qui per dirti cosa sta per iniziare, riattaccherò questo telefono e poi mostrerò questo alle persone che non vuoi che vedano, mostrerò loro un mondo senza regole e controlli. Senza frontiere e confini, un mondo dove tutto è possibile, da dove stiamo andando c’è una scelta che ti lascio.

61° compleanno di Israel Kamakawiwoʻole

Da qualche parte oltre l’arcobaleno, molto, molto in alto, ci sono i sogni che hai fatto una volta in una ninna nanna.

Da qualche parte oltre l’arcobaleno gli uccelli azzurri volano sopra i sogni che hai fatto, i sogni diventano davvero realtà.

Un giorno affiderò il destino a una stella, voglio distrarmi con le nubi ormai alle spalle dove i problemi si dissolvono come gocce di limone, ben più in alto dei comignoli, è li che mi troverai.

Da qualche parte oltre l’arcobaleno gli uccelli azzurri volano sopra i sogni che osi fare.

Perché? Perché non posso?

®wld

C’era una volta a MILANO

Nel 1995 nasceva a Milano nel cuore di Brera uno dei più bei locali di musica dal vivo della città, il “Fiori Chiari”.

Al quel tempo, oltre che socio azionario del locale, ero anche il direttore e mi occupavo di tutti gli eventi e alla gestione delle risorse sia umane che dell’impiantistica, rifornimenti ecc. ecc.

La nostra band era molto copiosa: quattro fiati di cui una tromba, un trombone, un sax alto e un sax tenore, un pianoforte, una chitarra armonica una chitarra elettrica, una chitarra basso, una batteria con una serie di tamburi tribali, e naturalmente il cantante.
Il locale “Fiori Chiari” era l’opera di un grande scenografo dell’Accademia delle belle arti di Roma e della RAI che lo ha realizzato; la scenografia rispecchia l’interno di un castello medievale, con tanto di lampadario in ferro battuto bronzato, travi di legno e catene adornavano il soffitto, vetri e stucchi anticati facevano da cornice in tutto il locale, una greca di gesso e di stucco luminosa correva tutto intorno, cambiando colore come un arcobaleno.
Due scale a chiocciola ai lati dell’entrata, con gradini illuminati da led portavano al privet soprastante; il pavimento in parquet vetrificato ricopriva tutta la superficie del locale.
La persona che sta tagliando la torta è Miki Del Prete 
ideatore e presidente del locale “Fiori Chiari”
La sera dell’inaugurazione vi erano più di mille persone, sono state fatte apposta per quell’evento dodici torte (come qui sopra raffigurata), il bar per tutti era libero, tutto offerto dalla società, si sono calcolati circa sei milioni delle vecchie lire di solo beveraggio.
Il locale era un vecchio garage degli anni 50, adiacente ad un locale che in passato (prima della legge Merlin) era una casa di tolleranza; ecco perché il biglietto di entrata era una fiches che rappresentava la vecchia marchetta di pagamento per le case chiuse di allora.
Sulle pareti ci sono degli affreschi che raffigurano paesaggi lacustri e marini con disegni di tendaggi a sipario, illuminati da oltre sei scanner che cambiavano motivo e colore, creando così delle immagini suggestive; al centro della sala incastonata in alto vi è una vetrata gotica illuminata con una scalinata sottostante dove stazionano dei piccioni, i tavoli verniciati in legno riprendevano i disegni e i colori etnici del bar, le sedie rigorosamente di legno da vecchio bar.
Prima dell’apertura del locale, io e i miei sette soci siamo stati intervistati da “Capital”, dove veniva fatta la recensione del locale (questa sopra è la copertina del locale che Capital ci ha fatto nominandola:   
“La Civiltà dei Caffè”.
La porta d’entrata del locale riprendeva i disegni e i colori etnici dell’interno del locale. 
“Allora così si diceva del “Fiori Chiari”
“Fiori Chiari” in Brera lo si può paragonare alla Montmartre Milanese, e a quella atmosfera unica che va in scena, ogni sera, nelle sue vie e ne suoi locali.
Dove la realtà ci riporta nelle folli notti magiche di un tempo, e così come in un sogno ci ritroviamo tutti insieme nel cuore della Vecchia Milano per festeggiare “Fiori Chiari” dove divertirsi è un obbligo. Al Fiori Chiari si potrà ascoltare dell’ottima musica e canzoni di ieri e di oggi arrangiate e proposte da una grande orchestra.
L’idea del locale nasce da un gruppo di amici, che erano stanchi di frequentare locali, al “Fiori Chiari” si organizzavano durante l’anno spettacoli per festeggiare artisti e attori, nuovi prodotti musicali, presentazione di nuove trasmissioni televisive e radiofoniche, sfilate di moda ma anche punto di incontro per attori e cantanti, organizzare rinfreschi e cene di grande qualità.
Un locale per quei tempi molto avanzato anche tecnologicamente, siamo stati uno dei primi locali ad adottare le ordinazioni ai tavoli, per mezzo di un rilevatore ad infrarossi che comunicava direttamente con il bar e la cassa computerizzata che teneva la conta dei tavoli e delle ordinazioni in tempo reale.
Oltre a molti artisti e cantanti passati per il nostro locale, voglio qui menzionare la Grande Mia Martini che quindici giorni prima della sua scomparsa ci ha fatto visita.
Tutto questo ora non c’è più, ora ci sono cose molto più importanti, la Milano da bere se n’è andata, anche la gente è cambiata, non esiste più la compassione, la voglia di creare, la superficialità è in ogni dove, tutto questo  è disarmante e lascia avviliti …

La filosofia del denaro di Keanu Reeves in 5 lezioni lucide


Il denaro può essere un mezzo di benessere o preoccupazione, secondo queste lezioni di Keanu Reeves 

Il famoso attore Keanu Reeves ha una posizione molto particolare sul denaro. Mentre la maggior parte di noi non genera le quantità di denaro che caratterizzano attori come Reeves, le loro idee sul denaro possono darci un po’ di luce in modo che non rappresenti un problema che ci impedisce di perdere la concentrazione sulle cose che conta davvero nella nostra vita.

Vediamo

 

l denaro aumenta lo stress

Essere consapevoli di quanti soldi vengono aggiunti o sottratti dal tuo conto bancario aumenta lo stress della tua vita, dice Reeves. 

Lavori per ottenere denaro, coprire le esigenze di base e perché no, acquisire lussi. Tuttavia, più proprietà possediamo, è necessario investire più tempo e attenzione. 

Quando non abbiamo tante cose di cui preoccuparci, possiamo dedicare il nostro tempo ad altre attività: più tempo per noi stessi, più tempo con i nostri cari, più tempo per cooperare in altri spazi vicini per migliorarli – come le associazioni civili o le fondazioni senza scopo di lucro (Come Keanu, che per molti anni dona anonimamente la maggior parte dei suoi guadagni a una fondazione per combattere la leucemia) -.

  

Quando l’area finanziaria della tua vita prospera, un’altra area della tua vita soffre  

Quando dedichiamo molta più attenzione a un solo aspetto della nostra vita (in questo caso quello economico) trascuriamo gli altri e probabilmente inizieremo ad avere problemi in altri settori: le nostre relazioni personali o di coppia, al lavoro, con la famiglia ecc. 

Imparare a dare il meritato tempo e spazio ai soldi impedirà ad altre aree della vita di essere riempite di problemi e oneri inutili. 

Per Keanu Reeves, la cosa più importante è la cura della tua salute, quindi l’uso principale che dai ai tuoi soldi è quello di garantire una buona salute, sia fisica che mentale.

 

Il denaro è un risultato secondario.

