Archivi categoria: Geopolitica

Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare

 

La guerra programmata contro l’Iran 

In realtà, la guerra contro l’Iran è già in corso da un po’ di tempo, almeno dal 1953, quando un colpo di stato della CIA contro il governo legalmente eletto di Mohammed Mosaddegh portò al potere il dittatore spietato, Mohammad Reza Pahlavi, che a sua volta fu rovesciato da una rivolta popolare nel 1979.  

Naturalmente, il gioco allora, come ora, ruotava attorno al fatto che l’Iran si trova in cima a una vasta riserva di petrolio. Oggi più che mai, l’USA ambisce alle riserve petrolifere iraniane. La ragione fondamentale è piuttosto semplice: il potere e l’influenza globali dell’impero USA sono radicati nella sua emissione e nell’uso globale del petro-dollaro, così chiamato perché basato sul petrolio e sul commercio globale di petrolio, e anche secondariamente in altri prodotti, beni e servizi, molti dei quali sono anche direttamente o indirettamente petroliferi o dipendenti: automobili, plastica, aerei / aviazione, trasporti pubblici, prodotti agricoli, fertilizzanti, ecc.  

Il problema per gli USA è che sempre più nazioni stanno abbandonando il petro-dollaro nel commercio internazionale, relegando sempre più il petro-dollaro all’irrilevanza, o almeno molto meno alla rilevanza, in modo tale che il suo status come valuta di riserva globale viene definitivamente e nettamente messo in questione.  

Ad esempio, tre settimane fa, la Cina e la Russia hanno firmato un accordo per sviluppare il commercio bilaterale nelle rispettive valute nazionali, il rublo e lo yuan, aggirando efficacemente il dollaro. Dato che esistono già accordi per diverse centinaia di miliardi di dollari di esportazioni di petrolio dalla Russia verso la Cina, questo non è un passo insignificante.

 

E due settimane fa, i funzionari della Russia e dell’Unione europea (UE) hanno annunciato che vogliono “estendere rapidamente” l’uso dell’euro e del rublo nei pagamenti tra la Russia e l’UE, eliminando efficacemente il petro-dollaro dal loro commercio bilaterale.  

La scritta è sul muro. Il petro-dollaro è destinato a un rapido, rapido declino. Cina, Russia, UE: questi sono i maggiori poteri globali.  

Il potere dell’Impero USA è basato sull’uso globale del petro-dollaro. Se il globo abbandona il petro-dollaro, allora l’intero edificio fasullo e folle del controllo globale imperiale basato sul petro-dollaro arriverà a crollare. Quel giorno è duro per l’USA e la sua élite al potere lo sa.  

Questo è assolutamente un fattore enorme nelle continue pressioni politiche, diplomatiche, economiche e militari contro il Venezuela e l’Iran, che si trovano in cima a due delle più grandi riserve di petrolio conosciute sul pianeta.  

Un sistema basato sul petro-dollaro che non ha petrolio da vendere e/o commerciare, che non ha petrolio che controlla, è priva di significato, una contraddizione in termini. È semplicemente una nota storica nell’economia politica globale, niente di più. Di qui le manovre aggressive contro il Venezuela e l’Iran, l’obiettivo trasparente è quello di acquisire la proprietà diretta, o almeno il controllo indiretto, sui loro rispettivi enormi giacimenti di petrolio, per assicurarsi che siano venduti e scambiati sul mercato globale in petrodollari.  

Il mezzo secolo di dominazione globale dei petro-dollari sta rapidamente volgendo al termine. l’USA si sta rapidamente costringendo a una situazione in cui dovrà usare la sua vasta macchina militare per imporre la supremazia globale dei petrodollari, o rischiare di vedere il crollo dei petrolieri e bruciare, mentre il mondo abbandona sempre più il petro-dollaro nel commercio internazionale. Mentre gli oggetti di scena sono cacciati da sotto il petro-dollaro, l’enorme, multi-trilione di dollari, la casa di carte finanziaria eretta sul valore e (presunto) dominio globale del petro-dollaro arriverà a precipitare, e velocemente.  

Siamo a quel punto adesso. La supremazia degli USA sta per finire. Può finire in pace, con una resa dignitosa degli USA alle nuove realtà globali; o può finire in modo iper-violento, se l’USA decide di attaccare militarmente, di imporre la sua volontà schiacciando la forza marziale su altre nazioni.  

Sembra che gli USA abbiano scelto la seconda opzione, la rotta della forza militare. Nelle scorse settimane abbiamo visto una piccola ondata di attacchi contro petroliere nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman. Gli israeliani sono i più probabili colpevoli di questi attacchi con false bandiere, che sono stati erroneamente imputati all’Iran.  

Attacchi di bandiera falsa sono stati usati per secoli per provocare guerre, a volte molto grandi ed estremamente rovinose.   

Si veda ad esempio il seguente elenco di punteggi di attacchi con false flag che sono stati impiegati o programmati nel corso dei secoli:

Leggi QUESTO prima di tifare per la prossima guerra
https://www.zerohedge.com/news/2019-06-21/read-cheering-next-war  

Nulla mi sorprenderebbe di meno in questo frangente di vedere un flagrante, famigerato attacco a bandiera falsa, progettato per oltraggiare il sentimento pubblico e accendere le fiamme della guerra contro l’Iran. Questo sembra essere il modo in cui gli eventi attuali sono di tendenza, e sia Israele che gli USA hanno una storia deprecabile di impiegare attacchi con bandiere false per promuovere i loro obiettivi politici.  

Come succede, Donald Trump si è metodicamente circondato di criminali di guerra e guerrafondai; sono i suoi incaricati personali. Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare sembra certamente che gli USA abbiano optato per la guerra.   

A questo punto, l’Impero non mostra segni di morte tranquillamente o pacificamente. Ha una macchina da guerra globale e sembra che intenda usarla. A parte l’intervento benevolo e divino, gli USA mostrano ogni indicazione di perseguire una guerra contro l’Iran, con l’amo o con la truffa (e anche potenzialmente contro il Venezuela, la Russia – che ha anche enormi riserve di petrolio, Cina, Corea del Nord e altro).   

Questa è una follia. L’inferno sulla terra giace lungo il percorso che l’USA sembra determinato a perseguire.  

Se gli USA persiste nella sua follia, la traiettoria geo-politico-economica-diplomatica-militare che è attualmente in corso non può, e assolutamente non lo farà, finire bene.  

Donald Trump ha annunciato un paio di giorni fa che ha interrotto un imminente attacco militare contro l’Iran, perché uno dei suoi generali gli ha detto che probabilmente 150 iraniani sarebbero stati uccisi.  

Traduzione: uno dei suoi generali, forse il generale Joseph Francis Dunford, Jr., il presidente dei capi di stato maggiore, gli disse che se fosse stato attaccato, l’Iran avrebbe combattuto ferocemente e che le perdite dell’USA sarebbero ammontate a circa 150.000 soldati il teatro medio-orientale-centro-asiatico-indiano, così come la perdita di forse $ 100 miliardi o più in materiale militare come navi, aerei, elicotteri, munizioni, magazzini, camion, carri armati, artiglieria, missili, basi militari e porti militari. In altre parole, un attacco contro l’Iran comporterebbe tremende perdite di rappresaglia che supererebbero di gran lunga qualsiasi cosa nella storia militare degli USA. Ciò farebbe sembrare Chancellorsville e Antietam come i picnic della scuola domenicale.  

Dopo aver visto come l’USA e la NATO hanno ridotto e devastato l’Iraq, l’Afghanistan, la Libia, la Siria, l’ex Jugoslavia, il Vietnam negli anni ’60 e ’70 e la Corea negli anni ’50, gli iraniani andranno sicuramente in difesa della loro gente, della cultura e territorio nazionale.   

I leader militari e politici iraniani hanno ripetutamente, chiaramente e pubblicamente annunciato la loro determinazione ad annientare tutte le forze e le basi USA nella regione, se vengono attaccate. Hanno anche chiarito abbondantemente che livelleranno Tel Aviv e Haifa in Israele.   

Bisogna comprendere che l’Iran può fare tutto ciò con i missili balistici e le munizioni convenzionali; le armi nucleari non sono nemmeno necessarie. Il pubblico non apprezza il potere delle moderne armi termobariche, i cui effetti sono orribilmente incredibili e che possono estendersi su aree relativamente grandi. Dieci grandi testate termobariche consegnate a Diego Garcia, per esempio, avrebbero causato l’inferno sacro e avrebbero potuto effettivamente mettere fuori gioco la base. Gli iraniani possono farlo? Non ci scommetterei contro.   

Hanno certamente missili che possono far fuori qualsiasi gruppo di battaglia nella portaerei nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman, o in qualsiasi base militare USA entro 1.000 miglia dal territorio iraniano.   

Conosco tutto questo e non sono nemmeno un militare. In breve, se l’USA dovesse andare in guerra contro l’Iran, potrebbe aspettarsi la mortalità di massa del personale militare USA e molti miliardi di dollari in perdite nel materiale militare USA, proprio il primo giorno del conflitto.  

Sì, tu dici, ma cosa succede se gli israeliani o gli USA usano le armi nucleari contro le città iraniane? In tal caso, puoi aspettarti che le città israeliane e statunitensi sarebbero oggetto di distruzione.  

Certo, ti ricongiungerai, ma cosa succederebbe se gli israeliani o gli USA distruggessero le strutture nucleari iraniane? Allo stesso modo, aspettiamo che l’inferno nucleare venga in Israele e negli Stati Uniti.

La politica più sana, di gran lunga, sarebbe quella di non attaccare l’Iran e di rimuovere le sanzioni economiche che il regime di Trump ha imposto all’Iran.  

Tuttavia, Donald Trump ha annunciato che domani, il 24 giugno 2019, gli USA imporrà sanzioni economiche ancora più restrittive sull’Iran.  

Come ho detto sopra, se l’attuale traiettoria politica del regime di Trump rimane invariata, allora la situazione non può, e non andrà, finire bene. Non per l’Iran, non per Israele e certamente non per gli USA.   

Se fossi in una posizione politica influente, Consiglierei la pace; ma io non lo sono, e i guerrafondai che occupano quelle posizioni di potere sono un inferno piegato alla guerra. Pertanto, se nulla cambia, la guerra potrebbe essere il risultato.

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/

®wld

Le lunghe mani del Gruppo Bilderberg

 

L’arrivo di Henry Kissinger e di Mike Pompeo al Montreux Palace per la 67^ riunione annuale del Gruppo Bilderberg.   

Le lunghe mani del Gruppo Bilderberg  

di Manlio Dinucci

Da anni si scrivono molte stupidaggini sul Gruppo Bilderberg, sebbene si possa ricostruirne un’immagine affidabile basandosi sulla documentazione disponibile. Molti ricercatori si sono dedicati all’impresa. Il Gruppo Bilderberg non è affatto un governo mondiale, bensì una rete d’influenza che CIA e MI6 hanno formato per sostenere la NATO. 

Tre italiani sono stati invitati quest’anno alla riunione del gruppo Bilderberg, svoltasi a Montreux in Svizzera dal 30 maggio al 2 giugno. Accanto a Lilli Gruber, la conduttrice televisiva de La7 ormai ospite fissa del Bildelberg, è stato invitato un altro giornalista: Stefano Feltri, vicedirettore del Fatto Quotidiano diretto da Marco Travaglio.

Il «terzo uomo» scelto dal Bildenberg è Matteo Renzi, senatore del Partito Democratico, già presidente del Consiglio.

Il gruppo Bilderberg, costituitosi nel 1954 formalmente per iniziativa di «eminenti cittadini» statunitensi ed europei, fu in realtà creato dalla Cia e dal servizio segreto britannico MI6 per sostenere la Nato contro l’Urss. Dopo la guerra fredda, ha mantenuto lo stesso ruolo a sostegno della strategia Usa/Nato [1].

Alle sue riunioni vengono invitati ogni anno, quasi esclusivamente da Europa occidentale e Stati uniti, circa 130 esponenti del mondo politico, economico e militare, dei grandi media e dei servizi segreti, che formalmente partecipano a titolo personale. Essi si riuniscono a porte chiuse, ogni anno in un paese diverso, in hotel di lusso blindati da ferrei sistemi militari di sicurezza.

Non è ammesso nessun giornalista od osservatore, né viene pubblicato alcun comunicato. I partecipanti sono vincolati alla regola del silenzio: non possono rivelare neppure l’identità dei relatori che hanno fornito loro determinate informazioni (alla faccia della declamata «trasparenza»).

Si sa solo che quest’anno hanno parlato soprattutto di Russia e Cina, di sistemi spaziali, di uno stabile ordine strategico, del futuro del capitalismo. Le presenze più autorevoli sono state, come al solito, quelle statunitensi: Henry Kissinger, «figura storica» del gruppo a fianco del banchiere David Rockfeller (fondatore del Bilderberg e della Trilateral, morto nel 2017); Mike Pompeo, già capo della Cia e attuale segretario di stato [2]; David Petraeus, generale già capo della Cia [3]; Jared Kushner, consigliere (nonché genero) del presidente Trump per il Medio Oriente e intimo amico del premier israeliano Netanyahu.

Al loro seguito Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, che ha ricevuto un secondo mandato per i suoi servigi agli Usa. Per quattro giorni, in incontri segreti multilaterali e bilaterali, questi e altri rappresentanti dei grandi poteri (aperti e occulti) dell’Occidente hanno rafforzato e allargato la rete di contatti che permette loro di influire sulle politiche governative e sugli orientamenti dell’opinione pubblica.

I risultati si vedono.

Sul Fatto Quotidiano Stefano Feltri difende a spada tratta il gruppo Bilderberg, spiegando che le sue riunioni si svolgono a porte chiuse «per creare un contesto di dibattito franco e aperto, proprio in quanto non istituzionale», e se la prende con «i tanti complottisti» che diffondono «leggende» sul gruppo Bilderberg e anche sulla Trilateral [4].

Non dice che, fra «i tanti complottisti», c’è il magistrato Ferdinando Imposimato, presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione (deceduto nel 2018), che riassumeva così il risultato delle indagini effettuate: «Il gruppo Bilderberg è uno dei responsabili della strategia della tensione e quindi anche delle stragi» a partire da quella di Piazza Fontana, di concerto con la Cia e i servizi segreti italiani, con Gladio e i gruppi neofascisti, con la P2 e le logge massoniche Usa nelle basi Nato [5].

In questo prestigioso club è stato ammesso ora anche Matteo Renzi. Escludendo che lo abbiano invitato per le sue doti di analista, resta l’ipotesi che i potenti del Bilderberg stiano preparando in modo occulto qualche altra operazione politica in Italia.

Ci scuserà Feltri se ci uniamo così ai «tanti complottisti». 

Si legga Il Gruppo Bilderberg, l’élite del potere mondiale, di Domenico Moro, Aliberti Editore, maggio 2014 (euro 14,50).logge

Abbiamo pubblicato la lista ufficiale dei partecipanti alla riunione 2019 del Gruppo Bilderberg, indicandone le funzioni: «Liste des partecipants àla réunion 2019 du Groupe de Bilderberg», Réseau Voltaire, 1er juin 2019.

L’annuncio di accadimenti politici inaspettati è una peculiarità del Gruppo Bilderberg. Per esempio, Emmanuel Macron, invitatovi nel 2014, annunciò la rottura con François Hollande e nel 2016 il sindaco di Le Havre, Édouard Philippe, comunicò di aver aderito alla formazione politica di Macron. Macron e Philippe divennero rispettivamente presidente della repubblica e primo ministro.  

Manlio Dinucci 

Fonte Il Manifesto (Italia) 

[1] “Quel che non sapete del Gruppo Bilderberg”, di Thierry Meyssan, traduzione di Alessandro Lattanzio, Komsomolskaïa Pravda (Russia), Rete Voltaire, 10 aprile 2011.

[2] Mike Pompeo non risulta sulla lista ufficiale. La sua presenza è stata rivelata dal quotidiano L’Écho: «Mike Pompeo est à la réunion du groupe Bilderberg», Nicolas Keszel, L’Écho, 1° giugno 2019.

[3] In quanto direttore della CIA, David Petraeus ha concepito la fornitura di armi a Daseh attraverso l’operazione Timber Sycamore. Oggi Petraeus continua il traffico come direttore del Global Institute del fondo d’investimento KKR. KKR è diretto da Henry Kravis, ospite immancabile del Gruppo Bilderberg, di cui la moglie è amministratrice. KKR è anche il principale finanziatore di Emmanuel Macron. «Miliardi di dollari in armi contro la Siria», di Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 21 luglio 2017, traduzione di Matzu Yagi.

[4] “Sì, il gruppo Bilderberg mi ha invitato alla sua riunione. Vi spiego perché mi interessa partecipare”, Stefano Feltri, 28 Maggio 2019; «Stefano Feltri al Bilderberg, per me è un errore e le spiego perché», Angelo Cannatà, 1 Giugno 2019; «Dentro il Bilderberg: ecco di cosa si discute davvero», Stefano Feltri, 4 Giugno 2019, Il Fatto Quotidiano.

[5] “Terrorismo: il giudice Imposimato accusa il Bilderberg”, Traduzione Alessandro Lattanzio, Rete Voltaire, 1 febbraio 2013. 

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND). 

®wld

Il fallimento del multiculturalismo tedesco

 

La Merkel ammette: il multiculturalismo tedesco ha “completamente fallito”   

Postato da: Matthew Weaver 

Il compianto Peter Sutherland, membro della Commissione Trilaterale, in origine ha spinto il multiculturalismo in tutta Europa come un assoluto necessario per raggiungere lo Sviluppo Sostenibile. Inutile dire che ha mentito.

NOTA: questa storia è stata originariamente pubblicata nel 2010, ma apparentemente è stata inclusa per sbaglio in un recente feed RSS come se fosse stata appena pubblicata. TN consentirà alla storia di rimanere perché è ancora un’importante intuizione storica del fallimento del multiculturalismo. ⁃ Editor TN

Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha corteggiato la crescente opinione anti-immigrati in Germania sostenendo che i tentativi del paese di creare una società multiculturale sono “del tutto falliti”.

Parlando a una riunione di giovani membri del suo partito dell’Unione democristiana, la Merkel ha affermato che l’idea di persone di diversa estrazione culturale che vivono felici “fianco a fianco” non ha funzionato.

Ha affermato che l’onere degli immigrati è di fare di più per integrarsi nella società tedesca.

“Questo approccio [multiculturale] è fallito, completamente fallito”, ha detto Merkel alla riunione di Potsdam, a ovest di Berlino.

Le sue osservazioni susciteranno un dibattito sull’immigrazione in un paese che ospita circa 4 milioni di musulmani.

La scorsa settimana, Horst Seehofer, il premier della Baviera e membro della Christian Social Union – parte della coalizione di governo della Merkel – ha chiesto di fermare l’immigrazione turca e araba.

In passato, la Merkel ha cercato di superare entrambi i lati della discussione parlando duramente di integrazione ma chiedendo anche l’accettazione delle moschee.

Ma affronta la pressione all’interno del CDU per prendere una linea più dura sugli immigrati che mostrano resistenza ad essere integrati nella società tedesca.

Il discorso di ieri è ampiamente visto come uno sbandamento a destra progettato per placare quell’elemento nel suo partito.

Merkel ha detto che troppo poco è stato richiesto agli immigrati in passato e ha ribadito la sua tesi che dovrebbero imparare il tedesco per far fronte a scuola e sfruttare le opportunità nel mercato del lavoro.

La disputa sugli stranieri in Germania è cambiata da quando l’ex banchiere centrale Thilo Sarrazin ha pubblicato un libro molto controverso in cui ha accusato gli immigrati musulmani di abbassare l’intelligenza della società tedesca.

Sarrazin fu censurato per le sue opinioni e licenziato dalla Bundesbank, ma il suo libro si rivelò popolare e i sondaggi mostrarono che i tedeschi erano solidali con la spinta dei suoi argomenti.

Un recente sondaggio ha mostrato che un terzo dei tedeschi riteneva che il paese fosse “invaso da stranieri” .

Ha inoltre rilevato che il 55% dei tedeschi ritiene che gli arabi siano “spiacevoli”, rispetto al 44% che ha espresso il proprio parere sette anni fa.

Nel suo discorso, la Merkel ha detto che l’educazione dei disoccupati tedeschi dovrebbe avere la priorità sul reclutamento di lavoratori dall’estero, pur osservando che la Germania non potrebbe cavarsela senza qualificati lavoratori stranieri.

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

La catastrofica pazzia dei pochi signori della guerra

 globalmilitarism240_02_small

Il militarismo americano è distruttivo per il futuro dell’umanità

by Mahboob A. Khawaja 27 May 2019 from TRANSCEND Website

Il Dott. Mahboob A. Khawaja è specializzato nelle relazioni internazionali – sicurezza globale, pace e risoluzione dei conflitti con acuti interessi nelle culture e civiltà comparative islamico-occidentali e autore di numerose pubblicazioni incluso l’ultimo libro: Risoluzione globale per la pace e la sicurezza: approcci a Comprendere le problematiche attuali e future, Lambert Academic Publications, Germania, 2017.

“La cultura della pace è universale. È condiviso da persone e nazioni in tutto il mondo. La “cultura della guerra” di oggi è un progetto egemonico statunitense basato sulla creazione di conflitti e divisioni  all’interno e tra i paesi.  È questo (unilaterale) progetto di guerra globale che è intento a distruggere la civiltà “. Prof. Michel Chossudovsky  Verso una cultura della pace mondiale  

Il conflitto bellico è un impulso antiumano

La ferocia draconiana delle guerre aggressive continua mentre osserviamo gli ingiustificati eventi aggressivi che si stanno svolgendo contro l’Iran nella regione del Golfo Persico.

Si vede un contrasto tra un problema reale e un problema immaginativo.

Il fattore motivante segnala una cosa che l’élite dominante americana pensa:

“siamo la nazione più potente sulla terra” … e nessun altro dovrebbe sfidare la nostra supremazia.

La mentalità ingenua della malignità dell’attuale leadership americana

Nel XXI secolo i progressi conseguiti nella guerra tecnologica non lasceranno nulla di intatto se non le entità morte di tutti gli esseri viventi.

Che si tratti di Mr. Bolton, Pompeo o Trump, non hanno alcuna comprensione logica di come le loro azioni potrebbero minare il resto dell’umanità vivente. In tutte le probabilità, l’isteria di guerra è una distrazione dalle questioni interne che riguardano l’amministrazione Trump.

globalmilitarism240_01_small

La razionalità per la pace richiede un ragionamento oggettivo.

Potremmo, l’umanità coscienziosa ritenere questi ingenui indietro dall’iniziare un altro disastro nucleare nella regione araba del Medio Oriente?

Risoluzione dei problemi in base alla ragione e al dialogo piuttosto che alla belligeranza e all’aggressione .

La santità della vita umana si fonda sui principi della leadership morale e intellettuale ed è aperta all’ascolto e all’apprendimento delle voci di RAGIONE.

