Crea sito

Catherine Austin Fitts conferma gli obiettivi della tecnocrazia e del transumanesimo

In una spettacolare intervista che ha raccolto oltre 2,2 milioni di visualizzazioni nelle prime 2 settimane dalla pubblicazione, Catherine Austin Fitts espone il piano generale globale per la tecnocrazia, il transumanesimo e il controllo totale sull’umanità. Questo è un video imperdibile.

nda, corsivo mio: abilita i sottotitoli in italiano, ti potrebbe interessare per comprendere quello che sta succedendo anche in Italia. L’ipotesi transumanista non è così peregrina. Tutto questo sta già succedendo, nell’ignavia e apatia della popolazione mondiale, terrorizzata dalla paura.

Fitts è stato assistente segretario statunitense per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano durante l’amministrazione George HW Bush e amministratore delegato di un’importante società di investment banking, Dillon, Read & Co.

In Tecnocrazia con Patrick M. Wood sul suo sito web Solari Report, ha scritto:

La tecnocrazia è un sistema globale progettato per implementare la gestione e il controllo delle risorse centrali attraverso la microgestione basata su regole. La crescita della tecnocrazia è resa possibile dai sistemi e dal software digitali, dall’intelligenza artificiale e dallo “specchio unidirezionale” gestito attraverso la sorveglianza 24 ore su 24, 7 giorni su 7 da agenzie di intelligence e di controllo, finanziate dai nostri dollari di tasse.

La bellezza della tecnocrazia è che può essere integrata in un’ampia varietà di sistemi politici e aziendali. Mentre gli Stati Uniti promuovono la nozione di mercato e processo democratico, i nostri sistemi possono essere convertiti in tecnocrazia con l’integrazione di un flusso infinito di regole e algoritmi governativi, bancari e aziendali che gestiscono e controllano la nostra vita quotidiana e le nostre infrastrutture. Lo stesso processo si sta sviluppando nel sistema monopartitico cinese e anche attraverso una regolamentazione sconvolgente da parte di più governi di coalizione e istituzioni dell’Unione europea.

Vedere e documentare questo processo è impegnativo. Richiede l’integrazione di operazioni complesse in molte industrie e governi diversi, ed è protetto dalla straordinaria segretezza concessa al complesso militare-industriale e alle banche centrali.

Ecco una breve clip da quell’intervista:

*****************************************