Crea sito

L’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa

Tecno-censura: la via scivolosa dalla censura E della “disinformazione” al tacere la verità

John W. Whitehead, Rutherford
Waking Times

“Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alle persone ciò che non vogliono sentire” – George Orwell

Questa è la china scivolosa che porta alla fine della libertà di parola come una volta la conoscevamo.

In un mondo sempre più automatizzato e filtrato dalla lente dell’intelligenza artificiale, ci troviamo in balia di algoritmi inflessibili che dettano i confini delle nostre libertà.

Una volta che l’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa, ci sarà poco ricorso: saremo soggetti ai giudizi intransigenti dei tecno-governanti.

Ecco come inizia.

L’avvertimento di Martin Niemöller sull’allargamento della rete che ci intrappola tutti è ancora valido.

“Prima sono venuti per i socialisti e io non ho parlato, perché non ero un socialista. Poi sono venuti per i sindacalisti e io non ho parlato, perché non ero un sindacalista. Poi sono venuti per gli ebrei e io non ho parlato, perché non ero ebreo. Poi sono venuti per me e non c’era più nessuno a parlare per me.

Nel nostro caso, tuttavia, è iniziato con i censori che inseguivano gli estremisti sputando i cosiddetti “discorsi di odio” e pochi si sono espressi perché non erano estremisti e non volevano vergognarsi di essere percepiti come politicamente scorretti.

Poi i censori di Internet sono stati coinvolti e hanno inseguito gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulle elezioni rubate, sull’Olocausto e su Hunter Biden , e pochi hanno parlato, perché non erano estremisti e non volevano essere evitati per sembrare in disaccordo con la maggioranza. .

Quando i tecno-censori inseguivano gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulla pandemia COVID-19 e sui vaccini, i censori avevano sviluppato un sistema e una strategia per mettere a tacere i non conformisti . Tuttavia, pochi hanno parlato.

Alla fine, “noi il popolo” saremo quelli nel mirino.

Ad un certo punto o in un altro, a seconda di come il governo ei suoi alleati aziendali definiscono ciò che costituisce “estremismo,” noi il popolo “potremmo essere tutti considerati colpevoli di qualche crimine di pensiero o altro.

Quando arriverà quel momento, potrebbe non esserci più nessuno a parlare o parlare in nostra difesa.

Qualunque cosa tolleriamo ora – qualunque cosa su cui chiudiamo un occhio – qualunque cosa razionalizziamo quando viene inflitta ad altri, sia in nome della giustizia razziale o della difesa della democrazia o della lotta al fascismo, alla fine tornerà a imprigionarci, tutti e tutti.

Guarda e impara.

Dovremmo allarmarci tutti quando voci di spicco dei social media come Donald Trump, Alex Jones, David Icke e Robert F.Kennedy Jr. vengono censurate, messe a tacere e fatte scomparire da Facebook, Twitter, YouTube e Instagram per dare voce a idee che sono ritenute politicamente scorretto, odioso, pericoloso o complottista.

La questione non è se il contenuto del loro discorso fosse legittimo.

La preoccupazione è cosa succede dopo che obiettivi così importanti sono stati messi con la museruola. Cosa succede una volta che i tecnocensori aziendali volgono gli occhi sul resto di noi?

È un pendio scivoloso dalla censura delle cosiddette idee illegittime al tacere la verità. Alla fine, come aveva predetto George Orwell, dire la verità diventerà un atto rivoluzionario.

Siamo su una traiettoria in rapido movimento.

Ci sono già richieste all’amministrazione Biden di nominare uno “zar della realtà” per contrastare la disinformazione, l’estremismo interno e la cosiddetta “crisi della realtà” della nazione.

Sapendo ciò che sappiamo sulla tendenza del governo a definire la propria realtà e ad attaccare le proprie etichette a comportamenti e discorsi che sfidano la sua autorità, questo dovrebbe essere motivo di allarme in tutto lo spettro politico .

Ecco il punto: non devi amare Trump o nessuno degli altri a cui è stata messa la museruola, né devi essere d’accordo o persino simpatizzare con le loro opinioni, ma ignorare le ramificazioni a lungo termine di tale censura sarebbe pericolosamente ingenuo. .

Come sottolinea giustamente Matt Welch, scrivendo per Reason , “ Le modifiche proposte alla politica del governo dovrebbero sempre essere visualizzate con il team avversario responsabile dell’implementazione.

In altre parole, qualunque potere tu permetta al governo e ai suoi agenti corporativi di rivendicare ora, per il bene del bene superiore o perché ti piacciono o ti fidi dei responsabili, alla fine sarà abusato e usato contro di te da tiranni di tua stessa creazione.

Come scrive Glenn Greenwald per The Intercept :

L’evidente errore che si trova sempre al centro dei sentimenti pro-censura è la convinzione ingenua e delirante che i poteri di censura saranno impiegati solo per sopprimere le opinioni che non piacciono, ma mai le proprie opinioni … Facebook non è un genitore benevolo, gentile, compassionevole o un attore sovversivo e radicale che controllerà il nostro discorso al fine di proteggere i deboli e gli emarginati o servirà come un nobile controllo delle offese dei potenti. Faranno quasi sempre esattamente l’opposto: proteggere i potenti da coloro che cercano di minare le istituzioni d’élite e rifiutare le loro ortodossie. I giganti della tecnologia, come tutte le società, sono tenuti per legge ad avere un obiettivo fondamentale: massimizzare il valore per gli azionisti.Useranno sempre il loro potere per placare coloro che percepiscono detengono il più grande potere politico ed economico.

Benvenuti nell’era del tecnofascismo.

Rivestito di tirannica ipocrisia, il tecnofascismo è alimentato da colossi tecnologici (sia aziendali che governativi) che lavorano in tandem per raggiungere un obiettivo comune.

Finora, i giganti della tecnologia sono stati in grado di eludere il Primo Emendamento in virtù del loro status non governativo, ma nella migliore delle ipotesi è una distinzione dubbia. Certamente, Facebook e Twitter sono diventati gli equivalenti moderni delle piazze pubbliche, i tradizionali forum sulla libertà di parola, con Internet stesso che funge da utilità pubblica.

Ma cosa significa per la libertà di parola online: dovrebbe essere protetta o regolamentata?

Quando viene data una scelta, il governo sceglie sempre l’opzione che espande i suoi poteri a scapito dei cittadini. Inoltre, quando si tratta di attività di libertà di parola, regolamentazione è solo un’altra parola per indicare la censura.

In questo momento, è trendy e politicamente opportuno denunciare, mettere a tacere, urlare e svergognare chiunque le cui opinioni sfidano le norme prevalenti, quindi i giganti della tecnologia si stanno allineando per placare i loro azionisti.

Questa è la tirannia della maggioranza contro la minoranza – esattamente la minaccia alla libertà di parola che James Madison ha cercato di impedire quando ha redatto il primo emendamento alla Costituzione – marciando al passo con il tecnofascismo.

Con l’intolleranza come la nuova lettera scarlatta dei nostri giorni, ora ci troviamo governati dalla folla.

Coloro che osano esprimere un’opinione o usare una parola o un’immagine tabù che va contro le norme accettate sono i primi in fila per essere svergognati, rimproverati, messi a tacere, censurati, licenziati, scacciati e generalmente relegati nel mucchio di polvere degli ignoranti, bulli dallo spirito meschino che sono colpevoli di vari “crimini verbali” e banditi dalla società.

Ad esempio, un professore della Duquesne University è stato licenziato per aver usato la parola N in un contesto accademico. Per riavere il suo lavoro, Gary Shank dovrà seguire un corso di formazione sulla diversità e ristrutturare i suoi programmi di lezione.

Questo è ciò che oggi viene considerato libertà accademica in America.

Se gli americani non difendono rumorosamente il diritto di una minoranza di uno di sottoscrivere, per non parlare di voce, idee e opinioni che possono essere offensive, odiose, intolleranti o semplicemente diverse, scopriremo presto che non abbiamo diritti qualunque cosa (parlare, riunirsi, essere d’accordo, in disaccordo, protestare, accettare, rinunciare o forgiare i nostri percorsi come individui).

Non importa quale sia il nostro numero, non importa quale sia il nostro punto di vista, non importa a quale partito potremmo appartenere, non passerà molto tempo prima che “noi popolo” costituiamo una minoranza impotente agli occhi di uno stato fascista alimentato dal potere. spinto a mantenere il suo potere a tutti i costi.

Siamo quasi a quel punto adesso.

La costante e pervasiva censura che ci viene inflitta dai giganti della tecnologia aziendale con la benedizione dei poteri forti minaccia di portare a una ristrutturazione della realtà direttamente dal 1984 di Orwell , dove il Ministero della Verità controlla il discorso e assicura che i fatti sono conformi a qualsiasi versione della realtà abbracciata dai propagandisti del governo.

Orwell intendeva il 1984 come un avvertimento. Invece, viene utilizzato come manuale di istruzioni distopico per l’ingegneria sociale di una popolazione conforme, conformista e obbediente al Grande Fratello.

Niente di buono può venire dalla tecno-censura.

Ancora una volta, per citare Greenwald:

Il potere di censura, come i giganti della tecnologia che ora lo detengono, è uno strumento di conservazione dello status quo. La promessa di Internet fin dall’inizio era che sarebbe stato uno strumento di liberazione, di egualitarismo, consentendo a coloro che non avevano denaro e potere di competere in modo equo nella guerra dell’informazione con i governi e le società più potenti. Ma proprio come è vero per consentire a Internet di essere convertito in uno strumento di coercizione e sorveglianza di massa, niente ha fegato che prometta, quel potenziale, come il potere di padroni aziendali e monopolisti irresponsabili di regolare e sopprimere ciò che può essere ascoltato .

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People , questi censori di Internet non agiscono nel nostro migliore interesse per proteggerci da pericolose campagne di disinformazione. Stanno gettando le basi per prevenire qualsiasi idea “pericolosa” che potrebbe sfidare la morsa dell’élite del potere sulle nostre vite.

Pertanto, è importante riconoscere la prigione del pensiero che si sta costruendo intorno a noi per quello che è: una prigione con una sola via di fuga: libertà di pensiero e libertà di parola di fronte alla tirannia.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld