Crea sito

E … nessuno dice niente …

 La cancelliera Merkel dovrebbe avvertire la popolazione del “rapido” Spostamento dei Poli

“Forse l’inversione dei poli è già iniziato. Un’indicazione per questo è che il campo magnetico terrestre è diminuito del dieci percento dall’inizio delle misurazioni 175 anni fa. Gli studi hanno anche dimostrato che nel corso del secolo scorso, il polo nord magnetico si è spostato di circa 1100 chilometri dall’Alaska verso la Siberia.” (Weather.com, 01.01.2018)

Uno non osava nemmeno scriverlo chiaramente. Ma dalle tue osservazioni sul Nord Atlantico, devi anche dire che lo spostamento del polo è iniziato da tempo. Si prega di leggere prima: “I ricercatori sono sicuri: lo spostamento dei poli è imminente” – visione d’insieme (al 25.04.2019)

I drammatici cambiamenti nel Nord Atlantico sono stati documentati qui su questo blog per circa due anni: vedi la sezione “Danger Polp Jump”. Cf questo è al momento: Uno lamenta: il 75% della superficie terrestre è cambiato e il 93% del fiume ricostruito/aspirato. “Clima” comprese le Nazioni Unite e il Nord Atlantico in un’immersione.

La cancelliera Merkel tace su questo “movimento del polo”, descritto dalla scienza come “rapido”. Ciò li renderebbe punibili omettendo in caso di emergenza. Ma in un’emergenza, cioè un collasso del campo magnetico terrestre, sarebbe probabilmente troppo tardi per cercare persone responsabili:

“Se i segni di un’inversione sono corretti, parti della terra potrebbero diventare inabitabili, dice l’astronomo. Dal momento che il campo magnetico terrestre potrebbe radunare solo un decimo del suo effetto protettivo. Gli abitanti di alcune parti del mondo sarebbero esposti alle radiazioni cosmiche non protetti”(Focus Online, 06.02.2018)

Il pubblico è disponibile a contattare il Cancelliere per chiedere perché questo tace. Uno dovrebbe citare in giudizio il governo federale per informazioni. Ma dovresti rivolgermi ai tribunali. Ciò non avrebbe successo, dal momento che Richter è indipendente nella sua mente come Dr. Merkel stessa (vedi l’ultimo contributo al problema delle “logge”).

Quasi l’intera “lobby climatica” è coinvolta in questa “omissione”. Non solo l’Agenzia federale dell’ambiente e “Greenpeace & Co”. Ad esempio, l’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico (PIK) sotto la guida del Prof. Ottmar Edenhofer e del Prof. Johan Rockström non dice una parola sul “rapido” Spostamento dei Poli. Ma dipinge pappagalli colorati dipinge scenari cupi sul muro e lo spinge a un cosiddetto “riscaldamento globale”. Allo stesso tempo, riconosce che ci sarebbe una “eccezione interessante”. Dagli anni ’30, il subpolar nord atlantico si raffredda. Il 2015 sarebbe stato l’anno più freddo da quando sono iniziate le registrazioni. Il Polo Nord magnetico e il Nord Atlantico subpolare probabilmente si uniscono. Eppure questo istituto non menziona il problema con il Magnetic North Pole (NP). E questo nonostante il fatto che i dati ufficiali NOAA sulla posizione del NP siano ora in uno stato esponenziale forte.

Fonte: http://www.sauberer-himmel.de/ 

®wld

Germania: valutazione errata di veicoli a zero emissioni

 

Shock: i veicoli elettrici emettono più CO2 delle auto diesel

Postato da: Oscar Schneider 

I veicoli elettrici possono essere freddi (quando le loro batterie non sono in fiamme) ma sono più pericolosi per l’ambiente rispetto alle controparti diesel. Tutti gli ecologisti che pensano di salvare il mondo guidando gli EV sono totalmente ingannati dalla propaganda del marketing. ⁃ Editor TN

Secondo uno studio condotto da scienziati tedeschi, i veicoli elettrici in Germania emettono più emissioni di CO2 rispetto a quelli diesel.

Quando le emissioni di CO2 legate alla produzione di batterie e il mix energetico tedesco – in cui il carbone svolge ancora un ruolo importante – vengono presi in considerazione, i veicoli elettrici che emettono dall’11% al 28% in più rispetto ai loro omologhi diesel, secondo lo studio presentato Mercoledì all’Istituto Ifo di Monaco.

L’estrazione e il trattamento di litio, cobalto e manganese utilizzati per le batterie consumano molta energia. Una batteria del modello Tesla 3, ad esempio, rappresenta tra 11 e 15 tonnellate di CO2. Considerando una durata di vita di 10 anni e un percorso di viaggio annuale di 15.000 chilometri, questo si traduce in 73-98 grammi di CO2 per chilometro, osservano gli scienziati Christoph Buchal, Hans-Dieter Karl e Hans-Werner Sinn nel loro studio.

 

Cosa c’è di sbagliato in questa immagine? (Immagine: Mimikama.at)

Dicono anche che la CO2 emessa per produrre l’elettricità che alimenta tali veicoli deve essere presa in considerazione.

Considerando tutti questi fattori, ogni Tesla emette da 156 a 180 grammi di CO2 per chilometro, che è più di un veicolo diesel comparabile al prodotto dalla società tedesca Mercedes, ad esempio.

I ricercatori tedeschi mettono quindi in discussione il fatto che i funzionari europei considerano i veicoli elettrici come veicoli a zero emissioni. Osservano inoltre che l’obiettivo UE di 59 grammi di CO2 per km entro il 2030 corrisponde a un consumo “tecnicamente non realistico” di 2,2 litri di gasolio o 2,6 litri di gas per 100 km.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld