Archivi categoria: ATTUALITA’

Le sequoia della politica italiana

 

 Quelli di +Europa hanno già governato. Ecco come andò

di

Il 2011 sembra ieri, ma se da un lato gli italiani hanno una memoria politica cortissima, dall’altro alle elezioni europee di domenica 26 maggio andranno a votare molti giovanissimi, che nel 2011 erano undicenni alle prese con gli insiemi di matematica ed i primi turbamenti ormonali. Dunque, meglio rinfrescare a tutti la memoria. I partiti europeisti che si presentano all’agone politico delle prossime europee fanno proposte, analisi e dichiarazioni come se fossero appena arrivati sulla scena. Invece, dietro il trucco nominalistico di sofistica memoria e l’italica abitudine al trasformismo non solo poggiano i loro culi nei parlamenti di tutta Europa da decenni, ma in Italia hanno proprio governato, e persino senza esserne eletti come maggioranza (!)

La formazione più europeista di tutte, +Europa, che per la prima volta si presenta alle elezioni europee, è rappresentata sui manifesti di propaganda da Emma Bonino, già Minstro per il Commercio Internazionale con Prodi e con Letta Ministro degli Esteri (…), è stata commissaria europea. Deputata all’europarlamento per 4 legislature, è stata nel parlamento italiano per ben 7 legislature. A Palazzo Chigi entrò a 28 anni ed oggi ne ha 71. In pratica stiamo parlando di una sequoia della politica italiana ed internazionale con più poltrone che denti. Roba da far impallidire Andreotti.

Il Segretario nazionale della neonata formazione +Europa è Benedetto Della Vedova. Anche per lui un curriculum politico lunghissimo che parte dai radicali (movimento cuore di +E) e passa per il Governo Monti, il g,Montioverno tecnico voluto da Bruxelles e che arrivò alla maggioranza in parlamento nel novembre del 2011 dopo aver rovesciato il governo precedente con la vetusta tecnica della Rivoluzione Parlamentare. Tecnica usata per la prima volta in Italia da Agostino De Pretis nel 1876 e che consiste nel condizionari i parlamentari a formare governi diversi da quelli indicati dai cittadini col voto.

Della Vedova, oggi leader con la Bonino di +Europa, fu sostenitore di Monti ed eletto nel 2013 tra le fila del suo partito, poi continuò la carriera come sottosegretario agli esteri nei governi europeisti di Renzi e Gentiloni.

Questi i nomi più noti della lista, ma che annovera tantissimi altri politicanti che hanno esercitato già la loro attività come decisori di cose pubbliche, da Pizzarotti a Taradash.

Ebbene, come andò l’italia negli anni di Mario Monti e Letta che governarono grazie all’appoggio ideologico +Europeista?

Secondo diversi media, con l’arrivo dell’austerità voluta dai tecnici, Monti in primis, in Italia aumentarono i suicidi economici. I dati non sembrano confermare questa convinzione, che sarebbe dunque in linea con quanto avveniva purtroppo anche negli anni precedenti. Ciò che è fuori discussione, invece, sono gli altri dati macroeconomici.

Il Prodotto Interno Lordo, cioè la ricchezza del paese, con Monti calò drasticamente fino a far parlare qualche economista di depressione stile 1929.

Se escludiamo il calo del 2008/2009 che riguardò tutte le economie avanzate dell’Occidente causa bolla americana, nel 2012, anno di governo europeista di Monti, mentre tutti i paesi risalivano la china, l’Italia fece un capitombolo a – 2,4 (reale – 2,8 secondo la fonte AMECO)

La produzione industriale risulta essere in calo da anni, e non è questo il momento di andare a vedere il perchè. Ma se il calo era stato contenuto, con una media di circa -1,8, è con Mario Monti ed Enrico Letta che arriva il disastro: -3,6 per cento di produzione industriale con Monti e -2,7 con Letta.

La tendenza all’aumento della disoccupazione risale all’ultimo governo Berlusconi, ma lo scettro spetta ancora una volta a Monti. E’ con lui che abbiamo il più grande (e grave) contributo alla disoccupazione italiana. Con il governo dell’austerità, infatti, la disoccupazione aumentò dell’1,3 in media all’anno e del 3,7 per il settore giovanile. Con Monti e Letta (da aprile 2012 a fine 2013) la disoccupazione giovanile raggiunse il picco della storia superando abbondantemente il 40 per cento. Tanto per fotografare meglio il dato sulla disoccupazione, basta osservare che oggi gli italiani disoccupati sono il 10,8 per cento, mentre con Monti sfioravano il 12. Tra i giovani era disoccupato il 40 per cento, mentre oggi lo è il 32.

“Già, ma Monti fu nominato per risolvere il problema dello spread”. Già mi sembra di sentire la solita solfa europeista sul terrore (immotivato) dello spread. Ma accettiamo la sfida e vediamolo nel dettaglio. Il rapporto deficit/pil prima del governo piùeuropeista era del 116%. Quando Monti si dimetterà, nel 2013, era al 131%. Lo spread tra i titoli di stato italiani btp ed i bund tedeschi aveva sfondato i 500 punti a novembre 2011 ed era stato il dato macroeconomico che aveva convinto i parlamentari italiani a rovesciare il governo politico ed a sostituirlo con quello tecnico di Monti. Monti governò circa un anno e mezzo e per tutti quei mesi lo spread oscillò tra 300 punti ed i 500 punti. Per molti mesi, anzi, per tutto l’inizio del mandato, lo spread “di Monti” sarà più verso quota 500 che 300, ma a luglio 2012 Draghi pronunciò un famoso discorso durante il quale sostenne che i titoli dei paesi in difficoltà sarebbero comunque stati acquistati, ed ecco che allora (e solo allora) lo spread cominciò un lento calo.

Persino l’inflazione non andò bene con quei governi, perchè ci furono tasse per i consumatori (aumento dell’Iva) e gabelle per i risparmiatori (bollo sui depositi).

Secondo molti analisti, e soprattutto secondo i numeri, che non hanno colore, i governi piùeuropeisti della prima metà del decennio sono stati di gran lunga i peggiori della storia Repubblicana. I danni che hanno fatto in termini occupazionali, di relazioni tra gli italiani, di produzione e di welfare li stiamo ancora pagando cari, a cinque anni di distanza. +Europa per entrare nel Parlamento Europeo dovrebbe superare la quota di sbarramento del 4 per cento. E non ce la farà perchè gli italiani sono smemorati si, ma non stupidi.

 

 

®wld

La Caduta degli Imperi – Molto prima del riscaldamento globale

GRANDI MINIMI SOLARI E LA CADUTA DEGLI IMPERI

 Di Capp Allon – 11 Ottobre 2018 

La Terra sta gradualmente scivolando nella sua prossima era glaciale – e lo ha fatto negli ultimi 10.000 anni – ora la civiltà moderna è al culmine di una caduta stratosferica, e ha tutto a che fare con il sole.

 Le società prosperano durante i periodi caldi e di alta attività solare – i periodi di riscaldamento minoico, romano e medievale ne sono una testimonianza.

 Le civiltà sono costruite su un presunto clima costante e prevedibile che arriva con i grandi massimi solari, e la dipendenza dell’uomo dalle proprie fragili infrastrutture cresce solo con il trascorrere dal periodo di clima affidabile.

Ma quando la costante si spezza, si spezza velocemente e il sistema non può adattarsi abbastanza velocemente per far fronte al freddo incombente.

La sovrapposizione del picco delle civiltà passate in cima ai dati GISP2 Ice Core illustra chiaramente lo schema:

  

ASCESA E CADUTA DELL’IMPERO ROMANO

Se guardiamo all’impero romano, è evidente che il sole era al centro di tutto.

Il periodo che va dal 200 aC al 150 dC – quando il progetto romano era più salutare – coincideva anche con quello che viene spesso definito come il “Clima romano ottimale”, quando il clima si riscaldava a causa dell’elevata attività solare.

 Plinio il Vecchio, scrivendo nel primo secolo dopo Cristo, descrisse come i faggi, che crescevano solo nelle pianure, iniziarono a scalare le montagne quando la temperatura iniziò ad aumentare. Olive e viti furono coltivati più lontano e più a nord. L’impero divenne una gigantesca serra.

 Ma il tempo si è drasticamente deteriorato nel 150-400 d.C. quando la produzione di energia solare è caduta – il “Periodo di transizione romano” – ha toccato i minimi di temperatura nella “tarda antichissima piccola era glaciale” del 450-700 d.C.

Le stagioni crescenti furono abbreviate, ne seguì la penuria di cibo, le malattie divennero dilaganti, milioni di persone morirono e l’impero cadde a pezzi.

 RISCALDAMENTO MEDIEVALE

Il periodo caldo medievale – da circa il 900 dC al 1300 d.C. – fu un periodo in cui le temperature globali risultarono di almeno +1,4 ° C rispetto ai livelli attuali.

 Gli studi sugli isotopi di ossigeno in Groenlandia, Irlanda, Germania, Svizzera, Tibet, Cina, Nuova Zelanda e altre zone, più i dati sugli anelli degli alberi provenienti da molti siti in tutto il mondo confermano la presenza di un periodo globale medievale caldo.

Il periodo coincise con un Grande Massimo Solare, un periodo di elevata produzione solare prolungata, e gli umani prosperarono ancora una volta.

Don J. Easterbrook scrive in Evidence Climate Science:

I suoi effetti furono evidenti in Europa, dove le coltivazioni di grano fiorivano, le linee degli alberi alpini salivano, molte nuove città sorsero e la popolazione fu più che raddoppiata.

I Vichinghi approfittarono del miglioramento climatico per colonizzare la Groenlandia, e le uve da vino furono coltivate fino a nord come ad esempio in Inghilterra, dove la coltivazione di uva non è ora attuabile fino a circa 500 km a nord degli attuali vigneti in Francia e Germania.

Attualmente le uve vengono coltivate in Germania fino a un’altitudine di circa 560 m, ma dal 1100 dC al 1300 dC circa, i vigneti si estendevano fino a 780 m, con temperature più elevate di circa 1,0-1,4 ° C (Oliver, 1973).

Il grano e l’avena crebbero fino intorno a Trondheim, in Norvegia, suggerendo climi di circa 1 ° C più caldi del presente (Fagan, 2000).

LA PICCOLA ERA GLACIALE 

Alla fine del Periodo Caldo Medievale, ~ 1300 d.C., le temperature calarono drasticamente e il periodo freddo che seguì è noto oggi come la Piccola Era Glaciale.

La popolazione europea era diventata dipendente dai cereali durante il Periodo Caldo Medievale, e il clima più freddo, le prime nevicate, le violente tempeste e le inondazioni ricorrenti provocavano un drastico fallimento delle colture, carestie e malattie diffuse (Fagan, 2000; Grove, 2004).

Don J. Easterbrook continua:

La piccola era glaciale non fu un periodo di clima freddo continuo, ma piuttosto periodi ripetuti di raffreddamento e riscaldamento, ognuno dei quali si verificava durante i periodi di minimi solari, caratterizzato da bassi numeri di macchie solari, bassa irradianza solare totale (TSI), diminuzione del magnetismo solare, aumento dell’intensità dei raggi cosmici e aumento della produzione di radiocarbonio e berillio nell’atmosfera superiore.

Secoli di osservazioni del sole hanno dimostrato che le macchie solari, l’irradiamento solare e il magnetismo solare variano nel tempo e questi fenomeni si correlano molto bene con i cambiamenti climatici globali sulla Terra.

Sono stati riconosciuti numerosi Grandi Minimi Solari, periodi di ridotta produzione di energia solare: 

Il minimo del Wolf fu un periodo di bassi numeri di macchie solari e TSI tra il 1300 d.C. e il 1320 d.C.

Si è verificato durante il periodo freddo che ha segnato la fine del Periodo Caldo Medievale e l’inizio della Piccola Era Glaciale circa nel 1300 d.C.

Il passaggio dal caldo del Periodo Caldo Medievale al freddo della Piccola Era Glaciale fu brusco e devastante, portando alla Grande Carestia dal 1310 al 1322.

L’inverno del 1309-1310 d.C. fu eccezionalmente freddo. Il fiume Tamigi si congelò e i poveri furono particolarmente colpiti.

Il minimo di Sporer si è verificato da circa il 1410 al 1540 e, come il Minimo di Wolf, il Minimo di Sporer coincise con un periodo di freddo brutale.

Durante il Minimo di Maunder le temperature minime crollarono in Europa, la stagione di crescita diventò più breve di oltre un mese, il numero di giorni nevosi aumentò da pochi a 20-30 giorni, il terreno ghiacciava, i ghiacciai alpini avanzarono in tutto il mondo, i ghiacciai nelle Alpi Svizzere invasero fattorie e villaggi seppellendoli, i confini di crescita degli alberi nelle Alpi scesero, i porti marittimi vennero bloccati dal ghiaccio marino che circondò l’Islanda e l’Olanda per circa 20 miglia, i raccolti di uva da vino diminuirono e i raccolti di cereali non arrivavano a maturazione, portando a carestie di massa (Fagan, 2007).

Il fiume Tamigi, canali e fiumi dei Paesi Bassi si congelarono durante l’inverno.

La popolazione islandese diminuì di circa la metà.

In alcune zone della Cina, le colture a clima caldo che erano state coltivate per secoli furono abbandonate.

E in Nord America, i primi coloni europei sperimentarono inverni eccezionalmente rigidi.

IlL MODERNO MASSIMO E IL PROFILARSI DI UN MINIMO IMMINENTE

Tutti i segnali indicano la stessa strada, potenzialmente entro i prossimi anni.

Abbiamo avuto il nostro Grande Massimo Solare, il nostro periodo di caldo sostenuto e di un clima prevedibile – e l’uomo ha prosperato. 

Ma la Total Solar Irradiance è ora prevista in caduta libera.

E anche il “mainstream” è d’accordo, anche se con il loro modello CMIP6 sono leggermente più ottimisti:

Le macchie solari, un grande barometro per l’attività solare, sono state ampiamente assenti nel 2018 e lo saranno nel 2019.

L’analisi della Professoressa Valentina Zharkova ci fa entrare nel prossimo Grande Minimo Solare nel 2020, dato che tutti e quattro i campi magnetici del sole sono sfasati – clicca qui per saperne di più.

Il freddo risultante getterà la società moderna nel caos, proprio come ha fatto con i precedenti GSM.

Le stagioni crescenti si accorceranno, i raccolti falliranno, milioni periranno (per fame/malattie) e l’Impero si sgretolerà.

LA GRANDE CADUTA INCOMBE

I mercati azionari sono già scricchiolanti, con diversi noti economisti e distinti investitori che avvertono di un imminente crollo del mercato azionario del 70%.

Quanto segue è tratto da un articolo Banyanhill dell’11 ottobre 2018:

C’è un avvertimento ben distinto che dovrebbe far venire i brividi lungo la schiena … quello del famoso economista Ted Bauman. Bauman e il suo team hanno previsto correttamente il collasso del 1999 e del 2007

Bauman ora avverte: “Ci sono tre indicatori economici chiave che urlano di VENDERE. Implicano che un collasso del 70% si profila, è già alle nostre porte”.

E se Bauman chiede una correzione del mercato del 70%, si dovrebbe prestare attenzione.

In effetti, negli ultimi trent’anni ha previsto con precisione la crisi finanziaria del 2008, il crollo delle dot.com del 2000, la recessione dei primi anni ’90 e il crollo del 1987.

Il riscaldamento moderno è finito.

I grandi giochi del cosmo contribuiscono al sorgere e alla caduta degli imperi.

Alla fine, l’uomo è eternamente fallibile e nessun impero dura per sempre. 

Grand Solar Minimum + Pole Shift

Fonte: Electroverse

Si ringrazia Maurizio per la segnalazione

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

**********************************

   

Molto prima del riscaldamento globale, un “consenso” di scienziati avvertiva che il RAFFREDDAMENTO globale era responsabile di eventi meteorologici estremi

(Natural News) Prima dell’era del riscaldamento globale, iniziata nel corso degli anni ’80, c’era una teoria diversa che avevano gli scienziati di tutto il mondo che si agitavano nei loro stivali: il raffreddamento globale e l’imminente “era glaciale”. La paura del raffreddamento globale degli anni ’70 ora è proclamato di essere nient’altro che un mito urbano, ma una volta era davvero una preoccupazione molto reale.

Il Centro nazionale per la ricerca atmosferica è la massima autorità del governo federale statunitense in materia di scienze climatiche. E nel 1974 Steven Schneider era al timone. A quel tempo, Schneider era un sostenitore del “raffreddamento globale”, affermando che la discesa delle temperature avrebbero portato a una massiccia mancanza di cibo. Sembra familiare, giusto? Una soluzione proposta all’epoca era quella di sciogliere la calotta polare artica. La narrativa degli anni ’70 rispecchia quella della discussione sul riscaldamento globale di oggi: la temperatura del pianeta sta cambiando, la gente morirà di fame e solo un intervento umano estremo può salvarci da un destino pericoloso. Solo oggi, gli scienziati stanno esplorando opzioni forse ancora più terrificanti – come bloccare i raggi del sole per raffreddare artificialmente la temperatura della Terra.

Nonostante i tentativi degli allarmisti sul clima di far finta che la “paura del raffreddamento globale” non sia mai esistita, rimangono le prove della sua esistenza.

Il raffreddamento globale viene spesso descritto come “falso” e una rapida ricerca rivela che molte fonti di informazione mainstream ora affermano che c’era poco supporto per l’ipotesi della comunità scientifica. Un articolo del 2014 di Gizmodo afferma che la maggior parte degli scienziati era convinta che il riscaldamento globale fosse il vero problema e che la teoria del raffreddamento globale fosse stata respinta in modo schiacciante. ma è proprio vero? Come riporta Breitbart, “[la] grande maggioranza di articoli scientifici (220 su 264) sosteneva la tesi di raffreddamento.” I documenti interni rivelano che negli anni ’70 persino il governo federale stava esaminando il problema del raffreddamento globale.

La storia revisionista è più un problema che mai. Come rivela Kenneth Richard della No Tricks Zone, c’era un consenso dell’86 per cento tra la comunità scientifica che la terra era su un percorso di raffreddamento, nel corso della giornata.

L’eliminazione della “teoria del raffreddamento globale” ha uno scopo: legittimare la teoria del riscaldamento globale. Naturalmente, come spiega Mike Adams in un recente articolo (e video), l’idea che il biossido di carbonio causa il riscaldamento globale è una farsa totale. Non solo l’anidride carbonica è a un livello globale basso, ma è essenziale per la vita delle pianteper farle prosperare.

Adams scrive: “Mentre gli allarmisti del cambiamento climatico affermano assurdamente che la CO2 è un inquinante, trascurano di dirti che senza CO2, moriremo tutti di fame perché ogni ecosistema del pianeta collasserebbe quasi all’istante. Se la CO2 fosse lasciata cadere a zero, la Terra diventerebbe un arido deserto globale di morte completamente incapace di sostenere la vita umana.”

Nonostante i tentativi degli allarmisti sul clima di manipolare la scienza per scioccare le popolazioni del mondo alla sottomissione, il fatto è che il riscaldamento globale e il raffreddamento globale fanno tutti parte della stessa truffa – sono solo a due estremità dello spettro. Il riscaldamento globale è diventato la teoria prevalente nella scienza del clima semplicemente perché è più conveniente. I sostenitori del riscaldamento globale hanno bisogno che la “paura del raffreddamento globale” sia percepita come “falsa” per mantenere la loro autorità e credibilità.

Le fonti includono:

RealClimateScience.com  

Breitbart.com  

ClimateMonitor.it [PDF]  

Fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

Cosa succede se il governo è il tuo dottore?

 

Sei Malato: l’intelligenza artificiale si prepara a subentrare all’assistenza sanitaria

L’IA sta invadendo tutte le aree del settore sanitario: sala esami, diagnosi, prognosi, opzioni ed esclusioni di trattamento, gestione HMO, assegni di assicurazione sanitaria, ecc. La prossima volta che vai in uno studio medico, nota quanti dati stanno raccogliendo su di te! ⁃ Editor TN  

Il paziente soffre di dolori addominali, insieme a sintomi in sedi atipiche, il che rende difficile la diagnosi. Un esame accurato rivela la causa: una forma insolita di appendicite. Tuttavia, il credito non va al radiologo. Invece, una macchina di immagini costruita con la tecnologia dell’intelligenza artificiale, che può attingere alla conoscenza di decine di milioni di scansioni simili, riconosce l’anomalia e fa la diagnosi.

Quello scenario non è più roba da fantascienza. Pressato per ridurre i costi e aumentare la produttività, i produttori di apparecchiature medicali e le società tecnologiche stanno investendo sempre più in AI. Molti di questi sistemi esistono già e la crescita potrebbe aumentare nei prossimi anni, in particolare nel campo delle immagini diagnostiche.

“Basandoci sulla nostra analisi delle capacità dell’IA e sulle discussioni con i dirigenti e gli esperti del settore, stiamo assistendo a numerose applicazioni nell’intero spettro dell’assistenza sanitaria, dalla prevenzione alla diagnosi al follow up”, afferma Michael Jungling, a capo di Morgan Stanley Il team di ricerca e tecnologia medica.

In un recente rapporto, Jungling e i suoi colleghi hanno scoperto che, mentre gli ostacoli allo sviluppo e al dispiegamento dell’IA di MedTech erano in arrivo, comprese le domande sulla regolamentazione e sulla privacy dei dati dei pazienti, l’implementazione efficace dell’IA sul campo potrebbe aumentare la produttività, ridurre i costi di trattamento e guidare la crescita attraverso la catena del valore sanitario.

Morgan Stanley stima che il mercato globale dell’IA nell’assistenza sanitaria potrebbe aumentare da $ 1,3 miliardi oggi a $ 10 miliardi entro il 2024, con un tasso composto annuo del 40%. Per gli investitori, le grandi aziende MedTech e fornitori di attrezzature, così come i fornitori di tecnologia di intelligenza artificiale e gli emergenti perturbanti delle startup potrebbero presentare opportunità.

AI, Machine che apprendono e MedTech

L’IA mira a imitare i processi cognitivi umani, come l’apprendimento e il ragionamento tramite algoritmi e grandi serie di dati. Il metodo più diffuso è l’apprendimento automatico, in cui un modello viene formato su un set di dati, ad esempio le scansioni intestinali di milioni di pazienti, per analizzare e classificare in modo indipendente nuovi set di dati. Più il volume dei dati è complesso e ampio, più aumenta la capacità di ragionamento cognitivo del modello.

L’IA medica ha un grande potenziale, dalla gestione della dialisi all’ottimizzazione del dosaggio del paziente alla diagnosi precoce della malattia. Tuttavia, molto dipende dalla potenza e dal design dell’IA stessa. “Le tempistiche per l’adozione di MedTech abilitato all’IA saranno probabilmente determinate dai vantaggi economici tangibili prodotti dal prodotto e dalla facilità di usabilità e integrazione nei flussi di lavoro esistenti”, afferma Jungling.

Siamo ancora nelle prime fasi. Con distribuzioni relativamente modeste di intelligenza artificiale, come l’intelligenza assistita, che aiuta a ridurre i processi manuali e le attività semplici, ma ripetitive, come la pianificazione degli appuntamenti, lasciando più tempo al personale medico specializzato per lavori specializzati e generatori di entrate.

Forme di intelligenza artificiale più avanzate potrebbero aiutare i professionisti del settore medico a prendere decisioni, valutando le immagini diagnostiche e creando piani di trattamento. Questa forma di intelligenza artificiale, conosciuta come apprendimento automatico senza supervisione, può valutare i dati grezzi non strutturati e cercare i modelli. “Tale funzionalità potrebbe portare a notevoli miglioramenti della produttività, specialmente in contesti clinici in cui la fornitura di professionisti altamente qualificati è limitata”, afferma Jungling.

AI potrebbe alla fine eseguire compiti come la diagnostica senza input da parte dell’utente, ma tali scenari rimangono in fondo alla strada.

Leggi la storia completa qui …

Fonte:  https://www.technocracy.news/

 

Quando l’assistenza sanitaria è gestita dai tecnocrati, non ammalarti!

 Postato da: Dr. Jane Orient, M.D. 

L’intero settore dell’assistenza sanitaria è stato interrotto da cima a fondo dai tecnocrati che ritengono che i loro programmi di IA conoscano meglio il modo in cui trattare rispetto al proprio medico. ⁃ Editor TN

Le persone erano solite sapere chi era il loro dottore. Il suo nome e il numero di telefono erano sul muro o sul frigorifero accanto al telefono. Era lì per te e poteva gestire la maggior parte dei tuoi problemi.

Quando avevo circa 13 anni, mia madre mi portò dal nostro pediatra per il dolore della pancia. Stava per uscire dalla porta, ma si fermò per prendersi cura di me. Ha diagnosticato un’appendicite basata sulla storia e sull’esame fisico. Chiamò il suo chirurgo preferito (“Billy”, una leggenda di Tucson), che venne dal campo da golf per incontrarmi al pronto soccorso. In poche ore, la mia appendice arroventata era in un barattolo. I miei genitori pagarono la bolletta dell’ospedale ($ 150-10 giorni di paga per un operaio edile) poiché fui dimesso pochi giorni dopo.

Oggi, il paziente con dolore addominale potrebbe aspettare per ore per vedere il fornitore di ER, possibilmente un infermiere o un assistente medico che non ha mai visto un caso di appendicite acuta. Probabilmente riceverà una scansione TC, dopo un’altra attesa. Alla fine, il Dott. Un servizio di guardia potrebbe portarla in sala operatoria, si spera prima che l’appendice si rompa. E il conto sarà al di là dei mezzi della gente comune.

Ero in grado di dirigere direttamente i pazienti dal mio ufficio e inviarli con una serie di ordini all’ufficio di ammissione dell’ospedale. Per anni, questo è stato impossibile. L’ospedale è decisamente ostile ai medici indipendenti. Ora c’è un guardiano nel pronto soccorso e la maggior parte dei pazienti è sotto il controllo di un ospedale.

Questo ospedale, ancora cattolico, almeno di nome, è ora di proprietà di un enorme conglomerato nazionale. Recentemente, ha ostacolato tutti gli sforzi per impedirgli di disidratare un paziente fino alla morte nonostante la mancanza di una direttiva anticipata o il permesso dei parenti più prossimi. La madre del paziente ha contestato la diagnosi di morte cerebrale. Il gastroenterologo di sua scelta era disposto e in grado di posizionare un tubo di alimentazione, necessario per trasferire il paziente in una struttura infermieristica specializzata, ma l’ospedale non lo permetteva. Un medico esterno che la madre aveva chiamato è stato rimosso dalla stanza del paziente dalla sicurezza, quando stava semplicemente pregando con la madre. La madre non ha potuto ottenere una telefonata restituita da un medico curante. Chi era il dottore? Apparentemente, il sistema ospedaliero.

Recentemente, un medico mi ha chiamato su sua madre, che era apparentemente prigioniera in un ospedale di fama mondiale. Era preoccupata per lo stato nutrizionale della madre e il calo del livello di ossigeno. Non poteva parlare con il medico curante. “Suonano medici musicali”.

In gran parte guidato dalla politica del governo, il sistema è sempre più in controllo. Un nuovo livello di intrusione viene proposto in California in una legge (SB276) che metterebbe fuori legge tutte le esenzioni mediche per i vaccini, a meno che un funzionario della sanità pubblica non approvi ognuno, sulla base della lista molto ristretta delle controindicazioni accettate dai Centri per il controllo delle malattie e Prevenzione (CDC).

I medici tradizionalmente hanno giurato di non recare danno ai pazienti, e sono responsabili se lo fanno. Ma i funzionari governativi sono immuni dalla responsabilità, anche se hanno la precedenza su un giudizio del medico che un particolare paziente deve affrontare un rischio inaccettabile di danno da un vaccino.

Se non sei d’accordo con il tuo medico privato, puoi licenziarlo o semplicemente rifiutarti di seguire il suo consiglio. Ma cosa succede se il governo è il tuo dottore?

In Arizona, le forze dell’ordine in attrezzature tattiche hanno fatto irruzione in una casa in cui i bambini dormivano, sono entrati con le armi e hanno portato via tre bambini ai loro genitori. La ragione dichiarata: la madre aveva deciso di non seguire il consiglio di un medico per portare il bambino di 2 anni al pronto soccorso per la febbre, perché la febbre si era abbassata e il bambino stava molto meglio subito dopo aver lasciato l’lo studio medico. La preoccupazione principale sembrava essere che il bambino non fosse stato vaccinato.

Gli americani hanno bisogno di difendere il loro diritto di avere un medico indipendente, di scegliere il proprio medico e il tipo di assistenza, e di dare o negare il consenso informato alle cure mediche. Altrimenti, il loro “dottore” sarà un protocollo in un sistema formato da automi intercambiabili. I trattamenti saranno inaccessibili o richiesti, adattati per soddisfare le esigenze e le convinzioni del sistema.

Se il governo è l’autorità suprema per la tua “assistenza sanitaria”, ricorda che i suoi strumenti per verificare se un bambino ha una malattia potenzialmente letale come la meningite includono arieti e fucili d’assalto.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Il Mandante: una potentissima corazzata miliardaria

 

Avaaz, il braccio armato di Soros & C.

di Marcello Pamio

Con la solita scusante delle Fake News, il social più seguito al mondo, Facebook, ha fatto chiudere 24 pagine che sembravano a favore del governo. Stiamo parlando di pagine con più di 2 milioni di utenti.

L’accusa è pesantissima, perché questi utenti screanzati «condividevano informazioni false e contenuti divisivi su migranti, antivaccini e antisemiti a ridosso delle elezioni europee, oltre la metà a sostegno di Lega e 5 Stelle». Chiaro?

Attenzione che il giudice in questione, cioè colui che afferma, senza commettere errori, che una notizia è falsa, non è Facebook. In questo caso la marionetta Zuckemberg è solo il mandatario, perché il mandante della censura è la ong Avaaz.

La segnalazione sembra infatti essere partita dal sito spuntato dal nulla negli Stati Uniti nel 2007.Ma cos’è Avaaz? Diciamo che è una sorta di «organizzazione di comitati di propaganda elettorale», che con la scusa della raccolta firme contro questo o a favore di quello, incamera colossali indirizzari mail (gentilmente consegnate dai firmatari delle petizioni online) per poi invadere i computer di tutti gli iscritti con post sponsorizzati e promossi su tutti i social.Anche in questo caso di mezzo c’è sempre lui, George Soros, l’ebreo ungaro naturalizzato americano che con la sua potentissima corazzata miliardaria Open Society, controlla a cascata le ong di mezzo mondo.

La sua fondazione, con badilate di dollaroni è in grado di condizionare la politica, l’economia e la finanza del pianeta; non a caso tutte le famose «rivoluzioni» sono opera sua.

Ricordiamo anche che nell’International Board di Open Society siede una certa Emma Bonino (ex Bilderberg), già commissario UE e oggi a capo del partito che chiede “sempre + Europa“.

Formazione politica questa ben oliata dall’amico Soros.

Per capire che Avaaz non è un organo imparziale basta osservarne le segnalazioni e le battaglie politiche, chiaramente orientate e non certo super-partes. Per non parlare dei finanziamenti di cui ha beneficiato.
Avaaz.org infatti è stata co-fondata da «Res Publica» e dal gruppo progressista «MoveOn.org», movimento quest’ultimo vicino al partito democratico americano, che solo nel 2004, stando al Washington Post, ha ricevuto ben «1,6 milioni di dollari da Soros».

Nel 2018 Avaaz ha lanciato l’ennesima petizione contro l’organizzazione dei Mondiali in Russia, ma nel mirino ovviamente c’erano Vladimir Putin e il presidente della Siria Bashar al-Assad: «Da tutto il mondo vi chiediamo con forza di opporvi ai crimini contro l’umanità che la Russia sta perpetrando in Siria».

Nel febbraio dello scorso anno, come scriveva Franceso Boezi su «Il Giornale.it», sempre Avaaz invitava a votare contro la coalizione di centro-destra, data per vincente in tutti i sondaggi: tant’è che sulla sua pagina Facebook veniva pubblicato un video dal contenuto eloquente: «La coalizione Berlusconi, Salvini e Meloni è quasi maggioranza. Maggioranza. Ma possiamo fermarli.»

Ha ancora senso continua a firmare petizioni con Avaaz?

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

Il collettivismo sta arrivando che ci piaccia o no

globalreligion13_01_small

Maggiori informazioni su questo “incendio” …

Fuori dalle ceneri – Lo scontro di Civiltà potrebbe evocare una Religione del Nuovo Mondo  

di Daniel Taylor
dal sito web OldThinkerNews

Il Consiglio Federale delle Chiese di Rockefeller ha spinto,

  • “Governo mondiale”
  • “Sistema di denaro universale”
  • “Libertà di immigrazione in tutto il mondo”,

… nel 1942.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del World Council of Churches, dicendo che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no” …

Per coloro che prestano attenzione, c’è un modello discernibile di ingegneria sociale che è diretto alle principali religioni del mondo, in particolare il cristianesimo.

Si tratta indubbiamente di una questione molto complessa, poiché esistono numerosi sistemi di credenze e opinioni sfumate su milioni di persone. Quello che sappiamo è che le guerre e le rivoluzioni finanziate dai globalisti hanno alimentato l’immigrazione clandestina e alimentato le fiamme dei conflitti in tutto il mondo.

Si può ragionevolmente dimostrare che le principali organizzazioni globaliste stanno seguendo un programma per ridisegnare le religioni del mondo utilizzando una tecnica collaudata e vera. È un processo chiamato dialettica hegeliana.

Ecco una descrizione semplificata della dialettica applicata dalle forze globaliste:

  • Tesi (problema): le religioni sono bigotte, alimentano l’intolleranza e la violenza alimentare. Gli esempi “estremi” di ciascun gruppo vengono mostrati al mondo intero.
  • Antitesi (reazione): “Non voglio essere politicamente scorretto”. Segue la dissociazione con gruppi demonizzati.
  • Sintesi (soluzione): si trova una “via di mezzo” e si forma una fede politicamente corretta sotto la bandiera del governo globale.

Lo stabilimento ha incoraggiato e piantato i semi di “estremismo” dove si adatta alle agende geopolitiche.

Le conseguenze di questa manipolazione vengono quindi indicate nella conseguente battaglia dialettica come prova di una giusta causa contro queste idee.

Un po’ di storia

Prima di andare oltre, è importante sottolineare che l’establishment ha un interesse particolare nel plasmare la religione.

Questo è vero da secoli. Lo storico storico Alexis de Tocqueville ci avvertì nel 1835 quando scrisse Democrazia in America che le chiese erano già state usurpate dalle élite del potere per il loro programma.

Scrisse,

“… i sovrani … stanno usando l’influenza dei sacerdoti e la trasformano in un loro esclusivo profitto.

Stanno trasformando il clero in funzionari e, spesso, servitori, e stanno usando il clero per raggiungere i recessi più profondi dell’anima individuale “.

Questa influenza ha continuato ai nostri tempi moderni, ma con quello che è forse un tocco più sofisticato.

La famiglia Rockefeller, con la sua vasta fortuna raccolta dal barone del petrolio John D. Rockefeller Sr., ha svolto un ruolo importante nel riformare le chiese nell’America moderna.

Non sorprende, dato il loro obiettivo a lungo termine del governo mondiale, che la famiglia Rockefeller approverebbe e sosterrà una prospettiva sociale favorevole al globalismo .

L’ uso della religione è un metodo che, agli occhi di Rockefeller, sembrava essere un mezzo promettente per raggiungere questo obiettivo.

I primi programmi come Interchurch World Movement si concentrarono sul mantenimento di relazioni armoniose tra le persone nella crescente società industriale americana.

Sforzi successivi come il Consiglio Mondiale delle Chiese si orienterebbero verso una natura globale con obiettivi che vanno oltre quello di mantenere semplicemente la stabilità di classe in America per l’eliminazione della sovranità nazionale e della governance mondiale.

Come mostrano i documenti, sono stati fatti molti tentativi per spingere le chiese cristiane a ottenere dietro programmi per la governance mondiale. Se i tentativi non sono stati avviati dai Rockefeller, è stato fornito un significativo sostegno finanziario alle organizzazioni che condividono la loro visione per il mondo.

All’indomani del sanguinoso conflitto della prima guerra mondiale, la Società delle Nazioni fu presentata come una soluzione agli orrendi problemi che il mondo aveva assistito.

Durante lo stesso periodo in cui è stata costituita la Società delle Nazioni, John D. Rockefeller Jr. ha lanciato il movimento mondiale di Interchurch nel 1919.

Rockefeller ha scritto in una lettera riguardante il movimento mondiale di Interchurch,

“Non conosco nessuna assicurazione migliore per un uomo d’affari per la sicurezza dei suoi investimenti, la prosperità del paese e la stabilità futura del nostro governo di quanto questo movimento possa offrire …”

Harry Emerson Fosdick era il fratello dell’avvocato fidato di John D. Rockefeller, Raymond B. Fosdick. Era profondamente coinvolto con il movimento mondiale di Interchurch.

Harry era molto vicino alla famiglia Rockefeller e ai suoi meccanismi interiori, mentre serviva nel consiglio della Fondazione Rockefeller durante la seconda guerra mondiale. La chiesa Riverside di New York, dove Fosdick prestò servizio come pastore dal 1926 al 1946, fu costruita con denaro donato da John D. Rockefeller Jr.

È interessante notare che Fosdick riteneva che in futuro una federazione del mondo sarebbe stata creata da un singolo uomo.

Fosdick scrive,

“Un giorno, prevedo, un uomo sorgerà con le sue mani una federazione del mondo sarà così efficace, e le guerre così si fermano così, che il suo nome andrà giù attraverso i secoli associati a quella grande conquista, come il nome di Copernico è con la nuova astronomia, o Lincoln con la conservazione della nostra unione.

Quell’uomo verrà. Un giorno sorgerà.”

Proprio mentre il Movimento Interchurch Mondiale veniva presentato alle chiese come soluzione ai problemi che affliggono il mondo dopo la prima guerra mondiale, il Consiglio Federale delle Chiese presentò la propria soluzione all’inizio del 1940 per un programma “per una pace giusta e duratura “alla fine della seconda guerra mondiale.

Non sorprende che il Consiglio federale delle chiese – che è stato fuso con il Consiglio nazionale delle chiese nel 1950 – abbia ricevuto finanziamenti significativi da John D. Rockefeller Jr.

Come riportato da Time nel 1942, il Consiglio federale delle chiese guidò un programma per il governo mondiale.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del Consiglio Mondiale delle Chiese che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no”.

Il consiglio ha affermato,

“… dobbiamo cercare di … creare un’opinione pubblica che assicuri che gli Stati Uniti giochino la loro parte piena ed essenziale nella creazione di un modo morale di vivere internazionale”.

Come riportato, il progetto mirava a creare, tra le altre cose,

  • “un governo mondiale con poteri delegati”
  • “una banca internazionale”
  • “Completo abbandono dell’isolazionismo americano”    

Le Guerre di Dio

Uno dei fattori trainanti delle moderne “guerre di Dio” è la guerra globale al terrorismo lanciata dopo l’11 settembre.

L’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 all’America ha colpito tutti gli aspetti della società, incluse le chiese.

Come scrive Bryan Appleyard nel New Statesman,

“Per me, gli eventi dell’11 settembre sono stati certamente un catalizzatore, il nuovo ingrediente che ha trasformato il mix già frizzante di sentimenti anti-religiosi in un intruglio esplosivo”.

All’inizio della guerra al terrorismo, ci è stato detto che la maggior parte degli attacchi terroristici di alto profilo sono stati effettuati da estremisti islamici . Ciò che non è stato detto, tuttavia, è che questi individui e gruppi hanno avuto l’aiuto esterno delle fazioni globaliste.

In realtà, le radici molto ideologiche di alcuni gruppi terroristici possono essere ricondotte alla letteratura che gli Stati Uniti hanno fornito ai bambini delle scuole afghane durante la Guerra Fredda.

Come riportato dal Washington Post nel 2002,

“Nel crepuscolo della Guerra Fredda, gli Stati Uniti spesero milioni di dollari per rifornire gli scolari afgani di libri di testo pieni di immagini violente e di insegnamenti islamici militanti …”

Guarda questo filmato come Zbigniew Brzezinski, che funge da consigliere per la sicurezza nazionale, parla ad un gruppo di combattenti Mujihadeen nel 1979:

“Un diverso tipo di religione”

In un articolo del 2012 pubblicato da Christian Post , la ricerca dei politologi dell’Università di Harvard dimostra ulteriormente che sta avvenendo un cambiamento fondamentale nella fede dell’America.

A causa dell’associazione del partito repubblicano e del suo “bigottismo” insieme al suo “cristianesimo”, i giovani si stanno allontanando dalla fede cristiana.

A sua volta, questo gruppo è paragonato a un “mercato inutilizzato” che potrebbe essere influenzato da un “diverso tipo di religione”.

“La ragione per cui questo è importante per il clero è che queste non sono persone che si perdono completamente nella religione.

È quasi come se fossero un collegio elettorale inesplorato, o un mercato non sfruttato, che potrebbe essere riportato a un diverso tipo di religione, o una religione che pensavano fosse spogliata della politica, sosteneva Campbell “

Mentre la Chiesa di Satana si schiera apertamente con l’estrema sinistra politica in America, sempre più americani si identificano come non aventi religione nei sondaggi.

Quasi la metà dei pastori in America ha paura di parlare di questioni morali o sociali per paura di offendere la persona sbagliata.

Il co-fondatore del Tempio di Satana Lucien Greaves ha recentemente dichiarato

“A questo punto sembra esserci una comprensione intrinseca e intuitiva di ciò che Satana può significare in un contesto eroico …”

Greaves afferma che i nazionalisti cristiani stanno minando,

“democrazia liberale” “asportando i diritti riproduttivi delle persone”.

La chiesa cristiana si sta dividendo per il sostegno alla politica LGBT. Lo scontro è qui …

Lo stato del globo e le ideologie che lo guideranno nel futuro dipenderanno dalle tue scelte e azioni in questo momento.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net

®wld

Percepire la disparità

 

Sta arrivando, ma nessuno vi dice cosa

di Massimo Bordin  

I segnali ci sono tutti: dazi doganali, immigrazione sevaggia, minacce Usa in precise aree del pianeta. Nessuno può sapere cosa accadrà di preciso, perchè il futuro non si può prevedere, ma siccome gli indizi per una crisi epocale ci sono, non possiamo non tenerne conto. E questi segnali ci sono ora, non sono frutto della suggestione catastrofista. Seza citare tutto, nell’elenco metterei l’ambiguità del fenomeno Greta Thunberg, la denatalità europea, la burocratizzazione esasperata, l’assalto politico-militare ai paesi con risorse naturali, come il Venezuela e l’Iran, l’inasprimento della politica protezionistica americana mentre leader russi e cinesi girano come trottole in un’estenuante attività diplomatica.

Insomma, c’è una certa puzza di morte nell’aria, ma nessuno sa se finirà così male, oppure se si tratta solo di percezione catastrofista. Non sempre dove c’è il fumo c’è l’arrosto, però fingere di non sentire l’odore e di non vedere il fumo è una colpa grave. Imperdonabile, poi, se a fare finta di nulla è l’informazione ufficiale.

Perchè avvengono fatti così inediti in così poco tempo?

L’ipotesi più convincente è che la disparità delle risorse disponibili non sia molto diversa che in passato, ma con la differenza che ora tutti gli abitanti del pianeta la percepiscono come tale.

La popolazione mondiale, secondo le stime, ha raggiunto i 7,7 miliardi di persone, ed è destinata a crescere fino a 9,2 miliardi entro il 2050. Dentro questo oceano di uomini e donne, solo 850 milioni godono di una situazione accettabile in termini di welfare, alimentazione, opportunità occupazionali, istruzione e sanità. E gli altri 7 miliardi?

No, tutti gli esclusi, che sono la stragrande maggioranza, vivono in una situazione di sostanziale indigenza, solo che, rispetto ai “miserabili” del passato, oggi loro ne hanno piena consapevolezza e coscienza. Quanto potrà durare questa situazione? Per quanto tempo 7 miliardi di persone continueranno ad accettare che poco più di 800 milioni di loro simili producano e consumino il 90 per cento dei beni del pianeta?

In un intervento effettuato durante l’incontro “Fuori dagli Equivoci” lo scorso 8 marzo a Torino, il giornalista Giulietto Chiesa ha riportato un aneddoto riferito al documentarista americano Douglas Ruskoff.

Poco tempo fa un’associazione di miliardari americani ha chiesto a Rushkoff, noto nei media americani per essere un analista futurologo, di fornire loro una consulenza privata in cambio di un compenso incredibilmente generoso. Giunto all’appuntamento, lo hanno acccompagnato in una saletta con solo 5 persone presenti.

Per una cifra vertiginosa, i 5 “eletti” potevano fare domande a Rushkoff su qualsiasi argomento. “Già mi aspettavo – riferisce dunque l’analista – che mi avrebbero chiesto dove investire i loro soldi in futuro. E invece…”

Cosa chiedevano?

“Lei cosa pensa che succederà quando il denaro non varrà più nulla? Come dovremo pagare le nostre guardie del corpo?”

“Ci siamo già costruiti un bunker sotterraneo per le famiglie in grado di resistere diversi mesi, ma che ne farò delle mie guardie del corpo? Anche loro vorranno sopravvivere con le loro famiglie: cosa possiamo escogitare per far si che non ci uccidano?”

Il tono e gli argomenti delle domande fatte al famoso futurologo erano tutte di questo tipo. I ricconi in questione non appartengono a quelle elites che decidono le sorti del pianeta, ma a quanto pare la loro preoccupazione è così forte, le informazioni o le sensazioni che possiedono sono molto preoccupate e preoccupanti. Costoro sanno davvero qualcosa, oppure sono solamente paranoici?

Se i rapporti internazionali raccontati dai media sono sempre più tesi, perchè non dovremo essere preoccupati anche noi?

Fonte: http://micidial.it/

  

Un ricercatore avverte: La nostra civiltà si dirige verso il crollo 

by Ancient Code

Secondo uno storico matematico, la nostra civiltà si sta dirigendo verso un crollo. Lo studioso predice che il “tumulto politico” sarà il picco nel 2020.

Secondo Peter Turchin, dell’Università del Connecticut, utilizzando una semplice equazione possiamo predire l’ascesa e la caduta di tutte le civiltà, e la nostra a breve potrebbe cadere.

Se i calcoli del professor Turchin sono dimostrati giusti, il nostro pianeta sarà soggetto per anni, se non decenni, a disordini politici che potrebbero addirittura avere il picco nel prossimo secolo.

Il professor Turchin, specializzato in ecologia e matematica, ha condotto lo sviluppo di un soggetto interdisciplinare chiamato “cliodynamics”.

il professor Turchin dice: “La cliodynamics è una nuova” disciplina transdisciplinare “che tratta la storia come solo un’altra scienza.”

Il professor Turchin iniziò a usare la matematica per predire l’attività umana da circa 1500 A.E.V. a 1500 E.V.

Circa tre anni fa, il professor Turchin ha usato modelli simili per prevedere il futuro.

La mia ricerca ha dimostrato che circa 40 indicatori sociali apparentemente disparati (ma, secondo cliodynamics, correlati) hanno sperimentato punti di svolta durante gli anni settanta. Storicamente, tali sviluppi sono serviti come indicatori principali di turbolenze politiche. Il mio modello ha indicato che l’instabilità sociale e la violenza politica raggiungerebbe il picco nel 2020s.

Inoltre, il professor Turchin afferma che:

Le elezioni presidenziali che abbiamo sperimentato, purtroppo, confermano questa previsione. Ci sembra di essere ben in pista per il picco di instabilità del 2020s. E anche se l’elezione è finita, le profonde forze strutturali che ci hanno portato l’attuale crisi politica non sono andate via. Se non altro, le tendenze negative sembrano accelerare.

Tuttavia, il professor Turchin avverte che non è noto quando questo picco potrebbe verificarsi e che la sua teoria non prevede eventi, ma le tendenze.

Il professor Turchin afferma che il tumulto sarebbe stato avviato dal processo di “sovrapproduzione d’élite” in cui il numero di persone ricche e d’élite nella società cresce, e si allontanano sempre più da quelli più poveri.

“Non ha pronosticato che Donald Trump sarebbe diventato il presidente americano nel 2016. Ma ha fatto prevedere l’aumento dell’instabilità sociale e politica. E, a meno che non si sia fatto qualcosa, l’instabilità continuerà a salire”.

Tuttavia, il professor Turchin afferma che la sua teoria potrebbe effettivamente rivelarsi vantaggiosa, e può aiutarci a evitare e sfuggire a questo triste destino monitorando attentamente le tendenze ed evitandole prima che siano in grado di causare problemi alla società.

“La discesa non è inevitabile,” continuò. La nostra è la prima società che può percepire come queste forze operano, anche se debolmente. Ciò significa che possiamo evitare il peggio-forse passando a una pista meno straziante, forse riprogettando completamente le montagne russe.”

È interessante notare che uno studio non correlato della NASA ha scoperto che le antiche civiltà avanzate che esistevano sulla terra migliaia di anni fa erano suscettibili al collasso come sta succedendo oggi.

Se guardiamo indietro nella storia 3000 – 5000 anni, troveremo un record storico che ci mostra chiaramente come le civiltà avanzate e sofisticate erano altrettanto suscettibili al collasso come lo siamo oggi.

Mentre gli stili di vita erano molto diversi nel lontano passato di quello che sono oggi, si scopre che c’è un modello continuo incrostato nell’umanità che solleva numerose domande sulla nostra sostenibilità come una civiltà che alla fine sfida la nostra capacità di rimanere ‘a galla’ come una società complessa e la cultura.

Se guardiamo indietro nel tempo nel corso di 10.000 anni, scopriremo che numerose civiltà avanzate che precedettero la civiltà Inca, Olmeca e egiziana esistevano sulla terra che misteriosamente scomparvero senza lasciare traccia.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Articolo attinente: Realtà fisiche: il costo dell’ignoranza  

®wld

Almanacco di maggio 2019

L’era della tirannia è iniziata – Washington ha distrutto la libertà occidentale

by Paul Craig Roberts
April 26, 2019

di PaulCraigRoberts Website

Un pesce marcisce dalla testa. Nel mondo occidentale il marciume sta accelerando.

Il marciume di Washington si sta diffondendo rapidamente ai governi statali e locali e all’estero ai governi dei vassalli dell’Impero. L’attacco di Washington al giornalismo rappresentato dall’arresto illegale di Julian Assange si è ora diffuso in Francia.

La politica di sanzioni del governo degli Stati Uniti nei confronti dei paesi sovrani che non seguono gli ordini di Washington si è diffusa,

lo stato di New York, dove il governatore ha minacciato sanzioni contro le istituzioni finanziarie che fanno affari con la National Rifle Association (NRA).
In Francia il presidente vassallo di Macron ha detto a tre giornalisti – che hanno rivelato che il governo di Macron ha intenzionalmente venduto armi all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti per massacrare donne e bambini nello Yemen – per presentarsi alle interrogazioni della polizia.

Il rapporto dimostra che il governo di Macron mentì deliberatamente quando disse che non era a conoscenza del fatto che le armi francesi dovevano essere utilizzate per l’attacco piuttosto che per l’uso della difesa in violazione del Trattato sul commercio delle armi del 2014.

I giornalisti sono sotto inchiesta della gestapo francese per,

“compromettere i segreti di difesa nazionale”.

In altre parole, quando il governo francese mente, è una violazione dei segreti di difesa nazionale segnalarlo.

L’intero mondo occidentale sta adottando l’approccio di Washington nei confronti di Assange e criminalizza la pratica del giornalismo, proteggendo così la criminalità dei governi.

Se rivelate un crimine governativo, come ha fatto Wikileaks, sarete perseguiti dal governo criminale per averlo fatto. È come permettere a un criminale di perseguire la polizia e il pubblico ministero che lo vogliono arrestato.

  • Con il Primo Emendamento già sotto attacco e mirato all’eliminazione da parte di Identity Politics per aver permesso “l’incitamento all’odio”
  • Con il decimo emendamento distrutto dal criminale di guerra Abe Lincoln
  • Con l’habeas corpus e il giusto processo distrutti dai regimi di George W. Bush e Obama,

… rimane solo il secondo emendamento, ed è sotto attacco dal governatore di New York, Andrew Cuomo.
Cuomo ha rivelato che la sua minaccia di sanzioni contro le organizzazioni finanziarie ha lo scopo di mettere

“l’NRA è fuori dal mercato, stiamo costringendo l’NRA a compromettere finanziariamente, non ci fermeremo fino a quando non le chiuderemo”.

Il tiranno Cuomo sa che l’ANR non può operare senza un conto bancario e una copertura assicurativa.
Per essere chiari, il successo di Washington nel governo delle armi contro il popolo si è diffuso in tutto l’impero e giù nei governi statali degli Stati Uniti.
Quando aggiungiamo a questo la massa spiando i cittadini resi possibili dalla rivoluzione digitale, abbiamo come risultato la morte della libertà.
Parlare più delle “democrazie occidentali” significa mettere in bocca una menzogna. Ci sono esattamente zero governi occidentali che possono essere ritenuti responsabili dal popolo .

Non ci può essere un governo responsabile senza una stampa libera.

Non c’è libertà economica o libertà di associazione quando le imprese sono punite per avere rapporti commerciali con organizzazioni che sono bersaglio dell’oppressione del governo.
La “guerra al terrore” era un travestimento per un attacco alla Costituzione degli Stati Uniti, un attacco che è riuscito. Il peggior atto di tradimento nella storia è la distruzione da parte del governo degli Stati Uniti della Costituzione degli Stati Uniti.
L’era della tirannia è iniziata. Le elezioni non possono fermarla …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*******************************

GUERRA ALL’IRAN – SI PREPARA UN FALSE FLAG?

di Maurizio Blondet

Domenica  John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha minacciato l’Iran di  “forza inesorabile” annunciando lo spiegamento dell’USS Abraham Lincoln Carrier Strike Group e di una task force per i bombardieri nella regione del Golfo Persico,  un messaggio “chiaro e inequivocabile” al regime iraniano.

La dichiarazione di Bolton ha  fatto riferimento a un “numero crescente di indicazioni preoccupanti” dall’Iran. A rincalzo, la corrispondente del Pentagono della CNN Barbara Starr ha precisato   che gli USA  sono al corrente  “specifiche e credibili” minacce iraniane contro le forze e i beni degli Stati Uniti in Siria, Iraq e in mare. L’articolo continua QUI

*******************************

 Più trivelle, meno marines.

Posted By Massimo Lupicino

Si parla in questi giorni delle nuove sanzioni all’Iran (embargo totale sulle esportazioni di petrolio) che andranno a colpire in modo pesantissimo l’economia del Paese messo già da tempo nel mirino dall’amministrazione Trump. Le analisi che si leggono in questi giorni sono ovviamente di tipo geopolitico, e ruotano attorno al complesso incrocio di interessi che vedono Stati Uniti, Israele e la monarchia saudita, unirsi appassionatamente nella lotta al regime degli ayatollah. Certamente sono considerazioni che hanno una loro validità. Ma sotto la cenere, al solito, cova altro. E come al solito quando si parla di Medio Oriente, covano temi legati all’energia. L’articolo continua QUI

*******************************

La geopolitica di Internet, vettore dell’egemonia statunitense

di PAUL ANTONOPOULOS

Il semplice fatto che gli Stati Uniti siano stati gli inventore di Internet attraverso il progetto militare DARPA del Pentagono ha impregnato un’egemonia unica, ma questo sta cominciando a essere sminuito dai suoi rivali cibernetici in Cina e in Russia.

La “guerra informatica” è già iniziata e gli Stati Uniti stanno combattendo contro la Cina e la Russia. Ora che il presidente dell’Ecuador, Lenin Moreno, assorto nel puzzolente scandalo INA Papers, ha dato ai suoi capi a Washington in modo non glorioso il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange – di doppia nazionalità australiano-ecuadoriana – un grande dibattito è stato scatenato nel decadente Occidente (‘qualunque cosa significhi’). Riguarda la libertà di espressione e la censura, specialmente nell’era cibernetica dominata dai giganti tecnologici della GAFAT della Silicon Valley (Google, Apple, Facebook, Amazon e Twitter), che irrompono persino nella privacy del codice genetico dei cittadini del valetudinario. L’articolo continua QUI in lingua inglese

*******************************

La UE respinge il termine iraniano di 60 giorni per l’accordo sul nucleare, dice che per il momento rimarrà impegnata.

[Nota del redattore: quindi eccoci qui, sia con gli Stati Uniti che con la UE non in conformità con il JCPOA, e l’UE sta attualmente minacciando di più sanzioni contro l’Iran se insiste sul fatto che l’Unione europea rispetti gli obblighi di commercio aperto con l’Iran.

Il provvedimento dell’UE per valutare la propria conformità è semplicemente dire che è da un lato, e dall’altro, promettendo di essere all’altezza dell’affare, ad un certo punto, è un’ammissione che non lo è. I media aziendali non li hanno ancora interpellati su questo.  L’articolo continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Le preoccupazioni sulla privacy crescono mano a mano che i dispositivi dello IoT si accendono 

di Chris Teale

La grande maggioranza dei cittadini non si fida dell’Internet of Things per due grandi motivi: mancanza di sicurezza e privacy dei dati. I tecnocrati non correggeranno questo senza una legislazione legalmente obbligata. ⁃ Editor TN

La sicurezza e la sicurezza dei dispositivi Internet of Things (IoT) rimane un problema irritante per i legislatori, mentre un’indagine da parte di Internet Society mostra che c’è ancora molta strada da fare prima di raggiungere una diffusa accettazione da parte del pubblico della connettività IoT.

L’indagine, condotta in sei paesi dalla società di sondaggi IPSOS Mori, ha rilevato che il 65% degli intervistati si occupa di come i dispositivi connessi raccolgono dati, mentre il 55% non si fida di tali dispositivi per proteggere la propria privacy. Nel frattempo, il 63% degli intervistati ha dichiarato di trovare i “dispositivi inquietanti”, che sono proiettati in numero di decine di miliardi in tutto il mondo, e sono “inquietanti”. Continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Affrontalo: se stai usando Amazon Alexa a casa tua, sei una persona incredibilmente credulona.

Di Ethan Huff

(Natural News) Il tono muto della popolazione americana mainstream è ancora una volta in piena mostra con il continuo successo dei dispositivi di ascolto di Alexa di Amazon, che sono stati ripetutamente esposti come nient’altro che strumenti di sorveglianza del Grande Fratello per tenere sotto controllo persone abbastanza credulone da permettere tale tecnologia nelle loro case “intelligenti”.

Commercializzandoli come “cool” giocattoli tecnologici che presumibilmente rendono la vita più facile e più confortante, Amazon ha davvero fatto una rapida comparsa sul pubblico con il suo stratagemma Alexa – e specialmente quelli abbastanza stupidi da pagare effettivamente per una di queste cose, che fondamentalmente permette a Jeff Bezos e alla sua brigata di spioncini digitali di spiarli 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non sorprende affatto il fatto che quasi nulla di ciò che Amazon ha da tempo rivendicato sulle protezioni della “privacy” di Alexa sia in realtà vero. L’articolo continua QUI in lingua inglese

®wld