Farmaci accumulati in fonti d’acqua dolce in tutto il mondo

 

I prodotti farmaceutici stanno distruggendo gli ecosistemi di acqua dolce 

da: Tracey Watson
(Natural News

Le aziende farmaceutiche hanno certamente avuto un impatto enorme sul benessere degli esseri umani attraverso lo sviluppo di farmaci che in alcuni casi hanno letteralmente significato la differenza tra la vita e la morte.

Ciò nonostante, l’eredità di giganti farmaceutici come Pfizer, GlaxoSmithKline, Eli Lilly e altri è stata contaminata da accuse di collusione e sovraccarico e molti dei farmaci che hanno sviluppato causano gravi effetti collaterali. Anche la crisi degli oppioidi negli Stati Uniti è stata in gran parte alimentata da produttori di farmaci senza scrupoli che si preoccupano più dei profitti che della protezione dei pazienti vulnerabili.

Una nuova ricerca indica che i farmaci stanno causando ingenti danni anche in altre aree. Come riportato da Science Daily, gli studi hanno rivelato che i farmaci si sono accumulati in fonti d’acqua dolce in tutto il mondo, raggiungendo livelli che stanno provocando gravi danni ambientali e aumentando il problema dei superbatteri resistenti agli antibiotici.

L’ultimo studio per esaminare l’impatto dei prodotti farmaceutici sull’ambiente è stato condotto da ricercatori dell’Università di Radboud e pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

Concentrazioni di prodotti farmaceutici in acqua dolce in continuo aumento

Come spiegato da Harvard Health, noi consumatori siamo la causa principale delle droghe che finiscono nei laghi, fiumi e torrenti d’acqua dolce. Gran parte delle droghe è inutilizzata – alcune stime arrivano al 50% – e molte di queste vengono scaricate nel water. Le case di cura hanno un record particolarmente negativo di scartare i farmaci inutilizzati in questo modo.

Gli impianti di produzione di droga sono anche responsabili di enormi quantità di droghe che entrano in fonti di acqua dolce. Harvard ha riportato:

[A] Lo studio US Geological Survey ha rilevato livelli di contaminazione a valle di due impianti di produzione di stupefacenti nello Stato di New York che erano da 10 a 1.000 volte più alti rispetto a quelli di strutture comparabili in tutto il paese.

E l’agricoltura è un’altra enorme fonte di contaminazione:

I due miliardi di chili di rifiuti animali generati dalle operazioni su larga scala di pollame e bestiame in questo paese sono intrecciati con ormoni e antibiotici somministrati agli animali per farli crescere più velocemente e per evitare che si ammalino. Inevitabilmente, alcuni di quegli ormoni e antibiotici filtrano nelle falde acquifere o entrano nei corsi d’acqua.

Effetti ambientali della contaminazione da droghe di acqua dolce

Gli scienziati sono consapevoli da tempo che i prodotti farmaceutici si accumulano in fonti d’acqua dolce a un ritmo allarmante. Tuttavia, come osservato dall’autore principale dello studio della Radboud University , Rik Oldenkamp, ​​i dati sono molto più disponibili per aree come i fiumi in Europa che per altri paesi. I ricercatori hanno quindi sviluppato un modello che consentisse loro di raccogliere informazioni per i paesi di tutto il mondo.

L’abstract dello studio spiega come i ricercatori hanno sviluppato il loro modello e poi esaminato l’impatto di due farmaci molto comunemente prescritti: carbamazepina, un farmaco antiepilettico e ciprofloxacina, un antibiotico comunemente prescritto:

Innanzitutto, abbiamo previsto un consumo pro capite specifico per paese e per anno con un modello di regressione. In secondo luogo, abbiamo calcolato le concentrazioni di acqua dolce spazialmente esplicite tramite una combinazione di modelli di bilancio di massa, affrontando il destino del farmaceutico rispettivamente negli esseri umani, negli impianti di trattamento delle acque reflue e nell’ambiente. Infine, abbiamo suddiviso le concentrazioni di acqua dolce a livello di singole ecoregioni di acqua dolce con il valore limite normativo derivato dai test di tossicità per raggiungere un AR [rischio acquatico] specifico per l’ecoregione .

Il team ha scoperto che i rischi ambientali causati da questi farmaci erano tra 10 e 20 volte più alti nel 2015 rispetto al 1995. L’antibiotico ciprofloxacina è risultato particolarmente dannoso.

Queste più alte concentrazioni di farmaci danneggiano i batteri che sono essenziali per diversi cicli di nutrienti. Gli antibiotici nell’acqua interferiscono anche con l’efficacia delle colonie di batteri comunemente usate nel trattamento delle acque reflue.

Particolarmente preoccupante è il fatto che gli antibiotici in acqua dolce potrebbero accelerare l’aumento già catastrofico della resistenza antimicrobica che sta creando superbatteri intrattabili.

Naturalmente, mentre i prodotti farmaceutici continuano a essere un business da molti miliardi di dollari – la più grande azienda del pianeta, infatti – ci sono pochissime possibilità che i livelli di prodotti farmaceutici nelle nostre fonti di acqua dolce comincino a diminuire in qualunque momento.

Scopri di più su SuperBugs.news

Le fonti includono:  

ScienceDaily.com  

IOPScience.IOP.org  

BBC.com  

Health.Harvard.edu  

Fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

Le basi di una premessa sbagliata

Gli studi suggeriscono la possibilità che l’essere umano non possa compiere viaggi interplanetari 

 Di: pijamasurf – 07/08/2019

Un viaggio su Marte potrebbe essere più di quanto il corpo umano sia in grado di supportare

Di fronte alle previsioni del riscaldamento globale, molti scienziati e in particolare i grandi imprenditori della tecnologia immaginano la sopravvivenza dell’essere umano su un altro pianeta. Un viaggio su Marte per condizionare questo pianeta o la stella più vicina. La logica di questo è qualcosa del tipo:

“Non importa se distruggiamo le condizioni che rendono la vita possibile per noi, perché la nostra tecnologia è così potente che possiamo andare da qualche altra parte e continuare ad evolvere”.

Ma tutto questo piano potrebbe basarsi su una premessa sbagliata: che l’essere umano possa sopravvivere a un lungo viaggio nello spazio. Lo studio più importante a questo proposito, il cosiddetto “studio dei gemelli” della NASA è stato appena pubblicato ei risultati lasciano molti dubbi.

Lo studio integra il lavoro di oltre 10 università e 82 ricercatori e chiede semplicemente “gli esseri umani sono fatti per lo spazio”. Sebbene lo studio non sia del tutto conclusivo, si suggerisce che un viaggio nello spazio su Marte sarebbe estremamente pericoloso per un essere umano. Un viaggio su Marte sarebbe durato tre anni e gli effetti dello spazio sul sistema metabolico, sul sistema immunitario o sulla radiazione spaziale, diete, assenza di peso, disturbi dei ritmi circadiani e così via, potrebbero apparentemente essere mortali per un essere umano.

Ciò non significa che sia impossibile, ma forse implica che l’essere umano dovrebbe modificarsi per poter intraprendere questo viaggio e, quindi, significherebbe forse che l’essere umano è solo veramente umano sulla terra, con queste condizioni.

Gli studi hanno dimostrato che gli astronauti che hanno vissuto lunghi periodi sulla Stazione Spaziale Internazionale hanno subito perdite significative di capacità cognitive, e questo è avvenuto anche sei mesi dopo il ritorno a casa.

Che rivela sotto una certa luce il pensiero di Heidegger, che vedendo la prima immagine della Terra dallo spazio, invece di sentire l’euforia del conquistatore sentito dalla maggioranza, sentì l’orrore dello sradicamento, per il pensatore tedesco, l’essere umano è un solo essere con la Terra. 

Fonte: https://pijamasurf.com/ 

®wld