Archivi tag: M5S

Magaldi – Nascerà il Pdp, Partito Democratico Progressista

Magaldi: smascheriamo insieme i bari della politica italiana

Smascherare i bari della politica? Facilissimo: basta vedere chi votò per Mario Monti, il devastatore dell’Italia inviato a Roma nel 2011, tramite Napolitano. Una missione speciale, la sua, per conto dei super-poteri oligarchici che hanno fatto dell’Ue una fabbrica di diktat, trasformando i Parlamenti in “bivacchi di manipoli” dormienti, ancora impegnati a recitare la liturgia di una democrazia che ormai non esiste più, non conta, non decide più niente.
 
Se ne vergognano, gli ex sostenitori di Monti? «Certamente se ne vergogna Bersani, che infatti nella sua nuova formazione politica ha inserito un riferimento all’articolo 1 della Costituzione “fondata sul lavoro”, ben sapendo di aver votato a favore della riforma Fornero, massimo attentato politico nella storia recente contro il mondo del lavoro e dei lavoratori».
 

Parola di Gioele Magaldi, autore del bestseller “Massoni” e presidente del Movimento Roosevelt, che ora annuncia un conto alla rovescia: quello della nascita di un nuovo soggetto politico destinato, spera, a sconvolgere la “palude” italiana, intasata di replicanti finto-progressisti e finto-ribellisti, per fornire agli elettori una vera chance di cambiamento in senso sovranistico e democratico, lontano dalla “dittatura” di Bruxelles e dei suoi corifei nazionali.

Berlusconi? Ancora una volta incerto e ambiguo, nell’elogiare – forse in funzione anti-Salvini – la Pax Europea di cui avremmo beneficiato. Niente di più falso, sostiene Magaldi, in collegamento con David Gramiccioli ai microfoni di “Colors Radio”: questa Ue, che doveva unire il continente – accusa il leader del Grande Oriente Democratico – ha letteralmente frantumato l’Europa, provocano una feroce crisi economica e pericolose rivalità tra Stati. Il Pd renziano? Minestra riscaldata: lo stesso Renzi ha commesso errori madornali come quello sul referendum, e il suo destino è comunque segnato.

In ogni caso, aggiunge Magaldi, anche una quota rilevante di elettorato Pd è delusa e disorientata, nonostante l’overdose di camomilla somministrata dal Gentiloni di turno, vero e proprio clone del dimenticabile Enrico Letta.
 
«In Italia – sostiene Magaldi – esistono praterie sconfinate, sul piano politico, per chi voglia provare a cambiare davvero il corso delle cose: manca solo uno strumento chiaro e preciso, finalmente a disposizione degli elettori». Proprio per questo, aggiunge, nascerà il Pdp, Partito Democratico Progressista: un programma netto, destinato a smascherare l’ipocrisia generale e la reticenza dei partiti di oggi, incluso il Movimento 5 Stelle.

«A Roma il movimento di Grillo non ha dato buona prova di sé, e c’è da temere che sarebbe così anche su scala nazionale, se dovesse governare l’Italia». Per un motivo semplice, dice Magaldi: «I 5 Stelle non avevano un vero programma per la capitale, così come non hanno un vero programma per il paese».

 
Per “vero programma”, spiega Magaldi, si intende qualcosa di esplicito e inequivocabile: aprire una vertenza storica con l’Ue, minacciando di sbattere la porta. Obiettivo: ripristinare la democrazia in modo sostanziale, quella dei diritti del lavoro, svuotata dalla tecnocrazia euro-tedesca, che Magaldi definisce “paramassonica”, dettata dalle strutture di potere apolidi che hanno fabbricato l’attuale globalizzione asimmetrica, che concentra i poteri e fa sparire i diritti, spingendo i cittadini verso una precarietà universale, senza speranza.
 
Un esito inaccettabile, da rovesciare a partire dalle fondamenta, riscrivendo le regole: l’economista Nino Galloni è uno dei cervelli del movimento fondato da Magaldi per sollecitare il risveglio della politica italiana, di cui però ancora non si vede traccia. E dunque, se i partiti continuano a dormire, non resta che scendere in campo direttamente: è questo il ragionamento alla base del varo (imminente, pare) del Pdp, aperto a «chiunque ami sinceramente la democrazia, cioè la legittima quota di sovranità assegnata ad ogni cittadino».
 

Stelle Cadenti

I 5 stelle stanno perdendo la loro qualità migliore: la coerenza

 di Massimo Mazzucco

Se vanno avanti così i 5 stelle non vinceranno mai le elezioni (con margini sufficienti per andare al governo, intendo) perché non hanno più il coraggio delle proprie idee. Prendiamo ad esempio la posizione ambigua, e sostanzialmente contraddittoria, che hanno assunto di recente riguardo al problema dei vaccini.

Ospite della Gruber un paio di settimane fa, Alessandro Di Battista si è sentito fare una domanda-trabocchetto da una giornalista di Sky-TV: “Lei vaccinerà suo figlio [che sta per nascere, ndr]?” “Certamente” ha risposto Di Battista senza esitazioni, e dimenticandosi di aggiungere una qualunque obiezione rispetto all’obbligatorietà dei vaccini. In altre parole, Di Battista ha voluto far passare il messaggio che “per i 5 stelle i vaccini, così come sono somministrati oggi, non rappresentano un problema”.

Peggio di lui ha fatto Luigi Di Maio, che pochi giorni dopo ad Harvard ha dichiarato: “I vaccini in Italia sono obbligatori per legge. Noi non abbiamo nessuna intenzione di eliminare questa obbligatorietà. Per noi sono fondamentali, e vogliamo promuovere il più possibile la cultura dell’informazione”.

Ma scusa un attimo, caro Di Maio, che cosa ce ne facciamo noi dell'”informazione”, se poi tanto i vaccini restano obbligatori?

Questa lampante contraddizione nasconde una evidente paura che ha assalito i 5 Stelle da quando è esplosa la polemica sui vaccini. Messi sotto attacco da ogni angolo (compreso il New York Times, che non è poco), e accusati di essere anti-vax in modo categorico, i 5 Stelle non hanno trovato di meglio che fare una violenta retromarcia, per andare a nascondersi dietro ad una posizione palesemente allineata con il pensiero mainstream.

La stessa cosa è successa con l’Euro. Inizialmente i 5 Stelle denunciavano apertamente la moneta unica come evidente strumento per tenere in schiavitù le diverse economie nazionali, ma da un po’ di tempo a questa parte le loro posizioni si sono progressivamente annacquate, al punto da non essere più distinguibili dal pensiero mainstream.

Il problema dei 5 Stelle è molto chiaro: quando sentono di poter diventare vulnerabili su un certo argomento, o fanno una netta marcia indietro (come nel caso dei vaccini) oppure annacquano talmente le loro posizioni (come nel caso dell’Euro) da finire per assomigliare a tutti gli altri.

Ma a questo punto a cosa servono i 5 Stelle? Se da partito di rottura stanno diventando lentamente allineati con gli altri su tutte le questioni più importanti, tanto vale votare Berlusconi oppure Matteo Renzi, no?

Purtroppo i 5 Stelle seguono questa strategia convinti di poter conquistare più voti “fra gli indecisi”, ovvero fra coloro che sarebbero magari disponibili a votare per loro, ma che ne temono alcune posizioni troppo estreme. Ma in realtà avviene l’esatto contrario: l’indeciso rimane comunque indeciso (a causa delle posizioni poco chiare dei 5 Stelle), mentre chi prima li appoggiava apertamente rischia di sentirsi tradito dai loro voltafaccia, e di disamorarsi di questo movimento.

Prendiamo ancora l’esempio dei vaccini: quante madri credono di aver conquistato, dicendo che “l’obbligo delle vaccinazioni non verrà messo in discussione”? Pochissime, in realtà, perché comunque le madri che già sono favorevoli all’obbligo sono certamente persone che non votano 5 Stelle. E quante invece ne avranno perse? Moltissime, a mio parere, e cioè tutte quelle madri che speravano in una rimozione dell’obbligo vaccinale, proprio per poter decidere in piena libertà sul futuro e sulla salute dei propri figli.

Quando ci si trova di fronte ad argomenti controversi non bisogna arretrare “per paura del nemico”, ma bisogna andargli incontro sostenendo con coraggio le proprie idee, in modo documentato ed informato.

Io voglio poter votare per un movimento che sostiene apertamente e coraggiosamente quello che è giusto, documentando e argomentando in modo adeguato le proprie posizioni. Non me ne faccio nulla invece di un movimento che ha paura di tutto e di tutti, nascondendosi dietro ad un filo d’erba ogni volta che rischia di essere attaccato.

Altrimenti, davvero, evviva la Democrazia Cristiana. 

https://www.luogocomune.net/

Almanacco di novembre 2016

 

 DALLA PADELLA ALLA BRACE

di Cinzia Palmacci 

Se c’è qualcuno che sta aspettando come l’avvoltoio sulla carcassa che il “no” al referendum porti anche Renzi alla disfatta, questo è il Movimento 5 stelle. I grillini si sono spesi fino all’ultima energia tra tour turistici su e giù per l’Italia, slogan e striscioni, ed ora il movimento di Beppe Grillo spera che un esito negativo al referendum sia l’occasione imperdibile per occupare gli scranni di Palazzo Chigi. Questa prospettiva ci rammenta un po’ troppo le recenti elezioni presidenziali americane tra Clinton e Trump, la padella e la brace. In Italia tra PD e M5stelle ci sentiamo particolarmente empatici con gli americani (mal comune mezzo gaudio). Continua a leggere QUI

PIECZENIK: “Mai più 11 Settembre, mai più false flag”.
E invece Obama..

di Maurizio Blondet

Steve Pieczenik  ha postato un altro dei suoi video. Si rallegra della vittoria di Trump, che attribuisce alla mobilitazione dei “16 servizi di intelligence”, ed elenca “ciò che il popolo americano non vuole più”: “Non più false flag,  non più 11 Settembre, non più Sandy Hook, Sparatorie di Orlando, o altri imbrogli, propaganda e stronzate! Quel che vogliamo oggi è la verità”. Abbiamo già spiegato che Pieczenik è un esponente dello “Stato profondo”, l’uomo che al tempo del rapimento Moro fu mandato in Italia dal Dipartimento di Stato per assicurarsi che Moro non tornasse a casa; a modo suo un servitore dello Stato – e di quegli apparati nazionali  che i neocon hanno sbattuto fuori l’11 Settembre, prendendo a forza il comando della politica estera Usa nella “lotta al  terrorismo islamico”, per il bene di Israele. Se evoca oggi “Mai più 11 Settembre”, sta avvertendo: sappiamo che siete stati voi,  possiamo riaprire l’inchiesta.  Continua QUI

Cosa accadrà adesso con Trump allo Studio Ovale?
(se ci arriverà..)

1° Quanto ci è costata la disfatta della Clinton- 2° Riuscirà Trump a sedersi sulla poltrona dello studio ovale?- 3° I futuri uomini del presidente- 4° Ombre e strategie- 5° Una primavera colorata anche in USA? -6° Trump o Campi FEMA

1° QUANTO CI E’ COSTATA LA DISFATTA DALLA CLINTON 

Nei giorni scorsi abbiamo lodato la scelta di milioni di elettori americani; proprio quegli americani che sono ridotti allo stremo da politiche globaliste che hanno messo in ginocchio le fasce più deboli della popolazione americana e indebolendo considerevolmente la classe media americana. Festeggiare le facce avvilite di Renzi, Junker, Hollande e tutta la macchina del fango che per mesi hanno imbrattato la figura del tycoon dipingendolo come rozzo, razzista, omofobo, sessista ecc è una soddisfazione impareggiabile, anche perché i televisionari di tutto il mondo cominciano a chiedersi che lavoro svolgano i contapalle a pagamento di TV e giornali. La vittoria di Trump sembra aver shockato anche Mario Monti, ospite di Omnibus su La7 che paventa imminenti crisi per l’Europa e per la globalizzazione (…) Continua QUI

 “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.
E i robot?

di Dario Tamburano

Nei prossimi vent’anni un lavoratore su due rischia di essere sostituito da un robot. Se i robot lavoreranno per noi, e non é detto, dovremo reinventarci la vita che oggi ha il lavoro scolpito nel DNA culturale della razza umana.

