Crea sito

La maggior parte dell’umanità è predisposta alla sottomissione

Bizzi: Cro-Magnon, l’Uomo di Atlantide venuto dalle stelle

Chi siamo? Da dove veniamo? Sono domande che ci interpellano da sempre. «La maggior parte dell’umanità è predisposta alla sottomissione: gente inconsapevole, gestita completamente». Lo scrive in un libro il biologo Giovanni Cianti, in una considerazione erroneamente attribuita a Carlos Castaneda. «Chi ha capito, ha capito: non ha bisogno di consigli. Chi non ha capito, non capirà mai. Io non biasimo queste persone», scrive Cianti: «Sono strutturate per vivere, e basta: mangiare, bere, respirare, partorire, lavorare, guardare la televisione e mangiare la pizza il sabato sera, andare a vedere una partita. Il mondo, per loro, finisce lì: non sono in grado di percepire altro. C’è invece un piccolissimo gruppo di esseri umani, che possono essere definiti “difetti di fabbricazione”. Sono sfuggiti al “controllo qualità” della linea di produzione. Sono pochi, sono eretici e sono guerrieri». Mi piace molto, questa frase, forse perché anch’io sento di appartenere a questa minoranza. Ma non è solo questione di rifiutare i dogmi, le imposizioni, e di sentirsi guerrieri. E’ anche una questione di sensibilità. Si tratta di porsi domande, di chiedersi sempre il perché delle cose.

E infatti, tutte le grandi tradizioni spirituali – quelle autentiche, dell’antichità, quelle cioè che hanno preceduto l’era dei dogmi – hanno sempre spinto le persone a porsi domande. Tutte le grandi tradizioni iniziatiche dell’antichità erano finalizzate al risveglio della coscienza e Uomo di Cro-Magnondella percezione, all’apertura di certi canali che noi possediamo naturalmente, ma che magari non sappiamo come utilizzare. Sono canali di comunicazione tra macrocosmo e microcosmo. Comunicazione diretta: sono dei portali, che abbiamo dentro di noi. Molte persone, semplicemente, li ignorano: non si pongono nemmeno il problema della loro esistenza. Nel libro “Resi umani“, scritto con Mauro Biglino, il biologo molecolare Pietro Buffa riflette sulla nostra parentela con lo scimpanzé: il cucciolo di scimpanzé e il “cucciolo d’uomo” sono praticamente indistinguibili. Poi lo scimpanzé adulto si trasforma e si allontana molto da noi, mentre l’uomo adulto conserva i tratti delle specie domestiche, con scarsissima aggressività, e mantiene i caratteri morfologici del cucciolo, come gli occhi grandi rispetto al resto del corpo: un fenomeno che gli scienziati chiamano “neotenia”.

Siamo stati “domesticati” da qualcuno, che ci ha “fabbricati” con la genetica? Lo dicono i testi sumeri: raccontano che gli Anunnaki “crearono” gli Igigi, loro servitori, progettati per lavorare al posto loro, nelle miniere. La nascita degli Igigi ricorda da vicino quella degli Adamiti, che la Bibbia attribuisce agli Elohim. Nella tradizione eleusina, i nostri “creatori” sono gli dèi Titani. Per la precisione, quattro di loro: Atlante, Menezio, Prometeo ed Epimeteo, figli di Giapeto. Da cui la Stirpe Giapetide, ottenuta anche in quel caso con l’ingegneria genetica. La nostra sarebbe la Quinta Umanità, anche per Esiodo. In vari testi antichi si allude a interventi numerosi e ripetuti, attraverso varie fasi del nostro passato. Si parla di una civiltà avanzata, sbarcata sulla Terra in un’epoca incredibilmente remota. La Terra: un pianeta Una ricostruzione dell'Atlantideottimale per la vita, abitabile, con enormi risorse naturali da sfruttare. Solo che, magari, i primi “pionieri” erano in pochi: un’avanguardia di sparuti colonizzatori.

Per ottenere lavoratori, questi pionieri hanno incrociato i loro geni con quelli di alcuni tipi di primati, al fine di ottenere manodopera a costo zero? Si tratta di un’ipotesi inquietante, come è inquietante che l’umanità attuale presenti tanti segni di soggezione, di sottomissione. Non è un mistero, per psicologi e sociologi: l’Homo Sapiens attuale è estremamente manipolabile, suscettibile di indottrinamenti. Tutte le grandi religioni (monoteistiche, in particolare) hanno sempre imposto dogmi: non spingersi oltre, non cogliere il frutto proibito, non porsi domande, accettare il dogma di fede. E’ la basilare forma di indottrinamento, che nelle religioni monoteistiche accompagna l’essere vivente dalla culla alla tomba. Ci viene insegnato a credere, e tutto il sistema si regge su questo. Proprio tutto? Secondo certe interpretazioni, alcune manipolazioni genetiche sarebbero avvenute in epoche assai remote, prima di 200.000 anni fa, e avrebbero portato alla nascita di alcuni ceppi del Sapiens. Secondo invece la tradizione misterica eleusina, sarebbe avvenuta una successiva manipolazione, ad opera dei Titani, attorno all’anno 80.000 avanti Cristo.

Molto plausibilmente, questa seconda manipolazione dette vita all’Uomo di Cro-Magnon, un ceppo del Sapiens particolarmente evoluto. E’ un enigma, per la storia, perché il Cro-Magnon nasce già avanzato, con elevatissime proprietà di linguaggio e con una struttura sociale organizzata, e si diffonde in buona parte dell’emisfero occidentale. La sua comparsa può aver turbato certi processi precedenti? Ha generato un’anomalia? Una falla, nella cosiddetta Matrix? Secondo determinate teorie, il Cro-Magnon sarebbe l’Uomo di Atlantide: proprio quella Astronaviparticolare umanità che gli dèi Titani avrebbero creato a loro immagine e somiglianza, e che avrebbe generato una propria civiltà in quello che era un grande continente, oggi scomparso, nell’Altantico settentrionale.

Doveva essere un continente che poi sarebbe stato distrutto nell’ambito di una grande guerra, che ci viene descritta nella “Teogonia” di Esiodo come la Titanomachia, una guerra combattuta fra dèi. Secondo certi testi mitologici, questo cosiddetto Primo Impero di Atlantide avrebbe cessato il proprio percorso storico attorno al 19.000 avanti Cristo. Poi, la civiltà umana del Cro-Magnon sarebbe risorta dalle proprie ceneri (dalle palafitte, dalle caverne) fino a tornare grande, organizzata e civile, e a conquistare vastissimi territori, incluso il bacino mediterraneo, il Medio Oriente, buona parte dell’Africa e le Americhe. Sempre secondo alcune interpretazioni, questa particolare parte di umanità avrebbe dato molto fastidio, a certi gestori della Matrix. Lo so, sembra di sconfinare nella fantascienza. E sia: facciamo finta Bizziche sia fantascienza. Dunque, immaginiamo che questo sia vero, e che tanti altri ceppi umani siano frutto di una manipolazione finalizzata esclusivamente all’assoggettamento e alla “domesticazione”, per diventare forza lavoro gratuita.

Tutto questo può aver fatto comodo, a certi schemi di potere che poi, di volta in volta, hanno dovuto ricorrere a forme manipolative. Come una sorta di “tagliando”: ogni tanto è stato necessario, nella storia, per certe élite di potere, ricorrere a ulteriori giri di vite, a ulteriori interventi manipolativi a livello concettuale, di dogma, di pensiero religioso, giusto per riportare questa umanità nei binari prestabiliti. Immaginiamo però che una parte di umanità sia sfuggita, a questa logica. Immaginiamo che abbia portato avanti una civiltà libera da questi schemi, libera da certi dogmi, e che questa parte di umanità sia sempre stata contrastata da certi poteri. Poi, la distruzione della Seconda Atlantide (fra il 10800 e il 9600 avanti Cristo, a causa di un cataclisma di origine cosmica) ha segnato di nuovo un duro colpo, per questa umanità.

Cos’è rimasto, di quella civiltà? La Creta minoica e certe altre civiltà del Mediterraneo, anch’esse poi messe a dura prova dagli eventi, con la fine del matriarcato e l’avvento del patriarcato, e con lo scontro tra religioni avvenuto con la Guerra di Troia (fra l’antico culto degli dèi Titani e il culto dei nuovi dèi olimpici). Tutto ci porterebbe a credere che il Cro-Magnon sia stato una sorta di anomalia nell’anomalia. So benissimo che questo è un campo minato: nessun antropologo ammetterà mai che possano esistere ceppi umani con origini diverse. Loro tendono sempre a ricondurre tutto agli eredi dei grandi primati, in modo lineare, con una discendenza diretta. Effettivamente, il problema del fenotipo che ci differenzia è inquietante. Io posso citare interpretazioni fornite da studiosi sulla soglia dell’eresia. Già nell’800, ad esempio, il fatto degli Fenotipi umaniocchi a mandorla presenti nel fenotipo orientale (che non ha nessuna giustificazione apparente, per quanto riguarda la vita sulla Terra) è stato associato ipoteticamente ad un incrocio con delle “razze” (o meglio, delle civiltà) provenienti da un pianeta con una luminosità molto maggiore della nostra, quindi magari con una stella molto più luminosa del nostro sole. Se è vero che questi “creatori” hanno utilizzato dei loro geni, può essere un carattere che si è trasferito: altrimenti gli occhi a mandorla non avrebbero alcuna giustificazione, se non – appunto – per proteggere gli occhi da una forte luce. E’ solo un’ipotesi, naturalmente.

Anche il fatto della pigmentazione scura non ha nessun rapporto con i climi tropicali, dove infatti troviamo anche popolazioni native con pelle molto più chiara. E’ come se questi ceppi umani avessero effettivamente delle origini diverse. Ma questo rappresenta una pericolosissima eresia, per gli antropologi attuali. Sono cose che non si possono dire, anche perché, solitamente, chi avanza queste ipotesi viene accusato di razzismo. Ma qui non si tratta assolutamente di razzismo, nel senso di discriminazione razziale. Non ha senso parlare di discriminazione: si tratta semplicemente di ipotizzare le origini di questi fenotipi. Gli aborigeni, i nativi americani dalla pelle rossa: ognuno sembra raccontare qualcosa di diverso. Alcuni hanno folta peluria, altri meno. Per noi, l’eliminazione della peluria è diventata quasi un’ossessione. Come se si volesse arrivare ad assomigliare a questi “attori terzi”, o all’elemento “creatore” originario.

Lo stesso discorso della peluria si collega alla questione della “neotenia”, cioè il mantenimento dei tratti giovanili che caratterizza anche l’adulto nel solo caso dell’Homo Sapiens: tratti che poi l’uomo vuole mantenere a tutti i costi. Come se, inconsapevolmente, cercassimo di scavare in un ipotetico passato, remotissimo. A questo proposito trovo impressionante un frammento di un antico testo misterico, attribuito I Minoici in Americaalla letteratura atlantidea e tramandato dalla tradizione eleusina, pubblicato per la prima volta (a pagina 518) nel mio libro “I Minoici in America e le memorie di una civiltà perduta”, appena uscito. «Un tempo – vi si legge – la Stirpe di En’n (cioè l’umanità) non era ospite nella Casa della Dea Taéa, ma aveva stabile dimora nella Grande Casa di Shanal, e compiva viaggi per le rotte di Nehéfre (fra le stelle). Questo per tutto il tempo che i Padri-Madri Phykkhesh-Tàu imperarono nella Grande Casa». Phykkhesh-Tàu è il pianeta della costellazione della Balena, il sistema solare di Tau-Ceti da cui gli eleusini fanno discendere i Titani.

«Distrutto il loro Impero, anche le progenie di En’n figlio dei Phykkesh-Tau caddero in disgrazia ed ebbero rifugio solo nella Casa di Taéa», continua il testo. «E nella Casa di Taéa la progenie di En’n, privata delle scienze della Mente Cosmica, dovrà restare tante generazioni quante vissero per Nehéfre nella Grande Dimora di Shanal. Ma la progenie di En’n col passar delle generazioni – prosegue il frammento – dimenticò la sua naturale origine, facendo di ciò che fu realtà il mito, e allora gli Dei, Giusti e Veraci, mandarono alla progenie di En’n ospite nella Casa di Taéa, luogo d’esilio, il Dio che guarda Nehéfre per concepimento di Anuve, affinché fosse ricordo alla progenie di En’n dove è la sua Vera Casa e quale l’origine della Stirpe, e che il destino dei figli di En’n figlio dei Phykkhesh-Tau è di tornare donde venne, perché la progenie di En’n non può rimanere eternamente in esilio nella Casa di Taéa, essendo questa estranea alla sua origine». E’ incredibile: praticamente, quel testo ci parla di una nostra origine stellare, e di un nostro destino finalizzato al ritorno alle stelle.

Visto che siamo in tema di citazioni, propongo un testo appena scritto sul suo sito da Elisa Renaldin, che è un’attrice e regista teatrale. Fa una considerazione molto profonda, che si ricollega al discorso che ho fatto adesso. «Continuo a leggere da tutte le parti che l’anima sarebbe qui per evolvere», premette Elisa. «Vi dirò che non credo a questa storiella. O almeno, non ci credo nei termini in cui viene presentata». E spiega: «Collocare l’anima al pari di un ego infantile che deve crescere, ed è qui per imparare, lo trovo degradante per la natura intrinseca Elisa Renaldindell’anima: è un altro modo per dirci che siamo piccoli e miseri esseri incapaci. Giunti quaggiù per fare che cosa? Per “migliorare”: ma stiamo scherzando? Se noi arriviamo da lassù, prima cosa, significa che abbiamo origine da un punto della coscienza oltremodo evoluto e sviluppato. Che poi, scendendo qui, ci dimentichiamo chi siamo, veniamo deviati dall’inizio alla fine e ci perdiamo per la strada, questo è un altro paio di maniche».

«Tuttalpiù – continua Elisa Renaldin – siamo qui per ricordare. Ricordare che cosa? Chi siamo. Ce ne dimentichiamo, per una serie di ragioni che qui sarebbe troppo lungo trattare. Ma questo è ciò che io sento come vero. Ad ogni incarnazione aggiungiamo un pezzo al puzzle della nostra memoria. Ci avviciniamo ogni volta un po’ di più al ricordo di sé, ed è questo il vero scopo. Se per evolvere intendiamo questo, allora possiamo essere d’accordo. Ma se per evolvere intendiamo imparare, come se fossimo dei bambini incapaci, allora no. E perché alcuni sembrano più evoluti di altri? Si trovano solo in punti differenti del ricordo di sé. Chi si riunifica alla sua identità (divina, o coscienziale) modifica il suo approccio alla vita, e quindi modifica pensieri, sentimenti, comportamenti ed energie. Come facciamo, a ricordarci di noi? Esercitandoci a rimanere il più a lungo possibile nello stato di presenza. E sbarazzandoci degli orpelli inutili che ci hanno appicciato addosso: credi, memi, ideologie, dogmi, e via discorrendo. Insomma, uscendo dai recinti percettivi che ci hanno costruito addosso».

Con questo testo, Elisa Renaldin ha centrato pienamente l’essenza dei Misteri Eleusini. Gliel’ho scritto, in un messaggio che le ho inviato: i Misteri Eleusini insegnano proprio questo. Insegnano alle persone a ritrovare il proprio sé, quindi la propria identità, stabilendo correttamente il proprio percorso. Probabilmente la specie umana è stata addomesticata, da qualcuno. Ammesso e non concesso che si riesca a farlo, sta a noi scoprire se questo è vero, o no. Quindi non accontentiamoci dei dogmi della scienza, non accontentiamoci della storia Tau Cetiper come ci viene raccontata: perché, se magari ci hanno imposto una certa “domesticazione” (assimilabile alla famosa Matrix, quella dei film che ben conosciamo) possiamo anche imparare a uscirne, a rifiutarla. L’importante è crescere: far crescere il nostro sé, la nostra coscienza, dal punto di vista evolutivo. Poi potremo anche decidere: se continuare ad essere animali addomesticati, o invece diventare uomini e donne liberi.

(Nicola Bizzi, dichiarazioni rilasciate nella diretta web-streaming “ll Sentiero di Atlantide – Homo Sapiens“, trasmessa il 18 aprile 2021 sul canale YouTube “Facciamo finta che“, di Luca Lamberti. Storico ed editore di Aurora Boreale, nonché iniziato alla tradizione dei Misteri Eleusini, Bizzi ha pubblicato saggi di estremo interesse, come “Da Eleusi a Firenze“, che aprono squarci inattesi sulla nostra storia, partendo dalla documentazione riservata della comunità eleusina. Un filone di indagine che continua nell’ultimo saggio, appena uscito: Nicola Bizzi, “I Minoici in America  e le memorie di una civiltà perduta“, Edizioni Aurora Boreale, 616 pagine, euro 28,50, disponibile anche in versione epub, euro 11,99).

Pubblicato sul sito web: https://www.libreidee.org/

®wld

Senza nemmeno saperlo, le trappole della civiltà ci rendono schiavi

Credito:Dominio pubblico tramite Wikipedia

Lezioni dall’Impero Romano sul pericolo del lusso

di Jonny Thomsondal sito web BigThink

Siamo schiavi dalle cose belle della vita …?

  • Lo scrittore romano, Tacito, sosteneva che l’Impero Romano fosse stato costruito schiavizzando i conquistati che si abituarono alla vita raffinata e al lusso.

  • La tecnologia oggi è diventata così essenziale nella nostra vita quotidiana che sembra impossibile liberarsene. È tanto una gabbia quanto un lusso.

  • Essere dipendenti da una cosa le conferisce potere su di te. Avere bisogno di qualcosa o qualcuno è, nel bene e nel male, limitarsi …

Philippa ha deciso che vuole lasciare i social media. È preoccupata per quanto possa creare dipendenza e pensa che non le stia facendo alcun bene.

Ma allora,

Come parlerà a sua zia in Sud Africa?

Cosa succederà a tutte le sue foto?

E come può organizzare quella festa?

Trevor vuole lasciare il paese. Non si fida del governo, non gli piace la gente e odia il tempo.

Ma poi ottiene una buona assistenza sanitaria. E gli piace la TV. Anche le strade sono abbastanza buone.

Philippa e Trevor sono due esempi di come il lusso, la tecnologia e la vita facile possono intrappolarci o rinchiuderci. Per molti versi, è un fenomeno moderno e riconoscibile, ma risale almeno allo scrittore romano Tacito .

È l’idea che,

le trappole della civiltà ci rendono schiavi

Come è possibile che, senza nemmeno saperlo, quelle cose che pensavamo fossero utili e il risparmio di tempo sono diventati indispensabili indispensabili?

Il pericolo nascosto del lusso

L’esercito romano era una delle forze militarmente più efficaci e di successo che il mondo abbia mai conosciuto.

In terra aperta, le loro legioni erano praticamente imbattibili …

Ma l’Impero Romano non fu costruito solo sul dorso del genio militare e di spade corte e taglienti.

Le legioni avrebbero potuto picchiare un popolo, ma non l’hanno sottomesso.

È stato l’amore per il lusso e la vita facile a farlo …

I Britanni, notò Tacito, erano ridotti in schiavitù, non dalle catene, ma dal loro desiderio di buon vino e cene eleganti.

In effetti, il governatore della Gran Bretagna, Agricola, cercò deliberatamente di pacificare questa società guerriera tribale con “deliziose distrazioni” di bagni caldi, toghe e istruzione.

Come ha scritto Tacito,

“Gli ingenui britannici descrivevano queste cose come ‘civiltà’, quando in realtà facevano semplicemente parte della loro schiavitù”.

Il comfort e la comodità avevano trasformato guerrieri dipinti e urlanti in civili gentili e pacificati.

(Va notato che Tacito probabilmente esagerò eccessivamente tutto questo. La Gran Bretagna non fu mai conforme come la Francia o la Spagna nell’impero romano.)

L’uso del lusso per conquistare un popolo è una tattica che si rispecchia nel tempo.

Di fronte a un deficit commerciale con la Cina, l’Impero britannico ha inondato il paese di oppio a buon mercato che avevano spedito dall’India.

Una droga di lusso divenne una dipendenza e gli inglesi scambiarono il loro oppio con porcellana, tè e seta.

Mikhail Gorbachev si gode lo stile di vita americano. Credito: Bob Galbraith / Dominio pubblico tramite Wikipedia

La Guerra Fredda è stata vinta anche grazie al lusso.

Quando televisori e frigoriferi americani a buon mercato si fecero strada inevitabilmente nell’URSS, i sovietici non potevano sperare di eguagliare tanta opulenza.

Il blocco è arrivato a considerare tali beni domestici “di lusso” come essenziali, e solo gli Stati Uniti potevano darli.

Ma l’esempio più riconoscibile per la maggior parte di noi oggi è il nostro rapporto con Big Tech

Aziende come,

… collegare lentamente e inesorabilmente le nostre vite ai loro algoritmi e piattaforme.

I social media sono progettati e calibrati per creare deliberatamente dipendenza.

I servizi che fanno risparmiare tempo o denaro, come l’archiviazione basata su cloud , sono diventati così universali che tornare indietro sta diventando impossibile.

È sempre più vero che non conosciamo nemmeno le nostre password per le cose: lasciamo che i nostri telefoni o app le inventino e le memorizzino per noi.

Non puoi lasciare la macchina

Una nuova tecnologia o servizio è inizialmente un lusso – finché non diventa così normalizzato e onnipresente, così essenziale – che non possiamo tornare indietro al tempo prima della sua comparsa.

Quello che una volta era un “desiderio” diventa un “bisogno”.

Il romanzo di EM Forster, “The Machine Stops“, immagina un mondo in cui ogni aspetto della vita è fornito dalla “macchina”.

Ci sono pulsanti,

“chiedere cibo, musica, vestiti, bagni caldi, letteratura e, ovviamente, comunicazione con gli amici”.

Quanto si è rivelato essere preveggente …?

Oggi abbiamo,

  • Uber

  • Skype

  • Ciao Fresh

  • Amazon Prime

Anche i nostri amici e familiari sono collegati alla macchina …

È possibile partire?

Sebbene consideriamo la tecnologia liberatoria , ci racchiude anche in

Se crediamo a Tacito, ora siamo schiavi delle cose che una volta consideravamo un lusso.

È compito della filosofia vedere queste catene per quello che sono …

E, mentre esaminiamo le nostre vite, possiamo quindi scegliere di indossarle felicemente o iniziare il lungo e difficile viaggio di buttarle via ..

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Perchè l’Era Presente teme i Classici Antichi?

di: Francesco Carraro

Molte delle cose migliori, e anche di quelle peggiori, arrivano come noto dall’America. Quindi, anche la crociata contro la cultura classica partita dalla Howard University di Washington probabilmente produrrà a breve i suoi effetti da noi. Dobbiamo aspettarci l’eliminazione del latino dai curricula dei licei? Anche peggio. Magari, già che ci sono, i paladini del culturalmente corretto aboliranno pure i licei tout court. Forse partendo dal Classico che – da questo punto di vista – si presenta come il covo di ogni nequizia: lì si spacciano persino i sediziosi pensieri (in greco antico!) di Eraclito, Parmenide, Socrate, Aristotele; e le cattivissime trame dei tragediografi Eschilo, Sofocle ed Euripide; e i semi di discordia universale della filosofia stoica.

Ora, il fenomeno è già stato correttamente inquadrato da qualche intellettuale più attento della media. Per esempio, Marcello Veneziani su “La Verità” ha messo giustamente in luce come la guerra alla cultura classica occidentale sia consonante a una precisa “nota” della nostra epoca. E cioè la saldatura tra le esigenze puramente materiali, consumistiche, di “crescita” del turbocapitalismo apolide e transnazionale, da un lato; e le ossessioni orwelliane, poliziesche e censorie di una certo permalosissimo “mondo”: quello, per intenderci, degli antifa, del metoo, dell’antirazzismo ottuso, della cancel culture, dell’ideologia gender.

In effetti, il neoliberismo ha bisogno di consumatori privi di identità specifica, di genere definito, di tradizione radicata. Mentre le nuove “ideologie” di cui sopra (paranoiche, aggressive e intimidatorie verso chiunque non si allinei) forniscono il “tipo umano” ideale di cui l’Evo Competitivo abbisogna. Tutto vero, ma non è tutto. C’è un altro aspetto da considerare. In gioco non c’è solo la volontà di sbriciolare e disperdere le “tradizioni” in senso lato: e quindi i concetti di patria e di nazione, di religione e di famiglia, di lingua e di specificità culturale. In gioco, c’è anche (se non “proprio”) il deliberato intento di annichilire una peculiare forma di cultura: e cioè quella classica occidentale.

È quest’ultima il vero idolo polemico e bersaglio finale dei distruttori. La vogliono far saltare per aria come i talebani hanno polverizzato i Buddha di Bamiyan. L’alibi è quello, ridicolo, del maschilismo, della misoginia, del razzismo, del “bianchismo” e chi più ne ha più ne metta, di imbecillità in imbecillità. La verità è che il Pensiero Unico Dominante ha in odio la cultura classica per un altro dirimente, ma dissimulato, motivo: perché è la patria della filosofia, cioè della riflessione libera e indipendente, del dominio della ragione sull’istinto, della logica sull’irrazionalità, del pensiero sulla materia, delle virtù sui vizi, dell’ordine etico sul disordine morale, del dominio di sé sull’attitudine al servaggio, della legge sul caos, della giustizia sulla iniquità.

Insomma, nella classicità vi è la radice di quanto di meglio abbia mai saputo partorire la parte “divina” dell’essere umano. E questa è una colpa intollerabile per i signori di una “agenda” affatto angelica. Con la quale si punta, piuttosto, a degradare l’uomo al rango di bestia al pascolo o di appendice robotica di una matrice digitale. Nel quale hanno da funzionare solo la “pancia”, il “cuore”, le “emozioni”, i “gusti”. In uno scenario di ottundimento psicologico e inebetimento individuale e collettivo, in cui nessuno sia in grado di ricordare (o di capire) chi siamo, da dove veniamo e dove stiamo andando.
Francesco Carraro
www.francescocarraro.com
https://scenarieconomici.it/perche-lera-presente-teme-i-classici-antichi/

®wld

La libertà di parola ha confini legali ed etici, la propaganda no

Gli americani non hanno paura che le persone ignoranti dicano cose ignoranti. Gli americani hanno paura che la loro stessa voce venga censurata con la forza quando cercano di confutarli. La censura equivale a un assalto ed è tutt’altro che la libertà di parola. ⁃ TN Editor

L’organizzazione senza scopo di lucro che ho fondato nel 2018, Citizens for Free Speech, è stanca della propaganda costante secondo cui ogni parola è protetta dal Primo Emendamento, non importa quanto vile, ignorante o ingannevole possa essere.

È ora di mettere le cose in chiaro e rimettere un po’ di sanità mentale nel Primo Emendamento e nel nostro esercizio di quei diritti.

I padri fondatori intendevano che il primo emendamento proteggesse i nostri inalienabili diritti di comunicare liberamente idee e promuovere il dibattito civile. Le idee vengono comunicate dalla parola parlata e stampata, più le nostre azioni associate. Tutti e cinque gli elementi del Primo Emendamento lo confermano.

La libertà di adorare Dio implica agire riunendosi insieme e adorando effettivamente. La libertà di parola si basa sulle tue parole effettivamente pronunciate. La libertà di stampa richiede che qualcuno prenda una penna e scriva. Libertà di riunione significa riunirsi per esercitare la libertà di parola. Chiedere al governo un risarcimento per le tue lamentele, specialmente di questi tempi, richiede uno sforzo erculeo anche solo per convincerli ad ascoltare, ma dobbiamo provarci.

Tutte queste sono nobili aspirazioni, ma sono state distorte, distorte. mal compreso, abusato e diffamato da quasi tutti coloro che vorrebbero distruggere il Primo Emendamento in primo luogo.

Prendi l’argomento della propaganda, ad esempio, che in genere ottiene un pass gratuito come libertà di parola.

Il dizionario Merriam-Webster definisce la propaganda come “la diffusione di idee, informazioni o voci allo scopo di aiutare o danneggiare un’istituzione, una causa o una persona” e “idee, fatti o accuse diffusi deliberatamente per promuovere la propria causa o per danneggiare una causa opposta.”

Tale propaganda sta piovendo sulla società da tutte le direzioni: governo, Big Pharma, Big Tech, industria corporativa, lo chiami. È una fonte costante di sconcerto per manipolare le persone a fare ciò che i propagandisti vogliono che facciano. Ad esempio, indossare una maschera per il viso, allontanarsi dalla società, restare a casa, farsi vaccinare, fare domanda per i mandati sui vaccini, indossare due maschere per il viso, ecc.

In America, anche i propagandisti dovrebbero poter parlare, ma qui sta il problema. E se quelle stesse persone dovessero censurare, cancellare, emarginare o calunniare con la forza altri che li contraddirebbero nello stesso spazio pubblico?

In altre parole, ti mettono del nastro adesivo sulla bocca mentre ti danno una buona “rieducazione” su ciò che dovresti fare o pensare.

Questa non è libertà di parola. È una frode: raccontare solo metà della storia con l’intento di ingannare ma non lasciare che qualcun altro racconti il ​​resto della storia per rivelare l’inganno. Ogni stato ha leggi contro la frode, atti e pratiche sleali e ingannevoli. Ognuno. Georgetown University Law Center stati nella legge dell’inganno,

“Molte leggi affrontano l’inganno. Esempi familiari includono: i reati di inganno, calunnia e diffamazione; il crimine di furto con falsi pretesti e statuti federali di posta e frode telefonica; il Federal Trade Commission Act, il Lanham Act e le leggi sulle pratiche e sugli atti ingiusti e ingannevoli; leggi che vietano le frodi sui titoli e richiedono l’informativa dell’emittente; la difesa contrattuale da false dichiarazioni; e la legge dello spergiuro.”

Quindi, la menzogna e l’inganno sono libertà di parola? Prova a ingannare un agente di polizia e guarda cosa ottieni. Menti a un tribunale, o persino al Congresso, e spiega che stavi solo esercitando il tuo diritto alla libertà di parola. Dopo che ti hanno schiaffeggiato con accuse di disprezzo e poi il crimine conta, la vita ti sembrerà diversa da dentro la tua cella di prigione.

In effetti, la libertà di parola ha confini legali, etici e morali che ne definiscono il carattere e l’intento. Qualsiasi sciocco può blaterare liberamente parole ignoranti e chiamarle libertà di parola fintanto che chiunque altro può dirgli altrettanto liberamente quanto siano ignoranti le sue parole. Ma se lo sciocco ti prende a pugni in faccia per farti tacere, diventa un’aggressione.

Il primo emendamento riguarda il permettere a tutti di dire la loro. Nessuno ha il diritto di chiudere le idee opposte. Gli americani sono pienamente in grado di prendere una decisione mentre ascoltano tutti i lati di una discussione; in effetti, questo è il modo americano che ha reso grande l’America negli ultimi 245 anni.

Fonte: https://it.technocracy.news/la-libert%C3%A0-di-parola-ha-confini-legali-ed-etici-no/

®wld

Vi racconto una storia come tante

Cordialissimi Lettori, mai al mondo avrei voluto scrivere queste righe, ma da quello che sta succedendo in Italia e nel Mondo, non posso fare a meno di tacere, vi racconto una storia come tante di persone che hanno vissuto nel periodo in cui ho vissuto io:

Ho ’71 anni, genitore e nonno di nipoti ventenni che vivono in Germana.

Ebbene nella mia vita vissuta, speravo di non vedere più certe cose (come ho postato nei video).

“Non ho più niente, vengo per un pezzo di pane”: i nuovi poveri in coda per il cibo a Milano

Avevo appena ‘8 anni, in quel 1958, la mia famiglia si è trovata per varie vicissitudini in ristrettezze economiche, cose che possono succedere nel corso della vita, abbiamo perso la casa e ogni bene materiale; io e mia mamma ci siamo ritrovati a girovagare per Milano con una piccola valigetta a dormire in piazza Duomo alla porta sinistra della Cattedrale, mia mamma (classe 1910) a quel tempo aveva ’48 anni, il papà introvabile, mio fratello più piccolo dato agli zii in Piemonte, il fratello più grande stava facendo la leva militare.

Mi mamma mi lavava le mutandine nella fontana dei giardini pubblici di Porta Venezia, andava ad aiutare una sua amica in un trattoria/latteria per preparare i cibi per la clientela e in cambio del suo aiuto chiedeva solo un piatto di minestra per me.

Con il tempo (dopo vari consigli di brave persone) siamo stati indirizzati in un dormitorio pubblico (quello di Viale Ortles Milano (credo ancora attivo), successivamente siamo stati in una struttura di Corso XII Marzo, la casa di ricovero era una donazione dei Conti Senavra, ora diventata una Chiesa, ebbene in quella struttura ci è stato dato uno spazio di cartongesso con due letti e una stufetta a legna (parigina), subito poco tempo dopo una stanza tutta per noi dove poi abbiamo fatto rientrare dagli zii del Piemonte il fratellino e il ritorno del fratello dal servizio di leva, anche papà si è unito alla famiglia.

In quel periodo sono andato a scuola, io e mio fratello più piccolo, nel pomeriggio si andava a raccogliere le palline da tennis (Tennis Club Lombardo) e a tirare il fratasso nei campi per rifarli, si prendeva 100£ all’ora e venivano dati tutti alla mamma, i quel periodo, in Largo Marinai d’Italia c’era ancora il verziere di Milano, dove io e mio fratellino si andava a scaricare le cassette di frutta e verdura per poter portare a casa alla mamma una piccola cassetta di verdura e frutta che si tirava con uno spago legato alla vita per tutto il corso.

Soldi non ce n’erano e dovevamo vestirci e calzarci, stavamo crescendo, e la mamma con il suo ingegno riuscì a trovare il Viale Piave (Milano) una congregazione di Frati  (Frate Cicilio) che ci hanno vestiti e calzati, perfino gli occhiali da vista mi sono stati dati; ma non c’erano solo quei benedetti Frati, vi era anche la Tazzinetta Benefica a Milano e il Corriere Lombardo che dispensava cibo, sia cotto che da cuocere.

Dopo un lungo periodo, passato in quel ricovero, eravamo in lista per usufruire delle Case Popolari del Comune di Milano, era il 1959, e mio fratello ha potuto trovarsi un lavoro alla Pirelli, mio papà cominciava a fare piccoli lavoretti edlizi, io e mio fratello più piccolo in questa nuova casa, abbiamo ripreso le scuole elementari…l’incubo era finito … anche se per il Natale andavamo ancora a prendere da mangiare, ci si andava con il tram e l’odore della pastasciutta invadeva tutto il tram stesso, facendoci vergognare.

Francia: studenti si mettono in fila per ricevere pacchi di cibo

A ’14 anni mi sono trovato un lavoro come garzone di drogheria e mio fratello come garzone di macelleria, abbiamo continuato gli studi di sera dove poi mi sono diplomato, il fratello maggiore nel ‘1962 si era sposato,

Il resto è vita vissuta intensamente senza mai demordere; ora vivo in quella casa del Comune che ci è stata assegnata perché me la sono comperata.

Guardando quei video mi si stringe il cuore perché so’ come possa sentirsi quella povera gente, resa indigente da gente incapace e inimica; sono passati ’63 anni e tutto sembra ripetersi, solo che oggi non c’è misericordia, la gente è incattivita e … manca quella rinascita meravigliosa degli anni ’60.

wlady, alias ®wld

LA FORMA COLLETTIVA & LA FORMA INDIVIDUALE

Perché le forze positive non intervengono?

di Tom Minderle (Montalk) dal Sito Web PatrickHerbert versione spagnola traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese Versione in spagnolo

Le forze positive stanno intervenendo ma solo in proporzione alla violazione.

Però potremmo ugualmente chiedere:

Perché le forze STS (alieni negativi – Service to Self) non si sono semplicemente presentate con truppe d’assalto e impianti di controllo mentale pronti a partire secoli fa, quando non avevamo armi avanzate per conquistare il mondo?

Perché questo lento processo di infiltrazione, inganno, programmazione delle masse, ecc…?

Beh, è perché ci sono regole daseguire, proprio come un gioco di sport.

Ci sono arbitri.

Solo perché una parte viene battuta nel gioco non significa che gli arbitri intervengano.

Intervengono solo quando le regole vengono violate…

Quindi le forze SAA (positive – Servizzi ad Altri) usano contromisure proporzionali.

Pertanto, se la minaccia finora è stata eseguita tramite:

infiltrazione, inganno, programmazione e lavoro tramite persone al potere per implementare “certe cose” con la forza,

… devono usare tattiche come:

verità, risveglio, prove, contraccolpo della maggioranza e chiunque sia al potere che si allinea con tutto ciò…

Se, tuttavia, un giorno le forze negative si manifestasser apertamente e prendessero il controllo attivamente, allora possono presentarsi anche quelle positive per contrastare tutto questo, soprattutto se alcune regole vengono sorpassate.

Il punto è:

tutte le parti stanno lavorando all’interno di una serie di regole che non vogliono o non possono violare senza conseguenze…

Sto parlando di gruppi di sorveglianti di terze parti che lavorano per conto della struttura divina.

Il problema è che se la maggioranza di una popolazione va d’accordo con qualcosa, e se è coinvolta una scelta karmica (come con la Seconda Guerra Mondiale) che serve a uno scopo più alto anche nella sua sofferenza, quindi la volontà divina e i gruppi di sorveglianti non possono intervenire.

Potresti avere una protezione personale individuale che ti aiuta a superarlo, ma ciò che accade alla maggioranza tende collettivamente ad essere quello che è.

La storia mostra quanto a volte le cose possano andare male.

I miracoli avvengono più a livello individuale che a livello collettivo.

Perché individualmente siamo casi unici.

Perché una persona sembra avere la protezione divina, mentre un’altra muore in un incidente o viene sacrificata da bambina?

Ci sono fattori complicati coinvolti come:

  • trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato
  • o contratti e accordi dell’anima
  • o schemi karmici autoimposti

…e così via.

Nella forma collettiva è più semplice.

Riguarda:

  • scelte contro conseguenze
  • inganno contro verità
  • giocatori positivi contro giocatori negativi
  • amplificazione del potere in cui un piccolo numero di persone influisce su un gran numero tramite il contratto sociale,

… e come nasce una società.

Ma certo

più le forze negative aumentano il loro controllo, maggiore sarà l’intervento.

I positivi fanno solo quello che devono fare, non di più.

Non più e interferiscono con il nostro processo di apprendimento.

Usano:

jujitsu spirituale, effetto farfalla, sincronismo, tempismo magistrale, semina di idee attraverso persone disponibili,

…e così via…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/mistic/sas14.htm

®wld

Il Culto del Dio dello Stato

Stato contro Dio: uno sguardo più approfondito all’intensificarsi della guerra religiosa

Il vero cristianesimo biblico è contrapposto alla religione di stato progressista che vedrebbe lo sforzo dell’uomo per costruire il Regno di Dio sulla terra. La pressione per rompere la mentalità del Regno dei Cieli si intensificherà solo quando i tecnocrati conquisteranno il mondo per la loro utopia terrena. ⁃ TN Editor

Il 25 febbraio, la Camera dei rappresentanti ha approvato l’Equality Act, un disegno di legge che viene pubblicizzato come un passo avanti per i diritti civili negli Stati Uniti. Se approvato,  il disegno di legge  aggiungerebbe l’orientamento sessuale e l’identità di genere alle classi protette federalmente che non possono essere discriminate e si espanderebbe laddove vengono applicate tali protezioni.

Sebbene l’espansione di tali protezioni non sia necessariamente ampiamente contraria (il repubblicano mormone Chris Stewart ha  introdotto  il Fairness for All Act come  alternativa bill), l’atto afferma esplicitamente che il Religious Freedom Restoration Act del 1993 non può essere invocato, e questo ha generato un’enorme preoccupazione che sia le imprese private che le istituzioni religiose saranno costrette a conformarsi all’attuale linea culturale riguardo all’ideologia sessuale e di genere, oppure affrontare la discriminazione fa causa e viene denunciata fino all’oblio.

Organizzazioni come  Heritage Foundation  e  Christianity Today si  sono opposte al disegno di legge sulla base dei suoi effetti su istituzioni religiose, scuole private, diritti legali dei genitori e atletica femminile. Sebbene una discussione su tali effetti sia importante, la conversazione ha ampiamente mancato il contesto più ampio da cui emergono questa legislazione e le numerose altre proposte simili.

Nel suo importante saggio “The Balance of Power in Society” Il sociologo Frank Tannenbaum sostiene che “la società è posseduta da una serie di istituzioni irriducibili, perenni nel tempo, che in effetti descrivono l’uomo e definiscono il ruolo fondamentale che svolge”. Queste istituzioni perenni sono lo stato, la chiesa, la famiglia e il mercato.

Queste istituzioni hanno eternamente lottato l’una contro l’altra per ottenere il dominio e diventare quello che il sociologo Robert Nisbet chiamerebbe il gruppo di riferimento primario per i suoi membri, intendendo il modo principale in cui comprendono se stessi e modellano le loro convinzioni e azioni. In vari momenti possiamo vedere un gruppo arrivare a dominare gli altri, come quando la forma di famiglia “fiduciaria” dominava la vita sociale nelle società basate sui clan, o quando la Chiesa cattolica romana ha mostrato un enorme potere sugli affari politici dell’Europa. Attualmente, viviamo in un’epoca in cui lo stato è arrivato a dominare la vita sociale in una misura mai vista prima nella storia umana.

È utile analizzare l’Equality Act da questa prospettiva per comprenderne veramente tutte le implicazioni. L’ostilità dello Stato verso la religione e le istituzioni religiose attraverso le quali la religione viene esercitata non è guidata esclusivamente, o in alcuni casi anche principalmente, dall’attuale spirito del tempo secolare. Piuttosto, la religione e le istituzioni religiose rappresentano un grosso ostacolo all’esercizio del controllo statale e alla centralizzazione del potere sociale. Nel contesto occidentale, il cristianesimo ortodosso rappresenta una minaccia soprattutto per questo programma a causa dell’appartenenza dei suoi aderenti a un regno “non di questo mondo“. È difficile per lo Stato immanente competere per essere il riferimento principale per le persone che, in virtù della loro religione, sono membri di un ordine trascendente.

Tuttavia, non si può negare che lo Stato abbia avuto molto successo nell’indebolire e indebolire il potere delle istituzioni religiose attraverso due diversi mezzi. Il primo è espropriando quelle aree mondane di responsabilità e funzione sociale che sono state tradizionalmente di competenza della chiesa, come la carità e l’istruzione. Mentre le chiese sono ancora coinvolte in queste cose, lo stato le ha soppiantate come istituzione sociale primaria che le fornisce.

Come sostiene Nisbet nel suo libro  The Quest for Community, un gruppo sociale non può sopravvivere a lungo se il suo scopo funzionale principale viene perso e, a meno che le nuove funzioni istituzionali non vengano adattate, “l’influenza psicologica del gruppo sarà minima”. Senza dubbio lo stato è riuscito a centralizzare così tanto potere grazie al suo successo nel bracconare le funzioni storiche della chiesa e della famiglia.

Ho notato sopra che nel contesto occidentale l’enfasi del cristianesimo ortodosso sulle preoccupazioni trascendentali si è dimostrata un ostacolo per lo stato quando si tratta di diventare il principale gruppo di riferimento dei cittadini. Tuttavia, anche lo stato ha tentato di penetrare in quel territorio. In precedenza ho classificato lo stato e la chiesa come due istituzioni diverse con funzioni separate. Mentre questo è spesso vero, soprattutto in Occidente a causa della formulazione agostiniana della Città di Dio e della Città terrena, in diversi periodi della storia le funzioni sono state unificate.

Nella sua opera  The Political Religions, il teorico politico Eric Voegelin ha esplorato questa idea e ha fatto risalire la sua prima formulazione sofisticata ad Amenhotep IV / Akhenaton, un faraone del XIV secolo a.C. che rovesciò temporaneamente la civiltà egizia abolendo le antiche divinità e introducendo il culto monoteistico del dio sole Aton. Abolendo gli antichi dei (i riferimenti alle divinità tradizionali furono sradicati e Amenhotep cambiò il suo nome in modo che non facesse più riferimento al vecchio dio Amon), il nuovo Akhenaton abolì anche il vecchio sacerdozio.

La novità e l’innovazione di Aton era che non era solo un dio limitato dell’Egitto, ma in realtà il dio dell’universo, che parla e agisce tramite suo figlio, il Faraone. Cancellando gli antichi dèi come Osiride,Voegelin ha sostenuto che Akhenaton ha abolito quegli aspetti della religione egiziana che erano della massima importanza per gli individui, come il giudizio e la vita dopo la morte, e li ha sostituiti solo con una religione politica collettiva dell’impero. Questa incapacità di soddisfare i bisogni spirituali del popolo, combinata con la reazione della casta sacerdotale declassata, portò alla reazione e al ripristino del vecchio ordine dopo la morte di Akhenaton, quando fu il suo turno di essere cancellato dalla storia.quando è stato il suo turno di essere cancellato dalla storia.quando è stato il suo turno di essere cancellato dalla storia.

Voegelin traccia questa idea di religione politica attraverso i secoli e sostiene che il cristianesimo, attraverso l’opera di Agostino, ha seriamente capovolto “il cosmo dello stato divinamente analogo” subordinando la sfera politico-temporale a quella spirituale. Per centinaia di anni questa comprensione dominò l’Europa medievale, ma con l’avvento dell’Illuminismo iniziò a rompersi sotto una successione di filosofi, in particolare Thomas Hobbes con la sua concezione dello stato del Leviatano.

Tuttavia, Voegelin osserva che nel tempo, man mano che il mondo si è secolarizzato, le religioni politiche si sono chiuse alla pretesa di essere il canale dell’azione di Dio sulla terra e invece sono arrivate a incarnare forze immanenti come “l’ordine della storia” o ” l’ordine del sangue.La metafisica e la religione sono state bandite a favore di un vocabolario di “scienza” che è “interiore-mondana” e quindi chiuse a ciò che Voegelin chiamerebbe il fondamento dell’essere attraverso il quale gli esseri umani sperimentano la realtà trascendente.

Negli Stati Uniti, la nostra religione politica assume la forma del progressismo, che a sua volta è il prodotto del clero protestante che ha abbandonato l’ortodossia nel diciannovesimo secolo a favore di un’ideologia immanente in cui gli Stati Uniti sarebbero serviti come strumento per costruire il regno di Dio sulla terra . Nel suo saggio “The Progressive Era and the Family“, Murray Rothbard fa risalire questo movimento all’ascesa di ciò che definisce “pietismo evangelico” e al modo in cui ha alterato la dottrina tradizionale per richiedere che l’uomo lavori per la propria salvezza lavorando per la salvezza del resto del mondo attraverso la sua immanente riforma.

La canzone “Battle Hymn of the Republic” era un prodotto di questo modo di pensare e, nelle  parole  di uno studioso di Voegelin, il suo autore “trasforma la missione redentrice di Cristo – che non è di questo mondo – nell’attivismo sociale immanente del mondo Movimento contro la schiavitù. “Piuttosto che aspettare che Cristo ritorni, quando stabilirà un nuovo cielo e una nuova terra, il credo progressista sostenne che è compito di ogni vero cristiano redimere il mondo caduto e costruire il regno di Dio sulla terra proprio ora.

La guerra civile è stata intesa come uno di questi episodi redentori (completo di un martire in forma di Abe Lincoln), così come la prima guerra mondiale. Nel suo libro  The War for Righteousness, lo storico Richard M. Gamble documenta il modo in cui il clero protestante progressista ha guidato l’accusa di portare gli Stati Uniti in guerra con la speranza di redimere il mondo. Come Lincoln, Woodrow Wilson è stato percepito come un tragico martire per la causa ed è stato visto con venerazione chiaramente religiosa.

Mentre la religione politica americana ha iniziato tentando di costruire il regno di Dio sulla terra, nel termine di Voegelin è finita come una religione “interiore del mondo” che non tenta nemmeno di mantenere una connessione con l’ordine trascendente della realtà, e invece si giustifica come il canale attraverso il quale scorre l’inesorabile marcia del “progresso”. La democrazia e l’uguaglianza, non il ritorno di Cristo, sono la nuova  fine della storia.

Il risultato finale è che lo stato cerca non solo di soppiantare le istituzioni religiose usurpando le loro funzioni mondane, ma anche usurpando le loro funzioni spirituali. Come i sacerdoti dei tempi di Akhenaton, le istituzioni religiose americane, in particolare quelle cristiane ortodosse, sono sia un polo concorrente del potere sociale che la manifestazione di una religione rivale che deve essere sottomessa se lo “Stato-Dio”, nelle parole di JRR Tolkien, è quello di prevalere.

In questo contesto, con una legislazione come l’Equality Act lo stato non solo sta cercando di erodere ulteriormente il potere sociale delle istituzioni religiose rendendo più difficile l’educazione religiosa o l’adozione, ma allo stesso tempo sta anche promuovendo una dottrina religiosa rivale imponendo ideologia sessuale e di genere sulla società.

È probabile che l’Equality Act non riuscirà a far passare il Senato nella sua forma attuale, ma la realtà della situazione è che finché la religione politica progressista rimane una forza potente nella vita americana, depositari indipendenti del potere sociale come il la famiglia e la chiesa saranno continuamente sotto attacco continuo. Possiamo solo sperare che un giorno il progressismo incontrerà lo stesso destino che Aton ha fatto dopo la morte di Akhenaton, ma fino ad allora, coloro che non aderiscono al culto dello “Stato-Dio” possono solo resistere alle sue imposizioni come meglio possiamo .

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web https://www.technocracy.news/

Articolo correlato

Akhenaton, il faraone alieno

®wld