Crea sito

IL GRANDE SILENZIO DEGLI ESPERTI. PERCHÈ?

LE MASCHERINE PONGONO RISCHI PER LA SALUTE! IL GRANDE SILENZIO DEGLI ESPERTI. PERCHÈ?

Un anno fa, sarebbe stato uno scandalo se gli operatori sanitari – come il Robert Koch Institute (RKI) – avessero richiesto l’uso di maschere che non erano state sottoposte ad una procedura di certificazione per i dispositivi medici e non portavano il marchio CE. Oggi sembra che niente di tutto questo sia più valido….ritengo che l’uso delle maschere nei bambini sia immorale… 

UNA MASCHERA PRIMA DI TUTTO!?

Un’opinione del Prof.Dr. Markus Veit

Il Prof. Dr. Markus Veit, farmacista e amministratore delegato di Alphatopics GmbH, Kaufering, società di consulenza per l’industria farmaceutica, è inorridito! È inorridito dalle dichiarazioni della politica e dei media e infine,  più recentemente, sulle ragioni delle sentenze sulle maschere obbligatorie. Questo orrore vale anche per la gestione indiscriminata della questione da parte dei colleghi coinvolti. Pertanto ha deciso di fare la seguente puntualizzazione. Riflette la sua opinione personale e, per quanto gli è dato di sapere, lo stato attuale delle prove.

Ci sono norme per le maschere protettive che dovevano essere rispettate senza se e ma fino alla fine dello scorso anno e senza la loro conformità (medica) non potevano essere vendute in Germania. Un anno fa, sarebbe stato uno scandalo se gli operatori sanitari – come il Robert Koch Institute (RKI) – avessero richiesto l’uso di maschere che non erano state sottoposte ad una procedura di certificazione per i dispositivi medici e non portavano il marchio CE. Oggi sembra che niente di tutto questo sia più valido. Anche i nostri politici si divertono a indossare le cosiddette maschere di tutti i giorni per la protezione dalle infezioni.

Da cosa proteggono le maschere

Come noi farmacisti dovremmo sapere, le maschere sono utilizzate nel settore sanitario per proteggere le persone e i prodotti. Ad esempio, proteggono i pazienti in sala operatoria dai germi (non dai virus!) provenienti dai medici, o proteggono i medici durante il trattamento dai germi provenienti dai pazienti, o durante la produzione asettica dei prodotti dai germi provenienti dalle persone che li producono. Inoltre, ci sono innumerevoli altre applicazioni per le maschere al di fuori del settore sanitario.

Norme abrogate

Finora tutte le maschere dovevano soddisfare standard individuali, indipendentemente dal campo di applicazione. Queste norme mirano, da un lato, a garantire la funzionalità delle maschere protettive e, dall’altro, a proteggere l’utente dall’inalazione di sostanze respirabili e polveri che possono uscire dalle maschere e a ridurre al minimo la compromissione della respirazione.

Da marzo non ha più importanza quali maschere usiamo (anche in farmacia) per la protezione dalle infezioni, se le prendiamo in officina, se le compriamo al fan club o se le cuciamo noi stessi – l’importante è la maschera! Solo da questo si può dedurre che la protezione di tutte queste diverse maschere contro i virus e la loro efficacia nella trasmissione delle infezioni è dubbia. Basta usare il buon senso, non c’è bisogno di studiare la letteratura scientifica.

Il grande silenzio

Perché gli esperti di questo Paese, compresi noi, signore e signori, tacciono su questo; e non solo; stanno addirittura adottando un approccio pro-attivo: si suppone che ci siano anche farmacie che offrono le loro “maschere di tutti i giorni”.

Virus in goccioline e aerosol

Suppongo che tu sappia tutto questo. Così possiamo vedere che i virus non vengono espulsi singolarmente, ma in goccioline ed eventualmente anche in aerosol, con l’aria che respiriamo e quando tossiamo (anche quando cantiamo). Con queste gocce e gli aerosol, si deve ora osservare quanto segue. In primo luogo, è importante considerare le dimensioni delle particelle, da cui dipendono non solo la loro persistenza e la loro durata, ma anche la profondità con cui possono penetrare nelle vie aeree.

 In secondo luogo, la carica virale è di grande importanza nella valutazione del rischio di trasmissione dell’infezione. Secondo i dati finora disponibili, possiamo supporre che una certa carica virale sia necessaria per la trasmissione di un’infezione. Questa carica virale riguarda i virus in grado di riprodursi e non può essere determinata dalla semplice misurazione dell’RNA virale negli aerosol.

Una questione di dimensioni delle particelle

Più piccole sono le particelle, più a lungo galleggiano nell’aria e più a fondo possono penetrare nelle vie respiratorie quando vengono inalate. Soprattutto le particelle (molto) piccole non vengono trattenute dalle cosiddette maschere di tutti i giorni, ma anche dalle maschere chirurgiche! Solo le maschere che soddisfano almeno il cosiddetto standard FFP2, o meglio FFP3, filtrano goccioline molto piccole o aerosol dall’aria inalata o espirata.

Le particelle di aerosol più grandi e le goccioline possono essere trattenute anche da maschere chirurgiche e, se necessario, dalle cosiddette maschere di uso quotidiano autoprodotte. Con l’aumentare delle dimensioni, aumenta la probabilità che, quando inalano o espirano, gli aerosol si avvicinano così tanto alle fibre della maschera da poterle toccare, da poter poi aderire alla fibra. Questo diventa più efficiente con l’aumento del diametro delle particelle.

Tuttavia, particelle così grandi possono difficilmente essere trasmesse per più di un metro, perché cadono a terra molto rapidamente. Non abbiamo bisogno di maschere per la protezione da tali particelle se non ci avviciniamo troppo alle altre persone. Tutto questo vale soprattutto in spazi chiusi. All’aria aperta, gli aerosol di solito non persistono molto a lungo e, secondo tutto quello che sappiamo, i coronavirus non sopravvivono a lungo nemmeno lì, motivo per cui le maschere non sono realmente necessarie qui, o non sono di alcuna utilità, dal momento che gli aerosol sono più durevoli solo se le dimensioni delle particelle sono molto piccole e quindi non c’è alcuna protezione con maschere “normali”.

La questione dell’efficacia

Oltre alle proprietà dei materiali utilizzati per le maschere, l’efficacia dipende da una serie di altri fattori, come gli affluenti che passano vicino alla maschera, l’adattamento e la manutenzione della maschera, il tipo e la frequenza di pulizia della maschera, e altri ancora.

Tuttavia, la segregazione degli aerosol in corrispondenza della maschera significa anche che essi sono poi contenuti nel tessuto della maschera. Se guardiamo le persone infette (vedi paragrafo successivo), i virus si accumulano sulle fibre delle maschere.

Sono sempre più numerosi gli studi pubblicati che, nel contesto di cui sopra, hanno lo scopo di mostrare quali sono le maschere più efficienti in termini di protezione dalle infezioni. Tuttavia, la maggior parte dei dati di tali studi è difficilmente adatta per indagare proprio su questa questione, anche se il titolo degli studi o l’interpretazione dei risultati ottenuti dai “fact checkers” dei media, nella migliore delle ipotesi semi-istruiti, lo suggeriscono.

Controllate voi stessi!

Pertanto, formatevi una vostra opinione e verificate attentamente il significato di tali studi. Sono sufficienti i tre criteri seguenti:

– I dati e i risultati ottenuti sono generalmente validi o riguardano solo uno specifico tipo di maschera esaminato nello studio? Lo studio è rappresentativo? Questo è importante perché una grande varietà di maschere sono indossati per soddisfare i requisiti normativi. I risultati ottenuti con un particolare tipo di maschera non possono di solito essere trasferiti ad un altro tipo di maschera.

