Archivi tag: Giganti

Il Faraone Gigante

5.000 anni fa, un ‘gigante’ dominò l’Antico Egitto

Un antico faraone egiziano chiamato Sa-Nakht, dalla terza dinastia, era l’antico gigante dell’Egitto.

Sa-Nakht governò la civiltà del fiume Nilo circa 1.000 anni prima che Ramses II salisse al trono. Ramses, era considerato estremamente alto migliaia di anni fa, con un’altezza di circa 1,75 m, ma, era “sovrastato” dalla dimensione del faraone Sa-Nakht.

Sa-Nakht o Sanakht da anni è rimasto un enigma per gli esperti, dato che le informazioni riguardanti la sua dominazione, quando ha assunto la carica, quando è morto e su che tipo di faraone era, è rimasto ambiguo nel tempo. Quello che si sa di questo faraone è dovuto a diversi esperti che sono riusciti a raccogliere nel corso degli anni alcune reliquie che sono sopravvissute per più di 5000 anni.

Se si da un occhio ai registri dell’antico e storico egiziano Manetho (Manetone) e nella lista dei re di Torino, Sa-Nakht ha governato l’antico impero egiziano per 18 anni, ma molti archeologi sostengono che il periodo di tempo esatto rimasto sul trono rimane un mistero. La sua esistenza è attestata da frammenti di guarnizioni trovati a nella mastaba K2 a Beit Khallaf e un graffito – un marchio deliberato fatto da graffiti o incisioni su una grande superficie come un muro.

Negli ultimi anni, grazie a numerose scoperte archeologiche ad Abydos, la posizione di Sa-Nakht come fondatore dell’antica dinastia egiziana regnante d’Egitto, registrata da Manetho e dalla Roya Torino Canon, è stata seriamente minata, creando come mai prima d’ora più confusione intorno all’antico faraone egiziano.

Ok, quindi cosa sappiamo? Quello che sappiamo è che era un vero GIGANTE per il suo tempo. Si ritiene che nel 1901, nel piccolo villaggio di Beit Khallaf gli archeologi hanno scavato i resti di Sa-Nakht. I resti scheletrici appartenevano ad un uomo che si levava in piedi a 6 metri e di larghezza 1,6 pollici, quasi 2,00 metri. Questo avrebbe reso il faraone Sa-Nakht un vero gigante.

Secondo studi precedenti, l’altezza media per gli uomini intorno a questo tempo era di circa 5 metri secondo il co-autore dello studio Michael Habicht. Secondo Charles S. Myers, nel libro “Le ossa di Hen Nekht, un re egiziano della terza dinastia”, il cranio di Sa-Nakht era piuttosto grande e capiente.

Anche se la sua capienza cranica era insolitamente ampia e quasi brachicefalo, le proporzioni delle sue lunghe ossa erano regolate tropicamente come quelle di molti altri antichi egiziani in quel momento.

L’altezza di Sa-Nakht era diversa da qualsiasi cosa precedentemente vista. Infatti, era così alto che avrebbe torreggiato sopra Ramesses II, il più alto registrato antico faraone egiziano, alto circa 9 piedi (1,75 m), che governò l’antico Egitto 1000 anni dopo Sa-Nakht. Uno studio pubblicato su The Lancet: Diabetes & Endocrinology, indica come l’antico faraone egiziano possa aver sofferto di Gigantismo.

Gli esperti dell’Università di Zurigo che hanno analizzato accuratamente i resti ritengono che questo è il più antico esempio di gigantismo nella storia umana. Contrariamente alla credenza popolare, l’altezza di Sa-Nakht non gli avrebbe concesso alcun vantaggio sociale, come di fatto vengono raffigurate le statue nelle antiche dinastie dell’Egitto, sono preferite statue più piccole, dal momento che c’erano “molte piccole persone nel servizio regale”, così concludevano gli esperti dello studio.

“Le ragioni di questa inclinazione non sono sempre certe”, ha concluso il coautore dello studio Michael Habicht, un egittologo dell’Istituto di Medicina Evoluzionistica dell’Università di Zurigo.

https://www.ancient-code.com/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

CURIOSITÀ

Tra il lusco e il brusco – il crepuscolo dell’informazione

La Repubblica pubblica fake news

di Massimo Mazzucco
Pubblicato: 19 Febbraio 2017

Nella versione online di oggi La Repubblica ha publicato la seguente notizia, intitolando: “Usa, morto lo “sceicco cieco”: la mente dell’attentato alle Torri Gemelle del ’93 – È MORTO in un carcere di massima sicurezza in North Carolina lo “sceicco cieco” egiziano Omar Abdel Rahman. Era considerato la mente del primo attentato al World Trade Center, quello compiuto il 26 febbraio del 1993, quando nel parcheggio sotterraneo di una delle Torri gemelle fu fatto esplodere un pulmino imbottito con oltre 600 chili di esplosivo che provocò la morte di 6 persone.”

Omar Abdel Rahmannon fu affatto la mente dell’attentato al WTC del ’93. Come si evince chiaramente da questo video, fu la stessa FBI ad organizzare l’attentato, tramite il proprio infiltrato Emad Salem, “dimenticandosi” poi di sostituire la bomba vera con una falsa. Un “errore” che costò la vita a 6 persone.

Da oggi denunceremo sistematicamente qualunque fake news pubblicata dalle testate mainstream.

Denunciamo le fake new

https://www.luogocomune.net/ 

____________________________________________

Fake news: ecco a voi la censura perfetta!
Il Grande Fratello sferra l’ultimo attacco
Marcello Pamio – 19 febbraio 2017

La mannaia della censura viene ogni tanto tirata fuori e fatta oscillata nell’aria, questo da almeno 15 anni senza risultati. Oggi purtroppo sembra che le cose stiano accelerando.

E’ di questi giorni infatti una proposta in Senato che farebbe concretizzare il più grande timore per i diritti e le libertà: il Grande Fratello di stampo orwelliano.

Prima però andiamo a fare un salto nella Commissione Europea, perché lo strumento nelle mani dei potentati economici è stato il primo a incitare alla “lotta contro le fake news”, ossia la lotta contro le notizie false.

Il tutto è iniziato con la guerra contro l’incitamento all’odio su internet, sfociata nel maggio 2016 in un codice di condotta concordato fra la Commissione e le grandi società tipo Youtube e Twitter. Questo era solo l’inizio…

Il passaggio dall’odio sul web alle fake news è stato immediato.

Per le cosiddette notizie false l’establishment è preoccupato, e non è un caso infatti che esso abbia attribuito alle fake tre fatti alquanto sgraditi: la Brexit, cioè l’uscita dell’Inghilterra dall’euro la vittoria del no alla modifica costituzionale in Italia e l’inaspettata vittoria di Trump negli States.

Secondo il Sistema, almeno in questi tre casi i canali di informazione alternativi sul web avrebbero giocato un ruolo decisivo (sorvoliamo sul magistrale lavoretto fatto dagli hacker russi che hanno impedito brogli e manipolazioni dei voti alle presidenziali, cosa questa normalissima e frequente, permettendo così la vittoria di Trump)…

E’ bene ricordare che tutti i media inginocchiati al regime scrivevano all’unisono e a caratteri cubitale che la Gran Bretagna se usciva dall’euro sarebbe precipitata nel baratro economico, flagellata da cavallette e locuste; qui da noi se avesse vinto il no al referendum costituzionale saremo tornati in pieno medioevo, e negli States tutti avevano già pronti gli articoli per la vittoria scontata di Killary Clinton. Ma le cose sono andate diversamente… Continua QUI

______________________________________

 

Le Fake News dei media contro Trump? Il Presidente USA aveva ragione sulla Svezia (Telegraph)! Sembra quasi propaganda fascista….

Il vaso è colmo, adesso basta! Queste sono le parole che disse mio nonno un giorno, nella mezzo della sua gioventù, quando decise di opporsi al nazifascismo.  Dunque, 75 anni dopo, con la redazione di Scenarieconomici.it abbiamo deciso di mettere in piedi una centrale sulle fake news, seria, documentata, fattuale, per evidenziare l’esistenza di un enorme problema. Vi faremo sapere gli sviluppi.

Quello che temo è scoprire che sono proprio i media mainstream a diffonderle, vedremo. La ragione? Mi dilungherei troppo, mi limito a dire che lo scopo facilmente è non fare comprendere alla gente che disastro hanno combinato i governi degli ultimi anni (…). Disastro che si traduce in crisi economiche a cui contribuiscono con loro miseria solo le classi media e bassa, invece le elites globali di stampo neofeudale esplodono di gioia e ricchezza.

Ho visto troppe bugie sui media in questi ultimi tempi, e lo dico senza partigianeria. Continua QUI

_____________________________________

Bufale giganti: per seppellire indizi sui “giganti” veri?

Scheletri di giganti alti 4 metri, scoperti in America e subito occultati: scoperta clamorosa, ma “insabbiata” da una autorevolissima istituzione scientifica come la Smithsonian Institution, un glorioso organismo scientifico finanziato dal sul web in diversi blog, avrebbe «costretto la Smithsonian Institution a rilasciare i documenti classificati risalenti agli inizi del 1900 che dimostrano che l’organizzazione è stata coinvolta in una grande, storica copertura di prove». Documenti che proverebbero «la scoperta di migliaia di scheletri di giganti umani rinvenuti in tutta l’America: fu ordinato di distruggerli dagli amministratori di alto livello per proteggere la principale cronologia corrente dell’evoluzione umana». Davvero? Niente affatto: quegli scheletri non sono mai stati distrutti. E per un semplice motivo: non sono mai esistiti. Lo ripetono in coro altre fonti, sempre su Internet, secondo cui la storia rientrerebbe tra le classiche “fake news”, sempre più in voga per gettare discredito sulle vere notizie che circolano sul web, disturbando gli omertosi silenzi del mainstream. Continua QUI  

______________________________________

La libertà è cosa per pochi  

Didi Bozzini

In un Paese nel quale si vendono oltre centomila copie di È tutta vita di Fabio Volo o La dieta dei gruppi sanguigni (non un ricettario per vampiri, ma l’ennesima guida all’alimentazione sana) del dott. Mozzi, bisognerebbe costituire un comitato di pubblica igiene mentale che si incaricasse della diffusione dei libri di Aldo Busi. È chiaro che in un tale clima di sentimentalismo adolescenziale e isteria salutista, che altro non sono se non i baffi finti della gerontocrazia più cinica e dell’economia più cancerogena, questo resterà un auspicio vano. Quindi, mentre le folle continuano a ruminare idiozie languide e paraecologiche, noi ci accontentiamo di attirare l’attenzione di pochi lettori su una sola pagina dell’autobiografia non autorizzata che lo scrittore ha intitolato Vacche amiche. Una pagina, la numero 104 del volume, nella quale è racchiuso il nucleo dell’etica di Busi. 

La libertà non è un diritto, è un sapere costante nel tempo, una capacità di resistenza alla tentazione di asservirsi, una curiosità per le lande più inesplorate del cervello umano a contatto con il mondo ma innanzitutto a contatto con se stesso, a cui ritorna e a cui deve dare conto di quanto ha fatto fuori il suo portatore. Continua QUI

Bibbia Kolbrin-Il Libro di Enoch-Il Libro dei Giganti

3 testi antichi che mandano completamente in frantumi
la storia così come la conosciamo  

Ci sono numerosi e ‘controversi’ testi antichi che sono stati trovati in tutto il mondo nel corso degli anni. La maggior parte di loro sono fermamente respinti dai tradizionali studiosi in quanto si oppongono a quasi tutto stabilito dagli storici tradizionali. 

Si dice che alcuni di questi testi antichi frantumino le credenze tradizionali e i dogmi i quali sono stati considerati solidi fondamenti della società moderna.

In questo articolo, diamo uno sguardo a tre antichi manoscritti / testi che sono straordinari in ogni aspetto e in grado di frantumare la storia tradizionale come lo conosciamo. 

 I 3.600-anni-della Bibbia Kolbrin 

E’ considerata da molti come il primo documento giudaico / cristiano che enuncia la comprensione dell’evoluzione umana, il creazionismo del disegno intelligente. I principi matematici della Kolbrin riflette l’interesse degli antichi Druidi in astronomia e matematica e parlano di cataclismi globali del passato.

Si tratta di un antico testo che secondo molti studiosi, risale agli ultimi 3.600 anni, ma potrebbe essere molto più antico. Gli studiosi ritengono che questo antico manoscritto sia stato scritto nello stesso periodo che è stato scritto e composto l’Antico Testamento.

La Bibbia Kolbrin è stata scritta da diversi autori. Questo antico testo è costituito da due parti che compongono un totale di 11 antichi libri.

Curiosamente, questi antichi testi è creduto per aver descritto la storia della citata creazione umana. È importante sottolineare che esistevano diverse antiche civiltà sulla Terra prima della creazione di Adamo ed Eva.

Alcuni hanno anche classificato la Bibbia Kolbrin  come la prima antidiluviana ‘Bibbia’. L’antico testo descrive – tra le altre cose – gli Angeli Caduti.

Il Libro di Enoch

Da quando si è scoperto il Libro di Enoch, è stato considerato uno dei più controversi antichi testi scoperti sul pianeta. Il Libro di Enoch è un antico manoscritto ebraico-religioso che viene fatto risalire a Enoc, il bisnonno di Noè. Il libro di Enoch è considerato da molti studiosi uno degli scritti apocrifi non canonici più influenti. Si è creduto che abbiano fortemente influenzato le credenze cristiane. 

  • Questo antico testo descrive (nella prima parte) la scomparsa dei Guardiani e, gli angeli che generarono i Nephilim.
  • Il libro si compone di cinque sezioni principali ben distinte (vedi ogni sezione per i dettagli):
  • Il Libro degli osservatori (1 Enoch 1-36)
  • Il Libro delle Parabole di Enoch (1 Enoch 37-71) (chiamato anche le similitudini di Enoch)
  • Il libro astronomico (1 Enoch 72-82) (chiamato anche il Libro dei Luminari celesti o Libro delle illuminazioni)
  • Il libro della Visione dei Sogni (1 Enoch 83-90) (anche chiamato il Libro dei Sogni)
  • La lettera di Enoch (1 Enoch 91-108)

Il Libro dei Giganti 

Questo antico testo sembra risalire a oltre 2000 anni e dimostra – Secondo molti autori – che gli antichi Nephilim erano esseri reali e viene descritto di come sono stati distrutti.

Nelle grotte di Qumran, nei pressi del Mar Morto, alcuni decenni fa, dei ricercatori si sono imbattuti nella scoperta di Rotoli molto antichi. In particolare, il Libro dei Giganti che parla di creature che hanno abitato il nostro pianeta in un lontano passato e di come sono stati distrutti. 

Il Libro dei Giganti – che tra l’altro è incompleto, offre una prospettiva diversa sui Nephilim.

Secondo il testo antico, dei giganti – I Nephilim – divennero consapevoli del fatto che a causa dei loro modi violenti, si trovarono ad affrontare una imminente distruzione. Hanno chiesto ad Enoch di parlare per loro conto a Dio.

Il dettaglio narrato negli antichi testi, è di come i Nephilim – che vissero sulla Terra – abbiano creato il caos e la distruzione.

http://www.ancient-code.com/3-ancient-texts-that-completely-shatter-history-as-we-know-it/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Sa 

Articolo correlato: Il libro di bronzo – Colebrook

“GIGANTI” – “TITANI” – “umani”

por Ron McVan
01 Julio 2007
del Sitio Web Vinlandfolkresistance
traducción de Editorial-Streicher
22 Agosto 2016
del Sitio Web Editorial-Streicher
Versión original en ingles

 I Figli del Tuono

L’artista e scrittore americano Ron McVan (1950), che è stato associato con l’illustre David Lane e sua moglie Katja, nove anni fa ha scritto in castigliano il seguente e breve testo.

Uno studio su personaggi remoti dell’antichità, fatti di recente ha portato a prove di leggende e mitologie sui Giganti, che secondo quanto l’archeologia scopre continuamente non sono storie false.

Questo articolo può essere trovato in inglese sul sito Web Vinlandfolkresistance.

I “miracoli nella vita …
O meglio, la vita è tutto un miracolo. ” 

Ogni paese sembra avere all’interno dei suoi miti e leggende a volte molto distanti che fanno riferimento  a uomini di colossali e incredibili dimensioni e forza che si stenta a credere abbiano mai camminato sulla Terra.

I miti della storia sono mascherati e portano i giovani di tutto il mondo, dove l’atmosfera è più vicino al cielo, più vicino agli uomini che degli dei, e il tempo più vicino all’eternità.

La memoria della mente ha dimenticato molto tempo fa il suo passato, ma il ricordo del sangue conserva ancora al buio, l’antica magia selvaggia e la paura mistica del tempo dei Titani.

L’uomo moderno è felice di minimizzare l’importanza di tali epoche della storia come soggetto delle fiabe, e tuttavia la crescente evidenza continua a dimostrare il contrario.

Poiché non vi è alcun enigma che i dinosauri esistevano, dal momento che abbiamo le ossa, la carne e le sue orme, ma per quanto riguarda il gigante umano?

Prima di tutto bisogna andare indietro ai primi tempi in cui si credeva che i giganti erano i veri figli degli dei che sono venuti dal caos avvolti nella nebbia.

Con l’evoluzione, il pianeta Terra per eoni di tempo e miliardi di anni ha sviluppato una varietà infinita di specie viventi, molte delle quali si sono alternate nell’andirivieni, dove la storia ha davvero avuto inizio ?

A Londra, in Texas, per esempio, nel 1934 un piccolo manico di legno è stato trovato che sporge da una scogliera di roccia solida.

La roccia è stata spaccata e aperta nel 1947 da dove è scaturito una testa di metallo martello e all’altra estremità un manico in legno. L’età delle rocce analizzate è stata misurata in segmenti di tempo a 50.000 anni.

Quanti anni ci saranno voluti perché una roccia solida si formasse attorno a un martello?

Questo porta poi alla questione di come in molte epoche intere civiltà siano state completamente cancellate dalle liste della storia del genere umano a causa di molti disastri del passato?.

Il fatto è che il principio della storia umana si dissolve in un buio crescente, la grande età della nostra preistoria, Atlantide arriva di soppiatto a farci visita di nuovo. La leggenda di Atlantide sembra essere solo la fine di una memoria simbolica di una cultura perduta, una tenda che si chiude in un’epoca d’oro passata.

Molti fatti indicano che queste prime civiltà non erano affatto quelle che hanno iniziato tutto; invece, erano i resti di civiltà perdute molto più antiche.

Oggi, alla luce delle conoscenze accumulate su Atlantide, che conseguentemente più o meno sarebbe giusto dire che la loro distruzione ha anche segnato la fine dell’era delle razze giganti.

Lo scienziato austriaco molto competente Otto Muck [1892-1956] ha svelato molto del mistero circa la distruzione di Atlantide. Secondo la sua indagine sul disastro, la Terra sarebbe poi stata colpita da un asteroide nella zona del Mar dei Sargassi.

L’asteroide in realtà si sarebbe diviso in due prima di collidere con la Terra causando un doppio impatto. I crateri lasciati dagli impatti (che sono ancora ben visibili sul fondo dell’oceano) possono ora essere visti dai satelliti della NASA.

Al tempo delle indagini di Muck è stata visionata l’intera area con immersioni intorno al luogo dell’impatto.

Gran parte della pioggia di meteoriti che hanno seguito gli asteroidi hanno colpito le aree territoriali del Nord e Sud Carolina (USA) hanno lasciato un campo di crateri anche ben visibili, utilizzando i satelliti della NASA.

L’ingegnere Muck ha spiegato che questi asteroidi (ancora concentrati in quella zona dell’impatto) contengono molti miliardi di tonnellate di nickel. Ciò potrebbe spiegare il caos inusuale degli strumenti di misura in dotazione alle barche, navi e aerei che sono scomparsi nel noto Triangolo delle Bermuda.

Molti ricercatori hanno speculato circa la data sulla distruzione di Atlantide, che varia tra 10.000 e 12.000 anni.

Otto Muck non era soddisfatto di indovinare e speculare, ha fatto un’accurata ricerca sulla datazione, basandosi principalmente sulla precisione del calendario Maya. Egli individua il momento esatto della fine di Atlantide alle ore 20:00 locali, il 5 giugno 8498 a.C.

Il Nordic Edda sono una sorta di documento germanico di Atlantide, vale a dire, una descrizione del sito della “isola sacra” nella regione di ambra nell’età del bronzo, la sua distruzione causata da incendi e inondazioni, (distruzioni che si sono verificate in tutto il mondo), e la sua ricomparsa in un secondo momento.

Nel regno degli dei norreni conosciuti come Asgard, era noto il mjot vithr, “l’albero di misura”, noto anche come “cenere Yggdrasil”.

Questo albero, secondo l’Edda, è un simbolo centrale polare del cielo.

La parola Æsir [degli dei, norreni] deriva dalla parola che significa che è il polo o cielo, la colonna centrale dell’isola.

Diverse fiabe europee sono legati all’albero del mondo, come Cenerentola, che si traduce come “la ragazza dalle ceneri” [scorie = cenere; ash = cenere]. Nella storia di Jack e il fagiolo magico che deve salire il fusto dell’albero o del mondo per raggiungere la terra dei giganti.

Nel territorio di Atlantide, il gigante Atlante, è uno dei loro governanti e figlio del dio titano Poseidone, delle Esperidi, dall’Isola dei Beati, che possiedono le mele d’oro.

Nel pantheon norreno la dea Idun mantiene le mele d’oro nella cenere del suo petto, gli dei devono sempre dimostrare la loro giovane età. L’Edda Nordica ha conservato esattamente i ricordi dei tempi di Atlantide da cui deriva il nome “Golden Age”.

Nel Gylfaginning [prima parte del Edda in prosa, Sturluson] racconta come dopo Ragnarok (la fine dei tempi) Æsir si è seduto insieme agli altri per parlare con loro, facendo venire in mente la saggezza segreta e gli eventi di quei tempi che li hanno portati al successo …

Poi si sono trovati nell’erba quegli scacchi d’oro che Æsir aveva. Secondo l’Edda, l’Æsir ricorda la loro saggezza segreta; la parola “saggezza segreta” in norvegese è “Runar”, che significa anche “rune”.

Il dio Wotan è noto per aver dato il suo occhio sinistro alla luna Mimir per farle imparare bene la saggezza segreta del gigante. Mimir era il gigante più saggio del mondo ed è stato responsabile dell’antica conoscenza sacra.

In Atlantide i dieci re governanti indossavano mantelli blu. Wotan in Asgard era noto anche per aver indossato lo strato simbolico di cielo azzurro, come il dio Apollo era noto per avere i capelli tinti di blu che nasceva tra l’hiperbóreos del Nord. Tutta cosmologia teutonica della creazione inizia con i giganti.

Questi erano i giganti primordiali della tenera età del ghiaccio, la “Ur-Homines ” i cui discendenti avrebbero dato alla luce dopo Wotan e i suoi fratelli Vili.

Più tardi, quando i Giganti sono diventati una minaccia per gli dei di Asgard, a loro volta sono stati chiamati nemici.

Thor, figlio di Wotan, era noto tra gli altri nomi come “Assassino Giant”. In sostanza, il gigante è un simbolo di malcontento, per il quale hanno provato a detronizzare gli dei distruggendo il lavoro dell’uomo.

L’impresa del protagonista è quello di ripristinare l’equilibrio che era stato sconvolto dai giganti per sovvertire l’ordine universale.

“Gli uomini divini, andres theioi, alti dirigenti della repubblica ateniese, corrispondono alle ‘Suns di Dio”, i dieci re di Atlantide. In un caso abbiamo il padre del ‘seme’ Okeanos; in un altro, della Madre Terra, Gea. Ma in entrambi i casi Dio ha nominato custodi di uomini, Phylakes, una classe speciale di uomini, non solo politicamente, ma anche fisicamente.

Erano soprattutto quegli “uomini divini”, quei “Dei-uomini” … che erano saggi e profeti “. Platone

“Ha vissuto nella vostra terra (prima del diluvio) una razza più bella e più nobile degli uomini che sia mai vissuta,” afferma il sacerdote di Sais a Solone, “del quale voi e tutta le vostra città siete, un seme o un residuo” Platone, Crizia

In tutta la mitologia occidentale sono molte le leggende e i riferimenti europei  ai giganti nei primi giorni di Atlantide.

Altrettanto importante è l’eredità di Atlantide che rimane nella cultura, minoica e l’inizio egiziano e, di come essi stessi siano l’emanazione dell’Impero di Atlantide.

E’ importante notare che due papiri egiziani sono stati esaminati da Heinrich Schliemann nel Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo contenente le seguenti informazioni su Atlantis:

“Il faraone ha inviato una spedizione in Occidente per raccogliere le tracce di Atlantide, dove, 3.350 anni prima che gli antenati degli egiziani, sono venuti portando con sé tutta la saggezza della loro terra natale.”

Heinrich Schliemann, noto per la sua scoperta delle grandi – città perdute di Troia e Micene, ha anche trovato manufatti di Atlantide che avevano la scritta “Cronos di Atlantide”.

Cronos era conosciuto come il padre di Zeus.

“C’erano giganti sulla terra in quel momento.” Genesi 6: 4

Papa Gregorio ha ordinato di distruggere la letteratura classica,

“Il fedele non può distrarsi nella contemplazione del cielo.”

La Bibbia, tuttavia, non poteva ignorare certe realtà preistoriche che hanno dato la legittimità di alcune delle loro storie. Che comprendeva l’esistenza di antichi giganti umani.

In diversi segmenti di quella Bibbia si possono trovare passaggi come questi:

«E noi abbiamo visto i giganti, figli di Anak, che provengono dei giganti: e siamo rimasti al cospetto dei loro occhi come locuste.” numeri 13:33

“E ci fu un’altra battaglia a Gath, dove un uomo (nato da Giganti) di grande statura, che aveva sei dita per ogni mano e sei dita per ogni piede, in totale. 2 Samuel 21:20

Molti secoli lontani dell’uomo sulla terra potrebbero essere stati persi per sempre nel tempo.

I tempi noti per gli Atlantidei erano:

  • il Polar
  • Hyperborea
  • Lemuria
  • l’Atlante, che conduce al tempo dell’Aria

Le originali antiche razze di Atlantide erano molto alte di statura, tra 3 e 3.6 e 4.5 mt. di altezza.

Oggi, secondo i nostri standard, questi erano certamente dei giganti.

L’anglo – sassone denominato Etin, è ancora narrato nelle leggende scozzesi, è lo stesso scandinavo jötunn, la via, entrambi possono essere filologicamente confrontati con il Titano greco.

“Figli del Cielo e della Terra, Titani coronati di gloria, lontani dai loro genitori che vivono nel Tartaro buio, sono le fonti della vita e la fonte di tutte le creature che soffrono”.

L’antica preghiera Orfica 


L‘alta tribù Aurignaziana degli Atlantidei, fu poi succeduta dall’Aziliano, che ha invaso l’Europa in ampiamente differenti periodi.

La gigantesca popolazione Aurignaziana, durante quel periodo di storia era fisiologicamente di gran lunga superiore a qualsiasi tipo umano esistente. Ma alla fine sono stati sostituiti dall’Aziliano un popolo ancora alto ma molto più piccolo.

Lall’Aziliani, in seguito, sono stati i precursori della razza iberica.

Gli iberici erano una popolazione più piccola degli Aziliani, fisicamente ben sviluppati ma normale per i nostri attuali standard. Gli iberici erano un ramo delle tribù ariane, con capelli nerissimi, che sono stati creduti essere i fondatori del primo druidismo.

La loro razza si è mescolata in una buona parte con i Celti, Egizi, ispanici e diverse tribù costiere lungo le rotte di navigazione e commercio, sulla costa occidentale d’Europa, del Mediterraneo e del Nord Africa.

La maggior parte della loro gente sono diventati i minoici di Creta.

La mescolanza Celtica e iberica viene oggi comunemente indicato come i “Black irlandesi“.

“In alto, sopra regnava il Padre degli uomini, che minacciosamente tuonava verso il basso, Poseidone ha ampliato il mondo facendo tremare le alte vette … tale era la confusione quando la battaglia degli dei è iniziata.” Omero Iliade, XX

Per quanto riguarda la mitologia, Poseidone è un nome derivato da Potei-Don, che significa “Signore dell’acqua”.

In passato era conosciuto come “lo scuotimento della Terra. Potei-Don” è stato anche il grande dio titano di Atlantide.

Titano ha avuto tre figli:

  • atlante
  • Albione
  • Iberius

Atlas è diventato il dio di Atlantide, Albion, il dio della zona di quello che ora è la Gran Bretagna, e Iberius, Dio d’Irlanda.

Con l’affondamento di Atlantide, Atlas è anche diventato oggetto di mitologia.

Anche gli inglesi hanno una leggenda storica, la terra di Albione è rimasta abitata da giganti. Il più giovane Anthenor di Troia, Bruto, figlio impegnato in battaglia con il gigante Albion, accompagnato da un gruppo di Troiani esiliati sotto il comando di un campione lottatore chiamato Corineo.

Bruto è approdato in quello che è oggi il porto di Southampton.

Quando è arrivata la notizia dell’invasione, Albione ha impiegato un gigante molto possente e andò a cercare Bruto. E’ stata combattuta una sanguinosa battaglia in cui sono stati sconfitti i Troiani molti di loro sono stati uccisi, costringendo il suo esercito a ritirarsi.

Bruto non si è dato per vinto.

Durante la notte sono state scavate delle profonde e lunghe trincee con pali appuntiti che sono stati collocati sul loro suolo. Poi, i giganti, sono stati sfidati in una seconda battaglia. Questa volta i Troiani sono emersi vittoriosi, mettendo in fuga i restanti giganti in Cornwall, tallonati dagli uomini di Bruto.

A quel punto, Bruto ha deciso che sarebbe stata saggia l’idea di dividere l’isola in due, in quanto avrebbe potuto facilitare il controllo della razza dei giganti, mantenendo il resto di Albione presso il proprio dominio e rinominare l’altra metà dell’isola come la Gran Bretagna.

In una successiva sanguinosa battaglia d’Albione è stato ucciso da Bruto suo fratello Gogmagog, il più potente dei giganti in Gran Bretagna, è stato ucciso dal guerriero Corineo, che ha scaraventato il mostro giù da una rupe.

Quella scogliera sarà conosciuto in seguito come Lan-Goemagog o il Salto dei Giganti. Alba è un nome celtico derivato da Albione, da dove la Scozia ha preso il nome da Albania.

Dietro le opere profetiche del visionario artista e poeta William Blake, nel suo poema “Albion” si riferisce non solo alla Gran Bretagna, ma alla perfezione dell’umanità stessa, dove la vecchia età dei Titani, e contenuta nei suoi potenti membri e tutte le cose del Cielo e della Terra.

Nel suo catalogo descrittivo, Blake spiega che i figli di Albione, un tempo erano le figure archetipiche della “Golden Age”.

In quei giorni, la persona più conosciuta che è entrata e ha soggiornato in Roma è stato  Claudio Cesare. Il suo nome era Gabbaras, guidato dall’imperatore dall’Arabia.

Era alto 2,90 mt. Questo è importante per capire che i giganti sono completamente diversi degli antichi Titani, che erano la generazione originale degli dei, semi-divini “Ur-Homines”.

In California e Arizona sono stati rinvenuti scheletri di giganti alti 3,60 mt, con sei dita per ogni piede. Nei suoi scavi in Moravia l’archeologo Burkhalter ha trovato strumenti di pietra lunghi più di 3 metri di peso compreso tra 13,5 e 18 chili.

Le prove hanno dimostrato che questi strumenti non erano simbolici, ma erano stati utilizzati.

In epoca preistorica lAntica Creta era una propaggine dell’impero di Atlantide. Alcuni ritengono che Atlantide esisteva nelle regioni africane più vicine alle regioni del Nord-Ovest della Spagna vicino alle Colonne d’Eracle (Ercole). Le montagne dell’Atlante, montagne vicine al Marocco, gli antichi credevano che erano state così chiamate da Atlas, il titano di Atlantide.

Una scoperta elettrizzante è stata fatta ad Agadir, in Marocco, dove il capitano francese La Fanechere ha scoperto un arsenale completo di armi da caccia che comprendeva 500 doppie – assi da taglio del peso di 8 chili.

E’ stato stimato che per gestire quel tipo di scure, si dovrebbe dovuto avere le mani come un gigante con un’altezza di almeno 3,90 mt. Il capitano Fanechere potrebbe aver scoperto un insediamento dei giganti in una delle zone delle regioni di Atlantide.

Oggi, le menti incredule rimangono ancora chiuse come quando si era nel Medioevo, nonostante prove solide vengono presentate loro.

Quindi dobbiamo prendere in considerazione la scoperta di un gigante trovato sepolto con la sua armatura.

La scoperta è stata riportata da Hugh Hodson di Thorneway nel 1601, che si trova a Cumberland, Inghilterra.

“Questo gigante è stato sepolto a 3,60 mt. Nel profondo della terra, che ora è un campo di grano.

Misurava 4.10 mt. di altezza completo di armatura completa: con la sua spada e ascia astante da battaglia. La sua spada era di due piedi [40 cm]. Ampia, e più lunga di 1,80 mt.

la cima della sua ascia da battaglia era lunga e misurava 90 cm, e lo stesso asse, tutto di ferro, era spesso come la coscia di un uomo, lungo più di 1,80 mt. …

I suoi denti misuravano 15 cm. di lunghezza e 5 cm. d’ampiezza; la fronte era larga più di 50 cm. L’osso della mandibola poteva contenere 6 chili di farina d’avena.

La sua armatura, le armi come spada e l’ascia sono dove risiede il signor Sands, Redington e Mr. Wybers in St. Bees.”

Samuel Jefferson
La Storia e Antichità di Allerdale Ward, 1842
preso il manoscritto Machel, Carlisle, vol. VI

Ai nostri tempi moderni di tanto in tanto sentiamo parlare di anomalie in cui un essere umano raggiunge l’altezza di 2,40 o 2,70 mt., Ma ancora una volta questi casi sono rari.

Il gene biologico che produce il gigantismo nella statura degli esseri umani è un’anomalia che è quasi estinta. Se torniamo indietro di qualche secolo, quando il mondo era enorme e non ancora completamente esplorato gli avvistamenti dei giganti erano più frequenti.

Mentre la flotta di Magellano era nel porto di San Giuliano [Southern Argentina] nel giugno 1520, un gigante nativo è apparso sulla spiaggia vicino alla barca.

“Quell’uomo,” dice Pigafetta, un compagno di Magellano, “era così alto che le nostre teste a malapena raggiungevano la sua vita, e la sua voce era come quella di un toro.”

Il più piccolo dei particolari del nativo era molto più lungo e più ingombrante rispetto a Magellano e a uno dei suoi uomini.

Con uno stratagemma sono riusciti a mettere ai ferri due dei nativi, destinati ad essere portati in Europa. Entrambi sono morti prima del previsto viaggio.

Anthony Knyvet, che ha accompagnato Cavendish nel suo secondo viaggio disastroso e attraversò lo stretto [Magellano] nel mese di aprile 1592, parla di aver visto dei nativi della Patagonia alti da 14 a 16 campate (ovvero, tra 3 e 3,50 mt. ) di altezza.

Sebald de Weert, che ha visitato lo stretto nel 1598, parla dei nativi alti come da i 3 e 3,30 mt.

Joris van Spilbergen il 3 aprile 1615 che ha visto,

“Un uomo alto di straordinaria statura” che guardava le loro barche dal lato sud dell’ingresso per l’Oriente.

Nel ranch Lampock in California nel 1833 alcuni soldati hanno scoperto durante gli scavi uno scheletro di 3,65 metri di lunghezza e circondato da conchiglie lavorate, asce di pietra pesanti e rocce coperte con la scrittura incomprensibile.

E, uno simile è stato scoperto sull’isola di Santa Maria vicino a Los Angeles.

Nel luglio 1887 Ronald Charles Calais dice:

“Quattro uomini in cerca di metalli preziosi a Spring Valley nei pressi di Eureka, Nevada, hanno notato uno strano oggetto che fuoriuscuva da una roccia.

L’oggetto era un osso di una gamba umana, perfettamente rotto sopra il ginocchio. Dopo lo smaltimento di quarzite intorno alla gamba è stato portato a Eureka dove i medici lo hanno esaminato con attenzione. La gamba era senza dubbio quello di un uomo, e che uomo!

dal ginocchio al tallone misura 99 centimetri, il che significava che l’uomo deve aver avuto una altezza di 3,65 metri “.

Da sempre prima che gli dei apparissero e si manifestassero in mezzo a noi, e quando questo è accaduto, hanno sempre offerto gloriose ecatombi, hanno sempre partecipato con noi seduti allo stesso tavolo, e anche se un viaggiatore si è trovato da solo con loro, non hanno mai avuto ragione di travestirsi, visto che noi siamo parenti stretti di loro, come i Ciclopi e le tribù selvagge dei giganti “.

Omero, Odissea, VII

L’eminente scrittore Omero nella sua epica tomi l’Iliade e l’Odissea dà vita a un mondo vivido di dei, giganti ed eroi immortali.

Egli ha anche introdotto nel mondo della letteratura il più ricordato di tutti i giganti, il ciclope Polifemo, un flagello di umano e ubriacone che mangiava i greci un occhio. Quel personaggio impressionante alla fine viene sconfitto dall’astuzia di Ulisse.

Quella storia nell’Odissea ha lasciato l’impressione che Polifemo sia un residuo di una razza di ciclopici giganti di tempo fiorente molto lontano.

Ciò che è evidente anche nella ricerca del mito dei Ciclopi è che sembra ci siano stati due tipi di questi giganti. I primi ciclopi appaiono semi-divini e molto superiori all’uomo, e le specie successive si caratterizzano come incivili e come pastori di poco ingegno che sembrano a seguire ciò che tutti in generale seguono.
Il ciclope, caratterizzato dalla presenza di un occhio alla nascita, posto nella parte anteriore, è molto raro oggi.

O è un occhio epicerebrale, in qualche modo collegato allorgano parietale [occhio parietale o pineale] atrofizzato nell’uomo moderno, o un caso patologico.

Come una deformità, è il movimento di entrambi gli occhi verso il ponte del naso, dove vengono mescolati in un occhio.

La storia di Titanomaquia, o la guerra divina contro i Titani, riferisce che Urano, il primo sovrano del mondo, ha gettato i loro figli, Briareo e Gige Coto, la Ecatonchiri o Centímanos, nel Tartaro, insieme con il Ciclope,

“creature con occhi rotondi e circolari, i pastori giganti della Sicilia”.

Entrambi cromañones come i Ciclopi sembrano essere stati aborigeni degenerati di Atlantide.

Il Cro – cranio Magnon era grande, le orbite dei suoi occhi erano enormi, e tutto il suo fisico era possente.

Ci sono ampie prove disponibili sulla precedente esistenza del Cro-Magnon, ma che dire di quella strana specie esotica che sono diventate note nella mitologia come il ciclope di un occhio?

Il fatto stesso che un occhio dei giganti siano rimasti un elemento stabile per così tanto tempo nella letteratura occidentale, lascia un seme di pensiero concreto che  tempo fa sia esistito.

I Ciclopi talvolta sono stati conosciuti dall’uomo come gli assistenti, nell’esecuzione di grandi compiti di là delle nostre capacità, come lo spostamento di enormi pietre e lavoro per edifici e muri. Questi sono ancora oggi conosciuti come pietre ciclopiche.

Tali pietre irregolari enormi così accuratamente lavorate e messo in atto rimangono ancora un enigma per il mondo.

Le mura di Tirinto e Micene sono stati attribuiti dai greci del periodo classico ai Ciclopi, perché sembravano troppo difficile per semplici umani sollevarle.

Le pareti che presentano analogie identiche possono essere trovate in Perù, e in edifici in pietra subacquei di un’epoca passata molto tempo fa sulla costa di Bimini, nelle Bahamas. Ci sono alcune pietre lavorate così incredibilmente grandi e ciclopiche che la più grande gru al mondo non riesce a sollevarle.

Queste sono le tre pietre di Baalbek in Libano, dove i romani hanno posizionato sopra il loro tempio chiamata Heliopolis, o “Città del Sole”. Queste pietre posizionate una sopra l’altra alte come un edificio di cinque piani, e ciascuna dal peso compreso tra 600 e 800 tonnellate.

Il Trilithon di Baalbek

Il mistero si infittisce ulteriormente dalla presenza di una quarta ancora più grande, ma poi è stato abbandonato il taglio in una cava di pietra.

Quasi 1.100 tonnellate e 22 metri di lunghezza, il gigantesco monolite è il più grande pezzo di roccia scavata sulla faccia della terra. Per Spostarlo soli 3 cm. Sarebbe necessario un esercito di più di 16.000 lavoratori messi insieme. 

Il Trilithon di Baalbek

Oggi, con le nostre migliori attrezzature moderne non possiamo gestire pietre di queste dimensioni.

Come lo hanno potuto fare gli antichi uomini?.

Un aspetto unico circa i Titani e i giganti dell’antichità che parla chiaro dalle prove inoppugnabili è che probabilmente erano superuomini sia nel corpo che nella mente.

Erano fondatori di grandi civiltà e portatori di cultura, ingegneri e artigiani.

I giganti sono stati originati su questo pianeta prima o in parallelo con l’età dei dinosauri, o forse potrebbero essere venuti qui da un pianeta lontano delle Pleiadi, che alcune leggende suggeriscono?

Fai a te stesso questa domanda:

  • Dove, quando e perché una specie dha avuto origine?
  • Sono semplicemente apparsi dal nulla o hanno migrano da un pianeta all’altro attraverso le infinite galassie?

Ci deve essere un punto di origine per tutta la vita, ma dove?

Quanto più si guarda indietro nel tempo, dove ci aspetteremmo di trovare l’esistenza di società completamente primitive, tralasciamo di guardare in alto, molto più in alto, di quanto si possa immaginare oggi dalle migliori menti del nostro tempo.

Gli scienziati stimano che l’esistenza della Terra sia di 3.700 milioni di anni.

W. Scott-Elliot ha detto nel suo libro “La Storia di Atlantide”, pubblicato nel 1896, che le origini di Atlantide esisteva più di un milione di anni fa. Nel 1960, in una miniera di carbone in Italia, sono stati trovati resti umani risalenti a 10 milioni di anni.

Il nostro studio di archeologia ci dice chiaramente che le storie sono state completamente cancellate molte, molte volte.

Questo vecchia e croccante terra è sempre in lotta è stanca ed esausta, con i continui assalti di comete, asteroidi, meteoriti, alluvioni, terremoti, ere glaciali, elevazione e affondamento di continenti, cambiamenti continentali e cambiamenti dell’asse, e sì, anche con quel piccolo parassita distruttivo noto come l’umanità.

Noi umanoidi arroganti e rapaci della nostra fragile esistenza con dispositivi di consumo del mondo artificiale continuiamo a ignorare gli avvertimenti della natura, sempre partendo dal presupposto che sappiamo tutto, noi siamo l’alfa e l’omega di tutto ciò che è e mai potrà essere.

Da qualche parte, lontano nello spazio infinito, se si ascolta con attenzione, si sente la risata dei Titani …

“Le persone commettono errori nella vita
credendo troppo,
ma hanno una noia completa
se si sentono troppo poco.” James Hilton

bibliografia

Berlitz, Charles – Il mistero di Atlantide 

Bord, Janet e Colin – The Secret Paese
Collins, Andrew – Gateway to Atlantis
Paese, J. – Atlantide e le Sette Stelle 

Ebon, Martin – Atlantis le nuove prove
Georg, Eugen – Le avventure del genere umano
Gould, Rupert T. – Enigmas
Heindell, Max – Rosacroce Cosmo Conception
Kolosimo, Peter – Fuori dal mondo
Larkin, David – Giants
Life-Time – Talenti e saggezza degli antichi
Mereshkousky, Dimitri – Atlantis / Europa il segreto del West
Muck, Otto – Alla ricerca di Atlantide
Spanuth, Jurgen – Atlantis of the North
Spence, Lewis – Storia di Atlantide
Trench, Brinsley Le Poer – Temple of the Stars

http://www.bibliotecapleyades.net/gigantes/esp_gigantes_16.htm 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

ANTROPOMORFI (terza parte)

I SAUROIDI

“Questo pianeta è il nostro, siamo noi i veri terrestri, non voi.”

La figura mitologica del Serpente
I nativi americani Hopi raccontano dell’esistenza di una razza di uomini rettile che vivrebbe sottoterra chiamata Sheti o “Fratelli Serpente”, mentre nella mitologia precolombiana, l’Eva primordiale di nome Bachue si trasformò in un grande serpente, a lei ci si riferiva anche come “Il Serpente del Cielo”.

Quetzalcoatl, ovvero il serpente con le piume (anche chiamato Viracocha o Kontiki), era il nome azteco del dio Serpente piumato dell’antica Mesoamerica, una delle divinità più importanti per molte civiltà messicane e centro americane.

La divinità del serpente piumato rivestì una certa importanza, sia nell’arte che nella religione, in gran parte del territorio mesoamericano per quasi 2.000 anni, dall’età pre-classica fino alla conquista spagnola: tra le civilizzazioni che praticavano il culto del serpente piumato ricordiamo, 

  • gli olmechi
  • i mixtechi
  • i toltechi
  • gli aztechi
  • i maya

In Asia, invece, nelle scritture e leggende indiane, i Naga (Devanagari) erano esseri a forma di serpente che si riteneva vivessero sottoterra, pur avendo contatti anche con gli uomini, in alcune versioni, si riferiva che tali esseri avessero vissuto su di un continente che si sarebbe poi inabissato nelle acque dell’Oceano Indiano; i testi indiani riferiscono anche di un’altra razza di uomini serpente chiamata Sarpa (Devanagari). 

Nella cultura cinese, vietnamita, coreana e giapponese, si conoscono le storie dei Long (Yong in Coreano, Ryu in giapponese ) o dragoni, forme a metà tra il piano fisico e il piano astrale, ma raramente descritte in forma umanoide, e che possono assumere una forma tra l’umano e il rettiliano, mentre i Giapponesi raccontavano le storie sui Kappa, un popolo di rettili umanoidi. In Cina, Corea e Giappone, i reami sottomarini erano mitologicamente popolati da Re Dragoni e i loro discendenti sono considerati, ancora oggi umani, discendenti da una razza di dragoni, tanto che questa discendenza viene spesso rivendicata dagli Imperatori Asiatici, che si credeva fossero in grado di mutare volontariamente da una forma umana ad una forma di drago, forma ritenuta, presso le tradizioni asiatiche, migliore rispetto alla forma del diavolo. 

Nel Medio Oriente sono conosciuti i Jinn, uomini serpente o dragoni di cui si parla fin dai tempi più antichi, mentre nella Genesi ebraica, Dio punì il serpente per aver convinto con l’inganno Eva a mangiare il frutto della conoscenza:

«Allora il Signore Dio disse al serpente: poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame, e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita.»

Questo passo della Bibbia suggerirebbe che i serpenti avessero originariamente le gambe.

Nella mitologia sumera il termine Anunnaki (o Anunnaku), ossia “figli di An”, indicava l’insieme degli dèi sumeri ed essi erano costituiti in un’assemblea, presieduta da An, dio del cielo.

Tale assemblea si componeva dei sette supremi, di cui facevano parte i quattro principali dei creatori (An, Enlil, Enki, Ninhursag), con l’aggiunta di Inanna, Utu e Nanna e di 50 dei minori, detti anche Igigi.

Alcuni sostengono, tra cui Zecharia Sitchin, di aver individuato in tavolette sumere il riferimento a una razza aliena (gli Anunnaki) che avrebbe creato la razza umana (mischiando i propri geni con quelli dell’Homo Erectus) allo scopo di utilizzare gli uomini come schiavi in alcune miniere in Africa. Secondo altri, gli Anunnaki però avrebbero sembianze umane (sarebbero discendenti o facente parte della razza aliena Umanoide) e oggi abiterebbero il loro pianeta Nibiru.

Secondo Sitchin le tavolette attesterebbero che il popolo Sumero dalla “Testa Nera” sarebbe stato creato da questi esseri mescolando “l’essenza di vita” di “uomini e bestie” e il “Popolo dalla Testa Nera” sarebbe stato schiavo dei Sumeri, una casta gerarchicamente al di sotto dei loro creatori.

L’esistenza di uomini serpente secondo Sitchin sarebbe provata dalla concezione di regalità e dal suo collegamento alla figura del drago, definita in Babilonia come ‘Sir’ o dragoni (ossia “grande serpente”, dal sanscrito sarpa, parola che originariamente descriveva il grande “Dio-Dragone”, creatore e governatore della antichissima cultura dravidica).

Secondo Laurence Gardner, sarebbe esistita una “Linea del Sangue dei Dragoni”, una variante del Sacro Graal collocata nell’antica Sumeria quando gli Anunnaki sarebbero discesi sulla regione creando una linea di sangue reale attraverso una manipolazione genetica.

In Africa, l’antico dio egiziano Sobek veniva riprodotto come un uomo con la testa di coccodrillo, mentre nel Mali si trova ancora oggi una popolazione, i Dogon, che possiede un mito di fondazione che comprende un uomo rettile: i Dogon dicono di discendere dal dio Amma, proveniente dalla stella Po Tolo (Sirio B).

In Europa, il primo re mitico di Atene, Cecrope, era mezzo uomo e mezzo serpente e nella mitologia greca, avevano servitori serpenti i Titani e i Giganti e, talvolta, i Giganti stessi venivano raffigurati in forma “anguiforme”, ossia con le gambe formate da terminazioni serpentiformi, come il gigante Klyteros, raffigurato nel fregio della Gigantomachia sull’Altare di Pergamo.

Anche il vento Borea (Aquilone per i Romani) veniva descritto in questa forma. Si narra, ad esempio, che al matrimonio di Giove e Giunone ci fu una gara tra tutte le gerarchie divine nell’offrire alla coppia i doni più preziosi. La Terra non aveva voluto essere da meno e regalò degli alberi da frutto molto particolari: infatti ogni primavera sui loro rami nascevano delle mele d’oro.

Questi alberi erano custoditi in un meraviglioso giardino affidato a quattro ninfe, le Esperidi, le quali avevano posto a guardia del cancello d’entrata un drago con cento teste. Ogni volta che qualcuno si avvicinava al giardino con l’intenzione di rubare i pomi, le teste del drago iniziavano a gridare con cento tonalità diverse facendo fuggire via anche il più coraggioso degli uomini.

Ma una delle dodici fatiche date a Ercole da Euristeo chiedeva proprio di rubare quelle mele, ed Ercole grazie al consiglio di Prometeo di farsi aiutare da Atlante e grazie ad Atlante stesso, riuscì ad uccidere il drago e a rubare le mele; infine Era pose il drago nel cielo nella costellazione del Dragone in modo che tutti potessero ricordarlo.

Nei bestiari e nelle leggende greche ed europee, il basilisco (dal greco βασιλίσκος basilískos, “piccolo re” da βασιλεύς basiléus, “re”; in latino rēgulus) è una creatura mitologica citata anche come “re dei serpenti”, che si narra abbia il potere di uccidere con un solo sguardo diretto negli occhi.

Secondo Solino e la Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, il basilisco sarebbe un piccolo serpente, lungo meno di venti centimetri e nonostante questo sarebbe la creatura più mortale in assoluto. È infatti velenosissimo ed è in grado di uccidere con il solo sguardo.

Secondo alcune leggende medioevali, se un cavaliere cercava di colpire il basilisco con la lancia, il veleno vi si infiltrava immediatamente uccidendo cavallo e cavaliere. Il basilisco vivrebbe nel deserto da lui stesso creato, perché ha la capacità di seccare gli arbusti oltre che con il contatto, con il solo sguardo. A Plinio si rifece Isidoro da Siviglia, che lo definiva come il re dei serpenti, i quali lo temono per il suo soffio velenoso e per il suo sguardo mortale.

Alessandro Neckham attorno al XII secolo, fu il primo a riferire la teoria secondo la quale non era lo sguardo del basilisco a uccidere direttamente, ma la corruzione dell’aria che esso provocava. Viene chiamato “re” a causa della cresta a forma di mitra che ha sulla testa oppure, secondo Plinio, a causa di un marchio biancastro sulla sommità del capo.

Nell’iconografia dell’arte occidentale vi sono, inoltre, rappresentazioni di una donna con una coda di serpente, qualche volta con piedi da rettile, come nel quadro il Giudizio Universale di Hieronymus Bosch, tanto che nel Medioevo il Diavolo veniva spesso raffigurato con caratteristiche rettiliformi, così come i demoni nella maggior parte dell’iconografia.

Una leggenda: Rettiliani e Draconiani
Supponiamo che sul pianeta Terra in un periodo compreso tra i 245 e i 65 milioni di anni fa (probabilmente tra i 160 – 115 milioni di anni), in piena “Era dei Dinosauri” e tra le variegate razze di Sauri che popolavano il pianeta, si sia sviluppata una razza intelligente, capace di dar vita ad una prima civiltà terrestre.

Supponiamo, inoltre, che attorno a 65 milioni di anni fa un cataclisma di proporzione gigantesche abbia scosso l’intero pianeta, sterminando i Dinosauri e costringendo questa civiltà ad abbondare il pianeta e a trasferirsi verso altri sistemi solari. Infine, supponiamo che comunque, non tutte le forme di vita scomparvero, poche sopravvissero e tra queste, anche alcuni superstiti di questa civiltà di Sauri intelligenti che, per vivere all’inverno nucleare che seguì, si rifugiarono nel sottosuolo, contribuendo poi milioni di anni dopo, ad alimentare il mito della Terra Cava o del regno perduto di Agharti.

Secondo la tradizione induista, esiste un grande regno sotterraneo, dove dimorerebbe il Re del Mondo, colui che da Shamballah (in sanscrito “Città degli Smeraldi”), la capitale di questo grande luogo mitico, domina le menti dei grandi, dei re, degli imperatori e dei capi di stato di tutto il mondo.

Qui vivono esseri superiori, da tempo immemorabile, esseri capaci di cose inaudite, in grado di usare ancora quell’energia che noi, uomini di superficie, abbiamo ormai dimenticato ad usare, un’energia che, volendo, può essere ancora risvegliata, in quanto è presente ancora in tutti noi, ma è “addormentata”.

La capitale di questo regno, che dovrebbe trovarsi in profondità sotto il deserto del Gobi, in Asia, è solo il centro dato che dovrebbe estendersi, attraverso un’immensa rete di gallerie, sotto tutta la superficie del globo, collegando tra loro i diversi continenti. Agharti è questo, un’estesissima rete di gallerie sotterranee abitate da questi esseri, terrestri, che ancora oggi vivono nelle profondità della Terra e che per comodità chiameremo i Rettiliani, dato che è un termine comune agli studiosi di questa teoria.

Ma la razza dei Sauri che era fuggita dalla Terra, si evolse in modo se stante, i “Draco o Draconiani” (gli alieni Sauroidi), andando alla conquista del Cosmo. Per milioni di anni vagarono nella Galassia, entrando in contatto con altre civiltà, sfamando la loro voracità attraverso la conquista e nel predominio dei mondi altrui.

Infine, stabilirono la loro nuova patria nel sistema solare della stella Thuban, nella costellazione del Dragone, da qui continuarono le loro scorribande galattiche arrivando a conoscere le entità luciferine, che divennero ben presto un fedele alleato. Da questa ricostruzione è facile capire come nel loro lungo peregrinare, milioni di anni fa, le due razze entrarono in contatto, più o meno quando i Sauri si erano già da tempo insediati tra i pianeti della costellazione di Orione e, ancor prima, avevano preso contatti con la razza degli Horus, con la quale iniziarono un importante collaborazione futura.

Dapprima, questo vampirismo dei Luciferini iniziò in modo subdolo e silenzioso, poi quando i Sauroidi si evolsero tanto da arrivarne a scoprirne la presenza, iniziarono uno scambio di informazioni, sino a stipulare un patto di mutuo soccorso reciproco.

I Sauri avevano bisogno di acquisire maggiore conoscenza del creato e dell’Universo, sfamando la loro voracità di conquista grazie ad un maggiore sapere, mentre il Luciferino trovava in esso una forza impressionante e un contenitore dove vivere e nel quale sarebbe stato in grado di trarne molta energia, seppur per un tempo limitato (il mito del “Frutto della Conoscenza” di cui i Serpenti furono i portatori e che poi doneranno anche all’Uomo attuale, ovvero la “Conoscenza Luciferina”).

Ma quando entrambi scoprirono che nella Galassia (e in tutto l’Universo) erano stati creati esseri intelligenti dotati di una energia inesauribile, un energia eguagliabile a quella di Dio, decisero di cambiare i piani e di andare a sfruttarla per altri scopi e a loro vantaggio.

Trovata una variante ibrida dell’Uomo (Giganti o Nephilim) su un pianeta meraviglioso e dal quale curiosamente provenivano (l’Eden o la Terra), dopo aver compreso che non era possibile assoggettarlo al proprio volere, decisero di comune accordo con altre razze aliene, che nel frattempo si erano unite al progetto, di creare un contenitore più piccolo in grado di contenere ugualmente quell’energia per poi sfruttarla.

Fu così che apparve sulla scena l’attuale Essere Umano, sintesi di una operazione genetica che vide l’unificazione del genoma alieno, con quello dei Giganti e delle scimmie. Tutta questa parte è approfondita in diversi studi paralleli e analoghi, ma già è possibile trarre molti spunti di riflessione.

I Sauroidi, che nella mitologia sono i Serpenti, concessero all’uomo nel Giardino dell’Eden (il pianeta Terra), il “Frutto della Conoscenza”, in realtà questo frutto è ciò che portavano dentro di se da molto tempo, la “Conoscenza Luciferina”, questa entità di luce generata dalla stessa materia di cui sono formate le stelle. In questo ritorno al pianeta di origine, ma che da tempo avevano dimenticato, ripresero contatti anche con la razza dei Rettiliani, rimasta nel sottosuolo Terrestre e che aveva visto svilupparsi in superficie, la venuta dei mammiferi e delle altre forme ibrido-umane.

Superata una prima diffidenza iniziale che spesso è sfociata anche in aperti conflitti, attualmente è in atto un programma di riunificazione, dato che gli obbiettivi finali e le origini sono comuni.

I Sauroidi continuano a vivere in varie colonie, la principale si trova su Thuban nella costellazione del Dragone, le altre a Bellatrix nella costellazione di Orione, Zeta Reticoli in quanto fondatori del “Nuovo Ecosistema Alieno” che coinvolge la razza dei Grigi, e su Sirio, in un pianeta esterno al sistema binario, il quale è occasione di scontro e di veri e propri conflitti con la razza degli Umanoidi.


La costellazione del Dragone
Il Dragone (in latino Draco) è una costellazione settentrionale, è una delle 88 moderne costellazioni ed era anche una delle 48 elencate da Tolomeo.

Quella del Dragone è una delle costellazioni più grandi della volta celeste, si presenta completamente circumpolare fino alle latitudini temperate boreali, come le regioni del Mediterraneo. Il gruppo della testa è rappresentato da quattro stelle, tra cui le più luminose chiamate Eltanin e Rastaban, la prima stella riveste una grande importante storica, poiché fu misurando la parallasse di questo astro che James Bradley scoprì nel 1725 il fenomeno dell’aberrazione della luce, che costituisce una delle prime prove della rotazione della Terra attorno al Sole.

Inoltre tra 1.5 milioni di anni, la stella che attualmente si trova a 148 anni luce da noi, transiterà a soli 28 anni luce, a questo punto sarà la stella più brillante del cielo (ovviamente dopo il Sole), arrivando a rivaleggiare con Sirio. Il resto della costellazione si snoda attorno al polo nord celeste, insinuandosi tra l’Orsa Maggiore e quella Minore, circondando quest’ultima sui lati est, sud ed ovest.

Circa 2.700 anni fa, il polo nord celeste si trovava in direzione di questa costellazione e in particolare nella parte della coda, all’altezza della stella Thuban, che all’epoca era considerata la Stella Polare.

Thuban (α Draconis/ Alpha Draconis) è una stella della costellazione del Dragone (Draco, in latino), nell’emisfero boreale e in buone condizioni atmosferiche è individuabile dato che si trova immediatamente sopra l’asterismo del Grande Carro dell’Ursa Major.

Per la precessione degli equinozi, Thuban è stata la stella di riferimento del polo nord dal 3.942 a.C., prendendo il posto di θ Bootis fino al 1.793 a.C., quando venne soppiantata da κ Draconis; il momento in cui è stata più vicina al polo nord è stato nel 2.787 a.C., quando si è trovata a soli 2 gradi e mezzo dal polo. Nonostante la vicinanza al polo è stata usata come punto di riferimento fino circa al 1.900 a.C. quando la più brillante Kochab (β Umi) entrò nella zona del polo nord, allentandosi lentamente negli ultimi 4.800 anni.

Arriverà al massimo di lontananza dal polo nord intorno nel 10.000 d.C., per poi riavvicinarsene gradualmente e tornare ad essere la stella polare nel 20.346 d.C. Thuban, attualmente, ha finito la fusione dell’idrogeno ed è passata alla fusione dell’elio, è quindi una stella gigante brillante circa 250 volte più del Sole e distante circa 300 anni luce, inoltre è una stella binaria, con un periodo di orbita di 51 giorni e la compagna è probabilmente una nana rossa o bianca.

Poche indicazioni abbiamo sui pianeti che compongono questo sistema solare, anche perché la stella essendo una gigante ha inglobato molti di essi durante la sua espansione.

Attualmente presenta pochi mondi, il primo è un gigante roccioso, grande la metà del nostro Giove dove vivono i Sauroidi. Il pianeta, che si trova ad una considerevole distanza dalla stella, ne subisce comunque tutti gli effetti, in quanto il pianeta è arido e caldo e i Sauri vivono nel sottosuolo, ancora ricco di materie prime e in parte di acqua. La sua superficie è per buona parte interamente ricoperta di rocce, mentre vaste aeree sono soggette a continue e spettacolari eruzioni vulcaniche.

Praticamente è un ambiente simile ad un Inferno, deserto e caldissimo, ma base ideale per lo svernamento di questa razza che comunque è riuscita a creare nelle viscere del pianeta, un intricato complesso di città altamente funzionale e sofisticato, sfruttandone ogni proprietà geotermica. Seguono piccoli pianeti, residui di giganti gassosi, nutrite fasce di asteroidi e meteore.

Altre fonti di sostentamento, invece, provengono da un pianeta ancora più esterno, un tempo ricoperto di ghiacci mentre attualmente ricoperto da un vasto oceano allo stato liquido, con un clima temperato ai poli e caldo umido all’equatore, nel quale vivono moltissime specie animali.

Da questo mondo, i Sauri, prelevano l’acqua di cui hanno bisogno e il cibo ittico che vi viene coltivato, nonché viene utilizzato, addirittura, come un vero e proprio luogo di villeggiatura per le classe più abbienti.

Chi sono i Sauroidi
I Sauroidi (anche se spesso vengono erroneamente chiamati “Rettiloidi”) sono in realtà anfibi, tra i quali non è evidente la presenza di sessi e se ne possono riconoscere di due tipi.

Il primo è alto circa 2,80 m, ha cinque dita nelle mani e nei piedi, più sull’avambraccio distante dalla mano, un’unghia rostrata simile al dito che i gatti hanno nelle zampe posteriori, ma con una struttura chitinosa molto dura. La pelle, che sembra sempre umida e traslucida, è di colore verde-marrone e vista da vicino, appare dotata di scaglie, le quali se esaminate attentamente, si rivelano più morbide del previsto.

Sul torace, alcuni esemplari, presentano inoltre un piumaggio, raro da vedersi, perché spesso ricoperto da una tuta o divisa che indossano, questo piumaggio dal colore cangiante con alcune striature azzurre e verdi, si confonde perfettamente con le scaglie presenti. Sembra che questo piumaggio sia presente in un alcune razze di alto lignaggio, probabilmente denotano l’appartenenza ad una casta altolocata o di regnanti.

La pelle diventa progressivamente rossa nella zona ventrale e nei polpastrelli delle mani, in quelle zone si fa addirittura più sottile e si può veder scorrere una linfa rossa all’interno di un intricato quanto mai affascinante sistema sanguigno, soprattutto quando l’alieno sembra comportarsi in modo collerico. Le dita delle mani e dei piedi sono abbondantemente palmate.

Il cranio sui lati destro e sinistro è caratterizzato dalla presenza di due superfici cornee, tondeggianti e poco sporgenti, mentre al centro esiste una struttura più morbida, sotto la quale si vede pulsare la linfa; questa struttura sembra una spina dorsale in rilievo e percorre, bene in evidenza, tutta la lunghezza della testa, del collo, del dorso e della grossa coda.

Disponiamo di pochi dati anatomici sulla lingua, che sembra, però, anch’essa tozza e bifida.

Gli occhi sono dotati di una sotto-palpebra (membrana nittitante) che scorre in diagonale, dal basso verso l’alto e dal naso verso l’esterno. Le pupille sono verticali e le iridi cambiano di colore, dal giallo verde al rosso vivo, a quanto pare secondo l’umore. L’orecchio esterno è inesistente, mentre l’orecchio interno sembra chiudibile a comando.

L’aspetto generale viene descritto come quello di un “drago” o a volte, come quello di un “coccodrillo in piedi”, anche se il viso (o muso?) è arrotondato come quello di un serpente, con labbra sottili e narici poste in fondo al setto nasale, ma laterali, piuttosto che frontali come le nostre. La grossa e tozza coda viene utilizzata come terzo punto di appoggio quando il Sauroide sta fermo sulle due corte e tozze gambe.

Altre volte, viene utilizzata come vera e propria arma per attaccare il nemico, soprattutto nelle battaglie agonistiche per la supremazia del più forte. Ci sono rapporti su “draghi” di varie dimensioni e pare che queste dipendano dall’età, cioè che essi continuino a crescere sempre, senza un vero e proprio limite massimo. Il secondo tipo è rappresentato da Sauroidi senza coda, alti circa 2 m, con pelle traslucida, occhi a palla che conferiscono rigidità allo sguardo (perciò li chiameremo “Rane”) e denti verticali, lunghi e sottili, che ricordano i fanoni delle balene.

Sulla testa hanno come dei piccoli corni che, da lontano, ricordano una capigliatura a spazzola; non si tratta tuttavia di capelli, ma di molte escrescenze cornee ravvicinate.

Questi esseri sono talmente simili l’uno all’altro da rendere impossibile l’identificazione di differenze, anche quando se ne vedono diversi contemporaneamente. Sono caratterizzati da un abito simile alla divisa dei militari nazisti dell’ultima guerra mondiale, spesso presentando dei simboli simili a quelli dell’alfabeto runico e, anche tra di loro, non si nota la presenza di sessi.

Conosciamo poco della loro dieta, anche se è ben nota la loro voracità, alcuni sostengono che i Sauri userebbero gli umani anche come cibo. Fortemente indipendenti e autoritari, soggetti a colleriche reazioni, da sempre si sono imposti una guida o re supremo, definito anche “Re del Mondo”, colui che ha la facoltà di imporre le sorti a tutta la popolazione e prendere le decisioni più importanti, soprattutto riguardo le conquiste da intraprendere su altri mondi (stessa carica di “Re del Mondo” è comune anche nei Rettiliani terrestri).

Comune a molte razze aliene è la struttura piramidale, dove al vertice si trova questo Re e a scendere tutto un intricato sistema di sottocomandanti, una componente strutturale simile al nostro feudalesimo medievale con al comando una sorta di “Barone”. Tutti i “Baroni” formano una “Suprema Casta o Consiglio”, seconda carica più importante dopo quella del “Re”.

Ogni “Barone” comanda un proprio territorio, non solo nel pianeta-capitale, ma anche negli altri pianeti colonizzati sparsi per la Galassia. Sotto di lui e ai suoi servigi, si trova una popolazione composta da funzionari, amministratori, sacerdoti, istruttori, scienziati, ginnasti, operai e schiavi che compongono il tessuto sociale.

Ogni baronia è fortemente autarchica e il suo potere è dovuto non solo allo sfruttamento delle risorse, sia planetarie o sauriane (nel nostro caso si direbbe in materie prime e umane), ma anche alla capacità di conquista di altri mondi e lo sfoggio di potenza e autorevolezza, con la conseguente capacità distruttiva e di saccheggio più totale.

Interferenze con l’Uomo

Grande capacità dei Sauroidi, durante le adduzioni, è quella di manipolare il tempo, creando quella condizione meglio conosciuta come “missing time”.

Questi vuoti di tempo, che possono variare da pochi secondi a qualche minuto, sono tipici di quelle adduzioni dove si rende necessaria un interruzione temporale, in grado di creare un buco quantico e nel quale l’alieno può agire indisturbato. Comune a molti addotti è la visione, nelle paralisi apparenti o nei sogni, di serpenti viscidi dallo strano comportamento, di solito di colore marrone, spesso anche di draghi dalle fattezze possenti e dagli occhi rossi, sino ad arrivare alla visione indistinta di ombre o di aloni olografici in movimento.

Spesso nei ricordi più vividi è sovente rammentare un respiro pesante, profondo e rumoroso, accompagnato da sibili e grugniti.

Artefice sin dai primi tempi del vasto progetto di manipolazione genetica su vasta scala, è la razza che per prima arrivò sulla Terra, dopo averla abbandonata milioni di anni prima per motivi di sopravvivenza, nel quale attuò un iniziale piano di nuova conquista e ricerca insieme alla razza aliena degli Horus, a quel tempo all’interno dei vertici della “Gerarchia Superiore”.

Non è un caso che la figura del Serpente o del Drago, sia presente insieme a quella dell’Aquila o del Falco (ma anche del Leone o gli Uomini Pesce), in quanto erano le principali divinità presenti in quel periodo sul nostro pianeta e direttamente responsabili di quanto è stato realizzato.

Durante i vari millenni di permanenza sulla Terra sono cambiate molte cose, non soltanto il progetto di ibridazione umano-aliena per il controllo futuro delle Anime, ma anche la composizione gerarchica delle varie razze aliene. Un tempo potenti e temuti, persero ben presto potere per essere declassati anche da altre civiltà più recenti, ritenuti troppo collerici, voraci e pericolosi, fu necessario ridimensionare il loro potere, per meglio contenere la loro “fame”.

Inoltre, il grande errore imputato ai Sauri fu quello di aver concesso ai Luciferini di entrare all’interno dei contenitori umani, regalando, involontariamente, quello che comunemente nelle nostre religioni è meglio conosciuto come il “Frutto della Conoscenza”.

Il passaggio dei Luciferini, dal Sauroide all’Umano, dette una spinta a quest’ultimo in fatto di intelligenza, portandolo ben presto ad una maggiore consapevolezza di se, attuando, al tempo stesso, un forte parassitaggio condizionando il comportamento umano (vedi la religione, la politica, l’economia).

I Sauri, inoltre, non sono stati da meno in tutta questa operazione, intervenendo molto spesso di persona sulla Terra, portando e regalando importanti conoscenze all’Uomo. E’ molto probabile che questo sviluppo dell’Uomo, sia stato deciso per avere esseri viventi più “svegli e meno dormienti”, in grado di regalare molta più energia, rispetto ad un soggetto più spento o peggio ancora ridotto ad un automa.

Sia i Luciferini che i Sauri, hanno bisogno di grandi risorse energetiche per sopravvivere che solo gli umani sono in grado di dare, per questo sono stati tra i primi a creare i macchinari necessari per strappare le Anime dagli addotti ed immetterli per breve tempo all’interno dei loro corpi per auto-rigenerarsi.

La sua invadenza, non solo nelle gerarchie aliene è ovviamente opprimente, ma anche sulla civiltà umana, perché non a caso il Serpente nella nostra cultura è associato al diavolo e di quanto più malefico possa esistere.

In lui si ritrova uno dei tanti demoni che vogliono rapirci l’Anima, che vivono negli inferi, profusori di versi aberranti, affamati di potere ma anche della nostra carne, del nostro sangue, nonché della nostra energia animica.

Nelle ricostruzioni delle adduzioni, la parte mistico-religiosa di questo essere ha assunto componenti più scientifiche, facendo notare la sua vera natura, la tecnologia che dispone, le grandi capacità tattiche, ma anche una frustrazione latente dovuta ad un ridimensionamento del suo potere, che spesso l’ha portato in aperto contrasto e in lotta con le altre razze.

Infondo si considera padrone di questo mondo, perché qui è nato, ed aspetta un passo falso delle altre razze aliene per riscattare questo diritto.

E’ ovvio pensare che considera l’Uomo di sua esclusiva proprietà, prospettando per lui un futuro di schiavitù a livello sociale ed energetico.

Moderne teorie cospirazioniste
Alcune teorie della cospirazione hanno sostenuto la presenza sulla Terra di stirpi di “rettiliani” di origine extraterrestre, in alcuni casi in grado di mutare la propria forma.

Secondo tali teorie sarebbero per esempio rettiliani gli alieni provenienti dalla costellazione del Drago, che sarebbero le “eminenze grigie”, i padroni nascosti degli alieni più famosi, i cosiddetti Grigi, provenienti dal sistema di Orione, Zeta Reticuli e Bellatrix.

Di extraterrestri rettiliani racconta Herbert Schirmer, che sostiene di essere stato rapito ad Ashland nel 1967 da esseri umanoidi, alti tra 1,4 e 1,8 m, rivestiti da una tuta aderente, con testa sottile e allungata e pelle grigio-bianca; la bocca sarebbe stata simile ad una fenditura e non si sarebbe mossa mentre parlavano e i loro occhi sarebbero stati inclinati. Sulle tute Schirmer avrebbe visto un emblema a forma di “serpente alato”.

Secondo sempre Schirmer tali esseri proverrebbero da un’altra galassia e sarebbero provvisti di basi sul nostro pianeta.

John Rhodes raccolse insieme le testimonianze dei presunti contatti tra esseri umani e rettiliani umanoidi, ha fondato nel 1997 un apposito centro di ricerca ed è apparso in televisione e alla radio per illustrare le sue scoperte e le presunte prove scientifiche di sostegno alle sue teorie.

Rhodes afferma che i rettiliani umanoidi discenderebbero dai dinosauri e sarebbero quindi un sottoprodotto dell’evoluzione terrestre. Rhodes per avvalorare le proprie tesi cita le teorie di Dale Russel degli anni ottanta, relative alla descrizione di quale sarebbe potuta essere l’evoluzione dei dinosauri in una specie intelligente. Secondo Rhodes l’attenzione umana sarebbe intenzionalmente spostata dai mondi sotterranei allo spazio profondo, proprio allo scopo di mantenere segreti gli argomenti riguardanti le dimore dei popoli sotterranei e le loro antiche civiltà.

Secondo David Icke, come pubblicato nel suo libro “The Biggest Secret: The Book That Will Change the World” (in italiano “Il più grande segreto: Il libro che cambierà il mondo”) gli umanoidi rettiliani sarebbero una forza occulta che manipolerebbe e controllerebbe l’umanità.

La razza sarebbe costituita da esseri alti 2,13 m e bevitori di sangue e proverrebbe dal sistema stellare Alpha Draconis.

Antropomorfi, prima parte QUI

Antropomorfi, seconda parte QUI

Tratto da: http://www.bibliotecapleyades.net/ 

http://ningizhzidda.blogspot.it/