Crea sito

Chiesa cattolica – Alieni & Teorie Teologiche

  

Cosa succederebbe alla religione cattolica se annunciano l’esistenza della vita aliena? Credito: Narvii.com / Walkerssk / Pixabay. Edizione: Erick Nielssen.  

Cosa accadrebbe alla “religione cattolica” se annunciassero l’esistenza della vita aliena? 

di Erick Nielssen Wonder 07 aprile 2020 dal sito web CodigoOculto

Un ipotetico annuncio dell’esistenza della vita extraterrestre … Potrebbe cambiare la dottrina cattolica su Dio e sulla creazione? Il sacerdote e l’astronomo gesuita esprime la sua opinione.

Il direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, José Gabriel Funes, ha affermato che la fede cattolica non cambierebbe se gli scienziati venissero ad annunciare l’esistenza della vita extraterrestre.

Questo prete e astronomo crede che Yahweh, il dio giudaico-cristiano, potrebbe aver creato forme di vita aliene su esopianeti. Ciò implicherebbe che Dio potrebbe essere in relazione con loro proprio ora. Gli astronomi hanno scoperto molti esopianeti considerati probabilmente abitabili e simili alla Terra.

Un esempio recente è il pianeta GJ 1061D situato a 12 anni luce dal nostro pianeta. È simile alla Terra …

Vita extraterrestre e Chiesa cattolica: teorie teologiche

 

Civiltà extraterrestretecnologia extraterrestreCredito: tombud / Pixabay

Un altro esempio è la scoperta del 2017, quando la NASA ha annunciato la presenza di un sistema planetario extrasolare (al di fuori del Sistema Solare).  

La NASA ha affermato che tre di questi esopianeti si trovano in aree abitabili con caratteristiche di supporto vitale (come gli oceani di acqua).

Questi mondi alieni con un potenziale di sviluppo della vita hanno ispirato nella mente degli studiosi e del pubblico la questione di come la scoperta della vita su altri pianeti influenzerebbe le religioni, in particolare il cristianesimo e la Chiesa cattolica 

 

Cattedrale di San Pietro, Roma. Credito: papannon / Pixabay 

Il prete e astronomo gesuita José Gabriel Funes, ex direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, ritiene che la vita extraterrestre non cambierebbe ciò che la Bibbia dice riguardo al dio giudeo-cristiano. 

Il gesuita disse in una dichiarazione:  

“I cattolici non hanno bisogno di cambiare la nostra visione dell’universo (…) Dio, nella sua libertà, avrebbe potuto creare altre creature che sono anche intelligenti e potrebbero far parte della creazione”.  

“Dio” potrebbe essere in relazione con gli alieni 

Secondo il pensiero di Padre Funes, Dio potrebbe aver creato e persino messo in comunicazione o in relazione con questi ipotetici alieni intelligenti. 

Tuttavia, forse “Gesù Cristo” non avrebbe predicato dove lo hanno fatto.

 

Per gentile concessione: jasonstadlander.com

Da parte sua, il teologo Vesa Nissinen dell’Università di Helsinki in Finlandia crede,  

Secondo gli ebrei, cristiani e il Vaticano, gli esseri umani sono le scelte persone di ‘Dio’ e per questo, sono loro che avrebbero dovuto predicare su Yahweh ad altre civiltà provenienti da altri pianeti. 

L’altra opzione dice che questo dio avrebbe potuto stabilire diversi tipi di salvezza per diverse civiltà.  

Va anche notato che Papa Francesco ha affermato che se alcuni alieni dovessero sbarcare sul nostro pianeta, la Chiesa cattolica non li respingerebbe e li inviterebbe a conoscere la sua dottrina.   

Come possiamo vedere, un annuncio sulla presenza della vita extraterrestre non sembra molto problematico per una parte dei teologi cattolici.  

Tuttavia, Vesa Nissinen ritiene che, dato il fatto che questi alieni portano le loro “credenze religiose”, ciò potrebbe cambiare o “minacciare” la Chiesa cattolica 

Riferimenti 

Sopra i sogni

Sveglia Gente

 

So che sei la fuori, ora posso sentirti, so che lo sai, hai paura del cambiamento, non conosco il futuro, non lo conoscevo, vieni qui che ti dirò come andrà a finire.

Sono venuto qui per dirti cosa sta per iniziare, riattaccherò questo telefono e poi mostrerò questo alle persone che non vuoi che vedano, mostrerò loro un mondo senza regole e controlli. Senza frontiere e confini, un mondo dove tutto è possibile, da dove stiamo andando c’è una scelta che ti lascio.

61° compleanno di Israel Kamakawiwoʻole

Da qualche parte oltre l’arcobaleno, molto, molto in alto, ci sono i sogni che hai fatto una volta in una ninna nanna.

Da qualche parte oltre l’arcobaleno gli uccelli azzurri volano sopra i sogni che hai fatto, i sogni diventano davvero realtà.

Un giorno affiderò il destino a una stella, voglio distrarmi con le nubi ormai alle spalle dove i problemi si dissolvono come gocce di limone, ben più in alto dei comignoli, è li che mi troverai.

Da qualche parte oltre l’arcobaleno gli uccelli azzurri volano sopra i sogni che osi fare.

Perché? Perché non posso?

®wld

La Fragilità della Democrazia può portare alla Dittatura e al Regno del Terrore

 

Dipinto del XIX secolo di Philipp Foltz raffigurante il politico ateniese Pericle che consegna la sua famosa orazione funebre di fronte all’Assemblea. Wikipedia

 

La fragilità della democrazia – Atene e i tremta tiranni

 

by Edward Whelan May 08, 2020 from ClassicalWisdom Website 

 

Atene è tradizionalmente vista come la culla della democrazia … 

 

Tuttavia, come sappiamo, le democrazie sono vulnerabili alle forze antidemocratiche, come il populismo e i movimenti autoritari. Questo è stato anche il caso di Atene.  

 

Per circa otto mesi (404-403 a.C.) la città fu controllata da un’oligarchia filo-spartana nota come i “Trenta tiranni“.

 

Questi autocrati hanno scatenato un’ondata di terrore e Atene è stata intrisa di sangue durante il loro tempo al governo. 

 

La guerra del Peloponneso 

 

Dopo la sconfitta dei persiani, il mondo greco fu dominato dagli spartani, dai loro alleati e ateniesi. 

 

Tuttavia, nel 431 a.C., la seconda guerra del Peloponneso scoppiò tra le due più potenti città-stato. Questo è stato un conflitto lungo e brutale. 

 

Dopo la disastrosa sconfitta ateniese in Sicilia, il governo democratico fu brevemente rovesciato e sostituito da un’oligarchia.

 

Gli ateniesi furono sconfitti nella battaglia navale di Aegospotami (405 a.C.) e ciò garantì effettivamente la vittoria di Sparta nella guerra. L’oligarchia che era stata al potere ad Atene fu screditata e presto rimossa dal governo.

Lysander fuori dalle mura di Atene. Litografia del XIX secolo. 

 
La pace spartana
 
Gli spartani circondarono Atene e chiesero che le sue “lunghe mura” o le sue mura difensive fossero abbattute intorno alla città e al suo porto, il Pireo.
 
Il re Lisandro dettò i termini di pace agli ateniesi che erano quasi totalmente indifesi. Gli spartani non volevano un ritorno della democrazia che disprezzavano.  
 
Sostennero gli ateniesi che erano solidali con Sparta e che credevano nel governo da un’élite. Con il sostegno degli spartani, controllavano la città.  
 
I leader più famosi dei cosiddetti Trenta Tiranni erano Theramenes e Critias ed erano filo-spartani e odiavano la democrazia e i democratici.
 
Hanno immediatamente spogliato i comuni cittadini dei diritti politici e governato con un’assemblea di sostenitori accuratamente selezionata.
 
Dal Pnyx di Atene, una piattaforma tradizionalmente utilizzata dagli oratori, i tiranni annunciarono una serie di misure che ponevano fine alla democrazia in città. Hanno governato con l’aiuto di un presidio spartano e hanno costretto tutti i cittadini a consegnare le loro armi.
 
Solo 3000 sostenitori dei tiranni avevano il diritto di portare le armi.
 

The Pnyx (a destra), si trova di fronte l’Acropoli (a sinistra) 

Regno del terrore 
 
I tiranni oi “sorveglianti”, come piaceva essere conosciuti, temevano i loro concittadini, molti dei quali li consideravano traditori. 
 
Chiunque fosse considerato un democratico o potenzialmente in grado di opporsi al proprio governo è stato giustiziato dopo un processo per spettacolo. Innumerevoli uomini ateniesi innocenti venivano spesso giustiziati per essere stati costretti a bere la cicuta del veleno. 
 
I Trenta Tiranni dovevano anche fornire paghe e cibo alla guarnigione spartana. Questo è stato in un momento in cui Atene era sull’orlo della carestia e ha provocato grandi sofferenze. 
 
Gli oligarchi, per ottenere il sostegno popolare, hanno cercato di coinvolgere i comuni cittadini nei loro crimini. 
 
Ad esempio, a Socrate fu chiesto con altri di portare a morte un innocente. Il filosofo ha coraggiosamente rifiutato e quasi fuggito con la sua vita. 
 
Atene era in bancarotta a causa della guerra e i “Trenta tiranni” avevano bisogno di soldi per rimanere al potere e per soddisfare le richieste spartane. Critia, che era il più crudele di tutti i tiranni, decise di uccidere ricchi ateniesi e residenti stranieri e sequestrare i loro oggetti di valore e proprietà. 
 
Ciò fu resistito da Thermanes, ma Critias lo fece eseguire. Era un uomo molto complesso, un poeta e un uomo colto che è un personaggio nel dialogo platonico che porta il suo nome. 
 
Era anche molto crudele e sembrava godere di spargimenti di sangue.
 

Critia, uno dei trenta tiranni, ordinando l’esecuzione di Theramenes, un membro dell’oligarchia che governò Atene nel 404-403 a.C. Prisma Archivo / Alamy 

 

A questo punto, nessuno era al sicuro ad Atene. Si stima che migliaia di persone siano state uccise e molte altre esiliate e imprigionate durante il dominio degli oligarchi. 

 

Il regno dei Trenta tiranni può essere paragonato al “Regno del terrore” nella Francia rivoluzionaria o alle Purghe di Stalin negli anni ’30. 

 

La fine dei “trenta tiranni” 

 

La brutalità e la corruzione dei tiranni era così grande, che tutta la città arrivò a odiarli e non rimasero quasi sostenitori. 

 

Molti altri stati greci non volevano che Atene fosse controllata da un gruppo filo-spartano e temevano il crescente potere di Sparta. Tebe e altri diedero supporto ai molti esiliati ateniesi e formarono unità militari per rovesciare i tiranni e ripristinare la democrazia. 

 

Nel 404 a.C. l’ex generale Thrasybulus riunì un gruppo di ateniesi e in un attacco a sorpresa afferrò il Pireo, il porto della città. 

 

Quindi fortificò una collina che sovrastava il porto in modo che quando i Trenta Tiranni arrivarono con la loro forza per riprenderlo, furono sconfitti. 

 

Questa è stata una vittoria notevole, soprattutto considerando che i democratici erano più numerosi di cinque a uno.

 

Thrasybulus (? – 389 a.C.), Soldato ateniese e statista.  Un disegno di Mary Evans Picture Library.

 

n questa battaglia, Critia fu ucciso e gli oligarchi furono effettivamente senza leader. 

 

Gli spartani intervennero e inflissero una sconfitta a Thrasybulus, ma a costi elevati. Alla fine hanno negoziato un accordo di pace tra i democratici e i trenta tiranni.

 

Gli oligarchi dovettero lasciare la città e in cambio ottennero il diritto di governare la vicina città di Eleusi. 

 

Nel 403 a.C., Thrasybulus ripristinò la democrazia ad Atene e i tiranni sopravvissuti furono uccisi uno ad uno negli anni seguenti. 

 

Le conseguenze dei trenta tiranni 

 

Alla fine i democratici ottennero il controllo di tutto il territorio ateniese e pose fine all’influenza di Sparta. 

 

La democrazia restaurata fu molto più moderata di quella stabilita da Pericle nel V secolo a.C. La reputazione di Socrate soffrì molto perché, nonostante la sua posizione di principio contro i tiranni, era stato il maestro di molti di loro, incluso Critia. 

 

Molti credono che questo alla fine abbia portato al suo processo ed esecuzione.

 

La morte di Socrate, Jacques-Louis David, 1787. Museo Metropolitano d’Arte, New York 

 

Conclusione 

 

I trenta tiranni mostrano quanto possa essere fragile la democrazia. Qualsiasi crisi può essere sfruttata dalle forze antidemocratiche e questo può portare alla dittatura e al regno del terrore.

 

L’esempio dei tiranni mostra che anche la democrazia è a rischio e non dovrebbe essere data per scontata.

 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

PROFEZIE-CORONA

Nel 2013 è uscito il libro di Sylvia Browne (sopra illustrato); alla pagina 220 veniva profetizzata una pandemia di virus che si diffonderà su vasta scala.

Questa pandemia sarà talmente contagiosa che le persone infettate dovranno essere messe in quarantena. Dovremo passare quattro o cinque anni di panico, prima che si scopra che il fungo o i batteri che lo provocano sia distrutti (così riporta il capitolo a pagina 220) da una associazione di corrente elettrica o calore elevatissimo.

Entro il 2020 diventerà di prassi indossare in pubblico mascherine chirurgiche e guanti di gomma, a causa di una grave malattia simile alla polmonite, che attaccherà sia i polmoni che i canali bronchiali e che sarà refrattaria a ogni tipo di cura.

Tale patologia sarà particolarmente sconcertante perché, dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, sembrerà scomparire completamente per altri dieci anni, rendendo ancora più difficile la sua causa e la sua cura.

Qui sotto il video

Correlazioni:

Il messaggio degli dei della peste nell’era della quarantena

®wld

Tucidide ci offre una narrazione di una pestilenza diversa in tutti i tipi di ciò che affrontiamo

Cosa può insegnarci la peste di Atene sul coronavirus di oggi?

Il coronavirus sta concentrando le nostre menti sulla fragilità dell’esistenza umana di fronte a una malattia mortale. Parole come “epidemia” e “pandemia” (e “panico”) sono diventate parte del nostro discorso quotidiano. Ma se guardiamo indietro nella storia, possono essere stabilite molte somiglianze. Prendi la peste di Atene, per esempio, quali lezioni possiamo imparare?

Antiche origini greche

Le parole epidemia e pandemia sono di origine greca e indicano il fatto che gli antichi greci pensavano molto alla malattia, sia nel suo senso puramente medico sia come metafora della più ampia condotta degli affari umani. Ciò che i Greci chiamavano la “peste” (loimos) appare in alcuni passaggi memorabili della letteratura greca.

Una tale descrizione si trova all’inizio della letteratura occidentale. L’Iliade di Omero (intorno al 700 a.C.) inizia con una descrizione di una pestilenza che attacca l’esercito greco a Troia. Agamennone, il principe capo dell’esercito greco, insulta un prete locale Apollo chiamato Chryses.

Apollo è il dio della peste, un distruttore e un guaritore, e punisce tutti i greci inviando una pestilenza in mezzo a loro. Apollo è anche il dio degli arcieri ed è raffigurato che lancia frecce contro l’esercito greco con un effetto terribile: 

Apollo fece arrabbiare le guglie dell’Olimpo nel suo cuore, portando sulle spalle l’arco e il cappuccio faretre; e gli assi si scontrarono sulle spalle del dio ambulante arrabbiato. Terribile fu lo shock che sorse dall’arco d’argento.  

Innanzitutto, ha seguito i muli e i cani che lo circondavano, quindi li ha rilasciati

una freccia straziante contro gli uomini stessi e li colpì.

Gli incendi del cadavere bruciavano ovunque e continuavano a bruciare.

 

Dipinto raffigurante un’antica peste. (Peter van Halen / CC BY 4.0)

Le narrazioni della peste di Atene

Circa 270 anni dopo l’Iliade, o intorno, la peste è il fulcro di due grandi opere ateniesi classiche: Edipo il re di Sofocle e il libro 2 della storia di guerra del Peloponneso di Tucidide.

Tucidide (4660-400 a.C. circa) e Sofocle (490-406 a.C.) sarebbero stati conosciuti ad Atene, sebbene sia difficile dire molto di più a causa della mancanza di prove. Le due opere di cui sopra sono state prodotte approssimativamente nello stesso momento. L’opera Edipo probabilmente ebbe luogo intorno al 429 a.C. C., e la peste di Atene avvenne nel 430-426 a. C.

Tucidide scrive prosa, non verso (come fanno Omero e Sofocle), e ha lavorato nel campo relativamente nuovo della “storia” (che significa “ricerca” in greco). Il suo focus era la guerra del Peloponneso che fu combattuta tra Atene e Sparta, e i loro rispettivi alleati, tra 431 e 404 a.C.

Statua di Tucidide al di fuori del Parlamento austriaco. (SianStock / Adobe)

Descrizione di Tucidide della pestilenza che colpì Atene nel 430 a.C. C. è uno dei grandi passaggi della letteratura greca. Una delle cose degne di nota è quanto sia focalizzata sulla risposta sociale globale alla peste, sia quelli che sono morti sia quelli che sono sopravvissuti.

Una crisi sanitaria

La descrizione della peste deriva immediatamente dal famoso racconto di Tucidide sulla preghiera funebre di Pericle (è importante che Pericle morì di peste nel 429 a.C., mentre Tucidide fu infettato ma sopravvisse).

Preghiera funebre di Pericle. (Philipp Foltz / Dominio pubblico)

Tucidide offre una panoramica delle prime fasi della peste, con probabili origini nel Nord Africa, la sua diffusione nelle più ampie regioni di Atene, le lotte dei medici per affrontarla e l’elevato tasso di mortalità delle stesse pestilenze. medici.

Nulla sembrava migliorare la crisi, né conoscenze mediche né altre forme di apprendimento, né preghiere né oracoli. In effetti, “alla fine le persone erano così sopraffatte dalle loro sofferenze che non prestavano più attenzione a tali cose”.

Sintomi mortali

Descrive i sintomi in qualche dettaglio: la sensazione di bruciore di coloro che ne soffrono, dolori di stomaco e vomito, il desiderio di essere completamente nudi senza dormire sul corpo, insonnia e irrequietezza.

La fase successiva, dopo sette o otto giorni se le persone sopravvivevano così a lungo, vide la peste cadere nell’intestino e in altre parti del corpo: genitali, dita delle mani e dei piedi. Alcune persone sono persino diventate cieche.

Le parole falliscono davvero quando si cerca di dare un quadro generale di questa malattia; e per quanto riguarda le sofferenze degli individui, sembravano quasi al di là della capacità della natura umana di resistere.

Quelli con costituzioni forti non sopravvissero meglio dei deboli.

La cosa più terribile fu la disperazione in cui le persone caddero quando si resero conto di aver preso la peste; perché avrebbero immediatamente adottato un atteggiamento di totale disperazione e, cedendo in questo modo, avrebbero perso i loro poteri di resistenza.

Ripartizione dei valori tradizionali

Infine, Tucidide si concentra sulla scomposizione dei valori tradizionali in cui il compiacimento ha sostituito l’onore, dove non c’era timore di Dio o dell’uomo.

Per quanto riguarda i crimini contro la legge umana, nessuno si aspettava di vivere abbastanza a lungo per essere processato e punito: invece, tutti sentivano che era stata emessa una sentenza molto più severa.

La descrizione completa della peste nel Libro 2 dura solo circa cinque pagine, sebbene sembri più lunga.

Il primo focolaio di peste è durato due anni, quindi ha colpito una seconda volta, anche se con meno virulenza. Quando Tucidide riprende brevemente il filo della peste poco dopo (3,87), fornisce un numero di defunti: 4.400 opliti (cittadini-soldati), 300 cavalieri e un numero sconosciuto di gente comune.

Niente ha danneggiato gli Ateniesi così tanto, né ridotto la loro forza per la guerra.

Una lente moderna

Gli studiosi moderni discutono della scienza di tutto, soprattutto perché Tucidide offre una generosa quantità di dettagli sui sintomi.

Il tifo epidemico e il vaiolo sono i più favoriti, ma sono state postulate circa 30 diverse malattie.

Tucidide ci offre una narrazione di una pestilenza diversa in tutti i tipi di ciò che affrontiamo.

Le lezioni che apprendiamo dalla crisi del coronavirus verranno dalle nostre stesse esperienze, non dalla lettura di Tucidide. Ma questi non si escludono a vicenda. Tucidide ci offre una descrizione di una città-stato in crisi che è tanto commovente e potente come lo era nel 430 a.C. C.  

Immagine di copertina: Sinistra: uomo moderno con una maschera per proteggersi dal coronavirus. Fonte: dominio pubblico. A destra: la peste di Atene. Fonte: Michiel Sweerts / Publico dominio

Originariamente scritto da Chris Mackie, professore di classici, Università La Trobe.  

L’articolo “Cosa può insegnarci la peste di Atene sul coronavirus di oggi?” È stato originariamente pubblicato in The Conversation come “Tucidide e la peste di Atene: cosa può insegnarci ora”, il 19 marzo 2020.

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

 

®wld

La filosofia del denaro di Keanu Reeves in 5 lezioni lucide


Il denaro può essere un mezzo di benessere o preoccupazione, secondo queste lezioni di Keanu Reeves 

Il famoso attore Keanu Reeves ha una posizione molto particolare sul denaro. Mentre la maggior parte di noi non genera le quantità di denaro che caratterizzano attori come Reeves, le loro idee sul denaro possono darci un po’ di luce in modo che non rappresenti un problema che ci impedisce di perdere la concentrazione sulle cose che conta davvero nella nostra vita.

Vediamo

 

l denaro aumenta lo stress

Essere consapevoli di quanti soldi vengono aggiunti o sottratti dal tuo conto bancario aumenta lo stress della tua vita, dice Reeves. 

Lavori per ottenere denaro, coprire le esigenze di base e perché no, acquisire lussi. Tuttavia, più proprietà possediamo, è necessario investire più tempo e attenzione. 

Quando non abbiamo tante cose di cui preoccuparci, possiamo dedicare il nostro tempo ad altre attività: più tempo per noi stessi, più tempo con i nostri cari, più tempo per cooperare in altri spazi vicini per migliorarli – come le associazioni civili o le fondazioni senza scopo di lucro (Come Keanu, che per molti anni dona anonimamente la maggior parte dei suoi guadagni a una fondazione per combattere la leucemia) -.

  

Quando l’area finanziaria della tua vita prospera, un’altra area della tua vita soffre  

Quando dedichiamo molta più attenzione a un solo aspetto della nostra vita (in questo caso quello economico) trascuriamo gli altri e probabilmente inizieremo ad avere problemi in altri settori: le nostre relazioni personali o di coppia, al lavoro, con la famiglia ecc. 

Imparare a dare il meritato tempo e spazio ai soldi impedirà ad altre aree della vita di essere riempite di problemi e oneri inutili. 

Per Keanu Reeves, la cosa più importante è la cura della tua salute, quindi l’uso principale che dai ai tuoi soldi è quello di garantire una buona salute, sia fisica che mentale.

 

Il denaro è un risultato secondario.

In diverse interviste, a Keanu Reeves è stato detto che grazie ai suoi film ha guadagnato molti soldi, a cui risponde: “Sì, ma molte persone si sono già divertite prima”. Con questa posizione l’attore allude a un’idea più o meno ricorrente di sviluppo umano, secondo la quale il desiderio e il gusto personale devono avere il primato sull’interesse per il denaro. 

In altre parole: l’importante è dedicarti a ciò che vuoi e ti piace, dedicarti completamente a ciò, mettere tutte le nostre risorse nell’attività che ci soddisfa e ci fa sentire pieni, e quindi, come guadagno secondario, molto probabilmente appare i soldi 

Questa idea è molto vicina alla domanda che una volta Alan Watts poneva ai suoi studenti: “Se il denaro non fosse importante, cercheresti quello che vuoi veramente? Secondo Watts, quando una persona si arrende alla sua attività preferita, finisce necessariamente per dominarlo e, quindi, finisce per essere riconosciuto e premiato per i suoi sforzi.

  

Lascia che i soldi funzionino per te, non per i soldi

Secondo Keanu, il denaro dovrebbe aiutare a semplificare la nostra vita e non, come abbiamo detto prima, riempirlo di preoccupazioni. Fare soldi il nostro obiettivo di vita è in qualche modo renderlo un “maestro” che serviremo sempre, insaziabilmente.

 

Vivi generosamente 

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la generosità non dipende dalla quantità di denaro che hai nel tuo conto bancario o nel tuo portafoglio. La generosità è un atteggiamento che una persona adotta di fronte alla vita e di fronte agli altri. Dare senza riserve o condizioni. Dai ciò che abbiamo e che, in fondo, non è mai un possesso assoluto. Dai valore inestimabile (tempo, attenzione, amore). Dai, infine, perché come sottolinea Erich Fromm in L’arte dell’amore, tutto ciò che diamo ci ritorna. 

Il denaro è senza dubbio una delle maggiori preoccupazioni della maggior parte delle persone oggi. Senza ridurre al minimo l’importanza di questo bene, una delle grandi lezioni di questo attore è vivere in modo semplice e senza l’aspirazione di accumulare ossessivamente denaro, oggetti e relazioni, che alla fine ci causano livelli di stress inutili.  

Anche in Pajama Surf: Seneca, che era l’uomo più ricco del mondo, su come non essere schiavo del denaro e della ricchezza  

Immagine di copertina: Always Be My Maybe, Nahnatchka Khan (2019)

Fonte: https://pijamasurf.com/  

®wld 

Le 10 regole del controllo sociale di Noam Chomsky

Noam Chomsky - Crediti Reuters-Jorge Dan - controllo socialeAvram Noam Chomsky, nato a Philadelfia il 7 dicembre 1928, è un linguista, filosofo, teorico della comunicazione e anarchico statunitense. 

“…uno dei pochi grandi intellettuali che non hanno mai rinunciato ad essere coscienza critica della società occidentale. Per oltre trent’anni le sue opinioni e i suoi giudizi, sempre attenti a cogliere l’essenza delle cose dietro l’apparenza della realtà, hanno sensibilizzato un crescente interesse del pubblico verso la reale natura del potere…” tmcrew.org 

Noam Chomsky, professore emerito al Massachusetts Institute of Technology, ha elaborato una lista delle 10 regole del controllo sociale, ovvero, strategie utilizzate per la manipolazione del pubblico attraverso i mass media.

– 1) La strategia della distrazione.

L’elemento primordiale del controllo sociale è la strategia della distrazione, che consiste nel deviare l’attenzione del pubblico da problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazione di continue distrazioni e informazioni insignificanti.

La strategia della distrazione è anche indispensabile per impedire al pubblico di interessarsi alle conoscenze essenziali nell’area della scienza, l’economia, la psicologia, la neurobiologia e la cibernetica.

Mantenere l’attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali imprigionata da temi senza vera importanza.

Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare di ritorno alla fattoria come gli altri animali.

– 2) Creare problemi e poi offrire le soluzioni.

Questo metodo è anche chiamato: Problema > Reazione > Soluzione.

Si crea un problema, una situazione prevista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desiderano far accettare.

Ad esempio: lasciare che si dilaghi o si intensifichi una violenza urbana, organizzare attentati sanguinosi, con lo scopo che il pubblico sia che richieda le leggi di sicurezza e le politiche a discapito della libertà.

– 3) La strategia della gradualità.

Per far accettare una misura inaccettabile basta applicarla gradualmente, al contagocce, per anni consecutivi.

E’ in questo modo che condizioni socio-economiche radicalmente nuove, neo-liberalismo, furono imposte durante il decennio degli anni ’80 e ’90.

– 4) La strategia del differire.

Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come dolorosa e necessaria, ottenendo l’applicazione pubblica nel momento, per un’applicazione futura.

E’ più facile accettare un sacrificio futuro che un sacrificio immediato: primo, perchè lo sforzo non è quello impiegato immediatamente, secondo, perchè il pubblico, la massa, ha sempre la tendenza di sperare ingenuamente che tutto domani andrà meglio e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato.

Questo da più tempo al pubblico per abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo rassegnato quando arriva il momento.

– 5) Rivolgersi al pubblico come ai bambini.

La maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e un’intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale.

Quando più si cerca di ingannare lo spettatore, più si tenta ad usare un tono infantile.

Perchè?

Se qualcuno si rivolge a una persona come se avesse dodici anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà con una certa probabilità ad una risposta o reazione come quella di una persona di dodici anni o meno.

– 6) Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione.

Sfruttare l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale.

Inoltre, l’uso del registro emotivo, permette di aprire la porta di accesso all’inconscio, per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori.

– 7) Mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità.

Far si che il pubblico sia incapace di comprendere le tecnologie ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù.

La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile.

– 8) Stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità.

Spingere il pubblico a ritenere che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti.

– 9) Rafforzare l’auto-colpevolezza.

Far credere all’individuo che è soltanto lui il colpevole della sua disgrazia.

Così, invece di ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto-svaluta e s’incolpa, cosa che crea a sua volta uno stato depressivo, uno dei cui effetti è l’inibizione della sua azione.

E senza azione non c’è rivoluzione.

– 10) Conoscere gli individui meglio di quanto loro stessi si conoscano.

Negli anni ’50 i rapidi progressi della scienza hanno generato un divario crescente tra le conoscenze del pubblico e quelle possedute e utilizzate dalle élites dominanti.

Grazie alla biologia, la neurobiologia, e la psicologia applicata, il sistema ha goduto di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia della sua forma fisica che psichica.

Il sistema è riuscito a conoscere meglio l’individuo comune di quanto egli stesso si conosca. Questo significa che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un controllo maggiore ed un gran potere sugli individui, maggiore di quello che lo stesso individuo esercita su sé stesso.

Fonte: https://www.altrogiornale.org/ 

®wld