Archivi categoria: Antropologia

Puma Punku – La porta del Puma

 Puma Punku è la prova degli antichi astronauti?

Situato a soli 45 miglia a ovest di La Paz, sulle alte montagne delle Ande, si trovano le misteriose rovine di un sito archeologico chiamato Puma Punku. 

Questo antico sito ospita pietre megalitiche che molti ricercatori affermano essere tra le più grandi del pianeta. Alcuni dei megaliti misurano fino a 26 piedi di lunghezza e pesano più di 100 tonnellate ciascuno.

Questo incredibile sito è stato costruito migliaia di anni fa da una cultura estremamente avanzata. Oggi, Puma Punku è considerato un grande complesso di templi o un gruppo di monumenti che fa parte del sito di Tiwanaku vicino a Tiwanaku, in Bolivia. 

Tiwanaku è significativo nelle tradizioni Inca perché si ritiene che sia il luogo in cui è stato creato il mondo. Puma Punku significa “La porta del Puma”. 

Come notato dallo specialista andino, il professore di antropologia dell’Università di Binghamton, WH Isbell, una data radiocarbonica è stata ottenuta da Vranich da materiale organico proveniente dallo strato più basso e più antico del tumulo che forma il Puma Punku. Questo strato è stato depositato durante la prima delle tre epoche costruttive e risale alla costruzione iniziale del Puma Punku a 1510 ± 25 BP 

Puma Punku è così unico nel modo in cui è stato costruito, modellato e posizionato, che è il sito più intrigante e antico del pianeta. Gli studiosi mainstream ritengono che i blocchi trovati a Puma Punku siano stati formati a mano con strumenti primitivi di pietra. Ma alcuni ricercatori sottolineano l’intricata lavorazione della pietra come prova dell’uso della tecnologia di precisione avanzata. 

In che modo esattamente persone così primitive, vivendo migliaia di anni fa, hanno prodotto una pietra così perfetta? È possibile che gli antichi costruttori di Puma Punku abbiano fabbricato le pietre megalitiche con tecnologie avanzate? Strumenti di precisione che avrebbero potuto aiutarli a realizzare queste meraviglie di ingegneria e costruzione, tagli puliti, angoli precisi, sarebbe davvero possibile senza l’ausilio della tecnologia “moderna”? Molte persone oggi lo trovano abbastanza improbabile. 

Se guardi attentamente le pietre, puoi vedere alcune pietre intricate, come se usassero macchine utensili o addirittura laser. È incredibile. 

A Puma Punku troverai queste pietre incredibili con angoli retti perfetti, e alcune pietre hanno piccoli fori che sono stati equamente distanziati lungo questo solco, il che ti fa pensare se sia possibile o meno che gli antichi costruttori di Puma Punku usassero una sorta di macchinari avanzati. 

Un incubo trasportazionale e logistico

Dopo anni di ricerche, gli archeologi hanno detto che le massicce pietre sono state scavate in cave a oltre 60 miglia di distanza e poi rotolate su Puma Punku su tronchi. 

Tuttavia, ciò che sembra dimenticare qui e ciò di cui nessuno parla è il fatto che il sito archeologico di Puma Punku si trova a un’altitudine di 12.800 piedi. Ciò significa che si trova sopra la linea dove cresce l’albero naturale, quindi questo significa che nessun albero è cresciuto in quell’area, il che significa che non sono stati abbattuti alberi per usare rulli di legno.

Questo ci porta alla domanda ovvia su come gli antichi costruttori di Puma Punku trasportarono enormi blocchi di pietra verso la loro destinazione? Certo, avrebbero potuto importare tronchi da altre parti, ma a quell’epoca sarebbe stato un incubo il trasporto, e persino un’enorme forza lavoro non sarebbe stata sufficiente per queste massicce pietre arrivare a destinazione. 

Abbiamo semplicemente troppe domande sulla tecnologia utilizzata, i trasporti, la logistica, ecc., Ed è difficile credere che tutto ciò sia stato ottenuto senza l’uso di utensili elettrici e forme avanzate di trasporto.

Spostare questi massicci blocchi di granito dalle loro cave e portarli a Puma Punku avrebbe richiesto un tipo di tecnologia avanzata, con cui le culture antiche avrebbero potuto sollevare queste pietre massicce e metterle nelle loro posizioni. 

Puma Punku è semplicemente messo in uno di quei posti dove quando guardi quelle incredibili costruzioni, manipolate con quella stessa perfezione, la tua immaginazione si accende, ci sono così tante possibilità a questo punto, e le spiegazioni archeologiche convenzionali semplicemente non sono sufficienti. 

Le domande giuste devono essere poste e ci sono così tanti misteri che circondano Puma Punku … dai materiali usati per aiutarli nelle costruzioni … ai metodi di costruzione e al trasporto dei blocchi e la risposta probabilmente sta di fronte a noi. 

Tiahuanaco, altrettanto stupendo e mistificante 

Nel 1549, mentre cercava la capitale dell’Impero Inca, i conquistatori spagnoli guidati da Pedro Cieza de León attraversarono la Bolivia e trovarono le rovine di un sito archeologico chiamato Tiahuanaco. A meno di un quarto di miglio a nord-est di Puma Punku, i ricercatori moderni ritengono che Tiahuanaco fosse un tempo il centro della civiltà con più di 50.000 abitanti. 

 

In effetti, Tiahuanaco è probabilmente la più grande cultura americana di cui molte persone non abbiano sentito parlare. Era uno degli antecedenti più importanti degli Inca e della loro storia. Il livello di realizzazione nell’architettura, nello sviluppo politico, nell’agricoltura, nelle industrie era diverso da qualsiasi altra scoperta in Sud America, e molti studiosi concordano sul fatto che Tiahuanaco fu misteriosamente abbandonato intorno al 1100 d.C., per ragioni che ancora non conosciamo.

Tuttavia, numerosi scavi hanno rivelato una grande quantità di informazioni su Tiahuanaco. Negli anni ’60, il governo boliviano ha scavato e dissotterrato il tempio sotterraneo a Tiahuanaco. 

All’interno delle mura del cortile sommerso quadrato, i ricercatori hanno scoperto centinaia di misteriose teste di pietra con una vasta gamma di funzioni. 

La maggior parte degli studiosi e degli autori concorda sul fatto che ci sono tutte le razze umane rappresentate a questo muro, anche i crani allungati, le persone che indossano turbanti, le persone con il naso largo, le persone con il naso sottile, le persone con labbra carnose, le persone con labbra sottili e alcuni dei le statue sono particolarmente insolite perché non sembrano rappresentare la popolazione locale.

Questi luoghi misteriosi sembrano rappresentare ogni tipo e forma della testa umana esistente sul pianeta. 

Due di loro, che sono molto intriganti, sono stati creati in bianco, e assomigliano molto alle teste aliene grigie, dicono gli ufologi. 

Viracocha, il dio creatore andino 

Una statua gigante al centro del tempio sommerso raffigura il dio creatore, noto come Viracocha. Curiosamente, Viracocha è stato raffigurato con molte caratteristiche diverse da quelle della popolazione nativa. Questo solleva una domanda interessante; Perché gli abitanti di Tiahuanaco dovrebbero raffigurare il loro dio più prominente con caratteristiche diverse dalle loro? 

