Crea sito

L’oscura Età della censura di Internet

 

La finestra del “discorso ammissibile” sta crollando ed è arrivata l’Età oscura della censura di Internet

(Natural News)

Guarda questo potente video di avvertimento di 4 minuti di seguito e rimarrai assolutamente scioccato nell’apprendere con che rapidità sta crollando la finestra del “discorso ammissibile”.

I malvagi giganti tecnologici autoritari stanno cancellando qualsiasi briciolo di libertà di parola, un diritto umano universale. Inizialmente, hanno preso di mira sostenitori e conservatori di Trump. Quindi la censura ha preso di mira cristiani e persone che citano le Scritture bibliche. Ora censurano tutti i discorsi su vaccini, OGM e cure naturali contro il cancro.

Se questo non viene interrotto, gli utenti di Internet saranno presto:

  • Vietati a parlare di nutrizione, comprese le cure alimentari naturali per diabete, cancro e malattie cardiache.
  • Vietati per aver criticato l’indottrinamento della pedofilia LGBTP nei confronti dei bambini, o lo stupro organizzato dei bambini da parte di perversi transgender che ora sono apparentemente una classe “intoccabile” di predatori di bambini.
  • Vietati per aver criticato qualsiasi democratico che non sia un maschio bianco, indipendentemente da quanto folli possano essere le loro idee fallite.
  • Vietati per aver sottolineato che il “cambiamento climatico” è una grande beffa perpetrata da ciarlatani scientifici disonesti che hanno falsificato i dati.
  • Vietati per amare l’America o chiamare per difendere i confini dell’America.
  • Vietati per aver citato la storia, usando citazioni di Gandhi o dei padri fondatori d’America.
  • Vietato a dire che uomini e donne non sono identici, poiché la sinistra squilibrata e delirante ora insiste sul fatto che sono esattamente gli stessi e non hanno differenze fisiologiche o biologiche.
  • Vietato per aver denunciato i crimini o la corruzione di qualsiasi democratico, come il fiasco #ClintonBodyCount che circonda i Clinton.
  • Vietati per aver condiviso qualsiasi meme che faccia sembrare stupidi i progressisti (cosa che non è difficile da fare).

Questo è il motivo per cui passare a piattaforme alternative è così cruciale. Scendi da Facebook. Smetti di usare Google. Allontanati da Twitter. Trova ed esplora servizi alternativi come Gab, DuckDuckGo, Censored.news o Brighteon.com, l’alternativa vocale gratuita a YouTube.

Guarda il mio potente avviso video di 4 minuti al seguente link e condividi ovunque: Brighteon.com/f860841d-78b5-4bf4-a26b-1642f96a6fd7

Fonte: https://www.naturalnews.com/

__________________________________

  

Possiamo salvare internet? 

by Steven Rosenbaum
June 3, 2019
from MediaPost Website
 

In una misteriosa fattoria appena sopra l’Oceano Pacifico, il gruppo che ha costruito Internet sta invitando un piccolo numero di amici a un incontro semi-segreto.

Lo descrivono come un campo,

“dove persone diverse possono scambiare liberamente idee su tecnologie, leggi, mercati e accordi di cui abbiamo bisogno per andare avanti”.

Avanti davvero …

Non molto tempo fa Internet era una rete aperta di computer, blog, siti e post.

Ma poi è successo qualcosa – e il web aperto è stato rilevato da reti private, a scopo di lucro e chiuse .

  • Facebook non è il web.
  • YouTube non è il web.
  • Google non è il web.

Sono aziende a scopo di lucro che stanno cercando di vendere il pubblico agli inserzionisti.

Brewster Kahle è uno dei primi innovatori del web che ha creato Internet Archive come magazzino pubblico per proteggere la storia del web.

Insieme a luminari del web come Sir Tim Berners-Lee e Vint Cerf, sta lavorando per proteggere e ricostruire la natura aperta del web.

“Abbiamo dimostrato che la rete aveva fallito invece di servire l’umanità, come avrebbe dovuto fare”, ha detto Berners-Lee a Vanity Fair.

Il web ha,

“ha finito per produrre – [senza] nessuna azione deliberata delle persone che hanno progettato la piattaforma – un fenomeno emergente su larga scala che è anti-umano”.

Quindi, sono pronti a risolverlo, lavorando su quello che chiamano Dweb.

La “d” nel web D sta per distribuito.

Nei “sistemi distribuiti“, nessuna entità ha il controllo sulla partecipazione di altre entità.

Berners-Lee sta costruendo una piattaforma chiamata Solid, progettata per dare alle persone il controllo sui propri dati.

Altri progetti globali hanno anche l’obiettivo di riprendere il web pubblico.

  • Mastodon è Twitter decentralizzato.  
  • Peertube è un’alternativa decentralizzata a YouTube. 

Il 18-21 luglio, gli attivisti del web hanno in programma di riunirsi al Vertice Web decentralizzato di San Francisco.

Nel 2016, Kahle ha convocato un primo gruppo di costruttori, archivisti, politici e giornalisti. Ha lanciato una sfida per utilizzare le tecnologie decentralizzate per “Bloccare il Web aperto”.

È difficile immaginare che sapesse allora quanto velocemente la rete sarebbe diventata una rete chiusa …

L’incontro Dweb dell’anno scorso ha convocato più di 900 sviluppatori, attivisti, artisti, ricercatori, avvocati e studenti.  

Kahle ha aperto la riunione ricordando ai partecipanti che la rete era un posto dove tutti potevano giocare.

“Oggi non mi sento più un giocatore, mi sento come se fossi giocato.Costruiamo una rete decentralizzata, costruiamo un sistema su cui possiamo fare affidamento, un sistema che non sembra inquietante”, ha detto, secondo IEEE Spectrum.

Con la crescente ondata di preoccupazioni su come i social network abbiano violato la nostra democrazia, Kahle e la sua comunità Dweb si riuniranno con crescente urgenza attorno alla loro missione.

Internet è iniziato con una missione idealista per connettere le persone e le informazioni per il bene.

Il web di oggi non ha ancora raggiunto questo obiettivo, ma forse Dweb creerà un Internet più robusto e aperto di quanto l’attuale infrastruttura consenta. 

Questa è una missione per cui vale la pena lottare per …

Ulteriori informazioni:

Presentazione di Dweb  

DWeb è attivo: Web 3.0 si sta avviando  

dWeb: il Web decentralizzato 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Paracetamolo: niente più caramelle …

 

Paracetamolo: non vale il rischio

Il paracetamolo è in circolazione da oltre un secolo ed è il composto farmaceutico più utilizzato al mondo. Negli Stati Uniti, il paracetamolo (APAP) è presente come ingrediente attivo in oltre 600 farmaci da prescrizione e da banco commercializzati per alleviare il dolore o ridurre la febbre, incluso il Tylenol. Ogni settimana, quasi un americano su quattro assume un farmaco contenente paracetamolo, ei pediatri raccomandano di routine il paracetamolo come trattamento di scelta per la febbre nei bambini.

Nonostante la sua ubiquità, il paracetamolo ha anche molti critici. Questi sostengono che il percorso verso la preminenza del farmaco è stato disseminato di errori, false supposizioni e indebita compiacenza sui rischi. I problemi documentati includono danni al fegato potenzialmente fatali in individui che consumano paracetamolo in “quantità in eccesso” – qualcosa che è troppo facile da fare, dati i diversi alias della droga e il numero di prodotti in cui è presente – così come le malattie cardiovascolari e rischi di danno renale associati con l’uso a lungo termine. Dal punto di vista della critica, questi e altri problemi rendono il paracetamolo “uno dei composti più pericolosi nell’uso medico“.

Negli Stati Uniti, circa 500 decessi sono attribuibili al paracetamolo ogni anno, così come 100.000 chiamate al controllo del veleno, 50.000 visite al pronto soccorso e 10.000 ricoveri. La maggior parte delle visite al pronto soccorso relative al paracetamolo sono rivolte a bambini piccoli (sotto i 5 anni), adolescenti o giovani adulti. Il problema delle overdose accidentali (o intenzionali) è abbastanza preoccupante, ma ci sono altri motivi per essere preoccupati per l’uso di paracetamolo nei giovani – in particolare, l’associazione del farmaco con l’asma e disturbi dello sviluppo come l’autismo. La ricerca che collega il paracetamolo a queste condizioni croniche a livello epidemico suggerisce che l’inclusione automatica del farmaco nel gabinetto dei medicinali per l’infanzia dovrebbe essere riconsiderata.

… due studi diversi hanno rilevato che l’uso di paracetamolo nel primo anno di vita prevedeva l’asma all’età di tre anni e ai sei-sette anni, rispettivamente.

Paracetamolo e condizioni atopiche

Numerosi studi collegano l’uso di paracetamolo durante la gravidanza con aumento dei rischi di asma nella prole. La ricerca indica anche un’associazione tra l’uso nell’infanzia e l’asma in seguito. Ad esempio, due diversi studi hanno scoperto che l’uso di paracetamolo nel primo anno di vita prevedeva l’asma all’età di tre anni e ai sei-sette anni, rispettivamente.

Le associazioni valgono non solo per l’asma ma anche per le allergie e l’eczema. Ricercatori polacchi hanno riportato “un significativo aumento dose-dipendente” nel rischio di asma, allergia ed eczema in tre gruppi di età che hanno usato paracetamolo negli ultimi 12 mesi: bambini (6-7 anni), adolescenti (età 13-14) e adulti (età 20-44). Uno studio europeo multicentrico ha scoperto che il farmaco era “fortemente positivamente associato all’asma” in adulti di età compresa tra 20 e 45 anni che assumevano acetaminofene su base settimanale , rispetto a utenti meno frequenti.

Facendo un bilancio delle dimensioni e della consistenza delle prove, i ricercatori spagnoli – pur non riuscendo a raccomandare un divieto assoluto di acetaminofene – hanno invocato un significativo rollback sul suo uso:

“È assolutamente chiaro che la letteratura scientifica sta inviando un segnale ampio e coerente che sfida il tradizionale eccellente profilo di sicurezza del paracetamolo nei bambini. […] Una raccomandazione diffusa e professionale di limitare l’uso di paracetamolo a quei casi in cui l’ibuprofene non può essere somministrato ridurrebbe al minimo l’esposizione della popolazione infantile e fornirebbe una buona opportunità per minimizzare l’effetto dannoso del paracetamolo.”

… gli autori osservano che gli effetti a lungo termine dell’esposizione al paracetamolo sullo sviluppo neurale non sono mai stati valutati nell’uomo e sottolineano che anche a dosi molto basse, il paracetamolo innesca l’attivazione del sistema immunitario e le risposte allo stress ossidativo, entrambe caratteristiche di autismo.

Autismo e disturbi dello sviluppo

Oltre all’asma, la ricerca ha collegato l’uso paracetamolo prenatale a “quoziente di intelligenza delle prestazioni inferiore (QI), … disturbo dello spettro autistico, problemi dello sviluppo neurologico (sviluppo motorio grossolano, comunicazione), disordine da deficit di attenzione / iperattività, scarsa attenzione e funzione esecutiva, e problemi comportamentali nell’infanzia.” Ad esempio, uno studio longitudinale che ha esaminato lo sviluppo del linguaggio a due anni e mezzo le cui madri avevano assunto acetaminofene durante il primo trimestre di gravidanza hanno trovato un’associazione significativa tra uso paracetamolo prenatale e ritardi nella lingua, in particolare nei ragazzi. I ricercatori hanno concluso, “Considerato … l’importanza dello sviluppo del linguaggio, questi risultati … suggerirebbero che le donne incinte dovrebbero limitare il loro uso di questo analgesico durante la gravidanza.”

C’è una ricerca particolarmente convincente che lega l’uso di paracetamolo al disturbo dello spettro autistico (ASD). In uno studio del 2017 (scritto da un “who’s who” dei ricercatori sull’autismo di Duke, Harvard e dell’Università del Colorado), gli autori osservano che “gli effetti a lungo termine dell’esposizione al paracetamolo sullo sviluppo neurale non sono mai stati valutati negli esseri umani” e Fai notare che anche a dosi molto basse, il paracetamolo “innesca l’attivazione del sistema immunitario e le risposte allo stress ossidativo”, entrambe caratteristiche di autismo. Raccolgono anche prove per entrambe le associazioni prenatale e postnatale tra l’uso di paracetamolo e problemi neurologici nei bambini, tra cui menzione di un legame tra uso paracetamolo correlato alla circoncisione e aumento della prevalenza di autismo.

Molti genitori riferiscono di aver visto l’insorgenza di autismo regressivo in seguito al ricevimento simultaneo di paracetamolo e vaccini da parte del loro bambino.

Disintossicazione alterata

Gli studi pubblicati nel 2018 propongono che il paracetamolo possa funzionare come un fattore di rischio ASD in combinazione con altre tossine farmaceutiche e ambientali. Ad esempio, i ricercatori ipotizzano che il paracetamolo amplifichi il danno provocato dagli antibiotici e dal glifosato perché altera il metabolismo del solfato e esaurisce il maestro antiossidante- glutatione, di cui il corpo ha bisogno per impegnarsi in un’efficace disintossicazione.

Molti genitori riferiscono di aver visto l’insorgenza di autismo regressivo in seguito al ricevimento simultaneo di paracetamolo e vaccini da parte del loro bambino. Tuttavia, i ricercatori desiderosi di mantenere l’attenzione sul paracetamolo tendono a evitare di discutere possibili effetti sinergici correlati al vaccino. Ciò è alquanto sconcertante, dato il contenuto di alluminio dei vaccini e la capacità dell’alluminio di alterare la disintossicazione più o meno allo stesso modo del paracetamolo. In effetti, esistono molteplici meccanismi “in base ai quali quantità significative di alluminio introdotte tramite immunizzazione potrebbero produrre neuropatologia cronica in bambini geneticamente suscettibili”, tra cui lo stress ossidativo, l’esaurimento del glutatione e l’aumento dell’infiammazione. La ” sincronicità … tra l’inizio dell’epidemia di autismo e l’aumento nell’uso di paracetamolo” è innegabile, ma lo è anche la sincronicità tra l’autismo e il programma di vaccinazione infantile in continua espansione.

Niente più caramelle

Per anni, gli operatori sanitari ei genitori hanno distribuito prodotti contenenti acetaminofene come caramelle, incuranti della tossicità documentata del composto. Johnson & Johnson, produttore di Tylenol e una delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo, è stato fin troppo felice di continuare a incoraggiare le percezioni di un “profilo di sicurezza favorevole”; tuttavia, ricorrenti cause legali e richiami e la letteratura abbondante che descrive risultati tossici suggeriscono che potrebbe essere giunto il momento per i giorni di gloria del paracetamolo.

Fonte: https://www.collective-evolution.com/

 ®wld

Il microbioma nella mucosa del colon umano

 

Dieta di alta qualità legata ai batteri più benefici dell’intestino

È ben noto che la dieta influenza la salute e la malattia, ma i meccanismi alla base di questo effetto non sono pienamente compresi. Facendo luce sulla connessione dieta-salute, un team guidato da ricercatori del Baylor College of Medicine riporta oggi su The American Journal of Clinical Nutrition un’associazione tra qualità della dieta e composizione del microbioma nella mucosa del colon umano.

I ricercatori hanno scoperto che una dieta di alta qualità è legata a più batteri potenzialmente benefici; mentre una dieta di bassa qualità è associata ad un aumento dei batteri potenzialmente dannosi. Propongono che la modifica del microbioma attraverso la dieta possa far parte di una strategia per ridurre il rischio di malattie croniche.

“In questo studio, piuttosto che osservare le diete individuali, ci siamo concentrati sui modelli dietetici definiti dall’Indice di alimentazione sana (HEI) -2005 e su come si relazionano al microbioma”, ha detto l’autore corrispondente Dr. Li Jiao, professore associato di medicina -gastroenterologia e membro del Centro di Cancro Complessa Dan L Duncan del Baylor College of Medicine. “In uno studio precedente, abbiamo scoperto che l’HEI-2005 è associato a un ridotto rischio di cancro al pancreas.”

La dieta è considerata un fattore principale che influenza la struttura della comunità microbica nell’intestino, che a sua volta influenza significativamente la capacità di microbi benefici o dannosi di colonizzarla. Il microbioma intestinale umano influenza anche l’assorbimento dei nutrienti, la sintesi delle vitamine, il raccolto di energia, l’infiammazione cronica, il metabolismo del carcinoma e la risposta immunitaria e metabolica dell’organismo, fattori che possono influenzare il rischio di malattia, ha spiegato Jiao.

“Un nuovo contributo a questo lavoro è che abbiamo esaminato il microbioma associato alla mucosa del colon”, ha detto Jiao. “La maggior parte degli altri studi sul microbioma intestinale umano hanno utilizzato campioni fecali. Abbiamo esaminato il microbioma della mucosa del colon, perché sappiamo che questo microbioma è diverso da quello dei campioni fecali e si dice che sia più correlato all’immunità umana e all’interazione ospite-microbioma rispetto al microbioma nei campioni fecali “.

I ricercatori hanno utilizzato tecniche di sequenziamento di prossima generazione per analizzare il tipo e l’abbondanza di batteri presenti nelle biopsie della mucosa del colon. I campioni sono stati ottenuti per via endoscopica da partecipanti arruolati tra 50 e 75 anni che hanno avuto una colonscopia presso il Michael E. DeBakey Veterans Affairs Medical Center di Houston tra il 2013 e il 2017. I partecipanti erano privi di polipi e apparentemente sani. Hanno segnalato il loro consumo alimentare utilizzando un questionario di frequenza alimentare prima della colonscopia.

La qualità alimentare influenza in modo significativo il microbioma del colon

Jiao e i suoi colleghi hanno scoperto che una dieta di buona qualità come quella raccomandata dalle linee guida dietetiche per gli americani è ricca di frutta, verdura e cereali integrali, e un basso contenuto di zuccheri aggiunti, bevande alcoliche e grassi solidi è associata ad una maggiore abbondanza di benefici batteri come quelli con proprietà anti-infiammatorie.

Una dieta di cattiva qualità, d’altra parte, è associata a più batteri potenzialmente patogeni, come i Fusobatteri, che sono stati collegati al cancro del colon-retto.

I ricercatori suggeriscono che l’effetto che la dieta ha sulla struttura delle comunità batteriche nella mucosa del colon umano può portare a modificazioni dell’immunità innata, dell’infiammazione e del rischio di malattie croniche.

Il loro prossimo passo è confermare i risultati dello studio in una popolazione di studio più ampia. Inoltre, vogliono indagare su come i prodotti batterici, o metaboliti, come gli acidi grassi a catena corta o acidi biliari secondari, possono modificare il microambiente tissutale in uno che inibisce o promuove la crescita del tumore o lo sviluppo di altre malattie.

Inoltre, Jiao e i suoi colleghi sono interessati a indagare su come il microbioma intestinale sfavorevole in soggetti che consumano una dieta povera risponderebbe a un intervento dietetico personalizzato usando dieta, pre o probiotici, poiché studi precedenti hanno prodotto risultati misti.

“Altri fattori, come l’invecchiamento, la genetica o alcuni farmaci, influenzano anche il rischio di malattia, ma non possiamo modificarli”, ha detto Jiao. “La dieta, d’altra parte, può essere modificata e quindi fornisce una strategia per sviluppare un microbioma che promuova una vita sana. Suggeriamo che la modifica del microbioma attraverso la dieta possa essere una parte di un piano per ridurre il rischio di malattie croniche”.

fonti:
Baylor College of Medicine
Articolo di giornale

Fonte Articolo: https://www.naturalblaze.com/

®wld

Punti di vista sul lecito e illecito

 

Facebook dice che postare su integratori alimentari è una “violazione”, ma rilasciare minacce di morte contro i conservatori è ok

(Naturale News)

Proprio quando pensavamo che la Big Tech non potesse essere più apertamente ipocrita con i suoi “standard di comunità”, Facebook arriva e lancia una nuova politica che afferma che è ora possibile emettere minacce di morte contro persone che non ti piacciono online, basta che siano conservatori.

Secondo le nuove regole di Facebook, che violano direttamente le sue vecchie regole, gli utenti di sinistra su Facebook sono liberi di incitare alla violenza contro persone che considerano “individui pericolosi”, tra cui Paul Joseph Watson di Infowars, che è stato bandito sia da Facebook che da piattaforma di social media come Instagram a maggio.

Watson afferma che Facebook ha cercato di giustificare questa censura considerandolo un “individuo pericoloso”, anche se la compagnia non ha potuto fornire a Watson esempi del perché. Non molto tempo dopo, Facebook ha emesso un avviso del memorandum “Non pubblicare” che chiede che la violenza “ad alta gravità” sulla sua piattaforma sia off limits “a meno che l’obiettivo non sia un’organizzazione o una persona coperta dalla politica di Dangerous Individuals and Organizations”.

Anche se Watson non ha mai fatto altro che usare l’arguzia e l’umorismo per condividere le sue opinioni tramite i social media, Facebook dice di essere “pericoloso” e quindi un obiettivo consentito per l’odio e la violenza di sinistra, tuttavia dovrebbe manifestarsi.

“Questo è un crimine nel Regno Unito ai sensi della Legge sulle comunicazioni malevoli del 1988 che afferma: “Chiunque invia a un’altra persona una lettera, una comunicazione elettronica o un articolo di qualsiasi descrizione che trasmetta … una minaccia … è colpevole di un reato” Watson scrive.

“La più grande società di social media al mondo con oltre 2 miliardi di utenti dice letteralmente che è bello incitare alla violenza contro di me, nonostante sia illegale”, aggiunge.

Per ulteriori notizie correlate, assicurati di controllare Censorship.news e Facebook.Fetch.news.

Facebook e il resto della Silicon Valley sono apertamente coinvolti in tradimento e devono essere ritenuti responsabili dei loro crimini contro l’umanità

Nel frattempo, Facebook sta intraprendendo azioni aggressive contro fonti di notizie come Natural News che condividono la verità sulla salute e il benessere da una prospettiva indipendente – perché, secondo Facebook vivere naturalmente è anche apparentemente “pericoloso”.

Come forse già saprai, Natural News, proprio come Watson, è stato recentemente bannato da Facebook per aver presumibilmente violato gli “standard della comunità” del gigante della Silicon Valley, che ora includono il coinvolgimento di qualsiasi tipo di libertà di espressione che Facebook trova “offensivo”.

“I tecno-fascisti, inclusa Wikipedia, hanno deciso che nessun discorso che metta in discussione qualsiasi narrativa ufficiale sarà consentito su qualsiasi piattaforma”, avverte Mike Adams, la Guardia forestale.

“Chiunque mette in dubbio la sicurezza dei vaccini tossici, delle torri cellulari 5G, della geoingegneria, della chemioterapia o delle sostanze chimiche assassine ai glifosati viene ora attaccato maliziosamente, imbrattato e spalancato. Non ti è nemmeno permesso di parlare di nutrizione, cibi anti-cancro o integratori alimentari senza essere etichettato come un sito web “vitaminico” accusato di spingere false cure.”

Per quanto riguarda Watson, probabilmente continuerà a ricevere minacce di morte con la benedizione di Facebook, specialmente mentre persegue azioni legali contro la società per violazione della legge britannica non solo per quanto riguarda la legge sulle malevoli comunicazioni del 1988, ma anche per rifiutarsi di ottenere informazioni. richiesto dalla compagnia su ciò che è stato pubblicato e condiviso su di lui sulla piattaforma.

“Due mesi fa, tramite i miei avvocati, ho presentato una Richiesta di accesso per soggetto che chiedeva a Facebook di consegnare tutte le informazioni relative a me”, scrive Watson. “Facebook deve ancora rispondere a questa richiesta, nonostante sia un requisito legale per rispondere entro 30 giorni.”

“Se e quando Facebook risponderà a questa richiesta legale, il prossimo passo sarà quello di avviare il contenzioso”, aggiunge.

Analogamente, Natural News attende la sua stessa opportunità di perseguire la giustizia contro Facebook e il resto dei giganti della tecnologia per aver violato il nostro diritto collettivo alla libertà di parola, come protetto dal Primo Emendamento.   

Le fonti per questo articolo includono:  

Summit.news

NaturalNews.com

Fonte: https://www.naturalnews.com/2 

®wld

Neuralink: La connessione uomo-computer

 

L’attesa è finita: ecco la presentazione Neuralink

La connessione uomo-computer sarà capace di leggere e scrivere una enorme mole di informazioni. Nella presentazione Neuralink la prima, importante visione. 

di Gianluca Riccio

Nella presentazione Neuralink, la startup di Elon Musk che aveva annunciato una conferenza stampa dopo due anni di silenzio, ha illustrato i suoi piani per collegare il nostro cervello a un computer.

Nell’evento annunciato qualche giorno fa è stato mostrato il progetto di una connessione cervello-computer. È discreta, sicura e attivata con una procedura indolore, paragonata a quelle attuate per correggere la vista.

Neuralink ha descritto il minirobot che come una “macchina da cucire” può impiantare connessioni ultrasottili nel nostro cervello. La società conta di iniziare i test su persone in carne e ossa nella prima metà del prossimo anno.

Cosa farà il sistema Neuralink

La connessione uomo-computer sarà capace di leggere e scrivere una enorme mole di informazioni. La sfida più complessa sarà però quella che dovranno vincere gli scienziati di Neuralink per aderire alle visioni di Elon Musk.

È complicato star dietro alla mente creatrice di Tesla motors, The Boring Company, SpaceX e Hyperloop.

L’idea di inserire un dispositivo nella nostra testa che ci permetta di comunicare a velocità inimmaginabili con un computer apparteneva fino a poco fa (salvo che per i transumanisti) al dominio della fantascienza.

Nel suo romanzo del 1984 “Il neuromante” lo scrittore William Gibson ebbe l’idea di quello che chiamò “Microsoft”. Era una minuscola cartuccia inserita in uno slot e connessa al nostro cervello che forniva all’istante conoscenze, ad esempio un nuovo linguaggio.

Nella presentazione Neuralink (cui Musk non ha presenziato) i vertici della società hanno tenuto a precisare che occorrerà molto tempo prima di poter offrire un servizio commerciale,ma sono pronti a parlare pubblicamente del loro lavoro.

“Vogliamo abbandonare questa modalità ‘stealth’ tenuta per due anni e continuare a costruire nel modo tradizionale. Comprese le pubblicazioni scientifiche.” È quanto riferisce Max Hodak, Presidente Neuralink e uno dei fondatori.

“Il signor Musk si è attivato per aiutarci a vincere tutte le sfide ingegneristiche che Neuralink deve affrontare,” gli fa eco Shivon Zilis, progettista. La società conta attualmente 90 dipendenti ed ha ricevuto fondi per 150 milioni di euro.

Il viaggio di Neuralink sarà lungo, ma Musk ha già individuato alcune destinazioni d’uso per questo legame cervello-computer. In campo medico le applicazioni che richiedono una tempistica relativamente più breve. Ridare mobilità alle persone amputate, ridare vista, parola e udito a chi li ha persi. Sarebbero già traguardi straordinari.

Ahia

Le (fastidiose, più che) dolenti note del sistema sono nella procedura di installazione. Occorre attualmente che un chirurgo pratichi un piccolissimo foro sul cranio (spero senza un trapano a manovella) per impiantare le connessioni. Nessun dolore, spiegano alla presentazione Neuralink, ma qualche vibrazione minima basta e avanza definire spiacevole la cosa. La prossima versione dovrebbe adoperare un raggio laser per praticare all’istante incisioni grandi come un capello (gli elettrodi sono grandi un quarto di capello) in modo del tutto istantaneo e indolore.

 

Un piccolo processore sulla superficie del cranio che cattura informazioni da elettrodi e le invia ad un computer.

Per il programma di test saranno coinvolti i neurochirurghi della Stanford University e di altre istituzioni mediche qualificate. Jaimie Henderson, professore di neurochirurgia a Stanford, specialista nel trattamento dell’epilessia ed esperto di stimolazione cerebrale profonda è consigliere scientifico di Neuralink.

La dimostrazione

Nella presentazione Neuralink la visita ai laboratori ha mostrato alla stampa un sistema connesso a cavie e capace di leggere informazioni da 1500 elettrodi. È un numero 15 volte maggiore degli attuali sistemi: è già un avanzamento enorme.

Ovviamente gli scienziati raccomandano cautela. I risultati eccellenti sui topi necessitano di ulteriori test sull’uomo per determinare le reali potenzialità della tecnologia.

Successivamente alla creazione della ‘sede dell’inserimento’ un piccolo robot gestirà i sottilissimi e flessibili collegamenti. Un po’ come una macchina da cucire, posizionandoli uno ad uno in prossimità dei neuroni ed evitando qualunque vaso sanguigno.

 

Ecco il piccolo robot che “cucirà” le connessioni cervello-computer.

La capacità di catturare informazioni da un gran numero di cellule e inviarle wireless ad un computer per analisi è un passo epocale per migliorare la conoscenza del nostro cervello:

Le connessioni

Sono realizzate come una sorta di sottile sandwich di materiale isolante, che incorpora sensori messi in fila come minuscole perle. Questi ‘legami’ possono essere posizionati in diverse aree e a diversa profondità a seconda della tipologia di applicazione. Le prime zone del cervello interessate dai test saranno quelle preposte a linguaggio, movimento, udito o vista.

Le prime perplessità scientifiche risiedono proprio nelle caratteristiche plastiche di questi collegamenti. I “cavi” dovrebbero restare in sede per un dato periodo (in un ambiente salino come quello del cervello, che deteriora molti tipi di plastica).

Non è l’unico dubbio, purtuttavia, ma è chiaro che una ricerca così rivoluzionaria non può che incontrare enormi perplessità, forse resistenze, prima di essere introdotta alla società.

Fonte: https://www.futuroprossimo.it/

®wld

Almanacco di luglio 2019

 

I fans di Jovanotti saranno cavie umane da 5G

Dopo il Festival di San Remo, Matera capitale europea della cultura e gli stadi di calcio di Roma e Udine, prosegue la colonizzazione tecnologica dei più rilevanti eventi d’intrattenimento d’Italia attraverso la sperimentazione del pericoloso 5G, introdotta senza valutazioni preliminari sui rischi per umanità ed ecosistema. Alla viglia dell’unica tappa nel Lazio del Jova Beach Party, la TIM ha infatti ufficializzato l’introduzione di test dell’Internet delle cose nel tour estivo di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti. Il 5G sarà sperimentato su 15 spiagge italiane, da Viareggio a Barletta, da Vasto a Policoro, cominciando oggi a Marina di Cerveteri (Roma) con droni in aria, giochi e video in Virtual Reality a ridosso del monumento naturale della palude di Torre Flavia. Segue QUI

 

 

 

Punch Hawaiian: Il Drone di dimensioni come un campo da calcio diffonderà 5G verso le isole Hawaii – Azione urgente necessaria   

By B.N. Frank 

L’ industria delle telecomunicazioni non ha fornito prove scientifiche che il 5G sia sicuro e molte ricerche hanno dimostrato che non lo è (vedi 1, 2). Medici, funzionari eletti, ambientalisti, esperti di sicurezza, la US Navy, società di servizi pubblici e altro hanno cercato di fermare la distribuzione 5G per una serie di motivi convincenti. Poche persone si stanno iscrivendo ad esso dove è già stato installato e gli utenti si lamentano che il 5G sta facendo surriscaldare i loro telefoni e modem. Indipendentemente da ciò, le società di telecomunicazione e i sostenitori continuano a promuoverlo e installarlo ovunque sia possibile – sopra e sotto.  Continua QUI in lingua inglese. 

 

Nessuna frode scientifica

di Pier Giuseppe Pelicci, Pier Paolo Di Fiore 

Negli scorsi giorni una serie di articoli ha riferito della richiesta di archiviazione delle indagini condotte dalla Procura di Milano in merito a presunte frodi scientifiche che hanno coinvolto, fra gli altri, gli oncologi Pier Giuseppe Pelicci e Pier Paolo Di Fiore. Riportiamo qui sotto la loro dichiarazione affidata a Scienza in rete.

Nel gennaio 2016 abbiamo ricevuto un’informazione di garanzia dalla Procura di Milano per alcune ipotesi investigative concernenti possibili condotte di falsificazione di dati in ambito scientifico. Dieci giorni fa circa abbiamo letto su una testata nazionale che i Pubblici Ministeri titolari dell’indagine hanno richiesto, al Giudice delle Indagini Preliminari (GIP), la completa archiviazione dell’inchiesta. Nelle motivazioni, riportate dai media, i PM affermano che avrebbero sostanzialmente “accertato” quella che loro definiscono una “frode scientifica” ma che non esisterebbe in Italia una legge che consenta di perseguire questo tipo di illeciti. Segue QUI

 

 

  

Scam Green New Deal distrutto da un nuovo studio scientifico sul riscaldamento globale

Inserito da: Tyler Durden 

AOC, Justice Democrats, New Green Deal, zeloti e tecnocrati di tutto il mondo, digrignano i denti per questa nuova ricerca. Gli scienziati hanno concluso che ” il cambiamento climatico antropogenico non esiste nella pratica”. Editor TN Editor

Un nuovo studio scientifico potrebbe svelare precisi e profondi presupposti fondamentali alla base della controversa legislazione sul clima e di iniziative come il New Deal verde, ovvero il grado in cui il “cambiamento climatico” è guidato da fenomeni naturali rispetto a problemi creati dall’uomo come impronta di carbonio . Scienziati in Finlandia hanno trovato “praticamente nessun cambiamento climatico antropogenico [causato dall’uomo] ” dopo una serie di studi.

“Durante gli ultimi cento anni la temperatura è aumentata di circa 0,1 ° C a causa dell’anidride carbonica. Il contributo umano era di circa 0,01° C”, i ricercatori finlandesi affermano senza mezzi termini in una serie di articoli.

Questo è stato collaborato da un team della Kobe University in Giappone, che ha promosso la teoria dei ricercatori finlandesi: “Nuove prove suggeriscono che particelle ad alta energia provenienti dallo spazio conosciute come raggi cosmici galattici influenzano il clima della Terra aumentando la copertura nuvolosa, causando un ‘ effetto ombrello”, “lo studio appena pubblicato ha trovato, una sintesi della quale è stata pubblicata sulla rivista Science Daily. I risultati sono estremamente significativi dato che questo “effetto ombrello” – un evento del tutto naturale – potrebbe essere il principale fattore del riscaldamento del clima e non i fattori causati dall’uomo.Continua QUI in lingua inglese. 

 

  

Il ministro del Regno Unito ribadisce che Assange non verrà estradato in nessun paese con pena capitale

Assange sta scontando una pena di 50 settimane in Gran Bretagna per aver saltato la cauzione dopo aver trascorso sette anni nell’ambasciata ecuadoriana a Londra per scappare da quello che ha definito un caso politicamente motivato contro di lui. Il fondatore di WikiLeaks affronta l’estradizione negli Stati Uniti per presunti attacchi informatici, accuse che lui nega.

Il ministro di Stato britannico per l’Europa e le Americhe, Alan Duncan, ha riaffermato che il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, non verrebbe estradato “dovunque potrebbe essere condannato a morte”, riporta l’agenzia indipendente spagnola EFE.

Il comunicato ha citato Duncan nel suo discorso durante una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri ecuadoriano Jose Valencia, secondo cui un accordo rilevante sull’estradizione di Assange è stato concluso all’inizio di questo mese e che Londra è preoccupata per la sua salute.

Continua QUI in lingua inglese

 

Paul Krugman, premio Nobel per l’Economia nel 2008, mostra sul New York Times quanto e attraverso quali sistemi l’agenda politica degli straricchi – volta, molto banalmente, a tutelare i loro interessi di classe, per esempio a ottenere tasse più basse tagliando sui servizi sociali – venga imposta all’opinione pubblica e spacciata per l’unica strategia “responsabile”. I desideri dei più ricchi vengono trasformati in “quello che è giusto fare”, anche quando in realtà danneggiano non solo le persone meno abbienti, ma anche l’economia di un Paese nel suo insieme. Ecco perché ridurre l’eccesso di ricchezza è anche un modo per ottenere un sistema politico più sano. 

Di Paul Krugman, 22 giugno 2019 

Tra un paio di giorni parteciperò a una conferenza all’Istituto di politica economica sul “disturbo da ricchezza eccessiva” – ovvero i problemi e i pericoli che nascono dall’estrema concentrazione di reddito e ricchezza ai vertici della società. Mi è stato chiesto di tenere un breve discorso introduttivo, concentrandomi sulle distorsioni create da un’elevata disuguaglianza nella politica e nella strategia dei governi, e ho cercato di mettere ordine nei miei pensieri. Quindi ho pensato che avrei potuto mettere nero su bianco questi pensieri, per dare loro una diffusione più ampia.

Mentre il dibattito pubblico si è concentrato sull’ “uno per cento”, quello che è veramente in discussione qui è il ruolo dello 0,1 per cento, o forse dello 0,01 percento – il vero ricco, non “l”impiegato di Wall Street da 400.000 dollari all’anno” memorabilmente ridicolizzato nel film omonimo. Si tratta di un gruppo molto piccolo di persone, ma che esercita un’enorme influenza sulla politica. Come si esercita questa influenza? La gente parla spesso dei contributi alle campagne elettorali, ma questi sono solo uno dei canali esistenti. In effetti, identificherei almeno quattro modi in cui le risorse finanziarie dello 0,1% distorcono le priorità della politica. Segue QUI

 

 

   

Yahvè SpA: chi domina il mondo, oltre la geopolitica visibile 

Data fatidica, il 14 luglio: nel 1789 a Parigi veniva assaltata la Bastiglia, evento culminante della Rivoluzione Francese che segnò la fine dell’Ancien Régime, il sistema plurisecolare dell’assolutismo monarchico. Solo tre anni fa, invece – ma sempre in Francia, e sempre il 14 luglio – il killer franco-tunisino Mohamed Lahouaiej-Bouhle faceva strage a Nizza col suo camion, travolgendo i passanti sulla Promenade des Anglais: 86 morti e 302 feriti. Ovviamente l’attentatore era già stato segnalato alla polizia, come poco di buono. E ovviamente nessuno aveva pensato di controllare e sgomberare il suo camion bianco, fermo da giorni su quel lungomare divenuto “off limits” in vista della festa nazionale francese. E ancora: l’assassino – prima di essere freddato dalle forze dell’ordine, come d’abitudine, prima che potesse parlare – aveva anche avuto cura di lasciare a disposizione dei poliziotti i suoi documenti, ben in vista nell’abitacolo del veicolo. Un caso da manuale, secondo Gioele Magaldi, autore del saggio “Massoni”: un messaggio intimidatorio rivolto alla massoneria progressista, che considera proprio il 14 luglio la prima pietra miliare verso la conquista della democrazia, almeno in Occidente. Segue QUI 

 

 

 Ai Limiti della Docenza

A me i famosi “competenti” di cui tanto si parla ricordano più il cugino Gastone che Archimede Pitagorico. Lo scandalo dei concorsi truccati all’Università di Catania, il concorsone a Preside bloccato dagli studi legali e l’ancor più recente arresto del giudice Francesco Bellomo, dimostrano ancora una volta di che pasta siano fatti i famosi “competenti” del Belpaese e quanto sia aleatoria la loro pretesa di essere riconosciuti come tali. Nonostante le numerose evidenze di un culturame profondamente malato, i colpi di coda delle èlite intellettuali sono sempre più violenti e frequenti. Ma non fermeranno la tendenza in atto. 

 
Ai travasi di bile su twitter, da qualche tempo si sono aggiunti persino libri tematici nel tentativo di dimostrare che la critica pop alla cultura ufficiale si basa su atteggiamenti psicotici, su invidia, sulla diffusione dei social. La loro preoccupazione è grande, ed è giusto che sia così, perché l’impero che hanno ereditato sta per vacillare. In Italia ci sono persino politici che difendono con le unghie e con i denti le loro rendite di posizione elitaria nelle università e tra gli editori, pur affermando di rappresentare la midle class, o addirittura il proletariato. 
 
La realtà – per lor signori inaccettabile – è che i social media non c’entrano proprio un bel nulla con l’attacco alla loro credibilità
 
Segue QUI
 

Citazioni errate nell’interpretazione

 

“Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” – Attribuito erroneamente, abusato e oscenamente sottovalutato

Caitlin Johnstone, Ospite
Waking Times

(La frase virgolettata nel testo sopra – e nel mio Logo ndr) Indica una citazione di Mahatma Gandhi.

Le probabilità sono che la prima cosa che salta nella tua mente è il famoso, “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo.” È una buona citazione. È abbastanza conciso da adattarsi a un adesivo per paraurti, e risuona profondamente con qualcosa dentro di noi che ci dice che indica qualcosa di vero e prezioso.

Ma, come in molte altre citazioni di sticker paraurti che vediamo fluttuare oggi, queste parole non sono mai state pronunciate dalla persona a cui sono state attribuite. Ciò che Gandhi in realtà ha detto è stato questo:

“Se potessimo cambiare noi stessi, cambierebbero anche le tendenze nel mondo. Quando un uomo cambia la propria natura, cambia anche l’atteggiamento del mondo nei suoi confronti”.

Oof. Questo è un po’ più conflittuale rispetto alla versione divulgata, non è vero? Cambia la mia natura? Pensavo che stessimo parlando di qualcosa di leggero e facile, come non indossare pellicce o comprare chicchi di caffè del commercio equo e solidale.

Ecco come “essere il cambiamento che desideri vedere nel mondo” tende a essere interpretato oggi. È una frase che è così rigurgitata nella nostra società che ora è cliché e quasi priva di significato, qualcosa che si vede su portachiavi economici al centro commerciale e scruta senza leggerla veramente, ma immagina di capire perché l’hai visto tante volte in passato. Se premuto per davvero pensarci, la maggior parte delle persone dirà che significa qualcosa come fare i cambiamenti nel mondo che vuoi vedere. Se non ti piace l’agricoltura industriale, diventa un vegano. Se non ti piace la povertà, fai volontariato in una mensa per i poveri.

Ma non è quello che dice la citazione. Non è niente di simile a quello originale di Gandhi. Non è nemmeno quello che dice la versione adesiva del paraurti.

Anche se guardi la versione divulgata della citazione, guardala davvero con occhi nuovi che non l’hanno vista rigiocamente rigurgitata dai liberali aziendali e intonacata sui prodotti K-Mart, ti viene in mente lo stesso messaggio dell’originale. Non dice “Fai il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Non dice “Attiva il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Dice “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo. “Non si riferisce a un semplice cambiamento nel comportamento o nello stile di vita, sta dicendo cambiare chi sei come persona. Sta dicendo cambiare la tua stessa natura per cambiare il mondo.

Questa è notte-e-giorno diversa dall’interpretazione convenzionale. L’interpretazione convenzionale della citazione esiste come una plateale vana che le persone prendono in giro gli hippy e i New Age per l’uso eccessivo. Una comprensione profonda e viscerale di quella stessa frase, tuttavia, trasmette più saggezza di tutti i testi religiosi del mondo messi insieme. È una chiamata a una trasformazione più reale del parto. Più esistenzialmente conflittuale di una diagnosi terminale del cancro.

La prima sfida della citazione è di farti riflettere seriamente su quali cambiamenti di fatto vuoi vedere nel mondo. La maggior parte delle persone non arriva mai così lontano. Pochi hanno davvero pensato a quale tipo di mondo vorrebbero vedere in un modo positivo che immagina realmente come sarebbe il mondo. La maggior parte delle persone pensa solo in termini di piccole battaglie partigiane che stanno vedendo attualmente: sanità universale, politiche di immigrazione, controllo delle armi, politiche di austerità, aborto, problemi LGBTQ, brutalità della polizia, ecc. Poche persone arrivano fino a sedersi e a contemplare profondamente una visione positiva per il tipo di mondo che vorrebbero aiutare a creare.

Quando faccio un inventario dei cambiamenti che desidero vedere nel mondo, so che voglio vedere le persone che scelgono costantemente la salute rispetto all’illusione della sicurezza.

Voglio che facciano scelte con il più alto interesse di tutti gli interessati rispetto al proprio interesse personale, anche se queste scelte li fanno sentire esposti o vulnerabili perché sembrano andare contro le loro finanze o il pensiero di gruppo tribale, o sono al di fuori della loro zona di comfort.

Voglio che le persone siano collaborative piuttosto competitive.

Voglio che le persone inizino a fidarsi del fatto che i passaggi appariranno di fronte a loro mentre forgiamo un percorso su una nuova rotta sconosciuta piuttosto che ritirarsi sulle autostrade ben battute perché sono familiari anche se sappiamo già che guidano nel modo sbagliato.

Voglio vedere la gente rinunciare al proprio tribalismo e abbracciare il proprio umanesimo.

Voglio vedere le persone che si amano abbastanza profondamente da amare gli altri in modo significativo e con occhi chiari.

Voglio che le persone si elevino al di sopra delle narrative in competizione e facciano le loro distinzioni in base alle azioni e alla realtà piuttosto che alle storie dei manipolatori o delle loro stesse manipolazioni interne.

Voglio che le persone abbiano la saggezza di riconoscere dove hanno potere e privilegio e usarle coraggiosamente, e dove sono impotenti, così possono costringere coloro che sono al potere a cambiare immediatamente la nostra traiettoria suicida.

Voglio che la gente dica la verità, anche se all’inizio è solo per se stessi.

Voglio che le persone scelgano la vita sulla morte, ogni volta, senza esitazione, e voglio che cerchino sempre le loro soluzioni nella vita e nella guarigione e nell’armonia e rifiutino le soluzioni offerte dalla morte, dalla distruzione, dalla manipolazione, dal sabotaggio e dal caos.

Questi sono solo i miei desideri personali per il mondo. Dopo averli scoperti, la prossima sfida posta da “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” è molto più seria e, se intrapresa, rimarrà davanti e al centro della tua attenzione per il resto della tua vita.

Osservando i cambiamenti che desidero vedere nel mondo, cerco di essere qualcuno che sceglie costantemente di premere il pulsante “salute” anche se mi spaventa, o altri, o entrambi.

Cerco di essere qualcuno che sceglie sempre il massimo interesse piuttosto che manipolarlo leggermente, così ne ricavo un po’ di più o sembro un po’ più cool.

Cerco di dire la verità anche quando la mia tribù mi sta urlando per stare zitta, ma cerco di avere la saggezza per farlo solo quando giova a tutti e non solo per cercare il dramma o l’attenzione.

Cerco di trascinarmi attraverso la vita usando la mia bussola interiore perché so per certo che i miei vecchi sentieri non hanno mai portato a nulla di buono.

Cerco di non manipolare gli altri, e cerco di non manipolarmi per fingere a me stesso che non sto manipolando gli altri.

Cerco di amare le parti di me che vedo negli altri, specialmente quelle parti che mi fanno rabbrividire, ma anche io cerco di amarmi abbastanza da allontanarmi da qualcuno i cui schemi mi fanno male.

Cerco di fare distinzioni in base a ciò che vedo fare alle persone piuttosto che a ciò che sento sentirmi dire, e cerco di integrare i miei pensieri e le mie azioni il più possibile.

Cerco di usare il mio potere e il mio privilegio per il più alto interesse di tutti, ma mi rifiuto di assumermi la responsabilità per cose al di fuori del mio controllo, e mi impegno a mantenere quelli che hanno quel potere da rendere conto.

Cerco sempre di dire la verità, anche se è solo per me stesso a volte perché in quel caso non ho abbastanza potere e privilegio per parlarne senza essere punito ingiustamente. Ma se è nel più alto interesse prendere punizioni ingiuste, allora lo scelgo.

Scelgo la vita, ogni volta, senza esitazione, e voglio guarire qualsiasi blocco in me o fuori di me che sia resistente a trasformare ogni atomo del mio essere verso la vita e la guarigione.

Certo che mi manca molto, ma spero di continuare a notare quando fallisco e correggo il corso ogni volta che è necessario, perché ottenere questo diritto è molto più importante per me che sentirmi giusto. Voglio questo più di quanto voglio la storia di aver già questo. Voglio cambiare il mondo più di quanto voglio la storia di cambiare il mondo.

Fondamentalmente, voglio questo più di quanto io voglia “me”, più di quanto voglio la personalità che io considero come “me”. Intere parti della mia identità sono dovute morire per trasformarsi in qualcosa di più sano e più agile, e ci saranno molte altre parti di me che devono morire in futuro, e ne sono felice. Lo accolgo con un profondo respiro di trepidazione perché non è facile, e nel momento prima di lasciarmi andare mi sembra di morire davvero, ma so che deve succedere, e più lo faccio, più positivamente mi rinforzo per ottenere come la mia riluttanza viene annullata con curiosità su ciò che si manifesterà nello spazio che ho creato. E so che in ogni caso è meglio dell’alternativa, che è una morte lenta e reale attraverso la stagnazione.

Oltre l’adesivo del paraurti, sono abbastanza sicuro che Mahatma abbia avuto qualcosa di davvero enorme. Sono abbastanza sicuro che questo è il modo in cui lo aggiustiamo. Ricorda quell’altra castagna trita, La preghiera della serenità. “Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso, e la saggezza di conoscere la differenza”, un altro detto che ha eroso nella superficialità ma contiene una profonda saggezza se la prendi come la tua chiamata. Se tutti noi abbiamo preso individualmente la responsabilità sincera per l’unica cosa che possiamo realmente cambiare – noi stessi – allora gli effetti a catena non sono quantificabili.

E, inevitabilmente, cambiamo il mondo.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

 

®wld