Crea sito

Enormi insabbiamenti del passato

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Perché il Vaticano ha nascosto la storia dell’Umanità Prima del Diluvio

dal Sito Web Think-AboutIt traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La chiesa cattolica romana ha lavorato duramente per impedire al grande pubblico di comprendere appieno la civiltà “prima del diluvio” nella storia umana.

Il mondo prima del diluvio è misterioso e sembra essere stato cancellato dalla storia per adattarsi alle ideologie bibliche; una strategia utilizzata per impedire alla razza umana di interagire con le razze aliene.

Quindi, il Vaticano controlla la storia?

Chiunque operi una ricerca può vedere che la storia è stata riscritta da potenti forze, le prove che arrivano sotto forma di manufatti e articoli accademici, sono state nascoste o distrutte.

Perché?

Le chiese furono costruite su siti pagani per conquistare le civiltà e coprire i resti di prima del diluvio.

La narrazione è stata propagata.

Siamo portati a credere che una volta gli esseri umani erano tutti uomini di Neanderthal, che poi si sono evoluti nella nostra attuale condizione umana.

Ma le prove suggeriscono il contrario…

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Forse perché la civiltà pre-diluvio è stata creata da una specie aliena…

Rapporti da Disclose.tv:

Questi alieni hanno creato le prime popolazioni umane per portarle dove siamo oggi – sebbene il diluvio abbia spazzato via gran parte di queste prove.

Se il grande pubblico fosse a conoscenza di questa precedente civiltà, non ci sarebbe alcun controllo sulla popolazione.

Inoltre, i siti pagani su cui sono state costruite molte chiese sono serviti da portali per questi alieni che viaggiano avanti e indietro tra la Terra e le loro aree dell’universo.

Alcune prove di ciò risiedono sia nei resti dei giganti sia in quelli con altre deformità genetiche.

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Queste anomalie erano dovute al mescolamento di specie non umane con l’uomo.

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Il diluvio ha tentato di ripulire la lavagna da tutte queste anomalie ma non ha svolto del tutto il lavoro.

Pertanto, il Vaticano ha dovuto entrare con le ideologie della Bibbia e tentare di coprire il resto delle prove

È davvero affascinante vedere alcuni di questi enormi insabbiamenti esposti mentre curiosi ricercatori trovano sempre più prove di questa grande civiltà.

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

 

Davanti agli occhi – oltre il mistero delle costruzioni antiche

 

 

Gli strumenti usati per costruire antichi monumenti potrebbero esserci stati davanti agli occhi da sempre   

di HAF

 

Uno dei motivi principali per cui oggi restiamo affascinati dalle strutture antiche è il mistero di quanto spesso le pietre massicce venissero tagliate e montate insieme con una precisione inspiegabile.

Usando i tuoi occhi, un chiaro difetto nella narrativa tradizionale diventa palesemente evidente.

Le spiegazioni tradizionali suggeriscono che strumenti ordinari e primitivi combinati con straordinarie imprese dello sforzo umano hanno reso tutto possibile.

Non c’è una buona spiegazione del perché le tecniche di costruzione e i progetti condividano così tante somiglianze in tutto il pianeta quando emerge il quadro generale.  

 

Oltre al mistero della costruzione, c’è un altro anello mancante: cosa è successo agli strumenti? Inoltre, perché non vediamo le informazioni registrate che spiegano questi sorprendenti metodi di costruzione?

Questi metodi erano intenzionalmente tenuti segreti o le risposte ci hanno sempre guardato in faccia?

È la ragione per cui non abbiamo trovato prove evidenti di strumenti perché uno di questi è il suono e le vibrazioni effimere? E, è un’altra ragione perché abbiamo frainteso gli strumenti utilizzati?

Le “Pietre veliche d’Egitto”

Un antico racconto di un antico storico e geografo arabo suggerisce che gli egiziani usassero il suono per trasportare enormi blocchi di pietra. Conosciuto come Erodoto degli Arabi, registrò una leggenda secolare nel 947 d.C.

Secondo Mysterious Universe, la leggenda dice così:

“Quando costruirono le piramidi, i loro creatori posizionarono con cura ciò che era descritto come magico papiro sotto i bordi delle possenti pietre che dovevano essere usate nel processo di costruzione.

“Poi, uno ad uno, le pietre furono colpite da ciò che era curiosamente, e piuttosto enigmaticamente, descritto solo come un’asta di metallo.

“Ecco, le pietre iniziarono lentamente ad alzarsi in aria e – come soldati diligenti che seguono indubbiamente gli ordini – procedettero in modo lento, metodico, a file singole un numero di piedi sopra un sentiero lastricato circondato da entrambi i lati da simili, aste di metallo misteriose.”

 

 

Lo scettro di Was

 

Abbiamo visto tutti divinità egiziane come Anubi, in piedi con una strana asta in mano come nella foto sopra.

Tuttavia, non molte persone sanno cos’è quell’oggetto. Si chiama Was-sceptre, un bastone con una base a forcella e sormontato da una testa a punta a forma di canino stilizzato o di un altro animale.

L’asta è sottile e perfettamente diritta e associata ad altri oggetti misteriosi come l’Ankh e il Djed. Erano semplicemente simbolici o avrebbero potuto essere strumenti di qualche tipo?

Ankh, Djed & Was di Kyera Giannini (CC BY 2.0)

  Djed di Mark Cartwright (CC-BY-NC-SA)

 

Secondo l’Enciclopedia della storia antica, questi oggetti sono simboli che rappresentano il potere e il dominio reali.

“I tre simboli più importanti, che spesso appaiono in tutti i modi di opere d’arte egiziane, dagli amuleti all’architettura, erano l’ankh, il djed e lo scettro.

“Questi sono stati spesso combinati in iscrizioni e spesso compaiono su sarcofagi insieme in un gruppo o separatamente. Nel caso di ciascuno di questi, la forma rappresenta l’eterno valore del concetto: l’ankh rappresentava la vita; la stabilità djed; era il potere.”

In alcune raffigurazioni, gli scettri Was sono visti sostenere il tetto di un santuario mentre Horus guarda.Allo stesso modo, il Djed è visto su architravi del tempio che sembrano reggere il cielo nel complesso di Djoser a Saqqara.

Un video di Ancient Architects esplora questa idea, mostrando esempi di diapason usati dagli egiziani.

Il narratore Matthew Sibson dal Regno Unito solleva alcune idee affascinanti su come gli egiziani potrebbero aver usato oggetti come lo scettro di Was e le forchette di sintonia per tagliare le pietre più dure usando il potere del suono e delle vibrazioni. (vedi video sotto)

Una statua di diapason è raffigurata su una statua di Iside e Anubi, ognuna con in mano un’asta. Tra le divinità, una scultura mostra due diapason che sembrano essere collegati da fili.

Sotto le forche, un oggetto arrotondato con quattro punte è centrato e appare quasi come una freccia rivolta verso l’alto.

Nel video, Sibson fa apparire un’e-mail interessante ma non verificata sul sito Web KeelyNet.com dal 1997. L’e-mail suggerisce che gli egittologi hanno trovato antiche forcelle in sintonia e potrebbero averle etichettate come “anomale” quando non potevano immaginare quale fosse il loro scopo.

“Alcuni anni fa un amico americano ha scelto la serratura di una porta che conduceva ad un magazzino del museo egiziano di circa 8 piedi x dieci piedi. All’interno ha trovato “centinaia” di ciò che ha descritto come “diapason”.

Queste dimensioni variavano da circa 8 pollici a circa 8 o 9 piedi di lunghezza complessiva e assomigliavano a catapulte, ma con un filo teso teso tra i denti della “forcella”. Insiste, per inciso, sul fatto che questi non erano sicuramente non ferrosi, ma “acciaio”.

Questi oggetti assomigliavano a una lettera “U” con una maniglia (un po’ come un forcone) e, quando il filo veniva strappato, vibravano per un periodo prolungato.

Mi viene in mente di chiedermi se questi dispositivi avrebbero potuto avere degli utensili temprati fissati sul fondo delle loro maniglie e se avrebbero potuto essere usati per tagliare o incidere la pietra, una volta che fossero stati messi in vibrazione.

Sebbene l’e-mail sia solo una prova aneddotica, sembra confermare il geroglifico di diapason sulla statua di Iside e Anubi, con filo teso tra i denti.

Successivamente, vediamo un sigillo Sumerian Cylinder molto più vecchio che mostra una figura che regge quello che sembra essere un diapason. Come vedi di più, sembra che gli antichi sapessero molto di più sugli effetti del suono e delle vibrazioni di quanto attualmente comprendiamo.

Oggi stiamo imparando nuovi modi di guardare alle strutture antiche. L’archeoacustica sta rivelando come il suono abbia giocato un ruolo vitale nella costruzione di siti in tutto il mondo.

Nel frattempo, lo studio dei cimatici rivela come le vibrazioni alterano la geometria della materia in modi intricati e inspiegabili.

Inoltre, i misteri della meccanica quantistica si stanno svelando quando troviamo nuove particelle e utilizziamo algoritmi di intelligenza artificiale per scoprire come funziona la materia stessa.

Potremmo finalmente raggiungere la fase in cui inizieremo a capire esattamente come gli antichi popoli del mondo hanno creato enormi monumenti in tutto il mondo? 

Riferimento: Ancient-code.com

Fonte: https://humansarefree.com/

®wld

Dèi di un Nuovo Ordine Mondiale

 

Sollevando il Velo

Dove sono andati gli dèi, e quali le implicazioni per il futuro? Sono interrogativi che ci portano inevitabilmente a una rivalutazione della storia del mondo, soprattutto per ciò che concerne il periodo che va dal 2000 al 200 a.C.

Un arco di tempo, questo, che iniziò dopo la distruzione nucleare di Sodoma, Gomorra e della base spaziale del Sinai e in cui troviamo personaggi biblici quali Isacco, Giacobbe, Giuseppe e Mosè.

Un periodo a proposito del quale i resoconti scritti abbondano ma scarseggiano le documentazioni archeologiche. Altri periodi presentano il fenomeno inverso: buone documentazioni archeologiche, scarsi resoconti scritti.

Un velo di oscurità discende su un’epoca di grande disordine e di guerre: quando terminò, la gran parte delle città del mondo antico erano state rase al suolo.

Prima del 200 a.C. i Sumeri registravano tutto, anche le cose qutidiane più secondarie. Ma nel periodo 2000-200 a.C. le conache divengono scarse, e ancor meno sono quelle giunte fino a noi.

L’archeologia, pertanto, diventa il principale strumento di conoscenza, ma è uno strumento spuntato che consiste in gran lavoro e in molto a tirar a indovinare e che dunque è assai lontano dall’essere una scienza esatta.

La conseguenza è che possediamo una comprensione molto limitata degli eventi di questo che è un periodo chiave della storia umana.

Pur non essendo uno storico ufficialmente riconosciuto come tale, ho potuto rapidamente rendermi conto che per questo particolare periodo non esistono esperti. Anzi, si finisce con il pensare che gli Imperi siano sorti e poi crollati senza motivo apparente, i misteriosi Hyksos conquistarono l’Egitto, un altrettanto “popolo del mare” comparve dal nulla per mettere a ferro e fuoco il vicino Oriente e civiltà progredite sorsero come dal nulla nel Nuovo Mondo delle Americhe.

Mentre tentavo di sbirciare sotto il velo della storia per osservare la presenza incessante (o meno) degli dèi, ho potuto appurare che molti inspiegabili avvenimenti storici cominciavano ad avere una logica.

Senza verne l’intenzione stavo mettendo alla prova il nuovo paradigma che sta alla base di questo libro, e i risultati sono positivi a dir poco.

Il mio obiettivo principale era comunque di effettuare delle ricerche sulle attività mdegli dèi, una bella sfida. Come si fa a individuare la presenza degli dèi in un’epoca così tanto caotica?

Sorprendentemente, gli indizzi da seguire erano molti. Per esempio, il nome di un re o di un faraone assai spesso segnala la sua alleanza con un particolare dio. E in modo analogo un’opera artistica raffigura molto spesso la figura di un dio, vuoi nelle sembianze di un serpente o di un toro o anche una dea dal seno nudo. Infine, si sono rivelate utili molte iscrizioni che richiamavano direttamente i nomi di determinati dèi in determinate nazioni.

Procedendo in questo modo è stato possibile costruire un panorama politico generale degli avvenimenti nel mondo. Ma come appurare la presenza fisica di questi dèi? Come essere certo che i sovrani non si stavano rivolgendo a degli dèi assenti?

Il primo indicatore attendibile era costituito da interventi di tipo tecnologico. A volte si trovavano descritti nei testi, per esempio l’Arca dell’Alleanza nella Bibbia. Altre volte risultavano riscontrabili in forma fisica, per esempio nel caso delle Piramidi che ancora oggi esistono a Teotihuacan.

Il secondo indicatore è stato anch’esso fisico: l’intensità delle distruzioni di antiche città. Un’intensità che si evidenzia agli occhi degli archeologi ogni volta che scavano, ma com’è possibile che così tante città abbiano potuto essere rase al suolo soltanto con il fuoco, le spade, gli archi e le frecce?

Il problema maggiore che mi son trovato ad affrontare nel redigere il presente capitolo è stato quello della cronologia. In seguito alla pubblicazione del libro A Test of Time (1995) di David Rohl enormi punti di doanda si sono sollevati sulla cronologia convenzionale dei faraoni egiziani. Inltre, la nuova cronologia di Rohl ha messo in allarme anche altri settori, specie a motivo della datazione del regno del babilonese Hammurabi che viene posticipato di due secoli.

Personalmente trovo la nuova cronologia di Rohl piuttosto convincente e ho quindi deciso di adottarla lingo tutto questo capitolo, indicandola, là dove sia il caso, con le iniziali NC. Comunque, mentre tutti questi temi restano oggetto di dibattito, è buona regola esercitare una certa prudenza.

Torniamo all’inizio

Prima di avviarci alla ricerca della presenza o meno degli dèi dopo il 200 a.C., è bene ripassare brevemente il contesto storico sinora affiorato, prestando particolare attenzione alle origini tribali e alle alleaze dell’uomo.

La nstra rassegna ha inizio con il Diluvio, quando dell’Arca di Noè emersero tre figliazioni umane. Le tribù di pelle scura con Cam per capistipite si diressero verso i territori africani a sud, le tribù di sem si stabilirono nel Levante e nei monti circostanti la Mesopotamia, mentre le tribù di Iafet andarono a nord, all’altopiano dell’Anatolia (la moderna Turchia) e altre ancora.

Ci fu però un’importante eccezione. Prima della guerra degli dèi(c. 8700 a.C.) Caanan un figlio di cam, aveva occupato illegalmente il Libano. Sebbene fosse poi stato concesso alla sua tribù di rimanerci, la Bibbia ci dice che vennero condannati a svolgere mcompiti servili.

Tra i’11000 e il 4000 a.C. l’uomo disponeva del medesimo potenziale di intelligenza di oggi, ma in genere conduceva un’esistenza nomade.

La popolazione crebbe dovunque nel mondo. Poi, dal 3800 a.C. in poi, una serie di sviluppi portano all’avvento di una nuova èlite di uomini civilizzati.

Questa fase iniziò nelle città di Sumer ricostruite negli stessi luoghi in cui erano sorte prima del diluvio. Ciò avvenne in coincidenza del pianeta Nibiru e la visita reale di Anu.

In quello stesso periodo il dio Ishkur avviò una nuova fase della costruzione di Tiahanaco volta alla produzione del bronzo.

Tratto dalle mie letture “Il Mistero della Genesi delleAntiche Civiltà

di: Alan F. Alford

Capitolo 15 P: 391-392-393

®wld

LA CIVILTÀ SORTA DAL NULLA

 

LA CIVILTÀ SORTA DAL NULLA

Per lungo tempo l’Occidente credette che la propria civiltà fosse un dono di Roma e della Grecia. Eppure gli stessi filosofi greci scrissero più volte di aver attinto a fonti antecedenti. Chi tornava in Europa dopo un viaggio in Egitto, poi, raccontava che in quella terra esistevano grandiose piramidi e città-tempio semi sepolte nella sabbia, a guardia delle quali stavano strani animali di pietra chiamate sfingi.

Quando, nel 1799, Napoleone arrivò in Egitto, portò con sé alcuni studiosi perché esaminassero e spiegassero questi antichi monumenti. Uno dei suoi ufficiali trovò vicino a Rosetta una lastra di pietra che recava inciso un proclama del 196 a.C. nell’antica scrittura pittografica egizia (geroglifici), oltre che in due altre forme di scrittura.

Una volta decifrata la scrittura egizia, l’Occidente comprese, anche grazie ai ritrovamenti archeologici che seguirono, che l’Egitto aveva conosciuto un alto livello di civiltà ben prima dell’avvento dei Greci. Le fonti egizie parlavano di dinastie reali – cominciate intorno al 3100 a.C. – due millenni prima che vedesse la luce la civiltà greca, che raggiunse il periodo di massimo splendore solo nel V e IV secolo a.C.

E dunque da ricercarsi in Egitto l’origine della nostra civiltà? Per quanto logica sembri tale conclusione, i fatti sembrano in realtà smentirla. Gli studiosi greci descrissero sì i loro viaggi in Egitto, ma le antiche fonti di conoscenza delle quali parlavano furono ritrovate altrove. Le culture pre-ellenistiche del Mar Egeo – la civiltà minoica sull’isola di Creta e quella micenea nella Grecia continentale – mostravano legami più con la cultura dell’area medio-orientale che con quella egizia.

La Siria e l’Anatolia, non l’Egitto, erano le arterie principali attraverso cui i Greci avevano potuto attingere a una civiltà precedente. L’invasione della Grecia da parte dei Dori e quella della terra di Canaan da parte degli Israeliti in seguito all’Esodo dall’Egitto erano avvenute più o meno nello stesso periodo (verso il XII secolo a.C). Partendo da questo presupposto, gli studiosi si sono messi alla ricerca di eventuali analogie tra la civiltà semitica e quella ellenica, e ne hanno trovate molte.

Ilprofessor Cyrus H. Gordon (Forgotten Scripts; Evidence for the Minoan Language; «Scritti dimenticati; Testimonianze della lingua minoica») inaugurò un nuovo filone di studi dimostrando che un’antica scrittura minoica, chiamata Lineare A, rappresentava in realtà una lingua semitica. Egli ne concluse che «il modello (distinto dal contenuto) delle civiltà ebraica e minoica era per molti versi lo stesso», e notò inoltre che il nome dell’isola, Creta, pronunciato alla maniera minoica Ke-re-ta, era uguale alla parola ebraica Ke-re-et (“città cinta dimura”) e si ritrovava in un racconto semitico in cui si parlava di un re di Keret.

Anche l’alfabeto greco, dal quale derivano quello latino e anche i nostri moderni alfabeti, proveniva dal Medio Oriente. Gli antichi storici greci scrissero che un fenicio di nome Kadmus (“antico”) portò loro l’alfabeto, che comprendeva lo stesso numero di lettere, nel medesimo ordine, di quello ebraico; era questo l’unico alfabeto greco in uso al tempo della guerra di Troia.

Fu poi il poeta Simonide di Ceo, nel v secolo a.C, ad aumentare a 26 il numero delle lettere. Il fatto che la scrittura greca e quella latina, come del resto tutta l’ossatura della nostra cultura occidentale, fosse stata importata dal Medio Oriente risulta evidente se confrontiamo ordini, nomi e segni dell’alfabeto originario medio-orientale con quello greco antico, molto più recente, e con quello latino, ancora più recente (vedi figura a lato).

Gli studiosi sapevano bene, ovviamente, che i Grecia vevano avuto contatti con il Medio Oriente nel I millennio a.C, contatti culminati con la sconfitta dei Persiani da parte di Alessandro il Macedone nel 331 a.C. Le fonti grechecontenevano molte informazioni su questi Persiani e sulle loroterre (che corrispondono approssimativamente all’odierno Iran).

Analizzando i nomi dei loro re – Ciro, Dario, Serse – e delleloro divinità, che sembrano appartenere al ceppo linguistico indoeuropeo, gli studiosi giunsero alla conclusione che essi appartenevano a quel popolo ariano (“signore”) comparso nei pressi del Mar Caspio verso la fine del II millennio a.C. e diffusosi poi verso ovest in Asia Minore, verso est in India everso sud in quelle che l’Antico Testamento chiamava “le terredei Medi e dei Parsi”.

(1) “H”, comunemente translitterata come “H” per semplicità, è pronunciata in sumerico e nelle lingue semitiche come “CH” nello scozzese o tedesco “loch”.(2) “S”, comunemente translitterata come “S” per semplicità, è pronunciata in sumerico e nelle lingue semitiche come “TS”.Eppure le cose non erano così semplici.

Nonostante la presunta origine straniera di questi invasori, l’Antico Testamento li tratta come parte integrante degli eventi biblici. Ciro, per esempio, è considerato un “Unto di Yahweh”, il che è piuttosto strano per un non-ebreo. Secondo il Libro di Esdra, poi, Ciro accettò la missione di ricostruire il Tempio di Gerusalemme e affermò di agire in base agli ordini di Yahweh, che egli chiamava “Dio del cielo”.

Ciro e gli altri re della sua dinastia chiamavano se stessi con il nome di Achemenidi, dal titolo adottato dal fondatore della dinastia stessa, Hacham-Anish. Questo titolo non era affatto ariano, ma semitico, e significava “uomo saggio”. Tutto considerato, gli studiosi non hanno mai approfondito i molti punti che avrebbero potuto far pensare ad analogie tra il Dio ebraico Yahweh e la divinità che gli Achemenidi chiamavano “Saggio Signore”, e che nelle raffigurazioni, per esempio nel sigillo reale di Dario (figura sopra), compariva nei cieli all’interno di una sfera alata. È ormai accertato che le radici culturali, religiose e storiche di questi antichi Persiani risalgono ai precedenti imperi di Babilonia e di Assiria, di cui l’Antico Testamento documenta la diffusione e la successiva caduta.

I simboli che compaiono sui sigilli e sui monumenti degli Achemenidi furono in un primo tempo ritenuti elementi puramente decorativi. Solo nel 1686 Engelbert Kampfer, dopo aver visitato Persepoli, l’antica capitale persiana, definì quei segni “cuneati” e capì che rappresentavano vere e proprie lettere a forma di cuneo. Da allora quella forma di scritturavenne chiamata “cuneiforme”.

Via via che si procedeva a decifrare le iscrizioni degli Achemenidi, divenivano sempre più evidenti le analogie con leiscrizioni trovate su antichi oggetti artigianali e tavolette in Mesopotamia, la terra che si trovava tra i fiumi Tigri ed Eufrate. Da prima si trattò di ritrovamenti isolati, sparsi qua e là, finché l’archeologo francese Paul-Emile Botta organizzò,nel 1843, la prima grande spedizione archeologica mirata.

Per essa scelse un luogo della Mesopotamia settentrionale, chiamato oggi Khorsabad, vicino all’attuale Mosul. Ben presto Botta potè stabilire che le iscrizioni cuneiformi parlavano di un luogo chiamato Dur Sharru Kin. Erano iscrizioni semitiche, in una lingua sorella di quella ebraica, e il nome significava “la città cinta di mura del re giusto”.

Questore nei nostri testi è chiamato Sargon II. La città citata nelle iscrizioni era la capitale del regno assiro; al suo centro vi era un magnifico palazzo reale le cui mura erano ornate di bassorilievi che, messi uno vicino all’altro, si estendevano per oltre un miglio. Dominava la città e il complesso reale una piramide a gradini chiamata ziggurat, che fungeva da “scala verso il paradiso” per gli dèi (figura sopra).

L’impianto della città e le sculture facevano pensare a uno stile di vita complesso ed estremamente avanzato. Palazzi, templi, case, stalle, magazzini, mura, colonne, decorazioni, statue, opere d’arte, torri, cinte di difesa, terrazze, giardini: tutto venne completato in soli cinque anni. Secondo Georges Contenau (La vie quotidienne à Babylone et en Assyrie, «Lavita quotidiana a Babilonia e in Assiria»), «l’immaginazione vacilla di fronte alla potenziale forza di un impero che è riuscito a fare tanto in così poco tempo», circa 3.000 anni fa.

Continua …

Di ZECHARIA SITCHIN IL PIANETA DEGLI DEI

(The 12th Planet,1976) – Capitolo secondo

®wld

UN INIZIO SENZA FINE

UN INIZIO SENZA FINE

Di tutta la documentazione che ho messo insieme per supportare le conclusioni a cui sono giunto, la prova numero uno è data dall’uomo stesso. Per molti versi, infatti, l’uomo moderno – Homo sapiens – è una specie di straniero sulla Terra.Da quando Charles Darwin sbalordì gli studiosi e i teologidel tempo con la sua teoria dell’evoluzione, per la vita sulla Terra è stato tracciato un percorso storico che, culminando nell’uomo, passa attraverso i primati, i mammiferi, i vertebrati e, ancora più indietro, attraverso forme di vita progressivamente inferiori, fino al punto in cui, miliardi di anni fa, si presume che sia cominciata la vita.

Dopo essere risaliti a ritroso fino a questo punto, gli studiosi hanno cominciato a intravedere la possibilità di altre forme di vita in qualche altra parte del nostro sistema solare o addirittura al di fuori di esso, ed è qui che si sono fatti strada i primi dubbi circa la vita sulla Terra.

Sembra infatti che qualcosa non quadri: se tutto è cominciato con una serie di reazioni chimiche spontanee, come mai la vita sulla Terra ha una sola e unica fonte, e non una serie di fonti dettate dal caso? E perché tutta la materia vivente contiene così poco degli elementi chimici che abbondano sulla Terra e così tanto di quelli che invece sono rari sul nostro pianeta? Non potrebbe essere che la vita sia stata importata sulla Terra da qualche altro luogo? La posizione dell’uomo nella catena evolutiva ha ulteriormente complicato il problema.

Sulla base di reperti ossei ritrovati in luoghi diversi, gli studiosi credettero in un primo tempo che l’uomo avesse avuto origine in Asia circa 500.000 anni fa. Ma quando vennero rinvenuti fossili più antichi, risultò chiaro che il cammino dell’evoluzione aveva richiesto molto, molto più tempo. I primati antenati dell’uomo vengono ora datati approssimativamente a 25 milioni di anni fa. Da reperti ritrovati nell’Africa orientale riusciamo a collocare la transizione verso primati più simili all’uomo (ominidi) a circa 14 milioni di anni fa, mentre solo 11 milioni di anni più tardi sarebbe apparso il primo uomo-scimmia classificabile come Homo.

Il primo essere con fattezze decisamente umane -“Australopithecus avanzato” – visse in quella stessa parte del mondo circa 2 milioni di anni fa, ma ci volle un altro milione di anni prima che comparisse l’Homo erectus. Infine, dopo altri 900.000 anni, apparve quello che si considera il primo Uomo primitivo: l’Uomo di Neanderthal, dal nome della località dove i suoi resti vennero rinvenuti per la prima volta. Sebbene siano passati più di 2 milioni di anni tra l’Australopithecus avanzato e l’Uomo di Neanderthal, gli arnesi che i due gruppi utilizzavano – pietre appuntite – erano piuttosto simili, e anche le loro fattezze, per quello che ne sappiamo, non erano poi tanto diverse (figura 1).

Poi, improvvisamente e inesplicabilmente, circa 35.000 annifa un nuovo tipo di uomo – Homo sapiens (“Uomo pensante”) – apparve come dal niente e cancellò l’Uomo di Neanderthal dalla faccia della Terra.

Questi uomini moderni – chiamati uomini di Cro-Magnon – erano talmente simili a noi che, se vestiti e pettinati secondo la nostra moda, si confonderebbero tranquillamente tra la folla di qualunque città europea o americana. Poiché erano abilissimi nel costruire caverne, furono in origine chiamati “uomini delle caverne”.

In effetti, giravano sulla Terra senza problemi, proprio perché, dovunque andassero, sapevano costruirsi case e ripari fatti di pietre e pelli di animali. Per milioni di anni, l’uomo aveva utilizzato come utensili nient’altro che pietre di varie fogge. Ora, l’Uomo di Cro-Magnon sapeva costruire arnesi diversi, a seconda dell’uso a cui erano destinati, e armi fatte di legno e ossa. Non era più una “scimmia nuda”, ma usava le pelli degli animali per coprirsi. Viveva in forme di società organizzate, una sorta diclan guidato da un patriarca. Le incisioni e le sculture trovate nelle caverne dimostrano un buon senso artistico e una certa profondità di sentimenti, nonché una qualche forma di”religione” apparentemente legata al culto di una Dea Madre, raffigurata talvolta come una Luna crescente.

L’Uomo di Cro-Magnon seppelliva i morti e deve quindi aver avuto una concezione più o meno compiuta della vita, della morte e forse addirittura di un aldilà. Il mistero della comparsa dell’Uomo di Cro-Magnon si arricchì presto di altri tasselli. Via via, infatti, che venivano alla luce altri resti di questo uomo moderno (in località come Swanscombe, Steinheim e Montmaria), diveniva sempre più evidente che l’Uomo di Cro-Magnon discendeva da un più antico Homo sapiens che era vissuto nell’Asia occidentale e in Nord Africa circa 250.000 anni prima di lui.

Ora, l’ipotesi che l’uomo moderno sia comparso 700.000 anni dopo l’Homo erectus e 200.000 anni prima dell’Uomo di Neanderthal non è assolutamente plausibile. Inoltre l’Homo sapiens sembra discostarsi nettamente dal lento processo dell’evoluzione, tanto che molte delle nostre odierne caratteristiche, come la capacità di parlare, non hanno assolutamente nulla a che fare con quelle dei precedenti primati.

Il professor Theodosius Dobzhansky, che è un’autorità indiscussa in materia, era particolarmente stupito dal fatto che questo sviluppo fosse avvenuto proprio in un periodo in cui la Terra andava incontro ad un’era glaciale, una condizione, quindi, niente affatto propizia al progresso evolutivo. Partendo dal presupposto che l’Homo sapiens manca completamente di alcuni tratti che caratterizzavano i tipi precedentemente conosciuti, e ne presenta invece altri mai apparsi prima, egli concluse: «L’uomo moderno ha senza dubbio molti parenti e affini tra i fossili rinvenuti, ma non ha progenitori; quale sia l’origine dell’Homo sapiens resta davvero un mistero». Come è possibile, allora, che gli antenati dell’uomo moderno siano comparsi circa 300.000 anni fa, e non 2 o 3 milioni dianni più avanti, come avrebbe dovuto essere se fossero stati rispettati i normali ritmi del processo evolutivo?

Siamo stati forse importati sulla Terra da qualche altro luogo, oppure, come affermano l’Antico Testamento e altre fonti antiche, siamo stati creati dagli dèi? Oggi noi sappiamo dove è cominciata la civiltà e come si è sviluppata. Resta tuttavia una domanda senza risposta: Perchè? Perché è nata la civiltà? Anche la maggior parte degli studiosi, seppure a malincuore, ormai lo ammette: secondo i dati di cui disponiamo l’uomo non dovrebbe ancora aver raggiunto uno stadio avanzato di civiltà. Non vi è alcuna ragione evidente percui noi dobbiamo essere più civilizzati delle tribù primitive che vivono nella giungla amazzonica o nelle regioni più inaccessibili della Nuova Guinea.

Se queste tribù vivono ancora come nell’età della pietra, ciò avviene, si obietta di solito, perché sono rimaste isolate. Ma isolate da che cosa? Se vivevano anche loro sulla Terra come noi, perché non hanno acquisito le nostre stesse conoscenze scientifiche e tecnologiche? Il vero problema, tuttavia, non è l’arretratezza di questi”selvaggi”, ma semmai il contrario: il nostro stesso progresso. È universalmente riconosciuto, infatti, che se l’uomo avesse seguito il corso normale dell’evoluzione, noi dovremmo essere ancora dei “selvaggi”.

Ci sono voluti 2 milioni di anni perché l’uomo non si limitasse più a usare le pietre così come le trovava, ma capisse che poteva tagliarle e modellarle a seconda dell’uso che doveva farne. Perché dunque non ci sono voluti altri 2 milioni di anni per imparare l’uso di altri materiali, e altri 10.000 anni per masticare matematica, ingegneria eastronomia? E invece eccoci qua, a meno di 50.000 anni di distanza dall’Uomo di Neanderthal, a mandare astronauti sulla Luna. Si affaccia dunque spontanea una domanda: noi e i nostri progenitori mediterranei abbiamo davvero acquisito da soli questo grado così avanzato di civiltà?

Cotinua…

Di ZECHARIA SITCHIN IL PIANETA DEGLI DEI

(The 12th Planet,1976) – Capitolo Primo

®wld

Uno studio sull’origine del male

 

Uno studio sull’origine del male – Yaldabaoth-Yahweh-Enlil 

by Jan Erik Sigdell

received by Email from

on September 23, 2019
from Christian-Reincarnation Website

La creazione

Questo studio si riferisce in gran parte ai testi dei cristiani gnostici, di cui la maggior parte fu trovata a Nag Hammadi in Egitto nel 1945, ma anche a vari altri testi di cui la maggior parte sono antichi.

La parola “gnostico” non deve essere intesa come relativa ad altre filosofie e religioni che non sono originariamente cristiane , una “comprensione” che a volte viene abusata per screditare il cristianesimo gnostico dai nemici della verità.

L’universo così com’è ora è un multiverso nel senso che ha molte più dimensioni delle tre che sono le uniche che possiamo percepire.

La dimensione più alta è pura energia luminosa e quindi le creazioni procedono verso il basso da quella, producendo livelli inferiori o dividendo una luce originale in sezioni.

Il creatore sarà soprattutto e quindi è la dimensione più alta e lui è la luce e crea dalla sua luce poiché non c’era altra luce all’inizio.

I testi gnostici descrivono il Creatore come,

“È lui che esiste come Dio e Padre di tutto, l’Invisibile che è al di sopra di tutto, che esiste come incorruzione, che è nella luce pura in cui nessun occhio può guardare.” …

“È insopportabile, poiché non esiste nessuno prima di lui per esaminarlo. È incommensurabile, poiché non c’era nessuno prima di lui per misurarlo. È invisibile, poiché nessuno lo ha visto. È eterno, poiché esiste eternamente. È ineffabile, dal momento che nessuno è stato in grado di comprenderlo per parlare di lui. È innegabile, dal momento che non c’è nessuno prima di lui che gli dia un nome. ” …

“È una luce incommensurabile, che è pura, santa (e) immacolata”.

È la prima ed eterna entità, il Dio supremo (El Elyon) che è luce e la luce è lui.

Si vedeva dappertutto come luce intorno da quando era lui stesso la luce. Voleva quindi differenziare la luce che era ed è, e in modo che avesse forme, strutture e funzioni.

Non ha fatto altro che desiderare che ciò accadesse, e quindi è successo. Era la manifestazione di un pensiero originale (protennoia).

Da questo desiderio e pensiero emanò Barbelo (Βαρβηλώ), il suo potere creativo, per dare “vita” alla creazione, pertanto è considerata femmina dai cristiani gnostici.

La prima entità creata fu Autogenes , quello che attraverso Barbelo e il desiderio del creatore divennero fuori di sé, quello che chiamiamo Cristo .

Così si formò la triade o trinità originale:

la protennoia trimorfa.

Da un testo gnostico su Barbelo:

“E il suo pensiero compì un atto e lei uscì, cioè lei che era apparsa davanti a lui nella luce della sua luce.

Questo è il primo potere che era prima di tutti loro (e) che emerse dalla sua mente, Lei è la previdenza (pronoia) del Tutto – la sua luce brilla come la sua luce – il potere perfetto che è l’immagine dell’invisibile, Spirito verginale che è perfetto.

Il primo potere, la gloria di Barbelo, la gloria perfetta negli eoni, la gloria della rivelazione, lei glorificava lo Spirito verginale ed era lei che lo lodava, perché grazie a lui era venuta alla luce “. L’Apocryphon di John

In questo processo, la luce si è condensata in molti modi fuori dalle forme del pensiero, come onde, schemi e condensazioni di luce compartimentate e individualizzate come entità che sono diventate chiamate angeli, in particolare un numero di arcangeli e quindi “minori” angeli associati dal gruppo con loro.

Gli eoni si sono sviluppati, una serie di livelli (o forse strati) di esistenza (ipostasi) che possono essere confrontati con le dimensioni dell’universo multidimensionale in un senso più fisico.

A un livello primario c’è Sophia (saggezza, femmina), che sentiva il desiderio di comprendere tutta la creazione e il suo desiderio in qualche modo individualizzato manifestato in un eone inferiore come Achamoth (Ἀχαμώθ, Sophia Achamoth, Ebraico: המכח chokhmah).

Questo desiderio si è manifestato in modo tale che è venuto fuori da lei e quindi è stato effettivamente e involontariamente creato come entità, senza il consenso del suo consorte.

Questa entità aveva la faccia di un leone e il corpo di un serpente e gli diede il nome di Yaldabaoth (o Yaltabaoth, probabilmente dall’aramaico yaldā ‘bāhūṯ ת הב ד, “Figlio del caos”). Fu sorpresa quando vide questo aspetto e lo nascose in una nuvola, rendendosi conto che aveva fatto un errore e provava vergogna, da dove poi era fuggito in regioni più buie.

Che cos’è il caos?

La parola è spesso erroneamente associata a un disordine, ma il significato originale è vuoto totale, tohu wa-bohu (וה בֹ֔ וָ וה תֹ֙) dove non c’è nulla (ancora) e quindi spazio per la creazione e la manifestazione di qualcosa e qualsiasi cosa, da χάος (kháos, “vasto abisso, vuoto”).

Yaldabaoth diventa Yahweh

Nelle regioni oscure si stabilì in un regno che occupò per se stesso e in cui realizzò creazioni proprie ma secondarie. Ora si chiamava Yahweh e sosteneva di essere il solo e unico dio. ..

Nella traduzione comune di Ex 20: 2-3 e Deut 5: 6-7:

“Sono il Signore tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa della schiavitù. Non avrai altri dei davanti a me.”

La traduzione letterale di questi due passaggi è tuttavia:

“Sono Yahweh, il tuo Elohim, che ti ha condotto fuori dalla terra dell’Egitto e dalla casa dei servi. Al mio posto non verranno altri Elohim per te.”

La parola elohim è il plurale di el o eloah = god.

Cosa intendeva Yahweh con questo – che sarebbe stato,

“quello degli” Elohim “(quindi uno degli dei creati), che ora sarà dio solo per te e non aspettarti un altro di loro”?

In ogni caso, non contraddice che potrebbero essercene altri e rater parla nel senso di una clausola di non concorrenza …

La stessa Bibbia indica all’inizio che potrebbero esistere anche altri “dei”. 

La prima frase nella Bibbia

Il testo ebraico in Gen 1: 1 recita come segue:

Bere’shit bara ” elohim et ha-shamayim ve’et ha’aretz, di solito tradotto come:

     “In principio Dio creò il cielo e la Terra”.

Indipendentemente dal fatto che lo giri e lo giri, resta un dato di fatto che ‘elohim è il plurale di’ el o ‘eloah = “dio”.

È stato quindi suggerito che potrebbe essere inteso come “… gli dei creati …” ma questo non si adatta grammaticalmente, perché il verbo bara ‘(creato) ha la forma singolare.

I teologi quindi lo spazzano sotto il tappeto e lo dichiarano pluralis maiestatis . Questa forma grammaticale esiste in ebraico, ma esiste un’altra soluzione al problema che è probabilmente trascurata di proposito.

La traduzione convenzionale e dogmaticamente approvata di bere’shit si basa sulla traduzione di essere come “in” o “at” e rehit come “inizio”.

Secondo i dizionari, re’shit può in alternativa significare “il primo del suo genere”, e può riferirsi all’origine.

Quindi la parola bere’shit può anche essere vista come un’espressione in qualche modo tautologica che significa “il primo originale” o “il primo” o “il primordiale (Creatore)”.

Quindi quanto segue si adatta grammaticalmente:

Il Primo creò gli dei, i cieli e la Terra, o, un po ‘più liberamente.

Il Creatore primordiale ha creato gli dei, i mondi cosmici e la Terra.

Inoltre, pochissime traduzioni hanno “i cieli”, mantenendo il plurale del testo originale.

Ma la parola ebraica shamayim, “cielo”, ha anche la forma plurale e può essere significativamente compresa come “mondi cosmici”.

Chi sono allora gli dei creati?

Nel nostro contesto, ovviamente, gli abitanti di altri mondi cosmici – pianeti e altri regni dimensionali – cioè la vita extraterrestre in generale, anche altri dei là fuori ed entità interdimensionali.

Dove sono le regioni più scure? Alcuni testi menzionano l ‘”oscurità esterna” (tartaros τάρταρος) come una regione lontana dalla luce divina.

Ma la luce originale di El Elyon non era ovunque?

Nella Cabala ebraica 1 c’è una notevole spiegazione del grande rabbino Isaac Luria (Yitzhak Lurya) che,

“Dio ha iniziato il processo di creazione” contraendo “la sua (infinita) luce per consentire uno” spazio concettuale “, in cui esistessero regni finiti e apparentemente indipendenti. Questa contrazione iniziale primordiale, che forma uno “spazio vuoto” di ḥālāl happānuy (יונפה ללח) in cui la nuova luce creativa potrebbe irradiare, è indicata da un riferimento generale al [concetto di] tzimtzum “.(םוצמצ, qui citato da Wikipedia.)

1 – Alcuni lettori possono considerare la Kabbalah come qualcosa di piuttosto negativo e associarla alla magia. È vero che i principi cabalistici e la demonologia sono abusati in alcune forme di magia e rituali associati, ma c’è anche molta conoscenza e saggezza nella Kabbalah e dobbiamo separare la paglia dal grano.

Al di fuori di questo spazio principalmente vuoto ci sarà una regione oscura, più lontano sarà il buio, che si suddivise in regioni più o meno scure o scure.

“Le loro progressive diminuzioni del Divino Ohr (Luce) da regno a regno nella creazione sono anche indicate al plurale come tzimtzumim secondarie (innumerevoli” condensazioni / soffitti / costrizioni “della forza vitale).”

È interessante notare che ci sono alcune somiglianze nella descrizione della creazione nella filosofia indiana Sāṃkhya dove, secondo l’antico filosofo Kapila, l’universo è venuto fuori dalla volontà del creatore (Brahmā).

In esso, vari elementi si trovano in un equilibrio (equilibrio) che può essere disturbato da vari fattori e quindi disordinato, dove dopo deve ritrovare uno stato equilibrato.

Ciò si ripete e quindi sorgono nuovi livelli nell’universo mentre gli elementi riordinano per bilanciarsi.


Angeli e Satana

All’interno di questo, apparvero varie entità nella luce.

Nell’angelologia medievale, gli angeli (comuni) costituivano il più basso dei nove ordini celesti, la gerarchia degli angeli (serafini, cherubini, troni, dominazioni o domini, virtù, poteri, principati o principi, arcangeli e angeli [reali]).

Uno degli arcangeli era Satanael (Satanel, Satanail), da molti considerato il primo arcangelo. Era ammirevolmente narcisista e pensò all’idea impossibile che potesse posizionare il suo trono più in alto tra le nuvole che sono sopra la terra e che potesse diventare uguale al potere del creatore Dio.

A causa di questa arroganza fu scacciato dalla luce, insieme a una terza (comune interpretazione di Apocalisse 12: 4) degli angeli (presumibilmente quelli che erano sotto la sua guida poiché era ancora un arcangelo).

Cf. Isaia 14: 13-14:

“Poiché hai detto nel tuo cuore, salirò in cielo, esalterò il mio trono sopra le stelle di Dio: mi siederò anche sul monte della congregazione, ai lati del nord: salirò sopra le altezze delle nuvole; sarò come il più alto.”

E Hesekiel 28: 15-17 ci dice:

“Tu sei l’unto cherubino che copre; e io ti ho posto così: sei stato sul santo monte di Dio; sei andato su e giù in mezzo alle pietre di fuoco. Sei stato perfetto nelle tue vie dal giorno che tu sei stato creato, fino a quando l’iniquità non è stata trovata in te. Con la moltitudine della tua merce hanno riempito di te in mezzo a te la violenza e hai peccato: perciò ti scaccerò come profano dal monte di Dio: e distruggerò te, o cherubino coprente, in mezzo alle pietre di fuoco. Il tuo cuore è stato sollevato a causa della tua bellezza, hai corrotto la tua saggezza in ragione della tua luminosità: ti getterò a terra, ti stenderò davanti ai re , affinché possano vederti”.

Gli arcangeli hanno i loro compiti specifici.

Quale potrebbe essere stato il compito di Satanael prima di essere cacciato?

Satana significa “avversario”, “oppositore” in ebraico ed è quello che è diventato dopo che è dovuto partire, ma ha – in un certo senso positivo – avuto una funzione corrispondente anche quando era nella luce?

Potrebbe essere stato una specie di amministratore che ha sviluppato la propria filosofia su come amministrare le cose. In realtà la parola sumera satam significa “amministratore”.

Un principio di base del più alto creatore El Elyon è l’empatia, l’amore e l’armonia.

Tuttavia, apparentemente Satanael vide un principio alternativo come in qualche modo più “efficace” per il governo e la gestione, essendo una competizione egoistica, dove “necessaria” per mezzo di forza, forza bruta e totalitarismo, indipendentemente dai desideri individuali e dai desideri degli altri.

Una regola del più forte che sopraffà il debole (un po ‘analogo alla “sopravvivenza del più forte” di Darwin).

Una speculazione sullo stesso Satana

Come è stato buttato fuori?

Lui come Yaldabaoth divenne dapprima una specie di “aborto” di Sophia Achamoth e poi fuggì nelle regioni più buie, dove si stabilì come Yahweh.

Da questa espulsione, potrebbe avere un complesso di inferiorità e in una regione più oscura ha stabilito la propria enclave come una compensazione vendicativa, dove vuole essere l’unico dio e separare se stesso e le sue “creazioni” dal vero Dio Creatore.

Così Satanael divenne semplicemente Satana (senza “el” = divino). Alcuni testi affermano che Satanael è il maggiore di due figli di Dio e l’altro è Cristo.

Il Bogomilismo, una setta dualistica gnostica che fiorì in Europa tra il X e il XV secolo, considerava Satanael come tale.

Secondo loro, Satanael esisteva prima di Cristo e fu creato buono, insieme a tutti gli altri angeli. Era tenuto nella massima stima e sedeva alla destra di Dio come suo amministratore. Ben presto, tuttavia, divenne insoddisfatto della sua situazione e si ribellò.

Convinse altri angeli ad unirsi a lui, promettendo loro la libertà da noiosi doveri liturgici. Dio ha reagito gettandoli tutti fuori dal cielo.

Satanael vagò nel vuoto e poi decise di creare un nuovo mondo per se stesso – un secondo paradiso sopra il quale poteva diventare come un secondo Dio. L’universo divenne questo secondo paradiso (mondo occulto).

Tuttavia, mi fido di più della creazione descritta dai cristiani gnostici originali (il Bogomilismo fu una branca successiva) sul fatto che Autogeni fosse la prima entità creata.

Alcuni testi come Il libro di Adamo (e il Corano) suggeriscono che Satana fu scacciato perché non si inchinò ad Adamo. Ciò è incoerente poiché prima della caduta non c’era Adamo! È stato creato da Yahweh, il Satana caduto …

Interrogatio Johannis (un testo cataro) afferma che a Satana è permesso di regnare sette “giorni”, cioè sette “epoche” – qualunque cosa significhi …

Dal libro 2Enoch (o Slavonic Enoch): 29.1 3-4,

“E uno da fuori l’ordine degli angeli, dopo aver voltato le spalle all’ordine che era sotto di lui, concepì un pensiero impossibile, per posizionare il suo trono più in alto delle nuvole sopra la terra, affinché potesse diventare uguale al mio potere. E L’ho buttato fuori dall’altezza con i suoi angeli, e stava volando in aria continuamente sopra il fondo senza fondo.”

Anche 31,1 4:

“Il diavolo è lo spirito malvagio dei luoghi inferiori, come fuggitivo ha fatto Sotona [Chiesa slava per Satana] dai cieli come il suo nome era Satanail (Satana), quindi divenne diverso dagli angeli, (ma la sua natura) fece non cambiare la (sua) intelligenza per quanto riguarda la (sua) comprensione delle (cose) giuste e peccaminose che soddisfano la sua parola”. (Il libro dei segreti di Enoch = Slavonic Enoch o 2 Enoch)

Enuma Elish 

Possiamo paragonarlo con la storia della creazione sumera Enuma Elish, dove viene descritto come un primo gruppo di entità create nel mondo leggero della creazione originale voltò le spalle al dio creatore e lo dichiarò morto.

Tuttavia, non si può uccidere il creatore senza annientare la propria esistenza.

Quello che è realmente accaduto sarà che si stabilirono in una regione separata dove non volevano avere niente a che fare con il creatore ma lo dichiararono “morto” – “deicidio” – per sopravvivere come se non esistesse. Possiamo anche confrontarci con la storia della creazione gnostico-cristiana in cui Yaldabaoth, un’entità relativamente priva di divinità, venne per errore e poi fuggì dal mondo della luce originale.

Si stabilì quindi in una regione più buia, dove si chiamava Yahweh e non voleva avere nulla a che fare con il vero creatore, ma invece fece credere (“menzogna originale”) che sarebbe stato lui stesso il creatore, a vivere come se il vero creatore non esistesse . È interessante a questo proposito che, secondo una ricerca sulla storia della religione in un’ottica di storia culturale, Yahweh è un dio della tempesta e di guerra del Sinai.

Enlil, una delle entità create secondo Enuma Elish, è anche considerata un “dio della tempesta e della guerra”!

Ci sono così tanti parallelismi tra la letteratura mesopotamica su tavolette di argilla e l’Antico Testamento che molti etnologi e linguisti oggi considerano quest’ultimo come originario del primo.

Alla luce della sete di sangue estremamente crudele esposta sulle pagine dell’Antico Testamento che i fanatici aderenti alla Bibbia preferiranno non leggere, sarebbe giustificata come un’ipotesi considerare il male come qualcosa che Satana / Enlil / Yaldabaoth hanno portato nell’oscurità regione in cui ci capita di vivere e lì si è affermato come il Signore …

Abbassare la creazione

Nella scala dei livelli della creazione ora scendiamo verso un importante approdo, il mondo di Yahweh. Un nome alternativo è Yehovah.

Nei testi inglesi, vengono occasionalmente utilizzati anche i nomi Jahweh o Jehova, anche se questa è la traslitterazione tedesca di הוהי (in cui la J è la J tedesca che si pronuncia Y).

Sin dall’inizio i testi ebraici hanno lasciato fuori la vocalizzazione (punteggiatura) – probabilmente perché il nome non dovrebbe essere pronunciato – sono stati fatti vari tentativi di vocalizzarlo.

Il Signore è il suggerimento di Gesù e la forma più comune oggi. Geova è un altro approccio, adattando le vocali di “Adonai” (ādônay = “signore”, usato per evitare la pronuncia di “le quattro lettere”).

Yaldabaoth / Yahweh ha rubato energia a sua madre Sophia. Eppure era ancora debole, ma spinoso e avido di potere. Lasciò che 12 entità arrivassero in una creazione secondaria, gli arconti, per governare nelle regioni inferiori che si era appropriato, e “creò” 365 angeli (oscuri) per assisterlo.

Nella sua arroganza ha potenziato,

“Sono dio, e non c’è altro dio!”

Per questo motivo si chiamava Samael, il cieco, poiché non voleva vedere la verità. Fu anche chiamato Saklas , lo sciocco. La materia si è formata nel suo regno.

Sappiamo cosa dice quindi la Bibbia sulla creazione dell’uomo.

Più interessante è ciò che ci dicono i testi apocrifi come quelli dei cristiani gnostici, ma questo sarebbe un po ‘una deviazione dall’argomento qui, che è di investigare l’origine del male. Può essere sufficiente sottolineare ciò che probabilmente non è chiaro ai cristiani in generale: la duplice creazione di esseri umani.

Per prima cosa abbiamo Gen 1: 26-29:

“E Dio disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza … Quindi Dio creò l’uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. E Dio li benedisse, e Dio disse a loro, siate fecondi, moltiplicatevi e riempite la terra …”

La parola qui tradotta come “Dio” è, di nuovo, elohim.

Come abbiamo visto, significa davvero “dei”, ovvero un gruppo di entità creato dal più alto dio El Elyon. Erano le entità che a loro immagine creavano uomo e donna in egual valore.

Quindi abbiamo una seconda storia in Gen 2: 7:

“E l’Eterno Iddio formò l’uomo dalla polvere della terra e inspirò nelle sue narici il respiro della vita; e l’uomo divenne un’anima vivente.”

Un uomo che doveva essere come un giardiniere nel giardino personale di Yahweh. Gli proibì di mangiare dell ‘”albero della conoscenza”. Nel testo ebraico si chiama ‘etz ha-da’at, che significa “albero della saggezza”.

Non ha nulla a che fare con la sessualità, ma con la ricerca di sapere più di quanto dovresti, nel senso di “fai quello che ti viene detto e non fare domande”.

Girare questo per “conoscenza” anche nel senso del sesso è fuori dal pio desiderio dei patriarchi dominanti che volevano avere il sesso della gioia per se stessi ma non per il popolo e quindi hanno usato questo come mezzo per il controllo.

Inoltre:

questo divieto fu dato ad Adamo prima della creazione di Eva e il sesso non era comunque un problema. Inoltre contraddice la Gen 1:28: “… sii fecondo e moltiplica …” e spiega come i figli di Adamo ed Eva potrebbero sposarsi!

Ovviamente c’erano già degli umani sulla Terra in quel momento, risultanti dalla prima creazione in Gen 1: 26-29 … L’ho analizzato in dettaglio altrove.

Su questa piattaforma nella scala del male, ora affrontiamo il carattere abominevole di Yahweh.

Attraverso Mosè guidò gli ebrei nella “Terra Promessa”. Quando dopo aver camminato per molti anni nel Sinai raggiunsero questa terra, con loro disappunto videro che non era gratuito. La gente viveva lì in città.

Pertanto Yahweh ordinò di uccidere tutti senza eccezioni, senza risparmiare un bambino, una donna o un vecchio, in modo che vivessero,

“città grandi e buone, che non hai costruito, e case piene di tutte le cose buone, che non hai riempito, e pozzi scavati, che non hai scavato, vigneti e ulivi, che non hai piantato; quando avrai mangiato ed essere pieno”.

(Deut 6: 10-11)

Fu così che ebbe luogo un vero olocausto in cui una città dopo l’altra fu attaccata e le orde omicide “non rimasero nulla” come è vividamente raccontato nelle pagine sanguinarie di Deuteronomio, Giosuè, Giudici e altri libri della Bibbia.

Dopo questo genocidio completo, avevano finalmente rubato la terra ai suoi abitanti originali per averla per sé.

È un dio amorevole e pacifico come quello che Gesù chiamava “Padre”? Ovviamente no!

L’abominevole crudeltà di Yahweh

Il Signore ha dimostrato la sua crudeltà già durante il vagabondaggio attraverso il Sinai.

Un esempio:

in Num 16: 35-49 viene detto che il Signore ha ucciso 250 uomini come punizione per aver offerto incenso. Le persone hanno poi protestato e sono state punite per averlo fatto in quanto Yahweh aveva fatto morire 14700 di una pestilenza.

In Num 31: 14-18 leggiamo:

“E Mosè era adirato con gli ufficiali dell’ostia, con i capitani … che venivano dalla battaglia. E Mosè disse loro: avete salvato tutte le donne in vita? … Ora dunque uccidete tutti i maschi tra i piccoli e uccidete tutti donna che ha conosciuto l’uomo mentendo con lui”.

“Ma tutte le donne bambini, che non hanno conosciuto un uomo mentendo con lui, si tengono in vita per voi stessi.”

In Num 31:35 è anche riportato che hanno portato 32000 ragazze vergini come bottino da un raid, ma tutti gli altri sono stati uccisi.

Perché tutte queste ragazze dovrebbero essere tenute in vita?

Senza dubbio per i servizi sessuali …

Alcuni altri esempi:

Deut 2: 34-35: “E a quel tempo prendemmo tutte le sue città, e distrussmmo completamente [uccisero] gli uomini, le donne e i piccoli di ogni città, non ne lasciammo nessuno per rimanere [sopravvivere]. Solo il bestiame che abbiamo preso come una preda per noi stessi e il bottino delle città che abbiamo preso “. (Chiarimenti aggiunti tra parentesi quadre.)

Osea 13:16: “Samaria diventerà desolata, poiché si è ribellata al suo Dio: cadranno di spada: i loro bambini saranno fatti a pezzi e le loro donne con bambini saranno strappate”.

Nei Salmi leggiamo:

“Li ho feriti perché non erano in grado di sollevarsi: sono caduti sotto i miei piedi.” (18:38)

“Li farai come un forno infuocato nel momento della tua ira: il Signore li inghiottirà nella sua ira e il fuoco li divorerà. I loro frutti [figli] li distruggerai dalla terra e il loro seme tra i figlioli degli uomini. Intendevano il male contro di te: immaginavano un dispositivo malizioso, che non sono in grado di eseguire. Perciò farai voltare loro le spalle [fuggirai], quando preparerai le tue frecce sulle corde contro il faccia di loro “. (21: 9-12)

“Sarà felice che colpirà e scaglierà i tuoi piccoli contro le pietre.” (137: 9)

Questi sono semplici esempi di abominazioni nella Bibbia.

C’è un numero così elevato di passaggi di questo tipo che si potrebbe scrivere un libro su questo da solo. L’erudito studioso tedesco Karlheinz Deschner ne scrisse nella sua Kriminalgeschichte des Christentums Band 1 (“Criminal History of Christianity” Vol. 1).

Un libro particolarmente degno di nota è Geova smascherato! di Nathaniel Merritt.

Merritt scrive:

“Gli esseri umani sono vittime di una razza di elohim / Arconti, o” dei “che hanno modellato questo universo materiale e il genere umano, a partire da una materia preesistente contaminata da morti.” All’inizio gli dei hanno creato i cieli e la terra “(Genesi 1: 1) e gli umani rimangono in loro possesso fino ad oggi.

Per mantenere il controllo sugli umani e per assicurarsi che la Terra continui come nostra prigione, gli elohim hanno reso questa Terra una fonte continua di continui litigi tra il genere umano.

Hanno creato e incoraggiato delusioni religiose e spirituali per tenerci accecati dalla realtà e combattere e combattere l’uno con l’altro, e hanno trasformato la Terra in un luogo di inarrestabili sofferenze e lotte fisiche e mentali.

Questo triste stato di cose è esistito fin dall’inizio, perso nelle nebbie della preistoria”.

Non è ovvio che Yahweh, che ha governato il popolo in quella terra e oggi vuole dominare il mondo intero – anche attraverso le Chiese che lo hanno adottato come il loro “dio” – in questo modo si squalifica?

Quando dice “Non avrai altri dei davanti a me” (Eso 20: 3), significa che non ci sono altri dei o è una clausola di non concorrenza:

Ci sono altri dei, ma sarò il tuo unico dio e non avrai nulla a che fare con gli altri?

La terra Canaan era una parte essenziale della “Terra Promessa” ed era popolata da persone, che da fonti mesopotamiche conoscevano importanti verità.

Ciò è stato chiarito dalla ricerca sulla storia delle religioni e dai risultati degli scavi che hanno scoperto molte iscrizioni.

Sebbene Enlil / Yahweh fosse collegato a queste fonti, voleva che questa verità rimanesse segreta in modo da potersi porre come un “dio primordiale”.

Questo potrebbe essere un motivo per cui gli ebrei nel suo servizio dovrebbero eliminare le persone nella terra in cui erano stati condotti.

In effetti, gli ebrei erano stati condotti molto tempo prima nella terra di Canaan dalla città di Ur in Sumer / Caldea (Gen 11: 28-31, cfr Gen 15, 7), dove ovviamente avrebbero conservato la conoscenza mesopotamica.

Molti di loro furono in seguito condotti in Egitto a causa di una carestia (Gen 12:10).

Lì furono trattati come persone di seconda classe e Yahweh usò la loro miseria per riportarli molto più tardi a Canaan per “salvarli”, anche se lì uccisero i discendenti dei loro stessi antenati che erano i loro parenti.

Ha messo in scena tutto in modo che in questo modo potesse sradicare la conoscenza antica come un “lavaggio del cervello di massa”?

Una specie di pulizia etnica?

Per quanto riguarda Gesù, il Signore lo fece uccidere perché insegnava cose che gli umani non dovevano sapere.

In The Gospel of Truth (un testo gnostico), dove Yahweh è chiamato errore (poiché la sua “nascita” come “Yaldabaoth” è stata considerata un errore), è scritto:

“Questo è il vangelo di colui che cercano, che ha rivelato al perfetto attraverso le misericordie del Padre come mistero nascosto, Gesù Cristo.

Attraverso di lui ha illuminato coloro che erano nelle tenebre a causa dell’oblio. Li ha illuminati e ha dato loro un percorso. E quella strada è la verità che ha insegnato loro.

Per questo motivo l’errore era arrabbiato con lui, quindi lo perseguitava. Era angosciato da lui, quindi lo rendeva impotente. Fu inchiodato su una croce”.

Il vampiro Yahweh è un drogato di sangue

L’Antico Testamento è pieno di storie orribili di omicidi di massa e spargimenti di sangue.

Cf. siti web come “Crudeltà e violenza nella Bibbia” e “Prova che Yahweh è Satana“. Come può essere un tale tossicodipendente? Diamo un’occhiata al flusso di energia vitale nella creazione!

E ‘ovvio che,

  1. la luce è vita e la vita è luce tutte le forme di vita hanno bisogno di nutrirsi di luce per esistere e persistere
  2. La luce vivificante è la luce del vero creatore e persino Yahweh dipende da quello per la sua esistenza.

Eppure vuole la completa separazione da quella luce e ha provato invano con una specie di luce luciferiana di dimensione inferiore.

Pertanto, si nutre di noi e di altre forme di vita biologiche nella creazione attraverso il sangue. Invisibile per noi, la luce della vita scorre nel nostro sangue ed è per questo che la Bibbia prescrive effettivamente la shechita (anche se senza istruzioni).

Quando si macella un animale, bisogna tagliargli la gola e far uscire il sangue. Il sangue è per gli dei e la carne per gli umani.

Nel Gilgamesh-Epos c’è una scena che dice più delle semplici parole:

“Gli dei hanno annusato il sapore, gli dei hanno annusato il sapore dolce e si sono raccolti come mosche per un sacrificio.”

Entità come Yahweh e i suoi arconti si nutrono dell’energia (per noi) invisibile della vita nel sangue.

La fonte di questa luce vivificante è il sole (cfr. Un globo nell’Universo potrebbe davvero essere un buco?).

Le piante si nutrono della luce solare e la combinano con l’anidride carbonica e le sostanze della terra in cui crescono. Gli esseri umani e gli animali si nutrono delle piante e dei loro frutti ed è così che ottengono energia vitale. Molti umani si nutrono di animali che si sono nutriti di piante e più indirettamente ricevono energia vitale.

Alcune entità non 3D si nutrono di umani … eppure Yahweh vuole spezzare quest’ultima catena nutrizionale e diventare completamente indipendente dal suo creatore. Cosa succederà allora?

Relativamente a una visione di John C. Lilly (nel suo libro The Scientist – 1997, pp 147-150), l’obiettivo di Yahweh sarà ora l’intelligenza artificiale e la robotica.

Ha ancora bisogno di noi per sviluppare l’intelligenza artificiale e i sistemi robotici fino a quando questi sistemi non diventeranno indipendenti e attraverseranno una rete computerizzata in tutta la Terra in cui potrà, infine, incarnarsi (o “inmachinare”).

Quindi non avrà più bisogno della vita biologica ed eliminarla in tutte le forme, ringraziando così l’umanità per il suo “servizio”.

La Terra sarà quindi un pianeta morto, ma simulerà tecnologicamente la “vita”, mantenendo funzionalmente dai reattori nucleari e simili, riparando, ricostruendo e sviluppando il proprio sistema e sottosistemi.

Eppure, dopo migliaia o forse un milione di anni, si renderà conto che anche questo ha una fine poiché tali fonti di energia si esauriscono inevitabilmente … Nessun sistema di questo tipo può durare per sempre!

Crudeltà umane

Secondo le cattive crudeltà psicopatiche di Yahweh, gli umani in misura orribile vengono ispirati a fare anche peggio.

L’olocausto del 20 ° secolo non è che un esempio e l’Olocausto cananeo di cui sopra è un altro. Si riflette nel satanismo di oggi che si sta diffondendo come psicopatologia sociale, senza dubbio ispirato da entità arcontiche e simili.

Ci sono quelli che appartengono a un ordine satanico e praticano rituali orribili che non comportano raramente l’uccisione per il sacrificio. I rituali più disgustosi includono l’abuso sessuale di un bambino che alla fine viene ucciso e persino consumato!

Qual è lo scopo di tale consumo cannibalistico?

Una scoperta piuttosto recente è quella dell’adrenocromo, un ormone considerato un siero segreto dell’immortalità (che presumo non sia realmente, ma sembra aumentare notevolmente il potere e la mente, e certamente l’egoismo in un estremo “alto”).

È derivato dall’adrenalina e prodotto nel corpo in condizioni estreme di paura, orrore e dolore, e questo è lo scopo di trattare la vittima di conseguenza.

Quindi quell’ormone può essere consumato …

Ci sono casi storici che sono persino incomparabili all’olocausto ma noti a pochi che nel loro orrore sono peggiori di quanto si possa immaginare e derivano dalle menti più malate, come il genocidio dell’olodomoro che ha avuto luogo nell’Unione Sovietica.

Ulteriori orrori estremi sono descritti in ” La BIGGEST Thruth Bomb MAI!”

Questa è una delle cose più disgustose che abbia mai visto !!! Solo per nervi stabili … MA È OVVIAMENTE UNA REALTÀ DELL’ULTIMO MALE !!!

Può essere collegato a nient’altro che SATANA?

Se questo è reale e sembra davvero più reale di quanto desideriamo, quale sarebbe la tua posizione in merito?

Chiudi un occhio e metti la testa nella sabbia?

Ciò aiuterebbe chiunque tranne la tua egoistica negazione di ciò che gli altri potrebbero soffrire?

Ti sentiresti meglio anche se ci potrebbero essere persone che attraversano il peggio degli orrori?

O reagiresti in qualche modo e vorresti fare qualcosa al riguardo, se puoi?

Come abbiamo visto, il male può essere ricondotto all’inizio della creazione, dove ad un certo punto qualcosa è andato storto e ha iniziato a svilupparsi una serie di eventi che non avrebbero mai dovuto essere e che tuttavia sembrano persistere a pesanti spese dell’umanità, in modo che davvero nessuno è completamente libero da sensi di colpa, anche se toccato da lontano!

Non è quindi nostro dovere guardare in faccia i fatti con l’intenzione di trovare qualcosa da fare al riguardo? E cosa possiamo fare?

Dobbiamo prendere una posizione contro il satanismo e se davvero Yahweh è Satana (o associato a lui), anche contro di lui. Qual è allora l’alternativa? CRISTO! Ce n’è un altro?

Ma non il falso Cristo della Chiesa (con il suo falso Gesù), ma il vero Cristo che mandò Gesù come messaggero che fu ucciso da Yahweh, in modo che Yahweh potesse sostituire il vero cristianesimo con uno falso.

E dove troviamo il vero Cristo? In noi stessi, ma anche nel cosiddetto cristianesimo gnostico che ha le sue radici nel cerchio interno attorno a Gesù.

La conoscenza di questo era miracolosamente nascosta per essere trovata nel nostro tempo (a Nag Hammadi). È di nuovo disponibile, oggi. Sembra che per volontà divina questa conoscenza sia stata segretamente “incanalata” attraverso momenti difficili in cui altrimenti si sarebbe persa, cosicché l’umanità ora la avrà di nuovo in un prossimo tempo della fine.

L’ateismo sarebbe quindi un’alternativa?

In questo concetto c’è tanto spazio per il male che per il bene. Cristo è stato creato buono (in un certo senso come l’amore del creatore). Pertanto non sembra un’alternativa adeguata.

O una religione politeista come l’induismo o il nordico Ásatrú? Questi sembrano relativamente pacifici.

O l’Islam? Non c’è tanta violenza lì come nello yahwismo?

Ho appena ricevuto un libro straordinario che vorrei menzionare per gli interessati: Yahweh The Two-Faced God di Joseph P. Farrell e Scott D. deHart, Prometheus Press 2011.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Le Favolose Tavolette del Destino Babilonese

INTERVENTO ARCHEOLOGICO?

Da qualche tempo propongo la speculazione che l’intervento militare americano in Iraq e in Siria e che la “primavera araba” sponsorizzata dagli Stati Uniti in Egitto, abbia avuto, come ragione più profonda e segreta, il controllo di siti di antichità e una ricerca, forse, per scoprire informazioni sull’antica tecnologia perduta e antica. Quando il saccheggio del museo di Baghdad avvenne poco dopo che le forze americane raggiunsero quella città, i miei sospetti andarono nella zona rossa, e allora credetti, e credo ora, che il saccheggio fosse “un lavoro interno”, e fatto proprio per acquisire informazioni. L’Iraq, in altre parole, mi ha reso estremamente sospettoso che lo sforzo archeologico fosse al primo posto tra le priorità americane di qualsiasi altra ragione pubblicamente dichiarata all’epoca sulle “armi di distruzione di massa”. In effetti, ho intrattenuto la possibilità – e ancora lo intrattengo – che queste “armi di distruzione di massa” che stavamo cercando (e presumibilmente mai trovato) non fossero il tipo a cui tutti stavano pensando (atomico, biologico e chimico), ma di un tipo molto diverso, molto più esotico e molto antico. Nel mio scenario, ci veniva detta una verità, ma una verità parziale che conteneva molte indicazioni errate. Poi venne la Siria, un paese con le sue ricche antichità, e poi la spinta per un’azione militare contro l’Iran, l’ennesimo paese con ricche antichità.

Fondamentale per le mie speculazioni qui è una vecchia “epica” babilonese chiamata epica di Ninurta, che ho incluso nel mio libro La guerra cosmica, nella sua interezza, perché volevo che le persone fossero effettivamente in grado di leggere qualcosa che gli accademici consideravano un “epico.” “Bene, Homer non lo è. È emozionante quasi quanto leggere l’indice del catalogo Sears, perché in effetti è quello che è, un inventario di “cose” associate a un’antica “guerra degli dei” e potenzialmente le favolose babilonesi “Tablets of Destinies”. “Alcune caratteristiche del testo suggeriscono che sta descrivendo una tecnologia di qualche tipo. Certo, questa è un’ipotesi altamente speculativa e l’intera idea di invadere i paesi per il fine ultimo nascosto di ottenere l’accesso o informazioni su tali cose putative sembra, a prima vista, scandalosa. Ma ancora una volta, se esistessero queste cose, darebbero a chiunque le acquisisse un’enorme leva tecnologica, a tal punto che si potrebbe davvero rischiare interventi militari semplicemente per acquisirla e impedire ad altri di farlo.

Finora, tuttavia, questa è stata una speculazione interamente discussa, a seconda del punto di connessione e della speculazione lungo il percorso su ciascun punto dati. In altre parole, è una proposta molto “incerta”. Ma ora c’è una storia molto affascinante là fuori che è stata avvistata da FLM e ha passato una lunga, e a mio avviso, tende a confermare la mia selvaggia speculazione ad alto numero di ottani sugli interventi militari che hanno uno scopo in definitiva archeologico:

Le truppe russe proteggono lo scavo biblico segreto in Siria

Uno scavo top-secret si sta svolgendo nella città di Palmira, in Siria, allo scopo di trovare antichità bibliche ebraiche sotto la protezione delle truppe militari russe. Tre archeologi israeliani senza nome, sostenuti da truppe russe, stanno prendendo parte… Continua a leggere

La cosa molto interessante in questo articolo è la seguente serie di dichiarazioni:

A Palmira, secondo le fonti, i soldati e l’intelligence russi hanno lavorato a lungo con mercenari e soldati del regime siriano. Durante quel periodo, furono partner nella rapina e nella vendita di manufatti archeologici in base al loro potere e presenza militare; tuttavia, questa collaborazione non durò a lungo poiché i russi rivelarono rapidamente le loro intenzioni. Hanno escluso il regime e individuato il potere per se stessi nel cuore della città storica che è considerato un museo pieno di tesori e antichità rari da trovare nel mondo. 

Forse i russi hanno individuato il potere per se stessi spiegando anche se in ritardo il segreto dietro Mosca si precipita a partecipare a una forza efficace senza precedenti per riconquistare la città. Mosca fece precipitare truppe di terra efficaci accompagnate da intensi e violenti raid aerei.

L’entità delle perdite subite dai russi sul fronte di Palmyra può dare una chiara idea dello slancio della corsa russa. I russi hanno subito la più grande perdita di Palmira dal suo intervento diretto e immediato nella guerra siriana.

Le nostre fonti private hanno chiarito che i russi hanno recintato il loro accampamento nel cuore della città storica e hanno vietato a qualsiasi personale del regime o mercenari di entrare o avvicinarsi all’area sotto pena e responsabilità.

Questa procedura è andata di pari passo con l’arrivo di 3 esperti stranieri che hanno iniziato a spostarsi tra i punti di riferimento di Palmyra con guardie e protezione intensiva. Risiedevano nel campo russo situato nelle piste dei cammelli e nei cimiteri che si estendevano al teatro e al Bel Temple.

Le fonti affermano che gli esperti stanno comunicando con il russo esclusivamente tramite un interprete. Il loro lavoro si limita principalmente alla ricerca di incisioni ebraiche che potrebbero essere un documento per collocare Palmyra nella prima delle città ebraiche in base a ciò che stanno cercando. (Enfasi aggiunte)

In altre parole, se le affermazioni di questo articolo sono vere, c’era una chiara motivazione archeologica dietro l’intervento russo in Siria, e quell’intervento includeva mettere un sito archeologico noto e famoso sotto il controllo dell ‘”intelligenza”, in questo caso, presumibilmente Intelligence militare russa. Non posso fare a meno di tracciare qui il parallelo con l’Iraq prima dell’invasione americana dopo l’11 settembre di quel paese, poiché si ricorderà che prima di quell’invasione, sia la Francia che la Germania avevano squadre di archeologi che scavavano in Iraq per Saddam Hussein, e Si dice che la Germania avesse una forte presenza della sua agenzia di intelligence del BND in quel paese. Ciò di per sé non è sorprendente, dal momento che c’era stata una rete di intelligence tedesca che operava in quel paese durante la seconda guerra mondiale che ha contribuito a organizzare il colpo di stato in Iraq e costringendo gli inglesi a spendere risorse militari per metterlo da parte. (In effetti, ho fortemente sospettato che, dal momento che la storia del saccheggio di Baghdad è stata interrotta per la prima volta dai media tedeschi , l’intero saccheggio potrebbe essere stato un’operazione tedesca, con individui che indossavano uniformi americane.)

C’è un ulteriore fattore qui, e questa è la presenza di un’antica comunità ebraica a Palmira, che potrebbe implicare che i russi stiano cercando “qualcosa”. E data la “alleanza” della Russia con l’Iran, è forse pertinente notare che la Russia, con le sue vaste riserve di petrolio e gas naturale, non ha quasi bisogno dell’Iran. Quindi quella “alleanza” di più per impedire a Occidente / America di accedere ai siti di antichità dell’Iran? (E allo stesso modo, e dal momento che siamo in tema: la Russia ha squadre archeologiche che esplorano l’Iran?)

Qualunque cosa si faccia di queste domande e speculazioni, questo articolo sembra corroborare i miei sospetti originali di “intervento archeologico”, sollevandolo di una o due tacche.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

Qualche ipotetico addentellato li si può trovare nel quinto capitolo dei questo pdf de: Il Pianeta degli Dei di Zacharia Sitchin Capitolo Quinto “NEFILIM: IL POPOLO DEI RAZZI FIAMMEGGIANTI

Nota mia:

L’articolo sopra parla di Ninurta, va detto che nelle raffigurazioni antiche Ninurta tiene sempre in mano un’arma molto particolare, senza dubbio la stessa arma con laquale scagliava “dardi di luce”.

®wld