La scienza del clima – raggiungere lo scopo a tutti i costi

“La deliberata corruzione della scienza del clima”, Dr. Tim Ball

 12 ottobre 2017 – 7:00 am Pubblicato da Sara Maria Maestroni

Ancora una volta siamo costretti a parlarvi della corruzione che impera e impregna la comunità scientifica e gli organi che dovrebbero garantire la validità degli studi e dei relativi risultati.

Riportiamo, quasi per intero, un articolo scritto da Tim Ball, uno dei più accessi combattenti di tale corruzione.

Vi accorgerete del crescendo narrativo che è riuscito a rendere, mano a mano che si susseguono le vicende. Come già immaginerete, lo scenario è il peggiore possibile

La premessa iniziale è quanto mai indicativa di come sarà l’atmosfera dell’intero pezzo (egli stesso ha preso spunto da un articolo pubblicato su WUWT, di cui non riporta il link):

Una punizione significa che le persone sono responsabili per le proprie azioni. La storia è piena di esempi di élite potenti che cercano di evitare la responsabilità. Non è sorprendente che, espandendosi la democrazia e con un gruppo più ampio al potere, ci siano più persone che evitano la responsabilità. Fa parte di quella società della “post-verità” o “post-facto”, esemplificata dall’idea che si infrange la legge solo se si viene “beccati”.

La lista di persone considerate non responsabili cresce ogni giorno, senza alcun segnale che la cosa possa cambiare in futuro […]

Subito dopo, ecco qui come stanno le cose (grassetto mio):

Responsabilità e punizione valgono sempre e solo per le persone comuni al gradino più basso della scala sociale ed economica. Nulla è più vero di quanto sta succedendo a proposito dell’inganno totale e deliberato secondo il quale gli esseri umani stanno causando il riscaldamento globale portato avanti dall’establishment. E’ senza dubbio il più originale, di lunga durata e più ampio esempio di “fake news”, ovvero informazione disegnata per mal-informare con una narrativa falsa.

Era una “fake-news” nella struttura e nella procedura, creata apposta per elicitare uno specifico risultato scientifico, ma poi si è spinta oltre. Maurice Strong e la gang del Programma sull’Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) ha costruito un meccanismo per restringere le loro scoperte e l’esposizione. Come ha scritto Elaine Dewar in “Cloak of Green”:

“Lui [Strong] può guadagnare i propri soldi da chiunque gli piaccia, nominare chiunque egli voglia e controllare l’agenda”

Non poteva mancare l’entrata in scena del nostro amato IPCC e la nascita dell’etichetta di negazionista, appiccicata a chiunque si ponesse delle domande e si rendesse conto che qualcosa non girava giusto nei documenti prodotti, con il preciso scopo di creare allarme:

La maggior parte di questo controllo ha incluso la creazione di un gruppo separato (IPCC) che producesse un Riassunto per i decisori politici (Summary for Policymakers). Essi hanno limitato e distorto ciò che era stato esaminato dal Gruppo di Lavoro n°1, le Basi della Scienza Fisica alle cause di origine antropica del cambiamento climatico, ma questo ha significato che il loro Report identificò tutti i limiti dei dati, il metodo, i modelli computerizzati e le analisi. Essi ben sapevano che davvero poche persone, sopratutto coloro che ci capiscono di scienza e di limiti, avrebbero letto il Report scientifico. In aggiunta, era facile emarginare i pochi, etichettandoli come scettici, negazionisti o imbonitori pagati dall’industria energetica. In ogni caso, lo scopo più importante era presentare un messaggio allarmistico rivestito di certezza ed essere sicuri che avrebbe ricevuto tutta l’attenzione dai media e dai gruppi ambientalisti. Essi raggiunsero lo scopo, rilasciando il Sommario (SMP) mesi prima del report scientifico durante una conferenza stampa pesantemente promossa e pubblicizzata. David Wojic, un esperto revisore all’IPCC, ha spiegato:

“Le omissioni lampanti sono lampanti solo per gli esperti, perciò i ‘decisori politici’ – inclusi la stampa e il pubblico – che legge il SPM non si renderà conto che viene detta loro solo un lato della storia. Ma gli scienziati che hanno scritto il Sommario SMP sanno la verità, come rivelato dal modo spesso ingegnoso con cui la nascondono. […]

Ciò che è sistematicamente omesso dal SPM riguarda proprio le incertezze e le contro evidenze positive che potrebbero negare la teoria dell’interferenza antropica. Invece che analizzare queste obiezioni, il Sommario sostiene confidenzialmente soltanto quei dati che supportano la sua tesi. Per farla breve, questa è difesa, non valutazione”.

L’inganno è riuscito a sopravvivere, nonostante la fuoriuscita di email che provavano che c’erano state omissioni e cancellazioni:

Essi hanno continuato e mantenuto l’inganno, nonostante la debacle dell’hockey stick (bastone da hockey, ndr). Era una grande storia all’interno del piccolo gruppo che sapeva cosa stava succedendo. Noi, stupidamente, pensavamo che tutto questo sarebbe cambiato dopo la fuoriuscita di emails dall’Unità di Ricerca sul Clima (Climatic Research Unit, CRU), apparse nel 2009. Molti di noi pensavano che fosse la rovina dell’inganno. Come avrebbero potuto sopravvivere alla rivelazione che Mosher e Fuller riassunsero così?

  • [hanno] attivamente lavorato per eludere le richieste per la Libertà di Informazione di Steve Mcintyre, cancellando emails, documenti e anche dati sul clima.
  • [hanno] cercato di corrompere i principali revisori scientifici (peer-review), che costituiscono il pilastro della scienza moderna, revisionandosi il lavoro reciprocamente, sabotando gli sforzi degli oppositori che cercavano di pubblicare il proprio lavoro, e minacciando gli editori dei giornali che non adempivano alle loro richieste.
  • [hanno] cambiato la forma dei loro propri dati in materiali mostrati ai politici in carica per cambiare il nostro mondo, “nascondendo l’indebolimento” che mostrava che i loro dati non potevano essere degni di fiducia.

Se anche solo la metà di queste affermazioni sono vere, si tratta di attività che avrebbero dovuto portare a censura accademica, scientifica e legale, finanche all’accusa criminale.

Ma qui stiamo parlando di politici e di consulenti di comunicazione che sono entrati in azione per limitare i danni. L’Università dell’Est Anglia, che ha sostenuto le azioni del CRU fin dall’inizio, assunse Neil Wallis, di Outside Organization. Un esponente dell’Università, Trevor Davies, disse che lo avevano assunto poiché si trattava di un problema di “gestione della reputazione” che non riuscivano a gestire bene. Invece, essi scelsero di diventare parte dell’insabbiamento politico. In effetti, le Università sono più esperti di altri nell’insabbiare.

Voi attenti lettori di AS, sapete bene quali sono i migliori strumenti di insabbiamento, giusto? Se vi dico commissioni di inchiesta, vi suona familiare…?

I veicoli di insabbiamento difensivo preferito dai politici sono le commissioni di inchiesta (vedi link). Molte persone pensano che siano una cosa buona poiché implicano l’esclusione dei politici. In effetti, esse sono l’arma ideale poiché i politici sono esclusi, ma ottengono molto più potere e controllo. Tutte le domande vengono eliminate poiché [i membri della commissione] non possono dire nulla fino alla conclusione dell’inchiesta.

Non si è abituati a fingere che questo non sia la più grande boiata.

Le email estratte dall’hacker dall’Unità di ricerca dell’Università dell’Est Anglia potrebbero scarsamente arrecare più danno. Sono ora convinto che essi sono sinceri e sono turbato e profondamente scosso da loro. Certo, i messaggi sono stati ottenuti illegalmente. Certo, tutti noi diciamo cose nelle email che sarebbero atroci, se rese pubbliche. Certo, alcuni dei commenti sono stati estrapolati dal contesto. Ma questi sono messaggi che non richiedono un esperto per farli apparire negativi. (Qui, sembrano essercievidenze di tentativi di fare in modo che alcuni dati scientifici non venissero pubblicati e addirittura tentativi di distruggere materiale che era oggetto di una richiesta di libertà di informazione):

“Peggio ancora, alcune email suggeriscono di sforzi per evitare la pubblicazione del lavoro di scettici del clima, o per tenerli fuori dal Report dell’IPCC. Credo che il capo dell’Unità, Phil Jones, dovrebbe dimettersi. Alcuni dei dati discussi nelle email dovrebbero essere rianalizzati.”

Jones si dimise al volo, ma venne velocemente reintegrato; nel frattempo, egli convenientemente “perse” i dati rilevanti (qui). Che io sappia, non c’è mai stata una “ri-analisi” ufficiale dei dati. Monbiot aggiungeva:

“Come mai la risposta del CRU a questo tema così disastrosa?”

Egli giustificava parzialmente l’azione, scrivendo:

“Gli scettici del cima hanno mentito, nascosto e imbrogliato per anni”

In ogni caso, stemperò l’affermazione in questo modo:

“Ecco perché noi razionalisti del clima dovremmo sostenere i più alti standard della scienza”

Nella Prefazione all’analisi di Andrew Montford, Lord Turnbull sostenne la lista di Monbiot, quando scriveva:

  • che gli scienziati del CRU fallirono nel dare una visione completa e giusta ai decisori politici e all’IPCC di tutte le evidenze a loro disponibili;
  • che essi ostacolarono deliberatamente l’accesso ai dati e ai metodi a coloro che avevano un punto di vista diverso dal proprio;
  • che essi fallirono nell’adempiere ai requisiti della Libertà di Informazione
  • che essi cercarono di influenzare i panel di revisori delle riviste, in modo da evitare che evidenze scientifiche rivali venissero pubblicate.

Soltanto 4 delle 5 inchieste, 3 in Inghilterra e 1 negli stati Uniti, produssero report. Essi erano:

  • il Comitato di Scienza e Tecnologia della camera dei Comuni, in Inghilterra
  • L’Inchiesta Oxburgh iniziata e diretta dall’Università dell’Est Anglia (UEA)
  • L’inchiesta Muir Russell, tecnicamente la Revisione Indipendente delle Emails sul Cambiamento Climatico (ICCER)
  • l’Inchiesta della Penn State.

Poi, come spesso accade se si è attenti osservatori, si notano degli schemi ricorrenti:

Di seguito un riassunto di queste investigazioni, che puntualizzano uno schema definito che ho riconosciuto anche dalla personale esperienza con commissioni d’inchiesta politiche.

Le persone parte dell’inchiesta erano sia compromesse da conflitti [di interesse] o avevano scarsa conoscenza di climatologia o del processo dell’IPCC:

  • Essi non avevano obiettivi chiari e definiti e fallirono nel raggiungere tutti quelli che pubblicizzarono.
  • Le interviste si limitavano alle accuse.
  • Gli esperti che sapevano cosa stesse succedendo e come fosse fatto, cosa che si deduce da quanto scritto nelle email, non venivano intervistati.
  • La validità della scienza e dei risultati ottenuti, così come vennero pubblicati sui Report dell’IPCC non vennero esaminati, in più gli inganni servivano per coprire questi problemi. Questo è particolarmente vergognoso per l’inchiesta di Oxburgh che ignorò specifiche istruzioni per esaminare la scienza.
  • Tutte le investigazioni erano seriamente inadeguate in grandi porzioni [del lavoro] tanto da essenzialmente negare le loro scoperte. Sembra che tali inadeguatezze fossero fatte deliberatamente per evitare lo smascheramento della verità. Tutti loro esaminarono sono una parte limitata delle questioni, per cui era come ascoltare solo una parte della conversazione e ciò che vuoi ascoltare è preselezionato.

Tutte le giurie hanno fallito nel riflettere sull’ammonizione di Hans Von Storch:

“Dobbiamo assumere una visione auto-critica di quanto è successo. Niente deve essere spazzato sotto il tappeto. Alcune inchieste – come in Gran Bretagna – fecero esattamente questo. Essi hanno buttato via un’opportunità per ristabilire la fiducia”.

La verità è che tutti fecero così. Fred Pearce, dal ‘The Guardian‘, evidenziò che:

“La segretezza era all’ordine del giorno al CRU. “Abbiamo notato che c’è stato uno schema ricorrente e consistente nel fallire nel manifestare l’adeguato grado di apertura”, dice il report. Tale criticismo si applicava non solo a Jones e alla sua squadra alla CRU. Si applicava allo stesso modo alla stessa Università, che potrebbe essersi sentita imbarazzata nello scoprire se stessa al banco degli imputati tanto quanto gli scienziati ai quali essa chiese di mettere Russel in giudizio”.

Clive Crock, un editore anziano a ‘The Atlantic’, aveva scritto:

“L’inchiesta della Penn State che esonerava Michael Mann – il paleoclimatologo che inventò l’Hockey stick – sarebbe difficile da scimmiottare. Tre delle quattro accuse sono abbandonate: l’inchiesta annuncia che, per mancanza di evidenze credibili, non verranno nemmeno investigate. (Su questo, Richard Lindzen del MIT ha detto ai commissari, “E’ davvero fantastico. Cioè, questi temi sono esplicitamente scritti nelle email. Mi chiedo cosa stia succedendo”. Il report continua: “Il comitato investigativo non ha risposto alla dichiarazione del Dott. Lidzen. Invece, la sua attenzione era catturata dalla quarta accusa”). Andando avanti, il report dice, in effetti, che Mann è uno studente modello, un cacciatore di finanziamenti di successo, un uomo ammirato dai suoi colleghi – perciò qualunque accusa di inappropriatezza accademica deve essere falsa”.

Più avanti, Crook scrive:

“Ho sperato, senza grande convinzione, che le varie inchieste Climategate sarebbero state più dure. Sarebbe stato il primo passo verso il ristabilire la fiducia nel consenso scientifico. Ma no, i report hanno peggiorato le cose. Nella migliore delle ipotesi, questi sono delle scuse contorte; alla peggio, sono chiaramente incompetenti e ostinatamente sbagliati. L’establishment della scienza del clima di cui queste inchieste fanno parte, sembra del tutto incapace di comprendere, figuriamoci una riparazione, il danno che hanno fatto alla loro stessa causa”.

George Morbiot scrive:

“Ma la campagna di bugie dei negazionisti, grottesche come sono, non giustifica la segretezza e la soppressione da parte degli scienziati del clima. Lontano da ciò: questo significa che essi devono distinguere loro stessi dai loro oppositori in qualunque modo. Nessuno è stato così malamente deluso dalle rivelazioni contenute nelle email come quelli di noi che hanno sostenuto la scienza. Noi dovremmo essere i primi a pretendere che sia inattaccabile, non gli ultimi”.

Tim, Ball conclude il suo articolo con amarezza, che francamente mi sento di condividere:

Effettivamente, essi sono stati molto lontani dall’essere “inattaccabili”, poiché rimasero in silenzio o parteciparono alla copertura orchestrata.

L’intera corruzione della scienza del clima, orchestrata attraverso l’IPCC, gli uffici nazionali di meteo e agenzie governative come NASA, GISS continua. Molte delle persone coinvolte alla CRU e altre agenzie citano le cinque commissioni d’inchiesta come prova della loro innocenza.

Non sono a conoscenza di alcuna persona che è stata dichiarata responsabile in qualunque modo per il più grande deliberato inganno della storia che ha creato disordini del tutto non necessari in ambito sociale ed economico e ha sprecato trilioni di dollari. Niente di tutto ciò sorprende poiché la mancanza di responsabilità è pandemica fra tutti i politici e le élite di potere. Ciò fa coppia con il cambiamento distruttivo nel pensare, associato con la convinzione che una persona infrange la legge solo se viene beccato.

Un crimine senza la punizione non è più un crimine.

Sara Maria Maestroni.

AttivitàSolare

Fonte diretta: https://www.attivitasolare.com/l