Crea sito

LETTURE ESTIVE

LETTURE ESTIVE

Timeline Alternativa del Pianeta Terra

di Alien Observer Traduzione di Anticorpi.info 400 milioni di anni fa. Risale a 400 milioni di anni fa la impronta di scarpa rinve…

LETTURE ESTIVE

Demoni e antichi astronauti

Gilgamesh era il Demone dell’antica Sumeria, un deceduto degli antichi astronauti? 

di Ivan 

Indubbiamente, la cultura popolare non gli rende la giustizia che merita e il suo nome diventa più inosservato di quanto dovrebbe essere. Gilgamesh è il padre di tutti gli eroi mitologici che sono stati conosciuti nella storia dell’umanità.

Era il primo

Come molte cose nella nostra cultura, anche lui ha avuto origine nell’antica Sumer, la terra considerata la culla della civiltà, nascosta nelle profondità dell’antica Mesopotamia.

 

Statua di Gilgamesh all’Università di Sydney (Samantha / Flickr / Creative Commons) 

 

Probabilmente il primo supereroe della storia, Gilgamesh ha raggiunto la fama soprattutto come il protagonista del “Poema di Gilgamesh”, chiamato anche “Epopea di Gilgamesh“.

Prove storiche suggeriscono che Gilgamesh abbia costruito le mura cittadine di Uruk per difendere il suo popolo. Gilgamesh ha combattuto contro il demone Humbaba (o Huwawa), insieme al suo ex nemico Enkidu.

Dopo aver ucciso il demone, riportarono la sua testa su Uruk su una zattera, costruita da alberi massicci. Gilgamesh ed Enkidu sconfissero anche il Toro del Paradiso inviato dalla furiosa dea Ishtar dopo che Gilgamesh si rifiutò di diventare il suo amante.

L’Epopea di Gilgamesh, (che si ritiene sia stata scritta intorno al 2150-1400 a.C.), la grande opera poetica sumera, è considerata la più antica opera di letteratura epica mondiale.

Precede gli scritti di Omero di almeno 1.500 anni.

Il primo poema epico che è conservato negli annali della storia, racconta le sue avventure e la ricerca dell’immortalità dopo la morte del suo amico Enkidu.

Si ritiene che l’epopea sia stata scritta approssimativamente nell’anno 2500 a.C., fatta in modo di sopravvivere alla storia incarnata in tavolette d’argilla.

La storia lo colloca come l’eroe principale, un re crudele e lussurioso, che dormiva con donne appena sposate prima di consumare il matrimonio con i loro mariti.

L’antica Lista dei Re Sumeri ci dice molte cose su Gilgamesh.

Secondo la lista storica, Gilgamesh era il figlio della dea Ninsun e un sacerdote di nome Lillah ed era il sovrano del distretto di Kulab e il quinto re della città di Uruk intorno al 2750 a.C. Gilgamesh era a due terzi dio da sua madre, la dea Ninsun e un terzo umano da suo padre.

Nella mitologia sumera, Ninsun è la figlia delle divinità Anu e Uras. Ninsun è stato anche collegato a divinità più antiche poiché si ritiene che sia la loro reincarnazione.

Secondo “Viaggio di Pabilsag a Nibru“, Ninsun era originariamente chiamata Nininsina. Secondo l’antico testo babilonese, Nininsina sposò Pabilsag vicino a una riva del fiume e diede alla luce Damu come risultato dell’unione.

È succeduto al re Lugalbanda e regnò per 126 anni e poi lasciò il trono al figlio Ur-Nungal, che regnò per 30 anni.

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

GILGAMESH THE KING

La prima vera Opera Letteraria della Storia

Il mito di Gilgames

Gilgamesh – Il senso della vita

Un fortuito ritrovamento

ENUMA ELISH IL MITO DELLA CREAZIONE

®wld

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata

 

Zecharia Sitichin aveva ragione riguardo gli Anunnaki e un pianeta extra nel nostro sistema solare?

di Arjun Walia   

La storia antica è piena di strane storie documentate, che sfortunatamente continuiamo a ignorare, ma stiamo migliorando e la mente umana collettiva si sta aprendo a nuove spiegazioni per la natura della realtà e una miriade di altri argomenti, come per esempio, la storia umana. 

Molte “leggende” del nostro mondo antico sembrano essere in fase di riscoperta, un grande esempio sarebbe la correlazione tra le antiche credenze spirituali orientali e la fisica quantistica, con la sua forte correlazione e dipendenza dalla coscienza. Un altro esempio potrebbero essere le antiche pratiche sanitarie, comunemente chiamate medicina naturopatica. L’esempio in questo articolo si occupa di antiche tradizioni di esseri appartenenti ad altri mondi, ed è ancora più interessante a causa della moderna rivelazione di UFO che stiamo vedendo e l’evidenza che suggerisce che alcuni di loro potrebbero essere extraterrestri è piuttosto affascinante, almeno per quelli che hanno avuto il tempo di guardare. 

Quando si contempla specificamente gli extraterrestri, ci sono molti esempi tra cui scegliere. Che siano gli Uomini delle stelle a parlare delle storie dei Nativi del Nord America, o i presunti incontri moderni con diversi tipi di esseri extraterrestri, credetemi, non c’è differenza. 

Forse una delle storie più famose viene dal lavoro di Zecharia Sitchin, un uomo e autore di molti libri che propongono una spiegazione per le origini umane che coinvolgono gli antichi astronauti. Il famoso ricercatore Jim Marrs nel suo libro, Our Occulted History, descrive bene il lavoro di Sitchin e le sue scoperte, 

“In diversi racconti incisi permanentemente nelle loro tavolette d’argilla, gli antichi scribi sumerici fornivano maggiori dettagli sulla fonte della loro conoscenza. Hanno scritto che 432.000 anni prima del Grande Diluvio, gli Anunnaki arrivarono e insegnarono loro le basi della civiltà … Secondo le interpretazioni di Zecharia Sitchin e molti altri, il termine Anunnaki significa “quelli che sono venuti dai cieli sulla Terra”. Nella narrativa di Sitchin, questi erano astronauti del pianeta Nibiru che hanno viaggiato attraverso la fascia degli asteroidi e inizialmente sono sbarcati nel Golfo Persico.” 

Marrs, continua descrivendo come una volta lì, cominciarono a colonizzare e cercare l’oro, oltre a manipolare il DNA dei “primitivi” sulla Terra, che alla fine divennero i re e le famiglie aristocratiche sulla Terra, che alla fine portarono alla devastazione e guerra in tutto il mondo. 

Storie di altri esseri del mondo sono presenti anche in molte leggende africane della creazione, come il popolo Zulu, che significa “cielo”. La loro connessione con le storie di Zecharia Sitchin è piuttosto affascinante, poiché le storie di questi “Dei” hanno gli stessi aspetti attribuiti agli Anunnaki nelle tavolette sumeriche. Se vuoi ascoltare alcuni esempi di storie, basta digitare su Google Credo Mutwa. Anche il ricercatore sudafricano Michael Tellinger lo descrive abbastanza bene, questo è un altro estratto dalla nostra storia occulta. 

“La maggior parte della mitologia africana parla delle stesse cose, gli dei del cielo, l’abelungu che discese dal cielo. Hanno creato il popolo, per estrarre l’oro. Credo Mutwa (e uno sciamano africano) ci dice che Abantu in Zulu significa i figli di Antu. Antu è la dea sumera dell’Abzu, da cui proviene l’oro. Lord Enki è anche conosciuto come Enkei come il creatore-dio, l’uomo di medicina sumero. Ha clonato una specie. Il suo simbolo è sul simbolo medico, caduceo. Questo è uno dei più antichi simboli sulla terra codificati con così tanta conoscenza e informazione che possiamo dedicare solo una conferenza su di esso.” 

Un altro esempio potrebbe essere Quetzalcoatl, considerato un racconto mitico. Il cronista spagnolo, Juan de Torquemada, afferma che Quetzalcoatl era “un uomo dalla carnagione chiara e rubiconda con una lunga barba”. Il ricercatore Graham Hancock lo descrive come segue

“Una persona misteriosa … un uomo bianco con un possente corpo, fronte ampia, occhi grandi e una barba fluente. Era vestito con una lunga veste bianca che arrivava fino ai piedi. Condannò i sacrifici, ad eccezione di frutta e fiori, ed era conosciuto come il dio della pace. Quando si parla di guerra, si dice che si sia tappato le orecchie con le dita”. (Fonte) 

Ora, è importante tenere presente che ci sono qui molte più storie in molti periodi di tempo. La Mesopotamia sembra davvero un luogo in cui il contatto extraterrestre si stava verificando frequentemente, e stiamo vedendo cosa potrebbe aver avuto luogo. Ci sono storie di contatti amichevoli tra varie tribù del Nord America, e ci sono diversi tipi di esseri, descrizioni diverse, eppure tante somiglianze. 

Ad essere onesti, come disse una volta l’Astronauta Story Musgrave, “ci sono probabilmente trilioni di razze diverse là fuori che fanno viaggi tra le stelle”. 

“C’è un altro modo, che si tratti di wormhole o di spazio di warping, che ci sia un modo per generare energia in modo da poterlo estrarre dal vuoto, e il fatto che siano qui ci mostra che hanno trovato un modo.”

Jack Kasher , Ph.D, Professore emerito di fisica, Università del Nebraska. 

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata, il modo in cui viene detto ora è abbastanza noioso, secondo me, siamo bloccati sul creazionismo e sull’evoluzione come le nostre uniche due opzioni quando potrebbe essere qualcosa di molto più grande e più complesso e selvaggio, con un po’ di mix di tutto, forse. L’unica certezza è che ciò che ci viene insegnato non sembra adattarsi a tutte le strane scoperte che sono state fatte negli anni di giganti e strani teschi umanoidi / corpi

Il nostro mondo è intriso di segretezza, e quelle che vengono percepite come le idee più “stravaganti”, in molti casi, di solito hanno la massima validità. La verità non si ferma, è sempre lì. Tuttavia, la percezione umana della verità e la reazione ad essa determinano ciò che creiamo come verità. Se tutti crediamo che qualcosa lo sia, lo potrebbe essere? Ma quelle sono discussioni più profonde, il punto è che ci sono verità che rimangono, quando l’umanità sceglierà di accettarle così da poter passare da quelle che non risuonano, è una storia diversa, ma stiamo facendo un buon lavoro di ricerca. 

Secondo Sitchin, circa mezzo milione di anni fa questi esseri Anunnaki vennero sulla Terra perché il nostro pianeta e il loro pianeta si trovavano nelle immediate vicinanze. 

Il lavoro di Sitchin è stato criticato e respinto dal mondo accademico tradizionale, allo stesso modo quello della parapsicologia. Ad esempio, un professore di statistica presso la UC Irvine ha pubblicato un documento che mostra che gli esperimenti parapsicologici hanno prodotto risultati molto più forti di quelli che mostrano una dose giornaliera di aspirina per aiutare a prevenire un attacco di cuore. 

Quando spingi i confini delle credenze, non importa quanti ricercatori, studiosi e accademici sono d’accordo con te, ci sarà sempre il grande che non lo fa e quella è la persona che otterrà la maggior pubblicità per screditarti, al fine di mantenere una sorta di status quo. Questo è quello che è successo a molte persone, incluso Sitchin, ma c’è una ragione per cui milioni di persone sono così affascinati da tutte le connessioni fatte da lui, e da coloro che hanno seguito il suo lavoro o fanno ricerche in un’area simile. 

Ad esempio, Paul Von Ward, un importante autore, ricercatore e psicologo ha scritto, 

“Anche se non sono d’accordo con la sua cosmologia … la sua delucidazione dei dettagli storici e la loro connessione ad altri campi della conoscenza si alzano sotto una revisione comparativa con il lavoro di altri studiosi. Il suo sommario di informazioni relative agli “antichi dei” conosciuti in Sumeria come gli Anunnaki presenta una miscela coesiva e difendibile di materiale testuale e interpretazione giudiziosa”. 

Un autore che ha studiato più di trecento traduzioni di antichi scritti mesopotamici e vedici, scrive CL Turnage, 

“Dopo aver studiato la teoria di Sitchin, ho iniziato la mia personale contemplazione dell’epopea biblica pre-biblica dell’Enuma Elish. Fu da uno studio di questa narrazione che Sitchin divenne consapevole del pianeta Nibiru e del suo insediamento all’interno del nostro sistema solare. Questo racconto è stato originariamente scritto su sette tavolette d’argilla, ognuna corrispondente a un giorno della creazione … Dopo il mio studio di queste cronache, sono d’accordo con le scoperte di Sitchin.”

Nondimeno, i fatti affascinanti rimangono inspiegabili a meno che non prendiamo una prospettiva extraterrestre. Prendiamo ad esempio che i Sumeri antichi stavano descrivendo accuratamente i pianeti Urano, Nettuno e Plutone … Questi pianeti non possono nemmeno essere visti senza un telescopio.

Il decimo pianeta  

Questo tipo di cose è stato abbastanza popolare in certi punti della storia umana. Nel 1981 gli scienziati stavano contemplando la possibilità di prove strane che suggerivano un ulteriore corpo solare nel nostro sistema. 

Il libro di Marrs continua descrivendo un articolo di Hugh McCann, uno scrittore per il Detroit News all’epoca, 

“Se le nuove prove dell’US Naval Observatory di un decimo pianeta nel sistema solare sono corrette, potrebbe provare che i Sumeri … erano molto più avanti rispetto all’uomo moderno in astronomia”. 

I Sumeri lo chiamavano il 12° pianeta, ma contano la luna e il sole, quindi ha un senso. 

Il 30 dicembre 1983, il Washington Post aveva un titolo in prima pagina che diceva: 

“Un corpo celeste grande quanto il pianeta gigante Giove e possibilmente così vicino alla Terra che lo farà parte di questo sistema solare, è stato trovato nella direzione della costellazione di Orione da un telescopio orbitante a bordo dell’IRAS (Infrared Astronomical Satellite) statunitense. Così misterioso è l’oggetto che gli astronomi non sanno cosa sia …” 

Ciò che viene in mente sono le recenti dichiarazioni dell’astronauta dell’Apollo 15 Al Worden, 

“Noi Siamo gli alieni, ma pensiamo che siano qualcun altro, ma siamo noi che siamo venuti da qualche altra parte. Perché qualcun altro doveva sopravvivere, e hanno preso una piccola astronave spaziale e sono venuti qui, sono atterrati e qui, hanno iniziato la civiltà, questo è quello che credo. E se non mi credi, vai a prendere libri sugli antichi Sumeri e vedi cosa hanno da dire a riguardo, te lo diranno subito “. 

I suoi commenti differiscono in modo significativo dal dott. Edgar Mitchell, che ha affermato di “essere abbastanza privilegiato per essere presente sul fatto che non siamo soli in questo pianeta” e che “siamo stati visitati molte volte”. 

Il nostro mondo è intriso di segretezza, pensi che se un tale corpo nel nostro sistema solare fosse scoperto che avremmo persino sentito qualcosa a riguardo? Molto probabilmente no. 

Un grande esempio è la recente rivelazione di UFO da parte del governo degli Stati Uniti attraverso le To The Stars. Puoi leggere di più su questo in dettaglio nell’articolo collegato sotto. 

Ancora una volta, la storia degli Anunnaki potrebbe essere vera, ma è stato tanto tempo fa, e se quel pianeta esiste, forse anche le cose sono cambiate. Stiamo esaminando, semmai, un piccolo racconto di contatti extraterrestri che si è verificato nella storia di questo pianeta.  

Se vuoi leggere altri nostri articoli sull’argomento UFO / Extraterrestri, puoi cliccare qui.

Nibiru il pianeta invisibile

Il cataclisma Nibiru, gli Anunnaki e il Pianeta X 

Nibiru è il nome di un corpo celeste della mitologia babilonese. Secondo la loro mitologia, Nibiru era un possente oggetto celeste associato al dio Marduk. 

Nibiru significa “luogo dell’attraversamento” o “luogo di transizione”.

In molti testi babilonesi, è identificato con il pianeta Giove, sebbene sulla tavoletta 5 dell’Enûma Elish sia associato alla stella polare. 

Gli antichi Anunnaki sono l’anello mancante nella nostra storia amnesica?   

Negli ultimi due decenni, è stato ipotizzato che Nibiru sia un pianeta in orbita attorno al nostro Sole al di là di Nettuno e che attraversa le orbite del resto dei pianeti. Tuttavia, nonostante queste affermazioni, la comunità scientifica nega categoricamente l’esistenza di un tale pianeta e ha fatto molteplici dichiarazioni al riguardo. 

In un articolo scritto da Skeptical Inquirer, Morrison ha scritto che per gli astronomi “affermazioni persistenti su un pianeta vicino ma invisibile sono semplicemente assurde“. 

Questo odio nei confronti di “Nibiru” potrebbe derivare dal fatto che in numerose occasioni si è affermato che un pianeta canaglia su un’orbita di 3.600 anni sta per entrare nel sistema solare interno e passando vicino alla terra causerebbe una catastrofe sul nostro pianeta.

Circa otto anni dopo, il mainstream degli astronomi si sono entusiasmati di un pianeta che non riescono a vedere. 

Vi ricordate il caloroso iteresse riguardo al Pianeta nove?  

Gli astronomi del Caltech Mike Brown e Konstantin Batygin hanno fatto un’esclamazione esplosiva nel 2016: basandosi sul movimento orbitale degli oggetti nella fascia di Kuiper, una regione al di là di Nettuno che ospita Plutone e altri corpi ghiacciati, ci deve essere qualcosa di molto più grande la fuori, nascosto (salvo per i suoi sottili strattoni gravitazionali) dal resto del sistema solare: un pianeta invisibile.  

Dopo che furono fatte le affermazioni, la comunità scientifica mantenne la calma e curò (il più possibile) la ricerca di Mike Brown e Konstantin Batygin, nonostante l’improbabilità.  

Come spiegato dallo Scientific American, “i migliori modelli di Brown e Batygin mettono questo oggetto misterioso a una decina di volte la massa terrestre, forse 20 volte più distante dal sole di Nettuno e attualmente alla deriva attraverso quella che potrebbe essere un’orbita di 20.000 anni in una zona di cielo vicino alla costellazione di Orione. Brown e Batygin lo chiamavano Planet Nine.” 

Ma non dimentichiamo come sono stati scoperti alcuni dei pianeti più importanti del nostro sistema solare: tutto è iniziato con un’idea. 

E, curiosamente, l’idea che i pianeti sconosciuti esistano lontano dal sole non è qualcosa di nuovo. In realtà, tali affermazioni possono essere fatte risalire al 1800 e incoraggiato le scoperte di entrambi Plutone e Nettuno. 

 

Parlando del pianeta ‘invisibile’, Batygin ha detto: 

“Cerco di non essere religioso riguardo ai miei risultati. È importante mantenere un occhio scettico.” 

“Ma, mi sento più a mio agio di quanto non facessi due anni fa perché la teoria regge ancora magnificamente. Più guardiamo, più vediamo un sistema solare, più ci rendiamo conto che non ha senso senza il Planea Nove.” 

I forum scientifici mettono in guardia su una strategia comune per confondere e nutrire il mito dell’esistenza di questo pianeta, consistente nel relazionare il pianeta Nibiru con qualsiasi commento su Pianeta X, Pianeta Nove o sul pianeta nano Eris.  

Molti autori convinti che il pianeta mitologico degli antichi Sumeri sia il vero punto verso l’idea che Nibiru sia già visibile e/o che la NASA nasconda l’informazione, dando come prova un effetto ottico che si verifica nelle fotocamere di bassa qualità quando si fotografa il Sole (mai visto ad occhio nudo). 

Su Google, YouTube e altri social network troviamo una miniera di informazioni sul Planeta X, alias Nibiru, anche se senza riferimenti scientifici. Ma non dimentichiamo che quello che un giorno è stato un puro mito per l’astronomia, può trasformarsi anni dopo in una realtà, e il Planeta Nove di Brown e Batygin ne è la prova.  

Ritornando a Nibiru …  

Uno degli argomenti tipici per spiegare la mancanza di visibilità del pianeta mitologico è che: “L’occhio umano può vedere solo i colori che si trovano nello spettro della luce visibile, cioè quando l’emissione di luce ha una lunghezza d’onda di 400 – 700 nm. D’altra parte, la luce a infrarossi ha una lunghezza d’onda più lunga, quindi abbiamo bisogno di una fotocamera in grado di rilevare la luce a infrarossi, presumibilmente ciò che emette Nibiru.”  

Tuttavia, allo stesso tempo, si afferma che Nibiru è un pianeta (quindi deve riflettere la luce visibile del Sole) e non una stella che emette luce. 

Ma vuol dire che anche se non l’abbiamo individuato, non è lì? Beh, non proprio, voglio dire, guardando indietro il pianeta Nove e la sua confusione. Non possiamo individuarlo, eppure ci sono prove che suggeriscono che esiste.  

Tuttavia, la prova che Nibiru sia reale è scarsa e si basa principalmente su antichi testi mitologici e sulla traduzione di testi mesopotamici da parte dei famosi teorici dell’antico astronauta di Zecharia Sitchin.  

Il Cataclisma di Nibiru è una presunta disastrosa collisione tra la Terra e il massiccio pianeta, che si dice sia la dimora degli antichi Anunnaki.  

La controversa teoria appare per la prima volta nel 1995 quando è stata presentata da Nancy Lieder, fondatrice del sito web ZetaTalk. 

La presunta orbita di Nibiru. 

Tuttavia, l’autore che rese famoso Nibiru nella cultura moderna fu l’antico astronauta di Zecharia Sitchin e le sue interpretazioni sulla mitologia babilonese e sumerica, sebbene abbia negato qualsiasi legame tra il suo lavoro e varie affermazioni di una futura apocalisse.  

Nel libro di Sitchin *Il Dodicesimo Pianeta*, l’autore passa attraverso la sua interpretazione di antichi testi religiosi mesopotamici, su come un pianeta gigante (chiamato Nibiru o Marduk) passa dalla Terra ogni 3.600 anni, permettendo ai suoi abitanti senzienti di interagire con l’umanità. 

Sitchin identificò questi esseri con gli Anunnaki nella mitologia sumera e affermò che essi erano i primi dei dell’umanità, gli esseri alieni che ci crearono.  

Come spiegato da Sitchin, Nibiru (indicato come “il dodicesimo pianeta” da quando Sitchin sosteneva, l’interpretazione data dal dio Sumero del Sistema Solare contò tutti e otto i pianeti, oltre a Plutone, il Sole e la Luna) era la casa di una razza extraterrestre tecnologicamente avanzata chiamata Anunnaki nel mito sumerico, che Sitchin afferma e chiama Nephilim in Genesi.  

Sitchin ha scritto che si sono evoluti dopo che Nibiru è entrato nel nostro sistema stellare, e sono venuti sulla Terra circa 450.000 anni fa, alla ricerca di minerali, in particolare l’oro, che hanno trovato e estratto in Africa. Sitchin afferma che questi “dei” erano gli operai della spedizione coloniale sulla Terra dal pianeta Nibiru.   

https://ancient-code.com/ 

*Il Dodicesimo Pianeta* e/o “Il Pianeta Degli Dei” – QUI il pdf del libro 

Nella bacheca del blog a destra la quarta voce: “Cerca nel blog” digitando la parola NIBIRU potrai trovare altri argomenti inerenti 

Ultimo articolo correlato su Nibiru: Planet X / Nibiru Segni sfacciati della sua venuta 

®wld

Fantasmi Mesopotamici

Le malefiche azioni dei fantasmi assiri .. e come vincerle Caccia ai fantasmi Mesopotamici

17 Febbraio 2018 dal sito Web Ancient-Origins traduzione di Nicoletta Marino  Versione originale in spagnolo 

L’Assiria come la Mesopotamia ingenere hanno sempre affascinato l’immaginazione dell’uomo occidentale.

Le credenze siriane sul mondo spirituale non fanno eccezione.

Gli Assiri credevano che i fantasma potessero tornare dalla morte se non erano stati sotterrati bene o se erano morti in maniera traumatica o antinaturale, per tormentare, molestare e anche possedere i vivi.

Erano fatti elaborati esorcismi per espellere o allontanare gli spiriti malefici.

Una volta che uno studioso di storia apprende le storie assire sui fantasmi e gli esorcismi, la ragione per cui i fantasma erano così temuti diventa qualcosa di facile comprensione.

La “vita” di un fantasma mesopotamico – Mangiare terra e bere acqua fangosa

Gli antichi Assiri, come altre culture mesopotamiche, credevano che, dopo la morte, una persona diventava un gidim o etemmu, che sono la parola sumera e accadica per un tipo di spirito che continuava a vivere negli Inferi.

Il mondo degli Inferi mesopotamico era rappresentato come un luogo lugubre dal quale nessuno poteva scappare. Lì il mangiare era solo terra e l’acqua proveniva da pozze fangose.

Nonostante il fatto che i defunti avrebbero vissuto per sempre nel mondo degli Inferi, si credeva comunque che avessero bisogno di alimenti e acqua per stare bene.

Ottenevano cibo e acqua dalle offerte funerarie fatte dai loro parenti vivi. Se i famigliari non avessero avuto cura di queste offerte funerarie, il defunto era condannato a un’eternità fatta di fame e di sete.

Bassorilievo della “Regina della Notte”del Periodo Babilonico anticoe che potrebbe rappresentare Ereshkigal, Ishtaro anche Lilith, dea degli Inferi.(Dominio pubblico)

Anche se i fantasmiin genere non lasciavano mai il mondo degli Inferi, c’erano situazioni in cui agli spiriti dei morti era permesso di ritornare “temporaneamente” nel regno dei vivi.

Se una persona morta non era sotterrata correttamente, o se era accaduta una qualche ingiustizia o situazione innaturale alla sua morte, gli era permesso tornare nel regno dei vivi come fantasma per risolvere il problema e aggiustare le cose.

Una volta fatto, tornavano nel mondo degli inferi.

Visto che in genere i fantasmi sono spiriti vendicativi che ritornavano perche erano stati maltrattati durante o dopo la morte, un incontro con un fantasma era considerato qualcosa di poco gradevole.

I fantasma venivano abitualmente a tormentare e possedere amici, famigliari e conoscenti. Apparivano anche ai loro nemici.

Gli spiriti potevano apparire ai vivi come apparizioni e attraverso la possessione.

Potevano possedere persone vive introducendosi nella loro testa attraverso le orecchie, in modo che se un individuo iniziava a sentire dolore o un ronzio nelle orecchie, una possibilità era che un fantasma lo aveva “visitato”. 

I fantasma potevano Ritornare nel mondo dei vivi Come apparizioni o attraverso la possessione. (Glass_House/CC BY ND 2.0 ) 

Come liberarsi dei fantasma 

In genere l’unica maniera di liberarsi di un fantasma era di riparare al male commesso contro di lui di qualunque genere.

I medici abilitati a realizzare esorcismi chiedevano sempre ai loro pazienti di sincerarsi se avessero commesso un’offesa di qualsiasi tipo, commessa contro lo spirito o gli dei, scatenando così la possessione.

Gli esorcismi assiri comprendevano rituali magici, incantesimi e l’invocazione a divinità come il dio Shamash.

Shamash era il dio del Sole della Mesopotamia, e anche il dio della giustizia. Si credeva che visitasse il mondo degli Inferi ogni notte dopo il tramonto per giudicare i morti.

Come dio della giustizia e un dio associato ai morti, le persone che soffrivano in quanto tormentati o posseduti da uno spirito, lo invocavano con preghiere o rituali magici, nella speranza di poter così risolvere il problema pacificando o fermando lo spirito.

  Il re armato della mazza, In piedi su una piattaforma rettangolare a forma di cassa, segue la dea supplice(con il collare) e il re vestito con una tunica che porta un animale come offerta. Sono in piedi davanti al dio Sole nascenteShamash, che impugna un coltello dentellato e tiene un piede su un toro sdraiatodalla testa umana. (CC BY SA 3.0 )

http://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Ipostasi degli Arconti

 

Gli Arconti; I Divini Creatori del Cosmo e dell’Umanità

Nell’antichità ci si riferiva all’Arcano o agli Arconti come ai servitori del Demiurgo, il dio creatore che si frapponeva tra la razza umana e un Dio trascendente che poteva essere raggiunto solo attraverso la conoscenza della vera natura dell’umanità come divina, portando alla liberazione della scintilla divina all’interno l’umanità dai vincoli dell’esistenza terrena.

L’arconte è anche la parola greca che significa “sovrano”, che veniva anche spesso usato nei tempi antichi come il titolo di un certo ufficio pubblico in un governo. 

Se diamo un’occhiata agli Arconti da un punto di vista gnostico, capiremo che in questo contesto erano considerati gli angeli e i demoni del vecchio testamento. 

Ipostasi degli Arconti: i creatori divini dell’universo e dell’umanità 

I governanti prepararono i piani e dissero: “Venite, creiamo un uomo che sarà suolo dalla terra”. Hanno modellato la loro creatura come un tutt’uno con la terra. Ora il corpo […] dei governanti […] hanno […] femmina […] è con la faccia di una bestia. Avevano preso un po’ di terra dalla terra e modellato il loro uomo dopo il loro corpo e dopo l’immagine di Dio che era apparso loro nelle acque. Dissero: “Veniamo, lasciateci prendere per mezzo della forma che abbiamo modellato, in modo che possa vedere la sua controparte maschile […], e possiamo afferrarla con la forma che abbiamo modellato” – non capendo la forza di Dio, a causa della loro impotenza. Gli soffiarono in faccia, e l’uomo venne per avere un’anima e rimase per terra molti giorni. Ma non potevano farlo alzare a causa della loro impotenza. Come venti tempestosi, persistevano nel soffiare, cercando di catturare quell’immagine, che era apparsa loro nelle acque. Senza conoscere l’identità del suo potere. (Fonte 

Chiamata anche The Reality of the Rulers, l’Ipotesi degli Arconti è un’esegesi – un’interpretazione critica di un testo religioso – sul Libro di Genesi 1-6 ed esprime la mitologia gnostica dei creatori divini del cosmo e dell’umanità.   

Credito d’immagine: Klaus Wittman. Pubblicato con permesso. 

Il libro della Genesi è il primo libro della Bibbia ebraica (il Tanakh) e l’Antico Testamento cristiano.

Questo antico testo era venerato tra molti altri dalla biblioteca di Nag Hammadi. La biblioteca di Nag Hammadi chiamata anche “Manoscritti di Chenoboskion” o “Vangeli gnostici” è una raccolta di numerosi testi cristiani e gnostici trovati nell’alto Egitto nel 1945. 

Si ritiene che la Realtà dei sovrani sia stata scritta durante il terzo secolo d.C. I ricercatori credono che sia nato da un periodo tradizionale nello gnosticismo quando si trasformava da uno stato puramente mitologico in una fase filosofica.

La scrittura è presentata come un’istruzione sul tema dei dominatori (arconti) del mondo menzionati da San Paolo.

L’intenzione espressa di questo scritto è di insegnare la verità sui poteri che hanno autorità su questo mondo. 

La storia inizia con il vanto del demiurgo, l’arconte supremo, in parole attribuite al Dio della Bibbia: “Io sono quello che sono, Dio non è nulla separato da me” 

La Realtà dei Sovrani viene presentata come un trattato erudito in cui un insegnante si avvicina a un argomento suggerito dal dedicatario del lavoro. Il trattato inizia con un frammento di cosmogonia, che guida una “vera storia” revisionistica degli eventi nella storia della creazione della Genesi, rivelando una sfiducia gnostica del mondo materiale e il demiurgo che l’ha concepito. Un “dialogo di rivelazione angelica” emerge all’interno di questa narrazione in cui un angelo ripete ed elabora il frammento dell’autore del mito cosmogonico in un ambito molto più ampio, concludendo con una profezia storica della venuta del salvatore e della fine dei giorni.

Bentley Layton, professore di studi religiosi (antico cristianesimo) e professore di lingue e civiltà del Vicino Oriente (copto) all’Università di Yale, scrive: La realtà dei sovrani (‘Ipostasi degli arconti’) racconta la storia gnostica dalla creazione di Yaldabaoth giù fino a Noè e alla grande alluvione e si conclude con una predizione dell’avvento finale del salvatore, la distruzione dei poteri demoniaci e la vittoria degli gnostici. 

Come notato da Roger A. Bullard nel suo libro “L’ipostasi degli arconti: il testo copto con traduzione e commento“, l’inizio e la conclusione del testo sono cristiani gnostici, ma il resto del materiale è un racconto mitologico sull’origine e natura dei poteri arconali che popolano i cieli tra la Terra e l’Ogdoad, e come questi antichi eventi influenzano il destino dell’uomo.

Sebbene non sia collegato a questo punto, è possibile che i cosiddetti Arconti fossero in qualche modo collegati agli Anunnaki Antichi? Cibo per la mente. 

Secondo l’Ipostasi degli Arconti, questi sono i personaggi mitici:

Il genitore dell’intera società: l’invisibile spirito vergine

incorruttibilità 

Il bambino: presiede per intero 

I quattro luminari: Eleleth e altri tre  

Il vero essere umano 

La razza non domata 

Saggezza: Sophia o Pistis Sophia

Zoe (vita): figlia di Sophia

Yaldabaoth: Il capo sovrano chiamato anche Sakla e Samael

Sabaoth: uno dei primi sette discendenti di Yaldabaoth 

Adamo: il primo essere umano 

Eva: la moglie e la controparte di Adamo

Caino: il figlio di Eva generato dai governant

Abele: il figlio di Eva generato da Adamo 

Seth: un figlio per dio  

Norea: la figlia di Eva 

https://ancient-code.com/

®wld

Articoli correlati>

Norea la figlia di Eva

Sophia e gli Arconti

indagine sugli arconti

“ARCONTI”

ANU – l’antenato degli Anunnaki

Gli Anunnaki erano considerati esseri celesti venuti sulla Terra, migliaia di anni fa.

Anu, la fonte suprema di ogni autorità e l’antenato degli Anunnaki

Anu era una delle più antiche divinità del pantheon sumero, era considerato il padre e il primo re degli dei, ed è indicato come l’antenato degli antichi Anunnaki.

Nella mitologia sumera, An (in Sumerian An = “sky”) o Anu (in accadico) era il dio del cielo, signore delle costellazioni, re degli dei, che viveva con sua moglie, la dea Ki (in sumerico, “Terra” o Antu in accadico), nelle regioni più alte del cielo.

Si credeva che avesse il potere di giudicare coloro che avevano commesso crimini e che aveva creato le stelle come soldati per distruggere i malvagi.

Il suo attributo era la tiara reale.

Il suo servitore e ministro era il dio Ilabrat.

La cosa ancora più importante, è che era era il padre di Enlil, l’antico dio mesopotamico del vento, dell’aria, della terra e delle tempeste. E l’antenato degli Anunnaki, la fonte suprema di ogni autorità.

An, l’Antenato degli Anunnaki: quelli che scesero dal cielo

Allora, chi erano gli antichi Anunnaki?

Il termine ANUNNAKI, se frammentato, si traduce; ANU: “CIELO” – NNA: “Discendere” – KI: “Terra”: “Coloro che sono discesi dal cielo in terra …”

Oggi molti autori sono convinti che non sono né dèi né angeli, ma esseri di un altro pianeta venuti sulla Terra in possesso di uno sviluppo tecnologico e di una conoscenza avanzata della fisica, in grado di manipolare le menti di una razza “inferiore” e trasformarli in un specie schiavi.

Difronte a una civiltà tecnologica come quella degli Anunnaki, l’uomo si inginocchiava considerandoli Dei celesti con poteri per governare il cielo e la terra.

In altre parole, queste “divinità” sono state male interpretate come divinità supreme poiché possedevano una tecnologia che l’uomo primitivo non era in grado di comprendere e capire.

An era una delle divinità più potenti e importanti nel pantheon sumero e gli Dei Anunnaki erano considerati la progenie di An e della sua consorte Ki.

Secondo Black and Green nel loro libro Gods, Demons and Symbols of Ancient Mesopotamia: An Illustrated Dictionary, gli antichi Anunnaki erano proprio questo, la “progenie di An”.

I “sette dei che decretano” possono essere elencati nel gruppo Anunnaki: An, Enlil, Enki, Ninhursag, Nanna, Utu e Inanna.

Quando si menzionano gli Anunnaki, le antiche tavolette sumeriche non fanno riferimento a questi Dei come mere creature eteriche, ma li descrivono come esseri biologici di  arne e sangue, come gli umani.

Quando parliamo di Dei, immaginiamo immagini di nebulosi spiriti celesti che emergono dai confini di un piano di realtà indeterminato.

Tuttavia, questa non è la descrizione che i Sumeri hanno dato agli Anunnaki.

Queste divinità erano reali in ogni singolo modo per gli antichi Sumeri. Gli Dei coesistevano con l’uomo, questi esseri Celesti condividevano le loro vite e coesistevano con l’uomo nelle antiche città della Terra. Erano esseri fisici e palpabili, che mangiavano, dormivano e morivano.

Queste divinità erano visibili agli occhi di chiunque; sono descritti come viaggiatori dei cieli in possenti veicoli aerei, che emettevano un rumore che sembrava un tuono che faceva tremare le montagne, mentre emettevano fuoco.

Anu era una delle più antiche divinità secondo l’antica mitologia sumera. Creditoimmagine

Anu- una delle divinità più antiche del pantheon sumero

Anu era considerato una delle divinità più antiche del pantheon sumero e faceva parte di una triade di grandi dei, insieme a Enlil, dio dell’aria e dell’atmosfera e Enki (anche noto, in accadico, come Ea), dio della terra o delle sue fondamenta.

Era considerato il padre e il primo re degli dei.

Anu è associato al tempio E-anna della città di Uruk (la biblica Erech), nel sud di Babilonia e vi è una buona ragione per credere che questo posto sarebbe il sito originale del culto di Anu.

Il tempio di Anu a Uruk era chiamato E-an-na (‘casa del paradiso’). “In paradiso c’è Anu sul suo trono, rivestito di tutti gli attributi della sovranità: lo scettro, il diadema, il copricapo, il bastone …

Le stelle costituivano il suo esercito.

Simbolicamente, il re ha ricevuto il suo potere direttamente da Anu.

Ecco perché invocavano solo i sovrani e non il resto dei mortali.

Anu era il:

“Padre degli dei” (abû ilâni),

“Padre del cielo” (ab shamê),

“Re dei cieli” (il shamê).

L’equivalente semitico occidentale di Anu sarebbe il dio Ël.

E sembra anche avere equivalenza con il dio Dagon dei filistei e dei fenici.

Astronomicamente Anu era associato alla Via dell’An (o Sentiero di An), una regione del cielo che coincideva con l’equatore.

Più tardi questa regione verrebbe definita come lo spazio tra i due tropici.

Era associato al numero 60, un numero sacro per i Sumeri.

https://www.ancient-code.com/

 Allora, chi erano gli Anunnaki? 

L’albero genealogico degli Anunnaki antichi: 

quelli che scendevano dal cielo

Gli Antichi Anunnaki vengono spesso definiti come gli dei immortali che vivevano sulla Terra durante l’antico tempo Sumero in Mesopotamia

Secondo la mitologia mesopotamica, Anunna o Anunnaki erano, inizialmente, gli dei più potenti e vivevano con Anu in paradiso.

Più tardi, senza aver stabilito un chiaro motivo per questo cambiamento, gli Igigi erano considerati come dei celesti mentre il termine Anunna era usato per designare gli dei dell’Oltretomba, specialmente sette dei che servivano come giudici negli Inferi.

