Archivi categoria: Antropocene

L’albero evolutivo di tutte le religioni sulla Terra

Grafico creato da Simon E. Davies.

L’inizio della religione: questo è l’albero evolutivo di tutte le religioni sulla Terra  

Di Ivan  

Sin dagli albori dell’umanità, gli umani hanno cercato di dare un senso al loro mondo, soprattutto di fronte a fenomeni sconosciuti come “cosa causa tempeste”, “cosa ci succede dopo la morte” e “come è stato formato il mondo”? È plausibile che da tali domande si siano formate le nostre prime religioni primitive.  

La prima prova di una pratica religiosa può essere fatta risalire a 100.000 anni fa quando abbiamo iniziato a seppellire i nostri morti. Sebbene non possiamo definire questo come l’origine della fede, suggerisce che agli albori dell’umanità, avevamo iniziato a considerare una specie di aldilà.  

Nel corso del tempo, questa pratica religiosa ha dato origine a una nuova ideologia che si è diffusa in tutti i continenti, conosciuta oggi come “animismo”. Questa fede emergente era il sistema di credenze di base che si sarebbe evoluto e si sarebbe espanso in numerose altre ideologie in tutto il mondo. Il viaggio di queste religioni in evoluzione può essere suddiviso in tre periodi classici. 

Va notato che questi periodi non sono indicativi di una nuova ideologia che migliora i precedenti sistemi di fede. Le religioni cambiano nel tempo, si estinguono e si dividono in tradizioni distinte.   

Si adattano al loro ambiente, costruiscono il loro ambiente in parte, tutto proprio come fa l’evoluzione organica.   

Periodo 1: Animismo (100.000 a.C. – Presente)  

Gli umani cominciarono a credere che i costrutti naturali (ad es. Piante, animali, rocce e vento) possedessero un’essenza spirituale. Si credeva che queste entità spirituali avessero poteri e temperamenti che influenzarono il nostro mondo quotidiano. Adorando questi esseri divini, si è creduto che potessimo mantenere l’armonia con questo mondo spirituale e ottenere da loro favori.   

Periodo 2: Politeismo (15.000 a.C. – Presente)  

Le radici del politeismo potrebbero trovarsi nell’era epipaleolitica. Linguisti e storici hanno definito un’ipotetica famiglia linguistica chiamata Nostratic, che sembra aver influenzato tutti i dialetti africano ed euroasiatico. Molte delle parole che possono essere ricostruite coinvolgono gli dei della natura (come la madre terra e il padre del cielo). Ciò suggerisce che gli spiriti della natura dell’animismo si erano evoluti in una nuova generazione di Dei (dando agli esseri astratti del tuono e dell’acqua una forma più umana). Durante la rivoluzione neolitica, iniziarono ad emergere civiltà che richiedevano nuove aree di competenza (ad es. Legislazione, metallurgia, agricoltura e commercio). Erano i discendenti degli dei nostratici (ad esempio gli indoeuropei e i sumeri) che assunsero il ruolo di guida e leader nel mondo civilizzato.  

Tipicamente questi esseri divini erano divisi in diverse classi, che sorvegliavano i cieli, il regno dei morti e il mondo sotterraneo. Ciascuna divinità possedeva i propri poteri, pratica religiosa e dominio (ad es. Commercio, diplomazia, guerra, ecc.). L’uomo potrebbe adorare uno o tutti questi esseri, ottenendo il favore da loro tramite le offerte, la preghiera e persino il sacrificio.

Periodo 3: Monoteismo (1348 a.C. – Presente)  

Nell’età del bronzo, un nuovo movimento prese forma dando la priorità a un Dio su tutte le altre divinità. Questo sistema è noto come Monoteismo – una credenza in un Essere Supremo. Nel 1348 a.C., il faraone Akhenaton, elevò un dio meno conosciuto chiamato “Aten” allo status supremo, sottovalutando il ruolo di tutte le altre divinità egiziane. Un po’ più tardi in Iran, Zoroastro (un prete persiano) sostenne che “Ahura Mazda” fosse l’unica divinità suprema. Questo nuovo sistema emergente postulò che un dio creatore aveva formato l’universo conosciuto ed era totalmente autosufficiente, capace di governare su tutti gli altri domini. Questa idea divenne importante nel giudaismo, nel cristianesimo, nell’islam e nel sikhismo.  

La maggior parte dei sistemi monoteistici tendono ad essere di natura esclusiva, il che significava che gli dei del Vecchio Mondo dovevano essere eliminati dalla coscienza dell’uomo. Di conseguenza, le religioni monoteistiche mostravano una tolleranza religiosa inferiore rispetto alle religioni politeiste, con il risultato di molte guerre e dispute politiche.   

Questo articolo è stato scritto da Simon E. Davies. Collaboratore su Ancient-Code.com    

Fonte:  https://www.ancient-code.com/ 

®wld

La civiltà e la sua fine potrebbe gettare il seme per nuove civiltà in futuro

 

C’era una civiltà sulla terra prima degli umani? Uno sguardo alle prove disponibili   

by Adam Frank
April 13, 2018 

from TheAtlantic Website  

Adam Frank è un professore di astrofisica all’Università di Rochester. Il suo lavoro è apparso su Scientific American, The New York Times e NPR. È l’autore di Light of the Stars: Alien Worlds e il destino della terra.  

Ci sono voluti solo cinque minuti perché Gavin Schmidt mi speculasse.  

Schmidt è il direttore del Goddard Institute for Space Studies della NASA (noto anche come GISS), una struttura di scienze climatiche di livello mondiale.  

Un giorno, l’anno scorso, sono andato al GISS con una proposta di vecchia data. Nel mio lavoro di astrofisico, avevo iniziato a studiare il riscaldamento globale da una “prospettiva astrobiologica”. Ciò significava chiedere se una qualsiasi civiltà industriale che si innalza su qualsiasi pianeta, attraverso la propria attività, innescherebbe la propria versione di un cambiamento climatico.  

Quel giorno stavo visitando il GISS sperando di ottenere alcune intuizioni sulla scienza del clima e, forse, collaboratori. È così che sono finito nell’ufficio di Gavin.   

Proprio mentre stavo facendo delle considerazioni nel mio campo, Gavin mi ha interrotto sulle mie considerazioni. 

“Aspetta un secondo,” disse. “Come sai che noi siamo stati l’unica volta che c’è stata una civiltà sul nostro pianeta?” 

Mi ci sono voluti alcuni secondi per prendere la mascella dal pavimento.  

Sicuramente ero entrato nell’ufficio di Gavin preparato per gli sguardi degli occhi alla menzione di “exo-civiltà”. Ma delle civiltà che stava chiedendo sarebbero esistite molti milioni di anni fa.  

Seduto lì, vedendo il vasto telescopio del passato evolutivo della Terra davanti agli occhi della mia mente, sentii una sorta di vertigine temporale. 

“Sì,” balbettai, “Potremmo dire se ci fosse stata una civiltà industriale nel profondo del tempo?” 

Non siamo mai tornati agli alieni. 

Invece, quella prima conversazione lanciò un nuovo studio(L’ipotesi di Silurian – Sarebbe possibile individuare una civiltà industriale nel registro geologico?) Che abbiamo recentemente pubblicato sull’International Journal of Astrobiology 

Sebbene nessuno di noi potesse vederlo in quel momento, la domanda penetrante di Gavin aprì una finestra non solo sul passato della Terra, ma anche sul nostro futuro.   

Siamo abituati a immaginare le civiltà estinte in termini di statue sommerse e rovine sotterranee. Questi tipi di artefatti delle società precedenti vanno bene se sei interessato solo a scale temporali di alcune migliaia di anni.  

Ma una volta che si riporta indietro il tempo a decine di milioni o centinaia di milioni di anni, le cose si complicano.   

Quando si tratta di prove dirette di una civiltà industriale – cose come città, fabbriche e strade – le registrazioni geologiche non risalgono a quello che viene chiamato il periodo quaternario 2,6 milioni di anni fa.  

Ad esempio, il più antico tratto su vasta scala della superficie antica si trova nel deserto del Negev 

È “solo” 1,8 milioni di anni – le superfici più vecchie sono per lo più visibili nella sezione trasversale attraverso qualcosa come una scogliera o tagli di roccia. Torna molto più lontano del Quaternario e tutto è stato rovesciato e schiacciato in polvere.   

E, se torniamo indietro così, non stiamo più parlando di civiltà umane.  

L’Homo sapiens non ha fatto la sua apparizione sul pianeta fino a solo 300.000 anni fa. Ciò significa che la domanda si sposta su altre specie, motivo per cui Gavin ha chiamato l’idea dell’ipotesi siluriana, dopo un vecchio episodio di Dr. Who con rettili intelligenti.   

Quindi, i ricercatori potrebbero trovare prove evidenti del fatto che una specie antica abbia costruito una civiltà industriale di relativamente breve durata molto prima della nostra?  

Forse, ad esempio, alcuni dei primi mammiferi sorsero brevemente alla costruzione della civiltà durante l’epoca paleocenica circa 60 milioni di anni fa. Ci sono fossili, ovviamente. Ma la frazione di vita che viene fossilizzata è sempre minuscola e varia molto a seconda del tempo e dell’habitat. 

Sarebbe facile, quindi, perdere una civiltà industriale che durò solo 100.000 anni – il che sarebbe 500 volte più lungo di quanto la nostra civiltà industriale abbia fatto finora.   

Dato che tutte le prove dirette sarebbero scomparse da molto tempo dopo molti milioni di anni, quale tipo di prova potrebbe quindi esistere ancora?  

Il modo migliore per rispondere a questa domanda è capire quali prove ci lasceremmo se la civiltà umana collassasse nella sua attuale fase di sviluppo.   

Ora che la nostra civiltà industriale è veramente diventata globale, l’attività collettiva dell’umanità sta stabilendo una serie di tracce che saranno rilevabili dagli scienziati 100 milioni di anni nel futuro.  

L’ampio uso di fertilizzanti, ad esempio, alimenta 7 miliardi di persone, ma significa anche che stiamo reindirizzando i flussi di azoto del pianeta nella produzione di cibo. I futuri ricercatori dovrebbero vederlo nelle caratteristiche dell’azoto che si mostrano nei sedimenti della nostra era.  

Allo stesso modo, la nostra incessante brama per gli elementi di terre rare utilizzate nei dispositivi elettronici. Molto più di questi atomi ora stanno girovagando per la superficie del pianeta a causa nostra di quanto sarebbe altrimenti. Potrebbero anche presentarsi in futuri sedimenti.  

Anche la nostra creazione e uso di steroidi sintetici è diventata così pervasiva da essere rilevabile anche negli strati geologici da 10 milioni di anni a partire da ora.   

E poi c’è tutta quella plastica. Gli studi hanno dimostrato che quantità crescenti di “rifiuti marini” in plastica vengono depositati sul fondale marino ovunque, dalle aree costiere ai bacini profondi e persino nell’Artico. 

Vento, sole e onde macinano manufatti di plastica su larga scala, lasciando i mari pieni di microscopiche particelle di plastica che alla fine pioveranno sul fondo dell’oceano, creando uno strato che potrebbe persistere per tempi geologici.   

La grande domanda è quanto durerà ognuna di queste tracce della nostra civiltà …  

Nel nostro studio, abbiamo scoperto che ognuno aveva la possibilità di trasformarlo in sedimenti futuri. Ironia della sorte, tuttavia, il segno più promettente della presenza dell’umanità come civiltà avanzata è un sottoprodotto di un’attività che potrebbe minacciarla di più.   

Quando bruciamo combustibili fossili, stiamo rilasciando carbonio nell’atmosfera che un tempo faceva parte dei tessuti viventi. Questo antico carbonio è esaurito in una delle tre varietà di questo elemento naturale, o isotopi. Più combustibili fossili bruciamo, più l’equilibrio di questi isotopi di carbonio si sposta.  

Gli scienziati atmosferici chiamano questo cambiamento l’effetto Suess, e il cambiamento nei rapporti isotopici del carbonio dovuto all’uso di combustibili fossili è facile da vedere nel secolo scorso. Gli aumenti di temperatura lasciano anche segnali isotopici.  

Questi cambiamenti dovrebbero essere evidenti a qualsiasi futuro scienziato che analizza chimicamente strati di roccia esposti dalla nostra era. 

Insieme a queste punte, questo strato di antropocene potrebbe anche contenere brevi picchi, 

  • azoto 
  • nanoparticelle di plastica 
  • anche steroidi sintetici 

Quindi se queste sono tracce che la nostra civiltà è destinata a lasciare nel futuro, potrebbero gli stessi “segnali” esistere in questo momento nelle rocce che aspettano solo di dirci delle civiltà ormai lontane?   

Cinquantasei milioni di anni fa, la Terra passò attraverso il Paleocene-Eocene Thermal Maximum (PETM).

Durante il PETM, la temperatura media del pianeta è salita fino a 15° Fahrenheit (-9,44° C) al di sopra di quello che viviamo oggi. Era un mondo quasi senza ghiaccio, poiché le tipiche temperature estive ai poli si avvicinavano a un tiepido 70º Fahrenheit (21ºC).  

Guardando il record isotopico del PETM, gli scienziati vedono entrambi i rapporti isotopici di carbonio e ossigeno che spuntano esattamente nel modo in cui ci aspettiamo di vedere nel record dell’Antropocene.  

Ci sono anche altri eventi come il PETM nella storia della Terra che mostrano tracce come il nostro ipotetico segnale antropocene. 

Questi includono un evento di pochi milioni d’anni dopo che il PETM ha soprannominato gli strati di origine misteriosa di Eocene e gli eventi massicci nel Cretaceo che hanno lasciato l’oceano senza ossigeno per molti millenni (o anche più a lungo). 

Questi eventi sono indicazioni di precedenti civiltà industriali non umane? Quasi certamente no. 

Mentre ci sono prove che il PETM possa essere stato guidato da un massiccio rilascio di carbonio fossile sepolto nell’aria, è la tempistica di questi cambiamenti che contano.  

I picchi dell’isotopo del PETM aumentano e diminuiscono nell’arco di poche centinaia di migliaia di anni. Ma ciò che rende l’Antropocene così notevole in termini di storia della Terra è la velocità con cui stiamo scaricando carbonio fossile nell’atmosfera.  

Ci sono stati periodi geologici in cui la CO2 della Terra è stata più alta o più alta di oggi, ma mai prima d’ora nella storia di molti miliardi di anni del pianeta è stato scaricato così tanto nell’atmosfera così rapidamente. 

Quindi i picchi isotopici che vediamo nei record geologici potrebbero non essere abbastanza spigolosi da adattarsi al disegno sulla legge del Silurian.   

Ma qui c’è un enigma. Se l’attività industriale di una specie precedente è di breve durata, potremmo non essere in grado di vederla facilmente. I picchi del PETM ci mostrano soprattutto i tempi della Terra per rispondere a qualunque cosa l’abbia causata, non necessariamente alla scala temporale della causa.  

Quindi potrebbero essere necessari metodi di rilevamento dedicati e nuovi per trovare la prova di un evento veramente breve nei sedimenti antichi. In altre parole, se non lo cerchi esplicitamente, potresti non vederlo. 

Quel riconoscimento era, forse, la conclusione più concreta del nostro studio.   

Non capita spesso di scrivere un articolo proponendo un’ipotesi che non supporti. Gavin e io non crediamo che la Terra abbia ospitato una civiltà paleocenica di 50 milioni di anni fa.  

Ma chiedendo se potessimo “vedere” civiltà industriali veramente antiche, siamo stati costretti a chiederci quali sono i tipi generici di impatti che ogni civiltà potrebbe avere su un pianeta.  

Questo è esattamente ciò che la prospettiva astrobiologica sui cambiamenti climatici sta facendo. 

  

Costruire la civiltà significa raccogliere energia dal pianeta per creare lavoro (cioè il lavoro di costruzione della civiltà).  

Una volta che la civiltà raggiunge veramente le scale planetarie, ci deve essere un feedback sui sistemi planetari accoppiati che gli hanno dato origine (aria, acqua, roccia).  

Questo sarà particolarmente vero per le giovani civiltà come la nostra che stanno ancora salendo la scala della capacità tecnologica. Non c’è, in altre parole, nessun pranzo gratis. Mentre alcune fonti energetiche avranno un impatto minore – diciamo solare e combustibili fossili – non puoi alimentare una civiltà globale senza un certo impatto sul pianeta.   

Una volta compreso, attraverso il cambiamento climatico, la necessità di trovare fonti di energia a impatto ridotto, minore sarà l’impatto che lascerai.  

Quindi più sostenibile diventa la tua civiltà, più piccolo è il segnale che lascerai alle generazioni future.  

Inoltre, il nostro lavoro ha anche aperto la possibilità speculativa che alcuni pianeti potrebbero avere cicli di civilizzazione basati su combustibili fossili che sono stati costruiti e poi collassati.  

Se una civiltà utilizza combustibili fossili, i cambiamenti climatici che provocano possono portare a una grande diminuzione dei livelli di ossigeno nell’oceano. Questi bassi livelli di ossigeno (chiamati anossia oceanica) aiutano a innescare le condizioni necessarie per la produzione di combustibili fossili come petrolio e carbone, in primo luogo.  

In questo modo, una civiltà e la sua fine potrebbero gettare il seme per nuove civiltà in futuro.   

Chiedendo notizie sulle civiltà perse nel tempo profondo, chiediamo anche la possibilità di regole universali che guidino l’evoluzione di tutte le biosfere in tutto il loro potenziale creativo, compresa l’emergere di civiltà. 

Anche senza paleoceneri che guidano il ritiro, stiamo solo ora imparando a vedere quanto possa essere ricco quel potenziale …   

http://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld

Antropocene – la nuova era

1974

Scrive Rosalie Bertell: “Nell’ambito degli Accordi di Vladivostock, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica presero la decisione congiunta di sciogliere la calotta polare artica. Non si tratta di un accordo bilaterale registrato dell’ONU, perciò non divenne mai accessibile a coloro i quali – più tardi – furono messi in allarme dal rapido scioglimento dei ghiacci e delle nevi polari, e dalla situazione degli orsi polari che ne è risultata. Per il pubblico, lo scioglimento della calotta polare artica è diventato un segnale forte e inquietante del cambiamento climatico, talmente forte che negli Stati Uniti ai media è stato richiesto di non parlare mai di orsi polari! A causa del segreto militare la gente è stata indotta a pensare che il controllo industriale delle emissioni di CO2 riporterebbe tutto a posto nell’Artico! “VEDI QUI 

La vera guerra? Contro Madre Terra
Di Vandana Shiva

La crisi ecologica nasce dalla nostra separazione da ‘madre natura’. Ogni anello della catena della biodiversità è minacciato di privatizzazione e mercificazione”. Arriva in libreria “La Terra ha i suoi diritti”, l’ultimo libro-intervista di Vandana Shiva. Ne pubblichiamo un estratto dal capitolo “Pace, democrazia, attivismo”». Il Fatto Quotidiano, 3 novembre 2016 (p.d.) 

Si parla di guerra per indicare campi di battaglia come la Siria, la Libia, l’Ucraina, l’Iraq o l’Afghanistan. Ma la più grande guerra che attualmente si combatte è quella contro il nostro pianeta. Poche multinazionali cercano di assicurarsi il controllo delle risorse della Terra in spregio dei più elementari limiti etici ed ecologici.

La nostra acqua, i nostri geni, le nostre cellule, i nostri organi, le nostre conoscenze, la nostra cultura e il nostro futuro sono direttamente minacciati come su un campo di battaglia tradizionale. Non vede l’onnipresenza e la retorica guerriera dell’agroindustria? Che diventa palese quando si citano i nomi degli erbicidi di Monsanto: Roundup (“retata”, “razzia”), Machete, Lasso (“lazo”). 

Le industrie che producevano veleni ed esplosivi per uccidere durante le guerre sono le stesse che oggi fabbricano prodotti agro chimici. Negli anni Sessanta, Monsanto produceva in particolare l’Agente Arancio, scaricato dall’aviazione statunitense sulle foreste vietnamite durante la guerra per avvelenare gli alberi e gli uomini che essi proteggevano. Oltre ai numerosi tumori e malformazioni provocati all’epoca, molti altri casi fanno ancor oggi la loro comparsa.

I pesticidi hanno origine nelle armi chimiche: è utilizzando il cloro durante la Prima guerra mondiale (per esempio nell’iprite) che sono state messe in evidenza le proprietà insetticide dei composti a base di cloro, in seguito abbandonati, tra cui il Ddt, largamente diffuso prima di venire proibito. 

In seguito, l’ingegneria genetica ha preteso di offrire un’alternativa ai prodotti tossici. In realtà ha incrementato l’utilizzo di pesticidi ed erbicidi. Intanto gli Stati sostengono sempre di più i grandi gruppi nella loro marcia verso l’accaparramento delle risorse. È emerso un potere che coalizza Stato e industria per imporre le sue priorità al pianeta e ai popoli. 

Lo constatiamo senza timore di smentita in India, dove l’esercito è regolarmente chiamato a intervenire per espropriare le popolazioni che risiedono sui territori adocchiati dalle imprese. Ma il metodo è identico quando manifestanti greci o spagnoli subiscono gli assalti delle forze dell’ordine anche se non fanno che denunciare un’evidenza: le crisi economiche, alimentari, finanziarie sono lì a dimostrare che il sistema è agli sgoccioli e che una crescita senza limiti è impossibile su un pianeta dalle risorse limitate.

Gli scienziati hanno annunciato che siamo entrati in una nuova era: l’Antropocene. Ciò significa che le conseguenze chimiche, urbane, nucleari dei nostri stili di vita rimarranno incise negli archivi geologici del pianeta per migliaia di anni.

Eppure, anche tra quanti ammettono questa verità e il dato che l’umanità si trova in un’impasse esistono quelli che reagiscono ancora in maniera bellicosa, per esempio con la geoingegneria. Si rifiutano di abbassare le armi per lasciare che la natura si rigeneri e auspicano una lotta tecnologica contro i fenomeni naturali. Progettano interventi su grande scala per influenzare il sistema climatico e rallentare il riscaldamento: avvolgere la Terra di particelle di solfato per raffreddare il pianeta, inseminare di ferro gli oceani per stimolare il fitoplancton, o catturare il carbonio accumulato nell’atmosfera.

Manipolazioni che sono frutto di una totale mancanza di umiltà e di un’arroganza illimitata. Sono il sintomo di una perversione etica ed ecologica. Chi le promuove vede nell’uomo, una volta di più, il proprietario e padrone della natura, non un elemento che ne fa semplicemente parte. Di conseguenza, difendere i diritti della Terra Madre è la lotta più importante, tanto per l’ambiente come per i diritti umani e la giustizia sociale. Tenendo conto di tale contesto, è questa la lotta con le maggiori chance di portare a una pace duratura e a una situazione di stabilità. FONTE http://www.eddyburg.it/2016/11/la-vera-guerra-contro-madre-terra.html

VEDI ANCHE

http://www.nogeoingegneria.com/interviste/terra-futura-2013-intervista-a-vandana-shiva-sulla-geoingegneria/