Crea sito

Un Pianeta Perfetto

Attenborough: L’umanità è una piaga sulla Terra

Un tema ricorrente ma meno rivelato tra i tecnocrati è che la riduzione della popolazione è necessaria per salvare la terra. La ricostruzione radicale del sistema economico mondiale dovrebbe riportare le cose in equilibrio. Tutto questo è anti-umano e anti-civiltà.⁃ TN Editor

Il nostro pianeta è meraviglioso, ma di sicuro non è  un pianeta perfetto , come dichiara il titolo dell’ultimo spettacolo della BBC di David Attenborough. Affermarlo è un’affermazione di fede cieca, non un’osservazione fondata sulla realtà. E il fatto che questa sia l’affermazione retorica centrale dell’ultimo programma di Attenborough è sorprendentemente rivelatore, oltre che fuorviante.

Il  pianeta  è per lo più caotico e, ai nostri occhi, a volte crudele. Sì, l’universo segue certe leggi ordinate che comprendiamo in larga misura grazie all’osservazione scientifica. Gli atomi si sono uniti e hanno formato una palla, grazie alla gravità, e la vita complessa si è evoluta a causa del processo di mutazione genetica e selezione naturale. Ma ogni mutazione, vibrazione atomica e spostamento tettonico è senza piano o scopo. Quindi chiamare “perfetto” lo stato del mondo naturale in qualsiasi momento non è solo assurdo ma anti-scientifico.

Dopotutto, la Terra era perfetta quando una meteora si è schiantata su di essa, uccidendo il 99% della vita? È stato perfetto quando i gas vulcanici tossici si sono diffusi in interi continenti e hanno bloccato il Sole per anni? Era perfetto quando la peste bubbonica ha ucciso milioni di persone, innescando l’unico grande calo della popolazione umana nella storia? L’umanità non mobiliterà tutta la sua tecnologia e le sue risorse per combattere eventi naturali così terrificanti se dovessero accadere di nuovo? O li dichiareremmo parte del nostro “pianeta perfetto” e soccomberemmo docilmente al destino?

Il noto sostegno di Attenborough alla riduzione delle dimensioni della popolazione umana è forse una delle ragioni per cui sembra perfettamente felice di accettare enormi eventi di riduzione della popolazione come parte del suo pianeta “perfetto”. Altri meno malthusiani di Sir David potrebbero non accettare in modo così spietato la “perfezione” della natura.

Quindi non accettiamo la pandemia globale di coronavirus come un altro aspetto meraviglioso del nostro pianeta perfetto. Piuttosto lo riconosciamo come un problema che la natura ha sollevato che dobbiamo superare – usando la scienza e la tecnologia. E così facendo, cerchiamo noi stessi di cambiare, forse anche la natura “perfetta”.

Certo, potresti dire che sto prendendo questo uso del linguaggio troppo alla lettera. “Perfetto” è solo una parola, giusto? Ma la lingua conta e la  BBC  è stata abbastanza  esplicita  su come desidera utilizzare  A Perfect Planet  per influenzarci e persuaderci. Ha deliberatamente impostato il pianeta nel suo stesso titolo come “perfetto” contro la specie che pensa lo stia rovinando.

Nell’episodio finale, Niall McCann, un biologo, ambientalista ed esploratore, dice che ‘questo nostro perfetto pianeta è stato gettato in uno stato di flusso’ grazie alla specie umana, che è diventata ‘così popolosa e così distruttiva che è diventata la singola creatura più influente sulla Terra ‘. Ci dice persino che una catastrofe come quella che ha spazzato via i dinosauri accadrà di nuovo. Lo scrittore Jeremy Rifkin dà al messaggio una svolta economica, annunciando che “la nostra missione non è crescita, crescita, crescita”. Indiscusso, dice agli spettatori quali infrastrutture e fonti di energia dovremmo costruire e come dovremmo riorganizzare la nostra economia per preservare questo pianeta perfetto.

L’intero episodio finale, infatti, non è affatto storia naturale. Invece, presenta una serie di attivisti che consegnano ultimatum, mentre Attenborough sostiene una vasta gamma di proposte politiche globali. Molti, come spargere semi in aree aride dell’Amazzonia, sembrano assolutamente ragionevoli e difficili da criticare. Ma alcuni, come “incentivare finanziariamente” il coinvolgimento del governo straniero nei paesi in via di sviluppo, sono profondamente politici e altamente contestati. E il messaggio stesso – millenarista, apocalittico e coercitivo – non è privo di critiche, anche all’interno del movimento ambientalista.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld