Archivi tag: politici

Una pressione collettiva sul pensiero – la rinuncia consensuale alla democrazia

A DIFESA DEL MANDATO IMPERATIVO. E DUNQUE DEL POPULISMO. 

di Maurizio Blondet

Il vincolo di mandato per i parlamentari è una delle  istanze del Movimento 5 Stelle: e come tutte  quelle che escono da quel movimento, accolta con strida scandalizzate e indignazione artefatta  mediatiche e partitiche: “Non è democrazia”, eccetera.  Ovviamente,  invece,  è una  pretesa per lo meno comprensibile in Italia, dove oltre  un terzo dei parlamentari  ha cambiato casacca in meno di due anni.   Ma in realtà è molto di più: è un  potente segnale di vitalità democratica.

Mi ci ha fatto pensare il saggio del filosofo politico  Alain de Benoist, “Populismo”  (Arianna Editrice), un libro capitale che consiglio a tutti i grillini pensanti (Grillo incluso), come ai salviniani (compreso Salvini).

Vi ho letto che per Carl Schmitt, “un popolo ha tanto meno bisogno di essere rappresentato  quanto più è politicamente presente a se stesso”. Se Schmitt vi sembra sospetto perché “di destra”, ecco Simone Weil (quella vera, morta battezzata):  nel 1943,   in nome della Resistenza antifascista, scrive il “Manifesto per la soppressione dei partiti politici”, proprio per salvare la democrazia.  Per lei   “L’unico fine di ogni partito è la  propria crescita illimitata”, è “un’organizzazione costruita per esercitare una pressione collettiva sul pensiero”: noi vediamo la durata illimitata dei partiti, decisi a sopravvivere in eterno alla   fine della  loro utilità politica.

Molti pensatori  rivoluzionari sono stati contrari alla delega: a cominciare da Rousseau, per cui “un popolo non può che perdere la propria sovranità sin dal momento in cui se ne priva a vantaggio di rappresentanti”, passando per Proudhon,  per arrivare al  marxista Costanzo Preve, che nota  sarcastico: “Il metodo democratico consiste proprio nella rinuncia consensuale alla democrazia come contenuto”.

Il filosofo Jacques Rancière, un allievo di Althusser,  sancisce: la democrazia “rappresentativa” non è un espediente necessariamente inventato per adattare la democrazia alla crescita delle popolazioni, ai tempi moderni; no,  “E’ a pieno titolo una forma di oligarchia.  L’evidenza che assimila  la democrazia alla forma di governo rappresentativo è recente. La “democrazia rappresentativa” oggi può sembrare un pleonasmo, ma inizialmente è  stato un ossimoro”. Ossia: all’origine, un termine (democrazia) era il contrario dell’altro (rappresentativa).

Molti di voi, lo so, faticano a capire. Questo perché le oligarchie vi hanno cambiato di soppiatto il concetto. E’ stato operato uno   di senso e de-potenziamento fatale della “democrazia”. Nel senso originario, indica il popolo che prende ed  esercita il potere – contro un  tiranno, un re, una oligarchia. 

Dunque “Essa designava la potenza  collettiva, la capacità di autogoverno”; mentre adesso invece “rinvia solo alle libertà personali-  non è più la sovranità del popolo, ma la sovranità dell’individuo”.   Una sovranità degli individui spinto fino “alla possibilità ultima di mettere in scacco, se necessario, la potenza collettiva”.

Così Marcel Gauchet, post-marxista, “uno dei più importanti studiosi del politico” direttore della rivista Le Débat.  Il  fatto è che “una versione liberista-liberale della democrazia ha soppiantato  la  sua versione classica”.  Attenzione, perché il punto è cruciale:  è l’ideologia del libero mercato che vi ha condizionato a credere  che la “libertà” sia la vostra libertà individuale,  di  attuare vostri desideri  privati.  Dato che siete  anzitutto “un calcolatore razionale  alla ricerca di massimizzare il vostro interesse privato”,  senza alcuna preoccupazione per il bene comune.  Il mercato infatti ha  bisogno di individui così, consumatori  da soddisfare.  

Vi dice:  voi come individui siete sovrani  fino al punto di imporre i vostri desideri e piaceri alla volontà collettiva.  

“Di qui a poco a poco – conclude Gauchet – la promozione del diritto democratico  provoca l’inabilitazione politica della democrazia”.  

Infatti, dice De Benoist, “l’individuo atomizzato  quale lo concepisce la teoria liberale non può essere in primo luogo un cittadino, un soggetto democratico, perché per definizione estraneo all’appartenenza   che fonda il voler-vivere-in-comune”.

E il governo? Poco male, vi dice la sirena liberal-liberista: delegatelo ai “vostri rappresentanti”, i quali sono competenti,  e si avvalgono dei “tecnici”; i quali lo delegano alla “Unione Europea”, la  quale lo delega alla banca centrale, al Fondo Monetario, a Goldman Sachs e Wall Street, a esperti più  competenti di voi –   voi godetevi le libertà individuali che la  democrazia di mercato vi  ha regalato. Perché il vostro egoismo è “naturale”, così come il “mercato” è lo stato di natura – a cui non c’è alternativa.  Non c’è alternativa al mercato, quindi cosa volete  “governare”? 

Ci abbiamo creduto. Fino ad oggi, quando “il popolo ha la sensazione che la sua situazione sociale continui a deteriorarsi, che  l’epoca  del pieno impiego sia definitivamente passata  e  che l’avvenire sarà ancora peggiore. Ha la sensazione che i valori cui aderisce siano derisi o disprezzati [legge Cirinnà, gender nelle scuole].  Ha la sensazione che  il  suo stile di vita sia minacciato dalla presenza, sul suolo nazionale, di una popolazione dai costumi differenti che percepisce come  estranea, se non ostile. Ha la sensazione che l’Unione Europea sia diventata un progetto antisociale che contribuisce ad aggravare l’insicurezza economica e culturale”.  

Ma non sono affatto sensazioni, come sapete. Le  conquiste della “omogenitorialità”, i clandestini  da accogliere senza limiti, il gender nelle scuole, lo ius soli,  le “normative d’Europa”, i  “diritti delle minoranze”, la globalizzazione,  sono tutti i risultati di   una spoliticizzazione  “che è avvertita dalla maggior parte del popolo come un’insopportabile aggressione perché mira a togliergli la capacità di decidere, ossia la  sua sovranità”. 

Il risultato è “una impotenza sociale collettiva  senza precedenti storici”(Costanzo Preve). Un  totalitarismo della dissoluzione. Gestito dalla sinistra progressiva:  quei “sostenitori della trasgressione morale e culturale permanente che fanno direttamente il gioco della finanza mondiale, perché il capitalismo può estendere la sua influenza unicamente smembrando non solo le strutture di vita comunitarie tradizionali, ma anche il legame sociale, i valori condivisi,i modi di vita specifica, le culture popolari.  Il capitalismo può trasformare il pianeta in un vasto mercato, che è il suo scopo,  solo se questo pianeta è stato previamente atomizzato”: 

“Senza le nuove piste incessantemente aperte dal liberalismo culturale, il mercato non potrebbe impadronirsi continuamente di tutte le attività umane, comprese quelle più intime”:  così Jean-Claude Michéa,  pensatore socialista senza complessi, in “Perché ho rotto con la sinistra”.  

E’ in questa situazione che sono  sorti, in Europa ed Usa, movimenti populisti. Perché “la condizione di emersione di una mobilitazione populista è  una crisi  di legittimità  politica che tocca  l’insieme del sistema di rappresentanza” (P.  A. Taguieff). Quella patologia gravissima,terminale della democrazia rappresentativa  in cui “destra” e “sinistra” partitiche colludono, in cui Renzi agisce come Berlusconi e Berlusconi vuole adottare Renzi,  perché  hanno lo stesso programma, servire il Mercato Mondiale  da cui non si può uscire. “Lo Stato collusivo dominato dalla casta  oligarchico-tecnocratica verso il quale siamo avviati ormai da trent’anni” (Jacques Sapir). 

Naturalmente, quando  sorge il populismo,  le elites strillano  che non è  legale, che  è “demagogico”, dunque mette in pericolo la democrazia, che è  sovranista e le sovranità non esistono più, che vuole le frontiere ormai abolite, dunque che è passatista;  il popolo che vota i populisti viene  spiegato che è   (come gli inglesi che votarono il Brexit)  quello  poco istruito (strano,  quando gli operai votavano PCI,  nessuno diceva che lo facevano perché poco istruiti) nostalgico, etnicista, che rifiuta gli immigrati e i  diversi,  – anche  fascistoide  (sempre  per le élite s ciò che non piace loro  puzza di fascismo).

Balle, propaganda demagogica , perché nessuno supera in demagogia le oligarchie (basta vedere le loro tv):  non facciamoci condizionare da questi sbarramenti colpevolizzanti e demonizzanti.

“I movimenti populisti”, scrive  Paul Picone,”appaiono generalmente in congiunture storiche speciali, quando il processo democratico è talmente degenerato da esigere una vera reazione democratica –  Il populismo è in generale una reazione contro il deficit di democrazia ed è sempre molto  più democratico di qualunque sistema fondato sulla democrazia rappresentativa”. 

Insomma:  il populismo   sarà confuso, commetterà molti errori,  prenderà cantonate, perché vi aderisce gente che è stata disastrata e  atomizzata dalla Forma Capitale, che è  una forma “totale”  ,  nel senso che ci ha tutti antropologicamente minorati, disumanizzati, resi schiavi del  suo politicamente corretto  e delle sue “trasgressioni” e della sua propaganda seduttiva – però  è una reazione sana all’esproprio di democrazia, è un segno di vitalità,  di salute, di un sangue che riprende a scorrere nelle vene  collettive, il segno della volontà di riaffermare il primato del politico sull’economico.

E’, con tutti i suoi difetti, l’albeggiare del concetto di Libertà “politica”, contrario a quelle “libertà” del Mercato,   la libertà dell’individuo atomizzato, senza appartenenze né patria, nomade sradicato da ogni condizione storica e sociale: quasi che “l’uomo si costituisca liberamente a partire dal niente”. No, “la risposta è che la libertà come l’autonomia va concepita in termini di attaccamento e di legami, non di lacerazione e sradicamento,  di responsabilità verso l’altro piuttosto che di trasgressione a tutto ciò che unisce i membri di una società a un fondamento storico-sociale comune”. 

La democrazia in senso forte, dove il “demos” rigetta le oligarchie e  la loro governance che svolgono  per conto di poteri “che uccidono i popoli”,  e prova a governare in proprio. Da cui il mandato imperativo,  il guinzaglio corto ai politici.  E’ un inizio.

Fonte:  http://www.maurizioblondet.it/

Paolo Barnard: solo per stranieri

portic

MIO ULTIMO AVVERTIMENTO. POI ARRANGIATEVI.

All’uomo qui sopra arrivo in un momento. Prima il mio ultimo avvertimento a voi.

Quasi 20 anni fa denunciai il fenomeno della “Industria della Denuncia e dell’Indignazione”.

Cioè, l’avvento dell’iperinformazione, dei Supereroi dell’info osannati da masse di ‘belle anime’ che poi s’indignano e tempestano i Social, ma tutti a casa col culo a fare click sui pc, qualche scarna manifestazione, e poi di nuovo ‘like’, click, indignazione, denuncia del Divo giornalista, e altra indignazione, denuncia, e ind… un ciclo eterno e demenziale. In strada a lottare eravamo sempre il solito 0,1%.

Nel frattempo altri popoli hanno cambiato il mondo, altro che “Industria della Denuncia e dell’Indignazione”, Travaglio e Grillo non esistono in nessuna società del mondo, solo da noi. Inutile che citi gli esempi.

Nel frattempo voi italiani non state capendo che siete un popolo impantanato nel ‘pollitalico pollaio’ MENTRE IL MONDO OGGI STA LETTERALMENTE CAMBIANDO LA CIVILTA’ UMANA ALLA VELOCITA’ DELLA LUCE. Accadono cose indicibili, ma qui non arriva nulla, né i polli qui alzano il becco per capire nulla.

Casaleggio vide lungo: voleva creare la Società Civile del click da casa, tutto si fa in casa sul divano, in rete, tutto, dai disegni di legge alla cultura al Parlamento alla lotta civica alla difesa di un ammalato o delle stuprate all’invasione dei disperati, tutto. Casaleggio ha scodellato all’Italia la “POLITICA DEL FATE TUTTO NON FACENDO UN CAZZO”. Capito perché una manica di ragazzetti di 30 anni hanno avuto il 25%?

Ma oggi Zuckerberg e Oculus con la VR e i Rift Headset ci hanno visto ancora più lungo, vedrete cosa vi arriva addosso, Casaleggio era un principiante. Facebook-VR SARA’ LA PIU’ DEVASTANTE PARALISI CIVICA DELLA STORIA, un fenomeno che non sfiorò neppure i sogni del Padre della paralisi civica programmata, Edward Bernays.

Il mondo si sta letteralmente trasformando in un altro pianeta. Qui in Italia le news sono Grillo e i peti della sua banda di scemi, Formigoni, o Mediaset-Vivendi, Gentiloni e Poletti. Mentre nel mondo…

Il Capo di Stato Maggiore dell’esercito britannico e il suo futuro omologo americano stanno preparando gli eserciti alla guerra futura, che sarà Cyber. Alla BBC il Generale Richard Barrons, Commander UK Joint Forces Command, ha detto: “Non ci saranno più bombardieri, e soldati, ma Cyber fighters. La Russia di Putin ha fatto il primo passo in questo ed è avanti: hanno 1.000.000 di programmatori già affiliati a 40 reti illegali. Silicon Valley-Google-NSA stanno arrancando dietro a Mosca”. E ha aggiunto:

Le guerre saranno combattute infiltrando le infrastrutture vitali di un Paese avversario. Esempio: una notte le luci di tutta la Francia salteranno, e nel panico i francesi scopriranno che sono saltati anche i back-up, i server saranno tutti muti. Una potenza NATO messa in ginocchio in meno di un secondo, senza bombe”. Da noi chi ne parla? Da noi Raggi, Formigoni, i 104 indagati del PD, Equitalia…

Le Rinnovabili uccideranno gli idrocarburi. Questo lo si è capito ai massimi livelli in USA, Cina, Arabia Saudita ma soprattutto fra i colossi d’investimento. Chi segue Carbon Tracker si fa un’idea della furiosa corsa dei Poteri mondiali per l’energia di domani, ma soprattutto del potenziale di conflitti mostruosi per la spartizione della torta. Tutti i paradigmi politici legati all’energia sono saltati, e l’energia è TUTTO. Miliardi di poveri del mondo rischiano di finire nelle mani degli investitori per accendere una lampadina, mille volte più di quanto non lo siano già oggi. Da noi chi ne parla? Da noi Raggi, Formigoni, i 104 indagati del PD, Equitalia…

Oltre ai conflitti Cyber, rimane l’atomica. Se ci sarà conflitto nucleare sarà in due luoghi: il mar del Sud della Cina, dove gli USA stanno tentando di tagliare le comunicazioni mercantili ed energetiche di Pechino; oppure nel Jammu-Kashmir, dove fra India e Pakistan la miccia atomica è letteralmente tutti i giorni a un cm dal fuoco. Sto parlando di guerra nucleare, rendo l’idea? Da noi chi ne parla? Da noi Raggi, Formigoni, i 104 indagati del PD, Equitalia…

Tutta Europa, e tutta la vita economica di ogni vivente oggi in UE, è appesa al filo del Tapering della BCE di Draghi. Il Tapering è il momento certo e già annunciato nel quale la BCE finirà di tenere viva l’Europa comprandogli trilioni di euro di assets (Statali e privati) che altrimenti nessuno vorrebbe o che altrimenti avrebbero prezzi stracciati e tassi alle stelle. Il Tapering di Draghi è oggi l’oggetto di discussione frenetica di tutti gli AD di ogni singolo istituto finanziario del Pianeta. C’è il totale panico ed è panico vero. Da noi chi ne parla? Da noi Raggi, Formigoni, i 104 indagati del PD, Equitalia…

Poche settimane fa il più grande gruppo assicurativo del mondo, ING, ha convocato un seminario con oltre 600 esperti mondiali sulla Glocalization. E’ il fenomeno inverso della vecchia Globalizzazione e dell’Outsourcing dei posti di lavoro verso Paesi a manodopera per pochi centesimi (Cina, Tailandia, Messico, Bangladesh…). Perché la Glocalization sta diventando un altro tema di fibrillazione dei colossi e delle Think Tank del mondo occidentale? Perché anche qui tutti i paradigmi della produzione industriale sono saltati. Siamo in un incubo d’incognite su cosa accadrà nel processo di Glocalization ai nostri impieghi, alle nostre economie. Un intero mondo è di nuovo saltato in frantumi nel cosmo. Da noi chi ne parla? Da noi Raggi, Formigoni, i 104 indagati del PD, Equitalia…

Oggi le parole di filosofia politica e morale più impressionanti escono dalla bocca di uomini come Ray Dalio, CEO del Hedge ‘Monster’ Fund Bridgewater. O da Bill Gross, l’ex Re Mida di PIMCO, il più grande gestore di Fixed Income del mondo. Parlano di informazione, di moralità nell’economia, delle strutture sociali, del senso della morte persino, ma lo fanno però con la conoscenza degli strumenti dei padroni del mondo, cioè con la conoscenza del motore che fa vivere o morire 7 miliardi di umani. Questo fa una differenza incredibile. Buttate i libri di scienze politiche e filosofia…. Non sono, questi, gli sproloqui di filosofi o intellettuali contemporanei che non sanno nulla del motore che fa vivere o morire 7 miliardi di umani e si parlano addosso, oppure “si atteggiano” come mi ha scritto Noam Chomsky in privato. Ray Dalio, Bill Gross… Da noi Raggi, Formigoni, Cacciari, Fo o Eco…

Nulla cambia in Italia, qui trionfa il pollitalico pollaio, qui è IMPOSSIBILE far alzare il becco degli intellettuali, analisti, politici e cittadini sopra al battibecco della pollitalica provincia.

Non ha più nessun senso continuare a informare qui. Io mi fermo. Paolo Barnard ha già dato troppo a sto Paese, ha parlato troppo ai polli irrimediabili. Basta.

Ho aperto una pagina Facebook solo per stranieri, e sul tizio piegato in due nella foto qui sopra ho scritto Tag: Renzinomics, Italy, Eurodisaster, SMEs decomposing, credit crunch still full steam. Know him personally, was hairdresser, banks strangled him while borrowing from ECB at lowest rates ever. Here’s how he lives now with severe hip arthritis, no help. Real life economics”.

Traduzione virgolettata: nota mia

“Etichetta: Renzinomics, Italia, Eurodisastro, le PMI in decomposizione, crisi del credito ancora a tutto vapore. Lo conoscevo personalmente, era parrucchiere, le banche lo hanno strangolato mentre la BCE ha i tassi più bassi di sempre. Ecco come vive ora con una grave artrosi dell’anca, nessun aiuto. L’economia della vita reale.”

Una pagina solo per stranieri dove ci metto i miei Tags in inglese sulle news che in pochi mesi veramente stanno esplodendo il Pianeta come mai in 2.000 anni.

Nessuno straniero conosce la mia pagina in inglese, probabilmente nessuno dall’estero mi seguirà. Ricomincio come un signor nessuno.

Meglio, molto meglio, che essere Paolo Barnard l’opinionista “intrattabile”, il personaggio, in un Paese condannato all’eternità della pollitalica provincia.

Mio ultimo avvertimento. Poi arrangiatevi.

Fonte diretta:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1617

Potere e psicopatia & Intelligenza Emotiva

Perché ci sono tanti psicopatici nelle posizioni di potere?

Anna è proprietaria e editrice dei siti web Learning-mind.com e Lifeadvancer.com, scrittrice del ‘The Mind Unleashed’. Si appassiona nel comprendere cose nuove e riflette sulle  idee che fanno pensare. Scrive di tecnologia, scienza,  psicologia e altri temi correlati.  E’ interessata in particolar modo all’introversione, alla mcoscienza e al subconscio, alla percezione, al potenziale della mente umana, alla natura della  realtà e dell’universo.

Un studio del 2010 (Corporate Psychopathy – Talking the Walk) che ha preso in esame un campione di 203 individui da differenti programmi di guida allo sviluppo di diverse imprese, ha dato risultati interessanti.

E’ stato evidenziato che un 3% approssimativamente dei dirigenti di imprese erano finiti nel rango degli psicopatici, mentre l’incidenza della psicopatia sulla popolazione i n generale era approssimativamente dell’1%.

Allora perché ci sono tanti psicopatici che ricoprono posizioni di alto livello?

Lo studio

Uno studio più recente (Psychopathy, Intelligence and Emotional Responding in a Non-Forensic Sample), pubblicato nel 2014 sul Giornale di Psichiatria e Psicologia Forense, getta una nuova luce sul comportamento degli psicopatici che porterebbe a spiegare questo fenomeno.

Durante un esperimento, un gruppo di persone ha sostenuto una prova standard di psicopatia. Allo stesso tempo ai partecipanti sono stati mostrati una serie di quadri che avevano come obiettivo di dimostrare il loro livello di empatia.

I ricercatori misurarono la risposta reattiva della pelle per esaminare la loro reazione emotiva rispetto alle immagini mostrate loro.

La ricerca ha dimostrato che gli psicopatici con livello medio o alto di intelligenza furono in grado di controllare la risposta reattiva. Il risultato fu che le loro risposte sembravano normali.

Gli psicopatici con un livello basso di coefficiente intellettuale diedero risultati anormali alle prove cui erano stati sottoposti, risultati tipici delle persone che hanno tendenza a essere psicopatici.

Significato dei risultati

Gli psicopatici sono dei grandi manipolatori, e questa ricerca fornisce nuove prove.

I risultati dello studio mostrano che gli psicopatici con un elevato coefficiente intellettuale sono capaci di occultare la loro vera identità falsando le loro risposte emotive e probabilmente anche tratti della personalità.

Il risultato mostra un’immagine diversa di loro stessi e ingannano gli altri facendo credere loro che quello è il loro vero io.

Carolyn Bate, la prima autrice dello studio, disse:

“Coloro che si trovano nella cuspide delle società sono spesso persone piacevoli e intelligenti ma con deficit emotivi a differenza degli psicopatici che sono abbastanza imprevedibili e hanno la tendenza a commettere crimini spaventosi e spesso sono catturati e messi in prigione.”
Crede anche che gli psicopatici che occupano posizioni di potere potrebbero essere molto più di un 3%,
“Perché se le persone sono coscienti di essere psicopatiche possono anche mentire – sono abbastanza manipolatrici e mancano di empatia.”

Questi risultati sono abbastanza interessanti da considerare e si potrebbero applicare in altri ambiti, con l’eccezione del mondo degli affari.

Sono sicura che se gli psicologi avessero l’opportunità di studiare coloro che occupano posizioni di rilievo nell’ambito politico, la cifra andrebbe sopra il 3%. Essere capaci di manipolare e falsare le emozioni è una qualità che indubbiamente aiuta a diventare un politico di successo.

E non aggiungiamo nemmeno il fatto che, avendo come fine il raggiungimento dei più alti livelli politici, non avere una certa empatia e coscienza, è una necessità.

Il Dr. Paul Babiak scrisse nel suo libro Snakes in Suits – When Psychopaths Go to Work:

“Sono maestri nel manipolare le impressioni. La visione della psiche di altri combinata con una superficiale ma convincente fluidità verbale, permette loro di ribaltare la situazione con abilità poiché si adattano alla situazione e al piano di gioco.”

Non vi sembra che si adatti alla maggior parte dei nostri politici?

Loro stanno facendo il loro gioco, ingannando le persone facendo vedere che credono sinceramente alle preoccupazioni del mondo e della società. Fingono di essere interessati mentre in realtà quello che vogliono è più denaro e più potere.

E non è nemmeno necessario uno studio per sapere tutto questo.

http://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/sociopol_ponerologypsycho16.htm

************

I 10 modi con cui i Manipolatori  Usano l’Intelligenza Emotiva per approfittare di noi

Lo sapevate che i manipolatori spesso usano l’intelligenza emotiva per approfittare di altre persone? Ecco come.

La maggior parte delle persone sono consapevoli del termine intelligenza emotiva (EQ o EI). Il termine è stato creato nel 1960 dai ricercatori Peter Salavoy e John Mayer, e portato all’attenzione del pubblico in un libro popolare omonimo di Dan Goleman nel 1996.

Qual è Intelligenza Emotiva?

EI è stata riconosciuta come la capacità di:

  • Identificare, capire e gestire le nostre emozioni
  • Identificare, capire e influenzare le emozioni degli altri

Questo significa che le nostre emozioni possono non solo guidare il nostro comportamento, ma può anche avere un impatto sugli altri e intorno a noi, in un certo senso sia positivo che negativo. Se EI ha la capacità di concentrarsi sulle nostre emozioni e quelle degli altri, così, ogni capacità può essere lavorata, imbrigliata, affilata, e in ultima analisi utilizzata.
 

Anita Roddick fondatrice del Body Shop ha usato le emozioni di un suo dipendente ispirandolo a raccogliere fondi per beneficenza. Roddick ha spiegato: “Ogni volta che abbiamo voluto convincere il nostro personale per sostenere un progetto particolare abbiamo sempre cercato di far leva sui loro cuori.” 
 
Il lato oscuro d’Intelligenza Emotiva Anita, psicologa e autrice del best seller Adam, ha discusso e concesso un’intervista del suo saggio in The Atlantic, dicendo che l’EI può avere un lato oscuro, ‘Il lato oscuro della intelligenza emotiva’.

Lo storico Roger Moorhouse dice che ha trascorso anni a guardare uno dei più potenti manipolatori del 20° secolo, Adolf Hitler,  e di come il linguaggio del suo corpo abbia emotivamente colpito coloro che lo circondavano. Ha perfezionato ogni gesto della mano, ogni presa di posizione per diventare ‘un altoparlante pubblico assolutamente affascinante’.

I dieci modi della manipolazione emotiva:
 

1. Usano la paura per manipolarci.
Al fine di controllarci e manipolarci, spesso utilizzano le nostre paure, addirittura esagerando al punto di dire bugie oltraggiose per cercare di spaventarci. Che cosa si dovrebbe fare:

Se qualcosa di falso ci colpisce, bisogna guardare un quadro più grande o parlare con amici fidati al fine di ottenere la verità dei fatti.

 
2. Essi, i manipolatori, mirano a trarre in inganno
Tutti i manipolatori cercheranno di ingannare mettendoci in condizioni di svantaggio. In genere si otterrà solo la loro versione della storia, che sarà sempre sbilanciata in loro favore. Che cosa si dovrebbe fare:

Non abbiate paura di fare domande se non siete sicuri di ottenere il quadro completo ricorrere a una persona più affidabile per scoprire la verità della cose. 

 
3. A loro piace quando siamo felici.
Se siamo di buon umore, ci sono più probabilità di accordarci con qualcuno essendo disponibili a fare dei favori. Questo è il motivo per cui i manipolatori piace tanto quando siamo felici. Per loro si tratta di un primo approccio per avvantaggiarsene. Che cosa si dovrebbe fare:

Siamo consapevoli del nostro buon umore ma no facciamoci manipolare solo perché siamo felici in quel momento. Cerchiamo di essere più equilibrati nel nostro pensiero.

 
4. Ci faranno dei favori rendendoci debitori nei loro confronti
Molto spesso i Manipolatori ci fanno un piccolo favore mettendoci in condizione di sentirci debitori nei loro confronti, richiedendoci in cambio qualcosa di più grande. Essi sanno che una volta che hanno fatto qualcosa per noi, è molto più difficile dire di no. Che cosa si dovrebbe fare:

Diffidare quando questi favori vengono elargiti, senza aver paura di rifiutarli, dire sempre di no, se davvero non si vuole essere vincolati.

5. I manipolatori si sentono a loro agio quando sono nelle loro residenze
Un manipolatore sa di essere più forte quando sono nella loro casa e/o residenza. Questo potrebbe essere un club che possiedono, la loro palestra, casa, ufficio o dovunque che diversamente potrebbero sentirsi a disagio.

Che cosa si dovrebbe fare:

Eventuali incontri dovrebbero essere disposti in uno spazio neutro, come ad esempio un posto che nessuno dei due è stato prima. Se questo non avviene, si ha tutto il tempo per poterlo organizzare prima di incontrarsi. 

 
6. Fare domande per raccogliere informazioni
Le persone amano parlare di se stesse, è un dato di fatto. I manipolatori cercano in questo modo di scoprire le nostre debolezze, i nostri punti deboli, o per raccogliere informazioni che potrebbero aiutarli a utilizzarle a loro vantaggio. Che cosa si dovrebbe fare:

Se si sospetta che qualcuno stia cercando di ottenere informazioni da noi, allora bisogna solo diffidare evitando di rivelare troppo. Soprattutto se la persona che chiede è abbastanza reticente su se stessa.

 
7. Parlano rapidamente apposta
I maestri manipolatori parlano ad un veloce ritmo per cercare di sganciarsi da argomenti scomodi. Essi potranno anche utilizzare un vasto vocabolario al fine di sbilanciarci facendoci sentire meno sicuri di noi stessi. Che cosa si dovrebbe fare:

Non c’è cosa peggiore di una domanda stupida, quindi, se non si capisce un punto dell’argomento, chiedere loro di ripeterlo, o meglio ancora, chiederne un esempio. E’ altamente probabile che non saranno in grado di averne uno se non hanno riacquistato il vantaggio.

 
8. Non hanno paura di mostrare le loro emozioni negative
Per i manipolatori è facile dopo un avvenuto dramma fare leva psicologica su persone impressionabili, così la gente intorno a loro si sentirà a disagio dandogli un vantaggio facile e veloce.

Che cosa si dovrebbe fare: Non bisogna reagire subito. Dare alla persona qualche secondo per calmarsi e poi parlare lentamente e ragionevolmente al fine di dare la possibilità di spiegare la situazione. 

 
9. Vogliono agire rapidamente
Se qualcuno vuole che tu prenda una decisione in un breve lasso di tempo dovrebbe suonarti un campanello d’allarme. Questo perché non vogliono dare abbastanza tempo per poter pensare correttamente su ciò che si sta per fare. Che cosa si dovrebbe fare:

Mai cedere alle richieste irragionevoli. Chiedere più tempo e mettere in discussione il perché la decisione deve essere presa così in fretta.

 
10. La riduzione al silenzio.
Un’altra tattica di controllo al fine di ottenere il sopravvento è quella di evitare in qualsiasi modo di conversare con noi, il manipolatore dice di avere il potere di parlare e di non essere interrotto e noi di ascoltarlo. Che cosa si dovrebbe fare:

Dare alla persona un tempo abbastanza ragionevole per poter noi successivamente controbattere alla scadenza del tempo concesso. Se questo tempo concesso non dovesse avvenire e funzionare, ce ne possiamo andare senza ripensamenti.

Riferimenti:

 
 
Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Straordinariamente diversi. Fantasticamente disuguali

La Chimera dell’Uguaglianza

da Alberto Medina Mendez July 19, 2010  Sito TeoduloLopezMelendez

Il discorso politico e civile ha installato una certezza che pretende di essere inconfutabile.
E’ diventato qualcosa di simile a un monumento alla verità senza macchia. E’ l’ossessione di un obiettivo e non solo retorica fondamentalista ma pratico, che si riflette quotidianamente in implementazioni concrete di tutto il mondo. 

Molti, quasi tutti, dicono che sono in lotta per l’uguaglianza e vantano su di essa come se il termine stesso rappresentasse un valore indiscutibile.
È menzionato come se la parola avesse un’aura speciale, una benedizione superiore, come se fosse una virtù superlativa, un’utopia per un lavoro
senza sosta che ne vale la pena. 

Va detto, senza figure e apertamente, senza equivoci o eufemismi, che l’uguaglianza, è qualcosa di cui gli individui parlano, è l’attributo che almeno descrive la specie umana.
Gli individui,
in quasi tutto, non sono uguali.
Se qualcosa ci distingue,
sono le nostre differenze, ciò che ci rende ovviamente diversi.

Noi non guardiamo al fisico, o nella nostra personalità, tanto meno in esperienze trasferibili che ci toccano sulla fortuna. Tutto, assolutamente tutto, ci rende esseri infinitamente diversi, e questa disuguaglianza, se si tratta di una qualità, è una caratteristica unica e irripetibile. 

Sono le nostre differenze, che ci hanno fatto progredire e sopravvivere come specie. Sono solo queste differenze che ci hanno permesso di evolvere. Queste disparità ci rendono creativi, competitivi, diventando il principale motore che ci spinge a lottare e migliorare noi stessi.

Non l’uguaglianza, ma proprio il suo opposto, la disuguaglianza, è ciò che meglio descrive i nostri talenti e le più grandi virtù. Lei, la disuguaglianza, è anche chiaramente quella che identifica i nostri peggiori difetti, e ci consente la possibilità di trattare con loro. 

Noi non siamo uguali, noi non dovremmo volerlo essere.
Tuttavia, una corrente quasi unanime è in aumento, il discorso più comune sembra essere il politicamente corretto, che fingendo regola ciò che appare come deviazioni. La società sembra applaudire alcuni, perché suppone che qualcuno abbia il potere di dare loro ciò che vogliono, e altri perché non hanno nemmeno il coraggio di dire quello che pensano difendendolo lo stesso. 

Sarebbe auspicabile che tutti svolgessero le loro mansioni  con le stesse regole.
Una certa uguaglianza
può far finta di fronte alla legge di soddisfare i criteri oggettivi che governano la convivenza umana, ma solo per una questione di routine, che è quasi una questione di buon senso.

Nel resto, dobbiamo capire le differenze, le disuguaglianze e le nostre particolarità, che devono essere accolte. Pertanto, è difficile da capire come questa parola, “uguaglianza” sia venuta ad occupare una posizione privilegiata nei discorsi, e la sua effettiva attuazione abbia significato liberarci della nostra unicità. 

  Il fatto è che la pratica quotidiana della politica è diventata il culto dell’uguaglianza,

  • rimuovere i migliori talenti
  • impostare i limiti per progredire
  • stabilire piani artificiali,

Naturalmente, cercando di fornire coercitivamente su ciò che hanno, mentre altri avanzano per mettere a nudo su quanto sopra accada. 

La redistribuzione decantata continua a devastare.
Lo fa sotto lo slogan che è diventato di moda, il paradigma della giustizia umana, rimuovendo alcuni e dando ad altri, discrezionali, arbitrari, selettivi e coercitivi.

La società sembra salutare la distruzione della sua più grande virtù. Si presuppone possa assimilare una comunità, attraverso leggi, decreti e regolamenti. Che l’assunzione di alcuni e dare agli altri, ci aiuti a evolvere. 

Nulla potrebbe essere più lontano dalla realtà.
Tali meccanismi ottengono solo lo scoraggiamento del talento e paradossalmente anche il meno esperto, così, richiedono anche incentivi al progresso, da superare. Dopo tutto, un messia, si prenderà cura di loro, quello che non sono in grado di ottenere per se stessi.

Ma in questo caso, con l’aggravante di trattare indegnamente come vero incompetente e inutile, riducendole alla categoria di favori disonorevoli mendicanti. E minare la loro auto – stima indossata per condannare in eterno la posizione fragile e sconveniente di parassiti sociali, quelli che d’ora in avanti dipenderanno solo dal dono patrocinato del capo turno.

Di certo questo sarà quello che accad, quando i potenti decidono di dare le elemosine. Prima raccoglieranno in giro alcune briciole delle ricchezze di chi produce, in modo da realizzare la loro generosa azione popolare da elargire. 

Questo meccanismo, che gode a quanto pare l’impunità senza precedenti nel mondo, sembra di essere venuto per rimanere. 

Si tratta di politici pratici ed elettori che li celebrano all’unisono. Dare la sensazione che un certo segmento di umanità è disposto ad abbassare le braccia in modo permanente, a vivere ciò che gli altri generano, per essere umiliati da coloro che hanno cercato di mostrare la loro dimostrata incapacità, come una fotografia statica di quella presente immutabile e immodificabile.

Questa sfida difficile ma essenziale per recuperare la fede, non sembra pronta a dare battaglia, si avvia così alla ricerca della propria felicità provando a identificare e soddisfare i radicati loro sconosciuti punti di forza, quello che ogni essere umano ha, il dono prezioso che ognuno di noi ha ricevuto, in particolare, individuale e delegabile, quel magnifico attributo che ci rende essenzialmente diversi e così unici e inimitabili

Straordinariamente diversi. Fantasticamente disuguali

Nessuna legge politica potrà funzionare sugli ingenui cittadini coinvolti. Le regole possono saccheggiare alcuni per dare agli altri, ma non creeranno il talento dove questo è assente o semplicemente addormentato. In quello spazio dove si è generata la creatività, essi se lo sono preso per spegnere la volontà.

Questi attributi, 

  • creatività
  • talento
  • perseveranza
  • sforzo
  • capacità
  • dedizione,

… Non sono solo questioni innate. 

La maggior parte di questi attributi si sono sviluppati e raggiunti solo quando si sono delineati tempi difficili, situazioni reali di crisi che hanno richiesto sfide alle insidie che si sono verificate facendoci passare attraverso.

La lista di invenzioni nella storia umana è infinita, quella lista inesauribile che si è sviluppata in quanto tale, viene dalla migliore specie. E sono loro e non altri, che ha gettato le basi del progresso.

Se noi eliminiamo le differenze, se veneriamo l’omogeneità, ci stiamo condannando a chiedere a coloro che si distinguono di farlo per noi, così facendo, trascurando la mancanza di abilità come quella di un politico, sostenuto dalla stragrande maggioranza dei cittadini per mettere le cose a posto, è il peggio che possa capitarci. 

Chiaramente, l’umanità ha acquisito questa illusione che l’uguaglianza in sé è un obiettivo. 

La fantasia dell’uguaglianza sembra essere presa in consegna da noi senza alcuna resistenza e la tacita civica approvazione viene spiegata dal discorso dei politici, che è solo una mera conseguenza e non la causa reale … 

FONTE 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

Il “club” di cui non facciamo parte

Fonte: Link

Quando la realtà viene chiamata populismo a tutte le latitudini

Ma c’è una ragione. C’è una ragione per questo. La ragione: l’istruzione fa schifo e per questo non verrà mai fatta funzionare. Mai, mai, mai. Non andrà mai meglio, non guardate avanti, accontentatevi di ciò che avete, perché i proprietari di questa nazione non lo vogliono.

Sto parlando dei veri proprietari adesso. I veri proprietari, i grandi interessi d’affari benestanti, che controllano le cose e prendono tutte le decisioni importanti. Scordatevi i politici: vengono messi lì per darvi l’impressione che abbiate libertà di scelta. Non l’avete. Non avete scelta. Avete padroni. Vi posseggono. Posseggono tutto. Posseggono ogni pezzo di terra importante.

Sono tutti nelle mani delle corporazioni. da quando sono nate hanno pagato per il senato, per il congresso, le case statali, i municipi. Hanno in mano i giudici, posseggono i media, così controllano proprio tutte le notizie e le informazioni che vi capita di ascoltare. Vi tengono per le ….!

Spendono milioni di dollari ogni anno facendo lobbismo, per ottenere quello che vogliono. Beh, noi sappiamo quello che vogliono: vogliono di più per sé stessi e meno per tutti gli altri. Ma vi dico io cosa NON vogliono: non vogliono una popolazione di cittadini capaci di pensiero critico, non vogliono gente bene informata e istruita capace di pensiero critico.

No, di sicuro non vogliono questo, non gli serve. E’ contro i loro interessi. Proprio così! Non vogliono avere gente intelligente abbastanza da sedersi al tavolo di cucina e di accorgersi di quanto a fondo lo stanno prendendo nel …. da un sistema che li ha buttati a mare trent’anni fa. C…., non vogliono questo. Sapete cosa vogliono? Lavoratori obbedienti. Lavoratori obbedienti, gente abbastanza intelligente per far funzionare le macchine e fare il loro lavoro d’ufficio, stupidi abbastanza da accettare passivamente tutti questi lavori sempre più di ….., con paghe più basse e orari più lunghi, extra ridotti, la morte degli straordinari e la pensione evanescente che sparisce nell’attimo esatto in cui vai a ritirarla.

E adesso stanno venendo a prendersi i soldi della tua assicurazione sociale. Vogliono la tua …. di pensione, la vogliono indietro per darla indietro ai loro amici criminali di …. – ….. E sapete cosa? L’avranno. La otterranno da tutti voi, prima o poi, perché possiedono tutto quanto. E’ un grande club e voi non ne fate parte. Voi ed io non facciamo parte del grande club.

E, a proposito, è lo stesso grande club che è solito mettervi i piedi in testa tutto il tempo per dirvi a cosa dovete credere. Tutto il giorno vi sta col fiato sul collo attraverso i media, dicendo in cosa credere, cosa pensare e cosa comprare. Il banco è manipolato, gente, il gioco è truccato. E sembra che nessuno se ne accorga, che non importi a nessuno.

Buona gente onesta che lavora duro, tute blu e colletti bianchi, non importa di che colore sia il colletto della camicia che portate. Buona gente onesta che lavora duro, di estrazione modesta, continua ad eleggere tutti questi ricchi s…… ai quali non frega un c…. di loro. Se ne sbattono i c…… di voi, sì, se ne sbattono i c…… non gliene importa proprio niente, niente di niente. Sapete? Nessuno sembra accorgersene, sembra non importi a nessuno.

E’ ciò su cui contano i proprietari: che gli americani resteranno probabilmente e deliberatamente su quel ……. bianco, rosso, blu (i colori della bandiera USA n.d.t.) che ogni giorno gli viene pompata nel …. . perché i proprietari di questa nazione sanno la verità. Lo chiamano il sogno americano, perché devi essere addormentato per crederci.

Trascrizione del video della durata di 03:14 mn. 

QUANTO SIAMO COGLIONI – George Carlin (VEDERE 2 VOLTE AL GIORNO) 

Nin.Gish.Zid.Da

Nel 2015 sono morti circa 50mila italiani in più rispetto al 2014

 “La mela stregata”

Ricevo dall’Amico Dott. Roberto Slaviero e pubblico questa disamina che tocca tutti i punti salienti dell’effimera vita a cui l’umanità è sottoposta da tempo immemore. Una attenta riflessione di dove si sta dirigendo l’umana esistenza e la china inesorabile volta verso l’abisso. Un calice amaro che non risparmia più nessuno.
Vi ricordate come la Regina strega riesca ad avvelenare Biancaneve, nel famoso film di Walt Disney? Una bellissima mela rossa perfetta, non rugosa ma lineare nella morfologia e nel colore, creata appunto artificialmente nel laboratorio del Castello della strega.

Lo sapete che qualcuno ha comparato il contenuto vitaminico e nutriente di frutta e verdura degli anni 50-60 a quello di oggi, con risultati che i più immagineranno: ovvero, quello che mangiamo oggi, a parte la sequela di sostanze conservanti, erbicide etc, ha un valore nutritivo bassissimo;
contiene più che altro liquidi acquosi con scarsa presenza vitaminica.
Sono frutte diventate un po’ come noi umani alimentati male, cioè gonfi, obesi, non muscolosi e scattanti. Però sono belle da vedere, con quei bei colori che attirano la nostra attenzione e che ci solleticano l’acquolina in bocca.
Come ad esempio quei panini dei fast food, succulenti, quelle foto cosi convincenti, quelle fantastiche salse!

Tanti anni fa un amico mi disse; è incredibile come queste catene dei fast food riescano ad offrire in tutto il pianeta gli stessi prodotti, preparati tutti allo stesso modo. Era l’inizio di questa pianificazione globalizzante delle multinazionali, che volevano appiattire tutto e tutti verso una squallida uniformità di pensiero, di mangiare e di comportamenti.

Tutti vestiti uguali, i giovani con quei jeans sotto il culo, le ragazzine con le scarpe da tennis, il sacro yphone tra le mani giorno e notte, che spesso sostituisce il partner od amici. Ci hanno insegnato a guardare a casa degli altri, con i vari Big Brother televisivi, stimolando la spioneria e la delazione tra le persone; ci hanno insegnato a convivere nei social, per sapere usi, costumi ed abitudini dei nostri amici (farci cioè i..zzi degli altri); ci hanno deliziato di programmi televisivi nei quali i drammi di amore e di gelosia sono all’ordine del giorno; ci hanno bombardato di Tg, anche ogni 30 minuti, nei quali si parla solo di disgrazie, morti, omicidi, diatribe politiche inutili.
E tutto ciò perché?Perché la massa non deve pensare e deve rimanere allo stato di un pensiero di ansia e soggiogamento agli accadimenti del mondo. Ogni tanto qualche allarme di virus che potrebbe distruggere l’umanità, qualche bomba in aeroporti, stazioni e villaggi turistici per distruggere magari anche economie di nazioni (mi viene in mente oggi l’Egitto di Sharm, andate a vedere i flussi turistici degli ultimi anni).

I Media che ci raccontano gli avvenimenti, sono per lo più nelle mani di banche e multinazionali che attuano le politiche nel mondo, per cui non si sa più nulla di quello che accade veramente: vedi Isis e guerra in Siria, per parlare di recenti avvenimenti.
I governi degli Stati, un tempo sovrani, non lo sono più, sono servi e succubi di istituzioni sovranazionali monetarie; ci dicono che dobbiamo diminuire il debito, che tra l’altro la politica ha generato negli anni, che dobbiamo tirare la cinghia per favorire il recupero del Pil. Questa specie di mostro, chiamato Pil, che guarda un po’ fu inventato concettualmente da un tale Simon Kuznets nel 1934 negli Usa, non tiene assolutamente conto del benessere e dei bisogni animici umani, ma parla solo di merci e denaro.Nel Bhutan, piccolo staterello vicino al Tibet, il loro Pil viene calcolato sul benessere delle persone, altro che sulle vendite e sul consumismo sfrenato.
Torniamo alla cara mela rossa, della quale i Fratelli Grimm (nati 1785 e 1786) ce ne hanno raccontato le vicende, raccogliendo fiabe e saghe della tradizione popolare tedesca (Kinder und Hausmärchen und Deutsche Sagen).
Il concetto dell’inganno attraverso le immagini, attraverso la cosiddetta perfezione e bellezza della mela rossa, è sempre esistito, fa parte della tradizione umana; trattasi di una mancanza di ragionamento istintivo primitivo, che salvava spesso l’umano da situazioni di pericolo, che viene sostituito invece da un modo di essere e pensare insegnato agli uomini, dalle caste di comando.

Guardiamo ad esempio i religiosi di alto grado, i monarchi, i capitani di industria, i famosi delle copertine giornalistiche di pettegolezzi come sono forzosamente vestiti, come facciano capire di chi è il potere:  si crea cosi il pensiero ai sottoposti, ai normali umani, schiavi lavoratori del sistema, che magari un giorno anche il più pezzente tra loro, potrà diventare ricco e famoso, cosi tutti stanno buoni sognando di diventare principi. è come giocare al lotto!

Chi vincerà il milione?

uno solo, però nel frattempo tutti giocano e perdono soldi! Il sistema di controllo e di comando, la cosiddetta élite, si diverte e ride di questi stupidi omuncoli cosi facili da depredare, cosi facili da controllare.

Guarda che bello il Castello mamma! è si figlio mio, la vive il Re e noi dobbiamo riverirlo e servirlo, noi siamo i suoi sudditi! Software di pensieri installatici sin dalla prima infanzia nelle scuole, nel catechismo, nelle famiglie etc. Al tempo degli Dei greci, dei mitici 12 Dei dell’Olimpo, gli uomini venivano utilizzati nelle guerre che loro stessi creavano. Nei racconti sumeri, antecedenti di oltre 1000 anni alle vicende della Grecia antica, le cose erano le stesse. Tali antichi personaggi, che poi la Bibbia ebraica ha riproposto e rinarrato, si facevano la guerra, magari per la famigerata “terra promessa” utilizzando gli stupidi omuncoli.

Non avrete altro Dio all’infuori di me!
Quanti Dei c’erano allora, poiché uno d’essi abbia dovuto alzare i toni cosi! Come vedete, la storia purtroppo non cambia, perché molto probabilmente nella nostra evoluzione genetica corporea, ci sono stati “installati” dei sistemi di controllo che limitano od annullano la nostra fiammella stellare divina, che si appropria momentaneamente del corpo donatoci dalla genetica, in questa avventura terrestre.

Il gioco vero della vita è vedere se e come, qualche anima si accorga dell’inganno a cui siamo sottoposti e cerchi di riappropriarsi della propria autonomia ed indipendenza.

In effetti, c’ è un certo risveglio nel pianeta e i nostri controllori sono seriamente preoccupati e cercano di accelerare sul pedale, per arrivare ad un certo tipo di cippaggio, come per i cani, effettuato però più furbescamente; con tecnologie che passano attraverso i nuovi sistemi software telefonici robotici, i nostri nuovi amici del cuore, che noi teniamo strettamente in mano o che possiamo allacciarci al braccio come il vecchio orologio. Oppure usando le nanotecnologie, possono disperdere nell’ambiente microchips, che poi l’ignaro omuncolo magari assorbe con cibo od acqua.
I controllori si divertono a far pensare alle frange religiose più estremiste al numero della bestia, il 666, e alle profezie che chi non avrà un certo segno, non potrà fare più certe cose.

Certo che vogliono far sparire il contante, per farci usare solo schede magnetiche; quando avranno il controllo totale del pianeta diranno, chi non ha la carta di credito morirà di fame perché si acquista solo elettronicamente, cosi le banche potranno rubare più soldi di commissioni! E questa non è fantascienza e vi prego di non deridere l’autore del presente racconto, cioè il sottoscritto.

Nel frattempo il popolo italico (aprile 2016) sta discutendo se a Roma o Milano alle amministrative vinceranno il Pd o la destra o i 5S. Nessuno ha parlato, riunendo in seduta plenaria permanente il Parlamento della Repubblica italiana, sul fatto che nel 2015 sono morti circa 50mila italiani in più rispetto al 2014, con una crescita di oltre il 10% rispetto all’anno precedente, con tassi di mortalità uguali al 1943, nella seconda guerra mondiale!
AVETE COMPRESO!Non stiamo parlando delle tragedie di amore e gelosie delle trasmissioni dalla Rai ok!
Cosa stanno facendo i deputati e senatori? Cosa stanno facendo il Presidente di Repubblica e Governo? Stanno pensando ad invadere la Libia dopo aver fatto uccidere sommariamente Geddafi? Stanno pensando a cosa dirà il paparino della Commissione Europea, se non tagliamo ulteriormente le spese del Welfare, in modo tale che gli straccioni saranno sempre più straccioni e moriranno prima, quindi meno pensioni da pagare; ahi, che sollievo per le nostre casse, cosi duramente provate dal ladrocinio continuato di nostri politici ed amministratori!

Dai che finalmente ci riusciamo a privatizzare tutto, compresa la Sanità e cosi finalmente i grandi gruppi bancari ed assicurativi aumenteranno la loro obesità finanziaria, potranno fare come Paperon dei Paperoni e gettarsi a nuotare nell’oro! Che ce ne frega se i nostri cieli fanno schifo, ma guarda quei cretini complottisti delle scie chimiche! Che ce ne frega se il nostro mare e migliaia di discariche sono impestate di radioattività!

Ma insomma, fate internare questi cittadini che fastidiosamente denunciano tali cose! Ma chi si credono di essere, sono stupidi omuncoli che devono pensare solo a lavoro e debito; facciamo in modo, dai siamo buoni, che almeno una volta al mese possano mangiarsi la pizza tutti insieme e mi raccomando: guardate, che nell’Aldilà i poveri saranno i primi, ricordatevelo e quindi è giusto per voi, anime pie, soffrire in questo mondo che appartiene a noi: noi siamo qui da molto più tempo di voi, stupidi schiavetti che scendete dalle stelle e che solo per qualche decennio abitate la materia! Avete voluto provare l’avventura terrestre sul pianeta Terra? queste son le regole ok!
Voi siete il nostro nutrimento attraverso i sentimenti di rabbia, odio, gelosia, superbia, narcisismo. Qualcuno di voi parla di amore, ma siete impazziti, amore che?? ahh ok…, amore nel senso di sesso, beh vabbè, a noi piacciono soprattutto le creature innocenti, i piccoli!

Qualcuno si è addirittura scandalizzato poiché spariscono nel mondo migliaia e migliaia di orfani: adesso per fortuna, coi migranti disperati, abbiamo vita più facile almeno in Europa, poiché è difficile censirli tutti. Vi sono addirittura avvocati che hanno denunciato la Chiesa anglicana e cattolica poiché in Canada ad esempio, si sono perse le tracce di migliaia di bambini orfani affidati alle loro cure! Ma è scandaloso tutto questo, ma il Sapiens è impazzito, il software installatogli è difettoso? Forse è meglio che questo omuncolo venga di nuovo spazzato via da un altro diluvio, ci hanno proprio rotto!

Loro sono nostri schiavi e basta e come diceva un nostro Dio: il primogenito maschio di tutte le specie appartiene a me! Insomma, Sapiens Sapiens, rientra nello schema prima che veramente ci incazziamo!
CONTINUATE A MANGIARE LA MELA STREGATA
 
Per gentile concessione dell’Amico Dottor Roberto Slaviero

Gli obbedienti “Media Mainstream”

MAINSTREAM-MEDIA

“C’è stato un tempo in questo paese, quando i media mainstream erano abbastanza indipendenti per dire la verità alle persone a prescindere dalle cose che non piacciono. I quotidiani hanno preso il comando, ma anche radio e televisione avevano il dovere e l’obbligo di segnalare una notizia sacrosanta e indipendente, libera da qualsiasi necessità di essere divertente o redditizia. Quei tempi sono ormai lontani.” Questo articolo è di cinque anni fa e, l’informazione non è cambiata per nulla, anzi, è mendace-mente peggiorata. Anche nel web le cose non vanno meglio.

Il crollo dei media mainstream

 di P. Schneider – traduzione di Anticorpi.info
www.anticorpi.info/2016/01/il-crollo-dei-media-mainstream.html

MainstreamE’ in corso già da qualche tempo una diffusa presa di coscienza nei confronti dell’informazione, ed i media mainstream appaiono sempre più palesemente per ciò che sono: squallide macchine di propaganda controllate da governi, banche e multinazionali. Sempre più spesso le persone preferiscono informarsi attraverso voci alternative, e di conseguenza l’influenza dei ‘vecchi’ media va sgretolandosi a vista d’occhio.

Di seguito vado ad elencare alcuni eloquenti sintomi positivi di questo collasso:

  1. Le persone ora sanno che l’intero complesso dei media mainstream è di proprietà di una manciata di multinazionali.
    La favola della pluralità è crollata, e adesso non è più un segreto che quasi tutto ciò che vediamo, leggiamo ed udiamo attraverso i media mainstream sia un messaggio diffuso a miliardi di persone da appena una manciata di mega-società. Grazie ai media alternativi è ormai noto il dato che appena 6 società controllino il 90% dei vecchi mezzi di comunicazione di massa. La ‘assemblea’ di queste 6 società ha la facoltà ed il potere di concordare decisioni importanti e – attraverso un sistema di controllo piramidale – stabilire di escludere dalla programmazione storie o punti di vista alternativi. La gente ormai lo ha capito, e di conseguenza sta avendo luogo una diffusa migrazione di massa verso i media alternativi.

Fox ha smesso di comunicare l’audience in tempo reale.

  1. Fox News, società controllata dalla News Corp di Rupert Murdoch, ha appena annunciato che cesserà di comunicare i dati d’ascolto in tempo reale. La motivazione ufficiale è che quel genere di dati così nel dettaglio siano fuorvianti, ma molti hanno sospettato che questa mossa voglia nascondere il calo degli ascolti. Fox comunicherà i dati su base settimanale, così che anche risultati modesti appaiano di tutto rispetto.

Il 98% dei giovani adulti ora non si fida dei media mainstream.

  1. Un recente sondaggio a cura dell’Istituto di Politica di Harvard su un campione di oltre 3.000 individui tra i 18 ed i 29 anni di età, ha registrato che appena il  2% dei giovani adulti ritiene che i media mainstream siano in buona fede su base regolare. Il 10% ritiene che siano in buona fede ‘quasi sempre’, il 49% ritiene che lo siano ‘a volte’, mentre un enorme 39% ritiene che i media mainstream siano in malafede su base regolare.

I media mainstream sono schiavi delle multinazionali ed i telespettatori ora lo sanno.

  1. Il documentario The Corporation raccoglie il resoconto di due giornalisti che lavoravano per Fox News verso la metà degli anni ’90. Produssero un’inchiesta sulle “implicazioni per la salute umana” della somministrazione di ormone della crescita nei bovini usati per la produzione industriale di latte:
    “Con la storia della Monsanto ho compreso come stessero realmente le cose”, ha raccontato la giornalista Jane Akre. Prima che la storia andasse in onda in redazione fu recapitata una lettera da parte della Monsanto, la quale minacciava che una eventuale messa in onda avrebbe avuto “conseguenze disastrose per Fox News.”

Il direttore generale di Fox Florida li convocò ed impose loro che la storia fosse modificata. “La notizia è ciò che noi decidiamo che sia una notizia … se rifiutate di presentare questa inchiesta nel modo che noi riteniamo opportuno, sarete licenziati per insubordinazione.” (sfida)
A giudicare dall’enorme quantità di adesioni alla manifestazione Marzo Contro la Monsanto sembra proprio che la voce dei media mainstream abbia perso molto del vecchio ascendente sulle opinioni della gente.

I media mainstream mentono in modo così evidente che quasi nessuno più presta loro il peso che avevano un tempo.

  1. Una recente analisi condotta da PunditFact ha dimostrato come oltre la metà delle dichiarazioni trasmesse da Fox News siano false. Ora, tutto considerato questo dato non sorprende troppo. Ciò che dovrebbe farlo è che il dato sulle dichiarazioni trasmesse da NBC / MSNBC si attesta al 46% tra “Per lo più false” e “Del tutto false.” CNN e ABC sono valutate lievemente meglio.
  1. Le voci indipendenti hanno più successo che mai.
    Il dato positivo che emerge da tutto ciò è molto semplice: le persone si stanno riprendendo da questa follia. I media mainstream non riescono più a controllare ‘la storia’ come facevano una volta, perché i nuovi media prendono la palla al balzo e diffondono le versioni alternative tradizionalmente oscurate.
    I media alternativi stanno avanzando a passi enormi, talmente inarrestabili che adesso i media più anziani si rifanno (o copiano del tutto – ndt) sempre più spesso le voci e le storie alternative reperibili sui nuovi media. Fino a quando le voci indipendenti continueranno a muoversi, nulla potrà fermare l’avanzata della verità. (integrazione in calce – ndt)

Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito Waking Times

Link diretto:
http://www.wakingtimes.com/2015/12/05/6-positive-signs-that-mainstream-media-is-collapsing/

Integrazione a cura di questo blog.

2.b In Italia scricchiolano i Talk Show ‘politici’ ed i Telegiornali della sera.
Ha avuto un certo clamore, verso la fine dello scorso settembre, la critica mossa dal Presidente del Consiglio ai talk show politici del martedì sera, a causa dei risultati d’ascolto in netto calo. Non del tutto chiari i motivi per cui il Premier abbia così a cuore gli ascolti dei talk show politici.

“Il premier Matteo Renzi carica a testa bassa contro Giovanni Floris e Massimo Giannini. Il segretario del Pd nel suo intervento alla Direzione del partito torna ad attaccare i talk show. E lo fa senza nominare mai i due conduttori, ma il riferimento è chiaro: “Se i talk show del martedì fanno meno della replica numero 107 di Rambo dobbiamo riflettere.”

Interessante notare come circa 15 giorni dopo le esternazioni di Renzi, Auditel abbia deciso di sospendere la comunicazione dei dati d’ascolto e procedere alla sostituzione del ‘panel di riferimento.’ Per i non esperti, il ‘panel di riferimento’ è il campione di famiglie da cui la società di rilevazione ricava i dati statistici sugli ascolti.

“Stop alla diffusione dei dati di ascolto per due settimane da domani. Questa la decisione del cda di Auditel, svoltosi in mattinata, dopo la divulgazione di alcuni nomi del panel. Secondo quanto riporta l’Ansa, la società continuerà nella rilevazione dati, ma i risultati verranno riservati solo alle emittenti. Nei prossimi mesi verrà sostituito l’attuale campione, proseguendo contemporaneamente nel processo di allargamento del numero di famiglie fino ad arrivare un totale di 15.600. Dalla società di rilevazione fanno inoltre sapere che questo periodo verrà utilizzato per approfondire con il proprio comitato tecnico tutti gli aspetti metodologici con “un’accurata serie di verifiche a tutela dell’impegno di trasparenza e affidabilità.”

Altrettanto interessante è l’elaborazione dei dati Auditel prospettata da DataMediaHub circa il trend ufficiale dell’audience fatto registrare dai telegiornali serali dal 2005 al 2014. Il grafico parla chiaro; in campo economico per simili risultati si va in bancarotta.

2.c Digitale + Auditel: abbinamento che oggi ha senso come l’accoppiata PC + Calcolatrice.
L’Auditel è un antiquato sistema di rilevamento statistico applicato ad un piccolo insieme di persone ben consapevoli del loro ruolo, ed in quanto tale denota un conclamato vizio originario: Se studi un ristretto sistema sociale composto da individui consapevoli del tuo studio, automaticamente lo stai alterando. Lo stesso discorso vale in etologia.

Bisogna considerare che nel tempo della tanto strombazzata ‘rivoluzione digitale’ sarebbe un gioco da ragazzi computare e rivelare in tempo reale le percentuali esatte di audience televisiva di un’intera nazione attraverso un semplice meccanismo di rilevazione ed una informativa sulla privacy da sottoporre ad ogni utente televisivo, simile alle condizioni (spesso molto più invasive) che qualsiasi utente di smartphone accetta per scaricare un’applicazione.

Tutto ciò solleva ulteriori perplessità. Ci si chiede – infatti – come mai le aziende che pagano fior di quattrini per pubblicizzare i loro marchi attraverso le più seguite trasmissioni televisive, continuino ad accettare che l’audience sia rilevata su un campione intrinsecamente inattendibile, e poi comunicato in differita, quando esistono i mezzi per rilevare i dati integralmente e renderli pubblici in tempo reale.

4.b I media mainstream sono schiavi dei servizi segreti, ed i telespettatori ora lo sanno.
Udo Ulfkotte, giornalista tedesco ed ex editore del quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung, si è riconciliato con se stesso confessando in un libro bomba – naturalmente inedito in Italia – come la CIA corrompa e soggioghi i media americani ed europei affinché eseguano ordini del giorno propagandistici pro USA ed UE.

“Udo Ulfkotte confessa di essere stato per 17 anni nient’altro che una marionetta nelle mani degli USA, di essere stato manipolato dalla CIA. Racconta di aver ottenuto servigi su servigi, piaceri, abbondanti ricompense e premi per aver deciso di scrivere a favore degli Stati Uniti. Sono 321 i nomi di tedeschi che portano avanti una propaganda filo statunitense. Ovviamente anche giornalisti di altri Paesi Europei sono coinvolti in questo scandalo, soprattutto inglesi e italiani. Ulfkotte paragona il sistema, marcio e corrotto, a una tela di ragno. Mette in tavola cifre: un giornalista italiano può ricevere anche 20000 dollari per schierarsi dalla loro parte.(…) Se avesse scritto a favore della Cina, della Russia o di qualunque altra nazione nemica del suo padrone, sarebbe stato tagliato fuori dal mondo giornalistico.”

5.b I media mainstream mentono in modo così evidente da ispirare vere e proprie odi di disprezzo.

 6.b Editoria in agonia.
Alla crescita esponenziale del seguito ottenuto delle voci indipendenti è corrisposto un crollo verticale nel campo dell’editoria, sia in Italia con Mondadori, Rcs e Sole 24Ore in grave crisi, che praticamente in tutti i paesi del blocco globalizzato.

Conclusione: non ricascarci.
Occorre imparare dagli errori commessi, e smettere di riporre piena fiducia nell’informazione, sia essa mainstream o alternativa. Il web non è la Voce della Verità, come non lo sono mai stati giornali e televisione. Un tempo la TV era più attendibile, ma non appena conquistò la fiducia della gente fu sfruttata per diffondere disinformazione e manipolare le emozioni degli utenti. Anche il web lentamente, progressivamente, sta cambiando, purtroppo non in meglio. Attenzione.

FONTE