Archivi tag: medici

anticorpi anti-anticorpi

In figura un mio breve schema dell’evoluzione storica della medicina scientifica, con alcuni importanti personaggi e i concetti-chiave.

Pillole di storia della medicina

Pubblicato anche sul blog “Disinformazione
 
Ai miei tempi l’immunologia non esisteva. Dico ai miei tempi intendendo quando studiavo medicina, anni ‘70. Ora sono appena andato in pensione (come docente, mentre continuo a fare ricerca in università). Quando mi sono iscritto all’Università di Trieste, nessuno insegnava Immunologia, la disciplina proprio non esisteva.
 
L’anno in cui mi sono laureato (1976) in alcune università cominciavano a dare i corsi. Cosa è successo? I sistemi di difesa dalle malattie, fino ad allora, erano di competenza della Patologia Generale (la “MIA” materia), quella disciplina che per vocazione indaga le cause e i meccanismi delle malattie e delle reazioni ad esse.
 
Poi, alcuni patologi generali hanno capito che antigeni, anticorpi e linfociti erano un argomento “emergente” e vi ci sono buttati a tuffo, sviluppando una nuova branca, che presto si è resa autonoma. Come si sa, l’università genera cattedre ed è sempre in evoluzione. Nulla di male, anzi. Ma quello che qui interessa è il “successo” dell’Immunologia e il contemporaneo “declino” della Patologia generale.
 
Quest’ultimo presto si spiega: la Patologia Generale è una materia difficilissima perché ha a che fare con la complessità dell’organismo visto come un “sistema” ed è costretta, però, ad un approccio sperimentale riduzionista e per questo dedicato ai dettagli.
 
Altrimenti non si pubblica e non si fa carriera, visto che ai concorsi “pesano” più il numero dei lavori fatti che la qualità (tirando un velo pietoso sugli altri “requisiti” necessari per vincere un concorso universitario).
 
Mangiata la foglia, i patologi si sono buttati a gruppi in settori molto più applicativi e quindi remunerativi in termini di pubblicazioni e di cattedre: oncologia, patologia molecolare, tossicologia, patologia clinica o, appunto, immunologia.
 
L’Immunologia era nata in realtà alla fine del Settecento con gli esperimenti di Jenner (in Cina molto prima!), ma era rimasta come “prassi” piuttosto che come “scienza” finché la chimica del Novecento non consentì di scoprire gli “Anticorpi”.

Ecco il primo grande successo mediatico: trovare un bel nome per un nuovo meccanismo. Un nome facile da capire e da diffondere. E un nemico da combattere: gli “Antigeni”.
 
Nel successo di una teoria medica, come in quello di un prodotto commerciale, pesa moltissimo l’immagine che ne viene fornita. Poco conta se la teoria sta in piedi o il prodotto vale, quel che conta è l’immagine. Gli “anticorpi” erano diventate le armi del nostro corpo che ci proteggono dal “nemico”, il batterio o il virus.
 
Poco conta che lo stesso Pasteur aveva messo in guardia: “il microbo è molto, ma il terreno è tutto”: tale concetto ovvio a dirsi era difficilissimo da mettere in pratica dai patologi. Costoro, come me, si sono dedicati a studiare i meccanismi di base con cui i leucociti uccidono i microbi, ma è veramente un settore poco… remunerativo! Meglio prendersela col microbo, anche con l’aiuto delle case farmaceutiche molto “prolifiche”.
 
Qualche successo pratico ovviamente ci voleva ed era facilmente dimostrabile con antibiotici e, in immunologia, con i sieri e i vaccini.
 
Poi sono venuti i “Linfociti killer”, le “Citochine”, le “Allergie” e via dicendo. Tutti campi in cui l’Immunologia ha guadagnato la sua grande popolarità e la sua fetta di “consumatori”. Tutte parole magiche che spiegavano e divulgavano il verbo della altrimenti arcana scienza moderna. Come non credere che se troviamo il mezzo di aumentare gli anticorpi saremo protetti da tutte le malattie? 
 
Certo, molti problemi clinici, se non tutti, coinvolgono il sistema immunitario e quindi la figura dell’immunologo o allergologo diventa preziosa (anche se “stretta” da altre figure specialistiche come il laboratorista, il dermatologo, il reumatologo ecc…).
 
Per restare sui vaccini, argomento della attualità, il campo si è dimostrato talmente appetibile da attrarre persino figure di scienziati diverse, che prima non se ne erano mai occupate, come i… virologi!
 
Questi avrebbero dovuto occuparsi dei fatti loro (capire i virus e le loro caratteristiche positive e negative nella evoluzione umana) ma a stare solo nei laboratori è faticoso e, a meno che non si faccia il bingo di una nuova grande scoperta da Nobel (esempio l’HIV), non si ricava molto.
 
Quindi i vaccini sono il nuovo business degli immunologi, dei virologi e della farmacologia (il servizio regionale di sorveglianza del Veneto è gestito da immunologi e farmacologi).
 
I poveri medici di base, che fanno un lavoro già di per se difficile, non sono degli scienziati (checché se ne dica) e devono attenersi a quel poco che ricordano dalle lezioni universitarie e “credere” alle società scientifiche che con periodici proclami passano loro il “verbo scientifico”, invero un poco annacquato e semplificato.
 
Purtroppo, o per fortuna, la Natura non si lascia facilmente incanalare negli slogan e nei giochi di parole o di potere. E la Scienza, quella vera, ha sviluppato l’immunologia scoprendo che gli anticorpi non sono così “buoni” come si pensava e che il nostro corpo, proprio per questo, produce SEMPRE degli anticorpi anti-anticorpi, per controllare il pericolo di ogni eccesso!

Poi ha scoperto che non ci sono solo i linfociti “killer” ma ci sono anche quelli “Helper”, “Soppressori” e mille altri tipi diversi che fanno cose diverse. 

 
Poi ha scoperto l’autoimmunità e che buona parte delle malattie del mondo moderno riconoscono come meccanismo patogenetico una eccessiva attivazione del sistema immunitario (e della infiammazione).
 
Poi ha scoperto che gli adiuvanti sono necessari per far funzionare i vaccino ma sono anche usati come benzina sul fuoco in precedenti focolai infiammatori dovuti a molte altre cause.
 
Ma i medici, poveretti, ormai non ci capiscono molto e sono costretti a rivolgersi alla “medicina basata sulle prove di efficacia”; il che significa (semplificando): “se un farmaco funziona statisticamente più di un placebo, inutile chiedersi perché funziona, quello si deve dare” a tutti, pena gravi sanzioni legali. E quindi: giù cortisone, giù antibiotici, giù antivirali, giù anti-TNF, farmaci di “nuova generazione”, che funzionano sempre meglio di quelli vecchi e meno costosi.
 
Guai dubitare della “Scienza”, la quale però timidamente alza la manina e dice: la prova di efficacia su popolazioni omogenee di malati non trova applicazioni facili nella pratica dove le persone sono vere, diverse, e non cavie.
 
Se poi ci si mettono di mezzo gli Ordini dei Medici, che in realtà non hanno alcuna competenza scientifica, a dettar legge e minacciare espulsioni, allora si capisce come i poveri medici siano poco inclini a riprendere criticamente le nozioni di base di immunologia e di farmacologia, così difficili.
 
E poi, i dubbi sono sciolti (anche) dal fatto che medici di medicina generale e pediatri sono specificamente remunerati per l’attività vaccinale e sono controllati dal “sistema sanitario nazionale” che sa esattamente quanti vaccini somministrano. Se ne fanno pochi, rischiano di passare per famigerati anti-vax.
 
A questo punto la storia si complica quando entrano in gioco la politica, la finanza e l’“informazione”: la gente, che paga cospicue tasse, vuole protezione, vuole certezze, vuole sicurezze. Bisogna sfruttare i vaccini! I nostri eroi al potere, ex rottamatori, partono con la campagna per rassicurare che lo stato “c’è” e per salvare posti di lavoro.
 
L’”informazione” viene quindi mobilitata da una parte per instillare paure di epidemie disastrose, dall’altra per far credere che la “Scienza” non sia “democratica” (sic) e che quindi gli oppositori tra la gente, che sospettano istintivamente l’inganno e cominciano a capire cosa ha mosso tutta la manovra (qui mi fermo per non sembrare un complottista), siano dei poveri ignoranti, o… politicamente di destra. Si diffonde, persino negli autogrill, un famoso libro con l’opinione che il vaccino non è un’opinione, altrimenti presentato come l’illuminato parere di un futuro premio Nobel.
 
Si annunciano in TV duecento morti di morbillo in Inghilterra (mai esistiti), i tre poveri morticini italiani da morbillo (contagiati in ospedale, morti non di morbillo ma di altre malattie complicate naturalmente da un’infezione) sono esibiti come trofei ai politici in Senato, pronti a votare secondo ordini di scuderia (in giugno persino si riesuma la notizia di un morto di aprile). Si diffonde la voce che per la pertosse non c’è cura.
 
Si riportano sui mass-media 18.000 (diciottomila) morti di influenza, “nonni” che sarebbero morti perché non si sono vaccinali.
 
Si inventa una nuova parola: il fatidico “gregge”. Parola magica che dovrebbe far capire ancora meglio che chi si rifiuta di vaccinarsi fa il male del popolo. Senza la benché minima prova che la soglia di copertura proclamata (95%) sia valida e applicabile ai 14 vaccini lorenziniani (10 obbligatori e 4 “raccomandati”).
 
Persino Grillo per un po’ viene imbambolato. Ma tant’è: anche se la scienza non è democratica, il gregge deve essere riguardato dai nostri politici democratici.
Si inventano pericoli provenienti dall’immigrazione, quando basterebbe controllare meglio gli immigrati.
 
I medici dubbiosi sono effettivamente minacciati o radiati, i vaccini sono imposti per legge, e chi non si adegua è reietto dalla società di cui la scuola è l’emblema più progredito.
 
I bambini sani non vaccinati sono considerati degli untori, quelli vaccinati che dovrebbero starsene a casa per non infettare gli altri, invece col loro bravo certificato entrano trionfalmente in classe.
 
Il tutto senza uno straccio di prova scientifica che di questi vaccini ci sia veramente bisogno, oggi, in Italia. E che siano efficaci per lo scopo che si propaganda.
 
Questo è un frammento della storia della medicina italiana. Historia magistra vitae. Detto in altri termini: la storia insegna, se ben studiata, ad apprezzare i progressi e non ripetere gli errori.
 
Post scriptum. Ho sempre insegnato anche l’immunologia e che i vaccini sono utili e necessari. Per la cronaca, i dubbi mi sono venuti quando gli Ordini hanno inquisito dei colleghi che avevano perplessità sui vaccini indiscriminati. Allora ho cominciato a ri-studiare l’argomento… 
 

Cacotopia o Distopia vaccinale

_____________________________________________

I tribunali della UE stanno prendendo decisioni bomba contro i produttori di vaccini

di Tracey Watson

(Natural News) A volte, le vittime con lesioni da vaccino possono sembrare un ponte molto alto e in ogni modo invalicabile. I media mainstream insistono sul fatto che i vaccini salvano vite, non hanno effetti collaterali e non possono danneggiarti. La comunità medica continua a sostenere che non vi è alcun modo in cui tuo figlio potrebbe essere stato danneggiato da un vaccino, quando tanti milioni di altri vaccinati non hanno riscontrato problemi. E, almeno negli Stati Uniti, non si può perseguire un produttore di vaccini attraverso il sistema giudiziario regolare per richiedere il risarcimento per il danno fatto dai suoi prodotti.

Beh, sembra che finalmente a volte la marea possa tornare. Il parlamento svedese ha recentemente deciso di non applicare le vaccinazioni obbligatorie dei suoi cittadini, riconoscendo che per farlo sarebbe una palese violazione della Costituzione del paese.

Poi, la scorsa settimana, la più alta corte dell’Unione Europea ha emesso una Innovativa sentenza che infine potrebbe offrire sollievo alle famiglie distrutte da lesioni causate dal vaccino.

Nel 2006, un ricorrente conosciuto solo come “Mr. JW “ha citato in giudizio il gigante farmaceutico Sanofi Pasteur, affermando di aver contratto la sclerosi multipla (MS) come conseguenza diretta di una vaccinazione contro l’epatite B ricevuta alla fine del 1998. La Corte d’Appello francese ha negato l’affermazione del signor JW dichiarando che la scienza non ha dimostrato un nesso causale tra il vaccino hep (epatite) B e M

Il caso è stato poi passato alla Corte di Cassazione della Francia e, infine, portato dinanzi all’Unione Europea. Anche se non specificamente pronunciato sul caso del sig. JW, dopo aver esaminato le prove, la Corte ha decretato che ora i tribunali europei possono considerare i vaccini come una possibile causa di malattia, anche quando non esiste alcuna prova scientifica specifica che collega un certo vaccino a Una condizione di salute specifica. [Connettersi a: Per tutte le notizie straordinarie, assicuratevi di visitare Vaccines.news.]

In parte, il loro governo afferma:

“La ricerca medica non stabilisce né esclude l’esistenza di un legame tra la somministrazione del vaccino e il verificarsi della malattia della vittima, l’esistenza di un nesso causale tra il difetto attribuito al vaccino e il danno subito dalla vittima sarà sempre considerata e stabilita quando viene presentata una certa evidenza fattuale correlata alla causalità”

Il ricorrente in tal caso dovrà fornire “prove specifiche e coerenti” relative al tempo trascorso tra la somministrazione del vaccino e la malattia, la prova di una mancanza di storia della condizioni familiari e la prova di un numero significativo di altri dati relativi ai pazienti che sviluppano la stessa malattia dopo aver ricevuto quel particolare vaccino.

Naturalmente, la sentenza ha trasmesso alcune onde d’urto attraverso i media mainstream, che si affidano a medici come Paul Offit, un esperto del vaccino per le loro informazioni.

La sua risposta alla sentenza?

“Usando questi criteri, si potrebbe ragionevolmente fare il caso che qualcuno dovrebbe essere compensato per lo sviluppo di una leucemia dopo aver mangiato un panino al burro di arachidi. È molto frustrante che la casualità abbia portato ad un livello così basso come un ridicolo bar. … Per dimostrare se la causa di una cosa ne causa un’altra, deve avvenire in un luogo scientifico, e i tribunali non sono un luogo scientifico”. 

L’articolo della CBS News dalla quale viene citata la citazione non fa menzione del brillante conflitto di interesse del dottor Offit: Offit è il titolare del brevetto della vaccinazione RotaTeq, un vaccino che è stato mandato dal CDC e presumibilmente conferisce a Offi milioni di reddito annui. Chiaramente, ha interesse a insistere sul fatto che il maggior numero possibile di persone dovrebbero essere vaccinate.

Il fatto è che la sentenza del tribunale dell’Unione europea non è altro che buon senso. Come sottolinea Juliette Scarfe, avvocato del Regno Unito, “Questo certamente è buon senso. Se sviluppo una malattia debilitativa poco dopo aver ricevuto un vaccino, in capo a tutto ci dovrebbe essere la prova medica. Non importa se la comunità medica accetti o rifiuti l’esistenza di un nesso causale tra la malattia e il vaccino per considerare la mia domanda sul prodotto difettoso”. 

Le fonti includono:  

CBSNews.com  

HealthImpactNews.com  

NaturalNews.com  

TruthWiki.org

http://www.naturalnews.com/

 Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

Link correlati:

Antibiotici e vitamina C

La combinazione di antibiotici e vitamina C è risultata 100 volte più efficace all’uccisione di cellule tumorali rispetto alla chemioterapia

(NaturalNews)

La saggezza convenzionale dice che aumentare l’assunzione di vitamina C può aiutare a prevenire i raffreddori, ma ora gli scienziati ritengono che possa essere un potente strumento in una battaglia molto più grande: la lotta contro il cancro.

Uno studio recentemente pubblicato su Oncotarget ha scoperto che una combinazione di antibiotici e vitamina C potrebbe essere 100 volte più efficace della chemioterapia quando si tratta di uccidere le cellule tumorali in un meccanismo che è essenzialmente un “pugno di due”.

Gli scienziati dell’Università di Salford hanno sottoposto le cellule tumorali ad aumentare le dosi degli antibiotici in questione, la doxicicina, nel corso di tre mesi e hanno seguito questo con la vitamina C, che limita la fonte di energia delle cellule solo a glucosio. La vitamina C inibisce la maggior parte delle capacità delle cellule di produrre energia, lasciandole vive ma deboli. Quando il glucosio viene poi poi tolto, essenzialmente fecero morire le cellule. A differenza delle cellule normali, le cellule staminali del cancro hanno la capacità di produrre energia usando glucosio attraverso diversi percorsi, che è una delle ragioni per cui possono crescere e replicare in modo più efficiente delle cellule normali. Eliminare il glucosio impedisce che queste cellule si proliferino.

Si ritiene che questo metodo potrebbe impedire alle cellule tumorali di sviluppare la resistenza al trattamento e i risultati mostrano come possono essere utilizzate terapie combinate per aiutare a superare la resistenza ai farmaci. La squadra ha anche scoperto una manciata di altri farmaci con il potenziale da utilizzare per il “secondo punzone” dopo gli antibiotici, inclusi farmaci relativamente atossici approvati dalla FDA e prodotti naturali come berberina, un sale che si trova in diverse specie di piante.

A marzo, la stessa università ha scoperto che la vitamina C da sola è ben 10 volte più efficace quando si tratta di fermare la crescita delle cellule tumorali rispetto a farmaci come la 2-DG. Una più sicura alternativa alla chemioterapia

Avere un modo efficace per combattere il cancro è una buona notizia in tutte le circostanze, ma è ancora migliore quando la soluzione comporta qualcosa di non tossico come la vitamina C.

Mentre Big Pharma gli piacerebbe credere che tali trattamenti siano pericolosi e non si ha altra scelta se non acquistare farmaci velenosi da chemioterapia, recenti studi clinici hanno concluso che assumendo regolarmente infusioni a pazienti con cancro al polmone e nel cervello l’assunzione giornaliera di vitamina C è come una sicura strategia ben 1000 volte superiore per migliorare i risultati dei trattamenti standard per il cancro.

Contrari con la chemioterapia, la radioterapia e le droghe contro il cancro, che portano con sé la propria serie di rischi. Secondo il Pharma Death Clock, la chemioterapia ha ucciso più di 17 milioni di persone negli Stati Uniti dal 2000. Inoltre, i tipi di cancro aggressivi non sempre rispondono a questi trattamenti

Ciò significa che i pazienti affetti da tumore devono fare una battaglia in salita e devono accettare molti rischi quando optano per trattamenti convenzionali, ma molti ritengono di non avere altra e poca scelta. Se gli sforzi degli scienziati dell’Università di Salford conducono allo sviluppo di un trattamento più sicuro e più efficace, potrebbe risparmiare innumerevoli vite e risparmiare questi pazienti e le loro famiglie dall’angoscia emotiva che può accompagnare il cancro.

Mentre le dosi di vitamina C utilizzate in questi trattamenti sono molto più elevate di quanto si possa ottenere dalla vostra dieta, ci sono ancora molti vantaggi per aumentare l’assunzione di questa sostanza nutritiva, anche se non si ha il cancro. In realtà, può aiutare a ridurre il rischio di ottenere alcuni tumori, come il cancro al polmone, in primo luogo, ed è stato anche trovato per aiutare a prevenire gli attacchi di cuore e ridurre il rischio di ictus. Trovato naturalmente negli alimenti come le arance, i peperoni rossi, i broccoli, i germogli di Bruxelles e il cavolo, la vitamina C è una vera e propria potenza che potrebbe offrire una soluzione per alcune delle più grandi sfide che oggi affrontano il mondo medico.

Trova ulteriori notizie sulle scoperte mediche a Discoveries.news.

fonti:

DailyMail.co.uk

ScienceDaily.com

ScienceDaily.com

NaturalNews.com

NHS.uk

Fonte: http://www.naturalnews.com/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Per ragioni di cronaca e precisazioni:

Niente chemio per curare il linfoma l’Ordine radia medico di famiglia
Padova, massima sanzione per Rossaro.
Lui: «Siamo al Medioevo della scienza»

La percezione della realtà

Modi di manipolazione della élite globalizzata
Percezione della realtà

by Kalee Brown
March 07, 2017
from Collective-Evolution Website

1. marketing di massa

Ora in Nord America è praticamente impossibile sfuggire agli annunci di marketing di massa.

Anche se si vive in una zona rurale, alla fine sei destinato a incontrare l’insegna del gigante McDonald. Ci è stato detto che cosa mangiare, quali vestiti indossare, e anche quali farmaci prendere attraverso la pubblicità! Anche se è illegale per Big Pharma pubblicizzare farmaci in altri paesi, è completamente legale in Nord America.

Gli annunci sono spesso fuorvianti, sopravvalutando i benefici e omettendo completamente i rischi o potenziali effetti collaterali (o semplicemente mettendoli in minuscole diciture illeggibili).

La FDA ha fatto un passo in più, inviando alle aziende farmaceutiche lettere di avvertimento o addirittura a costringerle ad adottare i loro annunci, annunci falsi e forvianti, aumentando così gli effetti dei loro farmaci (fonte). Che si tratti di una pubblicità per farmaci contro il cancro, farmaci da banco, o anche un annuncio mirato a genitori per i loro figli per le pillole ADHD, sono spesso una forma di pubblicità ingannevole.

Perché tutti pensiamo di possedere le stesse cose? Tutti vogliono il nuovo iPhone, l’ultimo paio di Nike, e altro ancora. Viviamo in un mondo consumistico, un fatto che è diventato così palesemente evidente che gli adolescenti del Nord America (e anche qui in Europa – corsivo mio) stanno cominciando a guardarsi come cloni l’un l’altro.

Ciò solleva la questione: 

Quanto di quello che ti piace indossare o mangiare è in realtà perché ti piace, e quanto ti piace, perché ti è stato indotto a piacerti?

2. La definizione delle norme sociali

Dopo il diploma di scuola superiore, la società ci incoraggia ad andare all’università, ottenere un costante lavoro, sposarsi, comprare una casa, avere dei figli, e a risparmiare un sacco di soldi per la pensione. Se questi obiettivi veicolati della società non vengono espletati, saremo ritenuti dei falliti infruttuosi.

Decidiamo di sposarci ancora prima di aver incontrato la persona giusta e conseguentemente vogliamo e pretendiamo di avere figli quando non sappiamo nemmeno cosa noi stessi siamo ancora. In realtà, la gente sembra essere più preoccupata a realizzare questi obiettivi piuttosto di godersi la vita e vivere il momento in cui si manifesta.

Chi è che ha creato questa linea sociale-temporale e perché si sente il bisogno di seguirla?

Sposati o single, gay o etero, ricco o povero – queste norme hanno creato le etichette che usiamo per differenziarci l’un dall’altro. Cominciamo a identificarci con loro, legandoci a “chi siamo”, quando la risposta a questa domanda non può essere spiegata da queste illusioni fisiche.

L’élite ha sostanzialmente costretto la società alla Sindrome di Stoccolma; siamo così coinvolti in queste norme che nemmeno ce ne rendiamo conto siamo intrappolati e imprigionati da loro, e iniziamo ad amarli. Nel momento in cui qualcun altro devia dalla norma, lo consideriamo “pazzo”, quando in realtà si è appena svegliato!

Tutti gli annunci dei sistemi in atto ci incoraggiano a proseguire su questa strada e a idolatrarli. Non fraintendetemi – non c’è niente di sbagliato con l’andare a scuola, sposarsi, avere figli, e lavorare molto.

Se si è felici e completamente connessi a se stessi e all’ambiente circostante, allora è chiaro che questo funziona per voi. Ma i tassi di divorzio e di suicidio crescenti suggeriscono che forse queste pressioni sociali non funzionano per tutti.

3. La classificazione delle informazioni e il mantenimento dei segreti

L’élite è molto abile nel tenerci al buio, soprattutto perché molte persone non sono al corrente di quello che sono “l’elite” (o il governo ombra). Documenti su documenti sono conservati e classificati, in particolare gli file UFO e i bilanci dei programmi neri.

Alcuni anni fa, Edward Snowden, un ex appaltatore dell’intelligence, ha fatto trapelare la prima documentazione comprovante l’esistenza operativa di bilanci neri (1) (programmi che sono estremamente classificati riguardanti la tecnologia, le informazioni, e altro ancora).

Nell’anno fiscale 2013, un esborso di $ 52,6 miliardi sono stati accantonati per operazioni di bilancio neri. Tenete a mente che questo è solo una parte del numero riportato; alcune evidenze suggeriscono che questo numero è molto più alto.

Ad esempio, l’ex ministro della difesa nazionale del Canada, Paul Hellyer, ha detto nel corso del 2008:

E’ ironico pensare che gli Stati Uniti stiano per iniziare una guerra devastante solo per la presunta ricerca di armi di distruzione di massa, quando gli sviluppi più preoccupanti in questo campo si stanno verificando nel loro giardino.

E’ ironico pensare che gli Stati Uniti debbano combattere guerre mostruosamente costose con la presunzione di portare la democrazia in quei paesi, quando essa stessa non può più pretendere di essere chiamata una democrazia, quando migliaia di miliardi, e voglio dire migliaia di miliardi di dollari sono stati spesi per progetti che entrambi Congresso e il comandante in capo hanno stabilito. (2) Questi progetti sono quelli che vengono effettuati attraverso il bilancio nero. Ci sono altri programmi di governo progettati per mantenere le invenzioni e le informazioni all’oscuro, come l’Invention Secrecy Act.

Anche la scienza non può essere sempre attendibile quando le informazioni alla fonte vengono falsificate, così come un enorme 50% della letteratura scientifica è stimata essere falsa.

E questo non è solo legato ai casuali studi scientifici; questo include articoli di valutazione reciproca e studi governativi. Ad esempio, l’informatore del CDC Dr. William Thompson ha chiesto scusa pubblicamente per la falsificazione sulla ricerca, gran parte della quale è stato considerata “pro-vaccino.”

Anni dopo, è uscito ammettendo quello che aveva fatto, e confermando che il collegamento vaccino-autismo è molto reale. 

4. Istruzione 

Il moderno sistema di istruzione è pieno di propaganda che avvantaggia solo l’élite.

Per esempio, molte persone crescono pensando che il Nord America sia stato fondato dagli inglesi. In realtà, quando gli europei si sono impossessati dell’America, ha rappresentato forse il più grande genocidio della storia. L’antropologo e etnostorico americano Henry F. Dobyns stima che oltre 100 milioni di persone abitavano nelle Americhe prima dell’arrivo degli europei (fonte). Altri studiosi hanno stimato che il numero sia stato superiore a partire da 10 milioni.

Ad esempio, William M. Denovan, Professore Emerito di Geografia presso l’Università del Wisconsin-Madison, ritiene che ci siano stati circa 54 milioni di abitanti (fonte).

Non c’è da meravigliarsi che così tante persone sentano il bisogno di proseguire gli studi oltre la scuola superiore, dal momento che in realtà non apprenderebbero altrimenti competenze preziose.

Ai bambini viene insegnato a seguire l’autorità, conformarsi, e memorizzare le informazioni in contrasto con il pensiero e la primaria realtà.

Il video seguente illustra il problema con l’istruzione moderna:

Un altro esempio è l’educazione fornita alla facoltà di medicina.

Ai medici non vengono insegnate i vari tipi di misure preventive a malapena sono informati sulla corretta alimentazione.

I Rockefeller, che dominano i mercati farmaceutici, hanno effettivamente contribuito a disegnare il curriculum della scuola medica, non a migliorarla, ma piuttosto per spingere l’uso di più farmaci al fine di aumentare i loro profitti.

Le aziende farmaceutiche, piuttosto che riferirsi a medici qualificati e imparziali, divulgano un sacco di informazioni che vengono insegnate all’MD, e Big Pharma che spesso influenzano professori medici e fondi programmati per universitari.

Ad esempio, 1.600 professori di Harvard hanno dichiarato che essi o un membro della famiglia ha legami con le aziende farmaceutiche che potrebbero pregiudicare i loro insegnamenti e la ricerca.

L’industria farmaceutica ha donato più di $ 11,5 milioni di Harvard nel 2008 per,

“classi di ricerca e di formazione continua.”

Molti studenti di Harvard hanno espresso preoccupazione per questo ed ha anche fatto notizia corrente quando uno studente è stato sminuito dal suo professore per aver chiesto circa gli effetti collaterali di un farmaco che illegittimamente il professore lo stava promuovendo in classe.

Questo è stato anche un problema diffuso all’interno della psichiatria.

Come il dottor Irwin Savodnik di UCLA, spiega,

“Lo stesso vocabolario della psichiatria è ora definito a tutti i livelli da parte dell’industria farmaceutica.”

Questo è in parte il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), perché è il maggior testo diagnostico di riferimento in uso da parte degli psichiatri negli Stati Uniti per curare i loro pazienti, fortemente sbilanciato verso l’uso di droghe farmaceutiche, invece di terapia.

5. notizie false 

Non è un segreto che la media dei mainstream di controllo d’élite (MSM).

Abbiano orchestrato l’evento 9/11, dove è stato segnalato come un “attacco terroristico”, per coprire i dati elettorali falsificati, e per noi ad essere alimentati con propaganda a tutti i livelli, in particolare quando si tratta di guerra. Se si da uno sguardo solo ai MSM, è probabile farsi un’idea di quello che sta realmente accadendo in Siria, con la Russia, o per quanto riguarda qualsiasi conflitto di guerra in terra straniera.

La Operation MOCKINGBIRD della CIA è il programma di governo con riferimento al suo interesse e le relazioni con l’MSM.

Il MOCKINGBIRD derivava dal precursore della CIA, l’Ufficio per i Servizi Strategici (OSS, 1942-1947), che, durante la seconda guerra mondiale, ha creato un rapporto di lavoro con giornalisti ed esperti di guerra psicologica che operano principalmente nel teatro europeo.
Questo segmento in diretta di sabato notte censurato riassume perfettamente come l’MSM è controllato e gestito dalla Élite:

6. Industria & Intrattenimento
Molto di ciò che compriamo, come ci sentiamo, e ciò che ha valore è determinato dal settore dello spettacolo.

La società tende a idolatrare celebrità, osservando ogni loro mossa sul reality show televisivi e nelle riviste consentendo loro di ispirare le nostre scelte, in particolare le nostre abitudini di acquisto.

C’è un sacco di strano simbolismo occulto nella élite, si trovano in video musicali e film, che, se siete interessati, li potete leggere su Vigilant Citizen.

E’ stato anche ipotizzato che il Monarch Mind Control, sia un’estensione del programma governativo MK Ultra, ed è stato utilizzato da Hollywood (leggi il nostro articolo CE qui).

Non molte persone sono al corrente che, la CIA ha un intero dipartimento dedicato al mondo dello spettacolo.

È gestito attraverso la Entertainment Industry Liaison Office della CIA, che collabora in qualità di consulente con i registi. La CIA non si limita a offrire una guida per i registi, offre anche il denaro.

Nel 1950, l’agenzia ha acquistato i diritti per La fattoria degli animali di George Orwell e quindi finanziato nel 1954 la versione animata britannica del film. Si dice che il suo coinvolgimento ha avuto una lunga durata, ma solo negli ultimi dieci anni quelle voci sono state motivate.

Il legame tra Hollywood e la CIA non è qualcosa di nuovo.

7. Gli alimenti

Una innumerevole quantità di persone non indugia sul consumo in alimenti che sono terribili per i nostri corpi e che hanno una bassa frequenza. Il cibo è stato progettato per eccitarci; dovremmo averne un beneficio sulla nostra salute, non tagliare gli anni della nostra vita.

Ciò solleva la questione:

Stiamo mangiando alimenti che sono malsani perché ci piace il gusto o perché siamo stati manipolati in questo modo?

Siamo circondati da pubblicità di prodotti alimentari (la maggior parte dei quali è terribile per noi), il cibo è stato spostato dall’essere un mezzo di sostentamento verso un’industria globale.

Le aziende svolgono un ruolo significativo nella definizione di ciò che è sano e ciò che dovrebbe essere considerato legale o illegale per quanto riguarda il settore alimentare.

Per esempio, la piramidale guida alimentare USDA afferma che si dovrebbe mangiare 2-3 porzioni di latte, yogurt e formaggio, nonostante il fatto che solo il 75% delle persone in realtà può digerire il latte correttamente, così come 2-3 porzioni di carne, pollame, pesce, fagioli secchi, uova, e noci al giorno.

Walter Willett del Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Harvard afferma che “gli individui possono essere molto sani, senza il consumo di tutti i latticini”, e numerosi studi hanno dimostrato che il consumo di carne può causare il cancro, le malattie cardiache, l’obesità, e molte altre complicazioni di salute. Tuttavia, secondo le linee guida USDA, dice che è errato.

Quindi, da dove viene lo scollamento tra il governo e la scienza?

Ebbene, il governo ha legami pesanti nell’industria lattiero-casearia, il governo ha contribuito e sostenuto i fornitori a produrre di più la loro produzione a base di latticini, ed ha implementato nei programmi scolastici i benefici del latte.

Dai un’occhiata a questo video qui sotto l’implicazione e i legami del governo per l’industria lattiero-casearia:

L’USDA ha legami pesanti in molte pubblicità e campagne che incoraggiano i consumatori ad acquistare carne.
Il governo degli Stati Uniti spende 38000000000 $ all’anno per sovvenzionare le industrie della carne e latticini, rispetto a solo il 0,04% di quella su frutta e verdura.
Se il governo non avesse beneficiato delle vendite di carne e latticini, la nostra assunzione raccomandata di prodotti animali apparirebbe molto diversa. 

8. Sistema Finanziario.

Quando tutto si riduce ad esso, le élite hanno il controllo del sistema finanziario, e le finanze per controllarci. Viviamo in una società che non funziona al di fuori del denaro che circola in tutto essa.

Il denaro è alla base di tutti i sistemi sociali, ed è una delle motivazioni principali che stanno dietro le azioni della élite.

“Un potere aumentato fino al maggiore apice del governo rispetto alle persone stesse, composto da molti e vari, e potenti interessi, combinati in una massa, e tenuti insieme dalla forza di coesione del vasto surplus nelle banche.” 

John C. Calhoun 7° Vice Presidente degli Stati Uniti 

Il seguente video è tratto dal documentario Thrive, creato da Foster Gamble, l’erede della Procter & Gamble Corporation:

 

Pensieri finali 

Il controllo da parte della élite ha tanti aspetti nella nostra vita, a volte può anche essere difficile pensare che la nostra vita non sia più la nostra.

Tuttavia, è importante che non sostituiamo questo con la paura. Educandoci l’un l’altro, possiamo cominciare a riconoscere come questi sistemi ci riguardano e di guardare le cose in modo oggettivo.
Se vi trovate circondati da cartelloni pubblicitari o state ascoltando la propaganda veicolata dalle notizie, chiedetevi:

Come tutto questo può interessarmi a prendere decisioni per la mia vita?

Sollevando la nostra coscienza, aumentando la nostra vibrazione, ed educare noi stessi, ed messere in grado di proteggerci da questo tipo di manipolazione e controllo della frequenza …!

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Cordialissimo Paolo Barnard …

Cordialissimo Paolo Barnard, Lei ha scritto nel Suo Blog “Ma allora dove siete tutti?” Ebbene, come vede io sono qui e sto postando uno dei suoi articoli, si evince che non faccio parte di quei “tutti” e nemmeno gli scrivo per e-mail “bravo continua così”. La leggo e la seguo nel suo blog e quando appare in tv.

Non sono iscritto a nessun social network, come “Istagram, Goggle+, Twitter, e tanto meno a Facebbok”, per mia scelta, ho solo questo blog che condivido in rete da oltre otto anni.

Lei si lamentava (giustificatamente) “Ma dove siete tutti?”, siamo ancora qui, almeno io ci sono, ma penso come tanti altri; il fatto è che qualcosa è successo alla rete, le indicizzazioni relative alle visite dei blog e dei social, sono certamente manipolate da chi ci vuole tenere all’indice, questa anomalia non l’ha rilevata solo Lei o io stesso, ho fatto un’indagine (porta a porta) e, tutti mi hanno riferito la stessa cosa: il 50% delle visite a blog e social scomodi, è venuto meno per via del bavaglio che si vuol mettere alla rete.

Una di queste iniziative, è questa: “La libertà non è un bavaglio” oppure questa: Basta con quest’informazione OGM!  e questa: “L’arrocco è un’arma di attacco e di difesa” questo ha messo sull’avviso i nostri detrattori, ancora prima che l’infamante legge bavaglio venga divulgata. Non c’è bisogno che insegni a Lei, quello che senza dubbio conosce meglio di un neofita come me.

Colgo l’occasione (visto che ci son passato pure io) di segnalare i Suoi tre ottimi ultimi articoli sui medici e metodiche di cura che meritano di essere letti:

SCHEGGE DI BELLO NELLA VITA. MAI FATTA UNA COLONSCOPIA? ERNIA?

ORAGANO SALVA VITE, URGENTE. ULTIMA SU MEDICINA.

DUE COSE SUI MEDICI.

Nel mio piccolo, cerco di dare visibilità ad articoli che mi accomunano con il Suo vissuto e pensiero, come l’ottimo articolo (uno dei tanti) di Marcello Pamio: Micro calcificazioni al seno, e la creazione di malati

A rileggerla, cordialmente;

wlady 

Oscurantismo medioevale

Vaccinazioni:
Lettera al Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano
Dottor Dario Miedico – 25 gennaio 2017

Egregio dr. Roberto Carlo Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano e, per suo tramite, egregi Colleghi aderenti ho riscontrato con stupore la lettera di convocazione presso la sede dell’Ordine per il giorno 27 gennaio p.v. e devo dire che, occupandomi specificatamente in qualità di medico legale di vaccinazioni da quasi quarant’anni, di centinaia di casi di reazioni avverse a vaccinazione, anche gravi e persino mortali, di innumerevoli domande di risarcimento in base alla Legge 210 del 1992 anche in decine e decine di procedimenti legali, dopo aver tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e non solo (ho tenuto un discorso su questo tema anche al Parlamento Europeo nel 2003) aver rilasciato interviste scritte, radiofoniche e televisive, aver sostenuto dibattiti televisivi e partecipato ad approfondimenti davanti alle Istituzioni sia a livello regionale che in Commissione al Senato della Repubblica, in fase iniziale avevo maturato la convinzione che prima o poi sarebbe arrivata, ma dopo un certo punto avevo mutato opinione arrivando a pensare che, in un paese che ha nella sua legislazione il principio del Consenso Informato, della Libertà Terapeutica e del rispetto della Libertà Individuale, le mie tesi a favore della Libertà di Vaccinazione, di Informazione e di democratico confronto tra posizioni scientifiche diverse avessero avuto ragione del mio precedente scetticismo.

Evidentemente mi sbagliavo, ma mi sorge il sospetto che dietro alle accuse scorrette ed infondate che mi vengono mosse, dopo tutto questo tempo nel quale ho potuto professare liberamente le mie convinzioni, non vi sia un particolare accanimento nei miei confronti, ma in realtà vi sia il motivo che l’Italia, divenuta nel 2015 Capofila delle vaccinazioni su incarico dell’OMS, abbia la necessità di dimostrare che non lascia nulla di intentato per scoraggiare le voci, più o meno autorevoli, che muovendo critiche alle modalità, alle tempistiche ed alle imposizioni più o meno ricattatorie con le quali si affrontano le campagne vaccinali attualmente, hanno fatto si che i livelli di copertura in diverse regioni siano scesi al di sotto delle medie precedenti.

Mi spiace, perché ritenevo che il tempo dei processi alle streghe fosse stato in qualche modo superato, ma nello stesso tempo mi sento onorato e contento di questa inaspettata opportunità, che mi consente di fare pubblicamente strame di tutta una serie di affermazioni, accuse e menzogne che mi sono state attribuite ed insieme a me vengono scaricate su chiunque, attualmente, abbia il coraggio di esprimere senza peli sulla lingua il proprio pensiero, anche in tema di vaccinazioni.

Non posso fare a meno di ricordare, in questa occasione, che anche il prof. Giulio Maccacaro, con il quale ho avuto l’onore di fondare nel 1976 Medicina Democratica Movimento di Lotta per la Salute, organizzazione della quale tutt’ora faccio parte, venne convocato presso la direzione dell’Ordine e scrisse una famosa lettera al Presidente, reperibile nella raccolta dei suoi scritti, con la quale rifiutò di mantenere nell’ambito di un procedimento disciplinare interno un dibattito che meritava invece la massima diffusione, partecipazione e pubblicità.

Per questo vi espongo, in modo estremamente sintetico, i capisaldi del mio ragionamento, che in modo più completo ed esaustivo potrete, se vi interessa, leggere sulla rivista Medicina Democratica o ascoltare sulle registrazioni che qualche attento partecipante ha raccolto e postato su You tube, a volte anche a mia insaputa.

Non è vero che sono contrario alle vaccinazioni.
È una affermazione stupida prima ancora che falsa.
Nessun medico potrebbe fare una simile affermazione senza sentirsi ridere in faccia. Sarebbe come affermare che si è contrari per principio agli interventi chirurgici, agli antibiotici o ai parti cesarei.

Ritengo invece, ed ho sempre affermato pubblicamente, che sono critico rispetto alle modalità attuali con le quali vengono praticate le vaccinazioni, a cominciare dall’obbligatorietà di legge, non in linea con i principi del diritto a livello mondiale ed europeo ma soprattutto non più al passo con i tempi, metodo cui non possono fare a meno di ricorrere solo i paesi incapaci di convincere la popolazione governata con argomenti validi e persuasivi.

Sono altresì fortemente critico rispetto alla mancata informazione, soprattutto relativamente alle possibili reazioni avverse, che frettolosamente viene fornita in moltissimi consultori dove in pochi minuti e con rassicurazioni non congrue si pratica una vaccinazione a ritmi da catena di montaggio, così come lamentato da migliaia di mamme e papà nelle numerosissime conferenze dibattito alle quali ho partecipato.

Sono infine fortemente critico sulla scarsa attenzione con la quale spesso i piccoli vengono monitorati prima e dopo la vaccinazione, ignorando in questo modo anamnesi individuale, familiare e possibili controindicazioni che potrebbero in molti casi, quantomeno, suggerire di sospendere o rinviare alcune vaccinazioni se non di non eseguirle affatto.

Eppure non ho mai sentito che un medico che abbia scoraggiato un paziente anziano dal sottoporsi ad un inutile intervento chirurgico, una mamma dal non esagerare nella richiesta di antibiotici per il proprio bimbo al minimo accenno di febbre, o che abbia motivato la propria contrarietà ad un parto cesareo non ritenuto necessario sia mai stato per questo sottoposto ad un qualsiasi procedimento disciplinare, o anche solo considerato antiqualcosa, così come invece attualmente sta succedendo ai laureati in medicina che mostrino pubblicamente un pensiero critico in tema di vaccinazioni.

Non solo, ma ho avuto anche l’ardire di sostenere pubblicamente che le attuali decisioni di alcune Regioni o alcuni Comuni di negare l’accesso ai piccoli al nido se non sottoposti al ciclo vaccinale siano contrarie non solo al diritto ma anche al buon senso, definendole oltretutto discriminanti sotto il profilo di classe.

Questo perché non vaccinato non significa automaticamente malato, perché anche il bimbo vaccinato può essere inconsapevolmente un portatore sano, perché si generano automaticamente false convinzioni, perché non vi sono reali rischi o epidemie in corso che possano giustificare comportamenti limitativi delle libertà individuali ed impedire quindi la libertà di esercitare un proprio diritto costituzionale senza conseguenze sul piano sociale e giuridico, ed infine perché in questo modo solo i figli di cittadini abbienti potranno decidere di continuare a non vaccinare i propri figli se lo riterranno giusto, mentre coloro che non potranno fare a meno del servizio sociale dovranno sottoporsi ad un ingiusto ricatto, attuato inoltre contrapponendo un diritto, quello alla salute, ad un altro diritto, quello alla socializzazione già in tenera età.

Prenderò quindi parte all’incontro propostomi dal Presidente dell’ordine di Milano al quale appartengo, per rispetto Suo e di tutti i Colleghi che ne fanno parte, ma mi rifiuterò di prestare il fianco ad un processo antistorico ed illiberale che fa ripiombare l’Italia nei più bui periodi dell’Oscurantismo medioevale o quantomeno in quelli degli anni 60 quando, a fronte del rifiuto vaccinale, qualche fanatico residuo del ventennio azzardava al Tribunale dei Minori la richiesta della sospensione della patria potestà ai genitori e la vaccinazione coatta.

Più che la mia libertà personale di esprimere liberamente e democraticamente il mio pensiero in tema di vaccinazioni, così come su qualsiasi altra questione, rivendico quindi per ogni medico la piena libertà di applicazione dell’art. 4 del nuovo codice di deontologia medica recentemente approvato: “art. 4 – libertà e indipendenza della professione. Autonomia e responsabilità del medico. L’esercizio professionale del medico è fondato sui principi di libertà, indipendenza, autonomia e responsabilità. Il medico ispira la propria attività professionale senza sottostare a interessi, imposizioni o condizionamenti di qualsiasi natura.”, comprendendo quindi tra le imposizioni ed i condizionamenti anche le minacce ritorsive purtroppo da più parti invocate.

http://www.disinformazione.it/vaccini_lettera_Miedico.htm

clienti per la vita

L’alchimia del potere – L’industria farmaceutica

La storia delle droghe e di come hanno manipolato il mondo

Mirja Holtrop
27 ottobre 2016
sito web Dr-Rath-Fondazione
traduzione di Adela Kaufmann
Versione originale in inglese
 

Durante il Medioevo, la conoscenza delle proprietà curative delle piante veniva  soprattutto dai druidi e dalle streghe.

Queste persone sapevano come procedere per la guarigione, e trattavano i problemi di salute come l’infiammazione o piccole ferite con semplici miscele di foglie ed erbe. Ma alla fine è diventato una minaccia per la Chiesa.

In quel periodo storico il cattolicesimo era molto potente e l’unica soluzione per debellare la malattia, era:  

  • pregare  
  • obbedienza
  • generose donazioni finanziarie 

Anche se non ci fosse stata per le persone alcuna cura disponibile per la malattia sulla terra, era assicurata dopo la dipartita una grande vita in “cielo” questo è stato promesso a loro.

Così, druidi, streghe e rimedi naturali costituivano una minaccia per questo modello di cure.

Druidi e streghe, etichettati come il male, sono stati brutalmente sradicati

 Le droghe legali di ieri sono diventate oggi illegali 

Nel 1900 cocaina ed eroina erano droghe legali, usate tutti i giorni. 

  • L’eroina veniva utilizzata per calmare i bambini
  • La cocaina veniva usata per stimolare il metabolismo e l’appetito,

 … Ed entrambe venivano prescritte come stimolatori dell’anima. 

CF Boehringer Mannheim, in Germania, era orgoglioso di essere il primo produttore di cocaina nel mondo. Anche i vini spesso contenevano cocaina, quindi erano di conseguenza molto richiesti.

Papa Leone XIII ha dato una medaglia d’oro ad Angelo Mariani enologo per la sua invenzione di vino arricchito con la cocaina. 

Nell’etichetta del vino Maltine, prodotto a New York, c’era un’istruzione per le persone di come consumare il vino: “un bicchiere pieno durante e dopo i pasti, e per i bambini solo mezzo bicchiere. Un altro vino alla cocaina molto famoso era il Metcalf, una bevanda molto popolare da usare per le vacanze.

Vapor-OL era una miscela di alcool e oppio che veniva impiegato per curare l’asma e spasmi.

Mentre le bottiglie di vino erano troppo ingombranti per le signore da mettere in borsa, portavano con loro delle piccole tavolette di cocaina da usare alla bisogna. Queste tavolette di cocaina sarebbero state utilizzate per migliorare l’umore e il trattamento di corde vocali.

Per prevenire mal di gola, queste compresse erano considerate essenziali per i cantanti, per le madri con bambini piccoli e per gli insegnanti. Ai bambini venivano somministrate compresse di cocaina per curare il mal di denti. Naturalmente solo per curare i sintomi, facendo ritornare il dolore una volta che gli effetti del farmaco si era dissipato.

Ancora oggi, i dentisti usano una forma modificata di cocaina conosciuta come lidocaina per intorpidire i nervi prima di un intervento chirurgico.

Maksym Kozlenko (Opera propria) via Wikimedia Commons

Un altro esempio è un farmaco noto come Paregorico prodotto da Stickney & P, contenente 46% di alcol e una grande percentuale di oppio grezzo.

Incredibilmente, è stato raccomandato come coadiuvante per il sonno ai neonati, la dose consigliata era di 3 gocce al giorno. 8 gocce al giorno per 8 giorni erano consigliate per gli altri bambini; consigliate 25 gocce per bambini di 5 anni; e un intero cucchiaio per gli adulti.

Non vi è alcun dubbio che tutti dormivano bene …  

Oggi ci sono dei musei in Germania, come Dortmund e Heidelberg, dove si possono vedere le bottiglie della medicina e i vasetti di quei giorni passati. Meritano una visita, sono molto educativi …!

Le droghe legali di oggi  

Certamente sarebbe realistico far finta che non ci siano più farmaci pericolosi, farmaci di base. L’incubo è ancora là fuori, tutti i giorni.  

Siamo di fronte ad essi nel momento in cui siamo malati e andiamo dal nostro medico per il trattamento.

Un prodotto farmaceutico contenente warfarin

I farmaci chimici prescritti dai medici convenzionali causano vari effetti collaterali.

Mentre il nostro corpo recepisce – e può tranquillamente metabolizzare – molecole naturali, le sostanze chimiche sintetiche artificiali che i medici prescrivono sono estranee al nostro corpo.  

Rendiamo l’esempio del warfarin, un farmaco anticoagulante (che fluidifica il sangue), che è prescritto a milioni di persone che soffrono di malattie cardiovascolari. Inoltre viene usato come veleno per topi, ed è una delle principali cause di morte nei pronto soccorsi degli ospedali negli Stati Uniti. 

Per quei pazienti che non sono deceduti dopo la somministrazione, i possibili effetti collaterali di warfarin comprendono:

  • Ulcere del piede
  • dita viola
  • vertigini
  • sanguinamento
  • tosse fino ad espellere sangue
  • sanguinamento che si non si ferma
  • nausea
  • vomito
  • difficoltà respiratorie
  • mancanza di respiro
  • paralisi,

… Tra gli altri.  

Molti decessi sono causati da ipovolemia, una pericolosa diminuzione del volume del sangue nel corpo, sono associati a lungo – uso prolungato di farmaci anticoagulanti.  

Antibiotici – un altro grande mercato  

Avete mai pensato a quello che vuole dire la parola “antibiotico” quello che significa veramente? Significa ‘contro la vita (anti: contro – biotica: la vita)’ …  

Se si mangia carne non biologica, quello che otterremo sarà una dose di antibiotici chimici ogni volta che godremo di un bel pezzo di manzo o un’ala di pollo. Non bisogna commettere errori, gli antibiotici sono tossici.  

Quando i pazienti sviluppano un’influenza, molti medici (non tutti) immediatamente prescrivono antibiotici chimici. Questi uccidono tutti i batteri nell’intestino – tra cui i “batteri amici”. Quindi, nei giorni successivi sarà impossibile avere una digestione corretta e l’assorbimento di micronutrienti.  

Ci sono comunque approcci più sicuri.  

Ci sono molte piante – a base di antibiotici naturali e non danneggiano i batteri benefici che vivono nell’intestino.  

Piante naturali con proprietà antibiotiche 

  • muskul Balsamodendron  
  • Quath Maharasnadi
  • cordifolia Tinospora  
  • Rubia cordifolia  
  • bhasma Kindred  
  • officinalis Emblica  
  • frutescens Sutherlandia  
  • Moringa pterygosperma  
  • Glycyrrhiza glabra   
  • Racemoses asparagi   
  • zeylanicum Cimmamonum  

Questi antibiotici naturali sono molto potenti. Ma dal momento che non possono essere brevettati, non sono di interesse per le aziende farmaceutiche, perché il margine di profitto è troppo basso.

Un corpo sano non è di alcuna utilità per l’industria della droga, solo i corpi malati generano profitti.

Rubia cordifolia  Vinayaraj (Opera propria) Via Wikimedia Commons

Il fluoruro è tossico e non ha posto nel dentifricio   

Un’altra sostanza estremamente tossica è il fluoro, che è un ingrediente presente in molti dentifrici.  

Raymond Francis, uno scienziato esperto presso il MIT, ha descritto il fluoro come una delle sostanze chimiche più tossiche nel nostro ambiente. Solo una manciata di dentifrici sono decenti, i migliori contengono sostanze naturali come l’olio di tea tree e sale marino.  

Il fluoro è un prodotto di scarto dell’industria dei concimi chimici, il fluoro è anche il principale ingrediente nei farmaci come quelli antidepressivi,

  • diazepam  
  • flunitrazepam  
  • Rohypnol  
  • Stelazine  
  • Trifluoperazin  
  • Prozac  
  • Zoloft  

La facile accessibilità agli antidepressivi  

Kim, 38 anni, descrive la sua esperienza come segue:
 

“Io avevo appena avuto un bambino e soffrivo di “malinconia”.  Non mi sentivo bene, avevo sbalzi d’umore, e non potevo addormentarmi facilmente. Ero ansiosa e irrequieta. Sono andato a trovare il mio medico e lui mi ha prescritto Zoloft per ‘prendere un po’ di entusiasmo’.  

Inizialmente ha funzionato bene, mi sono sentita meno emotiva e ho potuto dormire meglio, ma dopo pochi mesi mi sono sentita più depressa che mai.  

Era il mio compleanno quando ho ricevuto un dono e non ho potuto nemmeno gioire per averlo ricevuto, mi sentivo completamente insensibile, è stato lì che ho capito di smettere. Mesi fa ho preso l’ultima pillola e finora non mi sono completamente ristabilita per ritornare al  mio vecchio sé”.

In questi giorni, anche ai bambini e gli adolescenti vengono somministrati antidepressivi. E’ preoccupante che alcuni bambini di 6 anni di età li prendano  e il numero di giovani utenti è in aumento.

Consideriamo alcuni dei possibili effetti collaterali:  

  1. depressione  
  2. Mania e psicosi  
  3. pensieri suicidi  
  4. violenza  
  5. cancro  
  6. Difetti alla nascita e aumento del rischio di autismo
  7. danni cerebrali
  8. Indebolimento delle ossa  
  9. movimenti del corpo incontrollabili  
  10. Aumento del rischio di diabete  
  11. Aumento del rischio di ictus  
  12. Aumento del rischio di demenza  
  13. Aumento del rischio di nervosismo, insonnia e irrequietezza  
  14. apatia  
  15. problemi sessuali  
  16. dipendenza  

Per ulteriori informazioni sui pericoli degli antidepressivi, visitare il sito Web ssristories.org.  

Per curare la depressione, naturalmente, una recente ricerca suggerisce che grandi quantità di omega-3 EPA e DHA, insieme a una selezione di micronutrienti, può essere efficace.

Una alternativa naturale A antidepressivi. 

Gli enormi vantaggi del business con la malattia 

Non dovrebbero forse i governi avere il dovere morale e legale per avviare il finanziamento di studi scientifici che si occupano di approcci naturali per la salute? Essi dovrebbero, ma purtroppo gli interessi finanziari impediscono che questo accada.  

Per illustrare le enormi cornici del profitto nel settore farmaceutico con farmaci chimici, daremo un paio di esempi:  

aspirina:  

Un pacchetto con 20 compresse = $ 3

I costi di produzione, incl. Package = $ 0,03  

percentuale di margine di guadagno = 10.000%

Xanax:  

100 compresse 1mg x = 136,79 $  

I costi di produzione = 0,024 $  

Margine percentuale di guadagno = 569 958% !!  

Come si può immaginare, a livello politico, i benefici di questo tipo si comprano un sacco di influenze nel settore farmaceutico.  

Chi controlla il mondo?  

Grandi quantità di azioni in alcune delle più grandi aziende nel mondo sono di proprietà di una rete di famiglie che operano a livello globale.  

In aggiunta per l’industria farmaceutica, queste stesse famiglie controllano anche le banche, le industrie chimiche, aziende biotecnologiche, agenzie di stampa e di altri settori chiave della società.  

“Se noi controlliamo il denaro di un paese non ci importa chi fa le leggi.”  

Mayer Amschel Rothschild

Questo è quanto ha detto il massimo della Camera dei Rothschild, e il principio fondamentale delle banche europee, descritto in un rapporto sul governo udienze ufficiale degli Stati Uniti nel 1914.

In campo bancario, una delle famiglie più influenti è la famiglia Rothschild.

Discendente di Mayer Amschel Rothschild, che ha stabilito un attività bancaria nel 1760, nel Regno Unito, il quotidiano britannico Daily Telegraph lo ha descritto come sinonimo di ricchezza e potere, notando che,

“Il nome Rothschild è diventato sinonimo di denaro e potere a un livello che nessun altro della famiglia è stato in grado di eguagliare.”  Significativamente, si è detto che la versione originale della canzone di successo del musical Il violinista sul tetto non era Se fossi ricco, ma se fossi un Rothschild …

John D. Rockefeller

Per quanto riguarda lo sviluppo del settore farmaceutico, probabilmente l’influenza più importante era di un americano di nome John D. Rockefeller

Una breve storia della sua unità per creare un sistema di igiene del lavoro può essere letto sul sito della Fondazione.

Vi è anche un libro rivelatore intitolato ‘Rockefeller Medicina Men‘, che descrive come, nei primi anni del 20° secolo, il Rockefeller ha creato il settore degli investimenti farmaceutici per promuovere la ricchezza e la massa di potere che si era accumulata attraverso il controllo l’industria petrolifera.

I principi chiave dietro business plan del farmaco Rockefeller, che formano le leggi dell’industria farmaceutica di oggi, sono stati i seguenti: 

  1. I prodotti dovrebbero essere brevettabili. 
  2. I prodotti non devono affrontare le cause profonde della malattia, ma solo curare i sintomi. 
  3. I prodotti devono avere un potenziale dipendenza.

In un chiaro esempio di come le famiglie chiave per l’attività di investimento globale sono legate insieme è avvenuto nel maggio 2012 dove è stato annunciato che la dinastia dei banchieri Rothschild aveva comprato un 37 per cento della ricchezza e asset del gruppo management di Rockefeller.

Il movimento ha riunito David Rockefeller, 96 anni, e Jacob Rothschild, 76 anni – patriarchi della famiglia il cui rapporto personale si dice che abbia attraversato cinque decenni. 

L’obiettivo principale del l’industria farmaceutica non è guarire, ma il beneficio economico 

Le aziende farmaceutiche non sono interessate alla cura dei pazienti il loro unico obiettivo è quello di trasformare loro in clienti per la vita.

Ciò significa che il mercato per l’industria farmaceutica è il corpo umano. Con l’aiuto del settore alimentare, che produce velocemente, alimenti trasformati e bevande zuccherate, potendo facilmente raggiungere trasformando la salute in malattia – su cui le aziende farmaceutiche prosperano finanziariamente.

Per assicurarsi che tutto fili liscio, vengono utilizzate le costose agenzie pubblicitarie. Le più grandi agenzie sono presenti in diversi paesi offrendo alle aziende farmaceutiche contatto diretto con i funzionari della sanità del governo.

Essi forniscono anche gratis “formazione” medica per i medici per promuovere nuovi farmaci per i pazienti.

Ma non tutte sono cattive notizie …

Stili di vita sani e biologici stanno diventando sempre più popolari, le persone stanno scoprendo sempre di più la bellezza del contatto con la natura. Nuovi approcci alla formazione stanno insegnando ai bambini a pensare per se stessi e a prendere le proprie decisioni.

Terapie naturali con micronutrienti e piante medicinali sono sempre disponibili e vengono utilizzate da un numero maggiore di persone.

I social media hanno svolto un ruolo importante in questo attraverso le persone che condividono le loro esperienze on-line. Il risultato inevitabile di tutto questo è che, poco a poco, si sta riducendo la potenza e l’influenza dell’industria farmaceutica.

Anche se non abbiamo ancora grandi ospedali e le università che promuovono rimedi naturali, un giorno sicuramente ci sarà. 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da