Elon Musk, il futurista icona della Silicon Valley fondatore e CEO di SolarCity, Tesla e SpaceX (e cofondatore di Paypal), afferma che più i robot occuperanno i posti di lavoro, più le persone dovranno essere mantenute da un “Universal Basic Income“, un reddito universale di cittadinanza. Ovvero detto in altre parole i cittadini saranno, in tutto o in parte mantenuti grazie al plusvalore e quindi alla ricchezza prodotta dai robot. Talvolta addirittura Musk nella sua telefonata sembra un pò spaventato nel tratteggiare il futuro, ma sulla robotica è ottimista.

Tralasciamo per ora di esaminare il rischio che i robot invece, non solo rendano inutili le nostre braccia ed i nostri cervelli, ma che facciano sì che nell’opinione di qualche entità… i miliardi di umani appaiano solo come inutili bocche da sfamare che consumano risorse. Continua QUI

Due terzi dei lavoratori stanno per essere sostituiti
dai Robots in via di sviluppo:
Rapporto

di Jake Anderson

Un nuovo rapporto allarmante delle Nazioni Unite è l’ultimo di una litania di studi che suggeriscono che la venuta dell’età d’automazione e la forza lavoro dominata dai robot ci coinvolgerà velocemente molto più di quanto si possa pensare. Ora, l’ONU sostiene che i due terzi della forza lavoro umano nei paesi in via di sviluppo saranno sostituiti dall’automazione.

Secondo l’Onu, sarà necessario una base di reddito universale per tappare il buco del 75% degli esseri umani lasciati senza lavoro.

Precedentemente, l’Anti-Media ha riportato previsioni che la metà della forza lavoro americana entro i prossimi due decenni potrebbe essere sostituita dall’automazione. Le statistiche di un altro rapporto, ha suggerito che un software automatizzato potrebbe sostituire 1,7 milioni di camionisti dei loro posti di lavoro entro un decennio. L’articolo continua QUI in lingua inglese.

Cosa penserebbe Pasolini di Facebook,
dove tutti credono di avere ragione

Che qualche cosa stesse succedendo nella lingua italiana negli anni del grande sviluppo economico del Dopoguerra, fu avvertito assai bene da uno scrittore sensibile come Pasolini, a cui si deve l’ultimo clamoroso intervento nella ‘questione della lingua’». 

Così inizia il capitolo di un celebre manuale di storia della lingua italiana, di Claudio Marazzini, che dedica uno spazio apposito all’emergere del cosiddetto italiano tecnologico, e agli sforzi con cui il poeta di Casarsa cercò di comprendere il mutamento in atto. 

E adesso, invece? Che direbbe dell’appiattimento surreale causato dai social media? Come indagherebbe la massima democrazia portata da Internet che coincide però anche con la massima approssimazione? Sono domande che mi pongo da anni: Pasolini avrebbe avuto un account Facebook?; si sarebbe messo in gioco scrivendo un fatidico “stato”?; avrebbe avuto voglia di riassumere un pensiero nei 140 caratteri di Twitter?  

Gli stessi quesiti li ho posti anche ad Andrea Di Consoli. Scrittore, giornalista, saggista, autore televisivo per la Rai. Persona dall’intelligenza camaleontica e in grado di adoperare più linguaggi. Proprio come Pasolini, che si destreggiava contemporaneamente fra poesie, romanzi, sceneggiature, opere critiche, articoli e libelli politici. Continua QUI

Nin.Gish.Zid.Da 

Almanacco di luglio 2016

Le sei verità sul golpe che nessuno vuole dire

Fonte: Il Giornale 

Altro che golpe fasullo. É una spy story disegnata intorno all’odissea di un Recep Tayyp Erdogan sfuggito prima all’assalto delle teste di cuoio mandate a catturarlo o ucciderlo e poi ai missili di due F16 incaricati d’intercettare il suo Gulfstream in volo verso Istanbul. Ma le cronache di venerdì notte spiegano anche i perché di un golpe scoordinato ed improvvisato. Un golpe innescato non dalla volontà di prendere il potere, ma dalla paura di ritrovarsi vittime di un grande repulisti. Un repulisti già studiato per far piazza pulita degli ultimi esponenti «kemalisti» e «guleniani» dentro forze armate, polizia e magistratura. Un repulisti scattato ugualmente subito dopo il golpe come dimostrano gli oltre 7mila500 arresti di militari, giudici e poliziotti eseguiti sulla base di liste già pronte da tempo. Continua QUI

Il leader Turco plaude Putin per avergli salvato la vita, ma giura “Vendetta” con Obama.

By: Sorcha Faal  

Una splendida relazione del Consiglio di Sicurezza ( SC ) circola al Cremlino e dice che durante la conversazione telefonica appena finita tra il Presidente Putin e il presidente Recep Tayyip Erdogan , il leader turco ha elogiato la federazione per avergli salvato la vita e ha accettato di incontrare il presidente Putin fra due settimane – ma, ha anche, promesso ” vendetta ” sul presidente Obama per il fallito colpo di stato contro il suo regime. [ Nota :. Alcune parole e / o frasi che compaiono tra virgolette sono approssimazioni lingua inglese di parole / frasi russe che non hanno esatta controparte]

Continua QUI

Breve vademecum per evitare stragi come quella di Nizza 

di Enrico Galoppini 

Dopo la strage di Nizza, effettuata da un immigrato tunisino, le reazioni sono state fondamentalmente di due tipi.

La prima è quella di chi ha puntato il dito sull’immigrazione di popolazioni di religione musulmana, in particolare dal Maghreb. Inedita paladina di questa posizione è stata la giornalista sportiva Paola Ferrari, moglie di Marco De Benedetti (non di Pier Silvio Berlusconi), la quale su Twitter ha auspicato il ritiro del passaporto europeo a tutti i maghrebini che l’hanno ottenuto negli ultimi vent’anni, figli compresi.

Questa “sparata” sgangherata ha prevedibilmente “indignato” quelli del secondo tipo di reazione, per i quali di solito “tutto va bene lo stesso”, ma che stavolta hanno cominciato a porsi qualche domanda, intavolando un “confronto culturale” sulle pagine dei giornali “autorevoli” che sa tanto di “politica” (tale “confronto” avviene difatti sempre in un rassicurante alveo di voto al Pd, perché tutti gli altri sono “populisti”, “razzisti”, “islamofobi”)[1]. Continua QUI

TURCHIA: FANNO TUTTO DA SOLI  E SONO CAPACI DI TUTTO (1)

“La mente è come un paracadute, non funziona se non si apre.” (Frank Zappa)

“Siamo gli strumenti e i servi di uomini ricchi dietro le quinte. Siamo le marionette; loro tirano i fili e noi balliamo. I nostri talenti, le nostre capacità e le nostre vite sono tutti la proprietà di altri. Siamo prostitute intellettuali”. (John Swinton, direttore del “New York Tribune”, 1880).

Partiamo dall’ultima bufala False Flag, quella dell’autogolpe del tiranno turco, destinata a completare, con l’ennesima carneficina di propri sudditi, la serie di autoattentati con cui è riuscito a governare uno Stato di Polizia quasi perfetto. Gli mancava la liquidazione di qualche residuo di esercito, magistratura, informazione, politica (il gruppo Fethullah Gulen) e una dimostrazione ad alleati vagamente perplessi che senza di lui non si va da nessuna parte. E così ha allestito il suo incendio del Reichstag, quello che nel 1933 servì a Hitler per rimuovere comunisti, socialisti e cattolici antifascisti e, nel 2011, con l’11 settembre, alla cupola militar-finanziaria-industriale USraeliana a lanciare la guerra per la loro dittatura mondiale. Continua QUI 

I 5 Stelle: basta terrore,
l’Italia si smarchi da Ue e Nato  

Dopo la strage di Nizza del 14 luglio e il fallito golpe in Turchia, il Movimento 5 Stelle batte un colpo e chiede apertamente che l’Italia si smarchi dal guinzaglio UsaUe. «Gli ultimi eventi europei impongono a tutti i cittadini una profonda riflessione a proposito della politica estera italiana», spiegano i 5 Stelle in una nota sul blog di Grillo, accompagnata da un video-editoriale del deputato Manlio Di Stefano. «Il governo è totalmente in preda agli eventi, elargisce solidarietà a destra e a manca ma non agisce in alcun modo, anche perché tirato per la giacchetta da una parte e dall’altra», è la premessa. L’esecutivo «nicchia, non prende posizione, si accoda alle grandi cordate e non si guarda dentro». Tocca quindi al Parlamento provare a fare «quello che il governo non ha il coraggio di fare», ovvero: «Discutere di un cambio nella nostra politica estera». Tema decisivo e urgentissimo, dal momento che «tutt’intorno una Terza Guerra Mondiale a pezzetti prende sempre più piede». Continua QUI

The Reasons Why The Globalists Are Destined To Lose 

Under the surface of almost every sociopolitical and economic event in the world there burns an ever-raging, but often unseen, war. This war, for now, is fought with fiction and with truth, with journalistic combat and with quiet individual deeds. It is defined by two sides which could not be more philosophically or spiritually separate.

On one side is a pervasive network of corporate moguls and elites, banking entities, international financial consortiums, think tanks and political puppets. They work tirelessly to reshape public psychology and society as a whole into something they sometimes call the “New World Order;” a completely and scientifically centralized planet in which they control every aspect of government, trade, life and even moral compass. I often refer to them simply as the “Globalists,” which is how they at times refer to themselves.  

Continues Here
 

Goal Reached? Military Coup Attempt
Disempowers Turkish Armed Forces 

Despite the much-discussed failure of the coup attempt in Turkey, retired Turkish Admiral Turker Erturk told Sputnik Turkiye that it has actually reached its point: the actual target of the attempted overthrow, instigated by CIA, were the Turkish military, out of fear that they would hamper the “Greater Middle East” project. Continues Here

 

NATO: Agent for the Provocation of Perpetual War
Poland Occupied by Foreign Armies
 

Julian Rose

Contributor,  ZenGardner.com

Poland, a Country repeatedly occupied by foreign armies in the past, is once again suffering the humiliation of foreign troops encroaching upon her sovereign territory. Only this time, the occupying armies are under the flag of NATO and the agenda is the establishment of an ostensibly anti Russian ‘war theatre’ – a logistical bridge-head in preparation for a possible Third World War.

Not surprisingly, I am deeply troubled by this manoevring. As a British citizen working in Poland for the past fourteen years, I feel a keen sense of the injustice being perpetrated upon the Polish people. Most fail to realize that the nation is being led down a road which could end-up establishing a dangerous precident: a near permanent US led foreign army on Polish soil. Continues Here

 

Gianroberto Casaleggio: #io non mollo

M5s, è morto Gianroberto Casaleggio. Grillo: “Hai lottato fino alla fine”

#CiaoGianroberto

Gianroberto Casaleggio morto, addio al co-fondatore del Movimento 5 Stelle

“Casaleggio era ricoverato in una struttura dell’istituto Scientifico Auxologico. La notizia è stata confermata all’Ansa da ambienti del M5S, del suo studio Casaleggio Associati e da fonti sanitarie. Nell’aprile del 2014 Casaleggio era stato operato di urgenza per un edema al cervello al Policlinico di Milano.” Fonte

Gianroberto Casaleggio su WikipediA

L’eterno risorgere del Gattopardo

A FURIA DI EVOLVERSI IL M5S E’ DIVENTATO IDENTICO AL PD. LO STRANO CASO DEL DOTT. DI MAIO 

di Francesco Maria Toscano

Quanto sono lontani i tempi in cui Beppe Grillo, in maniera sibillina, spiegava come il governo Letta fosse condizionato fin dalla nascita da “manine straniere” (clicca per leggere). E come sono lontani i tempi in cui il M5S- da bravo scolaretto- si limitava a recitare il ruolo di “sfogatoio” buono per assorbire e paralizzare il dissenso delle tante vittime di un sistema politico tradizionale violento, nazistoide e perverso. 

Oggi le cose sono cambiate. E come insegna il manuale dell’ipocrita perfetto si può dire la verità e difendere gli interessi dei poveri e dei deboli solo stando volutamente all’opposizione; quando si entra nella stanza dei bottoni, invece, bisogna assorbire concetti come “responsabilità” e “moderazione”, termini orwelliani che indicano la disponibilità a garantire continuità sostanziale con il passato fingendo di cambiare tutto solo in superficie. L’eterno risorgere del Gattopardo insomma. Il Movimento 5 Stelle adesso mostra senza pudori il suo vero volto, passando all’incasso dopo avere per anni fatto diligentemente il “lavoro sporco”. 

Il Sistema massonico dominante, quello che controlla giornali come l’Economist (clicca per leggere) o il Financial Times, comincia guarda caso a tessere le lodi dei “grillini”, finalmente pronti all’ingresso nelle stanze del potere previa avvenuta maturazione constatata direttamente dai soliti infallibili incappucciati muniti di grembiule (ovvero manifesta disponibilità nel servire gli interessi della Alta Massoneria e della Alta Finanza).

Da un lato i seguaci del guru Casaleggio negano la tessera ai “massoni paesani” iscritti in qualche innocua loggetta di provincia composta magari perlopiù da tromboni retorici e demordé; dall’altro però non si fanno scrupolo nel vezzeggiare, blandire e baciare l’anello dei massoni che non fanno folklore ma contano per davvero, “iniziati” potenti come quelli che hanno recentemente chiamato a rapporto quel damerino di Luigi Di Maio (clicca per leggere) per istruirlo a dovere e, magari, cominciare a “levigarne la pietra grezza” in vista di una ventilata e prossima ascesa nell’empireo del potere sorretta dall’occhio benevolo del “Grande Architetto” dall’accento inglese (per cogliere l’invadenza anglosassone nella storia recente italiana leggere “Il Golpe Inglese” e “Colonia Italia”). 

Questa doppia morale suscita effettivamente schifo e ribrezzo, facendo tornare alla mente esempi del passato non proprio edificanti. Tutti sanno, ad esempio, che in apparenza tanto il fascismo di Mussolini quanto il nazismo di Hitler perseguitarono la massoneria.

Pochi sanno invece come tanto il fascismo quanto il nazismo ricevettero cospicui aiuti finanziari da importantissime centrali massoniche sovranazionali, vere levatrici di due fenomeni politici passati alla storia come sublimazione stessa dell’infamia e della vergogna imperitura (Vedi, tra gli altri, Antony C. Sutton, Wall Street and the rise of Hitler).

Oggi il copione si ripropone, validando una volta ancora quella nota profezia di Karl Marx secondo la quale la “la storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa”. Duri, puri e intransigenti con i massoni da dopolavoro ferroviario; servizievoli, carini e accorti con i massoni di spessore. Sinceri complimenti.

Noi del Moralista, a differenza di tanti altri, non possiamo dirci stupiti della parabola assunta dal Movimento 5 Stelle, avendo compreso con discreto anticipo sia il ruolo di Casaleggio (clicca per leggere), che quello di Luigi Di Maio, vero politicante da batteria cresciuto rapidamente con gli estrogeni (clicca per leggere). 

La nuova linea del Movimento 5 Stelle prevede quindi la difesa dell’euro e la richiesta di più flessibilità all’Europa, elevando perfino il premier inglese Cameron a modello da imitare (clicca per leggere). Stiamo parlando dello stesso Cameron che in patria distrugge il welfare dei suoi cittadini e all’estero combina guai ammazzando a piacimento dittatori sgraditi alla Gheddafi in compagnia di altri sanguinari personaggi come Hillary Clinton e Nicolas Sarkozy.

In conclusione: il Movimento 5 Stelle, a furia di “progredire”, è diventato identico al PD (manca solo che dicano che “ci vuole rigore ma anche la crescita”). La teoria darwiniana sul miglioramento e sull’evoluzione della specie è quindi oggi definitivamente smentita nei fatti. E anche le teorie “spenceriane”, quelle che innalzano il “progresso” a “signore della Storia”, non si sentono tanto bene.

Francesco Maria Toscano

http://www.ilmoralista.it/2016/03/24/a-furia-di-evolversi-il-m5s-e-diventato-identico-il-pd-lo-strano-caso-del-dott-di-maio/