Crea sito

Le cinque Regine Killer più importanti nella Storia Antica

Molte regine famose hanno alterato il corso della storia. Fonte: Atelier Sommerland / Adobe Stock

Le cinque Regine Killer più importanti nella Storia Antica

del Dott. Micki Pistorius 04 Gennaio 2021 dal Sito Web Ancient-Origins traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La vera leadership non conosce genere e nonostante la condanna sociale o le restrizioni degli dei, donne potenti hanno raccolto la sfida e si sono fatte avanti per prendere saldamente nelle loro mani delicate, le redini del governo.

Regine a pieno titolo, i loro regni sono caratterizzati da progresso, ricchezza e prosperità, qualità intellettuale, edilizia civile, genio militare e persino il loro sacrificio.

Una panoramica attraverso 2000 anni di storia, ci mostra alcune delle regine più eccezionali e famose, che hanno lasciato un’eredità degna e impressionante come i monumenti che avevano costruito come loro tombe

1500 a.C. – Hatshepsut, la famosa regina che divenne re

Il faraone egiziano Thutmosi I e la sua regina Ahmose ebbero una principessa di nome Hatshepsut nel 1508 a.C.

Era l’unica figlia del faraone e della sua prima moglie, e se il lignaggio del governo fosse stato trasmesso alle figlie, sarebbe stata la prima a ereditare la corona reale all’età di 12 anni quando suo padre morì.

Tuttavia, Hatshepsut era sposata con il suo fratellastro Thutmosi II, e diventa la sua principale moglie e regina.

Hanno dato alla luce una figlia, Neferue, e Thutmosi II ha avuto un figlio, Thutmose III, con una concubina. All’età di 27 anni, Thutmosi II muore e Hatshepsut diviene reggente del figliastro Thutmosi III.

Gli Dei dell’Egitto avevano presumibilmente decretato che il ruolo del re non avrebbe mai potuto essere effettuato da una donna.

Il pantheon egizio era composto da 24 dee egiziane, 26 divinità maschili e sei divinità androgine. La dea egizia più potente era Iside, e poi c’erano Hathor, Bastet, Maat, Nut e molte altre.

Molto probabilmente, il “decreto degli dei” è stato imposto da sacerdoti e politici uomini.

Statua del famoso sovrano femminile, Hatshepsut. (CC0)

Furono veloci nel dienticare Sobekneferu, un’altra donna che regnò come faraone durante la XII dinastia, anche se solo per quattro anni.

Probabilmente Hatshepsut pensava che le 24 divinità femminili l’avrebbero sostenuta, quindi nel 1437 a.C. sfidò il decreto e fece posizionare saldamente sulla sua testa la corona Nemes da faraone.

Per ottenere legittimità agli occhi dei suoi sudditi e forse raggiungere un compromesso con i suoi cortigiani, Hatshepsut cambiò il suo nome, che significava “La Prima fra le Nobili Dame”, nella versione maschile Hatshepsu.

È raffigurata mentre indossa abiti maschili e sfoggia persino una falsa barba maschile.

Tradizionalmente, le statue di uomini erano dipinte con un pigmento rosso intenso e le donne con un pigmento giallo più chiaro, ma è interessante notare che le statue di questo sovrano erano dipinte con un tono di pelle arancione unico, una fusione tra i due colori.

Qualunque siano le sue rifiniture estetiche esterne, Hatshepsut è stata un indice lineare efficace e di grande successo per 21 anni.

Il suo principale risultato fu quello di ristabilire le rotte commerciali che erano state interrotte durante l’occupazione degli Hyksos dell’Egitto durante il Secondo Periodo Intermedio (1650-1550 aC), tra la fine del Medio Regno e l’inizio del Nuovo Regno.

Il commercio con la terra di Punt portò ricchezza e prosperità in Egitto.

Ha commissionato centinaia di progetti di costruzione in tutto l’Alto Egitto e il Basso Egitto, di cui il più monumentale è stato il complesso del tempio funerario a Deir el-Bahri, sulla riva occidentale del Nilo.

Ha piantato alberi di mirra, che si era assicurata da Punt, in questo complesso.

Per quanto riguarda la sua politica delle relazioni estere, mantenne per lo più relazioni diplomatiche e pacifiche, ma guidò anche campagne militari in Nubia e Canaan, e inviò rappresaglie contro Biblo e il Sinai.

Statua di Hatshepsut nel suo tempio a Deir el-Bahri. (sootra / Adobe Stock)

Hatshepsut morì intorno al 1458 a.C., all’età di circa 40 anni.

Il suo figliastro Thutmosi III cercò di sradicare tutte le prove del suo governo e fu solo nel 1822 d.C., quando furono decodificati i geroglifici sulle pareti di Deir el-Bahri, che furono rivelati la sua esistenza e il suo governo sorprendente.

Mentre le mummie di Thutmosi I, II e III furono tutte scoperte nella DB320, nella Valle dei Re, Hatshepsut non si trovava da nessuna parte.

Il dottor Zahi Hawass ha rivisitato la tomba conosciuta come KV60, dove due mummie erano state scoperte da Howard Carter. Ha trovato una piccola scatola contenente un organo interno decomposto e un dente.

Le scansioni moderne delle mummie femminili indicavano che una di loro aveva un’orbita dentale vuota, e il dente scoperto corrispondeva perfettamente.

Attraverso i moderni test forensi, la mummia è stata identificata positivamente come Hatshepsut nel 2007.

La regina Faraone era stata restaurata a pieno titolo

1000 a.C. – La Regina di Saba, fondatrice della dinastia salomonica etiope

Sebbene abbia quasi raggiunto lo status di culto come figura leggendaria, la regina di Saba è riconosciuta in tutte e tre le fedi abramitiche:

  • Ebraismo
  • Cristianesimo
  • Islam

Eppure l’ubicazione di Saba è sempre stata contestata.

Alcuni lo collocano nell’Arabia meridionale come il Regno di Saba (l’attuale Yemen), e fonti arabe si riferiscono alla regina di Saba come Balqis o Bilqis.

Intorno alla metà del I millennio a.C., c’erano Sabei anche nel Corno d’Africa, nell’area che in seguito divenne il regno di Aksum, che si trova in Etiopia.

Quindi, è l’Etiopia che rivendica la regina di Saba, chiamata Makeda, come madre della loro nazione.

L’identificazione dell’Etiopia come Saba è supportata dallo storico ebreo del primo secolo d.C., Giuseppe Flavio nelle sue Storia antica degli Ebrei, che identificò Saba come una città reale dell’Etiopia fortificata, che Cambise II ribattezzò Meroë.

Questo nome è stato trovato nel XIV secolo nel Kebra Nagast (“La gloria dei re”), scritto nel XIV secolo e considerato il poema epico nazionale dell’Etiopia. Si presume che la regina di Saba abbia avuto accesso a ricchezze sconosciute.

Nel Corano un’upupa, informa il re Salomone della terra di Saba, governata da una donna, alla quae

“sono state date tutte le cose e ha un grande trono”.

1 Re 10:10 della Bibbia ebraica conferma le sue ricchezze come tali:

“E diede al re 120 talenti (circa quattro tonnellate) d’oro, una grande riserva di aromi e pietre preziose: non arrivarono più aromi in abbondanza come quelli che la regina di Saba diede al re Salomone.

E anche la Marina di Hiram, che ha portato l’oro da Ofir, ha portato da Ofir una grande abbondanza di mandorli e pietre preziose “.

Dipinto del 17° secolo d.C. della famosa Regina di Saba da una chiesa a Lalibela, in Etiopia. Magnus Manske / CC BY SA 2.0

Non c’è dubbio che sia la regina di Saba che il re Salomone fossero consapevoli delle ricchezze dell’altro.

Chi avrebbe si sarebbe inginocchiato per primo davanti al magnifico trono dell’altro?

Sebbene la regina fosse consapevole della forza militare del suo regno, optò per un approccio più diplomatico e decise di inviare regali al re Salomone.

I doni furono rifiutati da Salomone, che disse:

“Mi fornite ricchezza? Ma quello che Allah mi ha dato è migliore di quello che vi ha dato. Piuttosto, siete voi che gioite del vostro dono”.

In modo maschile, Salomone minacciò quindi di intraprendere un’azione militare se la regina non avesse ancora acconsentito alla sua convocazione.

Non sapremo mai se la sua curiosità avesse avuto la meglio su di lei, ma la regina di Saba decise di recarsi a Gerusalemme e portò con sé

“una carovana molto grande, con cammelli che trassportano spezie, e molto oro, e pietre preziose”.

Ha fatto al re Salomone tre indovinelli per mettere alla prova la sua saggezza e lui a sua volta ha cercato di ingannarla facendola camminare su un pavimento di vetro, che lei ha scambiato per acqua.

Una volta messi da parte gli inganni e gli indovinelli, i due reggenti si sono conosciuti più intimamente

Salomone e la regina di Saba (Porte del paradiso). Sailko / CC BY 2.5

La regina di Saba rimase incinta dal re Salomone e gli diede un figlio, Menilek, che divenne re, fondando così la dinastia reale salomonica dell’Etiopia, che governò fino alla deposizione di Haile Selassie I° nel 1974.

In Yemen, gli archeologi che hanno scavato nell’antico tempio sabeo di Awwām, chiamato Santuario della regina di Saba, non hanno trovato alcun riferimento alla regina di Saba nelle numerose iscrizioni e il British Museum afferma che non ci sono ancora prove archeologiche della sua esistenza.

Forse, come Hatshepsut, la regina di Saba potrebbe rivelarsi in un dente perso o in qualche altro manufatto, in attesa di essere ricostruito dalla tecnologia moderna

69 aC – Cleopatra, la regina intellettuale d’Egitto

Tutti conoscono la leggenda di Cleopatra, famosa per la sua bellezza, la sua abitudine di fare il bagno nel latte d’asina e per aver sedotto Giulio Cesare e Marco Antonio di Roma.

Eppure pochi riconoscono che Cleopatra VII era considerata una delle donne più intelligenti del suo tempo.

Cleopatra nacque nel 69 a.C. dal faraone Tolomeo XII. Come il suo predecessore Hatshepsut, divenne faraone, ma dovette superare in astuzia il fratello per conquistare il trono d’Egitto.

Sembra che i Tolomei greci fossero meno vincolati dal decreto delle antiche divinità egizie dal non nominare le donne come governanti.

Nell’81 a.C. morì Tolomeo IX e gli succedette la figlia Berenice III.

Tuttavia, la corte egiziana si opponeva ancora al fatto che una regina regnasse da sola, e lei sposò il suo figliastro, Tolomeo XI, che prontamente la fece uccidere.

La omonima di Berenice, Berenice IV, la sorella maggiore di Cleopatra, rivendicò il trono quando il loro padre, Tolomeo XII accompagnato da Cleopatra, fece una visita di stato a Roma.

Berenice fu uccisa nel 55 a.C. al suo ritorno.

Tolomeo XII governò fino alla sua morte nel 51 a.C., quando Cleopatra e suo fratello minore Tolomeo XIII ereditarono la custodia congiunta dell’Egitto. Il loro disaccordo portò a una guerra civile.

Giulio Cesare, il console romano, intervenne ma fu assediato, insieme a Cleopatra, da Tolomeo XIII.

I rinforzi di Cesare revocarono l’assedio e Tolomeo morì nel 47 a.C. nella battaglia del Nilo.

Un ritratto postumo dipinto di Cleopatra VII dell’Egitto tolemaico dalla città romana di Ercolano, realizzato durante il I secolo d.C., cioè prima della distruzione di Ercolano dall’eruzione vulcanica del Vesuvio. Ángel M. Felicísimo / CC BY 2.0

La sorella di Cleopatra, Arsinoe IV, fu esiliata ad Efeso per il suo ruolo nello svolgimento dell’assedio, e in seguito uccisa dall’amante di Cleopatra, Marco Antonio.

Cesare nominò la 22enne Cleopatra e suo fratello minore di 12 anni Tolomeo XIV come governanti congiunti, ma Cleopatra non avrebbe voluto nessun fratello con cui condividere il trono e lo fece assassinare nel 44 aC.

Chiaramente, era un’abile stratega politica…

Cleopatra è stata salutata come una delle donne più belle della terra, ma sembra che la sua bellezza si riflettesse nel suo intelletto.

Plutarco riconosce nella sua Vita di Antonio, (XXVII.2-3):

“Per la sua bellezza, come ci viene detto, non era di per sé del tutto incomparabile, né tale da colpire chi la vedeva; ma conversare con lei aveva un fascino irresistibile, e la sua presenza, unita alla persuasività del suo discorso e del carattere che era in qualche modo diffuso nel suo comportamento nei confronti degli altri, aveva qualcosa di stimolante.

C’era dolcezza anche nei toni della sua voce; e la sua lingua, come uno strumento a molte corde, poteva facilmente rivolgersi a qualsiasi lingua le piacesse…”

Come principessa reale, il tutore d’infanzia di Cleopatra era Filostrato, che le insegnò l’orazione e la filosofia.

Fu il primo faraone greco a imparare l’antico egizio, sapeva interpretare i geroglifici e, naturalmente, parlava correntemente il greco, la sua lingua madre, così come le lingue dei,

Parti, Ebrei, Medi, Trogodyata, Siriani, Etiopi e Arabi…

Lei studiò:

geografia, storia, astronomia, diplomazia internazionale, matematica, alchimia, medicina, zoologia, economia e altro…

Con un evidente talento per le lingue e data la sua storia con Cesare e Marco Antonio, probabilmente ha anche imparato il latino.

“Cleopatra” (1888) di John William Waterhouse. (Dominio pubblico) Cleopatra è una delle più grandi regine famose nella storia.

Come un’antica Estee Lauder, ha prodotto cosmetici nel suo laboratorio e ha scritto alcuni lavori relativi alle erbe e alla cosmesi.

Il suo lavoro era ben noto durante i primi secoli del Cristianesimo, ma purtroppo tutti i suoi libri furono distrutti nell’incendio del 391 d.C., quando la grande Biblioteca di Alessandria fu distrutta.

La stessa Cleopatra aveva studiato come studentessa presso la Biblioteca di Alessandria.

Durante la guerra del liberatore romano, Cleopatra si schierò con Marco Antonio e navigò a capo della sua flotta in suo aiuto. Sfortunatamente, le sue navi furono gravemente danneggiate da una tempesta nel Mediterraneo ed arrivò troppo tardi per partecipare alla battaglia.

La sua successiva alleanza con Marco Antonio le assicurò gli ex territori tolemaici nel Levante, inclusi quasi tutti quelli della

  • Fenicia (il Libano moderno)
  • la ptolemaica Akko (moderna Acri in Israele)
  • la regione della Celesiria lungo il fiume Oronte superiore
  • la regione che circonda Gerico in Palestina, che affidò a Erode.

Conquistò anche una parte del regno nabateo, Cirene lungo la costa libica, e Itanos e Olous nella Creta romana, dimostrando ancora una volta che ciò che le mancava in forza militare, lo compensò con una strategia intelligente.

Cleopatra fu l’ultimo sovrano attivo del regno tolemaico d’Egitto e dopo la sua morte nel 30 a.C., l’Egitto divenne una provincia dell’Impero Romano.

Quando Cleopatra morì, la sua eredità intellettuale fu trasferita alla figlia che ebbe da Marco Antonio: Cleopatra Selene.

Cleopatra Selene sposò il futuro re Giuba II di Mauretania, lui stesso un grande intellettuale, che incoraggiò la moglie a coltivare la memoria della sua grande madre.

270 d.C. – Zenobia, regina di Palmira

L’eredità intellettuale di Cleopatra fu tramandata di generazione in generazione, fino a Zenobia, che prese il potere come la sua famosa antenata.

Al momento della nascita di Zenobia nel 240 d.C., Palmira era una provincia romana.

I suoi nomi, Giulia Aurelia Zenobia, indicano la sua cittadinanza romana, concessa in precedenza alla famiglia del padre.

L’ascesa al potere di Zenobia iniziò come seconda moglie di Settimio Odaenato, governatore romano di Palmira, che aveva sconfitto il re sassanide Shapur.

Dopo l’assassinio di Odaenathus e Hairan, suo figlio primogenito avuto dalla sua prima moglie, nel 267 d.C. il figlio di Zenobia avuto dall’imperatore Gallieno, Vaballathus, divenne re di Palmira, e Zenobia divenne reggente.

Come Cleopatra, Zenobia intratteneva alla sua corte intellettuali e filosofi, era generosa verso i suoi sudditi e tollerava le minoranze religiose, ma dove Cleopatra aveva ampliato i territori dell’Egitto con un’abile manipolazione, Zenobia espanse il suo territorio con manovre militari.

‘L’ultimo sguardo della regina Zenobia su Palmira’ (1888) di Herbert Gustave Schmalz. Dominio pubblico

Durante il terzo secolo d.C., Roma conobbe una grave crisi, soprannominata Crisi Imperiale (235-284 dC) quando l’impero fu assediato da invasioni, ribellioni, guerre civili, pestilenze e depressione economica.

La regina Zenobia vide l’opportunità di capitalizzare la situazione, espandendo il territorio di Palmira e, infine, di ottenere l’indipendenza da Roma.

Forte della sua discendenza da Cleopatra, rivendicò l’Egitto ormai provincia romana.

La sua pretesa fu riconosciuta dall’egiziano Timagenes, che radunò le sue truppe per sconfiggere il prefetto d’Egitto, Tenagino Probus.

Dopo l’annessione dell’Egitto, Zenobia diresse i suoi eserciti in Anatolia, conquistando strada facendo Siria, Palestina e Libano.

L’imperatore romano Aureliano non aveva altra scelta che riconoscere l’Impero di Palmira, poiché stava affrontando una minaccia più grande in Occidente.

Zenobia, che fungeva ancora da reggente per suo figlio, fece coniare monete che mostravano Vaballathus e Aureliano che avevano lo stesso grado.

Non molto tempo dopo, solo Vaballathus e la stessa Zenobia comparvero sulle monete.

Nel 272 d.C. Zenobia dichiarò suo figlio imperatore e assunse il titolo di imperatrice, un affronto che convinse Aurelio a rivolgere i suoi eserciti ad est.

Sconfisse Zenobia ad Antiochia ed Emesa. Zenobia prima fuggì dalla sua amata Palmira e poi tentò di fuggire in cammello con suo figlio, ma fu arrestata da Aureliano.

Il destino della regina di Palmira dopo è pura speculazione:

fu fatta sfilare da Aureliano durante il suo trionfo, le fu concessa una villa da Aurelio e sposò un ricco romano…

Morì dopo il 274 d.C., ma la sua eredità è ancora celebrata poiché è venerata come simbolo del patriottismo in Siria.

Statua in marmo della famosa regina Zenobia in catene. CC BY SA 3.0

500 d.C. – La Signora di Cao, Perù

Nel 1987, gli scavi a Huaca Rajada, Sipán, hanno rivelato tombe intatte, con diverse mummie, e la prima è stata soprannominata “Il Signore di Sipán“.

I suoi gioielli e ornamenti in oro, argento, rame e pietre preziose indicavano che apparteneva al rango più alto. C’erano due piramidi a Huaca Rajada, come nel successivo sito di Moche, scoperto a El Brujo.

Nel 2006, a Huaca El Brujo (Luogo Sacro del Mago) sulla costa settentrionale del Perù che si affaccia sul Pacifico blu, è stata scoperta un’altra mummia, ma questa volta era una donna.

La Signora di Cao, come è chiamata, era morta intorno ai venticinque anni circa 1.500 anni fa, probabilmente a causa di una complicazione di parto. Una seconda giovane donna, probabilmente un sacrificio, fu sepolta con lei.

Le due piramidi principali, Huaca del Sol e Huaca de la Luna a El Brujo, un tempo erano il centro delle celebrazioni sociali e religiose della cultura pre-Inca Moche.

Quando gli archeologi peruviani iniziarono a scoprire per la prima volta le immagini della vita di Moche raffigurate sulle pareti delle tombe, erano convinti che le immagini fossero rappresentazioni metaforiche di eventi cosmici, poiché certamente nessuna cultura avrebbe potuto avere potenti mistiche sacerdotesse bevitrici di sangue, che governavano una tale società.

Ricostruzione del potente sovrano femminile conosciuta come la Signora di Cao. Ozesama / CC BY SA 4.0

In precedenza, si pensava che la società fosse governata da uomini, dopo la scoperta del Signore di Sipán.

Tuttavia, un rituale raffigurato sulla parete della tomba mostra individui nudi, vinti e legati, che marciano fino alla piattaforma superiore della grande piramide dove le loro gole vengono tagliate, come sacrificio a una divinità suprema.

Sorprendentemente, un grande calice d’argento, il marchio di un sovrano nella società Moche, viene utilizzato per raccogliere il sangue e poi il sangue viene consumato dalla sacerdotessa-regina.

Non solo la ricchezza dei manufatti, ma in realtà le armi trovate con la mummia femminile, indicano che potrebbe essere stata una sovrana.

Ciò che ha reso la Signora di Cao ancora più straordinaria, sono stati i suoi tatuaggi.

I Moche non hanno mummificato i loro morti deliberatamente, ma il clima secco ha preservato la Signora di Cao e i suoi intricati tatuaggi.

Sebbene non si creda che i membri più comuni della società Moche fossero tatuati, si potrebbe certamente dedurre da questa sepoltura che probabilmente erano i membri di status più elevato, e i tatuaggi rappresentavano e rafforzavano la connessione dell’individuo con il divino attraverso la magia simpatica.

Nessuno conosce le circostanze esatte della vita della Signora di Cao, ma è chiaro che alla sua morte le fu assegnato lo stesso status di quello dei presunti governanti maschili.

Come Hatshepsut, la tecnologia moderna ha riportato in vita la Signora di Cao.

Con l’aiuto della stampa 3-D, una ricostruzione facciale della regina sacerdotessa ora funge da modello peruviano di governo femminile.

Ricostruzione della Signora di Cao. © Manuel González Olaechea y Franco / CC BY SA 3.0

Fonte / https://www.bibliotecapleyades.net/

Ti potrebbero interessare

Il grande ripristino non è eccezionale e non è nuovo

Le buone intenzioni, ma tanto contraddette dai fatti

La propaganda delle fake news sui trichechi morenti

®wld

Siamo tutti nel fango, ma alcuni di noi guardano le stelle…

La grande congiunzione di Giove e Saturno è su di noi e non guardiamo indietro. Immagine: Twitter

Ecco l’Alba dell’età dell’Acquario – una lettura astrologica del Pianeta terra al tempo della Grande Mutazione

di Pepe Escobar dal Sito Web AsiaTimes traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese Versione in spagnolo

Oggi tutte le stazioni radio del pianeta Terra dovrebbero suonare questa canzone.

Quella che i Fifth Dimension, con un nome appropriato, immortalò ai loro albori nel 1969, un classico soul psichedelico è ora letteralmente vero:

Questa è l’alba dell’Età dell’Acquario – Grande congiunzione di Giove e Saturno il 21 dicembre, anno Zero dell’Acquario…

L’Acquario inizia proprio quando alcune élite losche e autoimportanti si preparano per imporre un grande ripristino (Graet Reset) sulla maggior parte del pianeta, seguendo un programma politico molto specifico, riduzionista ed esclusivista.

Eppure il vero affare non è il Reset:

è la Mutazione

Quindi siamo tutti coinvolti in qualcosa di molto più grande di qualsiasi scenario neo-orwelliano.

Per far luce su quella che sembra la nostra attuale, interminabile oscurità, ho posto domande selezionate a Vanessa Guazzelli, una rispettata astrologa, scrittrice e relatrice in conferenze di astrologia in tutto il mondo, nonché psicoanalista e psicologa praticante.

Lascia che l’astrologia fertilizzi la geopolitica.

Fa entrare la luce…

La mappa astro-cartografica della Grande Mutazione

Tutto ciò che è solido muta in aria

PE (Pepe Escobar): Probabilmente non molte persone in tutto il mondo sono consapevoli che una congiunzione Giove-Saturno questo 21 dicembre sembra rapp  resentare l’ultimo punto di svolta – definito da studiosi di astrologia seri, come la Grande Mutazione.

Potresti spiegare cosa significa veramente questa “Mutazione”, astrologicamente, poiché sembra che si verifichi ogni 200 anni?

E riportandolo alla vita di tutti i giorni e alla politica, possiamo dedurre parallelismi geopolitici da ciò che ci dicono le stelle?

VG (Vanessa Guazzelli): Con “Grande mutazione” ci riferiamo a quando le congiunzioni Giove-Saturno cambiano elementi, cosa che accade ogni 200 anni come hai detto.

Giove e Saturno sono in congiunzione, astrologicamente, per longitudine eclittica, ogni 20 anni, un periodo non così lungo.

Tuttavia, continuano a intersecarsi nei segni dello stesso elemento per 200 anni, con la possibilità di altri 40 anni di transizione, e quindi con un ciclo maggiore.

Giove e Saturno sono ciò che chiamiamo pianeti sociali e devono essere considerati per quanto riguarda la politica e la geopolitica.

Quando la congiunzione Giove-Saturno inizia ad avvenire effettivamente nell’elemento successivo, segna la Grande Mutazione, dando luogo a,

importanti cambiamenti socioeconomici e culturali…

È quello che sta succedendo adesso.

Vanessa Guazzelli.

Veniamo da un periodo di due secoli di congiunzioni nei segni della Terra.

L’enfasi è stata sulla materia e sulla dimensione più tangibile della vita:

ragazzi e ragazze materiali in un mondo materiale.

Mentre ora ci spostiamo nell’elemento aria, quando si congiungono a 0º dell’Acquario, ha luogo una richiesta di sublimazione.

Tutto ciò che è solido si trasforma in aria…

Le cose e le procedure possono essere meno materiali, più digitali e, in una certa misura, virtuali.

Ma non solo quello.

Idee e ideali condivisi acquistano ancora più importanza.

Più di quello che abbiamo materialmente, ciò che conta di più è con chi e per cosa.

La collaborazione e la cooperazione sono, oggi più che mai, i venti che fanno girare il mondo.

Questo è davvero un aspetto e una configurazione astrologicica altamente significativa che si verificano il 21 dicembre, alle 18.20 UTC. In alcune parti dell’Asia e dell’Oceania, sarà già passata la mezzanotte, il 22 dicembre.

Questa non è solo la Grande Mutazione ma una Grande Congiunzione, quando i due pianeti visibili più lontani si congiungono non solo per longitudine ma anche per latitudine (coordinate eclittiche), sia nell’ascensione retta che nella declinazione (coordinate equatoriali).

Ciò significa che non sono solo allineati nella stessa direzione ma sono davvero molto vicini l’uno all’altro nel cielo visto dalla Terra, quasi come se fossero la stessa stella.

L’ultima volta che i due corpi celesti sono stati così vicini è stato nel 1623, ma quella non era una Grande Mutazione, solo una congiunzione regolare in termini di longitudine eclittica.

Astrologicamente, il fatto che tutti questi miglioramenti avvengano insieme in questo momento, intensifica il significato di ciò che questa congiunzione ora indica, quanto sia potente una mutazione che segna.

Nella vita di tutti i giorni si parla anche di un aumento dello sviluppo tecnologico, della digitalizzazione delle cose e delle procedure, comprese le criptovalute e il denaro digitale, come una sorta di denaro “trasformato” dalla materia a una “sostanza” più leggera e meno materiale che può rapidamente circolare nell’aria.

A livello più personale, tendiamo a perdere interesse per contesti sociali che non sono in sintonia con le nostre idee e ideali, e siamo spinti verso gruppi, associazioni e progetti sulla stessa lunghezza d’onda in cui siamo noi.

Non è il momento di affidarsi semplicemente alle istituzioni per prendersi cura delle persone, ma un tempo per discernere da soli e quindi collegarsi con gli altri con interessi, ideali, scopi condivisi.

L’elemento aria è dove apriamo lo spazio e facciamo spazio all’Altro, sia nel rispetto delle differenze sia per collaborare e cooperare verso interessi e progetti condivisi.

Co-op, in cui ogni partecipante riceve una quota equa e proporzionale, in un’impresa comune, è sicuramente una strada da percorrere.

L’Acquario è opposto al segno centralizzante del Leone.

Geopoliticamente, questo vuol dire, non è il tempo di governare il mondo per una sola stella egemonica, ma un tempo che illumina l’intero cielo per molte stelle.

Non è il momento per un unico impero.

Possono esserci imperi, solo al plurale.

La forza delle nazioni potenti ora risiede, più che mai, nella qualità delle loro partnership e alleanze nel rispetto reciproco, alla pari.

Qualsiasi potere che perde di vista quella chiave cruciale lo vedrà, a breve o lungo termine, ritorcersi contro.

Alcuni sono più potenti di altri e alcuni saranno più importanti di altri.

Tuttavia, non sono da soli.

È tempo per un mondo multipolare – ora questo è il Mandato del Cielo.

Per quanto riguarda la mappa astro-cartografica della Grande Mutazione, che mostra le linee delle posizioni planetarie sulla faccia della Terra, è interessante notare che le linee IC (Imum Coeli) di Giove e Saturno passano per Pechino, indicando la rilevanza della Cina all’inizio di questo ciclo di 200 anni, poiché l’IC è la radice di una carta astrologica.

Dall’altra parte del globo, vediamo le linee MC (Medium Coeli) dei due pianeti che attraversano il Sud America (Venezuela, Amazzonia brasiliana, Bolivia, Argentina), mostrando il valore delle risorse del continente in questo nuovo ciclo.

Cosa sta combinando la gentaglia di Davos

PE: La nostra attuale, turbolenta congiuntura sembra indicare una maggiore biosicurezza e ciò che alcune serie analisi di sistema definiscono tecno-feudalesimo.

Tutto ciò implica un’iper-concentrazione di potere – e non solo il potere esercitato dall’egemonico geopolitico, gli Stati Uniti.

Dobbiamo ora aspettarci una grave mutazione del sistema-mondo – come studiato da Immanuel Wallerstein, nel senso di cambiamenti seri nel nostro sistema capitalista?

Immanuel Wallerstein. Fonte: Wikimedia Commons

VG: Sì, dovremmo. Siamo proprio al punto di svolta del sistema-mondo.

Insieme alla Grande Mutazione, un altro aspetto immensamente significativo della decade 2020 è la congiunzione Saturno-Nettuno, nel febbraio 2026, a 0° dell’Ariete.

Questo è precisamente il primo grado dell’intero Zodiaco, chiamato anche il punto primaverile– cruciale nell’interpretazione astrologica.

Saturno e Nettuno si congiungono ogni 36 anni, il che è un ciclo storico relativamente breve.

Tuttavia, come con la Grande Mutazione, il modo in cui e dove si manifesta nello Zodiaco può condurci a prospettive storiche più ampie e indicare momenti storici più espressivi.

Se torniamo indietro fino a 7.000 anni fa, questa congiunzione si è verificata al punto primaverile solo nel 4361 a.C. e nel 1742 a.C.

Se guardiamo in alto tremila anni avanti, il punto più vicino è il punto primaverile è il terzo di Ariete nel 3172. Abbastanza raro…

Quindi questa congiunzione al primo grado dello Zodiaco, 0º dell’Ariete – l’inizio – non è un affare così da poco.

  • Nettuno feconda e concepisce
  • Saturno si relaziona con la struttura concreta della realtà
  • e 0º di Ariete significa nuovo, che spunta

Saturno-Nettuno su 0º Ariete significa una nuova concezione della realtà

Gli aspetti tra Saturno e Nettuno, secondo l’osservazione storica, sono associati al socialismo e al comunismo – questi movimenti sulla Terra coincidono con i contatti in transito tra questi due pianeti nel cielo.

È già stato dimostrato storicamente nell’astrologia comune.

Inoltre, questo non ci parla solo del passato, perché in effetti sta per iniziare:

migliorandosi e avanzando, riconfigurandosi in forme ancora nuove di socialismo.

Secondo Wallerstein, durante la crisi strutturale che caratterizza il periodo finale di un sistema-mondo, una biforcazione del sistema può volgere verso una delle due direzioni o in più sistemi.

Prima che finisse l’anno scorso, ci si considerava proprio nel mezzo della crisi strutturale del capitalismo, che dura dai 60 agli 80 anni.

Direi che in questo momento abbiamo superato il punto medio.

Potrebbe, inizialmente, andare verso più sistemi in due rami:

  • da un lato, la freschezza dei venti orientali che ispirano il socialismo e il multipolarismo attraverso la Belt and Road Initiative e l’integrazione dell’Eurasia e dei suoi partner

  • d’altra parte, il turbine dell’impero al collasso e dei suoi alleati occidentali come cyborg sterminatore gestito dal perverso 0,0001% che è così senza vita da non poter concepire il diritto di esistere degli altri…

Quando ne ho sentito parlare per la prima volta nel giugno 2020, mi ha stupito come hanno impostato il “Grande Reset” per gennaio 2021, così vicino alla Grande Mutazione alla fine di dicembre 2020.

Dubito che questa sia una semplice coincidenza o “sincronismo”…

JP Morgan è noto per aver affermato che i milionari non hanno bisogno di astrologi, ma i miliardari sì.

Forse consapevole di questa grande transizione, la ciurma di Davos sembra stia effettivamente cercando di ripristinare il sistema che già governa con le proprie impostazioni e di far rivivere il sistema morente come un cyborg dall’inferno.

“Wall Street Bubbles – sempre lo stesso”, Fumetto del 1901 di Keppler, raffigura JP Morgan come un toro che soffia bolle di sapone per gli investitori desiderosi. Fonte: Wikimedia Commons

Il potenziale nefasto dell’enfasi dell’Acquario è il controllo della società attraverso la tecnologia, sia essa tecno-feudalesimo o, gli dei non vogliano, tecno-schiavitù.

Sul lato più luminoso della Forza, l’Aquario riguarda un progetto sociale per sostenere la vita e soddisfare i bisogni delle persone.

Entrambe le dimensioni o sistemi potrebbero coesistere sulla Terra per un po’…

Le potenze occidentali – per non parlare dei Maestri dell’Universo, come dici tu, che tirano i fili – sembrano avere molta strada da fare prima di raggiungere uno stato di cooperazione reale e rispettosa.

Forse le civiltà più antiche trovate in Oriente hanno una radice più profonda e più coerente da cui attingere la saggezza e la maturità necessarie in tempi così difficili per l’umanità.

Spesso ricordate per il cibo e le merci scambiate lungo il percorso, le Vie della Seta coinvolte in passato e coinvolgono oggi lo scambio di idee.

È interessante osservare il forte margine dell’Acquario attivato nelle progressioni astrologiche della Cina quando la Belt and Road Initiative fu proposta per la prima volta da Xi Jinping ad Astana, nel 2013, e come si collegasse al grado della Grande Mutazione (Venere progredita e Giove congiunti AC al 1º Acquario).

Quando alcuni anni prima Vladimir Putin tenne il suo discorso storico a Monaco, proponendo l’integrazione eurasiatica, nel febbraio 2007, c’era un aspetto Saturno-Nettuno: un’opposizione.

Quando alla 7a Assemblea delle Nazioni Unite, sia Putin che Xi hanno pronunciato discorsi lunghi, forti e sincronizzati affermando la multipolarità del mondo, nel 2015 c’era anche un aspetto Saturno-Nettuno: un quadrato.

Il prossimo aspetto Saturno-Nettuno sarà la congiunzione, nel febbraio 2026, che inaugurerà un ciclo nuovo di zecca e possiamo aspettarci che sia correlato a questi movimenti precedenti, tenendo presente che il ciclo punta verso la multipolarità e nuove forme di socialismo.

L’incantesimo della Luna Nera

PE: Può il Covid-19, a un certo livello, essere interpretato come il – spiacevole – preambolo di una Grande Mutazione?

Dopo tutto la nuova (non) realtà sociale rappresenta un sistema capovolto:

  • devastazione economica quasi totale, soprattutto delle piccole imprese

  • cancellazione dei diritti costituzionali
  • governi che praticamente governano per decreto, senza consultazione popolare
  • corporazioni globali che censurano ogni forma di dissenso informato
  • intere società praticamente agli arresti domiciliari
  • gran parte del pianeta ridotto a una sorta di parco tematico totalitario…

VG: Oh, Covid-19… – potremmo avere un’intera conversazione solo sulle implicazioni di questo, in così tante dimensioni e su come può essere, in una certa misura, tracciato astrologicamente.

Sicuramente può essere interpretato come lo spiacevole preambolo, forse mirante al Grande Reset, su cui si potrebbe riflettere.

Un’esperienza collettiva mondiale senza precedenti – e un esperimento.

Tuttavia, serve a scuotere tutto, trasformando la nostra stessa percezione del tempo, preparandoci alla concezione di un nuovo tempo.

A tutti coloro che prestano attenzione, un invito a essere ancora più vivi, più vividi, contro ogni previsione…

Una luna quasi nera. Immagine: Getty / AFP

La stessa dicotomia così enfatizzata tra “prendersi cura della vita o prendersi cura dell’economia”, in sé e per sé mostra quanto il mondo fosse già assurdo.

Quante persone sono state così facilmente intrappolate nel separare una cosa dall’altra, come se fosse un mezzo per resistere al sistema e dire finalmente no alle esigenze dell’accumulazione di capitale.

Per vedere alla fine, infatti, le piccole imprese devastate, la povertà drasticamente in aumento, mentre i miliardari concentrano la ricchezza a livelli ancora più bizzarri.

Una cosa fondamentale da considerare è come ha influenzato il corpo umano.

La pandemia è stata dichiarata durante una Black Moon (l’apogeo lunare) in Ariete e questo indica l’importanza di essere nettamente presenti e reattivi mentre Michael Jackson ballava, Bruce Lee si è mosso e Maria Zakharova risponde.

In ottobre, la Black Moon, questo punto astrologico che rappresenta la dimensione viscerale e istintiva dell’esistenza, si è trasferito nel Toro, evidenziando l’importanza di essere consapevoli di come la forza vitale in noi è condizionata o canalizzata, plasmando il modo in cui percepiamo la nostra stessa esistenza.

Ad esempio, come il confinamento del corpo potrebbe – o non potrebbe – confinare la nostra psiche.

Quali sono gli effetti psicologici della mancanza di tatto o dell’esperienza fisica di avere costantemente la bocca coperta?

Il modo in cui queste situazioni influenzano la nostra psiche, non è irrilevante.

Sia René Descartes che Wilhelm Reich avevano la Black Moon in Toro.

Come sono correlati mente e corpo?

Sono una dicotomia cartesiana o si intrecciano come unità bioenergetica mossa dalla libido?

Questo è un importante problema di fondo nella nostra collettività fino a luglio 2021

Il destino dell’impero americano

PE: L’astrologia nella storia è piena di storie affascinanti sulle interpretazioni celesti che aprono la strada a una mossa cruciale politica o militare.

Ad esempio, subito prima della conquista mongola di Baghdad nel 1258, il Gran Khan, Hulegu, chiese all’astrologo di corte le prospettive future.

L’astrologo, Husam al-Din, disse che se avesse seguito i suoi generali e avesse invaso Baghdad, le conseguenze sarebbero state minacciose.

Ma poi Hulegu si rivolse a un astronomo sciita, Tusi, un poliedrico.

Tusi disse che l’invasione sarebbe stata un grande successo. Questo è quello che è successo – e Tusi è stato ammesso nella cerchia ristretta di Hulegu. Quindi i Mongoli – che hanno costruito il più grande impero della storia – erano grandi fan delle ” conferme celesti”.

Potrebbe “la conferma celeste” dei nostri tempi finire per prevedere il destino di un altro impero – gli Stati Uniti…?

VG: È vero, ci sono così tante storie affascinanti.

La fine dell’Impero Bizantino e la conquista di Costantinopoli da parte del sultano Mehmet II dell’Impero Ottomano fu anche segnata da una previsione astrologica della vittoria ottomana relativa a un’eclissi.

Il ritorno di Plutone negli Stati Uniti avverrà nel 2022. È enorme. È un ciclo di circa 247 anni.

Plutone ha un valore del destino. Il ritorno del signore degli inferi parla anche del ritorno di ciò che è stato represso, nascosto o rifiutato. Avrà tre risultati esatti nel 2022 e l’ultimo e definitivo del prossimo ciclo di Plutone vedrà il pianeta della morte e della rigenerazione di fronte alla Luna Nera Lilith in Cancro, in opposizione.

Il karma è bastardo e colpisce all’interno…

È anche un ciclo correlato al potere e allo stato di potere. Non sarà tutto brutto e ci saranno alcuni momenti vittoriosi, ma c’è un cambiamento nella posizione del paese nell’equilibrio dei poteri nel mondo che non è così facile da digerire.

La lotta per il potere sarà intensa, sia esternamente che internamente, con notevoli rischi di manifestazioni distruttive.

Il modo migliore per attraversare un momento del genere sarebbe eliminare – anche se è difficile credere che “la palude” possa essere prosciugata così facilmente.

È un invito a una trasformazione profonda, quando tutte le cose sotto il tappeto e i cadaveri fuori dal seminterrato devono essere affrontati.

Per il popolo della nazione è un appello alla maturità (Saturno congiunge la Luna), alla compassione e una disposizione più umanamente ricettiva (opposizione di Nettuno), lasciando che le illusioni si dissolvano e che realizzano che l’impero sta perdendo la sua egemonia e il suo status, ma la nazione continuerà.

Che nazione sarebbe per il suo popolo, se andasse contro altri popoli?

Ciò non significa che l’Impero americano cadrà entro il 2022, ma sta collassando e subirà trasformazioni drammatiche nel prossimo decennio.

Un rinascimento distopico

PE: In mezzo a tanta tristezza, sembra che tu stia introducendo un concetto molto promettente:

“Rinascimento distopico”.

Questo è l’esatto opposto di ciò che viene ampiamente interpretato come il nostro inevitabile futuro neo-orwelliano.

Come descriveresti questo Rinascimento distopico, in termini di lotta individuale, collettiva, politica e culturale?

VG: Il concetto emerge proprio per chiarire l’estrema complessità dei nostri tempi.

Ebbene, la parte rinascimentale sembra molto promettente, non è vero? Ma c’è anche la parte distopica. Non è una rinascita utopica, come ben sappiamo.

Forse tra 200 anni, quando raggiungeremo la Grande Mutazione nell’acqua, lo stesso elemento del magnifico Rinascimento italiano, l’umanità potrebbe essere in grado di sentire e comprendere meglio dimensioni più profonde della vita.

Perché non mirare all’utopia? Ma tutto ciò che può essere possibile a quel punto passa proprio ora.

È ora che, insieme a questa speciale Grande Mutazione, alcuni significativi aspetti astrologici indicano un vero cambiamento del sistema-mondo.

Ci vuole questo momento cruciale nel tempo e questo periodo di aria per elevare le prospettive, per condividere idee e ideali e capire quanto possa essere arricchente costruire,

“una comunità con un futuro condiviso per l’umanità”, come dice Xi Jinping…

Un punto di svolta fortemente rafforzato, che apre nuovi orizzonti, offre la possibilità di arricchire gli scambi in un mondo multipolare e con un appello al socialismo come non abbiamo mai conosciuto prima.

Atlante catalano, dettaglio che mostra la famiglia di Marco Polo 1254-1324 che viaggia con una carovana di cammelli, 1375, disegno di Spanish School. Fonte: Wikimedia

Non dimentichiamo che questo momento risuonava anche nel XIII° secolo, quando il veneziano Marco Polo, viaggiando attraverso la Via della Seta fino in Asia, riportò in Europa la freschezza dei venti orientali, con notizie dalla dinastia Yuan di Kublai Khan, tra cui la ” variazione “del denaro in una forma più leggera, dalla moneta alla carta.

A quel tempo, c’era uno stellium (una concentrazione di pianeti) in Capricorno proprio come avevamo nel 2020, con la seguente congiunzione Giove-Saturno in Acquario (sebbene non come una grande mutazione), e l’ingresso di Plutone in Acquario come faremo anche noi nel 2023/2024.

È un contesto assurdamente distopico, ma punto di svolta per una nuova concezione della realtà e la possibilità di sorprendenti nuovi orizzonti.

Un nuovo sistema mondiale è nell’aria

PE: Giorgio Agamben ha fatto riferimento a quella famosa intuizione di Foucault in Les Mots et les Choses, quando Foucault scrive che l’umanità può scomparire come una figura disegnata nella sabbia che viene cancellata dalle onde che colpiscono la riva.

L’immagine sorprendente può applicarsi alla nostra attuale condizione mutevole, mentre stiamo per entrare in un’era transumana e persino post-umana, dominata dall’intelligenza artificiale (AI) e dall’ingegneria genetica.

Giorgio Agamben sostiene che il Covid-19, il riscaldamento globale e, più radicalmente, l’accesso digitale diretto alla nostra vita psichica – tutti questi elementi stanno distruggendo l’umanità.

La Grande Mutazione installerebbe un paradigma diverso e ci allontanerebbe dalla post-umanità?

FG: Il rapido sviluppo della tecnologia sarà qualcosa di seriamente complesso da affrontare.

Sarà sorprendente in molti modi, ma non tutti belli, che presentano sfide innegabili, alcune delle quali sono già in atto e stanno per intensificarsi.

Quali sono gli effetti della tecnologia e dell’intelligenza artificiale sia nel nostro corpo organico che in quello soggettivo?

Il controllo mentale con dispositivi bidirezionali, sia la raccolta di informazioni che l’induzione di comandi è un work in progress.

Livelli perversi di controllo tecnologico della società sono una seria preoccupazione poiché Plutone, alias Ade, signore degli Inferi, transiterà anche nell’Acquario tecnologico e futuristico dal 2023/24 in poi, fino al 2043/44 – tempi di intensa trasformazione sociale, quando i progressi tecnologici lasceranno a bocca aperta e la concezione stessa della scienza cambierà considerevolmente, ma con seri rischi di follia transumana e postumana.

Non possiamo ignorare la nostra omogeneità.

Non possiamo neppure ignorare la nostra soggettività.

Plutone parla di trasformazione o dominio, in altre parole, citando un tuo recente articolo:

“Ecco il nostro futuro: hacker o schiavi”.

Dobbiamo fare della pirateria, non solo in senso oggettivo – che sicuramente diventa sempre più un’abilità allettante – ma anche in senso soggettivo, trovando linee di fuga e mantenendo vivo Eros, la forza vitale vivida dentro di noi.

Considerando che siamo già qui, vivendo tempi distopici,

tanto vale trarre il meglio da questa avventura innegabilmente epica…

Invece di soccombere alla paura e all’isolamento, sopraffatti dal destino e dall’oscurità, non dimentichiamo l’osservazione di Wallerstein sul destino contro il libero arbitrio – una conquista molto interessante, tra l’altro, che la mia esperienza di astrologa che osserva i cicli collettivi e individuali conferma molto:

Entrambi esistono…

Durante il periodo stabile di un sistema-mondo, la sua vita normale, quando la sua struttura funziona bene anche se ci sono alcune fluttuazioni, tende alla stabilizzazione ed è molto difficile cambiare le cose nel sistema.

È destino:

devi fare un sacco di sforzi per ottenere forse pochissimi cambiamenti cercando di sfuggire al destino.

Ma quando il sistema-mondo ha raggiunto la sua fase finale, non può più essere salvato e c’è molta instabilità.

La crisi non sta finendo e l’unica possibilità è il cambiamento, in un modo o nell’altro – è tempo di libero arbitrio.

Nella crisi strutturale, Wallerstein dice che abbiamo più libero arbitrio, le nostre azioni hanno un impatto più forte e ogni piccola mossa conta per decidere in quale direzione andrà il cambiamento del sistema.

Nella nostra vita personale a questo punto di svolta nel tempo, come si chiede Foucault, possiamo anche chiederci:

In quanto esseri umani, siamo un freno o un ostacolo?

Siamo un modo per imprigionare la vita o siamo un’apertura, una linea di fuga?

Per quanto riguarda le parole di Foucault che tu e Agamben portate alla luce, permettetemi di fare riferimento al paragrafo precedente, poco prima di quello finale di Les Mots et les Choses, quando afferma che:

“prendendo un campione cronologico relativamente breve all’interno di un’area geografica ristretta – la cultura europea dal XVI secolo – si può essere certi che l’uomo è un’invenzione recente al suo interno”.

“L’uomo” a cui si riferisce come l’effetto di un cambiamento nelle disposizioni fondamentali della conoscenza un paio di secoli fa, con le disposizioni più recenti che forse stanno per finire, rientra nei riferimenti europei.

Questo non è né l’inizio né la fine dell’uomo, né la sua unica espressione interessante.

Con un enorme e profondo apprezzamento per così tanta cultura europea, forse una delle cose che giungono a una fine necessaria è l’Eurocentrismo.

Ciononostante, ovviamente, è profondamente preoccupante il modo in cui i volti vengono allo stesso tempo tracciati digitalmente dalle macchine e nascosti agli altri umani da maschere, specialmente gli effetti di tutto questo nei bambini. L’attuale transizione non è priva di effetti epistemologici ed effetti su come concepiamo l’uomo, gli esseri umani.

Ma non è tutto detto e fatto.

Per contrastare il rendere oggetto l’essere umano, potrebbe essere opportuno attingere dalla concezione degli esseri umani dei Tupis:

tu + pi, suono seduto.

Un essere umano è un suono che si è seduto, ha avuto luogo e vibra.

Dobbiamo mantenere vibranti i nostri corpi, i nostri volti e le nostre parole.

Per il nativo sudamericano Tupis, ogni essere umano è una nuova musica, una nuova parola che vibra e co-crea la vita con gli altri e la natura.

Albert Eckhout dipinto di un uomo Tupi. Fonte: Wikipedia

Sembra che le radici più profonde della saggezza aborigena-indigena debbano ancora essere più pienamente riconosciute e reintegrate nelle Americhe prima che possa aver luogo la reinvenzione del mondo in Occidente.

Ora i venti soffiano dall’Est e dall’Eurasia, ispirando nuove forme di convivenza.

Ma i controllori del capitale, della ricchezza e del potere del mondo non si arrenderanno senza combattere – o faranno poche guerre e un pesante bagaglio obbligo di controllo sociale tramite la tecnologia, catturando corpi e menti.

Quale sarà, Great Reset o Great Mutation?

C’è una via d’uscita? Sì…

E sembra percorrere le Nuove Vie della Seta e l’Integrazione dell’Eurasia – letteralmente in una certa misura importante, ma anche simbolicamente.

L’Occidente può guadagnare molto dall’apertura ai venti orientali, dalle notizie e dalle idee che portano, storie di una comunità di futuro condiviso per l’umanità.

Un nuovo sistema mondiale è nell’aria…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Abbiamo implorato maggiore sicurezza e abbiamo ceduto volentieri più delle nostre libertà e diritti. Che tristezza

Siamo in guerra
Pubblicato per la prima volta da Global Research il 9 gennaio 2021
  
Siamo in guerra. Sì. E non intendo l’Occidente contro l’Oriente, contro Russia e Cina, né il mondo intero contro un invisibile virus corona.

No. Noi, la gente comune, siamo in guerra contro un sistema globalista elitario sempre più autoritario e tirannico, regnato da un piccolo gruppo di multimiliardari, che già decenni fa aveva pianificato di prendere il potere sulle persone, controllarle, ridurle a quello che una minuta élite crede sia un “numero adeguato” per abitare Madre Terra – e per digitalizzare e robotizzare il resto dei sopravvissuti, come una sorta di servi. È una combinazione di “1984” di George Orwell e “Brave New World” di Aldous Huxley.

Benvenuti nell’era dei transumani. Se lo permettiamo.

Vaccinazione

Ecco perché la vaccinazione è necessaria a velocità di curvatura, per iniettarci sostanze transgeniche che possono cambiare il nostro DNA, per timore che ci svegliamo, o almeno una massa critica possa diventare cosciente e cambiare le dinamiche. Perché le dinamiche non sono prevedibili, soprattutto non a lungo termine.

La guerra è reale e prima ce ne rendiamo conto tutti, prima quelli in maschera e quelli in allontanamento sociale conoscenza delle situazioni distopiche “anti-umane” mondiali che abbiamo permesso ai nostri governi di concederci, maggiori sono le nostre possibilità di riprenderci i nostri sé sovrani.

Oggi ci troviamo di fronte a regole del tutto illegali e oppressive, tutte imposte con il pretesto della “tutela della salute”.

La non obbedienza è punibile con enormi multe; regole applicate dall’esercito e dalla polizia: indossare la maschera, allontanamento sociale, mantenersi entro il raggio consentito dalle nostre “case”, mettere in quarantena, stare lontano dai nostri amici e famiglie.

In realtà, prima, noi, il popolo, riprenderemo una vecchia caratteristica dimenticata del genere umano – la “solidarietà” – e combatteremo questa guerra con la nostra solidarietà, con il nostro amore reciproco, per l’umanità, con il nostro amore per la VITA e il nostro Amore per Madre Terra, prima diventiamo di nuovi esseri indipendenti e sicuri di sé, un attributo che abbiamo perso gradualmente negli ultimi decenni, al più tardi dall’inizio dell’assalto neoliberista degli anni ’80.

Fetta per piccola fetta di diritti umani e diritti civili sono stati tagliati con falsi pretesti e propaganda – “sicurezza” – al punto che noi, annegati in pericoli propagati di ogni tipo, abbiamo implorato maggiore sicurezza e abbiamo ceduto volentieri più delle nostre libertà e diritti. Che tristezza.

Ora il salame è stato tagliato a fette.

All’improvviso ci rendiamo conto che non è rimasto niente. È irrecuperabile.

Abbiamo permesso che accadesse davanti ai nostri occhi, perché il conforto e la propaganda promessi si trovano da questi piccoli gruppi di elitari – dai globalisti, nella loro sete di potere senza fine e avidità senza fine – e l’ampliamento infinito delle loro ricchezze, dei loro miliardi. – Miliardi di un’unione monetaria sono “ricchezze”? – Pieno di dubbi. Non hanno amore. Nessuna anima, nessun cuore, solo una pompa sanguigna meccanica che li tiene in vita, se così si può chiamare una “vita”.

Queste persone, i globalisti, sono sprofondati così profondamente nella loro disfunzione morale, totalmente privi di etica, che è giunto il loro momento – o di essere giudicati in base agli standard internazionali sui diritti umani, ai crimini di guerra e ai crimini contro l ‘ umanità – simile a come è stato fatto dal Processi di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale, o scomparire, accecati da una nuova epoca di luce.

Con l’aumentare del numero di persone che stanno risvegliando, i Powers that Be (PTB) occidentali stanno diventando sempre più nervosi e non risparmiano sforzi per costringere tutti i tipi di persone, para-governo, personale amministrativo, personale medico, persino medici indipendenti a difendere e promuovere il narrativa ufficiale.

È così ovvio, quando hai conosciuto queste persone in tempi “normali”, le loro opinioni progressiste si sono improvvisamente rivolte, di 180 gradi, alla narrativa ufficiale, difendendo le bugie del governo, le bugie delle “Task Force scientifiche” acquistate che “consigliano “I governi, e quindi fornire ai governi degli alibi per” stringere le viti “un po ‘di più (le osservazioni della signora Merkel) intorno alle persone, le stesse persone per le quali i governi dovrebbero difendere e lavorare; le bugie ei messaggi ingannevoli provenienti da “scienziati” a cui potrebbe essere state promesse “eterne, infinite scale di carriera”, o di vite in un paradiso nascosto?

Che altro possono ottenere una loro volta per cercare di sovvertire le opinioni dei loro amici, coetanei e pazienti sulla malattia dell’orrore “covid-19”? – Forse qualcosa che è buono come la vita stessa – ed è fondamentalmente gratuito per i ricchi avari. Ad esempio, un certificato di vax senza essere stato vaxxato dalle iniezioni tossiche, magari da un placebo – aprendo loro il mondo dei viaggi e delle attività piacevoli come “prima”.

A proposito, qualcuno ha notato che in questa stagione influenzale invernale 2020/2021 l’influenza è quasi scomparsa? – Perché? – È stato convenientemente piegato in covid, per ingrossare ed esagerare le statistiche covid. È un must, dettato dai globalisti, il vertice “invisibile”, i cui nomi non essere pronunciati. I membri devono rispettare le “quote covid”, per sopravvivere al martello dei globalisti.

Altri vantaggi speciali per coloro che sono selezionati e compiacenti difensori della narrativa ufficiale, i vaxx con placebo, possono includere la dispensa dall’allontanamento sociale, l’uso della maschera, la messa in quarantena e, chissà, un pesante premio monetario. Niente sarebbe sorprendente, quando vedrai come questa minuscola cellula malvagia sta crescendo come un cancro per assumere il pieno potere del mondo – incluse e specialmente Russia e Cina, dove è sepolta la maggior parte delle risorse naturali del mondo, e dove sono tecnologiche ed economiche i progressi superano di gran lunga l’economia dell’avidità dell’Occidente. Non ci riusciranno.

E se i peoni non si comportano bene? – Perdita del lavoro, ritiro delle licenze mediche, malattie fisiche alle famiglie e ai propri cari e altro ancora.

Screen Shot: NTD, 16 dicembre 2020

Le azioni malvagie e lo spaccio di influenza dei globalisti stanno colpendo un muro in Oriente, dove si confrontano con persone istruite e risvegliate.

Siamo in guerra. Infatti. Il 99,999% contro lo 0,001%.

Le loro tattiche stanno dividendo per conquistare, accompagnate da questa ultima brillante idea: lanciare un nemico invisibile, un virus, una plandemia e una campagna della paura per opprimere e tiranneggiare il mondo intero, tutti i 193 paesi delle Nazioni Unite.

Mi vengono in mente le famigerate parole, pronunciate già più di mezzo secolo fa dal pupillo dei Rockefeller, Henry Kissinger :

“Chi controlla l’approvvigionamento alimentare controlla le persone; chi controlla l’energia può controllare gli interni continenti; chi controlla il denaro può controllare il mondo”.

Di seguito sono riportate alcune linee e pensieri di un articolo RT Op-Ed del 1 gennaio 2021 di Helen Buyniski intitolato  “Guerra civile, discriminazione medica, satelliti spia e cyborg! Come il 2021 potrebbe farci desiderare il 2020 ”L’articolo  potrebbe indirizzarci in una direzione di ciò che potrebbe accadere nel 2021, che di certo non desideriamo:

“Le persone ovunque sono ansiose di dire addio al 2020, un anno in cui le nostre vite sono state sconvolte dalle élite pazze di potere che hanno colto la pandemia di Covid-19 come un’opportunità per diventare uno stato di polizia completo.

Ma fai attenzione a ciò che desideri…. la semplice creazione di un nuovo calendario non fa nulla per affrontare [la crescente repressione e tirannia], che sembrano certamente raggiungere un punto di rottura.

L’umanità è stata spinta al limite con regole arbitrarie, povertà forzata e isolamento imposto: ci vorrà solo una scintilla o due perché le cose esplodano”.

E continua –

Man mano che i vaccini verranno distribuiti al grande pubblico, il divario tra coloro che obbediscono alle regole ei dissidenti non farà che aumentare. Coloro che si rifiutano di ricevere il colpo saranno trattati come paria, banditi da alcuni spazi pubblici e detto che è colpa loro, la vita non è tornata alla normalità, proprio come lo sono stati i cosiddetti antimascheratori “. “

E prospettive più gloriose

“Chi non è entusiasta all’idea di ingerire un composto sperimentale i cui produttori sono stati indennizzati da eventuali azioni legali, sarà considerato un nemico dello stato, anche separato dai propri figli o allontanato dalla propria casa come rischio per la salute. I vicini si tratteranno allegramente una vicenda per l’equivalente di una razione di cioccolato extra, il che significa che anche gli individui più servilmente obbedienti potrebbero finire in ” campi di quarncentrazione ” per aver sconvolto la persona sbagliata “.

Sì, siamo nel bel mezzo della guerra.

Una guerra che ha già devastato la nostra società, dividendola fino in fondo a famiglie e amici.

Se non stiamo attenti, potremmo non guardare i nostri figli e nipoti negli occhi, perché sapevamo, avremmo dovuto sapere cosa stava succedendo e cosa sta facendo, da una piccola élite di potere oscuro – i globalisti. Noi dobbiamo uscire dalla nostra zona di comfort, e affrontare il nemico con una mente risvegliata di coscienza e un cuore pieno d’amore – ma anche con la resistenza feroce.

Se non riusciamo a farci avanti e difendere i nostri diritti, questa guerra continua per preparare le generazioni future – ad astenersi dal riunirsi con altre persone.

Stanno già indottrinando i nostri ragazzi a tenersi lontani da amici, colleghi di scuola, coetanei e dal giocare in gruppo tra loro – come New Normal.

L’auto-dichiarata cupula – la crema del raccolto della civiltà – i maestri malvagi globalisti, già compromessi e continuano a farlo, i sistemi educativi di tutto il mondo per instillare nei bambini e nei giovani adulti che indossare maschere è essenziale per la sopravvivenza, e “l’allontanamento sociale” è l’unica via da seguire.

Devi vedere il video

Figli del grande ripristino

https://www.youtube.com/watch?v=8ncE5yYQvJY (video di 6 min.).

Rompere il tessuto sociale. Verso il regime totalitario

Loro, i globalisti, sanno benissimo che una volta che una civiltà ha perso la sua naturale coesione – il tessuto sociale è spezzato, il tessuto stesso che tiene insieme una civiltà e che avanza dinamicamente, hanno vinto la battaglia. Forse non la guerra, perché la guerra durerà finché ci sarà resistenza. L ‘”avanzamento dinamico” – o semplicemente la dinamica stessa – è il loro incubo, perché la dinamica è ciò che fa funzionare la vita: la vita, le persone, le società, intere nazioni e continenti. Senza dinamiche la vita sul pianeta si fermerebbe.

Ed è quello che vogliono: un dittatore globalista, che controlla una piccola popolazione di servi, o schiavi robotizzati, che si muovono solo quando gli viene detto, non possiedono nulla e ricevono un reddito universale controllato da blockchain digitale, che, a seconda del loro comportamento e obbedienza, possono utilizzare per acquistare cibo, piacere e comfort. Una volta che gli schiavi sono dispensabili o incorreggibili, i loro cervelli controllati elettronicamente vengono semplicemente spenti – RIP.

Questa potrebbe rivelarsi la guerra più devastante che l’umanità abbia mai combattuto.

Che Noi, Popolo, possiamo vedere attraverso questa orrenda finzione che si sta già svolgendo, nell’anno uno dell’Agenda 21/30 delle Nazioni Unite;

E possiamo noi, il popolo, i beni comuni, vincere questa guerra contro un’élite assetata di potere ei suoi amministratori e “scienziati” comprati in tutto il mondo – e ripristinare una società sovrana, smascherata, socialmente coerente – in solidarietà.


Vedere i seguenti articoli di ricerca globale di Peter Koenig su “The Great Reset” 

The World Economic Forum (WEF) Knows Best – The Post-Covid “Great Global Reset”,

The Post Covid World, The WEF’s Diabolical Project: “Resetting the Future of Work Agenda” – After “The Great Reset”. A Horrifying Future

Die Post-Covid-Welt, das teuflische Projekt des WEF: „Resetting the Future of Work Agenda“ – Nach dem „Großen Reset“. Eine erschreckende Zukunft

COVID and Its Man-Made Gigantic Collateral Damage: The Great Reset – A Call for Civil Disobedience

Covid-19: The Great Reset – Revisited. Scary Threats, Rewards for Obedience….

Fonte: https://www.globalresearch.ca/we-are-at-war-2/5733672

DELIRIO DI IRRAZIONALITA’

Di : Dottor Roberto Slaviero – 11.01.21

Dopo la grande performance dei brogli elettorali in Usa, uno dei giornali della nomenclatura italiana, Repubblica, esce con un titolo:

il voto elettronico può salvare la democrazia

il giornalista, se si può chiamar cosi, apre la strada ad un possibile cambiamento di sistema di votazione anche in Italia.

Infatti, se è più difficile alterare le schede con matita indelebile, con i sistemi elettronici tipo “Dominio”, si può far di tutto.

E l’Italia, pare essersi dimostrata molto attiva nei giochetti elettorali americani pro democratici; chiaramente la dittatura mediatica europea, dice l’esatto contrario, ma lo vedremo nell’immediato futuro.

Nel frattempo, dopo le festività natalizie in clausura, il governo, spaventato dai numeri covidiani in ascesa, prepara nuove chiusure e limitazioni.

C’è addirittura un ebete, non so se virologo o esperto dei parassiti nanometrici, che dichiara che, se una regione ha 250 casi su 100.000, deve diventare automaticamente zona rossa; ciò equivale allo 0,25 % della popolazione! Mamma mia, un rischio colossale per la vita sul pianeta.

Domanda?

Se avete appena chiuso l’Italia ed i numeri sono in aumento: CHE C…O SERVE IL LOCK?

Forse i nanoparassiti si insinuano nelle case attraverso gli spifferi del riscaldamento, ove possono irrobustirsi, per attaccare l’ignaro italico che, stravaccato sul divano, sta chattando sui social o guardando serie Tv!?

Mi pare che vogliano introdurre anche un altro colore, il bianco, ma oramai la confusione regna totale.

La stagione turistica invernale è compromessa nel frattempo, ed i mediocri golpisti se la ridono e se la godono e si danno appuntamento a Davos afine gennaio, per mangiare e bere e farsi beffa dei coglioni che credono ancora al virus mortale o del cinavirus, come lo chiama Trump.

Mi pare che Biden, poco tempo fa, avesse fatto capire che il virus mortale proveniva dall’amata Penisola e non dalla Cina…ma tant’è, l’Italia non mi pare se la stia passando troppo bene ed il peggio a da veni…!

Alla fine del terzo Reich, Hitler, in preda alle ultime follie allucinatorie, fece allagare la Metro di Berlino, facendo crepare quasi 300mila suoi sudditi, che vivevano al suo interno; nessuno deve cadere in mano al nemico!

Pare che il baffetto poi, se la sia svignata in Argentina, fingendo il suicidio di gruppo ..farneticazioni complottologhe…claro!

Quando invase la Russia, era convinto di avere gli Dei dalla sua parte e che il “fuoco“ che muoveva la razza germanica, avrebbe in ogni caso bruciato il “ghiaccio“ della razza russa. Da dove ricavava tali convinzioni?

Dalla teoria di un Ingegnere austriaco, un genialoide, che aveva inventato una valvola per motori, che avrebbe rivoluzionato energia e trasporti

“la valvola di Hoebriger

l’Ing, ebbe un giorno dei pensieri e visioni e formulò una interessantissima teoria sull’evoluzione del nostro cosmo.

Tale teoria, vede fuoco e ghiaccio  contendersi e disputarsi le varie fasi evolutive del sistema solare, con la Luna, una sfera di ghiaccio, che ogni tot. centinaia di migliaia di anni, cade a spirale, come acqua e sassi, sul pianeta Terra e modifica il tutto, compreso gli esseri viventi…quelli che sopravvivono logicamente.

Parla di un’età dell’oro quando, i Re Giganti, insegnarono agli umani le arti e la scienza.

Una teoria che di primo acchito può sembrare folle, ma forse molto folle non lo è!

Egli mori nel 1931 e nel mondo “esoterico“ del nascente nazionalsocialismo degli anni 20, tale teoria venne assunta come il credo assoluto.

“quando i giganti  erano ancora mescolati agli uomini, nei tempi in cui mai nessuno parlò“ diceva tra gli altri Hugo Victor

Nel 1942, Hitler mandò una spedizione nell’isola baltica di Ruegen, al comando del fisico esperto di raggi infrarossi, Heinz Fischer; dopo la guerra, egli si trasferii negli Usa e partecipò allo sviluppo della Bomba H, denigrando la sua vecchia spedizione nazista.

Cosa cercavano?

La Terra non sarebbe convessa, ovvero, noi vivremmo all’interno di una sfera, limitata esternamente dalla volta celeste; sole e luna sarebbero molto più vicini e le galassie non sarebbero altro che una nebulosa sospesa principalmente sopra il centro del pianeta.

Parlavano di Terra vuota o concava! Ma la Genesi biblica non dice più o meno le  stesse cose? Andate a vedervi le recenti rilevazioni ad infrarossi a grandi distanze…

I nazisti, avevano già sviluppato auto teleguidate, nonché  dischi volanti e razzi a lunga gittata V1 e V2, insomma forse qualche aiutino “esterno“  l’avevano avuto…poi tutto passo di mano, in direzione principalmente Anglo-Usa e Russia.

Il barone nazista Werner Von Braun, realizzatore nazista delle V1 e V2, negli Usa poi nel 1958, realizzò il più grande inganno moderno, la Nasa!

Adesso ci pensa Elon Musk a far sognare gli umani intorpiditi, con viaggi marziani…claro, se la Luna è ghiacciata…ah ah ah.

Probabilmente, se fosse stato ancora vivo, Hoerbiger, avrebbe fatto ragionare meglio Hitler, su razze pure etc e forse avremmo evitato disgrazie e milioni di morti.

Ma la storia quasi sempre combina disastri.

In ogni teoria, c’è un qualcosa di buono, ma se viene estremizzata … ahi ahi, son dolori.

Ed infatti adesso, abbiamo i teorici del “reset“, che stanno rivoluzionando il mondo occidentale, stanno facendo una rivoluzione a 180 gradi, una rivoluzione a testa in giù, ossia; normalmente sono i popoli che, sottomessi, si ribellano e poi favoriti comunque da qualche “supporter ricco“, abbattono gli steccati e vanno al potere.

Adesso, i già straricchi, vogliono irretire ancor di più i normali. Per farlo, hanno comprato  partiti, governi, sindacati, media, giornali ed oggi con il virus, medici ed esperti sanitari.

Facebook e Twitter, per non fare nomi, hanno oscurato  il profilo dell’ancora, per 9 giorni, Presidente degli Usa.

Ve lo potevate immaginare 10 anni fa, qualunque cosa si pensi o si dica di un politico, che ha gestito per 4 anni la più potente nazione del pianeta?

Questi gruppi privati, principalmente made in Usa, Silicon Valley, hanno corrotto a suon di miliardi tutta la politica.

Hanno creato enormi strutture di potere mondiale e dettano legge con le loro informazioni teleguidate.

L’ho già scritto mesi fa…uscite dai social, uscite da sta palude controllata che vi controlla, che vi mette uno contro l’altro; ritrovate la vostra indipendenza ed identità.

Nell’immediato futuro, la morsa del controllo si stringerà sempre di più, sempre più blogger e persone indesiderate saranno oscurate, avete solo una via d’uscita:

ANDATEVENE FUORI DA STA MIERDA!

Se non lo farete, sarete loro complici, come per il caso cinavirus!

Non date più uno spicciolo dei vostri soldi, non date più uno spicciolo della vostra attenzione a questi psicopatici, drogati e pedofili magari.

Loro soffrono di Delirio di Irrazionalità, credendosi i sapienti del cosmo; d il cosmo a tempi brevi li punirà.

Ma come sempre, prima, giungerà la follia umana che  includerà molti innocenti, come nella Metro di Berlino – (leggi al paragrafo “La Sconfitta“) o nelle case di una Dresda bombardata a morte e senza pietà per giorni e giorni, con bombe incendiarie dagli anglo-americani a guerra già praticamente vinta e finita.

Cattiverie spinte da odi spaventosi, creati ad arte da chi prima finanzia e fa il saccente e poi toglie e distrugge.

La Ford americana ha creato gran parte dell’esercito Nazi e la finanza Usa l’ha finanziato, anche il Senior Bush!

Nel recente; arte di credito a tutti, mutui a tutti, mutui casa finanziati al 120% ETC…

E adesso? Sono gli stessi del cinavirus! Lo capite  o no? Vi porteranno via quasi tutto, lavoro, beni e benessere!

Soldi con prestiti della banca mondiale nel terzo mondo e poi … rubate tutte le ricchezze del sottosuolo.

Schiavi che lavorano peggio delle bestie, per ricavare metalli rari, per fabbricare i vostri cazzo di telefoni smart e le vostre batterie per le auto elettriche!

A proposito, Toyota e qualche produttore tedesco, cominciano a dire che non sarà possibile una totale riconversione dal motore a scoppio all’elettrico…ma va…sul serio?

Pensate ai lobotomizzati elettrici che, in massa, alla sera mettono in carico tutte le loro auto o scooter, milioni tutti insieme: immaginate cosa accadrà al sistema elettrico del paese…plufffffff

E allora? Minchia che famo? …e…famo e centrali atomiche …per favor in poco tiempo…no se puede volver al diesel, es muy inquinante!

Negli anni 70, ricordate? Diesel diesel please, la benzina es una mierda inquinante!

Pochi anni prima però; “metti un tigre nel motore”! I meno giovani, ricorderanno la pubblicità

Manipolati sempre, creduloni sempre … ma non vi siete rotti los bananitos, ma non vi siete rotti di ascoltare questi inetti politici ed economisti racconta palle, al soldo e busta paga dei manipolatori?

La valvola di Hoeringer esiste, i suoi figli hanno sviluppato una grande azienda, la sua capacità intuitiva, ha coniato parte della storia dei motori e la sua teoria evolutiva … super bistrattata dai falsi odierni?

Chiedete un po’ ai ricconi, come mai si sono creati strutture enormi, tipo nelle Isole Svalbard in Norvegia, per preservare semi e sementi da possibili disgrazie diluviane?

Non è che sotto sotto … in effetti anche molti antichi parlavano di una Terra senza Selene…non è una figa ragazzi, è il nome greco della Luna, della Dea della Luna!

Ogni tanto si scioglie e cade in testa a sti stronzoidi umanoidi, che non capiscono una mazza e si fanno sempre infinocchiare dai potenti di turno!

A Sele’…dai…datte una mossa…ce semo rotti dei colori…cavolo…e i Daltonici?

https://it.wikipedia.org/wiki/Acromatopsia

Presidente e Governatori italiani: attendiamo con estrema sollecitudine, meglio verso una tarda ora serale, una vostra decisione in merito!

Le forze di polizia, devono aver ben chiare le idee, per applicare al meglio le vostre rigide leggi anti cinavirus….o… italianvirus…i tempi cambiano, cari democratici di tutti i tempi !!

Saluti e salute a tutti, soprattutto ai veri irrazionali genialoidi e di gran cuore!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Catherine Austin Fitts conferma gli obiettivi della tecnocrazia e del transumanesimo

In una spettacolare intervista che ha raccolto oltre 2,2 milioni di visualizzazioni nelle prime 2 settimane dalla pubblicazione, Catherine Austin Fitts espone il piano generale globale per la tecnocrazia, il transumanesimo e il controllo totale sull’umanità. Questo è un video imperdibile.

nda, corsivo mio: abilita i sottotitoli in italiano, ti potrebbe interessare per comprendere quello che sta succedendo anche in Italia. L’ipotesi transumanista non è così peregrina. Tutto questo sta già succedendo, nell’ignavia e apatia della popolazione mondiale, terrorizzata dalla paura.

Fitts è stato assistente segretario statunitense per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano durante l’amministrazione George HW Bush e amministratore delegato di un’importante società di investment banking, Dillon, Read & Co.

In Tecnocrazia con Patrick M. Wood sul suo sito web Solari Report, ha scritto:

La tecnocrazia è un sistema globale progettato per implementare la gestione e il controllo delle risorse centrali attraverso la microgestione basata su regole. La crescita della tecnocrazia è resa possibile dai sistemi e dal software digitali, dall’intelligenza artificiale e dallo “specchio unidirezionale” gestito attraverso la sorveglianza 24 ore su 24, 7 giorni su 7 da agenzie di intelligence e di controllo, finanziate dai nostri dollari di tasse.

La bellezza della tecnocrazia è che può essere integrata in un’ampia varietà di sistemi politici e aziendali. Mentre gli Stati Uniti promuovono la nozione di mercato e processo democratico, i nostri sistemi possono essere convertiti in tecnocrazia con l’integrazione di un flusso infinito di regole e algoritmi governativi, bancari e aziendali che gestiscono e controllano la nostra vita quotidiana e le nostre infrastrutture. Lo stesso processo si sta sviluppando nel sistema monopartitico cinese e anche attraverso una regolamentazione sconvolgente da parte di più governi di coalizione e istituzioni dell’Unione europea.

Vedere e documentare questo processo è impegnativo. Richiede l’integrazione di operazioni complesse in molte industrie e governi diversi, ed è protetto dalla straordinaria segretezza concessa al complesso militare-industriale e alle banche centrali.

Ecco una breve clip da quell’intervista:

*****************************************

Funzionari di mentalità autoritaria hanno trovato opportunità nelle paure per la salute pubblica

sipaphotoseleven285304(Abaca Press / Prezat Denis / Avenir Pictures / Aba / Newscom)

Un nuovo avvertimento che le risposte pandemiche internazionali stanno erodendo la libertà

Funzionari di mentalità autoritaria hanno trovato opportunità nelle paure per la salute pubblica.

In un anno di azioni straordinarie e spesso terribili intraprese in risposta al COVID-19, un altro gruppo della società civile internazionale avverte che i governi stanno sfruttando la pandemia per rafforzare i controlli sui loro soggetti. In modo minaccioso, non è il primo avvertimento del genere e arriva anche quando i paesi tradizionalmente liberali democratici intensificano la sorveglianza dei dissidenti e reprimono l’opposizione pubblica.

“La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto disastroso sulle libertà civiche a livello globale”, ha riferito la scorsa settimana Civicus, un gruppo con sede in Sud Africa che promuove la società civile e la libertà di associazione . “La nostra ricerca mostra che i governi … stanno usando la pandemia come un’opportunità per introdurre o attuare ulteriori restrizioni alle libertà civili”.

Lo status degli Stati Uniti passa da “ristretto” a “ostruito” per “leggi restrittive, uso eccessivo della forza contro i manifestanti e un ambiente sempre più ostile per la stampa”. Il rating Civicus sottolinea tattiche militarizzate e arresti di massa in risposta alle proteste di Black Lives Matter scoppiate quest’anno. Sebbene queste proteste non siano esplicitamente collegate alla pandemia, sono state probabilmente esacerbate dalle interruzioni e dal dolore economico causato dai blocchi che hanno portato a ebollizione le tensioni preesistenti.

Sfortunatamente, i criteri di valutazione di Civicus sembrano basati su aneddoti e piuttosto arbitrari. Mentre gli Stati Uniti sono (giustamente) puniti per il trattamento a volte pesante dei manifestanti (mentre la polizia in altre località apparentemente ha ceduto le strade alle fazioni politiche favorite), altri paesi ottengono un permesso relativo per reprimere l’espressione pubblica che era specificamente mirata alla risposta della pandemia.

L’Australia, ad esempio, è classificata come “ristretta” una classifica migliore rispetto agli Stati Uniti anche se le autorità arrestano le persone semplicemente per aver pianificato di protestare contro i blocchi legati alla pandemia. Il paese si sta inoltre muovendo per centralizzare la sorveglianza dei viaggiatori in nome della salute pubblica e per facilitare il monitoraggio interno delle comunicazioni elettroniche.

“I giornalisti in Francia sono stati ostacolati nello svolgere il loro lavoro attraverso intimidazioni e detenzioni mentre coprivano le proteste”, osserva Civicus, che classifica il paese come “ristretto”.

Venerdì scorso, 142 persone sono state arrestate a Parigi durante manifestazioni contro una legge che avrebbe limitato la possibilità di fotografare gli agenti di polizia durante eventi come le proteste contro i blocchi.

Gli arresti tedeschi di manifestanti anti-lockdown sono riconosciuti anche se il paese ottiene una valutazione “aperta”.

Non viene menzionata la sorveglianza tedesca degli oppositori a misure anti-pandemiche restrittive sulla base del fatto che sono stati “infiltrati da estremisti”. “La mossa è effettivamente un avvertimento pubblico ai simpatizzanti e ai leader del gruppo – che i funzionari hanno descritto come l'”epicentro “delle proteste tedesche contro il coronavirus – ma non riesce a vietare il movimento”, osserva il Washington Post.

L’elenco per Israele classificato come “ostruito” – si concentra sul trattamento dei palestinesi. Questa è certamente una questione importante. Tuttavia, poiché Civicus sottolinea lo sfruttamento da parte dei governi delle preoccupazioni per la salute per giustificare un’autorità espansa, vale la pena ricordare che lo Shin Bet, la forza di sicurezza interna del paese, ha presentato informazioni fasulle per ottenere l’autorizzazione a monitorare i cittadini per il coronavirus. “In altre parole, la commissione ha votato e la sorveglianza riaffermato in cittadini israeliani dallo Shin Bet basata su dati parziali o addirittura fuorvianti”, secondo a Haaretz.

Detto questo, l’avvertimento di Civicus è tempestivo e le preoccupazioni dell’organizzazione sono condivise da altri.

“La prima pandemia globale dell’era digitale ha accelerato l’adozione internazionale di tecnologie di sorveglianza e di pubblica sicurezza, normalizzando nuove forme di sorveglianza statale diffusa e aperta”, hanno avvertito Kelsey Munro e Danielle Cave del Cyber ​​Policy Center dell’Australian Strategic Policy Institute il mese scorso.

“Numerosi governi hanno utilizzato la pandemia COVID per reprimere l’espressione in violazione dei loro obblighi ai sensi della legge sui diritti umani”, ha osservato a luglio David Kaye, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di espressione .

“Per i leader dalla mentalità autoritaria, la crisi del coronavirus offre un comodo pretesto per mettere a tacere i critici e consolidare il potere”, ha ammonito Human Rights Watch ad aprile.

C’è quindi un ampio accordo sul fatto che i funzionari governativi di tutto il mondo stiano sfruttando la pandemia per espandere il loro potere e sopprimere l’opposizione. Questo è il caso non solo dei soliti sospetti dove le autorità non pretendono di prendere sul serio le elezioni e le libertà civili, ma anche nei paesi tradizionalmente considerati “liberi”.

È estremamente ottimistico aspettarsi che gli strumenti di sorveglianza e i poteri di controllo appena acquisiti svaniranno semplicemente una volta che COVID-19 avrà preso la sua strada. È quasi certo che la nuova normalità post-pandemica sarà più autoritaria di quanto accaduto prima.

Diverse organizzazioni tentano di classificare la libertà in tutto il mondo, come il Press Freedom Index pubblicato da Reporter senza frontiere e l’Indice di libertà economica della Heritage Foundation . Le valutazioni più olistiche come quelle di Amnesty International e Human Rights Watch tendono a riassunti narrativi piuttosto che a classifiche comparative. Ciò potrebbe riflettere la difficoltà (vista nella classifica di Civicus) nel raccogliere e valutare in modo equo il trattamento dei cittadini da parte dei governi in una moltitudine di categorie.

Per i miei soldi, il miglior sforzo fino ad oggi che ci consente di confrontare i paesi e vedere fino a che punto stiamo diventando più o meno liberi è l’indice sulla libertà umana pubblicato da organizzazioni tra cui il Cato Institute, il Fraser Institute del Canada e la Fondazione tedesca Friedrich Naumann per la libertà. Ultima pubblicazione nel 2019, quella “misurazione globale della libertà personale, civile ed economica” utilizza 76 indicatori tra cui Stato di diritto, libertà di movimento, libertà di espressione e libertà di commercio.

C’è molto da fare e la pubblicazione del 2019 si è basata sulle informazioni del 2017 “l’anno più recente per il quale sono disponibili dati sufficienti” per arrivare alla sua classifica. Dato che il 2020 ha ancora diverse settimane in cui lanciare un nuovo inferno sulla nostra strada, probabilmente dovremo aspettare un paio d’anni per scoprire se i paesi hanno mantenuto le loro classifiche (gli Stati Uniti sono arrivati ​​a 15) e cosa significano quelle classifiche in un mondo che cambia.

Ma con Civicus solo l’ultima organizzazione a sottolineare che “la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto disastroso sulle libertà civiche”, non abbiamo bisogno di classifiche dettagliate per sapere che i funzionari governativi di mentalità autoritaria hanno trovato opportunità nelle paure della salute pubblica.

Fonte: https://reason.com/2020/12/14/a-new-warning-that-international-pandemic-responses-are-eroding-freedom/

*****************************************

(nda) all’interno del link originale, ci sono diversi video raccomandati

Articoli correlati:

Il Muro Verde

La crisi mondiale della Corona del 2020: distruzione della società civile, depressione economica ingegnerizzata, colpo di stato globale e “grande ripristino”

Viviamo davvero in un elaborato manicomio?

®wld

A A A Cercasi Narratore

Corbett – 11/23/2020

COME SALVARE IL MONDO (IN UN SOLO FACILE PASSO!)

“Date a una società la giusta narrazione e si chiuderanno volentieri nella loro prigione e vi consegneranno la chiave.

Una volta che una storia del genere è saldamente radicata nelle loro teste, le persone si controllano volentieri a vicenda.”

Quiz a sorpresa: Qual è l’arma più potente mai inventata?

Il MOAB? chiedete, curiosamente. No, rispondo in modo deciso.

La bomba H? Certo che no. La bomba A, allora. Sbagliato di nuovo. La bomba a neutroni? No.

Ti do un indizio: non è affatto una bomba.

Ahhhh, i Bastoni di Dio! No. (a.d.r. punizione di dio)

Le nuove misteriose armi a microonde cinesi? Le armi a energia diretta in generale? Qualsiasi tecnologia che distrugge il mondo con cui la DARPA sta giocando nell’Area 51?

Il Dipartimento della Difesa e i loro confratelli del MIC in Cina, Russia e altrove sono senza dubbio in possesso di armi che ci farebbero impazzire se venissero rivelate al pubblico, ma senza nemmeno sapere cosa siano quelle armi posso dirvi inequivocabilmente che nessuna di esse si qualifica come l’arma più potente mai inventata.

Le nuove misteriose armi a microonde cinesi? Le armi a energia diretta in generale? Qualsiasi tecnologia che distrugge il mondo con cui la DARPA sta giocando nell’Area 51?

Che ipotesi fantastica. Ottenete punti bonus per un richiamo FLNWO comunque molto azzeccato (a.d.r.: Film, Letteratura e il Nuovo Ordine Mondiale, serie di James Corbett). E, a quanto pare, avete quasi ragione. O almeno siete sulla strada giusta.

Certamente l’arma più potente mai inventata non è considerata tradizionalmente un’arma. In realtà, è quasi completamente trascurata da tutti, anche dai più esperti che hanno saputo trovare la strada per il Rapporto Corbett. Tuttavia, senza di essa, non abbiamo alcuna possibilità di fermare il Grande Reset, di porre fine alla truffa COVID, di fermare il raggiungimento dello stato di biosicurezza o di detronizzare le potenze che non dovrebbero nemmeno esistere.

Ti arrendi? Va bene, te lo dico. L’arma più potente mai inventata è. . .

Aspetta. Aspetta. Invece di rispondere subito, lasciate che vi racconti una storia.

Negli anni Settanta del XVII secolo, le tensioni tra le colonie americane e la Madre Inghilterra erano ai massimi storici.

La legge sui francobolli. Le tasse di Townshend. Il massacro di Boston. La legge del tè. Il Tea Party. Le proteste hanno travolto le colonie, e nessuno può negare che la rabbia americana nei confronti di Re Giorgio III e del Parlamento inglese abbia raggiunto un picco di ebollizione.

Ma tuttavia, anche se gli spari che si sentivano in tutto il mondo suonavano a Lexington e a Concord per segnare l’inizio di quella che oggi chiamiamo la guerra rivoluzionaria, pochi hanno capito che le colonie americane erano impegnate in una guerra per l’indipendenza.

Perfino la Dichiarazione delle Cause e della Necessità di prendere le armi ha puntato sulla ” liberazione dell’Impero dalle calamità della guerra civile”, non sul raggiungimento dell’indipendenza dall’Inghilterra. Sebbene i ranghi di coloro che si agitavano per l’indipendenza fossero in crescita, si trattava comunque di un’idea marginale; il colonialista medio nel 1775 si credeva un suddito leale della corona britannica che cercava di assicurarsi i diritti che gli venivano concessi come cittadini inglesi.

Allora, cos’è successo?

È arrivato il buon senso, ecco cos’è successo. O, più precisamente, è comparso il buon senso. (Common Sense )

L’opuscolo politico di Thomas PaineCommon Sense, fu pubblicato il 9 gennaio 1776 e divenne rapidamente uno dei più importanti trattati politici della storia. Alcuni lo considerano addirittura il vero e proprio documento fondatore degli Stati Uniti e non la Dichiarazione d’Indipendenza. (C’è persino chi sostiene che lo stesso Paine sia stato l’autore della Dichiarazione d’Indipendenza, ma questa è un’altra storia).

È difficile sopravvalutare l’impatto che il Common Sense ha avuto nel plasmare il corso della storia americana. Ha venduto 120.000 copie solo nei primi tre mesi, pari al 5% della popolazione totale delle colonie pari a 2,5 milioni di abitanti.

Alla fine dell’anno aveva venduto 500.000 copie, ovvero un opuscolo per ogni cinque uomini, donne e bambini delle colonie. Per metterla in prospettiva, un libro oggi dovrebbe vendere 66 milioni di copie in America per raggiungere lo stesso risultato, e con queste cifre di vendita sarebbe il  tredicesimo libro più venduto di tutti i tempi.

Ma è importante sottolineare che Paine non ha ottenuto questo successo monumentale dispensando e banalità ovattate e sdolcinate, farfuglianti e scialbe, o rigurgitando quel tipo di “buon senso” che la maggior parte dei suoi lettori ritiene di avere.

No, lo ha fatto cambiando completamente e totalmente il modo in cui è stata raccontata la lotta delle colonie contro la corona. Secondo Paine, i coloni non erano inglesi offesi che cercavano un risarcimento dal loro re, come molti all’epoca credevano; erano una nazione di popoli liberi impegnati in una guerra d’indipendenza da un sovrano straniero.

Paine non ha riversato la sua argomentazione in una retorica vaporosa o in un chiacchiericcio compiacente. Al contrario, ha confrontato direttamente i suoi lettori con il suo punto di vista radicale.

Gli uomini di indole passiva guardano con una certa frivolezza ai crimini della Gran Bretagna e, sperando ancora nel meglio, sono inclini a dire la loro: “Venite, venite, torniamo ad essere amici di nuovo.”

Ma esaminate le passioni e i sentimenti dell’umanità: pensate alla dottrina della riconciliazione come base di riferimento per la natura, e poi ditemi allora se in futuro potrete amare, onorare e servire fedelmente il potere che ha portato il fuoco e la spada nella vostra terra?

Se non potete fare tutto questo, allora state solo ingannando voi stessi e con il vostro ritardo porterete la rovina ai posteri.

Il vostro futuro legame con la Gran Bretagna, che non potete né amare né onorare, sarà costrittivo e innaturale, e si formerà solo sul piano della convenienza presente, e in breve tempo precipiterà verso una crisi più miserabile della prima.

Se però lei dite che si può ancora superare le violazioni, allora le chiedo: la sua casa è stata bruciata? La vostra proprietà è stata distrutta davanti ai vostri occhi?

Vostra moglie e i vostri figli sono privi di un letto su cui sdraiarsi o di pane per vivere? Hai perso un genitore o un figlio per mano loro, e tu stesso sei il rovinato e miserabile sopravvissuto?

Se non lo hai fatto, allora non sei un giudice di coloro che lo hanno fatto. Ma se l’hai fatto, e puoi ancora stringere la mano agli assassini, allora non sei degno del nome di marito, padre, amico o amante, e qualunque sia il tuo rango o titolo nella vita, allora hai il cuore di un codardo, e lo spirito di un leccapiedi.

Paine ci è riuscito, incredibilmente, con la sola forza delle sue parole. Se avesse preso in mano una pistola e avesse sparato ad alcuni soldati britannici, avrebbe potuto farne fuori uno o due prima di essere sopraffatto.

Ma, prendendo la penna, ha fatto qualcosa di incredibilmente più efficace: ha suscitato un’intera nazione in aperta ribellione contro la più grande e temibile potenza militare ed economica del pianeta.

Ovviamente non viviamo nel mondo del 1776. Ma vale la pena di riflettere sulla storia del Common Sense perché in essa è racchiusa la risposta alla domanda: Qual è l’arma più potente mai inventata?

L’avete già capito? La narrazione è l’arma più potente. Il racconto. Idee presentate in modo da provocare certi pensieri o azioni.

Con una pistola si può uccidere un uomo. Con una bomba si può uccidere una famiglia. Con una bomba atomica si può radere al suolo una città. Ma con una storia si può controllare il mondo.

È così che miliardi di persone in tutto il mondo sono state rinchiuse come prigionieri nelle loro case lo scorso anno. Non perché ci sia un’inesauribile scorta di delinquenti della polizia ad ogni angolo di strada pronti a sparare a chiunque metta piede fuori casa, ma perché è stata costruita una narrazione tale che la stragrande maggioranza vuole rimanere a casa. Date a una società la giusta narrazione e si chiuderanno volentieri nella loro prigione e vi consegneranno la chiave.

Ecco perché miliardi di persone in tutto il mondo sono pronti a arrotolare le maniche per un “vaccino” sperimentale e non provato per una malattia con un tasso di sopravvivenza del 99%. Alle masse è stato dato un racconto in cui questo “vaccino” li libererà da una piaga mortale. Non importa quale controprova venga loro presentata; quelli che prendono il vaccino sono gli eroi giusti di questa storia, e quelli che mettono in discussione i vaccini sono i cattivi.

Ecco perché – come continuo a sottolineare nella mia serie #PropagandaWatch – i poteri che non dovrebbero esistere spendono così tanto tempo, denaro e sforzi per cercare di influenzare il pubblico attraverso la propaganda.

Se il mondo potesse essere governato semplicemente mettendo guardie armate ad ogni angolo di strada e dispositivi di ascolto in ogni casa, si può supporre che coloro che cercano di governare su di voi ricorrerebbero a questa opzione. Ma come farebbero a far sì che le guardie armate controllino i loro concittadini? Come farebbero a indurre la gente a spiare i loro vicini? Da dove verrebbero gli scagnozzi? La popolazione ha bisogno di una storia convincente sul perché coloro che detengono il potere comandano e perché è sbagliato resistere al loro dominio. Una volta che una storia del genere è saldamente radicata nelle loro teste, le persone si controllano volentieri a vicenda.

C’è un rovescio della medaglia, tuttavia, in questa visione apparentemente deprimente. Sì, le persone possono essere ingannate e ridotte in schiavitù attraverso la propaganda e la manipolazione narrativa. Questo spiega in larga misura la situazione in cui ci troviamo oggi. Ma è vero anche l’inverso. Possiamo essere liberati da una narrazione che ci aiuta a uscire dalla nostra prigione mentale. Un narratore con una storia avvincente da raccontare può ridisegnare la nostra realtà collettiva in un istante, e il mondo cambierà tutto in una volta.

Purtroppo, sembra che i poteri che non dovrebbero esistere ne siano molto più consapevoli di noi.

Per questo motivo l’esercito olandese sta prendendo di mira le voci dissenzienti nei Paesi Bassi.

Per questo motivo i militari canadesi hanno dichiarato di aver preso di mira la popolazione canadese con la guerra dell’informazione (ma non preoccupatevi, da allora hanno completamente abbandonato quel piano).

Per questo motivo l’esercito britannico ha un’intera brigata cibernetica dedicata a influenzare il comportamento pubblico online, così come le forze armate statunitensi, gli israeliani, i cinesi e i russi e ogni altro grande governo del mondo.

È proprio perché i grandi resettatori e i nuovi regolatori del nuovo ordine del mondo riconoscono il potere della storia, temono l’ascesa di un potente narratore. Hanno paura che i dissidenti arrivino e distruggano la loro narrazione costruita con cura.

Una volta etichettavano come eretico chi sovverteva il loro controllo narrativo e lo mettevano al rogo. Oggi li etichettano come agenti di disinformazione e cercano di censurarli. Tuttavia, la paura che motiva queste risposte è la stessa.

Ancora una volta, il mondo è in crisi. E, come nel 1776, siamo in pochi a comprendere la vera natura della lotta in cui siamo impegnati. Ciò di cui abbiamo bisogno è un modo per spiegare questa lotta alle masse ingannate che si sono bevute le false narrazioni.

A differenza del 1776, però, non sarà un pamphlet politico ad accendere quella scintilla di comprensione tra le masse. Ma qualcuno emergerà con una storia da raccontare. Un docente universitario o un blogger online o un attivista di strada o un pazzo venuto fuori dal deserto con barba e sandali per ricordarci che siamo esseri umani liberi e che abbiamo tutto il potere, non il piccolo gruppo di psicopatici squilibrati che cercano di dominarci.

Chiunque sia a portare questo messaggio al mondo, e qualunque forma questo messaggio prenda, si presenterà come una rivelazione; una risposta che è sempre stata sotto il nostro naso. E quando arriverà, non ci sarà bisogno di persuasione o di incantesimi per convincere il pubblico ad agire. La storia stessa costringerà il mondo ad agire.

So che queste parole cadranno per lo più nel vuoto. Una delle narrazioni che i controllori narrativi ci hanno impiantato è che le parole non hanno senso e solo un eroismo bellico di alcuni Rambo carichi di steroidi e pieni di armi può salvarci dai cattivi.

Ma chi ha studiato davvero la storia lo sa bene. Capiscono che le idee e le storie sono le uniche cose che hanno cambiato il mondo.

Dov’è Thomas Paine nel momento del bisogno?

Traduzione a cura di Nogeoingegneria 

FONTE https://www.minds.com/CorbettReport/blog/how-to-save-the-world-1177272972404084736

Guarda questo video di James Corbett.

In poche parole

Se sei un sostenitore dei lockdown, sei complice della divisione delle famiglie, sei responsabile dell’enorme sofferenza di milioni di persone in tutto il mondo. Sei complice nel far diventare le persone povere e vulnerabili della nostra società in una povertà ancora maggiore. Sei complice dell’omicidio.

QUELLO CHE NESSUNO DICE SUI LOCKDOWN

Pubblicato da: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld