Crea sito

Mettere in discussione l’esperienza umana

 

Un membro aerospaziale sugli alieni: “Non dobbiamo andare da nessuna parte per trovarli, sono già qui” 

di Arjun Walia  

IN BREVE 

I fatti: Robert Bigelow, fondatore della Bigelow Aerospace Corporation, fa sapere al mondo che ha la consapevolezza che non siamo soli e che siamo attualmente visitati da extraterrestri intelligenti.

Riflessioni su: Bigelow è solo una persona, ma è affiancato da centinaia di altri con credenziali impressionanti. Queste persone hanno detto al mondo che non siamo soli da anni, in maniera molto seria. Perché pensi che questo sia considerato una “cospirazione?” 

“Siamo stati, infatti, contattati – forse anche visitati – da esseri extraterrestri, e il governo degli Stati Uniti, in collusione con le altre potenze nazionali della Terra, è determinato a mantenere queste informazioni all’oscuro dal grande pubblico.” – Victor Marchetti, ex assistente speciale del vicedirettore della Central Intelligence Agency (Second Look, Volume 1, n. 7, Washington, DC, maggio 1979) 

Se stai prestando attenzione a quello che sta succedendo nel mondo, va bene se ti senti come Alice nel Paese delle Meraviglie. Per anni l’umanità si è sentita a proprio agio con la sua schiavitù, prima di oggi, una grande parte della popolazione si è accontentata dell’esperienza umana, semplicemente entrando nel sistema, cercando di mettere il cibo sul tavolo e inseguire lo stato ‘materiale’ più alto, tra le altre cose, senza mai mettere in discussione ciò che sta realmente accadendo. Tutti noi siamo stati travolti dalle nostre vite quando il mondo ci chiama a preoccuparci degli altri. 

Oggi è una storia diversa. C’è un enorme cambiamento di coscienza che sta avvenendo, e parte di quel cambiamento è mettere in discussione l’esperienza umana e i sistemi con cui abbiamo scelto di circondarci. Le rivelazioni stanno ora emergendo in tutte le aree che circondano ogni aspetto della vita umana; salute e finanza, educazione, politica, intrattenimento, ecc. È abbastanza chiaro che il nostro mondo non è quello che ci è stato presentato, e che ci sono aspetti della realtà su cui dovremmo davvero prestare attenzione se vogliamo crescere, andare avanti e uscire dal ciclo in cui ci troviamo attualmente. Non possiamo cambiare il nostro mondo se continuiamo a fare le stesse cose più e più volte senza mettere in discussione cosa sta succedendo e perché sta accadendo. Ci sono persone in tutti i campi che vengono a “riferire”, e le testimonianze sono sostenute da prove credibili, che danno a questi informatori la fiducia di farsi avanti e dire quello che dicono. Edward Snowden è uno dei tanti grandi esempi, prima di lui, la sorveglianza di massa era considerata un’altra “teoria della cospirazione”. 

Una grande rivelazione che colpisce il mainstream in questo momento è il fatto che non siamo soli, e che forme di vita extraterrestri intelligenti hanno visitato il nostro pianeta per molto tempo, e lo fanno ancora. Per quanto incredibile possa sembrare, proviene dal più alto personale militare, accademici, agenti dei servizi segreti, politici e appaltatori privati ​​all’interno del complesso industriale militare. Ci sono centinaia di queste persone che continuano a dire al mondo che siamo stati visitati e che i governi di tutto il mondo hanno avuto la prova che alcuni di questi “UFO” sono davvero extraterrestri. 

“Sì, in entrambi i casi. Sta succedendo e accadendo sia letteralmente che fisicamente a tutti i livelli; ed è anche una sorta di esperienza psicologica, spirituale che si verifica e si origina forse in un’altra dimensione. E così il fenomeno ci allunga, o ci chiede di allungare per aprirci a realtà che non sono semplicemente il mondo fisico letterale, ma di estendere alla possibilità che ci siano altre realtà invisibili da cui se volete la nostra coscienza, chiudendoci fuori negli ultimi anni dall’apprendimento dei processi.”
Dr. John E. Mack, uno psicologo dell’Università di Harvard e vincitore del premio Pulitzer (fonte)  

La credibilità di queste fonti  

Le fonti sono le più credibili al mondo, l’unico problema è l’argomento. Non importa quante prove per un dato fenomeno, e non importa quanto ovvia sia la sua realtà, se va contro la mente umana e ciò che siamo disposti ad accettare, di solito viene ignorata o salutata con il ridicolo. Vediamo la stessa cosa con la scienza, che è diventata in gran parte il dogma, la vera e propria negazione della parapsicologia (telepatia, guarigione a distanza, ecc.) Quando ha risultati statisticamente più significativi della scienza usata per approvare la maggior parte dei nostri farmaci (fonte). Si chiama dissonanza cognitiva … Crediamo in ciò che scegliamo di credere, e l’umanità è attualmente nel processo di eliminazione di alcuni sistemi di credenze per accettare nuove realtà che una volta non si adattavano alla struttura, e quindi furono ignorate e ridicolizzate.  

Uno degli ultimi “informatori” per parlare apertamente delle loro conoscenze sulle visite extraterrestri è Robert Bigelow, fondatore della Bigelow Aerospace Corporation. Bigelow ha lavorato per più agenzie spaziali internazionali ed è attualmente in accordo con più nazioni per costruire habitat spaziali e stazioni spaziali.  

Prima di arrivare ai suoi commenti, è importante far sapere al lettore che tipo di informazioni Bigelow ha attualmente “in” per quanto riguarda lo spazio e la questione extraterrestre / UFO in generale. I commenti di Bigelow sono stati fatti circa un anno fa di questi tempi, ma non sono state fornite molte informazioni sul tipo di connessioni che questa persona ha, se non è già evidente come uno dei principali appaltatori aerospaziali nel mondo … 

Verso la fine dello scorso anno, un articolo intitolato “Glowing Auras and ‘Black Money”: Il misterioso programma UFO del Pentagono “ha messo a tacere la questione se gli UFO siano reali o no. L’amministratore delegato Tom Delonge, insieme a molte altre persone, tra cui un direttore della Lockheed Aerospace, recentemente scomparso, Steve Justice, uno scienziato del dipartimento della difesa, Hal Puthoff, un alto funzionario dell’intelligence della CIA, Jim Semivan, un direttore dell’intelligence nazionale, Louis Elizondo, il Vice Segretario alla Difesa per l’Intelligenza nelle Amministrazioni Clinton e Bush, Christopher Mellon, e molti altri stanno rilasciando video ufficiali e dati elettro-ottici (tracciamento radar, ritorni) e facendo sapere al mondo che queste cose (UFO) sono reali  

Vado più in dettaglio per quanto riguarda gli ultimi aggiornamenti in un articolo che ho pubblicato in precedenza:  

Il governo degli Stati Uniti ha appena ammesso di recuperare materiali dagli UFO: ecco gli ultimi aggiornamenti 

Molteplici persone all’interno di questa nuova iniziativa hanno espresso che credono che ci sia un’intelligenza extraterrestre dietro l’operazione di alcune di queste imbarcazioni. 

Questo movimento ha portato alla luce il programma UFO del Pentagono (AATIP) per le minacce aeree, un programma fuori da quello che potrebbe essere molti, secondo Hal Puthoff. Puoi vedere l’intera squadra e le loro credenziali qui. 

L’hub principale di tutta questa rivelazione UFO recenti e future “mainstream ufficiali” è la To The Stars Academy, è l’organizzazione che sta rilasciando tutte queste informazioni. 

Da dove arriva Bigelow? Bene, come sottolinea l’articolo del New York Times: 

Il programma oscuro – alcune parti di esso restano classificate – è iniziato nel 2007 e inizialmente è stato ampiamente finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all’epoca era il leader della maggioranza del Senato e che da tempo aveva un interesse per i fenomeni spaziali. La maggior parte del denaro è andato a una società di ricerca aerospaziale gestita da un imprenditore miliardario e amico di lunga data del signor Reid, Robert Bigelow, che sta attualmente collaborando con la NASA per produrre imbarcazioni espandibili per gli umani da utilizzare nello spazio. 

Bigelow fa parte del team di To The Stars Academy, ed ecco cosa aveva da dire sugli extraterrestri,

“Sono assolutamente convinto, questo è tutto quello che c’è da fare. C’è stata ed è una presenza esistente, una presenza ET.” 

Ha anche affermato che “non dobbiamo andare da nessuna parte” per trovare la vita extraterrestre, che possiamo trovarla qui sulla Terra, sottintendendo che sono già qui, camminando tra noi, e sulla base della mia ricerca, stanno già lavorando con più governi. 

Di quante razze stiamo parlando? Forse centinaia, forse persino migliaia di razze sono state catalogate dai nostri governi in tutto il mondo. 

Per decenni, come disse il generale Carlos Cavero al mondo nel 1979, “tutto è stato in un processo di investigazione sia negli Stati Uniti che in Spagna, così come nel resto del mondo.” Su scala globale, “le nazioni del mondo stanno attualmente lavorando insieme nell’indagine sul fenomeno UFO” e c’è “uno scambio internazionale di dati”. (Via gli UFO di Richard Donal per la mente del 21° secolo) 

Un paio di anni fa, l’ex dirigente di Bigelow Aerospace, Mike Gold, che è ora direttore delle operazioni a Washington per Space Systems Loral, è stato interrogato su come sia stato il coinvolgimento di Bigelow Aerospace con gli UFO. 

Diede una risposta intrigante, con alcune espressioni interessanti sul suo viso. Egli menziona e consideri come gli argomenti “molto interessanti” e menziona anche un’udienza del Congresso in cui gli scienziati hanno sottolineato che l’universo pullula di vita. Prosegue affermando che “non può commentare” ciò che Bigelow Aerospace fa con i rapporti sugli UFO, ma è contento che “qualcuno stia prendendo i rapporti perché questi sono problemi importanti che meritano un’attenzione seria”. (Fonte

Chiaramente, ora sappiamo che questo è il caso! 

“Un’influenza extraterrestre sta indagando sul nostro pianeta. Qualcosa sta monitorando il pianeta e lo stanno monitorando con molta cautela.” – 2008 Candidato presidenziale, Mike Gravel (fonte) (fonte

Fonte: https://www.collective-evolution.com/ 

®wld

Finché c’è Guerra c’è Speranza

«L’arte della guerra» 

In Italia la più grande polveriera Usa

di Manlio Dinucci 

Alla fine della seconda guerra mondiale le truppe alleate occuparono il continente europeo. Francia e Russia le hanno ritirate, Stati Uniti e Regno Unito invece continuano a mantenere parte delle loro forze armate in Europa. In previsione di una guerra mondiale contro Cina e Russia, il Pentagono utilizza da un anno le numerose basi statunitensi in Italia per incrementare in modo massiccio lo stoccaggio di armi in Europa, bombe atomiche incluse. 

Rete Voltaire | Roma (Italia) | 11 settembre 2018

Fonte video: PandoraTV

***********

Lewis Eisenberg era il presidente del Porto di New York che vendette il World Trade Center appena prima degli attentati dell’11 Settembre per renderne possibile l’organizzazione. Eisenberg è oggi ambasciatore degli Stati Uniti a Roma e sta trasformando la penisola in un arsenale USA. 

L’8 agosto ha fatto scalo nel porto di Livorno la Liberty Passion (Passione per la Libertà) e il 2 settembre la Liberty Promise (Promessa di Libertà), che saranno seguite il 9 ottobre dalla Liberty Pride (Orgoglio di Libertà). Le tre navi ritorneranno quindi a Livorno, in successione, il 10 novembre, il 15 dicembre e il 12 gennaio. 

Sono enormi navi Ro/Ro, lunghe 200 metri e con 12 ponti, capaci ciascuna di trasportare 6500 automobili. Non trasportano però automobili, ma carrarmati. Fanno parte di una flotta statunitense di 63 navi appartenenti a compagnie private che, per conto del Pentagono, trasportano in continuazione armi in un circuito mondiale tra i porti statunitensi, mediterranei, mediorientali e asiatici. 

Il principale scalo mediterraneo è Livorno, perché il suo porto è collegato alla limitrofa base statunitense di Camp Darby. Quale sia l’importanza della base lo ha ricordato il colonnello Erik Berdy, comandante della guarnigione in Italia dello Us Army, in una recente visita al quotidiano «La Nazione» di Firenze. 

La base logistica, situata tra Pisa e Livorno, costituisce il più grande arsenale Usa fuori dalla madrepatria. Il colonnello non ha specificato quale sia il contenuto dei 125 bunker di Camp Darby. Esso può essere stimato in oltre un milione di proiettili di artiglieria, bombe per aerei e missili, cui si aggiungono migliaia di carrarmati, veicoli e altri materiali militari. Non si può escludere che nella base vi siano state, vi siano o possano esservi in futuro anche bombe nucleari. 

Camp Darby — ha sottolineato il colonnello — svolge un ruolo chiave, rifornendo le forze terrestri e aree statunitensi in tempi molto più brevi di quanto occorrerebbe se venissero rifornite direttamente dagli Usa. La base ha fornito la maggior parte delle armi per le guerre contro l’Iraq, la Jugoslavia, la Libia e l’Afghanistan. Dal marzo 2017, con le grandi navi che mensilmente fanno scalo a Livorno, le armi di Camp Darby vengono trasportate in continuazione nei porti di Aqaba in Giordania, Gedda in Arabia Saudita e altri scali mediorientali per essere usate dalle forze statunitesi e alleate nelle guerre in Siria, Iraq e Yemen. 

Nel suo viaggio inaugurale la Liberty Passion ha sbarcato ad Aqaba, nell’aprile 2017, 250 veicoli militari e altri materiali. Tra le armi che ogni mese vengono trasportate via mare da Camp Darby a Gedda, vi sono certamente anche bombe Usa per aereo che l’aviazione saudita impiega (come risulta da prove fotografiche) per fare strage di civili nello Yemen. Vi sono inoltre seri indizi che, nel collegamento mensile tra Livorno e Gedda, le grandi navi trasportino anche bombe per aereo fornite dalla Rwm Italia di Domusnovas (Sardegna) all’Arabia Saudita per la guerra nello Yemen. 

In seguito all’accresciuto transito di armi da Camp Darby, non basta più il collegamento via canale e via strada della base col porto di Livorno e l’aeroporto di Pisa. È stata quindi decisa una massiccia riorganizzazione delle infrastrutture (confermata dal colonnello Berdy), comprendente una nuova ferrovia. Il piano comporta l’abbattimento di 1000 alberi in un’area protetta, ma è già stato approvato dalle autorità italiane. Tutto questo non basta. 

Il presidente del Consiglio regionale toscano Giani (Pd), ricevendo il colonnello Berdy, si è impegnato a promuovere «l’integrazione tra la base militare Usa di Camp Darby e la comunità circostante». Posizione sostanzialmente condivisa dal sindaco di Pisa Conti (Lega) e da quello di Livorno Nogarin (M5S). Quest’ultimo, ricevendo il colonnello Berdy e poi l’ambasciatore Usa Eisenberg, ha issato sul Comune la bandiera a stelle e strisce. 

I Fabiani – Quinto Fabio Massimo

Comprendere le tattiche del globalismo sovversivo

di Brandon Smith  

Quando l’ideologia del globalismo viene discussa nei circoli del movimento della libertà, spesso ci sono incomprensioni sulla fonte della minaccia e su ciò che rappresenta veramente. Questo può in alcuni casi essere di progettazione. Nell’ultima era del presunto “populismo” guidato da figure come Donald Trump, una generazione completamente nuova e molto verde di attivisti della libertà si trova concentrata sulla sinistra politica in generale, ma sembra ossessionata dall’attaccare i sintomi del globalismo piuttosto rispetto alla fonte. Attribuisco questo a un’intelligente campagna di propaganda da parte di istituzioni globaliste.

 

Ad esempio, quando il globalismo è cresciuto nei termini delle sue influenze cospirative, il nome di George Soros viene solitamente menzionato. Soros è un evidente spauracchio per gli attivisti della libertà, perché i suoi soldi possono essere trovati in numerose organizzazioni del marxismo culturale (giustizia sociale) e la sua influenza è facilmente comprensibile e digerita in quel modo. I conservatori preferiscono porre l’accento su Soros perché appare decisamente di sinistra e quindi il globalismo diventa sinonimo di movimenti di sinistra. Ma che dire di tutti i globalisti all’interno della destra politica?

 

Il globalismo ha i suoi guardiani in entrambi i campi politici; persone che manipolano o definiscono apertamente i leader politici e i messaggi politici sulla destra come fanno a sinistra. Mentre qualcuno come George Soros fa da guardiano della sinistra, abbiamo anche persone come Henry Kissinger, un guardiano globalista della destra. Gli stretti rapporti di Kissinger con l’amministrazione Trump o la sua lunga amicizia con il russo Vladimir Putin sono cresciuti molto meno nel movimento della libertà in questi giorni. Perché? Perché questo non si adatta alla falsa narrativa che i globalisti stanno “prendendo di mira” Trump o Putin. Quando esaminate questi leader e i loro legami con una vasta schiera di sostenitori globalisti, questa affermazione diventa assurda.    

 

Nel 2016, alcuni mesi prima delle elezioni presidenziali, Bloomberg, l’agenzia di stampa globalista, ha pubblicato un articolo che ha entusiasmato sulla possibilità che Trump inghiottisse e assimilasse quello che chiamavano il “Tea Party”, alla fine distruggendolo. A quel tempo i media usavano il termine “Tea Party” come codice per qualsiasi sovranità o gruppo costituzionale, proprio come i media cercavano di avvolgerci tutti nel termine “alt-destra” dopo l’elezione di Trump.

 

C’era una ragione per cui Bloomberg trovava particolare gioia nell’idea che Trump avrebbe assorbito il movimento della libertà. Il movimento stava diventando una minaccia decentralizzata all’agenda globalista, una minaccia che non poteva essere facilmente quantificata o dominata perché non aveva una leadership identificabile. Eravamo un movimento basato sulla conoscenza e sull’azione individuale. I nostri migliori “leader” sono stati insegnanti, non politici, e queste erano persone guidate da esempi personali, non da mandato o retorica.  

 

Il movimento per la libertà ha conquistato terreno in ogni campo immaginabile, dallo smantellamento dei media mainstream attraverso piattaforme alternative, alla grande spinta contro il culto della giustizia sociale. Qualcosa doveva essere fatto.  

 

Entra in Trump, un’icona di cultura pop sfarzosa con un bagliore per sensazionalismo. Non era uno statista come Ron Paul che spiegasse le complessità dei problemi dell’America in modo misurato. No, Trump era come una palla da demolizione, un messaggio forte e sfacciato a sinistra che eravamo stanchi di essere sulla difensiva e stavamo venendo a prenderli. Ma la realtà era che Trump non era un elemento necessario della lotta. Non è mai stato. L’anti-globalismo e la giustizia anti-sociale stavano già colpendo il mainstream. La sinistra era già in fuga. Trump non ha creato quell’onda, il movimento per la libertà lo ha fatto per lui, l’ha semplicemente guidato nella Casa Bianca. Prego, Donald.  

 

Il problema era che Trump non era quello che sembrava essere per molte persone. Con tutta la sua retorica contro le élite bancarie a cui si riferiva come creature della “palude” che soffocava Washington, Trump allora procedette a caricare il suo governo presidenziale con elitari e globalisti non appena fu eletto. Questi stessi membri e consiglieri del governo andarono a partecipare a riunioni globaliste come il segreto gruppo Bilderberg dopo che Trump era stato eletto. Persone come l’agente bancario Rothschild e il segretario al Commercio Wilber Ross che hanno partecipato ufficialmente nel 2017, o il consigliere Peter Thiel che ha partecipato ufficialmente nel 2018.  

 

Questo non era affatto sorprendente per me. Ho previsto che questo sarebbe stato il probabile risultato (insieme a una presidenza Trump) nel mio articolo ” Clinton contro Trump e il movimento della libertà”, pubblicato a settembre 2016.  

 

Il punto è che scegliere semplicemente il lato della destra politica non è abbastanza per proteggere gli attivisti dalla sovversione globalista. Radunando attorno a politici controllati e controllando le nostre azioni, il movimento della libertà si rende vulnerabile e decisamente impotente.  

 

Quindi, sorge la domanda: come continueremo a lottare contro la 4a guerra di Generazione che viene imposta contro di noi? Parte della soluzione continua a riposare nella nostra comprensione del nemico.  

 

Continuo a credere che il modo migliore per comprendere il globalismo sia quello di studiare ed esporre gli sforzi di un gruppo chiamato “Fabian Society”, altrimenti noto come socialisti fabian. La società fu fondata in Inghilterra nel 1884 ed era un’estensione dei gruppi della “tavola rotonda” che venivano stabiliti da elitisti globali in Occidente all’epoca. I Fabiani sono stati in prima linea in quasi tutti i movimenti pro-socialisti e pro-globalisti del secolo scorso, e mentre non ricevono l’attenzione di istituzioni come il Council on Foreign Relations o persino il Gruppo Bilderberg, le loro discussioni aperte su le loro stesse motivazioni e obiettivi li rendono una fonte primaria di dati sulla psicologia dei nostri avversari.  

 

La Fabian Society ha più mascotte che suggeriscono la natura del globalismo. Un simbolo del gruppo è una tartaruga arrabbiata con lo slogan “Quando colpisco colpisco forte”, indicando la natura lenta e deliberata del globalismo e la sua diffusione metodica in ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Un’altra mascotte che hanno usato in passato è un lupo vestito da pecora, un simbolo che penso sia auto esplicativo, ma per chiarire: una persona che sembra essere anti-globalista nella retorica o che viene criticata da persone come i Fabiani può ancora essere un fabian travestito. Le loro relazioni con gli elitisti espongono la loro vera natura come un cavallo di Troia.  

 

Penso che la migliore rappresentazione di queste persone e del loro pensiero risieda nelle loro stesse parole, comunque. Ecco alcune citazioni scelte dai membri del passato:  

… La Cospirazione Aperta apparirà per prima, credo come un’organizzazione cosciente di uomini intelligenti, e in alcuni casi ricchi, come un movimento che ha obiettivi sociali e politici distinti, confessando ignorando la maggior parte dell’attuale apparato di controllo politico, o usandolo solo come un attrezzo incidentale negli stadi, un semplice movimento di un certo numero di persone in una certa direzione, che al momento scoprirà, con una sorta di sorpresa, l’oggetto comune verso cui si muovono tutti. In tutti i modi, influenzeranno e controlleranno il governo apparente. ” – HG Wells: The Open Conspiracy: Blue Prints for a World Revolution, 1928.  

 

“Ho anche chiarito che il socialismo significa uguaglianza di reddito o niente, e che sotto il socialismo non ti sarà permesso di essere povero. Verresti nutrito, vestito, alloggiato, istruito e assunto con la forza, che ti piaccia o no. Se si scoprisse che non avevi il carattere e l’industria abbastanza per valere tutti questi problemi, potresti essere giustiziato in modo gentile; ma mentre ti è stato permesso di vivere, dovresti vivere bene. ” – George Bernard Shaw, Guida al socialismo e al capitalismo della donna intelligente, 1928  

 

“Non pretendo che il controllo delle nascite sia l’unico modo per impedire alla popolazione di crescere. Ce ne sono altri, che, si deve supporre, preferirebbero gli oppositori del controllo delle nascite. La guerra, come ho osservato un momento fa, finora è stata deludente in questo senso, ma forse la guerra batteriologica potrebbe rivelarsi più efficace. Se una Morte Nera potesse essere diffusa in tutto il mondo, una volta in ogni generazione i sopravvissuti potrebbero procreare liberamente senza rendere il mondo troppo pieno. Non ci sarebbe nulla in questo per offendere le coscienze dei devoti o per frenare le ambizioni dei nazionalisti. Lo stato delle cose potrebbe essere un po ‘spiacevole, ma che ne pensi? Le persone veramente di mente alta sono indifferenti alla felicità, specialmente agli altri. ” – Bertrand Russell, L’impatto della scienza sulla società , 1953  

 

“Penso che l’argomento che sarà di maggiore importanza politicamente sia la psicologia di massa. … A breve arriveranno vari risultati: che l’influenza della casa è ostruttiva … anche se questa scienza sarà studiata diligentemente, sarà rigidamente confinata alla classe dirigente. Alla popolazione non sarà permesso di sapere come sono state generate le sue convinzioni. Quando la tecnica è stata perfezionata, ogni governo che è stato responsabile dell’educazione per una generatione sarà in grado di controllare i suoi soggetti in modo sicuro senza la necessità di eserciti o poliziotti … La propaganda educativa, con l’aiuto del governo, potrebbe raggiungere questo risultato in una generazione. Esistono, tuttavia, due potenti forze contrarie a tale politica: una è la religione; l’altro è il nazionalismo. … Una società scientifica mondiale non può essere stabile se non esiste un governo mondiale. ” – Bertrand Russell: The Impact of Science on Society, 1953  

 

“E mi sembra perfettamente nelle carte che ci sarà tra la prossima generazione o un metodo farmacologico per far amare la propria servitù e produrre … una sorta di indolore campo di concentramento per intere società, così che in effetti le persone avranno le loro libertà vengono portate via da loro, ma preferiscono goderne, perché saranno distratti da qualsiasi desiderio di ribellarsi con la propaganda, il lavaggio del cervello o il lavaggio del cervello rafforzati dai metodi farmacologici. ” – Aldous Huxley,” The Ultimate Revolution “20 marzo 1962 Berkeley Language Centro  

Oggi la Fabian Society esiste ancora e opera come un think tank molto simile a qualsiasi altro think tank globalista. I loro articoli e saggi spingono l’ultima propaganda globalista dall’eliminazione della sovranità nazionale alla promozione della politica di genere e della “fluidità” di genere. Ma cosa possiamo trarre da questi scritti e dalle dichiarazioni dei membri passati?  

 

Primo, i globalisti usano tattiche di tipo guerrigliero per raggiungere i loro obiettivi e spesso agiscono lentamente e silenziosamente nel corso di anni o decenni. La Fabian Society prese il nome dal generale romano Quinto Fabio Massimo che usava notoriamente tattiche di logoramento e ritardo per sconfiggere i suoi nemici. Gli attivisti della libertà devono iniziare a pensare in termini di gioco lungo, proprio come fa un giocatore di scacchi, al fine di cogliere l’agenda globalista. Gli eventi innescati oggi potrebbero avere effetti desiderati che non sono necessariamente ovvi per ora, a meno che non consideriamo in che modo si riferiscono allo schema più grande.  

 

Questo è particolarmente vero in termini di economia. I globalisti mettono in scena bolle fiscali con molti anni di anticipo e utilizzano la crisi economica come catalizzatore per il cambiamento sociale su larga scala. Di solito questo si traduce in una crescente centralizzazione della ricchezza e del potere. Tuttavia, lo spostamento del dominio finanziario è sottile per coloro che non prestano particolare attenzione ai dettagli. Una bolla del mercato potrebbe impiegare un decennio per svilupparsi prima che venga deliberatamente spuntata. Nel frattempo tutti i fondamenti stanno urlando che qualcosa è molto sbagliato, ma la maggioranza del pubblico rimane ignara fino a quando non è troppo tardi.

 

Secondo, il controllo dei governi e dei leader politici è di primaria importanza per il successo del globalismo. L’idea che QUALUNQUE principale leader politico arrivi al potere senza l’influenza globalista è assolutamente ingenuo. Trump e il suo gabinetto nominato da una creatura di palude sono esempi perfetti di questo. La retorica non ha senso, e mentre questi leader possono gettare la loro base un osso di tanto in tanto, alla fine le loro azioni spingono solo la palla in avanti per i globalisti. Ciò potrebbe anche includere il sabotaggio della propria presidenza per far posto a una “soluzione” globalista.  

 

In terzo luogo, la psicologia di massa è un’ossessione globalista. Tutto il potere deriva dalla percezione. I prestanome e i gruppi ideologici offrono talvolta la promessa di un vantaggio sociale per il pubblico senza molto sforzo da parte loro. La tentazione di questa offerta può portare le persone a cedere il loro libero arbitrio in cambio. Ma non tutti i “progressi” sono effettivamente vantaggiosi per le masse e la miseria di solito segue tali accordi faustiani con le élite. La fuga è difficile.  

 

Pertanto, i globalisti devono controllare la narrativa a tutti i costi. Il pubblico deve essere diviso il più possibile per tenerli distratti dalla mano guida della cabala stessa. E qualsiasi gruppo che si oppone direttamente deve essere cooptato o distrutto. Più le persone si concentrano sui globalisti e le loro organizzazioni come fonte principale di instabilità sociale, più diventano scomodi.

 

Quarto, la maggior parte delle azioni globaliste si basano oggi sulla quarta guerra di Generazione; significato, poche cose sono esattamente come sembrano, sempre. Sospetto che il successo degli attivisti della libertà li abbia costretti a forme di teatro più elaborate. Nulla di ciò che fanno è sempre semplice se non hai studiato le motivazioni e la mentalità dei globalisti, poi diventano piuttosto prevedibili, poco originali e bizzarramente robotizzati nel loro comportamento. Sembrano brillanti nell’esecuzione delle loro agende solo perché hanno secoli di esperienza nell’implementare gli stessi giochi di carte più e più volte. Sono dei vagabondi sociopatici; sono intelligenti e senza rimorsi, ma non geni in ogni senso della parola.

 

Per ora, educare il movimento generale della libertà e le persone intorno a noi su questi temi rimane il metodo migliore per gettare una chiave inglese nella macchina globalista. Contrastare i loro psiche dovrebbe essere il nostro compito di apice, e cadere nelle trappole narrative che creano devono essere evitati. Hanno speso una considerevole quantità di pensiero ed energia cercando di cooptare i nostri sforzi, e questo dovrebbe far riflettere tutti. Perché se non fossimo una vera minaccia, perché dovrebbero preoccuparsi di noi?

 

 [email protected]  

 

http://www.alt-market.com/ 

 

®wld

A proposito di Copyright

  

Se le idee e le azioni avessero limiti oggi non avremmo internet e programmi gratuiti, né mai saremmo andati nello spazio

Leggendo i vari commenti in giro su giornali e blog in questi giorni, dopo l’approvazione della discussa Legge da parte della Comunità Europea sul Copyright, è altresì evidente, che i più confondono i contenuti dell’intero web con i contenuti nei vari social network e nelle chat, dove ad esempio, ogni mattina si bruciano milioni di bit elettronici per darsi un buon giorno virtuale e nel resto della giornata i stessi utenti per la maggior parte, non sprecano neanche un bit per argomentare una nuova idea o aprire una intelligente discussione.  

Eppure il web dei nostri giorni è talmente pregno di informazioni, che neanche l’enciclopedia Treccani per quanto ritenuta valente è cosi completa! Questo peraltro, si è potuto ottenere col lavoro certosino di sommi e meno sommi i quali ognuno col suo sapere ha dato un contributo utile a qualcun altro. Certo in mezzo a tanta somma sapienza vi è anche spazzatura, come vi è nella casa più pulita che per mantenerla tale bisognerà pulirla a vita.

Quello che invece più sgomenta, è che gente a cui si è dato valore come artista o come scrittore non intende capire, che l’assurdità del copyright propagata per ben 50 anni così come lo è ora, non si può pretendere che per il lavoro di un giorno si sia pagati a vita, ma dove sta scritta questa assurda equazione? Se tutti adoperassimo questa massima il mondo sarebbe un piattume fatto di tanti primi giorni e niente altro.

Oh diamoci una svegliata eh!

È di questi giorni peraltro, la discussione se lavorare o meno oltre la classica settimana lavorativa anche il sabato e la domenica, ma lo capite si o no dove è che sta’ la truffa? C’è chi deve lavorare tutti i giorni per mangiare e chi invece deve campare di rendita lavorando per un giorno o per un mese e essere ripagato per questo tutta la sua vita? Ognuno nel suo lavoro è un artista mettetevelo bene in testa visto che lavorando state creando quindi non fatevi condizionare da nessuno, ognuno che mette il suo lavoro a disposizione degli altri è per far si che altri diano a questo lavoro un valore, anche perché se non fossero gli altri a determinarlo questo valore, il lavoro di ognuno sarebbe pari a zero, cosi come non potrebbe esistere il luminare se poi non ci fosse per lui prezioso un altro uomo, ignorato questo da tutti, che crea per lui gli attrezzi per permettergli di farlo lavorare al meglio. Diviene cosi conseguente, che se il secondo facesse male il suo lavoro, anche il primo non sarebbe nessuno o al massimo poco più, ma mai un luminare.

Sembra che oggi tutti dimentichino la massima, che i furbi esistono perché esistono i cretini, i quali, dopo essere stati fottuti da furbi di ogni tipo, i cretini proprio perché essendo cretini, gli danno anche ragione. Il Massimo della demenza.

Il Copyright nato in Inghilterra nel secolo scorso, è niente altro che una furbata che non determina un valore, ma una replica che spesso neanche l’autore stesso è stato capace di replicare. Quanti cantanti avete visto esordire con una valente canzone e poi scomparsi per sempre, oppure scrittori che dopo un titolo di grido non sono stati capaci di replicare il successo del primo libro e allora perché dovremmo pagare loro e ai loro eredi, diritti che credono di avere ma non hanno? Per meglio farlo comprendere, è come se la città di Roma per far vedere a romani e turisti il Teatro Flavio, meglio conosciuto come il Colosseo, considerato una delle sette meraviglie del mondo, facesse pagare un biglietto per la meraviglia che ci si appresta a visitare e poi uno permettere di visitarla, lo riterreste demenziale perché effettivamente è demenziale, cosi come lo è il Copyright e chi lo sostiene. Oppure se volete, facciamone uno ancora più semplice di esempio, la “Costituzione” la Costituzione fu opera di ingegno dell’Assemblea Costituente, se questi ne avessero messo il copyright, nessun nuovo politico avrebbe potuto modificarla come poi hanno fatto per adattarla ai loro comodi, noh?  

Se non siete d’accordo, argomentando se ne può discutere nei commenti. Argomentando però, senza mettere avanti diritti che però si vuole togliere ad altri. Grazie.

Fonte:  https://guardforangels.altervista.org/

Articoli correlati:

Intervista a Fabio Lugano sul Copyright e su Kim a Italia News Canale Youtube

Bavaglio al web in Europa: ce l’hanno fatta, ora sarà legge

Ecco cosa si nasconde dietro la Legge sul Copyright

®wld

Il dogma post-moderno della ‘parità’

 

 TESTE QUOTE

posted by Francesco Carraro

Notizie dal futuro. E non sono buone. La Royal Academy of Arts di Londra, in occasione della mostra ‘Renaissanse nude’ (sui nudi del Rinascimento) del marzo 2019, applicherà la parità di genere, esponendo tanti quadri di nudo maschile quanti quadri di nudo femminile. Se la prima vostra reazione è un cenno di assenso, siete perduti. Se, invece, è un moto di ripulsa, siete normali. Questo post è destinato ai secondi. Vi capisco. Comprendo la vostra frustrazione, ma è il momento di ragionare a sangue freddo. Perché succede? Questo dobbiamo chiederci. Perché, sempre più spesso, ci imbattiamo in notizie che ci fanno dubitare della residua sanità mentale dell’essere umano? Perché idiozie così palesi, persino pacchiane nella loro irragionevolezza, fanno breccia anche presso istituzioni di altissima levatura culturale e intellettuale, come la Royal Academy, o politica, come il Parlamento italiano, dove ancora riecheggiano le risate suscitate dalle ossessioni da dizionario della sua ex presidente, anzi presidentessa?

Andiamo subito al sodo: il motivo apparente di tali iniziative – e cioè la tutela del cosiddetto sesso debole – non c’entra nulla con le iniziative stesse. È un’esca. Una foglia di fico destinata a celare l’obbiettivo principe; che non è la protezione delle donne, ma la manipolazione delle menti. Imporre l’ossessione per la cosiddetta parità di genere, fino a derive deliranti come la galleria rinascimentale del sessualmente corretto, serve a compartimentare i cervelli. Propiziare, cioè, nuove logiche binarie di ragionamento simili all’idioma basico delle macchine informatiche costituito solo da due elementi: zero e uno, alternati all’infinito e miscelati in smisurate combinazioni. Fatte tutte, però, di zero e di uno. E se la perversione – tale può definirsi la mania ossessivo compulsiva dei feticisti paritari – è giunta al punto da colonizzare le sale di una pinacoteca o le aule di un’assemblea elettiva o le redazioni di un giornale, allora possiamo ben dire che il processo è in fase talmente avanzata da risultare irreversibile. La riprova sta proprio nell’aver traguardato la soglia del ridicolo senza far ridere nessuno. E nell’averlo fatto da un pulpito di autorevolezza indiscussa come le cattedre di un’accademia reale. Che deve dire l’uomo della strada? Gli viene il dubbio di essere lui quello ‘sbagliato’. Se una decisione tanto cretina la prende un consesso di geni, allora forse la decisione non è così cretina. Magari, bisogna solo adeguarsi. E pensarci due volte prima di violare il dogma post-moderno della ‘parità’.

Una medesima funzione di ingessatura cerebrale la svolgono i comandamenti del politicamente consentito: rieducare la nostra naturale ritrosia al pensiero unico, le nostre umanissime tendenze all’anarchia e all’indisciplina, attraverso dosi massicce di conformismo perbenista e convenzionalmente accettabile. Completano l’opera il depauperamento lessicale, l’imbarbarimento sintattico e l’anoressia concettuale provocati da quei killer del linguaggio che sono i social network e i semplificatori seriali della ‘intelligenza’ digitale. Volendo sintetizzare in uno slogan, potremmo dire: meno pensieri per tutti. Anzi, per tutte. Anzi, per tutti. Anzi, per tutte. Anzi per tutti. Anzi, per tutte…

Francesco Carraro
www.francescocarraro.com

®wld

La malattia cumulativa omnidale si sta metastatizzando

Crollo del sistema globale: i geni e la “natura umana” non sono la causa del “caos mondiale”

By Prof. John McMurtry
Global Research, September 06, 2018

Nota dell’autore: il testo di questo articolo è tratto da un dibattito online su Science for Peace, Dipartimento di fisica, Università di Toronto, settembre 2018

C’è una spiegazione popolare per il caos del mondo ora su di noi, e molti scienziati e filosofi lo sostengono. La forma di questa argomentazione è che la crescente crisi globale che affrontiamo fa risalire alla natura umana e ai geni per spiegarla.

L’ormai diffusa categoria scientifica di antropocene per localizzare la crisi globale esprime la stessa idea e gestisce lo stesso diversivo dalla causa comune.

In realtà, nessuno può spiegare a distanza il collasso del sistema globale in corso né l’estrema destabilizzazione climatica che è il principale sintomo noto di esso.

La crisi della vita planetaria su tutti i fronti è limitata a un meccanismo causale molto più specifico: gli assalti cumulativi, montanti e non regolamentati della distruzione industriale privata, dell’inquinamento, dell’esaurimento e dei rifiuti dei consumatori in un periodo relativamente breve dell’epoca dell’antro.

Ma l’argomentazione ” genetica umana” o ” natura umana” oscura questo fatto fondamentale. Non viene da persone stupide, ma è una spiegazione stupida.

L’antico errore della “natura umana” per spiegare le istituzioni cieche della vita

Più esattamente, è un preconcetto duraturo che è stato dominante fin dai tempi antichi. È stato spesso smentito, ma il suo ritorno esprime in un altro modo la cecità vitale istituita dell’era neo-capitalista.

In questa pericolosa congiuntura dell’evoluzione umana e della storia, è un altro ostacolo ideologico a far deragliare l’esame del problema socio-strutturale.

Dobbiamo tenere a mente che la stessa argomentazione sulla “natura umana” è stata a lungo in atto per spiegare la schiavitù come un fenomeno naturale. Socrate, Platone e Aristotele, la più tranchant, concepirono la schiavitù come naturale per gli esseri umani e così immutabile. Erano uomini molto intelligenti, ma lo consideravano un dato di fatto della condizione umana.

Fin dal primo studio di questi filosofi, ho osservato l’argomento riapparire in tempi malvagi per bloccare la comprensione delle persone sull’effettiva causa socio-strutturale dei problemi solubili.

Ad esempio, l’accettazione della guerra e della schiavitù per millenni si è basata su un “argomento di natura umana”. È naturale che alcuni regnino e altri li servano, e le guerre decidono quale gruppo è più adatto a governare.

Di fatto, entrambe le istituzioni non sono affatto espressioni di natura umana, ma istituzioni totalitarie forzate pervasivamente di omicidi di massa e schiavitù in particolari formazioni sociali che servono la sovranità della minoranza ricca e senza lavoro. loro.

Il capitalismo non è naturale o determinato dal gene

Il capitalismo del sequestro monetario è un’estensione storica di queste istituzioni che regna ancora. La sua differenza è che una forma finanziaria de-regolata e iper-aggressiva ha portato le tendenze di uccisione di massa che sono state patogene a senso unico dal momento che la svolta di Reagan-Thatcher contro il diritto pubblico di protezione della vita e di non partigiani governo.

Continua ancora oggi. Ma i danni cumulativi ignorati da tempo hanno raggiunto. L’organizzazione della vita planetaria sta pagando il prezzo in termini di degenerazione e collasso ad ogni livello, arricchendo ulteriormente quelli che guidano la catastrofe globale.

Hanno scure ragioni per scegliere e finanziano tranquillamente l’argomento dei “geni”, “natura umana” e “antropocene” come la ragione del caos crescente.

Eppure questa regola clinicamente folle è assurdamente attribuita a “natura umana” e “geni” anche da coloro che non ne traggono beneficio. Dopo tutto, molte più vittime sono “natura umana” anche con “geni umani” in “l’antropocene”, e solo una minoranza è d’accordo con le politiche, e sempre più aborriscono i leader e il sistema che guidano che insieme producono tali carattere inumano e malgoverno eco-genocida.

Eppure avrete ancora i pensatori più eminenti – anche l’inventore dell’impronta

ecologica – sostengono che il nostro attuale sistema ecocida si basa su un carattere genetico formato nel nostro passato remoto. Pensa che sia indicato dalla massiccia scomparsa di grandi animali da parte della mano umana, ma da allora è stato sapientemente attribuito alla selezione da condizioni ambientali alterate.

L’argomento del “gene” è molto allettante, tuttavia, per la sua semplificazione in “risultati” fissi a una causa. Questa è l’essenza teoretica della “sociobiologia” in generale. esso è stato dominante nell’accademia e nei media legacy come una razionalizzazione apparentemente scientifica di un chiaro disordine sociale.

Tuttavia, finché dura la sua storia di copertura, la crescente crisi del governo privato dei ciechi che distrugge la vita terrestre condivisa non deve essere affrontata o risolta.

La soluzione di Nicer People

Una delle conseguenze indebolibili delle deviazioni del gene della natura umana dal disordine del sistema regnante è che attribuisce l’onere ai singoli esseri umani di risolvere il problema essendo “più gentili” e “più gentili” l’uno con l’altro.

Questo suona sicuramente bene. Tuttavia, rintraccia l’attenzione critica dal disordine dei mercati aziendali alla fine della vita alle personalità di individui che normalmente hanno un tale o nulla a che fare con esso, e di solito sono vittime della sua sistematica spogliazione di istituzioni pubbliche, regolamenti di protezione della vita e basi di reddito.

In effetti, questo disturbo sistemico ha invaso così tanti livelli dell’evoluzione della società che l’insicurezza della vita dei cittadini è stata normalizzata in tutte le fasi del lavoro, dell’ambiente e del futuro, per quanto ci piacciano gli uni gli altri come individui (che io per amore).

Eppure non sono le singole scelte che sono responsabili del sistema che opprime i mezzi di sussistenza della maggioranza, le loro condizioni di vita e il loro futuro, compreso quello dei loro figli. Concentrarsi su di loro è una forma implicita di incolpare la vittima. Il fatto che siano persone più carine è essenzialmente al di là del punto del problema.

In termini logici, questo è un errore di divisione. Deriva falsamente dalle proprietà di un’entità collettiva le proprietà dei singoli membri di esso, rendendole così responsabili del suo peggioramento o miglioramento. “Siamo tutti responsabili, ognuno di noi per questa crisi umana” è un’espressione corale noiosa di questo errore.

Perché rende coloro che lo dicono così, bene, gentile e gentile, possono crogiolarsi nella riflessione del sé virtuoso. Quelli che di fatto stanno guidando la crisi mentre i suoi pianificatori e dirigenti, con oscenamente alti guadagni finanziari e privilegi per farlo, nel frattempo sono rimasti incolpevoli e fuori dai guai.

La domanda di cui bono: chi beneficia e guadagna da questo sistema insano della vita? – è annullato a priori.

Quelli che sostengono in questo modo non sono così carini come sembrano. Si presentano come persone buone agli altri, si ingraziano a chi ha il controllo e evitano di dover affrontare il vero problema. Questo è certamente più facile e più sicuro. Di fatto, può portare un favore dall’alto ai ciucci e al loro “attivismo per la pace” per il “side-tracking” dal vero male e dai suoi principali agenti. 

La cultura del cover-up del sistema omnicidale

Anche l’evitamento autocentrico del sistema omnicidale si colloca perfettamente in linea con la metafisica dell’agenzia atomica della “scelta del libero mercato”. È il singolo consumatore che sceglie il sistema.

Ancora una volta torniamo al carattere umano individuale come responsabile del disordine del sistema – sebbene, in realtà, i desideri del consumatore siano condizionati operativamente in preferenze (perché si spende molto più denaro per pubblicità pervasive che per ricerca o salute); le condizioni di produzione sono escluse norme e diritti commerciali (perché si verificano ‘corsa al ribasso’ e si verificano standard ambientali); e quasi il consumatore o il cittadino scelgono da remoto che le società debbano competere per abbassare le tasse ai ricchi, abolire l’esame pubblico e l’imposizione di diritti ambientali e dei consumatori e far eleggere i loro rappresentanti eletti da lobby e manipolatori monetari invisibili.

Natura umana? I geni? Scelta del consumatore? La cultura del cover-up ha molti livelli.

Tutte le forme di discussione analizzate sopra condividono una caratteristica. Individuano la responsabilità nell’agenzia individuale. Questa è la metafisica dominante della civiltà occidentale, e perché oggi abbiamo un tale problema nel riconoscere il disordine collettivo del sistema.

Infatti, veniamo continuamente fuorviati dalla comprensione e dalla conoscenza del meccanismo causale collettivo del Grande Disordine come sua funzione centrale – per deviare la colpa, la responsabilità e l’azione sociale dal malgoverato ereditario ma cumulativamente patologico dall’alto che minaccia la vita sulla Terra stessa.

Solo un modello diagnostico si adatta a tutti i fenomeni depredatori attraverso gli host di vita biologici, sociali ed ecologici. Non è “natura umana” o “geni” o “antropocene”, o troppo pochi individui “carini / gentili” o “scelta del consumatore”.

Il vero meccanismo causale di tutte le tendenze degenerate a senso unico di questa malattia cumulativa omnidale è un cancro finanziario privato altamente invasivo che si sta metastatizzando tra società e organizzazione della vita globale.

*

Il Prof. John McMurtry è Fellow della Royal Society of Canada e autore dello studio in tre volumi, Philosophy and World Problems dell’UNESCO Encyclopedia of Life Support Systems (EOLSS). Le sue opere sono tradotte in tutti i continenti e il suo ultimo libro è The Cancer Stage of Capitalism: from Crisis to Cure.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Prof. John McMurtry, Global Research, 2018
Fonte diretta: https://www.globalresearch.ca/

®wld

EU: Più piccioni con una Fava

 

 

NOVITA’ IN CORSO NELL’EURO-DITTATURA (Spartizioni e maskirovka).

 

Di Maurizio Blondet  

 

Chi, fra i media e i politicanti, vi racconta che nella UE vige “Lo stato di diritto”, quella libertà sotto legge che invece “sovranisti” e “populisti” starebbero distruggendo, dovrebbe leggere il documento dell’ombdusman europoide il quale attesta: la nomina di Martin Selmayr a segretario generale (ossia il burocrate di carriera che assiste il Commissario, un politico, nel nostro caso Juncker) è stata fatta in modo estremamente irregolare, senza concorso e con forzature e violenze delle norme, da interessare il codice penale – se appunto in Europa vigesse il diritto. 

 

Della questione abbiamo già parlato in un articolo del marzo 2018:  

 

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-dittatore-non-vi-avvertito/ 

 

Dato il sempre più evidente effetto disabilitante dell’alcolismo di Juncker, che la cosca dominante tedesca aveva fatto “eleggere” anni fa, la medesima cosca tedesca ha pensato di affiancargli un segretario generale attivo, giovane, capace di sostituire in tutto il sempre più vacillante e vaneggiante ubriacone. La scelta non poteva che cadere su Selmayr, perché già di fatto era insieme il badante e vero capo del governo europeo. Abbiamo infatti appreso da Libération che Juncker “non ha mai presieduto una sola volta le riunioni di gabinetto”, ossia l’atto più altamente politico, il consiglio dei ministri – e in queste appariva a spadroneggiare, sulla poltrona dell’alcolizzato, il Selmayr: senza che nessuno dei presenti”ministri” sollevasse un sopr4acciglio. Si potrebbe addirittura sostenere che tutte le decisioni del “governo europeo” non presiedute da Juncker siano invalide.

 

Se ci fosse un giudice a Berlino, volevo dire a Bruxelles.

 

Non c’è. Però c’è l’ombdusman. E’ una bella istituzione. Tale ombdusman ha effettivamente scritto nero su bianco che Selmayr è stato fatto segretario generale “senza concorso né competizione”, che sono obbligatori; senza che fosse “reso pubblico che il posto era vacante” (notate: un “posto” che dà il potere su 33 mila dipendenti e su tutti i dossier che contano, per cui è ovviamente il segretario a fare le pulci ad ogni bilancio nazionale – e quelli dell’Italia a Selmayr non sono mai piaciuti). Anzi di più: che quel posto fosse vacante, perché il precedente segretario (di nome Italiener…) aveva lasciato la poltrona nel gennaio 2018, “questa informazione era conosciuta solo dal presidente [Juncker] e da mister Selmayr [il badante teutonico].

https://www.ombudsman.europa.eu/en/recommendation/en/102651

 

 

Vedete, dirà l’europeista, che un giudice a Berlino (a Bruxelles) c’è dopo tutto? Visto che denuncia questo trucco così terronico fra Juncker e Selmayr, che i concorsi truccati di cui ci si lamenta in Italia in certe università o nelle regioni meridionali, sono al confronto modelli di trasparenza e legalità svedese? E invece no, ingenuo europeista: perché dopo questa denuncia dell’ombdusman, mica succede niente. Specificamente, Selmayr mantiene il posto potentissimo di segretario generale (e agente degli interessi tedeschi), non viene obbligato a lasciarla poltrona perché venga aggiudicata con un vero concorso. 

 

Questo è “lo stato di diritto” nella UE. Quello della orwelliana Fattoria degli Animali, ma con una furbesca creatività “meridionale” da parte tedesca, da far sembrare la Regione Sicilia una raccolta di ingenui legalisti.

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-dittatore-non-vi-avvertito/

 

Ma tranquilli: “Ciò che azzererà Selmayr non saranno le circostanze della sua nomina, bensì la nomina di un Presidente della Commissione tedesco, sempre più probabile”, scrive Wolfgang Munchau, il corrispondente da Bruxelles per il Financial Times. 

 

Difatti, vista la proossima decadenza di Juncker, la Merkel ha già scelto il nuovo presidente della Commissione, che ovviamente sarà “eletto” regolarmente dai suoi stati-satelliti. Ecco presentato il nuovo candidato del Partito Popolare Europeo (PPE): si chiama Manfred Weber, bavarese, anti—italiano, sarà messo lì per imporre alla BCE di “terminare l’acquisto di titoli pubblici al più presto possibile”, e impedire ogni timida unione bancaria che obblighi la Germania a contribuire, in caso di crisi, per esempio accettando una assicurazione europea sui depositi fino a 100 mila euro anche per gli euro depositati nelle banche del Sud.

 

Più precisamente: Weber perseguirà l’indurimento di quella politica “europeista” ma in realtà anti-UE, di stampo tedesco, che persino il direttore generale di Bankitalia Salvatore Rossi – con insolita franchezza – un fallimento. 

 

“Lo scopo originario dell’Unione bancaria è stato accantonato”, ha riconosciuto il direttore: la sfiducia tra i Paesi dell’Eurozona ha definitivamente affossato l’assicurazione comune sui depositi, cioè l’obiettivo di tutti gli ultimi governi italiani. 

 

Viviamo “la chiara sconfitta di una strategia europea che ha accomunato gli esecutivi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni …” , che hanno ceduto tutto ai tedeschi per la speranza di ottenere una “unione bancaria” che Berlino non ha mai e poi mai lasciato sperare, anzi è stato ben chiaro: Nein. 

 

Bankitalia: la UE è fallita 

 

Bankitalia dunque certifica il fallimento dei governi da Monti a Gentiloni, dei sacrifici che hanno imposto al Paese inutilmente . Dando ragione dunque ai Savona, Bagnai, Borghi.

 

Ha detto: “in sostanza, le nostre banche sono divenute europee solo in un senso, ovvero in quanto vigilate e sottoposte a risoluzione a livello europeo”, ma non saranno soccorse in caso di crisi: perché in quel caso, ogni paese dell’eurozona è lasciato a se stesso – ma non libero di inventare i mezzi non-convenzionali, perché sotto la sorveglianza di Francoforte. “Alle banche è stata imposta una camicia di forza volta a garantire che, in caso di fuga dai titoli di Stato emessi da un sovrano, le banche di quel paese non verranno salvate dai contribuenti, di quello stesso paese o di altri”. Traduzione: quel tanto di Unione Bancaria accettata da Berlino “è servita esclusivamente ad impedire che lo Stato Italiano salvasse le Banche Italiane”, imponendo la spoliazione dei depositanti “, “un vero e proprio prelievo forzoso contro le famiglie, contro le imprese e solo nell’interesse delle grandi banche” (citazione di Renato Brunetta).

 

Leggere per credere fino a che punto il direttore condivide le valutazioni di qusto governo, naturalmente senza dirlo:

 

https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/interventi-direttorio/int-dir-2018/rossi-30.08.2018.pdf

 

Ora, dopo simili enunciazioni, persino l’opposizione del PD ed altre “sinistre” dovrebbe riconoscere le buone ragioni del governo “sovranista populista”, e in Europa unirsi ad esso per contestare l’austeritarismo fallimentare. Invece gongola che l’Europa lo farà cadere, e torneranno di nuovo al potere loro – per continuare a fare la politica di austerità di Monti , Renzi, Letta e Gentiloni, già certificata fallimentare – dal direttore dei Bankitalia, mica da Borghi. Che signifca: l’ultimo saccheggiodei risparmi italiani per “salvare” l banche. 

 

Naturalmente accetteranno il nuovo presidente della Commissione “eletto” per volontà della Merkel. 

 

La quale, facendo eleggere Manfred Weber, prenderà più piccioni con una fava. Sanerà la sua malconcia relazione con il partito democristo-bavarese, CSU, a cui Weber appartiene. Spera di portare via voti ai partiti populisti europei, e specialmente al tedesco AfP, che nei sondaggi appare ormai il secondo partito, ma anche alla nuovissima formazione (Aufstehen, “alzarsi in piedi”) , anti-immigrati da “sinistra”, fondata da Sahra Wagenknecht, copresidente del gruppo della Linke, il partito della sinistra radicale tedesca. 

 

Merkel deve aver visto questo sondaggio: quale è la prima preoccupazione degli elettorati in Eurpèa? “L’immigrazione”. E la seconda? “Il terrorismo”. Solo gli italiani rispondono “La disoccupazione”

 

 

 

Quindi, ecco l’opportuno riposizionamento del PPE e guida germanica: anche il leader del PP e prossimo presidente , il sullodato Weber, è su posizioni esplicitamente anti-immigrati, anzi identitarie e religiose : ecco una delle sue frasi celebri con cui si fa propaganda , e guardate su che sfondo l’ha fatta stampare – una chiesa, un crocifisso. E la frase suona così:

 

“Se vogliamo difendere il nostro modo di vita dobbiamo sapere cosa ci determina. L’Europa necessita di un dibattito sulla identità e la cultura dominante”. 

 

Insomma avremo uno che promuove altri anni di austerità tedesca alla Monti, l’egemonia economica e il surplus tedesco, ma in veste di Crociato e Nostalgico della Vittoria di Vienna contro li turchi. 

 

Ha infatti, lo credereste?, “forti relazioni con membri dell’Europa centrale e dell’Est , il cui peso nel PPE è cresciuto”: polacchi, ungheresi, austriaci, gruppo di Visegrad… 

 

Assisteremo a incontri di Weber con Orban, salutati di nostri media che hanno demonizzato l’incontro di Salvini, come il nuovo e vero europeismo ? A una politica di cristianesimo anti-musulmani che sarà elogiata ed imitata dal PD e dalla Boldrini? 

 

Certo è che gli europeisti di ieri, da Mogherini a Tusk, sentono un effetto di spiazzamento, ma già si adeguano. Donald Tusk, che ora che è in scadenza può dire la verità, ha notato: “Le posizioni di Merkel e Orban sono reciprocamente compatibili”. Il partito Fidesz potrà rimanere nel PPE….   

 

https://uk.reuters.com/article/uk-eu-merkel/merkel-backs-bavarian-ally-as-centre-rights-eu-commission-candidate-media-idUKKCN1LF2OF 

 

Una bella gara fra un sovranista piccolo e la politica super-sovranista di Berlino: sovrana non solo a casa sua, ma in casa d’altri. 

 

Una sola preoccupazione: una campagna di Weber come capo del PPE e presidente di Commissione anti-immigrati e identitario non andrà in rotta di collisione con l’impegno di Macron di combattere contro “il populismo”? C’è chi se lo domanda.  

 

http://www.votewatch.eu/blog/does-weber-have-enough-support-to-become-president-of-the-european-commission/ 

 

Infatti Macron ha già protestato: “Uno non può sostenere Merkel e Orban allo stesso tempo”; ha strillato secondo Spiegel.  

 

http://www.spiegel.de/politik/ausland/emmanuel-macron-zu-manfred-weber-man-kann-nicht-gleichzeitig-merkel-und-orban-unterstuetzen-a-1226935.ht

 

Ma sì che si può. Merkel non ha imparato la lezione del suo creatore, Attali? “Non possiamo lasciare la nazione ai nazionalisti”

https://www.maurizioblondet.it/la-caduta-di-macron-decisa-dai-suoi-creatori/

 

Il nuovo europeismo è “bandiera sangue e suolo” più globalizzazione, “cristianesimo” e niente Unione Bancaria, i Templari più la Troika e la disoccupazione di massa. Basta che non siano Salvini e Di Maio. Basta che il Sud resti in recessione profonda e disoccupazione. Basta rispettare il 3%.  

 

 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

 

®wld