Archivi categoria: Informatica

Il Profondo Apprendimento dei Grandi Dati

Big Data e Deep Learning

Autore marceellopamio

Dottor Alfred Spitzer, «Solitudine Digitale»

Dall’inizio di questo secolo gli stati del mondo occidentale “civilizzato” raccolgono i dati personali dei loro cittadini in proporzioni mai conosciute finora. Una delle fonti fondamentali di questi dati siamo noi stessi! Siamo noi che forniamo i dati, sia con il pieno consenso, sia del tutto inavvertitamente: che siano le nostre email e le nostre telefonate ad essere lette o ascoltate, le nostre abitudini d’acquisto a essere registrate (per mezzo delle tessere fedeltà), i nostri movimenti (non solo) nei luoghi pubblici a essere monitorati per mezzo di telecamere, dei nostri smartphone o del software della nostra auto, o che siano i nostri sentimenti e stati d’animo essere non solo registrati e analizzati, ma ormai anche manipolati per mezzo di Facebook o Twitter, non fa differenza.

Prima ci preoccupavamo di ciò che sapevano sul nostro conto l’Agenzia delle Entrate o la Motorizzazione Civile. Oggi vengono raccolti, memorizzati e analizzati i dati sul nostro conto da numerose aziende e dallo Stato, in proporzioni tali che la furia catalogatrice della Stasi sembra a confronto un semplice “caffè tra signore”.
Non c’è da meravigliarsi se ormai il termine Big Data ha assunto un retrogusto sgradevole.
Il motivo che si adduce per giustificare tale furia catalogatrice è l’aumento degli attacchi terroristici: per evitarli, l’intera società deve reagire con una maggior vigilanza al fine di garantire la sicurezza interna.

Big Data e Deep Learning

Non è solo la raccolta dei dati personali ad aver conosciuto una crescita esponenziale, ma anche la possibilità di una loro analisi. E’ stato solo con lo sviluppo dei più moderni programmi di elaborazione dati che si è reso possibile interpretare i dati che uno smartphone fornisce con tutti i suoi sensori (sensori per i gesti, i movimenti, la velocità, la temperatura, l’umidità eccetera), con il microfono, le videocamere e il sistema di navigazione satellitare.
Perché solo quando l’enorme massa di dati in entrata può essere anche automaticamente analizzata si ha una reale possibilità di spiare gli uomini sulla Terra.

Non c’è da meravigliarsi quindi se quasi in contemporanea all’arrivo dello smartphone siano stati fatti i necessari progressi nell’ambito dell’elaborazione dati. Tali progressi sono conosciuti con il nome di Big Data e Deep Learning.

Il concetto di Big Data è ambiguo e i suoi contorni non solo sono sfocati, ma anche in continuo mutamento. In ogni caso si tratta di quantità di dati talmente esorbitanti che non è possibile avere una visione di insieme senza l’aiuto di strumenti meccanici e per i quali non bastano più nemmeno i consueti processi di elaborazione dati digitale.

Si dice che la quantità di dati disponibili prodotti in tutto il mondo, raddoppia ogni due o tre anni, ma si dimentica che questo dipende non da ultimo dal fatto che ci sono sempre più macchine fotografiche che scattano in continuazione foto, con una definizione sempre maggiore, che la nostra comunicazione – mail, telefonate, messaggi ecc. – viene osservata e memorizzata sempre meglio, e che i sensori più disparati forniscono in maniera del tutto automatica dati per qualsiasi cosa (a partire dal meteo fino alle nostre pulsazioni), mentre prima ci limitavamo ad assistere i fenomeni naturali senza registrarli. Con Big Data s’intende senz’altro anche questo aspetto del nostro mondo tecnologizzato.

Big Data si riferisce comunque soprattutto alle possibilità di salvataggio e interpretazione dei dati in giganteschi centri dati che sorgono nelle vicinanze di corsi dei fiumi e/o di centrali elettriche, perché calcolatori e sistemi di immagazzinamento dati sviluppano un fabbisogno energetico molto elevato, non da ultimo per il raffreddamento.

Le banche dati contengono così tante informazioni che estrarre quelle rilevanti somiglia davvero all’estrazione di metalli in una miniera. Per questo la ricerca all’interno di grandi quantità di dati viene chiamata Data Mining.
Le possibili conseguenze di tutto ciò le ha scoperte a proprie spese una quindicenne americana incinta…

L’incredibile storia della ragazza incinta

La ragazza non aveva ancora informato i genitori della sua gravidanza, quando ricevette posta da un supermercato locale: pubblicità di vestiti pre-maman, fasciatoi e molti, molti visi di bebè…

Il padre, che non aveva trovato affatto divertente la cosa si recò furibondo al supermercato chiedendo di parlare con il manager: «Mia figlia ha trovato questo nella cassetta postale (…) va ancora a scuola e voi le ha mandate coupon per vestiti da bebè e culle? Volete che mia figlia rimanga incinta?»
Il manager si scusò e anche dopo qualche giorno telefonò di persona per scusarsi nuovamente. Ma la voce del padre adesso suonava affranta: «ho fatto una chiacchierata a quattrocchi con mia figlia. Ho scoperto che a casa nostra succedevano cose di cui non sapevo nulla. Partorirà ad agosto. Sono io che devo scusarmi con lei».

Cos’era accaduto?

Nei supermercati degli Stati Uniti esistono da molto tempo coupon, sconti e carte socio che hanno essenzialmente la funzione di raccogliere informazioni sul cliente: età, sesso, stato di famiglia, figli, domicilio, guadagno; le carte di credito utilizzate, le pagine web consultate sono note ai negozi tanto quanto le preferenze tra le marmellate, il caffè o i fazzoletti di carta, oppure le particolarità della dieta (vegetariana, vegana, intollerante al lattosio o al glutine, ecc.)

Se le informazioni possedute dai supermercati non sono per loro sufficienti, ne comprano altre: «sull’appartenenza etnica, sulle precedenti occupazioni, sulle riviste lette, se si è stati inadempienti o se si è separati, in che anno si è comprato casa, che scuola si è frequentata o che università, di cosa si parla o si scrive online, quali sono le posizioni politiche, ecc.»

 La catena di supermercati Target, la seconda più grande negli USA, è tra le prime che provano a scoprire per mezzo del Data Mining quali delle proprie clienti siano in stato di gravidanza.

Per far ciò si confrontano gli acquisti di migliaia di donne che si sa essere incinte, con gli acquisti delle donne non incinte. Da tale confronto risulta che le donne in stato di gravidanza, a partire circa dall’inizio del loro quarto mese, comprano prodotti per la pelle senza l’aggiunta di profumi e, nei primi 5 mesi di gravidanza, acquistano integratori alimentari come calcio, magnesio e zinco.

«Sono molte le clienti che comprano saponi e ovatta, ma quando la cliente inizia all’improvviso a comprare molti saponi inodori, confezione extralarge di ovatta, lozioni per il bucato a mano e strofinacci, è probabilmente vicina alla data del parto»

In questo modo, sulla base di circa 25 prodotti acquistati da una donna, è possibile non soltanto assegnare un punteggio di previsione della gravidanza, ma anche calcolare una finestra relativamente ristretta sul giorno della nascita.

Su questa base è possibile raggiungere i clienti con pubblicità molto mirate e tanto più efficaci se si pensa che la gravidanza e la nascita di un figlio sono sempre fasi di cambiamenti radicali, in cui si definiscono alcune vecchie abitudini.

Così è successo quello che doveva succedere…

Dopo che l’incidente della ragazza quindicenne è stato reso pubblico sul «New York Times»[1], ci si è resi conto che la strategia adottata non era affatto una buona strategia di marketing. Eppure chi crede che il supermercato abbia abbandonato il suo calcolo delle previsioni di gravidanza si sbaglia.

Adesso lo fa soltanto in maniera più subdola, stampando un tosaerba accanto al pannolino sul coupon, in modo che la cosa dia meno nell’occhio: la cliente crede che tutti ricevano lo stesso coupon e considera la pubblicità dei pannolini un caso…

Alfred Spitzer, medico psichiatra è stato visiting professor a Harvard e attualmente dirige la Clinica psichiatrica e il Centro per le Neuroscienze e l’Apprendimento dell’Università di Ulm.
Autore di numerosi saggi tra cui «Demenza Digitale»

Note

[1] «How company learn your secrets», «New York Times», 16 febbraio 2016, https://www.nytimes.com/2012/02/19/magazine/shopping-habits.html

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

Il cavallo di Troia della banda larga per il 5G

 

Fibra per Internet: quando vengono aggiunte piccole celle, non sono affatto sicure

di BN Frank

L’attivista Post ha pubblicato un altro articolo al riguardo a dicembre, “Cos’è la fibra sicura?”

Potresti non essere a conoscenza di questo, ma l’industria delle telecomunicazioni ha installato fibra in tutti gli Stati Uniti per il 5G, anche se i dipendenti delle telecomunicazioni hanno dato testimonianza a febbraio che non hanno prove che il 5G sia sicuro.

Ciò che i dipendenti non hanno menzionato è che ci sono molte ricerche che hanno già dimostrato che il 5G è dannoso. Dal 2017, oltre 200 medici e scienziati hanno firmato una petizione per una moratoria sull’installazione. Molti studi hanno già dimostrato che anche il 4G è dannoso. Non solo: gli standard di “sicurezza” standard hanno più di 20 anni e quindi NON si applicano al modo in cui oggi usiamo o siamo esposti alla tecnologia wireless.

Ora altri attivisti stanno iniziando a mettere in guardia contro l’uso della fibra per installare eventualmente la tecnologia delle piccole celle nocive. Una volta che la fibra è a posto, gli americani non saranno legalmente in grado di mantenere le piccole celle dall’aggiunta.

Da B. Blake Levitt del Berkshire-Litchfield Environmental Council, “Fibra a banda larga, vista come un complesso cavallo di Troia” 

La “banda larga in fibra” dal suono innocuo è potenzialmente pericolosa, dal punto di vista finanziario, ambientale e legale. La fibra non sarà mai più il perfetto sistema dedicato. E’ stato rapito dal richiamo della sirena senza controllo della convenienza wireless. Una rete in fibra sicura e completamente cablata potrebbe essere stata il piano originale di NW ConneCT, ma leggendo attentamente, ora sono “fibre-to-the-carrabili” con la connessione finale – il cosiddetto “ultimo miglio” – colpito dai proprietari di case con vari fornitori di servizi in genere tramite connessioni wireless.

Il loro piano invita anche le telecomunicazioni a creare il 100% di connettività mobile, il che significa piccoli nodi cellulari – centinaia, se non migliaia – apposti ai poli di servizio in via dei diritti pubblici, che trasmettono 24 ore su 24, senza controllo o consenso informato di quelli vicini. Queste sono esposizioni altamente biologicamente attive.

L’installazione di piccole celle 4G e 5G viene forzata nelle comunità di tutti gli Stati Uniti (vedi 1, 2, 3, 4, 5), in tutto il mondo e anche nello spazio – nonostante la crescente opposizione (Vedi 1, 2, 3) e legale azione contro la Federal Communications Commission (FCC). (Vedi 1 , 2 )

Se questo ti riguarda, contrassegna il tuo calendario per la Giornata dell’azione americana contro il 5G il 15 maggio.

Video

Video

Per ulteriori informazioni su cosa è possibile fare, visitare i seguenti siti Web:

Rete di informazioni wireless

Americani per la tecnologia responsabile

5GCrisis

Informazioni 5G

Fiducia sanitaria ambientale

Nel movimento di potenza

Leggi della scorsa legislazione

My Street, My Choice

La nostra città La nostra scelta

Medici per tecnologia sicura

Scienziati per la tecnologia Cablata

TelecomPowerGrab.com

Cos’è il 5G.Info

Zero5G

Fonte: https://www.activistpost.com/

*****************************  

 

Rischio per la salute: i cittadini respingono le Torri 5G a Moraga, in California 

Postato da: Susie Steimle 

Potenzialmente le città  hanno un’influenza significativa per cambiare il panorama 5G, ma in genere sono troppo timide per farlo. La maggior parte licenzia le decisioni delle normative federali e statali. Nel frattempo, le aziende 5G sono diventate dei bulli fra i banchi di scuola minacciando infinite azioni legali. ⁃ Editor TN

La lotta del quartiere di East Bay contro il 5G è l’argomento di una riunione del consiglio comunale prevista per mercoledì sera. Si prevede che i residenti di Moraga si presenteranno e chiederanno alla città di fare di più per proteggere le persone dall’esposizione alle radiazioni dei telefoni cellulari.

È una lotta che sta accadendo in tutto il paese ed è stata particolarmente riscaldata nella East Bay. Ellie Marks è stato schietto contro 5G e aziende di telefonia cellulare per 11 anni.

“Potremmo non vedere le ramificazioni complete di questo per 20-30 anni. Come possiamo essere ciechi per tutto questo tempo? Non ha senso”, ha detto Marks.

La sua lotta è iniziata quando suo marito ha sviluppato un tumore al cervello nella parte destra della sua testa nel 2008. Dice che era un utente di telefoni cellulari pesanti dal 1986.

“L’ha usato tutto il tempo; lo ha tenuto dritto al suo orecchio destro e il tumore si è sviluppato proprio dove ha tenuto il telefono”, ha detto Marks.

Fortunatamente suo marito è sopravvissuto, ma lei dice che era il suo campanello d’allarme. Da allora, ha girato il paese, organizzandosi contro la diffusione delle torri dei telefoni cellulari e sensibilizzando sull’aumento dell’esposizione alle radiofrequenze.

La FCC e le società di telefonia cellulare mantengono tutte l’esposizione RF che riceviamo dai telefoni cellulari e si trova a livelli sicuri.

“La FCC sta mentendo al grande pubblico”, ribatté Marks.

“Finora tutti i principali studi lo hanno concluso [5G] non ha un impatto dannoso”, ha detto l’editore di CNET al Grande Ian Sherr.

Sherr ha seguito il lancio del 5G e la corsa per battere la Cina per un lancio completo del 5G.

“Il 5G non è solo un altro ‘G.’ Dovrebbe essere più veloce, più affidabile e probabilmente il modo in cui Internet funzionerà cambierà a causa di questa tecnologia”, ha detto Sherr.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

 ***************************** 

Roma Stop 5G: servono Regolamento e Piano Antenne. I comitati capitolini denunciano la più grande “discarica elettromagnetica europea”

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO

Apprendiamo con sconcerto che l’Antitrust ha deciso di ricorrere al TAR contro alcuni comportamenti ed atti posti in essere dal Comune di Roma, diretti a rallentare od ostacolare la realizzazione delle reti di telefonia mobile di nuova generazione.

Da una attenta lettura della segnalazione dell’Autorithy emerge chiara e senza appello la responsabilità delle istituzioni capitoline che, a distanza di tre anni dall’insediamento, non hanno ancora applicato il Regolamento delle antenne, approvato con deliberazione n° 26 del 2015, omettendo di realizzare il Piano territoriale, ovvero lo strumento urbanistico capace di fornire gambe e contenuti al Regolamento.

Ora, le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Appena il TAR si pronuncerà (e sarà scontata la sentenza a favore dell’operatore TLC), con la stessa decisione quasi sicuramente saranno rese inservibili cospicue parti del Regolamento, compromettendone l’applicazione per sempre.

Quello stesso Regolamento che già nel 2017 aveva brillantemente superato il vaglio delle censure del giudice amministrativo di 1° grado, chiamato a pronunciarsi dai maggiori operatori TLC italiani, preoccupati per i limiti che lo stesso poneva alla libertà di installare antenne in ogni angolo della città eterna.

Così, a fronte di questa ingiustificata e prolungata inerzia delle istituzioni a guida 5Stelle, il far west di antenne, torri, ripetitori e tralicci, che ha reso la Capitale la “discarica elettromagnetica più estesa d’Europa“, subirà un ulteriore incremento, con l’imminente diffusione delle nuove tecnologie in 5G, a cui si aggiungeranno, accresciuti e incontrollati, i rischi di esposizione all’elettrosmog di tutta la popolazione.

Proprio un bel servizio alla cittadinanza!

Coordinamento dei comitati romani contro l’elettrosmog

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO LA FONTE

Fonte: https://oasisana.com/

®wld

Una riserva naturale rimasta dal passato

ScreenHunter-637

 Image courtesy of IAF 

Trump, la Space Force e l’IA che potrebbe ucciderci tutti  

di VT Editors

di Peter Paget per Veterans Today

Arthur C. Clarke nell’edizione del 2001 di “2001 Odissea nello spazio” identificò che HAL, il super computer di bordo, capì che l’anello debole della missione erano gli astronauti umani e quindi per completare il mandato in modo più efficiente di cui avevano bisogno doveva essere eliminato. Clarke è stato dotato di molte informazioni sul futuro, sull’uso dei satelliti e sul modo in cui gli esseri umani potrebbero progredire nell’esplorazione spaziale. Anche i pericoli e ciò che potrebbero incontrare là fuori dagli accoglienti confini del pianeta Terra. Intelligenze astratte che potrebbero estendersi su vasti periodi di tempo e distanze oltre la nostra comprensione e le implicazioni di diversi universi paralleli, che potrebbero essere ignari della nostra meschina esistenza, come mere colonie di formiche in una fattoria. Forse siamo una fattoria, una riserva naturale rimasta dal passato in cui il nostro DNA originale funge da banca dati genetica utile da attingere, proprio come il “deposito di sementi” lassù nel campo di ghiaccio permanente che manteniamo, è forse questo il caso che abbiamo bisogno di rifornire l’industria agricola in caso di crisi?

Così ora abbiamo nel recente passato La Casa Bianca che parla dello United Sates Space Force, che attualmente è solo una proposta, ma sappiamo da una lunga esperienza che quando qualcosa è pubblicato per il consumo pubblico, in realtà lo è già e spesso è operativa. I vari “velivoli invisibili” sono un esempio classico, in cui vengono “lanciati” solo forse quando la loro esistenza non può più essere custodita come Segreto nazionale o sono necessari per mostrare qualche prodezza militare in un nuovo teatro di conflitto per impressionare il nemico nel riprendere i sensi e tagliare un patto o arrendersi. Quindi la logica di questo è che una US Space Force esiste già e in realtà potrebbe essere stata in giro per qualche tempo.

Il presidente Trump riceve le sue liberazioni dal COSMIC a luglio 2019 e sarà molto meglio “ufficialmente informato” di quali siano le vere situazioni su una serie di argomenti sensibili e forse si sentirà incline a lavorare con alcuni elementi nei suoi tweet politici in cui è stato conosciuto sin all’inizio delle prime ore, come si dice, “ne aspettiamo uno”, forse prima che i consulenti possano arrivare a voltarsi e offrire un consiglio di avvertimento? COSMIC è concesso solo ai presidenti degli Stati Uniti dopo essere stato in carica due anni e mezzo; è un protocollo di lunga data. Quindi attendiamo con respiro affannoso su ciò che potrebbe spifferare; non è un uomo noto per frenare le sue opinioni. Non mi interessa se ti piace o no, è una realtà storica e una personalità imprevedibile. La misura in cui i suoi stretti consulenti hanno un impatto sulla politica della Casa Bianca è discutibile in quanto sembrano cambiare regolarmente. Bagnati il ​​dito e tienilo nel vento.

All’inizio di questo secolo un hacker informatico britannico accedeva a varie piattaforme informatiche limitate e ricavava alcuni frammenti di dati curiosi e inspiegabili. Elenco di “ufficiali non terrestri” e il nome di otto navi che non compaiono nei registri della flotta navale degli Stati Uniti; significativamente intitolato a illustri scienziati noti per essere stati consultati sulle prospettive e le implicazioni di contatti extraterrestri sulla nostra civiltà. Il consenso concordato apparentemente sembrava che era una patata troppo calda per condividerla generalmente con il pubblico come è successo dopo la seconda guerra mondiale, coinvolto nelle preoccupazioni per l’ascesa del potere sovietico e non aveva bisogno della distrazione di pensare oltre il prossimo gioco della palla e sicurezza economica. Come nel caso del Regno Unito in questo momento, con la feroce ossessione per la Brexit e le varie opinioni sui benefici o sulle tariffe commerciali. Uno dei più alti funzionari della UE è stato registrato pubblicamente come se pensasse che la situazione fosse controllata da entità del mondo – una dichiarazione molto curiosa, quasi provocatoriamente come il discorso del presidente Reagan all’ONU, riferendosi a come il mondo potrebbe riunirsi in unica difesa di un nemico alieno?

Sappiamo che l’hacker britannico ha certamente toccato alcune cose delicate, dato che l’amministrazione americana era decisa a perseguirlo, ma si è risolta in modo intelligente quando si è reso conto che un procedimento giudiziario in tribunale avrebbe probabilmente portato alla luce più di quanto non fosse già passato sul muro. Potrebbe essere fatto passare e cancellare come un altro pazzo e le sue affermazioni troppo ridicole per essere considerate reali, ma lo erano? Voi gente sapete bene quanto io sappia quali segreti oscuri vengono conservati per decenni a porte chiuse, anche su un accordo quasi reciproco non scritto tra i superpoteri per prevenire la proliferazione. In quel momento, Arthur C. Clarke aveva scoperto che, insieme ai viaggi nello spazio, l’esplosione della conoscenza cibernetica e la necessità di gestire l’intelligenza artificiale mentre le nostre abilità in questo campo si espandevano esponenzialmente. Dicevano che raddoppiavano ogni due anni circa.

Quando quella “fabbrica chimica” (sic) che è esplosa nella Repubblica Popolare Cinese tre anni fa, era solo a un miglio da uno dei “Super Computer” cinesi. L’impianto è stato spento, ma sembra non essere stato danneggiato gravemente. Forse una missione fallita nella sua intenzione, o non è stata studiata la zona di esplosione ad alta temperatura attorno a quelle due esplosioni di “funghi” e l’enorme impronta di un cratere nel terreno, stranamente simile alle orme di test nucleari a bassa resa. I super computer o le intelligenze “AI” rivali hanno guerre silenziose l’una con l’altra e sono un po’ più spietate o draconiane degli umani con un fardello sbrindellato sulla spalla e qualcosa chiamato coscienza?

Il che è la domanda ovvia che se abbiamo già sviluppato alcune forme di armi energetiche dirette DEW (fasci di microonde guidati ad alta potenza LASER) e queste potrebbero essere utilizzate come nella tradizione di Star Wars ora nello spazio o su stazioni senza personale o finanziate dai bilanci neri quanto controllo esercitiamo su di loro? Con i sovietici che vantano di avere sottomarini telecomandati armati di testate nucleari in agguato sulle coste americane, pronti se necessario a creare super tsunami, quanto possiamo essere sicuri che tali sistemi non possano essere dirottati da sistemi di intelligenza artificiale molto intelligenti e utilizzati per aiutare a eliminare elementi non produttivi di un Nuovo Ordine Mondiale ampiamente automatizzati – come Neom City, Arabia Saudita?

Fonte: https://www.veteranstoday.com/

®wld

L’Internet tecnocratica della cose

 

WI-FI globale 5G: non crederai a quello che hanno pianificato per l’umanità – Con David Icke 

Dalla stampa per la verità

Un sistema globale 5G è attualmente in fase di implementazione e nessuno sembra preoccuparsene. Come i porcellini d’India in un esperimento, stiamo per essere portati in una strada di incertezza che non solo influirà sulla nostra salute e sulla nostra privacy, ma soprattutto cambierà ciò che significa essere umani per tutti coloro che entrano in contatto con essa.

In questo video Dan Dicks di Press For Truth parla con David Icke dell’autore e presentatore di questo sistema globale 5G, quali sono i problemi di salute e privacy e, ancora più importante, in che modo intendono usarlo per manipolare i nostri stessi pensieri ed emozioni come uomo e la macchina si fonde lentamente in una zuppa tossica di transumanesimo.

Fonte: https://www.activistpost.com/

********************************* 

5G: effetti nocivi di una nuova tecnologia

di Jon Rappoport

* Vedi “5G Radiation Dangers-11 Motivi per cui preoccuparsi”, di Lloyd Burrell (twitter), su electricsense.com. Vale la pena leggere.

* Naturalmente, leggi il classico istantaneo di Patrick Wood (twitter), Technocracy Rising, che spiega l’agenda nascosta del Globalismo nel 21° secolo. Il blog di Patrick è qui.

“Insieme al 5G arriva un’altra cosa: Internet of Things. Se la guardi … il livello di radiazione aumenterà enormemente eppure l’industria ne è molto entusiasta … proiettano il business 5G / IoT in un business da 7 trilioni di dollari.” – Prof. Girish Kumar, Professore presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica presso IIT Bombay

Il 5G, l’ultimo e il più grande metodo di trasmissione wireless più veloce, sta arrivando con una tempesta.

I governi lo stanno promuovendo come se il futuro dell’umanità dipendesse da esso. Deve essere implementato.

Quando i governi e le multinazionali vedono la luce del giorno tecnologico su per la strada – e un sacco di soldi – corrono verso di essa uniti al fianco. Le conseguenze sono dannate.

E ora, 5G.

Voglio 5G, e anche 6G, la tecnologia negli Stati Uniti il ​​più presto possibile. È molto più potente, più veloce e più intelligente dello standard attuale. Le aziende americane devono intensificare i loro sforzi o rimanere indietro. Non c’è motivo per cui dovremmo essere in ritardo su ………

– Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 21 febbraio 2019

… Qualcosa che è così ovviamente il futuro. Voglio che gli Stati Uniti vincano attraverso la competizione, non bloccando le tecnologie attualmente più avanzate. Dobbiamo essere sempre i leader in tutto ciò che facciamo, specialmente quando si tratta del mondo della tecnologia molto eccitante!

– Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 21 febbraio 2019

Alcune delle molte aziende coinvolte includono Samsung, Intel, Qualcomm, Nokia, Huawei, Ericsson, ZTE. Questa è un’operazione globale e molti governi stanno appoggiando la spinta.

E il consumatore cosa ottiene? La capacità di guardare le repliche di Law & Order che sta già guardando? La sua attuale ricezione TV non è abbastanza buona? Gli elettrodomestici nella sua casa saranno tutti collegati a Internet e parlano tra loro e spiano su di lui e registrano il suo consumo di energia, in congiunzione con contatori intelligenti, per il bene più grande.

In qualche modo, hai davvero bisogno del tuo tostapane connesso a Internet? Lo vuoi? Non puoi andare d’accordo senza quello?

SENZA DUBBIO, UNA PARTE CHIAVE DEL PROGRAMMA 5G LO È, NELL’EVENTUALITA’, LO SONO NUMEROSE AUTOVETTURE SULLE STRADE DI TUTTO IL MONDO. Questo è il piano. Le auto sono collegate e parlano tra loro. Gli umani non hanno alcun ruolo in questo. L’Internet of Things tecnocratica decide come, in qualsiasi momento, regolare i flussi di traffico. Gli umani imparano a essere passivi.

E CON L’INTERNET DELLE COSE, L’ELITE TECNOCRATICA POTRÀ INSTALLARE QUOTE E SOFFITTI PER L’USO ENERGETICO PER OGNI PERSONA ED ESERCITARE IL CONTROLLO TOP-DOWN SUL PIANETA.

