Crea sito

Quando le immagini del presente ci riportano al passato

Video: Ponti crollati e ponti bombardati L’immagine è veramente apocalittica. Sembra che una bomba sia caduta su questo tratto di strada, che è un’importante arteria: è così che un giornalista descrisse il ponte Morandi a Genova subito dopo il crollo, distruggendo la vita di decine di persone.

Queste parole richiamano alla mente altre immagini, quelle di circa 40 ponti serbi distrutti dai bombardamenti della NATO nel 1999 – tra questi il ​​ponte sul Morava nella Serbia meridionale, dove due missili hanno colpito un treno e massacrato i passeggeri. Per 78 giorni, decollati per lo più dalle basi italiane fornite dal governo D’Alema, 1.100 aerei hanno fatto 38.000 sortite, lanciando 23.000 bombe e missili. Distrussero sistematicamente strutture e infrastrutture serbe, causando migliaia di vittime civili. 54 aerei italiani hanno partecipato agli attacchi, effettuando 1378 sortite e attaccando obiettivi indicati dal comando USA.

“Tenendo conto del numero di aerei coinvolti, eravamo secondi solo agli Stati Uniti. L’Italia è un paese importante, e non dovrebbe esserci sorpresa per l’impegno che mostriamo in questa guerra”, ha dichiarato D’Alema.

Nello stesso anno in cui prese parte alla demolizione finale dello stato jugoslavo, il governo D’Alema smantellò la proprietà pubblica della Società Autostrade (anch’essa responsabile del ponte Morandi), consegnandone una parte a un gruppo di detentori di azioni e elencando il resto in Borsa. Il ponte Morandi crollò fondamentalmente sotto la responsabilità di un sistema centrato sul profitto, lo stesso sistema che è al centro dei potenti interessi rappresentati dalla NATO.

Fonte: PandoraTV

Il confronto tra le immagini del ponte Morandi crollato e dei ponti serbi bombardati, che a prima vista potrebbero sembrare forzati, è invece ben fondato.

Prima di tutto, la terribile scena delle vittime sepolte sotto le macerie dal collasso dovrebbe farci riflettere sull’orribile realtà della guerra, che i principali media ci presentano come una sorta di “gioco di guerra”, con il pilota che punta al ponte e la bomba telecomandata che la fa a pezzi.

In secondo luogo, dovremmo ricordare che il 28 marzo la Commissione europea ha presentato un piano d’azione che prevede la riparazione e il mantenimento delle strutture dell’UE, compresi i ponti, ma non per renderli più sicuri per la mobilità civile, ma più efficienti per la mobilità militare [2 Vedi questo].

In realtà, questo piano è stato deciso dal Pentagono e dalla NATO, che ha chiesto che l’UE “migliori le infrastrutture civili in modo che siano meglio adattate alle esigenze militari” – in altre parole, per poter spostare i carri armati, cannoni semoventi e altri veicoli militari pesanti il ​​più rapidamente possibile da un paese europeo all’altro, per muoversi contro “l’aggressione russa”. Ad esempio, se un ponte non è in grado di sostenere il peso di una colonna di carri armati, dovrà essere rinforzato o ricostruito.

Potremmo credere che in questo caso, se il ponte sarà rafforzato, sarà quindi anche più sicuro per i veicoli civili. Ma la domanda non è così semplice.

Queste modifiche saranno fatte solo per la mobilità militare sulle arterie di terra più importanti, e l’enorme spesa sarà assunta da ciascun paese, che sarà obbligato a sottrarre il costo dalle sue risorse per il miglioramento generale delle sue infrastrutture.

Un contributo finanziario dell’UE è previsto per una somma di 6,5 miliardi di euro, ma – come specificato da Federica Mogherini, responsabile della “politica di sicurezza” dell’UE – solo per “assicurare che le infrastrutture di importanza strategica siano adattate alle esigenze militari”.

Ma il tempo vola – entro settembre, il Consiglio europeo dovrà specificare (su ordine della NATO) l’elenco delle infrastrutture che devono essere potenzialmente destinate alla mobilità militare. Il ponte Morandi sarà elencato e ricostruito in modo che i carri armati USA e NATO possano tranquillamente transitare sui capi del popolo di Genova?

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Il Manifesto.

Tradotto da Pete Kimberley

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

®wld

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro!

 

 

Integrazione – il Cammino Autonomo Verso Casa

“E mentre tutte le altre creature guardano a terra con gli occhi bassi sin dalla nascita; disse all’uomo di camminare eretto e osservare il cielo dove è nata la sua anima e a cui vengono offerte le proprie speranze.” Ovidio

L’integrazione è la tolleranza di tutti i livelli dell’essere come parti valide del tutto. Significa abbandonare la negazione. Significa abbracciare noi stessi e il prossimo.

 

Proprio come la nostra coscienza unificata ha creato questo regno di polarità, noi possiamo trasformarlo. Quando si verificherà l’integrazione, questo regno sarà definito da parametri molto diversi. Diventeremo sia gli archetipi che i Fondatori. Sposteremo la prospettiva e diventeremo consapevoli di noi stessi come il Creatore.  

 

Non significa necessariamente che le nostre identità saranno assorbite. Potrebbe significare che ci risveglieremo al punto in cui sceglieremo consapevolmente i nostri destini. Forse potremmo scegliere di entrare in altri regni e di essere gli amici invisibili delle società planetarie che giocano ancora al gioco della separazione.

 

Riflettendo sulle stesse decisioni riguardanti le interferenze che i nostri antenati hanno affrontato, potremmo persino essere gli extraterrestri di un altro pianeta. 

 

Fermandoci e ascoltando attentamente, potremo sentire e percepire le correnti sotterranee di questa trasformazione. L’esistenza e il cambiamento sono le uniche costanti. Potremo giocare al gioco dell’illusione, in cui per caso ci troviamo in una creazione, ma prima o poi ci daremo una pacca sulla spalla e il gioco sarà finito. Per arrivare a questo, nella realtà della Terra abbiamo creato gli Arturiani, i Siriani, i Lirani, gli Orioniani, i Reticuli, i Pleiadiani, ecc…

 

Fanno davvero tutti parte della stessa cosa – sono una parte di noi

 

Quindi, come mai sulla Terra incoraggiamo l’integrazione? Prima di tutto, dobbiamo sapere che avverrà con o senza una nostra azione cosciente. La differenza è solo che la consapevolezza farà in modo che il viaggio sia più piacevole. Ci sentiremo più sicuri dei nostri destini.   

 

L’azione cosciente che accelererà il nostro processo di integrazione è molto semplice: la tolleranza. Se permettiamo che l’integrazione avvenga a tutti i livelli, vedremo che i sentieri si apriranno gioiosamente davanti a noi. 

 

L’integrazione avverrà sui quattro livelli principali: quello mentale, quello emotivo, quello spirituale e quello fisico.  

MENTALE 

Integrare la nostra mentalità significa permettere di combinare non solo i processi cerebrali, ma anche quelli intuitivi ed emotivi. Il tipo di pensiero oggi convalidato è quasi interamente basato sulla testa. Le formule e i calcoli hanno determinato la realtà della Terra del XX secolo. Se riuscissimo a comprendere e quindi permettere che i processi intuitivi ed emotivi siano altrettanto validi e possano essere usati in combinazione con quelli mentali, saremmo sulla buona strada verso l’integrazione della nostra mentalità.  

EMOTIVO 

Integrazione emotiva significa iniziare ad imparare come accogliere il nostro sé ombra. Potremmo iniziare aprendo gli armadi interiori e scavando in profondità nel subconscio per trovare le credenze che ci impediscono di proseguire. Molto spesso, questi aspetti trascurati di noi stessi vogliono solo un po’ di attenzione.Come hanno scoperto i Pleiadiani e i Lirani prima di loro, la negazione non fa altro che prolungare il dolore dell’esistenza. Impariamo da questi esseri provenienti da mondi lontani. Facciamo in modo di non ripetere le stesse lezioni più e più volte.  

SPIRITUALE 

L’integrazione spirituale è forse la più facile di tutte. Ogni persona possiede una spiritualità interiore che non è connessa alla dottrina. Se riuscissimo ad abbandonare la dottrina e toccare la nostra innata spiritualità, potremmo iniziare il processo di integrazione. Si estende esternamente sul pianeta onorando la verità che ogni persona è una manifestazione dell’Unica Verità. Questo permette a ciascuno di noi di coesistere all’interno delle nostre filosofie senza dover cambiare le proprie credenze. L’esistenza di Dio / Tutto Ciò Che È, non viene messa in dubbio discutendo su quale colore sia il suo abito. Abbiamo così tanta paura di essere soli e separati che creiamo ancora più separazione attraverso il nostro desiderio di avere una dottrina unificata. Se avessimo il coraggio di iniziare a toccare questa spiritualità interiore, vedremmo fiorire la nostra trasformazione.  

FISICO  

L’integrazione fisica è leggermente diversa. Implica il riconoscimento del nostro passato e della nostra storia come parte di uno scenario più grande su scala cosmica. Ci siamo frammentati dalla Sorgente e dai Fondatori. Abbiamo esteso la nostra individualità ai suoi limiti esterni. Per riunirci bisognerà ancora una volta riconoscerci e accettarci come parti della nostra famiglia galattica. Mentre ci allontaneremo dalle nostre paure razziali e smetteremo di permettere che il colore della pelle e le differenze culturali siano delle barriere, ci allontaneremo anche da tutte le altre paure, celebrando la comunione che ci offre Zeta Reticuli.

Possiamo permettere che l’integrazione a tutti i livelli della nostra vita fisica, avvenga qui sulla Terra.

 

Nessuno di noi viene “da” un altro posto. Proveniamo dalla Fonte e la Fonte è immensa. Dire che veniamo “dalle” Pleiadi significa negare tutte le altre idee riguardo la nostra provenienza. I nostri sé terrestri si confondono se neghiamo continuamente che la nostra esistenza è una parte del corpo del pianeta. Facciamo parte di Tutto Ciò Che È! 

 

Se avvertiamo una connessione con una razza fuori dal pianeta, ci stiamo identificando con ciò che rappresenta o con le varie vite che abbiamo vissuto in quel sistema. Se gli individui insistessero nel dire che vengono “da” qualche parte, si potrebbe insinuare che stiano proclamando la loro alleanza con la Terra. Hanno scelto di vivere qui. 

 

In un senso molto reale, le persone della Terra possono essere viste come dei modelli per l’integrazione. Siamo sia divini che terrestri; sia dèi che uomini. Siamo la prova che la vita umana può adattarsi a circostanze apparentemente insormontabili.

 

Celebriamo quindi l’umanità! 

 

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro! Non siamo bambini. Anche se stiamo ancora giocando al gioco dell’ignoranza, le altre civiltà ci considerano un enigma. Siamo la civiltà che si è rifiutata di morire! 

 

La nostra resilienza e la fiducia nelle nostre capacità hanno continuamente dimostrato il nostro valore. Siamo stati usati e riusati dal gruppo Lirano nel Giardino dell’Eden. 

 

Le varie “piaghe” degli dei non sono riuscite a spazzarci via. Grazie a Noè e al signore Siriano che lo avvertì, oggi abbiamo una civiltà fiorente. In molti si sono chiesti perché la Terra sia stata osservata da così tanti gruppi extraterrestri. Forse perché si tratta di una dimostrazione prevedibile di integrazione in azione. Potrà essere doloroso, ma nel nostro credo cosciente di massa, il dolore può produrre dei risultati miracolosi. La Terra del presente e la Terra del futuro fanno parte di quel miracolo. Celebriamolo integrandoci e assumendoci la responsabilità della nostra realtà planetaria. 

 

Facciamo parte di un’Associazione di Mondi e la nostra adesione è pronta per il rinnovo! Questa volta, per aderire dobbiamo risvegliarci al dramma cosmico di cui abbiamo accettato di far parte. 

 

Il nostro risveglio ci aiuterà a tornare a casa … da soli.

 

Tratto dal PDF “Il Prisma della Lira”

Testo tradotto in italiano da claudiordali

 

®wld 

Almanacco di agosto 2018

 

 

Non regalate Unicredit a Macron proprio ora. E’ alle corde.

 

di Maurizio Blondet 

Ancora alcuni copia incolla per recuperare una notizia di importanza essenziale. 

La segnalano persone di cui abbiamo imparato a fidarci:

 

@GuidoCrosetto 

Considero la mormorata fusione di #SocGen ed #UniCredit un atto ostile nei confronti dell’Italia, al pari della guerra alla Libia. Voglio dirlo prima anche questa volta. È il risultato di una strategia nata con la scelta del CEO Mustier, francese, “dimesso” da Soc Gen per insider

 

Andrea [email protected]

Noi consigliamo all’attuale Governo di bloccare in qualunque modo possibile l’ipotesi di fusione con la banca francese, non è interesse nazionale una simile operazione e Unicredit è banca di interesse nazionale, secondo il nostro modesto parere…  

 

Federico Dezzani  

Se andasse in porto la fusione tra Socgen e Uncredit, l’Italia sarebbe stata ridotta ufficialmente a satellite della Francia in 16 anni di euro. Ma si sa, i cattivi sono i tedeschi… 

 

21:55 – 25 ago 2018 

 

Poteri aggiungere: Bagnai, Giacché, persino Renato Brunetta (che non si capisce perché faccia opposizione al governo): 

Ecco come la Francia vuole far pappare Unicredit da Société Générale. Il paper di Brunetta  

https://www.startmag.it/economia/francia-unicredit-brunetta/ 

 

In cosa consista il pericolo per l’Italia, lo spiega bene Paolo Annoni sul Sussidiario, a cui rimando: Continua QUI 

 

 

Magaldi: cade il governo? Tanto meglio per Lega e 5 Stelle 

 

Cade il governo Conte, in autunno? Non reggerà alla prova del fuoco rappresentata dal bilancio 2019 da sottoporre a Bruxelles? Tanto meglio: Lega e 5 Stelle farebbero il pieno di voti, nel caso di elezioni anticipate. Facile profezia: l’eventuale nuovo esecutivo avrebbe un programma meno timido e sarebbe pronto a rompere in modo ancora più netto con l’attuale governance europea, fondata sulla grande menzogna del rigore ammazza-Stati spacciato per amara medicina. Gioele Magaldi non ha dubbi: se l’esecutivo gialloverde dovesse davvero cadere, l’establishment politico-mediatico violentemente ostile a leghisti e pentastellati avrà ben poco di cui rallegrarsi, perché gli elettori premieranno Salvini e Di Maio con un autentico plebiscito, come ben si è visto dagli applausi dei genovesi scrosciati all’arrivo dei due vicepremier ai funerali delle vittime del viadotto Morandi. Tutto si tiene, nei drammi estivi che hanno scosso l’Italia: la responsabilità politica del disastro di Genova ricade sulla stessa élite che ha privatizzato la penisola, regalandola agli “amici degli amici”, salvo poi imporre a un paese impoverito di accogliere senza fiatare i migranti (quasi un milione, negli ultimi tre anni) che l’Europa vorrebbe che restassero interamente a carico nostro.
Continua QUI 

