Crea sito

Un Pianeta Perfetto

Attenborough: L’umanità è una piaga sulla Terra

Un tema ricorrente ma meno rivelato tra i tecnocrati è che la riduzione della popolazione è necessaria per salvare la terra. La ricostruzione radicale del sistema economico mondiale dovrebbe riportare le cose in equilibrio. Tutto questo è anti-umano e anti-civiltà.⁃ TN Editor

Il nostro pianeta è meraviglioso, ma di sicuro non è  un pianeta perfetto , come dichiara il titolo dell’ultimo spettacolo della BBC di David Attenborough. Affermarlo è un’affermazione di fede cieca, non un’osservazione fondata sulla realtà. E il fatto che questa sia l’affermazione retorica centrale dell’ultimo programma di Attenborough è sorprendentemente rivelatore, oltre che fuorviante.

Il  pianeta  è per lo più caotico e, ai nostri occhi, a volte crudele. Sì, l’universo segue certe leggi ordinate che comprendiamo in larga misura grazie all’osservazione scientifica. Gli atomi si sono uniti e hanno formato una palla, grazie alla gravità, e la vita complessa si è evoluta a causa del processo di mutazione genetica e selezione naturale. Ma ogni mutazione, vibrazione atomica e spostamento tettonico è senza piano o scopo. Quindi chiamare “perfetto” lo stato del mondo naturale in qualsiasi momento non è solo assurdo ma anti-scientifico.

Dopotutto, la Terra era perfetta quando una meteora si è schiantata su di essa, uccidendo il 99% della vita? È stato perfetto quando i gas vulcanici tossici si sono diffusi in interi continenti e hanno bloccato il Sole per anni? Era perfetto quando la peste bubbonica ha ucciso milioni di persone, innescando l’unico grande calo della popolazione umana nella storia? L’umanità non mobiliterà tutta la sua tecnologia e le sue risorse per combattere eventi naturali così terrificanti se dovessero accadere di nuovo? O li dichiareremmo parte del nostro “pianeta perfetto” e soccomberemmo docilmente al destino?

Il noto sostegno di Attenborough alla riduzione delle dimensioni della popolazione umana è forse una delle ragioni per cui sembra perfettamente felice di accettare enormi eventi di riduzione della popolazione come parte del suo pianeta “perfetto”. Altri meno malthusiani di Sir David potrebbero non accettare in modo così spietato la “perfezione” della natura.

Quindi non accettiamo la pandemia globale di coronavirus come un altro aspetto meraviglioso del nostro pianeta perfetto. Piuttosto lo riconosciamo come un problema che la natura ha sollevato che dobbiamo superare – usando la scienza e la tecnologia. E così facendo, cerchiamo noi stessi di cambiare, forse anche la natura “perfetta”.

Certo, potresti dire che sto prendendo questo uso del linguaggio troppo alla lettera. “Perfetto” è solo una parola, giusto? Ma la lingua conta e la  BBC  è stata abbastanza  esplicita  su come desidera utilizzare  A Perfect Planet  per influenzarci e persuaderci. Ha deliberatamente impostato il pianeta nel suo stesso titolo come “perfetto” contro la specie che pensa lo stia rovinando.

Nell’episodio finale, Niall McCann, un biologo, ambientalista ed esploratore, dice che ‘questo nostro perfetto pianeta è stato gettato in uno stato di flusso’ grazie alla specie umana, che è diventata ‘così popolosa e così distruttiva che è diventata la singola creatura più influente sulla Terra ‘. Ci dice persino che una catastrofe come quella che ha spazzato via i dinosauri accadrà di nuovo. Lo scrittore Jeremy Rifkin dà al messaggio una svolta economica, annunciando che “la nostra missione non è crescita, crescita, crescita”. Indiscusso, dice agli spettatori quali infrastrutture e fonti di energia dovremmo costruire e come dovremmo riorganizzare la nostra economia per preservare questo pianeta perfetto.

L’intero episodio finale, infatti, non è affatto storia naturale. Invece, presenta una serie di attivisti che consegnano ultimatum, mentre Attenborough sostiene una vasta gamma di proposte politiche globali. Molti, come spargere semi in aree aride dell’Amazzonia, sembrano assolutamente ragionevoli e difficili da criticare. Ma alcuni, come “incentivare finanziariamente” il coinvolgimento del governo straniero nei paesi in via di sviluppo, sono profondamente politici e altamente contestati. E il messaggio stesso – millenarista, apocalittico e coercitivo – non è privo di critiche, anche all’interno del movimento ambientalista.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld

Oopsie: la terra si riscalda a causa dell’aria pulita durante il blocco economico

Wikimedia Commons, Robst56

Oopsie: la terra si riscalda a causa dell’aria pulita durante il blocco economico

Gli allarmisti climatici avranno da mangiare un po ‘di corvo ora che è documentato che la terra si è riscaldata con la diminuzione dell’attività economica provocata dall’uomo. Ciò è diametralmente opposto alle loro affermazioni secondo cui l’attività umana e l’aumento dell’attività industriale sono la causa del riscaldamento globale. TN Editor

Un nuovo studio ha rilevato che la Terra ha avuto un picco di febbre nel 2020, in parte a causa dell’aria più pulita dal blocco della pandemia.

Per un breve periodo, le temperature in alcuni luoghi negli Stati Uniti orientali, in Russia e in Cina sono state dalla metà ai due terzi di grado (da 0,3 a 0,37 gradi Celsius) più calde. Ciò è dovuto alla minore quantità di fuliggine e particelle di solfato provenienti dai gas di scarico delle auto e dal carbone che brucia, che normalmente raffreddano temporaneamente l’atmosfera riflettendo il calore del sole, ha riportato lo studio di martedì sulla rivista  Geophysical Research Letters  .

Lo studio afferma:

“La pandemia COVID-19 ha modificato le emissioni di gas e particolato. Questi gas e particolati influenzano il clima. In generale, le emissioni umane di particelle raffreddano il pianeta disperdendo la luce solare nel cielo limpido e rendendo le nuvole più luminose per riflettere la luce solare lontano dalla terra.

Questo documento si concentra sulla comprensione di come le modifiche alle emissioni di particolato (aerosol) influenzano il clima. Usiamo le stime dei cambiamenti delle emissioni per il 2020 in due modelli climatici per simulare gli impatti dei cambiamenti delle emissioni indotti da COVID-19. Vincoliamo strettamente i modelli costringendo i venti a corrispondere ai venti osservati per il 2020. I blocchi indotti da COVID-19 hanno portato a riduzioni delle emissioni di aerosol e precursori, principalmente fuliggine o carbonio nero e solfato (SO4).

Questo si trova per ridurre il raffreddamento aerosol causato dall’uomo:creando un piccolo effetto di riscaldamento netto sulla terra nella primavera del 2020. I cambiamenti nelle proprietà delle nuvole sono inferiori ai cambiamenti osservati durante il 2020. L’impatto di questi cambiamenti sulla temperatura della superficie terrestre regionale è piccolo (massimo + 0,3 ° K).

L’impatto delle variazioni di aerosol sulla temperatura superficiale globale è molto ridotto e dura per diversi anni. Tuttavia, i cambiamenti di aerosol sono il più grande contributo alle emissioni di COVID-19 influenzate dalla forzatura radiativa e ai cambiamenti di temperatura, maggiori dell’ozono, della CO2 e degli effetti della scia di condensazione. “i cambiamenti di aerosol sono il più grande contributo alla forzatura radiativa indotta dalle emissioni influenzate da COVID-19 e ai cambiamenti di temperatura, maggiori dell’ozono, della CO2 e degli effetti della scia di condensazione. “i cambiamenti di aerosol sono il più grande contributo alla forzatura radiativa indotta dalle emissioni influenzate da COVID-19 e ai cambiamenti di temperatura, maggiori dell’ozono, della CO2 e degli effetti della scia di condensazione.

Nel complesso, il pianeta è stato di circa 0,05 gradi (0,03 gradi Celsius) più caldo durante l’anno perché l’aria aveva meno aerosol di raffreddamento, che, a differenza dell’anidride carbonica, è l’inquinamento che puoi vedere, lo studio ha rilevato.

“La pulizia dell’aria può effettivamente riscaldare il pianeta perché l’inquinamento (fuliggine e solfato) si traduce in un raffreddamento” che gli scienziati del clima conoscono da tempo, ha detto l’autore principale dello studio Andrew Gettelman, uno scienziato atmosferico presso il National Center for Atmospheric Research. I suoi calcoli provengono dal confronto del meteo del 2020 con i modelli computerizzati che hanno simulato un 2020 senza le riduzioni dell’inquinamento dovute ai blocchi pandemici.

Questo effetto di riscaldamento temporaneo da un minor numero di particelle è stato più forte nel 2020 rispetto all’effetto della riduzione delle emissioni di anidride carbonica che intrappolano il calore, ha detto Gettelman. Questo perché il carbonio rimane nell’atmosfera per più di un secolo con effetti a lungo termine, mentre gli aerosol rimangono nell’aria circa una settimana.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Nascondere elefanti nella stanza

 

Nascondere le eruzioni vulcaniche 

by Mark Sircus

July 01, 2019

from ColdClimate Website 

Nascondere elefanti nella stanza è facile per la stampa e quindi nasconde i più grandi eventi del pianeta come se non importassero.

Non sono solo Google e Facebook a essere colpevoli di manipolazione delle informazioni, ma tutti i giornali mainstream del mondo, che sono di proprietà privata di un piccolo gruppo di persone, stanno dando da mangiare al pubblico in un modo a cui le macchine propagandistiche naziste e comuniste aspiravano a malapena.

Le notizie sono state ridotte a un livello di banalità e peggio.

Ora viene usato come arma per creare divisione, separazione e conflitto, nonché confusione e malattia della mente, del corpo e dello spirito.

Non vogliono che noi sappiamo che stanno accadendo grandi cambiamenti negli ultimi due mesi sul nostro pianeta, che avranno conseguenze disastrose in termini di clima e produzione alimentare.

Non saranno in grado di nasconderlo per sempre, ma proprio come abbiamo visto in innumerevoli film, saremo gli ultimi a saperlo, con la scusa di non creare un panico o un movimento intelligente da preparare.

Nelle scorse settimane abbiamo avuto una serie di enormi eruzioni vulcaniche che insieme stanno iniziando a sembrare uguali a una sola eruzione vulcanica che in passato ha portato a un anno o due senza estati e un disastro nel settore agricolo.  

Abbiamo già avuto disastri quest’anno,

  • Australia
  • gli Stati Uniti
  • Canada
  • Europa
  • Cina,

 … da siccità, inondazioni, freddo, pioggia e neve.

Sono state riportate enormi riduzioni della produzione alimentare e i prezzi stanno appena iniziando a riflettere la nostra nuova realtà alimentare.

Il 1816 è noto come L’anno senza estate quando si verificò uno dei peggiori disastri climatici della storia.

I modelli meteorologici si sono spostati, le temperature sono diminuite in modo significativo, la luce solare è stata bloccata e la neve è caduta in aree che normalmente hanno incontrato climi tropicali.

Enormi eruzioni vulcaniche sono quelle che inviano nuvole al di sopra del livello in cui iniziano ad avere un effetto di raffreddamento.

I particolati espulsi ad altitudini superiori a 32.800 piedi (10 km) – e nella stratosfera – hanno un effetto di raffreddamento diretto sul pianeta.

Venerdì 28 giugno e giovedì 27


Lo scorso venerdì (giugno 2019) un’altra eruzione di grande impatto si è verificata nel vulcano Manam, in Papua Nuova Guinea, a seguito dell’esplosione del giorno prima a 12,2 km, e l’aumento generalizzato iniziato lo scorso anno.

Un denso pennacchio di cenere vulcanica, che si innalza ad almeno 50.000 piedi (15,2 km) sul livello del mare, è stato individuato dal Vulcanic Ash Advisory Centre (VAAC) Darwin alle 06:59 UTC del 28 giugno.

Mercoledì 26 giugno

La precedente eruzione di Ulawun (Nuova Britannia, Papua Nuova Guinea) a 50.000 piedi (15,2 km) oggi, il 26 giugno, è appena stata rivista a quella di un’eruzione subpliniana su larga scala, la prima al mondo da Calbuco, in Cile, nel 2015, che classificato come VEI 4.

CENERE A 63.000 PIEDI (19,2 KM) …

21-22 giugno

 

La NASA ha recentemente pubblicato una straordinaria fotografia della colonna circolare eruttiva durante il risveglio di Raikoke del 21-22 giugno, che ha raggiunto i 43.000 piedi (13 km).

Potenti eruzioni di alto livello sono in corso sul vulcano Raikoke, in Russia, sin dalla massiccia esplosione inaspettata che si è verificata il 21-22 giugno.

Secondo il Vulcanic Ash Advisory Center (VAAC) di Tokyo, l’eruzione precedente ha inviato ceneri vulcaniche a circa 38.000 piedi (11,6 km) sopra il livello del mare. 

17 giugno 

187 esalazioni rilevate nel Popocatépetl Vulcano messicano (appena fuori Città del Messico) in sole 24 ore – la più grande delle quali invia cenere a 42.000 piedi (12,8 km).

Popocatépetl, il cui nome significa Montagna Fumante in Nahuatl, la lingua degli Aztechi, è tornato alla vita nel 1994 (ciclo minimo solare 22) dopo mezzo secolo di silenzio.

Negli ultimi mesi, l’attività violenta del vulcano è aumentata di dieci volte, correlando nettamente con il forte calo dell’attività solare.

3 giugno

Il Popocatépetl del Messico ha continuato il suo esplosivo aumento di stile oggi, il 3 giugno, sparando una colonna di cenere a circa 37.000 piedi (11,3 km) sul livello del mare – la più grande eruzione del vulcano negli anni.

9 giugno

L’incredibilmente attivo Sinabung Volcano di Sumatra è esploso in modo spettacolare ancora oggi, il 9 giugno, inviando cenere vulcanica alta nell’atmosfera. L’esplosione ha coinciso anche con una tempesta geomagnetica minore G1.

Il Centro di consulenza per la cenere vulcanica (VAAC) di Darwin avverte di un denso pennacchio di cenere che si eleva fino a raggiungere i 16.000 chilometri di altezza.

25 maggio 

Il Centro di consulenza sulla cenere vulcanica (VAAC), Darwin, ha avvertito di un colossale pennacchio di cenere vulcanica che sale a 15.000 metri (15.2 km), o livello di volo 500, dal potente stratovulcano settentrionale di Sinatra – Sinabung.

Per i libri di storia 

Il Messico è stato colpito da una strana tempesta mattutina che ha visto accumularsi grandine fino a oltre 1,8 metri nella città di Guadalajara.

Le strade sono state bloccate e sono stati segnalati ingenti danni a seguito della grandine del mostro che ha colpito alle 01:00 di domenica (ora locale). Le strade furono rapidamente trasformate in fiumi di grandine densa e in rapido movimento, intrappolando i conducenti nei loro veicoli e costringendo numerose operazioni di soccorso.

Il cambiamento climatico è reale ma il riscaldamento globale provocato dall’uomo non lo è. La natura sta facendo la storia! Queste serie di eruzioni sono per i libri di storia.

Quindi è la tempesta di grandine di domenica. Nessuno sta aggiungendo le conseguenze combinate dell’effetto di raffreddamento che questi vulcani avranno e certamente non sappiamo cosa verrà dopo.

Ma questo è esattamente ciò che gli astrofisici si aspettano dall’aumento dei raggi cosmici (che penetrano nella terra) mentre il sole si affievolisce durante il suo ingresso nel successivo Grand Solar Minimum.

Tempo più violento, più neve, pioggia, in alcuni punti il ​​calore, ma nel complesso la vera difficoltà sarà stagioni fredde e brevi, a volte inesistenti. Quest’anno è stato un disastro per molti agricoltori americani con le inondazioni record.

Aspettatevi prezzi alimentari e costi energetici molto più alti per riscaldare le case.

Qui in Brasile, la maggior parte delle case non ha il calore e l’unico modo in cui io e mia moglie restiamo a mio agio in inverno è usando materassi a infrarossi. Sono macchine da sogno che si raddoppiano come dispositivi medici e risparmiano quando fa freddo perché non devi riscaldare tutta la casa solo a letto.

Credimi non c’è niente di simile.

Per migliaia di anni i medici orientali tradizionali sanno che il freddo è una delle principali cause di malattia. Una bassa temperatura corporea rende molto difficile sconfiggere il cancro perché, per ogni grado al di sotto del normale, la propria temperatura diminuisce e si perde circa il 25 percento della forza del proprio sistema immunitario.

Raccomando quasi sempre la terapia a raggi infrarossi per i malati di cancro.

C’è anche una branca speciale di oncologia che usa il calore per andare a uccidere le cellule tumorali chiamate Hyperthermic Oncology.