“Sig. Jones, questa è la voce della tua casa che parla. Hai raggiunto il limite assegnato del tuo consumo di energia per il mese. Cerca di andare avanti senza energia fino a quando il lotto del mese prossimo sarà online …”

Su electricsense.com (5/12/17), veniamo a conoscenza del presunto “upside” del 5G:

“5G e IoT [Internet of Things] promettono di connetterci nelle nostre case, scuole, luoghi di lavoro, città, parchi e spazi aperti a oltre un trilione di oggetti in tutto il mondo. Promette auto che si guidano da sole, lavatrici che ordinano detersivi e addolcitori e, naturalmente, download e streaming super veloci.”

“Secondo Fortune.com il 5G supporterà almeno 100 miliardi di dispositivi e sarà da 10 a 100 volte più veloce rispetto all’attuale tecnologia 4G. (4G era già circa 10 volte più veloce del 3G).”

“Porterà la velocità di download fino a 10 Gigabit al secondo. Ciò consentirebbe a un intero edificio di persone di inviarsi reciprocamente i dati in brevissimo tempo, migliorando così la produttività”.

Ora, electricsense.com ci porta nel disastro del 5G:

“5G utilizzerà celle di cellulari più piccole (e la tecnologia del beamforming) che rimescoleranno / decodificheranno e reindirizzerà pacchetti di dati su un percorso senza interferenze. Questo potrebbe significare antenne wireless su ogni lampione, palo, casa e lavoro in interi quartieri, di città in città.”

“Migliaia di studi collegano le esposizioni radiofoniche a radiofrequenza di basso livello a un lungo elenco di effetti biologici avversi, tra cui:

  • Le rotture DNA single e double strand
  • danno ossidativo
  • interruzione del metabolismo cellulare
  • aumento della permeabilità della barriera emato-encefalica
  • riduzione della melatonina
  • interruzione del metabolismo del glucosio cerebrale
  • generazione di proteine ​​da stress”

“Dato che il 5G è impostato per utilizzare le frequenze sopra e sotto le bande di frequenza esistenti, 5G si trova nel mezzo di tutto questo. Ma la tendenza (varia da paese a paese) è di utilizzare il 5G sulle bande di frequenza più alta. Il che porta le sue preoccupazioni particolari …”

“La più grande preoccupazione è come queste nuove lunghezze d’onda influenzeranno la pelle. Il corpo umano ha tra due milioni e quattro milioni di condotti del sudore. Il dott. Ben-Ishai della Hebrew University, Israele, spiega che i nostri dotti di sudore agiscono come “una schiera di antenne elicoidali esposte a queste lunghezze d’onda”, il che significa che diventiamo più conduttivi. Un recente studio di New York che ha sperimentato le onde a 60 GHz ha dichiarato che “le analisi della profondità di penetrazione mostrano che oltre il 90% della potenza trasmessa viene assorbita nell’epidermide e nello strato del derma”.

“Gli effetti delle MMW [onde millimetriche] studiati dal dott. Yael Stein dell’Università Ebraica si dice che causino anche dolore fisico agli umani mentre i nostri nocicettori si infiammano in riconoscimento dell’onda come stimoli dannosi. Quindi stiamo esaminando le possibilità di molte malattie della pelle e il cancro, nonché il dolore fisico alla nostra pelle.”

“Uno studio del 1994 ha rilevato che le radiazioni a microonde a basso livello di millimetro producevano l’opacità delle lenti oculari nei ratti, che è legata alla produzione di cataratta”.

“Un esperimento condotto dall’Istituto di ricerca medica dell’Università medica di Kanazawa ha scoperto che le antenne a onde millimetriche da 60 GHz possono causare lesioni termiche di diversi tipi di livelli. Gli effetti termici indotti dalle onde millimetriche possono apparentemente penetrare sotto la superficie dell’occhio.”

“Uno studio russo del 1992 ha rilevato che le frequenze comprese tra 53-78 GHz (quella che 5G propone di utilizzare) hanno influenzato la variabilità della frequenza cardiaca (un indicatore di stress) nei ratti. Un altro studio russo su rane la cui pelle è stata esposta a MMW ha rilevato variazioni della frequenza cardiaca (aritmie).”

“5G userà onde millimetriche pulsate per trasportare informazioni. Ma come sottolinea il Dr. Joel Moskowitz, la maggior parte degli studi 5G è fuorviante perché non pulsa le onde. Questo è importante perché la ricerca sulle microonde ci dice già come le onde pulsate hanno effetti biologici più profondi sul nostro corpo rispetto alle onde non pulsate. Precedenti studi, ad esempio, mostrano come le frequenze del polso delle frequenze portassero alla tossicità genetica e alla rottura del filamento di DNA”.

Questo è solo un esempio degli effetti disastrosi del 5G. C’è molto di più.

“AT & T ha annunciato la disponibilità del loro 5G Evolution ad Austin, in Texas. 5G Evolution consente agli utenti di Samsung S8 e S8 + di accedere a velocità più elevate. Questo fa parte del piano di AT & T per gettare le fondamenta 5G mentre gli standard sono in via di definizione. Questo dovrebbe accadere verso la fine del 2018. AT & T ha occhi in 19 aree metropolitane come Chicago, Los Angeles, Boston, Atlanta, San Francisco e così via. Indianapolis è sulla prossima pista 5G che arriverà in estate [2018]. “

È pieno di energia per il 5G sul pianeta Terra.

Profitti, controllo dall’alto verso il basso, nuova tecnologia: perché preoccuparsi di studi approfonditi sulla salute?

Una volta che gli effetti sulla popolazione prendono piede, i medici faranno diagnosi di MALATTIE che sembrano non avere nulla a che fare con il 5G. Lo chiameranno Sindrome da Stanchezza Cronica, o una varietà di disturbi del sangue, cercheranno IL VIRUS e svilupperanno nuovi farmaci …

Fonte: https://jonrappoport.wordpress.com/

®wld

Latente tossicodipendenza dei bambini

Genitori attenzione: una generazione di bambini tossicodipendenti

Wikimedia Commons

Inserito da: Katherine Rushton

La naturale inclinazione umana verso la dipendenza è già abbastanza grave, ma gli algoritmi di YouTube guidano volutamente la gioventù verso materiale inappropriato e inquietante che non dovrebbe impressionare le giovani menti. Se hai figli o nipoti, questo è un articolo da leggere. ⁃ Editor TN

I bambini sono diventati tali tossicodipendenti che stanno abbandonando i loro amici e gli hobby, oggi un importante rapporto ci avverte avverte.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini al di sotto dei cinque anni trascorrono un’ora e 16 minuti al giorno online. Il tempo di visualizzazione dello schermo è di quattro ore e 16 minuti quando sono inclusi giochi e televisione.

I giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni trascorrono in media quasi tre ore al giorno sul web, oltre a due ore in più guardando la TV. Lo studio ha detto che YouTube è stata “una caratteristica quasi permanente” di molte giovani vite e sette su dieci di età compresa tra i 12 e i 15 anni hanno portato gli smartphone a letto.

Conclusione: “I bambini guardavano le persone su YouTube a perseguire gli hobby che non avevano fatto da soli o che avevano abbandonato di recente offline”.

Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

Il principale studio di Ofcom arriva quando l’analisi mostra che gli iPad possono ostacolare lo sviluppo dei bambini

Quasi il 20% dei bambini con meno di cinque anni ha una compressa, che sale alla metà dei bambini più grandi (immagine)

Gli attivisti hanno descritto il rapporto del controllore dei media Ofcom come terrificante.

“Nei primi anni, i bambini hanno bisogno di interagire con altre persone e giocare – è fondamentale per le loro abilità sociali”, ha affermato Sue Palmer del gruppo Toxic Childhood.

‘Se ciò non accade quando sono piccoli, non so dove conduce. C’è lo stesso tempo dello schermo e poi c’è lo spostamento dell’ora sullo schermo.”

Il rapporto annuale, basato su 2.000 interviste, ha rivelato anche che:

  • I bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni trascorrono 20 minuti in più online al giorno che a guardare la TV;
  • Un bambino su cinque pre-scolaresca e due quinti dei bambini di età compresa tra cinque e otto anni hanno un dispositivo iPad o tablet;
  • Un quinto dei bambini di età compresa tra 8 e 12 anni è sui social media – nonostante un presunto divieto di minori di 13 anni;
  • Quasi un bambino su cinque tra i 12 e i 16 anni ha speso accidentalmente denaro online.

I bambini di tre e quattro anni guardano ancora più la televisione rispetto ai video online, ma il loro consumo televisivo si sta riducendo mentre il loro tempo online è sbalorditivo.

Molti si affollano su YouTube e trascorrono ore a guardare video a misura di bambino come il modo di fabbricare la melma o disegnare animali. Altri cercano video “unboxing” in cui le stelle di YouTube sfornano nuovi prodotti.

Alcuni giovani stanno diventando così ossessionati dalle celebrità di YouTube che li idolatrano come modelli di riferimento, ha affermato il rapporto Ofcom.

Alcuni caricano i loro video, sperando di fare carriera da soli. Disturbingly, molti guardano lo stile di vita dei “vlogger” che perseguono gli hobby e interagiscono con gli amici invece di farlo da soli.

Molti nuovi genitori considerano l’opportunità di offrire ai loro figli un iPad o un tablet con cui giocare considerandoli essere una manna dal cielo – ma le cifre mostrano che più giovani si stanno allontanando dai vecchi hobby

Ofcom ha parlato con un numero di bambini che avevano abbandonato i loro hobby – come disegnare e fare acrobazie in scooter – per guardare film su YouTube.

Un bambino che si è descritto come “molto arty” ha ammesso di aver provato raramente qualsiasi tipo di artigianato, e ha preferito guardare gli altri a essere creativi online.

Alcuni giovani hanno dichiarato di socializzare meno con gli amici, perché uscire di casa era “troppo sforzo” quando potevano interagire con loro online.

“YouTube è stata una caratteristica quasi permanente della vita di molti bambini, utilizzata durante il giorno”, hanno affermato i ricercatori.

Ma molti bambini che vanno online per guardare video innocui si trovano a guardare materiale profondamente inquietante. Spesso incontrano contenuti non adatti per sbaglio, quando cercano qualcos’altro.

A volte cercano semplicemente materiale che sono troppo giovani per vedere. Sono anche guidati da questo algoritmo di YouTube che fornisce loro suggerimenti basati sui loro gusti, ha rilevato Ofcom.

Solo uno su cento dei minori di 5 anni ha uno smartphone, ma a 11 è cresciuto del 35%

I bambini preferiscono YouTube ai servizi televisivi o TV on-demand vecchio stile perché “potevano facilmente accedere esattamente a ciò che volevano vedere e venivano offerti con un flusso infinito di raccomandazioni su misura per i loro gusti”, afferma il rapporto.

Molti dei genitori coinvolti nella ricerca sono rimasti scioccati nello scoprire cosa stavano guardando i loro figli. Due quinti di quelli con bambini dai 5 ai 15 anni temevano che i loro figli fossero sotto pressione per spendere soldi sul web.

La metà era preoccupata per le imprese tecnologiche che raccoglievano troppe informazioni sui loro figli, e circa un terzo temeva che i loro figli vedessero contenuti inadatti o fossero radicalizzati dagli estremisti.

Nonostante queste paure, molti genitori di adolescenti hanno ammesso di avere difficoltà a controllare la quantità di tempo trascorso dai loro figli online.

Secondo il rapporto parte del problema era che i giovani preferiscono guardare i contenuti sul web da soli.

Guardano la TV in diretta come un’attività di famiglia, ma si sentono molto più a loro agio su un dispositivo che possono controllare in privato.

I bambini usano spesso più schermi contemporaneamente, ma le ore che dedicano a ciascuno vengono contate separatamente per la ricerca Ofcom.

Stanno anche utilizzando più profili di social media per progettare un ‘immagine perfetta’ e per evitare il bullismo. Il numero di persone di età compresa tra 12 e 15 anni vittime di bullismo online è quasi raddoppiato dal 5% nel 2017 al 9% l’anno scorso.

I giovani ora usano spesso diversi account per progettare diverse versioni di se stessi in modo che il loro “sé reale” possa evitare lo stigma sociale, afferma il rapporto.

Più della metà dei bambini intervistati ha affermato che i social media presentano un’immagine non realistica, e alcuni ricercatori hanno affermato che i filtri glamour e lusinghieri per renderli più “graziosi” sono stati utilizzati in molti casi. Circa il 20% delle ragazze ha dichiarato di aver bisogno di apparire online sempre “online” rispetto a solo l’11% dei ragazzi.

Il cane da guardia ha scoperto che i bambini dovevano affrontare il bullismo sempre più spesso attraverso servizi come WhatsApp.

La scorsa settimana il padre della quattordicenne Molly Russell ha accusato Instagram per la sua morte, dopo aver visto post sul social network che ha affascinato il suicidio e l’autolesionismo.

Anche la piattaforma YouTube di proprietà di Google è stata messa sotto accusa per consentire jihadisti, attivisti di estrema destra e predicatori di odio.

****************************

Come gli iPad possono ostacolare lo sviluppo

Lasciare che i bambini in età prescolare giochino su iPad e guardino un sacco di televisione può danneggiare il loro sviluppo, hanno scoperto i ricercatori.

Hanno detto che quelli che sono stati esposti maggior tempo sullo schermo all’età di due anni hanno mostrato abilità generali più limitate all’età di tre anni.

I ricercatori, dell’Università di Calgary in Canada, hanno dichiarato: “I media e gli schermi digitali sono ormai onnipresenti nella vita dei bambini.

“Sebbene siano stati identificati alcuni benefici del tempo sullo schermo interattivo di alta qualità, il tempo di schermatura eccessivo è stato associato a deleteri risultati fisici, comportamentali e cognitivi. Lo studio ha esaminato i risultati durante un periodo critico di crescita e maturazione, rivelando che il tempo trascorso sullo schermo può interferire con la capacità dei bambini di svilupparsi in modo ottimale.

“Quando osservano gli schermi, possono mancare importanti opportunità per praticare e padroneggiare le capacità interpersonali, motorie e comunicative.”

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica JAMA Pediatrics, monitorava 2.400 bambini.

Leggi l’articolo completo in lingua originale qui …

Fonte: https://www.dailymail.co.uk/

®wld

Il 2019 secondo Isaac Asimov

 

 Le sconcertanti predizioni di Isaac Asimov per l’anno 2019

dal Sito Web PijamaSurf 

traduzione di Nicoletta Marino  

Versione originale in spagnolo  

Versione similare in inglese 

Nel 1984, anno emblematico, il veggente Isaac Asimov ha fatto un esercizio di profezia per l’anno 2019 e i suoi pronostici sono stati sorprendentemente avvenuti.

Isaac Asimov è uno degli autori più celebri della fantascienza, in particolare di quella detta “epoca d’oro del genere” cioè la seconda metà del XX secolo, quando visse in concomitanza con scrittori come

  • Ray Bradbury
  • Stanisław Lem
  • Ursula K. Le Guin,

…fra i tanti.

Asimov fu un autore il cui stile si basò soprattutto sulla sua conoscenza enciclopedica, che nel caso delle sue opere letterarie, fu fondamentale per immaginare universi interi, panificati fino al minimo dettaglio, che anche se con una fantasia tra le più stravaganti, offrono al lettore le verosimiglianza e lo sconcerto necessario per rendere piacevole la lettura.

Questa erudizione, che si espresse nello scrivere quasi 500 libri con diverse satire, rese Asimov anche un lucido intellettuale, capace di capire il divenire umano e le contraddizioni della nostra natura e della nostra storia.

Con questo spirito, nel 1964 lo scrittore inviò un articolo a The New York Times dal titolo “Visita La Fiera Mondiale del 2014”, dove aveva immaginato come sarebbe stato il mondo 50 anni dopo.

19 anni dopo, all’inizio del 1984 (altro anno emblematico per la fantascienza) Asimov ripeté questo esercizio di immaginazione profetica, questa volta per la rivista The Star (Isaac Asimov wasasked by ‘The Star’ 35 Years ago to Predict the World of 2019 – Here is what heWrote), e descrisse il mondo come egli supponeva avrebbe potuto essere nel 2019.

Lo scrittore iniziò le su predizioni con una premessa necessaria, che col senno di poi si dimostrò vera:

Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica avrebbero evitato di fare una guerra nucleare, poiché questo avrebbe voluto dire avere una situazione di “miseria globale”.

Dopo questo punto, si dedicò ad altri due assi che a suo parere avrebbero dominato il futuro:

  • la “computerizzazione” della vita
  • l’utilizzo dello spazio esterno

“I computer sono diventati essenziali ai governi delle nazioni industrializzate e per l’industria mondiale, e adesso stanno iniziando a trovare il loro posto nelle case”, scrisse Asimov con una notevole perspicacia, notando già in quell’anno che quei dispositivi sarebbero divenuti indispensabili per l’essere umano.

Asimov intese questa dipendenza dai computer come un effetto della complessità acquisita dalle società moderne a cui il sistema computerizzato offre una certa possibilità di ordine o almeno di non cadere nel caos.

Per questo secondo lo scrittore nel futuro delle società

“richiederanno con veemenza i computer come adesso fanno per le armi”.

Comunque, l’autore di “Io, Robot” intravide anche il fatto che detta tendenza informatica avrebbe trasformato radicalmente l’idea di lavoro con la quale l’essere umano aveva vissuto negli ultimi anni e di conseguenza, informatizzare la vita, “avrebbe distrutto le nostre menti”

…in particolare quelle di coloro che per molti anni si erano sforzati di trovare un equilibrip nel lavoro realizzato che giustamente i computer avrebbero rotto.

Per quanto riguarda il lavoro, Asimov seppe intravedere che i computer e l’informatica “rendono automatici” diversi processi dell’esistenza, che per il loro carattere meccanico e routinario possono essere realizzati da macchine e robot.

In questo senso, lo scrittore suppose che molti lavori relativi all’assemblaggio o ripetitivi, sarebbero scomparsi. In cambio, per questo contesto sarebbe stata necessaria una ampia educazione dei processi computerizzati.

Quindi per Asimov questo sarebbe stato uno dei cambiamenti fondamentali per il modo di educare le nuove generazioni, una specie di “alfabetizzazione computerizzata” alla quale avrebbero aspirato intere popolazioni.

In questo senso, lo scenario sarebbe simile a quello della Rivoluzione Industriale del secolo XIX e la necessità che portò con sé di una grande quantità di persone educate in maniera elementare, minimo col saper leggere e scrivere, il che diede luogo alla nascita della nozione di educazione pubblica.

Insomma, per Asimov la particolarità del secolo XXI sarebbe stato un adattamento più rapido, forse più rapido di quanto la società sarebbe stata capace di realizzare, il che avrebbe diviso la popolazione in due grandi gruppi:

  • coloro che avrebbero potuto essere educati secondo le esigenze della nuova società computerizzata
  • e coloro che no…

I primi, avrebbero trovato posto nel mondo, ma per gli altri, la “transizione” tra

le forme di organizzazione sociale sarebbe stata doloroso e angusta.

Più precisamente, Asimov nello scenario di questa transizione intravide queste possibilità: (le citazioni sono testuali):  

Primo:

La popolazione continuerà a crescere per alcuni anni da adesso in poi, il che renderà la transizione ancora più difficile.

I governi non potranno ignorare il fatto che nessun problema fintanto che gli stessi si acutizzeranno ad una velocità più grande di quella con cui possono risolversi.Sotto questo aspetto, Asimov considerava il fatto che nel 2019 sarebbero esistite misure per controllare il tasso di nascite del mondo per raggiungere così una certa stabilità nella crescita della popolazione. 

Secondo:

Le conseguenze della irresponsabilità umana in termini di spreco e contaminazione diventeranno sempre più evidenti e intollerabili; i tentativi per risolvere questa situazione saranno sempre più estenuanti.

C’è da sperare che per il 2019 i progressi tecnologici ci diano gli strumenti per accelerare il processo secondo cui si trasformerà il deterioramento dell’ambiente.

Terzo:

Ci sarà una cooperazione sempre più grande tra le nazioni e i gruppi all’interno delle nazioni, non per un suggerimento repentino di idealismo o di decenza, ma per la nuda certezza che qualcosa meno di questo significherebbe la distruzione di tutti noi.E sebbene questo ultimo punto sembrerebbe positivo, per Asimov presupponeva anche un’opportunità per alimentare i conflitti tra le nazioni.

Insomma,

“la sconfitta dovuta alla sovrappopolazione, la contaminazione e la militarizzazione”,

…furono i tre principali rischi che l’autore della Trilogia della Fondazione

 presupponeva che sarebbero avvenute nell’anno in cui ci troviamo.

Però, Asimov fu ottimista almeno per un aspetto:

l’educazione.

Non grazie alla scuola, ma soprattutto grazie all’ubiquità dei computer.

Secondo lui, dal momento che in ogni casa ci sarebbe stato un computer, specialmente i membri più giovani della famiglia avrebbero potuto imparare da soli e secondo il loro ritmo tutto quello che volevano, spinti solo dalla loro curiosità.

Per questo fatto, è possibile dire che lo scrittore ebbe ragione anche se in parte, poiché sebbene i dispositivi sui quali contiamo oggi in effetti ci permettono di accedere a grandi branche della conoscenza, l’uso che se ne fa nella gran parte non è proprio a questo fine.

Con lo stesso tono ottimistico Asimov scrisse:

Fintanto che i computer ei robot faranno il lavoro nella società – poiché così il mondo nel 2019 sembra che sempre più possa “guidarsi da solo” – sempre più esseri umani si ritroveranno a vivere una vita fatta di ozio.

Asimov ebbe lo stesso sogno di Bertrand Russell agli inizi del secolo XX e quello degli utopisti inglesi del secolo precedente:

le macchine ci “libereranno” dal lavoro per permettere che l’essere umano raggiunga la sua realizzazione.La cosa certa è che una rivoluzione tecnologica dopo l’altra, ogni progresso significa per la stragande maggioranza della popolazione umana più e più lavoro, non “una vita piena di ozio”… 

Finalmente, sul punto “dell’utilizzo dello spazio”, Asimov auguro all’essere umano di ritornare sulla Luna, non solo in una missione comandata dal governo statunitense ma con un gruppo internazionale.

Allo stesso tempo, lo scrittore presupponeva che il proposito di questo nuovo allunaggio non sarebbe stato solo un’esplorazione ma un vero e proprio sfruttamento del suolo lunare:

si sarebbe trovata una zona che avrebbe permesso l’estrazione di minerali che poi sarebbero trasformati in ceramica, metalli e calcestruzzo.Secondo Asimov, l’estrazione sulla Luna sarebbe stato il primo passo per la sua colonizzazione.

In un primo momento che oggi sembra molto fantasioso, lo scrittore immaginò anche che sul satellite naturale della Terra si sarebbe costruito un impianto di raccolta di energia solare, che si sarebbe inviata sul nostro pianeta sotto forma di microonde.

Sebbene con questi pronostici Asimov si sbagliò sui suoi doni da profeta, sulla loro necessità di fondo, è possibile che non si sia sbagliato.

In effetti:per lo scrittore la colonizzazione della Luna o l’impianto di raccolta di energia solare, non erano essenziali o capricci della nostra specie, ma erano una risposta alla reale necessità di energia che si sarebbe presentata sul pianeta Terra.

Una specie di crisi per cui l’unica soluzione sarebbe stato il lavoro congiunto e in condizioni pacifiche tra tutte le nazioni del mondo.

In caso contrario, il fantasma della guerra, sarebbe apparso immediatamente il fantasma della guerra.

L’energia sarebbe stata molto necessaria per tutti e data unicamente se le nazioni sarebbero rimaste in pace e lavorassero insieme, allora quella guerra diverrebbe impensabile per richiesta del popolo.

Il testo di Asimov è comunque più lungo e si può trovare nella lingua originale qui

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

La Cina e l’arma del 5G

 

Il generale degli Stati Uniti in pensione mette in guardia dalla Cina “Città d’armi” attraverso la propria rete 5G

Un ex funzionario dell’amministrazione Trump ha dipinto un’immagine terrificante della Cina utilizzando le reti mobili per richiamare un’apocalisse nel caso in cui Pechino sviluppasse la propria rete globale 5G.

Alla Cina non deve mai essere permesso di sviluppare una rete globale di 5G, ha dichiarato il generale americano Robert Spalding (in pensione), un ex funzionario dell’amministrazione Trump, che ha prestato servizio nel Consiglio di sicurezza nazionale fino all’anno scorso.

Secondo l’ex generale di brigata dell’Aeronautica militare, la Cina introdurrà una sorveglianza di massa e un controllo diffuso se sarà possibile dominare le reti 5G collegando miliardi di dispositivi connessi all’Internet delle Cose (IoT).

Una volta che la Cina controlla i mercati di produzione e vendita al dettaglio di dispositivi IoT, afferma Spalding, Pechino sarà in grado di “armare le città”, citatazione fatta da Fortune.com.

“Pensa alle auto che guidano da sole che improvvisamente falciano i pedoni ignari, pensa ai droni che volano nelle prese degli aerei di linea” dichiarò il soldato di carriera. 

“Più siamo connessi e il 5G ci renderà di gran lunga il più connessi, più diventiamo vulnerabili”, ha aggiunto Spalding.

Non è stato rivelato da Spalding nel suo memeo esattamente come la Cina avrebbe potuto realizzare il suo dominio mondiale dell’IoT, in quanto gli standard 5G sono condivisi a livello globale per la compatibilità dei dispositivi, in modo simile al modo in cui una persona può facilmente trovare informazioni sulle precedenti generazioni di reti wireless online.

L’opinione di Spalding secondo cui le aspirazioni della Cina devono essere neutralizzate da una rete 5G proprietaria e sicura solo negli USA, vedrebbe una tecnologia per monitorare i dispositivi di rete integrati nella rete stessa, completa con la capacità di “isolare [un dispositivo Iot] dall’avversario se diventasse virulento.”

Spalding non ha definito un ruolo di governo in una rete futura, ma ha affermato che potrebbe essere costruito da una società “con accesso e con abbastanza onde radio”, secondo un rapporto Bloomberg.

Alla fine, qualsiasi rete 5G degli Stati Uniti deve “spingere i ZTE e Huawei fuori da altre democrazie”, ha osservato Spaulding, citato dal South China Morning Post (SCMP). 

Huawei e ZTE sono due aziende cinesi accusate dagli Stati Uniti di lavorare per conto del governo cinese – accuse che le aziende negano.

Contattato da Bloomberg, Spalding – che non è noto per essere collegato a qualsiasi società di lobbying delle telecomunicazioni di Beltway – ha affermato di aver scritto il promemoria, aggiungendo che è stato distribuito a diversi professionisti della sicurezza nazionale che ha rifiutato di identificare.

Spalding ha offerto un piano analogo lo scorso anno, che è stato divulgato alla stampa, causando proteste da parte di aziende tecnologiche e legislatori repubblicani, i quali hanno affermato che la visione di Spalding potrebbe sminuire il ruolo delle società private.

La rete wireless di quinta generazione, conosciuta popolarmente come 5G, è uno standard di telecomunicazioni wireless in fase di sviluppo da parte di provider commerciali che mirano a realizzare connessioni 10-100 volte più veloci rispetto all’attuale servizio 4G. La rete dovrebbe essere abbastanza veloce da supportare veicoli autonomi, elettrodomestici intelligenti e persino robot chirurgici.

Fonte: https://sputniknews.com/

®wld