Se la leadership iraniana fosse intelligente, avrebbe dovuto agire rapidamente per cercare l’unità dei paesi vicini (Turchia, Pakistan, Arabia Saudita) e di tutti gli arabi e le nazioni musulmane per contrastare una potente forza morale della ragione per contrastare il piano statunitense.

Il mondo sta rapidamente diventando un luogo violento al crocevia. Tutte le vie della vita umana richiedono protezione e protezione da grandi mali.

Ben Tarnoff (“L’ intelligenza artificiale sta arrivando – Are Algorithmic Forever Wars our Future? “), Osserva la rapida belligeranza:

Le guerre dell’11 settembre continuano, senza fine in vista. Ora, il Pentagono sta investendo molto in tecnologie che le intensificheranno.

Abbracciando gli ultimi strumenti che l’industria tecnologica ha da offrire, l’esercito statunitense sta creando una forma di guerra più automatizzata, che aumenterà notevolmente la sua capacità di condurre la guerra ovunque per sempre.

L’America oi suoi alleati nel Medio Oriente arabo non affrontano nessun nemico formidabile se non contro i propri ingenui disegni di superiorità militare.

Non c’è sostanza per qualsiasi sfida percepibile o minaccia militare per l’America dall’Iran.

Allora perché l’America dovrebbe precipitarsi armata nel Golfo Persico?

Non è per la pace, e non per proteggere l’umanità da qualsiasi minaccia imminente di guerra da ogni angolo del gioco strategico nella regione.

Razionalmente parlando, la mentalità della leadership americana appare priva di ragione e responsabilità. Le guerre non portano la diversità dell’umanità al processo di pace, ma semplicemente distruggono le opportunità di dialogo e risoluzione pacifica dei problemi.

Indubbiamente, l’attuale amministrazione degli Stati Uniti ha bisogno di una potente sfida per fare un cambio di navigazione.

Immaginate se la Russia o la Cina impiegassero le loro armate attraverso l’Atlantico o le regioni del Pacifico, sarebbe una strategia razionale e pacifica per gli osservatori globali o per la leadership americana?

Oggi circa 62 organizzazioni americane hanno chiesto al Congresso degli Stati Uniti di prendere in considerazione una risoluzione per fermare le minacce di guerra contro l’Iran. L’America sta imponendo una strategia di guerra sadica sul resto dell’umanità.

L’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) ei suoi principali organi responsabili della “pace” e della sicurezza globali si sono dimostrati club di discussione cerimoniale e agenti contrari all’essenza e agli scopi della Carta.

L’umanità globale si sente tormentata e vuole prevedere un cambiamento sistematico e lo sviluppo di una nuova organizzazione globale responsabile per la comunità globale, non gli Stati astratti.

Come in passato, ancora una volta pochi leader egoistici occidentali hanno manipolato il tempo e le opportunità per dettare e minare gli interessi dell’umanità …

globalmilitarism240_03_small

L’umanità globale è l’oggetto netto di tutte le loro deliberazioni ma senza alcun ruolo significativo nel mettere in discussione i pochi signori della guerra globali.

Il presidente Trump ha un disperato bisogno di ripensare al suo ruolo di leader effettivo dell’America. Essendo un leader responsabile, non si può spingere piano intenzionale e meditato di animosità insensate e distruzione umana.

Una volta che l’America si è arricchita di previsioni intellettuali per salvaguardare il resto dell’umanità. Ma i suoi leader contemporanei e le principali istituzioni sembrano sfidare la logica di coesistere con il resto della comunità globale.

Di sicuro, i leader americani non hanno nemmeno l’essenza dello storico ” Common Sense “di Thomas Paine (o versione PDF” Common Sense – Rivolto agli abitanti dell’America, sui seguenti temi interessanti“) da cambiare, ma il cambiamento storico sostituirà quello americano immagine di leadership globale con gli altri, più comprensione e pertinenza per l’umanità.

I politici americani sono abituati a ignorare gli imperativi della coesistenza pacifica globale.  

I politici egoisti perseguono l’economia di guerra, ma i soldati statunitensi sono contrari alla cultura della guerra

L’America sembra essere alla soglia di un’inevitabile transizione morale e intellettuale del ragionamento, ma non sta seguendo il processo razionale del cambiamento e della costruzione del futuro.

La cultura di guerra con base a Washington ha reso incapaci ai responsabili politici statunitensi di pensare razionalmente e di agire responsabilmente negli affari globali.

Strano com’è, il presidente Trump e John Bolton non riescono a spiegare perché ogni giorno dai 18 ai 25 veterani di guerra statunitensi si suicidano? (“Perché i soldati commettono suicidio e Global Warlords“).

L’oscurità morale e intellettuale si rinnova sotto l’attuale guida del comandante in capo delle forze armate statunitensi.

I dirigenti si preoccupano di proteggere la preziosa vita umana …?

La maggior parte dei politici contemporanei non sono leader responsabili, ma attori teatrali che fingono di rappresentare gli interessi nazionali. Imparano ad eccitare le emozioni degli elettori per vincere le elezioni ma non riescono ad agire come leader responsabili.

Vedono l’umanità solo in numero , non un oggetto di vita e valore preziosi nel più ampio contesto universale.

Molto spesso, queste persone sono disconnesse con gli annali del normale pensiero umano e degli affari, sospettosi e paranoici e vedono il successo da raggiungere a costo di spietatezza, odio, degenerazione e malvagità – tutto parte del loro sistema di valori innato, facendo politica come un terribile gioco di mente egomane, inganni e priorità strategiche.

Ciò richiede un impegno intelligente nei confronti dei principi di pace internazionale e sicurezza per tutti, non aggressione nel funzionamento dei sistemi globali, protezione della vita e una cultura ecologica equilibrata di convivenza all’interno dell’Universo onnicomprensivo:

L’uomo e l’umanità …

L’America, un importante potere industrializzato è indifferente a questi fattori di vita pertinenti.

globalmilitarism240_04

Noi, il Popolo, l’umanità è in grado di sfidare la terribile calamità della guerra

L’obiettivo della felicità umana e della solidarietà non è la violenza, le guerre e l’aggressione.

Tutte le guerre perpetuano la violenza, la paura e la vendicatività contro l’umanità e mirano alla distruzione delle civiltà e alla disumanizzazione delle generazioni successive.

Bruce Gambrill Foster (“Il flagello della guerra – The Shameless Marketing of Violence“), osserva:

“La connessione tra la lotta alla violenza della criminalità organizzata, per esempio, e la guerra è facilmente superata: in entrambi, il sangue viene versato … Se anche le nostre gioie più semplici sono espresse in termini di conflitto, morte e dominio, che speranza c’è di distinguere e aborrire e alla fine porre fine alla vera malvagità del conflitto armato, il flagello della guerra?”

L’umanità globale è la vittima netta della catastrofica pazzia dei pochi signori della guerra.

Il presidente Trump ha imparato qualcosa dal passato a cambiare qualcosa a causa della conoscenza, della storia e dei fatti della vita per conoscere le sue debolezze e punti di forza e per cambiare e riformare la sua mente e il comportamento quando i fatti giustificano un cambiamento, sia nella definizione delle politiche o comportamento interattivo globale …?

Dopo tutto l’ascolto e l’apprendimento sono fattori critici per il cambiamento del ruolo della leadership politica del 21 ° secolo, così come il meccanismo di flessibilità da incorporare per una leadership efficace.

Ma non ci sono leader intelligenti e proattivi con una visione del futuro per vedere l’imperativo dell’Unica umanità, tranne un egocentrico ingenuo e pieno di sé, pieno della sensazione di potere che usa la trivialità e la malvagità per torturare e uccidere l’umanità e distruggere gli habitat ecologici.

Ma contrariamente alle brutali percezioni e azioni degli ex imperialisti europei statunitensi, la comunità internazionale è informata, matura e gode della capacità morale e intellettuale di conoscere e comprendere i fatti della vita e di sfidare l’insensibilità politicamente in pericolo a un accordo universale e Unità dell’Umanità contro la brutalità del Terrorismo delle Guerre che li unisce con un destino comune più che li divide da qualsiasi segno di avversità e identità nazionali separate.

Progressivamente in evoluzione è una nuova cultura globale plausibile dell’era dell’informazione di Thinking of One Humanity e una nuova civiltà proattiva di forti legami e affinità delle persone verso le comunicazioni culturali – partecipazione dei cittadini globali al pensiero sociale, economico e politico e alla globalizzazione – l’uomo in una parte del mondo si sente, pensa e agisce, reagisce a ciò che accade a qualsiasi uomo in altri angoli remoti del globo.

L’umanità non è né cieca, né inetta, definisce il proprio scopo, significato e identità per la pace e l’armonia che le istituzioni stabilite di governance, sia in America, in Medio Oriente o in Europa o altrove miseramente, non sono riuscite a riconoscere o valutare la loro importanza nel mondo affari politici.  

Paul Craig Roberts (La prossima guerra per l’agenda di Washington), ha avuto un pensiero razionale per porre la domanda giusta:

Noi, come americani, dobbiamo chiederci,

  • Di cosa si tratta?
  • Perché il nostro governo è così provocatorio nei confronti dell’Islam, della Russia, della Cina, dell’Iran?
  • Quale scopo, a chi viene servito?

Certamente non il nostro …

Dove andiamo da qui? Se non alla distruzione nucleare, gli americani devono svegliarsi. Giochi di calcio, porno e centri commerciali sono una cosa. La sopravvivenza della vita umana è un’altra.

Washington, cioè “governo rappresentativo”, consiste solo in pochi potenti interessi acquisiti. Questi interessi privati, non il popolo americano, controllano il governo degli Stati Uniti.

Questo è il motivo per cui nulla di ciò che il governo degli Stati Uniti avvantaggia il popolo americano …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

L’Aquila l’Orso e il Drago

L’aquila ha dimenticato opportunamente che l’originale e antica Via della Seta metteva in contatto il drago con l’impero romano da secoli – senza intrusi, aldifuori dell’Eurasia – afferma Pepe Escobar.

C’era una volta, nella notte dei tempi, attorno a pochi fuochi da campo nei deserti del sud est dell’Asia, un tempo in cui si raccontava una favola sull’aquila, sull’orso e il dragone per il divertimento dei miei interlocutori arabi e persiani.

Si trattava di come all’inizio del XXI secolo,

 …si erano tolti i guanti (di pelo) e si erano messi in quello che risultò essere la Guerra Fredda Versione 2.0.

Man mano che ci avviciniamo alla fine della seconda decade di questo secolo già incandescente, forse è meglio rendere più bella la favola, con il dovuto rispetto per Jean de la Fontaine.

Sono passati i giorni in cui l’orso frustrato si offerse di cooperare ripetutamente con l’aquila e con i suoi seguaci su un tema caldo:

missili nucleari.

L’orso ripetutamente affermò che lo spiegamento di missili e radar per intercettare in questa terra di ciechi che guidava ciechi, l’Europa, era una minaccia.

L’aquila affermò ripetutamente che questo era fatto per proteggerci da quei persiani rinnegati.

Adesso l’aquila, che afferma che il drago sta avendo un viaggio facile, ha disatteso tutti i trattati ed è impegnata nello spiegamento di missili nucleari in determinati luoghi dell’est della terra di ciechi che primeggia su ciechi, puntando essenzialmente all’orso.

Ponte del drago, ljubljana. (Ali Eminov/Creative Commons)

Tutto ciò che brilla è seta  

Più o meno due decadi dopo che il principale orso Putin ha definito quella che è “la maggior catastrofe geopolitica del XX secolo, propose una forma di luce dell’URSS:

un organismo politico/economico chiamata l’Unione Economica dell’Eurasia (EAEU).

L’idea era che la EAEU interagisse con la UE… la principale istituzione dell’equipaggio eterogeneo si riunì come i ciechi che guidano i ciechi.

L’aquila non solo rifiutò la possibile integrazione, ma le venne in mente di mettere in atto uno scenario di rivoluzione dal colore modificato per disunire l’Ucraina dalla EAEU.

Prima di questo, l’aquila aveva voluto stabilire una Nuova Via della Seta sotto il suo totale controllo.

L’aquila opportunamente aveva dimenticato che l’antica Via della Seta, univa il drago con l’impero romano da secoli, senza intrusi che venivano dall’Eurasia.

Quindi potete immaginare lo stupore dell’aquila quando il drago irruppe nello scenario mondiale con le sue Nuove Vie della Seta super cariche, rendendo attuale l’idea originale dell’orso di una zona di libero commercio “da Lisbona a Vladivostock” e anche un corridoio di collegamento molteplice, sia terrestre che marittima, dall’est della Cina all’Europa Occidentale e tutto ciò che si trova in mezzo che comprende tutta l’Eurasia.

Difronte questo nuovo paradigma, i cechi rimasero ciechi per tanto tempo come possiamo ricordare…non hanno potuto reagire in tempo.

L’aquila da parte sua, andò aumentando gradualmente gli attacchi. Lanciò ciò che equivaleva a tutti i propositi pratici per stringere un cappio con le armi in maniera progressiva contro il drago.

L’Aquila ha fatto una serie di movimenti che equivalgono a incitare le nazioni che circondano il Mar della Cina Meridionale per contrapporsi al drago mentre riposizionano una serie di giocattoli (sootomarini nucleari, portaerei, aerei da combattimento) sempre più vicini al territorio del drago.

Per tutto il tempo ciò che il drago ha visto e continua a vedere, è un’aquila maltrattata che cerca di uscire da un declino irreversibile che cerca di intimidire, allontanare e sabotare l’ascesa irreversibile del drago, dove è stato per 18 degli ultimi 20 secoli, insediato come il re della foresta.

Un elemento chiave è che i giocatori di tutta la Eurasia sanno che, con le nuove leggi della giungla, il drago non può e non si ridurrà ad essere un attore secondario.
E i giocatori di tutta l’Eurasia sono troppo intelligenti per imbarcarsi in una Guerra Fredda Versione 2.0 Y che debiliterebbe l’Eurasia stessa.
La reazione dell’aquila alla strategia della Via della Nuova Seta del drago ha impiegato un certo tempo dal passaggio della mancata azione alla completa demonizzazione, aggiungendo alla descrizione sia del drago sia dell’orso che sono minacce per l’esistenza
E senza dubbio nonostante tutto il fuoco incrociato, i giocatori di tutta l’Europa non sono poi molto impressionati da un impero dell’aquila armata fio ai denti.
Specialmente dopo che la cresta dell’aquila fu molto danneggiata dall’insuccesso nella caccia in
Le portaerei dell’aquila che pattugliano la parte orientale del Mare Nostrum non stanno proprio impaurendo l’orso, i Persiani e i Siriani.

James Audubon e il suo diario, pubblicato nel 1899 e reso di Dominio Pubblico. (Wikimedia Commons)

 Un “nuovo inizio ” tra l’aquila e l’orso è stato sempre un mito.
C’è voluto un po’ di tempo e molte difficoltà finanziarie, perché l’orso si rendesse conto che non ci sarebbe stato nessun nuovo inizio, mentre il drago vide solo un nuovo inizio verso un confronto aperto.
Dopo essersi rafforzato, in modo lento ma sicuro come la potenza militare più avanzata del pianeta, con conoscenze ipersoniche l’orso è arrivato a una conclusione sorprendente:
Non ci interessa ciò che dice o faccia l’aquila…

Sotto il vulcano infuriato

Intanto il drago ha continuato a espandersi inesorabilmente, in tutte le latitudini asiatiche, sia in Africa, sia in America Latina e anche nelle praterie infestate dalla disoccupazione dei ciechi colpiti dall’austerità che hanno diretto i ciechi.
Il drago è fermamente sicuro che se è messo alle strette da dover ricorrere a una opzione nucleare, ha il potere di far esplodere l’incredibile deficit dell’aquila, di degradare il suo rating e causare devastazioni nel sistema finanziario globale.
Non ci deve sembrare strano che l’aquila, sotto una nuvola paranoica di dissonanza cognitiva che l’avvolge da tempo, che alimenta propaganda 24/7 ai suoi sudditi e schiavi nani, continua a espellere lava come un vulcano furioso,

Fa molto male ammettere che il centro politico/economico di un nuovo mondo multipolare sara l’Asia… in realtà l’Eurasia.

Man mano che l’aquila diveniva sempre più minacciosa, l’orso e il drago si avvicinavano in una associazione strategica.

Adesso, sia l’orso sia il drago hanno troppi vincoli strategici in tutto il pianeta perché siano intimiditi dal massivo Impero di Basi (militari) dell’aquila o da quelle coalizioni periodiche “a volontà” (un tantino reticente)… 

Friedrich Johann Justin Bertuch, La creaturaa mitica del drago, 1806. (Wikimedia Commons)

In coincidenza con l’integrazione totale e in avanzata dell’Eurasia, di cui le Nuove Vie della seta sono il simbolo grafico, la furia scatenata dell’aquila, non ha niente da offrire eccezion fatta di una ripetetizione di una guerra contro l’Islam con il ritiro armato di ambedue, l’orso e il drago.
Poi c’è la Persia (Iran) quei maestri di scacchi.
L’aquila ha sparato a zero sugli Iraniani fin da quando non ebbero più il proconsole dell’aquila, lo Sha, nel 1979 e questo dopo che l’aquila e la perfida Albione già avevano schiacciato la democrazia per collocare lo Sha al potere nel 1953 che fece sì che Saddam sembrasse un Gandhi.
L’aquila vuole recuperare tutto quel petrolio e gas naturale per non parlare di un nuovo Sha come nuovo gendarme del Golfo Persico.
La diffferenza sta nel fatto che adesso l’orso e il drago stanno dicendo ‘in Nessun Modo’
Che farà l’aquila?
Istituire una falsa ideologia per terminare con tutte le altre?
Questo è il punto in cui ci troviamo adesso.
E ancora una volta arriviamo al finale, anche se non è la fine. Tuttavia non c’è morale per questa favola rivisitata. Continuiamo a sopportare le onde e le frecciate di una sorte indegna.
La nostra unica e sottile speranza è che un gruppo di uomini vuoti ossessionati dal ‘Secondo Arrivo‘ non trasformi la Guerra Fredda Versione 2.0 in un Armagedon
di Pepe Escobar, un veterano periodista brasiliano, è in genere il corrispondente per Asia Times, con sede in Hong Kong. Il suo ultimo libro è ” 2030 “
 
dal Sito Web ConsortiumNews 
traduzione di Nicoletta Marino 
 
 

La teta y la Luna

 

Gruppo Bilderberg 2019: Lilli Gruber, Matteo Renzi e Stefano Feltri tra gli ospiti… 

 Marcello Pamio

Ogni anno, tra maggio e giugno, il Gruppo Bilderberg si riunisce in qualche prestigiosissimo albergo europeo per decidere le sorti del globo, dal punto di vista economico, finanziario e politico.

Il «Bilderberg Group» è una conferenza “non ufficiale” che prevede circa 130 invitati, tra personalità influenti e potenti dell’economia, media, politica, tecnologia, banchieri, intelligence, Segretari di stato, primi ministri, ecc. Tutti in forma privata, dicono. 

Il nome deriva dal loro primo incontro che risale al 1954, avvenuto nell’Hotel de Bilderberg in Oosterbeek nei Paesi Bassi. 

Si tratta di una creatura della Guerra Fredda, o per meglio dire, del RIIA britannico, del Royal Institute of International Affaire, un istituto nato il 30 maggio 1919 a Londra, come capitolo locale della Round Table fondata invece con proiezioni transnazionali. 

Il RIAA è noto anche come Chatam House, con sede al numero 10 di St. James Square a Londra, nel 1979 contava su un Consiglio di 33 persone alla guida di circa 3000 membri. 

L’idea della nascita del Gruppo Bilderberg venne a Joseph Retinger, che al tempo si occupava della crescita dell’anti-americanismo in Europa Occidentale. Personaggio chiave della politica mondiale per quasi mezzo secolo, Retinger manteneva strette relazioni con il Colonnello House, con la potentissima famiglia ebraica Warburg, con i banchieri internazionali Lehman, Baruch. Era anche membro della Pilgrim’s Society e del CFR statunitense (il corrispondente del RIIA negli Stati Uniti, detto anche «governo ombra»). 

L’influenza di Joseph Retinger sui circoli mondialisti era tale da meritarsi il soprannome di «His Grey Eminence», Sua Eminenza Grigia! 

Lo scopo iniziale del Bilderberg era quello di rinforzare l’unità dei Paesi Occidentali contro la «minaccia comunista», ma poi con il collasso del Patto di Varsavia, il gruppo, con a capo l’America, si è concentrato sul rafforzamento e sviluppo della globalizzazione. 

Dall’11 settembre 2001, a seguito degli attacchi su New York, è diventato di primaria importanza lo «scontro tra civiltà» o «scontro di religioni». 

Quest’anno la nazione scelta è la Svizzera, per la precisione all’Hotel Montreux Palace di Vaud, a Montreux una cittadina affacciata sul lago di Ginevra, e il periodo va dal 30 maggio al 2 giugno. 

Non poteva mancare ovviamente Lilli Gruber, la «rossa col gomito appoggiato» (come la definiva Giorgio Gaber) ospite fisso da molto tempo, ma la grandissima novità è che tra gli invitati c’è Matteo Renzi! 

Avete letto bene, il Mr. Bean della politica italiana è stato invitato alla riunione, e questo fa ben sperare, perché se sono arrivati a invitare nullità politiche simili, allora il Gruppo è spacciato e ha i giorni contati! 

Gli argomenti chiave della discussione saranno i seguenti:

  1. Un ordine strategico stabile
  2. Cosa dopo l’Europa?
  3. Cambiamenti climatici e sostenibilità
  4. Cina
  5. Russia
  6. Il futuro del capitalismo
  7. Brexit
  8. L’etica dell’intelligenza artificiale
  9. La militarizzazione dei social media
  10. L’importanza dello spazio
  11. Cyber terrorismo

Sotto l’elenco completo di tutti i partecipanti, ma in sintesi, come ogni anno i media non mancano mai, e infatti tra gli invitati figurano personaggi del «Financial Times», «The New York Times», «The Washington Post», «Bloomberg», «The Economist», «L’Echo». Per l’Italia Stefano Feltri, vice-caporedattore de «Il Fatto Quotidiano»…

Tra i pezzi da novanta il Segretario Generale della NATO, il CEO della Microsoft, il vice direttore della Roche, il CEO della Goldman Sachs e di altre banche e assicurazioni, il presidente del World Economic Forum, il governatore della Banca d’Inghilterra e addirittura il consulente capo del Presidente degli Stati Uniti d’America!

Il tutto questo, riuscite ad immaginare Matteo Renzi che tra i corridoi dell’albergo cerca di far ridere il decrepito Henry Kissinger mentre lo spinge sulla sua sedia a rotelle? Oppure mentre cerca di comunicare in un anglotoscano da film comico, con il direttore della Sicurezza Nazionale americano?
Queste sono le cose che rendono stupenda la vita….
 

Elenco completo dei partecipanti al meeting: 

IL COLLEGIO

Castries, Henri de (FRA), Chairman, Steering Committee; Chairman, Institut Montaigne

Kravis, Marie-Josée (USA), President, American Friends of Bilderberg Inc.; Senior Fellow, Hudson Institute
Halberstadt, Victor (NLD), Chairman Foundation Bilderberg Meetings; Professor of Economics, Leiden University
Achleitner, Paul M. (DEU), Treasurer Foundation Bilderberg Meetings; Chairman Supervisory Board, Deutsche Bank AG
 

I PARTICIPANTI 

Abrams, Stacey (USA), Founder and Chair, Fair Fight

Adonis, Andrew (GBR), Member, House of Lords
Albers, Isabel (BEL), Editorial Director, De Tijd / L’Echo
Altman, Roger C. (USA), Founder and Senior Chairman, Evercore
Arbour, Louise (CAN), Senior Counsel, Borden Ladner Gervais LLP
Arrimadas, Inés (ESP), Party Leader, Ciudadanos
Azoulay, Audrey (INT), Director-General, UNESCO
Baker, James H. (USA), Director, Office of Net Assessment, Office of the Secretary of Defense
Balta, Evren (TUR), Associate Professor of Political Science, Özyegin University
Barbizet, Patricia (FRA), Chairwoman and CEO, Temaris & Associés
Barbot, Estela (PRT), Member of the Board and Audit Committee, REN (Redes Energéticas Nacionais)
Barroso, José Manuel (PRT), Chairman, Goldman Sachs International; Former President, European Commission
Barton, Dominic (CAN), Senior Partner and former Global Managing Partner, McKinsey & Company
Beaune, Clément (FRA), Adviser Europe and G20, Office of the President of the Republic of France
Boos, Hans-Christian (DEU), CEO and Founder, Arago GmbH
Bostrom, Nick (UK), Director, Future of Humanity Institute, Oxford University
Botín, Ana P. (ESP), Group Executive Chair, Banco Santander
Brandtzæg, Svein Richard (NOR), Chairman, Norwegian University of Science and Technology
Brende, Børge (NOR), President, World Economic Forum
Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA
Buitenweg, Kathalijne (NLD), MP, Green Party
Caine, Patrice (FRA), Chairman and CEO, Thales Group
Carney, Mark J. (GBR), Governor, Bank of England
Casado, Pablo (ESP), President, Partido Popular
Ceviköz, Ahmet Ünal (TUR), MP, Republican People’s Party (CHP)
Champagne, François Philippe (CAN), Minister of Infrastructure and Communities
Cohen, Jared (USA), Founder and CEO, Jigsaw, Alphabet Inc.
Croiset van Uchelen, Arnold (NLD), Partner, Allen & Overy LLP
Daniels, Matthew (USA), New space and technology projects, Office of the Secretary of Defense
Davignon, Etienne (BEL), Minister of State
Demiralp, Selva (TUR), Professor of Economics, Koç University
Donohoe, Paschal (IRL), Minister for Finance, Public Expenditure and Reform
Döpfner, Mathias (DEU), Chairman and CEO, Axel Springer SE
Ellis, James O. (USA), Chairman, Users’ Advisory Group, National Space Council
Feltri, Stefano (ITA), Deputy Editor-in-Chief, Il Fatto Quotidiano
Ferguson, Niall (USA), Milbank Family Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
Findsen, Lars (DNK), Director, Danish Defence Intelligence Service
Fleming, Jeremy (GBR), Director, British Government Communications Headquarters
Garton Ash, Timothy (GBR), Professor of European Studies, Oxford University
Gnodde, Richard J. (IRL), CEO, Goldman Sachs International
Godement, François (FRA), Senior Adviser for Asia, Institut Montaigne
Grant, Adam M. (USA), Saul P. Steinberg Professor of Management, The Wharton School, University of Pennsylvania
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV
Hanappi-Egger, Edeltraud (AUT), Rector, Vienna University of Economics and Business
Hedegaard, Connie (DNK), Chair, KR Foundation; Former European Commissioner
Henry, Mary Kay (USA), International President, Service Employees International Union
Hirayama, Martina (CHE), State Secretary for Education, Research and Innovation
Hobson, Mellody (USA), President, Ariel Investments LLC
Hoffman, Reid (USA), Co-Founder, LinkedIn; Partner, Greylock Partners
Hoffmann, André (CHE), Vice-Chairman, Roche Holding Ltd.
Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
Jost, Sonja (DEU), CEO, DexLeChem
Kaag, Sigrid (NLD), Minister for Foreign Trade and Development Cooperation
Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies
Kerameus, Niki K. (GRC), MP; Partner, Kerameus & Partners
Kissinger, Henry A. (USA), Chairman, Kissinger Associates Inc.
Koç, Ömer (TUR), Chairman, Koç Holding A.S.
Kotkin, Stephen (USA), Professor in History and International Affairs, Princeton University
Kramp-Karrenbauer, Annegret (DEU), Leader, CDU
Krastev, Ivan (BUL), Chairman, Centre for Liberal Strategies
Kravis, Henry R. (USA), Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Kristersson, Ulf (SWE), Leader of the Moderate Party
Kudelski, André (CHE), Chairman and CEO, Kudelski Group
Kushner, Jared (USA), Senior Advisor to the President, The White House
Le Maire, Bruno (FRA), Minister of Finance
Leyen, Ursula von der (DEU), Federal Minster of Defence
Leysen, Thomas (BEL), Chairman, KBC Group and Umicore
Liikanen, Erkki (FIN), Chairman, IFRS Trustees; Helsinki Graduate School of Economics
Lund, Helge (GBR), Chairman, BP plc; Chairman, Novo Nordisk AS
Maurer, Ueli (CHE), President of the Swiss Federation and Federal Councillor of Finance
Mazur, Sara (SWE), Director, Investor AB
McArdle, Megan (USA), Columnist, The Washington Post
McCaskill, Claire (USA), Former Senator; Analyst, NBC News
Medina, Fernando (PRT), Mayor of Lisbon
Micklethwait, John (USA), Editor-in-Chief, Bloomberg LP
Minton Beddoes, Zanny (GBR), Editor-in-Chief, The Economist
Monzón, Javier (ESP), Chairman, PRISA
Mundie, Craig J. (USA), President, Mundie & Associates
Nadella, Satya (USA), CEO, Microsoft
Netherlands, His Majesty the King of the (NLD)
Nora, Dominique (FRA), Managing Editor, L’Obs
O’Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.
Pagoulatos, George (GRC), Vice-President of ELIAMEP, Professor; Athens University of Economics
Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, TITAN Cement Company S.A.
Petraeus, David H. (USA), Chairman, KKR Global Institute
Pienkowska, Jolanta (POL), Anchor woman, journalist
Pottinger, Matthew (USA), Senior Director, National Security Council
Pouyanné, Patrick (FRA), Chairman and CEO, Total S.A.
Ratas, Jüri (EST), Prime Minister
Renzi, Matteo (ITA), Former Prime Minister; Senator, Senate of the Italian Republic
Rockström, Johan (SWE), Director, Potsdam Institute for Climate Impact Research
Rubin, Robert E. (USA), Co-Chairman Emeritus, Council on Foreign Relations; Former Treasury Secretary
Rutte, Mark (NLD), Prime Minister
Sabia, Michael (CAN), President and CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec
Sanger, David E. (USA), National Security Correspondent, The New York Times
Sarts, Janis (INT), Director, NATO StratCom Centre of Excellence
Sawers, John (GBR), Executive Chairman, Newbridge Advisory
Schadlow, Nadia (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
Schmidt, Eric E. (USA), Technical Advisor, Alphabet Inc.
Scholten, Rudolf (AUT), President, Bruno Kreisky Forum for International Dialogue
Seres, Silvija (NOR), Independent Investor
Shafik, Minouche (GBR), Director, The London School of Economics and Political Science
Sikorski, Radoslaw (POL), MP, European Parliament
Singer, Peter Warren (USA), Strategist, New America
Sitti, Metin (TUR), Professor, Koç University; Director, Max Planck Institute for Intelligent Systems
Snyder, Timothy (USA), Richard C. Levin Professor of History, Yale University
Solhjell, Bård Vegar (NOR), CEO, WWF – Norway
Stoltenberg, Jens (INT), Secretary General, NATO
Suleyman, Mustafa (GBR), Co-Founder, Deepmind
Supino, Pietro (CHE), Publisher and Chairman, Tamedia Group
Teuteberg, Linda (DEU), General Secretary, Free Democratic Party
Thiam, Tidjane (CHE), CEO, Credit Suisse Group AG
Thiel, Peter (USA), President, Thiel Capital
Trzaskowski, Rafal (POL), Mayor of Warsaw
Tucker, Mark (GBR), Group Chairman, HSBC Holding plc
Tugendhat, Tom (GBR), MP, Conservative Party
Turpin, Matthew (USA), Director for China, National Security Council
Uhl, Jessica (NLD), CFO and Executive Director, Royal Dutch Shell plc
Vestergaard Knudsen, Ulrik (DNK), Deputy Secretary-General, OECD
Walker, Darren (USA), President, Ford Foundation
Wallenberg, Marcus (SWE), Chairman, Skandinaviska Enskilda Banken AB
Wolf, Martin H. (GBR), Chief Economics Commentator, Financial Times
Zeiler, Gerhard (AUT), Chief Revenue Officer, WarnerMedia
Zetsche, Dieter (DEU), Former Chairman, Daimler AG
 

Fonte: https://disinformazione.it/  

®wld

Le sequoia della politica italiana

 

 Quelli di +Europa hanno già governato. Ecco come andò

di

Il 2011 sembra ieri, ma se da un lato gli italiani hanno una memoria politica cortissima, dall’altro alle elezioni europee di domenica 26 maggio andranno a votare molti giovanissimi, che nel 2011 erano undicenni alle prese con gli insiemi di matematica ed i primi turbamenti ormonali. Dunque, meglio rinfrescare a tutti la memoria. I partiti europeisti che si presentano all’agone politico delle prossime europee fanno proposte, analisi e dichiarazioni come se fossero appena arrivati sulla scena. Invece, dietro il trucco nominalistico di sofistica memoria e l’italica abitudine al trasformismo non solo poggiano i loro culi nei parlamenti di tutta Europa da decenni, ma in Italia hanno proprio governato, e persino senza esserne eletti come maggioranza (!)

La formazione più europeista di tutte, +Europa, che per la prima volta si presenta alle elezioni europee, è rappresentata sui manifesti di propaganda da Emma Bonino, già Minstro per il Commercio Internazionale con Prodi e con Letta Ministro degli Esteri (…), è stata commissaria europea. Deputata all’europarlamento per 4 legislature, è stata nel parlamento italiano per ben 7 legislature. A Palazzo Chigi entrò a 28 anni ed oggi ne ha 71. In pratica stiamo parlando di una sequoia della politica italiana ed internazionale con più poltrone che denti. Roba da far impallidire Andreotti.

Il Segretario nazionale della neonata formazione +Europa è Benedetto Della Vedova. Anche per lui un curriculum politico lunghissimo che parte dai radicali (movimento cuore di +E) e passa per il Governo Monti, il g,Montioverno tecnico voluto da Bruxelles e che arrivò alla maggioranza in parlamento nel novembre del 2011 dopo aver rovesciato il governo precedente con la vetusta tecnica della Rivoluzione Parlamentare. Tecnica usata per la prima volta in Italia da Agostino De Pretis nel 1876 e che consiste nel condizionari i parlamentari a formare governi diversi da quelli indicati dai cittadini col voto.

Della Vedova, oggi leader con la Bonino di +Europa, fu sostenitore di Monti ed eletto nel 2013 tra le fila del suo partito, poi continuò la carriera come sottosegretario agli esteri nei governi europeisti di Renzi e Gentiloni.

Questi i nomi più noti della lista, ma che annovera tantissimi altri politicanti che hanno esercitato già la loro attività come decisori di cose pubbliche, da Pizzarotti a Taradash.

Ebbene, come andò l’italia negli anni di Mario Monti e Letta che governarono grazie all’appoggio ideologico +Europeista?

Secondo diversi media, con l’arrivo dell’austerità voluta dai tecnici, Monti in primis, in Italia aumentarono i suicidi economici. I dati non sembrano confermare questa convinzione, che sarebbe dunque in linea con quanto avveniva purtroppo anche negli anni precedenti. Ciò che è fuori discussione, invece, sono gli altri dati macroeconomici.

Il Prodotto Interno Lordo, cioè la ricchezza del paese, con Monti calò drasticamente fino a far parlare qualche economista di depressione stile 1929.

Se escludiamo il calo del 2008/2009 che riguardò tutte le economie avanzate dell’Occidente causa bolla americana, nel 2012, anno di governo europeista di Monti, mentre tutti i paesi risalivano la china, l’Italia fece un capitombolo a – 2,4 (reale – 2,8 secondo la fonte AMECO)

La produzione industriale risulta essere in calo da anni, e non è questo il momento di andare a vedere il perchè. Ma se il calo era stato contenuto, con una media di circa -1,8, è con Mario Monti ed Enrico Letta che arriva il disastro: -3,6 per cento di produzione industriale con Monti e -2,7 con Letta.

La tendenza all’aumento della disoccupazione risale all’ultimo governo Berlusconi, ma lo scettro spetta ancora una volta a Monti. E’ con lui che abbiamo il più grande (e grave) contributo alla disoccupazione italiana. Con il governo dell’austerità, infatti, la disoccupazione aumentò dell’1,3 in media all’anno e del 3,7 per il settore giovanile. Con Monti e Letta (da aprile 2012 a fine 2013) la disoccupazione giovanile raggiunse il picco della storia superando abbondantemente il 40 per cento. Tanto per fotografare meglio il dato sulla disoccupazione, basta osservare che oggi gli italiani disoccupati sono il 10,8 per cento, mentre con Monti sfioravano il 12. Tra i giovani era disoccupato il 40 per cento, mentre oggi lo è il 32.

“Già, ma Monti fu nominato per risolvere il problema dello spread”. Già mi sembra di sentire la solita solfa europeista sul terrore (immotivato) dello spread. Ma accettiamo la sfida e vediamolo nel dettaglio. Il rapporto deficit/pil prima del governo piùeuropeista era del 116%. Quando Monti si dimetterà, nel 2013, era al 131%. Lo spread tra i titoli di stato italiani btp ed i bund tedeschi aveva sfondato i 500 punti a novembre 2011 ed era stato il dato macroeconomico che aveva convinto i parlamentari italiani a rovesciare il governo politico ed a sostituirlo con quello tecnico di Monti. Monti governò circa un anno e mezzo e per tutti quei mesi lo spread oscillò tra 300 punti ed i 500 punti. Per molti mesi, anzi, per tutto l’inizio del mandato, lo spread “di Monti” sarà più verso quota 500 che 300, ma a luglio 2012 Draghi pronunciò un famoso discorso durante il quale sostenne che i titoli dei paesi in difficoltà sarebbero comunque stati acquistati, ed ecco che allora (e solo allora) lo spread cominciò un lento calo.

Persino l’inflazione non andò bene con quei governi, perchè ci furono tasse per i consumatori (aumento dell’Iva) e gabelle per i risparmiatori (bollo sui depositi).

Secondo molti analisti, e soprattutto secondo i numeri, che non hanno colore, i governi piùeuropeisti della prima metà del decennio sono stati di gran lunga i peggiori della storia Repubblicana. I danni che hanno fatto in termini occupazionali, di relazioni tra gli italiani, di produzione e di welfare li stiamo ancora pagando cari, a cinque anni di distanza. +Europa per entrare nel Parlamento Europeo dovrebbe superare la quota di sbarramento del 4 per cento. E non ce la farà perchè gli italiani sono smemorati si, ma non stupidi.

 

 

®wld