Paracetamolo: niente più caramelle …

 

Paracetamolo: non vale il rischio

Il paracetamolo è in circolazione da oltre un secolo ed è il composto farmaceutico più utilizzato al mondo. Negli Stati Uniti, il paracetamolo (APAP) è presente come ingrediente attivo in oltre 600 farmaci da prescrizione e da banco commercializzati per alleviare il dolore o ridurre la febbre, incluso il Tylenol. Ogni settimana, quasi un americano su quattro assume un farmaco contenente paracetamolo, ei pediatri raccomandano di routine il paracetamolo come trattamento di scelta per la febbre nei bambini.

Nonostante la sua ubiquità, il paracetamolo ha anche molti critici. Questi sostengono che il percorso verso la preminenza del farmaco è stato disseminato di errori, false supposizioni e indebita compiacenza sui rischi. I problemi documentati includono danni al fegato potenzialmente fatali in individui che consumano paracetamolo in “quantità in eccesso” – qualcosa che è troppo facile da fare, dati i diversi alias della droga e il numero di prodotti in cui è presente – così come le malattie cardiovascolari e rischi di danno renale associati con l’uso a lungo termine. Dal punto di vista della critica, questi e altri problemi rendono il paracetamolo “uno dei composti più pericolosi nell’uso medico“.

Negli Stati Uniti, circa 500 decessi sono attribuibili al paracetamolo ogni anno, così come 100.000 chiamate al controllo del veleno, 50.000 visite al pronto soccorso e 10.000 ricoveri. La maggior parte delle visite al pronto soccorso relative al paracetamolo sono rivolte a bambini piccoli (sotto i 5 anni), adolescenti o giovani adulti. Il problema delle overdose accidentali (o intenzionali) è abbastanza preoccupante, ma ci sono altri motivi per essere preoccupati per l’uso di paracetamolo nei giovani – in particolare, l’associazione del farmaco con l’asma e disturbi dello sviluppo come l’autismo. La ricerca che collega il paracetamolo a queste condizioni croniche a livello epidemico suggerisce che l’inclusione automatica del farmaco nel gabinetto dei medicinali per l’infanzia dovrebbe essere riconsiderata.

… due studi diversi hanno rilevato che l’uso di paracetamolo nel primo anno di vita prevedeva l’asma all’età di tre anni e ai sei-sette anni, rispettivamente.

Paracetamolo e condizioni atopiche

Numerosi studi collegano l’uso di paracetamolo durante la gravidanza con aumento dei rischi di asma nella prole. La ricerca indica anche un’associazione tra l’uso nell’infanzia e l’asma in seguito. Ad esempio, due diversi studi hanno scoperto che l’uso di paracetamolo nel primo anno di vita prevedeva l’asma all’età di tre anni e ai sei-sette anni, rispettivamente.

Le associazioni valgono non solo per l’asma ma anche per le allergie e l’eczema. Ricercatori polacchi hanno riportato “un significativo aumento dose-dipendente” nel rischio di asma, allergia ed eczema in tre gruppi di età che hanno usato paracetamolo negli ultimi 12 mesi: bambini (6-7 anni), adolescenti (età 13-14) e adulti (età 20-44). Uno studio europeo multicentrico ha scoperto che il farmaco era “fortemente positivamente associato all’asma” in adulti di età compresa tra 20 e 45 anni che assumevano acetaminofene su base settimanale , rispetto a utenti meno frequenti.

Facendo un bilancio delle dimensioni e della consistenza delle prove, i ricercatori spagnoli – pur non riuscendo a raccomandare un divieto assoluto di acetaminofene – hanno invocato un significativo rollback sul suo uso:

“È assolutamente chiaro che la letteratura scientifica sta inviando un segnale ampio e coerente che sfida il tradizionale eccellente profilo di sicurezza del paracetamolo nei bambini. […] Una raccomandazione diffusa e professionale di limitare l’uso di paracetamolo a quei casi in cui l’ibuprofene non può essere somministrato ridurrebbe al minimo l’esposizione della popolazione infantile e fornirebbe una buona opportunità per minimizzare l’effetto dannoso del paracetamolo.”

… gli autori osservano che gli effetti a lungo termine dell’esposizione al paracetamolo sullo sviluppo neurale non sono mai stati valutati nell’uomo e sottolineano che anche a dosi molto basse, il paracetamolo innesca l’attivazione del sistema immunitario e le risposte allo stress ossidativo, entrambe caratteristiche di autismo.

Autismo e disturbi dello sviluppo

Oltre all’asma, la ricerca ha collegato l’uso paracetamolo prenatale a “quoziente di intelligenza delle prestazioni inferiore (QI), … disturbo dello spettro autistico, problemi dello sviluppo neurologico (sviluppo motorio grossolano, comunicazione), disordine da deficit di attenzione / iperattività, scarsa attenzione e funzione esecutiva, e problemi comportamentali nell’infanzia.” Ad esempio, uno studio longitudinale che ha esaminato lo sviluppo del linguaggio a due anni e mezzo le cui madri avevano assunto acetaminofene durante il primo trimestre di gravidanza hanno trovato un’associazione significativa tra uso paracetamolo prenatale e ritardi nella lingua, in particolare nei ragazzi. I ricercatori hanno concluso, “Considerato … l’importanza dello sviluppo del linguaggio, questi risultati … suggerirebbero che le donne incinte dovrebbero limitare il loro uso di questo analgesico durante la gravidanza.”

C’è una ricerca particolarmente convincente che lega l’uso di paracetamolo al disturbo dello spettro autistico (ASD). In uno studio del 2017 (scritto da un “who’s who” dei ricercatori sull’autismo di Duke, Harvard e dell’Università del Colorado), gli autori osservano che “gli effetti a lungo termine dell’esposizione al paracetamolo sullo sviluppo neurale non sono mai stati valutati negli esseri umani” e Fai notare che anche a dosi molto basse, il paracetamolo “innesca l’attivazione del sistema immunitario e le risposte allo stress ossidativo”, entrambe caratteristiche di autismo. Raccolgono anche prove per entrambe le associazioni prenatale e postnatale tra l’uso di paracetamolo e problemi neurologici nei bambini, tra cui menzione di un legame tra uso paracetamolo correlato alla circoncisione e aumento della prevalenza di autismo.

Molti genitori riferiscono di aver visto l’insorgenza di autismo regressivo in seguito al ricevimento simultaneo di paracetamolo e vaccini da parte del loro bambino.

Disintossicazione alterata

Gli studi pubblicati nel 2018 propongono che il paracetamolo possa funzionare come un fattore di rischio ASD in combinazione con altre tossine farmaceutiche e ambientali. Ad esempio, i ricercatori ipotizzano che il paracetamolo amplifichi il danno provocato dagli antibiotici e dal glifosato perché altera il metabolismo del solfato e esaurisce il maestro antiossidante- glutatione, di cui il corpo ha bisogno per impegnarsi in un’efficace disintossicazione.

Molti genitori riferiscono di aver visto l’insorgenza di autismo regressivo in seguito al ricevimento simultaneo di paracetamolo e vaccini da parte del loro bambino. Tuttavia, i ricercatori desiderosi di mantenere l’attenzione sul paracetamolo tendono a evitare di discutere possibili effetti sinergici correlati al vaccino. Ciò è alquanto sconcertante, dato il contenuto di alluminio dei vaccini e la capacità dell’alluminio di alterare la disintossicazione più o meno allo stesso modo del paracetamolo. In effetti, esistono molteplici meccanismi “in base ai quali quantità significative di alluminio introdotte tramite immunizzazione potrebbero produrre neuropatologia cronica in bambini geneticamente suscettibili”, tra cui lo stress ossidativo, l’esaurimento del glutatione e l’aumento dell’infiammazione. La ” sincronicità … tra l’inizio dell’epidemia di autismo e l’aumento nell’uso di paracetamolo” è innegabile, ma lo è anche la sincronicità tra l’autismo e il programma di vaccinazione infantile in continua espansione.

Niente più caramelle

Per anni, gli operatori sanitari ei genitori hanno distribuito prodotti contenenti acetaminofene come caramelle, incuranti della tossicità documentata del composto. Johnson & Johnson, produttore di Tylenol e una delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo, è stato fin troppo felice di continuare a incoraggiare le percezioni di un “profilo di sicurezza favorevole”; tuttavia, ricorrenti cause legali e richiami e la letteratura abbondante che descrive risultati tossici suggeriscono che potrebbe essere giunto il momento per i giorni di gloria del paracetamolo.

Fonte: https://www.collective-evolution.com/

 ®wld

Galeno di Pergamo

Ricevo dall’amico Di Val Pusteria Dott.Roberto Slaviero e pubblico

CI FACCIAMO UN “GALENOS?“

Il grande medico greco Galeno, nato a Pergamo nel 129 d.C., è stato un grandissimo del passato ed in campo medico ha raggiunto livelli altissimi per ricerca delle cause delle malattie e per le loro cure; noi farmacisti, a tutt’oggi prepariamo rimedi “galenici” in suo onore!

Ci fu un periodo in cui egli visse a Roma, soprattutto alla corte del grande filosofo ed Imperatore Marco Aurelio e si dice che la soluzione da lui creata per ridurre i dolori, a base di Alcool ed Oppio, il GALENUS, piacesse molto anche all’Imperatore.

Il grande Dio Morfeo, deve il suo nome alla sostanza più presente nell’ oppio, ossia la morfina, potentissimo antidolorifico e induttore del sonno.

Fino a poche decine di anni fa, nelle farmacie si trovava ancora il Laudano, ovvero la stessa cosa inventata da Galeno.

Furono i discepoli di Paracelso a modificare una ricetta del grande medico ed alchimista svizzero, aggiungendoci l’oppio!

Mi ricordo da giovane studente in farmacia, che un giorno mio padre Ettore, farmacista, mi mostrò l’armadietto degli stupefacenti chiuso a chiave e mi fece vedere’ la bottiglia del Laudano. E disse:  guarda bene il tutto ed abbi timore e rispetto per queste sostanze “eroiche”!

Per sostanza eroica, si intende una sostanza che in quantità piccolissime, (pochissimi milligrammi), abbatte anche un elefante! Potenze della natura e per questo da rispettare ed anche da temere.

Castaneda insegna …. Don Juan …

Il problema del dolore fisico in una vita vissuta nella materia, è di vitale importanza, e per questo la Dea Natura ci ha fornito strumenti incredibili per sradicarlo; affinché la nostra anima, leggiadra e volatile, non soffra molto nell’esperienza terrena.

I potenti, negli ultimi secoli hanno usato invece il potere dell’oppio, per rincoglionire e sottomettere le popolazioni. Mi vengono in mente ad esempio i colonialismi britannici in Cina nel 19°  secolo, con le guerre dell’oppio.

Cosa credete che siano andati a fare in Afganistan gli occidentali? A portare forse il pensiero libero contro le barbarità dei talebani? L’Afganistan è il più grande produttore di oppio del mondo!

Oggi lo fanno anche legalmente, soprattutto negli Usa, prescrivendo farmaci a base di oppiacei anche per dolori ridicoli. L’onda lunga made in Usa sta arrivando anche in Europa, anzi è già qui; arriverà anche la Marijuana legale etc. etc.

Obbiettivo è che i coloni (i servi della gleba), vivano rincretiniti e lavorino a basso costo e non si interessino della “cosa pubblica”.

Tornando ai tempi di Galeno, egli studiava le ferite dei Gladiatori per imparare i funzionamenti del corpo umano. Aveva abbracciato la scienza di Ippocrate e la teoria degli umori del corpo, quali causa delle malattie.

Un genio incredibile, che affermava che non si può essere medici, se non ci si intende anche di logica, fisica ed etica!

Pensando al momento in cui viviamo, dove solo il denaro ed il volere delle grosse multinazionali farmaceutiche contano, penso che siamo precipitati proprio negli abissi e sarà dura un giorno rialzarsi!

Il nostro caro Galeno frequentava ai tempi di Roma, ai tempi dell’ Imperatore Lucio Settimio Severo, che fu imperatore dopo Marco Aurelio, dal 193 d.C. fino alla morte, i salotti filosofici e letterari della moglie dell’Imperatore, Giulia Domna.

Altro frequentatore di quei salotti fu lo storico e retore Flavio Filostrato, nato a Lemno nel 172 d.C.

A Filostrato, l’Imperatrice commissionò una ricerca e biografia di un filosofo antico di Tiana nella Cappadocia, nato nell’anno 2 d.C., nella allora provincia romana dell’impero e chiamato Apollonio, (Apollonio di Tiana). Nato più o meno negli stessi anni di Jesus, dotato di poteri straordinari; effettuava miracoli ed opere incredibili. Venne anch’egli a contatto (per un periodo) con gli Esseni, viaggiò in Oriente per molti anni, tra Mesopotamia ed India.

A qualcuno sorse il dubbio … ma non è che la storia sia stata leggermente alterata e forse l’Apollonio e Jesus siano la stessa persona?!

Ma va … era un mago stregone, possedeva le arti magiche.

Qualcun altro dice che avendo frequentato anche Tarso … non è che magari sia il famoso Paolo di Tarso, divenuto in seguito San Paolo!? Pensate un po’ se magari si scoprisse che il Jesus esseno non era della stirpe di Davide … apriti cielo!

Frequentò molto Efeso; li proprio ad Efeso c’è ancor oggi la Casa di Maria (l’ho visitata), dove si dice che Maria e Giovanni evangelista vissero per degli anni dopo la morte di Jesus … forse anche con la Maddalena!

Chi lo sa ragazzi, al tempo non c’era Internet o la Treccani e dopo il Concilio di Nicea nel 325 d.C., l’Imperatore Costantino decretò la religione cristiana, religione dell’Impero.

Le dispute su chi era Jesus Cristus furono terribili e fecero fuori diversi Vescovi, non in linea con il nuovo ordine mondiale di Costantino!

Nel 380 poi con l’Editto di Tessalonica gli Imperatori Graziano,Teodosio I° e

Valentinianio II°, decretarono il Cristianesimo niceno il credo ufficiale dell’Impero, proibendo l’Arianesimo e tutti i culti pagani.

Iniziò cosi una persecuzione feroce contro tutti i culti pagani con la distruzione di molti templi … vi viene in mente qualcosa del recente presente … sempre nelle stesse zone Siriane – mesopotamiche? Non parliamo della eliminazione fisica di migliaia di persone. L’Integralismo di tutti i tipi e soprattutto religioso è una disgrazia per l’umanità  !!

Tornando all’ Apollonio mi ha colpito una cosa in particolare; egli fece voto di silenzio per 5 anni! “Parla prima con gli Dei e dopo parla degli Dei “

Vita ascetica secondo la dottrina pitagorica, spesso scalzo, si cibava di bacche e di piante spontanee. si vestiva di tuniche di lino bianche.

  • Pensate se oggi i nostri politici ed economisti facessero almeno un giorno di silenzio alla settimana … che sollievo!
  • Pensate se ognuno di voi facesse un giorno di silenzio sui social … che sollievo!
  • Pensate se ognuno di voi ritornasse col pensiero alla magia della natura e degli Dei della Natura … che sollievo!

Tornando ai secoli passati, Giulia Domna, Imperatrice e moglie dell’Imperatore Severo, era di origine siriana, di Emesa, figlia di Giulio Bassiano, gran Sacerdote della divinità solare El-Gabal!

Fu quella dinastia che trasferì il culto del Deus Sol Invictus nella corte romana;

l’adorazione del Dio monoteista solare!

L’Imperatore Eliogabalo, nipote  di Giulia Domna, tentò di imporre il culto del Sol Invictus all’Impero. Egli morì molto giovane, assassinato: era tra l’altro un personaggio un po’ spinto … ebbe 5 mogli e 2 mariti …Storia

Comunque la corona solare sulle monete romane coniate durò per molto tempo.

Nel 272 l’Imperatore Aureliano ufficializzò il culto solare di Emesa e costruì un tempio sul Quirinale e creò i sacerdoti Pontifices Solis Invict.

La nascita del 25 dicembre dopo il Solstizio invernale, o meglio la rinascita, dopo che il sole si ferma per circa 3 giorni dal 21 al 24 dicembre, è dovuta a questo culto.

Il Cristianesimo ha seguito tale corso storico, con la nascita di Jesus in quei giorni.

Con Costantino nel 330, il Natale Invitto divenne Natale Cristiano!

Poi è arrivato l’Editto di Tessalonica e tale culto venne bandito … unica religione, il Cristianesimo niceno!

La magia dei culti pagani faceva vivere le persone con meno problemi e sensi di colpe a mio parere e forse più libere …

Vabbè … attendiamo l’evento finale dell’Apocalisse già in atto … l’oggetto trascendentale della fine del tempo avviato dall’Onda Temporale zero!

Allora ragazzi … ci facciamo un Galenus per rincoglionirci e non capire nulla del mondo … o ci facciamo un Gin Tonic … più spumeggiante  e forse più stimolante sul pianeta … guardate l’impero inglese … chi ha inventato il Gin Tonic?

Gli ascetismi ed integralismi  eccessivi a me non piacciono … la matrix terrestre è assai più interessante, se vissuta senza paure e timori vari!

A voi la scelta ed auguri … molti integralisti rimarranno stupiti delle rivelazioni finali, credo non manchi molto visto l’andazzo!

In bocca al lupo!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld