Crea sito

Le linee guida della nostra società

Il paradigma del condizionamento e la sottomissione passiva di ogni dogma all’autorità

In questi decenni hanno fatto emergere nella mente della gente, l’idea delle rivoluzioni radicali, la crisi è una crisi delle coscienze, una crisi che non può più far accettare le vecchie norme i vecchi modelli, le antiche tradizioni e considerando quello che è il nostro oggi, con tutta la sua miseria, i suoi conflitti.

La sconcertante brutalità, le sue aggressioni e così via …

L’uomo è ancora com’era in passato, è ancora brutale, violento, aggressivo, avido, competitivo, e ha costruito una società basandosi su queste linee guida.

Quello che stiamo cercando in queste discussioni qui è vedere se noi radicalmente portiamo a una trasformazione della mente. Non accettare le cose per quello che sono, ma per capirle, per esaminarle, dall’anima  alla tua mente per tutto quello che devi scoprire.

Ma che dipende da te e non da altri. Perché qui non ci sono insegnanti ne allievi, non c’è alcun leader, nessun guru, non ci sono né maestri né salvatori.

Tu stesso sei l’insegnate e l’allievo, tu sei il maestro e il guru, tu sei il leader, tu sei tutto! E capire significa trasformare quello che è.

®wld

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

La   scienza ha dimostrato che l'”intenzione collettiva” influenza il mondo fisico

di Paul Lenda dal sito web: Shift

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

Possono il pensiero, l’intenzione e l’emozione influenzare il mondo fisico?

Molte persone credono di poterlo fare, ma i modelli scientifici per testare e quantificare questa idea spesso falliscono. La fisica classica ha avuto molto successo nel comprendere la natura fisica dell’universo , tuttavia questa visione del mondo presume che la realtà sia limitata alla materia.

Ciò lascia la fisica classica mal equipaggiata per misurare o quantificare i fenomeni non fisici.

Ciò ha portato a un movimento verso la scienza post-materiale. Se sperimentate l’intuizione e altri fenomeni non fisici, sarete entusiasti di apprendere che la scienza sta iniziando a convalidare questo regno.

Sarai ispirato ad esplorare i modi quantistici in cui sei connesso con l’intero universo. Le pratiche spirituali come la meditazione, il qi gong e lo yoga erano considerate forme di scienza molto prima che Newton ispirasse la fisica classica.

La fisica quantistica flirta con i regni del mistero che erano tradizionalmente riservati ai mistici.

Non c’è bisogno di essere in disparte come osservatore perché ci sono alcuni progetti di ricerca molto interessanti in corso negli interstizi tra scienza e spiritualità, che esploreremo di seguito.

Oggi abbiamo un’opportunità senza precedenti di partecipare a questo processo storico che integra fisica, coscienza e meditazione di gruppo.

Perché la scienza dei materiali post?

La fisica newtoniana classica si concentra principalmente sul mondo materiale, ma gli studi sulla coscienza sono una delle punte di diamante della ricerca scientifica.

Ciò richiede un nuovo paradigma che consenta di accettare la mente, la coscienza e i fenomeni non materiali nell’equazione della realtà, trovando al contempo mezzi adeguati per studiarli e quantificarli.

Un gruppo leader di scienziati di tutto rispetto si è riunito e ha presentato un Manifesto per la scienza post-materialistica come soluzione ai limiti della fisica classica.

Come per ogni nuovo campo di indagine, non è privo di controversie e sconvolge alcuni membri dello status quo scientifico.

I principali progressi della scienza – persino le rivoluzioni – seguono il crollo di paradigmi obsoleti, il cui rovesciamento è forzato dall’accumulo di prove empiriche che violano il paradigma.

Dave Pruett Ex ricercatore della NASA Professore emerito di matematica, James Madison University


Come la scienza è arrivata alla soglia della spiritualità

I primi echi della necessità di un nuovo paradigma che affronti la realtà non fisica provenivano da Einstein all’inizio degli anni ’30.

Nella sua ricerca, ha osservato qualcosa di così bizzarro che riusciva a malapena a credere a ciò che stava vedendo.

Lo definì “azione spettrale a distanza“, che in seguito divennero due dei concetti principali studiati nelle scienze dell’informazione quantistica, noti come entanglement e non-località.

L’entanglement si verifica quando due particelle sono così profondamente legate (da un campo quantistico) che una particella può istantaneamente (cioè più veloce della velocità della luce!) Influenzare l’altra anche a grandi distanze non localmente.

Ciò implica che la distanza fisica tra le particelle è irrilevante, quindi un salto di qualità nella nostra idea di ciò che è possibile.

Il passaggio dalla scienza materialistica alla scienza post-materialistica può essere di vitale importanza per l’evoluzione della civiltà umana.

Può essere ancora più centrale rispetto alla transizione da geocentrismo a eliocentrismo .

Un manifesto per la scienza post-materialistica

Sebbene questo fenomeno non sia completamente compreso, è accettato nella meccanica quantistica.

Forse hai vissuto un momento in cui hai pensato casualmente a una persona cara a cui non pensavi da molto tempo, poi il telefono squilla e tu lo sollevi per sentire la sua voce?

Questo tipo di “sincronicità” si verifica spesso per molte persone, ma può essere difficile dimostrare esattamente perché o come si verificano.

La fisica quantistica è proprio all’inizio dell’esplorazione di questo fenomeno che è stato spesso chiamato coincidenza … fino ad ora.

Senza il mondo spirituale il mondo materiale è un enigma sconfortante.

Joseph Joubert


La scienza della ricerca incontra la meditazione, l’intenzione umana e la coscienza


Bill (William) Tiller, membro dell’American Academy for the Advancement of Science e presidente emerito del Dipartimento di scienza dei materiali della Stanford University , ha trascorso trentaquattro anni nel mondo accademico dopo nove anni come consulente fisico presso i Westinghouse Research Laboratories.

Ha pubblicato oltre duecentocinquanta articoli scientifici convenzionali, tre libri e diversi brevetti. In qualità di famoso scienziato, è anche un forte sostenitore della meditazione, della scienza non fisica e della spiritualità.

Ha coniato il termine Scienza Psicoenergetica per descrivere il suo lavoro che combina coscienza e scienza .

Negli ultimi quattrocento anni, un assunto non dichiarato della scienza è che l’intenzione umana non può influenzare ciò che chiamiamo “realtà fisica”.

La nostra ricerca sperimentale dell’ultimo decennio mostra che, per il mondo di oggi e nelle giuste condizioni, questa ipotesi non è più corretta.

Noi umani siamo molto più di quanto pensiamo di essere e la Scienza Psicoenergetica continua ad ampliarne le prove.

Dottor Bill Tiller

Tiller è convinto che l’intenzione possa influenzare le sostanze fisiche e ha sviluppato una tecnologia al silicio a base cristallina in grado di catturare e memorizzare un’intenzione diretta da un gruppo di meditatori.

Questa intenzione energetica risuona a una frequenza che può essere registrata o trasmessa per ottenere un effetto designato nelle persone.

Le prime ricerche con questa tecnologia nel suo laboratorio a Stanford, così come nei laboratori di Londra e Berlino, indicano la capacità dell’intenzione umana diretta di,

aumentare o abbassare il pH dell’acqua di un punto, la crescita delle larve a una velocità maggiore del 30% e l’uccisione dei batteri a una velocità maggiore del 30% …

Ciò implica una sorta di connessione non fisica, non locale tra l’intenzione e queste sostanze fisiche.


Affrontare lo scetticismo

Come per qualsiasi nuovo campo di studio, ci saranno successi e fallimenti.

Gli scienziati sono vulnerabili alle debolezze che tutti sperimentiamo.

Negazione dei fatti, pregiudizi di conferma, resistenza a nuove idee, ecc. Sono questioni che gli scienziati del vecchio e del paradigma emergente dovranno affrontare.

Una ricerca vigorosa può essere costosa e può essere difficile trovare finanziamenti per teorie non convenzionali.

Quindi sì, ci saranno scettici e ci saranno anche nuove scoperte che faranno cadere le convinzioni di lunga data sugli esseri umani, l’universo e ciò che è possibile.

Proprio come era Einstein ,

sconcertato e scettico riguardo alle proprie osservazioni sull’entanglement,

… siamo tutti suscettibili di vedere le nostre nozioni preconcette sfidate e ribaltate da questo campo emergente della scienza non materiale.


Posso essere coinvolto?

Si, puoi!

La cosa migliore della ricerca sulla coscienza su scala globale è che richiede la partecipazione di molte persone.

Poiché affrontiamo sfide senza precedenti con,

… non c’è mai stato un momento più potente sul pianeta per gli umani per accedere collettivamente a regni di potenziale superiori.

Siamo pronti per un cambiamento quantico e ne abbiamo davvero bisogno.

Sincronizzato a livello globale per un balzo quantico

Attualmente, le menti più importanti nel campo della scienza, della spiritualità e della tecnologia stanno imparando a collaborare in modi che sicuramente faranno ondate.

Il Merraki Institute ha collaborato con Bill Tillere sta conducendo una vigorosa ricerca scientifica in un altro esperimento globale partecipativo.

Merraki è una parola greca che significa,

“Fare qualcosa con anima, creatività o amore”,

… ed è piacevole vedere questa etica essere centrale in un progetto di ricerca scientifica.

Se sei interessato a partecipare alla nuova entusiasmante tecnologia di Tiller che utilizza il silicio a base cristallina per immagazzinare ed emettere una trasmissione di energia dell’intenzione, puoi saperne di più o essere coinvolto qui.


E l’amore?

Esistiamo tutti all’interno di un campo di energia più ampio, un campo quantistico.

Forse amore, intenzione ed emozione sono intrecciati in questo campo misterioso?

Abbiamo la capacità di accedere a vari stati interni di coscienza attraverso la meditazione e la consapevolezza, possiamo alterare le nostre relazioni sociali e potenzialmente possiamo cambiare le cose su scala globale.

Questo processo inizia all’interno, si approfondisce con la pratica personale ed è celebrato nella comunità più ampia che si sta impegnando in queste antiche pratiche. Potremmo finalmente iniziare a vedere la convalida scientifica per i regni invisibili che molti di noi sentono intuitivamente. Si spera che inizieremo anche a sperimentare cambiamenti quantistici nel mondo che ci circonda mentre approfondiamo la nostra comprensione.

 

Siamo non solo, ei confini dove iniziare o finire come esseri fisici, emotivi, ed elettriche viene costantemente ridefinito dalla scienza.

L’unità di coscienza può essere una legge scientifica che aspetta di essere scoperta …

La combinazione di fisica, coscienza e meditazione di gruppo è ancora nelle prime fasi di esplorazione della scienza, ma il potenziale di scoperta è infinito …!

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

***********************************

Ti potrebbero interessare:

La Nuova Normalità

La corruzione nel mondo classico

®wld

Il tempo di Omero o … I Secoli Bui XII – IX Secoli a.C.

di Edward Whelan 08 Settembre 2020 dal Sito Web ClassicalWisdom traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

Spesso consideriamo i Greci come la quintessenza delle civiltà

 

Tuttavia, prima del grande successo del V secolo a.C. Atene e altri luoghi subirono un periodo di declino e dislocazione.

Per oltre tre secoli la Grecia ha vissuto un’età oscura quando le città furono abbandonate e la società crollò.

Tuttavia, da questo triste periodo sono emerse tendenze che hanno contribuito alle glorie della civiltà greca.

 

Il crollo della civiltà di Micene

 

Prima del 1200 a.C., l’attuale Grecia moderna era dominata dai Micenei.

Sono considerati come i primi Greci ed erano un popolo guerriero.

 

Sulla base dei loro resti archeologici si vede che hanno sviluppato una società gerarchica. Hanno costruito vasti palazzi in siti di tutta la Grecia ed erano rinomati marinai.

I Micenei furono probabilmente la fonte delle leggende sull’assedio e la caduta di Troia.

Verso il 1200 a.C., la civiltà micenea crollò e abbandonò i propri palazzi.

 

Una volta si credeva che un altro gruppo di Greci dei Balcani settentrionali, i Dori li avessero portati alla rovina. Tuttavia, negli ultimi anni, questa tesi è stata rifiutata.

 

La caduta dei Micenei fu probabilmente dovuta al crollo dell’età del bronzo, quando molte civiltà del Vicino Oriente crollarono. Spesso questo lo si imputa a un gruppo di invasori, Popolo del Mare.

 

È possibile che il cambiamento climatico abbia portato a carestie, che hanno causato la guerra civile e portato al crollo dei Micenei.

Trovato nella tomba V a Micene da Heinrich Schliemann nel 1876.Maschera mortuaria in oro nota come “Maschera di Agamennone”.Questa maschera raffigura il volto imponente di un nobile barbuto.È costituito da una lamina d’oro con dettagli repoussé.Due fori vicino alle orecchie indicano che la maschera è stata tenutalegata al viso del defunto con un laccio.

 

Le conseguenze

 

Il crollo miceneo in Grecia ha visto per secoli la fine della grandiosa struttura.

 

Le loro strutture erano stati centri di cultura e con la loro scomparsa, la conoscenza del loro sistema di scrittura noto come Linear B andò perduta.

 

La conoscenza materiale della regione diminuì come si è visto dalla scarsa qualità della ceramica del periodo. Sembra che molte zone della Grecia e delle sue isole si fossero spopolate e molti insediamenti abbandonati.

 

Ci sono prove che le città furono abbandonate e molte persone tornarono a vivere in insediamenti remoti che potevano essere facilmente difesi.

 

Non c’erano più regni con stati centralizzati e burocrazie come in passato. In quel momento sembra più probabile che la società fosse basata su clan guidati da capi principali.

 

La gente viveva in famiglie autosufficienti chiamate Oikos.

 

Gli archeologi dimostrano che il commercio a lunga distanza era crollato e mentre una volta i Micenei facevano scambi con altre civiltà, questo non avvenne più dal 12 al 9 secolo a.C.

 

Sacche di civiltà

 

Mentre gran parte della Grecia era nell’età oscura, alcune aree rimasero urbanizzate e impegnate nel commercio a lunga distanza.

 

Lefkandi, nell’isola di Eubea, era un centro commerciale e manifatturiero ed era una grande città per gli standard del tempo. Sembra che fosse una potenza marittima.

 

  La Porta dei Leoni, l’ingresso principale della cittadella di Micene, XIII secolo a.C.

 

I Micenei avevano colonizzato parti dell’isola di Cipro, dove ci sono gli elementi della loro civiltà, tra cui l’uso di una versione adattata di Lineare B.

 

Tali scoperte hanno portato alcuni esperti a credere che non esistesse l’Età Oscura e che la società greca fosse molto più sofisticata di quanto spesso si crede.

 

Con l’8° secolo, la documentazione archeologica evidenzia che insediamenti più grandi erano in aumento in termini di dimensioni e che stavano sorgendo nuove città.

A questo punto Atene e Sparta stavano cominciando a crescere.

Ci sono prove di più commercio e produzione a lunga distanza.

Anche la qualità della ceramica migliora.

Sembra che i Greci avessero molti più contatti con altre culture, come i Fenici. I Fenici erano grandi mercanti e avevano sviluppato anche un alfabeto fonetico.

 

Questo fu adottato dai Greci e, di conseguenza, ancora una volta furono in grado di diventare una società alfabetizzata.

 

La Grecia divenne piuttosto prospera nell’VIII secolo e la popolazione aumentò.

 

Ciò ha portato alla colonizzazione di altre aree soprattutto in Crimea e in Asia Minore.

  

Il Secolo di Omero?

 

Il Medioevo ha visto l’emergere della poesia di Omero. Era il più grande di tutti i poeti greci e uno dei più grandi poeti di tutta la tradizione occidentale.

 

Tradizionalmente, Omero è ritratto come un uomo cieco.

 

Omero e la sua guida (1874) di William-Adolphe Bouguereau

 

Omero è conosciuto per i due grandi poemi epici:

  • l’Iliade
  • l’Odissea…

Si trattava di originali opere di poesia orale basate sulle storie semi-leggendarie di una guerra tra Greci e Troiani e sulle avventure di Ulisse all’indomani della fine della guerra.

Gli esperti ritengono che Omero visse nel 9° secolo e può essere visto come una figura dell’Età Buia.

Tuttavia, fu anche un precursore del recupero della civiltà greca nell’VIII secolo a.C.

 

Ha usato l’alfabeto greco per scrivere le poesie orali e ha creato una nuova lingua letteraria, che ha notevolmente stimolato la crescita della cultura ellenica.

Le storie dell’Iliade e dell’Odissea hanno avuto un profondo impatto sulla società greca, compresa la sua letteratura, l’arte, l’etica e persino la mitologia. Altrettanto importante è che i poemi epici hanno contribuito a promuovere il senso comune di un’eredità e un’identità greche.

 

Omero fu un’influenza critica nello sviluppo della cultura greca classica.   

Conclusione

 

I Micenei svilupparono una grande civiltà ma, dopo il crollo dell’età del bronzo, scomparve.

 

La Grecia è decaduta socialmente, culturalmente ed economicamente. Divenne una zona povera e arretrata, e così rimase per molti secoli. Tuttavia, alcune parti del mondo greco potrebbero aver continuato ad essere avanzate e prospere.

 

La creazione di un nuovo alfabeto greco fu cruciale per la fine del Medioevo e le opere di Omero contribuirono a un Rinascimento del mondo ellenico.   

 

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Tutto ciò che è non essenziale – tutto ciò che ci rende umani – viene allegramente scartato

 

L’età distopica della maschera – Come Ernst Jünger predisse l’ubiquità delle maschere 

 

di Thomas Crew
dal sito
TheCritic

 

Il nuovo mondo coraggioso di Huxley (1932) ha Alpha, Beta e Epsilon Semi-Morons – classi geneticamente modificate con abbigliamento uniforme e opinioni uniformi.

 

Orwell s’ Nineteen Eighty-Four (1949) ha il pensiero di polizia e Neolingua   

 

Mentre Yevgeny Zamyatin ‘il Noi (1921) ha numeri al posto delle persone – D-503, I-330, O-90: le vocali per le femmine, le consonanti per i maschi. Se c’è un’unica caratteristica che definisce la letteratura distopica, è l’eliminazione di ogni individualità.

“L’autocoscienza”, scrive Zamyatin, “è solo una malattia”.

Per questo motivo, le distopie sono invariabilmente raccontate da estranei tormentati:

coloro che sono ben consapevoli della standardizzazione simile alla merce dei loro simili, ma o temono le conseguenze del parlare apertamente o si risentono del proprio senso di sé.

Dopotutto,

“nessuna offesa è tanto atroce quanto non ortodossia di comportamento”, come scrive Huxley.

Data la loro tirannica preoccupazione per l’uniformità, non c’è da meravigliarsi che, come forma letteraria, le distopie siano emerse all’inizio del ventesimo secolo.

 

I regimi totalitari di Russia e Germania, così come le loro controparti occidentali tecnocratiche, ispirate da artisti del calibro di FW Taylor e Henry Ford, furono fonti di ispirazione centrali.

 

Nonostante tutte le loro apparenti differenze, queste ideologie concorrenti sono unite dal tentativo utopico di ridisegnare non solo la società, ma l’essere umano stesso.

 

Il potere crescente della scienza e della tecnologia ha dato origine all’idea che la natura stessa, in tutta la sua disordinata complessità, potesse essere finalmente rimessa a posto.

 

Oltre a questi tre autori canonici, tuttavia, questa generazione ha prodotto un altro scrittore distopico altrettanto impressionante, anche se molto meno noto:

l’enigmatico tedesco Ernst Jünger

Conosciuto principalmente per i suoi diari della prima guerra mondiale e la ferma opposizione al liberalismo di Weimar, Jünger ha continuato a vivere fino all’età di 103 anni, scrivendo su argomenti dall’entomologia e psichedelici al nichilismo e alla fotografia .

 

Nella seconda metà della sua carriera ha prodotto tre opere principali di narrativa distopica:

  • Heliopolis (1949)

  • Eumeswil (1977)

  • forse il suo migliore, The Glass Bees (1957)

Probabilmente la sua visione più agghiacciante, tuttavia, è offerta in un ampio saggio pubblicato alla vigilia dell’ascensione al potere nazista nel 1932.

 

L’operaio, come Jünger lo chiama, si propone di disegnare ciò che egli considera come la venuta ‘nuovo ordine mondiale‘ – un ordine definito da un radicalmente nuovo tipo di uomo.

 

Dopo aver rinunciato ai valori liberali del passato e abbracciato il suo destino nelle fabbriche e sui campi di battaglia dell’inizio del XX secolo, il segno distintivo dell’uomo nuovo è una misteriosa somiglianza – sia nel corpo che nell’anima – con la macchina.

 

 

Nato da genitori umani, il “lavoratore” di Jünger è tuttavia un figlio dell’era industriale.

 

 

Seguendo le distopie dei suoi contemporanei, la prima vittima di questa nuova era è anche l’individuo. Perché la logica della macchina non ammette differenze.

 

Che si tratti del mondo naturale o della mente umana, Jünger sostiene che tutto è sempre più definito da,

“un certo vuoto e uniformità”.

Il risultato, per usare le parole di Orwell, è,

“una nazione di guerrieri e fanatici, che marcia in perfetta unità, tutti pensando gli stessi pensieri e gridando gli stessi slogan” – milioni di persone, aggiunge, “tutti con la stessa faccia”.

La nostra disponibilità a nascondere la nostra faccia riflette le tendenze disumanizzanti che sono alla base del periodo moderno …

 

È sotto quest’ultimo aspetto che The Worker assume una rilevanza inquietante per i nostri tempi.

 

Perché l’uniformità della nuova era è simboleggiata, suggerisce Jünger, dall’improvvisa proliferazione della maschera nella società contemporanea.

“Non è un caso”, scrive, “che la maschera ricomincia a giocare un ruolo decisivo nella vita pubblica.

 

Appare in molti modi diversi … sia come una maschera antigas, con cui stanno cercando di equipaggiare intere popolazioni; sia come una maschera per lo sport e le alte velocità, vista su ogni pilota da corsa; sia come maschera di protezione per i luoghi di lavoro esposti a radiazioni, esplosioni o sostanze stupefacenti “.

 

“Possiamo presumere”, prosegue con inquietante preveggenza, “che la maschera arriverà ad assumere funzioni che oggi difficilmente possiamo immaginare”.

Data l’improvvisa ubiquità della maschera facciale nel 2020, in tutto il mondo e in un numero crescente di contesti sociali, è impossibile evitare la conclusione che questo sia esattamente il tipo di sviluppo che Jünger aveva in mente.

 

La nostra disponibilità a oscurare il volto riflette le tendenze disumanizzanti che, per Jünger, sono alla base del periodo moderno.

 

Rappresenta un’altra tappa del degrado dell’individuo che si è esplicitato nella prima guerra mondiale.

Che si tratti di un frammento di materiale sul campo di battaglia o di un ingranaggio della macchina dell’economia di guerra, l’età moderna ha l’abitudine di ridurre l’essere umano a un oggetto funzionale.

 

Tutto ciò che è “non essenziale” – tutto ciò che ci rende umani – viene allegramente scartato.

La domanda per noi è cosa significhi assomigliare a una tale visione distopica.

Siamo felici di razionalizzare le trasformazioni della nostra vita quotidiana o siamo preoccupati dalla vicinanza del mondo di oggi con alcuni dei più basilari tropi distopici?

Che si tratti della richiesta di isolamento sociale, di una perpetua “vigilanza” o di maschere facciali obbligatorie, le misure degli ultimi sei mesi rappresentano più di un assalto alla libertà.

 

Ci impongono implicitamente di

sacrificare la nostra umanità per “salvare” le nostre vite. ..

Anche se questo Rubicone non è stato ancora superato, vale la pena pensare al punto in cui si trova. Perché forse c’è di più nella vita della sua mera continuazione.

 

Forse “l’oggetto”, come ben sapeva Winston Smith,

“non è restare vivi ma restare umani” …

Fonte:  https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

Quando smetteremo di muovere la nostra “Linea nella sabbia” e staremo come INDIVIDUI LIBERI?

Allora, chi vuoi essere?

E’ una questione d’età, non è vero? E non in “Che cosa vuoi essere quando sarai grande?” Un modo, che ha il solo requisito di diventare come qualcun altro come un indicatore per essere ‘cresciuto’ (posso essere come un pompiere, amministratore delegato, metalmeccanico, scienziato … ma soprattutto, un contribuente). Finché sembri “curare” te stesso, seguire le regole ed essere un membro produttivo della società, è più facile credere nel “normale” poiché sembra che ci siano “ricompense” per andare avanti.

Ma in chi ti trasformi? Cosa sacrifichi? Cosa sei disposto a regalare? I resti di ciò che “avremmo potuto essere” non sono che un lontano ricordo (fantasia); persi tra le proiezioni ad alta definizione che ci hanno aiutato a guidarci, al punto che ora affrontiamo la (maschera).

 

Allora chi vuoi essere? Ebbene, forse dovremmo definire in primis chi “noi” siamo diventati. È sicuramente facile in questi giorni inventare elenchi di cose da sottolineare sulla mia specie che porterebbero a una visione “negativa”, ma ti risparmierò questa volta e ti farò notare semplicemente che ci sono molti articoli precedenti che, potresti trovare, elabora il mio punto.

 

Che cosa siamo diventati se non xenofobi che vivono nella paura della nostra morte fino al punto di non vivere; disgusto di sé al punto da accettare la nostra stessa distruzione? Persone così spaventate da “distinguersi” che vanno avanti, a vivere nell’ombra, anche quando poi sentono che non è giusto. Troppa paura per parlare, per non offendere ed essere giudicato “uno di quelli”. Cosa ci rende tali? Stiamo semplicemente mentendo ipocritamente? Siamo la definizione della codardia, minacciata principalmente da ciò che noi percepiamo e, che gli altri percepiscono di noi?

 

Creiamo continuamente i nostri “demoni” da temere per sentire qualcosa che possa somigliare alla “vita”? Afferriamo qualche ‘emozione’ nel nostro mondo inattivo per sentirci vivi? Seguiremo ciecamente qualsiasi “autorità” semplicemente per sentirci parte di qualcosa; o, nulla? Guardati intorno dove siamo oggi e dimmi che la nostra mentalità mondiale non si è attenuata dalla vita. Guarda negli occhi i tuoi simili mascherati e dimmi che non sono sconfitti nella loro stessa anima. Dov’è la VITA, LA GIOIA, L’AMORE e la FORTITUDINE della mia specie?

 

Credo che una parte della causa di quella sconfitta possa essere attribuita all’incapacità di definire se stessi onestamente. La costante fiducia nelle “protezioni” esterne piuttosto che nell’autoriflessione e nel miglioramento, ha reso semplice per le “soluzioni” offerte trovare un’ampia “accettazione” insieme all'”appartenenza” e all’apatia.

 

Le paure “presentate” sono semplicemente “definizioni” di ciò che si accetterà della loro ignoranza. “Lotta o Fuggi” non riguarda solo il suo significato letterale, in questo caso può rappresentare la pigrizia apatica della mente che “blocca” le basi della domanda e quindi della conoscenza.

 

Ho detto la scorsa settimana in una discussione:

 

L’intelligenza inizia con la semplicità delle domande.
Peccato che la maggior parte creda di aver semplicemente bisogno di “risposte”.

 

Alla ricerca di quelle risposte esterne, si continua semplicemente a inseguire le storie di altri che producono “nomi” e “azioni” ma non rivelano il come e il perché della questione; perché quelle sono “scelte” fatte lungo la strada. Che tipo di “persone” hanno fatto le scelte che ci hanno messo nella “situazione” che ci coinvolge tutti in questo momento? Non importa dove ti trovi nel mondo, sei “coinvolto” in questa “operazione” globale su una scala o sull’altra; volontariamente o con la forza. Ci sono “Giocatori” e “Pedine”; indovina quale siamo.

 

Senza un’onesta “definizione” (attenta a non vincolare) del ME, come posso sapere che potere “io” ho? Gli io del mondo sono quelli che conoscono il potere e l’equilibrio del “ME” e del “NOI”; comprendono anche il potere del “NO”. “No! Non vivremo così” detto all’unisono è tutto ciò che ci vorrebbe per cambiare il ‘corso’ del nostro attuale ‘destino’.

 

L’Io sa di non essere frivolo, sfrenato o infantile con i loro no. Sanno la necessità di comprendere la base e la moralità del loro no e non la basano sull’egoismo, ma piuttosto sulla fortezza.

 

Fortezza – forza d’animo che consente a una persona di affrontare il pericolo o sopportare il dolore o le avversità con coraggio – Merriam-Webster

 

Si può considerare che nel “teatro” odierno di oggi si può vedere il contrario. La breve durata dell’attenzione, che è stata sviluppata, nel corso della vita, per non essere mai soddisfatta e quindi facilmente “adescata” in comportamenti e schemi di pensiero incentrati su desideri e desideri. Questo può lasciare che non si sia mai soddisfatti di ciò che si “sa”, il che può portare a rincorrere molte storie così come la più facile “accettazione” di “nuove norme”. Per sempre ‘distratto’ dall’acquisizione di vera conoscenza.

 

Il “Grande Risveglio” e i “Media alternativi” sono ottimi esempi di distrazioni per il “pensatore”. Perché si può stare al passo con i desideri programmati che alimentano la breve capacità di attenzione; quali sono le novità, le ultime novità, le tendenze, i virali? Finché riescono a convincersi della “differenza” di “informazione”, possono sentirsi “elevati” al di sopra della programmazione delle masse.

 

Tanti sono rimasti in diversi stadi di “risveglio”. Vedere oltre il paradigma ‘speculare’ che l”alt’ ha da offrire ma sparsi in tutto il mondo in diversi stadi di angoscia, povertà, solitudine e salute mentre si cerca di mantenere un decoro di ‘stabilità’ per pensare abbastanza chiaramente da provare e vedere cosa giace oltre le montagne delle distrazioni (drammi).Sembra che ci siano molte cose per cui COMBATTERE.

 

Non puoi combattere il nemico esterno perché perderai. Il nemico esterno viene semplicemente presentato perché uno possa vedere se stesso, vedere cosa ha permesso di diventare e liberarsi volontariamente e condurre se stesso ad essere esseri liberi; per diventare il tuo “eroe” come comunità di individui.

 

La “scelta” è sempre stata nostra. Ogni giorno che passa ormai, è un altro chiodo nella bara dell’umanità. Quando grideremo “NO” all’unisono e ci rifiuteremo di essere “governati” nell’oblio? Quando smetteremo di muovere la nostra “Linea nella sabbia” e staremo come INDIVIDUI LIBERI?

 

Postato da SylvainLamoureux

 

®wld

Ricordare che: Ogni fine è un nuovo inizio e con ogni fallimento nasce una nuova conoscenza

Zoroastrismo – La divinità e la “lotta tra il bene e il male”

di Lydia Serrant dal sito web ClassicalWisdom

Lo zoroastrismo è una delle religioni più antiche del mondo, il cui numero è in declino.

Altrimenti noto come Mazadayasna da coloro che lo seguono, le radici dello zoroastrismo risalgono al secondo millennio a.C. e sono state la religione di stato della Persia e di altri imperi iraniani per più di un millennio.

Le origini dello zoroastrismo


La religione prende il nome dal suo fondatore, Zoroastro (o Zarathushtra) che visse nell’antico Iran (la data esatta è attualmente contestata).

Nato sotto una religione politeista, Zoroastro ricevette una visione di Vohu Manah (approssimativamente inteso come il Dio del Bene ) che lo portò in viaggio verso l’Amesha Spenta, una coorte di entità divine e il Signore dell’Essere e della Saggezza noto come Ahura Mazda – la più alta divinità dello zoroastrismo.


E così è nato lo zoroastrismo …

Zoroastro condannò l’adorazione di molteplici divinità, aprì politicamente il cuneo tra iraniani e ariani indiani nell’antico Iran e storicamente introdusse nel mondo una delle prime fedi monoteiste.

La nascita del bene e del male


Dallo Zoroastrismo, il concetto di un Dio singolare si fece strada nelle Tre Grandi Religioni:

  • cristianesimo

  • Giudaismo

  • Islam

E mentre lo Zoroastrismo faceva del suo meglio per diffondere il concetto di un Dio singolare del Bene e della Saggezza in tutta la civiltà primitiva, un altro concetto si diffuse con esso:

Il male…

Jacob Wrestling with the Angel, Alexandre-Louis Leloir, 1865.

Sebbene non siano adorati dalle principali religioni, il Male e gli spiriti che rappresentano il Male erano certamente considerati come divinità nello Zoroastrismo e sono ancora oggi nelle Tre Grandi religioni sotto forma di,

  • Demoni

  • Jinns

  • Dybukks

Come nelle principali religioni odierne, lo zoroastrismo si occupa principalmente della battaglia tra il Bene e il Male, per cui gli spiriti e le forze di entrambe le parti fanno del loro meglio per influenzare l’umanità e manifestarsi nel mondo materiale attraverso le azioni degli esseri mortali.

Il male e il concetto che l’accompagna di tentazione , svolgono un ruolo vitale nella morte e nella formazione dell’Aldilà.


La battaglia tra il bene e il male porta alla luce che la maggior parte delle fedi monoteiste sono religioni della dualità.

L’influenza del monoteismo dualistico è evidente nello sviluppo del Paradiso e dell’Inferno, dove risiedono gli Dei della Luce e dell’Oscurità, che si immischiano nelle vite degli uomini finché tutto non è distrutto nei giorni del Giudizio Finale.

L’aldilà e l’evoluzione del paradiso

Ci sono alcune prove che suggeriscono che questi temi si siano fatti strada nel giudaismo e nelle religioni successive che derivano dagli insegnamenti giudaici, dopo la liberazione degli ebrei dall’imperatore persiano Ciro il Grande .

Poco dopo e durante questo periodo emersero divinità come Belzebù , una figura che in seguito divenne Satana del cristianesimo e Sheytan dell’Islam.


Dopo la conquista persiana dei territori greci, anche la filosofia greca iniziò ad adottare alcune caratteristiche del pensiero zoroastriano.

Fino all’influenza persiana, i greci credevano che gli esseri umani fossero semplicemente marionette degli dei e che il corso della propria vita fosse scandito dagli dei del destino.

Dopo che lo zoroastrismo persiano raggiunse le loro coste, i greci iniziarono a parlare del potere dell’individuo e di come le scelte che facciamo nella vita abbiano avuto un impatto sulla qualità della nostra morte .

Guide alate


Gli dei del bene e del male spesso si affidano agli agenti per interagire con l’umanità per eseguire i loro ordini.

Quando viene chiesto di pensare a un agente degli dei, spesso vengono in mente immagini di angeli piumati o demoni con ali simili a pipistrelli .

Ma,

Da dove vengono queste immagini?

Qual è il legame tra volo e divinità?

Peri Banu e Price Ahmed, Edmund Dulac 1882


Peri, (o Pari) sono belle donne ajlate della mitologia persiana.

Potrebbero essere paragonati agli angeli del cristianesimo, tranne che per la loro origine.

Inizialmente vietato entrare in paradiso fino a quando non è stata pagata la giusta penitenza, i Peri rappresentano gli spiriti che vagano tra i mondi.

Mentre inizialmente venivano descritti come spiriti del male, una volta introdotti nell’Islam e incorporati nella mitologia turca e armena, Peri divenne spiriti benevoli che si opposero a Jinn , Div e altri spiriti delle tenebre.


Da lì in poi, Peri è diventata la guida dell’umanità.

I testi religiosi parlano di Peri sia in termini psicologici che fisici, descrivendo casi di esseri umani rapiti da Peri per partecipare a eventi sociali divini, o Peri che appare nei sogni per trasmettere messaggi importanti.

Anche il matrimonio era ritenuto possibile tra umani e Peri.

In una leggenda, si crede che la regina di Saba sia il prodotto di tale unione.

Tuttavia, a causa dell’oscurità naturale che risiede in tutti gli uomini, è scritto che il rapporto tra Peri e l’Umanità è destinato a fallire.


Le immagini di ibridi umani e uccelli, o uccelli simpatici per l’uomo, non sono affatto rare nella mitologia antica.


Un ulteriore esempio è Simurgh, un antico uccello del folclore persiano, moderno iraniano e curdo che si diffuse in gran parte dell’Impero Romano d’Oriente con i persiani.

Il volo di Simurgh c.1590 Collezione Sadruddin Aga Khan

Simurgh è spesso raffigurato come un uccello con la testa di un uomo o di un leone, tuttavia, l’uccello è considerato una dea, figura materna e guaritrice.

Simile al Peri, è una messaggera che viaggia tra il cielo e la terra, offrendo la guida divina a coloro che hanno la fortuna di intravedere sua maestà.


È noto che Simurgh adotta uomini umani e, considerando il suo ruolo di Grande Madre, non ci sono rapporti sul fatto che abbia dato alla luce qualcosa di diverso da se stessa.

Simurgh è il precursore della Fenice, un uccello di fuoco che rinasce dalle sue ceneri.

È la somma di tutta la conoscenza, avendo visto molte volte la distruzione e la rinascita del mondo.

Altre interpretazioni di Spirits of Paradise compaiono nei successivi testi islamici sotto forma di Houri, belle donne che accompagnano i morti nell’aldilà.

Gli Houri ricordano anche le Valchirie, antichi spiriti norreni descritti come belle donne che accompagnano coloro che sono morti in battaglia nel Valhalla.

Le Valchirie sono raffigurate con le ali o in groppa a cavalli alati.

Sebbene Houri non abbia le ali, alla morte uno spirito umano riceve un Houri come ricompensa per ogni giorno di digiuno o per una buona azione compiuta nella vita.

Con l’Houri, vediamo l’evoluzione del dare ricompense e la promessa che le azioni compiute nella vita saranno ricompensate – o punite – nell’aldilà e che la buona fortuna è un dono del cielo.

L’Huma, un uccello divino della mitologia Sufi e Diwan e “Uccello del paradiso” nella leggenda ottomana, elargisce doni a coloro che sono ritenuti degni e può predire o conferire la regalità.

Questo è forse un primo esempio della fede nel diritto divino dei re

Particolare del mosaico dell’uccello Huma alla Madrasa Nadir Divan-begi a Bukhara, Uzbekistan Preso da RK

.

L’Huma è androgino, con attributi sia maschili che femminili.

Ancora una volta, il filo conduttore della dualità riemerge, e ci viene presentata una creatura simbolica che incarna armonie maschili e femminili che si riproducono da sole, rappresentando ulteriormente il ciclo della rinascita.


Le rappresentazioni di ibridi di uccelli e umani sono simboliche delle forze del bene e del male e di altre dualità in natura, che per ogni azione c’è una reazione e questo processo è un elemento essenziale della creazione stessa.

Questo, credo, è il messaggio dello zoroastrismo e delle religioni che lo hanno seguito.

Le ali degli Angeli, Peri e altre creature alate rappresentano il Volo dell’Anima , la Soppressione dello Spirito e la Mente Umana , in contrasto con il mondo fisico, il materialismo e la natura, rappresentati dalle caratteristiche umane, dalle simpatie e dalle unioni .

La simbologia parla di uno spirito umano che non nasce buono o cattivo, ma è modellato dalle scelte che fa nel corso di una vita (o molte vite, secondo i buddisti).

L’Huma, Phoenix, e Simurgh non solo rappresentano il ciclo della vita e della morte, ma anche la dualità del maschile e energie femminili.

La natura non può esistere senza questi elementi riproduttivi …

Pertanto, gli uccelli del paradiso sono il collegamento tra la vita e la morte e servono a ricordare che ogni fine è un nuovo inizio e con ogni fallimento nasce una nuova conoscenza.

Questi sono archetipi vecchi come il tempo …

Le rappresentazioni zoroastriane di creature simili a uccelli si sono sviluppate per fare appello alla natura interiore dell’umanità.

La scelta personale è centrale nel testo zoroastriano, poiché uno deve guadagnarsi il proprio posto in paradiso e la responsabilità personale per le proprie azioni non potrebbe esistere senza un concetto di base di libero arbitrio.

Lo zoroastrismo riconosceva che sia il Bene che il Male sono centrali per la natura umana, e ora, come allora,

siamo vulnerabili a forze esterne che ci sfidano a scegliere tra i due

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

************************************

Consigliato: Shahmaran – La regina dei serpenti

®wld

Ahi serva Italia, di dolore ostello, Nave sanza nocchiere in gran tempesta, Non donna di provincie, ma bordello

Il conte Ugolino fra Dante e Pascoli | Tarantobuonasera

MUOVASI LA CAPRAIA E LA GORGOGNA…

 

Di: Dottor Roberto Slaviero 05.09.20

Nel 33.o canto, il penultimo, dell’Inferno, nella Divina Commedia del sublime Dante Alighieri, si narra di un episodio terribile, accaduto tra il Ghibellino Conte Ugolino ed il Guelfo Arcivescovo Ruggieri.

Siamo nell’Antenora infernale, la zona dei TRADITORI POLITICI, che hanno tradito la Patria o la fazione politica.

I Ghibellini parteggiavano per l’Imperatore, mentre i Guelfi, parteggiavano per il Papa.

Tra accordi e tradimenti vari, alla fine l’Arciv. Ruggieri, riuscì a far arrestare il Conte Ugolino ed altri suoi familiari che, rinchiusi in una torre, vennero fatti morire di fame, tra probabili atti di cannabilismo: un atrocità spaventosa.

Nell’Inferno Dantesco, il Conte Ugolino mastica di continuo il cranio dell’Arciv. Ruggieri, per l’eternità…

”la bocca sollevò dal fiero pasto“… il Conte, per poter proferire parola con Dante ed il suo Maestro Virgilio, nel loro viaggio infernale.

Alla fine del racconto,

il fiorentino Dante, scrisse uno dei pezzi più famosi della Commedia, contro Pisa, la città del Ruggieri:

“Ahi Pisa,vituperio delle genti del bel paese, là dove‘l si sona,

Poi che i vicini a te punir son lenti,

Muovasi la Capraia e la Gorgogna,

E faccian siepe ad Arno in su la foce, Si ch’elli annieghi in te ogni persona“

Piccola spiegazione :

– dove il si sona, è l’Italia

– la Capraia e la Gorgogna (o Gorgona) sono due isole, che si trovano davanti alla foce del fiume Arno, le quali, muovendosi e bloccando la foce, avrebbero potuto creare un immensa diga all’interno, che avrebbe annegato tutti i pisani!

Dante era un Ghibellino…

Usciti poi dal 34.mo canto…

“Vexilla regis prodeunt inferni“

ossia

“I vessilli del re dell’inferno emergono…”

Siamo nell’ultimo canto, dove Dante vedrà Lucifero con le sue grandi ali…nella Giudecca congelata!

Lucifero ha tre facce in una sola testa…siamo appunto nella Giudecca, dove ci sono i peggior peccatori,

ovvero  i

TRADITORI DEI  BENEFATTORI.

Le sue tre bocche, maciullano e sfracellano i Tre grandi Traditori;

  • – Giuda Iscariota
  • – Bruto
  • – Cassio

Tu quoque, Bruti, fili mi…

ossia

Anche tu Bruto, figlio mio…

Parole di Cesare, che riconobbe anche il figlio Marco Bruto, tra i suoi uccisori, il 15 marzo dell 44 a.C, le Idi di Marzo.

L’Iscariota, credo sappiate tutti chi fu!

La pena assegnata a Lucifero, Angelo decaduto, è quella di soffrire e far soffrire!

Virgilio, preso allora Dante sulle sue spalle, scende sopra il corpo peloso di Lucifero; quindi arrivato al centro della Terra, risale verso l’altro emisfero (Australe), vedendo il corpo di Lucifero, che è infilato al centro della Terra, dalla parte opposta, con le gambe all’aria.

Dante temeva di risalire all’Inferno, ma Virgilio lo rassicurò spiegandogli che stavano dirigendosi all’antipodo  opposto …

Nel Medioevo, vi era la concezione Aristotelica -Tolemaica, con la Terra immobile, al centro dell’Universo.

Al Nord della Terra vi era l’emisfero boreale, con le terre abitate, al Sud vi era l’emisfero Australe, con le acque ed una montagna, che costituiva il Purgatorio…

infatti l’Inferno si conclude con

“E quindi uscimmo a riveder le stelle“

Menti immaginative spettacolari…o viaggiatori astrali…

Emilio Salgari, non viaggiò mai in Malesia, ma scrisse romanzi incredibili su Sandokan e le Tigri di Mompracem.

L’immaginazione e l’intuizione, sono probabilmente, la vera realtà.

“Lascia lente le briglie del tuo ippogrifo, Astolfo, e sfrena il tuo volo ove più ferve l’opera dell’uomo.

Però non ingannarmi con false immagini, ma lascia che io veda la verità e possa poi…toccare il giusto“

Banco del Mutuo Soccorso

http://www.treccani.it/vocabolario/fervere/

Ho voluto citare i traditori della patria e dei benefattori, poiché siamo dentro ad un Reset colossale mondiale, voluto ed organizzato dai riccastri planetari, nel quale l’Italia o parti della penisola, giocano e giocheranno ruoli importanti, nello scacchiere mondiale.

Con oltre il 95% della popolazione in crisi di ossigeno e quindi non in grado di ragionare, saremo campo di battaglia di altre nazioni, che vorranno spartirsi la penisola.

Tra l’altro, abbiamo una gestione sulla scuola, tra massime idiozie di banchi, separè e maschere, che solo degli stolti imbecilli, potevano inventare.

Lasciamo perdere i danni psicologici, che i bambini avranno, nel vedere le maestre mascherate;

vedere solo gli occhi e non vedere l’espressione del parlare, ricorda situazioni di orrore e sado-maso!

Andrebbero processati immediatamente questi pervertiti!

Pare, che sempre in ambito scolastico, qualcuno voglia eliminare dagli studi, il caro Alighieri: alla nullità di pensiero e ai danni che idioti al potere possano creare, non c’è mai fine!

Mi par, comunque di capire che, il Conte, non Ugolino, ma Giuseppe, sia ormai arrivato alla fine del suo mandato:

ha fatto il lavoro sporco per le Elite, che congedandolo a breve, gli daranno comunque altri incarichi di valore.

L’Italia, è sempre più indebitata ed indebolita e quindi sarà facile darle il colpo finale.

I primi traditori della patria, dovrete ricercarli verso la fine degli anni 80, quando la moneta “al portatore,“ venne di fatto sostituita e poi integrata nella moneta Euro, di proprietà privata.

Il resto è facile da intuire;

Mani pulite aveva spazzato via tutti i partiti a parte l’ex Pci , che nel frattempo aveva cambiato il nome…

Il prode Cavaliere, oggi tamponato positivo, sebbene asintomatico, tentò di ripristinare un partito socialdemocratico, ma fu facilmente ricattabile per le sue ingenti attività imprenditoriali e pare, per una sua adesione ad una loggia massonica e quindi…promesse da marinaio.

Oggi comandano sempre più le potenti logge massoniche, la Silicon Valley e Cina technology, con le loro realtà virtuali ed Intel. Artificiali, in procinto di essere collegate agli umani, in fase di cippaggio, come accadde pochi anni fa, ai cani.

Vi è una grossa incognita, nella politica italiana, che si chiama Usa Trump e Spy Russia story: vedremo che accadrà.

Se ci capita, dopo il Conte, il potente Dragone super Mario, forse l’Italia non sarà svenduta a prezzi di saldo, ma venduta a prezzi di mercato, per cosi dire.

L’ex Governatore della BCE, mi pare stia dicendo, che la ripresa economica, sarà strettamente legata a tamponature a manetta della popolazione e vaccinazioni a largo spettro.

Non riesco a cogliere il nesso tra economia e vaccinazioni, se non quella appunto, del cippaggio canino.

Infatti, nel frattempo il Ministro della Salute, annuncia aumenti nel numero di ricerca sierologica sulla popolazione, di sieropositività al corona.

L’ingente spesa pubblica dei kit di ricerca, avrebbe una sua logica dal punto di vista storico, ovvero; stabiliamo quante persone nell’inverno trascorso, sono venuti a contatto col corona ed hanno sviluppato gli anticorpi.

Sieropositività vuol dire questo e null’altro!

Dietro a ciò vi sono anche affari enormi, per kit che costano anche 300 euro/uno, con scarsa affidabilità.

Chi si ricorda i tempi dell’Aids, negli anni 80, troverà gli stessi accadimenti e stesse metodiche.

Ahh…e il vaccino per l‘Aids…? Dov‘è?… ah ah ah

Vedo che ogni giorno che passa, spostano la data del nuovo vaccino anti corona, sempre più in là; ieri parlavano…non prima della primavera 2021.

Io, come già detto in precedenti articoli, parteggio per quello russo, spero a base di vodka!

Sarà importante vedere, in questo tumulto di follia pseudo scientifica, come la ex Chiesa Cattolica Romana si muoverà…

Resta poi, l’incognita di un bel meteorite e di forti terremoti e cicloni devastanti.

Il Cielo aiuta gli audaci, quindi niente paura, armatevi di buon senso e forza morale e avanti senza alcun timore…in fondo, anche ai tempi del Conte Ugolino, le dispute tra potenti e signorotti avevano esiti letali.

Oggi le eliminazioni fisiche sono più soft e spesso non servono più; le persone vengono ridicolarizzate e messe nel dimenticatoio.

Tornando all’Italia, già descritta dall’Alighieri 8 secoli fa, penso abbiate saputo che;

pare che i turchi ottomani guidati da Erdogan, abbiano fatto un contratto di 99 anni con la Libia cirenaica di Misurata, per il controllo del loro porto. Petrolio libico?

Cosa sta facendo il nostro super abbronzato ministro degli esteri Gigino?

“Ahi serva Italia, di dolore ostello, Nave sanza nocchiere in gran tempesta, Non donna di provincie, ma bordello“

XI canto Purgatorio

Neanche l’Eni riesce più a difendere la nostra economia.

E’ chiaro quindi, che il Gabinetto, per dirla all’inglese, del nostro governo, è teleguidato da altri!

Peccato sia miseramente fallito, il tentativo di creare una società abbastanza equilibrata, senza eccessi di ricchezza e povertà…cosa che, negli anni 80 parzialmente si realizzò; poi incominciò la lenta discesa per i “normali” e la potente ascesa dei “forti“ , con l’eliminazione dei vecchi Stati, che sono divenuti strumenti esecutivi di svariate multinazionali.

Tornando agli eventi dell’inverno passato, in Tanzania, il loro Presidente ha fatto analizzare per il corona, diversi tessuti vitali, spacciati tutti per umani; erano POSITIVI quelli di capra e di papaya

 https://www.youtube.com/watch?v=KHpn7zRX1Jc&feature=youtu.be

Viene accusato di essere un dittatore:

Il paese ha modificato le leggi che disciplinano l’aggiudicazione dei contratti minerari, dando a se stesso il diritto di rinegoziare o risolvere il contratto in caso di frode accertata.

La nuova legislazione elimina anche il diritto delle società minerarie di ricorrere all’arbitrato internazionale.

https://it.wikipedia.org/wiki/John_Magufuli

Per fortuna che il Berlusca è un POSITIVO asintomatico…non capra, ma umano!

La Telenovela continua e seguiremo il suo svolgimento!

In ultimo, la citazione su Pisa ed i pisani è assolutamente casuale.

Tra l’altro: due miei grandi amiconi del Liceo scientifico, erano un pisano ed un aretino casentinese.

Saluti a tutti e … attenti al corona: nel mio piccolo paese, ho visto stamani sul video informativo all’ingresso del centro, una scritta in bilingue:

“il corona non dorme mai!”

Fantastico…chissà cosa usa di cosi tonificante: spero di scoprirlo presto!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld