Archivi categoria: Costume & Società

Come in un volo aereo di linea commerciale

La normalizzazione della follia

di Julian Rose

Sono seduto nella sala partenze dell’aeroporto di Cracovia, in attesa del volo per Edimburgo. Di fronte c’è una giovane donna con un cellulare rosa appoggiato al cavallo delle sue gambe e una bottiglia di plastica di Coca Cola in piedi nello stesso posto. Il primo, lentamente sta distruggendo il suo cervello e la sua capacità riproduttiva e il secondo lentamente sta distruggendo il suo intestino e il sistema nervoso.

Ha delle estensioni per le orecchie che provengono dal suo cellulare e indossa un’espressione vacua sul suo viso, un po’ dimessa. Ignara senza dubbio, che sta riducendo costantemente la sua aspettativa di vita.

È un posto abbastanza affollato. La consueta schiera di società globali dominanti mostra le ultime novità nei corridoi sterili illuminati dal neon che sono diventati l’ambiente stereo tipico degli aeroporti internazionali di tutto il mondo. Ogni prodotto confezionato e esposto viene visualizzato come “irresistibile”.

L’aria in questo posto è “condizionata”, ma così è tutto. Compreso il mucchietto di smog elettronico di microonde che assicura che il cervello di nessuno stia funzionando come dovrebbe. Siamo tutti anestetizzati.

L’elettricità prodotta è l’energia dominante qui, ronzante e continua attraverso i punti di forza di centinaia di elettrodomestici, schermi e hotspot Wi-Fi. Aeroporti come questo simboleggiano la normalizzazione della follia. I meno moderni totem techno-dipendenti della moderna era guidata dai computer, che strisciano avanti e indietro nella loro omogeneizzazione della diversità planetaria.

La signorina di fronte scruta lo schermo del suo cellulare. All’improvviso un piccolo barlume di un’espressione le anima il viso. Qualcuno le sta mandando un messaggio. Mi chiedo cosa dice? Forse “Come stai tesoro? Sono appena tornato a casa e ho trovato il tuo fratellino giocare a ‘giochi di guerra 3’ nella sua nuova App. Papà sta falciando il prato – di nuovo! Buon volo e non dimenticarti di mandarci un messaggio quando arrivi! Luv, mamma. “La sua faccia ritorna neutrale e sostituisce il telefono nella sua originale posizione di vita.

Fuori dalla finestra, vari e diversi veicoli robotici manovrano intorno agli acri di asfalto che formano i terminal degli aeroporti internazionali. Non un albero in vista. A pochi posti di distanza da me, un bambino è seduto sulle ginocchia della madre, meditando meditabondo su qualunque cosa si tratti di quei bambini. All’improvviso un bel sorriso illumina il suo volto. Un’aura sottile di redenzione si blocca nell’aria – e per un solo istante – la gioia pura penetra nel piccolo spazio in cui questa bambina emana il suo momento di piacere non trattato. Com’è bello vedere e sentire il potere dello spirito umano emergere in mezzo a questo inquieto luogo di cemento, fili, vetro e plastica.

In precedenza, sulla sicurezza, sono stato messo da parte per aver avvisato la macchina a raggi X. Un agente di sicurezza prende un paio di pinzette con una linguetta all’estremità e scansiona le mie mani e polsi. Che strano, penso, essere qui a scansionare … fino a quando mi ricordo che sempre più mortali ora hanno delle patatine ai polsi che senza dubbio allertano la macchina scanner. Mi viene in mente che forse sono stato “scheggiato” inconsapevolmente e sono costantemente monitorato dall’ufficio di investigazione centralizzato del fratello maggiore. Non è impossibile con qualsiasi mezzo, ma più probabilmente il motivo per cui il semaforo rosso si è acceso, è stato un pezzo di acciaio inserito nella gamba inferiore dal chirurgo osseo polacco che ha riparato la mia caviglia rotta un anno fa.

Circa trenta minuti dopo, a bordo dell’aereo, il lato umano della vita riesce a intervenire ancora una volta, questa volta nella forma dell’amministratore di volo; un’anima gioviale con un ampio accento scozzese e un sorriso scintillante. Le risate scoppiano mentre spiega perché, a causa dei passeggeri in arrivo che si eccitano, c’è una mancanza di panini a bordo per il viaggio di ritorno. Il vivace maggiordomo, ben oltre le fasi successive della sua carriera professionale, mi ha ricordato il lattaio che una volta ho assunto per consegnare il mio latte non pastorizzato e panna a Guernsey agli abitanti del South Oxfordshire. Era un Glasgowiano (di Glasgow) e quasi nessuno capiva una parola che stava dicendo – incluso me – così forte era il suo accento.

Ma ringraziamo Dio per il fatto che questi individui eccentrici rimangono in libertà nella società dominata dalle imprese, politicamente corrette e standardizzate. Non tutto è perduto, nonostante tutti i tentativi fatti per condurci alla sottomissione a un’esistenza di realtà virtuale senz’anima. Infatti, sempre più ci sono segni di una nuova vita che sta crescendo dove potrebbero essercene meno, come in un volo aereo di linea commerciale tra Cracovia ed Edimburgo. Ci sono sempre alberi che, dato solo il minimo barlume di luce, riescono a crescere attraverso il cemento progettato per tenerli fuori. Quelli in grado di essere ‘umani’ rappresentano probabilmente la maggioranza su questo pianeta; ma le pressioni per conformarsi all’agenda orwelliana cyborgiana sono implacabili – e il calore del cuore è spesso la prima vittima in questa spinta al dominio da parte di un “nuovo ordine mondiale” industriale guidato dai banchieri.

Il volo è tranquillo, per fortuna. Le persone si sistemano nelle solite occupazioni che preoccupano i passeggeri stipati come sardine in rumorosi e distintamente primitivi tubi di alluminio pressurizzati di due centimetri, proiettati nell’atmosfera superiore grazie a enormi volumi di cherosene sintetizzato.

Scendiamo sull’asfalto dell’aeroporto di Edimburgo e ci fermiamo al portellone. Tutti balzano in piedi come se rispondessero ai ritornelli di God Save the Queen. C’è la solita cavalcata sconveniente verso il punto di uscita del passeggero, con i telefoni cellulari ancora una volta in vigore; twittare e twittare come uno stormo di uccelli spaventati.

Ma poi qualcosa di decisamente diverso: i passaggi verso le formalità doganali sono completamente privi di pubblicità. Non c’è il solito ronzio elettromagnetico frenetico; niente musica prodotta in serie. La gente sembra rallentare. Al controllo dei passaporti un silenzio quasi palpabile riempie la sala. Le coppie sono prese insieme, passando senza intoppi attraverso i cancelli. Si può quasi toccare il senso di qualcosa di reale. Si può quasi sentire l’odore del “groviglio delle isole”. Quasi percepiscono gli altopiani non così lontani; i laghi, il mare, le alghe, l’erica e l’orgoglioso pifferaio nella valle.

Per coloro che conoscono queste parti, un piccolo brivido passa lungo la spina dorsale. Non sentiamo il lontano ritornello di cornamuse che ci chiama di nuovo alle armi? Antica e antica terra di aspre e aspre colline di granito, punteggiata da torrenti montani a cascata. Il paesaggio ossessionante e quasi senza alberi, devastato dall’uomo in passato, ma che trasuda ancora un potere magnetico irresistibile.

Uscendo da Edimburgo e percorrendo un sentiero attraverso i desolati altipiani verso le Western Isles, Jadwiga dichiara che la scena è “Un triste tipo di bellezza.” “Qui puoi vedere l’orgoglio di coloro che si sono trattenuti e che si sono rifiutati di essere “sviluppati” “pensò. “Una bellezza terribile”, io, uno scozzese, a forza dei miei antenati del clan Rose of Kilravock. E mentre viaggiamo, così questa piccola storia di umanità e disumanità si ferma. La morale, se dovessi chiamarla, è questa: dove l’uomo ha, per qualsiasi ragione, fallito nell’installare gli attributi laceranti e tormentosi della modernità, così vive invitando i nostri sensi più profondi a risorgere e riprendere a respirare. Suona, pifferaio alle porte dell’alba!

Fonte: https://www.activistpost.com/

®wld

I Fabiani – Quinto Fabio Massimo

Comprendere le tattiche del globalismo sovversivo

di Brandon Smith  

Quando l’ideologia del globalismo viene discussa nei circoli del movimento della libertà, spesso ci sono incomprensioni sulla fonte della minaccia e su ciò che rappresenta veramente. Questo può in alcuni casi essere di progettazione. Nell’ultima era del presunto “populismo” guidato da figure come Donald Trump, una generazione completamente nuova e molto verde di attivisti della libertà si trova concentrata sulla sinistra politica in generale, ma sembra ossessionata dall’attaccare i sintomi del globalismo piuttosto rispetto alla fonte. Attribuisco questo a un’intelligente campagna di propaganda da parte di istituzioni globaliste.

 

Ad esempio, quando il globalismo è cresciuto nei termini delle sue influenze cospirative, il nome di George Soros viene solitamente menzionato. Soros è un evidente spauracchio per gli attivisti della libertà, perché i suoi soldi possono essere trovati in numerose organizzazioni del marxismo culturale (giustizia sociale) e la sua influenza è facilmente comprensibile e digerita in quel modo. I conservatori preferiscono porre l’accento su Soros perché appare decisamente di sinistra e quindi il globalismo diventa sinonimo di movimenti di sinistra. Ma che dire di tutti i globalisti all’interno della destra politica?

 

Il globalismo ha i suoi guardiani in entrambi i campi politici; persone che manipolano o definiscono apertamente i leader politici e i messaggi politici sulla destra come fanno a sinistra. Mentre qualcuno come George Soros fa da guardiano della sinistra, abbiamo anche persone come Henry Kissinger, un guardiano globalista della destra. Gli stretti rapporti di Kissinger con l’amministrazione Trump o la sua lunga amicizia con il russo Vladimir Putin sono cresciuti molto meno nel movimento della libertà in questi giorni. Perché? Perché questo non si adatta alla falsa narrativa che i globalisti stanno “prendendo di mira” Trump o Putin. Quando esaminate questi leader e i loro legami con una vasta schiera di sostenitori globalisti, questa affermazione diventa assurda.    

 

Nel 2016, alcuni mesi prima delle elezioni presidenziali, Bloomberg, l’agenzia di stampa globalista, ha pubblicato un articolo che ha entusiasmato sulla possibilità che Trump inghiottisse e assimilasse quello che chiamavano il “Tea Party”, alla fine distruggendolo. A quel tempo i media usavano il termine “Tea Party” come codice per qualsiasi sovranità o gruppo costituzionale, proprio come i media cercavano di avvolgerci tutti nel termine “alt-destra” dopo l’elezione di Trump.

 

C’era una ragione per cui Bloomberg trovava particolare gioia nell’idea che Trump avrebbe assorbito il movimento della libertà. Il movimento stava diventando una minaccia decentralizzata all’agenda globalista, una minaccia che non poteva essere facilmente quantificata o dominata perché non aveva una leadership identificabile. Eravamo un movimento basato sulla conoscenza e sull’azione individuale. I nostri migliori “leader” sono stati insegnanti, non politici, e queste erano persone guidate da esempi personali, non da mandato o retorica.  

 

Il movimento per la libertà ha conquistato terreno in ogni campo immaginabile, dallo smantellamento dei media mainstream attraverso piattaforme alternative, alla grande spinta contro il culto della giustizia sociale. Qualcosa doveva essere fatto.  

 

Entra in Trump, un’icona di cultura pop sfarzosa con un bagliore per sensazionalismo. Non era uno statista come Ron Paul che spiegasse le complessità dei problemi dell’America in modo misurato. No, Trump era come una palla da demolizione, un messaggio forte e sfacciato a sinistra che eravamo stanchi di essere sulla difensiva e stavamo venendo a prenderli. Ma la realtà era che Trump non era un elemento necessario della lotta. Non è mai stato. L’anti-globalismo e la giustizia anti-sociale stavano già colpendo il mainstream. La sinistra era già in fuga. Trump non ha creato quell’onda, il movimento per la libertà lo ha fatto per lui, l’ha semplicemente guidato nella Casa Bianca. Prego, Donald.  

 

Il problema era che Trump non era quello che sembrava essere per molte persone. Con tutta la sua retorica contro le élite bancarie a cui si riferiva come creature della “palude” che soffocava Washington, Trump allora procedette a caricare il suo governo presidenziale con elitari e globalisti non appena fu eletto. Questi stessi membri e consiglieri del governo andarono a partecipare a riunioni globaliste come il segreto gruppo Bilderberg dopo che Trump era stato eletto. Persone come l’agente bancario Rothschild e il segretario al Commercio Wilber Ross che hanno partecipato ufficialmente nel 2017, o il consigliere Peter Thiel che ha partecipato ufficialmente nel 2018.  

 

Questo non era affatto sorprendente per me. Ho previsto che questo sarebbe stato il probabile risultato (insieme a una presidenza Trump) nel mio articolo ” Clinton contro Trump e il movimento della libertà”, pubblicato a settembre 2016.  

 

Il punto è che scegliere semplicemente il lato della destra politica non è abbastanza per proteggere gli attivisti dalla sovversione globalista. Radunando attorno a politici controllati e controllando le nostre azioni, il movimento della libertà si rende vulnerabile e decisamente impotente.  

 

Quindi, sorge la domanda: come continueremo a lottare contro la 4a guerra di Generazione che viene imposta contro di noi? Parte della soluzione continua a riposare nella nostra comprensione del nemico.  

 

Continuo a credere che il modo migliore per comprendere il globalismo sia quello di studiare ed esporre gli sforzi di un gruppo chiamato “Fabian Society”, altrimenti noto come socialisti fabian. La società fu fondata in Inghilterra nel 1884 ed era un’estensione dei gruppi della “tavola rotonda” che venivano stabiliti da elitisti globali in Occidente all’epoca. I Fabiani sono stati in prima linea in quasi tutti i movimenti pro-socialisti e pro-globalisti del secolo scorso, e mentre non ricevono l’attenzione di istituzioni come il Council on Foreign Relations o persino il Gruppo Bilderberg, le loro discussioni aperte su le loro stesse motivazioni e obiettivi li rendono una fonte primaria di dati sulla psicologia dei nostri avversari.  

 

La Fabian Society ha più mascotte che suggeriscono la natura del globalismo. Un simbolo del gruppo è una tartaruga arrabbiata con lo slogan “Quando colpisco colpisco forte”, indicando la natura lenta e deliberata del globalismo e la sua diffusione metodica in ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Un’altra mascotte che hanno usato in passato è un lupo vestito da pecora, un simbolo che penso sia auto esplicativo, ma per chiarire: una persona che sembra essere anti-globalista nella retorica o che viene criticata da persone come i Fabiani può ancora essere un fabian travestito. Le loro relazioni con gli elitisti espongono la loro vera natura come un cavallo di Troia.  

 

Penso che la migliore rappresentazione di queste persone e del loro pensiero risieda nelle loro stesse parole, comunque. Ecco alcune citazioni scelte dai membri del passato:  

… La Cospirazione Aperta apparirà per prima, credo come un’organizzazione cosciente di uomini intelligenti, e in alcuni casi ricchi, come un movimento che ha obiettivi sociali e politici distinti, confessando ignorando la maggior parte dell’attuale apparato di controllo politico, o usandolo solo come un attrezzo incidentale negli stadi, un semplice movimento di un certo numero di persone in una certa direzione, che al momento scoprirà, con una sorta di sorpresa, l’oggetto comune verso cui si muovono tutti. In tutti i modi, influenzeranno e controlleranno il governo apparente. ” – HG Wells: The Open Conspiracy: Blue Prints for a World Revolution, 1928.  

 

“Ho anche chiarito che il socialismo significa uguaglianza di reddito o niente, e che sotto il socialismo non ti sarà permesso di essere povero. Verresti nutrito, vestito, alloggiato, istruito e assunto con la forza, che ti piaccia o no. Se si scoprisse che non avevi il carattere e l’industria abbastanza per valere tutti questi problemi, potresti essere giustiziato in modo gentile; ma mentre ti è stato permesso di vivere, dovresti vivere bene. ” – George Bernard Shaw, Guida al socialismo e al capitalismo della donna intelligente, 1928  

 

“Non pretendo che il controllo delle nascite sia l’unico modo per impedire alla popolazione di crescere. Ce ne sono altri, che, si deve supporre, preferirebbero gli oppositori del controllo delle nascite. La guerra, come ho osservato un momento fa, finora è stata deludente in questo senso, ma forse la guerra batteriologica potrebbe rivelarsi più efficace. Se una Morte Nera potesse essere diffusa in tutto il mondo, una volta in ogni generazione i sopravvissuti potrebbero procreare liberamente senza rendere il mondo troppo pieno. Non ci sarebbe nulla in questo per offendere le coscienze dei devoti o per frenare le ambizioni dei nazionalisti. Lo stato delle cose potrebbe essere un po ‘spiacevole, ma che ne pensi? Le persone veramente di mente alta sono indifferenti alla felicità, specialmente agli altri. ” – Bertrand Russell, L’impatto della scienza sulla società , 1953  

 

“Penso che l’argomento che sarà di maggiore importanza politicamente sia la psicologia di massa. … A breve arriveranno vari risultati: che l’influenza della casa è ostruttiva … anche se questa scienza sarà studiata diligentemente, sarà rigidamente confinata alla classe dirigente. Alla popolazione non sarà permesso di sapere come sono state generate le sue convinzioni. Quando la tecnica è stata perfezionata, ogni governo che è stato responsabile dell’educazione per una generatione sarà in grado di controllare i suoi soggetti in modo sicuro senza la necessità di eserciti o poliziotti … La propaganda educativa, con l’aiuto del governo, potrebbe raggiungere questo risultato in una generazione. Esistono, tuttavia, due potenti forze contrarie a tale politica: una è la religione; l’altro è il nazionalismo. … Una società scientifica mondiale non può essere stabile se non esiste un governo mondiale. ” – Bertrand Russell: The Impact of Science on Society, 1953  

 

“E mi sembra perfettamente nelle carte che ci sarà tra la prossima generazione o un metodo farmacologico per far amare la propria servitù e produrre … una sorta di indolore campo di concentramento per intere società, così che in effetti le persone avranno le loro libertà vengono portate via da loro, ma preferiscono goderne, perché saranno distratti da qualsiasi desiderio di ribellarsi con la propaganda, il lavaggio del cervello o il lavaggio del cervello rafforzati dai metodi farmacologici. ” – Aldous Huxley,” The Ultimate Revolution “20 marzo 1962 Berkeley Language Centro  

Oggi la Fabian Society esiste ancora e opera come un think tank molto simile a qualsiasi altro think tank globalista. I loro articoli e saggi spingono l’ultima propaganda globalista dall’eliminazione della sovranità nazionale alla promozione della politica di genere e della “fluidità” di genere. Ma cosa possiamo trarre da questi scritti e dalle dichiarazioni dei membri passati?  

 

Primo, i globalisti usano tattiche di tipo guerrigliero per raggiungere i loro obiettivi e spesso agiscono lentamente e silenziosamente nel corso di anni o decenni. La Fabian Society prese il nome dal generale romano Quinto Fabio Massimo che usava notoriamente tattiche di logoramento e ritardo per sconfiggere i suoi nemici. Gli attivisti della libertà devono iniziare a pensare in termini di gioco lungo, proprio come fa un giocatore di scacchi, al fine di cogliere l’agenda globalista. Gli eventi innescati oggi potrebbero avere effetti desiderati che non sono necessariamente ovvi per ora, a meno che non consideriamo in che modo si riferiscono allo schema più grande.  

 

Questo è particolarmente vero in termini di economia. I globalisti mettono in scena bolle fiscali con molti anni di anticipo e utilizzano la crisi economica come catalizzatore per il cambiamento sociale su larga scala. Di solito questo si traduce in una crescente centralizzazione della ricchezza e del potere. Tuttavia, lo spostamento del dominio finanziario è sottile per coloro che non prestano particolare attenzione ai dettagli. Una bolla del mercato potrebbe impiegare un decennio per svilupparsi prima che venga deliberatamente spuntata. Nel frattempo tutti i fondamenti stanno urlando che qualcosa è molto sbagliato, ma la maggioranza del pubblico rimane ignara fino a quando non è troppo tardi.

 

Secondo, il controllo dei governi e dei leader politici è di primaria importanza per il successo del globalismo. L’idea che QUALUNQUE principale leader politico arrivi al potere senza l’influenza globalista è assolutamente ingenuo. Trump e il suo gabinetto nominato da una creatura di palude sono esempi perfetti di questo. La retorica non ha senso, e mentre questi leader possono gettare la loro base un osso di tanto in tanto, alla fine le loro azioni spingono solo la palla in avanti per i globalisti. Ciò potrebbe anche includere il sabotaggio della propria presidenza per far posto a una “soluzione” globalista.  

 

In terzo luogo, la psicologia di massa è un’ossessione globalista. Tutto il potere deriva dalla percezione. I prestanome e i gruppi ideologici offrono talvolta la promessa di un vantaggio sociale per il pubblico senza molto sforzo da parte loro. La tentazione di questa offerta può portare le persone a cedere il loro libero arbitrio in cambio. Ma non tutti i “progressi” sono effettivamente vantaggiosi per le masse e la miseria di solito segue tali accordi faustiani con le élite. La fuga è difficile.  

 

Pertanto, i globalisti devono controllare la narrativa a tutti i costi. Il pubblico deve essere diviso il più possibile per tenerli distratti dalla mano guida della cabala stessa. E qualsiasi gruppo che si oppone direttamente deve essere cooptato o distrutto. Più le persone si concentrano sui globalisti e le loro organizzazioni come fonte principale di instabilità sociale, più diventano scomodi.

 

Quarto, la maggior parte delle azioni globaliste si basano oggi sulla quarta guerra di Generazione; significato, poche cose sono esattamente come sembrano, sempre. Sospetto che il successo degli attivisti della libertà li abbia costretti a forme di teatro più elaborate. Nulla di ciò che fanno è sempre semplice se non hai studiato le motivazioni e la mentalità dei globalisti, poi diventano piuttosto prevedibili, poco originali e bizzarramente robotizzati nel loro comportamento. Sembrano brillanti nell’esecuzione delle loro agende solo perché hanno secoli di esperienza nell’implementare gli stessi giochi di carte più e più volte. Sono dei vagabondi sociopatici; sono intelligenti e senza rimorsi, ma non geni in ogni senso della parola.

 

Per ora, educare il movimento generale della libertà e le persone intorno a noi su questi temi rimane il metodo migliore per gettare una chiave inglese nella macchina globalista. Contrastare i loro psiche dovrebbe essere il nostro compito di apice, e cadere nelle trappole narrative che creano devono essere evitati. Hanno speso una considerevole quantità di pensiero ed energia cercando di cooptare i nostri sforzi, e questo dovrebbe far riflettere tutti. Perché se non fossimo una vera minaccia, perché dovrebbero preoccuparsi di noi?

 

 [email protected]  

 

http://www.alt-market.com/ 

 

®wld

Il dogma post-moderno della ‘parità’

 

 TESTE QUOTE

posted by Francesco Carraro

Notizie dal futuro. E non sono buone. La Royal Academy of Arts di Londra, in occasione della mostra ‘Renaissanse nude’ (sui nudi del Rinascimento) del marzo 2019, applicherà la parità di genere, esponendo tanti quadri di nudo maschile quanti quadri di nudo femminile. Se la prima vostra reazione è un cenno di assenso, siete perduti. Se, invece, è un moto di ripulsa, siete normali. Questo post è destinato ai secondi. Vi capisco. Comprendo la vostra frustrazione, ma è il momento di ragionare a sangue freddo. Perché succede? Questo dobbiamo chiederci. Perché, sempre più spesso, ci imbattiamo in notizie che ci fanno dubitare della residua sanità mentale dell’essere umano? Perché idiozie così palesi, persino pacchiane nella loro irragionevolezza, fanno breccia anche presso istituzioni di altissima levatura culturale e intellettuale, come la Royal Academy, o politica, come il Parlamento italiano, dove ancora riecheggiano le risate suscitate dalle ossessioni da dizionario della sua ex presidente, anzi presidentessa?

Andiamo subito al sodo: il motivo apparente di tali iniziative – e cioè la tutela del cosiddetto sesso debole – non c’entra nulla con le iniziative stesse. È un’esca. Una foglia di fico destinata a celare l’obbiettivo principe; che non è la protezione delle donne, ma la manipolazione delle menti. Imporre l’ossessione per la cosiddetta parità di genere, fino a derive deliranti come la galleria rinascimentale del sessualmente corretto, serve a compartimentare i cervelli. Propiziare, cioè, nuove logiche binarie di ragionamento simili all’idioma basico delle macchine informatiche costituito solo da due elementi: zero e uno, alternati all’infinito e miscelati in smisurate combinazioni. Fatte tutte, però, di zero e di uno. E se la perversione – tale può definirsi la mania ossessivo compulsiva dei feticisti paritari – è giunta al punto da colonizzare le sale di una pinacoteca o le aule di un’assemblea elettiva o le redazioni di un giornale, allora possiamo ben dire che il processo è in fase talmente avanzata da risultare irreversibile. La riprova sta proprio nell’aver traguardato la soglia del ridicolo senza far ridere nessuno. E nell’averlo fatto da un pulpito di autorevolezza indiscussa come le cattedre di un’accademia reale. Che deve dire l’uomo della strada? Gli viene il dubbio di essere lui quello ‘sbagliato’. Se una decisione tanto cretina la prende un consesso di geni, allora forse la decisione non è così cretina. Magari, bisogna solo adeguarsi. E pensarci due volte prima di violare il dogma post-moderno della ‘parità’.

Una medesima funzione di ingessatura cerebrale la svolgono i comandamenti del politicamente consentito: rieducare la nostra naturale ritrosia al pensiero unico, le nostre umanissime tendenze all’anarchia e all’indisciplina, attraverso dosi massicce di conformismo perbenista e convenzionalmente accettabile. Completano l’opera il depauperamento lessicale, l’imbarbarimento sintattico e l’anoressia concettuale provocati da quei killer del linguaggio che sono i social network e i semplificatori seriali della ‘intelligenza’ digitale. Volendo sintetizzare in uno slogan, potremmo dire: meno pensieri per tutti. Anzi, per tutte. Anzi, per tutti. Anzi, per tutte. Anzi per tutti. Anzi, per tutte…

Francesco Carraro
www.francescocarraro.com

®wld

La malattia cumulativa omnidale si sta metastatizzando

Crollo del sistema globale: i geni e la “natura umana” non sono la causa del “caos mondiale”

By Prof. John McMurtry
Global Research, September 06, 2018

Nota dell’autore: il testo di questo articolo è tratto da un dibattito online su Science for Peace, Dipartimento di fisica, Università di Toronto, settembre 2018

C’è una spiegazione popolare per il caos del mondo ora su di noi, e molti scienziati e filosofi lo sostengono. La forma di questa argomentazione è che la crescente crisi globale che affrontiamo fa risalire alla natura umana e ai geni per spiegarla.

L’ormai diffusa categoria scientifica di antropocene per localizzare la crisi globale esprime la stessa idea e gestisce lo stesso diversivo dalla causa comune.

In realtà, nessuno può spiegare a distanza il collasso del sistema globale in corso né l’estrema destabilizzazione climatica che è il principale sintomo noto di esso.

La crisi della vita planetaria su tutti i fronti è limitata a un meccanismo causale molto più specifico: gli assalti cumulativi, montanti e non regolamentati della distruzione industriale privata, dell’inquinamento, dell’esaurimento e dei rifiuti dei consumatori in un periodo relativamente breve dell’epoca dell’antro.

Ma l’argomentazione ” genetica umana” o ” natura umana” oscura questo fatto fondamentale. Non viene da persone stupide, ma è una spiegazione stupida.

L’antico errore della “natura umana” per spiegare le istituzioni cieche della vita

Più esattamente, è un preconcetto duraturo che è stato dominante fin dai tempi antichi. È stato spesso smentito, ma il suo ritorno esprime in un altro modo la cecità vitale istituita dell’era neo-capitalista.

In questa pericolosa congiuntura dell’evoluzione umana e della storia, è un altro ostacolo ideologico a far deragliare l’esame del problema socio-strutturale.

Dobbiamo tenere a mente che la stessa argomentazione sulla “natura umana” è stata a lungo in atto per spiegare la schiavitù come un fenomeno naturale. Socrate, Platone e Aristotele, la più tranchant, concepirono la schiavitù come naturale per gli esseri umani e così immutabile. Erano uomini molto intelligenti, ma lo consideravano un dato di fatto della condizione umana.

Fin dal primo studio di questi filosofi, ho osservato l’argomento riapparire in tempi malvagi per bloccare la comprensione delle persone sull’effettiva causa socio-strutturale dei problemi solubili.

Ad esempio, l’accettazione della guerra e della schiavitù per millenni si è basata su un “argomento di natura umana”. È naturale che alcuni regnino e altri li servano, e le guerre decidono quale gruppo è più adatto a governare.

Di fatto, entrambe le istituzioni non sono affatto espressioni di natura umana, ma istituzioni totalitarie forzate pervasivamente di omicidi di massa e schiavitù in particolari formazioni sociali che servono la sovranità della minoranza ricca e senza lavoro. loro.

Il capitalismo non è naturale o determinato dal gene

Il capitalismo del sequestro monetario è un’estensione storica di queste istituzioni che regna ancora. La sua differenza è che una forma finanziaria de-regolata e iper-aggressiva ha portato le tendenze di uccisione di massa che sono state patogene a senso unico dal momento che la svolta di Reagan-Thatcher contro il diritto pubblico di protezione della vita e di non partigiani governo.

Continua ancora oggi. Ma i danni cumulativi ignorati da tempo hanno raggiunto. L’organizzazione della vita planetaria sta pagando il prezzo in termini di degenerazione e collasso ad ogni livello, arricchendo ulteriormente quelli che guidano la catastrofe globale.

Hanno scure ragioni per scegliere e finanziano tranquillamente l’argomento dei “geni”, “natura umana” e “antropocene” come la ragione del caos crescente.

Eppure questa regola clinicamente folle è assurdamente attribuita a “natura umana” e “geni” anche da coloro che non ne traggono beneficio. Dopo tutto, molte più vittime sono “natura umana” anche con “geni umani” in “l’antropocene”, e solo una minoranza è d’accordo con le politiche, e sempre più aborriscono i leader e il sistema che guidano che insieme producono tali carattere inumano e malgoverno eco-genocida.

Eppure avrete ancora i pensatori più eminenti – anche l’inventore dell’impronta

ecologica – sostengono che il nostro attuale sistema ecocida si basa su un carattere genetico formato nel nostro passato remoto. Pensa che sia indicato dalla massiccia scomparsa di grandi animali da parte della mano umana, ma da allora è stato sapientemente attribuito alla selezione da condizioni ambientali alterate.

L’argomento del “gene” è molto allettante, tuttavia, per la sua semplificazione in “risultati” fissi a una causa. Questa è l’essenza teoretica della “sociobiologia” in generale. esso è stato dominante nell’accademia e nei media legacy come una razionalizzazione apparentemente scientifica di un chiaro disordine sociale.

Tuttavia, finché dura la sua storia di copertura, la crescente crisi del governo privato dei ciechi che distrugge la vita terrestre condivisa non deve essere affrontata o risolta.

La soluzione di Nicer People

Una delle conseguenze indebolibili delle deviazioni del gene della natura umana dal disordine del sistema regnante è che attribuisce l’onere ai singoli esseri umani di risolvere il problema essendo “più gentili” e “più gentili” l’uno con l’altro.

Questo suona sicuramente bene. Tuttavia, rintraccia l’attenzione critica dal disordine dei mercati aziendali alla fine della vita alle personalità di individui che normalmente hanno un tale o nulla a che fare con esso, e di solito sono vittime della sua sistematica spogliazione di istituzioni pubbliche, regolamenti di protezione della vita e basi di reddito.

In effetti, questo disturbo sistemico ha invaso così tanti livelli dell’evoluzione della società che l’insicurezza della vita dei cittadini è stata normalizzata in tutte le fasi del lavoro, dell’ambiente e del futuro, per quanto ci piacciano gli uni gli altri come individui (che io per amore).

Eppure non sono le singole scelte che sono responsabili del sistema che opprime i mezzi di sussistenza della maggioranza, le loro condizioni di vita e il loro futuro, compreso quello dei loro figli. Concentrarsi su di loro è una forma implicita di incolpare la vittima. Il fatto che siano persone più carine è essenzialmente al di là del punto del problema.

In termini logici, questo è un errore di divisione. Deriva falsamente dalle proprietà di un’entità collettiva le proprietà dei singoli membri di esso, rendendole così responsabili del suo peggioramento o miglioramento. “Siamo tutti responsabili, ognuno di noi per questa crisi umana” è un’espressione corale noiosa di questo errore.

Perché rende coloro che lo dicono così, bene, gentile e gentile, possono crogiolarsi nella riflessione del sé virtuoso. Quelli che di fatto stanno guidando la crisi mentre i suoi pianificatori e dirigenti, con oscenamente alti guadagni finanziari e privilegi per farlo, nel frattempo sono rimasti incolpevoli e fuori dai guai.

La domanda di cui bono: chi beneficia e guadagna da questo sistema insano della vita? – è annullato a priori.

Quelli che sostengono in questo modo non sono così carini come sembrano. Si presentano come persone buone agli altri, si ingraziano a chi ha il controllo e evitano di dover affrontare il vero problema. Questo è certamente più facile e più sicuro. Di fatto, può portare un favore dall’alto ai ciucci e al loro “attivismo per la pace” per il “side-tracking” dal vero male e dai suoi principali agenti. 

La cultura del cover-up del sistema omnicidale

Anche l’evitamento autocentrico del sistema omnicidale si colloca perfettamente in linea con la metafisica dell’agenzia atomica della “scelta del libero mercato”. È il singolo consumatore che sceglie il sistema.

Ancora una volta torniamo al carattere umano individuale come responsabile del disordine del sistema – sebbene, in realtà, i desideri del consumatore siano condizionati operativamente in preferenze (perché si spende molto più denaro per pubblicità pervasive che per ricerca o salute); le condizioni di produzione sono escluse norme e diritti commerciali (perché si verificano ‘corsa al ribasso’ e si verificano standard ambientali); e quasi il consumatore o il cittadino scelgono da remoto che le società debbano competere per abbassare le tasse ai ricchi, abolire l’esame pubblico e l’imposizione di diritti ambientali e dei consumatori e far eleggere i loro rappresentanti eletti da lobby e manipolatori monetari invisibili.

Natura umana? I geni? Scelta del consumatore? La cultura del cover-up ha molti livelli.

Tutte le forme di discussione analizzate sopra condividono una caratteristica. Individuano la responsabilità nell’agenzia individuale. Questa è la metafisica dominante della civiltà occidentale, e perché oggi abbiamo un tale problema nel riconoscere il disordine collettivo del sistema.

Infatti, veniamo continuamente fuorviati dalla comprensione e dalla conoscenza del meccanismo causale collettivo del Grande Disordine come sua funzione centrale – per deviare la colpa, la responsabilità e l’azione sociale dal malgoverato ereditario ma cumulativamente patologico dall’alto che minaccia la vita sulla Terra stessa.

Solo un modello diagnostico si adatta a tutti i fenomeni depredatori attraverso gli host di vita biologici, sociali ed ecologici. Non è “natura umana” o “geni” o “antropocene”, o troppo pochi individui “carini / gentili” o “scelta del consumatore”.

Il vero meccanismo causale di tutte le tendenze degenerate a senso unico di questa malattia cumulativa omnidale è un cancro finanziario privato altamente invasivo che si sta metastatizzando tra società e organizzazione della vita globale.

*

Il Prof. John McMurtry è Fellow della Royal Society of Canada e autore dello studio in tre volumi, Philosophy and World Problems dell’UNESCO Encyclopedia of Life Support Systems (EOLSS). Le sue opere sono tradotte in tutti i continenti e il suo ultimo libro è The Cancer Stage of Capitalism: from Crisis to Cure.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Prof. John McMurtry, Global Research, 2018
Fonte diretta: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Zelotei e false narrazioni l’oscuro buio del nichilismo

 

 

Come le persone diventano facilmente controllate dai tiranni 

 

di Brandon Smith  

 

La domanda spesso sorge nei circoli del movimento della libertà su come arriviamo al punto di una tirannia in piena regola all’interno di una società. Ci sono numerosi fattori che determinano questo risultato, ma attraverso tutti i vari sistemi totalitari nella storia ci sono denominatori comuni – elementi che devono essere lì per far prevalere i tiranni. Quando siamo in grado di identificare questi elementi comuni in modo obiettivo, rendiamo molto più difficile il mantenimento delle strutture dispotiche. 

 

Questo è un problema molto complesso, ma lo analizzerò nel miglior modo possibile …  

 

La psicologia del tiranno 

 

Per venire a patti con il modo in cui i tiranni controllano la società, dobbiamo prima esaminare come opera la mente di un tiranno, perché nella maggior parte dei casi queste persone non pensano come pensa l’essere umano medio. È uno dei pochi casi in cui incoraggerei le persone a “alterare” un altro gruppo. I tiranni sono psicologicamente anormali a un livello così estremo che è difficile classificarli come umani. 

 

Credo che la chiave per capire le motivazioni dei tiranni e da dove queste persone provengano dipende dalla nostra comprensione della sociopatia narcisistica. Ho scritto molto su questo argomento nel mio articolo ‘Global Elitists Are Not Human,’ quindi fornirò solo un riassunto qui. 

 

I tratti narcisistici e sociopatici, come molti tratti psicologici, sono innati. Sono presenti in circa il 5% -10% di qualsiasi società in un dato momento. Nella stragrande maggioranza dei casi, questi tratti rimangono “latenti” e non influenzano in larga misura le azioni o le relazioni di una persona. In una minoranza di casi, tuttavia, il narcisismo e la sociopatia diventano i fattori determinanti della psiche di una persona. Ciò si verifica in meno dell’1% di una popolazione. 

 

Per essere chiari, non tutti i narcisisti sono sociopatici e non tutti i sociopatici sono narcisisti. Ci sono persone che sono narcisisti di basso livello che eccellono nella società e mantengono una coscienza. Ci sono sociopatici di basso livello nella società che svolgono importanti funzioni nelle carriere che le persone empatiche troveranno difficili, come certi lavori nel campo militare o in campo medico. Ciò a cui mi riferisco qui sono sociopatici narcisistici di ALTO LIVELLO – il tipo di persone che diventano assassini, stupratori, pedofili e sì, tiranni. 

 

Un narcisista sociopatico è motivato solo dal desiderio personale. Sono incapaci di empatia per gli altri e vedono le persone come una specie di cibo e fonte di carburante piuttosto che i compagni di viaggio nella vita. Considerano la loro mancanza di coscienza come un vantaggio evolutivo; uno strumento che li aiuta a sopravvivere e prosperare calpestando, rubando, manipolando e uccidendo se necessario senza sensi di colpa o rimpianti. 

 

Penseresti che queste creature siano facili da individuare tra la folla, ma non è sempre così semplice. Hanno la capacità di imitare i comportamenti di coloro che li circondano per apparire più umani. A volte questo li dà via perché non possono fare a meno di pappagallare o rubare comportamenti e manierismi delle persone che incontrano fino al punto di ovvietà. Per quelli inesperti con sociopatici narcisistici, però, la tattica funziona per un po’, perché ciò che la gente pensa di vedere è qualcuno come loro; una riflessione. Immaginalo come un meccanismo di sopravvivenza, come un camaleonte. 

 

Per alcuni tiranni, l’abilità li rende accattivanti per il pubblico per un certo periodo. Possono essere molte cose per molti gruppi e la loro capacità di mentire in modo convincente è eccezionale. Salgono rapidamente la scala del successo e costruiscono sistemi che permettano loro di prosperare. Hanno dubbi e debolezze, però. 

 

Nella maggior parte dei casi sono codardi. Preferiscono ottenere ciò che vogliono attraverso sovversione e inganno, e corrono da uno scontro diretto. Preferiscono usare altre persone (utili idioti) come armi o scudi piuttosto che rischiare di affrontare i loro avversari ideologici. Come parassiti, si concentrano su persone deboli o fragili. 

 

Desiderano disperatamente l’ammirazione dalle stesse persone che hanno perseguitato. Pertanto, sono costantemente costretti a ricoprire ruoli per apparire normali. A loro non piace Sentono che è al di sotto della loro posizione nella vita da dilettare, e sono convinti che dovrebbero essere adorato come loro, non adorato per l’immagine fraudolenta che hanno costruito. Vogliono “uscire allo scoperto”, in un certo senso, come un narcisista sociopatico, ma se lo fanno in un clima sociale stabile saranno evitati o bruciati sul rogo. A volte si uniscono per proteggersi e sono disposti a collaborare finché c’è un vantaggio reciproco. 

 

Quindi, queste “persone” cercano di creare il caos, e quindi di riordinare la società per comportarsi in modo più simile a come agiscono, o pensano più come pensano. Quando le masse sono state convinte ad abbandonare la coscienza, i mostri possono uscire alla luce del giorno senza paura.

 

Ecco come raggiungono questo obiettivo e come la gente media li aiuta a farlo …  

 

False ipotesi 

 

Quasi tutte le situazioni negative iniziano con false assunzioni basate su pregiudizi piuttosto che fatti o prove. L’ipotesi più pericolosa sulla tirannia è dire “siamo nel giusto, quindi non stiamo sostenendo la tirannia”. La domanda che deve essere posta, tuttavia, è che sono veramente “giusti” secondo i fatti? Se la risposta è “no”, probabilmente stanno alimentando un sistema tirannico. 

 

Innanzitutto, molti esseri umani vogliono essere “giusti” più di quanto vogliono essere corretti. Vale a dire, sono felici di “vincere” discussioni e conflitti indipendentemente dal fatto che la verità sia dalla loro parte. Questo pregiudizio è la radice di molte catastrofi nella storia. 

 

Questo non vuol dire che non abbiano una coscienza. La maggior parte delle persone infatti ha una coscienza che dice loro che le loro supposizioni sono sbagliate, ma possono ancora commettere atti di stupidità e atrocità. È qui che i manipolatori tirannici tendono ad aiutarli. 

 

I tiranni trovano grande gioia nel creare tutti i tipi di errori logici, ginnastica mentale e tiri di vendita moralmente relativi al fine di convincere un gruppo di persone che le loro ipotesi sbagliate sono giuste. La verità diventa nebbiosa e le prove diventano inutili. In questo stato mentale, quando gli individui si fondono in una folla, le ipotesi diventano dettami della setta e “vincere” diventa fondamentale. Falsi presupposti e preconcetti possono essere usati per trasformare persone normali oneste in mostri, tutti perché si sono rifiutati di accettare che la loro posizione ideologica fosse imperfetta; tutto perché avevano paura di sentirsi imbarazzati o ammettere di essere stati truffati.  

 

Lati falsi 

 

La presa di schieramenti nel discorso politico è naturale e normale. Anche quando le persone sono completamente oneste sui fatti in mano e concordano sui principi di base della decenza e della libertà umana, ANCORA non saranno d’accordo su quali soluzioni dovrebbero essere utilizzate per affrontare i problemi di fronte a loro. Questo crea uno spettro all’interno della società che è sempre presente; non può essere aiutato o evitato. I tiranni comprendono le basi di questo spettro e cercano di usarlo a loro vantaggio per manipolare le persone lontano dal discorso riflessivo e verso conflitti senza mente. 

 

I tiranni sfruttano le masse più facilmente quando la gente presume che i leader politici e sociali corrotti stiano lavorando per “la loro parte” contro “l’altra parte”. Spesso questi leader possono essere comprati o minacciati in asservimento. I tiranni quindi li usano per guidare lo spettro verso gli estremi più lontani, fino a quando entrambe le parti adottano un atteggiamento di fanatismo.

 

Ciò accade non solo in politica, ma in geopolitica, poiché intere nazioni sono spinte a fare la guerra l’una dall’altra da presidenti fantoccio e governi su conflitti ingegnerizzati che avvantaggiano solo la cabala dei tiranni dietro il sipario.

Zeloteo e false narrazioni

 

Considero lo zelotry come una sorta di malattia psicologica che è effettivamente comunicabile – si diffonde come un virus attraverso una cultura fino a quando tutti sono infetti. Lo zelotismo accade quando una persona abbraccia un’ideologia al punto che essa sovrascrive la sua personalità e la sua anima, e non è più in grado di pensare chiaramente come individuo. Questo include considerare la possibilità che si trovino dalla parte sbagliata della storia e della moralità. 

 

Lo zelotry su una scala di massa dipende da un numero di domino impostato in successione. La minaccia di crollo civile e sofferenza economica aiuta. Gli oppositori ideologici devono essere dipinti come una minaccia imminente e vile al tessuto stesso della società. In alcuni casi sono una minaccia reale e creata (opposizione controllata); in altri casi sono una tigre di carta destinata a guidare un altro gruppo per sostenere misure tiranniche. 

 

I tiranni costruiscono false narrazioni. Questo è quello che fanno meglio. Incoraggiano le persone a diventare inconsapevolmente cattivi, o accusano gruppi innocenti di malvagità per seminare divisione. Hanno bisogno di tutti i lati per vedere tutti gli altri come alleati o nemici. Non c’è una via di mezzo. Se una persona non si conforma alle opinioni dello zelota, allora deve essere immediatamente trattato come una minaccia. Ciò causa una camera di eco senza fine che distrugge ogni dissenso o disaccordo, non importa quanto razionale. 

 

Gli zeloti operano principalmente sulla paura, rendendoli facili prede per i tiranni. E come alcuni nerd da qualche parte una volta hanno detto: “La paura è il killer della mente; la paura è la piccola morte che porta alla cancellazione totale”.

 

Apatia e falsa speranza 

 

Più di ogni altra cosa, i tiranni desiderano una popolazione apatica. L’apatia genera compiacimento e inazione, e incoraggia anche il pensiero delirante. Le persone apatiche tendono alla filosofia del pacifismo come mezzo per rivendicare il proprio comportamento, ma questa è semplicemente una maschera progettata per nascondere la loro paura. Potrebbero temere la sofferenza, potrebbero temere la perdita, potrebbero temere il fallimento, ma hanno certamente paura, e impedisce loro di ostacolare gli sviluppi che sanno essere di natura malvagia e che richiedono una risposta aggressiva. 

 

L’apatia può anche essere allevata in una società attraverso l’uso di false speranze. I tiranni evocano scenari in cui si fa credere al pubblico che il “cambiamento” positivo sta per avere luogo, di solito attraverso la politica. Ma non ci saranno cambiamenti per il meglio oltre il cosmetico. Le cose vanno solo peggio. In questo processo di condizionamento, i tiranni raccolgono le speranze delle masse e poi le lanciano a terra più e più volte, finché il pubblico non si arrende. 

 

Il problema non è che le cose non possano cambiare in meglio, ma che il pubblico continui a giocare secondo le regole di un gioco fabbricato proprio dalle persone che stanno causando la loro miseria. Uscire dai limiti di quel gioco ci impone di prendere in mano le cose piuttosto che aspettare che gli altri apportino cambiamenti per noi. Richiede il rischio. Se la farsa della tirannia finisce sempre, tutte le persone sveglie e consapevoli dovranno assumersi molti rischi. 

 

Ho sentito dire che la tirannia è un prodotto naturale e inevitabile della società umana. Che i tiranni non possono essere evitati, che esisteranno sempre e qualsiasi tentativo di rimuoverli li farà sostituire solo con altri tiranni. Questo è l’apice della mentalità patetica. È il buio oscuro del nichilismo. 

 

Si potrebbe anche obiettare che non ha senso lavarsi perché domani ci sporcheremo di nuovo. Ma queste persone alla fine moriranno di malattia. Se la tirannia è una costante umana, allora anche la ribellione deve essere una costante umana, altrimenti l’umanità muore o si trasforma in qualcosa di irriconoscibile.  

 

Fonte:  http://www.alt-market.com/ 

 

®wld

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro!

 

 

Integrazione – il Cammino Autonomo Verso Casa

“E mentre tutte le altre creature guardano a terra con gli occhi bassi sin dalla nascita; disse all’uomo di camminare eretto e osservare il cielo dove è nata la sua anima e a cui vengono offerte le proprie speranze.” Ovidio

L’integrazione è la tolleranza di tutti i livelli dell’essere come parti valide del tutto. Significa abbandonare la negazione. Significa abbracciare noi stessi e il prossimo.

 

Proprio come la nostra coscienza unificata ha creato questo regno di polarità, noi possiamo trasformarlo. Quando si verificherà l’integrazione, questo regno sarà definito da parametri molto diversi. Diventeremo sia gli archetipi che i Fondatori. Sposteremo la prospettiva e diventeremo consapevoli di noi stessi come il Creatore.  

 

Non significa necessariamente che le nostre identità saranno assorbite. Potrebbe significare che ci risveglieremo al punto in cui sceglieremo consapevolmente i nostri destini. Forse potremmo scegliere di entrare in altri regni e di essere gli amici invisibili delle società planetarie che giocano ancora al gioco della separazione.

 

Riflettendo sulle stesse decisioni riguardanti le interferenze che i nostri antenati hanno affrontato, potremmo persino essere gli extraterrestri di un altro pianeta. 

 

Fermandoci e ascoltando attentamente, potremo sentire e percepire le correnti sotterranee di questa trasformazione. L’esistenza e il cambiamento sono le uniche costanti. Potremo giocare al gioco dell’illusione, in cui per caso ci troviamo in una creazione, ma prima o poi ci daremo una pacca sulla spalla e il gioco sarà finito. Per arrivare a questo, nella realtà della Terra abbiamo creato gli Arturiani, i Siriani, i Lirani, gli Orioniani, i Reticuli, i Pleiadiani, ecc…

 

Fanno davvero tutti parte della stessa cosa – sono una parte di noi

 

Quindi, come mai sulla Terra incoraggiamo l’integrazione? Prima di tutto, dobbiamo sapere che avverrà con o senza una nostra azione cosciente. La differenza è solo che la consapevolezza farà in modo che il viaggio sia più piacevole. Ci sentiremo più sicuri dei nostri destini.   

 

L’azione cosciente che accelererà il nostro processo di integrazione è molto semplice: la tolleranza. Se permettiamo che l’integrazione avvenga a tutti i livelli, vedremo che i sentieri si apriranno gioiosamente davanti a noi. 

 

L’integrazione avverrà sui quattro livelli principali: quello mentale, quello emotivo, quello spirituale e quello fisico.  

MENTALE 

Integrare la nostra mentalità significa permettere di combinare non solo i processi cerebrali, ma anche quelli intuitivi ed emotivi. Il tipo di pensiero oggi convalidato è quasi interamente basato sulla testa. Le formule e i calcoli hanno determinato la realtà della Terra del XX secolo. Se riuscissimo a comprendere e quindi permettere che i processi intuitivi ed emotivi siano altrettanto validi e possano essere usati in combinazione con quelli mentali, saremmo sulla buona strada verso l’integrazione della nostra mentalità.  

EMOTIVO 

Integrazione emotiva significa iniziare ad imparare come accogliere il nostro sé ombra. Potremmo iniziare aprendo gli armadi interiori e scavando in profondità nel subconscio per trovare le credenze che ci impediscono di proseguire. Molto spesso, questi aspetti trascurati di noi stessi vogliono solo un po’ di attenzione.Come hanno scoperto i Pleiadiani e i Lirani prima di loro, la negazione non fa altro che prolungare il dolore dell’esistenza. Impariamo da questi esseri provenienti da mondi lontani. Facciamo in modo di non ripetere le stesse lezioni più e più volte.  

SPIRITUALE 

L’integrazione spirituale è forse la più facile di tutte. Ogni persona possiede una spiritualità interiore che non è connessa alla dottrina. Se riuscissimo ad abbandonare la dottrina e toccare la nostra innata spiritualità, potremmo iniziare il processo di integrazione. Si estende esternamente sul pianeta onorando la verità che ogni persona è una manifestazione dell’Unica Verità. Questo permette a ciascuno di noi di coesistere all’interno delle nostre filosofie senza dover cambiare le proprie credenze. L’esistenza di Dio / Tutto Ciò Che È, non viene messa in dubbio discutendo su quale colore sia il suo abito. Abbiamo così tanta paura di essere soli e separati che creiamo ancora più separazione attraverso il nostro desiderio di avere una dottrina unificata. Se avessimo il coraggio di iniziare a toccare questa spiritualità interiore, vedremmo fiorire la nostra trasformazione.  

FISICO  

L’integrazione fisica è leggermente diversa. Implica il riconoscimento del nostro passato e della nostra storia come parte di uno scenario più grande su scala cosmica. Ci siamo frammentati dalla Sorgente e dai Fondatori. Abbiamo esteso la nostra individualità ai suoi limiti esterni. Per riunirci bisognerà ancora una volta riconoscerci e accettarci come parti della nostra famiglia galattica. Mentre ci allontaneremo dalle nostre paure razziali e smetteremo di permettere che il colore della pelle e le differenze culturali siano delle barriere, ci allontaneremo anche da tutte le altre paure, celebrando la comunione che ci offre Zeta Reticuli.

Possiamo permettere che l’integrazione a tutti i livelli della nostra vita fisica, avvenga qui sulla Terra.

 

Nessuno di noi viene “da” un altro posto. Proveniamo dalla Fonte e la Fonte è immensa. Dire che veniamo “dalle” Pleiadi significa negare tutte le altre idee riguardo la nostra provenienza. I nostri sé terrestri si confondono se neghiamo continuamente che la nostra esistenza è una parte del corpo del pianeta. Facciamo parte di Tutto Ciò Che È! 

 

Se avvertiamo una connessione con una razza fuori dal pianeta, ci stiamo identificando con ciò che rappresenta o con le varie vite che abbiamo vissuto in quel sistema. Se gli individui insistessero nel dire che vengono “da” qualche parte, si potrebbe insinuare che stiano proclamando la loro alleanza con la Terra. Hanno scelto di vivere qui. 

 

In un senso molto reale, le persone della Terra possono essere viste come dei modelli per l’integrazione. Siamo sia divini che terrestri; sia dèi che uomini. Siamo la prova che la vita umana può adattarsi a circostanze apparentemente insormontabili.

 

Celebriamo quindi l’umanità! 

 

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro! Non siamo bambini. Anche se stiamo ancora giocando al gioco dell’ignoranza, le altre civiltà ci considerano un enigma. Siamo la civiltà che si è rifiutata di morire! 

 

La nostra resilienza e la fiducia nelle nostre capacità hanno continuamente dimostrato il nostro valore. Siamo stati usati e riusati dal gruppo Lirano nel Giardino dell’Eden. 

 

Le varie “piaghe” degli dei non sono riuscite a spazzarci via. Grazie a Noè e al signore Siriano che lo avvertì, oggi abbiamo una civiltà fiorente. In molti si sono chiesti perché la Terra sia stata osservata da così tanti gruppi extraterrestri. Forse perché si tratta di una dimostrazione prevedibile di integrazione in azione. Potrà essere doloroso, ma nel nostro credo cosciente di massa, il dolore può produrre dei risultati miracolosi. La Terra del presente e la Terra del futuro fanno parte di quel miracolo. Celebriamolo integrandoci e assumendoci la responsabilità della nostra realtà planetaria. 

 

Facciamo parte di un’Associazione di Mondi e la nostra adesione è pronta per il rinnovo! Questa volta, per aderire dobbiamo risvegliarci al dramma cosmico di cui abbiamo accettato di far parte. 

 

Il nostro risveglio ci aiuterà a tornare a casa … da soli.

 

Tratto dal PDF “Il Prisma della Lira”

Testo tradotto in italiano da claudiordali

 

®wld 

Non è mai cosi buio come prima dell’alba

CONIGLI DA  ALLEVAMENTO

Ricevo dall’amico Dott. Roberto Slaviero e pubblico

Estate caldissima in Germania con cali medi di produzione di cereali del 25%, con punte di quasi il 50% (dati del 22.08.18)!!

Una specie di catastrofe per gli agricoltori e l’economia tedesca.

Da noi molto caldo con improvvisi nubifragi, che a Genova, con fulmini degni di Zeus, fanno crollare il ponte Morandi, portando a morte quei poveri predestinati.

E beh, sapete, calcestruzzi vecchi e sistema di costruzione sbagliato e…. il tirante o il fulmine…bla bla bla…

Mancano però i filmati delle decine di telecamere presenti in tale tratto autostradale….colpa del nubifragio…logicamente ….

Pensate se le….tronzate che ci raccontano fossero vere, quanti ponti cadrebbero in questa Italy – Usa-Anglo colony dal 1945, con reti autostradali anni 60!!

Nel 1937, Guglielmo Marconi fece un esperimento richiesto dal Duce e nel raggio di decine e decine di km tutti i motori elettrici e non, si bloccarono.

I famosi studi elettrici di Tesla;

vibrazioni elettromagnetiche capaci di fondere anche l’acciaio…i cosiddetti“ raggi della morte”

Pensate sia difficile nel 2018 dare una aiutino ad un ponte traballante per …?

Ma dai ….. un mussulmano incazzato, dopo 7-9 voli di aereo scuola ha sequestrato un aereo e  buttato giù le Twin Towers…… nel più armato, potente e sorvegliato Stato del pianeta; altro che complotti arabo-israeliti Cia permettendo ……… che palle sti complottologhi…

La Grecia s’è ripresa dopo gli aiuti finanziari della Troi….ka europea;

fantastico….peccato che la sanità sia disintegrata, le pensioni dimezzate, la mortalità infantile aumentata etc….

Ah beh….tutti gli aeroporti se li sono comprati società tedesche e il porto di Atene…forse i cinesi  …mahhh.

Nel frattempo ieri, 22.08.18 è stato lanciato un satellite dell’Esa per studiare meglio gli effetti dei venti e fornire previsioni del tempo più accurate……ma non dovevamo andare su Marte…?! Siamo ancora ai livelli di previsione del tempo??

Pochi giorni fa, Trump ha detto che varerà la Space Usaforce per il controllo dello spazio!!

Ma il Donaldo..quello Reagan negli anni 80, non ci parlava già di scudi e guerre stellari contro il nemico russo??

Che cavolo hanno fatto in questi anni allora??

Ah, sapete che quando mori Tesla a New York durante la seconda guerra mondiale, l’FBI requisì tutto il materiale e l’esperto scientifico che ne curò gli studi si chiamava  John G. Trump……..lo zio del Donaldo di oggi …. che casualità ragazzoni miei!!

Un vero caso tra milioni…però cavolaccio …la trasmissione dei Simpson molti anni fa aveva fatto un cartoon con il buon Donald President….altro caso tra milioni.

Comunque tra poco Elon Musk proprietario del marchio automobilistico Tesla, ci porterà su Marte e farà colonie umane spaziali yeppppp fantastic…ma…la Nasa?!

Perché non ci va la Nasa e manda un privato ……forse non ricordano bene la tecnologia e le rotte che li portarono sulla Luna…..poverini…ma quanto denaro si pappa annualmente la Nasa??

Ah ah ah …….

CONIGLI DA ALLEVAMENTO credete a tutta la farsa propinataci dai ladri imbroglioni  che comandano la Terra e che usano violenza contro persone e Stati non allineati ai loro porci comodi e drenano i nostri soldi e le nostre energie!!

Altro che cambiamenti climatici del pianeta causati da CO2….;

utilizzo invece di armi per scaldare la ionosfera e modificare le correnti di acqua e aria e fare la guerra climatica a chicchesia …… la Germania è stata probabilmente avvisata quest’anno.

Anche il governo gialloverde nostrano deve essere stato avvisato……

Tra l’altro il guro dei 5S pochi giorni fa, ha detto che i farmacisti dovrebbero fare a meno di vendere medicinali omeopatici….tanto non servono !!

Ma non era per le libertà di cura??

Capite che sono tutti attori, attori probabilmente lautamente pagati per eseguire ordini della casta di comando e quando……sgarrano…….apriti cielo!!

Chi ha perso la seconda guerra mondiale??

E allora muti, stecca e rassegnazione;

cosi si diceva sotto la Naja … adesso han tolto anche quella;

cosi i nostri giovani sono sempre più intorpiditi mentalmente e fisicamente.

Non fanno più figli e stanno a casa dalla Mamma ……

Quindi avanti immigrati e nuove razze allo studio……ai genetisti deviati mentalmente piacciono molto gli incroci volutamente forzati …….

E’ tutto programmato decine e decine di anni prima…presidenti inclusi.

Adesso nuovi assetti geopolitici si stanno formando anche in Europa e gli zombi viventi non si accorgono che è in atto una guerra fatta soprattutto con armi economiche, climatiche……..e terroristiche…ma pochi ci credono….purtroppo.

La marina militare italiana è considerata una potenza marittima ancor oggi e se volesse non passerebbe neanche una zanzara dall’Africa con destino Italia!!

E allora??

  • Da chi prende ordini tale Marina Militare??
  • Dagli Usa?
  • Dall’ Inghilterra che sta uscendo dall’Europa?
  • Da Parigi?
  • Dal Vaticano?

Già lo scrissi in un precedente articolo; avendo perso la seconda guerra, bisogna quanto meno ritrattare con i vincitori un minimo ripristino della sovranita’ nazionale…

  • Nel Qohelet ebraico, da noi conosciuto come Ecclesiaste si dice;

“altra cosa ho notato sotto il sole;

  • al posto del diritto, l’ingiustiza e al posto della giustizia, l’iniquità …

tal giusto muore con la sua giustizia e tal empio con tutte le sue iniquità campa a lungo“

Mi vengono in mente i vari esperimenti genetici di ibridazione, dei quali anche la Bibbia ebraica ce ne parla…..

Ma ……

  • “non è mai cosi buio come prima dell’alba“

e dobbiamo crederci!!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld