Archivi categoria: Antropologia

I Campi Elisi della Società

 

(Foto: / ColumbusDispatch)

Globalizzazione, disuguaglianza, segregazione economica e sociale  

di Luis R. Miranda 

L’agglomerato della diversità umana è stato quello che ha accelerato il processo di innovazione, invenzioni come l’alfabeto, la valuta, il marciapiede, la ruota e la navigazione.  

Nelle città, persone diverse vivono in luoghi diversi: si chiama segregazione urbana. La segregazione può verificarsi per diversi motivi, come etnia o stili di vita, ma il fattore più recente e più importante è economico. Tutti possono vederlo in una grande metropoli come New York City, dove le politiche liberali trasformano Gotham in un nido per i ricchi. 

Coloro che hanno più soldi possono scegliere dove vivono, per i più poveri la scelta non è così chiara. I primi vivono in quartieri migliori, con servizi migliori, migliore costruzione e qualità ambientale. In California, la presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, vive in una zona sicura del suo distretto, in una tenuta murata circondata da guardie di sicurezza e sistemi TVCC. Non troppo lontano dalla sua proprietà, gli americani vivono, mangiano, dormono e muoiono per le strade.

I poveri devono rassegnarsi a vivere in quartieri dove tutto è un po’ più precario e persino l’aspettativa di vita di qualche anno più breve. L’influenza della segregazione residenziale sulla traiettoria di vita delle persone, spesso tradotta in fallimento scolastico, disuguaglianza e mancanza di opportunità è chiamata “effetto di vicinato”. 

Studi ed esperti concordano sul fatto che la segregazione sta aumentando, in correlazione con le crescenti disuguaglianze causate dall’attuale modello economico, che può causare problemi nelle megalopoli verso le quali ci stiamo dirigendo. 

Le Nazioni Unite prevedono che il 68% della popolazione mondiale vivrà in città nel 2050. Le città sono e saranno la scena di conflitti sociali presenti e futuri, in cui spazi più piccoli e crescente povertà causeranno conflitti sociali stimolati dal crimine. 

“I ricchi e i poveri vivono a distanze crescenti l’uno dall’altro, e questo può essere disastroso per la stabilità sociale e il potere competitivo delle città”, afferma uno studio intitolato “Segregazione socio-economica nelle capitali europee”, condotto durante il primo decennio di questo secolo da diverse università europee.

Tra le cause principali vi sono la globalizzazione, che ha diretto la ristrutturazione del mercato del lavoro, le differenze di reddito e altre. 

La gentrificazione e il turismo sono anche processi che contribuiscono a questa separazione tra persone che, in base alle loro condizioni vitali, smettono di vivere con altri gruppi. 

Se la cosa interessante delle città era il loro melting pot di persone e culture, questa caratteristica potrebbe finire.  

La fine dei vasi di fusione  

Le cose non sono sempre state così. Nella seconda metà del diciannovesimo secolo, gli edifici, per quanto maestosi fossero, potevano ospitare officine al piano terra, poi alcuni alloggi, dove abitava la borghesia e piani più alti, che erano peggio e più piccoli, dove vivevano umili operai. 

C’erano attriti tra le classi sociali, la segregazione avveniva nello stesso edificio, non tanto su scala urbana. Ma con l’arrivo dei trasporti, come il tram, non era più necessario che le classi popolari vivessero al fianco dei ricchi. 

La produzione industriale fu portata fuori: la città operava come una centrifuga che separava spazialmente le classi. 

L’ascensore ha permesso ai ricchi di vivere ai piani alti senza dover salire le scale e ora gli attici di lusso sono di moda, qualcosa di impensabile allora.

Perché la segregazione urbana è indesiderabile? 

La segregazione è dannosa dal punto di vista dell’innovazione, le città altamente segregate espellono i lavoratori che non possono viverci e hanno difficoltà a crescere in futuro. 

L’agglomerato della diversità umana nelle prime città, 7.500 anni fa, è stato quello che ha accelerato il processo di innovazione con invenzioni simultanee come l’alfabeto, la valuta, il marciapiede, la ruota o la navigazione. 

La segregazione impedisce ad alcune persone di vedere i problemi degli altri, quindi è difficile comprendere le differenze nella prospettiva e nel contesto corretti. Le persone con redditi più alti possono opporsi alle politiche sociali a causa della loro scarsa comprensione delle realtà altrui. 

Secondo la ricerca nelle neuroscienze sociali, quando non abbiamo alcun contatto con altri gruppi, perdiamo la capacità di entrare in empatia con loro e persino le aree del cervello che si occupano di comprensione o identificazione sono disattivate. Disumanizziamo le differenze e sorgono i pregiudizi. 

È vero che il quartiere in cui viviamo è importante, ma è anche vero che trascorriamo fino all’80% del nostro tempo lontano da casa, quindi anche i luoghi che frequentiamo durante il giorno sono importanti. 

Ad esempio, la segregazione si verifica anche nei negozi o nei ristoranti, nei bar, nei parrucchieri, nei centri commerciali, ed è sempre più legata al consumo, o in declino rispetto alle relazioni digitali non avviene né a casa né al lavoro. I poveri non frequentano gli stessi posti dei ricchi.  

The Elysium Society  

Film come Elysium mostrano il tipo di società in cui gli umani potrebbero vivere in futuro. I ricchi vivono su un satellite artificiale, lontano dalla superficie terrestre dove le persone lasciate alle spalle affrontano condizioni post-apocalittiche. Nel frattempo, i ricchi godono di acqua pulita, aria pulita e tutti i comfort che desiderano. 

Anche se sembra estremo, un fenomeno non molto diverso sta accadendo sulla Terra oggi. Le cosiddette comunità gated sono in aumento, specialmente nei paesi più disuguali: comunità gated dove i privilegiati vivono circondati da mura, telecamere di sorveglianza e godono dei propri servizi. Un altro film ritrae una di queste comunità. 

In Europa, le capitali sono anche esempi di segregazione. A Madrid, la segregazione si verifica notoriamente sull’asse nord-sud: a nord-ovest, con eccezioni, le persone ricevono i redditi più alti. I quartieri tradizionali della classe operaia sono più in basso, a sud-est. A nord è il privilegio, a sud, la vulnerabilità, rivela il suddetto studio paneuropeo. 

Oggi Madrid è la capitale più segregata in Europa e la seconda per disuguaglianza sociale. In questo tipo di capitale, la forza che separa le classi sociali è maggiore a causa del costante arrivo di visitatori e lavoratori, molti dei quali altamente qualificati, alla ricerca di opportunità nelle grandi aziende. 

Il sociologo Saskia Sassen ha battezzato questi nodi globali di capitale e informazione come “città globali” e, sebbene molti luoghi vogliano diventare globali, ciò non deve comportare il bene della maggioranza della loro popolazione.  

Chi vuole vivere nelle grandi città?  

La nuova agenda urbana delle Nazioni Unite, nata dal suo vertice sull’Habitat III per l’edilizia abitativa e lo sviluppo sostenibile, indica la segregazione come una delle grandi sfide delle città. 

Le ingiustizie sociali si riflettono nelle questioni spaziali: segregazione, gentrificazione, speculazione si manifestano nel modo in cui le persone vivono.

La precarizzazione ha una componente fondamentale nella espropriazione dei mezzi di sussistenza più elementari, come l’alloggio. 

Cosa si può fare per alleviare la segregazione? I guerrieri della giustizia sociale chiedono un “diritto ad una città” e la definizione di politiche che possano essere non solo locali ma soprannaturali e trasversali, non solo migliorano lo spazio pubblico o l’accessibilità, ma tutte le aree della vita dei cittadini. 

Tra le soluzioni proposte vogliono investire nell’istruzione, nei trasporti pubblici, nella mobilità sociale e nella pianificazione urbana, regolare il mercato immobiliare in aree stressate con prezzi di affitto esorbitanti, aumentare l’edilizia popolare e, soprattutto, intravederlo in città senza creare ghetti. 

Le città europee stanno ora approvando piani in cui ogni nuovo sviluppo immobiliare è obbligato a includere il 30% di alloggi a prezzi accessibili. Pertanto, persone di diversi strati condivideranno le scale e si immergeranno, il che è ciò che dicono questi sostenitori trasformerà le città in diversi melting pot in cui le persone hanno interagito naturalmente solo un decennio fa circa. 

Fonte Articolo: https://real-agenda.com/

®wld 

Cinismo & Stoicismo

Statua di un filosofo cinico sconosciuto dai Musei Capitolini di Roma. Questa statua è una copia di epoca romana di una precedente statua greca del III secolo a.C. 

Cinismo antica Filosofia, una maniera per vivere   

di Jacob Bell dal Sito Web ClassicalWisdom traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

Ho preso alcune decisioni piuttosto strane e inaspettate che sono fuori delle norme sociali ed economiche del nostro 21° secolo.

Il sogno americano, almeno per me, è morto… e in un certo senso, potrei invece seguire in linea generale il sogno cinico. Dico in linea generale perché i Cinici dell’antica Grecia erano un gruppo molto radicale.

La scuola di filosofia conosciuta come i Cinici nacque intorno al V° secolo a.C. e iniziò a svanire quasi mille anni dopo, nel V° secolo d.C.

I Cinici hanno avuto un ruolo importante nell’influenzare diverse altre scuole di filosofia, come gli Stoici, che hanno adattato ed evoluto molti dei principi fondamentali del cinismo (e tralasciato gran parte della pazzia, come la defecazione pubblica)…

A differenza della filosofia speculativa di figure come Platone e Aristotele, la filosofia cinica era una filosofia vissuta. I cinici hanno sviluppato teorie filosofiche come mezzo per vivere bene e hanno ignorato la maggior parte della filosofia astratta.

I cinici sono stati contrari a una vita superficiale, favorendo,

“una vita vissuta in accordo con la natura”.

Per loro, vivere secondo la natura significava seguire un percorso di autosufficienza, libertà e ragionamento lucido.

Credevano che le convenzioni sociali avessero la capacità di ostacolare la “bella vita” e che potessero condurre alla corruzione,

“compromettere la libertà e stabilire un codice di condotta che si contrapponga alla natura e alla ragione”.

Se me lo chiedete è una specie di musica come quella di un raduno hippy…

 Gli hippies sono Cinici?

Per i Cinici, la natura potrebbe offrire molto divertimento e intrattenimento.

Hanno trovato conforto e felicità in piaceri semplici come

  • uscire a passeggiare
  • sentire il calore del sole
  • bere un bicchiere di acqua fresca in una giornata calda…

Concordo in tutto questo… tranne che cambierei l’acqua per una bella birra artigianale fredda, che probabilmente sarebbe troppo pretenziosa per il vero cinico. Va bene…

Questo perché i Cinici denunciarono lusso e ricchezza.

Credevano che nella loro ricerca, l’uomo si impegnava in inutili lavori giorno dopo giorno.

Per i Cinici, una vita fatta di un’azione frenetica in cerca della ricchezza o del potere era assurda.

Questo tipo di vita farebbe allontanare sia l’uomo antico che quello moderno dalla natura e instillerebbe in lui un bisogno di superficialità che non sarebbe mai soddisfatta.

Non essendo mai soddisfatto e desiderando sempre di più, l’uomo diventerebbe schiavo dei suoi desideri.

 

Diogene seduto nella sua botte di Jean-Léon Gérôme (1860)

Il filosofo greco Diogene (404-323 a.C.) è seduto nella sua dimora, la botte di terracotta, nel Metroon, ad Atene, mentre accende la lampada alla luce del giorno con la quale doveva cercare un uomo onesto.

I suoi compagni erano dei cani che servivano anche come emblema della sua filosofia “cinica” (greca: “kynikos”, simile a un cane), che enfatizzava un’esistenza austera.

Tre anni dopo che questo dipinto fu esposto per la prima volta, Gerome fu nominato professore di pittura all’Ecole des Beaux-Arts dove avrebbe istruito molti studenti, sia francesi che stranieri.

Il più famoso tra i cinici era un uomo di nome Diogene di Sinope, spesso chiamato Diogene il Cane a causa del suo comportamento radicale, compresa la defecazione pubblica.

Chiaramente, ha portato la filosofia cinica all’estremo.

Ha abbracciato il dolore, le difficoltà e la povertà.

Viveva in una botte di terracotta, mangiava avanzi e guadagnava gran parte dei suoi beni con l’accattonaggio.

Diogene il Cane ha passato il tempo prendendo in giro le convenzioni sociali e richiamando l’attenzione sull’assurdità di un comportamento simile a quello di un robot da parte di coloro che lo circondavano (anche a personaggi come Alessandro Magno!)

 

“Alessandro e Diogene” di Caspar de Crayer. Diogene una volta chiese ad Alessandro Magno di spegnere la sua luce.

Diogene considerava gran parte delle attività dell’umanità alla maniera di Sisifo.

Cioè, proprio come Sisifo che trasportava il masso su per la montagna giorno dopo giorno, solo per farlo rotolare giù, le ricerche dell’uomo per la ricchezza e il potere erano altrettanto inutili e insignificanti…

Non abbiamo bisogno di seguire gli esatti valori stabiliti dai Cinici per beneficiare della loro saggezza, perché, beh, ciò sarebbe seguire una convenzione sociale e sfidere l’intera idea della filosofia cinica!

Invece,

Possiamo vedere il vantaggio nella semplicità e possiamo guardare all’interno dei nostri valori.

Possiamo liberarci dalle convenzioni sociali restrittive e coltivare una vita che troviamo appagante e che abbia un significato.

Non sto suggerendo di abbandonare il vostro lavoro quotidiano o di seguire una vita ascetica.

Rimanendo fedele ai Cinici, sarebbe sbagliato per me dirvi “come vivere”…

Ma non è necessariamente una cattiva idea riprendere una prospettiva cinica e rivalutare di tanto in tanto le cose al fine di perseguire ciò che trovate soddisfacente e con un significato interiore.

Dopotutto, indipendentemente dal nostro stato di ricchezza o povertà, nessuno di noi ne esce vivo, e quindi potremmo anche essere noi a scegliere il masso che portiamo giorno dopo giorno sulla montagna…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Bambini: come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia

 

Una nuova ricerca mostra cosa fa stare troppo tempo sullo schermo per lo sviluppo del cervello dei bambini

Di Alanna Ketler

In breve:

I fatti

Sono emerse ulteriori ricerche che dimostrano che troppo tempo sullo schermo può essere dannoso per lo sviluppo del cervello.

Riflettere su:

Come è cambiata l’infanzia per neonati e giovani adolescenti? Sono stati effettuati test di sicurezza adeguati sui nostri gadget preferiti? Dovrebbero essere ammessi a scuola?

Negli ultimi dieci anni circa, il modo in cui viviamo la nostra vita è drasticamente cambiato per molti di noi. Gli schermi (smartphone, tablet, computer, televisori) sono diventati parti integranti della nostra vita che non notiamo nemmeno quanta attenzione abbiamo prestato a questi dispositivi. Per impostazione predefinita, anche i bambini sono esposti a più tempo sullo schermo e le implicazioni di questo stanno finalmente emergendo. Una nuova ricerca mostra come più di due ore di schermo al giorno possano danneggiare l’integrità strutturale della materia bianca nel cervello dei bambini in età prescolare, danneggiando potenzialmente lo sviluppo delle loro abilità linguistiche e di alfabetizzazione.

Per favore, comprendi: l’intenzione di condividere queste informazioni non è di vergognare, giudicare o puntare il dito contro alcun genitore. Capisco che essere genitori è difficile e stressante e che a volte indossare un cartone animato o lasciarli giocare è ciò che serve per ottenere qualsiasi tipo di pausa per te stesso. Questo ha semplicemente lo scopo di aumentare la consapevolezza di un problema nella speranza di mitigare gli effetti dannosi.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di limitare l’uso per 2-5 anni a un massimo di un’ora al giorno di ciò che considerano “programmazione di alta qualità” e idealmente, guardandolo con loro per aiutarli nell’apprendimento e nella digestione del nuova informazione.

Oltre questo periodo di tempo ha il potenziale per danneggiare lo sviluppo del cervello dei bambini, secondo uno studio condotto da ricercatori del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center. Quei bambini con una maggiore esposizione al tempo dello schermo avevano una “bassa integrità microstrutturale” della sostanza bianca del cervello, un’area collegata al linguaggio e alla funzione cognitiva.

Lo studio

Durante lo studio, che ha coinvolto 47 bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, è stata utilizzata una tecnologia chiamata ScreenQ per tracciare il tempo dello schermo in conformità con le raccomandazioni AAP. I fattori studiati includevano l’accesso agli schermi, la frequenza e la durata dell’uso, il tipo di contenuto visualizzato e la presenza o meno di un adulto durante la visione e se il contenuto veniva discusso o meno con il bambino.

Più alto è il punteggio ScreenQ, più tempo si è verificato sullo schermo. Le scansioni MRI sono state utilizzate per valutare il cervello dei bambini. È stato rivelato che più tempo sullo schermo era dannoso per la materia bianca nel loro cervello.

“Anche se non siamo ancora in grado di determinare se il tempo sullo schermo causa questi cambiamenti strutturali o implica rischi a lungo termine per lo sviluppo neurologico”, ha dichiarato il dott. John Hutton, direttore del Centro di lettura e letteratura presso Cincinnati Children e autore principale dello studio in un comunicato stampa, “Questi risultati giustificano ulteriori studi per capire cosa significano e come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia”.

Il tempo di visualizzazione è particolarmente dannoso per i bambini di età inferiore ai due anni e l’AAP raccomanda di evitare del tutto l’uso dei media digitali, ad eccezione delle chat video occasionali.

Evita o limita il tempo di schermatura per la salute dei bambini

Tieni presente che se questi schermi sono dannosi per la salute dei tuoi figli, è probabile che abbiano un impatto anche sui tuoi. I bambini imparano con l’esempio, a loro piace copiare ciò che fanno i loro genitori e gli altri adulti. Se sei costantemente al telefono o davanti alla televisione, i tuoi figli potrebbero sentirsi più inclini a imitare ciò che fai. Se ti vedono leggere un libro, uscire e rimanere attivo, è più probabile che sviluppino queste abitudini per se stessi.

Sono in corso ulteriori ricerche sulle potenziali implicazioni per la salute di troppo tempo sullo schermo, ma c’è già abbastanza per dimostrare che è possibile iniziare a monitorare e limitarlo ora. Non c’è bisogno di aspettare, questo gioverà solo a te e ai tuoi bambini! Immagina tutto il tempo di qualità che potrebbe essere speso se gli schermi non fossero parte integrante dell’immagine.

Non sono solo gli schermi a destare preoccupazione, ma anche ciò che li accompagna: troppo tempo sullo schermo equivale a troppo tempo trascorso a sedere, un potenziale danno agli occhi e una maggiore esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

Naturalmente la nostra società sta avanzando verso l’uso di sempre più tecnologia nelle nostre vite, tuttavia c’è un tempo e un posto per la tecnologia. Dobbiamo assicurarci di utilizzare la tecnologia e non viceversa. Anche se i tuoi figli sono più grandi, potresti prendere in considerazione attività senza schermo e periodi durante i quali sei presente insieme. Forse passare il tempo all’aperto, giocare a carte o giochi da tavolo, cucinare o cucinare, andare a nuotare: le possibilità sono infinite! Abbiamo appena dimenticato cosa facevamo prima che gli schermi prendessero il sopravvento, e non è nemmeno passato tanto tempo!

Articoli correlati:  

50 cose che potresti fare invece di fissare uno schermo


Sei dipendente da “The Scroll?” Questo è il momento di affrontare la dipendenza da smartphone e riprendere il tuo potere

Fonye Articolo: https://www.collective-evolution.com/ 

 ®wld

Giovani: Curiose escrescenze ossee simili a spine

in foto: Credit: Scientific Reports

Gli smartphone trasformano il nostro cranio: sempre più giovani hanno strane spine ossee

Analizzando con i raggi X il cranio di 1200 adulti tra i 18 e gli 86 anni, due scienziati australiani hanno rilevato che il 41% dei giovani tra i 18 e i 30 anni presenta delle curiose spine ossee alla base dell’osso occipitale. Si tratta di esostosi o entesofiti, che si formerebbero in risposta allo stress muscolo-scheletrico causato dalla postura errata per guardare costantemente gli schermi di smartphone e tablet.

Alla base del cranio dei giovani, nella zona occipitale, si stanno formando delle curiose escrescenze ossee simili a “spine”, che gli scienziati chiamano esostosi o entesofiti. Sono depositi benigni di tessuto osseo extra che si starebbero generando in risposta a uno specifico stress muscolo-scheletrico, quello derivato dal piegare in avanti la testa per guardare gli schermi di smartphone e tablet, un “passatempo” al quale in tantissimi dedicano 4 o 5 ore al giorno, se non di più. A ipotizzare l’associazione tra queste curiose escrescenze e l’uso di dispositivi tecnologici sono stati due ricercatori australiani, i professori David Shahar e Mark GL Sayers dell’Università della Sunshine Coast.

La ricerca. I due scienziati, che lavorano presso la Scuola di scienze della salute e dello sport dell’ateneo del Queensland, hanno analizzato con i raggi X il cranio di 1.200 adulti australiani con un’età compresa tra i 18 e gli 86 anni. Curiosamente, il 41 percento dei giovani tra i 18 e i 30 anni presentava queste curiose escrescenze alla base del cranio. In alcuni erano lunghe circa un centimetro, ma in altri arrivavano addirittura a 3 centimetri. “Faccio il medico da 20 anni, e solo nell’ultimo decennio ho osservato che sempre più miei pazienti presentano questa escrescenza sul cranio”, ha dichiarato in una recente intervista alla BBC il professor Shahar. Queste spine ossee sono state documentate dalle radiografie anche in passato, ma le dimensioni e i numeri coinvolti erano sensibilmente inferiori rispetto a quelli odierni, segnale che il “volano” potrebbe essere proprio la tecnologia.

Le esostosi. Le esostosi o entesofiti si stanno generando in un punto specifico, l’entesi (inserzione di muscoli e legamenti) alla base dell’osso occipitale del cranio, dove si trova la protuberanza occipitale esterna (EOP). Quest’area, dove si “allacciano” muscoli e legamenti del collo, permette i movimenti della testa e di sostenerne il peso, in media circa 4,5 chilogrammi. È proprio sulle entesi che, in risposta allo stress meccanico, a un trauma, all’invecchiamento o a condizioni genetiche, possono formarsi questi accumuli extra di tessuto osseo. Quelli rilevati da Shahar e Sayers sarebbero legati alla postura errata dovuta alla costante osservazione dei dispositivi mobili, con la testa piegata in avanti. In pratica, le “spine” si originerebbero per rinforzare il complesso dell’entesi sollecitato in modo anomalo. Naturalmente anche prima dell’era tecnologica non mancavano le occasioni per stare con la testa piegata in avanti, ad esempio quando si dedicava più tempo a leggere e scrivere, ma quello che oggi trascorriamo con smartphone e tablet in mano è sensibilmente superiore. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports.

Andrea Centini

Fonte: https://scienze.fanpage.it/

®wld

I Sumeri, il popolo attraverso il quale tale alta forma di civiltà ha potuto realizzarsi

DIVINITÀ DEL CIELO E DELLA TERRA

Come avvenne che dopo centinaia di migliaia e persino milioni di anni di lento e faticoso sviluppo umano, le cose cambiarono d’un tratto così completamente da trasformare dei nomadi primitivi, dediti alla caccia e alla raccolta di semi e frutti, in agricoltori stanziali e fabbricanti di terraglie, e poi in costruttori di case, ingegneri, matematici, astronomi, fabbricanti di metalli, musicisti, giudici, medici, scrittori, bibliotecari, sacerdoti? E potremmo andare ancora più avanti e domandarci, come ha fatto il professor Robert J. Braidwood (Prehistoric Men, «Gli uomini preistorici»): «Perché tutto questo è accaduto? Perché gli esseri umani non vivono ancora come nell’età della pietra?».

I Sumeri, il popolo attraverso il quale tale alta forma di civiltà ha potuto realizzarsi, avevano una risposta a questa domanda. Essa si trova incisa su una delle innumerevoli iscrizioni dell’antica Mesopotamia portate alla luce dagli scavi archeologici: «Tutto ciò che appare bello lo abbiamo fatto per grazia degli dèi». Gli dèi di Sumer, dunque. Ma chi erano? Erano forse simili agli dèi greci, che vivevano nella grande e maestosa casa di Zeus nei cieli: l’Olimpo, che corrispondeva, sulla Terra, al monte più alto della Grecia, il Monte Olimpo, appunto? I Greci descrivevano i loro dèi come essere antropomorfi, simili ai mortali nel fisico come nel carattere: sapevano essere arrabbiati e gelosi; si innamoravano, litigavano, combattevano;e, come gli esseri umani, procreavano, generavano figli attraverso rapporti sessuali tra loro o con i mortali.

Erano irraggiungibili, eppure costantemente presenti nelle faccende dell’uomo. Potevano coprire distanze enormi viaggiando a grande velocità, apparire e scomparire a loro piacimento; disponevano di armi dotate di un immenso e strano potere. Ognuno di loro aveva una funzione specifica e, di conseguenza, ogni specifica attività umana poteva essere influenzata, nel bene o nel male, dall’atteggiamento del dio preposto a quella particolare attività; i rituali di culto e le offerte agli dèi miravano quindi a ottenerne il favore.

La principale divinità dei Greci era Zeus, “Padre degli dèi edegli uomini”, “Signore del fuoco celeste”. Il suo simbolo e arma principale era il fulmine. Egli era il re dei cieli, ma “regnava” anche sulla Terra, prendeva decisioni e dispensava bene e male tra i mortali, eppure il suo dominio originario era nei cieli. Quello di Zeus non era il primo caso di commistione tra cielo e Terra. Nella mitologia greca – che altro non è che una mescolanza tra teologia e cosmologia – al principio di tutto vi era il Caos; poi apparvero Gea (la Terra) e il suo consorte Urano (il cielo), i quali generarono i dodici Titani, sei maschi esei femmine.

Questi compirono le loro imprese sulla Terra, sebbene si attribuisse loro anche una corrispondenza astrale. Crono, il maschio più giovane dei Titani, divenne la figura principale dell’Olimpo mitologico. Ottenne con la forza una posizione di supremazia sugli altri Titani, dopo aver evirato suo padre Urano; quindi, timoroso della reazione dei suoi fratelli, li imprigionò e poi li scacciò. Per questo fu maledetto da sua madre, che gli predisse che anch’egli avrebbe subito lo stesso destino di suo padre e sarebbe stato detronizzato dai suoi stessi figli. Crono si unì con sua sorella Rea e generò tre figli maschi e tre femmine: Ade, Poseidone e Zeus; Estia, Demetra ed Era. Ancora una volta, era destino che fosse il figlio più giovane a rovesciare suo padre e la maledizione di Gea si avverò quando Zeus detronizzò Crono, suo padre.

Il colpo di mano non fu, però, né facile né rapido: perparecchi anni, infatti, si susseguirono battaglie tra gli dèi e altri esseri soprannaturali, che culminarono con la lotta tra Zeus e Tifone, una divinità dalle sembianze di serpente. Fu una battaglia senza esclusione di colpi, che si svolse tanto sulla Terra quanto in cielo e che si concluse presso il Monte Casio,vicino al confine tra Egitto e Arabia – a quanto pare in qualche punto della penisola del Sinai. (vedi foto sotto)

 

Zeus, che aveva vinto la battaglia, fu riconosciuto come la divinità suprema, ma doveva dividere il potere con i suoi fratelli. Che sia stato dunque per scelta o, come dicono alcuni, affidandosi a un lancio di dadi, i tre giunsero a un accordo: Zeus avrebbe avuto il controllo dei cieli, il fratello maggiore Ade quello degli Inferi, mentre Poseidone avrebbe avuto il dominio dei mari. Anche se col tempo Ade e il suo territorio divennero sinonimo di Inferno, originariamente il suo dominio era collocato in una imprecisata zona “molto in basso”, che comprendeva terre deserte e paludose e zone bagnate da fiumi impetuosi.

Ade era considerato “l’invisibile”, colui che incute timore, rigoroso e austero. Poseidone, invece, era spesso rappresentato con in mano il suo simbolo, il tridente. Oltre a dominare i mari, egli era anche signore dell’arte, della sculturae della lavorazione dei metalli, e anche un mago particolarmente astuto. Se Zeus veniva visto, nella tradizione greca, come un dio severo con il genere umano, tanto da volerne, ad un certo punto, addirittura l’annientamento, Poseidone era invece considerato amico della stirpe umana, e anzi faceva di tutto per ottenere le lodi dei mortali.

I tre fratelli e le loro tre sorelle, tutti figli di Crono e Rea, costituivano la parte più antica della cerchia dell’Olimpo, il gruppo dei dodici Grandi Dèi. Gli altri sei erano tutti figli di Zeus e la mitologia greca tratta con molta precisione della loro genealogia e dei reciproci rapporti. Tutti gli dèi e le dee che si considerano figli di Zeus avevano madri diverse. Unitosi inizialmente con una dea di nome Meti, Zeus ebbe da lei una figlia, Atena, che divenne la dea della sapienza.

Ma poiché era stata anche l’unica a rimanere al fianco di Zeus durante il suo combattimento con Tifone, mentre tutti gli altri dèi erano scappati, Atena si vide attribuire anche doti marziali e divenne anche la dea della guerra. Essa era la “vergine perfetta” e non sposò nessuno; ma talvolta nei racconti mitologici viene associata a suo zio Poseidone, il quale, pur avendo come moglie ufficiale la dea che era anche la Signora del Labirinto sull’isola di Creta, non disdegnava sua nipote Atena come amante.

Zeus si unì poi ad altre dee, ma i figli che ebbe da loro non entrarono a far parte della cerchia dell’Olimpo. Quando ritenne che fosse giunto il momento di assicurarsi un erede maschio, Zeus si rivolse a una delle sue sorelle. La maggiore, Estia, era una specie di eremita – forse troppo vecchia o troppo malata per essere oggetto di attenzioni matrimoniali – e così Zeus non ebbe bisogno di molte scuse per scegliere Demetra, la sorella mediana, la dea della fertilità.

Ma, invece di un figlio maschio, essa gli generò una femmina, Persefone, che divenne moglie di suo zio Ade e con lui divise il dominio sul mondo degli Inferi. Deluso per non essere riuscito ad avere figli maschi, Zeus cercò amore e conforto in altre dee. Armonia gli diede nove figlie. Poi fu la volta di Leto, che gli diede una figlia femmina e un maschio, Artemide e Apollo, i quali vennero finalmente ammessi nel gruppo delle divinità maggiori.

Apollo, come primo figlio maschio di Zeus, fu una delle figure più importanti del pantheon ellenico, temuto dagli uomini come dagli dèi. Egli era colui che interpretava per imortali il volere di suo padre Zeus e perciò era la massima autorità in fatto di culto e di legge religiosa. In quanto rappresentante delle leggi morali e divine, era l’emblema della purificazione e della perfezione, tanto spirituale quanto fisica. Il secondo figlio di Zeus era Ermes, figlio della dea Maia. Protettore dei pastori, guardiano delle greggi e delle mandrie, egli meno importante di suo fratello Apollo, ma più vicino alle faccende umane; qualunque voltafaccia della fortuna veniva attribuito a lui.

Come dispensatore di fortuna, era il dio preposto al commercio, protettore di mercanti e viaggiatori. Ma il suo ruolo principale, nella mitologia come nell’epica, era quello di messaggero degli dèi. Spinto dalle tradizioni dinastiche, Zeus era ancora alla ricerca di un figlio maschio da concepire con una delle sue sorelle: si rivolse dunque alla più giovane, Era. Dopo averla sposata con un rito sacro e ufficiale, la proclamò regina degli dèi, la Madre Dea. Dal loro matrimonio nacque un figlio maschio, Ares, e due femmine, ma il rapporto era interrotto dalle continue infedeltà di Zeus e da una presunta infedeltà anche da parte di Era, che getta qualche dubbio sulla reale paternità di un altro figlio, Efesto.

Ares venne anch’egli ammesso tra i Grandi dell’Olimpo e divenne anzi il braccio destro di Zeus, il dio della guerra. Era rappresentato come l’emblema stesso della combattività, eppure era tutt’altro che invincibile: mentre combatteva dalla parte dei Troiani nella guerra di Troia, si procurò una ferita che solo Zeus potè guarire. Efesto, da parte sua, dovette lottare non poco per essere ammesso nell’Olimpo.

Egli era il dio della creatività, capace dicostruire oggetti magici per gli uomini e per gli dèi; a lui si doveva il fuoco delle fornaci e l’arte di lavorare i metalli. Secondo la leggenda, egli era nato zoppo e per questo fu scacciato dalla madre Era; un’altra versione, però, senza dubbio più credibile, attribuisce a Zeus la cacciata di Efesto, forse a causa della sua paternità incerta. Efesto, comunque, usò i suoi magici poteri creativi per costringere Zeus ad ammetterlo tra i Grandi Dèi.

La leggenda dice anche che un giorno Efesto costruì una rete invisibile che avrebbe circondato il letto di sua moglie se questo fosse stato scaldato da un amante; e in effetti una tale precauzione poteva non rivelarsi inutile, visto che sua moglie era Afrodite, dea dell’amore e della bellezza. Su di lei, naturalmente, si raccontavano numerose storie d’amore, molte delle quali riguardavano Ares, fratello di Efesto (uno dei frutti di questo amore illecito fu Eros, il dio dell’amore.) Afrodite fu ammessa tra i dodici Grandi Dèi dell’Olimpo e le circostanze di questa ammissione gettano luce su ciò di cui ci stiamo occupando. Afrodite non era né sorella né figlia di Zeus, eppure non poteva essere ignorata.

Essa proveniva dalle coste asiatiche del Mediterraneo di fronte alla Grecia (secondo il poeta greco Esiodo era arrivata attraverso Cipro) e si dice che fosse nata per opera di Urano stesso. Apparteneva dunque a una generazione precedente a quella di Zeus, essendo, per così dire, sorella di suo padre e incarnazione del progenitore degli dèi, colui che era stato evirato.

 

Vedi figura sopra Afrodite, dunque, doveva essere inclusa tra gli dèi dell’Olimpo, senza tuttavia che fosse superato il numero complessivo di dodici. Come fare? Semplice: qualcuno doveva andarsene per far posto a lei, e questo qualcuno fu Ade. Poiché a lui era stato dato il dominio sugli Inferi, egli non poteva rimanere nell’Olimpo con gli altri dèi: ecco, dunque, che venivaa crearsi un posto libero, perfetto per essere occupato da Afrodite. Sembra proprio che il dodici fosse un requisito assolutamente imprescindibile per gli dèi dell’Olimpo: essi non dovevano essere di più, ma neanche meno di dodici, come dimostrano le circostanze che portarono all’ammissione di Dioniso nel circolo dell’Olimpo. Dioniso era frutto di una relazione adulterina di Zeus con la propria figlia Semele; dovendo nascondersi dal furore di Era, legittima moglie di Zeus, egli venne mandato in terre lontane – fino in India – e dovunque andò introdusse la pratica di coltivare la vite e diprodurre il vino.

Nel frattempo, nell’Olimpo si era creato un posto libero, poiché Estia, la sorella maggiore di Zeus, troppo vecchia e debole, era stata allontanata dal circolo dei dodici. Dioniso potè quindi tornare in Grecia e occupare il posto di Estia: gli dèi olimpici erano ancora una volta dodici. Sebbene la mitologia greca non sia troppo chiara riguardo all’origine del genere umano, leggende e tradizioni attribuiscono a eroi e re un’origine divina.

Questi semidèi rappresentavano il legame tra il destino umano – con le sue fatiche quotidiane, la dipendenza dagli elementi, le malattie, la morte – e un passato lontano e felice, quando sulla Terra si aggiravano soltanto gli dèi. E anche se, tra gli dèi, molti erano nati sulla Terra, il ristretto circolo dei dodici rappresentava, per così dire, l’aspetto “celestiale” del pantheon divino. Nell’Odissea si afferma che l’Olimpo si trovava nella “pura aria superiore”; i dodici dèi maggiori erano dèi del cielo che erano discesi sulla Terra e rappresentavano i dodici corpi celesti della” volta del cielo”.

I nomi latini che i Romani attribuirono agli dèi greci confermano questa sorta di associazione astrale: Gea divenne la Terra; Ermes, Mercurio; Afrodite, Venere; Ares, Marte; Crono, Saturno; e Zeus divenne Giove. Come per i Greci, anche per i Romani Giove era una divinità “tonante” armata di fulmine eassociata al toro (vedi figura sotto).

 

Quasi tutti gli studiosi concordano ormai nell’affermare chele basi della civiltà greca siano da ricercare sull’isola di Creta, dove, tra il 2700 e il 1400 a.C. circa, fiorì la civiltà minoica.Nel complesso di miti e leggende che caratterizzano la civiltà minoica, un ruolo preminente è svolto dal “minotauro”, mezzouomo e mezzo toro, frutto dell’unione tra Pasifae, moglie di Minosse, e un toro.

Numerosi reperti archeologici confermano questo esteso culto minoico del toro, che in alcune raffigurazioni si presenta come un’entità divina accompagnata da una croce, simbolo, probabilmente, di qualche stella o pianeta non ancora identificato. Si pensa, quindi, che il toro che i Minoici adoravano non fosse il comune animale terreno, ma il Toro celeste – la costellazione del Toro, appunto – in onore diqualche evento che era avvenuto quando il Sole, all’equinozio di primavera, era apparso in quella costellazione, intorno al 4000 a.C. (vedi figura sotto).

 

Secondo la tradizione greca, Zeus arrivò in Grecia via Creta,da dove era fuggito, attraverso il Mediterraneo, dopo averrapito Europa, la bellissima figlia del re di Tiro, la città fenicia. In effetti, quando Cyrus H. Gordon riuscì a decifrare il più antico scritto in lingua minoica, fu dimostrato che si trattava di «un dialetto semitico originario delle coste del Mediterraneo orientale».

I Greci, infatti, non avevano mai detto che i loro dèi olimpici fossero arrivati in Grecia direttamente dal cielo. Zeus, come abbiamo visto, era arrivato attraverso il Mediterraneo, via Creta. Poseidone (Nettuno per i Romani) arrivò a cavallo dall’Asia Minore. Atena portò “l’olivo, fertile e spontaneo” in Grecia dalle terre bibliche. Non vi è dubbio che le tradizioni e i culti religiosi elleni ci siano arrivati in Grecia dal Vicino Oriente, attraverso l’Asia Minore e le isole del Mediterraneo.

È qui, dunque, che vanno ricercate le radici del pantheon dei Greci, le origini dei loro dèi e le relazioni astrali con il numero dodici. L’induismo, l’antica religione dell’India, considera i Veda – composizioni formate da inni, formule sacrificali e altri detti riguardanti gli dèi – come scritture sacre, “non di origine umana”: gli dèi stessi le avrebbero composte in un’età precedente a quella attuale.

Con il passare del tempo, però, degli originari 100.000 e più versi tramandati oralmente di generazione in generazione, gran parte andò perduta, finché un saggio decise di scrivere i versi che ancora rimanevano, li suddivise in quattro libri e li affidò a quattro dei suoi discepoli, perché ne conservassero uno ciascuno.

Quando, nel XIX secolo, gli studiosi cominciarono adecifrare le lingue antiche e a individuarne le reciproche interconnessioni, si accorsero che i Veda erano scritti inun’antichissima lingua indoeuropea, antenata del sanscrito – dalla cui radice sarebbe poi nato l’indiano – del greco, del latino e delle altre lingue europee.

Quando poi furono finalmente ingrado di leggere e analizzare i Veda, rimasero molto sorpresi di vedere le indubbie analogie tra i racconti vedici sugli dèi e quelli dei Greci. Gli dèi, secondo i Veda, erano tutti membri di un unico, non necessariamente tranquillo, gruppo familiare.

In mezzo airacconti di salite al cielo e discese sulla Terra, battaglie celestia suon di armi portentose, amicizie e rivalità, matrimoni e infedeltà, sembra esservi stata anche una certa preoccupazione di indicare i principali rapporti genealogici: chi era il padre e chi il figlio, qual era il primogenito e di chi, ecc. Gli dèi sulla Terra erano originari del cielo, e i principali tra essi, anche sulla Terra, continuavano a rappresentare la corrispondenza con corpi celesti.

Continua …

 

Di ZECHARIA SITCHIN IL PIANETA DEGLI DEI
(The 12th Planet,1976) – Capitolo terzo

 

®wld

Se Dio ha creato l’uomo, l’uomo può diventare più intelligente di Dio?

Wikimedia Commons

Gli impianti cerebrali AI possono “dare alle persone un’intelligenza sovrumana”?

Postato da: Sofie Jackson tramite Daily Star

“L’intelligenza artificiale è un ossimoro che suggerisce che una creazione dell’uomo può superare l’intelligenza del suo creatore. Questo è stato anche il dibattito biblico dei secoli: se Dio ha creato l’uomo, l’uomo può diventare più intelligente di Dio?

La proposizione di fantascienza secondo cui gli impianti cerebrali possono fornire conoscenze assistite da computer in grado di raggiungere lo status di superpotenza è proprio questo: fantascienza. I sognatori di Technocrat credono di poter fare qualsiasi cosa la loro mente concepisca e quando scoprono che la realtà non è all’altezza, falsificano l’esperienza e la chiamano reale. Questo articolo rivela che la macchina dei sogni è viva e vegeta e sta ancora sviluppando la propaganda scientifica. ⁃ Editor TN “

Gli elettrodi per potenziare il cervello diventeranno presto “come la chirurgia plastica” mentre tutti corriamo per ottenere miglioramenti cibernetici.

Gli esseri umani saranno trasformati in cyborg – con gli scienziati che attaccano gli impianti AI nel loro cervello.

Gli elettrodi per lo zapping cerebrale hanno trattato i pazienti con convulsioni con risultati promettenti e gli effetti collaterali bizzarri e inattesi di calma e positività indicano che ora vengono analizzati come trattamento radicale per la depressione.

È anche teorizzato che gli impianti elettrici possano essere manipolati per rendere gli utenti al massimo del loro potere cerebrale, analogamente a come le anfetamine come Adderall vengono abusate oggi.

La coppia scientifica Kelly e Zach Weinersmith hanno esplorato gli entusiasmanti progressi nel loro nuovissimo libro “Soonish – Dieci tecnologie emergenti che miglioreranno e / o rovineranno tutto”.

La coppia ritiene che gli elettrodi per potenziare il cervello diventeranno presto “come la chirurgia plastica” – con le persone che spendono shedload per diventare più intelligenti e stare davanti al gruppo.

Uno dei quattro migliori accademici attualmente abusa delle anfetamine, secondo i Weinersmiths.

“Poiché la tecnologia dell’interfaccia cervello-computer diventa più affidabile, può avere implicazioni in molti settori”, hanno scritto.

“Un’interfaccia cervello-computer ideale può renderti più intelligente, più bravo a ricordare le cose, più concentrato e forse anche più creativo.

“Non puoi pensare alle possibilità senza le possibilità senza immaginare una sorta di diaspora del cyborg e tuttavia avere l’opportunità di avere improvvisamente un ricordo migliore, probabilmente lo prenderemmo tutti.”

Ancora più strana è la possibilità di una mente umana da alveare: saremo in grado di condividere i reciproci pensieri come un esercito di formiche che lavorano all’unisono.

I topi di laboratorio avevano il cervello collegato tramite un’interfaccia cervello-computer in una serie di esperimenti.

“I risultati sembrano essere una sorta di connessione cervello-cervello”, hanno detto i Weinersmiths.

“Non sappiamo se questi topi di laboratorio condividessero letteralmente pensieri, ma i loro cervelli collegati sembrano riunirsi e lavorare insieme in modo più efficiente.

“Ad un certo punto in futuro, potrebbe diventare possibile combinare letteralmente le menti con altre persone, sia per scopi ricreativi o commerciali.

“Per noi, questo suona come una versione da incubo del fare un progetto di gruppo, ma ognuno per il suo.”

La lettura della mente avrebbe però notevoli inconvenienti – come pensare “Voglio divorziare da mia moglie” quando sei seduto sul divano, accanto a tua moglie.

I dispositivi potrebbero anche essere hackerati, per omicidio o una versione oscura e futuristica di abusi domestici.

“Nel caso delle protesi cerebrali, l’hacking potrebbe significare molte cose.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/can-ai-brain-implants-give-people-superhuman-intelligence/

®wld

 

LA CIVILTÀ SORTA DAL NULLA

 

LA CIVILTÀ SORTA DAL NULLA

Per lungo tempo l’Occidente credette che la propria civiltà fosse un dono di Roma e della Grecia. Eppure gli stessi filosofi greci scrissero più volte di aver attinto a fonti antecedenti. Chi tornava in Europa dopo un viaggio in Egitto, poi, raccontava che in quella terra esistevano grandiose piramidi e città-tempio semi sepolte nella sabbia, a guardia delle quali stavano strani animali di pietra chiamate sfingi.

Quando, nel 1799, Napoleone arrivò in Egitto, portò con sé alcuni studiosi perché esaminassero e spiegassero questi antichi monumenti. Uno dei suoi ufficiali trovò vicino a Rosetta una lastra di pietra che recava inciso un proclama del 196 a.C. nell’antica scrittura pittografica egizia (geroglifici), oltre che in due altre forme di scrittura.

Una volta decifrata la scrittura egizia, l’Occidente comprese, anche grazie ai ritrovamenti archeologici che seguirono, che l’Egitto aveva conosciuto un alto livello di civiltà ben prima dell’avvento dei Greci. Le fonti egizie parlavano di dinastie reali – cominciate intorno al 3100 a.C. – due millenni prima che vedesse la luce la civiltà greca, che raggiunse il periodo di massimo splendore solo nel V e IV secolo a.C.

E dunque da ricercarsi in Egitto l’origine della nostra civiltà? Per quanto logica sembri tale conclusione, i fatti sembrano in realtà smentirla. Gli studiosi greci descrissero sì i loro viaggi in Egitto, ma le antiche fonti di conoscenza delle quali parlavano furono ritrovate altrove. Le culture pre-ellenistiche del Mar Egeo – la civiltà minoica sull’isola di Creta e quella micenea nella Grecia continentale – mostravano legami più con la cultura dell’area medio-orientale che con quella egizia.

La Siria e l’Anatolia, non l’Egitto, erano le arterie principali attraverso cui i Greci avevano potuto attingere a una civiltà precedente. L’invasione della Grecia da parte dei Dori e quella della terra di Canaan da parte degli Israeliti in seguito all’Esodo dall’Egitto erano avvenute più o meno nello stesso periodo (verso il XII secolo a.C). Partendo da questo presupposto, gli studiosi si sono messi alla ricerca di eventuali analogie tra la civiltà semitica e quella ellenica, e ne hanno trovate molte.

Ilprofessor Cyrus H. Gordon (Forgotten Scripts; Evidence for the Minoan Language; «Scritti dimenticati; Testimonianze della lingua minoica») inaugurò un nuovo filone di studi dimostrando che un’antica scrittura minoica, chiamata Lineare A, rappresentava in realtà una lingua semitica. Egli ne concluse che «il modello (distinto dal contenuto) delle civiltà ebraica e minoica era per molti versi lo stesso», e notò inoltre che il nome dell’isola, Creta, pronunciato alla maniera minoica Ke-re-ta, era uguale alla parola ebraica Ke-re-et (“città cinta dimura”) e si ritrovava in un racconto semitico in cui si parlava di un re di Keret.

Anche l’alfabeto greco, dal quale derivano quello latino e anche i nostri moderni alfabeti, proveniva dal Medio Oriente. Gli antichi storici greci scrissero che un fenicio di nome Kadmus (“antico”) portò loro l’alfabeto, che comprendeva lo stesso numero di lettere, nel medesimo ordine, di quello ebraico; era questo l’unico alfabeto greco in uso al tempo della guerra di Troia.

Fu poi il poeta Simonide di Ceo, nel v secolo a.C, ad aumentare a 26 il numero delle lettere. Il fatto che la scrittura greca e quella latina, come del resto tutta l’ossatura della nostra cultura occidentale, fosse stata importata dal Medio Oriente risulta evidente se confrontiamo ordini, nomi e segni dell’alfabeto originario medio-orientale con quello greco antico, molto più recente, e con quello latino, ancora più recente (vedi figura a lato).

Gli studiosi sapevano bene, ovviamente, che i Grecia vevano avuto contatti con il Medio Oriente nel I millennio a.C, contatti culminati con la sconfitta dei Persiani da parte di Alessandro il Macedone nel 331 a.C. Le fonti grechecontenevano molte informazioni su questi Persiani e sulle loroterre (che corrispondono approssimativamente all’odierno Iran).

Analizzando i nomi dei loro re – Ciro, Dario, Serse – e delleloro divinità, che sembrano appartenere al ceppo linguistico indoeuropeo, gli studiosi giunsero alla conclusione che essi appartenevano a quel popolo ariano (“signore”) comparso nei pressi del Mar Caspio verso la fine del II millennio a.C. e diffusosi poi verso ovest in Asia Minore, verso est in India everso sud in quelle che l’Antico Testamento chiamava “le terredei Medi e dei Parsi”.

(1) “H”, comunemente translitterata come “H” per semplicità, è pronunciata in sumerico e nelle lingue semitiche come “CH” nello scozzese o tedesco “loch”.(2) “S”, comunemente translitterata come “S” per semplicità, è pronunciata in sumerico e nelle lingue semitiche come “TS”.Eppure le cose non erano così semplici.

Nonostante la presunta origine straniera di questi invasori, l’Antico Testamento li tratta come parte integrante degli eventi biblici. Ciro, per esempio, è considerato un “Unto di Yahweh”, il che è piuttosto strano per un non-ebreo. Secondo il Libro di Esdra, poi, Ciro accettò la missione di ricostruire il Tempio di Gerusalemme e affermò di agire in base agli ordini di Yahweh, che egli chiamava “Dio del cielo”.

Ciro e gli altri re della sua dinastia chiamavano se stessi con il nome di Achemenidi, dal titolo adottato dal fondatore della dinastia stessa, Hacham-Anish. Questo titolo non era affatto ariano, ma semitico, e significava “uomo saggio”. Tutto considerato, gli studiosi non hanno mai approfondito i molti punti che avrebbero potuto far pensare ad analogie tra il Dio ebraico Yahweh e la divinità che gli Achemenidi chiamavano “Saggio Signore”, e che nelle raffigurazioni, per esempio nel sigillo reale di Dario (figura sopra), compariva nei cieli all’interno di una sfera alata. È ormai accertato che le radici culturali, religiose e storiche di questi antichi Persiani risalgono ai precedenti imperi di Babilonia e di Assiria, di cui l’Antico Testamento documenta la diffusione e la successiva caduta.

I simboli che compaiono sui sigilli e sui monumenti degli Achemenidi furono in un primo tempo ritenuti elementi puramente decorativi. Solo nel 1686 Engelbert Kampfer, dopo aver visitato Persepoli, l’antica capitale persiana, definì quei segni “cuneati” e capì che rappresentavano vere e proprie lettere a forma di cuneo. Da allora quella forma di scritturavenne chiamata “cuneiforme”.

Via via che si procedeva a decifrare le iscrizioni degli Achemenidi, divenivano sempre più evidenti le analogie con leiscrizioni trovate su antichi oggetti artigianali e tavolette in Mesopotamia, la terra che si trovava tra i fiumi Tigri ed Eufrate. Da prima si trattò di ritrovamenti isolati, sparsi qua e là, finché l’archeologo francese Paul-Emile Botta organizzò,nel 1843, la prima grande spedizione archeologica mirata.

Per essa scelse un luogo della Mesopotamia settentrionale, chiamato oggi Khorsabad, vicino all’attuale Mosul. Ben presto Botta potè stabilire che le iscrizioni cuneiformi parlavano di un luogo chiamato Dur Sharru Kin. Erano iscrizioni semitiche, in una lingua sorella di quella ebraica, e il nome significava “la città cinta di mura del re giusto”.

Questore nei nostri testi è chiamato Sargon II. La città citata nelle iscrizioni era la capitale del regno assiro; al suo centro vi era un magnifico palazzo reale le cui mura erano ornate di bassorilievi che, messi uno vicino all’altro, si estendevano per oltre un miglio. Dominava la città e il complesso reale una piramide a gradini chiamata ziggurat, che fungeva da “scala verso il paradiso” per gli dèi (figura sopra).

L’impianto della città e le sculture facevano pensare a uno stile di vita complesso ed estremamente avanzato. Palazzi, templi, case, stalle, magazzini, mura, colonne, decorazioni, statue, opere d’arte, torri, cinte di difesa, terrazze, giardini: tutto venne completato in soli cinque anni. Secondo Georges Contenau (La vie quotidienne à Babylone et en Assyrie, «Lavita quotidiana a Babilonia e in Assiria»), «l’immaginazione vacilla di fronte alla potenziale forza di un impero che è riuscito a fare tanto in così poco tempo», circa 3.000 anni fa.

Continua …

Di ZECHARIA SITCHIN IL PIANETA DEGLI DEI

(The 12th Planet,1976) – Capitolo secondo

®wld