Archivi categoria: Antropologia

Riscrivere i nostri Libri di Storia

 

È forse una bugia tutto quello che ci è stato detto sulle origini umane e sulla storia?

di Ivan   

No, non abbiamo tutte le risposte agli innumerevoli enigmi che hanno sconcertato gli esperti per innumerevoli decenni, ma abbiamo quello che molti considerano ‘prove’ che le origini umane e la nostra storia sono tutt’altro che complete. Qui elencati sono solo alcune delle tante scoperte che spingono la nostra comprensione delle origini umane, antiche civiltà e la vita sulla terra al limite. Forse è il momento di un aggiornamento tanto necessario, che spiega quante di queste scoperte siano possibili.

È come se vi fosse una massiccia copertura in atto che impedisca agli esperti mainstream di indagare più profondamente su certe scoperte.

La verità è che le scienze tradizionali non sono riuscite ad affrontare e spiegano innumerevoli scoperte che sono state fatte sulla terra in passato.

Ogni scoperta — quando parliamo di antichi resti umani — sembra spingere sempre più le origini umane indietro nel tempo ogni volta.

Non molto tempo fa, gli scienziati hanno trovato la prova che una specie umana in precedenza sconosciuta e a lungo perduta viveva sulla terra e che era intercresciuta con gli esseri umani migliaia di anni fa. Il ricercatore introdotto in biologia molecolare ed evoluzione ha fatto una scoperta controversa che cambia quello che ci è stato detto circa i nostri antenati.

Tuttavia, questa è solo una delle molte scoperte recenti che hanno spinto i limiti delle origini umane a un punto in cui abbiamo bisogno di riscrivere molto di ciò che abbiamo pensato dei nostri antenati.

In Australia, gli esperti hanno scoperto come gli esseri umani si stabilirono in Australia circa 65.000 anni fa, riscrivendo efficacemente i libri di storia. Questa scoperta smacca completamente precedenti stime iniziali che hanno messo l’occupazione umana in Australia circa 45.000 anni fa.

Ma c’è di più.

Se prendiamo un breve viaggio nel continente africano, troveremo tracce di antiche impronte umane di 3,6 milioni anni.

Nel 2016, gli scienziati hanno trovato 13 impronte che secondo l’analisi risalgono a un sconcertante 3,6 milioni anni fa.

Scoperte nell’odierna Tanzania, le antiche impronte umane sono state conservate grazie, ad una regione che a quel tempo era ricoperta di cenere vulcanica bagnata, dove i nostri antenati camminarono per tutta l’area milioni di anni fa.

Dall’Africa, andiamo in Siberia dove gli archeologi hanno trovato un dente di una giovane ragazza che viveva lì circa 128.000 anni fa.

Ciò che è affascinante di questa scoperta è il fatto che è stata salutata come una delle più antiche specie umane conosciute recuperate in Asia centrale e si crede che possano essere più vecchie di almeno 50.000 e 100,00 anni del primo fossile noto Denisovan. Stupendo giusto? Ma come probabilmente sapete, c’è molto di più.

Un osso della coscia scoperto intorno a 80 anni fa è stato recentemente messo a una serie di test che hanno dimostrato come un vecchio fossile di 124.000-anni-di Neanderthal-scavato in Germania dalla grotta Hohlenstein-Stadel-contiene il DNA moderno. Gli scienziati ritengono che ciò dimostri come la migrazione “fuori dall’Africa” si sia verificata molto prima di quanto gli esperti pensassero — circa 270.000 anni fa, il che significa che dobbiamo riscrivere – ancora una volta – molto di quello che pensavamo di sapere sull’umanità.

Un’altra scoperta che si è piegata alla mente è stata fatta in Marocco quando gli esperti hanno recuperato ossa di 300.000 anni che hanno fatto luce sull’evoluzione dell’ Homo sapiens, e mostrano come la nostra specie si sia evoluta molto prima, almeno circa 100.000 anni prima, che precedentemente creduto, riscrivendo efficacemente la storia dell’umanità di nuovo.

Poi, troviamo anche come gli esperti hanno dimostrato che l’Europa era il luogo di nascita dell’umanità e non l’Africa come creduto per decenni.

I ricercatori hanno trovato un fossile di 7,2 milioni anni che dimostra come l’uomo moderno abbia avuto origine nel Mediterraneo e non in Africa.

Ma prendiamoci una pausa dalle origini umane e diamo un’occhiata alle innumerevoli strutture che si trovano in tutto il mondo, che sfidano completamente la nostra comprensione delle antiche civiltà e delle loro capacità tecnologiche migliaia di anni fa.

In primo luogo, diamo un’occhiata alla grande piramide di Giza e l’antica civiltà egiziana.

La grande piramide di Giza è rimasta un enigma per gli esperti che hanno studiato il monumento per oltre cento anni. Nessuno sa con certezza come è stata costruita, né chi esattamente l’habbia costruita. Molti punti ci portano verso Khufu come il suo costruttore, ma gli esperti non sembrarano  pienamente d’accordo.

Poi c’è l’incredibile precisione incorporata nella struttura, è la piramide più accuratamente allineata in esistenza e affronta il Nord vero con solo 3/60 di un grado di errore. Capita anche di trovarsi al centro della massa terrestre, ed è l’unica piramide a otto facce conosciuta in Egitto.

Passando dalla piramide diamo un’occhiata alle capacità degli antichi egiziani e se erano molto più avanzati di quello che li accreditano oggi.

Antiche mummie egiziane hanno dimostrato di contenere tracce di tabacco e cocaina — piante che in quel momento sono state trovate solo a crescere nelle Americhe. Allora, come sono finito in Egitto? Una spiegazione è che l’antica civiltà egiziana era in grado di viaggi transoceanici migliaia di anni fa.

Abbiamo anche i glifi Gosford in Australia che sono fondamentalmente antichi geroglifici egiziani inscritti in pietra al Brisbane Water National Park, Kariong. Si ritiene che le sculture in pietra 250 sono state parte del folklore locale della zona per oltre un secolo, il che significa che non è qualcosa che è stato scoperto di recente. I glifi Gosford sono un argomento molto controverso, e molti egittologi moderni li hanno categorizzati come una bufala elaborata, soprattutto a causa del fatto che sono ben… Situati in Australia.

Questi sono i glifi Gosford.

Ma ci sembra anche di avere “strumenti” che risalgono a un tempo in cui non avrebbe dovuto essere nessuno sulla terra secondo gli studiosi mainstream.

Un esempio è un martello di 400 milioni anni scoperto nella città di Londra, Texas, USA, in 1934. Si crede che il capo del martello sia stato costruito con una purezza di ferro realizzabile solo con la tecnologia moderna. I test hanno mostrato come la testa del controverso martello è fatta del 97% di ferro puro, 2% per cento di cloro e 1% percento di zolfo. Non può essere reale, vero?

In Cina, abbiamo scoperte più curiose. I tubi di Baigong di 150.000 anni sono considerati da molti come la prova di una civiltà tecnologicamente avanzata che esisteva nella regione centinaia di migliaia di anni fa.

Gli esperti indicano come non è stato possibile identificare l’8% del materiale nelle tubazioni. I tubi divennero popolari quando nel 2007, il più grande giornale statale in Cina pubblicò un articolo su di loro.

Ma ci sono più polemiche là fuori. Diamo un’occhiata all’antica lista dei re Sumeri che afferma come “… In 5 città 8 re; governarono per 241.200 anni. Poi il diluvio li spazzati via…” ma … come sulla terra possono 8 re vivere e governare per 241.200 anni? Erano immortali? alieni? Leggi di più qui.

Abbiamo anche il Megalith di al-Naslaa che è una roccia massiccia, divisa a metà come se un laser di precisione l’avesse tagliata in piedi nel mezzo del deserto. Questa incredibile roccia si trova all’oasi di Tamya in Arabia Saudita. Le due pietre divise a metà hanno creato confusione tra gli esperti fin dalla loro scoperta. Alcuni dicono che è stato creato naturalmente, mentre altri mantengono la tesi della tecnologia avanzata che è stata utilizzata per dividere le rocce con tale precisione.

Roccia tagliata come fosse stato usato un laser di precisione.

E come stiamo coprendo tali siti controversi non possiamo lasciare fuori Puma Punku.

Puma Punku è un antico sito archeologico situato 45 miglia a ovest di La Paz, nascosto in profondità nelle montagne andine. Questo antico sito presenta alcune delle più grandi-intricate pietre intagliate nelle Americhe.

Secondo l’analisi, uno dei più grandi blocchi di pietra trovato a Puma Punku è di 7,81 metri di lunghezza, e di 5,17 metri di larghezza, medie 1,07 metri di spessore si stima che pesa circa 131 tonnellate metriche. Come diavolo hanno fatto gli antichi a trasportare questa pietra?

Ma se la dimensione delle pietre di Puma Punku non ti fa grattare in testa, i tagli di precisione, e superfici lisce certamente lo farà. Nemmeno un foglio di carta si può inserire tra alcune delle pietre millenarie trovate a Puma Punku.

Qui sto cercando di fare un punto, il motivo per cui vi porterà ora a Ollantaytambo, un altro antico sito archeologico che è assolutamente sorprendente. Situato a un’altitudine di 3.000 metri, il complesso archeologico di Ollantaytambo si trova a circa 70 chilometri da Cusco.

 

Ollantaytambo: il Tempio del sole. Come ha fatto l’antica umanità a fare questo? In questa immagine, abbiamo sei monoliti in granito rosso che dovevano essere parte di una parete circolare incompiuta. I monoliti sono separati da “rocce distanziatrici” che impediscono loro di crollare durante gli eventi sismici.

Ollantatytambo-proprio come Puma Punku-caratteristiche sbalorditive, pietre massicce.

Molte delle pietre di Ollantaytambo pesano più di 70 tonnellate, e anche loro sono state estratte dal lato di una montagna, a decine di chilometri di distanza. Uno dei monumenti più curiosi di Ollantaytambo sono i sei monoliti supermassicci che sono stati messi insieme in modo tale che non un singolo pezzo di carta può inserirsi tra di loro.

Interessante giusto? Ma ci sono innumerevoli altri siti archeologici degni di menzione.

La pietra di Cochno, scoperta in 1887 è una lastra di 5.000 anni che presenta circa 90 spirali intagliate in modo intricato che secondo molti rappresentano una mappa cosmica.

Come potete vedere, innumerevoli scoperte fatte in tutto il mondo sembrano spingere la nostra conoscenza della razza umana, le nostre origini e antiche civiltà al limite, e forse è il momento per gli studiosi mainstream di riscrivere i nostri libri di storia, e pubblicare un aggiornamento tanto necessario sulla razza umana.

Grazie per aver letto questo articolo molto lungo, fatemi sapere cosa ne pensate!

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Il collettivismo sta arrivando che ci piaccia o no

globalreligion13_01_small

Maggiori informazioni su questo “incendio” …

Fuori dalle ceneri – Lo scontro di Civiltà potrebbe evocare una Religione del Nuovo Mondo  

di Daniel Taylor
dal sito web OldThinkerNews

Il Consiglio Federale delle Chiese di Rockefeller ha spinto,

  • “Governo mondiale”
  • “Sistema di denaro universale”
  • “Libertà di immigrazione in tutto il mondo”,

… nel 1942.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del World Council of Churches, dicendo che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no” …

Per coloro che prestano attenzione, c’è un modello discernibile di ingegneria sociale che è diretto alle principali religioni del mondo, in particolare il cristianesimo.

Si tratta indubbiamente di una questione molto complessa, poiché esistono numerosi sistemi di credenze e opinioni sfumate su milioni di persone. Quello che sappiamo è che le guerre e le rivoluzioni finanziate dai globalisti hanno alimentato l’immigrazione clandestina e alimentato le fiamme dei conflitti in tutto il mondo.

Si può ragionevolmente dimostrare che le principali organizzazioni globaliste stanno seguendo un programma per ridisegnare le religioni del mondo utilizzando una tecnica collaudata e vera. È un processo chiamato dialettica hegeliana.

Ecco una descrizione semplificata della dialettica applicata dalle forze globaliste:

  • Tesi (problema): le religioni sono bigotte, alimentano l’intolleranza e la violenza alimentare. Gli esempi “estremi” di ciascun gruppo vengono mostrati al mondo intero.
  • Antitesi (reazione): “Non voglio essere politicamente scorretto”. Segue la dissociazione con gruppi demonizzati.
  • Sintesi (soluzione): si trova una “via di mezzo” e si forma una fede politicamente corretta sotto la bandiera del governo globale.

Lo stabilimento ha incoraggiato e piantato i semi di “estremismo” dove si adatta alle agende geopolitiche.

Le conseguenze di questa manipolazione vengono quindi indicate nella conseguente battaglia dialettica come prova di una giusta causa contro queste idee.

Un po’ di storia

Prima di andare oltre, è importante sottolineare che l’establishment ha un interesse particolare nel plasmare la religione.

Questo è vero da secoli. Lo storico storico Alexis de Tocqueville ci avvertì nel 1835 quando scrisse Democrazia in America che le chiese erano già state usurpate dalle élite del potere per il loro programma.

Scrisse,

“… i sovrani … stanno usando l’influenza dei sacerdoti e la trasformano in un loro esclusivo profitto.

Stanno trasformando il clero in funzionari e, spesso, servitori, e stanno usando il clero per raggiungere i recessi più profondi dell’anima individuale “.

Questa influenza ha continuato ai nostri tempi moderni, ma con quello che è forse un tocco più sofisticato.

La famiglia Rockefeller, con la sua vasta fortuna raccolta dal barone del petrolio John D. Rockefeller Sr., ha svolto un ruolo importante nel riformare le chiese nell’America moderna.

Non sorprende, dato il loro obiettivo a lungo termine del governo mondiale, che la famiglia Rockefeller approverebbe e sosterrà una prospettiva sociale favorevole al globalismo .

L’ uso della religione è un metodo che, agli occhi di Rockefeller, sembrava essere un mezzo promettente per raggiungere questo obiettivo.

I primi programmi come Interchurch World Movement si concentrarono sul mantenimento di relazioni armoniose tra le persone nella crescente società industriale americana.

Sforzi successivi come il Consiglio Mondiale delle Chiese si orienterebbero verso una natura globale con obiettivi che vanno oltre quello di mantenere semplicemente la stabilità di classe in America per l’eliminazione della sovranità nazionale e della governance mondiale.

Come mostrano i documenti, sono stati fatti molti tentativi per spingere le chiese cristiane a ottenere dietro programmi per la governance mondiale. Se i tentativi non sono stati avviati dai Rockefeller, è stato fornito un significativo sostegno finanziario alle organizzazioni che condividono la loro visione per il mondo.

All’indomani del sanguinoso conflitto della prima guerra mondiale, la Società delle Nazioni fu presentata come una soluzione agli orrendi problemi che il mondo aveva assistito.

Durante lo stesso periodo in cui è stata costituita la Società delle Nazioni, John D. Rockefeller Jr. ha lanciato il movimento mondiale di Interchurch nel 1919.

Rockefeller ha scritto in una lettera riguardante il movimento mondiale di Interchurch,

“Non conosco nessuna assicurazione migliore per un uomo d’affari per la sicurezza dei suoi investimenti, la prosperità del paese e la stabilità futura del nostro governo di quanto questo movimento possa offrire …”

Harry Emerson Fosdick era il fratello dell’avvocato fidato di John D. Rockefeller, Raymond B. Fosdick. Era profondamente coinvolto con il movimento mondiale di Interchurch.

Harry era molto vicino alla famiglia Rockefeller e ai suoi meccanismi interiori, mentre serviva nel consiglio della Fondazione Rockefeller durante la seconda guerra mondiale. La chiesa Riverside di New York, dove Fosdick prestò servizio come pastore dal 1926 al 1946, fu costruita con denaro donato da John D. Rockefeller Jr.

È interessante notare che Fosdick riteneva che in futuro una federazione del mondo sarebbe stata creata da un singolo uomo.

Fosdick scrive,

“Un giorno, prevedo, un uomo sorgerà con le sue mani una federazione del mondo sarà così efficace, e le guerre così si fermano così, che il suo nome andrà giù attraverso i secoli associati a quella grande conquista, come il nome di Copernico è con la nuova astronomia, o Lincoln con la conservazione della nostra unione.

Quell’uomo verrà. Un giorno sorgerà.”

Proprio mentre il Movimento Interchurch Mondiale veniva presentato alle chiese come soluzione ai problemi che affliggono il mondo dopo la prima guerra mondiale, il Consiglio Federale delle Chiese presentò la propria soluzione all’inizio del 1940 per un programma “per una pace giusta e duratura “alla fine della seconda guerra mondiale.

Non sorprende che il Consiglio federale delle chiese – che è stato fuso con il Consiglio nazionale delle chiese nel 1950 – abbia ricevuto finanziamenti significativi da John D. Rockefeller Jr.

Come riportato da Time nel 1942, il Consiglio federale delle chiese guidò un programma per il governo mondiale.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del Consiglio Mondiale delle Chiese che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no”.

Il consiglio ha affermato,

“… dobbiamo cercare di … creare un’opinione pubblica che assicuri che gli Stati Uniti giochino la loro parte piena ed essenziale nella creazione di un modo morale di vivere internazionale”.

Come riportato, il progetto mirava a creare, tra le altre cose,

  • “un governo mondiale con poteri delegati”
  • “una banca internazionale”
  • “Completo abbandono dell’isolazionismo americano”    

Le Guerre di Dio

Uno dei fattori trainanti delle moderne “guerre di Dio” è la guerra globale al terrorismo lanciata dopo l’11 settembre.

L’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 all’America ha colpito tutti gli aspetti della società, incluse le chiese.

Come scrive Bryan Appleyard nel New Statesman,

“Per me, gli eventi dell’11 settembre sono stati certamente un catalizzatore, il nuovo ingrediente che ha trasformato il mix già frizzante di sentimenti anti-religiosi in un intruglio esplosivo”.

All’inizio della guerra al terrorismo, ci è stato detto che la maggior parte degli attacchi terroristici di alto profilo sono stati effettuati da estremisti islamici . Ciò che non è stato detto, tuttavia, è che questi individui e gruppi hanno avuto l’aiuto esterno delle fazioni globaliste.

In realtà, le radici molto ideologiche di alcuni gruppi terroristici possono essere ricondotte alla letteratura che gli Stati Uniti hanno fornito ai bambini delle scuole afghane durante la Guerra Fredda.

Come riportato dal Washington Post nel 2002,

“Nel crepuscolo della Guerra Fredda, gli Stati Uniti spesero milioni di dollari per rifornire gli scolari afgani di libri di testo pieni di immagini violente e di insegnamenti islamici militanti …”

Guarda questo filmato come Zbigniew Brzezinski, che funge da consigliere per la sicurezza nazionale, parla ad un gruppo di combattenti Mujihadeen nel 1979:

“Un diverso tipo di religione”

In un articolo del 2012 pubblicato da Christian Post , la ricerca dei politologi dell’Università di Harvard dimostra ulteriormente che sta avvenendo un cambiamento fondamentale nella fede dell’America.

A causa dell’associazione del partito repubblicano e del suo “bigottismo” insieme al suo “cristianesimo”, i giovani si stanno allontanando dalla fede cristiana.

A sua volta, questo gruppo è paragonato a un “mercato inutilizzato” che potrebbe essere influenzato da un “diverso tipo di religione”.

“La ragione per cui questo è importante per il clero è che queste non sono persone che si perdono completamente nella religione.

È quasi come se fossero un collegio elettorale inesplorato, o un mercato non sfruttato, che potrebbe essere riportato a un diverso tipo di religione, o una religione che pensavano fosse spogliata della politica, sosteneva Campbell “

Mentre la Chiesa di Satana si schiera apertamente con l’estrema sinistra politica in America, sempre più americani si identificano come non aventi religione nei sondaggi.

Quasi la metà dei pastori in America ha paura di parlare di questioni morali o sociali per paura di offendere la persona sbagliata.

Il co-fondatore del Tempio di Satana Lucien Greaves ha recentemente dichiarato

“A questo punto sembra esserci una comprensione intrinseca e intuitiva di ciò che Satana può significare in un contesto eroico …”

Greaves afferma che i nazionalisti cristiani stanno minando,

“democrazia liberale” “asportando i diritti riproduttivi delle persone”.

La chiesa cristiana si sta dividendo per il sostegno alla politica LGBT. Lo scontro è qui …

Lo stato del globo e le ideologie che lo guideranno nel futuro dipenderanno dalle tue scelte e azioni in questo momento.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net

®wld

Meditazione & Consapevolezza

La meditazione non è il paradiso di pace e tranquillità che alcuni promettono. 

Negli ultimi anni, la meditazione ha guadagnato terreno nella cultura occidentale, in una certa misura perché è stata presentata come una sorta di “antidoto” ad alcuni degli effetti più dannosi dello stile di vita prevalente nelle nostre società.

La fretta in cui viviamo, il desiderio di avere tutto sotto controllo, l’ossessione di essere sempre impegnati sono alcune delle situazioni proprie del nostro modo di vivere in Occidente che conducono a stati come irrequietezza, rabbia o ansia. Di fronte a tutto ciò, la meditazione è stata offerta come una sorta di rifugio di pace e tranquillità, un metodo che, si dice, ci permette di rimanere calmi anche nel mezzo della tempesta delle nostre vite.

Ma è reale o è solo un modo piacevole per presentare la pratica della meditazione? La meditazione porta necessariamente o automaticamente a stati mentali o benessere pacifici?

Secondo i risultati di uno studio recentemente pubblicato, almeno 2,5 persone su 10 che meditano regolarmente affermano che questa attività ha causato emozioni come angoscia o paura.

La ricerca è stata condotta da un team guidato da Marco Schlosser, uno psichiatra collegato all’University College di Londra e, in termini generali, consisteva nel sondaggio di 1232 persone che affermavano di aver meditato almeno una volta alla settimana negli ultimi due mesi. Oltre alle domande sugli stati emotivi, il questionario distribuito tra i volontari includeva anche domande sul tipo di meditazione praticata e sulle condizioni per eseguirlo.

Durante l’analisi dei risultati, Schlosser ei suoi colleghi hanno scoperto che circa il 25% di detta popolazione aveva “esperienze spiacevoli” che si riferivano specificamente alla meditazione, tra cui quella di provare emozioni come angoscia, paura e altre associate a disturbi psicologici.

Secondo lo studio, questa esperienza negativa con la meditazione era ancora più probabile nelle donne, persone religiose, persone che, prima di meditare, avevano pensieri negativi ricorrenti e persone che avevano frequentato un ritiro il cui unico scopo era quello di meditare.

Infine, i risultati suggeriscono un’altra associazione tra il tipo di pratica praticata e questa esperienza negativa. Sembra che le forme di meditazione considerate “decostruttiviste” (come la meditazione Zen o Vipassanā) siano più inclini a “risvegliare” il lato oscuro di una persona, rispetto ad altre forme di pratica come la consapevolezza.

Su quest’ultimo punto, Schlosser nota che la meditazione in cui invita a considerare l’impermanenza di tutte le cose (la sua transitorietà, la transitorietà del mondo) può condurre alcune persone a uno stato mentale disturbante, dominato da pensieri di paura e annientamento. A questo proposito, il ricercatore chiede se la meditazione è davvero su questo o se è in grado di generare sofferenza inutile nel professionista.

Tuttavia, varrebbe la pena di porre questa domanda: quei pensieri “negativi” che i volontari hanno detto di aver provato, erano una conseguenza della meditazione o erano già lì prima? E in questo senso, di fronte a ciò che è dentro di noi, a quelli che ci costituiscono come persone ed è espresso quotidianamente nelle nostre azioni e nelle nostre decisioni, cosa è meglio, sapendolo o ignorandolo?

Va detto, infine, che ci sono molti sistemi di pensiero che parlano di “morire prima di morire” per rinascere in questa stessa vita. Questa è una considerazione in cui le stesse scuole filosofiche come le religioni o le correnti spirituali coincidono. Forse l’angoscia non è piacevole, ma è necessaria. La paura che in Occidente di solito dobbiamo morire (che evitiamo a tutti i costi, con distrazioni di ogni genere) ci impedisce di renderci conto che spesso l’angoscia che ci sveglia è il fuoco che lo spirito ha bisogno per purificare la sua visione e guardare con chiarezza il valore autentico della vita.

Percepire la disparità

 

Sta arrivando, ma nessuno vi dice cosa

di Massimo Bordin  

I segnali ci sono tutti: dazi doganali, immigrazione sevaggia, minacce Usa in precise aree del pianeta. Nessuno può sapere cosa accadrà di preciso, perchè il futuro non si può prevedere, ma siccome gli indizi per una crisi epocale ci sono, non possiamo non tenerne conto. E questi segnali ci sono ora, non sono frutto della suggestione catastrofista. Seza citare tutto, nell’elenco metterei l’ambiguità del fenomeno Greta Thunberg, la denatalità europea, la burocratizzazione esasperata, l’assalto politico-militare ai paesi con risorse naturali, come il Venezuela e l’Iran, l’inasprimento della politica protezionistica americana mentre leader russi e cinesi girano come trottole in un’estenuante attività diplomatica.

Insomma, c’è una certa puzza di morte nell’aria, ma nessuno sa se finirà così male, oppure se si tratta solo di percezione catastrofista. Non sempre dove c’è il fumo c’è l’arrosto, però fingere di non sentire l’odore e di non vedere il fumo è una colpa grave. Imperdonabile, poi, se a fare finta di nulla è l’informazione ufficiale.

Perchè avvengono fatti così inediti in così poco tempo?

L’ipotesi più convincente è che la disparità delle risorse disponibili non sia molto diversa che in passato, ma con la differenza che ora tutti gli abitanti del pianeta la percepiscono come tale.

La popolazione mondiale, secondo le stime, ha raggiunto i 7,7 miliardi di persone, ed è destinata a crescere fino a 9,2 miliardi entro il 2050. Dentro questo oceano di uomini e donne, solo 850 milioni godono di una situazione accettabile in termini di welfare, alimentazione, opportunità occupazionali, istruzione e sanità. E gli altri 7 miliardi?

No, tutti gli esclusi, che sono la stragrande maggioranza, vivono in una situazione di sostanziale indigenza, solo che, rispetto ai “miserabili” del passato, oggi loro ne hanno piena consapevolezza e coscienza. Quanto potrà durare questa situazione? Per quanto tempo 7 miliardi di persone continueranno ad accettare che poco più di 800 milioni di loro simili producano e consumino il 90 per cento dei beni del pianeta?

In un intervento effettuato durante l’incontro “Fuori dagli Equivoci” lo scorso 8 marzo a Torino, il giornalista Giulietto Chiesa ha riportato un aneddoto riferito al documentarista americano Douglas Ruskoff.

Poco tempo fa un’associazione di miliardari americani ha chiesto a Rushkoff, noto nei media americani per essere un analista futurologo, di fornire loro una consulenza privata in cambio di un compenso incredibilmente generoso. Giunto all’appuntamento, lo hanno acccompagnato in una saletta con solo 5 persone presenti.

Per una cifra vertiginosa, i 5 “eletti” potevano fare domande a Rushkoff su qualsiasi argomento. “Già mi aspettavo – riferisce dunque l’analista – che mi avrebbero chiesto dove investire i loro soldi in futuro. E invece…”

Cosa chiedevano?

“Lei cosa pensa che succederà quando il denaro non varrà più nulla? Come dovremo pagare le nostre guardie del corpo?”

“Ci siamo già costruiti un bunker sotterraneo per le famiglie in grado di resistere diversi mesi, ma che ne farò delle mie guardie del corpo? Anche loro vorranno sopravvivere con le loro famiglie: cosa possiamo escogitare per far si che non ci uccidano?”

Il tono e gli argomenti delle domande fatte al famoso futurologo erano tutte di questo tipo. I ricconi in questione non appartengono a quelle elites che decidono le sorti del pianeta, ma a quanto pare la loro preoccupazione è così forte, le informazioni o le sensazioni che possiedono sono molto preoccupate e preoccupanti. Costoro sanno davvero qualcosa, oppure sono solamente paranoici?

Se i rapporti internazionali raccontati dai media sono sempre più tesi, perchè non dovremo essere preoccupati anche noi?

Fonte: http://micidial.it/

  

Un ricercatore avverte: La nostra civiltà si dirige verso il crollo 

by Ancient Code

Secondo uno storico matematico, la nostra civiltà si sta dirigendo verso un crollo. Lo studioso predice che il “tumulto politico” sarà il picco nel 2020.

Secondo Peter Turchin, dell’Università del Connecticut, utilizzando una semplice equazione possiamo predire l’ascesa e la caduta di tutte le civiltà, e la nostra a breve potrebbe cadere.

Se i calcoli del professor Turchin sono dimostrati giusti, il nostro pianeta sarà soggetto per anni, se non decenni, a disordini politici che potrebbero addirittura avere il picco nel prossimo secolo.

Il professor Turchin, specializzato in ecologia e matematica, ha condotto lo sviluppo di un soggetto interdisciplinare chiamato “cliodynamics”.

il professor Turchin dice: “La cliodynamics è una nuova” disciplina transdisciplinare “che tratta la storia come solo un’altra scienza.”

Il professor Turchin iniziò a usare la matematica per predire l’attività umana da circa 1500 A.E.V. a 1500 E.V.

Circa tre anni fa, il professor Turchin ha usato modelli simili per prevedere il futuro.

La mia ricerca ha dimostrato che circa 40 indicatori sociali apparentemente disparati (ma, secondo cliodynamics, correlati) hanno sperimentato punti di svolta durante gli anni settanta. Storicamente, tali sviluppi sono serviti come indicatori principali di turbolenze politiche. Il mio modello ha indicato che l’instabilità sociale e la violenza politica raggiungerebbe il picco nel 2020s.

Inoltre, il professor Turchin afferma che:

Le elezioni presidenziali che abbiamo sperimentato, purtroppo, confermano questa previsione. Ci sembra di essere ben in pista per il picco di instabilità del 2020s. E anche se l’elezione è finita, le profonde forze strutturali che ci hanno portato l’attuale crisi politica non sono andate via. Se non altro, le tendenze negative sembrano accelerare.

Tuttavia, il professor Turchin avverte che non è noto quando questo picco potrebbe verificarsi e che la sua teoria non prevede eventi, ma le tendenze.

Il professor Turchin afferma che il tumulto sarebbe stato avviato dal processo di “sovrapproduzione d’élite” in cui il numero di persone ricche e d’élite nella società cresce, e si allontanano sempre più da quelli più poveri.

“Non ha pronosticato che Donald Trump sarebbe diventato il presidente americano nel 2016. Ma ha fatto prevedere l’aumento dell’instabilità sociale e politica. E, a meno che non si sia fatto qualcosa, l’instabilità continuerà a salire”.

Tuttavia, il professor Turchin afferma che la sua teoria potrebbe effettivamente rivelarsi vantaggiosa, e può aiutarci a evitare e sfuggire a questo triste destino monitorando attentamente le tendenze ed evitandole prima che siano in grado di causare problemi alla società.

“La discesa non è inevitabile,” continuò. La nostra è la prima società che può percepire come queste forze operano, anche se debolmente. Ciò significa che possiamo evitare il peggio-forse passando a una pista meno straziante, forse riprogettando completamente le montagne russe.”

È interessante notare che uno studio non correlato della NASA ha scoperto che le antiche civiltà avanzate che esistevano sulla terra migliaia di anni fa erano suscettibili al collasso come sta succedendo oggi.

Se guardiamo indietro nella storia 3000 – 5000 anni, troveremo un record storico che ci mostra chiaramente come le civiltà avanzate e sofisticate erano altrettanto suscettibili al collasso come lo siamo oggi.

Mentre gli stili di vita erano molto diversi nel lontano passato di quello che sono oggi, si scopre che c’è un modello continuo incrostato nell’umanità che solleva numerose domande sulla nostra sostenibilità come una civiltà che alla fine sfida la nostra capacità di rimanere ‘a galla’ come una società complessa e la cultura.

Se guardiamo indietro nel tempo nel corso di 10.000 anni, scopriremo che numerose civiltà avanzate che precedettero la civiltà Inca, Olmeca e egiziana esistevano sulla terra che misteriosamente scomparvero senza lasciare traccia.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Articolo attinente: Realtà fisiche: il costo dell’ignoranza  

®wld

Il Fuoco degli dei

 

Fuoco degli dei, armi mitologiche del passato antico

by Ivan

Armi mitologiche

Una delle storie più conosciute della mitologia greca è la leggenda di Prometheus. Questo potente Titano governò il Regno del fuoco, e in un atto di sfida passò la sua sacra conoscenza all’umanità (nonostante gli ordini di Zeus di mantenere questa conoscenza proibita). Questo strumento di calore ha permesso ai nostri antenati di sopravvivere al freddo, cuocere vasi di argilla, e per piantare chiare foreste. Ha letteralmente aiutato l’umanità a salire dall’età della pietra a un mondo di cultura e tecnologia.

Ma secondo la mitologia indù, questo dono ardente andò ben oltre l’uso primitivo di fusione del metallo e alla cottura della carne. Nelle mani degli dèi, il fuoco era uno strumento profondo e mortale, capace di incenerire i nemici e annientare intere civiltà.

Agneyastra era una di queste armi, creata dal Dio del fuoco Agni. È stato descritto come una fiamma a forma di freccia che richiedeva una grande conoscenza e abilità per poterla usare. La leggenda dice che l’Agneyastra è stata utilizzata dall’eroe Sagara per annientare con le fiamme i suoi nemici.

Un’altra arma, creata dal Dio Vishnu, fu la Narayanastra che lanciava una miriade di missili sui suoi nemici. Si diceva che l’intensità del fuoco aumentava, più un nemico resisteva e diminuìva quando mostrarono la loro sottomissione. Per mantenere un equilibrio, questa arma poteva essere usata una sola volta. Se qualcuno avesse tentato di usarla due volte, avrebbe divorato chi la stava usando e tutto il suo esercito al seguito.

Il Brahmastra (forgiato dal Signor Brahma,) era una delle armi più letali della mitologia. Venivano richiesti giorni di intensa meditazione per attivarla, e quando veniva lanciata, quasi nulla poteva fermarla. Dopo l’impatto, si verificava un potente inferno capace di annientare un’intera nazione. L’arma creava anche gravi danni ambientali (non dissimili alle ricadute radioattive). Dovunque i Brahmastra fossero cadute, la terra circostante sarebbe diventata sterile per tutta la vita biologica.

Infine, c’era l’arma più letale di tutti, il Pashupatastra. Sia Shiva che Kali si diceva che avessero posseduto questo dispositivo, che fu dimesso dal potere e dal pensiero di essere usata. Era vietato l’essere usata contro nemici minori. Questa arma catastrofica è stato detto di essere in grado di distruggere la creazione e sconfiggere tutta la vita. L’eroe indù, Arjuna, ottenne quest’arma da Signore Shiva, ma non la usò mai, aveva paura di distruggere il mondo.

Tutte queste armi potenti suonano in modo poco consono agli strumenti di distruzione di massa che abbiamo oggi. Forse gli dei avevano un messaggio per noi. Non è un caso che Oppenheimer, creatore della bomba atomica, usò questa citazione della mitologia indù “ora sono diventata la morte, il distruttore dei mondi”. Viviamo in un’epoca in cui il fuoco degli dei è ora a nostra disposizione. È possibile che ci fosse un motivo per cui Zeus proibì a Prometeo di condividere questa sacra conoscenza? Possiamo veramente fidarci del fuoco degli dei?

https://www.ancient-code.com

®wld

Senza la nostra conoscenza o il nostro consenso

 

Realtà fisiche: il costo dell’ignoranza 

di KevinMugurGalalae 

Introduzione:

Dalla fine della seconda guerra mondiale e con la formazione delle Nazioni Unite nel 1945, la pace e la stabilità internazionali sono state mantenute controllando la crescita della popolazione. All’insaputa delle masse, i governi hanno usato metodi segreti per limitare la nascita di paesi sottosviluppati e sovrapopolati e per accelerare le morti in Africa e in alcune zone criticamente povere e sovrappopolate altrove. Le nascite sono state prevenute interferendo con il sistema riproduttivo in modo da ridurre la fertilità umana, mentre i decessi sono stati promossi indebolendo il sistema immunitario in modo da aumentare la morbilità e la mortalità.

I metodi utilizzati da ogni paese per controllare la crescita della popolazione sono stati dettati dal livello di sviluppo e infrastruttura esistente tanto quanto dalla volontà politica o dalla mancanza di essa e sono stati imposti con la forza e l’inganno dall’esterno o adottati volontariamente dal governo, gli stati delle élite militare e scientifica che hanno fatto affidamento sull’assistenza morale, tecnica e monetaria delle Nazioni Unite, delle sue agenzie e della più grande comunità internazionale. Indipendentemente dai metodi usati per controllare la popolazione e se siano imposti o autoimposti, sono stati necessari una stretta segretezza e un inganno per impedire alle masse di scoprire l’asprezza che negli ultimi 68 anni sono state l’oggetto di una campagna silenziosa e globale, una campagna di attrito che ha trasformato gli elementi di base della vita in armi di sterilità di massa e morte selettiva.

Senza la nostra conoscenza o il nostro consenso, i governi di tutto il mondo hanno sovvertito la nostra libertà riproduttiva e la capacità di procreare per raggiungere obiettivi demografici ambiziosi e necessari e nel processo hanno impegnato i crimini più odiosi e diffusi nella storia umana per salvare l’umanità da mali ancora più grandi: annientamento nucleare, fame di massa e devastazione ambientale. La nascita di quasi due miliardi di persone è stata prevenuta e la morte di mezzo miliardo di persone si è affrettata.

Mentre questi obiettivi sono stati intenzionali, gli architetti della politica di spopolamento globale hanno involontariamente minato la dotazione genetica e intellettuale della specie umana e hanno ritardato gli eoni della selezione naturale. Le loro intenzioni non sono mai state malevoli, ma i risultati involontari delle loro azioni sono spaventosi. È compito di questo articolo rivelare i metodi segreti ei mezzi insidiosi dell’offensiva silenziosa, che costituiscono il contegno più grande del mondo, in modo che un risveglio alle terribili realtà che affrontiamo spingerà tutti gli esseri umani sulla terra a chiedere una quota di responsabilità e il controllo della popolazione potrà essere legiferato in tutto il mondo, con poca o nessuna resistenza, per le prossime tre generazioni o finché il nostro numero non sia sufficientemente basso da consentire all’umanità di vivere in equilibrio con la natura e in pace con se stessa. Questo è l’unico modo in cui i nostri figli avranno un futuro e una vita dignitosa.

(nda, Il corposo articolo ma “ridimensionato” dal pdf originale continua qui sotto per chi vuole approfodire)

******************************   

Ora ci confrontiamo con un insieme di realtà fisiche che non hanno precedenti: sovrappopolazione, iper-consumo e lunga durata della vita.

Sovrappopolazione.

Per i primi 250 milioni di anni della nostra esistenza, abbiamo faticato a sopravvivere e siamo rimasti pochi, raggiungendo i 500 milioni nel tardo Medioevo. Nei successivi 300 anni – dal 1500 circa al 1800 d.C. – abbiamo raddoppiato i nostri numeri grazie a miglioramenti in agricoltura, trasporto e distribuzione. Le pressioni della popolazione durante questi tre secoli furono sollevate dall’emigrazione nel Nuovo Mondo. Il successivo raddoppio, da uno a due miliardi, è durato un solo secolo e si è verificato con l’avvento della rivoluzione industriale quando la popolazione europea ha iniziato a crescere a un ritmo senza precedenti. I progressi medici hanno permesso alla maggior parte dei bambini di sopravvivere nell’infanzia mentre una migliore alimentazione e servizi igienico-sanitari prolungava la durata della vita.

Le pressioni della popolazione durante questo periodo furono alleviate dalla conquista europea e dallo sfruttamento delle colonie in Africa e in Asia. Quando i benefici della scienza e della tecnologia divennero globali, l’aumento della popolazione divenne globale e un miliardo di persone furono aggiunte in soli 50 anni, portando il totale a 3 miliardi entro il 1950. Le pressioni della popolazione in questo mezzo secolo non potevano più essere assorbite dalla migrazione o lo sfruttamento delle colonie e questo ha portato ad un’aspra lotta per le risorse durante le due guerre mondiali; una lotta che ha devastato intere nazioni e ucciso più di 80 milioni di persone, più vittime di tutti gli altri conflitti nella storia messi insieme. Dal 1950, abbiamo aggiunto un miliardo di nuove persone ogni 10 o 15 anni, portando la popolazione totale a 4 miliardi nel 1970, a 5 miliardi nel 1987, a 6 miliardi nel 1999 ea 7 miliardi entro il 2011.

Si prevede che la popolazione raggiungerà il picco a 9 miliardi entro il 2050 e poi inizierà a diminuire. La ragione per cui la popolazione dovrebbe raggiungere il picco entro il 2050 non è a causa della prosperità e dell’istruzione, come siamo portati a credere, ma perché l’élite globale che costituisce la comunità internazionale e controlla le Nazioni Unite ha preso misure proattive dal 1945 per garantire che la scarsità di risorse e l’avidità nazionale non causano la terza guerra mondiale. Nel bene o nel male dobbiamo loro sei decenni di relativa pace e stabilità, che è un risultato straordinario se si considera che questo è stato raggiunto mentre la popolazione è cresciuta al ritmo più veloce nella storia. Se i nostri leader non avessero adottato misure proattive per frenare la crescita della popolazione, ora dovremmo affrontare una popolazione globale di 9 miliardi invece di 7 e il nostro numero continuerà a raddoppiare per 40 anni e raggiungere 14 miliardi entro il 2050 e 28 miliardi entro un secolo.

A giudicare dallo stato lugubre della metà dei popoli del mondo e dal ritmo allarmante del degrado ambientale, anche l’attuale popolazione è insostenibile. Non dobbiamo dimenticare che, anche a 7 miliardi, metà di noi vive in povertà o povertà estrema nonostante gli enormi progressi scientifici e tecnici dell’ultimo mezzo secolo e che in molti luoghi le condizioni della terra sono così volatili e disperate che le società sono sull’orlo di crollo. L’esplosione demografica chiaramente fa presagire la catastrofe globale. Iper-consumo Non solo la popolazione globale è cresciuta al ritmo più veloce della storia umana negli ultimi sei decenni, ma anche le sue esigenze pro capite sono cresciute al ritmo più veloce nella storia umana e, di fatto, a un ritmo molto più rapido della popolazione esponenziale crescita che abbiamo vissuto. L’uomo medio moderno consuma 100 volte più risorse dei nostri antenati un paio di secoli fa, e almeno 50 volte più risorse dei nostri nonni nel 1950.

Ciò significa che, a tutti gli effetti, i 7 miliardi di persone che sono vivi oggi hanno un impatto enorme sull’ecosistema del pianeta, un numero equivalente di nostri antenati nel lontano e immediato passato. Di conseguenza, il pianeta sta sforzandosi sotto il nostro carico. L’erosione del suolo, l’accumulo di anidride carbonica, la rapida deforestazione, il riscaldamento globale e lo scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai sono solo alcune delle conseguenze del peso ambientale che siamo diventati una specie. Dato l’impatto che abbiamo sul pianeta a 7 miliardi di persone, non ci vuole nessuno scienziato che preveda che il pianeta non possa sostenere 14 miliardi di noi, figuriamoci 28 miliardi, che è il punto in cui saremmo entrati in meno di un secolo. intervento e interferenze aggressive con la nostra capacità di avere figli. Man mano che i nostri bisogni e numeri aumentano, stiamo ponendo richieste insostenibili su risorse critiche come acqua e combustibili fossili, che sono vitali per la nostra sopravvivenza e definiscono il nostro tenore di vita.

La penuria d’acqua è già un ostacolo allo sviluppo e persino una minaccia alla nuda sopravvivenza, che causa conflitti all’interno e tra le nazioni. Sia le nostre forniture di acqua dolce sia le nostre riserve di combustibili fossili sono in crisi. 1,1 miliardi di persone vivono senza acqua potabile e 2,6 miliardi mancano di servizi igienico-sanitari adeguati e questi problemi combinati uccidono quasi 4000 bambini ogni giorno da malattie trasmesse dall’acqua

Per alcune nazioni la scarsità d’acqua è critica e peggiora di anno in anno perché le riserve in diminuzione devono essere condivise da un numero crescente di persone. L’uso giornaliero pro capite di acqua nelle aree residenziali varia di conseguenza. Mentre il Nord America e il Giappone hanno a disposizione 350 litri per ogni persona, l’Europa ne ha solo 200, e l’Africa subsahariana ha un misero da 10 a 20 litri.1 Il consumo di acqua nel XX secolo è aumentato di sei volte e il doppio della popolazione crescita. Gli americani, ad esempio, usavano 7 litri d’acqua al giorno un secolo fa e 145 litri oggi.

Poiché lo sviluppo si è verificato prima e più rapidamente in alcuni paesi che in altri, e la politica di conquista e sfruttamento ha impedito una distribuzione equa, il consumo pro capite differisce notevolmente in tutto il mondo non solo per l’acqua e il petrolio. I nordamericani consumano in media 3 volte più risorse degli europei, 5 volte di più dei giapponesi, 20 volte di più degli asiatici e 40 volte di più degli africani. Se tutti sulla terra avessero lo standard di vita dell’America, le risorse globali esistenti potrebbero sostenere solo 1,2 miliardi di persone. Se fossimo soddisfatti dello standard europeo, allora le nostre risorse sosterrebbero 3,6 miliardi.

E se dovessimo adottare universalmente lo standard di vita giapponese, la nostra risorsa globale potrebbe teoricamente accogliere 6 miliardi. Il problema è che le richieste che facciamo sull’ambiente sono già molto più grandi della capacità della terra di rigenerarsi, motivo per cui l’ambiente sta collassando e stiamo esaurendo le risorse vitali. Ciò significa che il nostro pianeta non potrebbe sostenere 1,2 miliardi di americani perpetuamente, più di quanto non potrebbe sostenere 3,6 miliardi di europei o 6 miliardi di giapponesi. Comunque lo si affetta e lo si taglia, si giunge a una sola conclusione; ovvero che siamo in troppi e se continueremo a consumare risorse con la stessa voracità che siamo diventati il ​​World Water Council, http://www.worldwatercouncil.org/library/archives/water-crisis/. Attualmente gli Stati Uniti hanno 320 milioni di persone. Il 5% della popolazione mondiale, ma consuma il 25% delle risorse del mondo.

Abituati a (e al fatto che tutti gli altri sulla terra aspirano) e che il nostro livello di civiltà richiede, non abbiamo altra scelta che ridurre drasticamente il nostro numero a un livello che rientra nella capacità della terra di rigenerarsi. La semplice interruzione della popolazione globale a 7 miliardi, quindi, non è una soluzione. Quanto bene vogliamo vivere determinerà quanti di noi la terra può ospitare. E poiché la natura umana richiede un costante miglioramento nel nostro modo di vivere, possiamo solo soddisfare i nostri bisogni personali e civili riducendo ulteriormente i nostri numeri. Long Life Spans. Non è solo la terra sovrappopolata e tesa sotto la nostra crescente domanda di risorse, ora viviamo anche più a lungo che mai. L’aspettativa di vita è aumentata drasticamente nel corso degli ultimi 100 anni.

Mentre all’inizio del XX secolo ci si poteva aspettare di vivere circa 35 anni, all’inizio del XXI secolo ci si può aspettare di vivere per quasi 70 anni. Questo raddoppiamento della durata della nostra vita significa che gli esseri umani moderni non solo consumano sostanzialmente più risorse delle persone nel passato, ma che li consumano anche per il doppio del tempo dei loro antenati. Sovrappopolazione, sovraconsumo e lunghi periodi di vita sono gli opposti polari delle condizioni in cui l’uomo viveva nel lontano passato, quando era alla mercé della natura, era scarso in numero, viveva di fatto in una mano e moriva giovane. Abbiamo ribaltato l’equilibrio naturale che mantiene le specie in relazioni simbiotiche e così facendo siamo diventati una minaccia per l’ambiente naturale che sostiene tutta la vita sulla terra,

Includendo il nostro Se abbiamo imparato qualcosa è che il progresso arriva a costo della natura, ma può avvenire solo in un ambiente naturale sano. Le esigenze in competizione del progresso e della natura possono essere riconciliate solo se il progresso si verifica entro i limiti finiti della natura, e affinché ciò avvenga, ci deve essere meno di noi; abbastanza pochi, infatti, per la natura per assorbire e riparare il nostro impatto.

LE LEGGI DEI PROGRESSI

Il costo del progresso ci ha insegnato tre importanti lezioni: 1. Data la natura umana, il consumo pro capite aumenterà solo da una generazione all’altra. 2 Più grande è l’impronta ecologica pro capite, meno persone possono essere ospitate da risorse limitate della terra. La civiltà umana non può sopravvivere nel futuro se non impara a vivere all’interno della capacità rigenerativa della Madre Terra, quindi entro i limiti dell’ambiente naturale e delle sue risorse limitate. Quello che stiamo per imparare è che, avendo vinto la dura battaglia, ora dobbiamo vincere la battaglia in discesa.

Lasciatemi spiegare.

Per aumentare gli innumeri, la nostra civiltà ha dovuto superare gli ostacoli naturali posti per preservare l’equilibrio all’interno degli ecosistemi, un equilibrio duramente conquistato da millenni di evoluzione che, una volta sconvolto, ha causato gravi danni alla natura.

Se vogliamo ristabilire l’equilibrio naturale che sostiene tutta la vita sulla terra, dobbiamo ora ridurre la nostra popolazione o perire. Ma per diminuire la popolazione la nostra civiltà deve superare gli ostacoli artificiali fissati per preservare l’equilibrio socio-economico all’interno delle società, di un equilibrio duramente conquistata da secoli di dare e avere, tentativi ed errori, conflitto e cooperazione, di conseguenza danneggiare il tessuto della società. Le battaglie ascendenti e discendenti sono ugualmente dure e dirompenti, le prime sulla natura e le seconde sulla società. Solo una popolazione stabile che vive entro i limiti della natura può sopravvivere in perpetuo e continuare ad evolversi. Se non riusciremo a raggiungere un tale stato di equilibrio tra l’uomo e la natura, ci troveremo a vivere su un pianeta spogliato di ogni vita animale e vegetale e moriremo insieme ad esso.

Solo l’uomo può fermare l’uomo. Questo è stato realizzato da quelli con lungimiranza che silenziosamente ha cominciato a prendere misure proattive, senza ostacoli per l’indifferenza o ignoranza della vasta maggioranza che non era in grado di prevedere e rimane disposta ad accettare l’impatto che abbiamo come specie che ha superato l’elemento naturale ed è riuscito nello sfruttamento della natura unicamente a proprio vantaggio e che, di conseguenza, ora vive in un rapporto parassitario e quindi insostenibile con la natura. Una volta che queste menti illuminate si sono rese conto che la popolazione globale doveva essere stabilizzata, dovevano trovare un modo per stabilizzarla. È arrivata la decisione e la volontà politica di affrontare il controllo della popolazione.

Di fronte alle Nazioni Unite che furono istituite immediatamente dopo la seconda guerra mondiale per mantenere la pace tra le nazioni, così da evitare la guerra a tutti i costi. Ma la guerra fu l’ultimo nemico naturale rimasto a una crescita demografica sfrenata, poiché la carestia e la pestilenza sono state ampiamente eliminate nella prima metà del XX secolo. Le Nazioni Unite dovettero quindi affrontare il non invidiabile compito di dover trovare un sostituto alla guerra come mezzo per fermare l’esplosione demografica. Non solo l’umanità ha perso il gusto per la guerra dopo due guerre mondiali che si sono verificate in una singola generazione, ma lo sviluppo di armi nucleari ha reso l’idea di guerra inconcepibile in quanto significherebbe un reciproco annientamento garantito. Che senso ha fare la guerra se nessuno può vincerla, perché non ci sarebbe nulla da fare alla fine di una guerra nucleare? Popolazione di controllo come un sostituto alla WARIf la carneficina della guerra, l’ultima piaga rimanente dell’umanità, non poteva più essere invocata per ridurre il nostro numero e che le nazioni possano vivere con i propri mezzi, quindi un modo doveva essere trovato per impedire la nascita di nuove persone.

Ed è così che la ragion d’essere delle Nazioni Unite e la premessa primaria per l’esistenza di una comunità internazionale è diventata il controllo della popolazione. Una volta che la decisione è stata presa per perseguire la pace e la cooperazione internazionale per evitare la guerra, la consapevolezza che l’unico modo per preservare la pace è quello di garantire che le nazioni vivano all’interno dei loro mezzi era inevitabile, come era la realizzazione che per vivere entro i mezzi disponibli ogni paese ha dovuto limitare la crescita della sua popolazione. La comunità delle nazioni sotto gli auspici delle Nazioni Unite ha dovuto solo trovare e concordare accettabili vie per impedire una nuova vita, che si è dimostrato più facile a dirsi che a farsi. Ostacoli tremendi erano di ostacolo.

La Sterilizzazione chimica – per il mondo sviluppato – il bisfenolo A (BPA).

Per chiudere la scappatoia creata dall’abitudine moderna di bere in bottiglia piuttosto che acqua di rubinetto, la lobby di spopolamento ha sostituito il vetro con le di plastica nel 1980 e ha usato una sostanza chimica deprimente specifica della fertilità, chiamata bisfenolo A (BPA) per La fluorizzazione è il metodo di scelta dell’Occidente per sopprimere la fertilità sia negli uomini che nelle donne. È stato utilizzato in tutto l’Occidente sin dal 1950 e il fluoro viene fornito attraverso l’acqua del rubinetto, sale da cucina o latte a seconda del paese e del suo livello di sviluppo.

Alcune nazioni selezionate e benestanti nell’Europa settentrionale utilizzano piani dentistici obbligatori per garantire che ogni cittadino riceva periodicamente applicazioni di fluoro direttamente in bocca. Indipendentemente dall’agente di consegna utilizzato, la popolazione è stata sottoposta alla fluorizzazione con il pretesto che combatte la carie, che è completamente inaccurata e disonesta. Dei quattro metodi, la fluorizzazione dell’acqua è di gran lunga la più ampia, in quanto viene utilizzata su quasi 1 miliardo di persone in tutto il mondo. La fluorizzazione dell’acqua, tuttavia, è possibile solo in luoghi con un’infrastruttura moderna di impianti di trattamento delle acque e quindi anche nelle nazioni ricche è possibile solo nelle città che hanno almeno 10.000 persone. La fluorizzazione del sale è il secondo metodo di fluorizzazione più diffuso ed è in uso in tutta l’America Latina e nella regione dei Caraibi, così come in alcuni paesi europei che hanno abbandonato la fluorizzazione dell’acqua. La fluorizzazione del latte è limitata a pochissimi paesi e viene utilizzata come metodo supplementare di fluorizzazione altrove. Per mantenere gli esseri umani in uno stato costante di avvelenamento da fluoro, i dentifrici e i prodotti per la salute dentale in tutto il mondo sono fluorurati.

Aerosol di alluminio, spruzzato e polverizzato in alta quota da aerei – un fenomeno noto come “scie chimiche” – è un metodo piuttosto nuovo di controllo della popolazione che è limitato ai paesi della NATO e mira a contrastare gli agricoltori biologici e tradizionali per fare spazio alle corporazioni e le loro colture geneticamente modificate. L’alluminio spruzzato cade a terra e avvelena il suolo e l’acqua, che ha due conseguenze: in primo luogo, rende impossibile la coltivazione di semi tradizionali e costringe i contadini alla bancarotta, portandli a vendere la terra a favore di agro-giganti che sono già pronti con semi geneticamente modificati resistenti all’alluminio e in secondo luogo, l’alluminio si lega ai composti del fluoruro e aumenta notevolmente la tossicità del fluoro, riducendo quindi il livello di tossicità del corpo umano precedentemente ritenuto sicuro.

In altre parole, con il fluoruro di alluminio è possibile fare molto più danni alla salute umana di quanto si possa fare con il solo fluoruro e ne occorre meno. Ecco perché, ad esempio, la spruzzatura di alluminio aerosol è molto più diffusa sulle coste occidentali del Canada e degli Stati Uniti, dove la fluorizzazione dell’acqua di rubinetto è scarsa e la gente ingerisce il fluoro dall’acqua in bottiglia e dalle bevande analcoliche e dagli alimenti in scatola, ma a livelli inferiori livelli rispetto alle persone la cui acqua del rubinetto è luoridata.

La fabbricazione di due tipi di materie plastiche: policarbonati e resine epossidiche.

Il BPA viene ingerito quando si riversa nei cibi e nelle bevande per il consumo umano. Quasi tutte le bottiglie di plastica del pianeta sono ora realizzate in policarbonato BPA e quasi ogni metallo e alluminio nel mondo è rivestito con resine epossidiche contenenti BPA, le persone sono cronicamente esposte. Il rivestimento di lattine di metallo con BPA è rivolto sia ai poveri urbani che a quelli rurali che sono più propensi a mangiare minestre in scatola, verdure e frutta e riceverà così più della loro quota di agenti deprimenti della fertilità, poiché le assorbiranno da più fonti. Ma poiché la lobby di spopolamento ha una forte componente eugenetica, ridurre il numero dei poveri è un risultato desiderabile.

Metodi batterici e batteriologici per il mondo in via di sviluppo

I vaccini. I flustriin di binaengineering, come N1H1, l’influenza suina e i virus dell’influenza aviaria, sono stati usati per fabbricare la paura di massa delle pandemie e condizionare il pubblico alla pratica di vaccini obbligatori o di programmi di vaccinazione imposti dal governo. Ciò consentirà alle autorità di rivolgersi a popolazioni specifiche quando e se gli eugenisti decidono che un nuovo ceppo mortale deve essere introdotto in una popolazione inflessibile, come è stato fatto in Africa, ad Haiti e in Brasile fino al 1980. L’HIV / AIDS e la lobby di spopolamento non è in grado di controllare il numero di persone nate nel mondo, allora aumenterebbero il numero di persone che stanno vivendo in questo mondo. In altre parole, se non sono in grado di affrontare il problema della popolazione controllando la fertilità, lo avrebbero risolto e affrontato per il fine della vita aumentando la morbilità e la mortalità.

