Archivi categoria: Antropologia

Quella che chiamiamo “civiltà moderna” è solo un mucchio di falsi

 

Ripensare la storia dell’umanità   

Negli ultimi anni ho visto molte ore di video che hanno a che fare con l’Ur-alt, civiltà globale che esisteva su questo pianeta molte migliaia di anni fa. Durante la mia vita ho visitato anche molti siti antichi in Europa, Nord America, America Centrale, Sud America, Turchia ed Egitto, oltre ad aver letto molto ampiamente per molti anni e parlato con altri che hanno conoscenza di antiche civiltà. La somma di tutte le mie esplorazioni letterarie, Internet e personali e le conversazioni è la comprensione del fatto che siamo stati massicciamente mentiti a scuola e all’università. Non conosciamo la vera storia dell’umanità o della Terra. Tutto è stato sistematicamente celato a noi. Fa parte di una cospirazione globale, globale e plurimillenaria per nascondere il nostro passato da noi. 

Tuttavia, grazie al lavoro dedicato e al coraggio di ricercatori indipendenti, parte del nostro passato sta cominciando a essere meglio compreso, o almeno messo in discussione e indagato.

Posso consigliare in particolare i seguenti canali YouTube. Guarda tutti i video che queste persone hanno pubblicato su Internet (ti ci vorrà un po ‘!), E vedrai presto che l’antichità del nostro soggiorno su questo pianeta torna indietro, ed è molto diversa da come ci è stato detto.  

Brien Foerster
https://www.youtube.com/user/brienfoerster 

Sylvie Ivanova
https://www.youtube.com/user/everhungriescatgang 
 

Vlad9vt
https://www.youtube.com/user/vlad9vt 

Raccomando anche i libri dei seguenti autori, disponibili sui loro siti web: 

Graham Hancock
http://grahamhancock.com/ 

Michele Cremo  

http://mcremo.com/ 

Basti dire che ora sono convinto che l’umanità sia stata su questo pianeta e su altri pianeti in questo sistema solare e su altri pianeti in questo settore della galassia, non per migliaia di anni, ma per milioni di anni letteralmente, e che la civiltà moderna che pensiamo sia così avanzata è, in realtà, la più grande spazzatura del cervello e la mente fottuta di tutti i tempi. 

Quindi hai un cellulare? Meraviglioso! Puoi chiamare altri schiavi controllati dalla mente e avere conversazioni deliziosamente superficiali su tutti i problemi approvati dal controllo mentale del giorno: sport professionistici, economia controllata artificialmente, intrattenimento popolare, un’ampia varietà di argomenti di notizie false, gli ultimi scherzi di qualsiasi criminale la mafia si definisce un “governo” nella tua parte del mondo, e molto altro ancora! Tutto per il prezzo incredibilmente basso di $ 49,95 al mese. \sarcasmo\ 

Ma questo è niente  

Guarda tutti i video che i ricercatori sopra hanno diffuso su Internet, leggi i libri di Michael Cremo e Graham Hancock e anche tu realizzerai che quella che chiamiamo “civiltà moderna” è solo un mucchio di falsi, chimici, plastificati, falsificato, controllato dalla mente, spillato insieme spazzatura e sciocchezze. 

Vald9vt è uno dei miei canali YouTube preferiti. 

Proprio oggi stavo guardando un altro dei suoi video sui morsetti metallici che si trovano in molti siti megalitici in tutto il mondo, spesso collegando blocchi di pietra multi-ton. 

Non ho ancora visto nessuno offrire una spiegazione convincente per i morsetti metallici. Non possono essere strutturali, perché la dimensione delle pinze è assolutamente sminuita dai massicci blocchi di pietra in così tanti casi. 

Sospetto che siano una parte funzionale di un’architettura energetica; che i morsetti metallici sono lì per il collegamento elettrico tra blocchi specifici per completare i circuiti energetici. Nell’antichità remota c’era una tecnologia diversa che oggi non è ben compresa.

La dimensione, la forma precisa e la disposizione geometrica dei blocchi erano tutti fattori nel funzionamento dei monumenti. Queste strutture funzionavano come macchine; hanno fatto un lavoro che non comprendiamo oggi. Non era tutto solo decorativo.  

Non ho dubbi sul fatto che molti dei monumenti più antichi in Egitto, e in altre parti del mondo, fossero parti integranti di enormi macchinari per la copertura del paesaggio o circuiti energetici, che si estendevano per miglia e miglia; una tecnologia megalitica che impiegava energia in un modo molto diverso rispetto alla “civiltà” globale dei cosiddetti tempi “moderni”, e che era molto rispettosa dell’ambiente, per l’avvio.  

Tutto è stato distrutto e messo fuori uso migliaia di anni fa, in modo che le mentalità cadute e degradate dietro l’ordine (dis) del mondo attuale potessero giungere al potere e stabilire il loro dominio spietato, mente, corpo e anima. sulla Terra e i suoi abitanti.  

Siamo stati lasciati con leggende in tutto il mondo di una precedente Età dell’Oro di alta civiltà che fu improvvisamente distrutta catastroficamente. Le prove di quel triste cataclisma sono in tutto il mondo. La mia stessa ricerca suggerisce che il cataclisma aveva cause artificiali estese al mondo. Tantissime battaglie si sono svolte in questo sistema solare molto tempo fa, la civiltà e il pianeta hanno distrutto la guerra. La cosiddetta “civiltà” che vediamo intorno a noi oggi è solo la più pallida delle deboli, deboli, finte imitazioni, rispetto al glorioso splendore di un lontano passato. 

Questa è la ragione per l’embargo soffocante, storico e archeologico della verità da parte dei poteri completamente corrotti di oggi. Vogliono mantenere la loro schiavitù umana completamente soppressa, oppressa, ignorante, trattabile e servilmente docile.  

È tutto molto deludente, che altro posso dire? 

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/  

  

Cancellare la storia, la diplomazia, la verità e la vita sulla terra  

15.10.2018  

Stati Uniti  

Paul Craig Roberts 

Uno dei motivi per cui i Paesi falliscono è che la memoria collettiva viene continuamente distrutta mentre le generazioni più vecchie passano e vengono sostituite da nuove che sono disconnesse da ciò che è venuto prima.

Inizialmente, la disconnessione è stata gestita dalla Storia e dalle discussioni al tavolo di famiglia. Per esempio, quando ero un bambino c’erano ancora nonni i cui padri avevano combattuto per la Confederazione. Non avevano schiavi e non possedevano piantagioni. Hanno combattuto perché la loro terra era stata invasa dagli eserciti di Lincoln. Oggi, se le famiglie del Sud conoscessero ancora i fatti, proteggerebbero i loro figli non dicendoglieli. Potete immaginare cosa succederebbe in una scuola pubblica ad un bambino che prendesse questa posizione? 

Frustrato dall’incapacità dell’esercito dell’Unione di sconfiggere l’esercito della Virginia del Nord guidato dal graduato a West Point, Robert E. Lee, Lincoln ricorse ai criminali di guerra. I generali Sherman e Sherridan, che operavano sotto il generale Grant, furono i primi criminali di guerra moderni a condurre una guerra contro donne e bambini civili, le loro case e i loro approvvigionamenti di cibo. Lincoln era così fuori passo con la morale comune che dovette arrestare e detenere 300 redattori di giornali del Nord ed esiliare un membro del Congresso degli Stati Uniti per poter condurre la sua Guerra per l’Impero. 

Oggi questa storia è in gran parte cancellata. Gli storici di corte seppellirono la verità con la favola che Lincoln andò in guerra per liberare gli schiavi. Questa sciocchezza ignorante è oggi la storia ufficiale della “guerra civile”, che certamente non è stata una guerra civile. 

Una guerra civile è quando due parti combattono per il controllo del governo. La Confederazione era un nuovo Paese composto da quegli Stati che si erano separati. Sicuramente, i soldati confederati non combattevano per il controllo del governo a Washington più di quanto non stessero combattendo per proteggere gli investimenti dei proprietari delle piantagioni.  

La memoria è persa quando i fatti storici sono gettati nel buco della memoria.  

Quindi, cosa c’entra questo con la lezione di oggi? Molto più della Storia può essere cancellato dal passare del tempo. La cultura può essere cancellata. La moralità può essere cancellata. Il buon senso può scomparire con la diplomazia che dipende da esso.  

Quella generazione più giovane che esprimeva minacce gridandole tutto intorno ai memoriali di guerra confederati e ai nomi delle strade confederate – Atlanta ha appena abbattuto la storica Confederate Avenue e l’ha sostituita con United Avenue – a maschi bianchi che, se eterosessuali, vengono ridefiniti dalla Politica Identitaria come stupratori, razzisti e misogini, ad illustri scienziati che affermano che, in realtà, vi sono differenze innate tra il maschio e la femmina, e così via – [Quella generazione più giovane dicevo] potrebbe pensare che sia naturale per gli alti funzionari del governo degli Stati Uniti dare vita ad un flusso senza fine di minacce di guerra a Russia, Cina, Iran e Venezuela.  

Una persona della mia generazione sa che tali minacce non hanno precedenti, non solo per il governo degli Stati Uniti ma anche nella Storia del mondo. La folle ambasciatrice del presidente Trump presso la NATO, Kay Bailey Hutchison, ha minacciato di “spazzare via i missili russi”. La pazza ambasciatrice del presidente Trump all’ONU Nikki Hailey lancia minacce senza fine con la stessa rapidità con cui si rivolge agli alleati americani e contro i potenti Paesi che designa come nemici. Il folle consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, rivaleggia con l’insana Haley con le sue minacce ad ampio raggio. Il Segretario di Stato Pompeo sputa le sue minacce con il meglio delle altre. Così fanno gli insani New York Times e Washington Post. Persino un umile Sottosegretario agli Interni si assume la prerogativa di dire alla Russia che gli Stati Uniti bloccheranno le navi della sua marina. 

Quali pensate sarebbero le conseguenze se russi, cinesi ed iraniani prendessero sul serio queste minacce? Le guerre mondiali sono iniziate per molto meno. Eppure non c’è nessuna protesta contro questi squilibrati funzionari del governo USA che stanno facendo tutto il possibile per convincere la Russia e la Cina che sono senza dubbio i peggiori nemici dell’America. Se fossi in Russia o in Cina, come risponderesti a questo? 

Il professor Stephen Cohen, che, come me, ricorda quando il governo degli Stati Uniti aveva una tradizione diplomatica, è turbato quanto me che la decisione di Washington di cancellare via la diplomazia dalla memoria e sostituirla con minacce di guerra ci faccia uccidere tutti.  

Più estremismi e crisi della guerra fredda 

Oscurate dalle udienze di conferma di Kavanaugh, le relazioni tra Russia e Stati Uniti diventano sempre più pericolose. 

Di Stephen F. Cohen [1] – 3 ottobre 2018  

Sottolineando il crescente estremismo da Guerra Fredda a Washington e le crisi guerresche nelle relazioni USA-Russia altrove, Cohen commenta i seguenti esempi.  

Il Russiagate, anche se nessuna delle sue principali accuse è stata dimostrata, è ora una parte centrale della nuova Guerra Fredda, limitando severamente la capacità del presidente Trump di condurre trattative per la crisi con Mosca e denigrando ulteriormente il presidente russo Putin per aver ordinato “un attacco all’America” durante le elezioni presidenziali del 2016. Il New York Times e il Washington Post hanno guidato i promotori della narrativa Russiagate, anche se molti dei suoi elementi fondamentali sono stati seriamente messi in discussione, persino screditati.  

Ciononostante, entrambi i giornali hanno recentemente dedicato migliaia di parole a raccontare la stessa narrativa, rispettivamente il 20 e il 23 settembre, insieme ai suoi ovvi errori. Ad esempio, Paul Manafort, durante il periodo cruciale in cui stava consigliando il presidente ucraino Viktor Yanukovych, non era “filo-russo” ma pro-Unione europea. E contrariamente alle insinuazioni, il generale Michael Flynn non ha fatto nulla di sbagliato o senza precedenti nell’avere conversazioni con un rappresentante del Cremlino a nome del presidente eletto Trump. Molti altri presidenti eletti avevano incaricato i principali assistenti di fare lo stesso. Le epiche retoriche della narrativa del Russiagate di entrambi i giornali, in modo straordinario, erano piene di errori simili e accuse non provate. (Tuttavia, un importante storico, benché apparentemente poco informato sia sui documenti del Russiagate che sulla leadership del Cremlino, ha caratterizzato il dossier Steele anti-Trump, ampiamente screditato – la fonte di molte accuse di questo tipo – come “sempre più plausibile”.)  

Sorprendentemente, né il Times né il Post attribuiscono credibilità all’enunciazione enfatica fatta almeno una settimana prima da Bob Woodward – normalmente considerato il più autorevole cronista dei segreti politici di Washington – che dopo due anni di ricerche non aveva trovato “prova alcuna di collusione” tra Trump e la Russia.  

Per il Times, il Post ed altri media mainstream, il Russiagate è diventato, a quanto pare, una sorta di giornalismo di culto che nessuna contro-prova o analisi può forzare e quindi è di per sé un fattore importante per la nuova e più pericolosa Guerra Fredda. Ancor peggio, ciò che è iniziato quasi due anni fa come contestazioni per “l’ingerenza” russa nella campagna presidenziale degli Stati Uniti, sono diventate ora per The New Yorker e altre pubblicazioni un’accusa che il Cremlino ha effettivamente messo Trump alla Casa Bianca. Di questa accusa sconsiderata, con il suo disprezzo intrinseco per il buon senso degli elettori americani, non ci sono prove convincenti, né alcun precedente nella Storia americana.  

Nel frattempo, funzionari americani attuali e passati stanno facendo minacce senza precedenti contro Mosca. L’ambasciatrice alla NATO Kay Bailey Hutchinson ha minacciato di “spazzare via” qualsiasi missile russo che ritenesse violare il trattato sulle armi [intermedie] del 1987, un passo che metterebbe a rischio di guerra nucleare. Il Segretario agli Interni ha minacciato un “blocco navale” della Russia. In uno sfogo russofobo senza precedenti e poco diplomatico, l’ambasciatore alle Nazioni Unite Nikki Haley ha dichiarato che “mentire, imbrogliare e comportarsi scorrettamente” sono una “norma della cultura russa”. 

Potrebbero essere dichiarazioni stravaganti di personaggi politici nominati e non monitorati, anche se inevitabilmente sollevano la domanda: chi sta facendo politica russa a Washington, il presidente Trump con la sua dichiarata politica di “cooperare con la Russia” o qualcun altro?  

Ma come spiegare, oltre all’estremismo sfrenato, le dichiarazioni di un ex ambasciatore statunitense a Mosca e professore di lunga data della politica russa, che sembra essere la principale autorità dei media mainstream sulla Russia? Secondo lui, la Russia oggi è “uno Stato canaglia”, le sue politiche “azioni criminali” e la “peggior minaccia del mondo”. Deve essere contrastata da “sanzioni preventive che dovrebbero entrare in vigore automaticamente” –di fatto “ogni giorno” se ritenuto necessario. [Queste sono le parole di Michael McFaul, che ha riscontri alla Stanford University, diventata una casa accogliente per i guerrafondai.] 

Considerando le sanzioni “paralizzanti” ora preparate da un gruppo bipartisan di senatori statunitensi – la loro vera ragione e scopo apparentemente sconosciuti perfino a loro – questo sarebbe niente di meno che una dichiarazione di guerra contro la Russia; guerra economica, ma pur sempre guerra. 

Molti altri nuovi fronti della Guerra Fredda sono anche pieni di guerra calda, ma oggi nessuno più della Siria.  

Un altro promemoria si è verificato il 17 settembre, quando la Siria ha abbattuto accidentalmente un aereo di sorveglianza russo alleato, uccidendo tutti e 15 i membri dell’equipaggio. La causa, come è noto, è stata il sotterfugio degli F-15 israeliani forniti da Washington che hanno utilizzato l’immagine radar più grande dell’aereo russo per nascondere il loro attacco illegale alla Siria. La reazione a Mosca è stata altamente indicativa, potenzialmente minacciosa.  

All’inizio, Putin, che aveva sviluppato buoni rapporti con la leadership politica di Israele, ha detto che l’accaduto è stato un incidente, un esempio di nebbia di guerra. Il suo stesso Ministero della Difesa, tuttavia, ha protestato a gran voce, incolpando Israele. Putin si è rapidamente ritirato, adottando una posizione molto più intransigente ed alla fine ha promesso di inviare l’efficace sistema di difesa terra-aria S-300 della Siria, un premio che sia la Siria che l’Iran hanno richiesto invano per anni. [In realtà, la Russia ha ora fornito l’S-300 sia l’Iran che la Siria.]  

In secondo luogo, se gli S-300 sono installati in Siria (saranno gestiti da russi, non da siriani), Putin può in effetti imporre una “no-fly zone” su quel Paese, che è stato lacerato dalla guerra, in parte dovuta alla presenza di diverse grandi potenze straniere. (La Russia e l’Iran vi sono legalmente, gli Stati Uniti e Israele non lo sono.) Se così fosse, sarà una nuova “linea rossa” che Washington e Tel Aviv devono decidere se attraversare o meno. Considerando le manie a Washington, è difficile essere sicuri che prevarrà la saggezza. [In realtà, è probabile che Putin cambierà la responsabilità di usare il sistema di difesa aerea in Siria.]  

Tutto questo si è svolto all’incirca nel terzo anniversario dell’intervento militare della Russia in Siria, nel settembre 2015. A quel tempo, i sapientoni di Washington denunciavano l’ ”avventura” di Putin ed erano sicuri che “sarebbe fallita”. Tre anni dopo, il “Cremlino di Putin” ha distrutto la morsa viziosa dello Stato Islamico su vaste zone della Siria, ma non ha ripristinato il controllo del Presidente Assad su gran parte del Paese, ed è diventato l’arbitro ultimo del futuro della Siria. Il presidente Trump farebbe meglio ad aderire al processo di pace di Mosca, anche se è improbabile che il partito del Russiagate a Washington, per lo più Democratico, gli consenta di farlo. (Per prospettiva, ricordate che, nel 2016, il candidato alla presidenza Hillary Clinton ha promesso di imporre una no-fly zone degli Stati Uniti sulla Siria per sfidare la Russia.)  

C’è anche questo. Mentre l’ordine mondiale liberale guidato dagli Stati Uniti si disintegra, non solo in Siria, sta emergendo una nuova alleanza tra Russia, Cina, Iran e forse anche la Turchia, membro della NATO. Sarà una vera “minaccia” solo se Washington la renderà tale, come ha fatto con la Russia negli ultimi anni.  

Infine, la guerra per procura USA-Russia in Ucraina ha recentemente acquisito una nuova dimensione. Oltre alla guerra civile nel Donbass, Mosca e Kiev hanno iniziato a sfidarsi a vicenda nel Mar d’Azov, vicino alla vitale città portuale ucraina di Mariupol. Trump è sotto pressione per rifornire Kiev di armi navali e di altro tipo per intraprendere questa guerra in evoluzione, ancora un’altra potenziale matassa ingarbugliata. Anche qui il presidente Trump avrebbe fatto meglio a mettere il peso della sua amministrazione dietro gli accordi di Minsk, a lungo bloccati. Anche qui, questa sembrava essere la sua intenzione originale, ma ha dimostrato di avere un altro approccio, sembra ora, ostacolato dal Russiagate  

[1] Stephen F. Cohen, professore emerito di studi e politica russi alla New York University ed alla Princeton University e John Batchelor continuano le loro discussioni sulla nuova guerra fredda USA-Russia. (Le puntate precedenti, ora al loro quinto anno, sono su TheNation.com.) 

************** 

Articolo originale di Paul Craig Roberts:  

https://www.paulcraigroberts.org/2018/10/09/erasing-history-diplomacy-truth-and-life-on-earth/ 

Traduzione di Costantino CeoldoPravda freelance  

Fonte: https://www.geopolitica.ru/it/ 

 

#METOOGAZA, e TIBET*. 

Conversando con Noam Chomsky il 2 ottobre su temi del tutto personali ho appreso dell’esistenza dell’appello #MeTooGaza, un appello che seguì l’ennesima e risaputa strage in stile Gestapo ad opera della Israeli Defence Force su civili Palestinesi disarmati il 30 maggio scorso. Noam Chomsky, come Ilan Pappe, come Norman Finkelstein, come Abby Martin, come altri anonimi cittadini del mondo come me, si sono uniti a questo appello che deve durare finché l’assedio israeliano di Gaza sarà terminato, quindi è sempre attualissimo. 

Purtroppo trattandosi di crimini contro l’umanità da parte d’Israele, i numeri degli aderenti sono una minuscola frazione rispetto alle Magliette Rosse o ai Padani o ai Piddini o ai Fattoquotidiani. Non ci trovate certo Fusaro o Becchi o Cruciani o i superSionisti Lerner e Travaglio, perché mettere la propria faccia per i Palestinesi non fa figo, né fa like su Facebook, è devastante per la carriera (ehm, ne so qualcosa eh?). Ma fatelo sto video di 30 secondi. Per uploadarlo è facile, le istruzioni sono qui: https://www.metoogaza.com/ 

Grazie. Paolo Barnard 

*Nel titolo, dopo Gaza, ho scritto Tibet, solo perché l’imperativo morale mi obbliga a citare l’unica altra Apartheid in tutto il Pianeta che ancora sopravvive assieme a quella Palestinese. Pechino ha compiuto genocidio sui tibetani nell’indifferenza totale di tutti noi. Purtroppo mentre per la Palestina ancora esiste una frattaglia di speranza che i nostri governi agiscano per porre fine a quell’abominio, per il Tibet e la sua cultura non esiste più nessuna speranza, e va detto: una grossa mano in questo senso l’hanno data la coppia di buffoni Richard Gere e il Dalai Lama. 

Fonte: https://paolobarnard.info/

®wld

Un Maha Yuga o Grande età

 

Quando termina il Kali Yuga? 

Di Joscelyn Godwin  

La convinzione diffusa che un’età sta finendo e una nuova alba è parte di un concetto ciclico di tempo comune alla maggior parte delle culture filosofiche. Le versioni più conosciute sono le Quattro Ere della mitologia greca e il mito indù dei Quattro Yuga. Lo scopo di questo articolo è di chiarire parte della confusione che esiste intorno a loro, di stabilire le cifre reali fornite dalle autorità orientali e occidentali e di scoraggiare l’accettazione inconsapevole di una teoria attualmente popolare. 1 

La prima fonte europea del mito è Esiodo, un poeta greco dell’VIII secolo aEV. Nei suoi lavori e giorni (righe 109-21) descrive le ere come un ciclo di declino, da Golden a Silver, Bronze e Iron. Aggiunge l’idea interessante che queste età non solo cambiano la qualità della vita, ma lo stato post-morte degli umani. Il popolo dell’età d’oro e d’argento, quando morirono, divenne uno spirito che veglia e giova alla razza umana. Le persone dell’Età del Bronzo non erano immortali in quel senso, ma andarono giù in un’esistenza crepuscolare in Ade. Forse influenzato dalla guerra di Troia, Esiodo qui inserisce un “Age of Heroes” di cui alcuni attraversarono l’oceano per godersi un’età dell’oro privata sotto il suo sovrano Cronos (Saturno). Ma ciò non impedì la degenerazione per il resto dell’umanità, che precipitò fino al nadir dell’età del ferro. Per Esiodo era troppo presto per dire il loro destino dopo la morte, ma le cose non andavano bene per loro.

La cultura post-classica apprese dai Quattro secoli principalmente attraverso Virgilio e Ovidio. Nel primo libro delle sue Metamorfosi (I, 89-261) Ovidio descrive loro e le loro razze come declinanti in felicità e virtù fino al diluvio universale. Dopo di ciò un nuovo ordine di umani, animali e piante fu sollevato dalla terra. I cristiani hanno visto una somiglianza con la storia biblica del Diluvio di Noè, ma ancor più nella profezia di Virgilio di una nuova Età dell’Oro nel suo tempo. Forse era destinato ad adulare l’imperatore Augusto, che aveva portato pace dopo la guerra civile di Roma, ma la menzione della Vergine lo rese applicabile a Cristo: 

Ora arriva l’ultima era, cantata dalla Sibilla Cumana:
Il grande ordine delle epoche ricomincia.
La Vergine ritorna e il regno di Saturno riprende:
Una nuova razza di uomini viene inviata dal cielo.
(Egloga IV, 5-8) 

Le religioni abramitiche (ebraismo, cristianesimo, islam) non condividono il concetto pagano di più cicli di creazione e distruzione. I monoteismi hanno spazio solo per un ciclo, con il Giardino dell’Eden prima della Caduta come equivalente all’età dell’oro. Per continuare il parallelo, l’età dell’argento potrebbe essere quella dei patriarchi biblici che erano ancora intimi con Dio; l’età del bronzo quella dei profeti e dei re sacri; l’età del ferro, dall’esilio babilonese fino ai giorni nostri. Il ciclo si concluderà con il Giudizio, dopo il quale i Cristiani eletti entreranno nella Nuova Gerusalemme e i Musulmani nel Giardino del Paradiso. Gli ebrei hanno le loro corrispondenti aspettative messianiche. Tutte e tre le religioni promettono che alla fine Dio metterà le cose a posto, o in lingua pagana, che il regno di Cronos tornerà. 

Per inciso, uno dei temi ricorrenti dell’età dell’oro è che durante questo, l’asse terrestre era perpendicolare all’eclittica (un argomento trattato nel mio libro Arktos 2 ). Se così fosse, non ci sarebbero stagioni, ma giorno e notte uguali per tutto l’anno. Le piante e gli alberi produrranno continuamente e gli anni passeranno innumerevoli. L’eternità potrebbe descrivere l’esperienza umana del tempo in tali condizioni, che cessò quando l’asse fu rovesciato. Sarà restaurato alla successiva Età dell’Oro, quando la terra riprenderà la sua posizione assiale. Che ci sia o meno una base scientifica per questo mito non fa differenza per il suo potere e per l’esperimento mentale che lo accompagna.   

Le quattro età (Yuga) dell’induismo 

La tradizione indù ha una sua versione delle Quattro età, ed è probabilmente da lì che ha raggiunto i Greci e altri popoli indo-europei. I Purana e le Leggi di Manu concordano che i quattro Yuga sono nella proporzione 4: 3: 2: 1. I loro nomi sono Krita Yuga (età fortunata, chiamata anche Satya Yuga), Treta Yuga (età di tre parti), Dwapara Yuga (età di due parti) e Kali Yuga (età del conflitto), i quattro insieme costituiscono un Maha Yuga o Grande età. 

Ogni Yuga ha un periodo di alba e un crepuscolo, ciascuno un decimo della sua lunghezza, chiamati rispettivamente Sandhyá e Sandyásana. Il Vishnu Purana dà le loro durate negli anni divini, ognuno contando per 360 anni umani, come segue: 3 

 

Per mettere in relazione queste durate con la storia abbiamo bisogno di una data reale, fornita dagli astronomi indù. Sono d’accordo che il Kali Yuga iniziò a mezzanotte tra il 17 e il 18 febbraio, 3102 aC. Da ciò possiamo calcolare che la transizione all’età dell’oro avverrà intorno a 427.000 CE. Sembra quasi che valga la pena di preoccuparsi di qualcosa di così lontano al di fuori della scala temporale dell’esperienza umana. Ma prima di eliminare queste figure come pura fantasia, dovremmo sapere che non sono peculiari dell’induismo. Alcuni di essi appaiono in contesti molto diversi, con una precisione tale che non vi è alcuna questione di coincidenza casuale.  

Beroso, che registra la cronologia babilonese, era un sacerdote di Bel e aveva una scuola di astronomia sull’isola di Kos nel terzo secolo aC. Dà le cifre per i regni dei dieci re assiri che hanno preceduto il diluvio: totalizzano 420.000 anni. 4 

In Cina, secondo il primo ricercatore missionario Père Prémare, le prime dinastie erano rispettivamente di 13 e 11 re, ognuno dei quali governava o viveva 18.000 anni. Prémare ne ha comprensibilmente dubitato, ma se facciamo l’aritmetica, (13 + 11) x 18.000 arriva a 432.000 anni. 5 

La saga islandese denominata Poetic Edda descrive i preparativi per la battaglia apocalittica alla fine dei tempi, quando i guerrieri del Valhalla emanano contro il lupo Fenris: 

Cinquecento porte | e quaranta ci sono,
Io, nelle mura di Valhall;
Ottocento combattenti | attraverso la tariffa di una porta
Quando vanno in guerra con il lupo vanno. 6 

800 combattenti che attraversano ciascuna delle 540 porte ammontano a 432.000. Quindi il numero di guerrieri riuniti a Valhalla nell’ultimo giorno è di nuovo il numero di anni nel Kali Yuga, l’ultima era del ciclo Maha Yuga.

Gli autori di Hamlet’s Mill , Giorgio de Santillana e Hertha von Dechend, definirono questa “coincidenza notevole e inquietante”. 7 Questo perché la teoria di una cultura arcaica mondiale con conoscenza cosmologica è un anatema per la preistoria ufficiale. Una frattura nella visione convenzionale è dovuta a Ernest McClain, uno dei ricercatori più geniali e originali del nostro tempo. Ha scoperto prove di una sorta di gioco multidisciplinare giocato con questi stessi numeri che si basano su sistemi di sintonizzazione musicale. Quelli che conoscevano includevano i babilonesi, i poeti vedici, Platone, i compilatori delle scritture ebraiche, i primi cristiani e gnostici e chiunque avesse dato al Corano la sua forma attuale. Ad esempio, McClain interpreta gli Archi della leggenda babilonese ed ebraica come diagrammi a più piani che racchiudono o “salvano” dall’inondazione tutti i numeri possibili, quelli necessari per calcolare il calendario e la scala musicale. Nel caso di Noah’s Ark, il numero significativo è nientemeno che 432.000. 8 

McClain è un radicale per quanto riguarda la storia delle idee, ma lo sono ancora di più i tradizionalisti, che prendono i numeri non come un gioco filosofico ma come codificano una conoscenza precisa dei cicli temporali cosmici e storici. René Guénon (1886-1951), uno dei pochi grandi pensatori ad aver lavorato su questa ipotesi, accettò che i quattro Yuga fossero nella proporzione di 4: 3: 2: 1, ma interrogarono le figure puraniche. Gli zeri sono stati messi lì semplicemente per ingannare, dice, 9 e per una buona ragione. Se la gente conoscesse le date reali, proverebbero a predire il futuro, il che non è saggio “perché in pratica tale conoscenza porta molti più problemi che vantaggi.” 10 L’essenziale è il numero 4320, che Guénon assume come rappresentante del Maha Yuga : l’insieme di quattro Yuga che abbraccia l’intera storia dell’umanità attuale. Ma 4320 anni è ovviamente un periodo troppo breve, proprio come i 4.320.000 anni dei Purana sono troppo lunghi. C’erano due problemi di base: in primo luogo, trovare il moltiplicatore corretto di 4320 per arrivare alla lunghezza reale del Maha Yuga e, in secondo luogo, trovare l’ancora nella cronologia conosciuta. Guénon sembra aver lavorato a ritroso dalla conoscenza di un altro ciclo, quello della precessione degli equinozi che è tradizionalmente dato come 25.920 anni (4320 x 6). Supponendo che il Krita Yuga o l’età dell’oro “senza tempo” sia durato per un intero ciclo precessionale, questo dà le seguenti durate per i quattro Yuga negli anni umani, con un totale di 64.800 anni o 4320 x 15:

Krita, 25.920
Treta, 19.440
Dwapara, 12.960
Kali, 6480 

Nonostante tutti i suoi avvertimenti sui tentativi di predire il futuro, Guénon ha messo a punto semplici indizi, soprattutto a piè di pagina, per mostrare come ha collegato queste durate alla cronologia conosciuta. Scrivendo su Atlantide, dice: 

Pensiamo che la durata della civiltà atlantidea debba essere uguale a un “Anno Grande”, inteso come metà del periodo della Precessione degli Equinozi. Per quanto riguarda il cataclisma che lo ha portato a termine, alcuni dati concordanti sembrano indicare che esso è avvenuto 7200 anni prima dell’anno 720 del Kali Yuga: un anno che è di per sé il punto di partenza di un’era familiare, ma di una significato non sono più noti a coloro che attualmente lo usano. 11 

Guénon di solito non rivela i “dati concordanti”, ma il suo commentatore Jean Robin spiega: 

Se si sa che l’era in questione non è altro che quella ebraica, il cui inizio è tradizionalmente collocato 3761 anni prima dell’era cristiana, è facile dedurre … la data finale “teorica” ​​del ciclo. L’inizio del Kali Yuga sarebbe quindi nell’anno 4481 AC (3761 + 720), e la sua fine dovrebbe venire 6480 anni dopo, cioè nell’anno 1999 (6480 – 4481). 12 

Ora possiamo ricostruire la cronologia di Guénon come segue: 

 

Robin stava scrivendo nei primi anni ’80. Ci ricorda che il 1999 è la data specificatamente menzionata da Nostradamus come quando “un grande Re del Terrore verrà dal cielo”. Ma come ogni altra data di fine del mondo, è arrivata e finita.  

L’orientalista e musicologo Alain Daniélou (1907-1994) conosceva la tradizione indù dall’interno ed era un corrispondente di Guénon. Anche lui non poteva accettare le cifre estremamente grandi date nei Purana e le riduceva in un modo diverso. Ci sono alcuni problemi con il suo metodo (spiegato nel mio libro Atlantis and the Cycles of Time ), ma è abbastanza qui per dare le sue cifre per il confronto. L’ancoraggio storico di Daniélou è la data tradizionale per l’inizio del Kali Yuga, 3102 AC, che dice “rappresenta una realtà cosmologica legata a un’alternanza di afflusso dalle sfere planetarie; non è una data arbitraria. ” 13

Da questi calcoli, la fase finale del Kali Yuga iniziò con la seconda guerra mondiale. Daniélou, sebbene fosse un tipo molto più allegro del saturnino Guénon, era un completo pessimista culturale. Egli scrive che “la catastrofe finale si svolgerà durante questo crepuscolo. Le ultime tracce di questa umanità presente saranno scomparse nel 2442. ” 14 Posso immaginare che aggiunge, con un sorriso,” et bon débarras! ” [E buona liberazione!].  

Guénon corrispondeva anche con Gaston Georgel (1899-?), Uno studioso indipendente di cui quasi non si sa nulla. Aveva scoperto che gli eventi storici tendono a replicarsi a determinati intervalli ritmici. Alcuni dei suoi parallelismi sono impressionanti, come quello dei re medievali di Francia con Luigi XIV-XVI, con un intervallo di 539 anni (77 × 7), o quello delle rivoluzioni inglese e francese, a 144 anni di distanza. Georgel pubblicò per la prima volta le sue teorie cicliche nel 1937 come Les rythmes dans l’histoire (Ritmi nella storia). 15 Non conosceva ancora le tradizioni indù e il suo ciclo su larga scala fu uno dei 2160 anni. Questa è la durata tradizionale di un’età astrologica, dodici dei quali costituiscono il ciclo precessionale di 25.920 anni. Georgel rinomina l’Età dell’Ariete “Ciclo di Abramo” e l’Età dei Pesci il “Ciclo di Cesare”, che risale al 130 aEV. Arrivò a quella data, dice, da “uno studio approfondito del ciclo cristico” e dal fatto che “secondo la quarta Ecloga di Virgilio, il sole all’equinozio d’autunno entrava nel segno della Vergine”. 16 Suona autorevole, ma come chiunque abbia studiato le ere astrologiche dovrebbe sapere che i confini delle costellazioni non sono fissi (a differenza delle costellazioni regolari e fittizie contando dal punto di primavera come 0 ° Ariete). Di conseguenza è discutibile il momento in cui il sole equinoziale si sposta da uno all’altro. Ad esempio, le date date da varie autorità per l’inizio della fascia di età dell’acquario dal 1760 (Godfrey Higgins) al 2160 (Paul Le Cour). 17 

Guénon era d’accordo sul fatto che molte delle coincidenze di Georgel fossero straordinarie. L’anno successivo scrisse il proprio contributo all’argomento “Alcune osservazioni sulla dottrina dei cicli cosmici” (1938), in cui interpretava i numeri puranici come sopra. Dopo la seconda guerra mondiale la loro corrispondenza riprese. Georgel ha restituito il complimento adottando la cronologia Yuga di Guénon ma si è attenuto ai suoi appuntamenti, affermando che “per facilitare la nostra ricerca, adotteremo qui la data del 2030 AD proposta come ipotesi di lavoro nel nostro primo libro, per la fine del Manvantara “(cioè il Maha Yuga di 64.800 anni). 18 

Georgel ha trovato la conferma della data finale del 2030 in un libro a cui lo stesso Guénon ha prestato molta fiducia: Animali, Uomini e Dei di Ferdinand Ossendowski. Questo libro best-seller pubblicato nel 1922 ha un ruolo importante nel mito di Agarttha, che ho trattato altrove. 19 È culminato con una profezia che il re del mondo avrebbe dovuto fare in Mongolia nel 1891: 

Nel cinquantesimo anno appariranno solo tre grandi regni, che esisteranno felicemente settantuno anni. Dopo ci saranno diciotto anni di guerra e distruzione. Allora i popoli di Agharti usciranno dalle loro caverne sotterranee fino alla superficie della terra. 20 

Il cinquantesimo anno dal 1891 è il 1941. Il periodo felice di 71 anni sotto i tre grandi regni dura dal 1941 al 2012. Quindi altri 18 anni ci portano esattamente al 2030. 21

Ora abbiamo quattro date suggerite per la fine del Kali Yuga, e con essa la fine dell’attuale serie di quattro epoche. Le figure puraniche, prese alla lettera, la collocano circa 427.000 anni nel futuro. Jean Robin, seguendo Guénon, calcolò che sarebbe finito nel 1999. Daniélou calcolò che il Kali Yuga entrò nella fase crepuscolare nel 1939 e terminerà completamente nel 2442. I cicli multipli di Georgel convergono nell’anno 2030. Dopo di ciò un nuovo Krita / Satya Yuga inizia il prossimo ciclo. 

Il sistema Hindu Yuga di Sri Yukteswar 

Molti lettori conosceranno il sistema proposto da Sri Yukteswar Giri (1855-1936). Negli ultimi anni ha avuto una pubblicità così favorevole che si ritiene che sia l’autorevole sistema Hindu Yuga. 22 Sri Yukteswar adotta come suo Maha Yuga un periodo di 24.000 anni, presumibilmente quello della precessione degli equinozi. Assegna metà di questi anni a una serie di Yugas discendenti nella proporzione tradizionale 4: 3: 2: 1. Prendendo gli “anni divini” dei Purana (vedi la prima tabella, pagina 64) come esseri umani, essi totalizzano 12.000 anni. Poi arriva la sua vera innovazione: il ciclo non si ripete, ma inizia una nuova serie di quattro Yuga in ordine inverso. Il legame con la cronologia storica sembra essere la tradizionale data di partenza del Kali Yuga del 3102 aC, ma è passata al 3101 e in un altro posto nella sequenza Yuga. Da questo è facile costruire una tabella del sistema di Yuketeswar: 

Come nel sistema Puranico, ogni epoca è incorniciata da sandhis o periodi di mutazione all’inizio e alla fine, ognuno dei quali vale 1/10 dello Yuga. Quindi un Kali Yuga vero e proprio dura 1000 anni, con periodi di 200 anni precedenti e successivi. Nel 1894 Yukteswar scrisse: 

Nel 1899, al termine del periodo di 200 anni di Dwapara Sandhi, il tempo della mutazione, il vero Dwapara Yuga di 2000 anni inizierà e darà all’umanità in generale una conoscenza approfondita degli aspetti elettrici e dei loro attributi. 23 

L’essenza del sistema di Yukteswar è che pone l’umanità attuale in una curva ascendente, piuttosto che discendente. Questo è così contrario a tutte le tradizioni che dobbiamo cercare la sua fonte altrove. Indiani di casta superiore come Yukteswar potrebbero essere stati risentiti dall’essere colonizzati dagli inglesi, ma avevano acquistato il mito europeo del progresso attraverso la scienza. Yukteswar credeva che intorno al 1700 il mondo fosse entrato in un’era “elettrica”. La scoperta dell’elettricità e dei suoi usi significava per lui che l’uomo stava raggiungendo una percezione più precisa che nell’età puramente materialistica che l’aveva preceduta. Prima di ciò, nel dual Kali Yuga, “la parte intellettuale dell’uomo era talmente ridotta che non poteva più comprendere nulla al di là del materiale grossolano della creazione” 24.  

Solo l’ignoranza storica può giustificare una simile affermazione. Il periodo in questione, dal 701 aC al 1699 dC, vide la nascita del buddismo, dello zoroastrismo, del taoismo, del giainismo e del Vedanta; dei movimenti orfici e pitagorici, i misteri di Iside, Serapide e Mitra, la nascita del giudaismo post-esilio, druidria, cristianesimo, manicheanismo, gnosticismo, catarismo e islam. Dal punto di vista esoterico ha visto il buddismo Zen e Vajrayana, la filosofia di Sankhya, la Kabbalah, il Sufismo, la teosofia sia neoplatonica e cristiana, il rosacrocianesimo e le arti della magia, dell’alchimia e dell’astrologia. I resoconti dei miracoli erano all’ordine del giorno e la credenza in realtà non materiali come oracoli, maledizioni, volontà di Dio, diavolo, transustanziazione o stregoneria era così intensa da causare guerre e persecuzioni. Finalmente verso il 1700, con la rivoluzione scientifica e l’Illuminismo, arrivò un’ondata crescente di incredulità in ogni cosa spirituale, conducendo all’ateismo e al materialismo scientifico delle élite di oggi.  

I Jainisti e alcune sette buddhiste avevano anche un sistema ciclico su e giù, che poteva essere una delle ispirazioni di Sri Yukteswar, anche se la loro scala temporale supera di gran lunga la sua. Il suo altro ingrediente era una approssimativa approssimazione del ciclo precessionale a 24.000 anni invece dei 25.770 degli astronomi o dei 25.920 tradizionali. Lo ha ancorato nella cronologia storica con un motivo chiaramente politico, poiché, insieme a un altro futuro guru, Sri Aurobindo Ghose, apparteneva a un segreto movimento anti-coloniale chiamato appunto Yugantar, che significa “New Age” o “Transizione di un’epoca”. 25 C’era uno scopo strategico dietro l’annuncio nel 1894 che il Kali Yuga era finito e il Dwapara Yuga, un’età migliore, era già in corso; anche dietro l’enfasi sul 1899, a soli cinque anni di distanza, come l’anno in cui la nuova epoca sarebbe arrivata alla sua. Nei primi anni del XX secolo, la propaganda del movimento annunciò che “la peccaminosa era del ferro era finita” e sollecitò l’insurrezione. Questo non è un attacco a Sri Yukteswar e a coloro che lo rispettano e il suo discepolo Yogananda, ma semplicemente un promemoria che anche i saggi hanno i loro programmi. Guénon ha parlato tanto degli autori dei Purana!  

Ciò che è in gioco qui è più che la fedeltà a un’autorità o un’altra. È se la propria visione del mondo consenta (1) che l’umanità nel suo insieme passi attraverso cicli predeterminati, e (2) che questi siano fissati cronologicamente, quindi prevedibili se si riesce a trovare la chiave. Per quello che vale, mi propongo verso il primo, ma non il secondo, perché mi fido del microcosmo come guida per comprendere il macrocosmo e viceversa. Ognuno di noi sta attraversando un ciclo prestabilito le cui date sono imprevedibili. A parte gli incidenti, ci stiamo facendo strada dall’età dell’oro dell’infanzia, attraverso l’amabile Silver Age dell’adolescenza e la combattiva età del bronzo della maturità, fino all’età del ferro del declino e della morte. Quindi potremmo ricominciare da capo, ma di certo non ripeteremo la procedura al contrario! Proprio come si può stimare l’aspettativa di vita di qualcuno in base alla loro età, stato di salute, abitudini ecc., Così si può fare un’ipotesi a quella delle civiltà e forse dell’intera razza umana. 

Le descrizioni tradizionali del Kali Yuga, e specialmente di quello che Guénon nel 1944 chiamava il “Regno della Quantità”, si adattano perfettamente al mondo moderno e questo potrebbe darci un’idea della nostra posizione nel ciclo. Ma come una persona anziana che si sta riprendendo da una chiamata ravvicinata dopo l’altra, sembra che ci stiamo aggrappando e dobbiamo essere grati per ogni nuovo giorno. 

Ulteriori informazioni e approfondite ricerche su questo argomento sono disponibili nel libro di Joselyn Godwin, Atlantis and the Cycles of Time (Inner Traditions, 2011).  

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 138.   

Le note  

1. Questo articolo cita e adatta il materiale spiegato in modo più completo nel mio libro Atlantis and the Cycles of Time (Rochester, VT .: Inner Traditions, 2011). 

2. J. Godwin, Arktos, The Polar Myth in Science, Symbolism, and Nazi Survival (Kempton: Adventures Unlimited, 1996), 13-18.  

3. Compilato da Vishnu Purana, 1: 3; vedi anche Linga Purana, 4: 24-35; Leggi di Manu, 1: 68-82.  

4. Eusebio, Cronaca Chaldaean, 1: 8.  

5. Joseph Henri Marie de Prémare, Discours préliminaire, in Joseph de Guignes, ed., Le Chou-King, Un des livres sacrés des Chinois (Parigi: Tilliard, 1770), li. 

6. The Poetic Edda, Grimnismol, 23, trans. Henry Adams Bellows. 

7. Giorgio de Santillana e Hertha von Dechend, Hamlet’s Mill: An Essay on Myth and the Frame of Time (Boston: Gambit, 1969), 162. 

8. Ernest G. McClain, Il mito dell’invarianza: l’origine degli dei, matematica e musica dal Rig Veda a Platone (New York: Nicolas Hays, 1976), 149. 

9. Quanto segue è riassunto da René Guénon, “Quelques remarques sur la doctrine des cycles cosmiques”, in Formes traditionnelles et cycles cosmiques (Paris: Gallimard, 1970), 22-24.  

10. Ibid., 21.  

11. Ibid., 48n. 

12. Jean Robin, Les sociétés secrètes au rendez-vous de l’apocalypse (Parigi: Guy Trédaniel, 1985), 67.  

13. Alain Daniélou, Mentre gli dei giocano: gli oracoli e le prediche di Shaiva sui cicli della storia e il destino dell’umanità, trans. Barbara Bailey e altri (Rochester, VT .: Inner Traditions, 1987), 193. 

14. Daniélou, While the Gods Play, 197. 

15. Gaston Georgel, Les rythmes dans l’histoire, 3 a ed. (Milano: Archè, 1981; 1 ° ed., 1937).

16. Ibid., 164.

17. Vedi Atlantis and the Cycles of Time, 346-48. 

18. Gaston Georgel, Les quatre âges de l’humanité ( Milano: Archè, 1976; 1 ° ed. 1949), 87. 

19. Vedi J. Godwin, “Agarttha: Taking the Lid Off the Underground Kingdom”, New Dawn 109 (2008), 59-62; anche le indagini di Marco Baistrocchi, “Agarttha: A Manipulation Guénoniano?” trans. J. Godwin (Fullerton, Ca .: Theosophical History, 2011) e Louis de Maistre, Dans les coulisses de l’Agartha l’extraordinaire mission di Ferdinand Anton Ossendowski in Mongolia. (Parigi: Arché, 2010). 

20. Ferdinand Ossendowski, Animali, Uomini e Dei (New York: Dutton, 1922), 314. 

21. Gaston Georgel, Le cycle Judéo-Chrétien, sceau et couronnement de l’histoire humaine (Milano: Archè, 1983), 34. 

22. Questo sistema è spiegato in Jnanavatar Swami Sri Yukteswar Giri, The Holy Science (Los Angeles: Self-Realization Fellowship, 1990; 1 ° ed. 1949), 7-18. 

23. Ibid., 15. 

 

24. Ibid., 13. 

25. Vedi Terrorism in Bengal: Una raccolta di documenti sulle attività terroristiche dal 1905 al 1939, ed. Amiya K. Samanta (Calcutta: Government of West Bengal, 1995), 1: 155. Accessibile tramite l’articolo di Wikipedia “Mokshadacharan Samadhyayi”.  

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com . Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.  

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/ 

®wld

Gli Dei dell’antichità interpretati allegoricamente in un modo falso e arbitrario

Il Fenicio: quelli non erano Dei, i sacerdoti ci hanno mentito

L’inganno di cui siamo vittime non è una cosa moderna. Eusebio di Cesarea, padre della Chiesa, vissuto nel III secolo dopo Cristo, ha scritto la sua “Praeparatio Evangelica”. Lui riprende gli studi di Filone di Biblos, il quale a sua volta aveva ripreso gli studi di un certo Sanchuniathon, sacerdote fenicio del 1200 avanti Cristo. Siamo più o meno all’epoca della Guerra di Troia, cioè nel periodo in cui Israele, uscito dall’Egitto, stava conquistando la cosiddetta Terra Promessa, “promessa” da “Dio”. Ovvero: Dio l’onnisciente, l’onnipotente, promette la terra alla sua famiglia (non al popolo, perché non l’ha promessa agli ebrei: l’ha promessa alla famiglia di Giacobbe-Israele, che era una delle centinana di famiglie di ebrei). Sono passati 4.000 anni, dal momento della promessa, e se vogliono quella terra se la devono conquistare e mantenere con i carri armati, i missili, i muri, il filo spinato, le trincee. Quattromila anni: “promessa” di “Dio”. Che cavolo di dio è? Ma chi può pensare, anche solo per un attimo, che quella sia una promessa di Dio? Soltanto una ideologia che è basata sulla falsità. Attenzione: questo non vuol dire “antisemitismo”, vuol dire “anti-sionismo”, che sono due cose diverse (sono moltissimi gli ebrei anti-sionisti).

Ma torniamo a Eusebio di Cesarea. Allora, Filone di Biblo, a cavallo tra il primo e il secondo secolo dopo Cristo, riprende gli studi questo Sanchuniathon, e sentite che cosa dice: «Nel corso

dell’opera, Sanchunathon riconosce che le “divinità” non sono degli dèi celesti, bensì dei semplici mortali, maschi e femmine; non di costumi talmente incorrotti da dover essere accolti per la loro virtù o imitati per la loro saggezza, ma ricolmi di malvagità e di perversioni di ogni genere». Questa è una bella descrizione dello Yahvè biblico, per esempio. Ma poi, dice Eusebio di Cesarea: dopo avere fatto queste osservazioni, egli (Sanchuniathon) critica aspramente «gli scrittori vissuti nelle epoche successive a quando quei fatti avvenivano», per il fatto che – ascoltate bene – «in modo falso e arbitrario hanno interpretato in maniera allegorica, e fondandosi su spiegazioni e teorie fisiche, e perciò snaturandoli, i racconti riguardanti gli dèi». E aggiunge: «Ma i più recenti scrittori che si sono occupati di storia sacra hanno ripudiato i fatti avvenuti in principio. E dopo aver inventato allegorie e miti, che combinarono in modo tale da ricondurli a fenomeni cosmici, istituirono dei misteri e li avvolsero in una oscurità così densa che non era possibile vedere facilmente i fatti realmente avvenuti».

Cioè, Filone di Biblo, tra primo e secondo secolo dopo Cristo, diceva che nel 1200 avanti Cristo c’era già chi aveva denunciato l’inganno, perpetrato dalle classi sacerdotali: che hanno preso dei racconti reali e li hanno trasformati in allegorie e miti – che è quello che ancora oggi continuano a volerci far credere. E ci sono appunto quelli che, ancora oggi, a sostegno di questo, ci raccontano: “No, ma questi sono miti, queste sono allegorie”. E non è finita: Filone scrive che Sanchunathon, «imbattutosi in certi libri» (che sono quelli, è scritto prima, di Toth), che erano stati fino ad allora «nascosti nei penetrali del tempio di Amon», si dedicò al loro studio «per comprendere tutte quelle cose che non a tutti era dato conoscere». Alla fine, Sanchunathon «riuscì a realizzare il suo progetto e tolse di mezzo i miti e le allegorie in cui erano stati avvolti i tempi primitivi». In seguito, aggiunge Filone, «i sacerdoti che vissero dopo di lui vollero nascondere nuovamente la verità e ritornare al mito». Ed è quello che si sta facendo da millenni, continuamente. Quando c’è qualcuno che dice: “Guardate che forse quei racconti lì sono delle cronache vere, c’è sempre chi interviene e fa in modo di coprirli, trasformandoli in allegorie e miti, perché le cronache vere non si devono conoscere. Ci sono sempre quelli che continuano a “coprire”, perché non si conosca la reale concretezza di ciò che veniva detto all’inizio.

In seguito – aggiunge sempre Eusebio, citando Filone – i sacerdoti che vissero dopo Sanchuniathon «vollero nascondere nuovamente la verità e ritornare al mito: da allora ebbero origine i Misteri, che ancora non erano stati introdotti» (e qui sta parlando dei culti misterici greci). Poi aggiunge: «Traendo spunto da queste narrazioni, Esiodo e gli altri poeti composero le loro teogonie, gigantomachie e titanomachie, eccetera; portando in giro in ogni luogo queste narrazioni, riuscirono a soffocare la verità». Sembra che parli di noi: «I nostri orecchi, abituati fin dall’infanzia alle loro invenzioni e martellati ormai da tanti secoli da queste fantasie, custodiscono quasi come un deposito la materia favolosa trasmessa da queste favole, che essi hanno appreso così come ho già detto all’inizio». Ancora: «Rafforzate dal tempo, queste invenzioni fantastiche sono diventate un patrimonio di cui assai difficilmente ci si può disfare, tanto che la verità sembra una fantasticheria, mentre i racconti contraffatti sembrano avere tutti i caratteri della verità»

Non è stupendo? E’ quello che viviamo noi, tutti i santi giorni. E’ stato scritto nel III secolo dopo Cristo sulla base di un testo del I-II secolo dopo Cristo, che a sua volta riprende un testo del 1200 avanti Cristo. Sembra scritto per noi: le fantasticherie hanno preso il posto della verità. E quando c’è qualcuno che vuole farla emergere, la verità, bisogna “segarlo”: la verità non deve essere conosciuta, perché la verità è quella che farebbe cadere i sistemi di potere. Perché la verità è molto semplice: ed è talmente semplice da essere immensamente più affascinante delle favole che ci hanno ricamato sopra. Uno studioso contemporaneo, il filologo Giovanni Semerano – molto importante ma scomodo, e quindi un po’ ostracizzato – citando sempre Eusebio di Cesarea, dice: «Abbiamo notizia dell’albero genealogico degli dèi. Primo fra tutti sarebbe stato Elyòn», che è quello citato nella Bibbia, «da cui sarebbe nato Baal Shemìn. Da Baal nasce El, che nel secondo millennio sarebbe divenuto il capo del Pantheon fenicio. Ai suoi figli, tra i quali Yahvè, El affida la cura di un popolo». E’ esattamente ciò che ci racconta la Bibbia, nel Deuteronomio. Cioè: ce lo raccontano tutti. Non dobbiamo far altro che fare finta che sia vero, ben sapendo che gli autori biblici non avevano certo tempo da perdere: perché avrebbero dovuto inventare fiabe? E se facciamo finta che sia vero, capiamo tutto. Ma è proprio questo che non deve avvenire. 

(Mauro Biglino, estratto della conferenza tenuta a Reggio Emilia il 30 giugno 2018, ripresa su YouTube. Già traduttore della Bibbia per le Edizioni San Paolo, Biglino ha reso popolare la traduzione letterale dell’Antico Testamento firmando saggi divulagativi di grande successo, pubblicati da UnoEditori e da Mondadori, nei quali presenta Yahvè e i suoi “colleghi” Elohim non come dèi, ma come misteriosi e potenti dominatori, improvvisamente giunti sulla Terra. Biglino rivela che nella Bibbia – presa alla lettera, nell’ebraico antico rimaneggiato dai Masoreti fino all’epoca di Carlomagno – non esiste traccia di alcun dio: non c’è metafisica né spiritualità. Non esistono neppure i concetti di creazione, eternità, onnipotenza. Gli “dèi” della Bibbia – tanti, corporei e non certo immortali – sarebbero la fotocopia dei futuri “theòi” greci, degli “dèi” romani e di tutte le “divinità” delle civiltà precedenti, a partire da quella sumera. Singolare la denuncia formulata, in questo senso, dall’antico sacerdote fenicio Sanchunathon già nel 1200 avanti Cristo, poi ripresa dallo storico greco Filone Erennio di Biblos e quindi da un autorevole “padre della Chiesa” come, appunto, Eusebio di Cesarea). 

Fonte:http://www.libreidee.org/ 

®wld

Mettere in discussione l’esperienza umana

 

Un membro aerospaziale sugli alieni: “Non dobbiamo andare da nessuna parte per trovarli, sono già qui” 

di Arjun Walia  

IN BREVE 

I fatti: Robert Bigelow, fondatore della Bigelow Aerospace Corporation, fa sapere al mondo che ha la consapevolezza che non siamo soli e che siamo attualmente visitati da extraterrestri intelligenti.

Riflessioni su: Bigelow è solo una persona, ma è affiancato da centinaia di altri con credenziali impressionanti. Queste persone hanno detto al mondo che non siamo soli da anni, in maniera molto seria. Perché pensi che questo sia considerato una “cospirazione?” 

“Siamo stati, infatti, contattati – forse anche visitati – da esseri extraterrestri, e il governo degli Stati Uniti, in collusione con le altre potenze nazionali della Terra, è determinato a mantenere queste informazioni all’oscuro dal grande pubblico.” – Victor Marchetti, ex assistente speciale del vicedirettore della Central Intelligence Agency (Second Look, Volume 1, n. 7, Washington, DC, maggio 1979) 

Se stai prestando attenzione a quello che sta succedendo nel mondo, va bene se ti senti come Alice nel Paese delle Meraviglie. Per anni l’umanità si è sentita a proprio agio con la sua schiavitù, prima di oggi, una grande parte della popolazione si è accontentata dell’esperienza umana, semplicemente entrando nel sistema, cercando di mettere il cibo sul tavolo e inseguire lo stato ‘materiale’ più alto, tra le altre cose, senza mai mettere in discussione ciò che sta realmente accadendo. Tutti noi siamo stati travolti dalle nostre vite quando il mondo ci chiama a preoccuparci degli altri. 

Oggi è una storia diversa. C’è un enorme cambiamento di coscienza che sta avvenendo, e parte di quel cambiamento è mettere in discussione l’esperienza umana e i sistemi con cui abbiamo scelto di circondarci. Le rivelazioni stanno ora emergendo in tutte le aree che circondano ogni aspetto della vita umana; salute e finanza, educazione, politica, intrattenimento, ecc. È abbastanza chiaro che il nostro mondo non è quello che ci è stato presentato, e che ci sono aspetti della realtà su cui dovremmo davvero prestare attenzione se vogliamo crescere, andare avanti e uscire dal ciclo in cui ci troviamo attualmente. Non possiamo cambiare il nostro mondo se continuiamo a fare le stesse cose più e più volte senza mettere in discussione cosa sta succedendo e perché sta accadendo. Ci sono persone in tutti i campi che vengono a “riferire”, e le testimonianze sono sostenute da prove credibili, che danno a questi informatori la fiducia di farsi avanti e dire quello che dicono. Edward Snowden è uno dei tanti grandi esempi, prima di lui, la sorveglianza di massa era considerata un’altra “teoria della cospirazione”. 

Una grande rivelazione che colpisce il mainstream in questo momento è il fatto che non siamo soli, e che forme di vita extraterrestri intelligenti hanno visitato il nostro pianeta per molto tempo, e lo fanno ancora. Per quanto incredibile possa sembrare, proviene dal più alto personale militare, accademici, agenti dei servizi segreti, politici e appaltatori privati ​​all’interno del complesso industriale militare. Ci sono centinaia di queste persone che continuano a dire al mondo che siamo stati visitati e che i governi di tutto il mondo hanno avuto la prova che alcuni di questi “UFO” sono davvero extraterrestri. 

“Sì, in entrambi i casi. Sta succedendo e accadendo sia letteralmente che fisicamente a tutti i livelli; ed è anche una sorta di esperienza psicologica, spirituale che si verifica e si origina forse in un’altra dimensione. E così il fenomeno ci allunga, o ci chiede di allungare per aprirci a realtà che non sono semplicemente il mondo fisico letterale, ma di estendere alla possibilità che ci siano altre realtà invisibili da cui se volete la nostra coscienza, chiudendoci fuori negli ultimi anni dall’apprendimento dei processi.”
Dr. John E. Mack, uno psicologo dell’Università di Harvard e vincitore del premio Pulitzer (fonte)  

La credibilità di queste fonti  

Le fonti sono le più credibili al mondo, l’unico problema è l’argomento. Non importa quante prove per un dato fenomeno, e non importa quanto ovvia sia la sua realtà, se va contro la mente umana e ciò che siamo disposti ad accettare, di solito viene ignorata o salutata con il ridicolo. Vediamo la stessa cosa con la scienza, che è diventata in gran parte il dogma, la vera e propria negazione della parapsicologia (telepatia, guarigione a distanza, ecc.) Quando ha risultati statisticamente più significativi della scienza usata per approvare la maggior parte dei nostri farmaci (fonte). Si chiama dissonanza cognitiva … Crediamo in ciò che scegliamo di credere, e l’umanità è attualmente nel processo di eliminazione di alcuni sistemi di credenze per accettare nuove realtà che una volta non si adattavano alla struttura, e quindi furono ignorate e ridicolizzate.  

Uno degli ultimi “informatori” per parlare apertamente delle loro conoscenze sulle visite extraterrestri è Robert Bigelow, fondatore della Bigelow Aerospace Corporation. Bigelow ha lavorato per più agenzie spaziali internazionali ed è attualmente in accordo con più nazioni per costruire habitat spaziali e stazioni spaziali.  

Prima di arrivare ai suoi commenti, è importante far sapere al lettore che tipo di informazioni Bigelow ha attualmente “in” per quanto riguarda lo spazio e la questione extraterrestre / UFO in generale. I commenti di Bigelow sono stati fatti circa un anno fa di questi tempi, ma non sono state fornite molte informazioni sul tipo di connessioni che questa persona ha, se non è già evidente come uno dei principali appaltatori aerospaziali nel mondo … 

Verso la fine dello scorso anno, un articolo intitolato “Glowing Auras and ‘Black Money”: Il misterioso programma UFO del Pentagono “ha messo a tacere la questione se gli UFO siano reali o no. L’amministratore delegato Tom Delonge, insieme a molte altre persone, tra cui un direttore della Lockheed Aerospace, recentemente scomparso, Steve Justice, uno scienziato del dipartimento della difesa, Hal Puthoff, un alto funzionario dell’intelligence della CIA, Jim Semivan, un direttore dell’intelligence nazionale, Louis Elizondo, il Vice Segretario alla Difesa per l’Intelligenza nelle Amministrazioni Clinton e Bush, Christopher Mellon, e molti altri stanno rilasciando video ufficiali e dati elettro-ottici (tracciamento radar, ritorni) e facendo sapere al mondo che queste cose (UFO) sono reali  

Vado più in dettaglio per quanto riguarda gli ultimi aggiornamenti in un articolo che ho pubblicato in precedenza:  

Il governo degli Stati Uniti ha appena ammesso di recuperare materiali dagli UFO: ecco gli ultimi aggiornamenti 

Molteplici persone all’interno di questa nuova iniziativa hanno espresso che credono che ci sia un’intelligenza extraterrestre dietro l’operazione di alcune di queste imbarcazioni. 

Questo movimento ha portato alla luce il programma UFO del Pentagono (AATIP) per le minacce aeree, un programma fuori da quello che potrebbe essere molti, secondo Hal Puthoff. Puoi vedere l’intera squadra e le loro credenziali qui. 

L’hub principale di tutta questa rivelazione UFO recenti e future “mainstream ufficiali” è la To The Stars Academy, è l’organizzazione che sta rilasciando tutte queste informazioni. 

Da dove arriva Bigelow? Bene, come sottolinea l’articolo del New York Times: 

Il programma oscuro – alcune parti di esso restano classificate – è iniziato nel 2007 e inizialmente è stato ampiamente finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all’epoca era il leader della maggioranza del Senato e che da tempo aveva un interesse per i fenomeni spaziali. La maggior parte del denaro è andato a una società di ricerca aerospaziale gestita da un imprenditore miliardario e amico di lunga data del signor Reid, Robert Bigelow, che sta attualmente collaborando con la NASA per produrre imbarcazioni espandibili per gli umani da utilizzare nello spazio. 

Bigelow fa parte del team di To The Stars Academy, ed ecco cosa aveva da dire sugli extraterrestri,

“Sono assolutamente convinto, questo è tutto quello che c’è da fare. C’è stata ed è una presenza esistente, una presenza ET.” 

Ha anche affermato che “non dobbiamo andare da nessuna parte” per trovare la vita extraterrestre, che possiamo trovarla qui sulla Terra, sottintendendo che sono già qui, camminando tra noi, e sulla base della mia ricerca, stanno già lavorando con più governi. 

Di quante razze stiamo parlando? Forse centinaia, forse persino migliaia di razze sono state catalogate dai nostri governi in tutto il mondo. 

Per decenni, come disse il generale Carlos Cavero al mondo nel 1979, “tutto è stato in un processo di investigazione sia negli Stati Uniti che in Spagna, così come nel resto del mondo.” Su scala globale, “le nazioni del mondo stanno attualmente lavorando insieme nell’indagine sul fenomeno UFO” e c’è “uno scambio internazionale di dati”. (Via gli UFO di Richard Donal per la mente del 21° secolo) 

Un paio di anni fa, l’ex dirigente di Bigelow Aerospace, Mike Gold, che è ora direttore delle operazioni a Washington per Space Systems Loral, è stato interrogato su come sia stato il coinvolgimento di Bigelow Aerospace con gli UFO. 

Diede una risposta intrigante, con alcune espressioni interessanti sul suo viso. Egli menziona e consideri come gli argomenti “molto interessanti” e menziona anche un’udienza del Congresso in cui gli scienziati hanno sottolineato che l’universo pullula di vita. Prosegue affermando che “non può commentare” ciò che Bigelow Aerospace fa con i rapporti sugli UFO, ma è contento che “qualcuno stia prendendo i rapporti perché questi sono problemi importanti che meritano un’attenzione seria”. (Fonte

Chiaramente, ora sappiamo che questo è il caso! 

“Un’influenza extraterrestre sta indagando sul nostro pianeta. Qualcosa sta monitorando il pianeta e lo stanno monitorando con molta cautela.” – 2008 Candidato presidenziale, Mike Gravel (fonte) (fonte

Fonte: https://www.collective-evolution.com/ 

®wld

La malattia cumulativa omnidale si sta metastatizzando

Crollo del sistema globale: i geni e la “natura umana” non sono la causa del “caos mondiale”

By Prof. John McMurtry
Global Research, September 06, 2018

Nota dell’autore: il testo di questo articolo è tratto da un dibattito online su Science for Peace, Dipartimento di fisica, Università di Toronto, settembre 2018

C’è una spiegazione popolare per il caos del mondo ora su di noi, e molti scienziati e filosofi lo sostengono. La forma di questa argomentazione è che la crescente crisi globale che affrontiamo fa risalire alla natura umana e ai geni per spiegarla.

L’ormai diffusa categoria scientifica di antropocene per localizzare la crisi globale esprime la stessa idea e gestisce lo stesso diversivo dalla causa comune.

In realtà, nessuno può spiegare a distanza il collasso del sistema globale in corso né l’estrema destabilizzazione climatica che è il principale sintomo noto di esso.

La crisi della vita planetaria su tutti i fronti è limitata a un meccanismo causale molto più specifico: gli assalti cumulativi, montanti e non regolamentati della distruzione industriale privata, dell’inquinamento, dell’esaurimento e dei rifiuti dei consumatori in un periodo relativamente breve dell’epoca dell’antro.

Ma l’argomentazione ” genetica umana” o ” natura umana” oscura questo fatto fondamentale. Non viene da persone stupide, ma è una spiegazione stupida.

L’antico errore della “natura umana” per spiegare le istituzioni cieche della vita

Più esattamente, è un preconcetto duraturo che è stato dominante fin dai tempi antichi. È stato spesso smentito, ma il suo ritorno esprime in un altro modo la cecità vitale istituita dell’era neo-capitalista.

In questa pericolosa congiuntura dell’evoluzione umana e della storia, è un altro ostacolo ideologico a far deragliare l’esame del problema socio-strutturale.

Dobbiamo tenere a mente che la stessa argomentazione sulla “natura umana” è stata a lungo in atto per spiegare la schiavitù come un fenomeno naturale. Socrate, Platone e Aristotele, la più tranchant, concepirono la schiavitù come naturale per gli esseri umani e così immutabile. Erano uomini molto intelligenti, ma lo consideravano un dato di fatto della condizione umana.

Fin dal primo studio di questi filosofi, ho osservato l’argomento riapparire in tempi malvagi per bloccare la comprensione delle persone sull’effettiva causa socio-strutturale dei problemi solubili.

Ad esempio, l’accettazione della guerra e della schiavitù per millenni si è basata su un “argomento di natura umana”. È naturale che alcuni regnino e altri li servano, e le guerre decidono quale gruppo è più adatto a governare.

Di fatto, entrambe le istituzioni non sono affatto espressioni di natura umana, ma istituzioni totalitarie forzate pervasivamente di omicidi di massa e schiavitù in particolari formazioni sociali che servono la sovranità della minoranza ricca e senza lavoro. loro.

Il capitalismo non è naturale o determinato dal gene

Il capitalismo del sequestro monetario è un’estensione storica di queste istituzioni che regna ancora. La sua differenza è che una forma finanziaria de-regolata e iper-aggressiva ha portato le tendenze di uccisione di massa che sono state patogene a senso unico dal momento che la svolta di Reagan-Thatcher contro il diritto pubblico di protezione della vita e di non partigiani governo.

Continua ancora oggi. Ma i danni cumulativi ignorati da tempo hanno raggiunto. L’organizzazione della vita planetaria sta pagando il prezzo in termini di degenerazione e collasso ad ogni livello, arricchendo ulteriormente quelli che guidano la catastrofe globale.

Hanno scure ragioni per scegliere e finanziano tranquillamente l’argomento dei “geni”, “natura umana” e “antropocene” come la ragione del caos crescente.

Eppure questa regola clinicamente folle è assurdamente attribuita a “natura umana” e “geni” anche da coloro che non ne traggono beneficio. Dopo tutto, molte più vittime sono “natura umana” anche con “geni umani” in “l’antropocene”, e solo una minoranza è d’accordo con le politiche, e sempre più aborriscono i leader e il sistema che guidano che insieme producono tali carattere inumano e malgoverno eco-genocida.

Eppure avrete ancora i pensatori più eminenti – anche l’inventore dell’impronta

ecologica – sostengono che il nostro attuale sistema ecocida si basa su un carattere genetico formato nel nostro passato remoto. Pensa che sia indicato dalla massiccia scomparsa di grandi animali da parte della mano umana, ma da allora è stato sapientemente attribuito alla selezione da condizioni ambientali alterate.

L’argomento del “gene” è molto allettante, tuttavia, per la sua semplificazione in “risultati” fissi a una causa. Questa è l’essenza teoretica della “sociobiologia” in generale. esso è stato dominante nell’accademia e nei media legacy come una razionalizzazione apparentemente scientifica di un chiaro disordine sociale.

Tuttavia, finché dura la sua storia di copertura, la crescente crisi del governo privato dei ciechi che distrugge la vita terrestre condivisa non deve essere affrontata o risolta.

La soluzione di Nicer People

Una delle conseguenze indebolibili delle deviazioni del gene della natura umana dal disordine del sistema regnante è che attribuisce l’onere ai singoli esseri umani di risolvere il problema essendo “più gentili” e “più gentili” l’uno con l’altro.

Questo suona sicuramente bene. Tuttavia, rintraccia l’attenzione critica dal disordine dei mercati aziendali alla fine della vita alle personalità di individui che normalmente hanno un tale o nulla a che fare con esso, e di solito sono vittime della sua sistematica spogliazione di istituzioni pubbliche, regolamenti di protezione della vita e basi di reddito.

In effetti, questo disturbo sistemico ha invaso così tanti livelli dell’evoluzione della società che l’insicurezza della vita dei cittadini è stata normalizzata in tutte le fasi del lavoro, dell’ambiente e del futuro, per quanto ci piacciano gli uni gli altri come individui (che io per amore).

Eppure non sono le singole scelte che sono responsabili del sistema che opprime i mezzi di sussistenza della maggioranza, le loro condizioni di vita e il loro futuro, compreso quello dei loro figli. Concentrarsi su di loro è una forma implicita di incolpare la vittima. Il fatto che siano persone più carine è essenzialmente al di là del punto del problema.

In termini logici, questo è un errore di divisione. Deriva falsamente dalle proprietà di un’entità collettiva le proprietà dei singoli membri di esso, rendendole così responsabili del suo peggioramento o miglioramento. “Siamo tutti responsabili, ognuno di noi per questa crisi umana” è un’espressione corale noiosa di questo errore.

Perché rende coloro che lo dicono così, bene, gentile e gentile, possono crogiolarsi nella riflessione del sé virtuoso. Quelli che di fatto stanno guidando la crisi mentre i suoi pianificatori e dirigenti, con oscenamente alti guadagni finanziari e privilegi per farlo, nel frattempo sono rimasti incolpevoli e fuori dai guai.

La domanda di cui bono: chi beneficia e guadagna da questo sistema insano della vita? – è annullato a priori.

Quelli che sostengono in questo modo non sono così carini come sembrano. Si presentano come persone buone agli altri, si ingraziano a chi ha il controllo e evitano di dover affrontare il vero problema. Questo è certamente più facile e più sicuro. Di fatto, può portare un favore dall’alto ai ciucci e al loro “attivismo per la pace” per il “side-tracking” dal vero male e dai suoi principali agenti. 

La cultura del cover-up del sistema omnicidale

Anche l’evitamento autocentrico del sistema omnicidale si colloca perfettamente in linea con la metafisica dell’agenzia atomica della “scelta del libero mercato”. È il singolo consumatore che sceglie il sistema.

Ancora una volta torniamo al carattere umano individuale come responsabile del disordine del sistema – sebbene, in realtà, i desideri del consumatore siano condizionati operativamente in preferenze (perché si spende molto più denaro per pubblicità pervasive che per ricerca o salute); le condizioni di produzione sono escluse norme e diritti commerciali (perché si verificano ‘corsa al ribasso’ e si verificano standard ambientali); e quasi il consumatore o il cittadino scelgono da remoto che le società debbano competere per abbassare le tasse ai ricchi, abolire l’esame pubblico e l’imposizione di diritti ambientali e dei consumatori e far eleggere i loro rappresentanti eletti da lobby e manipolatori monetari invisibili.

Natura umana? I geni? Scelta del consumatore? La cultura del cover-up ha molti livelli.

Tutte le forme di discussione analizzate sopra condividono una caratteristica. Individuano la responsabilità nell’agenzia individuale. Questa è la metafisica dominante della civiltà occidentale, e perché oggi abbiamo un tale problema nel riconoscere il disordine collettivo del sistema.

Infatti, veniamo continuamente fuorviati dalla comprensione e dalla conoscenza del meccanismo causale collettivo del Grande Disordine come sua funzione centrale – per deviare la colpa, la responsabilità e l’azione sociale dal malgoverato ereditario ma cumulativamente patologico dall’alto che minaccia la vita sulla Terra stessa.

Solo un modello diagnostico si adatta a tutti i fenomeni depredatori attraverso gli host di vita biologici, sociali ed ecologici. Non è “natura umana” o “geni” o “antropocene”, o troppo pochi individui “carini / gentili” o “scelta del consumatore”.

Il vero meccanismo causale di tutte le tendenze degenerate a senso unico di questa malattia cumulativa omnidale è un cancro finanziario privato altamente invasivo che si sta metastatizzando tra società e organizzazione della vita globale.

*

Il Prof. John McMurtry è Fellow della Royal Society of Canada e autore dello studio in tre volumi, Philosophy and World Problems dell’UNESCO Encyclopedia of Life Support Systems (EOLSS). Le sue opere sono tradotte in tutti i continenti e il suo ultimo libro è The Cancer Stage of Capitalism: from Crisis to Cure.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Prof. John McMurtry, Global Research, 2018
Fonte diretta: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Zelotei e false narrazioni l’oscuro buio del nichilismo

 

 

Come le persone diventano facilmente controllate dai tiranni 

 

di Brandon Smith  

 

La domanda spesso sorge nei circoli del movimento della libertà su come arriviamo al punto di una tirannia in piena regola all’interno di una società. Ci sono numerosi fattori che determinano questo risultato, ma attraverso tutti i vari sistemi totalitari nella storia ci sono denominatori comuni – elementi che devono essere lì per far prevalere i tiranni. Quando siamo in grado di identificare questi elementi comuni in modo obiettivo, rendiamo molto più difficile il mantenimento delle strutture dispotiche. 

 

Questo è un problema molto complesso, ma lo analizzerò nel miglior modo possibile …  

 

La psicologia del tiranno 

 

Per venire a patti con il modo in cui i tiranni controllano la società, dobbiamo prima esaminare come opera la mente di un tiranno, perché nella maggior parte dei casi queste persone non pensano come pensa l’essere umano medio. È uno dei pochi casi in cui incoraggerei le persone a “alterare” un altro gruppo. I tiranni sono psicologicamente anormali a un livello così estremo che è difficile classificarli come umani. 

 

Credo che la chiave per capire le motivazioni dei tiranni e da dove queste persone provengano dipende dalla nostra comprensione della sociopatia narcisistica. Ho scritto molto su questo argomento nel mio articolo ‘Global Elitists Are Not Human,’ quindi fornirò solo un riassunto qui. 

 

I tratti narcisistici e sociopatici, come molti tratti psicologici, sono innati. Sono presenti in circa il 5% -10% di qualsiasi società in un dato momento. Nella stragrande maggioranza dei casi, questi tratti rimangono “latenti” e non influenzano in larga misura le azioni o le relazioni di una persona. In una minoranza di casi, tuttavia, il narcisismo e la sociopatia diventano i fattori determinanti della psiche di una persona. Ciò si verifica in meno dell’1% di una popolazione. 

 

Per essere chiari, non tutti i narcisisti sono sociopatici e non tutti i sociopatici sono narcisisti. Ci sono persone che sono narcisisti di basso livello che eccellono nella società e mantengono una coscienza. Ci sono sociopatici di basso livello nella società che svolgono importanti funzioni nelle carriere che le persone empatiche troveranno difficili, come certi lavori nel campo militare o in campo medico. Ciò a cui mi riferisco qui sono sociopatici narcisistici di ALTO LIVELLO – il tipo di persone che diventano assassini, stupratori, pedofili e sì, tiranni. 

 

Un narcisista sociopatico è motivato solo dal desiderio personale. Sono incapaci di empatia per gli altri e vedono le persone come una specie di cibo e fonte di carburante piuttosto che i compagni di viaggio nella vita. Considerano la loro mancanza di coscienza come un vantaggio evolutivo; uno strumento che li aiuta a sopravvivere e prosperare calpestando, rubando, manipolando e uccidendo se necessario senza sensi di colpa o rimpianti. 

 

Penseresti che queste creature siano facili da individuare tra la folla, ma non è sempre così semplice. Hanno la capacità di imitare i comportamenti di coloro che li circondano per apparire più umani. A volte questo li dà via perché non possono fare a meno di pappagallare o rubare comportamenti e manierismi delle persone che incontrano fino al punto di ovvietà. Per quelli inesperti con sociopatici narcisistici, però, la tattica funziona per un po’, perché ciò che la gente pensa di vedere è qualcuno come loro; una riflessione. Immaginalo come un meccanismo di sopravvivenza, come un camaleonte. 

 

Per alcuni tiranni, l’abilità li rende accattivanti per il pubblico per un certo periodo. Possono essere molte cose per molti gruppi e la loro capacità di mentire in modo convincente è eccezionale. Salgono rapidamente la scala del successo e costruiscono sistemi che permettano loro di prosperare. Hanno dubbi e debolezze, però. 

 

Nella maggior parte dei casi sono codardi. Preferiscono ottenere ciò che vogliono attraverso sovversione e inganno, e corrono da uno scontro diretto. Preferiscono usare altre persone (utili idioti) come armi o scudi piuttosto che rischiare di affrontare i loro avversari ideologici. Come parassiti, si concentrano su persone deboli o fragili. 

 

Desiderano disperatamente l’ammirazione dalle stesse persone che hanno perseguitato. Pertanto, sono costantemente costretti a ricoprire ruoli per apparire normali. A loro non piace Sentono che è al di sotto della loro posizione nella vita da dilettare, e sono convinti che dovrebbero essere adorato come loro, non adorato per l’immagine fraudolenta che hanno costruito. Vogliono “uscire allo scoperto”, in un certo senso, come un narcisista sociopatico, ma se lo fanno in un clima sociale stabile saranno evitati o bruciati sul rogo. A volte si uniscono per proteggersi e sono disposti a collaborare finché c’è un vantaggio reciproco. 

 

Quindi, queste “persone” cercano di creare il caos, e quindi di riordinare la società per comportarsi in modo più simile a come agiscono, o pensano più come pensano. Quando le masse sono state convinte ad abbandonare la coscienza, i mostri possono uscire alla luce del giorno senza paura.

 

Ecco come raggiungono questo obiettivo e come la gente media li aiuta a farlo …  

 

False ipotesi 

 

Quasi tutte le situazioni negative iniziano con false assunzioni basate su pregiudizi piuttosto che fatti o prove. L’ipotesi più pericolosa sulla tirannia è dire “siamo nel giusto, quindi non stiamo sostenendo la tirannia”. La domanda che deve essere posta, tuttavia, è che sono veramente “giusti” secondo i fatti? Se la risposta è “no”, probabilmente stanno alimentando un sistema tirannico. 

 

Innanzitutto, molti esseri umani vogliono essere “giusti” più di quanto vogliono essere corretti. Vale a dire, sono felici di “vincere” discussioni e conflitti indipendentemente dal fatto che la verità sia dalla loro parte. Questo pregiudizio è la radice di molte catastrofi nella storia. 

 

Questo non vuol dire che non abbiano una coscienza. La maggior parte delle persone infatti ha una coscienza che dice loro che le loro supposizioni sono sbagliate, ma possono ancora commettere atti di stupidità e atrocità. È qui che i manipolatori tirannici tendono ad aiutarli. 

 

I tiranni trovano grande gioia nel creare tutti i tipi di errori logici, ginnastica mentale e tiri di vendita moralmente relativi al fine di convincere un gruppo di persone che le loro ipotesi sbagliate sono giuste. La verità diventa nebbiosa e le prove diventano inutili. In questo stato mentale, quando gli individui si fondono in una folla, le ipotesi diventano dettami della setta e “vincere” diventa fondamentale. Falsi presupposti e preconcetti possono essere usati per trasformare persone normali oneste in mostri, tutti perché si sono rifiutati di accettare che la loro posizione ideologica fosse imperfetta; tutto perché avevano paura di sentirsi imbarazzati o ammettere di essere stati truffati.  

 

Lati falsi 

 

La presa di schieramenti nel discorso politico è naturale e normale. Anche quando le persone sono completamente oneste sui fatti in mano e concordano sui principi di base della decenza e della libertà umana, ANCORA non saranno d’accordo su quali soluzioni dovrebbero essere utilizzate per affrontare i problemi di fronte a loro. Questo crea uno spettro all’interno della società che è sempre presente; non può essere aiutato o evitato. I tiranni comprendono le basi di questo spettro e cercano di usarlo a loro vantaggio per manipolare le persone lontano dal discorso riflessivo e verso conflitti senza mente. 

 

I tiranni sfruttano le masse più facilmente quando la gente presume che i leader politici e sociali corrotti stiano lavorando per “la loro parte” contro “l’altra parte”. Spesso questi leader possono essere comprati o minacciati in asservimento. I tiranni quindi li usano per guidare lo spettro verso gli estremi più lontani, fino a quando entrambe le parti adottano un atteggiamento di fanatismo.

 

Ciò accade non solo in politica, ma in geopolitica, poiché intere nazioni sono spinte a fare la guerra l’una dall’altra da presidenti fantoccio e governi su conflitti ingegnerizzati che avvantaggiano solo la cabala dei tiranni dietro il sipario.

Zeloteo e false narrazioni

 

Considero lo zelotry come una sorta di malattia psicologica che è effettivamente comunicabile – si diffonde come un virus attraverso una cultura fino a quando tutti sono infetti. Lo zelotismo accade quando una persona abbraccia un’ideologia al punto che essa sovrascrive la sua personalità e la sua anima, e non è più in grado di pensare chiaramente come individuo. Questo include considerare la possibilità che si trovino dalla parte sbagliata della storia e della moralità. 

 

Lo zelotry su una scala di massa dipende da un numero di domino impostato in successione. La minaccia di crollo civile e sofferenza economica aiuta. Gli oppositori ideologici devono essere dipinti come una minaccia imminente e vile al tessuto stesso della società. In alcuni casi sono una minaccia reale e creata (opposizione controllata); in altri casi sono una tigre di carta destinata a guidare un altro gruppo per sostenere misure tiranniche. 

 

I tiranni costruiscono false narrazioni. Questo è quello che fanno meglio. Incoraggiano le persone a diventare inconsapevolmente cattivi, o accusano gruppi innocenti di malvagità per seminare divisione. Hanno bisogno di tutti i lati per vedere tutti gli altri come alleati o nemici. Non c’è una via di mezzo. Se una persona non si conforma alle opinioni dello zelota, allora deve essere immediatamente trattato come una minaccia. Ciò causa una camera di eco senza fine che distrugge ogni dissenso o disaccordo, non importa quanto razionale. 

 

Gli zeloti operano principalmente sulla paura, rendendoli facili prede per i tiranni. E come alcuni nerd da qualche parte una volta hanno detto: “La paura è il killer della mente; la paura è la piccola morte che porta alla cancellazione totale”.

 

Apatia e falsa speranza 

 

Più di ogni altra cosa, i tiranni desiderano una popolazione apatica. L’apatia genera compiacimento e inazione, e incoraggia anche il pensiero delirante. Le persone apatiche tendono alla filosofia del pacifismo come mezzo per rivendicare il proprio comportamento, ma questa è semplicemente una maschera progettata per nascondere la loro paura. Potrebbero temere la sofferenza, potrebbero temere la perdita, potrebbero temere il fallimento, ma hanno certamente paura, e impedisce loro di ostacolare gli sviluppi che sanno essere di natura malvagia e che richiedono una risposta aggressiva. 

 

L’apatia può anche essere allevata in una società attraverso l’uso di false speranze. I tiranni evocano scenari in cui si fa credere al pubblico che il “cambiamento” positivo sta per avere luogo, di solito attraverso la politica. Ma non ci saranno cambiamenti per il meglio oltre il cosmetico. Le cose vanno solo peggio. In questo processo di condizionamento, i tiranni raccolgono le speranze delle masse e poi le lanciano a terra più e più volte, finché il pubblico non si arrende. 

 

Il problema non è che le cose non possano cambiare in meglio, ma che il pubblico continui a giocare secondo le regole di un gioco fabbricato proprio dalle persone che stanno causando la loro miseria. Uscire dai limiti di quel gioco ci impone di prendere in mano le cose piuttosto che aspettare che gli altri apportino cambiamenti per noi. Richiede il rischio. Se la farsa della tirannia finisce sempre, tutte le persone sveglie e consapevoli dovranno assumersi molti rischi. 

 

Ho sentito dire che la tirannia è un prodotto naturale e inevitabile della società umana. Che i tiranni non possono essere evitati, che esisteranno sempre e qualsiasi tentativo di rimuoverli li farà sostituire solo con altri tiranni. Questo è l’apice della mentalità patetica. È il buio oscuro del nichilismo. 

 

Si potrebbe anche obiettare che non ha senso lavarsi perché domani ci sporcheremo di nuovo. Ma queste persone alla fine moriranno di malattia. Se la tirannia è una costante umana, allora anche la ribellione deve essere una costante umana, altrimenti l’umanità muore o si trasforma in qualcosa di irriconoscibile.  

 

Fonte:  http://www.alt-market.com/ 

 

®wld

I Fondatori: un misto pool genetico

 

L’Inception della Terra

“Poi Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza.” – Genesi 1: 26

All’immagine di chi sono stati fatti gli umani della Terra?

Molte delle più antiche scritture della Terra, indicano che lo sviluppo umano era guidato dagli dèi che sono venuti dal cielo. Persino gli antropologi sono consapevoli dello sviluppo insolitamente rapido dell’Homo sapiens. Alcuni antropologi stimano che la specie Homo sapiens sia apparsa milioni di anni prima di quel che si dice.

Mentre per lo sviluppo evolutivo tra l’Australopiteco e il Neanderthal ci sono voluti più di due milioni di anni, ci sono le prove sulla Terra che l’Homo sapiens (Cro-Magnon) è emersocirca 35.000 anni fa. Ciò che è ancora più intrigante è che sebbene i resti dell’uomo continuino a essere scoperti, gli archeologi hanno trovato resti di un Homo sapiens, ancora più antico, nelle aree dell’Asia occidentale e dell’Africa settentrionale.

Questi resti risalgono a 250.000 anni prima dell’uomo di Cro-Magnon.

Si potrebbe affermare che l’Homo sapiens non ha avuto dei precursori evolutivi.

Niente si è evoluto nell’Homo sapiens – la specie è semplicemente apparsa.

Gli extraterrestri potrebbero aver dato una mano all’evoluzione della Terra? Se sì, cosa avrebbero potuto guadagnare dagli umani della Terra? Forse era un loro modo per accelerare la propria evoluzione.

Sembra evidente che ci furono tre gruppi principali che orchestrarono l’Inception della Terra.

Li identifichiamo così:

  • ·il gruppo dei Fondatori
  • ·il gruppo dei Lirani
  • ·il gruppo dei Siriani

I Fondatori facilitarono l’Inception dal punto della non-fisicità e furono i supervisori dell’intero progetto. Ignari di queste influenze non fisiche, i Lirani orchestrarono fisicamente l’Inception e impiegarono il gruppo Siriano per assisterla. Ogni gruppo ha le proprie motivazioni per il suo coinvolgimento e sebbene fossero diverse, l’obiettivo era lo stesso: la creazione di una razza umanoide sulla Terra.

Come affermato in precedenza, i Pleiadiani furono coinvolti nell’evoluzione della Terra per un proprio tornaconto.

Sentivano che se avessero interagito con gli umani, non solo sarebbero stati in grado di far parte dello sviluppo della loro dimora precedente, ma avrebbero potuto conoscere la negatività e l’integrazione, senza doversi incarnare direttamente in un mondo che stava elaborando quelle idee. Vennero persuasi dal gruppo Lirano, che era ben consapevole della compatibilità genetica dei Pleiadiani con i nuovi umani della Terra che si stavano sviluppando.

Il gruppo Lirano (formato da una combinazione di razze Lirane) faceva sempre degli esperimenti. Proprio come gli umani che hanno determinate pulsioni istintive (tipo la procreazione), questi extraterrestri sentono l’impulso di emulare i loro “creatori” – i Fondatori. La “progenie” dei Fondatori ha sempre continuato istintivamente l’inseminazione genetica. I Fondatori erano ben consapevoli che la consanguineità avrebbe causato la morte della razza, quindi cercarono continuamente dei nuovi ceppi per mantenere un pool genetico misto.

C’era un’altra motivazione primaria per cui i Lirani si fecero coinvolgere con la Terra. Dopo eoni di conflitto all’interno delle razze discendenti Lirane (Vega, Sirio, Orione, ecc.), erano stanchi di creare civiltà polarizzate che non riuscivano a coesistere pacificamente. Furono determinati a stabilire che la Terra doveva essere un pianeta fondato sull’integrazione piuttosto che sulla polarità.

Il gruppo Lirano sentiva che forse quello di cui avevano sempre avuto bisogno era un pianeta integrato dalle origini, piuttosto che uno che portava con sé i semi della polarità da altri sistemi stellari. Con questo in mente iniziarono a formulare il loro rigido piano per l’Inception della Terra.

Tuttavia, i Fondatori avevano altri piani. Sapevano che la Terra sarebbe stata il terreno finale per la guarigione del dramma di Orione e quindi doveva rimanere polarizzata per risolvere il conflitto. I Fondatori sapevano che la famiglia galattica avrebbe finalmente potuto conoscere l’integrazione attraverso l’esperienza di risoluzione della polarità sulla Terra. I Fondatori permisero al gruppo Lirano di portare a termine il loro progetto, perché sapevano che alla fine avrebbe sostenuto il piano cosmico.

Per quanto riguarda il gruppo Siriano, le sue motivazioni erano molto più vicine a casa. Ritenevano che la Terra si trovasse all’interno del sistema stellare della triade di Sirio, per cui credevano di avere il diritto di manipolare la genetica della Terra. I Siriani erano interessati semplicemente a costituire delle primitive razze umanoidi sulla Terra da poter utilizzare per i lavori manuali mentre espandevano le loro colonie fino alla Terra. Pertanto, sostennero il progetto Lirano tenendo in mente i propri obiettivi.

Il progetto di Inception della Terra ebbe inizio.

Per molte migliaia di anni, durante le prime fasi del progetto di Inception della Terra, i Lirani 1 – osservarono con occhi cauti la crescente razza dei primati terrestri.

1-1 I Lirani, così come altri, erano conosciuti con il termine ebraico “Nefilim“, erroneamente tradotto in “giganti”. Nefilim significa letteralmente “quelli che sono venuti giù”. In Genesi 6: 4 si dice: “Vi erano i Nephilim sulla terra in quei giorni – e anche dopo – quando i figli di Dio si avvicinarono alle figlie degli uomini ed ebbero dei figli da loro. Erano gli eroi dei tempi antichi, gli uomini famosi di quei giorni.” Il termine ebraico originale che è stato tradotto con “famosi” è “shem”, che significa letteralmente veicolo aviotrasportato, probabilmente un razzo spaziale. Quindi, “Erano gli eroi dei tempi antichi, quelli dei razzi spaziali.”

Prelevarono occasionalmente dei campioni e apportarono delle leggere modifiche alle strutture del DNA Durante i punti critici dello sviluppo, iniziarono a inserire, in questi primati, il materiale genetico dei Pleiadiani 2 (e altri gruppi). Per lunghi periodi divenne sempre più chiaro che l’evoluzione stava accelerando a un ritmo rapido. Quando divenne evidente, si avviarono gli esperimenti cruciali del prototipo.

2 – Come detto in precedenza, i Pleiadiani portavano la genetica della Terra che si integrò con successo nel ceppo Lirano. Per cui diventarono la scelta definitiva per inseminare la razza terrestre.

La storia di Adamo ed Eva è una delle poche eredità rimaste che possa sottilmente ricordare all’umanità le sue origini. Il racconto contiene molti riferimenti simbolici alla saga che avvenne riguardo a quale tipo di specie avrebbe ereditato la Terra.

Come già affermato, il gruppo Lirano voleva una specie fondata sull’integrazione.

Pertanto, sentivano che la specie non doveva conoscere la polarità, vale a dire il “bene” e il “male”. Controllarono rigorosamente l’ambiente di questi nuovi umani, in modo da rimanere concentrati sullo sviluppo di perfetti veicoli di integrazione. Non volevano che i nuovi umani diventassero come loro: polarizzati. Ciò che il gruppo Lirano non riuscì a riconoscere è che, a questi nuovi umani, stava limitando anche la scelta.

Dopo generazioni di lavoro con i primati e la genetica extraterrestre, il gruppo Lirano sviluppò un prototipo umano il cui significato “della terra” venne tradotto con il nome “Adam”. Il prototipo Adam fu introdotto sulla Terra per verificarne l’adattabilità ambientale in molte aree del pianeta. (C’erano molti Adam).

Quando il prototipo fu adattato in modo soddisfacente, gli Adam furono ritirati.

Così il Signore Dio fece cadere un profondo sonno sull’uomo, che si addormentò. Poi prese una delle sue costole [o una parte del suo fianco] e richiuse la carne al suo posto.”3

3 – Genesi 2: 21

Attraverso la clonazione el’ingegneria genetica, fu creato un prototipo femminile tradotto con “Eva”.

Vennero restituiti entrambi all’ambiente e furono osservati da vicino. Dal loro desiderio di creare una specie che non avesse conoscenza della polarità, i Lirani istruirono tutti coloro che tendevano vietare ai prototipi la loro conoscenza, di negare a loro il diritto di scelta che venne concesso a tutti gli esseri divini.

Ecco che si riesce a vedere bene il significato dell’affermazione di Dio:

“Mangia pure liberamente di ogni albero del giardino, ma dall’albero della conoscenza del bene e del male [polarità] non devi mangiare, perché nel giorno in cui ne mangerai, sicuramente morirai.”4

4 –Genesi 2: 16

I Siriani che lavoravano con il gruppo Lirano, non erano d’accordo con questa filosofia. Sentivano che i desideri personali dei Lirani di creare questa specie, erano disallineati con i diritti delle forme umanoidi. I Siriani, sebbene volessero sviluppare la razza umana per i loro scopi, scoprirono cheavevano un affetto genuino per i nuovi umani. Nonostante qesta dualità, decisero di intervenire dando inavvertitamente agli umani l’opportunità di scegliere.

Il gruppo Siriano avvertì gli umani:

“E il serpente 5 disse alla donna: “Voi non morirete affatto! Dio sa che nel giorno in cui ne mangerete, i vostri occhi si apriranno e sarete come Dio, conoscerete il bene e il male.”

5 – Il serpente 5 è un simbolo archetipo che si trova in molti miti antichi. La natura del serpente rappresenta coerentemente la dualità: è sia temuto che un forte alleato dell’umanità. Nei Testi Sumeri, Enki, il dio (Siriano) che protegge l’umanità, viene anche raffigurato come un serpente. Il giudizio “malvagio” del serpente è più contemporaneo e potrebbe essere stato uno stratagemma usato dagli dei (Lirani) per impedire all’umanità di seguire le istruzioni dei Siriani che stavano tentando di aiutarla.

6 – Genesi 3: 4

Avendo davanti a loro una scelta e dovendo prendere una decisione che coinvolgeva la loro esistenza, gli umani raggiunsero la coscienza di terza densità. Quando si resero conto di essere stati ingannati da “Dio”, optarono per la conoscenza. Una volta che fecero la scelta di ricevere la conoscenza della polarità, rimasero completamente ancorati al piano fisico.

Ora possedevano l’ego, che è la conoscenza di “Io sono” e divennero consapevoli di loro stessi.

“Allora il Signore Dio disse: Guardate, l’uomo è diventato come uno di noi, ora conosce il bene e il male [la polarità]. Non bisogna permettergli di allungare la mano e prendere anche dall’albero della vita e mangiarne, o vivrà per sempre.”7

7 –Genesi 3: 22

Inutile dire che il gruppo Lirano non rimase contento. A causa della loro rabbia negarono l’albero della vita (l’Eredità Divina) alla conoscenza umana. La razza umana fu così costretta a svilupparsi senza sapere della sua connessione con la famiglia galattica e il Tutto. Fu davvero una sfida.

Per assicurarsi che gli umani non avrebbero cercato quella conoscenza, il gruppo Lirano adottò alcune precauzioni:

“… ad est del giardino pose i cherubini e una spada fiammeggiante che girava in
ogni direzione, per custodire la via verso l’albero della vita.”8

8 –Genesi 3: 24

Lasciarono all’umanità la sua eredità: il retaggio di Orione (simbolicamente rappresentato dalla spada), senza lasciare alcuna conoscenza per la sua risoluzione. Negli antichi Testi Sumeri si insinua che i cherubini siano dei veri e propri dispositivi meccanici o robotici che, in questo caso, proteggevano l’albero della vita.

Qual è la traduzione letterale dell’albero della vita? In Sumero, la parola usata per l’albero della vita era GISH.TIL.

GISH voleva dire dispositivo creato dall’uomo; TIL significava missile (ed è così anche nell’ebraico contemporaneo). Invece di un vero albero, stava a indicare il “veicolo per la vita”, ovvero un’astronave. Nei resoconti Sumeri ci sono delle chiare raffigurazioni di razzi spaziali, così come di uomini che le salutano da terra.

Sembra chiaro che l’azione degli dèi di posizionare i cherubini per tener lontani gli umani dall’albero della vita, voleva effettivamente negare agli umani la conoscenza della loro eredità. Agli umani della Terra non fu più permesso di mescolarsi apertamente con gli dèi e lasciare il pianeta con loro. Gli umani furono banditi dai cieli.

Cosa successe al gruppo Siriano che interferì con i progetti Lirani?

A causa della loro interferenza si legarono energeticamente allo sviluppo della Terra. Hanno sempre avuto molti assi nella manica e, in questo caso, sono quelli che hanno riso per ultimi.

Mentre lavoravano con il gruppo Lirano nel programma genetico, inserirono un codice di DNA latente all’interno delle cellule umane.

Questo codice verrà innescato da una vibrazione accelerata che si verificherà quando la civiltà inizierà a evolversi spiritualmente. Come la Terra accelererà verso l’auto – consapevolezza e la quarta densità (che è ciò che sta capitando ora), il codice si attiverà. Una volta attivato, la razza umana srotolerà la sua visione limitata come fosse una spirale, finché la distesa del Tutto Ciò Che È
diventerà visibile. Dopo tutto, si è trattato del loro modo di permettere all’umanità di mangiare dall’albero della vita.

L’umanità è stata sottoposta a una dura sfida da parte dei primi inseminatori del pianeta Terra. Come già affermato, i “bambini” di solito portano dentro di loro i codici genetici e gli atteggiamenti radicati dei “genitori”.

Se la Terra fosse stata davvero seminata da un punto di disuguaglianza e mancanza di libero arbitrio,

  • Questo non potrebbe forse spiegare perché gli umani di molte razze hanno ancora oggi la convinzione di fondo riguardo alla superiorità della razza caucasica / ariana (il gruppo Lirana)?
  • Potrebbe essere che le radici stesse del bigottismo razziale risalgano alle origini del pianeta?

Certamente lo ipotizzano i testi antichi a disposizione dei ricercatori.

I testi Sumeri parlano di “quelli dalla testa nera” che lavoravano nelle miniere dell’Africa per gli dèi. Se questo fosse vero, ovvero che l’umanità porta i modelli dei suoi antenati, allora questa sfida sarebbe solo all’inizio. Riuscire a spezzare questo incantesimo divino che è stato scagliato sull’umanità, potrebbe essere la chiave per la liberazione della razza umana sulla Terra.

Nel passato della Terra, la razza umana ha sempre ricevuto segnali contrastanti dagli dèi.

Ci furono dei periodi (alcuni dei quali sono documentati nei testi Sumeri, tipo il grande diluvio), in cui gli umani furono abbandonati e lasciati morire sul pianeta, mentre gli dèi in cui riponevano la loro fiducia, se ne andarono con le loro astronavi. Durante questi periodi, alcuni dèi salvarono “illegalmente” gli umani prescelti. Questo creò una codifica emotiva all’interno della specie umana durante i periodi di crisi. La codifica ricorda entrambi questi schemi e fa attivare una lotta tra la paura dell’abbandono e la gioia della salvezza. È imperativo che la razza umana risolva questa dipendenza dagli dèi e diventi autosufficiente.

Nella Terra dei nostri giorni, i gruppi extraterrestri le cui codifiche sono radicate nel passato, promettono ancora la salvezza. Vengono agli umani come esseri dello spazio fisico e parlano telepaticamente a coloro che possono sentire la loro frequenza.

Spesso chiamano vari “comandanti” o uomini “prescelti” della Terra e continuano a tentare l’ego umano nel perpetuare i propri sentimenti di superiorità. Sebbene questi gruppi dello spazio siano un bene, perpetuano continuamente il divario tra la paura dell’abbandono e la gioia della salvezza, incoraggiando così la separazione e l’elitarismo.

Man mano che gli umani si riprendono il loro potere ed entrano nell’età adulta planetaria, anche quei gruppi rimanenti si trasformeranno. La maggior parte degli altri gruppi extraterrestri ha imparato dalle loro azioni passate e desidera, una volta per tutte, la soluzione definitiva a questo conflitto.

Dal punto di vista dei Fondatori, il Piano sta continuando perfettamente.

Il gruppo Lirano deve interpretare uno scenario per la propria crescita. Queste antiche “divinità” extraterrestri lasciarono molti indizi sulla Terra, che alla fine contribuiranno a risvegliare il pianeta alla sua vera eredità. Mentre l’umanità si risveglierà a questa conoscenza, inizierà a mettere in campo gli strumenti necessari per risolvere il dramma di Orione. La risoluzione risiede nella tolleranza.

Se la razza umana riuscisse veramente a tollerare la diversità all’interno dell’unità da un punto di non giudizio, sulla Terra potrebbe nascere il Paradiso

Tratto dal libro in PDF “Il Prisma della Lira”

di Lyssa Royal e Keith Priest 

Versione originale in Inglese 

testo tradotto in lingua italiana da claudiordali 

®wld