Archivi categoria: Filosofia

Come in un volo aereo di linea commerciale

La normalizzazione della follia

di Julian Rose

Sono seduto nella sala partenze dell’aeroporto di Cracovia, in attesa del volo per Edimburgo. Di fronte c’è una giovane donna con un cellulare rosa appoggiato al cavallo delle sue gambe e una bottiglia di plastica di Coca Cola in piedi nello stesso posto. Il primo, lentamente sta distruggendo il suo cervello e la sua capacità riproduttiva e il secondo lentamente sta distruggendo il suo intestino e il sistema nervoso.

Ha delle estensioni per le orecchie che provengono dal suo cellulare e indossa un’espressione vacua sul suo viso, un po’ dimessa. Ignara senza dubbio, che sta riducendo costantemente la sua aspettativa di vita.

È un posto abbastanza affollato. La consueta schiera di società globali dominanti mostra le ultime novità nei corridoi sterili illuminati dal neon che sono diventati l’ambiente stereo tipico degli aeroporti internazionali di tutto il mondo. Ogni prodotto confezionato e esposto viene visualizzato come “irresistibile”.

L’aria in questo posto è “condizionata”, ma così è tutto. Compreso il mucchietto di smog elettronico di microonde che assicura che il cervello di nessuno stia funzionando come dovrebbe. Siamo tutti anestetizzati.

L’elettricità prodotta è l’energia dominante qui, ronzante e continua attraverso i punti di forza di centinaia di elettrodomestici, schermi e hotspot Wi-Fi. Aeroporti come questo simboleggiano la normalizzazione della follia. I meno moderni totem techno-dipendenti della moderna era guidata dai computer, che strisciano avanti e indietro nella loro omogeneizzazione della diversità planetaria.

La signorina di fronte scruta lo schermo del suo cellulare. All’improvviso un piccolo barlume di un’espressione le anima il viso. Qualcuno le sta mandando un messaggio. Mi chiedo cosa dice? Forse “Come stai tesoro? Sono appena tornato a casa e ho trovato il tuo fratellino giocare a ‘giochi di guerra 3’ nella sua nuova App. Papà sta falciando il prato – di nuovo! Buon volo e non dimenticarti di mandarci un messaggio quando arrivi! Luv, mamma. “La sua faccia ritorna neutrale e sostituisce il telefono nella sua originale posizione di vita.

Fuori dalla finestra, vari e diversi veicoli robotici manovrano intorno agli acri di asfalto che formano i terminal degli aeroporti internazionali. Non un albero in vista. A pochi posti di distanza da me, un bambino è seduto sulle ginocchia della madre, meditando meditabondo su qualunque cosa si tratti di quei bambini. All’improvviso un bel sorriso illumina il suo volto. Un’aura sottile di redenzione si blocca nell’aria – e per un solo istante – la gioia pura penetra nel piccolo spazio in cui questa bambina emana il suo momento di piacere non trattato. Com’è bello vedere e sentire il potere dello spirito umano emergere in mezzo a questo inquieto luogo di cemento, fili, vetro e plastica.

In precedenza, sulla sicurezza, sono stato messo da parte per aver avvisato la macchina a raggi X. Un agente di sicurezza prende un paio di pinzette con una linguetta all’estremità e scansiona le mie mani e polsi. Che strano, penso, essere qui a scansionare … fino a quando mi ricordo che sempre più mortali ora hanno delle patatine ai polsi che senza dubbio allertano la macchina scanner. Mi viene in mente che forse sono stato “scheggiato” inconsapevolmente e sono costantemente monitorato dall’ufficio di investigazione centralizzato del fratello maggiore. Non è impossibile con qualsiasi mezzo, ma più probabilmente il motivo per cui il semaforo rosso si è acceso, è stato un pezzo di acciaio inserito nella gamba inferiore dal chirurgo osseo polacco che ha riparato la mia caviglia rotta un anno fa.

Circa trenta minuti dopo, a bordo dell’aereo, il lato umano della vita riesce a intervenire ancora una volta, questa volta nella forma dell’amministratore di volo; un’anima gioviale con un ampio accento scozzese e un sorriso scintillante. Le risate scoppiano mentre spiega perché, a causa dei passeggeri in arrivo che si eccitano, c’è una mancanza di panini a bordo per il viaggio di ritorno. Il vivace maggiordomo, ben oltre le fasi successive della sua carriera professionale, mi ha ricordato il lattaio che una volta ho assunto per consegnare il mio latte non pastorizzato e panna a Guernsey agli abitanti del South Oxfordshire. Era un Glasgowiano (di Glasgow) e quasi nessuno capiva una parola che stava dicendo – incluso me – così forte era il suo accento.

Ma ringraziamo Dio per il fatto che questi individui eccentrici rimangono in libertà nella società dominata dalle imprese, politicamente corrette e standardizzate. Non tutto è perduto, nonostante tutti i tentativi fatti per condurci alla sottomissione a un’esistenza di realtà virtuale senz’anima. Infatti, sempre più ci sono segni di una nuova vita che sta crescendo dove potrebbero essercene meno, come in un volo aereo di linea commerciale tra Cracovia ed Edimburgo. Ci sono sempre alberi che, dato solo il minimo barlume di luce, riescono a crescere attraverso il cemento progettato per tenerli fuori. Quelli in grado di essere ‘umani’ rappresentano probabilmente la maggioranza su questo pianeta; ma le pressioni per conformarsi all’agenda orwelliana cyborgiana sono implacabili – e il calore del cuore è spesso la prima vittima in questa spinta al dominio da parte di un “nuovo ordine mondiale” industriale guidato dai banchieri.

Il volo è tranquillo, per fortuna. Le persone si sistemano nelle solite occupazioni che preoccupano i passeggeri stipati come sardine in rumorosi e distintamente primitivi tubi di alluminio pressurizzati di due centimetri, proiettati nell’atmosfera superiore grazie a enormi volumi di cherosene sintetizzato.

Scendiamo sull’asfalto dell’aeroporto di Edimburgo e ci fermiamo al portellone. Tutti balzano in piedi come se rispondessero ai ritornelli di God Save the Queen. C’è la solita cavalcata sconveniente verso il punto di uscita del passeggero, con i telefoni cellulari ancora una volta in vigore; twittare e twittare come uno stormo di uccelli spaventati.

Ma poi qualcosa di decisamente diverso: i passaggi verso le formalità doganali sono completamente privi di pubblicità. Non c’è il solito ronzio elettromagnetico frenetico; niente musica prodotta in serie. La gente sembra rallentare. Al controllo dei passaporti un silenzio quasi palpabile riempie la sala. Le coppie sono prese insieme, passando senza intoppi attraverso i cancelli. Si può quasi toccare il senso di qualcosa di reale. Si può quasi sentire l’odore del “groviglio delle isole”. Quasi percepiscono gli altopiani non così lontani; i laghi, il mare, le alghe, l’erica e l’orgoglioso pifferaio nella valle.

Per coloro che conoscono queste parti, un piccolo brivido passa lungo la spina dorsale. Non sentiamo il lontano ritornello di cornamuse che ci chiama di nuovo alle armi? Antica e antica terra di aspre e aspre colline di granito, punteggiata da torrenti montani a cascata. Il paesaggio ossessionante e quasi senza alberi, devastato dall’uomo in passato, ma che trasuda ancora un potere magnetico irresistibile.

Uscendo da Edimburgo e percorrendo un sentiero attraverso i desolati altipiani verso le Western Isles, Jadwiga dichiara che la scena è “Un triste tipo di bellezza.” “Qui puoi vedere l’orgoglio di coloro che si sono trattenuti e che si sono rifiutati di essere “sviluppati” “pensò. “Una bellezza terribile”, io, uno scozzese, a forza dei miei antenati del clan Rose of Kilravock. E mentre viaggiamo, così questa piccola storia di umanità e disumanità si ferma. La morale, se dovessi chiamarla, è questa: dove l’uomo ha, per qualsiasi ragione, fallito nell’installare gli attributi laceranti e tormentosi della modernità, così vive invitando i nostri sensi più profondi a risorgere e riprendere a respirare. Suona, pifferaio alle porte dell’alba!

Fonte: https://www.activistpost.com/

®wld

Consolamentum – con il Sole nella mente

 

I misteriosi Segreti del Sole rivelati 

Dal 1209 al 1249 uno dei peggiori genocidi della storia fu condotto contro i Catari, una setta eretica nel sud della Francia. Papa Innocenzo III, promettendo oro e indulgenze (la remissione delle pene dovute per i peccati) in cambio del sangue dei Catari, mandò in Francia 30.000 crociati per massacrare i Catari e i loro sostenitori. 
 
I Catari furono cacciati, torturati, bruciati sul rogo e selvaggiamente uccisi dagli assassini assunti dalla Chiesa. Le stime indicano il numero totale di catari e simpatizzanti assassinati tra 300.000 e 1.000.000 di uomini, donne e bambini. Durante questo bagno di sangue è stato osservato un fenomeno sorprendente. I Catari non esprimevano paura, rabbia o dolore, ma solo beatitudine, nonostante le atrocità più orribili commesse contro di loro. Cosa stavano facendo? 
 
Secondo William Henry in Maria Maddalena: The Illuminator, era una sostanza psicoattiva prodotta dal cervello – i Catari avevano appreso le tecniche necessarie per produrlo dagli insegnamenti segreti di Gesù. Fu chiamato Christos (olio per l’unzione) dagli Esseni, che trasmisero i loro segreti a Gesù da Mosè, che li aveva ottenuti in Egitto dai discendenti dei sacerdoti Atoniti banditi di Akhenaton. 
 
Questi insegnamenti implicano il potere del sole e il potere della parola pronunciata e costituiscono ciò che io chiamo “i misteri del sole”. Erano parte dei misteri egiziani, babilonesi e greci, e gli insegnamenti gnostici dei primi cristiani e dei segreti società. Sono stati dati ad ogni cultura da grandi adepti come mezzo per illuminare le menti delle persone e liberarle dall’oscurità dell’ignoranza e della superstizione. 
 
In questo articolo, esaminerò brevemente la vita e gli insegnamenti dei fondatori di varie scuole misteriche nel Medio Oriente e nel Mediterraneo dal faraone Thutmose III a Omraam Mikhail Aivanhov. C’erano altre scuole di mistero in India, Cina, Perù e altrove, ma quelle che ho scelto rappresentano una continuità che ha attraversato millenni e ha formato le radici spirituali dell’eredità giudaico-cristiana. 
 
La storia dei misteri del sole è antica quanto l’umanità e nuova come l’ultima scoperta scientifica. Nel 1882, Ignatius Donnelly pubblicò Atlantis: The Antediluvian World. In questo libro, ha sostenuto in modo convincente che Atlantide aveva stabilito colonie in Perù, Egitto e altrove e che le mitologie e i misteri di questi popoli rappresentavano la religione originale degli Atlantidei, che era una forma di culto del sole. 
 
Scrisse: “La religione degli Atlantidei, come ci dice Platone, era pura e semplice; non facevano regolarmente sacrifici, ma frutta e fiori; adoravano il sole. In Perù era adorata un’unica divinità, e il sole, la sua opera più gloriosa, fu onorato come suo rappresentante. Quetzalcoatl, il fondatore degli Aztechi, condannò ogni sacrificio ma quello di frutti e fiori. [Possiamo vedere fino a che punto la religione azteca degenerò nel corso dei secoli fino al punto più basso del sacrificio umano al tempo della Conquista.] Anche la prima religione egiziana era pura e semplice; i suoi sacrifici erano frutti e fiori; i templi furono eretti al sole, Ra, in tutto l’Egitto. In Perù la grande festa del sole si chiamava Ra-mi. ” 
 
Tra l’Egitto pre-dinastico e la diciottesima dinastia, la “pura e semplice” religione solare dell’Egitto divenne molto corrotta e complicata. C’erano diversi dei del sole e una miriade di dei minori. Il sacerdozio era ricco e potente e la gente dipendeva da loro per gli amuleti magici, pregando gli dei per loro e dando loro un adeguato ed elaborato invio nell’aldilà. Frutta e fiori non offrivano più sacrifici; gli animali hanno preso il loro posto. 
 
Entra nel faraone Thutmose III. Figlio più giovane di Amenhotep I, dovette il suo governo all’intervento del sacerdozio di Amen-Ra che, in un rituale religioso che invocava il volere di Amen-Ra, lo nominò faraone, anche se non era in linea per la successione. Thutmose si rese conto che il sacerdozio stava diventando troppo potente e cercò di frenare il loro potere prestando esternamente omaggio ad Amen-Ra, ma adorando segretamente Aton e sostenendo un separato sacerdozio di Aton a Eliopoli che era fedele al trono. 
 
Sotto il suo dominio, Thutmose III permise alla gente comune di indulgere in tutte le sue fantasiose credenze e superstizioni come gli amuleti magici. Credeva che un cambiamento graduale delle credenze religiose esistenti potesse essere realizzato più facilmente e permanentemente istituendo una scuola segreta misteriosa, i cui studenti avrebbero messo in pratica standard più elevati. Voleva gradualmente infondere nella religione egiziana dall’alto verso il basso quei misteri, miti e riti che avrebbero sollevato il popolo verso una comprensione e una morale superiori. 
 
Così, nel 1489 aEV, fondò una scuola segreta misteriosa, l’Ordine della Croce Rosa, da cui i rosacrociani rivendicano la discendenza e che esiste ancora oggi. I membri di questa scuola misteriosa erano chiamati Therapeutea, che significa “medici dell’anima”. La sungazing Essene setta di Alessandria adottò in seguito questo nome e il simbolo della croce rosea. 
 
William Henry, in The Healing Sun Code, collegava i segreti rosacroce e rosacrociani con il “sorgere del sole curativo, la fonte della vita e della saggezza”. Recentemente ho parlato con una donna che ha studiato l’egittologia per 25 anni e sapeva di Thutmose III e Rosacrociani. Mi disse che una volta conosceva una donna rosacrociana, che ogni volta che si sentiva male avrebbe affrontato il sole e fare uno speciale esercizio di respirazione in cui avrebbe respirato il fuoco del sole per bruciare impurità nel suo corpo. Ha vissuto per essere molto vecchia. Questa tecnica faceva parte degli insegnamenti segreti dei Rosa-Croce, che erano molto attenti a non rivelare ai non iniziati. 
 
Un’altra tecnica usata da Thutmose III e membri del suo ordine era l’uso di aste di guarigione mentre si stava osservando il fuoco (vedi Figura 1). Questi erano tubi di rame e zinco che contenevano rispettivamente carbone indurito e magnetite. Furono reintrodotti nel mondo dal mistico russo Conte Stefan Colonn Walewski, che era membro di una scuola di mistero sulle montagne caucasiche. Essi amplificano la corrente che attraversa il corpo tra il sole e la terra mentre si sbiadiscono, aumentando la meditazione e accelerando la guarigione e lo sviluppo dei poteri psichici. 
 
Il figlio e il nipote di Thutmose III continuarono con la scuola di mistero e il culto di Aton, ma fu solo quando il suo pronipote, Akhenaton, prese il trono che le cose andarono al pettine. 
 
La rivoluzione di Akhenaton 
 
Nel 1369 aEV, Amenhotep IV assunse il regno d’Egitto dal padre malato Amenhotep III. Durante la sua educazione, è stato educato al Tempio del Sole a On (Heliopolis) dove i sacerdoti hanno instillato in lui una devozione ad Aton. Quando divenne faraone, ricevette i misteri segreti del sole tramandato dal suo bisnonno. Ha imparato che Aton era l’unico vero Dio non creato e creato da sé e che la maggior parte degli altri dèi, incluso Amen-Ra, erano fatti dall’uomo. All’inizio del suo regno, cambiò il suo nome in Akhenaton, che significa “il servo di Aton”. Diversamente dal suo bisnonno, non aveva tolleranza per l’ignoranza spirituale. 
 
Akhenaton iniziò un cambiamento nel clima religioso da un politeismo basato sulla paura con il suo culto della morte, amuleti magici, numerosi idoli, sacrifici animali e rituali segreti di un potente sacerdozio a una religione più devota, che era libera da immagini scolpite, ossessione per l’aldilà e la magia; che enfatizzava la riverenza per la luce del sole e la pulizia e la semplice sepoltura; e che permetteva ai normali cittadini di adorare liberamente nei templi all’aperto con offerte di frutta, fiori e incenso, come era stato fatto nella religione solare originale dell’Egitto. I templi di Aton non avevano idoli o immagini scolpite diverse da quella inventata da Akhenaton: un disco solare da cui provenivano raggi, le cui estremità terminavano in mani aggraziate. Alcune di queste mani contenevano l’ankh, il simbolo della vita, nelle narici dei suoi adoratori adoranti. 
 
Questo simbolismo mostra che Akhenaton ha compreso la relazione tra luce solare, prana e respiro. Sapeva che la luce del sole è la fonte di tutta la vita sulla terra. Questa non era l’adorazione del sole fisico, ma l’adorazione di un solo Dio, una divinità suprema, il cui spirito era in cielo e la cui manifestazione fisica era il sole – il simbolo della vita. Ha cambiato il culto del sole come un dio per il culto di Dio simboleggiato dal sole. I dipinti e le sculture di Aton erano sempre accompagnati da una sorta di nota geroglifica (visto nella parte superiore della Figura 4, pagina 56), affermando che era solo una rappresentazione del Creatore onnicomprensivo. 
 
Così, Akhenaton creò la prima religione monoteistica elevando Aton su Amen-Ra e altri dei. Sua madre, Tiya, ha fatto molto per mediare e arginare l’ondata di polemiche causata dalla sua audace opposizione al potente sacerdozio di Amen-Ra. Tuttavia, dopo la sua morte, ha preso l’offensiva e ha ordinato al suo esercito di sciogliere il sacerdozio e deturpare i loro falsi dei. 
 
Akhenaton amava officiare le cerimonie come sommo sacerdote di Aton. La seguente citazione da un decreto fatto da Akhenaton sulla fondazione della sua capitale, Akhetaton, mostra che il morning sungazing era un rituale quotidiano di Atonismo:
 
“Ogni occhio lo vede senza ostacoli mentre riempie la terra con i suoi raggi e fa vivere tutti. Nel vedere chi sono i miei occhi soddisfatti ogni giorno quando si alza in questo tempio e lo riempie con se stesso per mezzo dei suoi raggi, beato di amore, e mi abbraccia con loro nella vita e nella potenza per sempre. ” 
 
Durante queste cerimonie, Akhenaton e la sua congregazione cantavano il suo inno ad Aton. Sebbene la stragrande maggioranza degli egiziani non desse molta credito all’atonismo e la corte di Akhenaton seguisse i rituali della religione esterna per senso del dovere, esisteva un circolo ristretto di circa 300 iniziati che imparavano da Akhenaton i misteri del sole. Tra questi vi erano Giuseppe il figlio di Giacobbe, che Robert Feather, nel Mistero del rotolo di rame di Qumran, sostiene fu il visir Nakhte di Akhenaton. 
 
La Bibbia riporta che Giuseppe sposò Asenath, figlia di Potifera, un sacerdote di Aton a Eliopoli, e gli archeologi scoprirono una cappella privata ad Aton tra le rovine della casa di Nakhte ad Akhetaton. Robert Feather pensa che dopo la morte di Akhenaton, alcuni di questi iniziati siano andati al tempio del sole di Eliopoli e altri, incluso Giuseppe e la sua famiglia, sono andati sull’isola di Elefantina nella terra di Cush (Etiopia), dove hanno costruito un altro tempio del sole e stabilito un ramo del giudaismo che esiste fino ad oggi.
 
I misteri formano la base della tradizione giudaico-cristiana 
 
Dopo la morte di Akhenaton, gli insegnamenti di Atonismo, i suoi rituali e precetti furono quasi completamente distrutti dai fanatici della religione stabilita. Questo è stato il destino di ogni insegnamento misterioso che coinvolge il sole nel passato. La maggior parte degli storici e degli scrittori religiosi pensano che il monoteismo di Akhenaton fosse una breve aberrazione in una lunga tradizione del politeismo egiziano e che sia morto con lui. 
 
Ma, sepolto nelle pagine di testi storici e scritturali, suggerisce che le sue idee siano sopravvissute nella fede ebraica. Ad esempio, il Salmo 104 è quasi identico all’inno di Aton. Sopravvissero anche agli insegnamenti segreti delle Confraternite Esseno e Terapeutico, che erano associate al cristianesimo primitivo. 
 
Nella storia dell’Egitto, il sacerdote egiziano Manetho scrisse: “Mosè, un figlio della tribù di Levi, educato in Egitto e iniziato a Eliopoli, divenne un Sommo Sacerdote della Fratellanza … Fu eletto dagli Ebrei come loro capo e adattato alle idee del suo popolo la scienza e la filosofia che aveva ottenuto nei misteri egizi quando stabilì un ramo della Fratellanza egiziana nel suo paese, dal quale discendevano gli Esseni. Il dogma di un ‘unico Dio’, che insegnò, fu l’interpretazione e l’insegnamento del faraone egiziano della Confraternita che stabilì la prima religione monoteistica nota all’uomo [Akhenaton]. Le tradizioni che egli stabilì in questo modo erano note solo a pochi di loro e furono preservate nei misteri delle società segrete, la Terapeuta dell’Egitto e degli Esseni “. 
 
Dopo essere tornato da Eliopoli, Mosè divenne un fastidio per i sacerdoti di Amen-Ra e la corte di Ramses II a causa delle sue idee atoniste. Lo storico Josephus riporta che Mosè fu inviato in una spedizione militare a Cush in uno sforzo dai cortigiani del faraone per liberarsi del “dissidente”. Lì non solo trovò una moglie, ma un altro avamposto di Atonismo sull’isola di Elefantina. Robert Feather pensa che sia stato nel deserto di Cush che Mosè abbia visto il roveto ardente e abbia ricevuto la sua missione. 
 
Flavia Anderson, in The Ancient Secret: Fire from the Sun ha affermato che il cespuglio ardente era in realtà un piccolo albero d’oro con un cristallo che rifletteva così intensamente la luce del sole che sembrava essere in fiamme. Un talismano simile, chiamato un punchao , era usato dagli Incas per mettere i fedeli in trance in modo che potessero vedere e comunicare con gli esseri di luce. 
 
Anderson riferisce anche questo albero d’oro all’Urim e Thummin (luce perfetta) degli ebrei, che era un cristallo posto in una posizione d’oro, e con il quale il sommo sacerdote comunicava con Dio. Anderson pensa che Mosè abbia incontrato questo albero d’oro durante l’iniziazione al tempio del sole di Eliopoli. Ma è più probabile che l’abbia visto nel tempio del sole dell’Isola Elefantina appena prima di tornare in Egitto. È anche probabile che alcuni dei sacerdoti Atoniti che discendono da Giuseppe e dalla sua famiglia si unirono a Mosè nella sua missione. La Bibbia riporta che c’erano due fazioni rivali di sacerdoti durante l’Esodo. Una fazione aveva nomi egiziani come Korah, Dathan, Abiram e On. 
 
In The Secret Initiation of Jesus a Qumran, Robert Feather mostra come i discendenti di questi sacerdoti egizi, originariamente nominati al tempo di Akhenaton, avrebbero potuto mantenere la loro coesione fino all’inizio degli Esseri di Qumran (610 aEV). Quando entrarono in Canaan, si stabilirono attorno a Shiloh e così divennero noti come sacerdoti Shiloniti. Divennero prominenti intorno al tempo di Ezechiele (589 aEV), di Onia IV (160 aEV) e di Gesù (4 aEV). Erano anche le volte in cui gli esseni erano attivi. Gli Esseri di Qumran, basati sui sacerdoti Shiloniti, vennero per avere un ebraismo molto più puro che rifiutò i sacrifici animali, gli idoli, gli amuleti e la sepoltura con i beni terreni che si insinuarono nel giudaismo degli altri israeliti. Durante l’Esodo, questi sacerdoti erano pro-Mosè e contro i sacerdoti di Aronne. È probabile che i sacerdoti di Aronne, che si sono ribellati nell’idolatria del vitello d’oro (la dea egizia Hathor) mentre Mosè era sulla montagna, possano essere stati responsabili di reintrodurre un’altra pratica egiziana di sacrificio dell’Olocausto, proibita dall’Atonismo. Sul monte Sinai, Dio diede a Mosè la prima serie di tavolette da presentare agli Ebrei. La Figura 2 (pagina 55) è un dettaglio di un dipinto di Beccafumi. Mostra Mosè che riceve le tavole dal sole, che è rappresentato come un’apertura nel cielo. 
 
Tuttavia, quando scese dalla montagna e vide come il popolo era caduto nell’idolatria, si rese conto che non erano pronti per quello che c’era sulle tavolette. Quindi fracassò le tavolette e risalì la montagna dove Dio incise dieci semplici comandamenti su una seconda serie di tavolette. 
 
Cosa avrebbe potuto essere sul primo set? Forse i misteri solari! In ogni caso, i misteri furono tramandati di bocca in bocca da Mosè ai sacerdoti Shiloniti agli Esseni. 
 
Gli archeologi hanno trovato nelle catacombe di Roma un disegno di Gesù che regge una verga di potere quando resuscita Lazzaro dai morti (Figura 3, pagina 55), mostrando che i primi cristiani capivano che la fonte del potere di Gesù veniva dal sole. La Bibbia riporta che poco prima che Gesù avesse risuscitato Lazzaro, egli “alzava gli occhi” al sole e pregava. La verga è un simbolo della forza vitale, che ogni dio egizio del sole e gli dei del sole di Babilonia, India e Perù sono mostrati brandendo in pitture e sculture a parete, come nella figura 5. 
 
Molti studiosi stanno ora realizzando che Gesù era un membro del movimento di Esseni di Qumran e che molti dei suoi insegnamenti sono simili agli insegnamenti di Esseno. Gli esseni e i terapeuti si consideravano i figli della luce e così anche i primi cristiani. 
 
Secondo Gene Savoy nel suo libro Il documento di Essaei: Insegnamenti segreti di una eterna razza, Gesù ricevette gli insegnamenti segreti degli Esseni, che egli chiama la paradosia , intendendo un processo di divinizzazione mediante il quale uno divenne immortale. La Savoia suggerisce di essere un fattore chiave in questo insegnamento segreto. 
 
Scrive: “Che gli Essei [di fronte al sole] in queste ore [alba e tramonto] suggeriscono che il sole era usato come un intermediario grazie al quale gli uomini della terra erano collegati da” cordoni di luce “con il paradiso … ed erano nutriti su un cibo divino sul quale gli angeli nutrivano … ” 
 
I Therapeuts credevano che le anime pure tornassero al sole e che la luce del sole sia davvero il cibo celeste e incorruttibile dell’anima. 
 
Le “corde di luce” della Savoia che collegano tutti possono essere pensate come una griglia di energia. Il sole è una parte di questa griglia di energia; la terra è l’altra. Savoia scrisse altrove: “I seguaci di Mitra si radunarono sulle cime o si fermarono nelle acque, alzando le mani in preghiera davanti al sole che sorge …” Savoy menzionò anche nel Progetto X che gli adoratori del sole in Perù si sarebbero fermati sulle cime delle montagne o del sole templi. Questo mi ha fatto pensare ai vortici e alle ley lines della griglia terrestre, che sono punti focali e linee di energia elettromagnetica che di solito si trovano sui punti più alti della superficie terrestre e nei letti del torrente. 
 
Richard Leviton e Robert Coons, in “Ley Lines e il significato di Adamo”, un capitolo di Anti-Gravity e World Grid, hanno affermato che il sistema elettromagnetico dei nostri corpi, l’intera biosfera e la griglia terrestre fanno parte di un molto più grande griglia del sistema solare ed è tutto collegato. E l’energia che alimenta questa griglia è la Luce di Dio. Hanno scritto: “Il tempio del paesaggio fatto di pietre e cristallo … ha collegato il Cielo e la Terra attraverso l’Uomo. Il tempio terrestre funzionava anche come una porta della griglia in base alla quale la coscienza umana … poteva effettivamente uscire da questo piano ed entrare nel “regno degli dei” [ciò che William Henry chiamava “la dimensione dei beati”]. Attraverso questa Porta della Griglia, gli Dei potrebbero anche incanalare le loro vibrazioni e messaggi spirituali “. 
 
Forse è così che Dio ha incanalato i misteri del sole e poi i Dieci Comandamenti a Mosè sul tempio terrestre del Monte. Sinai, come illustrato nella Figura 2. È significativo che gli eventi chiave del ministero di Gesù siano avvenuti sulle cime delle montagne e nei torrenti (il suo battesimo, la sua ultima tentazione, il sermone sul monte, la sua trasfigurazione, la sua morte e la sua ascensione) . 
 
Gesù trasmise gli insegnamenti segreti di Esseno sui misteri del sole ai suoi discepoli, inclusa Maria Maddalena. I primi cristiani, che non erano a conoscenza di questi insegnamenti, inizialmente adorarono lo spirito di Cristo sotto il sole, ma intorno al terzo secolo essi caddero in un culto della personalità del culto di Gesù, che è continuato fino ad oggi. 
 
Frammenti di questi insegnamenti segreti possono essere trovati nei rotoli del Mar Morto, nel testo apocrifo noto come Pistis Sophia, e nel Vangelo della Pace Esseno, che era nascosto nella biblioteca vaticana per secoli prima che Edmond Bordeux Szekely lo scoprisse nel 1928. Nella Pistis Sophia, un vangelo antico soppresso per oltre mille anni e ignorato dalle chiese ortodosse anche dopo la sua pubblicazione nel secolo scorso, Gesù, dopo la sua risurrezione, elabora i misteri solari e quanto sono necessari per entrare nel regno di Paradiso: 
 
“Voi dovete cercare i misteri della Luce, che purificano il corpo della materia e lo rendono in una luce raffinata estremamente purificata. In verità vi dico … mi sono fatto a pezzi e ho portato a loro tutti i misteri della luce, per purificarli … altrimenti nessuna anima della razza totale degli uomini sarebbe stata salvata e non sarebbero stati in grado di ereditare il regno della luce … ” 
 
Come si verifica questa purificazione è accennato in questo ulteriore passaggio: “Ora, quindi, colui che riceverà i misteri dei battesimi, allora diventerà un grande, estremamente violento, saggio fuoco e brucia i peccati ed entra nell’anima segretamente e consuma tutti i peccati che lo spirito contraffattore ha fatto ad esso. ” 
 
Nel Vangelo Esseno della Pace, Gesù dà un insegnamento sul ruolo purificatore della luce solare in questo battesimo di fuoco. Dice ai malati dopo averli istruiti sul digiuno: “E se in seguito rimangono in te tutti i tuoi peccati passati e impurità, cerca l’angelo del sole … Perché ti dico veramente, santo è l’angelo del sole che pulisce tutte le impurità e rende tutte le cose maleodoranti di un odore dolce. Nessuno può venire davanti al volto di Dio, che l’angelo del sole non lascia passare. In verità, tutto deve rinascere dal sole e dalla verità, poiché il tuo corpo si crogiola alla luce solare della Madre Terrestre, e il tuo spirito si crogiola alla luce del sole della verità del Padre Celeste. ” 
 
La ricezione di questo fuoco attraverso il mantello con le braccia alzate in una formazione Y o piegate al gomito e le mani distese e rivolte verso il sole fu chiamata dai Greci “fuoco che fiorisce” perché la radianza o l’essenza del sole così incanalata bruciasse le impurità in il plesso solare, che, a proposito, è associato al sole e al fuoco. Si possono trovare intagli alle pareti, dipinti, statue, xilografie e fotografie di adoratori del sole di tutto il mondo – indù, musulmani, indiani d’America, antichi egizi, monaci medievali, russi, inca e persino aborigeni in petroglifi preistorici – tutti con le braccia alzate . William Henry scrisse in Maria Maddalena: L’Illuminatore che quando Gesù insegnò ai suoi discepoli la Preghiera del Signore, insegnò loro anche questa posizione di preghiera, che apprese dagli Egiziani, che la chiamavano la posizione Ka (Figura 6, pagina 57). Anche Mosè lo apprese dagli Egiziani e lo usò per invocare la Luce di Dio durante la battaglia degli Israeliti con gli Amalechiti. Significativamente, la battaglia fu vinta al tramonto. 
 
Questo ci porta a considerare un’altra parte dei misteri rivelati dalla Pistis Sophia, che è un certo potere della parola. L’anima, per essere liberata dallo spirito contraffatto, deve pronunciare “il mistero della rovina dei sigilli e di tutti i legami”. Questa è la scienza della parola, l’espressione di sacri mantra, preghiere e canzoni che rimuovono o frenano il sé malvagio, i “registri karmici” dell’individuo. 
 
Queste scienze e tecniche spirituali non furono rivelate a tutti i fedeli. Secondo la Pistis Sophia, i misteri dovevano essere dati solo a quegli iniziati che si dimostrarono degni di essere sottoposti a molti anni di test. Inoltre sono stati tenuti segreti a causa della minaccia di persecuzioni. 
 
I misteri sopravvivono alla persecuzione durante il Medioevo 
 
Nella luce perduta, Alvin Boyd Kuhn scrisse che l’adorazione del sole “era il centro del cuore di ogni religione e filosofia prima che il Medioevo oscurasse la visione della verità … Le terribili ombre dell’Età Oscura non finiranno fino al bagliore luminoso della saggezza solare viene rilasciato ancora una volta per illuminare la modernità ottenebrante. ” 
 
Durante il Medioevo, i misteri del sole sopravvissero e furono tramandati attraverso i Cavalieri Templari, Catari, Paulici, Bogomili e altri Gnostici. Molti di questi santi furono brutalmente assassinati dalle chiese cattoliche e orientali ortodosse nel tentativo di sopprimere i loro insegnamenti, che minacciavano l’autorità stabilita dalla Chiesa. 
 
Uno degli gnostici più ispirati era Saulo di Tarso. Saul sperimentò un’improvvisa conversione e gnosi sulla via di Damasco. Dipinti di questa esperienza di solito mostrano Saul essere accecato dal sole di mezzogiorno che splende attraverso una pausa tra le nuvole direttamente su di lui. 
 
Gene Savoy, nel Documento di Essaei, sosteneva che Saul aveva imparato che gli Esseni erano svelati per comunicare con Dio. Quando Saul lo provò, ricevette un messaggio potente e trasformatore di vita, che lo lasciò cieco e temporaneamente pazzo, così che non potesse mangiare o bere per tre giorni. Nel 1840, il dottor Gustav Fechner, il padre della psicofisica, sperimentò guardando il sole attraverso filtri colorati e liquidi. Lo fece a mezzogiorno e, di conseguenza, divenne cieco e pazzo. Tuttavia, dopo molte preghiere e meditazioni in una stanza buia, ha recuperato la vista, la sanità mentale e altro ancora. Cominciò a vedere aure e angeli, che chiamò “esseri dal sole”. 
 
Socrate insegnò nella sua accademia che la trasformazione personale era possibile solo attraverso la comprensione della parola di Dio, la Luce, e che era raggiunta solo attraverso l’illuminazione interiore assorbita dal sole. Apparentemente, Saul il persecutore fu trasformato dal sole in Paul the proselytiser. 
 
Clemente Alessandrino scrisse che Paolo, prima di andare a Roma, disse che avrebbe portato ai fratelli la Gnosi, o tradizione dei misteri nascosti, come il compimento delle benedizioni di Cristo, il quale, dice Clemente, rivela la conoscenza segreta e si allena lo gnostico da parte dei misteri, cioè rivelazioni fatte nello stato di coscienza superiore. Un tale stato può essere raggiunto attraverso la meditazione profonda, il canto e il sole. Sfortunatamente, Paolo fu arrestato a Roma e alcuni anni dopo giustiziato. I suoi veri insegnamenti sui misteri del sole furono persi per diversi secoli fino a quando furono resuscitati in Armenia e in Siria alla fine del settimo secolo dai Pauliciani. Questo gruppo fu così chiamato perché i loro insegnamenti erano i misteri gnostici tramandati da San Paolo quando li portò nei Balcani e in Siria durante il suo ministero. 
 
I pauliciani furono perseguitati e diminuiti nel nono secolo, sebbene fino a tempi relativamente recenti esistesse un culto solare armeno i cui aderenti erano conosciuti come Arevorti, “figli del sole”. Nel decimo secolo sorse un nuovo movimento gnostico, i Bogomili. La Bulgaria, che ha portato molte delle stesse credenze e pratiche dei pauliciani, inclusa l’adorazione del sole. Tuttavia, i loro insegnamenti erano basati sul Vangelo di Giovanni. 
 
All’inizio del XII secolo, Bisanzio iniziò a perseguitare i Bogomili. Molti furono uccisi, ma alcuni fuggirono in Italia, nel sud della Francia e altrove. Entro la metà del 12 ° secolo, scuole gnostiche come i Cavalieri Templari e Catari erano sorti e si diffusero in tutta l’Europa occidentale. Queste erano le controparti dell’Europa occidentale dei Bogomili dell’Europa orientale. 
 
I Catari “puri” e i Cavalieri Templari erano concentrati nelle regioni della Linguadoca e del Midi della Francia meridionale. I Catari sostenevano di possedere il Libro dell’Amore (AMOK) la versione originale iniziatica del Libro di Giovanni (l’unico vangelo letto dai Catari, dai Cavalieri Templari e dai Bogomili) che probabilmente conteneva i misteri solari. Insegnò che una scintilla o un piccolo sole della Luce di Cristo dimorava nel cuore dell’uomo e rivelava come coltivarlo come un seme di divinità in modo che fiorisse nella rosa della scuola del mistero della croce rosea originale. Questo insegnamento, che reputamente poteva trasformare un essere umano in un essere divino, un tempo apparteneva a Thutmose III, Akhenaton, Mosè, Salomone, Gesù e Giovanni il Beneamato. Si riteneva che fosse in grado di dissolvere ogni odio, rabbia e gelosia dal cuore degli uomini. 
 
I Catari credevano che la chiave di questa trasformazione divina fosse la corretta comprensione del simbolismo dell’Eucaristia, cioè il pane, il vino e il Santo Graal. La luce del sole è il pane; il suo calore è il vino. Il Santo Graal è il terzo ventricolo o cavità del cervello che contiene le ghiandole pineale e pituitaria (Figura 7, pagina 58). 
 
Questo segreto, noto ai Catari come il consolamentum (“con il sole nella mente”), era tenuto nascosto ai non iniziati. I Catari credevano che l’uomo fosse entrato nel regno di Dio attraverso la sua anima, la cui sede era considerata da Descartes come la ghiandola pineale. I Catari credevano che gli elementi solari dell’Eucaristia transustanziati nel corpo e nel sangue di Cristo in loro stessi. La transustanziazione mondiale viene dal latino trans, across e substantia, sostanza. Questa sostanza o secrezione ghiandolare, catturata dal Santo Graal (il terzo ventricolo), è ciò che gli indù chiamano Amrita, “l’elisir dell’immortalità” e i greci chiamato Ambrosia, “il nettare degli dei”. 
 
William Henry, in Maria Maddalena: L’Illuminatore, ha scritto, “Tutti i misteri occulti parlano di una chiave che è richiesta per sbloccare i segreti mistici dell’illuminazione. Nello specifico, il segreto perduto dei Templari … riguarda la costruzione di un umano migliore attraverso il rilascio di secrezioni dalla sbalorditiva pianta di produzione di oli spirituali, il cervello umano. Questo olio o essenza era il segreto chiave di Maria Maddalena e degli Esseni, recuperati dai Templari tra i templi. Il cranio [in particolare il terzo ventricolo] è … la Coppa della Vita, il Graal, che cattura queste secrezioni dal cervello … L’obiettivo ultimo dei Templari era quello di ripristinare il vero monoteismo gnostico nel mondo, unendo Cristianesimo, Giudaismo e Islam in un Nuovo Regno dei Cieli sulla Terra. I “nuovi” umani che abitavano questa Nuova Gerusalemme (o Nuova Atlantide) avrebbero conosciuto e incarnato il segreto del Regno dei Cieli all’interno del cervello e la sua capacità di produrre … l’elisir della vita, il Sacro Soma, il tonico dell’immortalità, per questi termini si riferiscono tutti all’essenza cosmica o alla sostanza cerebrale. “Fu chiamato anche Christos (olio per l’unzione) dagli Esseni. 
 
Come i loro precursori, i Bogomili, i Catari impegnati nel canto. Questo insieme al sole era la chiave per attivare la ghiandola pineale e produrre l’olio di Christos. L’uso di mantra e canto può risvegliare la ghiandola pineale perché si trova sopra la bocca sospesa nel terzo ventricolo, una camera piena di liquido cerebrospinale. La sua posizione sopra la bocca in una camera di fluido rende la ghiandola pineale posizionata in modo univoco per rispondere alle vibrazioni soniche. Manly P. Hall, in L’apertura del terzo occhio, ha affermato che la ghiandola pineale “che vibra ad un altissimo tasso di velocità, è la vera causa della vera illuminazione spirituale”. 
 
La beatitudine che si prova durante il canto del sole e il canto non è solo un alto naturale. Secondo William Henry, la beatitudine è creata da Christos ed è uno stato di estrema felicità e libertà dall’attaccamento, dalle reazioni condizionate e dalla paura. È la chiave necessaria per entrare nel Regno dei Cieli. Omraam Mikhael Aivanhov ha detto che solo coloro che sono felici e spensierati come i bambini possono entrare nel Regno dei Cieli. 
 
Gli insegnamenti dei Catari rappresentavano una vera minaccia per la nascente Chiesa cattolica. A differenza dei Catari, la Chiesa di Roma chiaramente non ha prodotto una sostanza che ha dato alle persone un’esperienza di beatitudine divina. E se lo facesse, lo manterrebbe dalla gente. Ecco perché la Chiesa ha dovuto sterminarli. 
 
Fortunatamente, oggi viviamo in un’epoca di libertà spirituale e chiunque può insegnare e apprendere la scienza della parola e delle tecniche di sungazing presentate dal sole yogi Hira Ratan Manek e altri. Sebbene la luce dei Catari fu spenta nel XIII secolo, all’inizio del XX secolo, gli insegnamenti dei Bogomili furono rianimati dal maestro Peter Deunov e dal suo principale discepolo, Omraam Mikhail Aivanhov. 
 
I misteri del sole rivelati 
 
Il 31 gennaio 1900 Mikhael Aivanhov nacque in una povera famiglia a Serbtzi, un piccolo villaggio della Macedonia. Durante la sua infanzia e adolescenza, fu ispirato leggendo il Vangelo di Giovanni, vite dei santi e libri sullo yoga, che lo portarono, all’età di quindici anni, a un’esperienza di illuminazione o samadhi.
 
Andò in riva al mare per guardare l’alba. Dopo aver meditato e cantato per un po ‘, sentì la presenza di un essere celeste. Improvvisamente bagnato da una nuvola di luce brillante, fu immerso in uno stato di estasi. Più tardi, ha commentato: “Era così bello che ero fuori di me. Vedere un tale essere, con tutti quei colori, tutta quella luce! Era quasi invisibile nella straordinaria luminosità che lo circondava. Mi sono trovato inondato di luce. Ero in uno stato di beatitudine, di estasi così immensa, così potente, che non sapevo più dove fossi. Era una gioia delirante; era il paradiso; era l’universo! Da allora ho sentito che se Dio non fosse tutto di bellezza non potrei credere in lui. È la bellezza che rimane nella mia mente come l’essenziale: né potere, né conoscenza, né ricchezza, né gloria. Solo bellezza! ” 
 
Sulla base delle proprie esperienze spirituali e della sua lettura di ciò che chiamò il “Libro della Natura”, scoprì i misteri del sole prima di essere insegnato loro da Peter Deunov. Mikhael e il suo maestro sarebbero andati insieme per meditare nella calma pre-alba e guardare il sorgere del sole. Deunov gli diede anche i metodi di base e gli esercizi di mantra, preghiera e canto sacro: i misteri della parola pronunciata. 
 
Nel 1959, viaggiò in India, dove visitò numerosi ashram e incontrò diversi leader spirituali. Fu accolto da diversi rinomati saggi indù come un maestro esperto a tutti gli effetti. Un adepto lo salutò come un “rishi solare”. Un altro gli diede il suo nome spirituale, Omraam. Uno dei maestri che incontrò fu il bodhisattva immortale, Babaji, che nel 1992 e 1998 diede le sue benedizioni ad un altro maestro di yoga solare, Hira Ratan Manek. 
 
L’insegnamento centrale di Omraam è il concetto di luce. Vide in luce la prima emanazione del Divino, mantenendo le qualità del Divino più di ogni altra manifestazione. Come ha insistito: “La luce è uno spirito vivente che viene dal sole e che stabilisce una relazione diretta con il nostro spirito”. Spiega come possiamo usare la luce per trasformarci e diventare radiosi come il sole. In The Splendour of Tiphareth, ha scritto, “Solo i raggi del sole sono in grado di sostituire tutto ciò che è impuro, logoro o oscuro dentro di te, e possono farlo solo se impari a riceverli. Se li accogliete con tutto il cuore, inizieranno il loro lavoro di sostituire il “vecchio” in voi, in modo da essere interamente rigenerati, rinnovati e rianimati; i tuoi pensieri, i tuoi sentimenti e le tue azioni saranno tutti diversi. Solo i raggi del sole sono in grado di operare questa trasformazione dentro di te.” 
 
Omraam amava parlare dello Spirito del sole. Sotto questo aspetto la sua filosofia coincideva con i secolari misteri del sole, che insegnavano che il vero sole non è la stella visibile nel cielo, ma il sole spirituale invisibile, la fonte di ogni vita, luce e amore. 
 
Ha sottolineato che “Sul piano fisico, materiale, il sole è la porta, il collegamento e il mezzo grazie al quale possiamo entrare in contatto con il Signore … Attraverso il sole, lavoriamo con Dio stesso. Posso dire che certe cose che nessun umano può insegnarmi mi sono state rivelate dal sole. Nessun libro può darti quello che il sole ti dà se impari ad avere la giusta relazione con lui … Se vuoi creare un legame tra te [e il sole], devi guardarlo in ogni coscienza. Se lo fai ci sarà una comunicazione di vibrazioni tra il sole e te in cui forme e colori, un mondo completamente nuovo, nascerà … Il sole è un’intelligenza, una vita, una luce vivente. E quando lo capisci, all’improvviso inizia a parlarti … Prova a fargli una domanda e vedrai che ti risponderà. 
 
“Omraam morì nel 1986, ma i suoi insegnamenti sui misteri del sole vivono in numerosi libri. Oltre 90 libri sono stati pubblicati in inglese, e ci sono abbastanza appunti dalle sue centinaia di conferenze per riempire altri 400 libri. Di questi libri, quelli che riguardano principalmente i misteri del sole sono Lo splendore di Tiphareth: Lo yoga del sole, Verso una civiltà solare e la luce è uno spirito vivente. La nuova biografia di Omraam Mikhael Aivanhov di Louise-Marie Frenette, La vita di un maestro in Occidente , è stata appena pubblicata in Nuova Zelanda dalla First Edition Press (per ordinare il numero +64 (04) 586-1973). Oggi, i suoi insegnamenti e i suoi riti sono praticati dalla Società IDEAL, dal Centro Hearts e da altre comunità spirituali in tutto il mondo.
 
L’articolo precedente è apparso per la prima volta in World Explorer 37 Vol. 5 n.
 
Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 113.
© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com . Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.
 
 

La malattia cumulativa omnidale si sta metastatizzando

Crollo del sistema globale: i geni e la “natura umana” non sono la causa del “caos mondiale”

By Prof. John McMurtry
Global Research, September 06, 2018

Nota dell’autore: il testo di questo articolo è tratto da un dibattito online su Science for Peace, Dipartimento di fisica, Università di Toronto, settembre 2018

C’è una spiegazione popolare per il caos del mondo ora su di noi, e molti scienziati e filosofi lo sostengono. La forma di questa argomentazione è che la crescente crisi globale che affrontiamo fa risalire alla natura umana e ai geni per spiegarla.

L’ormai diffusa categoria scientifica di antropocene per localizzare la crisi globale esprime la stessa idea e gestisce lo stesso diversivo dalla causa comune.

In realtà, nessuno può spiegare a distanza il collasso del sistema globale in corso né l’estrema destabilizzazione climatica che è il principale sintomo noto di esso.

La crisi della vita planetaria su tutti i fronti è limitata a un meccanismo causale molto più specifico: gli assalti cumulativi, montanti e non regolamentati della distruzione industriale privata, dell’inquinamento, dell’esaurimento e dei rifiuti dei consumatori in un periodo relativamente breve dell’epoca dell’antro.

Ma l’argomentazione ” genetica umana” o ” natura umana” oscura questo fatto fondamentale. Non viene da persone stupide, ma è una spiegazione stupida.

L’antico errore della “natura umana” per spiegare le istituzioni cieche della vita

Più esattamente, è un preconcetto duraturo che è stato dominante fin dai tempi antichi. È stato spesso smentito, ma il suo ritorno esprime in un altro modo la cecità vitale istituita dell’era neo-capitalista.

In questa pericolosa congiuntura dell’evoluzione umana e della storia, è un altro ostacolo ideologico a far deragliare l’esame del problema socio-strutturale.

Dobbiamo tenere a mente che la stessa argomentazione sulla “natura umana” è stata a lungo in atto per spiegare la schiavitù come un fenomeno naturale. Socrate, Platone e Aristotele, la più tranchant, concepirono la schiavitù come naturale per gli esseri umani e così immutabile. Erano uomini molto intelligenti, ma lo consideravano un dato di fatto della condizione umana.

Fin dal primo studio di questi filosofi, ho osservato l’argomento riapparire in tempi malvagi per bloccare la comprensione delle persone sull’effettiva causa socio-strutturale dei problemi solubili.

Ad esempio, l’accettazione della guerra e della schiavitù per millenni si è basata su un “argomento di natura umana”. È naturale che alcuni regnino e altri li servano, e le guerre decidono quale gruppo è più adatto a governare.

Di fatto, entrambe le istituzioni non sono affatto espressioni di natura umana, ma istituzioni totalitarie forzate pervasivamente di omicidi di massa e schiavitù in particolari formazioni sociali che servono la sovranità della minoranza ricca e senza lavoro. loro.

Il capitalismo non è naturale o determinato dal gene

Il capitalismo del sequestro monetario è un’estensione storica di queste istituzioni che regna ancora. La sua differenza è che una forma finanziaria de-regolata e iper-aggressiva ha portato le tendenze di uccisione di massa che sono state patogene a senso unico dal momento che la svolta di Reagan-Thatcher contro il diritto pubblico di protezione della vita e di non partigiani governo.

Continua ancora oggi. Ma i danni cumulativi ignorati da tempo hanno raggiunto. L’organizzazione della vita planetaria sta pagando il prezzo in termini di degenerazione e collasso ad ogni livello, arricchendo ulteriormente quelli che guidano la catastrofe globale.

Hanno scure ragioni per scegliere e finanziano tranquillamente l’argomento dei “geni”, “natura umana” e “antropocene” come la ragione del caos crescente.

Eppure questa regola clinicamente folle è assurdamente attribuita a “natura umana” e “geni” anche da coloro che non ne traggono beneficio. Dopo tutto, molte più vittime sono “natura umana” anche con “geni umani” in “l’antropocene”, e solo una minoranza è d’accordo con le politiche, e sempre più aborriscono i leader e il sistema che guidano che insieme producono tali carattere inumano e malgoverno eco-genocida.

Eppure avrete ancora i pensatori più eminenti – anche l’inventore dell’impronta

ecologica – sostengono che il nostro attuale sistema ecocida si basa su un carattere genetico formato nel nostro passato remoto. Pensa che sia indicato dalla massiccia scomparsa di grandi animali da parte della mano umana, ma da allora è stato sapientemente attribuito alla selezione da condizioni ambientali alterate.

L’argomento del “gene” è molto allettante, tuttavia, per la sua semplificazione in “risultati” fissi a una causa. Questa è l’essenza teoretica della “sociobiologia” in generale. esso è stato dominante nell’accademia e nei media legacy come una razionalizzazione apparentemente scientifica di un chiaro disordine sociale.

Tuttavia, finché dura la sua storia di copertura, la crescente crisi del governo privato dei ciechi che distrugge la vita terrestre condivisa non deve essere affrontata o risolta.

La soluzione di Nicer People

Una delle conseguenze indebolibili delle deviazioni del gene della natura umana dal disordine del sistema regnante è che attribuisce l’onere ai singoli esseri umani di risolvere il problema essendo “più gentili” e “più gentili” l’uno con l’altro.

Questo suona sicuramente bene. Tuttavia, rintraccia l’attenzione critica dal disordine dei mercati aziendali alla fine della vita alle personalità di individui che normalmente hanno un tale o nulla a che fare con esso, e di solito sono vittime della sua sistematica spogliazione di istituzioni pubbliche, regolamenti di protezione della vita e basi di reddito.

In effetti, questo disturbo sistemico ha invaso così tanti livelli dell’evoluzione della società che l’insicurezza della vita dei cittadini è stata normalizzata in tutte le fasi del lavoro, dell’ambiente e del futuro, per quanto ci piacciano gli uni gli altri come individui (che io per amore).

Eppure non sono le singole scelte che sono responsabili del sistema che opprime i mezzi di sussistenza della maggioranza, le loro condizioni di vita e il loro futuro, compreso quello dei loro figli. Concentrarsi su di loro è una forma implicita di incolpare la vittima. Il fatto che siano persone più carine è essenzialmente al di là del punto del problema.

In termini logici, questo è un errore di divisione. Deriva falsamente dalle proprietà di un’entità collettiva le proprietà dei singoli membri di esso, rendendole così responsabili del suo peggioramento o miglioramento. “Siamo tutti responsabili, ognuno di noi per questa crisi umana” è un’espressione corale noiosa di questo errore.

Perché rende coloro che lo dicono così, bene, gentile e gentile, possono crogiolarsi nella riflessione del sé virtuoso. Quelli che di fatto stanno guidando la crisi mentre i suoi pianificatori e dirigenti, con oscenamente alti guadagni finanziari e privilegi per farlo, nel frattempo sono rimasti incolpevoli e fuori dai guai.

La domanda di cui bono: chi beneficia e guadagna da questo sistema insano della vita? – è annullato a priori.

Quelli che sostengono in questo modo non sono così carini come sembrano. Si presentano come persone buone agli altri, si ingraziano a chi ha il controllo e evitano di dover affrontare il vero problema. Questo è certamente più facile e più sicuro. Di fatto, può portare un favore dall’alto ai ciucci e al loro “attivismo per la pace” per il “side-tracking” dal vero male e dai suoi principali agenti. 

La cultura del cover-up del sistema omnicidale

Anche l’evitamento autocentrico del sistema omnicidale si colloca perfettamente in linea con la metafisica dell’agenzia atomica della “scelta del libero mercato”. È il singolo consumatore che sceglie il sistema.

Ancora una volta torniamo al carattere umano individuale come responsabile del disordine del sistema – sebbene, in realtà, i desideri del consumatore siano condizionati operativamente in preferenze (perché si spende molto più denaro per pubblicità pervasive che per ricerca o salute); le condizioni di produzione sono escluse norme e diritti commerciali (perché si verificano ‘corsa al ribasso’ e si verificano standard ambientali); e quasi il consumatore o il cittadino scelgono da remoto che le società debbano competere per abbassare le tasse ai ricchi, abolire l’esame pubblico e l’imposizione di diritti ambientali e dei consumatori e far eleggere i loro rappresentanti eletti da lobby e manipolatori monetari invisibili.

Natura umana? I geni? Scelta del consumatore? La cultura del cover-up ha molti livelli.

Tutte le forme di discussione analizzate sopra condividono una caratteristica. Individuano la responsabilità nell’agenzia individuale. Questa è la metafisica dominante della civiltà occidentale, e perché oggi abbiamo un tale problema nel riconoscere il disordine collettivo del sistema.

Infatti, veniamo continuamente fuorviati dalla comprensione e dalla conoscenza del meccanismo causale collettivo del Grande Disordine come sua funzione centrale – per deviare la colpa, la responsabilità e l’azione sociale dal malgoverato ereditario ma cumulativamente patologico dall’alto che minaccia la vita sulla Terra stessa.

Solo un modello diagnostico si adatta a tutti i fenomeni depredatori attraverso gli host di vita biologici, sociali ed ecologici. Non è “natura umana” o “geni” o “antropocene”, o troppo pochi individui “carini / gentili” o “scelta del consumatore”.

Il vero meccanismo causale di tutte le tendenze degenerate a senso unico di questa malattia cumulativa omnidale è un cancro finanziario privato altamente invasivo che si sta metastatizzando tra società e organizzazione della vita globale.

*

Il Prof. John McMurtry è Fellow della Royal Society of Canada e autore dello studio in tre volumi, Philosophy and World Problems dell’UNESCO Encyclopedia of Life Support Systems (EOLSS). Le sue opere sono tradotte in tutti i continenti e il suo ultimo libro è The Cancer Stage of Capitalism: from Crisis to Cure.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Prof. John McMurtry, Global Research, 2018
Fonte diretta: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Zelotei e false narrazioni l’oscuro buio del nichilismo

 

 

Come le persone diventano facilmente controllate dai tiranni 

 

di Brandon Smith  

 

La domanda spesso sorge nei circoli del movimento della libertà su come arriviamo al punto di una tirannia in piena regola all’interno di una società. Ci sono numerosi fattori che determinano questo risultato, ma attraverso tutti i vari sistemi totalitari nella storia ci sono denominatori comuni – elementi che devono essere lì per far prevalere i tiranni. Quando siamo in grado di identificare questi elementi comuni in modo obiettivo, rendiamo molto più difficile il mantenimento delle strutture dispotiche. 

 

Questo è un problema molto complesso, ma lo analizzerò nel miglior modo possibile …  

 

La psicologia del tiranno 

 

Per venire a patti con il modo in cui i tiranni controllano la società, dobbiamo prima esaminare come opera la mente di un tiranno, perché nella maggior parte dei casi queste persone non pensano come pensa l’essere umano medio. È uno dei pochi casi in cui incoraggerei le persone a “alterare” un altro gruppo. I tiranni sono psicologicamente anormali a un livello così estremo che è difficile classificarli come umani. 

 

Credo che la chiave per capire le motivazioni dei tiranni e da dove queste persone provengano dipende dalla nostra comprensione della sociopatia narcisistica. Ho scritto molto su questo argomento nel mio articolo ‘Global Elitists Are Not Human,’ quindi fornirò solo un riassunto qui. 

 

I tratti narcisistici e sociopatici, come molti tratti psicologici, sono innati. Sono presenti in circa il 5% -10% di qualsiasi società in un dato momento. Nella stragrande maggioranza dei casi, questi tratti rimangono “latenti” e non influenzano in larga misura le azioni o le relazioni di una persona. In una minoranza di casi, tuttavia, il narcisismo e la sociopatia diventano i fattori determinanti della psiche di una persona. Ciò si verifica in meno dell’1% di una popolazione. 

 

Per essere chiari, non tutti i narcisisti sono sociopatici e non tutti i sociopatici sono narcisisti. Ci sono persone che sono narcisisti di basso livello che eccellono nella società e mantengono una coscienza. Ci sono sociopatici di basso livello nella società che svolgono importanti funzioni nelle carriere che le persone empatiche troveranno difficili, come certi lavori nel campo militare o in campo medico. Ciò a cui mi riferisco qui sono sociopatici narcisistici di ALTO LIVELLO – il tipo di persone che diventano assassini, stupratori, pedofili e sì, tiranni. 

 

Un narcisista sociopatico è motivato solo dal desiderio personale. Sono incapaci di empatia per gli altri e vedono le persone come una specie di cibo e fonte di carburante piuttosto che i compagni di viaggio nella vita. Considerano la loro mancanza di coscienza come un vantaggio evolutivo; uno strumento che li aiuta a sopravvivere e prosperare calpestando, rubando, manipolando e uccidendo se necessario senza sensi di colpa o rimpianti. 

 

Penseresti che queste creature siano facili da individuare tra la folla, ma non è sempre così semplice. Hanno la capacità di imitare i comportamenti di coloro che li circondano per apparire più umani. A volte questo li dà via perché non possono fare a meno di pappagallare o rubare comportamenti e manierismi delle persone che incontrano fino al punto di ovvietà. Per quelli inesperti con sociopatici narcisistici, però, la tattica funziona per un po’, perché ciò che la gente pensa di vedere è qualcuno come loro; una riflessione. Immaginalo come un meccanismo di sopravvivenza, come un camaleonte. 

 

Per alcuni tiranni, l’abilità li rende accattivanti per il pubblico per un certo periodo. Possono essere molte cose per molti gruppi e la loro capacità di mentire in modo convincente è eccezionale. Salgono rapidamente la scala del successo e costruiscono sistemi che permettano loro di prosperare. Hanno dubbi e debolezze, però. 

 

Nella maggior parte dei casi sono codardi. Preferiscono ottenere ciò che vogliono attraverso sovversione e inganno, e corrono da uno scontro diretto. Preferiscono usare altre persone (utili idioti) come armi o scudi piuttosto che rischiare di affrontare i loro avversari ideologici. Come parassiti, si concentrano su persone deboli o fragili. 

 

Desiderano disperatamente l’ammirazione dalle stesse persone che hanno perseguitato. Pertanto, sono costantemente costretti a ricoprire ruoli per apparire normali. A loro non piace Sentono che è al di sotto della loro posizione nella vita da dilettare, e sono convinti che dovrebbero essere adorato come loro, non adorato per l’immagine fraudolenta che hanno costruito. Vogliono “uscire allo scoperto”, in un certo senso, come un narcisista sociopatico, ma se lo fanno in un clima sociale stabile saranno evitati o bruciati sul rogo. A volte si uniscono per proteggersi e sono disposti a collaborare finché c’è un vantaggio reciproco. 

 

Quindi, queste “persone” cercano di creare il caos, e quindi di riordinare la società per comportarsi in modo più simile a come agiscono, o pensano più come pensano. Quando le masse sono state convinte ad abbandonare la coscienza, i mostri possono uscire alla luce del giorno senza paura.

 

Ecco come raggiungono questo obiettivo e come la gente media li aiuta a farlo …  

 

False ipotesi 

 

Quasi tutte le situazioni negative iniziano con false assunzioni basate su pregiudizi piuttosto che fatti o prove. L’ipotesi più pericolosa sulla tirannia è dire “siamo nel giusto, quindi non stiamo sostenendo la tirannia”. La domanda che deve essere posta, tuttavia, è che sono veramente “giusti” secondo i fatti? Se la risposta è “no”, probabilmente stanno alimentando un sistema tirannico. 

 

Innanzitutto, molti esseri umani vogliono essere “giusti” più di quanto vogliono essere corretti. Vale a dire, sono felici di “vincere” discussioni e conflitti indipendentemente dal fatto che la verità sia dalla loro parte. Questo pregiudizio è la radice di molte catastrofi nella storia. 

 

Questo non vuol dire che non abbiano una coscienza. La maggior parte delle persone infatti ha una coscienza che dice loro che le loro supposizioni sono sbagliate, ma possono ancora commettere atti di stupidità e atrocità. È qui che i manipolatori tirannici tendono ad aiutarli. 

 

I tiranni trovano grande gioia nel creare tutti i tipi di errori logici, ginnastica mentale e tiri di vendita moralmente relativi al fine di convincere un gruppo di persone che le loro ipotesi sbagliate sono giuste. La verità diventa nebbiosa e le prove diventano inutili. In questo stato mentale, quando gli individui si fondono in una folla, le ipotesi diventano dettami della setta e “vincere” diventa fondamentale. Falsi presupposti e preconcetti possono essere usati per trasformare persone normali oneste in mostri, tutti perché si sono rifiutati di accettare che la loro posizione ideologica fosse imperfetta; tutto perché avevano paura di sentirsi imbarazzati o ammettere di essere stati truffati.  

 

Lati falsi 

 

La presa di schieramenti nel discorso politico è naturale e normale. Anche quando le persone sono completamente oneste sui fatti in mano e concordano sui principi di base della decenza e della libertà umana, ANCORA non saranno d’accordo su quali soluzioni dovrebbero essere utilizzate per affrontare i problemi di fronte a loro. Questo crea uno spettro all’interno della società che è sempre presente; non può essere aiutato o evitato. I tiranni comprendono le basi di questo spettro e cercano di usarlo a loro vantaggio per manipolare le persone lontano dal discorso riflessivo e verso conflitti senza mente. 

 

I tiranni sfruttano le masse più facilmente quando la gente presume che i leader politici e sociali corrotti stiano lavorando per “la loro parte” contro “l’altra parte”. Spesso questi leader possono essere comprati o minacciati in asservimento. I tiranni quindi li usano per guidare lo spettro verso gli estremi più lontani, fino a quando entrambe le parti adottano un atteggiamento di fanatismo.

 

Ciò accade non solo in politica, ma in geopolitica, poiché intere nazioni sono spinte a fare la guerra l’una dall’altra da presidenti fantoccio e governi su conflitti ingegnerizzati che avvantaggiano solo la cabala dei tiranni dietro il sipario.

Zeloteo e false narrazioni

 

Considero lo zelotry come una sorta di malattia psicologica che è effettivamente comunicabile – si diffonde come un virus attraverso una cultura fino a quando tutti sono infetti. Lo zelotismo accade quando una persona abbraccia un’ideologia al punto che essa sovrascrive la sua personalità e la sua anima, e non è più in grado di pensare chiaramente come individuo. Questo include considerare la possibilità che si trovino dalla parte sbagliata della storia e della moralità. 

 

Lo zelotry su una scala di massa dipende da un numero di domino impostato in successione. La minaccia di crollo civile e sofferenza economica aiuta. Gli oppositori ideologici devono essere dipinti come una minaccia imminente e vile al tessuto stesso della società. In alcuni casi sono una minaccia reale e creata (opposizione controllata); in altri casi sono una tigre di carta destinata a guidare un altro gruppo per sostenere misure tiranniche. 

 

I tiranni costruiscono false narrazioni. Questo è quello che fanno meglio. Incoraggiano le persone a diventare inconsapevolmente cattivi, o accusano gruppi innocenti di malvagità per seminare divisione. Hanno bisogno di tutti i lati per vedere tutti gli altri come alleati o nemici. Non c’è una via di mezzo. Se una persona non si conforma alle opinioni dello zelota, allora deve essere immediatamente trattato come una minaccia. Ciò causa una camera di eco senza fine che distrugge ogni dissenso o disaccordo, non importa quanto razionale. 

 

Gli zeloti operano principalmente sulla paura, rendendoli facili prede per i tiranni. E come alcuni nerd da qualche parte una volta hanno detto: “La paura è il killer della mente; la paura è la piccola morte che porta alla cancellazione totale”.

 

Apatia e falsa speranza 

 

Più di ogni altra cosa, i tiranni desiderano una popolazione apatica. L’apatia genera compiacimento e inazione, e incoraggia anche il pensiero delirante. Le persone apatiche tendono alla filosofia del pacifismo come mezzo per rivendicare il proprio comportamento, ma questa è semplicemente una maschera progettata per nascondere la loro paura. Potrebbero temere la sofferenza, potrebbero temere la perdita, potrebbero temere il fallimento, ma hanno certamente paura, e impedisce loro di ostacolare gli sviluppi che sanno essere di natura malvagia e che richiedono una risposta aggressiva. 

 

L’apatia può anche essere allevata in una società attraverso l’uso di false speranze. I tiranni evocano scenari in cui si fa credere al pubblico che il “cambiamento” positivo sta per avere luogo, di solito attraverso la politica. Ma non ci saranno cambiamenti per il meglio oltre il cosmetico. Le cose vanno solo peggio. In questo processo di condizionamento, i tiranni raccolgono le speranze delle masse e poi le lanciano a terra più e più volte, finché il pubblico non si arrende. 

 

Il problema non è che le cose non possano cambiare in meglio, ma che il pubblico continui a giocare secondo le regole di un gioco fabbricato proprio dalle persone che stanno causando la loro miseria. Uscire dai limiti di quel gioco ci impone di prendere in mano le cose piuttosto che aspettare che gli altri apportino cambiamenti per noi. Richiede il rischio. Se la farsa della tirannia finisce sempre, tutte le persone sveglie e consapevoli dovranno assumersi molti rischi. 

 

Ho sentito dire che la tirannia è un prodotto naturale e inevitabile della società umana. Che i tiranni non possono essere evitati, che esisteranno sempre e qualsiasi tentativo di rimuoverli li farà sostituire solo con altri tiranni. Questo è l’apice della mentalità patetica. È il buio oscuro del nichilismo. 

 

Si potrebbe anche obiettare che non ha senso lavarsi perché domani ci sporcheremo di nuovo. Ma queste persone alla fine moriranno di malattia. Se la tirannia è una costante umana, allora anche la ribellione deve essere una costante umana, altrimenti l’umanità muore o si trasforma in qualcosa di irriconoscibile.  

 

Fonte:  http://www.alt-market.com/ 

 

®wld

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro!

 

 

Integrazione – il Cammino Autonomo Verso Casa

“E mentre tutte le altre creature guardano a terra con gli occhi bassi sin dalla nascita; disse all’uomo di camminare eretto e osservare il cielo dove è nata la sua anima e a cui vengono offerte le proprie speranze.” Ovidio

L’integrazione è la tolleranza di tutti i livelli dell’essere come parti valide del tutto. Significa abbandonare la negazione. Significa abbracciare noi stessi e il prossimo.

 

Proprio come la nostra coscienza unificata ha creato questo regno di polarità, noi possiamo trasformarlo. Quando si verificherà l’integrazione, questo regno sarà definito da parametri molto diversi. Diventeremo sia gli archetipi che i Fondatori. Sposteremo la prospettiva e diventeremo consapevoli di noi stessi come il Creatore.  

 

Non significa necessariamente che le nostre identità saranno assorbite. Potrebbe significare che ci risveglieremo al punto in cui sceglieremo consapevolmente i nostri destini. Forse potremmo scegliere di entrare in altri regni e di essere gli amici invisibili delle società planetarie che giocano ancora al gioco della separazione.

 

Riflettendo sulle stesse decisioni riguardanti le interferenze che i nostri antenati hanno affrontato, potremmo persino essere gli extraterrestri di un altro pianeta. 

 

Fermandoci e ascoltando attentamente, potremo sentire e percepire le correnti sotterranee di questa trasformazione. L’esistenza e il cambiamento sono le uniche costanti. Potremo giocare al gioco dell’illusione, in cui per caso ci troviamo in una creazione, ma prima o poi ci daremo una pacca sulla spalla e il gioco sarà finito. Per arrivare a questo, nella realtà della Terra abbiamo creato gli Arturiani, i Siriani, i Lirani, gli Orioniani, i Reticuli, i Pleiadiani, ecc…

 

Fanno davvero tutti parte della stessa cosa – sono una parte di noi

 

Quindi, come mai sulla Terra incoraggiamo l’integrazione? Prima di tutto, dobbiamo sapere che avverrà con o senza una nostra azione cosciente. La differenza è solo che la consapevolezza farà in modo che il viaggio sia più piacevole. Ci sentiremo più sicuri dei nostri destini.   

 

L’azione cosciente che accelererà il nostro processo di integrazione è molto semplice: la tolleranza. Se permettiamo che l’integrazione avvenga a tutti i livelli, vedremo che i sentieri si apriranno gioiosamente davanti a noi. 

 

L’integrazione avverrà sui quattro livelli principali: quello mentale, quello emotivo, quello spirituale e quello fisico.  

MENTALE 

Integrare la nostra mentalità significa permettere di combinare non solo i processi cerebrali, ma anche quelli intuitivi ed emotivi. Il tipo di pensiero oggi convalidato è quasi interamente basato sulla testa. Le formule e i calcoli hanno determinato la realtà della Terra del XX secolo. Se riuscissimo a comprendere e quindi permettere che i processi intuitivi ed emotivi siano altrettanto validi e possano essere usati in combinazione con quelli mentali, saremmo sulla buona strada verso l’integrazione della nostra mentalità.  

EMOTIVO 

Integrazione emotiva significa iniziare ad imparare come accogliere il nostro sé ombra. Potremmo iniziare aprendo gli armadi interiori e scavando in profondità nel subconscio per trovare le credenze che ci impediscono di proseguire. Molto spesso, questi aspetti trascurati di noi stessi vogliono solo un po’ di attenzione.Come hanno scoperto i Pleiadiani e i Lirani prima di loro, la negazione non fa altro che prolungare il dolore dell’esistenza. Impariamo da questi esseri provenienti da mondi lontani. Facciamo in modo di non ripetere le stesse lezioni più e più volte.  

SPIRITUALE 

L’integrazione spirituale è forse la più facile di tutte. Ogni persona possiede una spiritualità interiore che non è connessa alla dottrina. Se riuscissimo ad abbandonare la dottrina e toccare la nostra innata spiritualità, potremmo iniziare il processo di integrazione. Si estende esternamente sul pianeta onorando la verità che ogni persona è una manifestazione dell’Unica Verità. Questo permette a ciascuno di noi di coesistere all’interno delle nostre filosofie senza dover cambiare le proprie credenze. L’esistenza di Dio / Tutto Ciò Che È, non viene messa in dubbio discutendo su quale colore sia il suo abito. Abbiamo così tanta paura di essere soli e separati che creiamo ancora più separazione attraverso il nostro desiderio di avere una dottrina unificata. Se avessimo il coraggio di iniziare a toccare questa spiritualità interiore, vedremmo fiorire la nostra trasformazione.  

FISICO  

L’integrazione fisica è leggermente diversa. Implica il riconoscimento del nostro passato e della nostra storia come parte di uno scenario più grande su scala cosmica. Ci siamo frammentati dalla Sorgente e dai Fondatori. Abbiamo esteso la nostra individualità ai suoi limiti esterni. Per riunirci bisognerà ancora una volta riconoscerci e accettarci come parti della nostra famiglia galattica. Mentre ci allontaneremo dalle nostre paure razziali e smetteremo di permettere che il colore della pelle e le differenze culturali siano delle barriere, ci allontaneremo anche da tutte le altre paure, celebrando la comunione che ci offre Zeta Reticuli.

Possiamo permettere che l’integrazione a tutti i livelli della nostra vita fisica, avvenga qui sulla Terra.

 

Nessuno di noi viene “da” un altro posto. Proveniamo dalla Fonte e la Fonte è immensa. Dire che veniamo “dalle” Pleiadi significa negare tutte le altre idee riguardo la nostra provenienza. I nostri sé terrestri si confondono se neghiamo continuamente che la nostra esistenza è una parte del corpo del pianeta. Facciamo parte di Tutto Ciò Che È! 

 

Se avvertiamo una connessione con una razza fuori dal pianeta, ci stiamo identificando con ciò che rappresenta o con le varie vite che abbiamo vissuto in quel sistema. Se gli individui insistessero nel dire che vengono “da” qualche parte, si potrebbe insinuare che stiano proclamando la loro alleanza con la Terra. Hanno scelto di vivere qui. 

 

In un senso molto reale, le persone della Terra possono essere viste come dei modelli per l’integrazione. Siamo sia divini che terrestri; sia dèi che uomini. Siamo la prova che la vita umana può adattarsi a circostanze apparentemente insormontabili.

 

Celebriamo quindi l’umanità! 

 

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro! Non siamo bambini. Anche se stiamo ancora giocando al gioco dell’ignoranza, le altre civiltà ci considerano un enigma. Siamo la civiltà che si è rifiutata di morire! 

 

La nostra resilienza e la fiducia nelle nostre capacità hanno continuamente dimostrato il nostro valore. Siamo stati usati e riusati dal gruppo Lirano nel Giardino dell’Eden. 

 

Le varie “piaghe” degli dei non sono riuscite a spazzarci via. Grazie a Noè e al signore Siriano che lo avvertì, oggi abbiamo una civiltà fiorente. In molti si sono chiesti perché la Terra sia stata osservata da così tanti gruppi extraterrestri. Forse perché si tratta di una dimostrazione prevedibile di integrazione in azione. Potrà essere doloroso, ma nel nostro credo cosciente di massa, il dolore può produrre dei risultati miracolosi. La Terra del presente e la Terra del futuro fanno parte di quel miracolo. Celebriamolo integrandoci e assumendoci la responsabilità della nostra realtà planetaria. 

 

Facciamo parte di un’Associazione di Mondi e la nostra adesione è pronta per il rinnovo! Questa volta, per aderire dobbiamo risvegliarci al dramma cosmico di cui abbiamo accettato di far parte. 

 

Il nostro risveglio ci aiuterà a tornare a casa … da soli.

 

Tratto dal PDF “Il Prisma della Lira”

Testo tradotto in italiano da claudiordali

 

®wld 

I Fondatori: un misto pool genetico

 

L’Inception della Terra

“Poi Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza.” – Genesi 1: 26

All’immagine di chi sono stati fatti gli umani della Terra?

Molte delle più antiche scritture della Terra, indicano che lo sviluppo umano era guidato dagli dèi che sono venuti dal cielo. Persino gli antropologi sono consapevoli dello sviluppo insolitamente rapido dell’Homo sapiens. Alcuni antropologi stimano che la specie Homo sapiens sia apparsa milioni di anni prima di quel che si dice.

Mentre per lo sviluppo evolutivo tra l’Australopiteco e il Neanderthal ci sono voluti più di due milioni di anni, ci sono le prove sulla Terra che l’Homo sapiens (Cro-Magnon) è emersocirca 35.000 anni fa. Ciò che è ancora più intrigante è che sebbene i resti dell’uomo continuino a essere scoperti, gli archeologi hanno trovato resti di un Homo sapiens, ancora più antico, nelle aree dell’Asia occidentale e dell’Africa settentrionale.

Questi resti risalgono a 250.000 anni prima dell’uomo di Cro-Magnon.

Si potrebbe affermare che l’Homo sapiens non ha avuto dei precursori evolutivi.

Niente si è evoluto nell’Homo sapiens – la specie è semplicemente apparsa.

Gli extraterrestri potrebbero aver dato una mano all’evoluzione della Terra? Se sì, cosa avrebbero potuto guadagnare dagli umani della Terra? Forse era un loro modo per accelerare la propria evoluzione.

Sembra evidente che ci furono tre gruppi principali che orchestrarono l’Inception della Terra.

Li identifichiamo così:

  • ·il gruppo dei Fondatori
  • ·il gruppo dei Lirani
  • ·il gruppo dei Siriani

I Fondatori facilitarono l’Inception dal punto della non-fisicità e furono i supervisori dell’intero progetto. Ignari di queste influenze non fisiche, i Lirani orchestrarono fisicamente l’Inception e impiegarono il gruppo Siriano per assisterla. Ogni gruppo ha le proprie motivazioni per il suo coinvolgimento e sebbene fossero diverse, l’obiettivo era lo stesso: la creazione di una razza umanoide sulla Terra.

Come affermato in precedenza, i Pleiadiani furono coinvolti nell’evoluzione della Terra per un proprio tornaconto.

Sentivano che se avessero interagito con gli umani, non solo sarebbero stati in grado di far parte dello sviluppo della loro dimora precedente, ma avrebbero potuto conoscere la negatività e l’integrazione, senza doversi incarnare direttamente in un mondo che stava elaborando quelle idee. Vennero persuasi dal gruppo Lirano, che era ben consapevole della compatibilità genetica dei Pleiadiani con i nuovi umani della Terra che si stavano sviluppando.

Il gruppo Lirano (formato da una combinazione di razze Lirane) faceva sempre degli esperimenti. Proprio come gli umani che hanno determinate pulsioni istintive (tipo la procreazione), questi extraterrestri sentono l’impulso di emulare i loro “creatori” – i Fondatori. La “progenie” dei Fondatori ha sempre continuato istintivamente l’inseminazione genetica. I Fondatori erano ben consapevoli che la consanguineità avrebbe causato la morte della razza, quindi cercarono continuamente dei nuovi ceppi per mantenere un pool genetico misto.

C’era un’altra motivazione primaria per cui i Lirani si fecero coinvolgere con la Terra. Dopo eoni di conflitto all’interno delle razze discendenti Lirane (Vega, Sirio, Orione, ecc.), erano stanchi di creare civiltà polarizzate che non riuscivano a coesistere pacificamente. Furono determinati a stabilire che la Terra doveva essere un pianeta fondato sull’integrazione piuttosto che sulla polarità.

Il gruppo Lirano sentiva che forse quello di cui avevano sempre avuto bisogno era un pianeta integrato dalle origini, piuttosto che uno che portava con sé i semi della polarità da altri sistemi stellari. Con questo in mente iniziarono a formulare il loro rigido piano per l’Inception della Terra.

Tuttavia, i Fondatori avevano altri piani. Sapevano che la Terra sarebbe stata il terreno finale per la guarigione del dramma di Orione e quindi doveva rimanere polarizzata per risolvere il conflitto. I Fondatori sapevano che la famiglia galattica avrebbe finalmente potuto conoscere l’integrazione attraverso l’esperienza di risoluzione della polarità sulla Terra. I Fondatori permisero al gruppo Lirano di portare a termine il loro progetto, perché sapevano che alla fine avrebbe sostenuto il piano cosmico.

Per quanto riguarda il gruppo Siriano, le sue motivazioni erano molto più vicine a casa. Ritenevano che la Terra si trovasse all’interno del sistema stellare della triade di Sirio, per cui credevano di avere il diritto di manipolare la genetica della Terra. I Siriani erano interessati semplicemente a costituire delle primitive razze umanoidi sulla Terra da poter utilizzare per i lavori manuali mentre espandevano le loro colonie fino alla Terra. Pertanto, sostennero il progetto Lirano tenendo in mente i propri obiettivi.

Il progetto di Inception della Terra ebbe inizio.

Per molte migliaia di anni, durante le prime fasi del progetto di Inception della Terra, i Lirani 1 – osservarono con occhi cauti la crescente razza dei primati terrestri.

1-1 I Lirani, così come altri, erano conosciuti con il termine ebraico “Nefilim“, erroneamente tradotto in “giganti”. Nefilim significa letteralmente “quelli che sono venuti giù”. In Genesi 6: 4 si dice: “Vi erano i Nephilim sulla terra in quei giorni – e anche dopo – quando i figli di Dio si avvicinarono alle figlie degli uomini ed ebbero dei figli da loro. Erano gli eroi dei tempi antichi, gli uomini famosi di quei giorni.” Il termine ebraico originale che è stato tradotto con “famosi” è “shem”, che significa letteralmente veicolo aviotrasportato, probabilmente un razzo spaziale. Quindi, “Erano gli eroi dei tempi antichi, quelli dei razzi spaziali.”

Prelevarono occasionalmente dei campioni e apportarono delle leggere modifiche alle strutture del DNA Durante i punti critici dello sviluppo, iniziarono a inserire, in questi primati, il materiale genetico dei Pleiadiani 2 (e altri gruppi). Per lunghi periodi divenne sempre più chiaro che l’evoluzione stava accelerando a un ritmo rapido. Quando divenne evidente, si avviarono gli esperimenti cruciali del prototipo.

2 – Come detto in precedenza, i Pleiadiani portavano la genetica della Terra che si integrò con successo nel ceppo Lirano. Per cui diventarono la scelta definitiva per inseminare la razza terrestre.

La storia di Adamo ed Eva è una delle poche eredità rimaste che possa sottilmente ricordare all’umanità le sue origini. Il racconto contiene molti riferimenti simbolici alla saga che avvenne riguardo a quale tipo di specie avrebbe ereditato la Terra.

Come già affermato, il gruppo Lirano voleva una specie fondata sull’integrazione.

Pertanto, sentivano che la specie non doveva conoscere la polarità, vale a dire il “bene” e il “male”. Controllarono rigorosamente l’ambiente di questi nuovi umani, in modo da rimanere concentrati sullo sviluppo di perfetti veicoli di integrazione. Non volevano che i nuovi umani diventassero come loro: polarizzati. Ciò che il gruppo Lirano non riuscì a riconoscere è che, a questi nuovi umani, stava limitando anche la scelta.

Dopo generazioni di lavoro con i primati e la genetica extraterrestre, il gruppo Lirano sviluppò un prototipo umano il cui significato “della terra” venne tradotto con il nome “Adam”. Il prototipo Adam fu introdotto sulla Terra per verificarne l’adattabilità ambientale in molte aree del pianeta. (C’erano molti Adam).

Quando il prototipo fu adattato in modo soddisfacente, gli Adam furono ritirati.

Così il Signore Dio fece cadere un profondo sonno sull’uomo, che si addormentò. Poi prese una delle sue costole [o una parte del suo fianco] e richiuse la carne al suo posto.”3

3 – Genesi 2: 21

Attraverso la clonazione el’ingegneria genetica, fu creato un prototipo femminile tradotto con “Eva”.

Vennero restituiti entrambi all’ambiente e furono osservati da vicino. Dal loro desiderio di creare una specie che non avesse conoscenza della polarità, i Lirani istruirono tutti coloro che tendevano vietare ai prototipi la loro conoscenza, di negare a loro il diritto di scelta che venne concesso a tutti gli esseri divini.

Ecco che si riesce a vedere bene il significato dell’affermazione di Dio:

“Mangia pure liberamente di ogni albero del giardino, ma dall’albero della conoscenza del bene e del male [polarità] non devi mangiare, perché nel giorno in cui ne mangerai, sicuramente morirai.”4

4 –Genesi 2: 16

I Siriani che lavoravano con il gruppo Lirano, non erano d’accordo con questa filosofia. Sentivano che i desideri personali dei Lirani di creare questa specie, erano disallineati con i diritti delle forme umanoidi. I Siriani, sebbene volessero sviluppare la razza umana per i loro scopi, scoprirono cheavevano un affetto genuino per i nuovi umani. Nonostante qesta dualità, decisero di intervenire dando inavvertitamente agli umani l’opportunità di scegliere.

Il gruppo Siriano avvertì gli umani:

“E il serpente 5 disse alla donna: “Voi non morirete affatto! Dio sa che nel giorno in cui ne mangerete, i vostri occhi si apriranno e sarete come Dio, conoscerete il bene e il male.”

5 – Il serpente 5 è un simbolo archetipo che si trova in molti miti antichi. La natura del serpente rappresenta coerentemente la dualità: è sia temuto che un forte alleato dell’umanità. Nei Testi Sumeri, Enki, il dio (Siriano) che protegge l’umanità, viene anche raffigurato come un serpente. Il giudizio “malvagio” del serpente è più contemporaneo e potrebbe essere stato uno stratagemma usato dagli dei (Lirani) per impedire all’umanità di seguire le istruzioni dei Siriani che stavano tentando di aiutarla.

6 – Genesi 3: 4

Avendo davanti a loro una scelta e dovendo prendere una decisione che coinvolgeva la loro esistenza, gli umani raggiunsero la coscienza di terza densità. Quando si resero conto di essere stati ingannati da “Dio”, optarono per la conoscenza. Una volta che fecero la scelta di ricevere la conoscenza della polarità, rimasero completamente ancorati al piano fisico.

Ora possedevano l’ego, che è la conoscenza di “Io sono” e divennero consapevoli di loro stessi.

“Allora il Signore Dio disse: Guardate, l’uomo è diventato come uno di noi, ora conosce il bene e il male [la polarità]. Non bisogna permettergli di allungare la mano e prendere anche dall’albero della vita e mangiarne, o vivrà per sempre.”7

7 –Genesi 3: 22

Inutile dire che il gruppo Lirano non rimase contento. A causa della loro rabbia negarono l’albero della vita (l’Eredità Divina) alla conoscenza umana. La razza umana fu così costretta a svilupparsi senza sapere della sua connessione con la famiglia galattica e il Tutto. Fu davvero una sfida.

Per assicurarsi che gli umani non avrebbero cercato quella conoscenza, il gruppo Lirano adottò alcune precauzioni:

“… ad est del giardino pose i cherubini e una spada fiammeggiante che girava in
ogni direzione, per custodire la via verso l’albero della vita.”8

8 –Genesi 3: 24

Lasciarono all’umanità la sua eredità: il retaggio di Orione (simbolicamente rappresentato dalla spada), senza lasciare alcuna conoscenza per la sua risoluzione. Negli antichi Testi Sumeri si insinua che i cherubini siano dei veri e propri dispositivi meccanici o robotici che, in questo caso, proteggevano l’albero della vita.

Qual è la traduzione letterale dell’albero della vita? In Sumero, la parola usata per l’albero della vita era GISH.TIL.

GISH voleva dire dispositivo creato dall’uomo; TIL significava missile (ed è così anche nell’ebraico contemporaneo). Invece di un vero albero, stava a indicare il “veicolo per la vita”, ovvero un’astronave. Nei resoconti Sumeri ci sono delle chiare raffigurazioni di razzi spaziali, così come di uomini che le salutano da terra.

Sembra chiaro che l’azione degli dèi di posizionare i cherubini per tener lontani gli umani dall’albero della vita, voleva effettivamente negare agli umani la conoscenza della loro eredità. Agli umani della Terra non fu più permesso di mescolarsi apertamente con gli dèi e lasciare il pianeta con loro. Gli umani furono banditi dai cieli.

Cosa successe al gruppo Siriano che interferì con i progetti Lirani?

A causa della loro interferenza si legarono energeticamente allo sviluppo della Terra. Hanno sempre avuto molti assi nella manica e, in questo caso, sono quelli che hanno riso per ultimi.

Mentre lavoravano con il gruppo Lirano nel programma genetico, inserirono un codice di DNA latente all’interno delle cellule umane.

Questo codice verrà innescato da una vibrazione accelerata che si verificherà quando la civiltà inizierà a evolversi spiritualmente. Come la Terra accelererà verso l’auto – consapevolezza e la quarta densità (che è ciò che sta capitando ora), il codice si attiverà. Una volta attivato, la razza umana srotolerà la sua visione limitata come fosse una spirale, finché la distesa del Tutto Ciò Che È
diventerà visibile. Dopo tutto, si è trattato del loro modo di permettere all’umanità di mangiare dall’albero della vita.

L’umanità è stata sottoposta a una dura sfida da parte dei primi inseminatori del pianeta Terra. Come già affermato, i “bambini” di solito portano dentro di loro i codici genetici e gli atteggiamenti radicati dei “genitori”.

Se la Terra fosse stata davvero seminata da un punto di disuguaglianza e mancanza di libero arbitrio,

  • Questo non potrebbe forse spiegare perché gli umani di molte razze hanno ancora oggi la convinzione di fondo riguardo alla superiorità della razza caucasica / ariana (il gruppo Lirana)?
  • Potrebbe essere che le radici stesse del bigottismo razziale risalgano alle origini del pianeta?

Certamente lo ipotizzano i testi antichi a disposizione dei ricercatori.

I testi Sumeri parlano di “quelli dalla testa nera” che lavoravano nelle miniere dell’Africa per gli dèi. Se questo fosse vero, ovvero che l’umanità porta i modelli dei suoi antenati, allora questa sfida sarebbe solo all’inizio. Riuscire a spezzare questo incantesimo divino che è stato scagliato sull’umanità, potrebbe essere la chiave per la liberazione della razza umana sulla Terra.

Nel passato della Terra, la razza umana ha sempre ricevuto segnali contrastanti dagli dèi.

Ci furono dei periodi (alcuni dei quali sono documentati nei testi Sumeri, tipo il grande diluvio), in cui gli umani furono abbandonati e lasciati morire sul pianeta, mentre gli dèi in cui riponevano la loro fiducia, se ne andarono con le loro astronavi. Durante questi periodi, alcuni dèi salvarono “illegalmente” gli umani prescelti. Questo creò una codifica emotiva all’interno della specie umana durante i periodi di crisi. La codifica ricorda entrambi questi schemi e fa attivare una lotta tra la paura dell’abbandono e la gioia della salvezza. È imperativo che la razza umana risolva questa dipendenza dagli dèi e diventi autosufficiente.

Nella Terra dei nostri giorni, i gruppi extraterrestri le cui codifiche sono radicate nel passato, promettono ancora la salvezza. Vengono agli umani come esseri dello spazio fisico e parlano telepaticamente a coloro che possono sentire la loro frequenza.

Spesso chiamano vari “comandanti” o uomini “prescelti” della Terra e continuano a tentare l’ego umano nel perpetuare i propri sentimenti di superiorità. Sebbene questi gruppi dello spazio siano un bene, perpetuano continuamente il divario tra la paura dell’abbandono e la gioia della salvezza, incoraggiando così la separazione e l’elitarismo.

Man mano che gli umani si riprendono il loro potere ed entrano nell’età adulta planetaria, anche quei gruppi rimanenti si trasformeranno. La maggior parte degli altri gruppi extraterrestri ha imparato dalle loro azioni passate e desidera, una volta per tutte, la soluzione definitiva a questo conflitto.

Dal punto di vista dei Fondatori, il Piano sta continuando perfettamente.

Il gruppo Lirano deve interpretare uno scenario per la propria crescita. Queste antiche “divinità” extraterrestri lasciarono molti indizi sulla Terra, che alla fine contribuiranno a risvegliare il pianeta alla sua vera eredità. Mentre l’umanità si risveglierà a questa conoscenza, inizierà a mettere in campo gli strumenti necessari per risolvere il dramma di Orione. La risoluzione risiede nella tolleranza.

Se la razza umana riuscisse veramente a tollerare la diversità all’interno dell’unità da un punto di non giudizio, sulla Terra potrebbe nascere il Paradiso

Tratto dal libro in PDF “Il Prisma della Lira”

di Lyssa Royal e Keith Priest 

Versione originale in Inglese 

testo tradotto in lingua italiana da claudiordali 

®wld

Una società profondamente malata

Quattro segni indicano che viviamo una società profondamente malata

by Gary ‘Z’ McGee August 06, 2018
from WakingTimes Website

“Non è una misura di salute per essere ben regolato
ad una società profondamente malata.”

Jiddu Krishnamurti

Cosa rende la nostra società così malata?

  • Come sappiamo per certo che la nostra società è malsana?
  • C’è un modo per ragionare sulla nostra strada in una chiara spiegazione del perché la nostra società non è adatta a esseri umani in buona salute che cercano di evolversi in modo più sano?
  • Si tratta davvero di rispondere a una domanda cruciale: vuoi vivere o vuoi morire?

Come ha affermato famoso Albert Camus,

“C’è solo un serio problema filosofico, e questo è il suicidio: giudicare se la vita è o non vale la pena di vivere equivale a rispondere alla domanda fondamentale della filosofia”.

Sembra estremo, ma per arrivare al nocciolo della questione, dobbiamo fare domande estreme …

Se la tua risposta è “vita”, allora è ovvio che vuoi che quella vita sia il più sana possibile. Se la tua risposta è il suicidio, ovviamente tutte le altre domande sulla sopravvivenza sono irrilevanti e tu ricadrai nell’ipotetico nulla.

Supponiamo che la tua risposta sia “vita”.

Qual è la prossima domanda logica? È ovvio che tutte le domande successive sarebbero:

Cosa devo fare per continuare la mia sopravvivenza?

La prima risposta a questa domanda deve essere:

Ho bisogno di respirare aria pulita.

Dopo di che? Ho bisogno di bere acqua pulita. Quindi, ho bisogno di mangiare cibo sano. E poi, ho bisogno di trovare relazioni umane sane.

Così via…

Questo ci dà una base quadruplice per cominciare a capire perché il sistema è così malsano, mentre forse si fa luce su come possiamo guarire la nostra società profondamente malata.

Scopriamolo …

  1. La nostra società inquina l’aria

“Una cosa è giusta quando tende a preservare l’integrità, la stabilità e la bellezza della comunità biotica.È sbagliato quando tende diversamente.”Aldo Leopold

Quindi, vuoi vivere? Bene, devi respirare aria. E se vuoi vivere sano, devi respirare aria pulita.

La prima fondamentale ragione per cui sappiamo di vivere in una società profondamente malata è quando diventa evidente che la nostra società sta direttamente influenzando la qualità dell’aria in un modo negativo e malsano.

Dimentica il dibattito in corso sui cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. La dissonanza cognitiva di alcune persone è così potente che nessuna argomentazione riuscirà a convincerle. Rafforzerà solo la loro posizione testarda.

Concentrati invece sul vero problema; qualcosa su cui tutti possiamo essere d’accordo:

inquinamento …

Non si può negare che l’uso eccessivo di combustibili fossili da parte della nostra società sia un pericoloso inquinante atmosferico.

Basta guardare l’orizzonte in quasi tutte le principali città del pianeta. Se sta danneggiando la qualità dell’aria, allora sta danneggiando la qualità dell’aria ovunque.

Il pianeta è un sistema interconnesso. Tutto è connesso a tutto il resto. Soprattutto quando si tratta del flusso d’aria.

È semplice:

quando la nostra produzione di rifiuti supera la capacità del pianeta di assorbirla in modo sano – vale a dire, in un modo che preservi l’integrità, la stabilità e la bellezza della comunità biotica – allora sappiamo, senza dubbio, che è malsana e che dobbiamo ridimensionarci.

Altrimenti, la nostra salute e la salute del pianeta sono compromesse.

Una società che continua a produrre più rifiuti nell’aria di quanto l’atmosfera possa assorbire in modo sano è una società profondamente malata …

 

 La nostra società inquina l’acqua  “Ci dimentichiamo di questo

il ciclo dell’acqua e il ciclo di vita sono uno.”

Jacques Yves Cousteau

Quindi, hai deciso di voler vivere e ti sei preso cura dell’aria respirabile.

Il prossimo passo, se vuoi continuare a sopravvivere, è trovare acqua pulita. Non è un compito facile in una società malata.

Come previsto, la pipelineKeystone è trapelata. Due volte…!

una volta il 4 maggio 2017 (84.000 galloni di petrolio)

e il 16 novembre 2017 (210.000 galloni)

Poi c’era,

  • il gasdotto dell’Iowa (140.000 galloni) il 31 gennaio 2017
  • Rover Pipeline in Ohio il 10 maggio 2017
  • il Texas Pipeline (oltre 50.000 galloni di petrolio grezzo) il 13 luglio 2017
  • la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico (400.000 galloni di petrolio)

E questi erano solo alcuni degli sversamenti più grandi del 2017 da soli …

La vera guerra che si combatte su questo pianeta è tra i protettori d’acqua (persone sane) e i mercanti di petrolio (persone malsane):

l’acqua rappresenta la vita e l’olio rappresenta l’entropia.

Ma non è così semplice …

C’è una specie di dinamica yin-yang che sta succedendo qui. Il punto bianco sul lato olio dello yin-yang rappresenta energia e progresso.

Il punto nero sul lato dell’acqua dello yin-yang rappresenta l’inquinamento. Usiamo il petrolio per produrre energia per far avanzare progressivamente le nostre civiltà ma a un costo elevato:

inquinamento rampante e velenoso.

Il problema è che il punto nero sul lato acqua sta andando fuori controllo, causando il collasso ambientale nella migliore delle ipotesi e un ecocidio nel peggiore dei casi.

Se non stiamo attenti, lo yin-yang del nostro mondo sarà una massa nera di entropia oleosa che gira attraverso lo spazio – un guscio bruciato di un pianeta. Qualcosa deve dare.

Il petrolio è stato un boom industrioso per la nostra specie. Nessun dubbio…

Ci ha aiutato a raggiungere molte meraviglie tecnologiche. Ma eravamo ingenui per il suo potere inquinante. A questo punto, l’inquinamento è così brutto che sostituisce il guadagno.

Bruciare petrolio, carbone e gas è semplicemente troppo tossico per noi e per il nostro ambiente.

Non possiamo, in coscienza, continuare a bruciare questa modalità ormai obsoleta di utilizzo dell’energia. Se dovessimo essere una società sana, dovremmo passare al solare, al vento, all’energia elettrica, alle maree e soprattutto alla canapa, altrimenti ci bruceremo.

Una società che continua a utilizzare metodi obsoleti per produrre energia che non possono essere assorbiti dal proprio ambiente in modo sano, è una società profondamente malata …

  1. La nostra società inquina il nostro cibo

“Ho urlato a dio per il bambino affamato, fino a quando non ho capito che Dio era il bambino che mi urlava”. Sconosciuto

Quindi, vuoi ancora vivere, e sei riuscito a respirare aria e bere acqua.

Il prossimo passo è consumare cibo pulito e sano.

Ancora una volta, questo non è un compito facile in una società malata:

… e tutto il resto, la gamma di modi in cui la nostra società è riuscita a distruggere il nostro approvvigionamento alimentare è ridicola.

Sai perché così tanti prodotti a base di pesce vengono etichettati erroneamente? Perché le corporazioni non hanno il coraggio di dirti che i pesci che ti piacciono sono praticamente spariti …

Sì, il 70% delle attività di pesca del mondo è completamente sfruttato, sfruttato eccessivamente o collassato a causa della pesca eccessiva e delle acque più calde. Questo dovrebbe venire come un campanello d’allarme dell’ordine più alto.

Ancora una volta, l’inquinamento umano è la parte più grande del problema. Soprattutto inquinamento plastico …

Ma un’altra parte del problema è,

  • come coltiviamo
  • come lo distribuiamo (o meno)
  • come sprechiamo il nostro cibo

Il completo fallimento del nostro sistema di distribuzione mina la salute della nostra specie.

Impedisce alle persone di prosperare perché stanno spendendo tutta la loro energia vitale semplicemente sopravvivendo.

  • Da una parte dello spettro, abbiamo persone ricche che accaparrano e / o sprecano abbastanza cibo per nutrire un intero paese del terzo mondo
  • dall’altra parte, abbiamo i poveri penny pizzicare per mangiare il “cibo” non più gustoso (ma più economico) mai creato: fast food

Un modo per risolvere almeno in parte questo scoraggiante problema è attraverso l’agricoltura polivalente.

Dove la monocultura riguarda l’industria, la policoltura riguarda la diversità.

La monocultura soffre di una mancanza di biodiversità e di sostanze nutritive nel suolo.

  • La policoltura vive con la biodiversità e reintegra il suolo.
  • La monocultura richiede pesticidi.
  • La policoltura è una funzione del controllo biologico dei parassiti.
  • La monocoltura è innaturale.
  • La policoltura è naturale.
  • La monocultura porta alla malattia e alla carestia.
  • La policoltura porta all’abbondanza e alla permacultura.
  • La monocultura riguarda i soldi per le persone.
  • La policoltura riguarda le persone e il cibo sano rispetto al denaro.

Una società che continua ad inquinare, gestire male, accumulare, avvelenare e distribuire male il proprio approvvigionamento alimentare è una società profondamente malata …

  1. La nostra società crea individui non sani

“Il sistema non riparabile dal sistema.” Tom Morello

Quindi sei riuscito a respirare aria, bere acqua e mangiare cibo.

Ma è sano …?

La domanda “viviamo in una società profondamente malata” si riduce a questa domanda critica:

l’aria, l’acqua e il cibo che consumiamo sono sani?

Altrimenti,

  • È a causa di qualcosa che la nostra società sta facendo nell’aria, l’acqua e il cibo che sta causando di essere malsano?
  • In tal caso, cosa farai, come membro della società, a riguardo?
  • Hai intenzione di ignorarlo e spero che funzioni da solo?
  • Hai intenzione di aspettare che la tecnologia ci metta in salvo in qualche modo?
  • Stai aspettando un eroe per salvare la giornata?

La ragione principale per cui viviamo in una società profondamente malata è perché la maggior parte della gente non fa nulla per il sistema malsano che lo sostiene.

Di conseguenza, viviamo in una società malata che crea individui malsani che creano individui più malsani.

Il ciclo malsano continuerà a ripetersi fino a quando gli individui di mente sana si alzeranno per cambiarlo. Questo è un compito ardentemente erculeo, ma nessun compito è più importante.

La vera salute, anzi l’evoluzione stessa della nostra specie è in gioco …

Quando si tratta di una società che respira aria sporca, beve acqua inquinata, mangia cibo avvelenato e poi continua a fare tutte le cose che causano aria sporca, acqua inquinata e cibo avvelenato, è una società profondamente malata …

https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld