Crea sito

A-L-E-X-A … PARLA CON IL CINQUE GI

LA GABBIA DEL CINQUE GI – IL DOCUMENTARIO DI JAMES CORBETT [VIDEO]

Sinossi del documentario di James Corbett -The 5G Dragnet- tradotta in Italiano

Le società di telecomunicazioni si sono lanciate nell’implementazione della tecnologia cellulare di quinta generazione. Ma il mondo del 5G è un mondo dove tutti gli oggetti sono connessi tra loro e continuamente scambiano dati. L’oscura verità è che lo sviluppo di reti 5G e la moltitudine di prodotti connessi che vedremo nascere nelle infrastrutture delle città smart globali, rappresenta la più grande minaccia alla libertà della storia umana.

James Corbett

Introduzione di Giulio Bona, traduttore e doppiatore del documentario:

James Corbett, Canadese di nascita, Giapponese di adozione, giornalista indipendente, analizza molto lucidamente l’attuale stato di questa nuova tecnologia, che si sta sviluppando ultimamente. Mai nella storia c’è stata una repulsione così diffusa tra il popolo, ed alla stessa misura una così grande ostinazione da parte delle multinazionali, per l’implementazione di una tecnologia così inutile, frivola, nociva per la salute, e soprattutto, che distrugge la libertà e la privacy degli individui.

In un mondo dove il cancro ed i tumori sono tra le cause più diffuse di morte, e dove è anche ultra risaputo che le radiazioni sono tra le maggiori cause di queste malattie, oggi ci stiamo impegnando in una saturazione completa dell’etere di onde e radiazioni. Il 5G porterà questo e molto altro, e senza un motivo o un bisogno apparente di questa tecnologia.

Il motivo per molti definiti “complottisti” è la costruzione di un’infrastruttura che raccoglierà costantemente dati in tempo reale sulla normale vita delle persone, questi dati verranno poi trattati dalle raffinatissime intelligenze artificiali, le quali potranno estrarre profili accurati e prevedibili delle persone comuni. Queste informazioni poi chissà dove vengono portate, come vengono elaborate, o chi, magari tra i servizi di intelligence, prende vantaggio da queste stesse informazioni.

Potere prevedere o controllare le persone nella propria intimità è il sogno proibito di tutti i tiranni della storia, probabilmente essi stessi credono che nella storia abbiano sempre fallito perché non potevano prevedere le mosse del popolo così nel dettaglio, così da vicino, se solo avessero potuto…

Be’, oggi si può! La tecnologia di oggi ce lo consente. E questo non è “complottismo”, è un semplice dato di fatto.

Ed io mi chiedo… Ma quale potrebbe essere il motivo primario per questa ostinazione, investimenti e sforzi per: installare decine di migliaia di sensori e trasmettitori, allacciarli tutti a delle strutture centralizzate di raccolta dati, mandare in orbita migliaia di nuovi satelliti, mandare una marea di pubblicità, coinvolgere i politici, trattare con leggerezza o volutamente ignorare gli studi sulla salute, mentire nei progetti dei nuovi dispositivi installando dispositivi nascosti e miniaturizzati dentro di essi (la dottoressa Shoshana Zuboff ha fatto uno splendido studio su questo), inondare il mercato di suddetti dispositivi, stanziare miliardi e spenderli tutti, stanziare altri miliardi e spenderli tutti, corrompere, avere gente nei posti chiave delle autorità di controllo preposte a proteggere il pubblico… è veramente uno sforzo MASTODONTICO per avere i telefonini che vanno più veloce o per fare in modo che il frigo ordini da solo la birra quando sta per finire!

Corbett si focalizza poco sull’aspetto della salute, lui si preoccupa molto di più di ciò che riguarda sia le libertà individuali che la semplice privacy. Tutti i dati raccolti da questi oggetti smart, se usati impropriamente possono diventare letteralmente un incubo distopico per le persone. L’aspetto della salute non va sottovalutato, ma se in futuro queste compagnie ed entità che stanno spingendo per questo, riusciranno a rendere questa tecnologia innocua per quanto riguarda la salute, non ci sarà più alcuna scusa per non fare un uso selvaggio di essa che avvantaggierà solo coloro che sono al potere.

Le persone crederanno di usare queste tecnologie ma sarà l’esatto contrario, queste tecnologie sfrutteranno le persone come risorse. Ma poniamoci anche un’altra domanda: coloro che possiedono oggi queste tecnologie sono davvero meritevoli della nostra fiducia?

Crediamo davvero che Google o Facebook o qualunque società di comunicazione, applichi alcuna etica nelle loro politiche aziendali? Sono compagnie private che (per statuto) vogliono 2 cose: tendere al monopolio sul mercato e fare soldi.

Questo è troppo potere persino nelle mani delle entità pubbliche statali, che in tanti esempi nella storia hanno abusato del proprio potere a discapito del popolo. Figuriamoci se in mano di compagnie private il cui unico scopo è soffocare la concorrenza e riempirsi le tasche. Non credo sia complottismo avere sfiducia di queste entità sia statali che private, ritengo sia molto ingenuo ed incosciente pensare il contrario, historia docet.

La previsione di Corbett è che se questa tecnologia sarà implementata, funzionerà esattamente come una rete da pesca che intrappola le sue prede mentre viene trascinata in mare. In lingua Italiana ho pensato che la “Gabbia”, che si chiude sulla sua preda, fosse una figura retorica equivalente e della stessa efficacia.

Ricordate che la preda viene sempre attratta dentro la gabbia da luci e suoni magici… e bellissimi… e che la preda siamo noi.

Buona Visione.

FONTE

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

IA L’intelligenza Artificiale – non c’è modo di controllarla

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Non si ferma l’IA? Gli scienziati concludono che non ci sarebbe modo di controllare macchine super intelligenti

BERLINO, Germania –  Dalle auto a guida autonoma ai computer in grado di vincere i giochi, gli esseri umani hanno una naturale curiosità e interesse per l’intelligenza artificiale (AI). Mentre gli scienziati continuano a rendere le macchine più intelligenti e intelligenti, tuttavia, alcuni si chiedono “cosa succede quando i computer diventano troppo intelligenti per il loro bene?” Da “The Matrix” a “The Terminator”, l’industria dell’intrattenimento ha già iniziato a riflettere se i futuri robot un giorno minacceranno la razza umana. Ora, un nuovo studio conclude che potrebbe non esserci alcun modo per fermare l’ascesa delle macchine. Un team internazionale afferma che gli esseri umani non sarebbero in grado di impedire che la super intelligenza artificiale faccia quello che vuole.

Gli scienziati del Center for Humans and Machines del Max Planck Institute hanno iniziato a immaginare come sarebbe una macchina del genere. Immagina un programma di intelligenza artificiale con un’intelligenza di gran lunga superiore a quella umana. Tanto che potrebbe imparare da solo senza una nuova programmazione. Se fosse connesso a Internet, i ricercatori affermano che l’IA avrebbe accesso a tutti i dati dell’umanità e potrebbe persino prendere il controllo di altre macchine in tutto il mondo.

Gli autori dello studio si chiedono cosa farebbe una simile intelligenza con tutto quel potere? Funzionerebbe per migliorare tutte le nostre vite? Dedicerebbe la sua potenza di elaborazione alla risoluzione di problemi come il cambiamento climatico? Oppure la macchina cercherebbe di impossessarsi delle vite dei suoi vicini umani?

Controllare l’incontrollabile? I pericoli della super intelligenza artificiale

Sia i programmatori di computer che i filosofi hanno studiato se c’è un modo per impedire a un’IA super intelligente di accendere potenzialmente i suoi creatori umani; assicurando che i computer futuri non possano causare danni ai loro proprietari. Il nuovo studio rivela, sfortunatamente, che sembra essere praticamente impossibile mantenere in linea un’IA super intelligente.

“Una macchina super intelligente che controlla il mondo sembra fantascienza. Ma esistono già macchine che eseguono determinati compiti importanti in modo indipendente senza che i programmatori comprendano appieno come l’hanno imparato. Sorge quindi la domanda se questo potrebbe a un certo punto diventare incontrollabile e pericoloso per l’umanità”, dice il coautore dello studio Manuel Cebrian, leader del Digital Mobilization Group presso il Center for Humans and Machines, in un comunicato universitario.

Il team internazionale ha esaminato due diversi modi per controllare l’intelligenza artificiale. Il primo ha frenato il potere della superintelligenza murandola e impedendole di connettersi a Internet. Inoltre, non poteva connettersi ad altri dispositivi tecnici nel mondo esterno. Il problema con questo piano è abbastanza ovvio; un computer del genere non sarebbe in grado di fare molto per aiutare effettivamente gli esseri umani.

Essere gentili con gli umani non calcola

La seconda opzione si è concentrata sulla creazione di un algoritmo che fornisse principi etici al supercomputer. Si spera che ciò costringa l’IA a considerare i migliori interessi dell’umanità.

Lo studio ha creato un algoritmo di contenimento teorico che impedirebbe all’IA di danneggiare le persone in qualsiasi circostanza. Nelle simulazioni, l’IA smetterebbe di funzionare se i ricercatori considerassero le sue azioni dannose. Nonostante impedisca all’intelligenza artificiale di raggiungere il dominio del mondo, gli autori dello studio affermano che questo semplicemente non funzionerebbe nel mondo reale.

“Se si scompone il problema in regole di base dell’informatica teorica , si scopre che un algoritmo che comanderebbe a un’intelligenza artificiale di non distruggere il mondo potrebbe inavvertitamente interrompere le proprie operazioni. Se ciò accadesse, non sapresti se l’algoritmo di contenimento sta ancora analizzando la minaccia o se si è fermato per contenere l’IA dannosa. In effetti, questo rende inutilizzabile l’algoritmo di contenimento”, afferma Iyad Rahwan, Direttore del Center for Humans and Machines.

Lo studio conclude che contenere l’intelligenza artificiale è un problema incomprensibile. Nessun singolo programma per computer può trovare un modo infallibile per impedire che l’intelligenza artificiale agisca in modo dannoso se lo desidera. I ricercatori aggiungono che gli esseri umani potrebbero non rendersi nemmeno conto di quando le macchine super intelligenti arriveranno effettivamente nel mondo tecnologico. Quindi sono già qui?

Lo studio appare nel Journal of Artificial Intelligence Research.

Fonte: https://www.studyfinds.org/no-way-to-control-super-artificial-intelligence-ai/

®wld

Big Tech odia la libertà di parola

Comunque, di chi è il colpo di stato?

di Patrick M. Wood

Dal giorno in cui ho iniziato a scrivere sulla globalizzazione 45 anni fa, il mio coautore, il compianto professor Antony C. Sutton, mi ha perforato il cervello “Segui i soldi, segui il potere”. Questo mi è servito bene nel corso degli anni.

Oggi dobbiamo anche aggiungere: “Segui i DATI, segui il potere”. Naturalmente, i dati sono denaro ed è la dipendenza dei tecnocrati ovunque.

La Big Tech, che è piena zeppa di tecnocrati hard-core, ha appena ucciso il potere emergente dei social media, Parler. In primo luogo, le sue app sono state rilasciate su telefoni Android e Apple, quindi Amazon ha improvvisamente annullato il contratto di archiviazione / elaborazione dei dati e ha interrotto sommariamente tutte le connessioni.

Andato in poche ore per mano di tre colossi Co-cospiratori Big Tech.

Questo è potere.

Chi ha il potere di censurare il presidente degli Stati Uniti dal comunicare con i cittadini americani e allo stesso tempo uccidere una fiorente compagnia come Parler?

Non Nancy Pelosi. Non Chuck Schumer. Non Adam Schiff. Non Antifa. Non le vite nere contano. Non marxisti. Non comunisti. Non fascisti. Non le Nazioni Unite. Non repubblicani. Non anarchici. Non estremisti ambientali. Non l’Organizzazione mondiale della sanità.

Questo per quanto riguarda chi ha il potere. Hai capito. È Big Tech.

E i soldi e i dati?

Google controlla il 91% del traffico dei motori di ricerca mondiale e oltre il 72% di tutti i sistemi operativi per smartphone. Apple controlla il 27% di tutti i sistemi operativi per smartphone e tra i due, che rappresenta il 99% di tutti gli smartphone.

Il servizio AWS di Amazon controlla non meno del 32% del mercato cloud globale e ha generato maggiori entrate rispetto ai successivi tre servizi più grandi messi insieme. AWS è cinque volte più grande di Google Cloud.

La quota di mercato per tutti i social media ha Facebook al 68%, Twitter al 10% e la controllata di Google YouTube a poco più del 4%.

L’immensità dei dati e della ricchezza contenuti in questa piccola cricca di aziende sbalordisce la mente. Sono letteralmente discendenti del vampiro il calamaro gigante del monopolio Standard Oil del 21°  secolo.

Con questa immagine in vista, chiediamoci chi nella società rappresenta la coda e chi rappresenta la testa del cane?

I Democratici sono assolutamente certi che Donald Trump e la sua folle banda di MAGA-ites stiano orchestrando un colpo di stato contro l’America. Al contrario, il movimento MAGA è fermamente certo che la sinistra radicale ei Democratici stiano orchestrando il colpo di stato.

Possono essere vere entrambe allo stesso tempo? Una parte è sbagliata e l’altra corretta? O sono entrambi messi l’uno contro l’altro da una terza parte finora non riconosciuta? Ehm, come Big Tech?

Ecco la conclusione: né i Democratici né i Repubblicani dicono ai Tecnocrati di Big Tech cosa fare. Durante l’amministrazione Trump, i massimi leader di Big Tech sono stati ripetutamente chiamati al Congresso per subire frustate e minacce di legislazione antitrust. Ha cambiato il loro comportamento? Neanche un briciolo. In effetti, il loro comportamento è diventato ancora più eclatante mentre uscivano dalla porta.

Big Tech ha i soldi. Big Tech ha i dati. Big Tech ha la tecnologia. Big Tech controlla la narrazione. Big Tech ha il chiaro intento di microgestire ogni aspetto immaginabile della società. Ancora peggio, Big Tech odia la libertà di parola, il Primo Emendamento e la Costituzione della nostra nazione.

Ora, avvolgi la tua mente intorno a questo.

Chi è la testa del cane? Big Tech. Chi è la coda del cane? Tutti gli altri, inclusi politici, di sinistra, di destra, centristi, marxisti, comunisti, socialisti, ecc.

È giunto il momento di uscire dalla mania artificiosa sinistra-destra e fissare gli occhi sul vero nemico dell’America – la miriade di Tecnocrati che non sono né eletti né responsabili verso nessuno tranne i loro padroni tecnocratici.

I tecnocrati della Big Tech sono quelli che stanno uccidendo la libertà di parola e il Primo Emendamento. Non incolpare nessun politico, di sinistra o di destra. Non incolpare la cosiddetta “cultura dell’annullamento”. Non incolpare  nessun  altro.

L’ironia della libertà di parola è che ha reso possibile ogni progresso umano nel corso dei secoli. Al contrario, tutti i tentativi di soffocare la libertà di parola si sono rivelati regressivi.

Anche se c’è un’aria di “progresso” intorno ai risultati della Big Tech, le loro azioni attuali sono distruttive per la libertà e la libertà di parola, senza le quali l’America cessa di essere l’America.

Sì, c’è un colpo di stato in corso proprio sotto il nostro naso collettivo, ma non ha origine né dalla sinistra né dalla destra. Questa nuova colonna di combattenti nemici sono Tecnocrati e cercano il controllo totale su tutto.

Fino a quando questo non sarà chiaramente riconosciuto, non ci saranno vittorie per preservare la nostra grande nazione.

Per coloro che sono seriamente intenzionati a cambiare questa situazione, sei incoraggiato a unirti a CitizensForFreeSpeech.org e far sentire la tua voce.

Fonte: https://www.technocracy.news/just-whose-coup-is-it-anyway/

®wld

wlady

Bug in Firefox, Chrome, Edge consentono il dirottamento del sistema remoto

Bug in Firefox, Chrome, Edge consentono il dirottamento del sistema remoto

I principali browser ottengono un aggiornamento per correggere bug separati che consentono entrambi attacchi remoti, che potrebbero potenzialmente consentire agli hacker di assumere dispositivi mirati.

I creatori dei browser Chrome, Firefox ed Edge invitano gli utenti a correggere le vulnerabilità critiche che, se sfruttate, consentono agli hacker di dirottare i sistemi che eseguono il software.

La vulnerabilità di Mozilla Firefox ( CVE-2020-16044) è separata da un bug riportato nel motore del browser di Google Chromium, che viene utilizzato nel browser Google Chrome e nell’ultima versione di Microsoft del suo browser Edge.

Bug critico di Firefox Use-After-Free

Giovedì, la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) ha invitato gli utenti del browser Firefox della Mozilla Foundation a correggere un bug, monitorato come CVE-2020-16044 e valutato come critico. La vulnerabilità è classificata come bug use-after-free ed è legata al modo in cui Firefox gestisce i cookie del browser e, se sfruttata, consente agli hacker di accedere al computer, telefono o tablet che esegue il software del browser.

Sono interessate le versioni del browser Firefox rilasciate prima del desktop Firefox 84.0.2 rilasciato di recente, l’edizione Firefox Android 84.1.3 e anche la versione aziendale ESR 78.6.1 di Mozilla di Firefox.

“Un peer dannoso potrebbe aver modificato un blocco COOKIE-ECHO in un pacchetto SCTP in un modo che potenzialmente si traduceva in un utilizzo successivo. Presumiamo che con uno sforzo sufficiente avrebbe potuto essere sfruttato per eseguire codice arbitrario”, secondo un bollettino sulla sicurezza di Mozilla pubblicato giovedì.

L’acronimo SCTP sta per Stream Control Transmission Protocol, utilizzato nelle reti di computer per comunicare i dati del protocollo all’interno del Transport Layer della suite di protocolli Internet, o TCP / IP. Il bug è legato al modo in cui i dati dei cookie vengono gestiti da SCTP.

Ogni pacchetto SCTP in entrata contiene un blocco di cookie che facilita una risposta corrispondente dal cookie del browser. Un blocco COOKIE ECHO è uno snippet di dati inviato durante l’inizializzazione della connessione SCTP con il browser.

Secondo Mozilla, un avversario potrebbe creare un blocco COOKIE-ECHO dannoso per influire sulla memoria del browser. Una vulnerabilità use-after-free riguarda un uso errato della memoria dinamica durante il funzionamento del programma. Se dopo aver liberato una posizione di memoria, un programma non cancella il puntatore a quella memoria, un utente malintenzionato può utilizzare l’errore per hackerare il programma “, secondo una descrizione della vulnerabilità.

Mozilla non ha accreditato la scoperta del bug, né ha affermato se si trattasse di una vulnerabilità attivamente sfruttata in natura.

Il bug del browser Chromium colpisce Chrome e Edge   

Sempre giovedì, CISA ha invitato gli utenti Windows, macOS e Linux del browser Chrome di Google a correggere un bug di scrittura fuori limite (CVE-2020-15995) che influisce sull’attuale versione 87.0.4280.141 del software. L’avviso di bug CISA afferma che l’aggiornamento all’ultima versione del browser Chrome “risolverà le vulnerabilità che un utente malintenzionato potrebbe sfruttare per assumere il controllo di un sistema interessato”.

Poiché l’ultimo browser Edge di Microsoft è basato sul motore del browser Google Chromium, Microsoft ha anche invitato i suoi utenti ad aggiornare all’ultima versione 87.0.664.75 del suo browser Edge .

browser web chrome firefox e edge

Mentre i ricercatori di Tenable classificano il bug fuori limite come critico, sia Google che Microsoft hanno classificato la vulnerabilità come di alta gravità. Il ricercatore di Tencent Security Xuanwu Lab Bohan Liu è accreditato per aver trovato e segnalato il bug.

È interessante notare che il bug CVE-2020-15995 risale a un aggiornamento del bollettino sulla sicurezza di Google Chrome per Android pubblicato nell’ottobre 2020. All’epoca, il bug era anche classificato come di gravità elevata. La falla è identificata come una “scrittura fuori limite in V8”, bug originariamente trovato a settembre 2020 da Liu.

V8 è il motore JavaScript e WebAssembly open source e ad alte prestazioni di Google, secondo una descrizione di uno sviluppatore di Google. Sebbene le specifiche tecniche del bug non siano disponibili, simili bug fuori dai limiti scritti in V8 hanno consentito agli aggressori remoti di sfruttare un danneggiamento dell’heap tramite una pagina HTML predisposta.

Un danneggiamento dell’heap è un tipo di danneggiamento della memoria che si verifica in un programma per computer quando i contenuti di una posizione di memoria vengono modificati a causa di un comportamento programmatico che supera l’intenzione del programmatore originale o dei costrutti di programma / linguaggio. Secondo un documento accademico (PDF) scritto in collaborazione con Nektarios Georgios Tsoutsos, studente membro dell’IEEE e Michail Maniatakos, membro senior dell’IEEE, è possibile utilizzare un cosiddetto attacco di smashing dell’heap per sfruttare i casi di corruzione dell’heap.

Hanno scritto:

“Gli attacchi Heap Smashing sfruttano gli allocatori di memoria dinamici (ad esempio, malloc) corrompendo le strutture di controllo che definiscono l’heap stesso. Eseguendo l’overflow di un blocco di heap, gli aggressori potrebbero sovrascrivere le intestazioni di heap adiacenti che concatenano diversi blocchi di heap e alla fine fare in modo che l’allocatore di memoria dinamico modifichi posizioni di memoria arbitrarie non appena viene eseguita un’operazione di heap free. Il payload dannoso può anche essere generato al volo: ad esempio, sfruttando la compilazione Just-In-Time (JIT), il codice assemblato può essere scritto sull’heap”,

Né Microsoft né Google spiegano perché il CVE-

2020-15995 di ottobre 2020 viene nuovamente presentato in entrambi i bollettini sulla sicurezza del giovedì. In genere, questa è un’indicazione che

la correzione originale era incompleta.

Altri bug di Chromium incidono su Chrome e Edge

Dodici bug aggiuntivi sono stati segnalati da Goog

le, che hanno avuto un impatto sul suo motore del browser Chromium. Sia Google che Microsoft presentavano lo stesso elenco di vulnerabilità (CVE-2021-21106, CVE-2021-21107, CVE-2021-21108, CVE-2021-21109, CVE-2021-21110, CVE-2021-21111, CVE-2021-21112, CVE-2021-21113, CVE-2021-21114, CVE-2021-21115, CVE-2021-21116, CVE-2020-16043).

La maggior parte dei bug è stata classificata come alta gravità e legata a bug privi di utilizzo. Tre delle vulnerabilità hanno fruttato ai cacciatori di bug $ 20.000 per i loro sforzi. Weipeng Jiang del Codesafe Team of Legendsec del Qi’anxin Group è accreditato per aver trovato entrambi i bug da $ 20.000 (CVE-2021-21106 e CVE-2021-21107). Il primo, un bug use-after-free legato alla funzione di riempimento automatico di Chromium e il secondo un bug use-after-free nel componente multimediale Chromium.

Leecraso e Guang Gong di 360 Alpha Lab hanno guadagnato $ 20.000 per un CVE-2021-21108, anche un bug use-after-free nel componente multimediale del browser.

Non sono stati divulgati dettagli tecnici e in genere non lo sono fino a quando non viene stabilito che la maggior parte dei browser Chrome è stata aggiornata.

Sicurezza della catena di approvvigionamento: un webinar di verifica in 10 punti: la catena di approvvigionamento del software della tua azienda è pronta per un attacco? Mercoledì 20 gennaio alle 14:00 ET, inizia a identificare i punti deboli nella tua catena di fornitura con i consigli pratici di esperti, parte di un webinar di coinvolgimento limitato e LIVE Threatpost . CISO, AppDev e SysAdmin sono invitati a chiedere a un gruppo di esperti di sicurezza informatica di prim’ordine come possono evitare di essere scoperti in un mondo post-SolarWinds-hack. La partecipazione è limitata: registrati ora e prenota un posto per questo webinar esclusivo sulla sicurezza della catena di approvvigionamento di Threatpost – 20 gennaio, 14:00 ET.

Fonte: https://threatpost.com/

®wld

Catherine Austin Fitts conferma gli obiettivi della tecnocrazia e del transumanesimo

In una spettacolare intervista che ha raccolto oltre 2,2 milioni di visualizzazioni nelle prime 2 settimane dalla pubblicazione, Catherine Austin Fitts espone il piano generale globale per la tecnocrazia, il transumanesimo e il controllo totale sull’umanità. Questo è un video imperdibile.

nda, corsivo mio: abilita i sottotitoli in italiano, ti potrebbe interessare per comprendere quello che sta succedendo anche in Italia. L’ipotesi transumanista non è così peregrina. Tutto questo sta già succedendo, nell’ignavia e apatia della popolazione mondiale, terrorizzata dalla paura.

Fitts è stato assistente segretario statunitense per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano durante l’amministrazione George HW Bush e amministratore delegato di un’importante società di investment banking, Dillon, Read & Co.

In Tecnocrazia con Patrick M. Wood sul suo sito web Solari Report, ha scritto:

La tecnocrazia è un sistema globale progettato per implementare la gestione e il controllo delle risorse centrali attraverso la microgestione basata su regole. La crescita della tecnocrazia è resa possibile dai sistemi e dal software digitali, dall’intelligenza artificiale e dallo “specchio unidirezionale” gestito attraverso la sorveglianza 24 ore su 24, 7 giorni su 7 da agenzie di intelligence e di controllo, finanziate dai nostri dollari di tasse.

La bellezza della tecnocrazia è che può essere integrata in un’ampia varietà di sistemi politici e aziendali. Mentre gli Stati Uniti promuovono la nozione di mercato e processo democratico, i nostri sistemi possono essere convertiti in tecnocrazia con l’integrazione di un flusso infinito di regole e algoritmi governativi, bancari e aziendali che gestiscono e controllano la nostra vita quotidiana e le nostre infrastrutture. Lo stesso processo si sta sviluppando nel sistema monopartitico cinese e anche attraverso una regolamentazione sconvolgente da parte di più governi di coalizione e istituzioni dell’Unione europea.

Vedere e documentare questo processo è impegnativo. Richiede l’integrazione di operazioni complesse in molte industrie e governi diversi, ed è protetto dalla straordinaria segretezza concessa al complesso militare-industriale e alle banche centrali.

Ecco una breve clip da quell’intervista:

*****************************************

Le strane coincidenze di Bill Gates

VIRUS E VACCINI ▷ GUARDA CASO BILL GATES HA LO STESSO BUSINESS CON IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS

“Bill Gates, chi è questo uomo? Uno che ha fatto denaro con l’informatica, una persona che ha un grandissimo istinto nel fare denaro.

Per far funzionare un dispositivo elettronico questo necessita di un sistema operativo. Ce ne sono di diversi tipi. C’è ad esempio quello di Apple o quello open source – cioè che non ha un padrone, senza un interesse commerciale dietro – Linux.

Quest’ultimo è utilizzato dai server mondiali più importanti perché non è attaccabile dai virus. Chi lo ha fatto lo ha creato per fare in modo che non possa essere attaccato.

Apple, che ha fini di lucro, ha capito che il business era vendere apparecchi ‘a prova di idiota’ che non prendessero i virus. Chi lo ha fatto voleva guadagnare sulla vendita del sistema operativo, non sui virus.

Microsoft? No. Ha deciso che non voleva guadagnare sulla vendita del sistema operativo ma su tutto quello che avrebbe portato nel futuro. Quindi ha realizzato un sistema operativo piratabile e ha fatto in modo che si diffondesse in tutto il mondo. Oggi Windows è il sistema operativo installato su quasi tutti i computer. Ma guarda caso è un sistema facilmente infettabile dai virus. Quale è il business quindi? È il continuo aggiornamento, è l’antivirus: il vaccino per il computer.

Guarda caso oggi Bill Gates è la stessa persona che fa il “filantropo” in società che si occupano di virus e vaccini, c’è qualcosa che non torna in tutto questo…”.

Fonte https://www.radioradio.it/2020/12/virus-e-vaccini-bill-gates-business-windows-antivirus/

VEDI ANCHE:

GATES TO HEAVEN OR TO HELL- PORTE DEL PARADISO O DELL’ INFERNO? (1)

GATES TO HEAVEN OR TO HELL- PORTE DEL PARADISO O DELL’ INFERNO? (2)

GATES TO HEAVEN OR TO HELL- PORTE DEL PARADISO O DELL’ INFERNO? (3)

Fonte: https://www.nogeoingegneria.com/

****************************************

Articoli correlati:

Brevettare la vita con nanoparticelle autoassemblanti: È il momento per una riscrittura

L’omologazione

®wld

Usi accettabili e inaccettabili della tecnologia

Scenario “mondo in catene”: un futuro governato da uno stato totalitario 

 
Cosa servirebbe per far sì che un governo totalitario globale salisse al potere indefinitamente? Esiste o no il pericolo che una tecnologia schiavizzi il mondo?

Questo scenario da incubo è così vicino che la BBC se ne è occupata con un reportage il 16 ottobre 2020.

 

Come sarebbero stati i governi totalitari del passato se non fossero mai stati sconfitti? Per esempio, per fermare i nazisti che operavano con la tecnologia del XX secolo è servita una guerra mondiale. Oggi quanto sarebbero stati potenti i gerarchi se avessero sconfitto gli Stati Uniti con la bomba atomica? Il controllo della tecnologia più avanzata dell’epoca avrebbe permesso al potere nazista di cambiare il corso della storia.

 

Quando pensiamo ai rischi esistenziali vengono in mente eventi come la guerra nucleare o l’impatto di un asteroide. Eppure c’è una minaccia futura che è molto meno nota e, sebbene non implichi una vera e propria estinzione, potrebbe essere anche più grave.

 

Questo scenario è chiamato “Mondo in catene”: un futuro governato da uno Stato totalitario globale che utilizza una nuova tecnologia per schiavizzare la maggioranza del mondo tenendola in una sofferenza perpetua.

 

Ricercatori e filosofi stanno riflettendo su come ciò potrebbe accadere e, cosa più importante, cosa possiamo fare per evitarlo. 

 

Toby Ord, ricercatore senior presso il Future of Humanity Institute (FHI) dell’Università di Oxford ritiene che le probabilità che accada una catastrofe naturale sono inferiori a 1 su 2.000, perché gli esseri umani sono sopravvissuti per 2.000 secoli senza vederne una. Ma la probabilità di un disastro causato dall’uomo è di 1 su 6! Non a caso il dottor Ord si riferisce a questo secolo come “al precipizio” poiché il rischio di perdere il nostro futuro non è mai stato così alto.

 

I ricercatori del Center on Long-Term Risk, un istituto di ricerca senza scopo di lucro a Londra, hanno ampliato i cosiddetti “rischi X”: pericoli oggettivi per il pianeta.

 

Questi “rischi” sono definiti come “sofferenza su scala astronomica che supera di gran lunga tutte le sofferenze che sono esistite finora sulla Terra”.

 

In questi scenari la vita continua per miliardi di persone, ma la qualità è così bassa e le prospettive così cupe che sarebbe preferibile morire. Quindi stanno ipotizzando un futuro così negativo da preferire l’estinzione, ed è proprio qui che entra in gioco lo scenario del “mondo in catene”.

 

Cosa succederebbe se un gruppo o un governo acquisisse improvvisamente il potere di dominare il mondo attraverso la tecnologia? Potrebbe portare a un lungo periodo di sofferenza e sottomissione.

 

Un rapporto del 2017 sui rischi esistenziali del Global Priorities Project, in collaborazione con FHI e il Ministero degli Affari Esteri della Finlandia, ha avvertito che “un lungo futuro sotto uno stato totalitario globale particolarmente brutale potrebbe essere probabilmente peggiore della completa estinzione”.

 

Ipotesi Singleton 

 

I ricercatori nel campo dei rischi esistenziali stanno rivolgendo la loro attenzione alla sua causa più probabile: l’intelligenza artificiale (AI).

 

Nella sua “Ipotesi Singleton”, Nick Bostrom, direttore dell’FHI di Oxford, ha spiegato come potrebbe formarsi un governo globale con l’intelligenza artificiale o altre potenti tecnologie e perché potrebbe essere impossibile rovesciarlo.

 

Un mondo con “una singola agenzia decisionale al più alto livello” potrebbe verificarsi se quell’agenzia “ottenesse un vantaggio decisivo attraverso una svolta tecnologica nell’intelligenza artificiale o nella nanotecnologia molecolare”. Una volta in carica controllerebbe i progressi della tecnologia come la sorveglianza e le armi, e grazie a questo monopolio rimarrebbe perennemente al potere.

 

Anche nei paesi con i regimi totalitari più rigidi le notizie trapelano e le persone possono anche fuggire, ma un governo totalitario globale eliminerebbe queste speranze.

 

Per essere peggio dell’estinzione significa “che non sentiamo assolutamente nessuna libertà, nessuna privacy, nessuna speranza di fuggire, nessuna agenzia per controllare le nostre vite”, dice Tucker Davey, uno scrittore del Future of Life Institute in Massachusetts.

 

Potremmo non avere ancora le tecnologie per farlo”, ha detto Ord, “ma sembra che i tipi di tecnologie che stiamo sviluppando lo rendano molto più facile”…

 

IA e autoritarismo 

 

L’intelligenza artificiale sta già consentendo l’autoritarismo in alcuni paesi e rafforzando le infrastrutture che potrebbero essere usate da un despota opportunista.

 

Abbiamo assistito a una sorta di resa dei conti con il passaggio da visioni molto utopiche di ciò che la tecnologia potrebbe portare a realtà molto più che fanno riflettere e che sono, per alcuni aspetti, già abbastanza distopiche”, afferma Elsa Kania, senior fellow del Center for New American Security, una no-profit bipartisan che sviluppa politiche di sicurezza e difesa nazionale.

In passato, la sorveglianza richiedeva centinaia di migliaia di persone – un cittadino su 100 nella Germania orientale era un informatore – ma ora può essere attuata tramite la tecnologia. Negli Stati Uniti, la National Security Agency (NSA) ha raccolto centinaia di milioni di registrazioni di chiamate e messaggi di americani prima che interrompessero la sorveglianza domestica nel 2019 e si stima che nel Regno Unito ci siano dai quattro ai sei milioni di telecamere a circuito chiuso.

Diciotto delle 20 città più sorvegliate al mondo si trovano in Cina, ma Londra è la terza.

L’infrastruttura è già pronta per applicarla e l’IA, che l’NSA ha già iniziato a sperimentare, consentirebbe alle agenzie di cercare tra i nostri dati con una velocità mai vista prima.

Oltre a migliorare la sorveglianza, l’IA sostiene anche la crescita della disinformazione online, che è un altro strumento dell’autoritario. I deep fake basati sull’intelligenza artificiale possono diffondere messaggi politici fabbricati ad arte, e il micro-targeting algoritmico sui social sta rendendo la propaganda più persuasiva. Questo mina la nostra capacità di distinguere ciò che è vero da ciò che è falso.

Il rapporto sull’uso dannoso dell’intelligenza artificiale scritto da Belfield e da 25 autori di 14 istituzioni, prevede che tendenze come queste amplieranno le minacce esistenti alla nostra sicurezza politica e ne introdurranno di nuove nei prossimi anni.

Cosa vogliamo fare?

Conclusione 

Molto interessante questo approfondimento della BBC. Forse qualcuno ci vuole avvertire sui rischi che stiamo correndo, o ci stanno facendo vedere quello che sarà il nostro inesorabile e distopico futuro?

Comunque sia, è ora il momento per decidere attentamente quali sono gli usi accettabili e inaccettabili della tecnologia in generale, soprattutto dell’IA, perché se permettiamo di controllare tutta la nostra esistenza, domani sarà troppo tardi per tornare indietro. A tal proposito ricordo che il 5G e il 6G risultano fondamentali in questa visione…

Stiamo armando le forze di polizia con il riconoscimento facciale e i vari governi stanno raccogliendo tutti i nostri dati (anche grazie a quello che noi gratuitamente e inconsapevolmente lasciamo nei social), e questo è molto ma molto pericoloso!

https://www.bbc.com/future/article/20201014-totalitarian-world-in-chains-artificial-intelligence

Pubblicato su:: https://disinformazione.it/

®wld