Nel mito di Atrahasis si afferma che, prima della creazione dell’uomo, gli dei dovevano lavorare per vivere.

Quindi, gli Anunna fecero una categoria di dei inferiori, gli Igigi lavorarono per loro, finché non si ribellarono e si rifiutarono di continuare a lavorare.

Quindi Enki creò l’umanità in modo che continuasse a svolgere i compiti che gli dei minori avevano abbandonato e attraverso il culto avrebbe fornito cibo agli dei.

Nell’Enûma Elish, fu Marduk che creò l’umanità e quindi divise l’Anunna tra il cielo e la terra e assegnò loro compiti.

Successivamente, l’Anunna, grata a Marduk, fondò Babilonia e costruì un tempio in suo onore, chiamato Esagila.

La reinvenzione del termine Anunna attraverso la sua forma accadica, Anunnaki, sorse nel 1964, dopo la pubblicazione del libro Antica Mesopotamia: Ritratto di una civiltà morta, di AdolphLeo Oppenheim, che rese popolare questo concetto che fu preso da diversi blog e personaggi da il mondo esoterico e portali pseudoscientifici.

L’autore Zecharia Sitchin pubblicò una dozzina di libri conosciuti come Chronicles of the Earth degli anni 70 in cui descriveva dettagliatamente gli Anunnaki.

Nei suoi libri, Sitchin offriva tradotte antiche tavolette d’argilla sumere e testi scritti in una scrittura cuneiforme che descrive gli Anunnaki.

Nel libro il dodicesimo pianeta, Sitchin racconta l’arrivo degli Anunnaki sulla Terra da un presunto pianeta chiamato Nibiru circa 450.000 anni fa: esseri alti circa 3 metri di altezza con pelle bianca, capelli lunghi e barba, che si sarebbero stabiliti in Mesopotamia e questo, grazie all’ingegneria genetica, ha accelerato l’evoluzione del Neanderthal in Homo Sapiens contribuendo con la propria genetica, per il bisogno di schiavi lavoratori.

Secondo gli scritti di Sitchin, la tecnologia e il potere degli Anunnaki è qualcosa che la nostra civiltà non può replicare nemmeno oggi nel 21° secolo.

Sitchin affermò che gli antichi abitanti di Nibiru 450.000 anni fa avevano la capacità di viaggiare nello spazio e utilizzare l’ingegneria genetica e che avrebbero lasciato tracce della loro esistenza in tutta la Terra con piccoli indizi che indicavano una tecnologia ancora sconosciuta che è presente in varie forme come la costruzione di piramidi (egiziane, maya, azteco e cinese), nel sito megalitico di Stonehenge, nello “spazioporto di Baalbeck”, nelle linee di Nazca e in Machu Picchu.

Le teorie sono molte e ciò che alcuni studiosi definiscono mitologia, altre li indicano come viaggiatori interstellari, che vennero sulla Terra migliaia di anni fa.

Ma se gli Anunnaki fossero reali? Chi erano e chi fu tra di loro il primo? Qual è la loro linea di sangue e, possiamo rintracciarli nella storia come specifiche divinità?

Ci sono vari “alberi genealogici” disponibili su Internet che presentano una serie di differenze. Ad esempio, i seguenti tre (immagine sotto) sono alberi genealogici più inclini alla versione mesopotamica, in particolare quella babilonese della linea di sangue Anunnaki, e la prova di ciò è l’inclusione di Tiamat e Marduk.

La “Grande Assemblea degli Anunnaki”, essenzialmente l’Albero genealogico della classe dominante (o “Dèi e Dee” dei testi sumeri) è data da Laurence Gardner, Genesi dei Re GReail, Bantam Press, New York, 1999:

Nella foto qui è la grande assemblea degli Anunnaki antichi. Credito immagine

Una versione leggermente diversa:

Di John D. Croft, CC BY-SA3.0, tramite Wikimedia Commons

https://www.ancient-code.com/

 Secondo Zacharia Sitchin questo è l’Albero Genealogico degli Anunnaki

Gli antichi egizi ereditarono il loro sapere dai Sumeri. Ma se è così, una domanda sorge spontanea: questi ultimi da chi avevano appreso quelle scienze? La tesi di Zecharia Sitchin è semplice, ma sconvolgente: i testi sacri dei popoli antichi vanno letti come resoconti storici. La mitologia non è creazione fantastica, bensì confusa memoria di fatti realmente avvenuti!

Darwin aveva ragione – secondo Sitchin – solo a metà: la selezione naturale produsse, è vero, i primati superiori dai quali discendiamo, ma l’impiegabile salto evolutivo all’Homo Sapiens fu opera di viaggiatori extraterrestri a nostra immagine e somiglianza, che applicarono l’ingegneria genetica al bagaglio cromosomico dei nostri antenati africani.

C’è infatti un altro pianeta nel nostro sistema solare, un pianeta con un’orbita ellittica simile a quella delle comete, che transita tra Marte e Giove ogni 3600 anni. Esseri intelligenti di quel pianeta (i Sumeri li chiamavano Anunnaki, la Bibbia Nephilim) iniziarono a visitare la Terra mezzo milione di anni orsono, e le loro gesta attraverso i millenni sono quelle che leggiamo nell’Antico Testamento, o nel libro di Gilgamesh. Alla luce delle ipotesi dell’autore, tradizioni, leggende e ritrovamenti, da sempre circondati da un alone di mistero, divengono improvvisamente comprensibili.

Gli argomenti del professor Sitchin spaziano dall’esegesi biblica all’astrofisica, dalla linguistica alla storia delle religioni. Il modello metastori-co che ci propone è logico e coerente, e potrebbe persino riconciliare credenti e non credenti sulle origini dell’umanità

Contributo: wlady