Questo è stato ritenuto necessario per l’Africa, che ha resistito a qualsiasi tentativo di controllo della popolazione. Il virus dell’HIV / AIDS è stato specificamente creato per la popolazione dell’Africa sub-sahariana da uno sforzo cooperativo tra scienziati sovietici e americani per l’impiego degli stabilimenti industriali militari della loro nazione. È stato progettato per fare il massimo danno minando il sistema immunitario e avere un’affinità per le persone di colore. Gradualmente raggiunse il suo scopo prefissato, fu introdotto nelle correnti sanguigne di innumerevoli innocenti in Africa, Brasile e Haiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso il suo programma di vaccinazione contro il vaiolo terminato nel 1980. L’infezione è arrivata al 30% in alcune nazioni africane (5% continente) e il 70% di tutte le morti di AIDS si verificano in Africa. Più di un milione di persone muoiono in Africa per l’AIDS ogni anno e quasi due milioni di nuove infezioni sono registrate ogni anno. ·I paesi poveri non hanno impianti di trattamento delle acque e quindi non possono fluoridare la loro acqua. La fluorizzazione del sale richiede la volontà politica e la stabilità necessarie per cooptare un ristretto numero di politici e burocrati, ma il panorama politico dell’Africa è instabile e in continua evoluzione. E la fluorizzazione del latte è costosa e moralmente riprovevole quando si rivolge a bambini innocenti attraverso programmi scolastici di lattanti e li ammala quando sono giovani e indifesi. I leader africani, inoltre, hanno ampiamente resistito alla pressione internazionale per avvelenare il loro popolo. Questo è il motivo per cui la lobby di spopolamento ha escogitato metodi efficaci di controllo della popolazione per l’Africa in particolare e più recentemente per altri paesi poveri e riluttanti la cui cooperazione volontaria era impossibile da ottenere.

ORGANI geneticamente modificati

Gli organismi sono l’arma più recente e più sofisticata nell’arsenale eugenico e sono destinati al mondo in via di sviluppo in cui i metodi di controllo della popolazione chimica non possono essere applicati a causa di infrastrutture carenti. Le colture primarie di OGM sono mais, colza, cotone e soia. La feroce resistenza alle colture OGM ha tuttavia messo in dubbio la loro validità come agente deprimente della fertilità globale. Il loro vantaggio sta nel fatto che le persone prese di mira aumenteranno il loro veleno e ne pagheranno, il che rende gli OGM ideali per le nazioni povere i cui governi non possono permettersi di pagare il controllo della popolazione di qualsiasi tipo, chimico, biologico o batteriologico. il vantaggio sta anche nel fatto che possono essere progettati per fare il minimo o il danno che è desiderabile e nessuno sarà più saggio per questo.

METODI INTERNI – POSIZIONE PER FERMARE LA FAMIGLIA

L’abuso di sostanze

Vari paesi hanno incoraggiato varie forme di abuso di sostanze per sminuire gli individui dalla vita familiare e causare lo scioglimento di famiglie per lo più a basso reddito per morte prematura, malattia cronica o debito paralizzante. L’Occidente ha promosso l’uso di droghe ricreative. La Cina ha incoraggiato l’uso eccessivo di tabacco. E la Russia ha reso l’alcol sufficientemente economico e onnipresente per creare una nazione di alcolizzati. Di conseguenza, la tossicodipendenza ha raggiunto proporzioni epidemiche in molti paesi occidentali e in particolare negli Stati Uniti e in Canada, dove migliaia di famiglie vengono distrutte dalla tossicodipendenza.

Le morti per fumatori sono triplicate in Cina nel corso dell’ultimo decennio e il tabacco è diventato il killer numero uno causando 1,2 milioni di morti all’anno. Entro il 2030 il numero di decessi legati al tabacco dovrebbe raggiungere i 3,5 milioni all’anno. E si prevede che se le tendenze continueranno, un terzo di tutti i maschi in Cina sarà ucciso dal tabacco entro il 2050. Ancora più disastroso è il problema dell’alcol russo. Il consumo di alcol è quasi triplicato negli ultimi 16 anni e più di mezzo milione di russi muoiono di alcol·Psicosociale. Da quando le Nazioni Unite hanno assunto il controllo e la responsabilità primaria sulla politica di spopolamento globale nei primi anni ’60, ha cercato modi più umani per raggiungere gli obiettivi demografici previsti e ha concentrato gran parte dei suoi sforzi e risorse sulla ricerca di modi psicosociali per cambiare la dinamica della vita familiare e fare pressione su famiglie e individui per rendere difficile e indesiderabile avere più di un figlio.

La criminalizzazione

La forma più sottile e insidiosa di controllo della popolazione è la manipolazione della legge per criminalizzare comportamenti sociali e liti domestiche precedentemente accettabili, e per incarcerare una larga percentuale di poveri al fine di impedire loro di formare famiglie e crescere bambini. In tutto il mondo occidentale e in particolare negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda, questa forma di controllo della popolazione soddisfa i requisiti eugenetici della politica, poiché si rivolge principalmente alle minoranze e ai poveri. La “legge nazionale di tolleranza zero”, i reati minori di droga e la “legge contro gli scioperi” sono esempi tipici di una legislazione concepita per soddisfare i requisiti della politica di spopolamento globale. La legge nazionale di tolleranza zero è concepita per rompere le famiglie al minimo conflitto.

Rimuovere i poteri discrezionali dalla polizia e dare allo stato l’autorità di andare oltre la volontà dei coniugi di esercitare pressioni penali che si traducono in bancarotta e scioglimento familiare. I conflitti che potrebbero essere risolti nella privacy delle case in pochi minuti o giorni sono stati dati allo stato per crimine violento per distruggere famiglie, separare i genitori dai bambini e trasferire le loro ricchezze alla classe giudiziaria.

I tre regolamenti di legge impartiscono condanne severe per chiunque abbia oè stato condannato per due crimini e che dopo essere stato condannato per un terzo crimine rischia la vita in carcere. È stato applicato per la prima volta nello stato di Washington nel 1993 e poi in California nel 1994 per compensare la loro mancanza di fluorizzazione dovuta all’opposizione popolare e poi diffuso in tutta la costa occidentale per la stessa ragione. Come risultato di tali leggi eugenetiche, centinaia di migliaia di famiglie vengono distrutte annualmente nel mondo di lingua inglese così come in diversi paesi europei. Negli Stati Uniti, la magistratura è diventata lo strumento principale per gli obiettivi eugenici, dando all’America la dubbia distinzione di essere la nazione con il più alto tasso di incarcerazione nel mondo e anche nella storia a 743 adulti dietro le sbarre per sempre 100.000 cittadini. Quando si prendono in considerazione le persone sulla sorveglianza correzionale e sugli arresti domiciliari, gli Stati Uniti superano di gran lunga persino la Russia stalinista nel numero e nella proporzione di prigionieri per la popolazione generale.

Questo non è successo fino al 1980 da quando l’uso eugenetico della magistratura è stato scatenato. Le statistiche mostrano anche che le minoranze visibili sopportano il peso della mania della detenzione che ha attanagliato gli Stati Uniti e, in misura minore, gran parte del mondo occidentale. Il Canada distrugge la sua popolazione nativa con questo metodo. Le statistiche europee, così come quelle australiane, sono distorte dal fatto che gli immigrati sono detenuti in centri di detenzione separati e non vengono conteggiati come detenuti. La pratica di imprigionare immigrati e richiedenti asilo è una diretta conseguenza della politica di spopolamento globale e viene discussa più avanti nel testo.

OBIETTIVI: LIPOSUZIONE della POPOLAZIONE

La vastità della politica di spopolamento globale ha dettato un approccio graduale e incrementale che ha tre fasi distinte, ciascuna con il proprio obiettivo primario. Fase 1-Controllo della popolazione -1950-2000 Dal 1950 al volgere del XXI secolo, l’obiettivo generale delle lobby di spopolamento è stata quella di portare il tasso di fertilità totale (TFR) di ogni paese sulla terra a 2 bambini per donna, il cosiddetto livello di fertilità di sostituzione. Alla fine della guerra, la popolazione mondiale ha raddoppiato ogni 30 anni a causa di alti tassi di fertilità e molti paesi in via di sviluppo hanno raddoppiato il loro numero ogni 20 anni. Tra il 1945 e il 1970 il Giappone, l’Europa orientale, l’Europa occidentale,

l’Unione Sovietica e il Nord America istituirono misure segrete di sterilizzazione chimica (principalmente acqua la fluorizzazione, in misura minore la fluorizzazione del sale e, per i paesi scandinavi, il Regno Unito e la Germania, la fluorizzazione attraverso programmi dentali gratuiti ma obbligatori) e ha portato i loro TFR a quasi il livello magico di due bambini per donna. Come abbiamo visto, le misure di controllo della popolazione furono prima imposte alle potenze dell’Asse e alle nazioni cobelligeranti non appena la guerra finì. Agli inizi degli anni Cinquanta furono implementati in tutta Europa, sia in Oriente che in Occidente, per cui l’Unione Sovietica forzò un paese nella sua sfera di influenza e gli Stati Uniti ricambiarono imponendolo in un paese di uguali dimensioni in Occidente Europa. Il Regno Unito a sua volta lo ha imposto alle nazioni del Commonwealth a partire da Singapore (1956), Hong Kong (1961) e Ceylon, che ora è noto come Sri Lanka (1962).

Fase 3 – Depopolamento controllato da -2040 a 2150

Una volta che la popolazione globale raggiunge i 9 miliardi o giù di lì, la panoplia completa degli agenti di depressione della fertilità rimarranno in vigore per garantire un declino costante e controllato. Quanto basso sarà il calo della popolazione, sarà dettato dai nostri modelli di consumo e dalle nostre necessità ambientali. A giudicare dalla velocità con cui il mondo in via di sviluppo aspira a raggiungere gli standard di vita occidentali e dal ritmo rapido con cui i combustibili fossili e l’acqua dolce si stanno esaurendo, è lecito ritenere che la popolazione globale dovrà ridurre di almeno due terzi i suoi picco di 9 miliardi di euro, a patto che le tecnologie per le energie rinnovabili saranno pienamente impegnate nei prossimi 50 anni e l’impronta ecologica di ogni essere umano si ridurrà alla metà di ciò che è oggi. In assenza di un uso parsimonioso delle risorse e dell’uso universale della tecnologia avanzata, la popolazione dovrà diminuire a meno di un miliardo se la civiltà umana dovesse fermare la distruzione dell’ambiente da cui dipende la sua stessa sopravvivenza.

Poiché nessun’altra risorsa sulla terra è più vitale dell’acqua e le nostre riserve di acqua dolce sono già sottoposte a uno stress tremendo, è la disponibilità di acqua più anche del petrolio che determinerà quante persone saranno in grado di vivere sulla terra nel 22° secolo. Le tendenze e le previsioni non sono rosee. L’Istituto per la popolazione dipinge il seguente quadro: Il rapporto sullo sviluppo mondiale dell’acqua del 2009 ha rivelato che circa la metà della popolazione mondiale vivrà entro il 2030 in regioni con elevato stress idrico. Questa proiezione è particolarmente scoraggiante considerando che nel 2000, 508 milioni di persone hanno abitato regioni stressate o scarsamente idriche indicando che la percentuale della popolazione mondiale colpita dalla scarsità d’acqua potrebbe gonfiarsi dall’8%, al 47% in soli tre decenni. Questa scarsità d’acqua è direttamente correlata alla povertà. La quantità di persone che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno corrisponde approssimativamente alla quantità di coloro che non sono in grado di accedere all’acqua potabile sicura.

La popolazione mondiale si sta espandendo di 80 milioni di persone all’anno, aumentando la domanda di acqua dolce di circa 64 miliardi di m3 all’anno. 3 In effetti, i ritiri idrici sono triplicati negli ultimi 50 anni a causa della crescita della popolazione. Questo rapido tasso di crescita ha anche causato la potenziale disponibilità globale di acqua per diminuire da 12.900 m3 pro capite all’anno nel 1970, a 9.000 m3 nel 1990, a circa 7.000 m3 nel 2000. Fino a quando lo spopolamento è perseguito in modo equo e la varietà genetica dell’umanità è preservata, non c’è motivo di temere un 90% di diminuzione nei nostri numeri e ogni ragione per accoglierla. Population Institute, luglio 2010: http: //www.populationinstitute.org/external/files/Fact_Sheets/Water_and_population.pdf

GIUSTIFICAZIONI STORICHE PER IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE

In linea di massima, le preoccupazioni della popolazione e i metodi usati per affrontarle hanno attraversato tre distinte giustificazioni, ciascuna radicata nel proprio periodo storico e nelle proprie circostanze. 1.Civilizzare i selvaggi – Superiorità razziale (1850-1945) Durante la fine del periodo coloniale, le potenze europee giustificavano il loro saccheggio di terre non proprie e l’assassinio di persone diverse da loro con la scusa che stavano civilizzando i selvaggi portando loro i benefici della cultura europea e della tecnologia occidentale. Quell’arroganza europea e il senso del diritto, che ebbe origine nell’impero britannico e prosperò durante la rivoluzione industriale, decadde in delusioni di superiorità razziale che trovarono sostegno politico e popolare in ogni paese dell’Europa occidentale con colonie ad abusi.

La superiorità razziale dell’Europa ha raggiunto il suo apice nell’ideologia nazifascista e si è conclusa con le depredazioni dell’Olocausto e della Seconda Guerra Mondiale. Quello che era iniziato come il fardello dell’uomo bianco e apparentemente come un progetto per far progredire la civiltà, si è evoluto in una credenza demente nella superiorità razziale dei caucasici e nella scienza egoistica dell’eugenetica, che è stata usata per giustificare moralmente il genocidio degli ebrei e degli zingari in tutta Europa e la pulizia etnica di innumerevoli popolazioni indigene in tutta l’Asia, l’Africa, l’Australia e le Americhe. L’Eugenetica è la filosofia sociale di migliorare le qualità ereditarie umane attraverso programmi sociali e interventi governativi.

L’impero ha costretto la Gran Bretagna a pensare in termini generali, anche a livello globale, ea cercare soluzioni proattive prima che la legge e l’ordine crollassero. Ciò ha portato a vari atti eugenetici legislativi rivolti agli indigeni in tutto l’impero britannico. Come prima industrializzazione della nazione, la Gran Bretagna è stata anche la prima a occuparsi delle conseguenze dell’industrializzazione sia positive che negative. L’industrializzazione, ad esempio, ha allontanato molte persone dalla terra e le ha costrette a entrare nelle città dove la povertà è aumentata e i governi non sapevano come impiegare il crescente numero di poveri. ·La Gran Bretagna fu anche la prima nazione a industrializzarsi e ciò rese ancor più acuto lo sfruttamento delle risorse naturali, poiché una società industriale ha bisogno di infinitamente più risorse di una società agricola.

La Gran Bretagna è una società insulare con risorse naturali limitate e nel corso della sua storia ha dovuto ricorrere al saccheggio per compensare la mancanza di terra e la mancanza di ricchezza naturale. Non è un caso che la Gran Bretagna e il Giappone, entrambi paesi insulari, siano tra le nazioni più aggressive della storia. La loro mancanza di ricchezza naturale li ha costretti a cercarla altrove e a prenderla con la forza, motivo per cui hanno formato i più grandi imperi marittimi della storia.

CHI HA FATTO LA POLITICA ORIGINATA DELLA DEPOPOLAZIONE E DOVE E’ STATA FATTA?

In questa sezione cercherò di rintracciare le preoccupazioni della popolazione sulle loro origine e di identificare brevemente perché sono state in grado di dare forma alle azioni governative e dove hanno trovato il maggior supporto.

1).ENGLAND Mentre le persone hanno litigato per lungo tempo con carestia e conflitti, non è stato formalmente riconosciuto che la crescita continua della popolazione potrebbe essere il problema di fondo fino a quando Thomas Malthus scrisse Un saggio sul principio della popolazione nel 1798.

Il governo britannico prese la tesi di Malthus e approvò il Census Act nel 1800 che ha permesso la tenuta di un censimento nazionale nel 1801, il primo del suo genere, e ogni dieci anni da allora. Malthus ha identificato due tipi di controlli sulla crescita della popolazione: controlli positivi, che aumentano il tasso di mortalità, come fame, malattie e guerra; e controlli negativi per abbassare il tasso di natalità, come l’aborto, il controllo delle nascite, la prostituzione, il rinvio del matrimonio e il celibato. Non appena detto, i governi britannici iniziarono a interferire con la crescita della popolazione promuovendo il celibato e incoraggiando il rinvio del matrimonio tra i poveri. Diversi fattori sono responsabili della comparsa di preoccupazioni demografiche in Gran Bretagna piuttosto che altrove:

Il Regno Unito, essendo la Gran Bretagna l’unica nazione europea in cui la monarchia rimase saldamente radicata, le pretese e il diritto aristocratico erano tenuti a insinuarsi nella politica pubblica e infettarla con disprezzo nei confronti dell’uomo comune. Non è una coincidenza che l’eugenetica sia nata in Inghilterra e che i suoi primi sostenitori siano stati per la maggior parte aristocratici britannici.

2). USA / Russia non è un caso della storia che le più grandi nazioni sulla terra l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti d’America, e il Regno Unito (il cui Impero occupava un terzo della massa terrestre del mondo) – erano vittoriosi alla fine della seconda guerra mondiale.

Non dovrebbe inoltre sorprendere che queste nazioni colossali trovassero facile concordare sulla necessità di controllare la crescita della popolazione dato che, in quanto potenze mondiali, condividevano le stesse preoccupazioni geopolitiche. Né dovrebbe sorprendere il fatto che abbiano di conseguenza mantenuto il controllo della politica di spopolamento globale come architetti e soprattutto proponenti e hanno spinto le Nazioni Unite verso metodi di spopolamento sempre più brutali. Per le nazioni giganti è difficile risolvere problemi di microgestione. È molto più facile trovare grandi soluzioni che impiegano gli strumenti smussati a disposizione dei governi. La leadership politica di nazioni che si trovano a cavallo di più etnie – e che nel caso degli Stati Uniti, Regno Unito è stata e continua ad essere in modo schiacciante, il Caucasico – potrebbe anche essere meno collegata emotivamente alla popolazione in generale data la divisione razziale.

Ciò renderebbe più facile implementare metodi di controllo della popolazione radicale senza scrupoli come la sterilizzazione chimica segreta del fluoruro da loro favorita dal 1945.

3). I PAESI NORDICI (Norvegia, Svezia, Danimarca, Olanda) I più fedeli sostenitori della politica di spopolamento globale e tra i suoi più generosi finanziatori sono i paesi dell’Europa settentrionale della Norvegia, Svezia, Danimarca e Olanda, il che spiega incidentalmente perché i loro funzionari hanno un ruolo così importante nella burocrazia dell’ONU e perché hanno una rappresentanza così ampia e proporzionata nelle fila e soprattutto a livello di organizzazioni internazionali.

CONCLUSIONI

I problemi sociali non possono essere risolti attraverso la scienza. Non senza creare nuovi e ancora più gravi problemi sociali. I problemi sociali richiedono soluzioni sociali. Sostituire la cieca fiducia in Dio con la fede cieca nella scienza ci ha messo in guai seri. Né Dio né la scienza possono salvarci. Possiamo solo salvare noi stessi. La scelta è semplice.

Scelgo quest’ultimo. Cosa sceglierai? È giunto il momento di scegliere e scegliere bene o moriremo tutti miserabili. A coloro che si aggrappano alla finzione che il nostro pianeta non è sovrappopolato, considero questa immagine della terra di notte.

IL COSTO DEL DISSENZO: LA PRIMA PRIGIONE GEOPOLITICA AL MONDO 

La domanda più comune a cui ho dovuto rispondere è come sono venuto a conoscenza della Politica di Depopolamento Globale. La storia della scoperta è degna di un film di Hollywood e risale a quasi dieci anni. Per farle giustizia, dedicherò un libro a tempo debito chiamato “Violenza strutturale: responsabilità personale nei sistemi nazionali e internazionali”.

Non lasciarti ingannare dal titolo accademico perché nasconde un giro sulle montagne russe e un’avventura di suspense sanguinosa. Per il momento, darò solo un breve abbozzo delle prove e delle tribolazioni che ho attraversato e continuo a presentarvi la verità e ad ambientare il mondo. È una storia straziante e trovo difficile scriverlo anche se la sto vivendo; o forse perché la vivo tutt’ora. Nel 2004, mentre viaggiavo per il mondo, ho avuto un’epifania nelle isole di Palau, nel sesto giorno del kayaking solitario attraverso questo paradiso marino. È stata un’esperienza troppo forte da raccontare, quindi lascia che le mie note del diario raccontino la storia:

Puoi leggerle qui l‘ntero articolo in pdf a questo link (in lingua inglese): https://real-agenda.com/wp-content/uploads/2013/10/KILLING-US-SOFTLY2.pdf

®wld

La storia delle maledizioni hanno continuato fino ai giorni nostri

 

Antiche maledizioni: cinque modi per creare calamità nel mondo antico

Fin dai tempi in cui è nata la magia, le persone hanno cercato di manipolare il mondo con mezzi soprannaturali e l’intervento divino – spesso per fini positivi, ma anche per punire o inviare sventura ai nemici. Testimonianze archeologiche mostrano una pletora di antiche maledizioni. La storia delle maledizioni varia certamente tra culture, luoghi, religioni o credenze, e tempi; Tuttavia, tali credenze e pratiche hanno continuato fino ai giorni nostri.

Una maledizione, talvolta chiamata Jinx, Hex o magia nera, può essere verbalizzata, scritta o talvolta gettata attraverso elaborati rituali. L’obiettivo è quello di vedere il danno al ricevente-la sfortuna può accanirsi su di loro, la morte li può prendere, o qualsiasi destino detestabile (o fastidioso) può affliggere loro. Nell’antichità una maledizione era un fenomeno potente, spesso visto come l’ira evocata degli dei o la presenza di forze malvagie.

Invocare dèi e demoni con le tavolette della maledizione greca e romana

Le maledette tavolette compresse nel mondo antico sono come i post di Facebook oggi — erano ovunque e create da quasi tutti. Potrebbero essere sostanzialmente vaghe o incredibilmente specifiche; potrebbero essere politicamente, economicamente o emotivamente guidate. Ma potrebbero anche essere semplici richieste di vendetta o strategie complesse per il dolore e la sofferenza. Le tavolette della maledizione erano le Slam-Books dell’antica Grecia e Roma.

Queste tavolette erano un modo in cui gli abitanti delle antiche società greco-romane tentarono di imbrigliare spiriti malevoli e l’ira di potenti dèi per dannare i loro nemici. Le tavolette più antiche trovate finora risalgono al 5° secolo A.C., anche se ci sono probabilmente reperti sconosciuti che arrivano ancora da più lontano.

Gli incantesimi di rilegatura sarebbero normalmente graffiati nella superficie del metallo sottile, di solito piombo, compresse; Sebbene siano state utilizzate anche pergamene, legno o compresse di cera sottile. Le tavolette sarebbero state arrotolate, le unghie venivano affondate in loro, e furono posizionate sottoterra, al fondo dei pozzi, inchiodate alle pareti del tempio, inserite nelle pareti delle case, o sepolte con i morti. 

Una tavoletta di maledizione avvolto intorno a un osso di pollo. (Martin Bahmann/ CC di SA 3,0)

A volte le tavolette si appellavano agli dei degli inferi, Ade, Hekate, Hermeso Persephone, ma era anche comune per gli dèi di altre culture essere convocati in congiunzione o al posto di questi dèi e Dee. Come antiche civiltà interagivano tra loro, gli dei divennero un po’ fluido, e divinità come Osiride potrebbe essere facilmente evocato dagli egiziani come i greci o romani.

Ma gli dèi non venivano sempre menzionati sulle tavolette delle maledizioni, a volte il testo semplicemente invocava la vittima e la sventura o la morte che doveva colpirlo. Una tavoletta trovata a Londra recita: “Io maledico Tretia Maria e la sua vita e la sua mente e memoria e fegato e polmoni mescolati insieme, e le sue parole, pensieri e memoria; così non sarà in grado di parlare di cose che sono nascoste, né essere in grado di ricordare.

Lo scopo delle compresse maledette variava: alcuni atleti olimpici si affidavano alle arti oscure per vincere, mentre altri scrissero maledizioni destinate a ostacolare la sessualità di qualcuno, come la maledizione del pene del Regno di Amathus a Cipro. C’erano maledizioni destinate a fermare i matrimoni, come la tavoletta della maledizione di Pella, e altri a punire i ladri. Gli dei e i demoni erano spesso chiamati a scatenare ogni sorta di sfortuna, cattiva salute, punizione e morte su nemici, amanti non corrisposti, cattivi vicini e persino parenti.

Fermare i predatori di tombe con la maledizione dei faraoni

Nulla ha instillato più paura nei predatori di tombe in tempi passati rispetto alla possibilità di incontrare una maledizione che avvertiva di conseguenze terribili per prendere le cose da luoghi antichi. Nell’antico Egitto, le maledizioni venivano a volte collocate sugli ingressi della tomba, inscritti nella cappella della tomba e nella parte più pubblica del complesso della tomba, e scritti su muri, false porte, stele, statue e talvolta bare – tutto questo nel tentativo di proteggere il Sacro monumento per non essere disturbato o saccheggiato.

Le iscrizioni a volte parlavano dei defunti che tornavano in vita per vendicarsi, o richiedere che il giudizio fosse preso negli inferi. Chiunque abbia ignorato tali avvertimenti lo farebbe a proprio pericolo. Una maledizione dell’amministratore della XVIII dinastia, Amenhotep, figlio di Hapu minaccia chiunque danneggi la sua tomba con una lunga lista di punizioni. L’autore avrebbe perso le sue posizioni terrene e onori, essere incenerito in una fornace in riti di esecrazione, capovolto e annegare in mare, privato di successori, privi di tomba e senza offerte funerarie, così il loro corpo sarebbe deperito perché sarebbe morto di fame e senza sostentamento, così anche le sue ossa periranno.

 Il sigillo intatto sulla tomba di Tutankhamun, 1922. (Pubblico dominio)  

Storie e voci che circondano le maledizioni poste su tombe e mummie esistono da secoli. Iniziarono intorno al 7° secolo D.C. quando gli Arabi conquistarono l’Egitto e non potevano leggere i geroglifici. Gli scrittori avvertirono la gente di non manomettere le mummie o le loro tombe perché conoscevano la magia praticata dagli ezizi durante le cerimonie funebri. Si credeva che le maledizioni fossero collocate intorno ai siti di sepoltura dai sacerdoti per proteggere sia le mummie che i defunti nella morte. Queste credenze formavano l’idea alla base della cosiddetta ‘maledizione dei faraoni’ – la convinzione che chiunque entrava o disturbava la tomba di una mummia, in particolare quella di un faraone, sarebbe stato soggetto a sfortuna ea morte inevitabile.

Questo tipo di maledizione ottenne l’infamia nel 1922 quando fu aperta la tomba del Faraone Tutankhamon. Le misteriose morti di alcune delle squadre archeologiche e i visitatori prominenti della tomba poco dopo la sua apertura, e la successiva pubblicità, causarono una tempesta di speculazioni sul potere delle maledizioni dei faraoni.

In realtà, maledizioni mortali in tombe reali in Egitto sono rare, come l’idea di invasori o razziatori che scoperchiavano la tomba e dissacravano il contenuto era impensabile e persino pericoloso. Avvertenze o guardie erano più frequentemente utilizzate per preservare la purezza rituale di una tomba, o per la protezione generalizzata.

Garantire la sicurezza dei libri pregiati

Maledizioni, o la minaccia di oggetti maledetti, era un metodo intelligente per proteggere gli oggetti di valore. Durante il periodo medievale, le maledizioni del libro sono state ampiamente utilizzate ed efficaci nel tenere i ladri lontani da Tomi preziosi e pergamene importanti.

La famigerata Bibbia del diavolo, un massiccio manoscritto che la leggenda dice è stato scritto in una sola notte da un Monaco in un patto con il diavolo, è un famoso esempio di un manoscritto medievale detto di essere maledetto e di portare sventura a chi lo possiede.

 Dettaglio del ritratto del diavolo nel Codex Gigas. (Biblioteca nazionale della Svezia) 

La Chiesa cattolica medievale possedeva molti libri preziosi e la pena di deturpare o rubare libri era alta. Le maledizioni scritte nei Tomi avvertivano i ladri di terribili ripercussioni, come la scomunica o la dannazione. Tuttavia, questa pratica risale ai tempi pre-cristiani, ed è stata utilizzata nelle prime biblioteche.

I libri in una raccolta presso la biblioteca di Ninive in Mesopotamia, per esempio, sono stati contrassegnati con varie maledizioni. In quello che si legge come una grave minaccia contro la violazione del copyright, un testo ha l’avvertimento: “chiunque dovrà portare via questa tavoletta, o deve scrivere il suo nome su di essa, fianco a fianco con la mia, può Ashur e Belit rovesciarlo in ira e rabbia, e potrà distruggere il suo nome e posterità nella terra”.

Deturpare i morti per negare loro un una buona vita nell’aldilà

Antiche credenze egiziane circa l’aldilà ha plasmato ogni aspetto della loro cultura e della società, così quando gli esperti hanno trovato una scultura calcarea di una coppia che era stato deliberatamente sfregiato, sapevano che c’era qualcosa di più che un semplice vandalismo in gioco-è stato un atto di vendetta deliberata che ha cercato di maledire la coppia e negare loro un aldilà felice.

La scoperta è stata fatta a Tell EDFU e proviene da una scultura di calcare di 3.500 anni sul Santuario della casa di una Villa, che sarebbe stato utilizzato nel culto degli antenati del proprietario. L’intaglio è stato gravemente danneggiato e ha mostrato una coppia in piedi l’uno accanto all’altro, anche se è Impossibile vedere i loro volti. I geroglifici che una volta identificarono i nomi, lo status e i ruoli della coppia erano stati deliberatamente sfregiati dall’intaglio. Chiunque avesse danneggiato il Santuario cercò di annientare il ricordo della coppia morta.

 

Stele calcarea che mostra un uomo e una donna in piedi uno accanto all’altro, che mostra segni di essere stati sfregiati. (Tell progetto EDFU)  

Lo sregio sulla stele di pietra non fu un atto di vandalismo senza cervello, ma un atto di vendetta premediato. Danneggiando le rappresentazioni del defunto, stavano distruggendo non solo la loro memoria, ma anche la capacità dei loro discendenti di aiutarli nell’aldilà, causando alla fine la loro scomparsa dell’anima o’ il ka’. Nell’antica credenza egiziana, la memoria dei morti doveva essere mantenuta viva dai vivi, altrimenti il defunto avrebbe sofferto nell’aldilà. Questa è una credenza che è ancora comune in molte culture tradizionali fino ad oggi.

Prevenire la dissacrazione o la rimozione dei monumenti

Alcune maledizioni sono state utilizzate per mantenere avidi rivali rubando o vandalizzando importanti monumenti. Ad esempio, un autore ignoto inscrive una maledizione su una stele Assira nel 800 a.C. La stele fu infine spezzata in due-una metà finì nelle mani del British Museum e l’altra nella casa d’aste di Bonhams. Il frammento della stele nella collezione del British Museum è stato trovato in 1879 in Dur-Katlimmu (moderno Sheikh Hamad) in Siria. E’ stato fatto in basalto per commemorare una conquista militare del re Adad-nirari III.

C’è uno script cuneiforme sui lati e sulla parte anteriore del corpo del re. La ristrutturazione del Tempio di Salmanu a Dur-Katlimmu è menzionata nelle iscrizioni e sia una chiamata ai futuri governanti a prendersi cura del sito sacro e una maledizione contro chiunque osava spostare la stele. Essa precisa:

“Chi toglie questa immagine dalla presenza di Salmanu e lo mette in un altro luogo, se lo getta in acqua o lo copre con la terra o lo porta e lo colloca in una casa tabù dove è inaccessibile, possa il Dio Salmanu, il grande Signore, rovesciare la sua sovranità possa il suo nome e il suo seme scomparire nella terra; possa vivere in un contingente insieme alle donne slave della sua terra”.

 

 La parte superiore spezzata (CC BY NC SA 4,0) e le sezioni inferiori (CC BY ND) della stele assira.   

Era prassi comune al momento in cui le iscrizioni dovevano essere indirizzate ai futuri governanti con un appello per la cura e il rispetto di una statua. Non sorprende considerare che i monumenti fossero voluti anche dai re rivali; che cercherebbero di rubarle e di avere il proprio nome inciso sul “Trofeo”. Maledizioni sono state scritte sulle statue per evitare questo.

La pietra runica di Björketorp e la Stentoften Runestone, entrambe situate a Blekinge in Svezia, tengono un avvertimento simile. Le iscrizioni runiche sono state scavate nel 6° o 7° secolo in proto lingua norveggese dicendo a chiunque pensasse di profanare le pietre che saranno “incessantemente (afflitte da) maleficence, (condannato a) morte insidiosa (è) colui che questo rompe” (sulla Stentspesso Runestone) o sarà “incessantemente (afflitto da) maleficenza, (condannato a) morte insidiosa (è) colui che rompe questo (monumento). Profetizzare la distruzione/profezia della distruzione” (sulla pietra runica di Björketorp).

Dopo molti secoli, ci sono ancora persone che credono nel potere delle maledizioni runiche. È anche possibile incontrare persone che dicono di aver sperimentato il potere di questi vecchi simboli.

  

Stentoftastenen, esposto nella Chiesa di Sankt Nicolai, Sölvesborg. (Henrik Sendelbach/CC di SA 3,0)  

Il potere delle maledizioni continua

Le persone maledette credevano di poter chiedere aiuto a praticanti magici, sciamani, capi religiosi, guaritori o stregoni e la maledizione si invertì attraverso rituali di lotta o preghiere. Un modo per evitare di essere maledetto in primo luogo è stato quello di possedere alcuni oggetti, come amuleti, di protezione o di Interdizione.

Mentre le maledizioni e la magia sembrano essere semplicemente superstizioni lasciate dal mondo antico, ci sono molti oggi che ancora si armano con amuleti di protezione contro le maledizioni. Il nostro mondo razionale e scientifico ora si scosta all’idea di maledizioni che sono un pericolo per chiunque, ma la scienza medica dimostra che l’effetto nocebo – una reazione psicogenica avversa a una percezione o aspettativa-rimane un potente psicologico e fisiologico fenomeno. Se credete veramente di essere maledetti, e questa convinzione è abbastanza potente, si può soccombere alla maledizione se esiste in realtà o no.

In questo modo, forse le maledizioni dei tempi antichi restano potenti fino ad oggi.

Immagine principale: demonb oscuro (Luis Louro /Adobe Stock)

https://www.ancient-origins.net/

®wld