Ad esempio, Viracocha era raffigurato con barba e baffi, qualcosa di molto insolito perché gli indiani d’America non hanno barba e baffi. Allora, chi era Viracocha, ed è possibile che ci sia qualcosa di più per lui di ciò che siamo stati indotti a credere? 

Scrittura sumera in America? 

Uno dei più affascinanti reperti archeologici mai scoperti vicino a Tiahuanaco è la famosa ciotola Fuente Magna.

L’artefatto è una ciotola di ceramica, e ha scritto sulla sua superficie una scrittura geroglifica sumerica e proto-sumera. Questo è un problema enorme per gli studiosi mainstream poiché queste due civiltà non sono mai state collegate e si trovano dall’altra parte del mondo. 

 

In effetti, queste due antiche culture erano separate da più di 8.000 miglia, eppure la Fuente Magna Bowl disegna un collegamento diretto tra gli antichi Sumeri e Tiahuanaco e Puma Punku. 

https://ancient-code.com/ 

®wld

L’impero che cadrà

La nostra società ha gli stessi sintomi dell’Impero Romano poco prima della caduta Un collasso è inevitabile?

by Anna LeMind
from TheMindUnleashed Website

Sei preoccupato della società in cui vivi oggi? Beh, forse dovresti esserlo …  

Proprio come le civiltà sono cadute prima, la nostra società potrebbe essere diretta al collasso. Con gli ingredienti giusti, il mondo occidentale può cadere vittima dei propri dispositivi e terminare la vita come noi la conosciamo.

La parte agghiacciante è che stiamo vedendo alcuni degli stessi segni che si sono verificati proprio prima della caduta dell’Impero Romano.

I ricercatori dicono,

“Due caratteristiche importanti appaiono tra le società che sono crollate.

L’esaurimento delle risorse a causa della tensione esercitata sulla capacità di carico ecologica e della stratificazione economica della società nelle élite e nelle messe.”

Fondamentalmente, quando la società è ineguale, il collasso è quasi inevitabile.

Mentre la classe superiore consuma troppo, i cittadini comuni si occupano di carestia. Ci sono risorse limitate per la classe lavoratrice.

A complicare le cose, dal momento che le élite non devono lavorare, non sono interessate da questo problema. La classe superiore continua a consumare in modo diseguale, facendo sì che il problema cresca sempre più, andando verso il collasso.

Come puoi facilmente capire da questo, le risorse continuano ad essere esaurite. Tecnologie progettate per conservare energie energetiche nel processo.

Un aumento dell’efficienza del carburante può sembrare una buona cosa, ma mette anche più veicoli sulla strada, veicoli più pesanti e a velocità più elevate.

Ciò aumenta l’utilizzo di energia e in primo luogo annulla i guadagni desiderati dal risparmio di carburante.

Tutto questo è interessante,

ma come arriviamo a queste conclusioni sul collasso della società?

Ricercatori hanno utilizzato iL Human and Nature Dynamical (HANDY), per estrarre dei dati fattorizzati come tassi di natalità, classe e risorse per generare un’equazione matematica che mostra il nostro risultato.

Il Goddard Space Flight Center della NASA ha sponsorizzato lo studio guidato dal Safa Motesharrei della National Science Foundation.

Dallo studio si evince che,

“Una breve panoramica dei crolli dimostra non solo l’ubiquità del fenomeno, ma anche la misura in cui società avanzate, complesse e potenti sono suscettibili di collasso”.

I malvagi stanno già facendo gli straordinari con queste informazioni.

Anche se stiamo attualmente preparando il terreno per il disastro, possiamo ancora cambiare la nostra situazione futura. Secondo la NASA, le chiavi principali della sopravvivenza ruotano attorno all’uguaglianza economica e alla conservazione delle risorse.

Il collasso può essere evitato se l’esaurimento della natura viene ridotto e le risorse vengono utilizzate con saggezza e equità. Sebbene gli imperi siano caduti e riflettano il nostro stile di vita oggi, c’è tempo per cambiare il modo in cui viviamo.

C’è sempre speranza per domani, se prendiamo le giuste decisioni.

Fronte: http://www.bibliotecapleyades.net/

*********************************  

Come l’ineguaglianza sta uccidendo l’Umanità Il povero rimane Disinformato, il ricco Pianifica l’Armageddon

I media mainstream orientati al business stanno tenendo le persone all’oscuro sulla scelta del World Economic Forum per la “Number 1 Threat” per l’economia globale:

Disuguaglianza.

Negli Stati Uniti, un 5% incredibilmente basso della popolazione ritiene che la disuguaglianza sia un problema importante, anche se soffre dei sintomi fisici e mentali di una società divisa in modo angoscioso.

Forse è una questione di diniego: il Programma di indagine sociale internazionale ha concluso curiosamente che le persone tendono ancora a pensare che la loro società sia meritocratica.

I super-ricchi, d’altra parte, sono ben consapevoli della devastazione che hanno lasciato sulla loro scia, e quindi non si azzardano a isolarsi,

  • bunker di sopravvivenza sotterranei con pareti di 9 piedi
  • porte antiproiettile
  • post di cecchino
  • sensori di viaggio
  • detonatori al peperoncino
  • unità geotermiche
  • filtri anti-chimici
  • dispositivi di sorveglianza a infrarossi,

 … ognuno dei quali può sostenere la vita per alcuni anni.

Atto finale della disuguaglianza 

Nel suo libro “The Great Leveler“, Walter Scheidel documenta i destini ultimi di società disperatamente ineguali nel corso della storia, e non sono carini:

guerre, rivoluzioni, crolli dello stato e piaghe catastrofiche.

Dice l’autore delle inevitabili forze di equalizzazione,

“hanno condiviso una radice comune: violenza e violente interruzioni dell’ordine stabilito”.

Anche se i super-ricchi sopravvivono per un po’ nei loro bunker, possono uscire in un mondo che non potrà più tenerli in vita.

L’articolo continua QUI in lingua inglese

®wld

Giocare a dadi tra milioni e millenni di anni …

Clonazioni, virus ed ipotesi sul passato 

Dott. Roberto Slaviero

Krebsforschungschungzentrum (centro di ricerca sul cancro nda) di Heidelberg, Dr Frank Lyko, ci porta a conoscenza di una incredibile mutazione avvenuta nel giro di pochi decenni di una specie di gambero, il Procambarus virginalis.

Cosa è successo; i ricercatori hanno scoperto che i genomi di tale specie sono praticamente identici, ovvero essi non si riproducono sessualmente ma si clonano da soli.

Tale specie pare sia un’evoluzione della specie madre nordamericana, il Procambarus Fallax, ed è arrivata negli acquari europei tra il 1990 e 1995, dove ha cominciato ad autogenerarsi, due o tre volte all’anno senza accoppiarsi con il maschio.

Notano i ricercatori, che normalmente ci vogliono migliaia se non milioni di anni per tali mutazioni, che invece è avvenuta adesso in pochi decenni! Notate i nomi dei gamberi… Virginalis e Fallax… sti biologi sono proprio dei simpaticoni!

Qualche giorno fa il mio caro amico e ricercatore delle menti umane, dr Di Spazio di Bolzano, mi segnala un’altra incredibile scoperta riguardante una proteina, la Arc, responsabile molto probabilmente della fissazione della memoria nel nostro cervello. Tale proteina agisce come un virus che infetta le cellule ospiti, e in questo caso però è essenziale per garantirci la memoria dei nostri accadimenti. Incredibile!

La scienza ufficiale ci ha fatto odiare i virus…Negli umani afflitti ad esempio da Alzhaimer, nella regione cerebrale dell’Ippocampo, regione deputata alla conservazione della memoria, tale proteina non è più presente e da ciò si suppone la sua enorme importanza per la memoria.

La cosa stupefacente è che i ricercatori pensano che tale “mutazione” sia avvenuta da un antichissimo evento virale, che ha interessato diverse specie di mammiferi e viene collocato nella storia tra i 350 ed i 400 milioni di anni fa!

Adesso qui bisogna cominciare a verificare i dati storici; poichè tra Big Bang, nascita delle galassie, evoluzione dei pianeti e delle specie animali si gioca come al Casinò, si danno i numeri!

Io non so come i ricercatori della proteina Arc parlino di fatti accaduti tra i 350 ed i 400 milioni di anni; parlare di decine, centinaia o migliaia di anni ha un senso ma di milioni… fantasticherie forse! Oggi pensiamo di conoscere gli avvenimenti storici più o meno abbastanza bene fino al 2.o millennio ante Cristum, ci spingiamo fino al 4.o millennio a.C., con l’ antica e misteriosa popolazione Sumera…recentemente si è scoperto il sito in Anatolia di Gobleki Tepe, datato circa tra il 10.mo e 9.no millennio a.C..

Cosa pensiamo inoltre di conoscere; tutte le popolazioni esistenti sul pianeta ci narrano di un evento catastrofico avvenuto, si pensa, tra il 10500 ed il 10000 avanti Cristo, il famoso diluvio.

Sappiamo poi che in tutto il pianeta esistono cavità sotterranee, con cunicoli che collegano varie regioni per migliaia e migliaia di km; ciò suppone che gli uomini abbiano vissuto sottoterra per migliaia di anni; mi viene in mente una enorme glaciazione sulla superficie, oppure la presenza in superficie di esseri non proprio amichevoli, chi lo sa!

Ne ho visitato una in Cappadocia … esperienza unica e non molto solare! Poi cosa pensiamo di sapere …, chiaramente non dalla scienza “ufficiale” dei vari Piero Angela e &., che hanno come obbiettivo il controllo mentale della pecora Homo sapiens.

Antichi testi sanscriti, affermano che in una regione dell’odierno Pakistan, a Mohenjo – Daro, avvenne circa nel 2000 a.C., una potente esplosione di tipo atomico.

Ricercatori dell’Universita di Roma, in seguito agli studi del ricercatore David Davenport e del giornalista italiano Ettore Vincenti, hanno confermato che i reperti da loro analizzati, supporrebbero che tali suppellettili, siano state sottoposte a temperature superiori ai 1500 gradi ed in tempi brevi, come può avvenire solo in eventi di tipo atomico! Hanno escluso eventi naturali, tipo terremoto, meteoriti e vulcani, in quanto le strutture, come pozzi, falde acquifere e strati geologici si sono mantenuti tali come allora!

Altri ricercatori, analizzando pietre e rocce parlano di altre esplosioni atomiche tra l’ odierno Egitto e Libia ed il ricercatore sumerologo Sitchin, era convinto che il famoso episodio biblico di Sodoma e Gomorra, si riferisse ad un attacco con armi atomiche, effettuato da uno degli Dei o Re, come li chiama la nostra Bibbia! Tali eventi sarebbero avvenuti più o meno negli stessi periodi storici del sopra citato evento Pakistano.

Quindi supponiamo che circa 4000 anni fa sul pianeta ci fossero esseri umani o non, in possesso di tecnologie avanzate, usate malevolmente, come ai nostri tempi, per distruggere gli altri!

Davenport, scomparso prematuramente (!?), studiando i Vimana indiani… diciamo i veicoli spaziali dell’antichità, creò una mappa stellare con delle rotte aeree di entrata sulla Terra provenienti da altri sistemi stellari, principalmente quelli delle costellazioni del Cane, del Toro, di Orione e Pleiadi.

Come riuscissero ad entrare sul pianeta Terra, avvolto dal Firmamento, se ciò fosse vero, non ci è dato sapere; ma le nostre conoscenze in materia sono limitatissime o nulle. Ma non voliamo troppo in alto, se nò perdiamo il senso della vita sul pianeta e facciamo il giochetto dei “voladores“, ben descritti da Carlos Castaneda!

Con la datazione del Carbonio 14 riusciamo più o meno a verificare la data storica di oggetti e roccie che abbiano “respirato” ossigeno… ma parliamo di decine di migliaia di anni, non di milioni. Come facciano i ricercatori a parlare di milioni e milioni di anni fa… chissà chi lo sa!

Ipotesi ragazzi miei, solo ipotesi non suffragate; o meglio, volutamente suffragate dalla scienza ufficiale, che ama farci fare voli pindarici nelle galassie o tra i dinosauri del passato, facendoci sognare basi su Marte e sulla Luna o viaggi su Orione…

Non riusciamo neanche ad uscire dall’orbita terrestre, quindi non oltre i 1000 km di altezza o meno, sebbene ci abbiano raccontato la farsa della Luna e continuino con la stazione orbitale Iss, posizionata in un orbita massima di 460 km di altezza, dove probabilmente la Termosfera misura 1500 gradi centigradi…

Tutt’al più sarà posizionata entro i 100 km di altezza, se non in qualche studio televisivo, tipo sbarco sulla Luna!

Dai creduloni, riaprite gli occhi!

C’è in atto (onda temporale zero) un importante evento universale, che vi permette cosi di riavvicinarvi alla realtà ordinaria, facendovi uscire dei mondi fantastici, e permettendovi inoltre di cercare di capire gli inganni vissuti dall’Umanità nel corso degli anni!

Nei mondi fantastici, magari reali, anzi molto reali sebbene in dimensioni più leggere, andateci di notte con i sogni, utilizzando la ghiandola pineale e la sua fase secretoria di Dimetiltriptamina (DMT).

Quando siete nello stato di veglia, vegliate affinchè gli impostori che ci comandano, vengano ridicolizzati e sputtanati nelle loro continue menzogne, con il fine di schiavizzarci e rubarci le nostre risorse, sia materiali che spirituali!

Homo Sapiens, riprenditi e ritorna attivo e sagace, come quando percorrevi il pianeta come nomade, felice nella libertà ed in contatto con la natura… le religioni non ti servivano allora per comprendere la grandezza del Creatore, lo capivi da solo guardando le foreste ed il cielo e odorando piante e corsi d’acqua!

Oggi sei costretto nelle città, schiavo del sistema opprimente, ma la tua genetica è quella del nomade, sebbene ti abbiano impestato con chimica, radiazioni, vaccini ed altri tossici, tentando cosi una riprogrammazione genetica in senso peggiorativo, in senso ultraschiavizzante

Se vuoi, tu sai come ritrovare l’ orgoglio dei momenti aurei vissuti attraversando senza paura e timore, le pianure, le montagne ed i corsi d’acqua del nostro meraviglioso pianeta Terra!

Se non ritrovi quell’ orgoglio e quella spinta di allora, i maledetti genetisti deviati ed i falsi politici, scienziati, storici e religiosi falsi, magari anche pervertiti contro la purezza umana, spegneranno per sempre la tua fiammella divina, calandoti nell’oblio assoluto!

FIAT VOLUNTAS..

AUTEM NOSTRORUM!

http://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?clonazioniviruspassato   

Una nuova trasformazione culturale e antropologica

 

Clonazione umana e mind uploading: un viaggio tra scienza, etica ed effetti collaterali nascosti 

di Enrica Perucchietti 

Clonazione umana: un passo più vicini con la clonazione scimmie 

Nei giorni scorsi è stata data la notizia della clonazione di due scimmie che ha avuto forte risonanza e ha destato clamore. Si tratta della clonazione di due femmine di macaco dalla coda lunga, avvenuta poche settimane fa nei laboratori del Chinese Academy of Science Institute of Neuroscience di Shanghai, in Cina. 

Negli anni Novanta, da quando nacquero la pecora Dolly e il topo Cumulina, gli scienziati non hanno mai smesso di clonare gli animali, riuscendoci con ben 25 specie. Non è neppure la prima volta in assoluto che un primate viene clonato: c’era già stata Tetra, la scimmia nata attraverso la tecnica della scissione embrionale. 

Perché tutto questo clamore, dunque? Da un lato perché a pubblicare il lavoro del team di Qiang Sun è la prestigiosa rivista scientifica «Cell»: un fatto che conferisce autorevolezza alla ricerca, e allo stesso tempo chiarisce la risoluzione di problemi tecnici che finora avevano fatto fallire gran parte dei precedenti tentativi di clonazione di primati non umani e che sembravano pertanto precludere la strada successiva

La clonazione delle due femmine di macaco ha infatti riproposto quello che potrebbe essere il passo successivo, ossia la clonazione degli esseri umani, con i problemi di costi, le controindicazioni ma soprattutto con le sue problematiche etiche.

Clonazione umana: quando gli scienziati guardano alle controindicazioni fisiche 

Ne avevamo avuto un assaggio quando nel 2002 i raeliani, tramite Brigitte Boisselier, presidente di Clonaid, sostennero di aver clonato una bambina, chiamata Eva. L’annuncio bufala venne accolto con scetticismo ma permise di proporre il tema all’interno e fuori dalla comunità scientifica. 

Venne infatti ricordata l’alta incidenza di aborti e di decessi dopo la nascita, oltre che di difetti genetici e di altri problemi di salute nei soggetti animali clonati. La stessa pecora Dolly risultò invecchiare più velocemente rispetto alle sue coetanee. Da tempo il suo creatore, l’embriologo scozzese Ian Wilmut, ha messo in guardia sui pericoli della clonazione (gigantismo, problemi polmonari e disfunzioni del sistema immunitario, obesità, disfunzioni cardiache e polmonari, ecc.;).

Wilmut aveva infatti catalogato i problemi che presentano i cloni arrivando a chiedersi «se ne esista uno interamente normale». Da qui il suo appello contro la clonazione umana: «Nessuno dovrebbe neppure provare a clonare un bambino […] Ci sono abbondanti prove che la clonazione può andare e va male e non c’è motivo di credere che gli stessi problemi non si presentino clonando l’uomo». 

 

 Clonazione umana: scenari futuri al confine con l’etica

Il passaggio alla clonazione umana non è scontato ma date le derive del “progresso” scientifico e tecnologico va preso in considerazione e andrebbe richiesta maggiore trasparenza in questo campo, ponendosi inoltre dei paletti, dei limiti oltre i quali non si dovrebbe eticamente andare, nel rispetto cioè dei princìpi di precauzione, responsabilità e tutela della vita, intesa sempre come fine della ricerca, e mai unicamente come mezzo.

Quali potrebbero essere invece i benefici nel campo medico? La clonazione apre nuovi scenari per la cura di molte malattie umane gravi ad esempio del sistema nervoso (Alzheimer, Parkinson, Ictus). 

Molti in questi giorni hanno però paventato scenari da fantascienza per la possibilità teorica di un distorto utilizzo di queste nuove conoscenze. Clonare un essere umano è inutile e scientificamente immotivato, se non fosse che potrebbe divenire “utile” per motivi non etici, che vanno presi in considerazione, quale la possibilità di avere cloni umani intesi come riserve di organi. Non solo.

La clonazione umana è stata talvolta proposta per migliorare le qualità genetiche dell’umanità: clonando ad esempio individui di grande successo nello sport, nella musica, nelle arti, nella scienza, nella letteratura, e nella politica. E già questo modo di pensare potrebbe condurre a scenari distopici, perché alla base vi è un’idea di distinzione/suddivisione in caste tra persone più o meno capaci e quindi tra coloro che meritano di essere colonati/di sopravvivere e chi viene inteso come normale e quindi ipoteticamente in futuro anche “sacrificabile”. Stiamo camminando sul filo di un rasoio.

Mind uploading e utero artificiale: il futuro distopico è già qui 

Si tratta di preoccupazioni etiche di certo non infondate, se consideriamo ad esempio le ricerche nel campo dell’ectogenesi, cioè dell’utero artificiale o del trasferimento di mente di cui abbiamo parlato ampiamente in opere quali “Utero in affitto” e Il mito dell’immortalità. Per quest’ultimo in particolare, il mind uploading, si sono paventati gli stessi benefici medici nel campo della clonazione. 

Chi ci dice che non si raggiungeranno presto, invece, scenari distopici come quelli immaginati dalla letteratura cyberpunk o ucronica come Non lasciarmi del premio Nobel Kazuo Ishiguro o da film come The Island con cloni umani che fungano da donatori di organi?

Pensate che immaginare in futuro la clonazione umana come sfruttamento di forza lavoro o riserva per trapianti sia così folle? 

Considerando che la bioetica latita e ha permesso anche aberrazioni nel campo scientifico, dovremmo chiederci quante possibilità ha l’idea della clonazione umana, citando la Finestra di Overton, di penetrare nel tessuto dell’opinione pubblica e diventare prima accettabile per poi essere legalizzata e concretizzarsi. Pensiamo ai precedenti. Anche questo significa avere memoria. E chiediamoci: può rappresentare una minaccia per il futuro dell’uomo? 

Dietro il mantra del progresso, l’uomo abbatte la Natura, e si trasforma in macchina…

Dietro il mantra del progresso, l’uomo moderno “fabbrica” (non potendo “creare”) imitazioni illegittime e parossistiche del creato, spacciandole per autentiche e giuste (da qui la retorica vittimistica del politicamente corretto e del pensiero unico). Fabbrica scenari virtuali in cui imprigionare i suoi accoliti, offrendo per il futuro una menzognera immortalità sia essa raggiungibile attraverso il mind uploading o tramite la donazione di organi da cloni. Legittima queste imitazioni con una filosofia fintamente antropocentrica, in cui i valori classici dell’Umanesimo vengono portati alle loro estreme conclusioni finendo di fatto per essere negate e sparire all’orizzonte come in un sofisticato gioco di prestigio.

E se ogni uomo fa la storia con le proprie intenzioni e i propri atti, vedremo come siamo sull’orlo di una nuova trasformazione culturale e antropologica, una vera e propria rivoluzione che intende snaturare l’Uomo della e dalla propria umanità per renderlo una “macchina”, un automa spersonalizzato in cerca di un’immortalità fisica tanto illusoria quanto mendace, oppure un essere da sfruttare, a cui sia stata strappata la sua umanità e il suo valore in quanto uomo. 

L’atteggiamento demiurgico, persino prometeico, di abbattere la natura, riscrivere i confini di ciò che è “umano” per modificare, migliorare e aumentare le proprie capacità è un atteggiamento tipicamente moderno all’insegna dell’idea visionaria di “evoluzione”.

Ricorda il Nulla descritto da Michael Ende ne La storia infinita, un’entità fluida in continua espansione, che avanza inghiottendo porzioni sempre maggiori del regno mitico di Fantàsia. «Il Nulla dilaga, poiché esso è la disperazione che ci circonda»: il non-luogo di Ende è effetto e causa della passività, è un vuoto simile al mito del progresso/evoluzione che divora oggigiorno porzioni sempre maggiori della nostra cultura e tradizione. Il progresso fine a se stesso dilaga e nel suo movimento di corrosione antropologica consuma tutto ciò che è “natura” e tutti i nostri valori.

 

Transumanesimo: oltre la Natura, verso il giorno in cui noi non potremo più dirci umani… 

Ci troviamo di fronte alla radicalizzazione di un pensiero moderno degenere in cui la tecnologia diventa un servizio per appagare i desideri dei ricchi (perché solo i ricchi potranno permettersi di downloadare la propria memoria, farsi clonare o usare cloni e chimere per l’espianto di organi o ancora fabbricarsi figli in uteri artificiali). 

Le nuove tecnologie hanno acquisito un tale potere di suggestione e di condizionamento che sono destinate a modificare i rapporti sociali e politici secondo il volere stabilito dall’alto. Questo cambiamento è già in atto. 

Per ottenere il cittadino perfetto del futuro, gli architetti del mondialismo e della globalizzazione delle menti stanno creando l’Uomo nuovo, dopo aver smantellato, livellato, spersonalizzato e svuotato quello vecchio. Per farlo non basta la manipolazione mentale ormai capillare e sistematica: si deve abolire la Natura

L’Uomo nuovo deve essere padrone del suo destino, vincitore della Natura che per millenni lo ha frenato. La Natura è solo un’invenzione e le sue leggi possono essere violate dalla cultura, dal progresso scientifico, dall’arguzia dell’Uomo. Ecco perché la modernità rispolvera quali suoi eroi i vari Prometeo e Lucifero: l’idea di fondo è che il progresso abolirà definitivamente la Natura, aprendo la strada al Transumanesimo.

E arriverà presto un giorno in cui noi non potremo più dirci umani.

 ______________________________________

di Enrica Perucchietti: laureata col massimo dei voti alla Facoltà di Lettere e Filosofia, vive e lavora a Torino come giornalista e scrittrice. È autrice di numerose pubblicazioni. Per Uno editori: “NWO – New World Order“, “Utero in affitto” e “Le origini occulte della musica. VOL 1-2-3

https://unoeditori.com/blog/clonazione-umana-e-mind-uploading-un-viaggio-tra-scienza-etica-ed-effetti-collaterali-nascosti-n104

La parola al Dna

 Il Dna racconta davvero chi siamo:
sicuri di essere italiani al 100%?

Come parte di una più ampia iniziativa chiamata Dna Journey, ad aprile 2016 il sito di ricerca viaggi Momondo ha invitato 67 persone provenienti da tutto il mondo a partecipare a un progetto, che è stato documentato con un filmato. 

Le persone hanno accettato di sottoporsi al test del Dna per scoprire di più sulle proprie origini, in questo video si vede cosa hanno scoperto.

Ora 500 persone in tutto il mondo avranno la possibilità di mappare il proprio profilo genetico grazie a quest’iniziativa e quindi scoprire da dove provengono. 

Una ricerca che, oltre ad avere ragioni commerciali legate all’attività della Momondo, ha anche un evidente intento antirazzista.

Fonte: http://www.xmx.it/

Almanacco di fine anno

Giovani: morti improvvise, malori (IENA) e infarti a scuola sul computer. C’entra il Wi-Fi?

di Maurizio Martucci

Chi o cosa sta falcidiando un’intera generazione? Minando lo stato di salute dei più giovani? Ieri è toccato ad una famosa Iena. Ma, riduzionista, il titolo è semplificato: in discussione non ci sono solo gli effetti sulla salute pubblica del Wi-Fi e dei diversi sistemi wireless (H24, ubiquitari e cumulativi), ma l’Elettrosmog nel suo complesso: invisibile e silente, il fenomeno elettromagnetico c’entra qualcosa con l’inquietante lista di lutti (prematuri) e malori (improvvisi) registrati nell’ultimo anno? Se si, cosa, come e perché? Se no, perché? Ecco i fatti. Continua QUI

************************ 

QUESTO VIENE DAL SUOLO ITALIANO DI TUTTI I GIORNI.  AUGURI, INCOSCIENTI. 

di Paolo Barnard

Caro Paolo,

Sono un informatico di lunga data con una propria aziendina che opera in Europa…. Avendone esperienza, condivido pienamente le tue preoccupazioni per il futuro riguardo il lavoro in forte calo. In ogni settore…

Pensa solo all’auto ELETTRICA che oggi viene spinta in modo deciso… Il motore elettrico rispetto al motore a scoppio (benzina o diesel) è estremamente più semplice.

Spariscono: Basamenti, Pistoni, Bielle, Spinterogeno, Carburatori, Iniettori, Turbine… meccanica di precisione ed elettronica di controllo…

Quindi sparisce tutto il lavoro di progettazione, costruzione, assemblaggio ecc… Ma sparirà anche tutto il lavoro di manutenzione. Migliaia di piccole o grandi officine che ci lavorano sopra. (nota **) 

Prevedibile -80% del lavoro relativo… E dei lavoratori… Tanto, purtroppo, il popolo è bestia. (triste considerazione a 66 anni !) Magna, beve, tromba e… se ne fotte… Vedranno e capiranno…

Firmato: lo 0,2% italiano (cioè un imprenditore consapevole).

** Nota di PB: e i nuovi lavori in nascita sulle auto elettriche saranno al 99% svolti da COBOTS, cioè robotica che produce come 200 umani e comandata da solo due o tre dipendenti, che dialogano con le macchine. Spero non farete figli, fate COBOTS.

Fonte: http://paolobarnard.info/

************************

Mattei: siamo merce da macello, controllata via smartphone

Negli ultimi tre o quattro anni sono stati installati, soltanto nella parte occidentale del mondo, quindi nel nord globale, circa un miliardo e quattrocentomila sensori per l’Internet delle cose. Gran parte dei quali sono costruiti nei muri delle case, nei nuovi televisori – in tutti gli apparecchi elettronici che comperiamo – e nelle automobili. Parte di questi sensori, che sono invece fissi, sono inseriti negli spazi pubblici e sono quelli con i quali i nostri meccanismi elettronici si collegano senza che noi lo sappiamo.

Queste cose vengono chiamate “Smart”, nel senso che noi sentiamo parlare costantemente di “Smart City”, “Smart Card”, eccetera. Tutte le volte in cui si sente la parola “Smart” io penso sempre che gli “Smart” siano loro e i cretini siamo noi. Qui la situazione sta diventando davvero molto preoccupante. C’è in costruzione un gigantesco dispositivo (e qui proprio la parola “dispositivo” studiata da Foucault è direttamente utilizzabile per parlare dei dispositivi elettronici che noi compriamo).

Un gigantesco dispositivo di controllo sociale di tutti quanti, che viene ovviamente sperimentato per fare un passo in avanti in modo da rendere in qualche modo l’umanità coerente con la nuova frontiera. Continua QUI 

************************

 Davvero ironico per non dire insultante ed osceno: i maestri della menzogna a caccia di “bufale”

di Enrico Galoppini

A tutti i falsi, falsoni e falsissimi che si riempiono la bocca con ‘ste “fake news” vorrei – giusto a titolo d’esempio – ricordare che l’Iraq, che non ci minacciava in alcun modo (ma forse minacciava qualcun altro di sacro ed inviolabile…), è stato devastato e ridotto ad un campo di battaglia proprio grazie alle spudorate e criminali menzogne propalate da chi ora si ritrova a convegno (http://www.ansa.it/…/fake-news-la-notizia-al-centro-e-larma…) per discutere di “notizia al centro”, “giornalismo veritiero” ed altre chimere.

Chiedo a padre Jean-Marie Benjamin: quanti sono i morti iracheni imputabili alle bugie e alle “bufale” messe in circolazione da tutti i media occidentali? 500.000? Un milione tondo? Ve le ricordate, no, le fialette con l’antrace (!) agitate da Colin Powell? Le “armi di distruzione di massa”? Il “supercannone” di Saddam? I bambini tolti dalle incubatrici a Kuwayt City e il cormorano (dell’Alaska?) impiastricciato di greggio? Chi era che pubblicava paginoni sulla “alleanza tra Bin Laden e il rais di Baghdad” prima dell’attacco finale del 2003? Continua QUI  

************************  

L’ETEROGENESI DEI FINI Violenza sulle donne, molestie, fascisti, migranti, Regeni, ciberbullismo… Ma anche Honduras e Israel – MA ANCHE I LOBBISTI ITALIANI DI SOROS NELL’EUROPARLAMENTO!

Fake news

I dominanti sono quattro gatti e campano di rendita, nel senso che campano alle spalle di tutti gli altri. I dominati sono tutti gli altri , ormai anche più del 99% reclamato dagli Occupy, oggi svaporati. Per cui aveva ragione Gramsci a chiamarli popolo e si aggirano tra i sepolcri coloro che ancora invocano la classe operaia e il proletariato a guidare la rivoluzione. Irriducibili alla presa di coscienza che proletario è il mio fruttarolo ridotto al nocciolo dal proliferare dei supermercati e operai sono la cassiera di qualsiasi supermercato e l’insegnante di qualsiasi scuola. Compresi coloro che questi lavori se li sognano, o li fanno da tre giorni a un mese. L’operaio Fiat oggi sta alla FCA di Detroit o Pomigliano e, come l’altofornista dell’Ilva, sta attaccato con i denti alla catena di montaggio, o alla palata di carbone, che avvelenano lui, i suoi figli e la sua comunità.

I dominanti per mantenere questo assetto delle cose devono mentire per forza. Con le bugie, oggi dette fake news, lo mettono in quel posto ai dominati. I dominati possono mentire anch’essi, ma costretti, e perlopiù a se stessi, per cavarsela in qualche modo, o per non dar fuori di matto. Nel primo caso è dolo, nel secondo colpa, ma neanche tanto. La vicenda delle fake news è tutta qui. Sarebbe facile smascherare il gigantesco inghippo planetario, radicato in una storia che inizia 2017 anni fa e che raggiunge la perfezione con il finanz-militar-securitar-capitalismo dei nostri giorni. Non fosse che i dominanti hanno messo in campo una formula assolutamente geniale: quella delle fake news a fin di bene con dentro, però, il batterio dell’eterogenesi dei fini. Fini malvagi. Continua QUI  

************************

I ricchi sempre più ricchi, mentre i poveri in Italia sono diventati 18 milioni

di Anna Padri

Roma, 6 dic – Mai prima d’ora gli italiani sono stati così poveri. Quasi un italiano su tre è a rischio povertà. Un dato sconfortante, quello dell’Istat, che arriva proprio a ridosso del periodo natalizio e che ci dice che ben 18 milioni di italiani rischiano l’esclusione sociale. Una situazione che peggiora di anno in anno, aumentando di quasi un punto e mezzo percentuale rispetto al 2015: dal 28,7% si è passati al 30%, tra poveri, deprivati e persone che faticano a trovare un lavoro.

E sebbene si registri una “diffusa crescita del reddito disponibile e del potere d’acquisto delle famiglie”, dovuto anche a un lieve calo del cuneo fiscale rispetto agli anni passati con un’aliquota media del prelievo fiscale a livello familiare del 19,4% , questo si associa a un “un aumento della disuguaglianza economica”, con i poveri che sono sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi, con il quinto più ricco della popolazione che vede il proprio reddito impennarsi. Continua QUI 

************************

I BRICS stanno creando un loro internet

BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) intendono dotarsi di una propria governance internet per sfuggire al controllo degli Stati Uniti

Fino a oggi internet è governata dall’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), organizzazione para-amministrativa del dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

L’istituzione di una nuova governance internet è stata proposta dal Consiglio di Sicurezza Nazionale russo. Non si sa come si articolerà con il DNS alternativo, già operativo in Cina. Se il sistema si estendesse, gli Stati Uniti perderebbero il controllo delle telecomunicazioni mondiali. Internet dovrebbe dividersi in due e i siti potranno essere accessibili solo a condizione d’scriversi in ciascuno dei due sistemi, qualunque sia la localizzazione degli internauti. Traduzione Rachele Marmetti Il Cronista

Fonte: http://www.voltairenet.org/  

************************

Secondo lo studioso il Planet X sarebbe un astro gemello del Sole con 7 pianeti orbitanti

Nibiru nel 2020 secondo un astrofisico russo

Nibiru sta entrando nel Sistema Solare, sta accelerando e raggiungerà il punto più vicino a noi (0.3 unità astronomiche) nel 2020. Tutto questo secondo l’astronomo russo Dr. Dyomin Damir Zhakarovich.

Ex amico e consulente astronomico del presidente russo Vladimir Putin, il dottor Zhakarovich lavora ora sotto copertura, emergendo di volta in volta per un unico scopo: avvisare il mondo a proposito di Nibiru, una nana bruna con sette pianeti in rotta verso il sistema solare interno.

La sua conoscenza del sistema Nibiru è così accurata che molti governi lo hanno considerato un’arma pericolosa, in grado di seminare il caos con i suoi annunci. Per impedire che la verità venga rivelata, i leader mondiali come Angela Merkel, Benjamin Netanyahu, Kim Jung-un, Theresa May e Salman bin Abdulaziz Al Saud hanno vietato al dottor Zhakarovich di entrare nelle rispettive nazioni, temendo che le sue parole possano scatenare potenziali insurrezioni e colpi di stato.

L’anno scorso, durante una trasmissione pre-registrata dello show televisivo tedesco Space and Beyond, il dottor Zhakarovich è stato rimosso forzatamente dallo studio e gettato in strada dopo aver espresso preoccupazione per Nibiru. Naturalmente, l’episodio non è mai emerso

Una nuova data, ancora

Ora, il dottor Zhakarovich fa nuova luce sulla data di arrivo. Aiutato da colleghi, il telescopio più potente della Russia e un supercomputer di ultimagenerazione, afferma che Nibiru sarà chiaramente visibile nei cieli del sud tra il settembre e il dicembre 2019 e renderà catastrofico il clima entro il 2020.

Ma né la nana bruna né i suoi pianeti rappresentano la più grave minaccia per la Terra, dice. I maggiori pericoli sono i trilioni di asteroidi e micrometeoriti che accompagnano il sistema Nibiru.

Il problema maggiore sono i detriti

“Mentre Nibiru attraversa lo spazio nel suo viaggio di 3600 anni, raccoglie ogni tipo di oggetto celeste. Questo vortice di spazzatura spaziale rappresenta una doppia minaccia per noi, perché la Terra passerà due volte in questa tempesta cosmica. La schermatura atmosferica che protegge la Terra dai piccoli asteroidi sarà sopraffatta dalla mole di detriti, consentendo a grandi asteroidi di colpire il pianeta e devastare le nostre città”.

Il problema non è il sistema ma la scia di detriti spaziali che si porta dietro  

Inoltre, gli asteroidi all’interno del sistema Nibiru ereditano proprietà dalla stella oscura stessa; Molti sono costituiti da ferro di magnesio, circondato da una guaina porosa che permette effettivamente di penetrare la nostra atmosfera senza disintegrarsi.

Osserviamo i cieli meridionali

La distanza di Nibiru alla terra è circa di 156.000.000 miglia e la velocità trasversale di 6.000 mph; Questa velocità, aggiunge, fluttua a seconda della posizione perpendicolare di Nibiru rispetto ai corpi astronomici vicini.

“Non credo che Nibiru sarà la fine per tutta la vita sulla Terra”, ha detto il dottor Zhakarovich, “ma cercherà di ucciderci. Purtroppo, molti capi di stato pensano di risparmiare e non si preoccupano delle persone che governano. Nibiru presenterà loro il conto. Non credo che la nostra civiltà sia così tecnologicamente avanzata per difendersi dal rosso distruttore”.

In chiusura, il dottor Zhakarovich esorta le persone nell’emisfero meridionale a mantenere una vigilanza dei cieli notturni, nel caso che Nibiru arrivi molto prima del previsto. Fonte pubblicazione nibiru2012.it

Fonte:  https://guardforangels.altervista.org/

Identità da cancellare – La Vita non ha più alcun valore

Sferrato l’attacco all’evoluzione dell’uomo
Marcello Pamio – 26 novembre 2017 

La situazione in Italia sta degenerando.

Da una parte il Sistema rappresentato da una Sinarchia di immensi potentati finanziari internazionali in grado di manovrare squallidi e vuoti cloni umani posizionati nelle stanze che contano di governi illegittimi.

Controllano ovviamente anche tutte le istituzioni che contano non solo in ambito politico ma pure giuridico, economico e religioso.

L’esempio della Consulta che non blocca una legge incostituzionale, classista e devastante per la salute di milioni di persone è chiarissimo. 

Mettono gli individui manipolati nelle posizioni che contano. L’ultimo in ordine cronologico è il presidente della Sip (Società italiana pediatri) Alberto Villani, che l’altro giorno è stato nominato dal ministro Beatrice Lorenzin membro del Comitato Regionale per l’Europa dell’OMS (SCRC – Standing Committee of the Regional Committee). 

Il Comitato Regionale si occupa principalmente di formulare le politiche regionali, di supervisionare le attività dell’Ufficio Regionale OMS e di promuovere iniziative di sanità pubblica internazionale!

Qualcuno non lo ricorderà ma questo individuo è il medico che pubblicamente continua a dire che NON esiste alcun danno da vaccino e che NON c’è mai stato un solo morto per questi farmaci!
Mente sapendo di mentire?

Ricordo che la Sip da lui diretta ha ricevuto nell’anno 2015 dalle lobbies che spacciano vaccini (Sanofi, Glaxo e Pfizer) la bellezza di 64.000 euro, mentre nel 2016 e soltanto dalla Glaxo ha ricevuto 26.840 euro per “oneri da contratto”. 

Un mese fa circa è toccato al dottor Raniero Guerra (già cda della Fondazione Glaxo), nominato Assistant Director general dell’OMS. Al dottor Guerra, Direttore Generale della Prevenzione va il “merito” di aver pianificato il nuovo piano vaccinale che i nostri bambini hanno iniziato a subire.

Quindi oggi tutti quei personaggi che lavorano a testa bassa per il Sistema, difendendo a siringa tratta le vaccinazioni vengono premiati con cariche onorifiche e posti di rilievo, mentre i medici che in Scienza e Coscienza mettono in discussione la rischiosissima pratica vaccinale vengono semplicemente radiati.
Un Sistema quindi che sta lavorando contro Natura, contro la Vita stessa.
 

Dall’altra parte della barricata, all’interno del sempre più crescente (e forse proprio per questo motivo) movimento di coscienze che lottano per arginare e impedire questa pericolosissima deriva dittatoriale con l’unico intento di cambiare il mondo, salvando il salvabile e proteggendo i più indifesi, i bambini, si muovono e si infiltrano strani individui che remano contro. 

Lupi travestiti da agnelli; sciacalli mascherati da protettori; divisori che apparentemente uniscono; coagulatori che sottilmente dividono.

Quando le coscienze si uniscono e si muovono le divisioni diventano funzionali e quando le coscienze crescono, gli attacchi e la paura diventano basilari.

Schiavi venduti che hanno sacrificato la propria anima al potere, all’ego e al denaro. 

In questa categoria vi sono coloro che partecipano a tale ambaradan non tanto per soldi (almeno non apparentemente) ma per squilibri psichici, come i neosacerdoti e le neosacerdotesse con l’evidente «disturbo narcisistico di personalità». 

Quello che conta è il proprio Ego per cui gli altri che si fottano.

Per evangelizzare i loro discepoli-non-pensanti mantenendoli sempre più sotto controllo li devono mettere tutti contro tutti, nel famoso “divide et impera”.
Il mantra è sempre quello: «tutti sono dei collusi e venduti, solo io sono Puro e sono il Verbo!»
 

Questi e gli altri, anche se apparentemente in opposizione stanno lavorando a favore del Sistema, e il risultato pericolosissimo è che le persone iniziano a perdere fiducia nelle associazioni, nei movimenti e soprattutto nei confronti dell’uomo e della Vita. 

Spegnere la speranza nei confronti della Vita, e annichilire la speranza di un cambiamento per un mondo migliore è un crimine contro l’evoluzione delle coscienze. Grasso che cola per un Sistema che sguazza e sopravvive proprio grazie alle divisioni e alla paura! 

E mentre il popolo in risveglio si divide per colpa dei falsi profeti, loro alla finestra godono…

Tutti impegnati e intanto l’olocausto prosegue: giornalmente aumenta il numero di bambini sacrificati sull’altare della scienza.

Quella scienza basata sulle evidenze (delle lobbies) e protocollata dalle medesime. 

Attenzione però: il problema vaccinale è solo la piccolissima punta dell’iceberg; quello che infatti si sta affacciando all’orizzonte è assai ben più grande e inquietante…

Il progetto mira all’attacco fisico, emozionale e spirituale che passa attraverso il cambiamento antropologico dell’essere umano!

Oltre all’indebolimento fisico, che avviene attaccando il sistema immunitario con vaccini, farmaci e alimenti innaturali, c’è un attacco mirato al mondo emozionale (astrale) mediante il “virus” deleterio della paura, per giungere a snaturare l’identità intima dell’uomo.

Necessario è demolire le «vecchie identità», siano esse sociali, religiose, politiche o culturali perché rappresentano un ostacolo all’omologazione e al controllo globale. 

Tra le identità da cancellare con una certa priorità vi sono quelle sessuali ovviamente.

E lo stiamo vedendo proprio in questo periodo, per chi ha occhi e orecchie aperte…

Secondo l’ideologia gender (ridicolizzata e sminuita dai servi del Sistema) le differenze sessuali tra “maschio” e “femmina” sarebbero solo “morfologiche” e quindi senza nessuna importanza. La differenza che conta è solo di tipo “culturale”.

L’attacco alla sessualità rappresenta il più sconcertante piano di manipolazione dell’essere umano mai tentato prima d’ora nella storia. Mentre il cervello della maggior parte delle persone è anestetizzato, stanno succedendo alcuni passaggi epocali.  

    – Fanno scomparire i crocifissi dalle scuole in nome della libertà religiosa, cancellando di fatto una tradizione millenaria e che piaccia o meno le nostre stesse radici e origini. 

     – Cancellano le diversità sessuali e insegnano a scuola la pornografia.

     – Stanno letteralmente distruggendo la famiglia, in quanto ultimo baluardo e importantissimo punto di riferimento. Un uomo senza dei punti ben fermi è un burattino facilmente manipolabile. I termini “padre” e “madre” saranno sostituti dai più neutri “genitore 1” e “genitore 2”.  

    – Cancellano le differenze sessuali (oltre al sesso “maschile” e “femminile” vi

è “altro”) per omologare tutto e tutti.

    – Il bambino non è più un atto di amore ma un atto di compra-vendita.  

Per far nascere un bimbo infatti oggi non serve più un rapporto amoroso tra un uomo e una donna, perché bastano i soldi per “acquistarlo” tranquillamente al supermercato. Donne prive di moralità e scrupolo affittano a pagamento il proprio utero per generare un bambino che sarà poi ceduto con tanto di contratto alla nuova amorevole famiglia: coppie etero oppure due uomini o due donne o ancora una persona sola. La Vita non ha più alcun valore perché è diventata una merce che si può ordinare on-line… e se per qualche motivo non dovesse andare bene, il “pacco” lo si può sempre rispedire al mittente. 

Sul gender perfino l’American College of Pediatricians – l’Associazione dei pediatri americani – a settembre 2017 ha preso pubblicamente una posizione ferma. I pediatri quindi escono allo scoperto per denunciare una deriva gravissima che sfocia nella prescrizione del Gonapeptyl Depot, ormoni di sintesi che bloccano la pubertà per consentire in seguito la trasformazione nel «genere» voluto.

Un bombardamento chimico a suon di ormoni che ha gravi rischi per la salute e l’equilibrio psichico dei bambini.

Il problema non riguarda solo i bambini americani ma tocca i bambini di tutto il mondo visto che il farmaco della Ferring spa è prescrivibile anche in Italia…  

La crescita di tale fenomeno è a dir poco orripilante: secondo il Mirror in Inghilterra «50 bambini a settimana alla clinica del cambiamento di sesso.

Alcuni hanno 4 anni, alcuni sono confusi, altri sono prigionieri nel corpo sbagliato».

La fortuna di questi bambini è che a Londra esiste qualcuno che può liberarli dalle sofferenze: hanno infatti aperto un reparto, pagato dal servizio sanitario nazionale, chiamato «Gender Identity Development Service (GIDS)», che soccorre «bambini, giovani e loro famiglie che sperimentano difficoltà nello sviluppo del loro genere».

Questo umanitario servizio è nella sede del Tavistock and Portman NHS Foundation Trust, una filiale del tristemente noto Tavistock Institute di Londra, specializzato nel realizzare «cambiamenti di paradigma» nella mentalità di massa.

Il numero dei piccoli che bussano alla sua porta «è salito del 24% negli ultimi sei mesi, fino a 1302», di cui 2 di questi pazienti hanno 4 anni, altri 17 hanno solo 6 anni. 

Solo dall’età di 11 anni circa il Tavistock – riconoscendo in loro «disforia di genere» – li “cura” con potentissimi e pericolosissimi ormoni per ritardare l’inizio della pubertà… 

«Giunti a età più matura, 16-17 anni, possono decidere se vogliono proseguire con riallineamento del gender. Allora alle fanciulle viene somministrato testosterone e ai ragazzi estrogeni per innescare il cambiamento».  No comment.  

Quindi oltre al gravoso e scandaloso obbligo vaccinale ci sono delle dinamiche estremamente inquietanti che si stanno muovendo.

Progetti che mirano all’attacco degli «adulti in divenire», come amava definire i bambini lo scienziato e filosofo Rudolf Steiner. I nostri figli sono il bersaglio primario, e non è solo un discorso economico che indubbiamente esiste e serve al Sistema.

L’attacco, come detto, avviene su vari livelli: corpo fisico (ogm, vaccini, ormoni, farmaci, scie chimiche, ecc.), corpo astrale (paura, emozioni, ecc.) e spirito con la trasformazione e omologazione antropologica dell’essere umano….Quindi tutte le persone che hanno ancora dei neuroni connessi, e soprattutto che amano la Vita e hanno a cuore i bambini dovrebbero andare oltre il proprio Ego e i propri problemi mentali cercando di stare uniti nella lotta. 

Un popolo frammentato e diviso è la manna dal cielo per il Sistema.

Di mezzo non c’è il proprio Ego ma l’evoluzione stessa dell’umanità. 

Per cui d’ora in poi quando sentite qualche sacerdote o qualche sacerdotessa aizzare le persone contro questo o contro quello sappiate che sta lavorando per l’ombra e non per la Luce!!!

Per maggiori informazioni 

“L’ideologia Gender e la distruzione della famiglia”: www.disinformazione.it/gender.htm 

“Sempre nuove conquiste della liberazione”: www.maurizioblondet.it/sempre-nuove-conquiste-della-libera…/ 

«UNISEX: la creazione dell’uomo ‘senza identità’», Enrica Perucchietti e Gianluca Marletta

Fonte: http://www.disinformazione.it/