Crea sito

Alieni – Umani e DNA

Gli Esseri Umani ereditarono il DNA dagli Alieni?

dal Sito Web CodigoOculto traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo

Non è la prima volta che si pensa a questa teoria, comprese alcune correnti come la panspermia in passato hanno ventilato questa possibilità.

Il DNA umano contiene traccia di vita extraterrestre?

C’è un messaggio strano in codice nel nostro DNA?

I fallimenti gravi nella teoria dell’evoluzione di Darwin sono una sfida per le nostre credenze profondamente radicate e ci spingono ad aprire le nostre menti a nuove possibilità e a esplorare il vecchio mondo fa una prospettiva diversa.

La teoria che “qualcuno” ha seminato la vita sul nostro pianeta per molti anni da diversi scienziati.

 

Sir Francis Crick è un buon esempio.

Sir Francis Crick (1916-2004), vincitore del Premio Nobel, astronomo e scopritore della molecola del DNA, nel 1980 disse che una civiltà avanzata seminò la vita sulla Terra in un passato remoto.

Questa teoria si chiama Panspermia diretta

 

Crick non era solo uno scienziato intelligente, ma anche molto coraggioso, e non temeva di affrontare le critiche di coloro a cui non piacevano le sue idee poco ortodosse.

Mentre ricercava sulle origini della vita, Crick non seguì i misteri della storia antica.

SI centrò invece sulla natura del DNA (acido En cambio, se centró en la naturaleza del ADN (acido desossirribonucleico) e sul ARN (acido ribonucleico), e ciò che all’epoca si sapeva su come si era originata la vita sulla Terra.

“Dobbiamo presupporre che su un qualche pianeta distante approssimatamente quattro milioni di anni, esisteva una forma evoluta di creature elevate che, come noi, avevano scoperto la scienza e la tecnologia, sviluppandole di quanto noi siamo riusciti adesso.

Le orme della vita più antiche che abbiamo potuto scoprire oggi si associano a delle rocce datate approssimativamente 3.600 milioni di anni… però il reperto fossile, formato da animali semplici, le cui parti rigide si sono conservate, hanno solo 600 milioni di anni”.

Sir Francis Crick

La vita stessa: la sua origine e la sua natura

 

La complessità del DNA

 

Crick era cosciente dell’impressionante complessità del DNA.

 

Accentuò il fatto che ci erano voluti 1.400 milioni di anni per la evoluzione degli organismi unicellulari più semplici.

Il seguente passo cruciale sulla complessità degli organismi multicellulari impiegò quasi 2 miliardi di anni di più…

Però quando i mammiferi apparvero improvvisamente 200 milioni di anni, per una qualche ragione, la complessità fece un salto quantico.

Foto da: OVNIHoje.com

 

La conclusione è che speriamo che sia trascorso almeno un periodo di tempo più breve per l’evoluzione di vite semplici, e molto più tempo per organismi complessi.

 

Indubbiamente ai mammiferi ci volle solo una frazione del tempo per il loro sviluppo a paragone con le forme di vita più antiche e semplici.

 

Cosa successe?

Crick scoperse che una prova forte a sostegno della Panispermia diretta era nel reperto fossile…

Secondo la teoria di Crick, i microrgani sarebbero apparsi:

“senza nessun reperto di sistemi prebiotici o organismi molto primitivi”.

Lo scienziato ha potuto confermare l’assenza di qualsiasi reperto fossile di vite di transizione.

 

Secondo Crick, il nostro pianeta non ha forme di transizione:

Le forme transitorie sono la prova dell’evoluzione che “sarebbe esistito solo nel pianeta che le ha emesse, non sulla Terra”.

Crick concluse:

“La panspermia diretta:

Stabilisce un principio secondo il quale le radici della nostra forma di vita provengono da un altro luogo dell’universo quasi con sicurezza da un altro pianeta, che aveva raggiunto una forma molto avanzata, prima che altre cose iniziassero quì,

…e che la vita quì fu seminata da altri microrganismi inviati con una qualche navicella spaziale, da una civiltà avanzata”.

Messaggi alieni nel DNA umano?

Un altro scienziato che ha presentato una teoria interessante fu il professor Paul Davis, del Centro Australiano di Astrobiologia, dell’Università Macquarie di Sydney.

Davies crede che ci può essere un messaggio strano codificato nel nostro DNA.

“Recentemente, gli scienziati hanno scoperto grandi sequenze di DNA “spazzatura” che non contengono nessun gene e sembrano essere molto stabili.

Se gli extraterrestri mettono un messaggio negli organismi terrestri, questo è il posto dove cercare”.

Foto da: OVNIHoje.com

Un artefatto potrebbe essere sotterrato facilmente, inabissato o eroso.

 

La soluzione ideale sarebbe codificare il messaggio dentro una grande quantità di macchine microscopiche che si auto copiano e riparano, per moltiplicarsi e adattarsi alle condizioni che cambiano.

 

Fortunatamente tali macchine già esistono:

si chiamano cellule vive

Davies ha detto:

“Le cellule dei nostri corpi, per esempio, contengono messaggi genetici scritti da Madre Natura da miliardi di anni”.

Secondo Davies, il messaggio codificato si scoprirà solo quando la razza umana avrà la tecnologia per leggerlo e comprenderlo.

 

Un messaggio impiantao nel DNA umano potrebbe sopravvivere per molto tempo. Secondo gli scienziati statunitensi, parti intere di DNA umano “spazzatura” o di un ratto possono essere immutabili per decine di milioni di anni…

 

Se consideriamo la quantità di reperti e piste che i nostri dei stellari ci hanno lasciato sparsi in tutto il pianeta, sembra logico supporre che potrebbe esserci un messaggio codificato nel nostro DNA.

 

Le nostre cellule umane son un buon posto per inserire un messaggio.

 

Se cè un messaggio strano nel nostro DNA, c’è speranza che un giorno sia scoperto e decifrato.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Lettura Consigliata:

Oltre la Paura – nello stesso modo in cui gli sperimentatori fanno con i topi di laboratorio

®wld