Archivi categoria: Economia & Finanza

La fomentazione e ascesa del tecnopopulismo

 

Wikipedia Commons 

L’istabilità globale e l’ascesa del tecnopulismo

di Andy Langenkamp dal Sito Web TheHill traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese 

Andy Langenkamp è analista politico senior presso ECR Research e commentatore politico, specializzato nella valutazione delle ripercussioni sui mercati finanziari di eventi economici e geopolitici.

Le persone di sinistra si ribellano nelle strade di tutto il mondo per protestare contro qualsiasi status quo esistente, ma mentre si fondono inconsapevolmente con la tecnocrazia che potrebbero per principio anche odiare, stanno fomentando l’ascesa del tecnopopulismo.  

fonte

Il mondo sta diventando più instabile

Dalle nazioni in via di sviluppo ai paesi ricchi, le persone scendono in strada. 

Le proteste stanno portando a spargimenti di sangue dal Sud America all’Asia. Le ragioni delle proteste sono diverse, ma ci sono una serie di domande latenti:

Perché non tutti beneficiano in egual misura dell’aumento della prosperità?

Perché le nostre libertà sono colpite?

Perché le élite politiche si arricchiscono?

Le manifestazioni e il profondo malcontento possono essere ricondotti alla crisi del neoliberalismo e alla risposta populista a questo. 

Le proteste possono quindi essere viste come una faccia della medaglia, con l’altra che è la cuspide dell’America corporativa che chiede un focus oltre l’onnipotente azionista. 

Ad agosto, la Business Roundtable (BR) ha preso le distanze dall’adagio secondo cui l’unica ragione di esistenza delle società è quella di soddisfare i propri azionisti, sostenendo che anche gli interessi dei dipendenti, dei clienti e della società nel loro insieme dovrebbero avere un posto di rilievo nelle operazioni del mondo degli affari.

L’appello di BR arriva quando le élite imprenditoriali temono che i governi e le popolazioni prendano in mano la situazione, ad esempio attraverso imposte molto più elevate su profitti, espropri, frazionamento di società, ecc.

In sostanza, la più importante questione politico-economica contemporanea è come riunire tre obiettivi nel miglior modo possibile:

  • crescita economica ragionevole o elevata
  • una divisione più equa della prosperità (è ovviamente possibile discutere all’infinito di ciò che è giusto)
  • la protezione della terra, in modo che anche le generazioni future possano condurre una vita buona

Il populismo potrebbe offrire qualcosa di buono in questo senso, se ha davvero svegliato l’élite e incoraggiato le riforme prima che l’intero sistema minacci di essere abbattuto.

La storia degli Stati Uniti ce lo dimostra…

Alla fine del 19°secolo, la disuguaglianza era sfuggita al controllo. Il passaggio da una società agricola a una industriale ha fatto sì che in particolare molti agricoltori finissero in bancarotta.

Una depressione di 10 anni, dal 1873 in poi, causò ancora più sofferenza. Il governo era abbastanza impotente e fece poco.

L’emergente ondata di populismo ha trovato la sua espressione nel Partito Popolare, noto anche come Partito Populista, e nel suo programma di partito, la Piattaforma Omaha del 1892 c’era il seguente frammento:

Ci troviamo nel mezzo di una nazione portata sull’orlo della rovina morale, politica e materiale.

La corruzione domina l’urna, le legislature, il congresso e tocca persino la veste d’ermellino. 

Le persone sono demoralizzate…

Le istituzioni erano molto preoccupate.

Per molto tempo, è parso che il Partito Populista fosse sulla buona strada per prendere il potere, ma è crollato.

Tuttavia, ha aperto la strada alle riforme delle istituzioni politiche ed economiche da parte dei presidenti Roosevelt, Taft e Wilson, che hanno contribuito a rendere la democrazia capitalista più gratificante per le masse e a prevenire il collasso dell’intero sistema.

In questo senso, il populismo è radicato nella democrazia ed è forse un meccanismo di correzione necessario.

Come affermano Daron Acemoglu e James A. Robinson:

Quando lo stato e le élite diventano troppo potenti, aprono la strada al dispotismo che mette a tacere o costringe gli altri a seguirlo (pensate alla Cina).

Ma… quando quelle che non sono élite diventano troppo potenti, il risultato non è la libertà ma lo sgregamento dello stato.

Mentre disobbediscono e smantellano le istituzioni statali, quelle istituzioni si atrofizzano, le leggi diventano inefficaci, la libertà viene erosa e le funzioni chiave del governo sono emarginate.

Il pendolo oscilla continuamente avanti e indietro tra la troppa potenza dell’élite e la ribellione delle masse.

È importante seguire una via di mezzo – con l’elite insediata in modo abbastanza sicuro tanto da facilitare il corretto funzionamento delle istituzioni della democrazia capitalista, ma non nella misura in cui prevalgano il clientelismo e la corruzione.

Allo stesso tempo, la società nel suo insieme dovrebbe beneficiare sufficientemente della crescita della prosperità ed essere sicura nella consapevolezza di poter chiamare l’élite a renderne conto quando è necessario. Le parti si sono allontanate troppo da questo corso intermedio.

– Da un lato, c’è il campo con un atteggiamento TINA(There Is No Althernative):

non esiste alternativa alla democrazia liberale.

A volte sono diventati ciechi ai lati oscuri della democrazia liberale, e questo ha portato a una tecnocrazia che è sfuggita al controllo, con i politici che sono essenzialmente manager

– D’altra parte, hai i nazionalisti come contromovimento, che si stanno spostando verso l’autoritarismo in molti luoghi costringendo i giudici a ritirarsi, soffocando la stampa e inclinando il campo da gioco in modo permanente contro gli avversari.

Molte delle attuali proteste in tutto il mondo sono il risultato di sistemi politici che offrono risposte inadeguate agli eccessi e agli spiacevoli effetti collaterali della globalizzazione, del libero mercato e delle burocrazie soffocanti.

Le persone stanno cercando febbrilmente modi di conciliare crescita, maggiore uguaglianza e sostenibilità in un’era di globalizzazione, l’enorme potere delle multinazionali e le forme di corruzione del vertice che sono chiaramente più visibili grazie a Internet e ad altre tecnologie moderne, mentre le proteste possono anche guadagnare slancio più facilmente.

Un’interazione negativa nasce tra più disordini e una crescita globale bassa persistente.

L’FMI e altre organizzazioni hanno continuato a ridurre le previsioni di crescita. Il dollaro si rafforzerà a medio termine, in parte a causa dello status di bene rifugio sicuro che ha ancora. Anche i prezzi delle materie prime continueranno ad essere sotto pressione.

Ciò è sfavorevole a molti mercati emergenti che sono già colpiti dalla turbolenza:

dipendono generalmente dalle esportazioni di materie prime e hanno stipulato enormi quantità di prestiti in dollari, il che rende i loro debiti sempre più difficili da sopportare.

Questo crea ancora più insoddisfazione e minaccia di innescare un circolo vizioso.

Inoltre, perché queste economie emergenti hanno popolazioni molto giovani e i giovani hanno maggiori probabilità di scendere in piazza.

Poi è probabile che la frustrazione continui ad aumentare, poiché l’ascesa democratica si è arrestata in tutto il mondo e le proteste sono certamente aumentate, ma il loro tasso di successo è diminuito enormemente.

Due decenni fa, sette proteste su 10 che chiedevano grandi riforme hanno portato a cambiamenti. 

Dalla metà del decennio precedente, questa percentuale è scesa costantemente al 30 percento.

L’instabilità mondiale crea anche ancora più incertezza tra multinazionali nei paesi occidentali sulla sostenibilità delle catene di produzione internazionali.

Questo li costringe a continuare a ridurre gli investimenti e assumere meno nuovo personale.

Chiaramente, a questo punto, gli sviluppi politici globali indicano un rafforzamento della pressione al ribasso sulla crescita economica invece di agire come fattori scatenanti per affrontare la debole crescita in misura sufficiente.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld 

Ultimo almanacco del 2019

Stop 5G, Sasco (ex IARC): “cellulari-tumori-bambini, un diritto sapere.” Arazi (PhoneGate): “ci ingannano da decenni.” CONVEGNO INTERNAZIONALE STOP5G – TERZAPARTE Leggi l’articolo QUI

************************

Non stupisce affatto scoprire che il personaggio di Greta Thunberg, simbolo dell’ambientalismo contemporaneo, è stato meticolosamente costruito fin dal primo giorno. Mentre si consuma il rito squallido di una sedicenne che impartisce lezioni nei contesti più variegati – dagli asili ai prestigiosi summit scientifici – i potenti della terra vengono spinti a dichiarare improbabili “emergenze climatiche” a fronte delle quali prendono provvedimenti ridicoli, che spesso si traducono nel versare un inutile, quindi dannoso obolo alle autorità climatiche internazionali. Leggi l’articolo intero QUI

************************

Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla nominati nella causa per decessi e lesioni di minori per il cobalto
I telefoni cellulari, i computer e altre tecnologie digitali, elettroniche e wireless richiedono ingredienti spesso chiamati “minerali di conflitto” per funzionare (vedere 1 , 2). Ci sono ragioni per cui vengono chiamati in questo modo: estrarre per loro è pericoloso, a volte mortale, e spesso coinvolge bambini sfruttati. 
Grazie ad Annie Kelly per le indagini e The Guardian per aver pubblicato i dettagli di un’altra tragica situazione che coinvolge i “minerali dei conflitti”: 
Continua QUI in lingua inglese
************************
Confermato: gli abortisti sono davvero i servi di Satana – guarda questo straordinario video che è stato BANNATO da YouTube

Un gruppo pro-vita noto come “Created Equal” ha pubblicato un nuovo potente documentario intitolato Abortion: A Doctrine of Demons che espone i molti legami inestricabili tra satanismo e industria dell’aborto.


AGGIORNAMENTO: Il video è stato vietato da YouTube, ma è stato pubblicato su Brighteon.com, l’alternativa vocale gratuita a YouTube. Vedi sotto… 

Leggi e guarda il video QUI in lingua inglese

************************

Falsa storia degli Stati Uniti: in che modo “l’eccezionalismo americano” nasconde la vergogna, crea stupidità e imperialismo pericoloso

Di S. Brian Willson

Premessa

La cultura e lo stato nazionale degli Stati Uniti d’America sono fondati sulla spossessiva e forte espropriazione degli altri. Potresti persino chiamarlo una versione precedente del fascismo: disumanizzazione istituzionale per profitto privato. È stato creato un mito o una grande menzogna che siamo un popolo eccezionale, che previene efficacemente apertamente l’importante sensazione di vergogna sociale e, a sua volta, blocca qualsiasi responsabilità o autentica indagine sulle nostre origini genocide costruite su terra e lavoro rubati, che ha ucciso milioni di persone impunemente.

Quindi, viviamo per fantasia della nostra superiorità, che funzionalmente ci rende stupidi, come in uno stupore. Applicando la regola dell’esclusione legale alla cultura in generale, gli Stati Uniti sono il “frutto dell’albero velenoso”, come con la maggior parte delle “civiltà”, fondate su terre e manodopera rubate con forza, quindi prive di validità morale o legale.

Leggi l’articolo in lingua inglese QUI

************************

************************

  

IL CASO DELLA GUERRA AMBIENTALE

Il paese di fronte ad uno scenario di conflitto bellico.

Di Marcos A. Peñaloza- Murillo

Gli sviluppi scientifici ed i progressi tecnologici possono essere usati per lo studio e per un uso pacifico dell’ ambiente naturale, traducendosi in risorse che favoriscono il benessere, la salute e la sicurezza internazionale dell’umanità (Golden & DeFelice- 2006) 

Dalla scoperta, nel 1946, di Irving Langmuir (Premio Nobel 1946) e di Vicente Schaefer, nel laboratorio della compagnia nordamericana General Eletric, che un pezzo di ghiaccio secco potrebbe creare una tormenta di neve virtuale, molti sono stati i tentativi di riprodurre la pioggia artificiale. Progetti come il Whitetop (Università di Chigago) a fine degli anni 50, il National Hail Research Experiment (Fondazione Nazionale per la Scienza, NSF), il Colorado River Basin Pilot Project (Ufficio Reclami) ed il Florida Area Cumulus Experiment I e II (Amministrazione Nazionale Atmosferica e Oceanica, NOAA) durante gli anni 60 e 70, sono stati portati avanti negli Stati Uniti per far piovere come risultato di iniezioni relativamente piccole di materiali chimici nelle nubi, come lo ioduro di argento (Kerr, 1982a, 1982bb, Lambright & Changnon, 1989). L’articolo continua QUI  

®wld

Ieri come oggi, tutto quello che mette in conto il PIL


Ricevo da Anna Dossena e pubblico

Robert Kennedy fa un BELLISSIMO DISCORSO CHE ENTRERÀ NELLA STORIA, nell’Università’ del Kansas, intitolato:

“Inadeguatezza del PIL come INDICATORE del benessere delle Nazioni economicamente sviluppate”  era il Marzo del 1968

3 MESI DOPO QUESTO DISCORSO, R.Kennedy fu UCCISO Assassinato, durante la sua CAMPAGNA ELETTORALE come nuovo Presidente degli Stati Uniti.

Ora….pensatelo in chiave FUTURISTICA, e rileggetelo qui di seguito, come se NON FOSSE STATO SCRITTO PER IL POPOLO AMERICANO di allora, ma del Popolo Italiano di OGGI.

“NON TROVEREMO MAI UN FINE PER LA NAZIONE. Ne una nostra personale SODDISFAZIONE NEL MERO PERSEGUIMENTO DEL BENESSERE Economico nell’Ammassare senza fine BENI TERRENI.

Non POSSIAMO MISURARE LO SPIRITO NAZIONALE sulla base dell’indice dello SPRED. Ne i successi del Paese sulla base del PRODOTTO INTERNO LORDO.

Il PIL (così denominato) comprende anche l’INQUINAMENTO DELL’ARIA, della TERRA e dell’ACQUA. La PUBBLICITÀ’ INGANNEVOLE IN TELEVISIONE, e le AMBULANZE UTILIZZATE ER SGOMBERARE LE NOSTRE AUTOSTRADE DALLE CARNEFICINE IN AUTO O MOTO DEI FINE SETTIMANA IN DISCOTECA e nei LOCALI.

Il PIL, mette nel conto le SERRATURE SPECIALI che UTILIZZIAMO PER BARRICARCI DENTRO LE NOSTRE CASE e IL COSTO delle PRIGIONI PER COLORO CHE TENTANO DI FORZARLE.

Il PIL, Comprende PROGRAMMI TELEVISIVI, che VALORIZZANO LA VIOLENZA PER VENDERE PRODOTTI VIOLENTI AI NOSTRI BAMBINI.

Questa violenza cresce con la produzione di ARMI DI DISTRUZIONI DI MASSA, BOMBE, AEREI Da COMBATTIMENTO E TESTATE NUCLEARI.Si ACCRESCE CON GLI STRUMENTI VIOLENTI CHE LA POLIZIA USA PER SEDARE LE RIVOLTE E NON FA ALTRO CHE AUMENTARE QUANDO, SULLE LORO CENERI, SI RICOSTRUISCONO I BASSIFONDI POPOLARI.

Il PIL NON TIENE CONTO DELLA SALUTE DELLE NOSTRE FAMIGLIE E DEI NOSTRI FIGLI, DELLA QUALITÀ DELLA LORO EDUCAZIONE, o DELLA GIOIA NEI LORO MOMENTI DI SVAGO.

NON COMPRENDE LA BELLEZZA DELLA NOSTRA POESIA. LA SOLIDITÀ’ dei VALORI FAMILIARI, o l’INTELLIGENZA DEL NOSTRO DIBATTERE.

IL PIL, NON MISURA:

NE LA NOSTRA ARGUZIA,
NE IL NOSTRO CORAGGIO.
NE LA NOSTRA SAGGEZZA,
NE LA NOSTRA CONOSCENZA O CONSAPEVOLEZZA.
NE LA NOSTRA COMPASSIONE,
NE LA DEVOZIONE AL NOSTRO PAESE.

MISURA TUTTO….
IN BREVE:

ECCETTO CIÒ’ CHE RENDE LA VITA, VERAMENTE DEGNA DI ESSERE VISSUTA.

Può DIRCI TUTTO SULLA CONDIZIONE ECONOMICA ITALIANA, MA NON SE POSSIAMO ESSERE ORGOGLIOSI DI ESSERE ITALIANI. A voi, ogni tipo di CONSIDERAZIONE e RAGIONAMENTO a RIGUARDO.

Andrea Libero Gioia
The WALK of CHANGE.

®wld

LA MONETA A CORSO LEGALE

DOVE STA SCRITTO CHE DOBBIAMO PER FORZA AVERE UN CONTO IN BANCA?

Ricevo da Anna Dossena e pubblico

Sei un lavoratore dipendente? Sei un pensionato?  Hai una piccola impresa individuale? Per poter lavorare, e quindi vivere, devi per forza avere un conto in banca, altrimenti è impossibile avere lo stipendio. Lo Stato ha infatti abolito da anni il contante per l’accredito dello stipendio. Il problema è che tutto ciò è ILLEGALE.

Art. 1277 Codice Civile
«I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale»

Art 693 Codice Penale
«Chiunque rifiuta di ricevere, per il loro valore, monete aventi corso legale nello Stato, è punito con la sanzione amministrativa fino a trenta euro»

Le leggi dello Stato italiano sono chiare: i pagamenti si effettuano con la MONETA A CORSO LEGALE e nessuno può rifiutarsi di ricevere la MONETA A CORSO LEGALE.

Ma cos’è la MONETA A CORSO LEGALE?
Ce lo dice la Banca d’Italia: «L’unica forma di moneta legale è la moneta CONTANTE emessa da una banca centrale – per l’euro la Banca Centrale Europea (BCE)»

Quindi la questione è molto chiara: l’unica moneta a corso legale è il CONTANTE e nessuno può rifiutarsi di ricevere denaro CONTANTE per i pagamenti.

Cos’è quindi la MONETA ELETTRONICA che lo Stato ci obbliga ad utilizzare? Leggiamo sempre dalla Banca d’Italia: «La moneta scritturale bancaria [ovvero la moneta elettronica] è una forma di MONETA PRIVATA». La moneta elettronica non è moneta a corso legale, è una moneta privata che porta LUCRO alle banche.

Come fa lo Stato ad abolire o limitare l’utilizzo del CONTANTE che è l’unica MONETA A CORSO LEGALE e costringere il cittadino ad utilizzare una moneta privata che per definizione porta lucro alle banche attraverso interessi e commissioni?

🔴 Come ci siamo ridotti così? La decennale propaganda mistificatoria contro il CONTANTE è stata portata avanti con grande forza dal circuito bancario e dai suoi camerieri (giornalisti, politici, boiardi di stato etc). Quella dell’evasione fiscale è soltanto una scusa (la vera evasione la abbiamo proprio con la moneta elettronica), l’obbiettivo è quello di renderci ancora più schiavi controllando il nostro portafoglio, tracciando ogni spesa che facciamo e prelevando direttamente i soldi quando lo Stato ritiene di farlo. Le banche brindano e banchettano grazie ad una classe politica collusa e incapace.

Ma le leggi rimangono, e sfido i politicanti a modificare la definizione di MONETA A CORSO LEGALE. Il vero problema che abbiamo è quello dell’informazione: facciamo sapere a tutti come stanno realmente le cose, le persone devono capire come ci stanno togliendo ogni libertà.

Come disse Henry Ford: “È un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario, perché se accadesse credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina.” È nostro dovere informare

https://it-it.facebook.com/francescofilini.pagina/posts/870067430036407

®wld

La maggior parte del denaro non è nemmeno tangibile, esiste solamente nei computer

Foto: Biglietti di dollari da investimenti Getty

Chi ha il potere di Creare Denaro nell’Economia Moderna? 

La maggior parte del denaro non è più creato dai governi nè dalle banche centrali. Inoltre, la maggior parte del denaro che circola oggi nel mondo non sono biglietti.

Vi siete chiesti qualche volta da dove viene il denaro che usate per pagare?

La moneta di carta fu una invenzione cinese:

Si è iniziata ad usare per la prima volta attorno all’anno 1000 nella privincia di Sichuan, in sostituzione del pagamento tradizionale eseguito con monete d’oro e d’argento.

Un paio di scoli dopo, l’imperatore Kublai Kan adotto il sistema a livello nazionale secondo il racconto di Marco Polo dei suoi viaggi in Asia.

La prima carta moneta non era proprio di carta ma una lamina derivata dalla corteccia di un albero che portava la firma di vari funzionari e, cosa più importante, il sigillo rosso dello stesso imperatore Kan, il che gli attribuiva il valore.

Oggi però, nella maggior parte dei paesi del mondo, il denaro non è fatto fare dai monarchi, ma nemmeno è fabbricato proprio dai governi, come molti credono.

Nemmeno le banche centrali autonome sono le responsabili della creazione della maggior quantità di denaro che circola sul pianeta.

Nella maggior parte delle economie moderne il denaro è creato dalle banche private, e la maggior parte non è nemmeno tangibile:

esiste solamente nei computer.

Parliamo dei depositi bancari, quelle cifre che appaiono nei vostri conti correnti bancari e che si aggiornano man mano che spendete o ci sono entrate.

Secondo il centro di ricerca e campagna britannico Positive Money (“Denaro Positivo”), nel Regno Unito il 97% del denaro attuale è creato dalle banche e solo il 3% è creato dal governo.

“Come per magia”

Nella serie The New Age of Capitalism (“La nuova era del capitalismo”), della BBC Radio 4, la direttrice esecutiva di Positive Money, Fran Boait, spiega che il denaro si genera quando le banche fanno prestiti.

E afferma che il denaro appare di colpo,

“come per magia”…

Funziona così:

Immaginate di voler comprare qualcosa… per esempio un’auto. Però il denaro non vi basta. Allora andate in banca e chiedete un prestito.

Se la banca accetta la vostra richiesta, un impiegato scrive dei numeri sul suo computer e subito appare il denaro sul vostro conto!

Quello è denaro nuovo che un secondo prima non esisteva e che potete usare per comprare la vostra macchina (e poi dovrete renderlo con gli interessi, però questa è un’altra storia…)

E’ così , per mezzo di prestiti bancari, come si genera la maggior parte del denaro nell’economia moderna.

Denaro elettronico contro denaro reale

Quando pensiamo al denaro siamo soliti immaginare dei biglietti.

Però Sir Charles Bean, ex-economista capo e vicegovernatore della politica monetaria della Banca d’Inghilterra (la banca centrale del Regno Unito), ha detto alla BBC che in realtà la maggior parte del denaro odierno è elettronico…

“(La moneta di carta) è una frazione molto piccola di quello che gli economisti considerano denaro, che comprende anche i depositi bancari che possono essere trasformati in denaro effettivo su richiesta”, spiega Bean.

Quanto denaro è elettronico e quanto è reale?

La cifra va cambiando. Però Bean ha detto, come esempio, che prima della crisi finanziaria del 2008, la proporzione nel Regno Unito era di 25 a 1.

Vuol dire che si aveva una libbra fisica per ogni 25 libbre virtuali.

Questo significa che al momento di prestarvi denaro, le banche non sono limitati dai loro attivi o dall loro riserve e nemmeno dalle riserve della banca centrale.

“Le banche prestano depositi, che creano denaro, e possono servirsi delle riserve in un secondo momento. Non hanno bisogno di avere riserve per prestare denaro.

Possono prestare la quantità che vogliono”, afferma Boait.

Allora, chi impone un limite alla creazione di denaro?

“La quantità di prestiti che danno le banche dipende dal loro appetito per il rischio e da quanta abilità hanno per sostenere perdite dovute ai loro investimenti” risponde Bean.

Dipende anche da quanto si sentono ottimisti per lo stato dell’economia.

A volte un ottimismo smisurato può generare problemi come è avvenuto negli anni precedenti alla debacle del 2008 generata dalla crisi ipotecaria.

E la banca centrale cosa fa?

Una banca centrale ha due maniere di influenzare la misura del sistema bancario di un paese.

  • La prima è con le politiche monetarie che detta, in particolare il tasso di interesse bancario.

    Un tasso più basso incentiva le richieste di prestiti e i tassi fissi. Però un tasso troppo basso può portare al fatto che la gente preferisca non mettere in banca il prorpio denaro e conservare il denaro in casa.

  • La seconda forma che hanno le banche centrali di incidere sull’economia è generare denaro loro stesse.

    Per esempio dopo il 2008, come abbassare i tassi di interesse non stava riuscendo a riattivare l’economia britannica, la Banca d’Inghilterra decise di emettere denaro per inserirlo nell’economia.

I pericoli

Gruppi come Positive Money, senza dubbio considerano che questa “soluzione” ha portato nuovi problemi.

“Ha avuto effetti secondari molto negativi, ha aumentato la diseguaglianza di entrate” dice Fran Boait.

Il problema è che le banche sono solite dare prestiti a coloro che posseggono beni, che possono usare come supporto di quel credito.

 

Infine l’inserimento di denaro ha benficiato coloro che avevano di più e ha pregiudicato che avevano meno, perché ha fatto sì che i prezzi delle proprietà aumentassero.

Senza dubbio Bean considera che l’emissione di denaro è stata

“una risposta necessaria” per la gravità della crisi.

“Senza questo l’attività si sarebbe debilitata e la disoccupazione sarebbe aumentata” ha assicurato.

C’è un’altra alternativa alla creazione di denaro?

Positive Money crede di sì e ha lanciato una campagna affinchè il denaro arrivi “all’economia reale”.

Una maniera che propone è schivare le banche:

“La Banca d’Inghilterra potrebbe creare denaro e darlo al governo perché lo distribuisca tra la popolazione, per esempio attraverso ‘un dividendo cittadino’ uguale per tutti o attraverso un programma di costruzione di case” suggerisce Boait.

“Dobbiamo rompere questo tabù che le cose sono così e non possono essere altrimenti” sostiene.

I gruppi, e altri affini nel resto d’Europa, fanno una campagna affinché le banche smettano di avere il controllo sulla creazione di denaro e questa potestà torni ad essere esclusivamente in mano allo Stato.

“La moneta nazionale è in essenza un monopolio naturale e dovrebbe essere sotto il controllo pubblico” sostiene Boait.

Senza dubbio, per ora nessuno – nemmeno la crisi mondiale del 2008 – è riuscita a togliere potere alle banche che continuano ad essere i re dell’economia moderna…

Men in Black del Governo Ombra

 

L’NSA Whistleblower parla di Julian Assange e del “governo ombra”

Di Arjun Walia 

  • I fatti: William Binney, dipendente di lunga data della NSA di alto rango, condivide le sue opinioni sull’arresto di Julian Assange e che ha davvero il controllo.
  • Rifletti su: Perché continuiamo a credere che un presidente possa apportare cambiamenti? Perché continuiamo a eleggere e votare senza affrontare la vera questione alla base delle decisioni prese in politica? Perché non rivolgersi al governo segreto e alla sua stretta di mano sulla politica? 

Ancora oggi, se dici alla maggior parte delle persone che esiste un “governo invisibile” o un governo ombra di portata internazionale, potrebbero chiamarti un teorico della cospirazione o darti uno sguardo divertente. Ciò è in gran parte dovuto alla mancanza di istruzione, in particolare di autoistruzione, di una popolazione che è formata per andare a scuola, trovare lavoro e “godersi” la vita. Certo, va tutto bene e dandy, ma negare e condannare un pensiero o un’idea senza alcuna indagine è sicuramente l’apice dell’ignoranza. Non solo è l’apice dell’ignoranza, ma impedisce anche all’umanità di andare avanti. Affinché possiamo andare avanti, dobbiamo identificare correttamente i nostri problemi e non aiuta quando i problemi più importanti che devono essere identificati non sono nemmeno creduti a causa del lavaggio del cervello di massa e della mancanza di istruzione. Nessuno pensa da solo, invece si basano semplicemente sui media dell’establishment, che non è stato altro che un’enorme macchina di propaganda sin dal suo inizio.

L’idea di un governo ombra non deriva solo dalle dichiarazioni di numerosi politici globali e “leader mondiali”, è stata dimostrata da cambiamenti politici e decisioni che non sono a favore delle persone o del pianeta, che rivelano come le nostre agenzie di regolamentazione federali sono gestite da interessi canaglia. Il CDC e le “Spider Papers” sono uno dei tanti grandi esempi, insieme a più informatori di più agenzie.

I partiti politici non supportano più il popolo ed è difficile dire se lo abbiano mai fatto davvero. Il governo e la politica sono ora semplicemente, come ha sottolineato il presidente Theodore Roosevelt, “strumenti di interessi corrotti che li usano nel martialling [sic] per servire i loro scopi egoistici”. Ha affermato che “Dietro il governo apparente si trova in trono un governo invisibile a causa di nessuna fedeltà e nessuna responsabilità nei confronti della gente. Distruggere questo governo invisibile, confondere la cattiva alleanza tra affari corrotti e politica corrotta è il primo compito della statualità del giorno”.

Questo è il potere invisibile che esiste oggi. Roosevelt non è stato l’unico, nel suo discorso di addio, il presidente Eisenhower ha avvertito dell’ascesa del potere mal posto che “esiste” e “persisterà” all’interno del complesso industriale militare.

Non molto tempo fa, il presidente Vladimir Putin ha spiegato come, dopo essere stato eletto un presidente negli Stati Uniti, “uomini in giacca e cravatta scura” entrano e fondamentalmente gestiscono lo spettacolo. (fonte)

Secondo il presidente Woodrow Wilson:

Da quando sono entrato in politica, ho avuto le opinioni degli uomini principalmente confidate in privato. Alcuni dei più grandi uomini degli Stati Uniti, nel campo del commercio e della produzione, hanno paura di qualcuno, hanno paura di qualcosa. Sanno che esiste un potere da qualche parte così organizzato, così sottile, così attento, così interconnesso, così completo, così pervasivo, che è meglio che non parlino al di sopra del loro respiro, quando ne parlano viene emessa una condanna. (La nuova libertà, un appello all’emancipazione delle generose energie di un popolo, scritto nel 1913)

Sembra che John F. Hylan, sindaco di New York City dal 1918 al 1925 avesse ragione nel dire che “la vera minaccia della nostra Repubblica è il governo invisibile, che come un polpo gigante si estende sulle gambe viscide delle nostre città, stati e nazione“.

Alla fine della giornata, se segui i soldi, non è difficile capire chi sia questo “governo invisibile” a cui molti hanno fatto riferimento. Una cosa è abbastanza chiara, non sembra che abbiano troppa preoccupazione per l’umanità o il pianeta Terra. Ci sono così tante prove che mostrano che l’élite finanziaria globale (vari membri di grandi politiche, corporazioni, Hollywood, famiglie reali, persone in posizioni di grande potere, il Vaticano, ecc.) Sono impegnate in alcuni comportamenti molto psicopatici. Ma sei davvero sorpreso? Guarda il mondo, i suoi sistemi e tutti gli aspetti che circondano l’umanità … è davvero un riflesso dei “leader” psicopatici. Ed è un riflesso del fatto che siamo totalmente ignari di esso a causa del lavaggio del cervello di massa. Tuttavia, in molti casi, sosteniamo e difendiamo questi sistemi e non accettiamo altro … Ci rifiutiamo di riconoscere cose che qualsiasi persona abbastanza intelligente dovrebbe essere in grado di vedere con un po’ di indagine.

Questo è il motivo per cui ho sentito il bisogno di condividere l’intervista qui sotto di William Binney. Binney è un ex funzionario dell’intelligence di alto livello presso la National Security Agency, che è diventata informatore dopo oltre 30 anni con l’agenzia. Ha emesso un fischio, come ha fatto Edward Snowden, dopo l’11 settembre sui programmi di raccolta e sorveglianza dei dati di massa dell’agenzia, insieme a J. Kirk Wiebe e Edward Loomis, altri due impiegati dell’agenzia.

Da allora, è stato abbastanza schietto e ha contribuito a far luce su molte altre questioni. Ha anche affermato che i programmi di sorveglianza dell’NSA non hanno nulla a che fare con la sicurezza della popolazione, ma sono piuttosto mezzi per continuare ulteriormente il “controllo totale della popolazione”. (Fonte)

Ciò avrebbe senso e confermerebbe anche tutte le prove che dimostrano le connessioni tra le organizzazioni terroristiche e il complesso industriale governativo / militare, comprese le prove che dimostrano il loro coinvolgimento nel finanziamento, nel sostegno e nella creazione di queste organizzazioni. Nonostante tutto, sostengono di “inseguire” gli stessi terroristi che sostengono in nome della democrazia.

Nell’intervista che segue, Binney fa riferimento anche al governo ombra per quanto riguarda Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, in particolare per quanto riguarda il suo recente arresto e detenzione.

Di seguito una citazione dell’intervista:

Per me, questa è semplicemente una continuazione dell’acquisizione del mondo da parte dei governi ombra del mondo e delle loro relazioni a livello internazionale. Sono sempre lì, non vengono votati dentro e fuori. Controllano tutte le informazioni che vengono fornite al presidente, ad esempio, per prendere decisioni. Possono personalizzare ciò che vogliono che faccia lui focalizzando alcune informazioni su di lui e tenendone gli altri lontani come il blocco dell’ombra. Non permettono ad altre opinioni di arrivare a lui in modo che non abbia l’opportunità di vedere un’altra visione. Hanno la maggior parte dei media mainstream chiusi e fanno quello che vogliono e che fanno adesso, ma è un po ‘come il chiodo nella bara che dice: “se mai fai qualcosa che espone tutti i crimini che stiamo commettendo o la criminalità che stiamo facendo dietro le quinte, se mai lo farai, arriveremo a te.”

Nell’intervista menziona anche come usano la “sicurezza nazionale” come scusa per fare tutto in segreto, e come è diventato un nome usato per giustificare segreti che sono molto poco etici e sbagliati.

E c’è il pericolo molto grave che un’annunciata necessità di maggiore sicurezza venga colta da coloro che sono ansiosi di espandere il suo significato fino ai limiti della censura e dell’occultamento ufficiali. Che non intendono permettere nella misura in cui è sotto il mio controllo. – JFK (fonte)

C’è un sacco di buon cibo per pensare, quindi assicurati di dare un’occhiata all’intervista.

Il messaggio è per tutti gli altri nel mondo, o sei conforme a ciò che ti diciamo di fare, o ti faremo questo.

The Takeaway

L’influenza del “governo segreto” è esattamente il motivo per cui vediamo così tanti presidenti che parlano contro certe cose durante le loro campagne, e poi all’improvviso fanno un centottantottesimo grado di ribaltare le loro promesse una volta che sono in carica. I presidenti, insieme ad altri politici, sono probabilmente ricattati, estorti, sottoposti a lavaggio del cervello o tenuti lontani da certe narrazioni e prospettive. Molti di loro non sono stati altro che marionette per l’élite globale. Alcuni lo fanno volentieri, altri inconsapevolmente. Se una cosa è vera sulla politica globale, è che ciò che ci viene presentato è lontano dalla verità per quanto riguarda ciò che sta realmente accadendo dietro le quinte.

Arjun Walia – Mi sono unito al team CE nel 2010 poco dopo aver finito l’università e sono stato grato per il fatto che sono stato in grado di farlo da allora poiché Ci sono molte cose che accadono sul pianeta che non risuonano con me, e io volevo fare quello che potevo per svolgere un ruolo nella creazione del cambiamento. È stato grandioso apportare cambiamenti nella mia vita e creare consapevolezza e non vedo l’ora di altri progetti che vadano oltre la consapevolezza, entrino in azione e attuazione. Quindi rimanete sintonizzati [email protected]

Questo articolo proviene da Evoluzione collettiva.  

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

L’Aquila l’Orso e il Drago

L’aquila ha dimenticato opportunamente che l’originale e antica Via della Seta metteva in contatto il drago con l’impero romano da secoli – senza intrusi, aldifuori dell’Eurasia – afferma Pepe Escobar.

C’era una volta, nella notte dei tempi, attorno a pochi fuochi da campo nei deserti del sud est dell’Asia, un tempo in cui si raccontava una favola sull’aquila, sull’orso e il dragone per il divertimento dei miei interlocutori arabi e persiani.

Si trattava di come all’inizio del XXI secolo,

 …si erano tolti i guanti (di pelo) e si erano messi in quello che risultò essere la Guerra Fredda Versione 2.0.

Man mano che ci avviciniamo alla fine della seconda decade di questo secolo già incandescente, forse è meglio rendere più bella la favola, con il dovuto rispetto per Jean de la Fontaine.

Sono passati i giorni in cui l’orso frustrato si offerse di cooperare ripetutamente con l’aquila e con i suoi seguaci su un tema caldo:

missili nucleari.

L’orso ripetutamente affermò che lo spiegamento di missili e radar per intercettare in questa terra di ciechi che guidava ciechi, l’Europa, era una minaccia.

L’aquila affermò ripetutamente che questo era fatto per proteggerci da quei persiani rinnegati.

Adesso l’aquila, che afferma che il drago sta avendo un viaggio facile, ha disatteso tutti i trattati ed è impegnata nello spiegamento di missili nucleari in determinati luoghi dell’est della terra di ciechi che primeggia su ciechi, puntando essenzialmente all’orso.

Ponte del drago, ljubljana. (Ali Eminov/Creative Commons)

Tutto ciò che brilla è seta  

Più o meno due decadi dopo che il principale orso Putin ha definito quella che è “la maggior catastrofe geopolitica del XX secolo, propose una forma di luce dell’URSS:

un organismo politico/economico chiamata l’Unione Economica dell’Eurasia (EAEU).

L’idea era che la EAEU interagisse con la UE… la principale istituzione dell’equipaggio eterogeneo si riunì come i ciechi che guidano i ciechi.

L’aquila non solo rifiutò la possibile integrazione, ma le venne in mente di mettere in atto uno scenario di rivoluzione dal colore modificato per disunire l’Ucraina dalla EAEU.

Prima di questo, l’aquila aveva voluto stabilire una Nuova Via della Seta sotto il suo totale controllo.

L’aquila opportunamente aveva dimenticato che l’antica Via della Seta, univa il drago con l’impero romano da secoli, senza intrusi che venivano dall’Eurasia.

Quindi potete immaginare lo stupore dell’aquila quando il drago irruppe nello scenario mondiale con le sue Nuove Vie della Seta super cariche, rendendo attuale l’idea originale dell’orso di una zona di libero commercio “da Lisbona a Vladivostock” e anche un corridoio di collegamento molteplice, sia terrestre che marittima, dall’est della Cina all’Europa Occidentale e tutto ciò che si trova in mezzo che comprende tutta l’Eurasia.

Difronte questo nuovo paradigma, i cechi rimasero ciechi per tanto tempo come possiamo ricordare…non hanno potuto reagire in tempo.

L’aquila da parte sua, andò aumentando gradualmente gli attacchi. Lanciò ciò che equivaleva a tutti i propositi pratici per stringere un cappio con le armi in maniera progressiva contro il drago.

L’Aquila ha fatto una serie di movimenti che equivalgono a incitare le nazioni che circondano il Mar della Cina Meridionale per contrapporsi al drago mentre riposizionano una serie di giocattoli (sootomarini nucleari, portaerei, aerei da combattimento) sempre più vicini al territorio del drago.

Per tutto il tempo ciò che il drago ha visto e continua a vedere, è un’aquila maltrattata che cerca di uscire da un declino irreversibile che cerca di intimidire, allontanare e sabotare l’ascesa irreversibile del drago, dove è stato per 18 degli ultimi 20 secoli, insediato come il re della foresta.

Un elemento chiave è che i giocatori di tutta la Eurasia sanno che, con le nuove leggi della giungla, il drago non può e non si ridurrà ad essere un attore secondario.
E i giocatori di tutta l’Eurasia sono troppo intelligenti per imbarcarsi in una Guerra Fredda Versione 2.0 Y che debiliterebbe l’Eurasia stessa.
La reazione dell’aquila alla strategia della Via della Nuova Seta del drago ha impiegato un certo tempo dal passaggio della mancata azione alla completa demonizzazione, aggiungendo alla descrizione sia del drago sia dell’orso che sono minacce per l’esistenza
E senza dubbio nonostante tutto il fuoco incrociato, i giocatori di tutta l’Europa non sono poi molto impressionati da un impero dell’aquila armata fio ai denti.
Specialmente dopo che la cresta dell’aquila fu molto danneggiata dall’insuccesso nella caccia in
Le portaerei dell’aquila che pattugliano la parte orientale del Mare Nostrum non stanno proprio impaurendo l’orso, i Persiani e i Siriani.

James Audubon e il suo diario, pubblicato nel 1899 e reso di Dominio Pubblico. (Wikimedia Commons)

 Un “nuovo inizio ” tra l’aquila e l’orso è stato sempre un mito.
C’è voluto un po’ di tempo e molte difficoltà finanziarie, perché l’orso si rendesse conto che non ci sarebbe stato nessun nuovo inizio, mentre il drago vide solo un nuovo inizio verso un confronto aperto.
Dopo essersi rafforzato, in modo lento ma sicuro come la potenza militare più avanzata del pianeta, con conoscenze ipersoniche l’orso è arrivato a una conclusione sorprendente:
Non ci interessa ciò che dice o faccia l’aquila…

Sotto il vulcano infuriato

Intanto il drago ha continuato a espandersi inesorabilmente, in tutte le latitudini asiatiche, sia in Africa, sia in America Latina e anche nelle praterie infestate dalla disoccupazione dei ciechi colpiti dall’austerità che hanno diretto i ciechi.
Il drago è fermamente sicuro che se è messo alle strette da dover ricorrere a una opzione nucleare, ha il potere di far esplodere l’incredibile deficit dell’aquila, di degradare il suo rating e causare devastazioni nel sistema finanziario globale.
Non ci deve sembrare strano che l’aquila, sotto una nuvola paranoica di dissonanza cognitiva che l’avvolge da tempo, che alimenta propaganda 24/7 ai suoi sudditi e schiavi nani, continua a espellere lava come un vulcano furioso,

Fa molto male ammettere che il centro politico/economico di un nuovo mondo multipolare sara l’Asia… in realtà l’Eurasia.

Man mano che l’aquila diveniva sempre più minacciosa, l’orso e il drago si avvicinavano in una associazione strategica.

Adesso, sia l’orso sia il drago hanno troppi vincoli strategici in tutto il pianeta perché siano intimiditi dal massivo Impero di Basi (militari) dell’aquila o da quelle coalizioni periodiche “a volontà” (un tantino reticente)… 

Friedrich Johann Justin Bertuch, La creaturaa mitica del drago, 1806. (Wikimedia Commons)

In coincidenza con l’integrazione totale e in avanzata dell’Eurasia, di cui le Nuove Vie della seta sono il simbolo grafico, la furia scatenata dell’aquila, non ha niente da offrire eccezion fatta di una ripetetizione di una guerra contro l’Islam con il ritiro armato di ambedue, l’orso e il drago.
Poi c’è la Persia (Iran) quei maestri di scacchi.
L’aquila ha sparato a zero sugli Iraniani fin da quando non ebbero più il proconsole dell’aquila, lo Sha, nel 1979 e questo dopo che l’aquila e la perfida Albione già avevano schiacciato la democrazia per collocare lo Sha al potere nel 1953 che fece sì che Saddam sembrasse un Gandhi.
L’aquila vuole recuperare tutto quel petrolio e gas naturale per non parlare di un nuovo Sha come nuovo gendarme del Golfo Persico.
La diffferenza sta nel fatto che adesso l’orso e il drago stanno dicendo ‘in Nessun Modo’
Che farà l’aquila?
Istituire una falsa ideologia per terminare con tutte le altre?
Questo è il punto in cui ci troviamo adesso.
E ancora una volta arriviamo al finale, anche se non è la fine. Tuttavia non c’è morale per questa favola rivisitata. Continuiamo a sopportare le onde e le frecciate di una sorte indegna.
La nostra unica e sottile speranza è che un gruppo di uomini vuoti ossessionati dal ‘Secondo Arrivo‘ non trasformi la Guerra Fredda Versione 2.0 in un Armagedon
di Pepe Escobar, un veterano periodista brasiliano, è in genere il corrispondente per Asia Times, con sede in Hong Kong. Il suo ultimo libro è ” 2030 “
 
dal Sito Web ConsortiumNews 
traduzione di Nicoletta Marino