– I dati sono rappresentativi delle correnti d’aria e delle concentrazioni di aerosol che si manifestano durante l’inalazione, l’espirazione o la tosse? ( Mettendo una maschera tra due gabbie per criceti questo non può certo essere raffigurato).

I dati mostrano che la carica virale inalata o espirata dei virus replicabili (!) può essere ridotta dalle maschere? La semplice misurazione della capacità di ritenzione degli aerosol o delle goccioline non consente di rispondere a questa domanda, né la misurazione dell’RNA virale negli aerosol.

Questo permette di determinare facilmente se uno studio genera effettivamente la prova che le maschere riducono il rischio di infezione. L’effetto protettivo inadeguato delle maschere di uso quotidiano (e anche delle maschere chirurgiche) come protezione contro le infezioni da virus è indiscusso nel mondo scientifico sulla base dei dati finora disponibili. Anche i nostri politici e l’RKI ne sono consapevoli, ed è per questo che l’uso delle maschere è stato inizialmente sconsigliato. Il motivo per cui ci sia stato un cambiamento nella comunicazione con il pubblico e l’obbligo di indossare le maschere in determinate situazioni può essere solo ipotizzato – soprattutto perché questo è accaduto in un momento in cui la pressione dell’infezione era già in calo.

Maschere quotidiane con rischi

Un rischio delle maschere di tutti i giorni, che anche il RKI ha sottolineato ripetutamente all’inizio, è che suggeriscono una presunta sicurezza. Un altro rischio (scientificamente non provato ma plausibile) è che il rischio di trasmissione aumenti invece di diminuire! Perché è così? Quando respiriamo attraverso la lana o il cotone (che viene spesso utilizzato nelle maschere che produciamo noi stessi ed è raccomandato in innumerevoli forum), ad esempio, l’umidità dell’aria che respiriamo si condensa sulle fibre. Ciò è dovuto alla microstruttura delle fibre. Su di esse si forma una pellicola d’acqua (chiunque può provarla).

 In misura maggiore o minore questo accade anche con i tessuti tessili. I virus sono in grado di sopravvivere molto bene in questo habitat, per loro è praticamente ottimale. A differenza delle maschere professionali, le maschere realizzate dalle persone stesse non vengono smaltite dopo l’uso, ma le persone le mettono da qualche parte e quindi possono contribuire alla diffusione dei virus. Nelle scuole e nei ristoranti, le autorità prescrivono anche che le persone devono indossare una maschera quando vanno e vengono, e poi non più – che assurdità!

L’uso di maschere autoprodotte può quindi, a mio avviso, essere collegato a un pericolo per gli altri. Tutto questo vale se si è infettati. In ogni caso, tutte queste maschere offrono solo una protezione limitata contro le infezioni – se mai (vedi le mie spiegazioni di cui sopra). Questo è vero anche perché si tocca il viso più spesso indossando le maschere.

Le maschere professionali richiedono una gestione professionale

Anche la protezione con maschere professionali funziona solo se usate le maschere in modo professionale. Questo comprende il corretto togliersi la maschera (toccandola nei punti giusti), cambiarla regolarmente e smaltirla correttamente, e poi pulire accuratamente le mani, disinfettandole meglio. Ciò richiede una formazione, anche per personale qualificato! Dopotutto, dipende anche dal tipo di maschera se ha la qualità di catturare adeguatamente le goccioline e, soprattutto, di non trattenere l’umidità. Dopotutto, le maschere – a seconda del tipo di maschera – possono essere indossate solo per un certo periodo di tempo.

Cos’altro è importante

Le maschere aiutano solo quando c’è il rischio che persone infette e non infette si incontrino. Chiunque può capire quanto sia grande un tale rischio sulla base dei dati aggiornati quotidianamente dell’RKI. Non sappiamo se le maschere rappresentano un rischio per la salute. Per il personale addetto alle vendite e agli ordini, nel settore della ristorazione, sui voli a lungo raggio e in molti altri settori, esiste attualmente un obbligo ufficialmente prescritto di indossare le maschere, che si applica a tutto il tempo di lavoro senza che siano disponibili maschere adeguate.

In campo medico, le maschere che sono state testate e certificate per l’uso previsto per un periodo di tempo così lungo sono utilizzate esclusivamente per il loro scopo previsto. A questo proposito, le autorità ci hanno ordinato di effettuare un test sul campo su larga scala con il quale valuteremo i rischi che possono derivare dalle cosiddette maschere di uso quotidiano. Non è improbabile che ci siano dei rischi! Questo vale soprattutto per i bambini dell’asilo e della scuola, che spesso soffrono di infezioni otorinolaringoiatriche durante la stagione fredda, il cui decorso e il cui aggravamento non sono certo non interessati dalle maschere.

Conclusione

Ogni giorno siamo istruiti dai media, autoproclamati ” fact-checkers ” e politici con mezze verità sulle maschere. A causa dell’insicurezza suscitata dalla politica e dai media, ora vedo persino persone con le maschere da sole in macchina o in bicicletta, anche a camminare e fare escursioni a piedi… sic!

Come esperti dobbiamo, a mio avviso, prendere una posizione adeguata in merito. Se un giorno si scopre che il rapporto rischio/beneficio per le “maschere di tutti i giorni” è in realtà peggiore di quanto ipotizzato, almeno non possiamo dire che non avremmo potuto saperlo!
Nota bene: Quando si ha a che fare con pazienti o gruppi a rischio, abbiamo sempre bisogno di maschere. Ma poi certificati e testati e non le maschere di tutti i giorni!

Poscritto: Immediatamente prima che questo documento di opinione andasse in stampa, è stata pubblicata la dichiarazione della commissione ad hoc SARS-CoV-2 della Società di Virologia (GfV) sulle misure di prevenzione della SARS-CoV-2 all’inizio della scuola dopo le vacanze estive (vedi anche pag. 24), che noto con sgomento. A beneficio delle maschere, viene citata una sola meta-analisi (Chu et al. The Lancet June 27, 2020, 395, 1973 – 1987), che è un ottimo esempio di come gli studi con carenze sperimentali, come ho anche menzionato nel mio articolo di opinione, siano usati come base per le decisioni politiche.

In questa meta-analisi è stato analizzato (acriticamente) solo il risultato degli studi, non il loro disegno. Non viene citata una meta-analisi pubblicata di recente (Xiao J et.al Emerging Infectious Disesases 2020; 26/5: 967 doi.org/10.3201/eid2605.190994), che in realtà valuta l’efficacia delle “maschere quotidiane” nelle infezioni virali e giunge a una conclusione completamente diversa. Infine, la commissione ad hoc si occupa solo del presunto beneficio di tali maschere, non dei loro rischi. Non abbiamo dovuto (fino a poco tempo fa) effettuare una valutazione dei benefici e dei rischi per tutti i farmaci e i dispositivi medici? Fintanto che, in particolare, i rischi delle maschere nei bambini in uso continuativo, indossandole e togliendole, non sono chiaramente indagati e la valutazione del rapporto beneficio-rischio è positiva, ritengo che l’uso delle maschere nei bambini sia immorale e possibilmente pericoloso.

Prof. Dr. Markus Veit,
Alphatopics GmbH Regulatory Affairs | GxP, Consulting & Training,
Iglingerstraße 27, 86916 Kaufering

Curriculum https://www.uni-frankfurt.de/53369162/Apl__Prof__Dr__Markus_Veit

TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGEGNERIA

FONTE: Giornale tedesco del farmacista https://www.deutsche-apotheker-zeitung.de/daz-az/2020/daz-33-2020/hauptsache-maske

LE MASCHERINE PONGONO SERI RISCHI PER LA SALUTE ..

 

Fonte: https://www.nogeoingegneria.com/

********************************************

Articoli consigliati:

 

Bisogna fare in modo che l’umanità venga messa nella bottiglia (ora nota come OPERAZIONE COVID-19).

Coscienze umane uploadate in macchine.

 

®wld