Crea sito

Almanacco di marzo 2021

VIDEO: MICROSOFT FORMA IL “MINISTERO DELLA VERITÀ”

Un rapporto video con un’attenta ricerca sul ruolo di Bill Gates nella “Battaglia contro le notizie false”

L’iniziativa Bill Gates è supportata da “Adobe, Arm, BBC, Intel, Microsoft e Truepic in una coalizione per sviluppare uno standard aperto end-to-end per tracciare l’origine e l’evoluzione dei contenuti digitali” Sotto il timone di Bill Gates, “Tecnologia e entità dei media uniscono le forze per creare gruppi di standard volti a creare fiducia nei contenuti online”.

Produzione video di Really Graceful (RG) Fonte https://www.globalresearch.ca/video-microsoft-forms-ministry-of-truth/5738770 e https://www.windowscentral.com/microsoft-joins-battle-against-fake-news

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

***********************************************

Il concetto fatale della tecnocrazia che affligge il processo decisionale

L’analisi critica della tecnocrazia è in rapido aumento durante la pandemia dichiarata dai tecnocrati del 2020. Il processo decisionale non dovrebbe mai essere affidato a tecnocrati dalla mentalità ristretta, tutti in gran parte non eletti e inspiegabili. TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

Scienziati stimolano il cervello per rimuovere la paura, aumentare la “fiducia”

Gli scienziati tecnocrati vogliono accedere al funzionamento interno del cervello per controllare gli impulsi di base tramite la stimolazione e l’intelligenza artificiale. Il potenziale per il lavaggio del cervello utilizzando questa tecnologia è sbalorditivo. TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

I dipartimenti della polizia locale riceveranno i droni con “l’IA più avanzata di sempre”

In previsione di un’ampia accettazione da parte delle forze dell’ordine locali, Skydio ha già ottenuto una valutazione di 1 miliardo di dollari con iniezioni di capitale di rischio. Questa sorveglianza basata sui droni sarà onnipresente, autonoma e incrollabile e promuoverà la mentalità dello stato di polizia. TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

ATTACCO E CONQUISTA. La guerra normativa

Con il crollo del muro di Berlino ha inizio la Terza guerra mondiale.

Una guerra combattuta più che tra Stati, tra “Prìncipi moderni”: oligarchie private più ricche degli Stati, con propri strumenti politici, comunicativi, legali e militari.

Una guerra in cui il conflitto più taciuto è il più importante: la guerra normativa.

Perché la legge è un’arma, e l’ab-uso del diritto, per conquistare e consolidare il proprio dominio, è una strategia nota da secoli. Eppure, ci siamo fatti trovare impreparati.

A seguito della globalizzazione reggimenti di avvocati e lobbisti si sono dati battaglia, attraverso un vero e proprio “arsenale legale”, seguendo strategie giuridiche a breve, medio e lungo termine che, giocate come una partita a scacchi, non vengono percepite se non quando il progetto è giunto a termine.

La conseguenza di tale “offensiva di tipo giuridico” è che “Prìncipi moderni” hanno assunto il controllo di settori strategici e si sono appropriati in maniera strutturale di risorse vitali: tra queste la più importante è l’acqua.

Analizzare il percorso compiuto per appropriarsi dell’acqua ci consente di comprendere che le modalità attraverso le quali si sono affermate le gestioni delle Big Corporation non sono le regole del mercato, ma l’uso strategico delle leggi.

Pubblicato sul sito web: http://solangemanfredi.blogspot.com/

®wld

IL TRADIMENTO DELLA SCIENZA

La medicina è diventata una religione e per il mito della salute siamo disposti ad accettare ogni imposizione.

Dialogo con Giorgio Agamben

Nuda vita

Nella medicina si stanno facendo strada i concetti di personalizzazione e di predizione: grazie a nuovi strumenti diagnostici ed ai big data pretendedi predire, individualmente, il rischio di sviluppare durante la vita determinate malattie. Una volta noti tali rischi si possono indirizzare le persone verso opportuni stili di vita. In aggiunta a questi screening di predisposizione genetica, le nuove tecnologie note come “wearables” permettono il costante monitoraggio di determinati parametri vitali. Oggi sono prevalentemente usate dagli sportivi mossi dalla ricerca di un continuo miglioramento delle proprie performance ma presto potranno essere estese a tutti i cittadini. Una tale impostazione della medicina sembra dirigerci verso quello che Lei ha definito come vita ridotta a condizione biologica, “nuda vita”. Tuttavia, molti scienziati nutrono forti dubbi sulla realizzabilità – etica e tecnica – di tale scenario.Ci può condividere una riflessione su questo argomento? Inoltre, cosa pensa si debba fare per invertire la rotta?

Nella prospettiva che lei delinea, decisivo è il passaggio della soglia in cui personalizzazione, predizione e screening non si traducono semplicemente in consigli e suggerimenti di stili di vita, ma diventano un obbligo giuridico. Questa soglia oggi è stata oltrepassata e quello che in passato si presentava come un diritto alla salute, si è trasformato in un’obbligazione da adempiere a qualsiasi prezzo. La causa di mortalità più frequente nel nostro paese sono le patologie cardiovascolari ed è noto che queste potrebbero forse diminuire se si praticasse una forma di vita più sana e ci si attenesse a un’alimentazione particolare. Ma a nessun medico era mai venuto in mente che le forme di vita e di alimentazione che consigliavano ai pazienti potessero diventare oggetto di una normativa giuridica, che decretasse ex lege come si deve vivere e che cosa si deve mangiare, trasformando l’intera esistenza in un obbligo sanitario. Del resto questo era escluso dal giuramento professionale del medico, che menziona espressamente “il rispetto dei diritti civili circa l’autonomia della persona”.

È quello che è ora avvenuto per il Covid-19 e, almeno per ora: la gente ha accettato non soltanto di rinunciare alle proprie libertà costituzionali, alle relazioni sociali e alle proprie convinzioni politiche e religiose, ma ha lasciato che i propri cari morissero da soli e senza funerale. In questo senso si può dire che l’esistenza umana è stata ridotta a un dato biologico, a una nuda vita che occorre salvare a qualsiasi costo, nonostante il fatto che l’IFR, il tasso reale di mortalità della malattia sia, secondo gli studi riportati nella vostra rivista, inferiore all’1%. Quel che è avvenuto è che, attraverso un processo di medicalizzazione crescente della vita, l’unità dell’esperienza vitale di ogni individuo, che è sempre inseparabilmente insieme corporea e spirituale, si è scissa in un’entità puramente biologica da una parte e in un’esistenza sociale, culturale e affettiva dall’altra. Questa frattura è secondo ogni evidenza un’astrazione, ma un’astrazione potente, alla quale gli uomini hanno sacrificato le loro condizioni normali di vita. Ho detto che la scissione della vita è un’astrazione, ma voi sapete che la medicina moderna intorno alla metà del XX secolo ha realizzato questa astrazione attraverso i dispositivi di rianimazione, che hanno permesso di mantenere a lungo un corpo umano in stato di pura vita vegetativa. La camera di rianimazione, con i suoi meccanismi di respirazione e di circolazione sanguigna artificiali e le sue tecnologie di mantenimento della temperatura corporea, attraverso i quali un corpo umano è tenuto indefinitamente in sospeso fra la vita e la morte è una zona oscura, che non deve uscire dai suoi confini strettamente medici. Ciò che è invece avvenuto con la pandemia è che questa vita puramente vegetativa, questo corpo artificialmente sospeso fra la vita e la morte è diventato il nuovo paradigma politico, sul quale i cittadini devono regolare il loro comportamento. Il mantenimento a ogni prezzo di una nuda vita astrattamente separata da quella intellettuale e spirituale e imposta come criterio non di vita, ma di mera sopravvivenza è il dato più impressionante nella situazione che stiamo vivendo.

Verità e falsificazione

Nel 2016 “Nature” ha pubblicato i risultati di una Survey dalla quale è emerso che oltre 1.500 scienziati non erano riusciti a riprodurre i dati ottenuti da colleghi. Uno stesso problema lo aveva riscontrato nel 2011 il dott. Glenn Bagley, ai tempi direttore del dipartimento di oncologia della multinazionale Amgen, il quale prima di investire diversi milioni di euro in un progetto di ricerca per un nuovo farmaco, aveva deciso di replicare i 53 esperimenti a partire dai quali si basava la loro strategia di sviluppo di un nuovo farmaco: riuscì a replicarne solo l’11%.Paradossalmente mai come oggi la scienza sta affrontando una profonda crisi di credibilità in quanto ad affidabilità dei dati che produce e a veridicità delle affermazioni. Nonostante ciò, sembra quasi impossibile far emergere sia a livello di opinione pubblica, sia a livello di opinioni accademiche, ipotesi e risultati diversi da quelli che vengono universalmente riconosciuti come “verità scientifiche”. Verità sulla base delle quali spesso vengono anche prese decisioni politiche ed economiche. Lei ha recentemente pubblicato un intervento dal titolo “Sul vero e sul falso”. Ci aiuta ad indagare meglio questo tema?

Qui si può toccare con mano che il problema della verità non è un astratto problema filosofico, ma qualcosa di estremamente concreto, che determina in maniera consistente la vita degli esseri umani. Per quel che concerne la verità scientifica, già Thomas Kuhn, in un libro ormai famoso, aveva mostrato che il paradigma ogni volta dominante in una comunità scientifica non è necessariamente il più vero, ma semplicemente quello che è in grado di procurarsi il più grande numero di seguaci. Ma questo è vero anche al di fuori delle verità scientifiche. L’umanità sta entrando in una fase della sua storia in cui la verità viene ridotta a un momento nel movimento del falso – o, più precisamente, nel dispiegamento onnipervasivo di un linguaggio che non contiene più in sé alcun criterio che permetta di distinguere ciò che è vero da ciò che è falso. Vero è quel discorso che viene dichiarato tale e che deve essere tenuto per vero anche se la sua non verità venisse dimostrata. Ma, in ultima analisi, essenziale per il sistema è che venga meno ogni distinzione fra il vero e il falso. Di qui la confusione crescente fra notizie contrastanti diffuse dagli stessi organi ufficiali. In questo modo è il linguaggio stesso come luogo della manifestazione della verità che viene messo in questione.

Ma che cosa avviene in una società che ha rinunciato alla verità e in cui gli uomini possono soltanto osservare muti il movimento multiforme e contraddittorio della menzogna? Per arrestare questo movimento occorre che ciascuno abbia il coraggio di porsi senza compromessi la sola domanda che conta: che cos’è una parola vera? Tutti ricordano nel Vangelo la famosa domanda di Pilato a Gesù, che Nietzsche considerava “la battuta più sottile di tutti i tempi”: “che cos’è la verità?”. In realtà, Pilato rispondeva all’affermazione immediatamente precedente di Gesù “Io sono venuto al mondo per testimoniare della verità”. Non vi è, infatti, esperienza della verità senza testimonianza: vera è quella parola per la quale non possiamo non impegnarci a dare personalmente testimonianza. E qui si misura la differenza fra una verità scientifica e una verità filosofica: mentre una verità scientifica è (o, almeno, dovrebbe) essere indipendente dal soggetto che la enuncia, la verità che è qui in questione è tale solo se il soggetto che la pronuncia si mette integralmente in gioco in essa – è, cioè, una veridizione e non un teorema. Di fronte a una non verità imposta normativamente possiamo e dobbiamo testimoniare.

La scomparsa delle ipotesi

In un suo intervento ha fatto notare come molto spesso il concetto di “notizia” abbia scalzato quello di “idea” introducendo così il termine notizia falsa come arma di silenziamento di quelle che in realtà sono idee o ipotesi diverse. Come mai secondo Lei anche se certe falsità vengono ben documentate vi si continua a credere a prescindere dal livello culturale dell’interlocutore? Quali strategie di comunicazione dovrebbe adottare uno scienziato che abbia una convincente documentazione a falsificazione delle narrazioni ufficiali?

In una società che non è più in grado di distinguere il vero dal falso, la notizia tende necessariamente a sostituirsi alla realtà ed è su questa onnipervasiva sostituzione della notizia alla realtà che operano i media. I media sono oggi uno strumento essenziale della politica proprio perché assicurano questa sostituzione, così essenziale al funzionamento del sistema. In un mondo in cui esistono solo notizie, vera è solo la notizia dominante e, al limite, nessuna notizia è più vera di un’altra; di qui la necessità di istituire, come il nostro governo non ha mancato di fare, una commissione incaricata di decidere quali notizie debbono essere considerate vere e quali false. Negli appunti presi durante la seconda guerra mondiale, Heidegger definisce l’età che stava vivendo come “una macchinazione dell’in-sensato”, in cui un’assoluta assenza di senso viene formulata in un algoritmo e incessantemente calcolata. È qualcosa di simile che abbiamo oggi sotto gli occhi.

Il giuramento tradito

Il primo punto della versione italiana moderna del giuramento di Ippocrate recita: giuro di esercitare la medicina in autonomia di giudizio e responsabilità di comportamento contrastando ogni indebito condizionamento che limiti la libertà e l’indipendenza della professione. Quanto spazio resta oggi all’autonomia dei medici? Si sta forse trasformando la figura stessa del medico in qualcosa di nuovo? Come vede il futuro rapporto di fiducia tra medico e paziente? Lei personalmente come si rapporta con il suo medico e con la gestione della propria salute?

Quello che lei ha menzionato è solo uno dei punti del giuramento professionale che sono oggi sistematicamente trasgrediti. Oltre ai punti 4 e 5 che ho citato prima sul rispetto dei diritti civili e dell’autonomia della persona del paziente, in questione è anche il punto 15, che impone “di rispettare il segreto professionale e di tutelare la riservatezza su tutto ciò che mi è confidato, che osservo o che ho osservato, inteso o intuito nella mia professione o in ragione del mio stato o ufficio”. Mentre in passato questo segreto è stato sempre osservato, oggi chiunque risulti positivo (non solo malato, anche semplicemente positivo) viene pubblicamente denunciato come tale e isolato. Conseguentemente anche il punto 6, che impone di “curare ogni paziente con scrupolo e impegno, senza discriminazione alcuna” viene trasgredito. Siamo arrivati al punto che i malati positivi non vengono visitati dal medico. È difficile mantenere un rapporto di fiducia individuale con un medico che agisce anche come rappresentante di un sistema di governo. Medicina e potere, terapia e normativa devono restare separati.

La medicina come religione

In diversi interventi Lei ha presentato l’idea che oggi la medicina e la scienza siano diventate una religione. Molti medici e scienziati che la leggeranno tuttavia faranno fatica a percepire sé stessi come rappresentanti di questa religione. Forse stiamo usando un unico terme, quello di medicina o quello di scienza, per nominare due concetti diversi? Ci aiuta a definire meglio quella medicina e quella scienza che sono diventate religione?

L’analogia che suggerivo non è soltanto metaforica. Se chiamiamo religione ciò in cui gli uomini credono di credere, certamente la scienza è oggi una religione. Ma in ogni religione occorre distinguere fra l’apparato dogmatico (le verità in cui bisogna credere) e il culto, cioè i comportamenti e le pratiche che ne derivano. Come il comune credente poteva ignorare i dogmi e le eresie di cui i teologi discutevano appassionatamente, così oggi l’uomo comune può ignorare completamente le teorie scientifiche di cui discutono gli scienziati. Ma dal punto di vista del culto, cioè delle sue pratiche e dei suoi comportamenti, in particolare per quanto concerne la medicina, egli ne è determinato in misura crescente. E come la religione cristiana si proponeva attraverso il culto la salvezza, così la medicina mira attraverso la terapia alla salute: in un caso dal peccato e nell’altro dalla malattia, ma l’analogia salta agli occhi. La salute non è in questo senso che una secolarizzazione di quella “vita eterna” che il cristiano sperava di ottenere attraverso le sue pratiche cultuali. Se già la medicalizzazione della vita negli ultimi decenni era andata crescendo oltre ogni misura, nella situazione che stiamo oggi vivendo, essa è diventata permanente e onnipervasiva. Non si tratta più di assumere dei farmaci o di sottoporsi se necessario a una visita medica o a un’operazione chirurgica: la vita intera degli esseri umani deve diventare in ogni istante il luogo di un’ininterrotta celebrazione cultuale. Il nemico, il virus è invisibile e sempre presente e deve essere combattuto senza una possibile tregua, in ogni momento della propria esistenza.

Transumanesimo

Sempre maggiori finanziamenti alla scienza provengono dal settore dell’info tech. Questi stanno indirizzando numerose ricerche verso la fusione uomo-macchina che da un lato rappresenta un nuovo mercato e dall’altro una nuova promessa: potenziale le facoltà umane e prolungare la vita. Cosa pensa di questa progressiva digitalizzazione e robotizzazione della vita?

Credo che sia opportuno considerare il fenomeno di cui lei parla nella prospettiva dello sviluppo della specie umana. È ormai passato quasi un secolo da quando un geniale scienziato olandese, Ludwik Bolk, a cui si deve l’idea della pedomorfosi o immaturità costitutiva dell’homo sapiens, aveva previsto che gli apparati tecnici cui l’uomo si affida in misura crescente per poter sopravvivere come specie avrebbero raggiunto un punto di esasperazione estrema in cui si sarebbero rovesciati nel loro opposto e avrebbero finito per causare la fine della specie. Paul Alsberg già negli anni venti del XX secolo ha mostrato che nella proiezione tecnologica esterna delle funzioni degli organi corporei, quel che in realtà avviene è che questi organi vengono progressivamente disattivati a favore degli strumenti artificiali che li sostituiscono. Mentre l’animale adatta le proprie funzioni corporee alle condizioni naturali, l’uomo le disattiva per affidarle a strumenti artificiali. A ogni progresso tecnico esosomatico corrisponde così un regresso delle funzioni endosomatiche. Ma se questo regresso si spinge oltre un certo limite, la sopravvivenza stessa della specie viene messa in questione. Credo che ci troviamo oggi su questa soglia. Ma l’esperienza insegna che non sempre ciò che sembra ineluttabile avviene. Nelle parole di Euripide: “ciò che ci aspettavamo non si è compiuto e gli dei trovano una via per l’insperato”.

Linguaggio

Lei ha fatto notare come gli stessi termini sembrano scelti per sostenere un paradigma di organizzazione della società. Ad esempio, il termine “distanziamento sociale” avrebbe potuto essere diverso come distanziamento personale o distanziamento fisico. Pensa ci sia una regia del linguaggio oppure che siamo già talmente immersi in un nuovo paradigma di governo che questo linguaggio emerge spontaneamente a tutti i livelli della società? Una sorta di evoluzione naturale? Molti scienziati lottano da tempo contro termini fuorvianti e inappropriati eppure, nonostante numerose argomentazioni forti, non si riesce ad intervenire sul linguaggio universale. Quali sono i meccanismi che rendono acquisiti e consolidati determinati termini?

Il rapporto fra l’uomo e il linguaggio, l’esperienza che il parlante ha della sua lingua non è qualcosa di semplice ed è forse il primo problema di cui il pensiero deve occuparsi. Il linguaggio è qualcosa che gli uomini cercano di padroneggiare e manipolare e, nello stesso tempo, esso è ciò da cui sono già sempre dominati e determinati, cioè qualcosa con cui si deve necessariamente fare i conti. Va da sé che la grande trasformazione operata dalla tecnologia e dalla scienza moderna non sarebbe stata possibile senza un cambiamento profondo nell’esperienza del linguaggio. Il mondo antico non poteva né voleva aver accesso alla scienza e alla tecnologia in senso moderno perché – malgrado lo sviluppo della matematica (significativamente non in forma algebrica) – la sua esperienza del linguaggio non permetteva di riferirsi al mondo in un modo che si pretendesse indipendente da come esso si rivelava nella lingua. Il linguaggio non era uno strumento neutrale, che poteva essere sostituito da  cifre e algoritmi, ma il luogo in cui le cose innanzitutto si rivelano e comunicano nella loro verità. Solo la riduzione della lingua a strumento neutrale, che si compie con Ockham e il tardo nominalismo, permette quella delinguisticizzazione della conoscenza che culminerà nella scienza moderna. E solo quando la verità si sposta dall’ambito delle parole e della lingua in quello dei numeri e della matematica, il linguaggio, divenuto un sistema di puri segni convenzionali, sembra essere, almeno in apparenza, dominabile e manipolabile, non è più il luogo di una possibile verità. Ma proprio un linguaggio senza  più rapporto con la verità può diventare una prigione, una sorta di macchina che sembra funzionare da sé e da cui non sembra possibile uscire. Forse gli uomini non sono mai stati così inermi e passivi di fronte a un linguaggio che li determina in misura crescente.

Filosofia della natura

Un tempo la scienza veniva identificata come “Filosofia della Natura” e persone come Goethe che si interessavano di scienza, di filosofia e di letteratura erano considerate come massima espressione dell’intelligenza. Oggi la scienza si è indirizzata verso una sempre maggiore specializzazione che ha indubbiamente portato ad enormi avanzamenti tecnico-scientifici. Si tratta di due percorsi radicalmente divergenti. Cosa consiglia a quei giovani studenti e ricercatori che oggi muovono i loro primi passi nel mondo della scienza?

Un momento importante nella storia dell’occidente è quando la filosofia si rende conto di non poter più esercitare un controllo sulla scienza, perché la scienza si è resa del tutto autonoma rispetto ad essa. In Kant ciò è perfettamente chiaro e la sua filosofia rappresenta l’ultimo tentativo di mantenere un rapporto con la scienza, ponendosi come una dottrina della conoscenza in grado di fissare dei limiti all’esperienza possibile. Non credo che oggi qualcosa del genere sia tra i compiti della filosofia. Il rapporto fra pensiero e scienza non si gioca sul piano della conoscenza. La filosofia non solo non è una scienza, ma nemmeno si può risolvere in una dottrina della conoscenza, della quale del resto la scienza ha dimostrato di non avere alcun bisogno. La filosofia è sempre etica, implica sempre una forma di vita. Ma questo vale per ogni singolo uomo e quindi anche per ogni scienziato che non voglia rinunciare a essere umano. Certo gli scienziati hanno dimostrato di essere pronti a sacrificare senza scrupoli l’etica agli interessi della scienza, altrimenti non avremmo visto illustri scienziati servirsi dei deportati nei lager nazisti per i loro esperimenti. Quello che ricorderei a un giovane che muove i primi passi nella scienza è di non sacrificare mai un principio etico alla propria volontà di sapere.

Resistenza

Lei ha parlato della necessità di sviluppare nuove forme di resistenza. Cosa intende? Ci può fare degli esempi?

Io sono un filosofo e non uno stratega. Naturalmente la lucida coscienza della propria situazione è la prima condizione per trovare una via d’uscita. Posso solo aggiungere che non credo che la via d’uscita passi oggi necessariamente, come si è forse troppo a lungo creduto, attraverso una lotta per la conquista del potere. Non vi può essere un potere buono – e quindi nemmeno uno Stato buono. Noi possiamo solo, in una società ingiusta e falsa, attestare la presenza del giusto e del vero, possiamo solo, nel mezzo dell’inferno, testimoniare del paradiso.

*L’intervista è stata realizzata da Andrea Pensotti e pubblicata in origine su “Organisms. Journal of Biological Sciences” (Sapienza Università di Roma); la si riproduce per gentile concessione

La Redazione

FONTE https://www.lintellettualedissidente.it/controcultura/filosofia/agamben-intervista/

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

L’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa

Tecno-censura: la via scivolosa dalla censura E della “disinformazione” al tacere la verità

John W. Whitehead, Rutherford
Waking Times

“Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alle persone ciò che non vogliono sentire” – George Orwell

Questa è la china scivolosa che porta alla fine della libertà di parola come una volta la conoscevamo.

In un mondo sempre più automatizzato e filtrato dalla lente dell’intelligenza artificiale, ci troviamo in balia di algoritmi inflessibili che dettano i confini delle nostre libertà.

Una volta che l’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa, ci sarà poco ricorso: saremo soggetti ai giudizi intransigenti dei tecno-governanti.

Ecco come inizia.

L’avvertimento di Martin Niemöller sull’allargamento della rete che ci intrappola tutti è ancora valido.

“Prima sono venuti per i socialisti e io non ho parlato, perché non ero un socialista. Poi sono venuti per i sindacalisti e io non ho parlato, perché non ero un sindacalista. Poi sono venuti per gli ebrei e io non ho parlato, perché non ero ebreo. Poi sono venuti per me e non c’era più nessuno a parlare per me.

Nel nostro caso, tuttavia, è iniziato con i censori che inseguivano gli estremisti sputando i cosiddetti “discorsi di odio” e pochi si sono espressi perché non erano estremisti e non volevano vergognarsi di essere percepiti come politicamente scorretti.

Poi i censori di Internet sono stati coinvolti e hanno inseguito gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulle elezioni rubate, sull’Olocausto e su Hunter Biden , e pochi hanno parlato, perché non erano estremisti e non volevano essere evitati per sembrare in disaccordo con la maggioranza. .

Quando i tecno-censori inseguivano gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulla pandemia COVID-19 e sui vaccini, i censori avevano sviluppato un sistema e una strategia per mettere a tacere i non conformisti . Tuttavia, pochi hanno parlato.

Alla fine, “noi il popolo” saremo quelli nel mirino.

Ad un certo punto o in un altro, a seconda di come il governo ei suoi alleati aziendali definiscono ciò che costituisce “estremismo,” noi il popolo “potremmo essere tutti considerati colpevoli di qualche crimine di pensiero o altro.

Quando arriverà quel momento, potrebbe non esserci più nessuno a parlare o parlare in nostra difesa.

Qualunque cosa tolleriamo ora – qualunque cosa su cui chiudiamo un occhio – qualunque cosa razionalizziamo quando viene inflitta ad altri, sia in nome della giustizia razziale o della difesa della democrazia o della lotta al fascismo, alla fine tornerà a imprigionarci, tutti e tutti.

Guarda e impara.

Dovremmo allarmarci tutti quando voci di spicco dei social media come Donald Trump, Alex Jones, David Icke e Robert F.Kennedy Jr. vengono censurate, messe a tacere e fatte scomparire da Facebook, Twitter, YouTube e Instagram per dare voce a idee che sono ritenute politicamente scorretto, odioso, pericoloso o complottista.

La questione non è se il contenuto del loro discorso fosse legittimo.

La preoccupazione è cosa succede dopo che obiettivi così importanti sono stati messi con la museruola. Cosa succede una volta che i tecnocensori aziendali volgono gli occhi sul resto di noi?

È un pendio scivoloso dalla censura delle cosiddette idee illegittime al tacere la verità. Alla fine, come aveva predetto George Orwell, dire la verità diventerà un atto rivoluzionario.

Siamo su una traiettoria in rapido movimento.

Ci sono già richieste all’amministrazione Biden di nominare uno “zar della realtà” per contrastare la disinformazione, l’estremismo interno e la cosiddetta “crisi della realtà” della nazione.

Sapendo ciò che sappiamo sulla tendenza del governo a definire la propria realtà e ad attaccare le proprie etichette a comportamenti e discorsi che sfidano la sua autorità, questo dovrebbe essere motivo di allarme in tutto lo spettro politico .

Ecco il punto: non devi amare Trump o nessuno degli altri a cui è stata messa la museruola, né devi essere d’accordo o persino simpatizzare con le loro opinioni, ma ignorare le ramificazioni a lungo termine di tale censura sarebbe pericolosamente ingenuo. .

Come sottolinea giustamente Matt Welch, scrivendo per Reason , “ Le modifiche proposte alla politica del governo dovrebbero sempre essere visualizzate con il team avversario responsabile dell’implementazione.

In altre parole, qualunque potere tu permetta al governo e ai suoi agenti corporativi di rivendicare ora, per il bene del bene superiore o perché ti piacciono o ti fidi dei responsabili, alla fine sarà abusato e usato contro di te da tiranni di tua stessa creazione.

Come scrive Glenn Greenwald per The Intercept :

L’evidente errore che si trova sempre al centro dei sentimenti pro-censura è la convinzione ingenua e delirante che i poteri di censura saranno impiegati solo per sopprimere le opinioni che non piacciono, ma mai le proprie opinioni … Facebook non è un genitore benevolo, gentile, compassionevole o un attore sovversivo e radicale che controllerà il nostro discorso al fine di proteggere i deboli e gli emarginati o servirà come un nobile controllo delle offese dei potenti. Faranno quasi sempre esattamente l’opposto: proteggere i potenti da coloro che cercano di minare le istituzioni d’élite e rifiutare le loro ortodossie. I giganti della tecnologia, come tutte le società, sono tenuti per legge ad avere un obiettivo fondamentale: massimizzare il valore per gli azionisti.Useranno sempre il loro potere per placare coloro che percepiscono detengono il più grande potere politico ed economico.

Benvenuti nell’era del tecnofascismo.

Rivestito di tirannica ipocrisia, il tecnofascismo è alimentato da colossi tecnologici (sia aziendali che governativi) che lavorano in tandem per raggiungere un obiettivo comune.

Finora, i giganti della tecnologia sono stati in grado di eludere il Primo Emendamento in virtù del loro status non governativo, ma nella migliore delle ipotesi è una distinzione dubbia. Certamente, Facebook e Twitter sono diventati gli equivalenti moderni delle piazze pubbliche, i tradizionali forum sulla libertà di parola, con Internet stesso che funge da utilità pubblica.

Ma cosa significa per la libertà di parola online: dovrebbe essere protetta o regolamentata?

Quando viene data una scelta, il governo sceglie sempre l’opzione che espande i suoi poteri a scapito dei cittadini. Inoltre, quando si tratta di attività di libertà di parola, regolamentazione è solo un’altra parola per indicare la censura.

In questo momento, è trendy e politicamente opportuno denunciare, mettere a tacere, urlare e svergognare chiunque le cui opinioni sfidano le norme prevalenti, quindi i giganti della tecnologia si stanno allineando per placare i loro azionisti.

Questa è la tirannia della maggioranza contro la minoranza – esattamente la minaccia alla libertà di parola che James Madison ha cercato di impedire quando ha redatto il primo emendamento alla Costituzione – marciando al passo con il tecnofascismo.

Con l’intolleranza come la nuova lettera scarlatta dei nostri giorni, ora ci troviamo governati dalla folla.

Coloro che osano esprimere un’opinione o usare una parola o un’immagine tabù che va contro le norme accettate sono i primi in fila per essere svergognati, rimproverati, messi a tacere, censurati, licenziati, scacciati e generalmente relegati nel mucchio di polvere degli ignoranti, bulli dallo spirito meschino che sono colpevoli di vari “crimini verbali” e banditi dalla società.

Ad esempio, un professore della Duquesne University è stato licenziato per aver usato la parola N in un contesto accademico. Per riavere il suo lavoro, Gary Shank dovrà seguire un corso di formazione sulla diversità e ristrutturare i suoi programmi di lezione.

Questo è ciò che oggi viene considerato libertà accademica in America.

Se gli americani non difendono rumorosamente il diritto di una minoranza di uno di sottoscrivere, per non parlare di voce, idee e opinioni che possono essere offensive, odiose, intolleranti o semplicemente diverse, scopriremo presto che non abbiamo diritti qualunque cosa (parlare, riunirsi, essere d’accordo, in disaccordo, protestare, accettare, rinunciare o forgiare i nostri percorsi come individui).

Non importa quale sia il nostro numero, non importa quale sia il nostro punto di vista, non importa a quale partito potremmo appartenere, non passerà molto tempo prima che “noi popolo” costituiamo una minoranza impotente agli occhi di uno stato fascista alimentato dal potere. spinto a mantenere il suo potere a tutti i costi.

Siamo quasi a quel punto adesso.

La costante e pervasiva censura che ci viene inflitta dai giganti della tecnologia aziendale con la benedizione dei poteri forti minaccia di portare a una ristrutturazione della realtà direttamente dal 1984 di Orwell , dove il Ministero della Verità controlla il discorso e assicura che i fatti sono conformi a qualsiasi versione della realtà abbracciata dai propagandisti del governo.

Orwell intendeva il 1984 come un avvertimento. Invece, viene utilizzato come manuale di istruzioni distopico per l’ingegneria sociale di una popolazione conforme, conformista e obbediente al Grande Fratello.

Niente di buono può venire dalla tecno-censura.

Ancora una volta, per citare Greenwald:

Il potere di censura, come i giganti della tecnologia che ora lo detengono, è uno strumento di conservazione dello status quo. La promessa di Internet fin dall’inizio era che sarebbe stato uno strumento di liberazione, di egualitarismo, consentendo a coloro che non avevano denaro e potere di competere in modo equo nella guerra dell’informazione con i governi e le società più potenti. Ma proprio come è vero per consentire a Internet di essere convertito in uno strumento di coercizione e sorveglianza di massa, niente ha fegato che prometta, quel potenziale, come il potere di padroni aziendali e monopolisti irresponsabili di regolare e sopprimere ciò che può essere ascoltato .

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People , questi censori di Internet non agiscono nel nostro migliore interesse per proteggerci da pericolose campagne di disinformazione. Stanno gettando le basi per prevenire qualsiasi idea “pericolosa” che potrebbe sfidare la morsa dell’élite del potere sulle nostre vite.

Pertanto, è importante riconoscere la prigione del pensiero che si sta costruendo intorno a noi per quello che è: una prigione con una sola via di fuga: libertà di pensiero e libertà di parola di fronte alla tirannia.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

Facebook fa una mossa di potere in Australia e potrebbe pentirsene

Facebook fa una mossa di potere in Australia e potrebbe pentirsene

Per anni, Facebook è stato accovacciato sulla difensiva in mezzo a una sfilza di scandali sulla privacy, cause legali antitrust e accuse di lasciare che l’incitamento all’odio e l’estremismo distruggessero la democrazia. Giovedì presto, tuttavia, ha improvvisamente virato per prendere l’offensiva in Australia, dove ha abbassato il boom degli editori e del governo con un’improvvisa decisione di bloccare le notizie sulla sua piattaforma in tutto il paese.

Quel gioco di potere – una risposta a una legge australiana che obbligherebbe Facebook a pagare gli editori per l’utilizzo delle loro notizie – potrebbe facilmente ritorcersi contro, dato quanto molti governi sono preoccupati per l’influenza incontrollata dell’azienda sulla società, la democrazia e il discorso politico. Ma è ancora un sorprendente promemoria di quanto potere il CEO Mark Zuckerberg può esercitare con il semplice tocco di un pulsante figurativo.

“La flessibilità di Zuckerberg qui mostra come può interrompere l’accesso globale alle notizie in un batter d’occhio”, ha detto Jennifer Grygiel, esperta di social media e professore alla Syracuse University. “Nessuna azienda dovrebbe avere così tanta influenza sull’accesso al giornalismo”.

La mossa di Facebook significa che le persone in Australia non possono più pubblicare link a notizie su Facebook. Al di fuori dell’Australia, nel frattempo, nessuno può pubblicare collegamenti a fonti di notizie australiane come il Sydney Morning Herald.

Facebook ha affermato che la proposta di legge “ignora la realtà” del suo rapporto con gli editori che utilizzano il suo servizio per diffondere le loro storie in tutto il mondo. Anche esperti di tecnologia e media hanno sollevato serie preoccupazioni. Timothy Berners-Lee, lo scienziato informatico britannico noto come l’inventore del World Wide Web, ha dichiarato a una commissione del Senato australiano a gennaio che il precedente della legge potrebbe alla fine distruggere Internet richiedendo il pagamento per i collegamenti che sono sempre stati gratuiti.

La legge non è entrata in vigore. I negoziati tra le società tecnologiche, il governo australiano e i giganti dei media del paese – in particolare, News Corp. di Rupert Murdoch – potrebbero portare a modifiche alla versione finale.

Ciò che non può essere cambiato, tuttavia, è il drammatico, anche se intransigente, tentativo di Facebook di forzare il problema. La società non ha fornito alcun avvertimento sulla sua decisione di bloccare le notizie australiane e ha applicato il divieto in modo così goffo da bloccare molti spettatori innocenti.

“Poiché la legge non fornisce una guida chiara sulla definizione del contenuto delle notizie, abbiamo preso una definizione ampia per rispettare la legge così come redatta”, ha detto la portavoce di Facebook Mari Melguizo, che ha aggiunto che la società avrebbe sbloccato tutte le pagine che erano bloccato per sbaglio.

La reazione di Facebook non è stata giustificata anche se ci sono problemi con la legge, incluso il fatto che ne trarrà vantaggio i giganti dei media come News Corp., ha affermato Elizabeth Renieris, direttore del Notre Dame-IBM Technology Ethics Lab. La dimostrazione di forza di Facebook, ha detto, “sveglierà davvero i regolatori di tutto il mondo”.

“Se non è già chiaro, Facebook non è compatibile con la democrazia”, ​​ha scritto su Twitter il deputato David Cicilline, un democratico del Rhode Island a capo di una sottocommissione della Camera che ha sollecitato un’azione antitrust contro la società . “Minacciare di mettere in ginocchio un intero paese per accettare i termini di Facebook è l’ultima ammissione del potere di monopolio”.

Giovedì, i Democratici hanno annunciato che terranno nuove udienze per frenare le piattaforme online e aggiornare le leggi antitrust.

Miliardi di persone in tutto il mondo si affidano a Facebook per informazioni essenziali: non solo notizie, ma pagine di beneficenza e di governo, annunci di emergenza e altri canali importanti. Il blackout delle notizie di Facebook ha spazzato via molti di questi, comprese organizzazioni umanitarie come Foodbank Australia e Medici senza frontiere in Australia, che hanno trovato le loro pagine temporaneamente disabilitate.

Il divieto ha interessato articoli di grandi testate giornalistiche internazionali e piccoli giornali comunitari o stazioni radio allo stesso modo. Tali restrizioni hanno potenzialmente privato molti australiani delle informazioni di base su Facebook su COVID-19 o sulla stagione degli incendi del paese, da una società che si dichiara impegnata a costruire “connessione e comunità”.

La società tecnologica ha affrontato anni di critiche per aver permesso che la disinformazione sulla politica e sul coronavirus si manifestasse sul suo sito. I critici hanno affermato di temere che privare gli utenti australiani di fonti di notizie legittime non farà che peggiorare il problema.

“Giocare a questo gioco in Australia riempirà i feed delle persone di disinformazione”, ha detto mercoledì Tama Leaver, esperta di studi su Internet e social media presso la Curtin University in Australia, durante un’intervista con Australian Broadcasting Corporation Radio Perth.

Ma un Facebook senza notizie potrebbe anche essere un’esperienza più piacevole per molte persone, ha detto Drew Margolin, professore di comunicazione alla Cornell University. Facebook sarebbe stato meglio se avesse dato agli australiani la possibilità di rinunciare alle notizie, ha suggerito. Se molti lo avessero fatto, la società avrebbe potuto usarlo per fare leva con il governo e gli editori.

Egli ha detto:

“Cosa succede quando dicono che siamo pronti per riaccenderlo e noi diciamo per favore non farlo?”

__________________

La scrittrice di Associated Press Amanda Seitz ha contribuito a questa storia.

Pubblicato sul sito web: https://apnews.com/

®wld

La scienza elevata a uno stato di divinità immutabile

Lo scientismo, non la sinistra, è alla base di tutta la censura big-tech

C’è una religione molto oscura alla base sia della tecnocrazia che del transumanesimo. Questo è lo  scientismo. Una volta capito, la massiccia censura per mano di Big Tech inizia ad avere perfettamente senso.

Lo scientismo fu proposto per la prima volta dal filosofo francese Henri De Saint-Simon (1760-1825). Ha scritto,

“Uno scienziato, miei cari amici, è un uomo che prevede; è perché la scienza fornisce i mezzi per prevedere che è utile e gli scienziati sono superiori a tutti gli altri uomini”.

L’idea di scienza di Saint-Simon era più una proposizione metafisica che lasciò il posto a quella che oggi chiamiamo “pseudo-scienza”. Si tratta principalmente di speculazioni travestite da scienza. In ogni caso, nessuno scienziato o ingegnere ha una sfera di cristallo per “prevedere” il futuro né sono “superiori a tutti gli altri uomini”.

Tuttavia, Saint-Simon divenne uno dei riconosciuti “padri fondatori” sia della tecnocrazia che del transumanesimo.

Ai suoi tempi, propose che la leadership religiosa fosse letteralmente sostituita da un sacerdozio di scienziati e ingegneri, che avrebbe interpretato l’oracolo della scienza per fare dichiarazioni alla società sulle azioni umane necessarie per condurre l’umanità fuori dalle tenebre e nell’utopia. Così, la scienza sarebbe elevata a uno stato di divinità immutabile, adorato dai suoi seguaci, che a loro volta sono guidati dai suoi sacerdoti.

Questo suona familiare nel mondo di oggi? Ebbene, dovrebbe.

Penseresti che questa strana religione dello scientismo sarebbe evaporata nella storia dopo 200 anni, invece si è ingrandita e proliferata.

I sacerdoti della “scienza” del riscaldamento globale guardano al futuro per dirci con una certa autorità che i mari si innalzeranno e il mondo letteralmente brucerà. Vengono offerti rimedi per scongiurare un destino così terribile, come la demolizione dell’economia di libero mercato a favore dello sviluppo sostenibile, come promesso dalle Nazioni Unite.

I sacerdoti della “scienza” della pandemia globale scrutano il futuro e ci dicono che centinaia di milioni di persone moriranno sicuramente. L’unico modo per salvarti è fare esattamente quello che ti dicono di fare: indossare una maschera, anzi, due o tre maschere, negare ogni contatto sociale con la famiglia e gli amici, interrompere le attività economiche non essenziali, ecc. Quello che originariamente era un 14 L’esercizio quotidiano per semplicemente “appiattire la curva” si è ora intenzionalmente trasformato in una cascata senza fine di istruzioni e richieste pseudo-scientifiche.

Fidati della scienza. Obbedite ai sacerdoti. Non ascoltare nessuno o nient’altro.

Lo scientismo rifiuta in modo specifico e acuto tutte le altre fonti di verità che non possono essere scoperte dal suo sacerdozio di scienziati e ingegneri. Quindi, la filosofia è fuori. La Bibbia è uscita. La religione in generale è fuori uso. Tutto ciò  che non si adatta alla loro narrativa è fuori.

Questo è esattamente il punto in cui la censura moderna può essere veramente compresa. Non è una questione di sinistra contro destra, conservatore contro liberale o Democratico contro repubblicano. È una questione di verità auto-illusa contro realtà.

Considera queste aree comuni di censura ripetuta:

  1. Scetticismo sui vaccini  – Non consentito. I vaccini sono scienza e devi prenderli, punto.
  2. Ottimo ripristino –  Censurato. Non si può criticare la globalizzazione. The Great Reset si basa su scienza, ingegneria sociale, gestione scientifica.
  3. Global Warming –  Taboo da criticare. Il riscaldamento artificiale è “scientifico”; tutto il resto è considerato fake news e fake science.
  4. Scandalo di Hunter Biden –  Assolutamente verboten. Tali scandali espongono la corruzione tra gli oligarchi dell’élite globale, che sono tutti pesantemente investiti nella Big Tech e nella gestione scientifica della società.
  5. Maschere per il viso, blocchi: la  loro scienza dice di farlo, non sono consentite discussioni alternative.
  6. Trattamenti COVID alternativi come HCQ –  Totalmente censurati come anti-scienza, anche se offerti da eminenti medici e scienziati.

Che dire del divieto di Twitter al presidente Trump e a decine di migliaia di utenti di social media orientati al populismo? Il populismo è la più grande minaccia per la Big Tech perché i populisti sono uniformemente contro la globalizzazione (tutto sulla scienza), il Grande Reset (tutto sulla scienza) e il bullismo scientifico.

E le società che censurano? Hai indovinato. Sono tutti basati su una tecnologia avanzata: Google, Twitter, Facebook, Instagram, Amazon, Mailchimp, Stripe, Mastercard, GoDaddy, ecc.

In sintesi, la censura riguarda la scienza, la loro scienza. Pseudoscienza. Se attraversi la loro “scienza” o una parte di essa, verrai cancellato. Come ti cancellano? Oh, è tutto automatizzato con la tecnologia. Si chiama Intelligenza Artificiale.

La religione dello scientismo è diffusa in ogni agenzia e azienda governativa high-tech del mondo. Sono gli “escluditori”. Scienziati e ingegneri legittimi sono gli “esclusi” e, insieme a loro, chiunque osi ripetere i propri avvertimenti.

Combattere la Big Tech per la censura significa combattere la sua religione accuratamente nascosta dello scientismo, che è esattamente ciò che lo rende così pericoloso.

Fonte: https://www.technocracy.news/

Articolo correlato:

Looking Glass – Vedere il Passato e il Futuro attraverso lo Specchio.

®wld

Il Grande Fratello … sta venendo a prenderti

Se sei un conservatore, il momento di iniziare a preoccuparti della censura e della persecuzione è adesso.

Di: Luis R. Miranda

La California è bruciata perché attaccata da veri terroristi interni, ma nessuno, né Joe Biden, né i media mainstream, né il Partito Democratico, né il Congresso l’ha definita una minaccia alla pace.

Lo Stato di Washington è stato attaccato e bruciato da veri terroristi interni guidati da Antifa e Black Lives Matter, ma nessuno, né Joe Biden, né i media mainstream, né il Partito Democratico, né il Congresso lo hanno definito una minaccia alla pace.

Washington DC è stata attaccata, monumenti sono stati rimossi e vandalizzati, è stato appiccato il fuoco alle imprese, ma nessuno, né Joe Biden, né i media mainstream, né il Partito Democratico, né il Congresso l’hanno definito una minaccia alla pace.

New York City è stata attaccata e vandali e criminali organizzati e finanziati da multinazionali, George Soros e la gente sono stati picchiati mentre cercavano di salvare i loro mezzi di sussistenza, ma nessuno, non Joe Biden, non i media mainstream, non il Partito Democratico, non il Congresso l’ha definita una minaccia alla pace.

Nessun gruppo o organizzazione conservatrice è stato accusato di questi attacchi. Tuttavia, i media mainstream hanno incolpato l’allora presidente Donald J. Trump per la violenza.

Mentre i media difendevano la violenza ei Democratici ignoravano le morti e i saccheggi, a Washington a nessuno importava che le grandi città fossero distrutte da uomini e donne mascherati che lanciavano molotov alle stazioni di polizia.

Ora, dopo che Joe Biden è seduto nello Studio Ovale, la sua amministrazione ei media mainstream chiedono la fine della violenza nel tentativo di bandire, censurare e rimuovere dalla piattaforma chiunque mostri il minimo disaccordo con l’amministrazione ovviamente tirannica di Joe Biden e Kamala Harris.

Famosi canali tradizionali come MSNBC, CNN e New York Times prestano le loro onde radio, personalità televisive e colonne di opinione per chiedere la fine dei media conservatori, dei liberi pensatori e di chiunque non elogi le politiche di Joe Biden.

I conservatori sono stati ora etichettati come una minaccia e la nuova amministrazione non risparmierà un centesimo per cercare, distruggere e mettere a tacere le voci dissenzienti su televisione, radio e piattaforme Internet. Avevano già iniziato le loro azioni tiranniche censurando il presidente in carica degli Stati Uniti, accusandolo di incitamento alla violenza.

Hanno attribuito a Trump la responsabilità delle rivolte avvenute fuori e all’interno del Congresso, anche se quelle violente erano le stesse persone che si sono ribellate a Chicago, Washington DC, New York, Detroit e in California nell’estate del 2020.

Per le persone che ora detengono il potere, dissenso significa odio e le voci di odio devono essere censurate a tutti i costi.

Il presidente Joe Biden ha definito le rivolte contro l’edificio del Congresso degli Stati Uniti “terrorismo interno” e uno dei primi passi che ha compiuto nelle sue prime 48 ore alla Casa Bianca è stato commissionare una valutazione approfondita del problema.

In un campione della rilevanza che Biden dà al problema, la responsabilità di indagare sui rivoltosi ricadrà sul Department of Homeland Security e sull’FBI, che svolgeranno le proprie indagini e si affideranno anche al lavoro di organizzazioni non governative, ha spiegato il segretario stampa Jen Psaki.

“L’assalto al Campidoglio e le tragiche morti e distruzioni che ne sono seguite sottolineano ciò che sappiamo da molto tempo: l’ascesa dell’estremismo interno violento è una minaccia seria e crescente alla sicurezza nazionale”, ha detto Psaki.

Sulla base di questa valutazione, il Consiglio di sicurezza nazionale svilupperà misure per prevenire la radicalizzazione e smantellare le reti di estremismo violento. “L’amministrazione Biden affronterà questa minaccia con determinazione e con tutte le risorse necessarie”, ha sottolineato.

Il coinvolgimento di Homeland Security, un’agenzia federale creata sulla scia degli attacchi dell’11 settembre 2001, riflette un cambiamento nella strategia antiterrorismo degli Stati Uniti per focalizzare l’attenzione sulla violenza generata all’interno del paese.

Gli esperti di terrorismo considerano l’assalto il culmine di anni di radicalizzazione in alcuni settori della società americana.

L’insurrezione è stata la manifestazione, denunciata da analisti e politici, che il governo federale non ha preso sul serio i segnali di allarme che arrivavano: il massacro contro gli ispanici a El Paso, l’attacco alla sinagoga di Pittsburgh …

Motivazioni razziste sono state trovate nella maggior parte degli oltre 1.000 casi di terrorismo interno l’anno scorso, ha avvertito il direttore dell’FBI Christopher Wray in autunno.

“Questo non è accaduto perché non avevamo le risorse per anticiparlo, non avevamo rapporti di intelligence o leggi appropriate”, afferma la deputata Alexandria Ocasio-Cortez. “I democratici chiedono maggiori risorse per finanziare programmi di deradicalizzazione, come Life After Hate.

L’assalto al Congresso dimostra come le ingiustizie, reali o immaginate, possano portare alla violenza ma anche “come possono e saranno sfruttate per radicalizzare gli altri verso la violenza” diretta contro gruppi identificati come nemici, afferma l’organizzazione, poiché “dà loro un falso senso di sollievo. “Che si tratti della manipolazione delle credenze religiose o dello sfruttamento del patriottismo.

Il Congresso ha chiesto al direttore dell’intelligence nazionale, nominato da Biden, Avril Haines, di dedicare le risorse delle agenzie federali per indagare sul problema dell’estremismo e della disinformazione.

Gli sguardi apprensivi dell’Europa verso gli Stati Uniti sono reciproci. “Abbiamo visto gruppi simili di estrema destra crescere in vari paesi europei e c’è una certa rete tra ciò che sta accadendo lì e ciò che sta accadendo in questo paese”, afferma il senatore Mark Warner.

Tutto questo caos è stato collegato a Donald Trump, che ora è stato messo sotto accusa per la seconda volta, per presunta istigazione alla violenza. I sostenitori di Trump in televisione e sui social media continuano ad essere attaccati a destra ea manca dai cosiddetti esperti che hanno chiesto apertamente il divieto totale e completo di personalità e media conservatori, come Newsmax e Fox News.

Il Southern Poverty Law Center (SPLC), un’organizzazione di estrema sinistra, afferma di aver identificato più di una dozzina di gruppi estremisti che hanno partecipato all’assalto al Campidoglio, ad esempio i Proud Boys.

Anche se “non sembra esserci alcuna organizzazione dall’alto verso il basso”, il fatto che alcuni di questi estremisti siano organizzati in milizie o abbiano addestramento militare è “un’ulteriore preoccupazione” rispetto ai “jihadisti americani spesso incompetenti” emersi dopo il 9 / 11, afferma Daniel Byman, analista presso la Brookings Institution.

“Questi gruppi di odio, incoraggiati dal presidente-Trump-, rappresentano una minaccia diretta per la vita di milioni di neri, indigeni e altre persone di colore in tutto il paese”, avvertono. Come i bravi bugiardi, l’SPLC omette che la maggior parte dei neri e dei membri di altre minoranze che muoiono negli Stati Uniti muoiono nelle mani di criminali e membri di bande, non ufficiali di polizia o suprematisti bianchi.

Tutti i media e i gruppi politici di sinistra che hanno difeso la violenza perpetrata in tutti gli Stati Uniti da veri gruppi terroristici mentono anche sulla frode elettorale commessa contro il popolo americano a novembre, e ora vogliono cacciare e distruggere qualsiasi voce che ancora i coniugi dissentono sulla storia ufficiale pubblicata sui media mainstream.

Chiedono a tutti gli oppositori del regime radicale di Joe Biden di essere trattati come terroristi interni. Non c’è bisogno di ricordare cosa è successo ai presunti terroristi sotto George W. Bush, e questa è la stessa linea che sembra seguire l’amministrazione Biden.

Diversamente da Hitler o Lenin, Biden utilizzerà l’apparato dell’intelligence, i media mainstream e le risorse della Big Tech per ripulire il paese dai dissidenti mentre dice alla gente che il dissenso è violenza e che la violenza deve essere sradicata.

Fonte: https://real-agenda.com/

Correlati:

La Prigione del Pensiero

Analisi cronologica sull’evoluzione della crisi Covid – 19

E adesso?

®wld

Robert F. Kennedy, Jr conosce la censura per esperienza personale

Robert Ff. Kennedy, Jr., YouTube

Discorso appassionato di Robert F. Kennedy, Jr. Blasts Technocrat Oligarchi

Questo video è stato rilasciato il 24 ottobre 2020 e ha superato la prova del tempo con quasi 400.000 visualizzazioni su YouTube e altro ancora su altri canali. È una presentazione imperdibile che confermerà ciò che molti americani pensano e provano nel 2021.

Kennedy conosce la censura per esperienza personale. La sua organizzazione, Children’s Health Defense, è stata regolarmente censurata da ogni piattaforma Big Tech del mondo.

Kennedy chiede una resistenza bi-partigiana in America che si concentri sui veri nemici della libertà e della libertà, e bene dovrebbe. Ho affermato per anni che i combattimenti di cani tra destra e sinistra oscurano solo ciò che i Tecnocrati ci stanno facendo dietro le quinte.

Gli americani devono distogliere gli occhi dal caos sinistra-destra a Washington, DC e iniziare a chiedere risposte alle domande difficili a cui tutti vogliamo risposte.

Il fatto che il primo emendamento e la libertà di parola siano appesi a un filo non è un caso. È così che iniziano tutte le rivoluzioni: censura di tutti i pensieri, le azioni e le parole contrarie.

Kennedy non menziona Tecnocrazia per nome, ma sta colpendo tutti i punti chiave.

Attiva i sottotitoli in italiano