Crea sito

Funzionari di mentalità autoritaria hanno trovato opportunità nelle paure per la salute pubblica

sipaphotoseleven285304(Abaca Press / Prezat Denis / Avenir Pictures / Aba / Newscom)

Un nuovo avvertimento che le risposte pandemiche internazionali stanno erodendo la libertà

Funzionari di mentalità autoritaria hanno trovato opportunità nelle paure per la salute pubblica.

In un anno di azioni straordinarie e spesso terribili intraprese in risposta al COVID-19, un altro gruppo della società civile internazionale avverte che i governi stanno sfruttando la pandemia per rafforzare i controlli sui loro soggetti. In modo minaccioso, non è il primo avvertimento del genere e arriva anche quando i paesi tradizionalmente liberali democratici intensificano la sorveglianza dei dissidenti e reprimono l’opposizione pubblica.

“La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto disastroso sulle libertà civiche a livello globale”, ha riferito la scorsa settimana Civicus, un gruppo con sede in Sud Africa che promuove la società civile e la libertà di associazione . “La nostra ricerca mostra che i governi … stanno usando la pandemia come un’opportunità per introdurre o attuare ulteriori restrizioni alle libertà civili”.

Lo status degli Stati Uniti passa da “ristretto” a “ostruito” per “leggi restrittive, uso eccessivo della forza contro i manifestanti e un ambiente sempre più ostile per la stampa”. Il rating Civicus sottolinea tattiche militarizzate e arresti di massa in risposta alle proteste di Black Lives Matter scoppiate quest’anno. Sebbene queste proteste non siano esplicitamente collegate alla pandemia, sono state probabilmente esacerbate dalle interruzioni e dal dolore economico causato dai blocchi che hanno portato a ebollizione le tensioni preesistenti.

Sfortunatamente, i criteri di valutazione di Civicus sembrano basati su aneddoti e piuttosto arbitrari. Mentre gli Stati Uniti sono (giustamente) puniti per il trattamento a volte pesante dei manifestanti (mentre la polizia in altre località apparentemente ha ceduto le strade alle fazioni politiche favorite), altri paesi ottengono un permesso relativo per reprimere l’espressione pubblica che era specificamente mirata alla risposta della pandemia.

L’Australia, ad esempio, è classificata come “ristretta” una classifica migliore rispetto agli Stati Uniti anche se le autorità arrestano le persone semplicemente per aver pianificato di protestare contro i blocchi legati alla pandemia. Il paese si sta inoltre muovendo per centralizzare la sorveglianza dei viaggiatori in nome della salute pubblica e per facilitare il monitoraggio interno delle comunicazioni elettroniche.

“I giornalisti in Francia sono stati ostacolati nello svolgere il loro lavoro attraverso intimidazioni e detenzioni mentre coprivano le proteste”, osserva Civicus, che classifica il paese come “ristretto”.

Venerdì scorso, 142 persone sono state arrestate a Parigi durante manifestazioni contro una legge che avrebbe limitato la possibilità di fotografare gli agenti di polizia durante eventi come le proteste contro i blocchi.

Gli arresti tedeschi di manifestanti anti-lockdown sono riconosciuti anche se il paese ottiene una valutazione “aperta”.

Non viene menzionata la sorveglianza tedesca degli oppositori a misure anti-pandemiche restrittive sulla base del fatto che sono stati “infiltrati da estremisti”. “La mossa è effettivamente un avvertimento pubblico ai simpatizzanti e ai leader del gruppo – che i funzionari hanno descritto come l'”epicentro “delle proteste tedesche contro il coronavirus – ma non riesce a vietare il movimento”, osserva il Washington Post.

L’elenco per Israele classificato come “ostruito” – si concentra sul trattamento dei palestinesi. Questa è certamente una questione importante. Tuttavia, poiché Civicus sottolinea lo sfruttamento da parte dei governi delle preoccupazioni per la salute per giustificare un’autorità espansa, vale la pena ricordare che lo Shin Bet, la forza di sicurezza interna del paese, ha presentato informazioni fasulle per ottenere l’autorizzazione a monitorare i cittadini per il coronavirus. “In altre parole, la commissione ha votato e la sorveglianza riaffermato in cittadini israeliani dallo Shin Bet basata su dati parziali o addirittura fuorvianti”, secondo a Haaretz.

Detto questo, l’avvertimento di Civicus è tempestivo e le preoccupazioni dell’organizzazione sono condivise da altri.

“La prima pandemia globale dell’era digitale ha accelerato l’adozione internazionale di tecnologie di sorveglianza e di pubblica sicurezza, normalizzando nuove forme di sorveglianza statale diffusa e aperta”, hanno avvertito Kelsey Munro e Danielle Cave del Cyber ​​Policy Center dell’Australian Strategic Policy Institute il mese scorso.

“Numerosi governi hanno utilizzato la pandemia COVID per reprimere l’espressione in violazione dei loro obblighi ai sensi della legge sui diritti umani”, ha osservato a luglio David Kaye, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di espressione .

“Per i leader dalla mentalità autoritaria, la crisi del coronavirus offre un comodo pretesto per mettere a tacere i critici e consolidare il potere”, ha ammonito Human Rights Watch ad aprile.

C’è quindi un ampio accordo sul fatto che i funzionari governativi di tutto il mondo stiano sfruttando la pandemia per espandere il loro potere e sopprimere l’opposizione. Questo è il caso non solo dei soliti sospetti dove le autorità non pretendono di prendere sul serio le elezioni e le libertà civili, ma anche nei paesi tradizionalmente considerati “liberi”.

È estremamente ottimistico aspettarsi che gli strumenti di sorveglianza e i poteri di controllo appena acquisiti svaniranno semplicemente una volta che COVID-19 avrà preso la sua strada. È quasi certo che la nuova normalità post-pandemica sarà più autoritaria di quanto accaduto prima.

Diverse organizzazioni tentano di classificare la libertà in tutto il mondo, come il Press Freedom Index pubblicato da Reporter senza frontiere e l’Indice di libertà economica della Heritage Foundation . Le valutazioni più olistiche come quelle di Amnesty International e Human Rights Watch tendono a riassunti narrativi piuttosto che a classifiche comparative. Ciò potrebbe riflettere la difficoltà (vista nella classifica di Civicus) nel raccogliere e valutare in modo equo il trattamento dei cittadini da parte dei governi in una moltitudine di categorie.

Per i miei soldi, il miglior sforzo fino ad oggi che ci consente di confrontare i paesi e vedere fino a che punto stiamo diventando più o meno liberi è l’indice sulla libertà umana pubblicato da organizzazioni tra cui il Cato Institute, il Fraser Institute del Canada e la Fondazione tedesca Friedrich Naumann per la libertà. Ultima pubblicazione nel 2019, quella “misurazione globale della libertà personale, civile ed economica” utilizza 76 indicatori tra cui Stato di diritto, libertà di movimento, libertà di espressione e libertà di commercio.

C’è molto da fare e la pubblicazione del 2019 si è basata sulle informazioni del 2017 “l’anno più recente per il quale sono disponibili dati sufficienti” per arrivare alla sua classifica. Dato che il 2020 ha ancora diverse settimane in cui lanciare un nuovo inferno sulla nostra strada, probabilmente dovremo aspettare un paio d’anni per scoprire se i paesi hanno mantenuto le loro classifiche (gli Stati Uniti sono arrivati ​​a 15) e cosa significano quelle classifiche in un mondo che cambia.

Ma con Civicus solo l’ultima organizzazione a sottolineare che “la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto disastroso sulle libertà civiche”, non abbiamo bisogno di classifiche dettagliate per sapere che i funzionari governativi di mentalità autoritaria hanno trovato opportunità nelle paure della salute pubblica.

Fonte: https://reason.com/2020/12/14/a-new-warning-that-international-pandemic-responses-are-eroding-freedom/

*****************************************

(nda) all’interno del link originale, ci sono diversi video raccomandati

Articoli correlati:

Il Muro Verde

La crisi mondiale della Corona del 2020: distruzione della società civile, depressione economica ingegnerizzata, colpo di stato globale e “grande ripristino”

Viviamo davvero in un elaborato manicomio?

®wld