Archivi categoria: archeo-ingegneria

Riscrivere i nostri Libri di Storia

 

È forse una bugia tutto quello che ci è stato detto sulle origini umane e sulla storia?

di Ivan   

No, non abbiamo tutte le risposte agli innumerevoli enigmi che hanno sconcertato gli esperti per innumerevoli decenni, ma abbiamo quello che molti considerano ‘prove’ che le origini umane e la nostra storia sono tutt’altro che complete. Qui elencati sono solo alcune delle tante scoperte che spingono la nostra comprensione delle origini umane, antiche civiltà e la vita sulla terra al limite. Forse è il momento di un aggiornamento tanto necessario, che spiega quante di queste scoperte siano possibili.

È come se vi fosse una massiccia copertura in atto che impedisca agli esperti mainstream di indagare più profondamente su certe scoperte.

La verità è che le scienze tradizionali non sono riuscite ad affrontare e spiegano innumerevoli scoperte che sono state fatte sulla terra in passato.

Ogni scoperta — quando parliamo di antichi resti umani — sembra spingere sempre più le origini umane indietro nel tempo ogni volta.

Non molto tempo fa, gli scienziati hanno trovato la prova che una specie umana in precedenza sconosciuta e a lungo perduta viveva sulla terra e che era intercresciuta con gli esseri umani migliaia di anni fa. Il ricercatore introdotto in biologia molecolare ed evoluzione ha fatto una scoperta controversa che cambia quello che ci è stato detto circa i nostri antenati.

Tuttavia, questa è solo una delle molte scoperte recenti che hanno spinto i limiti delle origini umane a un punto in cui abbiamo bisogno di riscrivere molto di ciò che abbiamo pensato dei nostri antenati.

In Australia, gli esperti hanno scoperto come gli esseri umani si stabilirono in Australia circa 65.000 anni fa, riscrivendo efficacemente i libri di storia. Questa scoperta smacca completamente precedenti stime iniziali che hanno messo l’occupazione umana in Australia circa 45.000 anni fa.

Ma c’è di più.

Se prendiamo un breve viaggio nel continente africano, troveremo tracce di antiche impronte umane di 3,6 milioni anni.

Nel 2016, gli scienziati hanno trovato 13 impronte che secondo l’analisi risalgono a un sconcertante 3,6 milioni anni fa.

Scoperte nell’odierna Tanzania, le antiche impronte umane sono state conservate grazie, ad una regione che a quel tempo era ricoperta di cenere vulcanica bagnata, dove i nostri antenati camminarono per tutta l’area milioni di anni fa.

Dall’Africa, andiamo in Siberia dove gli archeologi hanno trovato un dente di una giovane ragazza che viveva lì circa 128.000 anni fa.

Ciò che è affascinante di questa scoperta è il fatto che è stata salutata come una delle più antiche specie umane conosciute recuperate in Asia centrale e si crede che possano essere più vecchie di almeno 50.000 e 100,00 anni del primo fossile noto Denisovan. Stupendo giusto? Ma come probabilmente sapete, c’è molto di più.

Un osso della coscia scoperto intorno a 80 anni fa è stato recentemente messo a una serie di test che hanno dimostrato come un vecchio fossile di 124.000-anni-di Neanderthal-scavato in Germania dalla grotta Hohlenstein-Stadel-contiene il DNA moderno. Gli scienziati ritengono che ciò dimostri come la migrazione “fuori dall’Africa” si sia verificata molto prima di quanto gli esperti pensassero — circa 270.000 anni fa, il che significa che dobbiamo riscrivere – ancora una volta – molto di quello che pensavamo di sapere sull’umanità.

Un’altra scoperta che si è piegata alla mente è stata fatta in Marocco quando gli esperti hanno recuperato ossa di 300.000 anni che hanno fatto luce sull’evoluzione dell’ Homo sapiens, e mostrano come la nostra specie si sia evoluta molto prima, almeno circa 100.000 anni prima, che precedentemente creduto, riscrivendo efficacemente la storia dell’umanità di nuovo.

Poi, troviamo anche come gli esperti hanno dimostrato che l’Europa era il luogo di nascita dell’umanità e non l’Africa come creduto per decenni.

I ricercatori hanno trovato un fossile di 7,2 milioni anni che dimostra come l’uomo moderno abbia avuto origine nel Mediterraneo e non in Africa.

Ma prendiamoci una pausa dalle origini umane e diamo un’occhiata alle innumerevoli strutture che si trovano in tutto il mondo, che sfidano completamente la nostra comprensione delle antiche civiltà e delle loro capacità tecnologiche migliaia di anni fa.

In primo luogo, diamo un’occhiata alla grande piramide di Giza e l’antica civiltà egiziana.

La grande piramide di Giza è rimasta un enigma per gli esperti che hanno studiato il monumento per oltre cento anni. Nessuno sa con certezza come è stata costruita, né chi esattamente l’habbia costruita. Molti punti ci portano verso Khufu come il suo costruttore, ma gli esperti non sembrarano  pienamente d’accordo.

Poi c’è l’incredibile precisione incorporata nella struttura, è la piramide più accuratamente allineata in esistenza e affronta il Nord vero con solo 3/60 di un grado di errore. Capita anche di trovarsi al centro della massa terrestre, ed è l’unica piramide a otto facce conosciuta in Egitto.

Passando dalla piramide diamo un’occhiata alle capacità degli antichi egiziani e se erano molto più avanzati di quello che li accreditano oggi.

Antiche mummie egiziane hanno dimostrato di contenere tracce di tabacco e cocaina — piante che in quel momento sono state trovate solo a crescere nelle Americhe. Allora, come sono finito in Egitto? Una spiegazione è che l’antica civiltà egiziana era in grado di viaggi transoceanici migliaia di anni fa.

Abbiamo anche i glifi Gosford in Australia che sono fondamentalmente antichi geroglifici egiziani inscritti in pietra al Brisbane Water National Park, Kariong. Si ritiene che le sculture in pietra 250 sono state parte del folklore locale della zona per oltre un secolo, il che significa che non è qualcosa che è stato scoperto di recente. I glifi Gosford sono un argomento molto controverso, e molti egittologi moderni li hanno categorizzati come una bufala elaborata, soprattutto a causa del fatto che sono ben… Situati in Australia.

Questi sono i glifi Gosford.

Ma ci sembra anche di avere “strumenti” che risalgono a un tempo in cui non avrebbe dovuto essere nessuno sulla terra secondo gli studiosi mainstream.

Un esempio è un martello di 400 milioni anni scoperto nella città di Londra, Texas, USA, in 1934. Si crede che il capo del martello sia stato costruito con una purezza di ferro realizzabile solo con la tecnologia moderna. I test hanno mostrato come la testa del controverso martello è fatta del 97% di ferro puro, 2% per cento di cloro e 1% percento di zolfo. Non può essere reale, vero?

In Cina, abbiamo scoperte più curiose. I tubi di Baigong di 150.000 anni sono considerati da molti come la prova di una civiltà tecnologicamente avanzata che esisteva nella regione centinaia di migliaia di anni fa.

Gli esperti indicano come non è stato possibile identificare l’8% del materiale nelle tubazioni. I tubi divennero popolari quando nel 2007, il più grande giornale statale in Cina pubblicò un articolo su di loro.

Ma ci sono più polemiche là fuori. Diamo un’occhiata all’antica lista dei re Sumeri che afferma come “… In 5 città 8 re; governarono per 241.200 anni. Poi il diluvio li spazzati via…” ma … come sulla terra possono 8 re vivere e governare per 241.200 anni? Erano immortali? alieni? Leggi di più qui.

Abbiamo anche il Megalith di al-Naslaa che è una roccia massiccia, divisa a metà come se un laser di precisione l’avesse tagliata in piedi nel mezzo del deserto. Questa incredibile roccia si trova all’oasi di Tamya in Arabia Saudita. Le due pietre divise a metà hanno creato confusione tra gli esperti fin dalla loro scoperta. Alcuni dicono che è stato creato naturalmente, mentre altri mantengono la tesi della tecnologia avanzata che è stata utilizzata per dividere le rocce con tale precisione.

Roccia tagliata come fosse stato usato un laser di precisione.

E come stiamo coprendo tali siti controversi non possiamo lasciare fuori Puma Punku.

Puma Punku è un antico sito archeologico situato 45 miglia a ovest di La Paz, nascosto in profondità nelle montagne andine. Questo antico sito presenta alcune delle più grandi-intricate pietre intagliate nelle Americhe.

Secondo l’analisi, uno dei più grandi blocchi di pietra trovato a Puma Punku è di 7,81 metri di lunghezza, e di 5,17 metri di larghezza, medie 1,07 metri di spessore si stima che pesa circa 131 tonnellate metriche. Come diavolo hanno fatto gli antichi a trasportare questa pietra?

Ma se la dimensione delle pietre di Puma Punku non ti fa grattare in testa, i tagli di precisione, e superfici lisce certamente lo farà. Nemmeno un foglio di carta si può inserire tra alcune delle pietre millenarie trovate a Puma Punku.

Qui sto cercando di fare un punto, il motivo per cui vi porterà ora a Ollantaytambo, un altro antico sito archeologico che è assolutamente sorprendente. Situato a un’altitudine di 3.000 metri, il complesso archeologico di Ollantaytambo si trova a circa 70 chilometri da Cusco.

 

Ollantaytambo: il Tempio del sole. Come ha fatto l’antica umanità a fare questo? In questa immagine, abbiamo sei monoliti in granito rosso che dovevano essere parte di una parete circolare incompiuta. I monoliti sono separati da “rocce distanziatrici” che impediscono loro di crollare durante gli eventi sismici.

Ollantatytambo-proprio come Puma Punku-caratteristiche sbalorditive, pietre massicce.

Molte delle pietre di Ollantaytambo pesano più di 70 tonnellate, e anche loro sono state estratte dal lato di una montagna, a decine di chilometri di distanza. Uno dei monumenti più curiosi di Ollantaytambo sono i sei monoliti supermassicci che sono stati messi insieme in modo tale che non un singolo pezzo di carta può inserirsi tra di loro.

Interessante giusto? Ma ci sono innumerevoli altri siti archeologici degni di menzione.

La pietra di Cochno, scoperta in 1887 è una lastra di 5.000 anni che presenta circa 90 spirali intagliate in modo intricato che secondo molti rappresentano una mappa cosmica.

Come potete vedere, innumerevoli scoperte fatte in tutto il mondo sembrano spingere la nostra conoscenza della razza umana, le nostre origini e antiche civiltà al limite, e forse è il momento per gli studiosi mainstream di riscrivere i nostri libri di storia, e pubblicare un aggiornamento tanto necessario sulla razza umana.

Grazie per aver letto questo articolo molto lungo, fatemi sapere cosa ne pensate!

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Giganti bianchi nel lontano passato

 

Secondo le antiche tribù native americane esisteva un’antica razza di “giganti bianchi”

by Ancient Code

Secondo numerosi scritti e leggende orali di tribù native americane, una razza di “giganti bianchi” esisteva nel lontano passato. È interessante notare che racconti simili di giganti esistenti sulla Terra nel lontano passato possono essere trovati in tutto il mondo.

Ci sono numerose leggende tra le varie tribù native americane, dai Comanches del nord alle altre tribù del sud, che parlano di una misteriosa razza di giganti dalla pelle bianca che abitava il Nord America migliaia di anni fa, prima di scomparire misteriosamente dal volto di il pianeta.

Nel suo libro “Storia degli indiani Choctaw, Chickasaw e Natchez” (1899), Horatio Bardwell Cushman scrive: “La tradizione del Choctaws. . Raccontò una razza di giganti che un tempo abitavano l’attuale stato del Tennessee, e con cui i loro antenati combatterono quando arrivarono nel Mississippi nella loro migrazione da ovest. … La loro tradizione afferma che il Nahullo (una razza di giganti) era di una statura meravigliosa.”

Cushman affermò che, col passare del tempo, il termine “Nahullo” divenne comune riferirsi a tutti i bianchi, ma in origine il termine era usato per designare una razza di giganti bianchi con cui i Choctaws combattevano dopo aver attraversato il fiume Mississippi.

Oggi ci sono molte prove che suggeriscono che gli esseri giganti, in effetti, camminarono sulla Terra.

È interessante notare che, secondo un resoconto del 1857, il capo Rolling Thunder dei Comanche disse: “Innumerevoli lune fa, una razza di uomini bianchi, alta 10 piedi, e molto più ricca e potente di qualsiasi popolo bianco che ora vive, qui abitava una vasta gamma di paese, che si estende dal sorgere al tramonto. Le loro fortificazioni coronarono le cime delle montagne, proteggendo le loro popolose città situate nelle valli intermedie. “Eccellevano ogni altra nazione che era fiorita, prima o dopo, in ogni sorta di astuzia artigianale – erano coraggiosi e bellicosi – governando la terra che avevano strappato ai suoi antichi proprietari con una mano alta e altezzosa. A confronto con loro, i pallidi del tempo presente erano pigmei, sia nell’arte che nelle armi. … ” (fonte)

Secondo il capo dei Comanche, un Grande Spirito spazzò via i giganti bianchi quando dimenticarono tutto della giustizia e della misericordia, diventando troppo orgogliosi.

I Navajo sono un’altra tribù antica che offre testimonianze di giganti che camminano sulla Terra. I Navajo parlano di un rave di “giganti bianchi” chiamato il popolo Starnake , descrivendoli come una “regale razza di giganti bianchi dotati di tecnologia mineraria che dominava l’Occidente, riduceva in schiavitù le tribù minori e aveva roccaforti in tutte le Americhe. Si sono estinti o “sono tornati nei cieli”.

Il misterioso Starnake si estinse o “tornò nei cieli”. Il nome potrebbe essere una corruzione della razza biblica nota come Anakim ( Numeri 13:33, Dt 1,28). Il nome Og (“capo” ebraico) sembra essere caratteristico (vedi Zimmerman, pp. 188-91). L’alfabeto ogham è attribuito a questo fondatore culturale. (Fonte)

Tuttavia, altre storie di Giganti Bianchi possono essere trovate in numerosi altri racconti di antiche tribù nordamericane. Anche il Choctaw menziona i giganti misteriosi. Secondo la tribù Choctaw, in questo, ora è conosciuta come Tennesee, una razza di giganti dominò la terra nel lontano passato. Si dice che i loro antenati combatterono contro di loro quando arrivarono in Mississippi durante la loro migrazione verso ovest.

È interessante notare che i Paiutes hanno leggende orali che parlano di giganti dai capelli rossi, cannibali bianchi che si ergono sopra i 10 piedi di altezza che abitano la Grotta di Lovelock, nel Nevada. È interessante notare che in passato gli archeologi hanno scoperto resti di persone con i capelli rossi nella regione.

In quello che oggi è il Messico moderno, le antiche leggende azteche accennano anche a menzionare l’esistenza di una razza di giganti.

Nella mitologia azteca , questi giganti sono indicati come il Quinametzin. Il sovrano dei Giganti era, secondo alcune versioni del mito, il dio Tlaloc. È interessante notare che i Quinametzin erano ritenuti i costruttori della città di Teotihuacan e Tlachihualtepetl. Il “Tlaxcaltecas” raccontò che, vicino al tempo della conquista spagnola, essi stessi avevano combattuto l’ultimo Quinametzin sulla Terra.

Se viaggiamo in Sud America, scopriremo che gli antichi Manta del Perù parlano di una razza di giganti che nel lontano passato coesistevano con loro. La loro leggenda dice: “Arrivarono sulla costa, in barche fatte di canne, grandi come grandi navi, un gruppo di uomini di dimensioni tali che, dal ginocchio in giù, la loro altezza era grande quanto l’intera altezza di un normale uomo, anche se potrebbe essere di buona statura. Le loro membra erano tutte proporzionate alle dimensioni deformate dei loro corpi, ed era una cosa mostruosa vedere le loro teste, con i capelli che raggiungevano le spalle. I loro occhi erano grandi come piccoli piatti.” (Fonte)

Fonte: https://www.ancient-code.com/

****************************

Articolo correlato: 

“GIGANTI” – “TITANI” – “umani”

®wld

Derinkuyu: una città a oltre 280 metri di profondità

 

La misteriosa città sotterranea di Derinkuyu 

di Ivan  

Cosa hanno in comune un tempio dei morti nella penisola messicana dello Yucatan e una città sotterranea in Turchia con una grotta sudamericana che secondo alcuni contiene un tesoro che va oltre le stelle?

Beh, apparentemente niente, giusto? Tutti questi luoghi sono stati nascosti per secoli e ora che l’archeologia sta spingendo in avanti più che mai questi luoghi misteriosi stanno tornando alla vita. La Turchia è stato al centro dell’attenzione a causa delle molte scoperte che sono state fatte negli ultimi anni, ma una di quelle scoperte è forse più importante di quanto immaginassimo.  

In Cappadocia, nella Turchia centrale, troviamo una delle scoperte più importanti che abbiamo fatto in migliaia di anni. Nel 1963 quello che doveva essere solo un altro un semplice rinnovamento della casa nella città di Derinkuyu in realtà portò a una delle scoperte più importanti della storia della Turchia.  

Quando è stato aperto un muro della grotta, ha rivelato un passaggio per una città sotterranea che ha migliaia di anni, oltre 280 metri di profondità. Qual era lo scopo di questa incredibile città sotterranea? E come hanno fatto i costruttori di Derinkuyu a realizzare queste incredibili caratteristiche tecniche? oltre 15.000 pozzi di ventilazione si sono diffusi in tutta la città portando l’aria dalla superficie. Questa antica città sotterranea era un progetto di costruzione sconcertante, è qualcosa che oggi, con la nostra tecnologia, sarebbe difficile ricreare. 

  

Derinkuyu è solo un risultato incredibile ed è davvero sconvolgente come l’uomo antico sia riuscito a costruire una città sotterranea, questo complesso migliaia di anni fa. 

Le caratteristiche geologiche della pietra di Derinkuyu sono qualcosa che è molto importante; è molto morbido Quindi, gli antichi costruttori di Derinkuyu dovevano stare molto attenti quando costruivano queste camere sotterranee fornendo abbastanza forza del pilastro per sostenere i piani sopra; se questo non fosse stato raggiunto, la città sarebbe crollata, ma finora gli archeologi non hanno trovato prove di alcun “crollo” a Derinkuyu. 

Ma quale era lo scopo di questa incredibile antica città sotterranea che era in grado di fornire riparo a 20.000-30.000 persone? 

Gli storici credono che lo scopo della città fosse quello di proteggere i loro abitanti dall’invasione intorno all’800 a.C., ma molti storici non sono d’accordo con questa teoria, affermando che sarebbe stata un’incredibile impresa ingegneristica, troppo complessa, solo per essere stata utilizzata per proteggere persone dall’invasione. Eppure il “sistema di sicurezza” dell’antico Derinkuyu era semplicemente incredibile; mille porte rotabili, che avrebbero potuto essere gestite da una sola persona e che potevano essere aperte solo dall’interno. Ogni piano o livello di Derinkuyu avrebbe potuto essere bloccato separatamente. 

Ci sono così tante domande riguardo Derinkuyu e la maggior parte di queste domande rimane un mistero. Chi ha costruito questa gigantesca città sotterranea? Cosa avrebbe potuto spingere oltre 20.000 persone a vivere sottoterra? Per quanto riguarda chi, alcuni storici e archeologi credono che questa città sotterranea sia stata costruita dai Frigi; altri teorici affermano che Derinkuyu è stato probabilmente costruito dagli Ittiti; e altri suggeriscono che Derinkuyu è molto più antico di quello che credono gli storici e gli archeologi. 

 

La ragione per cui migliaia di persone si sono precipitate sottoterra potrebbero essere collegate ai cambiamenti climatici secondo alcuni teorici che hanno studiato la città sotterranea di Derinkuyu. I climatologi mainstream ritengono che i loro modelli suggeriscano che l’ultima era glaciale abbia raggiunto il suo picco circa 18.000 anni fa e che si concluse attorno al 10.000 a.C.

Questa teoria potrebbe dimostrarsi accurata secondo molti che hanno avuto il tempo di studiare la storia di Derinkuyu e indicano una delle più antiche tradizioni religiose sulla faccia della Terra, che è la religione zoroastriana e secondo i testi sacri, il grande il profeta Yima fu incaricato di costruire un rifugio sotterraneo simile a Derinkuyu dal dio cielo Ahura Mazda, per proteggere la gente da un’era glaciale globale. 

Quindi quale era lo scopo reale di questa fortezza sotterranea? 

È stato per proteggere le persone dalla guerra, dai cambiamenti climatici? O qualcos’altro?  

I teorici dell’Antico Alieno credono che Derinkuyu sia stato costruito per protezione, ma da un nemico aereo, affermando che sarebbe stata l’unica ragione logica per nascondersi sottoterra; rimanere invisibile, affermando che il complesso meccanismo di sicurezza di Derinkuyu è stato messo in atto per impedire la scoperta della città sotterranea, ed è stato nascosto nel sottosuolo, dove nessuno potrebbe sospettare che oltre 20.000 persone siano nascoste. 

La questione sollevata dalla scoperta di Derinkuyu è qualcosa su cui gli storici e i ricercatori discuteranno in futuro, possiamo solo sperare che un giorno si scopriranno prove che ci forniranno ulteriori informazioni su questa antica città sotterranea.   

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate sulle generazioni

La Corsa Verso l-Alba della Genesi: il nostro DNA extraterrestre e le vere origini della specie.

Di Will Hart

I misteri della storia antica, come il modo in cui la Grande Piramide è stata costruita e da chi e perché, sono stati ben consolidati negli ultimi quarant’anni. Simili enigmi archeologici disseminano il paesaggio intorno al pianeta e sollevano molte domande difficili sull’origine della civiltà umana.

La serie di libri di Erik Von Daniken, che ha avuto inizio con Chariots of the Gods, ha presentato prove archeologiche mentre raccontava molte tradizioni mitologiche che hanno “divinità” che arrivano sulla Terra da un mondo lontano e portano la tecnologia e le arti della vita civile a tribù primitive umane.

Molti scrittori hanno seguito la guida di Von Daniken e un’intera scuola di pensiero storico alternativo chiamata teoria dell’antico astronauta emersa nel corso degli anni. Questa scuola deve essere distinta da un altro ramo ampiamente definito da scrittori come Graham Hancock, che possiamo riassumere come la scuola della “civiltà perduta”.

Quest’ultimo non figura in questa discussione, né è trattato nel mio libro The Genesis Race perché non affronta mai realmente la questione delle origini ultime dell’Uomo o della civiltà. Anche se si accetta l’idea che l’antico Egitto e Sumer abbiano le loro origini in Atlantide, chi ha creato quella civiltà e da quali precursori?

Le domande essenziali che l’autore ha studiato negli ultimi tre decenni sono: 1) in che modo la vita ha avuto origine ed evoluzione sulla Terra? 2) in che modo la civiltà è improvvisamente emersa dalle primitive radici dell’umanità? A mio parere, sembrava che l’antica teoria dell’astronauta potesse essere sconfitta se la teoria di Darwin si fosse rivelata corretta, che la “scienza ufficiale” afferma di essere stata. Questa premessa può essere giustificata usando diversi argomenti validi.

La teoria dell’antico astronauta comprende generalmente l’idea riassunta nel primo capitolo della Genesi, che indica che gli “dei” hanno geneticamente progettato una razza proto-umana. Il versetto attuale recita: “Facciamo l’uomo a nostra immagine”. Se il darwinismo è accurato, questa affermazione sarebbe falsa e la nozione di intervento cosmico da parte di una razza avanzata andrebbe in pezzi.

La seconda ragione è che la teoria di Darwin non solo è stata applicata alla biologia, ma è anche usata per spiegare l’emergere e lo sviluppo della civiltà umana attraverso un processo chiamato evoluzione culturale.

Al suo centro il darwinismo si basa su un concetto semplice: la vita si evolve lentamente attraverso un processo di adattamenti incrementali a un’ampia varietà di stimoli esterni. Lo ha applicato alla biologia e antropologi, archeologi e storici hanno applicato gli stessi principi alla cultura e alla storia umana. Se questo è corretto, non dovremmo trovare nessuna brusca trasformazione nell’evoluzione umana né biologica né storica.

Ho ragione che se il darwinismo è accurato allora non ci può essere alcuna valida base scientifica per la teoria dell’antico astronauta, che ha posto l’intervento e la metamorfosi a fuoco rapido sia nella sfera biologica che in quella storica. I risultati di questa ricerca sono stati sorprendenti. Il darwinismo non è solo non dimostrato – è stato dimostrato dagli scienziati come fatalmente imperfetto. È qui che inizia il mio libro, The Genesis Race. I capitoli due e tre mostrano chiaramente i difetti nella teoria dell’evoluzione. Ha fallito esattamente dove Darwin temeva potesse – nella documentazione fossile. Qui troviamo – invece di conferma diffusa – un gran numero di link mancanti.

Il pubblico generale è dato a credere che l’unico “anello mancante” nella documentazione fossile esista tra le scimmie e l’uomo. Questo non è vero. La documentazione sui fossili contiene centinaia di lacune tra piante antiche e moderne e specie animali. Darwin si riferì allo scarto che separava le primitive piante non fiorite (gimnosperme) e le piante da fiore (angiosperme) come il “problema abominevole”. Perché? Perché le gimnosperme, come le felci, esistevano da miliardi di anni e esistono ancora oggi. Le angiosperme, come le rose, sono apparse sulla scena circa 150 milioni di anni fa e oggi esistono. Dov’è la prova che mostra la felce evoluta attraverso una serie di cambiamenti lenti e incrementali in una rosa?

Secondo il darwinismo le angiosperme si sono evolute dalle gimnosperme. Se questo è vero, allora dove sono le forme intermedie che collegano i due tipi molto diversi di piante? Non sono stati trovati nei reperti fossili e nessuno esiste oggi. Questo sembra impossibile ed è accettando i principi del darwinismo.

Non c’è alcuna spiegazione scientifica per la mancanza di piante intermedie che collegano i tipi antichi e moderni. In realtà, ci dovrebbero essere milioni di tali fossili poiché si sarebbero evoluti per centinaia di milioni di anni, molto più a lungo delle piante da fiore.

Gli scienziati non hanno nemmeno una spiegazione del perché le ginnaste e le angiosperme esistano fianco a fianco. In qualche modo tutte le piante intermedie che dicono collegano i due regni misteriosamente scomparsi dalla documentazione fossile e si estinsero. La logica imporrebbe che le piante più antiche e antiche (senza fioritura) avrebbero dovuto essere la via dell’estinzione. Questa è in realtà una prova sufficiente per uccidere il darwinismo. La scienza ufficiale vorrebbe farci credere che i soli dissidenti contro il darwinismo sono creazionisti che provengono dai ranghi della destra religiosa. Tuttavia, presento numerosi riferimenti a scienziati in buona fede che sbattono la porta sulla teoria dell’evoluzione naturale di Darwin.

Ciò che è, o dovrebbe essere, di grande interesse per chiunque sia interessato alla ricerca della scienza – come si fa per arrivare alla verità delle origini umane e all’emergere della civiltà – sono le opere di Francis Crick e Fred Hoyle.

Mentre i libri di Von Daniken stavano diventando popolari nella cultura tradizionale, questi due eminenti scienziati hanno scritto libri sulle origini della vita sulla Terra. Entrambi erano molto critici nei confronti del darwinismo e ipotizzavano che la vita non fosse originaria della Terra. Dissero che i semi della biosfera avevano origine nel cosmo.

Nel suo libro Life Itself, Crick – un premio Nobel e co-fondatore della forma della molecola del DNA – sosteneva che una civiltà avanzata trasportasse i semi della vita sulla Terra in una nave spaziale. Hoyle, un astronomo che ha dato al mondo la teoria dello stato stazionario dell’Universo, ha proposto che la vita provenga dalle stelle portate dalle comete o dalle correnti di onde luminose. La cosa sfortunata è che questi rigorosi argomenti scientifici sono stati in gran parte ignorati o completamente ignorati dalla “scienza ufficiale”, e anche trascurati dagli stessi popoli che abbracciavano l’approccio relativamente non scientifico, ma popolare di Von Daniken. (Erik ha fatto in modo che le persone facessero domande e riflettessero).

Voglio chiarire cosa intendo con questa affermazione. Von Daniken affermò che stava presentando una teoria, ma il titolo del suo primo libro terminò con un punto interrogativo. Una nuova teoria viene normalmente offerta presentando argomenti contro la teoria attualmente accettata, come hanno fatto Crick e Hoyle, e viene presentata assertivamente con misure uguali di umiltà e sicurezza che non finiscono in un punto interrogativo. Il suo approccio un po ‘insicuro e acritico ha caratterizzato gran parte della letteratura “dell’antico astronauta”, che la scienza ufficiale trova facile smascherare.

Ecco perché The Genesis Race inizia con una seria critica del darwinismo. Questo è seguito da diversi capitoli che riesaminano il racconto della genesi umana e della prima storia trovata nella Bibbia. Un’analisi rivoluzionaria dei primi tre capitoli mostra chiaramente che ci sono stati due eventi di creazione della vita (e dell’umanità) sulla Terra. Mostra anche la storia data nella Bibbia concorda con le scoperte della paleontologia e dell’antropologia. Nel primo capitolo scopriamo che una prima razza proto-umana è stata creata e vissuta nel deserto, come altri animali, come cacciatori-raccoglitori. Ad essi fu dato “ogni cosa verde da mangiare” dagli dei e la Genesi 1 terminò con quell’alleanza.

Tuttavia, nel secondo capitolo ci viene detto che Adam è stato creato per essere un giardiniere ed Eva è presa dalla costola di Adamo e gli “dei” danno loro l’abbigliamento e l’autoconsapevolezza. Il resoconto cronologico della Creazione nel secondo capitolo è completamente diverso da quello del primo capitolo della Genesi.

Questo è un punto critico. Non solo i due racconti differiscono completamente, ma troviamo che Adam non deve vivere nella natura selvaggia come un animale ma è destinato a essere un guardiano e un contadino. Se i due account vengono confrontati fianco a fianco la differenza è ovvia: Adamo ed Eva non sono equivalenti alla razza creata in Genesi 1; e Genesi 2 e 3 non sono una dettagliata delucidazione degli eventi descritti nel primo capitolo, che è normalmente implicita o insegnata nelle lezioni di Bibbia della Chiesa.

Ciò che i primi tre capitoli della Genesi descrivono in realtà sono: 1) la creazione di una razza proto-umana, i pre-Neanderthal e Neanderthal che vivono come cacciatori-raccoglitori in uno stato innocente come descritto nel capitolo 1, seguito da, 2) la genesi del moderno Homosapiens (Adamo) adatto alla rivoluzione agricola. Questa è esattamente la storia data in Genesi e concorda con tutto ciò che la scienza moderna stabilisce sulla cronologia della preistoria umana.

Questa è una revisione radicale che dà un sostegno molto più forte alla versione biblica della genesi umana e al come e perché la rivoluzione agricola ha avuto luogo. Chiarifica anche a chi si riferisce il “noi” quando Dio viene improvvisamente definito “una pluralità” che interviene e altera geneticamente la vita sulla Terra, la Razza Genesis; e prepara il terreno per una presentazione dell’enigmatico reperto archeologico e ulteriori prove che supportano ulteriormente la teoria dell’intervento di una razza extraterrestre tecnologicamente avanzata.

L’archeologia non ha mai nemmeno affrontato tutte le questioni sollevate dall’improvvisa comparsa dell’agricoltura e delle civiltà altamente avanzate in Mesopotamia e in Egitto nel 3° millennio aEV, per non parlare delle risposte più critiche.

Dal punto di vista del pensiero archeologico e antropologico convenzionale, le origini dell’umanità e l’emergere della civiltà dall’età della pietra rimangono enigmatiche. Abbiamo prove incontrovertibili che i nostri antenati non avrebbero potuto costruire la Grande Piramide con gli strumenti e i metodi che possedevano. Tuttavia, la scienza ufficiale semplicemente ignora o cerca di spiegare molte domande serie e questioni come il modo in cui la Grande Piramide – la più grande struttura in pietra di precisione del mondo – è stata costruita usando solo pietre martello, corde, manodopera e slitte.

Tuttavia, ci sono altri problemi che devono essere affrontati e la ricerca genetica di oggi sta gettando nuova luce su questo campo. Le implicazioni di alcune importanti scoperte recenti sembrano essere sfuggite all’attenzione di molti investigatori indipendenti. Gli archeologi e gli antropologi affermati hanno ignorato o inveito contro i risultati di questi controversi studi sul DNA. Mi riferisco a studi genetici sull’origine del cane addomesticato e alla dieta dei nostri antenati paleolitici e del neolitico antico.

Puoi chiedere che cosa hanno a che fare le abitudini alimentari del cane e dell’età della pietra con la risoluzione degli enigmi dell’antico passato dell’umanità? La risposta è tutto Fino a poco tempo fa si credeva che i cani (Canis familiaris) provenissero da una varietà di cani selvatici come lupi, coyote, dingo, sciacalli, ecc. Ma l’ultima ricerca sul DNA mostra che il lupo da solo è la razza ancestrale di tutti i cani.

Questo pone una serie di problemi molto difficili. Il primo cane sarebbe stato un lupo mutante. Tuttavia, i lupi sono estremamente sensibili all’idoneità e alla forza genetica di ciascun membro del branco. Stanno costantemente testando e stabilendo un rigoroso ordine gerarchico sociale e solo gli alpha si riproducono. Quindi, come mai un mutante sarebbe sopravvissuto e riprodotto dato il rigore del comportamento del branco? Nessun lupo in cattività ha prodotto mutanti vitali e i genetisti ci dicono che i mutanti sono normalmente inadatti e non sopravvivono.

Siamo di fronte a un vero enigma. Se poniamo l’idea che le prime tribù umane siano intervenute e abbiano generato lupi nei cani, ci troviamo di fronte a uno scenario altrettanto impossibile. Come potevano gli uomini primitivi sapere che era possibile allevare selettivamente un animale selvatico in uno che possedeva solo quei tratti benefici per loro? Prendiamo per scontate le caratteristiche dei cani, tuttavia ci presentano un mistero profondo. Un cane è l’incarnazione di quei tratti del lupo che le persone trovano utili, attraenti e sicuri. In che modo gli umani dell’età della pietra geneticamente analfabeti hanno raggiunto questa impresa di ingegneria genetica?

Questo problema è aggravato quando ci troviamo di fronte alle prove delle nostre prime civiltà che mostrano che i saluti, i levrieri e il segugio del faraone erano già stati allevati nell’antica Sumeria e in Egitto. Com’è possibile che i nostri antenati, emersi di recente dall’età della pietra, abbiano potuto ingegnerizzare con successo linee purosangue all’inizio della civiltà? Inoltre, i cani non sono solo caratterialmente diversi dai loro progenitori selvatici, ma differiscono anche dal punto di vista fisiologico.

Un maschio alfa e una femmina selvatici si riproducono solo una volta all’anno, mentre i cani possono riprodursi in qualsiasi momento. I lupi perdono i loro cappotti invernali, i cani no. Queste caratteristiche fisiologiche divergenti richiedono tempo per sviluppare, infatti, molte generazioni. Di nuovo, come hanno fatto i nostri antenati all’inizio della civiltà a realizzare questo?

Questo mistero è sottolineato dal fatto che la maggior parte delle moderne razze di cani sono state originate migliaia di anni fa. La scienza non ha nemmeno affrontato la maggior parte di questi problemi e tanto meno gli esperti hanno spiegato in modo soddisfacente come i lupi sono diventati cani – 100.000 anni fa – né hanno mostrato le transizioni passo dopo passo. I cani di razza appaiono all’improvviso nel registro archeologico come per magia. Questo vale anche per l’agricoltura e le nostre principali colture di cereali e leguminose. Grano, mais, fagioli e riso rappresentano una seconda serie di enigmi genetici.

Le ricerche sulle abitudini alimentari delle tribù dell’età della pietra in tutto il mondo mostrano che i nostri antichi antenati cacciatori-raccoglitori vivevano su piante a foglia verde e carni magre. Questo ha perfettamente senso perché questi cibi erano prontamente disponibili, richiedevano poca o nessuna elaborazione e il gioco selvaggio poteva essere cotto su un fuoco aperto. Il problema con i nostri raccolti di grano, e sono la base della civiltà, è che i semi di erba selvatica sono così minuscoli che il costo / beneficio della loro raccolta non era favorevole a questo. Richiedono anche la raccolta, la trebbiatura e la tecnologia di cottura dal momento che devono essere ampiamente bolliti. Questa era la tecnologia Stone Age Man che mancava.

Il motivo per cui i chicchi devono essere cotti è che l’intestino umano non è adatto a digerire i cereali selvatici. Ciò rende molto chiaro che l’uso di semi di erba selvatica come fonte primaria di cibo è di origine recente. I nostri antenati paleolitici non sussistevano su di loro. Ancora una volta, questo pone una serie di problemi formidabili che devono essere studiati rigorosamente. Se i nostri antenati non raccoglievano e mangiavano cereali selvatici, come potevano aver addomesticato e allevato le specie selvatiche così in fretta?

Senza molte generazioni di sperimentazioni per tentativi ed errori – culminati in un vasto corpo di conoscenze agronomiche e pratiche agricole che avrebbero incluso la genetica e l’allevamento – è quasi impossibile capire come è stata realizzata la rivoluzione agricola. La scienza ufficiale cerca di spiegare l’evoluzione dei cacciatori-raccoglitori nomadi in contadini sedentari, coltivando colture, affermando di aver scoperto le colture abbastanza per caso. Ci è stato detto che accadde quando un abitante primitivo lanciò una piantina contenente semi nel mucchio della spazzatura e notò che germogliava.

Ma quel banale racconto non può spiegare come abbiano scelto le migliori specie selvatiche da utilizzare come base per la rivoluzione agricola. Ci sono migliaia e migliaia di potenziali piante selvatiche che potrebbero essere trasformate in colture agricole. In che modo le persone con poca esperienza con le erbe selvatiche sono state in grado di scegliere le migliori varietà da allevare? Questo rappresenta un salto di qualità. Quello che ci viene chiesto di credere è che i nostri antenati, senza molta esperienza nella fase seminale della civiltà, sono stati in grado di selezionare e allevare le migliori varietà di specie di erba selvatica.

Come sappiamo che questo è vero? Perché coltiviamo ancora le colture che presumibilmente hanno selezionato anche dopo 5000 anni di continuo sviluppo tecnologico e agricolo. Ci viene chiesto di sospendere l’incredulità e accettare che abbiano costruito anche la più grande costruzione di pietra progettata con precisione e che il mondo abbia mai visto – la Grande Piramide di Giza – usando solo strumenti manuali primitivi e un lavoro massacrante. Ovviamente c’è qualcosa di sbagliato in questa immagine.

È logico supporre che i nostri antenati terrestri avrebbero (o avrebbero) gettato insieme la rivoluzione agricola e poi le intere civiltà di Sumer e dell’Egitto dall’intero tessuto? No non lo è; e nemmeno queste supposizioni rappresentano una solida scienza.

Per quelli di noi nel campo della storia alternativa, una delle domande più fondamentali che dobbiamo stupire sul pubblico e sulla “scienza ufficiale” è chiedere dove sono gli antecedenti e i precedenti? Mostraci le lente fasi di sviluppo darwiniano che la storia ufficiale presuppone. Come si può spiegare l’apparizione improvvisa di colture alimentari geneticamente modificate e tecniche ingegneristiche avanzate all’inizio della civiltà umana?

Abbiamo bisogno di una documentazione dettagliata e di prove incontrovertibili e dovrebbe essere abbondante e priva di collegamenti mancanti poiché si suppone che si tratti di eventi verificatisi migliaia e non decine o centinaia di milioni di anni fa, come nel caso dell’evoluzione biologica.

Da dove i nostri antenati del Paleolitico acquisiscono le conoscenze e le capacità per allevare piante selvatiche in colture alimentari mentre costruiscono anche città pianificate? Come riuscirono a ottenere un comando rigoroso dei principi dell’ingegneria civile esposti in Sumeria e nella civiltà Harrappan della Valle dell’Indo? In che modo gli umani passavano da capanne di fango e collezionavano piante frondose alla costruzione di ziggurat, sciacquavano gabinetti, bagni pubblici (Mohenjo Daro), facevano il pane nei forni e inventavano la metallurgia dei processi all’apparenza da un giorno all’altro? In parole povere, dov’è la dimostrazione – i collegamenti mancanti – a dimostrare che le teorie (scientifiche ufficiali) sono confermate nella documentazione archeologica e soddisfano semplici standard di logica e buon senso?

Passando a ciò che i nostri antenati in Sumer, Messico, Egitto e Perù hanno da dire sulle origini dell’agricoltura e della civiltà, troviamo una storia molto diversa. Secondo gli antichi documenti, le tradizioni scritte e orali, nessuna delle prime civiltà affermò di averlo inventato. Ciò che è di profondo interesse è che sono in accordo unanime nel sostenere che le “arti” hanno dato le arti della civiltà.

È molto diverso dalla natura umana dare credito a qualcun altro per tutto ciò che abbiamo inventato o raggiunto. Gli antichi egizi lasciarono copiosi documenti di ogni aspetto della loro cultura in una vasta collezione di opere d’arte, geroglifici e testi. Tuttavia, non troviamo alcun riferimento nella loro storia di 3000 anni su come o perché “hanno” costruito le piramidi. Che strano scambio di documentazione per una razza così comunicativa, supponendo che abbiano effettivamente costruito le piramidi. Avrebbero omesso ogni riferimento ai loro monumenti più importanti?

Sembra una supposizione assurda, eppure gli egittologi ci sorvolano mentre non dicono nulla sulla mancanza di mummie nel presunto scenario delle “piramidi-come-tombe” che abbracciano senza arrossire.

Questi sono tutti indizi, pezzi di un vasto puzzle planetario, che raccontano la storia della Genesis Race. I riferimenti a questi “dei” che arrivarono sulla Terra per elevare l’uomo sono descritti nella Bibbia e in altri testi e tradizioni antichi. I loro documenti megalitici si trovano in Egitto, Messico, Perù e Cina.

Le teorie sulla “scienza ufficiale” basate su Darwin, riguardanti l’origine dell’Uomo e la civiltà umana, portano a una serie di intellettuali vicoli ciechi. Se esaminiamo attentamente la documentazione, scopriamo che la civiltà si basa su cinque invenzioni primarie: 1) Agricoltura, 2) Urbanizzazione, 3) Scrittura, 4) La ruota e 5) Processo metallurgico.

Ora, cosa succede quando proviamo a scoprire le origini di queste invenzioni chiave nel record archeologico e storico? Troviamo antropologi e storici che ipotizzano che l’agricoltura sia stata scoperta per caso quando i nostri primitivi antenati hanno gettato le piante nel mucchio della spazzatura e hanno notato che i semi hanno prodotto nuove piante. Ovviamente questo non spiega cosa li abbia motivati ​​a piantare e raccogliere semi di erba selvatica (non hanno quasi mai mangiato) e come hanno imparato a riprodurre selettivamente e ad addomesticare (alterare) queste piante geneticamente.

Bene, spazzano via queste domande con la stessa logica. Anche questo era probabilmente un processo fortuito che si è evoluto in una serie di benevoli e felici coincidenze. Ci viene dato di immaginare che il primo animale addomesticato, un esempio di perfetta riproduzione selettiva, abbia avuto luogo anche quando le tribù paleolitiche, attraverso tecniche sconosciute, addomesticò una linea di lupi mutanti. Poi apprendiamo che anche la metallurgia di processo è il risultato di un incidente, quando qualcuno lasciò cadere un pezzo di malachite in un fuoco da campo e osservò con attenzione che mentre si scioglieva produceva rame.

In breve, il paradigma fondamentale “scienza ufficiale” ha formulato sul modo in cui la vita umana ha avuto origine e su come abbiamo creato la civiltà poggia su una serie di incidenti “miracolosi” e di conoscenze e abilità impossibili! Gli egittologi vorrebbero farci credere che le tribù primitive che vivevano lungo il Nilo in capanne ovali che usavano mattoni di fango per costruire mastabas per millenni furono improvvisamente in grado di effettuare operazioni avanzate di cava, scalpellini, architettura e ingegneria aziendale.

Naturalmente, non possono spiegare come questi popoli primitivi costruirono una piramide massiccia e di precisione costruita usando solo martelli tondi, slitte di legno e lavoro umano. Gli egiziani non avrebbero potuto costruirlo, non lo hanno costruito e non hanno mai affermato che fossero i creatori della piramide. Semplicemente non è possibile scavare, sollevare, trascinare e trasportare blocchi di granito da 70 tonnellate a 500 miglia dalla cava di Assuan a Giza e fino a 150 piedi verticali e posizionarli precisamente nella Camera del Re, come sostengono gli egittologi.

Ho ripetutamente sfidato gli egittologi e i loro compagni irrazionali e non scientifici a dimostrare come i blocchi di granito nella Camera del Re possano essere estratti e sollevati dal letto della cava e trasportati usando gli strumenti ei metodi primitivi che sostengono siano stati usati. Non può essere fatto! Inoltre, quest’autore afferma di poter dimostrare che qualsiasi accademico – matematico, antropologo e / o professore di ingegneria – che crede e insegna queste assurdità agli studenti è lunatico che gestisce i manicomi – le nostre istituzioni scientifiche e le università.

Questo è certamente un atto di accusa serio e audace, eppure deve essere fatto perché è vero ed è giunto il momento di esporre il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate su generazioni. Non sto facendo queste affermazioni per creare una polemica, ma per risolvere un dibattito di lunga data che ha profonde implicazioni poiché comporta l’eliminazione delle menzogne ​​e l’accesso ai fatti storici. Come posso fare accuse così forti con totale fiducia?

In primo luogo, l’autore ha studiato i problemi ingegneristici in modo approfondito ed estensivo confrontando la costruzione di monumenti moderni usando la tecnologia più avanzata per la costruzione della Grande Piramide usando strumenti e metodi primitivi. In secondo luogo, ho esaminato il recente record di test condotti da egittologi e altri che cercavano di dimostrare che potevano estrarre, spostare e sollevare blocchi di pietra usando nient’altro che antichi strumenti e tecniche. Entrambi gli studi hanno prodotto gli stessi risultati: la Grande Piramide non avrebbe potuto essere costruita con martelli di pietra, slitte e rampe.

Un test girato da Nova è stato organizzato dall’egittologo Mark Lehner e ha coinvolto importanti esperti in vari campi. Il team si mise alla cava, spostò e sollevò un obelisco da 35 tonnellate. Hanno fallito miseramente ad ogni passo. Il maestro scalpellino non poteva estrarre il blocco usando gli strumenti primitivi che gli erano stati dati. Fu chiamato un elevatore per estrarre il blocco e sollevarlo su un camion a pianale; sentendo la sconfitta non hanno mai nemmeno provato a trasportarla con una mazza di legno. Il blocco era metà del peso di uno di quelli usati nella Camera del re.

Una squadra giapponese finanziata da Nissan condusse un altro serio test nel 1978. Partirono per costruire un duplicato su piccola scala della Grande Piramide usando anche gli strumenti e le tecniche primitive che gli egittologi rivendicano per gli antichi. Questo gruppo era sicuro di poter dimostrare come è stato fatto. Tuttavia, quando hanno cercato di estrarre i blocchi hanno scoperto che i martelli non erano all’altezza del compito. Hanno fatto intervenire martelli pneumatici. Quando hanno cercato di traghettare i blocchi attraverso il fiume su una chiatta primitiva, sono affondati. Hanno chiamato un moderno rimorchiatore per chiedere aiuto.

Poi hanno caricato un blocco su una slitta solo per scoprire che è caduto ostinatamente nella sabbia quando hanno cercato di trascinarlo sul sito. Hanno chiamato camion e caricatori. Il colpo di grazia finale è stato consegnato quando sono stati costretti a chiamare elicotteri per sollevare e posizionare i blocchi in posizione. Anche usando la tecnologia moderna, la squadra giapponese ha trovato, con il loro imbarazzo totale, che non potevano portare l’apice della loro minuscola replica alta 60 piedi insieme. Hanno sofferto una sconfitta amara e abbastanza umiliante nel deserto egiziano impietoso. La loro replica della Grande Piramide si è rivelata uno scherzo.

Dovremmo credere che gli uomini utilizzino strumenti marginalmente migliori delle attrezzature dell’età della pietra, estraggono, sollevano e trasportano milioni di blocchi di pietra per formare una tomba da 4 milioni di tonnellate progettata con precisione. Queste sono sciocchezze! Lo scenario convenzionale non è solo una proposizione assurda che può essere mantenuta solo usando il fumo e gli specchi intellettuali, è assolutamente sciocco. La vera domanda è: come mai qualcuno che abbia avuto qualche buon senso non lo ha mai creduto?

Ci sono, naturalmente, molti altri problemi con lo scenario di strumenti e metodi primitivi e la Grande Piramide. Per iniziare, Mark Lehner ha incaricato una società di ingegneria di studiare il sito. Hanno scoperto che la base di 13 acri era stata livellata con una precisione pari a quella raggiunta dai laser moderni. Dobbiamo credere che una lastra di pietra calcarea di 13 acri sia stata progettata con quel grado di precisione usando martelli arrotondati per sbricciolare la roccia fino a renderla quasi perfettamente piatta?

Inoltre, il Passaggio Discendente era in realtà la fase successiva di questo imponente progetto di costruzione. Anch’esso doveva essere scavato in una solida base rocciosa. I problemi con questa fase del progetto sono molteplici. Il passaggio era solo di circa 3 a 4 piedi, abbastanza grande da ospitare un lavoratore alla volta. Fu scavato a 150 piedi sottoterra mantenendo un angolo preciso di 26 gradi e una deviazione trascurabile da un lato all’altro e dal basso verso l’alto per tutta la sua lunghezza. Poi è stato aperto in diverse stanze e in un altro passaggio. Come?

Perché gli antichi scavavano un tunnel dritto sotto una tomba da 4 milioni di tonnellate e in che modo il passaggio era diretto e vero? Gli ‘ingegneri’ egiziani non avevano altro che corde nei loro strumenti. L’autore può anche provare queste sole due fasi – livellando la base e scavando il passaggio discendente – avrebbe richiesto metà del tempo che gli egittologi hanno assegnato all’intero progetto di costruzione. In realtà, non includono mai nemmeno queste due fasi nei loro calcoli.

Ma abbiamo altri pesci importanti da friggere. Durante decenni di ricerche l’autore ha notato alcune curiose somiglianze tra Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo – i siti delle nostre prime civiltà – che non si sommano. Come tutti sappiamo ora, le rovine di Sumer si trovano nell’odierna Iraq. I nostri libri di storia e antropologia ci dicono regolarmente che l’agricoltura e la civiltà sono state date alla luce in valli fluviali benigne e altamente fertili. Ma quando ci fermiamo a esaminare da vicino questi luoghi, scopriamo che sono alcuni dei luoghi più caldi, più secchi e più inospitali del pianeta.

Le temperature in questi luoghi per 6 mesi all’anno sono in genere tra 35-48 gradi Celsius. È vero che le pianure alluvionali e  quelle alluvionali del Nilo, del Tigri-Eufrate e degli antichi fiumi Indù erano fertili. Ma ci vuole una conoscenza agronomica e idrologica considerevole per saperlo e per convertire le paludi e controllare le inondazioni per trasformare queste zone umide in terreni agricoli produttivi. La domanda è: in che modo i nostri antichi antenati, così recentemente emersi dallo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori, acquisirono così rapidamente questa conoscenza e svilupparono queste abilità?

Quando guardiamo fuori dagli ziggurat dell’antica Sumer, le piramidi sabbiose dell’Egitto o le città in rovina della Valle dell’Indo, non vediamo pianure fruttate ma vaste, vesciche, distese desertiche. Non è difficile immaginare i nostri primitivi antenati che stendono i loro progetti per la civiltà mentre guardano con gli occhi al sole e decidendo che è qui che si costruiscono le prime città e i grandi monumenti e si coltiva il primo vero terreno coltivato?

Lo scenario fa pensare alla mente e ci fa uscire dal cancello dalle comode fantasie dipinte dalla “scienza ufficiale”. Qualcosa comincia a puzzare o il naso dell’autore è troppo sensibile? Mi sembra di percepire l’aroma sottile di troppi scheletri ed enigmi – essendo stato spinto frettolosamente in troppi armadi e catacombe ammuffite – che si alzavano da pietre e ossa antiche …

Dobbiamo esaminare diversi altri articoli che non superano il test dell’odore. Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo condividono alcune altre caratteristiche critiche in comune che li rendono luoghi improbabili per i popoli primitivi di aver sviluppato le nostre prime civiltà. Dovremmo aspettarci di trovare civiltà in evoluzione dove le persone hanno accesso immediato a un’ampia varietà di risorse. Lo scenario più logico sarebbe nelle valli fluviali vicino a montagne boscose ricche di minerali.

Questa è un’aspettativa logica dal momento che le persone avevano bisogno di acqua, combustibile (legna) per fare fuochi, manici di attrezzi e materiali da costruzione, nonché rame, oro e argento per realizzare gioielli e strumenti e così via. Ci aspetteremmo di trovare questa associazione non solo per stabilire che hanno accesso immediato a queste risorse necessarie, ma anche per essere stati coinvolti in un lungo periodo di estrazione, elaborazione e utilizzo di queste risorse.

Sfortunatamente, Sumer, la culla della civiltà, mancava completamente di foreste, minerali e persino pietre. Questo è un fatto curioso, illogico. In che modo questa strana tribù, parlando una lingua strana e chiamandosi ‘la gente dalla testa nera’, ha inventato la civiltà nel mezzo di una desolata distesa deserta del deserto? Anche l’Egitto era privo di foreste, così come la Valle dell’Indo. Il punto non è che la civiltà fosse o sia impossibile in queste aree, ma che si suppone che abbia avuto origine in questi ambienti aspri e desertici privi di molte risorse di base.

Eppure troviamo che i Sumeri ingegnosamente estraggono rame e stagno e creano la prima lega, il bronzo, nelle fornaci intorno al 3000 a.C. Nella successione al fuoco rapidamente hanno inventato la ruota, il carro, la barca a vela, la scrittura, le città, la specializzazione del lavoro, l’ingegneria civile e così via. Apparentemente, le tribù della Valle dell’Indo e del Nilo sarebbero presto seguite. Hanno fatto tutto questo mentre la maggior parte delle tribù del mondo vivevano ancora come cacciatori-raccoglitori, un altro fatto che demolisce le teorie dei darwinisti culturali. Non si può spiegare la radicale partenza dalla norma umana da parte di diverse tribù senza invocare qualche forma di razzismo o deviazioni genetiche inspiegabili.

Gli altri aspetti curiosi che troviamo in comune tra le “prime” civiltà della Terra sono che nessuno di loro ha affermato di aver inventato l’agricoltura, le leggi, la moralità o gli altri principali strumenti di civiltà.

I Sumeri sostenevano di dovere tutto agli “dei” (Annunaki) che erano discesi dai cieli sulla Terra per creare e insegnare all’umanità le arti della vita civile. Gli antichi egizi si riferivano ai Nefertu che regnarono su di loro durante lo Zep Tepi (prim tempo) per migliaia di anni fino a quando non consegnarono i regni ai faraoni umani.

La nostra vera storia umana, tramandata dai nostri antenati, è molto più eccitante e incredibile di quanto la scienza “ufficiale” del nutrimento abbia esercitato forza su di noi per molte generazioni. L’umanità è davvero sulla soglia di un risveglio in una nuova alba; il momento delle profonde rivelazioni sulla verità delle nostre stupefacenti origini e della nostra storia è a portata di mano.

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 81.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com. Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.

 

®wld

Progetto Planetario per una Guerra Geofisica

 

Come distruggere l’ambiente” – MacDonald’s Progetto Planetario per una Guerra Geofisica

Di Peter A. Kirby 

La guerra geofisica è un vasto argomento con esempi storici che risalgono all’antica storia umana. Oggi sembra essere la spinta principale di tutte le tecnologie militari più all’avanguardia. Anche se le forze armate di oggi la stanno costantemente coinvolgendo e vengono quotidianamente usate contro la nostra popolazione domestica, la maggior parte delle informazioni relative alla guerra geofisica rimane classificata. Nonostante ciò, è emerso un bel po’ di buone informazioni. 

Nel canone della letteratura pubblicamente disponibile relativa alla guerra geofisica (almeno per quanto riguarda la pura ostentazione), tra tutti gli altri spicca un esempio. Parla all’uso di energia elettromagnetica diretta nella guerra geofisica con un’enfasi sulle modifiche del clima e climatiche. Afferma anche la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi di geoingegneria Solar Radiation Management (SRM). Questo è il motivo per cui il documento è così importante per l’odierna New Manhattan Project, che usa particelle disperse e energia elettromagnetica diretta per modificare il clima e la climatologia. 

Il documento in questione è del Dr. Gordon James Fraser MacDonald’s (1929-2002), giustamente intitolato saggio del 1968 “How to Wreck the Environment”. Appariva come un capitolo di un libro del 1968 intitolato A meno che non Venga la Pace

Il documento si distingue anche per il fatto che l’autore era uno scienziato molto capace, prominente e rispettato.

Gordon JF ‘Come distruggere l’ambiente’ MacDonald 

L’autore è venuto a conoscenza di MacDonald e del suo lavoro nel contesto del progetto New Manhattan. Sembra che fosse lo scienziato che per primo ha cristallizzato questo sforzo in un progetto globale che prende in considerazione non solo il tempo che sperimentiamo quaggiù nel livello più basso dell’atmosfera conosciuto come la troposfera, ma piuttosto qualcosa che prende in considerazione: tutti gli aspetti geofisici Terrestri, l’atmosfera inferiore e superiore della Terra, la luna, il sole, tutto tra il sole e la Terra, altri pianeti nel nostro sistema solare e lo spazio esterno. Tutte queste cose hanno vari gradi di effetti sul nostro clima troposferico quotidiano e MacDonald sembra essere stato lo scienziato che ha integrato questa nuova filosofia nel Progetto New Manhattan. Probabilmente è stato determinante nel rendere popolare il termine “tempo spaziale”.

 

Nel 1968 Gordon MacDonald era il direttore associato dell’Istituto di geofisica e fisica planetaria all’Università della California, a Los Angeles, nonché membro del Comitato consultivo scientifico del presidente Johnson. Questo è stato il comitato che ha prodotto il documento del 1965 intitolato “Ripristinare la qualità del nostro ambiente” che ha affermato la teoria del cambiamento climatico provocato dall’uomo e la tesi di geoingegneria SRM in quanto ha dato il primo mandato presidenziale al resto del governo per iniziare a prepararsi per cambiamento climatico catastrofico causato dall’uomo. MacDonald era un co-autore. 

MacDonald era uno scienziato capo della Mitre Corporation, serviva nel loro consiglio di amministrazione e in seguito divenne un fiduciario. Questo è significativo perché le prove suggeriscono che la Mitre Corporation è il gestore operativo di tutti gli aspetti scientifici dell’attuale New Manhattan Project.  

MacDonald è stato profondamente coinvolto nelle modifiche meteorologiche e nelle scienze atmosferiche. Conosceva bene il famoso scienziato del progetto di Manhattan James Conant. Conosceva Edward Teller e Bernard Vonnegut e lavorava con molti altri scienziati associati al NMP. Ha lavorato per l’istituto Carnegie e la NASA; due organizzazioni con ampi legami con il NMP. Fu coinvolto nelle operazioni di produzione di acqua durante la guerra nel nord del Vietnam. Ha conseguito il dottorato in geologia ad Harvard, insegnato geofisica al Massachusetts Institute of Technology e ha contribuito alla creazione dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente. E’ stato membro di una serie di comitati di modifica meteorologica di alto livello e un membro molto attivo del gruppo segreto di Jason. Il suo pedigree per la partecipazione al New Manhattan Project non era secondo a nessuno.  

MacDonald ha anche presieduto il Comitato MEDEA dell’Agenzia di intelligence centrale, che era stato concepito dall’ex vicepresidente Al Gore. “Presunto” perché è difficile immaginare che qualcosa sia il frutto dell’ingegno di Al Gore. Ti ricordi come ha inventato anche Internet? Tuttavia, il comitato MEDEA (Misurazioni di dati terrestri per l’analisi ambientale) esisteva tra il 1992 e il 2001 e utilizzava i dati raccolti dai satelliti allo scopo di risolvere i problemi ambientali della Terra. Apparentemente la soluzione ai nostri problemi riguarda l’irrorazione di megatoni di rifiuti tossici da aerei superpetrolieri.  

Il coinvolgimento di Al Gore qui è pertinente perché è il più prominente sostenitore della teoria del riscaldamento globale provocato dall’uomo, che ha così tanta rilevanza per la guerra geofisica e il Progetto New Manhattan. Infatti, MacDonald e Gore hanno lavorato insieme per portarci una “tassa sul carbonio”. MacDonald ha testimoniato prima di una commissione per l’energia del Senato del 1987 su come avrebbe funzionato una simile tassa. 

L’antica Geoingegneria 

Per mettere tutto questo in un contesto, torniamo ad alcuni dei primi esempi registrati di guerra geofisica. Non esamineremo tutti gli esempi registrati di guerra geofisica dai tempi antichi al 1968. Sarebbe nell’ordine di un grande libro. Qui daremo una breve occhiata ad alcuni dei primi esempi per illustrare la pervasività e l’efficacia della guerra geofisica. Poi, nella prossima sezione, faremo un rapido ritorno alla pièce de resiste di MacDonald’s 1968. 

Nel 612 a.C., una forza combinata di medi, persiani e babilonesi apparentemente deviava un affluente del fiume Tigri per penetrare nella fortezza dell’antica città di Ninive. Nel suo libro di riferimento La storia del mondo antico: dai primi conti alla caduta di Roma, l’eminente storico Susan Wise Bauer scrive: “Un affluente del Tigri attraversava la città sotto le mura, fornendogli acqua e rendendo difficile assediare. Ma sembra probabile che gli assalitori abbiano costruito una diga per deviare la maggior parte del Tigri in città, portando via le fondamenta delle mura e abbattendole. “Continua Bauer,” Con i muri che si sbriciolano, i Babilonesi hanno preso d’assalto la città e l’hanno saccheggiata“. 

Poco dopo, nel 539 a.C., la guerra geofisica (nota anche come “geoingegneria”) fu utilizzata per penetrare nell’antica città di Babilonia. Ancora una volta furono i persiani, che questa volta causarono una mancanza d’acqua piuttosto che un’alluvione. Il re persiano Ciro il Grande fece cadere il livello del fiume Tigri in modo che le sue truppe potessero entrare nella città fortificata e devastarla. Bauer scrive: 

Ciro, rendendosi conto che ci sarebbero voluti mesi se non anni per affamare i difensori di una città così grande e ben rifornita, ha formato un altro piano. Xenophon [un antico storico greco] lo spiega: il Tigri, che scorreva attraverso il centro di Babilonia, era più profondo dell’altezza di due uomini. La città non poteva essere facilmente allagata, grazie ai rinforzi di Nabucodonosor, ma Ciro aveva in mente un’altra strategia. Aveva trincee scavate lungo tutto il Tigri, a monte della città, e durante una notte oscura fece aprire ai suoi uomini contemporaneamente tutte le trincee. Deviato lontano dal suo corso principale in molte direzioni, il livello del Tigri che scorreva attraverso la città affondò in una sola volta, tanto che i soldati persiani poterono marciare attraverso il fango del letto del fiume, sotto le mura della città. L’unità d’assalto principale saliva fuori dal letto del fiume all’interno della città di notte, coperta di fango, e incespicava per le strade, urlando come se fossero dei festaioli ubriachi, finché non raggiunsero il palazzo e la presero d’assalto … Le porte furono aperte dall’interno. Il resto dei Persiani entrò e la città cadde.

Alla fine del primo secolo, Erik il Rosso fu apparentemente costretto a lasciare la natia Norvegia dopo che i suoi seguaci uccisero il suo rivale facendo cadere una frana nella fattoria dell’uomo. 

Alcuni sforzi di guerra geofisica hanno avuto più successo di altri. Intorno al 1210, il mongolo Gengis Khan tentò di inondare il suo nemico con risultati disastrosi. Khan ei suoi uomini stavano tentando di allagare la città fortificata di Xia, capitale di Chung-hsing, danneggiando un vicino ramo del Fiume Giallo. Non ha funzionato. La diga mal costruita ha rotto e allagato invece il campo mongolo. Tanto per l’ingegneria mongola.  

Progetto di GJF MacDonald  

Ora che possiamo vedere tutto questo nel contesto, esaminiamo lo straordinario esemplare di MacDonald. Inizia il suo lavoro con:

Tra i mezzi futuri per ottenere gli obiettivi nazionali con la forza, una possibilità dipende dalla capacità dell’uomo di controllare e manipolare l’ambiente del suo pianeta. Una volta raggiunto, questo potere sul suo ambiente fornirà all’uomo una nuova forza in grado di fare danni grandi e indiscriminati. La nostra attuale comprensione primitiva dei cambiamenti ambientali deliberati rende difficile immaginare un mondo in cui si pratica la guerra geofisica. Un mondo del genere potrebbe essere quello in cui le armi nucleari sono state effettivamente bandite e le armi di distruzione di massa sono state quelle della catastrofe ambientale. In alternativa, posso immaginare un mondo di stabilità nucleare derivante dalla parità in tali armi, reso instabile dallo sviluppo di una nazione con una tecnologia avanzata in grado di modificare l’ambiente della Terra. O le armi geofisiche possono far parte dell’arsenale di ogni nazione. Come argomenterò, queste armi sono particolarmente adatte per guerre segrete o secretate. 

Ora parlando un po’ di geoingegneria! MacDonald continua: 

La chiave per la guerra geofisica è l’identificazione delle instabilità ambientali a cui l’aggiunta di una piccola quantità di energia rilascia enormi quantità di energia. L’instabilità ambientale è una situazione in cui la natura ha immagazzinato energia in una parte della Terra o in un ambiente molto superiore a quello che è normale. Per innescare questa instabilità, l’energia richiesta potrebbe essere introdotta violentemente da esplosioni o delicatamente da piccoli pezzi di materiale in grado di indurre cambiamenti rapidi agendo come catalizzatori o agenti nucleanti. Il meccanismo per lo stoccaggio di energia potrebbe essere l’accumulo di ceppo per centinaia di milioni di anni nella Terra solida, o il super-raffreddamento del vapore acqueo nell’atmosfera da parte di impianti di risalita che si svolgono nell’arco di alcune decine di minuti. Gli effetti del rilascio di questa energia potrebbero essere in tutto il mondo, come nel caso di cambiamenti climatici o regionali, come nel caso di terremoti localmente eccitati o precipitazioni maggiori. 

MacDonald qui, sta scrivendo sul cosiddetto ‘effetto farfalla’. L’idea che un intervento climatico relativamente piccolo possa avere un effetto tremendo sul tempo in seguito è centrale per il Progetto New Manhattan ed è stato ripetuto molte volte. 

Successivamente, sotto il titolo di “Weather Modification”, MacDonald fa i frequenti confronti tra il potere delle tempeste e delle bombe atomiche, scrivendo: “Le quantità di energia coinvolte nei sistemi meteorologici superano di un considerevole margine la quantità di energia sotto il diretto controllo dell’uomo. “Questo è sufficiente per far sì che un drogato paranoico medio cominci a sbavare. 

MacDonald ripercorre poi la fisica dell’atmosfera in relazione ad alcune evidenti attività di modifica del clima. Come in questa parte, gran parte del pezzo di MacDonald è puro punto di discussione e disinformazione della CIA (Central Intelligence Agency). L’autore ha visto questi tipi di escrementi della CIA centinaia di volte. Dopotutto, come accennato in precedenza, MacDonald era un seguace della CIA. Non solo è stato presidente del loro summenzionato Comitato MEDEA, ma è anche stato il collegamento della CIA con il suddetto gruppo Jason. 

MacDonald non usa mezzi termini quando suggerisce che un uragano potrebbe essere usato come arma. Egli scrive che “un uragano controllato potrebbe essere usato come arma per terrorizzare gli avversari su parti sostanziali del mondo popolato”. Sì! Amavano questo nel Pentagono! MacDonald sicuramente li amava anche lui. 

Sotto il prossimo titolo di “Climate Modification”, MacDonald ripassa alcune nozioni di base della fisica atmosferica, quindi afferma la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi della geoingegneria Solar Radiation Management che prevede la dispersione della luce solare nello spazio con l’uso di particelle atmosferiche disperse. Questo, afferma MacDonald, può salvarci dal temuto riscaldamento globale catastrofico. Per fare questo, MacDonald suggerisce di usare razzi, non aeroplani, ma l’idea è la stessa. Questo è ciò che fanno tutti i geoingegneri; affermano la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi di geoingegneria SRM. Direttamente dallo stabilimento, hanno la soluzione per il loro presunto problema. Ti costerà solo un po’ di soldi. Ricorda la Mano Nera che dice a un negoziante locale che, a meno che non paghi, il suo edificio potrebbe bruciare. 

Quindi suggerisce che la creazione di un buco nello strato di ozono della Terra potrebbe essere un’arma efficace che potrebbe essere “fatale per tutta la vita”. Interessante. Superando anche quello, allora ipotizza che l’uomo possa progettare il sole. Scrive che “tecniche avanzate per lanciare missili e scatenare grandi esplosioni” potrebbe fare la differenza. Poi si inizia a usare esplosioni di bombe atomiche per far scivolare le calotte polari nell’oceano, provocando così una tremenda ondata di marea. A completare la cavalcata della pazza scienza di MacDonald, l’autore scrive (tra le altre cose) di bombe nucleari utilizzate per innescare terremoti, che a loro volta potrebbero creare maremoti che sarebbero “catastrofici per qualsiasi nazione costiera”.  

Dopo aver ipotizzato che i fulmini potrebbero essere geoingegnerizzati, MacDonald scrive anche di usare l’atmosfera terrestre come mezzo di trasmissione per l’emissione di frequenze elettromagnetiche in grado di alterare la mente umana. Citando alcune delle ricerche attuali dell’epoca, osserva che questo tipo di attività potrebbe “seriamente compromettere le prestazioni cerebrali in popolazioni molto vaste in regioni selezionate per un periodo prolungato”. Scrive che “la perturbazione dell’ambiente può produrre cambiamenti in modelli di comportamento. “A completamento di questa sezione, afferma coraggiosamente che “non importa quanto profondamente inquietante sia il pensiero di utilizzare l’ambiente per manipolare il comportamento a vantaggio nazionale, la tecnologia che consente tale utilizzo molto probabilmente si svilupperà nei prossimi decenni.”  

Verso la fine, MacDonald scrive: 

Le carenze sia nella comprensione di base dei processi fisici nell’ambiente sia nella tecnologia dei cambiamenti ambientali rendono altamente improbabile che la modifica ambientale sia un sistema di armi attraente in qualsiasi confronto militare diretto nel prossimo futuro. L’uomo possiede già strumenti altamente efficaci per la distruzione. Alla fine, tuttavia, si può usare un mezzo diverso dalla guerra aperta per ottenere un vantaggio nazionale. Poiché la competizione economica tra molte nazioni avanzate aumenta, potrebbe essere il vantaggio di un paese garantire un ambiente naturale tranquillo per sé e un ambiente disturbato per i suoi concorrenti. Le operazioni che producono tali condizioni potrebbero essere eseguite di nascosto, dal momento che la grande irregolarità della natura consente tempeste, inondazioni, siccità, terremoti e maremoti di essere considerati insoliti ma non inaspettati. Una tale “guerra segreta” non deve mai essere dichiarata o persino conosciuta dalle popolazioni colpite. Potrebbe andare avanti per anni con solo le forze di sicurezza coinvolte che ne sono consapevoli. Gli anni della siccità e della tempesta sarebbero stati attribuiti alla natura scortese e solo dopo che una nazione fosse stata completamente prosciugata, si sarebbe tentato un rilevamento armato. 

Il paragrafo precedente riguarda l’uso della guerra geofisica contro i nemici stranieri. Nella sua ultima frase, MacDonald suggerisce che queste tecnologie potrebbero essere utilizzate a livello nazionale. Egli scrive che le questioni politiche derivanti dall’uso delle tecnologie di guerra geofisica “meritano considerazione da parte di studenti seri in tutto il mondo se la società deve vivere comodamente in un ambiente controllato”.   

Le profezie di MacDonald si sono avverate.  

Gordon JF ‘Come distruggere l’ambiente’ MacDonald è, con tutte le indicazioni, insieme a Teller, Vonnegut e altri, una delle chiavi di tutti gli aspetti scientifici dell’attuale New Manhattan Project. MacDonald potrebbe essere il più importante a causa del modo in cui apparentemente ha riunito tutto.  

Gli appunti:

“Come distruggere l’ambiente”, un saggio di Gordon James Fraser MacDonald come apparso nel libro del 1968 Unless Peace Comes, a cura di Nigel Calder, pubblicato da Viking Books, 1968  

Chemtrails Exposed: un New Manhattan Project, un libro di Peter A. Kirby, auto-pubblicato, 2016  

La storia del mondo antico: dai primi racconti alla caduta di Roma, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2007 

La storia del mondo medievale: dalla conversione di Costantino alla prima crociata, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2010 

La storia del mondo rinascimentale: dalla riscoperta di Aristotele alla conquista di Costantinopoli, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2013 

Peter A. Kirby è un ricercatore, scrittore e attivista di San Rafael, CA. Si prega di acquistare il suo libro Chemtrails Exposed: un progetto New Manhattan disponibile esclusivamente su Amazon. 

Il suo prossimo grande articolo “Chemtrails Exposed: The Deep State e il New Manhattan Project” è l’informazione che stavate aspettando e dovrebbe essere pubblicata probabilmente all’inizio del 2019. Per essere tra i primi a sapere, per favore iscrivetevi alla sua mailing list sul suo sito Web peterakirby.com 

Fonte:https://www.activistpost.com/  

®wld

Graham Hancock – tra il 10.800 e il 9.600 a.C.

  

A Roma lo scrittore Hancock, tra divinità, archeo-ingegneria e mito-storia: “la Terra è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata”. Può riaccadere?

di Stefania Abazia

Sala gremita. Siamo tutti in attesa di ascoltare Hancock che torna a Roma 10 anni dopo in un’evento organizzato dalla casa editrice capitolina ‘Spazio Interiore’. Graham Hancock è conosciuto in tutto il mondo. È nato in Scozia, a Edimburgo, ma ha vissuto a lungo in India, dove il padre lavorava come chirurgo. Tornato in patria, si è laureato in sociologia presso la Durham University, ed ha iniziato una splendida carriera arrivando a firmare articoli per Guardian, Times e Independent. Dal 1980 inizia a scrivere libri che diventano best-seller internazionali. Ne ricordiamo alcuni: “Il Segno ed il Sigillo”, “Impronte degli Dei”, “Il messaggio della Sfinge”, “Civiltà sommerse”, “Sciamani”. 

Link

La conferenza a cui abbiamo assistito s’intitola “Il Ritorno degli Dei” e si apre con una domanda: “È possibile che sia esistita una civiltà molto evoluta prima dell’era glaciale di cui poi si è persa traccia?” E prosegue sollevando un’altra domanda: “Che connessione c’è tra le opere dei Maya, degli Atzechi, degli Incas e le monumentali costruzioni egiziane?” Hancock rivela un messaggio universale celato nelle grandi opere e riportato nei miti e nelle leggende di tutte le popolazioni. Partendo da Nazca fino ad arrivare in Egitto, passando da Perù, Bolivia e Messico, l’autore va alla ricerca di una connessione, un legame, tra mappe, miti e opere architettoniche, lasciateci da popolazioni geograficamente lontane le une dalle altre e con una preparazione culturale, tecnologica e ingegneristica apparentemente non così avanzata da poter realizzare tali opere.

Secondo Hancock, vi sono prove sufficienti che suggeriscono che tra il 10.800 e il 9.600 a.C., uno tsunami di proporzioni epiche spazzò via interi continenti, a causa dell’impatto di una cometa. Nel tempio di Horus, nell’antica città egiziana di Edfu, celebri iscrizioni descrivono come Dèi gli esseri che vi si erano rifugiati, “provenienti da un’isola sacra, distrutta da inondazioni e incendi”. L’autore sostiene che un evento di estinzione antica “spazzò via Atlantide e le società avanzate di 12.000 anni fa”.

Gli egittologi affermano che il nome Atlantide non compaia in nessun testo. In effetti ce n’è solo uno risalente al 230 a.C. presente nel tempio di Horus (costruito su un tempio precedente). È Platone che parla chiaramente di Atlantide dicendo che è stata distrutta in una sola notte poiché dopo tanta evoluzione ricchezza ed elevazione materiale e spirituale, la popolazione era arrivata ai massimi livelli di materialismo e corruzione e al bisogno di potere e controllo sul mondo. Platone afferma di aver ricevuto questa storia da Solone che aveva visitato l’Egitto un secolo e mezzo a.C. ed aveva incontrato i sacerdoti Egizi. Era lui l’eredità di Atlantide e parla di quest’isola come la “Casa degli Esseri Primordiali”. Era una sorta di modello cosmico usato per costruire tutti i templi futuri, compreso le Piramidi.

La teoria di Hancock è che la storia del nostro pianeta è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata. E, nonostante si affermi il contrario, sono elevatissimi i rischi che ciò accada ancora. Più di 60 scienziati di varie discipline confermano con prove sempre più schiaccianti che la Terra 12.500 anni fa fu bombardata da una serie di comete. Normalmente le comete tendono a disintegrarsi. Una gigante di esse deve essere entrata nel nostro sistema solare e deve aver iniziato a disintegrarsi in diversi frammenti fino ad entrare in collisionecon la Terra. Il più grande di questi frammenti aveva il diametro di un chilometro, e dai dati emergerebbe che l’epicentro di queste impatto c’è stato nel Nord America che all’epoca era ancora sotto i ghiacci, provocando un’enorme inondazione di acqua dolce nell’ Oceano Atlantico e fermando quindi la Corrente del Golfo causando un’altra Era Glaciale per ulteriori 1200 anni. Questa civiltà molto evoluta che si è estinta quasi del tutto ed ha lasciato degli eredi che secondo la teoria di Hancock ci sono stabiliti in varie parti del mondo per tramandare insegnamenti importanti a tribù indigene meno evolute.

Di questi passaggi Hanckoc ci rivela in anteprima tracce che lui stesso è andato a verificare e studiare nei siti archeologici. Ci ha parlato di iscrizioni rupestri e incisioni sui muri megalitici identici sia nel nord che nel sud America. Queste iscrizioni riguardano tutte il tema della morte. Importantissima scoperta sconcertante di Hancock è che le stesse identiche tradizioni degli egizi sul viaggio che compie l’anima dopo la morte nel regno del Dual, sono ripetute in maniera identica in questi monumenti del Nord America, così come nelle giungle dell’Amazzonia. Quindi questa è la prova per lui assolutamente schiacciante che un’antica civiltà perduta dimenticata sia esistita ben prima di quanto ci tramandi la nostra storia ufficiale.

Nel “Ritorno degli dèi” Hancock identifica e documenta le tracce che dimostrano l’esistenza di questa civiltà evoluta preesistente all’era glaciale e si pone in una prospettiva nuova riguardo all’eredità del passato. Per ricominciare con le varie arti (artigianato, agricoltura, caccia) siamo stati aiutati e guidati dagli “Déi Costruttori”, i Sapienti sopravvissuti all’epoca antidiluviana che tramandando alle generazioni future tradizioni e sapienza derivanti da un’epoca precedente riuscirono a rinnovarsi, come la mitica fenice. La loro missione non fu però soltanto quella di consegnarci il patrimonio di conoscenze con cui ricominciare, ma anche di lasciarci un messaggio: sarebbe successo ancora! Un nuovo cataclisma incomberà sulla Terra e il “ritorno della fenice”, a cui sono da sempre associati distruzione e rinnovamento, avverrà proprio nei nostri tempi, un possibile futuro che dobbiamo prepararci ad affrontare.

Attualmente i popoli che potrebbero sopravvivere ad un cataclisma così grave sono i meno evoluti, quelli meno dipendenti dalla tecnologia. Quella tecnologia che invece di usarla nelle armi dovremmo usarla per prevenire i cataclismi. Questo è il vero messaggio di Hancock. Perché se non lo facciamo, se come fu per il popolo di Atlantide, faremo prendere il sopravvento all’arroganza e alla smania di potere, allora potremmo essere proprio noi un giorno ad estinguerci, e quel giorno, a quanto pare, non è affatto così lontano. E non è affatto escluso che la Terra possa impattare con un meteorite anche di 30 km! Perciò assicuriamoci di non essere la prossima Civiltà perduta. Siamo in un momento cruciale e ancora troppe poche persone si stanno Risvegliando

Fonte: https://oasisana.com/

®wld