In diverse interviste, a Keanu Reeves è stato detto che grazie ai suoi film ha guadagnato molti soldi, a cui risponde: “Sì, ma molte persone si sono già divertite prima”. Con questa posizione l’attore allude a un’idea più o meno ricorrente di sviluppo umano, secondo la quale il desiderio e il gusto personale devono avere il primato sull’interesse per il denaro. 

In altre parole: l’importante è dedicarti a ciò che vuoi e ti piace, dedicarti completamente a ciò, mettere tutte le nostre risorse nell’attività che ci soddisfa e ci fa sentire pieni, e quindi, come guadagno secondario, molto probabilmente appare i soldi 

Questa idea è molto vicina alla domanda che una volta Alan Watts poneva ai suoi studenti: “Se il denaro non fosse importante, cercheresti quello che vuoi veramente? Secondo Watts, quando una persona si arrende alla sua attività preferita, finisce necessariamente per dominarlo e, quindi, finisce per essere riconosciuto e premiato per i suoi sforzi.

  

Lascia che i soldi funzionino per te, non per i soldi

Secondo Keanu, il denaro dovrebbe aiutare a semplificare la nostra vita e non, come abbiamo detto prima, riempirlo di preoccupazioni. Fare soldi il nostro obiettivo di vita è in qualche modo renderlo un “maestro” che serviremo sempre, insaziabilmente.

 

Vivi generosamente 

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la generosità non dipende dalla quantità di denaro che hai nel tuo conto bancario o nel tuo portafoglio. La generosità è un atteggiamento che una persona adotta di fronte alla vita e di fronte agli altri. Dare senza riserve o condizioni. Dai ciò che abbiamo e che, in fondo, non è mai un possesso assoluto. Dai valore inestimabile (tempo, attenzione, amore). Dai, infine, perché come sottolinea Erich Fromm in L’arte dell’amore, tutto ciò che diamo ci ritorna. 

Il denaro è senza dubbio una delle maggiori preoccupazioni della maggior parte delle persone oggi. Senza ridurre al minimo l’importanza di questo bene, una delle grandi lezioni di questo attore è vivere in modo semplice e senza l’aspirazione di accumulare ossessivamente denaro, oggetti e relazioni, che alla fine ci causano livelli di stress inutili.  

Anche in Pajama Surf: Seneca, che era l’uomo più ricco del mondo, su come non essere schiavo del denaro e della ricchezza  

Immagine di copertina: Always Be My Maybe, Nahnatchka Khan (2019)

Fonte: https://pijamasurf.com/  

®wld 

La Sorgente sta creando e giocando molti giochi di realtà virtuale

 

La magnifica verità del perché siamo qui 

di Jeff Street,

Quando Michael Becker di NewEarthKnowledge.com mi ha chiesto di condividere i miei pensieri sulla domanda ” Perché siamo qui? “Per il suo prossimo eBook, ho pensato che intendesse” perché stiamo vivendo questa esperienza umana sulla terra. “Che nella mia mente si riduce a, qual è lo scopo e il significato di tutto questo, se ce ne sono. C’è un punto ad esso?

Ero un po’ divertito quando ho ricevuto il suo invito perché questo argomento è uno dei primi di cui ho scritto quando ho iniziato questo blog all’inizio del 2015. Quell’articolo è piuttosto datato ora perché la mia comprensione della realtà più grande si è evoluta da allora. Quindi, sono felice di avere l’opportunità di scrivere di nuovo su questo argomento.

Una risposta poliedrica

La domanda sul perché siamo qui? “Non ha una risposta singolare. Come molti dei soggetti della metafisica spirituale, la risposta è a più livelli e sfaccettata. Discuterò questa domanda solo da due punti di vista molto distinti, ma ce ne sono sicuramente altri. Tuttavia, penso che i due che ho scelto siano probabilmente i più pertinenti ed essenziali. Ma prima di immergerci in questo, diamo una rapida occhiata a ciò che le persone di tutte le età hanno pensato a questo argomento.

Il significato e lo scopo della vita?

Alcuni credono che siamo qui per caso. Quella vita è nata nell’universo da un lungo processo di casualità e quindi non vi è alcun significato o scopo reale in nessuno di essi – lo è e basta. E questo punto di vista va bene perché possiamo sempre scegliere il nostro scopo. Possiamo decidere da soli perché siamo qui e procedere di conseguenza. Non c’è niente di sbagliato in questo.

Ma è possibile che ci sia un significato più profondo in tutto questo? È possibile che ci sia qualcos’altro dietro le quinte? Dalle nostre osservazioni superficiali del nostro mondo e del nostro universo, sembra certamente che ciò che stiamo vedendo sia tutto ciò che c’è. Se sta succedendo qualcosa di più grande, non è immediatamente evidente. Quindi, penso che sia perfettamente ragionevole decidere che ciò che vediamo è tutto ciò che è. E che è nato semplicemente in virtù delle leggi fisiche e non è in base alla progettazione, e quindi non ha alcuno scopo o significato intrinseco.

Eppure molte persone credono che stia succedendo qualcosa di più grande e che tutto abbia uno scopo profondo. E se studi le antiche culture del mondo, scoprirai che la maggior parte di loro ha condiviso questa convinzione. E anche se sono stato ateo per la maggior parte della mia vita, ora sono arrivato a credere che ci sia davvero qualcosa dietro le quinte e che abbia sicuramente uno scopo profondo. Sono anche arrivato a credere che questo scopo più grande abbia una relazione diretta con il motivo per cui qui stiamo vivendo un’esperienza umana. L’esperienza umana non è un incidente, è di progettazione.

Per comprendere lo scopo dell’esperienza umana e lo scopo del viaggio di ogni anima attraverso quelle esperienze, dovrai capire il quadro più ampio. Quindi, cominciamo qui.

Esplorando l’immagine più grande

Prima di tutto, riformuliamo la domanda originale nel contesto più ampio. La domanda ” perché siamo qui? “Allora diventa – perché Source ha deciso di creare la nostra realtà? E perché sta giocando tutte le parti del gioco? Sapevi che Source sta giocando tutte le parti in tutte le realtà che ha creato? Sì, almeno indirettamente lo è, ma questo è un altro argomento (controlla Il Sé Multidimensionale per saperne di più).

Questo è uno dei grandi segreti esoterici dell’esistenza. Ogni singola anima che interpreta un personaggio in questo gioco (o in qualsiasi altro gioco) è un pezzo o parte della coscienza sorgente! Siamo tutti Fonte – alla fine, ce n’è solo uno a giocare a questo gioco. E questo non è l’unico gioco che abbiamo (noi) stiamo giocando a molti personaggi in molti giochi!

Allora perché lo sta facendo? Perché sta creando moltitudini di realtà e mondi e poi si tuffa e gioca al loro interno? La risposta a questa domanda è sia semplice che un po ‘sorprendente: non c’è nient’altro da fare!

Lasciatemi spiegare. E per spiegarlo adeguatamente, dovrò rivedere la natura ultima della realtà e dell’esistenza.

Il terreno dell’esistenza

Alla base dell’esistenza c’è un’intelligenza che presiede un campo di energia / informazione. Questa intelligenza è stata definita con molti nomi, ma preferisco il termine “Coscienza della Fonte”. Questo campo di energia / informazione presieduto da questa intelligenza, potremmo riferirci come Campo Sorgente ed Energia Sorgente. L’energia della fonte è la materia che viene modellata in mondi, in universi e nei corpi degli avatar che usiamo per rappresentarci quando giochiamo in questi mondi. E, naturalmente, la Coscienza Sorgente è l’intelligenza che sta modellando. Ecco perché la Fonte viene spesso definita “Il Creatore!”

L’unico gioco in città

Ma perché crea mondi? Li crea in modo che possa avere esperienze al loro interno! Ma che senso ha? Per prima cosa, avere esperienze “fisiche” guida l’espansione e l’evoluzione della sua coscienza! Per altro, è l’unico gioco in città. La fonte è pura coscienza, senza forma e non fisica. E sebbene diciamo che il campo Fonte sia energia, è essenzialmente informazione. In effetti, Source è un sistema di informazione intelligente e consapevole! E come tale, può solo leggere, elaborare, archiviare e comunicare informazioni tra le sue parti! Nativamente Può “pensare” ma non molto altro. A meno che, naturalmente, inventi un modo per avere esperienze diverse da quella, che ha fatto – la creazione di “Realtà”. Ciò le ha permesso di sperimentare se stesso come esseri “fisici” individualizzati all’interno dei cosiddetti mondi “fisici”.

La natura virtuale della realtà

E la parte davvero divertente è che in questa realtà abbiamo accuratamente nascosto entrambi questi fatti da noi stessi (controlla Costruire il gioco di separazione per saperne di più) per renderlo un gioco più coinvolgente ed emozionante! Ecco perché potresti essere sorpreso e più che scettico delle mie affermazioni. Ma per quanto possa essere difficile da credere, la coscienza di Source sta creando e giocando molti giochi di realtà virtuale – e lo sta facendo attraverso di noi! Merda! È incredibile!

Ed ecco l’accordo, si scopre che le esperienze “virtuali” sono altrettanto valide delle esperienze “reali”. Le esperienze sono reali anche se i mondi in cui le stai vivendo non lo sono. Tutto ciò che conta è che quelle esperienze siano formative per la coscienza – cosa che sicuramente lo sono. E per “formativo alla coscienza” intendo che guidano l’espansione e l’evoluzione della coscienza, che è il punto centrale, perché alla fine non c’è altro che coscienza!

L’uno è il molti e i molti sono l’uno

E la cosa sorprendente è che NOI (tutti noi) siamo pezzi individualizzati e parti di questa coscienza – della coscienza sorgente. Come è possibile che tu possa chiederlo? Sebbene la coscienza della Sorgente sia l’unica e l’unica coscienza esistente, non è monolitica. Se così fosse, nessuno di noi esisterebbe. La coscienza di origine è un composito, un multiplex; una rete. Ha molti nodi di coscienza che sono tutti collegati insieme in una coscienza più grande. E sì, noi (la nostra coscienza) siamo tutti quei nodi.

La coscienza della sorgente può suddividersi in tutti i nodi individualizzati della coscienza che desidera. Ciò gli consente di fare molte cose contemporaneamente, tra cui la progettazione e la generazione di moltitudini di realtà virtuali e la riproduzione di tutte le parti in esse!

I nodi della coscienza che si dedicano a recitare parti nelle cosiddette realtà “fisiche” sono stati chiamati Anime. Le anime sono parti della Sorgente che sono molti livelli di suddivisione rimossi dalla radice del sistema di coscienza della sorgente.

Con la nostra recensione del quadro generale completo, ora possiamo esplorare la questione del “perché siamo qui” dal punto di vista dell’anima.

Il viaggio delle anime

Tutto ciò che un’anima sperimenta, mentre recita parti in varie realtà, contribuisce non solo al proprio apprendimento e alla propria crescita, ma a quello della Sorgente nel suo insieme. Tutta l’esperienza, e tutta la conoscenza e la saggezza derivate da quell’esperienza, scorre attraverso la rete di coscienza fino al nodo radice. Si accumula tutto in alto, si accumula tutto nella stessa Fonte.

Dal punto di vista delle anime che recitano parti di questa realtà, la chiamiamo apprendimento, la chiamiamo crescita, ma ciò di cui stiamo veramente parlando è l’espansione e l’evoluzione della nostra coscienza. E poiché la nostra coscienza fa parte di una coscienza composita (cioè Sorgente), la nostra espansione contribuisce alla sua espansione e la nostra evoluzione contribuisce alla sua evoluzione.

Quindi, in definitiva, siamo qui per contribuire all’espansione e all’evoluzione della coscienza di origine. E avere esperienze all’interno di realtà virtuali lo fa in grande stile.

Sei qui per consentire allo scopo divino di svolgersi. Questo è quanto sei importante!

Il viaggio delle anime individuali

Tuttavia, in questo contesto del nostro scopo più ampio, ogni anima ha i suoi motivi e scopi specifici per cui gioca il gioco dell’essere più e più volte. Ogni pezzo di coscienza, ogni anima è in un lungo viaggio di esperienze umane, imparando gradualmente, crescendo, espandendo ed evolvendo la sua coscienza. È come una scuola con molti voti o un gioco con molti livelli. E ad ogni passo, sta scegliendo i temi che vuole sperimentare e le potenziali lezioni che vuole imparare. Sta attraversando una progressione di apprendimento e crescita che è specifica ad esso, ma utile per il tutto.

Il gioco della terra e l’esperienza umana (come tutte le realtà) sono scelti sia perché è divertente e interessante sia perché è formativo per la nostra coscienza. In un certo senso, è sia un gioco di intrattenimento che un gioco educativo. Quindi, l’anima desidera divertirsi, ma sta anche cercando di imparare e crescere. Ed ecco la cosa, ciò che guida meglio l’apprendimento e la crescita è la sfida e le avversità. Quindi, ricordalo, e non ti lamenterai così tanto – dopotutto, ti sei registrato per questo. Tutto alla fine serve a uno scopo più elevato. C’è molto di più che potrei dire sul viaggio delle anime, ma per ora è abbastanza.

La linea di fondo

La fonte si sta espandendo ed evolvendo attraverso noi e le nostre esperienze! La fonte sta accumulando una grande quantità di esperienza e conoscenza e saggezza derivate attraverso questo processo di cui siamo parte integrante.

In definitiva, siamo la Sorgente e la Sorgente siamo noi e siamo veramente tutti uno. Questa è la magnifica verità di ciò che siamo e perché siamo qui!

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

Il giorno più buio dell’anno

Questo 22 dicembre in gran parte del mondo (e 21 in alcune parti dell’America e del Pacifico) si celebrano il solstizio d’inverno e il solstizio d’estate

Questo 22 dicembre alle 04:19 il tempo universale è il solstizio d’inverno nell’emisfero settentrionale e il solstizio d’estate nell’emisfero meridionale. Nel nord è il giorno più buio dell’anno, tradizionalmente associato alla morte del sole e alla sua rinascita. A sud, il massimo splendore.

Storicamente questa è stata una delle date più importanti nel calendario religioso per molte culture tradizionali che governano le loro festività con un calendario lunisolare, collegato ai processi della natura. Alcune persone hanno suggerito che il solstizio fosse l’ispirazione per porre il Natale in date vicine, sostituendo in modo sincrono le feste romane come i saturnali e le celebrazioni del Sole Invictus a Roma. La data segna anche l’ingresso del sole nella costellazione del Capricorno, governata da Saturno. Il filosofo neoplatonico Porfirio, il primo attivista del vegetarismo e dei diritti degli animali, scrisse su questo:

I romani celebrano i loro Saturnali quando il sole è in Capricorno, e in questa festa i servi indossano le scarpe di coloro che sono liberi e tutte le cose sono distribuite in comune tra loro; il legislatore che suggerisce con questa cerimonia, che quelli che sono servi nel presente, saranno successivamente rilasciati dalla celebrazione di Saturnalia e dalla casa attribuita a Saturno, cioè Capricorno; quando rivivranno nel segno e si spoglieranno delle vesti materiali della generazione, torneranno alla loro incontaminata felicità, alla fonte della vita.
I solstizi insieme agli equinozi segnano i quattro assi dell’anno solare e le stagioni come li conosciamo in Occidente. Allo stesso modo, è tradizionalmente un momento celebrato dalle cosiddette culture pagane, per le quali la natura non è una massa inerte, ma un’incarnazione dello spirito e dell’intelligenza divina del cosmo. Oltre a questo, da una prospettiva cronobiologica o anche da una sensibilità poetica alla luce, come ripetiamo sempre in queste date, il solstizio consente di riconnettersi con ritmi e processi naturali. In questo caso, il processo simbolico che incarna il solstizio per tutta la natura è la morte e la rinascita. Una sensazione che Albert Camus una volta espresse quando disse: “Nel pieno inverno ho trovato un’estate invincibile in me”. Ed è che il solstizio è, dopo tutta la festa del trionfo della luce, ciò che i romani chiamavano Sol Invictus.

D’altra parte, questo solstizio coincide con il 600° anniversario della morte di Je Tsongkhapa, il lama “della valle della cipolla”, fondatore dell’ordine gelug del buddismo tibetano, che ha tra i suoi monaci più illustri niente di meno che oggi Dalai Lama Oggi in varie parti del mondo i tibetani celebrano ciò che considerano il “parinirvana” di Tsongkhapa che fa offerte, recita preghiere, volteggia in cerchio con stupa e altri.

L’insaziabile fame del Wendigo

 

Wendigo: Creatura delle Foreste che divora gli esseri umani 

Il Wendigo, noto anche come Windigo e Windego, essendo il plurale della parola Wendigoag, è una creatura che si può trovare nelle leggende dei nativi americani, specialmente tra i popoli algonquiani. Questi villaggi sono tra i più diffusi e numerosi gruppi di nativi americani in Nord America, e hanno vissuto in passato lungo l’intera costa atlantica e la regione dei Grandi Laghi. Tuttavia, leggende di altre tribù di nativi americani trovano anche creature simili al Wendigo, come nelle leggende degli Irochesi, vicini degli Algonquiani. Tra questi popoli, una creatura conosciuta come Stonecoat,(‘Pelle di Pietra’) ha alcune somiglianze con il Wendigo.  

L’insaziabile fame del Wendigo 

Tradotto in generale, la parola “Wendigo” significa “spirito malvagio che divora gli esseri umani”. Un’altra traduzione, apparentemente effettuata da un esploratore tedesco intorno all’anno 1860, equipara la parola “Wendigo” a “cannibale”. Si dice dei Wendigoag che sentono una fame insaziabile di carne umana: non importa quanto mangino, rimangono affamati. 

Questa fame si riflette nel suo aspetto, che, secondo alcuni, è di estrema magrezza. Nonostante il loro fisico emaciato, gli stessi Wendigoag sono stati descritti come giganti alti circa 4,5 metri. Anche se ci sono lievi variazioni tra la descrizione fisica di questa creatura da alcuni popoli algonquiani ad un altro, generalmente concordano sul fatto che i Wendigoag hanno occhi luminosi, zanne giallastre grandi e affilate e lunghe lingue. Della maggior parte di Wendigoag si dice che abbiano pelle giallastra e ketrine, anche se altri affermano di essere coperti con i capelli aggrovigliati o hanno la pelle marcia.

 

Illustrazione di un Wendigo (creepypasta.wikia.com

La leggenda narra che il Wendigoag si fosse dichiarato in passato. Secondo la versione più popolare del mito, un Wendigo si forma nel momento in cui un essere umano ricorre al cannibalismo, anche quando lo fa per sopravvivere. Quando una persona consuma la carne di un altro essere umano, si crede di essere posseduta da spiriti maligni e si trasforma in un Wendigo.

Patti con il Diavolo e dove trovare un Wendigo 

In un’altra versione della storia, il primo Wendigo viene detto di essere un guerriero che ha fatto un patto con il diavolo. Per salvare la sua tribù, si arrese la sua anima, trasformandosi così in un Wendigo. Quando arrivò la pace, la tribù non aveva più bisogno di una creatura terrificante come il Wendigo, così il guerriero fu espulso dalla sua tribù e condannato a vivere lontano dal mondo. 

Alcuni credono che gli esseri umani continuino a risiedere all’interno del Wendigo, più specificamente dove dovrebbe essere il loro cuore. Questo essere umano è intrappolato, e l’unico modo per uccidere un Wendigo è uccidere anche l’umano dentro di lui. Alcune leggende affermano che una persona intrappolata all’interno della creatura può essere salvata con successo; tuttavia, nella maggior parte dei casi, la morte è l’unico modo per liberare un essere umano dal Wendigo che lo possedeva.

 

 Wendigo rapendo una donna(estonoestodoamigos.blogspot.com

Si ritiene che i Wendigoag vagano per le foreste in cui vivevano gli Algonquiani, e si dice anche che quegli esseri umani che abitavano l’interno della foresta e scomparvero nel corso degli anni furono divorati da queste creature. Molte testimonianze di avvistamenti di Wendigo sono state riportate storicamente, non solo dai nativi americani, ma anche dai coloni bianchi. 

Per esempio, tra la fine del XIX e il 1920, si dice che il Wendigo sia apparso vicino a una città chiamata Roseau nel nord del Minnesota. Si diceva allora che ogni volta che c’era un avvistamento di questa creatura, qualcuno moriva inaspettatamente. Gli avvistamenti, tuttavia, alla fine cessarono, e tutto tornò alla normalità.

 

Madreperma-americano che combatte con un Wendigo. (Frank Victoria/cupick.com) 

Tra i Cree c’è una danza tradizionale chiamata ‘Wihtikokansimoowin’, o ‘danza di Wendigo’. In esso, il temibile Wendigo è satiricamente rappresentato dai ballerini. Oltre a satirizzare il Wendigo, alcuni nativi americani diventano addirittura “cacciatori di Wendigo”. 

All’inizio del XX secolo, un anziano Cree di 87 anni conosciuto come Jack Fiddler fu processato per l’omicidio di una donna Cree. Anche se si dichiarò colpevole del crimine, si difese dicendo che la donna stava per trasformarsi in una Wendigo, poiché era stata posseduta da uno spirito malvagio. Per questo motivo, fu costretto ad ucciderla prima che lei uccidesse altri membri della tribù. Oltre a questa donna, Fiddler affermò di aver ucciso almeno altri 13 Wendigoag per tutta la vita. 

Di seguito è riportato un video che mostra il presunto avvistamento di un Wendigo (chiamato nel video ‘Rake’). Avviso: questo video può danneggiare la sensibilità dello spettatore:

VIDEO 

mmagine di copertina: rappresentazione artistica di un Wendigo. Fonte: creepypasta.wikia.com

Autore: Ḏḥwty

Traduzione: Rafa Garcia

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su www.ancient-origins.net ed è stato tradotto con il permesso.  

Fonti: 

Dove, L. L., 2016. Come funziona Wendigoes. [Online]
Disponibile in: http://science.howstuffworks.com/science-vs-myth/strange-creatures/wendigoes.htm 

Pararicercatori dell’Ontario, 2016. Il Wendigo. [Online]
Disponibile in: http://www.pararesearchers.org/index.php?/20080731306/Folklore-Mythology/The-Wendigo.html 

Royal Mint Publishing, 2015. La leggenda di Wendigo. [Online]
Disponibile in: http://www.gods-and-monsters.com/wendigo-legend.html 

Sasketchewan Indian, 1976. La Danza Maschera. [Online]
Disponibile in: http://www.sicc.sk.ca/archive/saskindian/a76feb45.htm 

Taylor, T., 2002. Il Wendigo. [Online]
Disponibile in: http://www.prairieghosts.com/wendigo.html  

www.native-languages.org2015. Figure leggendarie native americane: Windigo (Wendigo, Windego). [Online]
Disponibile in: http://www.native-languages.org/windigo.htm  

www.u-s-history.com2016. Gli Algonquiani. [Online]
Disponibile in: http://www.u-s-history.com/pages/h560.html 

Pubblicato sul blog: https://www.ancient-origins.es/

®wld