 

 

 

 

 

Per quest’anno non cambiare 

Stesse bufale stesso mare 

Per poterti intrattenere 

Con le solite cazzate leggi me 

 

Autore: Massimo Lupicino  

 

Mina perdonerà l’irrispettosa revisione del celeberrimo testo, ma la tentazione era troppo forte. Eh sì, perché la fake-news sul Mar Glaciale Artico che ribolle, con le navi che scorrazzano tra gli orsi bianchi stremati sta diventando ormai un grande classico della disinformazione mainstream di fine estate. 

 

Esattamente un anno fa, infatti, su queste stesse pagine commentavamo l’incredibile bufala spacciata dalla Stampa in cui si attribuiva allo scioglimento dei ghiacci artici l’imminente assalto delle petroliere russe che agli ordini di Putin si apprestavano a devastare l’Artico. Un falso clamoroso e ridicolo, visto che la notizia vera consisteva nel varo di una nuova classe di navi gasiere con proprietà rompighiaccio atte a trasportare l’idrocarburo liquefatto attraverso il Mar Glaciale Artico: verso l’Asia in Estate, e verso l’Europa in inverno.
Continua QUI 

 


 

 

 

«SINISTRO»: l’assicurazione full inclusive del PD 

 

di marceellopamio 

 

«SINISTRO» è il pacchetto full optional offerto dalla sinistra italiana.

Si tratta dell’assicurazione più completa e sicura attualmente in commercio. Non teme concorrenza.

Costa moltissimo, ma la copertura che garantisce è totale.

Una volta acquistata la polizza e immatricolata l’azienda, si diventa parte vitale della «confraternita».

Ma cosa offre di così interessante il pacchetto?
In caso di incidente, scandalo, bancarotta o tragedia:

  • I nomi degli interessati e delle società, saranno minimizzati o cancellati del tutto dalle notizie dei giornali mainstream che fanno parte della Famiglia, quasi tutti. I media devieranno l’attenzione, spostando le telecamere altrove e cercando altri capri espiatori.
  • La «Maglietta Rossa Ong» non verrà mobilitata, perché i loro interventi mirati – tutti concordati dalla confraternita – sono puntualmente sincronizzati con i media.
  • Vengono messi a disposizione i migliori magistrati e procuratori del Gruppo; se non riusciranno a deviare completamente le indagini, potranno dare tutto il tempo necessario per cancellare le prove…
  • Si è assistiti dai più potenti studi legali a livello mondiale: la colpevolezza diventerà innocenza, e si potrà perfino accusare il governo di turno chiedendo i danni.
  • Se lo scandalo è di tipo bancario, allora l’assistenza di un gruppo di esperti collegati con bankitaly farà pagare il debito ai correntisti.
  • Se le cose si dovessero mettere malissimo, allora l’estrema ratio sarà l’intervento diretto del Presidente della Repubblica, testimonial importante del Gruppo…

 

Il motto: «Fai quello che vuoi, tanto paga qualcun altro» ben rappresenta questo pacchetto full inclusive, unico nel suo genere. Continua QUI 

 

 

 

 

Il socialismo equivale al trionfo per i criminali aziendali 

 

In diversi articoli recenti, ho esposto il mito che il socialismo è una rivoluzione di e per la gente.

 

Ho presentato prove del fatto che il socialismo è in realtà un movimento posseduto, gestito e finanziato da élite ultra-benestanti. 

 

Dupes, fanti, idealisti ciechi, studenti indottrinati e teppisti di basso livello vengono reclutati attraverso i ritagli per servire l’agenda dei globalisti di Rockefeller, che sono determinati a portare il socialismo in tutto il mondo. 

 

Il socialismo, in poche parole, equivale a élite ultra-ricche (rappresentate dal Consiglio per le relazioni estere, la Commissione trilaterale, il Bilderberg, ecc.) Che possiedono il libero mercato, riducono la concorrenza e creano governi centrali più potenti e dominanti.

 

Nascosto nel piano è la concessione di un maggior dominio alle mega-corporazioni. Questo è un fatto chiave. Continua in lingua inglese QUI

 

 

Deficit/Pil: l’incredibile storia del 3%

 

®wld

McCain: uccidere i nostri nemici il più velocemente possibile

 

 

10 paesi che McCain voleva distruggere 

 

Gordon Duff: “Il Vietnam era una guerra inutile, ho prestato servizio in Vietnam come soldato di fanteria marinara e conosco bene la guerra”.  

 

… di Jonas E. Alexis  

 

Ogni volta che gli sbocchi sionisti iniziano a lodarti e a darti tutti i tipi di riconoscimenti, allora puoi essere certo che stai perpetuando la loro ideologia in un modo o nell’altro. È come se Voltaire ricevesse premi dalla Loggia massonica. In effetti, è storicamente sicuro affermare che scrittori ed enciclopedisti dell’Illuminismo come Voltaire, Montesquieu, Horace Walpole, D’alembert e Diderot avevano un programma chiaro e seguivano una Weltanschauung rivoluzionaria che aveva la sua radice nella Massoneria, 

 

Will Durant scrive che i “profughi giacobiti dall’Inghilterra fondarono a Parigi la prima loggia francese della Massoneria. Montesquieu si unì a lui, e diversi membri dell’alta nobiltà. Serviva come rifugio per deisti e come centro di intrighi politici; divenne un canale di influenza inglese e preparò la via per i filosofi.” [2] 

 

In ogni caso, il New York Times e il Washington Post, gli stessi organi di informazione che hanno perpetuato la guerra in Iraq, stanno ora lodando il compianto John McCain per il suo grande lavoro. [3] Il Washington Post arriva a dire che McCain è “l’insostituibile americano”. [4] Certo, McCain ha combattuto in Vietnam. Ma è una carta bianca per far avanzare le guerre perpetue in tutto il mondo?

 

Qui ci sono 11 paesi che McCain voleva distruggere per i suoi capi. Come abbiamo sottolineato nel precedente articolo, sappiamo tutti chi sono i suoi capi ormai.  

 

Iraq 

 

McCain voleva distruggere l’Iraq. In realtà, ha esultato per la debacle in Iraq. Come ci ha detto la Repubblica dell’Arizona nel 2007, 

 

“Mentre l’amministrazione Bush faceva il suo caso per la guerra preventiva contro l’Iraq, che era quindi sospettata di accumulare armi chimiche e biologiche di distruzione di massa, McCain divenne un importante portavoce nazionale per il” cambio di regime”. 

 

“Parlando il 10 ottobre 2002, al piano del Senato, McCain ha definito il leader iracheno Saddam Hussein” un tiranno megalomane la cui crudeltà e offesa alle norme della civiltà sono infami “. Il governo di Saddam, ha avvertito McCain, “è un chiaro e attuale pericolo per gli Stati Uniti d’America”. [5] 

 

McCain stava per iniziare. Ha proseguito dicendo:

 

“Ha sviluppato scorte di germi e tossine in quantità sufficienti per uccidere l’intera popolazione della terra più volte. Ha messo le armi cariche di questi veleni in allerta per sparare ai suoi vicini in pochi minuti, non ore, e ha delegato l’autorità per licenziarli ai subordinati. Sviluppa armi nucleari con le quali terrà in ostaggio i suoi vicini e noi.

 

“No, questo non è solo un altro potentato egoista e ricco di petrolio. È il peggior tipo di tiranno dei tempi moderni – un assassino senza coscienza che aspira all’onnipotenza che ha ripetutamente commesso atti irrazionali da quando ha preso il potere. Data questa realtà, il contenimento e la deterrenza e le ispezioni internazionali non funzioneranno meglio di quanto la linea Maginot abbia fatto 62 anni fa”. [6]  

 

Afghanistan 

 

 

 

McCain di nuovo sostenuto l’invasione americana dell’Afghanistan. Durante l’invasione, scrisse nel Wall Street Journal: “Nessun surrogato della vittoria: la guerra è un inferno. Andiamo avanti.” [7] Questo era il compianto John McCain al suo meglio: 

 

“La guerra è un affare miserabile. Le vite dei migliori patrioti di una nazione vengono sacrificate. Le persone innocenti soffrono e muoiono. Il commercio è interrotto, le economie sono danneggiate. Gli interessi strategici protetti da anni di statica paziente sono in pericolo come le esigenze di conflitto bellico e diplomatico. 

 

“Per quanto sia inefficace l’appello di una chiamata alle armi, ma solo la causa, dovremmo ancora versare una lacrima per tutto ciò che andrà perduto quando la guerra rivendicherà il suo salario da noi. Buttare una lacrima, e poi continuare con il business di uccidere i nostri nemici il più velocemente possibile, e spietatamente come dobbiamo. Completa distruzione. Non si può evitare la guerra in cui siamo oggi, non più di quanto avremmo potuto evitare la guerra mondiale dopo che la nostra flotta fu bombardata a Pearl Harbor.” [8] 

 

McCain non poteva dire ai suoi lettori che la macchina da guerra e i pulitori etnici come lui hanno sempre cercato di trovare una stupida scusa per andare in guerra. Pearl Harbor, come il mio caro amico Mark Dankof e io abbiamo discusso in passato, è stata una deliberata operazione di falsa bandiera.  

 

Siria

 

 

 

John McCain era un forte sostenitore dei ribelli / terroristi siriani in Siria. Come il Guardian stesso ha dichiarato nel 2015: 

 

“Una delegazione di senatori guidata da John McCain si è incontrata separatamente con il principe ereditario dell’Arabia Saudita Salman e l’emiro del Qatar, come parte di un tour regionale incentrato sull’addestramento dei ribelli siriani.” [9]

McCain stesso ha incontrato quei terroristi. [10]  

 

Libia  

 

McCain, ci viene detto, “è stato un sostenitore particolarmente convinto dell’intervento militare del 2011 in Libia. Nell’aprile di quell’anno visitò le forze anti-Gheddafi e il Consiglio nazionale di transizione a Bengasi, l’americano più alto in grado di farlo, e disse che le forze ribelli erano “i miei eroi”. In sostanza chiamava i terroristi i suoi eroi.  

 

Iran

 

McCain, come il suo amico John Bolton, è noto per aver cantato la canzone “bomb Iran”. McCain ha dichiarato nel 2015:

“Gli israeliani dovranno tracciare il proprio percorso di resistenza. Sull’accordo nucleare iraniano, potrebbero essere costretti a fare il ladro. Speriamo che i loro avvertimenti non siano stati semplici bluff. Israele è sopravvissuto ai suoi primi 19 anni senza un significativo sostegno americano.” [11]

 

McCain voleva anche che gli Stati Uniti supportassero operazioni di copertura in Bosnia, Ucraina, Russia, Corea del Nord e persino in Cina. Ora puoi capire perché quest’uomo stava ricevendo tutti i tipi di riconoscimento dalla macchina da guerra. Il compianto Michael Collins Piper ha scoperto il pregiudizio mediatico su John McCain nel 2008, quando ha scritto il suo articolo, “Now It’s The Post Covering su Mob Connections di John McCain.” [12] Nel 2015, Gordon Duff ha scritto nuovamente:  

 

Ecco i fatti così come li conosciamo:

 

Secondo il colonnello Ted Guy, comandante di John McCain come prigioniero di guerra, McCain collaborò con il nemico. 

 

McCain è accusato di fornire informazioni che hanno portato al crollo di 60 aerei statunitensi 

 

McCain è accusato di addestrare personale di difesa aerea nord vietnamita 

 

McCain è accusato di fare oltre 30 trasmissioni di propaganda contro gli Stati Uniti, trasmissioni che ha trasferito per essere classificato quando è stato eletto al senato. 

 

Il Vietnam era una guerra inutile. Ho servito in Vietnam come soldato di fanteria marinara e conosco bene la guerra da vicino. 

 

Nick Turse, autore di Kill Anything That Moves: La vera guerra americana in Vietnam , sarebbe assolutamente d’accordo con Duff qui. 

 

Quindi dovremmo simpatizzare per un essere umano che ha perso la vita? Dovremmo mandare le nostre condoglianze alla famiglia? La risposta è si. Ma dovremmo mettere un timbro di approvazione su ciò che McCain ha fatto al Medio Oriente e all’America?

Diamine no.

  • [1] Steven C. Bullock, “Iniziare l’illuminazione? Recente borsa di studio sulla massoneria europea, “Vita del XVIII secolo, Volume 20, Numero 1, febbraio 1998: 81; Geoffrey W. Dennis, Enciclopedia del mito ebraico, della magia e del misticismo (Woodbury, MN: Llewellyn Publications, 2007). 
  • [2] Vedi Will Durant, The Age of Voltaire (New York: Simon & Schuster, 1965). 
  • [3] Robert D. McFadden, “John McCain, Eroe di guerra, Senatore, Contendente presidenziale, muore a 81 anni,” NY Times , 25 agosto 2018; Jeff Flake, “Sono grato a John McCain”, Washington Post , 25 agosto 2018. 
  • [4] “John McCain, l’insostituibile americano”, Washington Post , 25 agosto 2015. 
  • [5] Dan Nowicki e Bill Muller, “Profilo di McCain: The” maverick “e President Bush,” Arizona Republic , 1 marzo 2007. 
  • [6] Ibid. 
  • [7] John McCain, “Non c’è sostituto per la vittoria”, Wall Street Journal , 26 ottobre 2001. 
  • [8] Ibid. 
  • [9] “John McCain guida la delegazione americana di senatori in tour per addestrare i ribelli siriani,” Guardian , 18 gennaio 2015. 
  • [10] Suzanne Gamboa, “Sen. McCain scivola in Siria, incontra i ribelli, ” USA Today , 1 giugno 2013; Mollie Reilly, “John McCain visita la Siria per incontrare la leadership ribelle”, Huffington Post , 28 maggio 2013. 
  • [11] Jon Rainwater, “McCain unisce Bolton, invita Israele a bombardare l’Iran”, Huffington Post , 31 maggio 2015.
  • [12] “Ora è The Post Covering Mob Connections di John McCain,” American Free Press , 18 agosto 2008. 

 

ELOGIO FUNEBRE DI McCAIN. DA PARTE DELLA NOSTRA NOMENKLATURA 

Solo un po’ di copia-incolla per recuperare qualche notizia che può essere sfuggita ad alcuni lettori.
Essi sanno chi è stato McCain, ne hanno visto le foto in Siria a fianco di quello che sarebbe diventato Abu Bakr al Bagdhadi, ne hanno visto le foto con i neonazisti ucraini, sanno che ha canterellato per anni “Bomb, bomb,bomb Iran”.

Uno che ha predicato aggressioni USa in queste nazioni:

 

Uno che definito “tragico” non poter usare l’opzione militare in Ucraina contro Mosca:

 

Ebbene, ecco il compianto che ne ha fatto la nostra Sinistra: Leggi QUI cosa hanno scritto. 

Un’arma invisibile

 

La nostra dipendenza da cellulare trasforma la tecnologia wireless in un’arma invisibile che sta distruggendo la natura

di Reynard Loki
3 agosto 2018
dal sito Web di EcoWatch 

Vi è una crescente evidenza che la nostra dipendenza dai telefoni cellulari potrebbe avere un impatto sulla funzionalità del cervello ed essere la causa di:

  • stress
  • ansia
  • insonnia
  • mancanza di attenzione e concentrazione

Ora un nuovo rapporto ha scoperto che non siamo gli unici esseri viventi a essere interessati dalla nostra crescente dipendenza dalla tecnologia wireless.

Mammiferi, uccelli, insetti e persino piante sono probabilmente danneggiati dalla radiazione elettromagnetica ( EMR ) che emana da,

… secondo una nuova analisi (Gli impatti delle radiazioni elettromagnetiche artificialisulla fauna selvatica – Flora e fauna ) di 97 studi peer-reviewed condotti da EKLIPSE, un progetto di biodiversità ed ecosistema finanziato dall’Unione Europea.

I ricercatori hanno detto che,

“La prova sta accumulando che i mammiferi (ad esempio, pipistrelli e topi) hanno un senso magnetico” che è influenzato da campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMR).

Gli uccelli in particolare possono essere molto sensibili.

I ricercatori hanno scoperto che anche i campi magnetici deboli nella gamma di frequenze radio possono interrompere la magnetoreception degli uccelli, la loro capacità di utilizzare i campi magnetici terrestri per orientarsi e trovare la via di casa.

I piccioni viaggiatori sono ben noti per la loro magnetoricezione, ma questo senso è stato rilevato anche in altri animali, come le volpi rosse, e ci sono prove che persino i grandi mammiferi come i cervi usano i campi magnetici del pianeta per percepire la direzione.

Anche un certo numero di invertebrati, inclusi vermi, molluschi e moscerini della frutta, usano questa abilità.

Il rapporto ha anche concluso che l’EMR può anche alterare il metabolismo delle piante, causando,

“cambiamenti significativi … dimostrati a livello cellulare e molecolare”.

Gli autori hanno notato che anche un basso livello di esposizione a EMR,

“ha causato un rapido aumento dell’accumulo di trascritti legati allo stress nel pomodoro [piante]”.

La trascrizione è la prima fase nell’espressione di un gene, in cui uno specifico segmento di DNA viene copiato nell’RNA.

Gli autori hanno detto che i loro risultati indicano,

“l’urgente necessità di rafforzare le basi scientifiche delle conoscenze su EMR e il loro potenziale impatto sulla fauna selvatica”, in particolare richiamando la “necessità di basare la ricerca futura su esperimenti solidi, di alta qualità e replicabili in modo che prove credibili, trasparenti e facilmente accessibili può informare la società e i responsabili politici per prendere decisioni e inquadrare le loro politiche “.

L’organizzazione benefica britannica Buglife (che ha proposto l’analisi) ha avvertito che non c’era abbastanza ricerca per determinare i limiti dell’inquinamento EMR.

Il gruppo ha detto che,

“non si possono escludere gravi impatti sull’ambiente”,

… e ha esortato che i trasmettitori 5G non dovrebbero essere collocati vicino a luci stradali, che attirano insetti notturni come falene, né in aree vicino alla natura.

Il CEO di Buglife, Matt Shardlow, che ha fatto parte del gruppo direttivo del rapporto, ha avvertito che,

“esiste un rischio credibile che il 5G possa avere un impatto significativo sulla fauna selvatica”.

Ha aggiunto:

“Applichiamo i limiti a tutti i tipi di inquinamento per proteggere l’abitabilità del nostro ambiente, ma ancora, anche in Europa, i limiti di sicurezza della radiazione elettromagnetica non sono stati determinati, per non dire applicati.

Questo è un classico caso di fuori di vista fuori dalla mente, solo perché gli umani non possono vedere la radiazione elettromagnetica questo non significa che gli animali non possono “vedere” l’inquinamento o essere significativamente colpiti a livello neurale o cellulare.

Un programma di ricerca adeguato e misure politiche chiare sono in ritardo da tempo. “

Shardlow ha avvertito in modo specifico dell’attuale diffusione dei sistemi wireless di quinta generazione o delle reti 5Ge ha invitato le imprese di telecomunicazioni a studiare l’impatto della loro tecnologia wireless sulla fauna selvatica e rendere pubblici i loro risultati.

A maggio, il Qatar diventa la prima nazione al mondo ad avere una rete 5G. Il lancio commerciale mondiale di 5G è previsto per il 2020 …

Gli autori del rapporto hanno anche affermato che i campi EMR forti aumentano la temperatura nei tessuti viventi, ma l’intensità necessaria per indurre un tale riscaldamento è,

“non sperimentato dalla fauna selvatica (finora).”

È importante che abbiano lasciato la porta aperta a questa altra potenziale minaccia emergente, dal momento che i tassi di adozione dei cellulari sono in costante aumento a livello globale.

Il numero di utenti di smartphone in tutto il mondo è previsto crescere da 2,1 miliardi nel 2016 a circa 2,5 miliardi nel 2019, secondo Statista, una società di ricerche di mercato.

Ciò significa più torri cellulari e più EMR emessi nell’ambiente.

“Quando inizi a osservare e rendi conto che le rondini e le case di campagna non si annidano più nelle città e nei villaggi, quando ti accorgi che i passeri sono scomparsi, che di sera non ci sono pipistrelli che volano nel crepuscolo e che non senti più i gufi fischi, quindi inizierai a conoscere l’effetto che le microonde e le antenne hanno sul pianeta “, ha detto un commentatore a un articolo di One World News sul rapporto.

Il rapporto giunge al termine di un recente appello alle Nazioni Unite, firmato da oltre 200 scienziati di 41 paesi, che sollecita l’organismo internazionale ad affrontare i rischi posti dai campi elettromagnetici (EMF), i campi fisici prodotti da oggetti caricati da campi elettromagnetici e radiazione a radiofrequenza.

Nello specifico, gli scienziati vogliono che l’ONU,

“riconoscere che l’esposizione ai campi elettromagnetici è una crisi emergente per la salute e l’ambiente che richiede una risposta prioritaria”.

“I biologi e gli scienziati non vengono ascoltati nei comitati che stabiliscono standard di sicurezza”, ha affermato il Dr. Martin Blank del Dipartimento di Fisiologia e Biofisica Cellulare presso la Columbia University e firmatario dell’appello, in un video all’indirizzo sul sito web di International EMF Alliance , un gruppo fondato nel 2009 che diffonde informazioni ai responsabili delle politiche e alle autorità sanitarie in merito ai potenziali effetti delle radiazioni elettromagnetiche.

“I fatti biologici vengono ignorati e, di conseguenza, i limiti di sicurezza sono troppo alti e non sono protettivi”.

Sebbene le prove stiano aumentando il fatto che gli esseri umani possano anche essere fisiologicamente colpiti da EMF, la giuria è ancora fuori sull’impatto dell’esposizione a bassa frequenza a lungo termine.

L’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha concluso che,

“le prove attuali non confermano l’esistenza di conseguenze sulla salute derivanti dall’esposizione a campi elettromagnetici di basso livello”.

Tuttavia, l’agenzia ammette che,

“esistono alcune lacune nella conoscenza degli effetti biologici e necessitano di ulteriori ricerche”.

Ma l’OMS è parzialmente responsabile della preoccupazione diffusa.

Come sottolinea Bob Berman nel suo recente libro Zapped – From Infrared to X-rays, la curiosa storia diInvisible Light:

“Alcuni dei timori si basano su un rapporto pubblicato nel 2011 dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’Organizzazione mondiale della sanità.

L’agenzia si era riunita a Lione, in Francia, per discutere degli studi scientifici che riguardavano la questione se esistesse una relazione tra campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) e cancro.

Dopo intense riflessioni e con grande sorpresa del mondo in generale, gli esperti hanno deciso di classificare le onde RF-EMF emesse da telefoni cellulari, torri cellulari e reti Wi-Fi come categoria 2B, indicando un “possibile cancerogeno per l’uomo”.”

Per il dottor Martin Blank ei suoi colleghi che sollevano la bandiera di avvertimento alle Nazioni Unite, le prove sono chiare.

“Cellulari, tablet, Wi-Fi, ecc …

Senza mezzi termini, stanno danneggiando le cellule viventi nei nostri corpi e uccidendo molti di noi prematuramente”, ha detto nel suo indirizzo video. “L’aumento dell’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche è un problema globale: l’Organizzazione Mondiale della Sanità e gli organismi internazionali di normazione non agiscono per proteggere la salute e il benessere del pubblico. Le linee guida internazionali sull’esposizione per i campi elettromagnetici devono essere rafforzate.”

Nel suo indirizzo video, il Dr. Blank ha suggerito che gli attuali limiti di sicurezza EMF potrebbero essere inadeguati a causa dell’influenza dell’industria delle telecomunicazioni sui responsabili delle politiche.

“Una maggiore protezione probabilmente deriverà dalla piena divulgazione di possibili conflitti di interesse tra regolatori e industria”, ha affermato.

“Abbiamo creato qualcosa che ci sta danneggiando, e sta andando fuori controllo. Prima della lampadina di Edison, c’era pochissima radiazione elettromagnetica nel nostro ambiente. I livelli oggi sono molto più alti dei livelli di fondo naturali e stanno crescendo rapidamente a causa di tutti i nuovi dispositivi che emettono questa radiazione. Un esempio che molti di noi hanno nelle loro tasche è il cellulare.”

Guarda il video del Dr. Martin Blank:

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Non è mai cosi buio come prima dell’alba

CONIGLI DA  ALLEVAMENTO

Ricevo dall’amico Dott. Roberto Slaviero e pubblico

Estate caldissima in Germania con cali medi di produzione di cereali del 25%, con punte di quasi il 50% (dati del 22.08.18)!!

Una specie di catastrofe per gli agricoltori e l’economia tedesca.

Da noi molto caldo con improvvisi nubifragi, che a Genova, con fulmini degni di Zeus, fanno crollare il ponte Morandi, portando a morte quei poveri predestinati.

E beh, sapete, calcestruzzi vecchi e sistema di costruzione sbagliato e…. il tirante o il fulmine…bla bla bla…

Mancano però i filmati delle decine di telecamere presenti in tale tratto autostradale….colpa del nubifragio…logicamente ….

Pensate se le….tronzate che ci raccontano fossero vere, quanti ponti cadrebbero in questa Italy – Usa-Anglo colony dal 1945, con reti autostradali anni 60!!

Nel 1937, Guglielmo Marconi fece un esperimento richiesto dal Duce e nel raggio di decine e decine di km tutti i motori elettrici e non, si bloccarono.

I famosi studi elettrici di Tesla;

vibrazioni elettromagnetiche capaci di fondere anche l’acciaio…i cosiddetti“ raggi della morte”

Pensate sia difficile nel 2018 dare una aiutino ad un ponte traballante per …?

Ma dai ….. un mussulmano incazzato, dopo 7-9 voli di aereo scuola ha sequestrato un aereo e  buttato giù le Twin Towers…… nel più armato, potente e sorvegliato Stato del pianeta; altro che complotti arabo-israeliti Cia permettendo ……… che palle sti complottologhi…

La Grecia s’è ripresa dopo gli aiuti finanziari della Troi….ka europea;

fantastico….peccato che la sanità sia disintegrata, le pensioni dimezzate, la mortalità infantile aumentata etc….

Ah beh….tutti gli aeroporti se li sono comprati società tedesche e il porto di Atene…forse i cinesi  …mahhh.

Nel frattempo ieri, 22.08.18 è stato lanciato un satellite dell’Esa per studiare meglio gli effetti dei venti e fornire previsioni del tempo più accurate……ma non dovevamo andare su Marte…?! Siamo ancora ai livelli di previsione del tempo??

Pochi giorni fa, Trump ha detto che varerà la Space Usaforce per il controllo dello spazio!!

Ma il Donaldo..quello Reagan negli anni 80, non ci parlava già di scudi e guerre stellari contro il nemico russo??

Che cavolo hanno fatto in questi anni allora??

Ah, sapete che quando mori Tesla a New York durante la seconda guerra mondiale, l’FBI requisì tutto il materiale e l’esperto scientifico che ne curò gli studi si chiamava  John G. Trump……..lo zio del Donaldo di oggi …. che casualità ragazzoni miei!!

Un vero caso tra milioni…però cavolaccio …la trasmissione dei Simpson molti anni fa aveva fatto un cartoon con il buon Donald President….altro caso tra milioni.

Comunque tra poco Elon Musk proprietario del marchio automobilistico Tesla, ci porterà su Marte e farà colonie umane spaziali yeppppp fantastic…ma…la Nasa?!

Perché non ci va la Nasa e manda un privato ……forse non ricordano bene la tecnologia e le rotte che li portarono sulla Luna…..poverini…ma quanto denaro si pappa annualmente la Nasa??

Ah ah ah …….

CONIGLI DA ALLEVAMENTO credete a tutta la farsa propinataci dai ladri imbroglioni  che comandano la Terra e che usano violenza contro persone e Stati non allineati ai loro porci comodi e drenano i nostri soldi e le nostre energie!!

Altro che cambiamenti climatici del pianeta causati da CO2….;

utilizzo invece di armi per scaldare la ionosfera e modificare le correnti di acqua e aria e fare la guerra climatica a chicchesia …… la Germania è stata probabilmente avvisata quest’anno.

Anche il governo gialloverde nostrano deve essere stato avvisato……

Tra l’altro il guro dei 5S pochi giorni fa, ha detto che i farmacisti dovrebbero fare a meno di vendere medicinali omeopatici….tanto non servono !!

Ma non era per le libertà di cura??

Capite che sono tutti attori, attori probabilmente lautamente pagati per eseguire ordini della casta di comando e quando……sgarrano…….apriti cielo!!

Chi ha perso la seconda guerra mondiale??

E allora muti, stecca e rassegnazione;

cosi si diceva sotto la Naja … adesso han tolto anche quella;

cosi i nostri giovani sono sempre più intorpiditi mentalmente e fisicamente.

Non fanno più figli e stanno a casa dalla Mamma ……

Quindi avanti immigrati e nuove razze allo studio……ai genetisti deviati mentalmente piacciono molto gli incroci volutamente forzati …….

E’ tutto programmato decine e decine di anni prima…presidenti inclusi.

Adesso nuovi assetti geopolitici si stanno formando anche in Europa e gli zombi viventi non si accorgono che è in atto una guerra fatta soprattutto con armi economiche, climatiche……..e terroristiche…ma pochi ci credono….purtroppo.

La marina militare italiana è considerata una potenza marittima ancor oggi e se volesse non passerebbe neanche una zanzara dall’Africa con destino Italia!!

E allora??

  • Da chi prende ordini tale Marina Militare??
  • Dagli Usa?
  • Dall’ Inghilterra che sta uscendo dall’Europa?
  • Da Parigi?
  • Dal Vaticano?

Già lo scrissi in un precedente articolo; avendo perso la seconda guerra, bisogna quanto meno ritrattare con i vincitori un minimo ripristino della sovranita’ nazionale…

  • Nel Qohelet ebraico, da noi conosciuto come Ecclesiaste si dice;

“altra cosa ho notato sotto il sole;

  • al posto del diritto, l’ingiustiza e al posto della giustizia, l’iniquità …

tal giusto muore con la sua giustizia e tal empio con tutte le sue iniquità campa a lungo“

Mi vengono in mente i vari esperimenti genetici di ibridazione, dei quali anche la Bibbia ebraica ce ne parla…..

Ma ……

  • “non è mai cosi buio come prima dell’alba“

e dobbiamo crederci!!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Il falso paradigma est / ovest è potente se non più potente del falso paradigma sinistra / destra

 

Nel nuovo “mondo multipolare” I globalisti controllano ancora tutti i giocatori  

Il più grande strumento a disposizione dei globalisti è l’uso di falsi paradigmi per manipolare la percezione pubblica e quindi l’azione pubblica. Le masse sono portate a credere che ai più alti livelli del potere geopolitico e finanziario ci sia una cosa come “parti”. Questa è una totale assurdità quando esaminiamo i fatti a portata di mano.  

Ci viene detto che i “poteri-che-sono-sono divisi” dalla politica “sinistra” e “destra”, tuttavia entrambe le parti sostengono effettivamente le stesse esatte azioni politiche quando si tratta delle questioni più importanti della giornata e sembrano solo differire in termini di retorica, che comunque è priva di significato e di estetica. Vale a dire, non è altro che il teatro Kabuki. 

Ci viene detto che il potere corporativo deve essere bilanciato dal potere del governo e che il potere del governo deve essere bilanciato dai “mercati liberi”, quando in realtà le società sono noleggiate e protette da governi e mercati liberi semplicemente non esistono nell’economia di oggi. Nel caso della “censura” dei social media, ci viene detto che la soluzione consiste nell’utilizzare il potere del governo per rafforzare la “giustizia” invece di lanciare semplicemente le nostre piattaforme alternative. Eppure, le corporazioni dei social media esistono sotto forma di monopoli proprio a causa del potere del governo e dell’intervento negli affari. Gli abusi di un “lato” vengono usati per spingerci tra le braccia dell’altro lato, il che è altrettanto abusivo. 

In termini di geopolitica, ci viene detto che le potenze nazionali hanno “scopi trasversali”, che hanno interessi diversi e obiettivi diversi, che hanno portato a cose come “guerre commerciali” ea volte sparare guerre. Tuttavia, quando guardiamo le persone che stanno effettivamente tirando le fila nella maggior parte di questi paesi, troviamo gli stessi nomi e istituzioni. Che tu sia in America, in Russia, in Cina, nell’UE, ecc., I think tank globalisti e le banche internazionali sono ovunque, e i leader di tutti questi paesi chiedono un maggiore potere per tali istituzioni, non meno.  

Queste guerre, qualunque sia la loro forma, sono un circo per il pubblico. Sono progettati per creare caos controllato e paura gestibile. Sono un mezzo per influenzarci verso un fine particolare, e questo alla fine, nella maggior parte dei casi, è più influenza sociale ed economica nelle mani di pochi eletti. In ogni caso, le persone sono convinte di credere che il mondo sia diviso quando viene effettivamente centralizzato. 

La chiave di ogni spettacolo di magia è far partecipare il pubblico alla bugia; per farli concentrare sulla mano che distrae, per supporre che quello che stanno vedendo sia in realtà ciò che sta realmente accadendo – per sospendere il loro scetticismo.  

Non commettere errori, quello che stiamo vedendo in geopolitica oggi è davvero uno spettacolo di magia. Il falso paradigma est / ovest è potente se non più potente del falso paradigma sinistra / destra. Per qualche ragione, la mente umana è più a suo agio nel credere nelle idee di divisione e caos, e spesso rovescia il naso indignato sulla nozione di “cospirazione”. Ma le cospirazioni e i cospiratori possono essere dimostrati come un fatto storico. L’organizzazione tra gli elitisti è prevedibile.  

I globalisti stessi sono attratti da un’ideologia. Non hanno una nazione comune, non hanno un orientamento politico comune, non hanno un background culturale o una religione comune, preannunciano dall’Oriente proprio come annunciano dall’Occidente. Non hanno vera lealtà nei confronti di nessuna causa principale o movimento sociale.  

Cosa hanno in comune? Sembrano esibire molti dei tratti di sociopatici narcisistici di alto livello, che costituiscono una percentuale molto piccola della popolazione umana. Queste persone sono predatori o, per essere più specifici, sono parassiti. Si vedono naturalmente superiori agli altri, ma spesso lavorano insieme se c’è la promessa di un beneficio reciproco.  

La cosa più vicina a cui posso collegare i sociopatici narcisistici (e quindi i globalisti) nella mitologia sarebbero i vampiri. Mi sono spesso chiesto se il concetto di “vampiri” sia stato creato come un modo per i contadini delle età oscure di spiegare il comportamento senz’anima e mostruoso delle élite del loro tempo. L’idea che ogni persona sia capace di quel tipo se il male, per non parlare del male organizzato nella forma di una cabala, è difficile da accettare per le persone fino ad oggi.  

I vampiri nella mitologia sono solitamente rappresentati come elite, nascondendosi in un semplice sito come leader di comunità nelle alte sfere della società. Cercano un villaggio, si inseriscono come patroni e aristocratici, poi si nutrono fino a quando quel villaggio non viene distrutto. In seguito, passano al villaggio successivo. Questo è quello che sono. Questo è quello che fanno, e lo fanno in modo organizzato per rendere il processo più efficiente. 

Ci vuole un villaggio per nutrire un vampiro o un sociopatico narcisista.  

Racconto questa metafora perché penso che sia importante per la persona media capire di cosa stiamo trattando veramente qui. Quando alcune persone si ritirano all’idea di un sindacato ai massimi livelli della finanza e della politica che lavorano per scopi nefandi, dovrebbero sapere che questo è facilmente spiegabile non solo in termini di miti storici e archetipi, ma in uno studio psicologico ben documentato.  

Analisti e attivisti all’interno del movimento liberty si sono dimostrati straordinariamente immuni a molte delle narrazioni e bugie dei globalisti cospiratori, motivo per cui ora sono il principale obiettivo di molteplici campagne di propaganda. I globalisti non si sentono a proprio agio a salire nelle loro bare per dormire durante il giorno mentre così tanti Van Helsing sono in agguato nell’esporre le loro attività. 

L’ultimo sforzo propagandistico che ho visto è la narrazione del “mondo multipolare” che si sta sviluppando sulla scia di ciò che il FMI definisce “il riassetto economico globale”. In effetti, il termine “mondo multipolare” viene usato in ambienti mediatici alternativi molto di questi tempi, e questo è ancora una volta uno stratagemma progettato per farci credere che la centralizzazione non sia più una minaccia e che le divisioni che vediamo siano reali piuttosto che fabbricate. 

Sotto la narrativa multipolare, ci viene detto che il passaggio dal dollaro americano come la riserva mondiale sta avvenendo e che questo è guidato da potenze politiche orientali alla ricerca di alternative. Questo è vero, ad un certo punto.  

Le bugie che circondano questo sviluppo sono molte, però. Ci viene detto che i poteri politici orientali sono in contrasto con i globalisti e il globalismo – questo è falso. Ci viene detto che le nazioni BRICS stanno cercando un sistema decentralizzato per sostituire l’egemonia del dollaro – questo è falso. Ci viene detto che leader orientali come Putin e Xi stanno contrastando la presa del potere globalista e sono presi di mira dalle élite come se si stessero “ribellando” contro l’impero – anche questo è falso. Ci viene detto che la guerra commerciale è un mezzo per Donald Trump per sconvolgere la globalizzazione e gettare una chiave inglese nei piani dei globalisti: questa è la fantasia.  

Gli attivisti e gli analisti della libertà sono particolarmente suscettibili all’idea perché gioca sul nostro desiderio di vedere l’antico impero basato sul dollaro della Federal Reserve cadere nell’oblio che merita. Il problema è che la narrativa si basa sull’assunzione fraudolenta che l’impero globalista sia radicato nell’impero americano. 

Ecco i fatti:  

Le influenze globaliste sono iper-presenti nelle nazioni orientali. Ad esempio, Vladimir Putin, che è spesso raffigurato come una specie di eroe anti-globalista nelle discussioni sul movimento della libertà, non è affatto anti-globalista. Putin è stato “scoperto” da Henry Kissinger, un nuovo membro del mondo di musica vocale, molti decenni fa, all’inizio degli anni ’90, prima di assumere il ruolo di presidente in carica della Russia. Putin racconta il suo primo incontro con Kissinger e la loro lunga amicizia nel libro First Person , il suo resoconto autobiografico della sua prima carriera.  

Contrariamente alla credenza popolare nel movimento per la libertà, Putin NON ha cacciato le banche internazionali o rimosso le loro strutture di potere durante la sua ascesa presidenziale. In effetti, le banche Rothschild operano ancora in Russia fino ad oggi, mentre Goldman Sachs e JP Morgan continuano a fungere da maggiori banche di investimento nel paese. 

La presenza globalista in Russia è forse il motivo per cui la nazione ha sviluppato un rapporto così stretto con il FMI dopo la caduta dell’Unione Sovietica, perché continuano i loro legami con il Fondo monetario internazionale e la Banca dei Regolamenti Internazionali fino ad oggi e perché il Cremlino ha nel il passato ha richiesto un nuovo sistema di valuta globale controllato dal FMI.

La Cina ha anche chiesto lo stesso nuovo sistema monetario , non decentralizzato, ma completamente centralizzato dal FMI. La Cina è stata sotto l’influenza della Rockefeller Foundation dal 1915 circa, quando ha aperto un’università nel paese, sulla base dell’Università di Chicago. La Cina continua i suoi legami con i globalisti attraverso la BRI e il FMI e Goldman Sachs è fortemente coinvolta nelle attività del governo cinese e negli accordi commerciali. Solo l’anno scorso, Goldman ha stabilito un accordo da $ 5 miliardi con un ramo del governo cinese per facilitare l’acquisto di società e attività negli Stati Uniti. Donald Trump ha elogiato l’accordo come vantaggioso per gli Stati Uniti, il che non è sorprendente considerando il numero di alunni di Goldman Sachs che Trump ha coinvolto nel suo gabinetto.

Trump ha anche intrattenuto rapporti con i globalisti, incluse le élite bancarie connesse di Rothschild negli ultimi 25 anni. Wilber Ross, un banchiere d’investimento che lavorava per i Rothschild, era l’agente principale che salvò Trump dai suoi ingenti debiti che circondavano il suo casinò Taj Mahal ad Atlantic City. Dopo l’ascesa di Trump alla Casa Bianca, ha reso Wilber Ross segretario commerciale e Ross ora promuove pesantemente la guerra commerciale in via di sviluppo. 

Chiaramente, non c’è “divisione” tra i leader politici del mondo quando si tratta di chi sono alleati. Banche internazionali e think tank globalisti sono coinvolti in TUTTI di loro. Ma per quanto riguarda il resto del mondo in generale? La guerra commerciale non è forse causa di divisione e decentramento tra nazioni ed economie? Quando guardi la cima della piramide, le divisioni svaniscono.

Considera l’attuale accordo russo con la Germania, o l’ultimo accordo della Russia per consentire alla Cina di coltivare oltre 2,5 milioni di ettari di terra russa, aiutando direttamente a combattere le sanzioni statunitensi. O che dire dell’operazione del Mar Caspio tra Russia, Iran e altri paesi per porre fine alla disputa sulla regione? E che dire della sfida della Cina alle sanzioni sul petrolio iraniano? O le crescenti proteste dell’UE sull’interferenza degli Stati Uniti nel loro commercio di petrolio con Iran e Russia?  

Questi sono solo alcuni degli ultimi esempi del resto del mondo che si fondono in un grande conglomerato sulla scia della guerra commerciale. La guerra commerciale sta riunendo tutti questi paesi apparentemente disparati in un modo che è piuttosto conveniente per i globalisti. Se prendiamo in considerazione la realtà dell’influenza globalista in tutte le principali economie, allora dobbiamo anche tener conto della possibilità che il “risanamento economico globale” non riguardi un “mondo multipolare”, ma un mondo unipolare ancor più centralizzato. Un mondo che sacrifica il modello americano insieme al dollaro come riserva mondiale e lo sostituisce con qualcosa PERSINO PEGGIO.

Nel frattempo, agli attivisti della libertà viene di recente detto che dovrebbero radunarsi intorno alla morte del dollaro e al risanamento globale come se fosse la fine del globalismo. In altre parole, dovremmo credere stupidamente che il passaggio al nuovo ordine mondiale sia il “decentramento” semplicemente perché lo chiamano “multipolare”. Solo perché gli Stati Uniti non sono più il volto della bestia non significa che la bestia è scomparsa .  

http://www.alt-market.com/   

®wld