Crea sito

Città intelligenti – Prigioni digitali del grande ripristino

di Derrick Broze
dal sito web: TheLastAmericanVagabond

La spinta per un futuro “Smart City” è stato progettato da organizzazioni internazionali come il World Economic Forum, gli architetti di The Great Reset.

Leggi la parte 1, CAPIRE I PERICOLI DI ZONE DI INNOVAZIONE E CITTÀ SMART,  per comprendere meglio i pericoli di Città intelligenti e zone di innovazione.

Il pubblico viene spinto verso un futuro di “città intelligente” che ci viene detto,

‘finirà’ il razzismo sistemico, il sovraffollamento, l’inquinamento e la criminalità …

Come spiegato nella Parte 1 di questa indagine, ci sono legittime preoccupazioni con il movimento Smart City.

Senza adeguate protezioni, questa visione segnerà la fine della privacy, della proprietà e della libertà di movimento. Questo è il sogno del World Economic Forum e dei loro partner alle Nazioni Unite.

In un futuro in cui tutte le città sono dotate delle ultime tecnologie intelligenti, lottare per mantenere la privacy e la libertà di movimento è fondamentale. È anche importante comprendere le “zone di innovazione”, le “zone economiche speciali” e le “città intelligenti” nel contesto della visione “The Great Reset” del World Economic Forum .

In che modo queste tecnologie e concetti emergenti giocano un ruolo nel fomentare la visione centralizzata e autoritaria immaginata dalle teste parlanti del WEF?

The Great Reset, Agenda 2030 e Smart Cities
Una Smart City è promossa come un ambiente urbano che,

“utilizza i dati e le tecnologie emergenti per migliorare la qualità della vita dei cittadini, condividere le informazioni con il pubblico, guidare la crescita economica e costruire una società più inclusiva”.

Questa città implicherebbe l’uso di tecnologie come Internet of Things (IoT), intelligenza artificiale e droni per,

“migliorare la vita dei cittadini e risolvere le sfide di oggi preparandosi ad affrontare quelle di domani”.

Il World Economic Forum – gli architetti di The Great Reset – e una serie di altri partenariati internazionali pubblico-privato promuovono da anni il concetto come soluzione per combattere il cambiamento climatico.

L’operazione COVID -19 ha contribuito a consolidare ulteriormente l’idea che le nostre città e infrastrutture non sono sostenibili e, quindi, dobbiamo passare alle città intelligenti.

Nel giugno 2019, il WEF ha annunciato che stava collaborando con la leadership del G20 per guidare una,

“nuovo sforzo globale per stabilire norme e linee guida universali per l’implementazione della tecnologia della città intelligente” .

La mossa ha portato il WEF tra le organizzazioni globali focalizzate sul dare vita alla visione della Smart City.

Questa “Global Smart Cities Alliance” (GSCA) è stata costituita per

“stabilire standard globali per la raccolta e l’uso dei dati, promuovere una maggiore trasparenza e fiducia del pubblico e promuovere le migliori pratiche nella governance delle città intelligenti”.

Il WEF e la Smart Cities Alliance hanno descritto la necessità di una tecnologia per città intelligenti come segue:

“Per supportare le loro popolazioni urbane in forte espansione, molte città si sono affidate all’Internet delle cose ( IoT ), ovvero la rete mondiale di dispositivi connessi in continua espansione, per raccogliere, condividere e analizzare dati in tempo reale sugli ambienti urbani.

I dati raccolti utilizzando le tecnologie IoT stanno aiutando queste “città intelligenti” a combattere la criminalità, ridurre l’inquinamento, diminuire la congestione del traffico, migliorare la preparazione alle catastrofi e altro ancora.

Tuttavia, sta anche sollevando crescenti preoccupazioni in merito alla privacy, alla sicurezza e ad altri rischi.

Senza un’adeguata governance, queste tecnologie per le città intelligenti pongono sfide significative che possono superare i loro benefici.

Ma nonostante il numero crescente di città intelligenti in tutto il mondo, non esiste alcun quadro globale per regolamentare il modo in cui i dati dovrebbero essere raccolti negli spazi pubblici (come le telecamere del traffico o gli hotspot Wi-Fi) e successivamente utilizzati “.

La GSCA e il WEF sono ora pronti per essere le organizzazioni principali per stabilire un quadro globale per la governance della città intelligente

Inoltre, nel novembre 2020, il WEF ha selezionato 36 città per,

“Pioniere di una nuova roadmap politica globale per le città intelligenti sviluppata dalla G20 Global Smart Cities Alliance” .

Le città devono essere i modelli per il futuro della Smart City.

Queste città saranno utilizzate come terreno di prova per la “roadmap” del WEF e del G20.

Queste cosiddette “città pioniere” includono,

  • Barcellona, ​​Spagna

  • Buenos Aires, Argentina

  • Dubai, Emirati Arabi Uniti

  • Londra, Regno Unito

  • Città del Messico, Messico

  • San José, Stati Uniti

Più recentemente, il WEF ha lanciato una piattaforma chiamata “Shaping the Future of the Internet of Things and Urban Transformation” per aiutare a trasformare,

“gli spazi in cui viviamo, lavoriamo e giochiamo per consentire un più sostenibile, resiliente e ‘futuro prospero’ per tutti”.

Il WEF sta lavorando con più di 100 partner globali per implementare le iniziative chiave della piattaforma, che includono,

  • Future of the Connected World, incentrato sull’Internet of Things (IoT)

  • Future of Real Estate , discutendo la transizione del settore immobiliare

  • Future of Cities , che discuterà di,

“Uso responsabile ed etico delle tecnologie delle smart city con partner che rappresentano più di 200.000 città e governi locali”.

Chiaramente, il World Economic Forum è uno dei principali fautori della spinta verso le città intelligenti.

Attraverso i loro partenariati, iniziative e pubblicazioni, il WEF sta svolgendo un ruolo enorme nella promozione della visione tecnologica per le aree urbane.

Tuttavia, a un esame più attento diventa chiaro che,

il WEF sta semplicemente ripetendo a pappagallo gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

L’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite n. 11

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite sono una raccolta di 17 obiettivi interconnessi progettati per essere

“progetto per realizzare un futuro migliore e più sostenibile per tutti”.

Gli SDG sono stati fissati nel 2015  dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con l’intenzione di raggiungerli entro il 2030.

Gli SDG facevano parte di una risoluzione più ampia nota come Agenda 2030 o Agenda 2030. Il linguaggio del WEF e dell’Alleanza globale per le città intelligenti rispecchia chiaramente il linguaggio degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dell’Agenda 2030 .

Ad esempio, l’undicesimo SDG è,

“rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili”.

Gli “Obiettivi dell’obiettivo 11” includono,

ridurre l’impatto ambientale negativo pro capite delle città “e fornire” un accesso universale a spazi verdi e pubblici sicuri, inclusivi e accessibili “entro il 2030.

Le Nazioni Unite hanno anche lanciato l’iniziativa United for Smart Sustainable Cities” (U4SSC ) per aiutare a raggiungere l’OSS 11.

Secondo il loro sito web, 

“U4SSC funge da piattaforma globale per sostenere la politica pubblica e incoraggiare l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) per facilitare e facilitare la transizione verso città sostenibili intelligenti”.

Casualmente, il 5 ° incontro dell’iniziativa U4SSC ha avuto luogo il 9 ottobre 2020, circa una settimana prima che il World Economic Forum è stato coinvolto in eventi 201 ‘pandemia’ esercizio di simulazione.

Le Nazioni Unite non sono le sole a guidare la carica per le città intelligenti per aiutare a raggiungere gli SDG delle Nazioni Unite. Ci sono anche organizzazioni non governative (ONG) coinvolte nel processo.

Questi includono 100 Resilient Cities Network (100RC), sviluppato dalla Fondazione Rockefeller per aiutare,

“le città di tutto il mondo devono diventare più resilienti agli shock fisici, sociali ed economici” ,

e il C40 Cities Climate Leadership Group, finanziato da Bloomberg Philanthropies con l’ex sindaco di New York City Michael Bloomberg come presidente del consiglio di amministrazione.

Come si diffonde la propaganda di Smart City a livello locale

La spinta alla tecnologia e ai programmi Smart City non è esclusivamente l’attività dei governi internazionali e delle ONG.

La diffusione della propaganda delle Smart City avviene anche attraverso gli organi di governo locali che aiutano a implementare gli SDG delle Nazioni Unite. In questo modo i funzionari locali adottano risoluzioni e formano comitati volti a implementare gli obiettivi dell’Agenda 2030 / Great Reset con il pretesto di abbellire le rispettive città e paesi.

Un ottimo esempio è il sindaco di Houston Sylvester Turner.

Turner è un ottimo esempio di un individuo che usa la propria posizione di potere per emulare gli SDG delle Nazioni Unite …

Nel maggio 2018, Turner ha istituito un consiglio consultivo per la città intelligente per aiutare la transizione di Houston alla città del futuro mentre lavorava per ridurre il cambiamento climatico .

“L’era della tecnologia è qui e non possiamo permetterci di restare inattivi”, disse Turner all’epoca.

“Dobbiamo fare un salto, non camminare nel futuro. Il consiglio consultivo preparerà il terreno affinché Houston diventi la Smart City del mondo”.

Sotto la presidenza di Turner, Houston ha anche stretto una partnership con il gigante tecnologico Microsoft come parte dell’iniziativa Microsoft Innovation Alliance.

Turner ha anche collaborato con Verizon Inc per rendere Houston il sito della prima implementazione del 5G negli Stati Uniti.

Il rapporto di Turner con Verizon e l’industria wireless è così eccezionale che il gruppo di lobbying della Cellular, Telephone and Internet Association (CTIA) gli ha conferito il ” 5g Wireless Champion Award” 2018 per la rimozione,

“ostacoli alla diffusione di infrastrutture wireless di prossima generazione”.

Il CTIA ha dichiarato che, 

“Sotto la guida del sindaco Turner, Houston ha semplificato il processo di autorizzazione non richiedendo una licenza o un accordo di collegamento per nuovi pali o piccole celle, e completa la revisione prima delle scadenze”.

La connessione alle reti 5G è importante perché la tecnologia è la spina dorsale della visione Smart City.

Affinché i veicoli autonomi, i droni, gli assistenti robot, le luci intelligenti ei sensori in strada funzionino, deve esserci poca o nessuna latenza tra i dispositivi sull’Internet delle cose (IoT).

Ciò significa che le città intelligenti devono essere dotate del 5G. In effetti, la piattaforma di intelligenza strategica del World Economic Forum ha una pagina dedicata ai modi in cui il 5G plasmerà il mondo nei prossimi anni.

Il sindaco Turner ha anche cercato di utilizzare COVID-19 come promozione per l’ iniziativa Smart City per la resilienza di Houston.

Forbes osserva che Houston “utilizza dati in tempo reale” e “tracciamento digitale dei contatti” per identificare la diffusione della comunità e sviluppare più rapidamente le politiche.

La città ha anche collaborato con la società tecnologica Intel per un “programma idrico intelligente” che utilizza i marcatori genetici per comprendere la diffusione nella comunità.

A gennaio, i Climate Mayors hanno annunciato Turner come prossimo presidente della coalizione nazionale.

In questo ruolo, Turner,

“contribuire a catalizzare le azioni favorevoli al clima intraprese a livello locale, fornire un esempio di azione per il clima per i leader a tutti i livelli di governo” .

Turner è anche il vicepresidente dell’Agenda nazionale per l’azione per il clima , un membro del Patto globale per i sindaci per il clima e l’energia e, da ottobre 2020, il presidente del Resilient Cities Network.

Uno dei “principali finanziatori” del Resilient Cities Network è la Rockefeller Foundation, la stessa organizzazione che ha fondato la rete 100RC.

Infatti, come parte di 100RC, la Fondazione Rockefeller aiuta le città partner a stabilire “Chief Resilience Officers” per implementare gli obiettivi dell’organizzazione.

La Fondazione Rockefeller è intrecciata con la Fondazione Gates come parte dell’operazione COVID-19. Stanno anche lavorando con il World Economic Forum sul passaporto vaccinale CommonPass.

Nel febbraio 2020, Turner e il suo team hanno pubblicato il rapporto Resilient Houston come parte del Resilient Cities Network. Resilient Houston include 62 azioni allineate con gli SDG delle Nazioni Unite.

Il rapporto ha identificato sei temi,

“per far avanzare l’attuazione” di questi obiettivi, comprese le città intelligenti.

“Saranno sfruttati i progressi tecnologici e l’innovazione alla base del progresso delle iniziative per le città intelligenti”, afferma il rapporto.

Sostenibilità per equità o controllo?

A prima vista, c’è la tendenza a riconoscere esclusivamente i vantaggi degli schemi proposti da queste organizzazioni:

  • Il World Economic Forum

  • Alleanza globale per le città intelligenti

  • Le Nazioni Unite

  • 100RC

  • Sindaco Turner,

tutti affermano che la tecnologia delle città intelligenti aiuterà a inaugurare un’era di ambienti urbani sostenibili e inclusivi.

Dicono che l’IoT, il 5G e le città intelligenti sono necessari per portare questo futuro utopico …

Queste organizzazioni e gli SDG che cercano di implementare parlano spesso di equità e suonano piuttosto innocui al lettore occasionale.

Dopotutto, creare più piste ciclabili e spazi verdi in cui le persone possano rilassarsi all’aperto sembra meraviglioso. Fino a quando non ti rendi conto che l’agenda WEF Agenda 2030 / Great Reset prevede la limitazione di chi può guidare e chi può volare.

La realtà è che l’ONU e il WEF stanno solo a parole per proteggere la privacy e la libertà.

Ad esempio, Port-au-Prince, Haiti, utilizza i record di dati dei telefoni cellulari, combinati con tecniche di apprendimento automatico, per identificare i modelli di traffico più comuni e i rischi di allagamento al fine di pianificare e proteggere meglio le infrastrutture di trasporto della città in futuro.

Tuttavia, non si discute di cosa accadrà a quei tabulati telefonici che sono stati raccolti e chi ha accesso ad essi e per quanto tempo.

Senza un’adeguata protezione, miliardi di dati personali delle persone verranno utilizzati per plasmare il mondo tecnologico che li circonda.

In verità, la spinta per le città intelligenti, gli SDG delle Nazioni Unite e il Great Reset si basa su un’agenda più profonda per

monitorare , controllare e dirigere tutta la vita sul pianeta usando la tecnologia …

Il vero programma del WEF e delle Nazioni Unite è quello di stabilire uno Stato tecnocratico globale in cui presunti esperti e tecnologi prendono decisioni per la stragrande maggioranza delle persone nel nome della salvaguardia dell’ambiente .

L’unica cosa che ostacola l’attuazione di Agenda 2030 e The Great Reset è l’attuale risveglio di massa di esseri umani liberi in tutto il mondo.

Milioni di persone hanno iniziato a mettere in dubbio il vero scopo dietro i blocchi e i mandati di COVID-19.

Milioni di persone stanno ora cercando di istruirsi e costruire un mondo migliore al di fuori delle mani della classe Predator.

La gente rifiuta la “Nuova Normale” e abbraccia il Risveglio

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld