Archivi categoria: Epigenetica

La Finestra di Overton

 

Ecco le nuove famiglie che vorrebbero…

di Marcello Pamio 

Non finiscono le polemiche sul Congresso delle Famiglie tenutosi a Verona!
George Orwell griderebbe che “nel tempo dell’inganno universale dire la Verità è un atto rivoluzionario”.

Oggi, nel Regno del Caos, difendere la famiglia è diventato un atto sconsiderato da retrogradi. Proteggere la struttura portante e basilare per la formazione di un individuo è da mentecatti!

Come siamo arrivati a questo punto? Di chi è la colpa? Cui Prodest?
E soprattutto, chi tira le fila di una simile operazione diabolica? Chi sono coloro che stanno lavorando dietro le quinte per la distruzione sistematica della famiglia, dei valori e dell’identità (religiosa, sessuale, ecc.)?

Noi vediamo solo le povere marionette usate dal Sistema, che coscientemente o incoscientemente partecipano al più grave attacco alla libertà individuale e al futuro dell’uomo.

Squallidi fantocci come Laura Boldrini (Leu), Francesca Puglisi (Pd), Nicola Zingaretti (Pd), Federico Fornaro (leu), Luigi Di Maio, Giulia Grillo (Ministro della salute), Paola Binetti (Udc), Monica Cirinnà (Pd), Susanna Camusso (Cgil), Luigi de Magistris (sindaco di Napoli) e molti altri…

A tutti questi, e a quelli che mancano all’appello, dedico una breve carrellata delle nuove famiglie. Quelle “nuove” e “libere” realtà familiari a cui tutti loro, con la scusa dei diritti e delle libertà, stanno preparando il terreno…

Per maggiori informazioni visitate il sito www.nogender.eu

E guardate il video: “Dall’ideologia di genere al transumanesimo e postumano” 

Fonte: https://disinformazione.it/


®wld

La deriva antropologica

Dall’ideologia di genere trans-umanesimo e post-umano

Di Marcello Pamio

Dall’ideologia di genere al trans-umanesimo per giungere al post-umano. Ecco i passaggi cruciali – passando per l’ectogenesi – attraverso i quali si vuole la totale disgregazione dell’essere umano.

 Possiamo raccontarci tutte le favole e le barzellette del mondo, ma da sempre la vita si genera dall’incontro magico dello spermatozoo (maschile) e ovulo (femminile)!!!

Una pericolosissima deriva antropologica che vuole trasformare l’uomo in un essere amorfo, privo di valori, delle radici e di cultura, e soprattutto privo di identità…

Scopo finale: giungere al post-umano. Oltre la Natura

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

L’audace Tecnocratico Nuovo Mondo

Embrione artificiale creato – niente uova, niente spermatozoi, nessun problema

di Jon Rappoport

Negli ultimi 35 anni, ho mostrato come gli elementi del Brave New World si stanno unendo.

Ultimamente, mi sono concentrato sul wireless 5G, sull’Internet of Things, sul gene-editing e sui vaccini che alterano il DNA. Ora abbiamo un pezzo molto importante del puzzle: embrioni artificiali. Una prospettiva agghiacciante.

La rivista MIT Technology Review racconta la storia: “In una svolta che ridefinisce il modo in cui la vita può essere creata, gli embriologi che lavorano all’Università di Cambridge nel Regno Unito hanno sviluppato embrioni di topo dall’aspetto realistico utilizzando solo cellule staminali. Nessun uovo Nessuno sperma Solo cellule prelevate da un altro embrione.”

“I ricercatori hanno posizionato le cellule con cura su un’impalcatura tridimensionale e le hanno guardate, affascinati, mentre [le cellule] hanno iniziato a comunicare e allinearsi nella caratteristica forma di un embrione a palla, un embrione di topo di diversi giorni.”

“Sappiamo che le cellule staminali sono potenzialmente magiche di ciò che possono fare. Non ci siamo resi conto che potevano auto-organizzarsi in modo così bello o perfetto, “Magdelena Zernicka-Goetz, che era a capo della squadra, all’epoca lo ha detto a un intervistatore.”

Zernicka-Goetz dice che i suoi embrioni “sintetici” probabilmente non sarebbero potuti diventare topi. Nondimeno, sono un indizio che presto potremmo avere dei mammiferi nati senza un uovo [o sperma].”

“… Il prossimo passo, dice, è di creare un embrione artificiale da cellule staminali umane, lavoro che viene perseguito all’Università del Michigan e alla Rockefeller University”.

“Gli embrioni umani sintetici sarebbero un vantaggio per gli scienziati, permettendo loro di lasciarli liberi di STUZZICARE SEPARATAMENTE GLI EVENTI all’inizio dello sviluppo. E poiché tali embrioni iniziano con cellule staminali facilmente manipolabili, i laboratori saranno in grado di impiegare una gamma completa di strumenti, come il GENE EDITING, per investigarli mentre crescono. “[Enfasi è mia.]

Non c’è dubbio, nemmeno per un secondo che gli scienziati modificheranno i geni in questi embrioni, per vedere quali cambiamenti fondamentali possono apportare negli esseri umani.

E non c’è da dubitare che, in un laboratorio fuori dai sentieri battuti, i ricercatori cercheranno di portare un embrione umano sintetico a termine, come un bambino che respira.

Il Santo Graal dei tecnocrati? Nascite ingegnerizzate senza genitori, senza sesso, senza tratti ereditari, ma invece tratti intenzionali programmati.

Nel suo romanzo del 1932, Brave New World, Aldous Huxley presentò molti ritratti del piano. Per esempio:

Quando furono decantati, gli embrioni avevano un brivido di freddo. Erano predestinati a emigrare ai tropici, a essere minatori e filatori di seta acetati e lavoratori dell’acciaio. Più tardi le loro menti sarebbero state costrette ad approvare il giudizio dei loro corpi. “Noi li condizioniamo a prosperare in calore”, ha concluso il signor Foster. ‘I nostri colleghi al piano di sopra insegneranno a [programmandoli] ad amarli'”.

Il filo conduttore della “nuova società”: creare sia l’ambiente che gli umani che abitano l’ambiente.

La tecnocrazia è quel sistema di sistemi. Non può tollerare la vita naturale o l’individuo libero.

Questo è il motivo per cui deve essere respinto.

https://jonrappoport.wordpress.com/

®wld

Una nuova trasformazione culturale e antropologica

 

Clonazione umana e mind uploading: un viaggio tra scienza, etica ed effetti collaterali nascosti 

di Enrica Perucchietti 

Clonazione umana: un passo più vicini con la clonazione scimmie 

Nei giorni scorsi è stata data la notizia della clonazione di due scimmie che ha avuto forte risonanza e ha destato clamore. Si tratta della clonazione di due femmine di macaco dalla coda lunga, avvenuta poche settimane fa nei laboratori del Chinese Academy of Science Institute of Neuroscience di Shanghai, in Cina. 

Negli anni Novanta, da quando nacquero la pecora Dolly e il topo Cumulina, gli scienziati non hanno mai smesso di clonare gli animali, riuscendoci con ben 25 specie. Non è neppure la prima volta in assoluto che un primate viene clonato: c’era già stata Tetra, la scimmia nata attraverso la tecnica della scissione embrionale. 

Perché tutto questo clamore, dunque? Da un lato perché a pubblicare il lavoro del team di Qiang Sun è la prestigiosa rivista scientifica «Cell»: un fatto che conferisce autorevolezza alla ricerca, e allo stesso tempo chiarisce la risoluzione di problemi tecnici che finora avevano fatto fallire gran parte dei precedenti tentativi di clonazione di primati non umani e che sembravano pertanto precludere la strada successiva

La clonazione delle due femmine di macaco ha infatti riproposto quello che potrebbe essere il passo successivo, ossia la clonazione degli esseri umani, con i problemi di costi, le controindicazioni ma soprattutto con le sue problematiche etiche.

Clonazione umana: quando gli scienziati guardano alle controindicazioni fisiche 

Ne avevamo avuto un assaggio quando nel 2002 i raeliani, tramite Brigitte Boisselier, presidente di Clonaid, sostennero di aver clonato una bambina, chiamata Eva. L’annuncio bufala venne accolto con scetticismo ma permise di proporre il tema all’interno e fuori dalla comunità scientifica. 

Venne infatti ricordata l’alta incidenza di aborti e di decessi dopo la nascita, oltre che di difetti genetici e di altri problemi di salute nei soggetti animali clonati. La stessa pecora Dolly risultò invecchiare più velocemente rispetto alle sue coetanee. Da tempo il suo creatore, l’embriologo scozzese Ian Wilmut, ha messo in guardia sui pericoli della clonazione (gigantismo, problemi polmonari e disfunzioni del sistema immunitario, obesità, disfunzioni cardiache e polmonari, ecc.;).

Wilmut aveva infatti catalogato i problemi che presentano i cloni arrivando a chiedersi «se ne esista uno interamente normale». Da qui il suo appello contro la clonazione umana: «Nessuno dovrebbe neppure provare a clonare un bambino […] Ci sono abbondanti prove che la clonazione può andare e va male e non c’è motivo di credere che gli stessi problemi non si presentino clonando l’uomo». 

 

 Clonazione umana: scenari futuri al confine con l’etica

Il passaggio alla clonazione umana non è scontato ma date le derive del “progresso” scientifico e tecnologico va preso in considerazione e andrebbe richiesta maggiore trasparenza in questo campo, ponendosi inoltre dei paletti, dei limiti oltre i quali non si dovrebbe eticamente andare, nel rispetto cioè dei princìpi di precauzione, responsabilità e tutela della vita, intesa sempre come fine della ricerca, e mai unicamente come mezzo.

Quali potrebbero essere invece i benefici nel campo medico? La clonazione apre nuovi scenari per la cura di molte malattie umane gravi ad esempio del sistema nervoso (Alzheimer, Parkinson, Ictus). 

Molti in questi giorni hanno però paventato scenari da fantascienza per la possibilità teorica di un distorto utilizzo di queste nuove conoscenze. Clonare un essere umano è inutile e scientificamente immotivato, se non fosse che potrebbe divenire “utile” per motivi non etici, che vanno presi in considerazione, quale la possibilità di avere cloni umani intesi come riserve di organi. Non solo.

La clonazione umana è stata talvolta proposta per migliorare le qualità genetiche dell’umanità: clonando ad esempio individui di grande successo nello sport, nella musica, nelle arti, nella scienza, nella letteratura, e nella politica. E già questo modo di pensare potrebbe condurre a scenari distopici, perché alla base vi è un’idea di distinzione/suddivisione in caste tra persone più o meno capaci e quindi tra coloro che meritano di essere colonati/di sopravvivere e chi viene inteso come normale e quindi ipoteticamente in futuro anche “sacrificabile”. Stiamo camminando sul filo di un rasoio.

Mind uploading e utero artificiale: il futuro distopico è già qui 

Si tratta di preoccupazioni etiche di certo non infondate, se consideriamo ad esempio le ricerche nel campo dell’ectogenesi, cioè dell’utero artificiale o del trasferimento di mente di cui abbiamo parlato ampiamente in opere quali “Utero in affitto” e Il mito dell’immortalità. Per quest’ultimo in particolare, il mind uploading, si sono paventati gli stessi benefici medici nel campo della clonazione. 

Chi ci dice che non si raggiungeranno presto, invece, scenari distopici come quelli immaginati dalla letteratura cyberpunk o ucronica come Non lasciarmi del premio Nobel Kazuo Ishiguro o da film come The Island con cloni umani che fungano da donatori di organi?

Pensate che immaginare in futuro la clonazione umana come sfruttamento di forza lavoro o riserva per trapianti sia così folle? 

Considerando che la bioetica latita e ha permesso anche aberrazioni nel campo scientifico, dovremmo chiederci quante possibilità ha l’idea della clonazione umana, citando la Finestra di Overton, di penetrare nel tessuto dell’opinione pubblica e diventare prima accettabile per poi essere legalizzata e concretizzarsi. Pensiamo ai precedenti. Anche questo significa avere memoria. E chiediamoci: può rappresentare una minaccia per il futuro dell’uomo? 

Dietro il mantra del progresso, l’uomo abbatte la Natura, e si trasforma in macchina…

Dietro il mantra del progresso, l’uomo moderno “fabbrica” (non potendo “creare”) imitazioni illegittime e parossistiche del creato, spacciandole per autentiche e giuste (da qui la retorica vittimistica del politicamente corretto e del pensiero unico). Fabbrica scenari virtuali in cui imprigionare i suoi accoliti, offrendo per il futuro una menzognera immortalità sia essa raggiungibile attraverso il mind uploading o tramite la donazione di organi da cloni. Legittima queste imitazioni con una filosofia fintamente antropocentrica, in cui i valori classici dell’Umanesimo vengono portati alle loro estreme conclusioni finendo di fatto per essere negate e sparire all’orizzonte come in un sofisticato gioco di prestigio.

E se ogni uomo fa la storia con le proprie intenzioni e i propri atti, vedremo come siamo sull’orlo di una nuova trasformazione culturale e antropologica, una vera e propria rivoluzione che intende snaturare l’Uomo della e dalla propria umanità per renderlo una “macchina”, un automa spersonalizzato in cerca di un’immortalità fisica tanto illusoria quanto mendace, oppure un essere da sfruttare, a cui sia stata strappata la sua umanità e il suo valore in quanto uomo. 

L’atteggiamento demiurgico, persino prometeico, di abbattere la natura, riscrivere i confini di ciò che è “umano” per modificare, migliorare e aumentare le proprie capacità è un atteggiamento tipicamente moderno all’insegna dell’idea visionaria di “evoluzione”.

Ricorda il Nulla descritto da Michael Ende ne La storia infinita, un’entità fluida in continua espansione, che avanza inghiottendo porzioni sempre maggiori del regno mitico di Fantàsia. «Il Nulla dilaga, poiché esso è la disperazione che ci circonda»: il non-luogo di Ende è effetto e causa della passività, è un vuoto simile al mito del progresso/evoluzione che divora oggigiorno porzioni sempre maggiori della nostra cultura e tradizione. Il progresso fine a se stesso dilaga e nel suo movimento di corrosione antropologica consuma tutto ciò che è “natura” e tutti i nostri valori.

 

Transumanesimo: oltre la Natura, verso il giorno in cui noi non potremo più dirci umani… 

Ci troviamo di fronte alla radicalizzazione di un pensiero moderno degenere in cui la tecnologia diventa un servizio per appagare i desideri dei ricchi (perché solo i ricchi potranno permettersi di downloadare la propria memoria, farsi clonare o usare cloni e chimere per l’espianto di organi o ancora fabbricarsi figli in uteri artificiali). 

Le nuove tecnologie hanno acquisito un tale potere di suggestione e di condizionamento che sono destinate a modificare i rapporti sociali e politici secondo il volere stabilito dall’alto. Questo cambiamento è già in atto. 

Per ottenere il cittadino perfetto del futuro, gli architetti del mondialismo e della globalizzazione delle menti stanno creando l’Uomo nuovo, dopo aver smantellato, livellato, spersonalizzato e svuotato quello vecchio. Per farlo non basta la manipolazione mentale ormai capillare e sistematica: si deve abolire la Natura

L’Uomo nuovo deve essere padrone del suo destino, vincitore della Natura che per millenni lo ha frenato. La Natura è solo un’invenzione e le sue leggi possono essere violate dalla cultura, dal progresso scientifico, dall’arguzia dell’Uomo. Ecco perché la modernità rispolvera quali suoi eroi i vari Prometeo e Lucifero: l’idea di fondo è che il progresso abolirà definitivamente la Natura, aprendo la strada al Transumanesimo.

E arriverà presto un giorno in cui noi non potremo più dirci umani.

 ______________________________________

di Enrica Perucchietti: laureata col massimo dei voti alla Facoltà di Lettere e Filosofia, vive e lavora a Torino come giornalista e scrittrice. È autrice di numerose pubblicazioni. Per Uno editori: “NWO – New World Order“, “Utero in affitto” e “Le origini occulte della musica. VOL 1-2-3

https://unoeditori.com/blog/clonazione-umana-e-mind-uploading-un-viaggio-tra-scienza-etica-ed-effetti-collaterali-nascosti-n104

Il Grande Dio Sumero Enki

 Il Grande Dio Sumero Enki
Creatore, Protettore dell’Umanità,
Brillante Scienziato e Patrono degli Artisti ed Artigiani 

di di A. Sutherland
09 Maggio 2017
dal Sito Web AncientPages
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese
Versione in spagnolo

 (“Signore della Terra”), era il dio sumero dell’acqua di Eridu che si trova nelle zone umide del sud che oggi è Irak.

Era anche il dio della saggezza, creatore, protettore dell’umanità e il patrono degli artisti e degli artigiani.

Enki era conosciuto con altri nomi, come quello accadico babilonese Ea (“la cui Casa è l’acqua”) o NU.DIM.MUD (Nudimmud), “Colui che modella le cose”.

 Era saggio e abile in tutti i lavori, era un brillante scienziato, genetico e ingegnere.

Enki con due corsi d’acqua
Che escono dalle sue spalle, da un sigillo cilindrico.
Emergendo dalle profondità della montagna
Ecco il dio del Sole sumero Utu (Shamash accadico)
sosteniendo su sierra-espada.
Più in alto nell’aria fluttua Inanna (Ishtar accadica), la signora del cielo
(P. 19. John Gray. Mitologia del Vicino oriente Londra,
Hamlyn House Ltd. 1969).
Sigillo Adda (c. 2300 aC)
Immagine dal British Museum

Insieme a Anu, il dio del cielo, suo fratello Enlil, il dio dell’aria e Ninhursag, la madre terra, Enki era uno degli dei più potenti del panteon sumero.

Nei miti descritti nei testi sumeri, il Signore Enki è descritto come:

“colui che ha la conoscenza eccezionale, che conosce i poteri divini del cielo e della terra, che dalla sua dimora già conosce le intenzioni degli dei…”

Enki è associato alla città di Eridu nel sud della Mesopotamia.

Nella mitologia sumera, Eridu (E.RI.DU – ‘Posto costruito in luogo remoto’) era una delle città più antiche e più sacre dei Sumeri. Enki fu adorato a Eridu e lì aveva il suo tempio, E-Abzu (‘casa del Abzu’), che era anche conosciuta come E-engur-ra (‘casa dell’acqua sotterranea’).

Nell’arte mesopotamica, Enki è rappresentato come un dio seduto con una lunga barba che porta un copricapo ornato di corna e una lunga tunica.

Flussi di acqua escono dalle braccia e vanno verso il suolo, a volte con dei pesci che nuotano dentro il flusso d’acqua, queste sono il simbolo delle acque sotterranee del Abzu.

Ea (seduto) e le divinità che lo accompagnano.
Sigillo cilindrico sumero, aprox. 2300 a.C.
Immagine dalla Biblioteca Pierpont Morgan, Nueva York

Secondo l’epopea babilonese della creazione, ‘Enûma Elish‘, preso dalla biblioteca di Asurbanipal (aprox. 630 a.C.), Enki visse nel Abzu (Apsû en accadico) con creature mitiche, come i sette meditatori che furono creati per insegnare all’umanità e Isimud (Ismus), un dio messaggero con due volti che guardano in direzioni opposte, che era il servitore di Enki.

El Abzu, che era un luogo magico pieno di poteri divini, era visitato di frequente dagli dei che volevano rubare alcuni dei poteri di Enki.

Il grande dio Enki non era un governante, ma dava ai governanti ciò di cui avevano più bisogno – conoscenza e intelligenza – ed egli diede la parola agli esseri umani.

E gli antichi testi sumeri recitano così:

Enki creò le terre fertili e le città della Mesopotamia.

Egli creò i pesci nei fiumi, e gli animali selvaggi nelle steppe. Egli diede i semi di grano, di fagioli e di orzo e coltivò il mais nei campi. 

 “Enki, il Signore dell’abbondanza, degli incarichi di fiducia,
Il Signore della saggezza, che ascolta la terra,
il capo degli dei,
dotato di saggezza,
il Signore di Eridu
cambiò il parlare delle loro bocche
[Incorporò] la discussione,
nella lingua degli uomini
Che era stato innanzi tempo una…” 

Creò gli ovini e le stalle, portò la civiltà all’umanità e insegnò come costruire canali e templi

‘mettendo i palette delle fondamenta nei posti giusti.’

Enki seduto nel Abzu. 

Enki è menzionato in un gran numero di antichi miti originari del sud dell’Irak fino alle coste levantine. Ne riportiamo solo alcuni di loro.

Nel mito “Adapa e il Vento del Sud” (o ‘Adapa e il vento del sud – Il linguaggio ha il potere di vita e di morte’ – Adapa and the South Wind – Language Has the Power of Life and Death), Enki (Ea) aiuta l’umanità a mantenere il dono della magia e degli incantesimi e secondo l’epopea sumera intitolata “Inanna e Enki“, fu colui che donò l’arte della scrittura alla gente della terra ed era il guardiano dei poteri divini chiamato “Me”, i doni della civiltà che lui controllava.

Nel mito sumero “Enki e l’ordine mondiale“, si narra che Enki fissò le frontiere nazionali e assegnò a ognuno degli dei la propria funzione.

E’ menzionato anche varie volte il fatto che gli Anunnaki,

‘rendevano omaggio’ al dio Enki e cantavano le sue lodi, vivevano in mezzo alla gente dei Sumeri, nelle città e in campagna e si dice che due volte decretarono il destino dell’umanità…’

http://www.bibliotecapleyades.net/

Devoti di una scienza nera

AMBIENTE INQUINATO E MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE, INFIAMMATORIE E TUMORALI

NON C’È MALATTIA CHE NON SIA INDOTTA DALL’INQUINAMENTO DELL’AMBIENTE. Così affermano gli studi relativi a quella che viene definita “rivoluzione epigenetica” e uno tra i maggiori esperti in questo nuovo campo di conoscenze il dr. Ernesto Burgio, presidente del Comitato tecnico-scientifico dell’Associazione Medici per l’ambiente ISDE (International Society of Doctors for Environment), Coordinatore Comitato Scientifico ISDE-Italia, Membro del Comitato Scientifico di ARTAC France (Association pour la Recherche Thérapeutique Anti-Cancéreuse), Membro ENSSER (European Network of Scientists for Social and Environmental Responsibility), Membro Commissione Cancerogenesi Ambientale – AIOM (Ass Italiana di Oncologia Medica),  Membro Commissione Ambiente-Salute della SIP (Società Italiana di Pediatria), Referente regionale Progetti OMS di Promozione della Salute – Sicilia.

Ma che cos’è l’epigenetica?

In estrema sintesi e in modo semplice si può definire l’epigenetica come quella branca della genetica che studia tutte le modificazioni che alterano l’attività dei geni senza modificare le sequenze del DNA; modifiche che possono essere anche ereditate.

Per semplificare: il DNA  può essere pensato come l’hardware di un computer e le attività ad esso connesse come il software. Il software in questo caso funziona più o meno bene a seconda delle informazioni che gli arrivano dall’esterno, cioè dall’Ambiente. Ogni giorno della nostra vita le nostre cellule ricevono in forma di molecole, correnti elettromagnetiche, sostanze chimiche di sintesi etc., informazioni dall’attuale Ambiente esterno inquinato e inducono interagendo con l’epigenoma il DNA – il genoma –  a funzionare in maniera diversa da come dovrebbe. Il che, in parole povere, significa che l’Ambiente inquinato interferisce in modo negativo sull’attività del DNA. Il dottor Mauro Mocci dell’ISDE, per la verità, ci aveva già trasmesso questa importante informazione nel convegno di Manziana del 2012.

E qual è il dato più allarmante di questi studi epigenetici?

Che trovano riscontro in un aumento spaventoso del numero di malattie cronico-degenerative, infiammatorie e tumorali sempre più in crescita nei paesi industrializzati e quindi con un più alto livello di inquinamento ambientale.

In Italia una persona su due, prima o poi contrae il cancro, per non parlare di tutta una serie di altre patologie in continuo incremento. Il problema da affrontare è dunque di ordine collettivo e se la collettività non riuscirà entro fine secolo a fare qualcosa per rovesciare il nostro attuale rapporto con l’Ambiente, l’intera specie umana sarà a rischio.

Queste sono parole del dottor Ernesto Burgio che si fondano anche su dati rilevati e su ricerche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La visione di questi due filmati non lascia più dubbi.


Grazie a questa esposizione molto chiara del dottor Ernesto Burgio ora possiamo tutti sapere che siamo in una vera e propria crisi ambientale e sanitaria e che sarebbe criminale non intervenire subito. Ed è bene sapere che non c’è essere al mondo, nemmeno il bioprofittatore, che non sia esposto alle trasformazioni della composizione dell’aria che respiriamo, alle trasformazioni della catena alimentare (per lo più impregnata di benzene e pesticidi) e alle trasformazioni degli ecosistemi che costituiscono il cuore della biosfera.

Ma qual è la soluzione?

La soluzione sta in una presa di coscienza collettiva, con o senza il permesso dell’attuale sistema politico-finanziario che ha dimostrato di non avere gli strumenti etici per rinunciare all’attuale modello di sviluppo economico lineare che ci sta portando diritti al rischio estinzione, anche se con un consolatorio stigma “bio” o “green”. Noi cittadini, invece, possiamo ancora fare qualcosa: dobbiamo cambiare la nostra visione del rapporto ambiente-salute ed esigere, senza se e senza ma, che i nostri amministratori centrali o locali compiano il loro mandato nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute, applicando il Documento Programmatico ISDE su Ambiente e Salute (www.isde.it).

Chiediamolo a tutti i Sindaci e a tutti i presidenti di Provincia e Regione. Ci basti pensare che se un paese cosiddetto avanzato eliminasse i pesticidi, nel giro di 10 anni i linfomi si dimezzerebbero.

Senza essere medici o scienziati, questo ci dice che siamo a una svolta importantissima. Il collasso dell’Ambiente e i nostri stili di vita sempre più avidi ed esigenti ci stanno preparando al prossimo salto evolutivo nell’ignoto. In parole povere, la nostra non è solo una crisi economica, energetica, sociale, politica, ma una crisi biologica, evolutiva. Sapremo tutti che il 70% della biosfera è costituita da microrganismi, e noi da 50-60 anni facciamo la guerra ai microrganismi, ignorando che senza microrganismi la biosfera rischia di collassare, mentre eliminare l’uomo – per la biosfera – potrebbe essere tutto sommato un bene sul piano evolutivo. In pratica, siamo alle porte di un periodo simile a quello in cui si è dovuti passare dalla respirazione branchiale a quella polmonare. Ma a differenza del pesce, l’evoluzione ci ha muniti di uno strumento in più, la Mente. Come vogliamo usarla? Vogliamo collaborare oppure affondare passivamente e lasciare che si compia questo salto nel buio in una prossima specie misteriosa o mostruosa, o addirittura in nessun’altra specie? Il problema è urgente, e non disponiamo di migliaia di anni evolutivi per risolverlo, forse neanche 30 anni.

L’asfissia è alle porte, il “cocktail” d’inquinanti – spacciati spesso per “bio” o “green” – è sempre più venefico, il nostro sistema immunitario è sempre più compromesso dalla generosa quantità di antibiotici immessi nell’ambiente, soprattutto attraverso la zootecnia, le inondazioni si alternano a forti siccità, l’acqua e il cibo scarseggiano, e via così per un inquietante elenco di attacchi agli equilibri della biosfera.

Sicché, chiediamoci subito come vogliamo schierarci, possibilmente con totale disinteresse personale e localistico e togliendo l’audio a tutti quei governanti devoti di una “scienza nera” o addirittura ignoranti.

Ringraziamo di cuore la dottoressa Antonella Litta, referente dell’Associazione medici per l’Ambiente – Isde di Viterbo, che ci ha segnalato questi importantissimi filmati del dottor Ernesto Burgio e precisiamo che il nome Valerio, spesso richiamato dal dottor Burgio, corrisponde alla persona del dottor Valerio Gennaro, epidemiologo dell’IST (Istituto Nazionale Per La Ricerca Sul Cancro) di Genova.

FONTE: https://comitatibiogas.wordpress.com/

FONTE: http://www.nogeoingegneria.com/

SE VOLESSI METTERE IN GINOCCHIO L’UMANITÀ …

Articolo di Nogeoingegneria

“Se io volessi essere malvagio, se volessi mettere in ginocchio l’umanità, spruzzerei su tutto il suo cibo del glifosato, poi spruzzerei nell’aria dell’alluminio, e se questo ancora non basta, aggiungerei ancora un po’ di alluminio nei vaccini. In questo modo posso riuscire a rendervi tutti quanti stupidi, e nell’arco di due o tre generazioni vi porterei all’estinzione. Quello che mi occorrerebbe ancora per ottenere questo sono determinate frequenze elettromagnetiche, delle quali mi servo per bloccare i vostri enzimi responsabili della disintossicazione. E sono proprio esattamente queste frequenze quelle che provengono dai ripetitori della telefonia mobile. Se io fossi maligno, direi che dietro tutto questo dev’esserci un gruppo intelligente di scienziati molto, molto malvagi, e di politici. Ma siccome non sono cattivo, ritengo che si tratti solo di coincidenze casuali! ”  D. Klinghardt

Continua QUI – articolo del 7 febbraio 2016