Almanacco di giugno 2019

fpz_20170611_2829PERCHÉ I ROCKEFELLER CERCANO DI DISTRUGGERE GLI AGRICOLTORI ?

Chiedeva William Engdahl* qualche tempo fa.

Per gran parte del secolo scorso, la cultura pop occidentale ha sistematicamente denigrato e sminuito quella che dovrebbe essere la professione più onorevole di tutte. Chi lavora la terra giorno dopo giorno per produrre il cibo che mangiamo ha troppo spesso assunto lo stesso stato sociale della terra che dissoda. Nessuno si pone una semplice domanda: cosa faremo una volta che avremo fatto fuori tutti gli agricoltori? Alcuni ingenui cittadini diranno: “Ma abbiamo la produzione industrializzata; ormai non c’è più bisogno di lavoro agricolo manuale.”

E i numeri sono davvero notevoli. Prendiamo gli Stati Uniti. Nel 1950 la popolazione totale era di 151.132.000 persone, di cui 25.058.000 agricoltori: poco più del 12% della forza lavoro totale. C’erano 5.388.000 aziende agricole con una dimensione media di 87 ettari. Quarant’anni dopo, nel 1990, gli USA avevano una popolazione di 261.423.000, di cui meno di 3 milioni agricoltori: appena il 2,6% della forza lavoro. Il numero delle aziende si era ridotto a 2.143.150, ovvero una perdita del 60%, ma la dimensione media era diventata di 187 ettari. Continua a leggere QUI

riga-antica

1518779388_severnoe-siyanie3I ROCKEFELLER E IL LORO PIANO NASCOSTO SUI “CAMBIAMENTI CLIMATICI” 

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato uno dei principali sostenitori del programma di riscaldamento globale. … Nella loro recensione del Programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando il suo forte sostegno sia per la formazione nel 1988 dell’International Panel on Climate Change (IPCC), sia per l’istituzione nel 1992 della U.N. Framework Convention on Climate Change” (estratto dal rapporto) Continua a leggere QUI

ROCKEFELLER SI FACEVA L’ARCA DI NOÈ. COSA CI NASCONDE?

Continua a leggere QUI

riga-antica

trial-160x160Trash Action

di Massimo Lupicino

Che fosse solo questione di tempo era del tutto evidente. In fondo sono prevedibili come il caldo estivo nel Sahara. Fatto sta, anche l’Italia potrà finalmente vantare una bella class action in cui si accusa lo Stato di non fare abbastanza per salvare i propri cittadini dall’arrostimento climatico. Lo annuncia con malcelata soddisfazione e pomposa retorica La Stampa nel suo imperdibile inserto Tuttogreen.

La notizia in sè farà sorridere l’italiano medio alle prese con problemi ben più reali che meriterebbero, loro sì, una class action o per lo meno l’interesse di chi amministra la cosa pubblica. Ma certe agende non le dettano certo i cittadini italiani. E nemmeno i politici italiani. Perché sono agende di importazione. Continua a leggere QUI

 riga-antica

ghana_gold-400x200“La corruzione! il malgoverno!”… e intanto il 98,3 percento dell’oro del Ghana finisce in mano alle multinazionali

di Henry Tougha.

Un articolo su CommonDreams spiega il meccanismo neo-colonialista di saccheggio delle risorse. Le corporazioni multinazionali, sostenute dai creditori come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale, si appropriano della totalità delle risorse dei paesi in via di sviluppo (ossia i paesi resi debitori e dipendenti dal capitale estero). Nel frattempo queste stesse istituzioni diffondono la narrazione ipocrita secondo cui la miseria è causata prevalentemente dalla corruzione e dal malgoverno dei funzionari locali — funzionari che di solito sono eterodiretti dalle multinazionali stesse e hanno comunque un limitato potere decisionale. Così si svuota la sovranità nazionale del suo significato mantenendone però le parvenze esteriori, mentre si diffonde surrettiziamente l’idea che i popoli non sappiano governarsi da soli. Continua a leggere QUI

riga-antica

death-164761_640-640x381Deutsche Bank nella m….. E non sa neanche nuotare

di Massimo Bordin

Che i tedeschi siano falliti quattro volte negli ultimi 100 anni è il segreto di Pulcinella. Che abbiano voluto l’Unione Europea per evitare di fallire una quinta, invece, è cosa molto meno nota. Eppure è proprio ciò che potrebbe ancora succedere, perchè i loro due colossi bancari, Deutsche Bank e Commerzbank sono sull’orlo del precipizio, e solo un Weidmann al posto di Draghi le potrà salvare.

Non so se vi è mai capitato di avere un compagno di classe ben vestito, con la riga in parte, che annuiva sempre alle spiegazioni dei prof e che si sedeva in prima fila, ma che sotto sotto non studiava. Io di tipi così ne ho visti parecchi, oserei dire che in ogni classe ce n’è almeno uno. Bè, mi spiace per i cinquantenni frustrati che si sono fatti l’Audi, ma io la Germania la vedo proprio così, come uno studente monello che fa finta di essere un modello. Continua a leggere QUI

 riga-antica

FireShot-Capture-2284-Mediaset-sposta-la-sede-legale-in-Ola_-https___www.iltempo.it_economia_2Mediaset acquista il 9% di Pro-Sieben (tedesca) per giustificare il trasferimento della sede sociale in Olanda, come fece FCA? Chi resterà a pagare le tasse in Italia?

di mittdolcino

Berlusconi, di soppiatto, meno di un mese fa ha comprato circa il 9% della tedesca Pro-Sieben, una rete tedesca. A breve giro ha dunque deciso di fondere le sue attività spagnole ed italiane, con l’aggiunta della partecipazione tedesca, in una nuova entità. Tale aggregato italo-ispano-tedesco ha nei fatti giustificato la ridenominazione del gruppo in società europea di broadcasting, essendo autorizzato a spostare la sede in Olanda, dove i diritti di voti del blocco di controllo valgono doppio. Ovvero Berlusconi, l’unico che tra i miliardari continuava a pagare le tasse in Italia, sposterà anche lui la sede all’estero. Continua a leggere QUI

riga-antica

tornado-damage-115801_1280-1024x681La pubblicazione Pro-Tech chiede se il 5G aiuterà o ostacolerà la preparazione di un disastro. La NASA, la US Navy, la NOAA e i meteorologi dicono che la 5G la ostacolerà notevolmente.

di BNFrank

L’opposizione 5G sta aumentando negli Stati Uniti e in tutto il mondo per una seriedi validi motivi, uno dei quali potrebbe ridurrenotevolmente l’accuratezza delle previsioni meteorologiche. L’articolo (in lingua inglese) continua QUI

riga-antica

cellular-tower-2172041_1280UN’ALTRA POTENZIALE CASUALTA’ DEL 5G: PREVISIONI E AVVERTENZE SULLE TEMPESTE

Con tutto il cattivo tempo sopra gli stati delle pianure americane, la gente mi ha inviato molti articoli su guerra, modifiche, brevetti e così via, ma diverse persone mi hanno mandato questo articolo, ed è, come si suol dire, un “whopper doozie”, perché alcuni scienziati stanno dando l’allarme che il 5G potrebbe degradare la loro capacità di monitorare e avvertire la gente di tempeste gravi:

Il monitoraggio delle tempeste potrebbe essere una vittima del 5G

Il focus di queste preoccupazioni è stato il monitoraggio degli uragani:

“Ma ora gli scienziati avvertono che il loro monitoraggio preciso degli uragani potrebbe essere interrotto dai segnali della nuova generazione di reti wireless conosciute come 5G che presto si diffonderanno negli Stati Uniti. In un test che ha imitato le interferenze, Sandy non aveva previsto correttamente di dirigersi verso il mare .

Con i livelli di potenza 5G attualmente proposti, i satelliti potrebbero avere problemi a leggere i segnali naturali emessi dal vapore acqueo. Ciò potrebbe riportare l’accuratezza delle previsioni ai livelli osservati l’ultima volta intorno al 1980, ha affermato Neil Jacobs, capo della National Oceanic and Atmospheric Administration.

“Questo porterebbe alla riduzione del tempo di attesa previsto per la pista da uragano di circa due o tre giorni”, ha detto Jacobs al Congresso in un’udienza all’inizio di questo mese.

L’articolo (in lingua inglese) continua QUI

 riga-antica

riga-antica

healthClose Ties & Financial Entanglements: il mercato dei vaccini garantito da CDC

eBook sulla difesa della salute dei bambini: Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini. Il primo eBook, The Sickest Generation: I fatti dietro la crisi della salute dei bambini e il perché deve finire, ha descritto come la salute dei bambini abbia cominciato a peggiorare drammaticamente alla fine degli anni ’80 in seguito a fatali cambiamenti nel programma dei vaccini infantili.]

Il Comitato consultivo per le immunizzazioni (ACIP) dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) ha emesso raccomandazioni vaccinali annuali per la popolazione civile statunitense dal 1995. ACIP lavora in collaborazione con importanti organizzazioni del settore medico come l’American Academy of Pediatrics (AAP), l’American Academy of Family Physicians (AAFP), l’American College of Physicians (ACP) e l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). Larticolo (in lingua inglese) continua  QUI

riga-antica

67667214_l-768x512Le persone mangiano e respirano fino a 121.000 particelle di plastica ogni anno

Di John Vibes / The Truth Theory

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Environmental Science and Technology, la persona media può assorbire ovunque 74.000 e 121.000 particelle di microplastica ogni anno. Sorprendentemente, metà di questa toxificazione microplastica proviene dall’aria che respiriamo, e l’altra metà proviene dai cibi e dalle bevande che consumano. È stato anche notato nello studio che un sacco di acqua in bottiglia può aumentare la presenza di queste tossine fino a 90.000 particelle. Si dice che questo sia il primo studio per stimare la quantità di inquinamento plastico che viene ingerito dall’uomo. Gli scienziati non sono sicuri degli effetti a lungo termine del consumo accidentale di microplastiche, ma è chiaro che potrebbero rilasciare sostanze chimiche tossiche una volta all’interno del corpo.

Kieran Cox, presso l’Università di Victoria in Canada, e ricercatore capo dello studio, ha avvertito che i rischi esatti per la salute sono ancora sconosciuti, ma ha affermato che esiste ” un alto rischio di esposizione in termini di numeri. Potrebbe essere una potenziale chiamata di allarme di sicuro “.

Cox non sta prendendo rischi nella propria vita personale e raccomanda a tutti di diventare più consapevoli delle materie plastiche che usano. “Devo assolutamente allontanarmi dagli imballaggi di plastica e cercare di evitare il più possibile l’acqua in bottiglia. Rimuovere la plastica monouso dalla tua vita e le aziende di supporto che si stanno allontanando dagli imballaggi di plastica avranno un impatto non banale. I fatti sono semplici Stiamo producendo molta plastica e sta finendo negli ecosistemi, di cui facciamo parte”, ha detto Cox, secondo The Guardian. L’articolo (inlingua inglese) continua QUI

®wld