Archivi tag: ghiaccio artico

Spedizioni difficoltose

Per ridere, per passione, per riflettere

Author: Guido Guidi

Arctic Expedition Cancelled Due to Excess “Climate Change” https://t.co/4SvjTkIql5 pic.twitter.com/vKK1K6lVNk  

 — Watts Up With That (@wattsupwiththat) 15 giugno 2017

Anno diverso, spedizione diversa, stessa identica sorte degli impavidi esploratori dell’Antartide che rimasero miseramente bloccati (e dovettero essere salvati) nel tentativo di dimostrare quanto poco ghiaccio c’era. Questa volta, piuttosto che rischiare un’altra magra figura, preferiscono rinunciare al programma di ricerca. Vedersela con condizioni di ghiaccio estreme (e inattese ?!?) avrebbe allungato troppo il programma. Quindi tutti a casa e lo scioglimento dei ghiacci lo documenteranno un’altra volta.

Per Passione:

Protagonista la Natura! Una fantastica danza di colori al tramonto, tra nubi temporalesche e le “nuove” Asperitas (ex Ungulatus Asperatus) inserite nell’International Cloud Atlas nel marzo del 2017. Nella seconda parte del video, con l’unzoom, i flash dei fulmini dentro la banda delle precipitazioni completano uno spettacolo già di per se imperdibile.

Per riflettere:

Strategie per il #Clima devono basarsi su #Scienza, non Ideologia
Ernesto Pedrocchi, già prof di energetica @polimihttps://t.co/lFWcP4Ub3lpic.twitter.com/DjyeIKJKFE 
— RiEnergia (@RiEnergia) 14 giugno 2017
Ernesto Pedrocchi, già ospite di CM dopo la COP22 di Marrakesh, in un breve ma esauriente punto di situazione sulla bagarre climatica, tra rinunce, ritiri, salti in lungo e, soprattutto, fiumi di disinformazione.

Buona giornata.

___________________ 
 

Gli scienziati accusano il “cambiamento climatico”  per il troppo ghiaccio che ha arrestato la spedizione artica 

Pubblicato da Enzo Ragusa
Di Michael Bastasch  
 
Gli scienziati che hanno annullato la loro spedizione in Artico, a causa delle condizioni sfavorevoli alla navigazione per la presenza del ghiaccio troppo spesso, hanno avuto come scusante il “cambiamento climatico” per motivare il fallimento del loro progetto di ricerca.
 
 “Stiamo svolgendo uno studio sul cambiamento climatico su larga scala ma che purtroppo non possiamo portare avanti, il cambiamento climatico ci ha costretti ad annullare lo studio”, ha dichiarato David Barber, scienziato dell’Università di Manitoba, che ha condotto la spedizione told The Guardian.
 
La spedizione di Barber si è conclusa alla fine di maggio, dopo aver trovato ghiaccio con oltre 25 metri di spessore sulla costa settentrionale di Terranova. La spedizione è stata così costretta a tornare indietro dopo aver speso centinaia di migliaia di dollari per un progetto di quattro anni per studiare gli effetti del riscaldamento globale sulla Baia di Hudson.
 
Ora, Barber e gli altri ricercatori hanno accusato un ritardo sulla loro sfortunata spedizione a causa del riscaldamento globale o cambiamenti climatici, come li chiamano.
 
Le loro prove? Non molte, tranne le opinioni di alcuni scienziati coinvolti – almeno, Guardian non ha presentato alcuna prova. Il documento accusa il cambiamento climatico.
 
È interessante notare che Guardian ha accusato un simile evento già nel 2013 come un avvenimento del “tempo” e non del “cambiamento climatico”. Quell’anno, una nave rompi ghiaccio di nazionalità russa, che trasportava scienziati, è rimasta bloccata nel ghiaccio marino antartico.
 
“Non è qualcosa che ci aspettavamo di vedere e neppure qualcosa che abbiamo mai visto prima”, ha detto Barber. “Nell’alto Artico, il cambiamento climatico sta causando l’assottigliamento del ghiaccio e in futuro sarà sempre meno. ”Quello che avviene è l’aumento della mobilità del ghiaccio”.
 
Gli scienziati hanno poi studiato il ghiaccio attorno a loro mentre erano bloccati. Hanno notato la presenza di molto ghiaccio pluri-annuale più comune nelle vicinanze del Polo Nord. Tuttavia, ciò che è accaduto agli scienziati potrebbe essere un evento correlato al tempo.
 
Adesso si aspettano di ripartire per la spedizione all’inizio di luglio, ma il loro studio sarà senza dubbio ritardato.
 
Non è la prima volta che gli scienziati sono stati ostacolati dal ghiaccio marino glaciale artico. Nonostante il declino complessivo del ghiaccio marino, dalla fine degli anni Settanta, la Sfida della Polar Ocean Challenge si è trovata imprigionata nel ghiaccio spesso nel luglio 2016.
 
 
Enzo 

deliberata distrazione

article-2553989-1b438e0b00000578-345_634x405Che cosa ha causato il fenomenale meteo di gennaio 

Da Dylan Jones

“Il cambiamento climatico”, o – come per distrarre l’attenzione dal progetto deliberato di sciogliere l’Artico

Due modalità di modifica del clima sono state la causa delle oscillazioni estreme delle condizioni climatiche e le distorsioni di accompagnamento della corrente a getto. 

index-1Nel momento in cui si stava scrivendo, i primi di gennaio 2017, l’Europa centrale e orientale era nella morsa di freddo estremamente anomalo.

index2https://www.youtube.com/watch?v=Ilukwsg7O_s

Con questo Bollettino del tempo Chris Fawkes spiega che i passanti permettono all’aria calda in regioni artiche e aria fredda in parti dell’Europa meridionale. Si noti che nei circa primi 20 secondi, l’anomala e pronunciata depressione della corrente a getto si estende verso il basso fino alla Grecia e alla Turchia.

Ora guardare il secondo video di questo articolo della BBC:

Meteo: aumento di morti a causa del freddo in Europa

Al 22° secondo, abbiamo di nuovo la  distorta immagine del modello della corrente a getto.

Chris Fawkes:

“Quello che ha portato il freddo in Europa è stato un modello molto allungato della corrente a getto  che ha permesso all’aria fredda a dirigersi verso sud fuori dall’Artico”

Ma in realtà: La corrente a getto è il risultato dell’interazione di masse d’aria fredda e calda. Essa non “consente” nulla.

“Contrariamente alla credenza popolare, la corrente a getto non causa il verificarsi di certe condizioni meteorologiche di un certo tipo. La sua esistenza è invece il risultato di determinate condizioni meteorologiche (un grande contrasto di temperatura tra due masse d’aria).”

La massa d’aria fredda è stata artificialmente intensificata, con il suo conseguente sconfinamento più a sud associata lungo il modello della corrente a getto.

In realtà, se si osserva la corrente a getto si divide e forma una cresta a nord e un trogolo a sud. Questa è un’indicazione che mentre la modifica di raffreddamento viene impiegata al sud, attraverso l’uso di agenti nucleanti ghiaccio artificiale come nitrato di potassio, nitrato di ammonio, urea e batteri, guidano le temperature sopra lo zero al di sotto, la modalità predominante della modifica è il riscaldamento, che comporta la fissazione di formazioni cirri artificiali impiegati più a nord.

Quello che è importante notare è che, mentre la Grecia e la Turchia sono inondati dal freddo, l’Artico continua a riscaldarsi a un ritmo senza precedenti. Le masse d’aria fredda non originaria della regione artica, proviene più a sud.

index3

 

 

“Previsione anomale di temperatura superficiale (°C; ombreggiatura) 10-14 gennaio 2017. Nota le temperature calde in gran parte degli Stati Uniti e nel Nord Europa con temperature fredde in Sud Europa, gran parte dell’Asia e Canada occidentale e il nord-ovest degli Stati Uniti. La previsione è del 9 gennaio 2017 GFS ensemble”.

Poiché le regioni ghiacciate e nucleata si spostano a sud vengono ulteriormente integrate, con formazioni di nubi in movimento fino a nord e verso est, nuvole che sono anche state aumentate mediante l’inseminazione, la produzione di vapore acqueo artificiale sostenute anche dalla frequenza radar, sia sul mare che a terra. Questo incontro di freddo e di caldo dà origine a intense tempeste, improvvise e innaturali con “lampi e tuoni”, “neve bagnata e pesante” che i Metereologi amano parlare.

Geoingegneria: Vortice Polare – Ghiaccio nuclearizzato 101

La natura artificiale di questi eventi è ulteriormente evidenziata dalla velocità delle temperature che passano da anormalmente basse a anormalmente elevate, una volta che le basse temperature ingegnerizzate vengono temporaneamente sospese.

Tutto questo è persistente e non un fenomeno isolato:

Questa mappa GISS sotto, mostra la partenza da temperature medie superiori dell’emisfero settentrionale invernale (dicembre-gennaio-febbraio) del periodo 2015-2016.

index4

Questo mostra lo stesso per la caduta dell’emisfero settentrionale (settembre-ottobre-novembre) nel 2016.

index5Possiamo vedere il cambiamento nella posizione del raffreddamento nella modifica del clima nell’Asia del Nord. Nonostante questo, le temperature artiche sono quasi fuori scala.

E’ in corso una definita cortina di ghiaccio tra le regioni densamente popolate d’Europa.

index6Gli eventi dei freddi anomali ricevono anche la massima attenzione dei media, alimentando il dibattito perenne tra i sostenitori del riscaldamento antropico globale e gli scettici. Tutto questo distrae dalla realtà dell’operazione deliberata per sciogliere l’Artico.

Questa è la regione dell’anomalo freddo del Nord Atlantico che aiuta la fusione del ghiaccio artico.

Secondo le notizie de il punto del blog Artic, il raffreddamento di questa regione è dovuto agli effetti di solfati industrialmente emessi.

“Il particolato, in particolare il solfato, è in grado di fornire il raffreddamento a breve termine della superficie del mare. Grandi quantità di solfato sono emessi dalle aree industriali nella parte orientale del Nord America e in Asia orientale. Sull’emisfero settentrionale, l’effetto Coriolis fa si che tali emissioni in genere raggiungano le zone sopra il vicino oceano ad est di tali aree industriali, e conseguentemente sulla superficie del mare che non viene raffreddato i modo significativo, fino a quando le particelle non cadono dal cielo. Dal momento che il solfato viene emesso su base continuativa, l’effetto di raffreddamento continua senza troppe interruzioni.

Questo solfato ha un effetto di raffreddamento sulle zone della superficie del mare dove le correnti oceaniche muovono l’acqua calda verso l’Oceano Artico. Poiché la superficie del mare si raffredda, c’è meno evaporazione, e quindi meno trasferimento di calore dall’oceano nell’atmosfera durante il tempo necessario per l’acqua di raggiungere l’oceano artico. Di conseguenza, l’acqua sotto la superficie del mare rimane più calda mentre si muove verso l’Oceano Artico. “L’enfasi è mia”.

Infatti, i solfati vengono emessi insieme con il nerofumo, che ha un effetto di riscaldamento. Affermare che le emissioni industriali siano la riduzione del riscaldamento globale in certe regioni e il riscaldamento in altri è fuorviante.

Un altro suggerimento, diverso dai particolati di solfato, è che questa regione fredda ha causato la fusione della Groenlandia. L’acqua fredda fusa aggiunta al mare presumibilmente rallenta la circolazione dell’Atlantico Meridionale Overturning (AMOC), di cui la corrente del Golfo è una parte. Questo è perché l’acqua fredda interferisce con il ciclo thermohaline, diluisce l’acqua salata quindi ha difficoltà ad andare a fondo.

Why some scientists are worried about a surprisingly cold ‘blob’ in the North Atlantic Ocean

Tuttavia, ci troviamo di fronte un problema. Che dire della fusione del ghiaccio, a basso contenuto di sale, ovunque nella regione artica? Perché non ha provocato anomale “macchie” e fredde? Perché questa teoria ignora le regioni calde anomale del nord della “macchia” fredda.

E’ più probabile che il raffreddamento per la modificazione del clima (invece di solfati) venga utilizzato per ridurre l’evaporazione e il trasferimento di calore verso l’atmosfera in cui le correnti oceaniche stanno già muovendo acqua calda verso l’Oceano Artico.

L’acqua sotto la superficie dell’oceano, ha già fatto la parte del leone nel riscaldamento globale, rimanendo più calda muovendosi verso il ghiaccio artico.

index7Totale contenuto di calore globale. I dati Nuccitelli et al. (2012)

Una delle regioni lungo il grande nastro trasportatore dell’oceano, dove il calore viene rilasciato in atmosfera, corrisponde chiaramente con l’anomala regione  fredda nel Nord Atlantico.

index8Conclusioni

Il freddo estremamente anomalo nell’Europa centrale e orientale è dovuto alla interazione di due forme della modificazione del clima, il riscaldamento e il raffreddamento.

Piuttosto che il verificarsi “cause” di condizioni climatiche, la corrente a getto è, di fatto, il risultato di queste condizioni atmosferiche, cioè il contrasto di temperatura tra due masse d’aria. Attribuendo la causa di queste condizioni per un cambiamento nella corrente a getto è come attribuire la causa di un raffreddore comune a dei starnuti.

  • La modalità del riscaldamento, riscalda le masse d’aria che invadono più a nord causando pronunciate creste nella corrente a getto.
  • La modalità di raffreddamento raffredda le masse d’aria che invadono più a sud causando pronunciate depressioni nella corrente a getto.
  • Mentre la Grecia e la Turchia sono stretti nella morsa del freddo, l’Artico ha continuato a riscaldarsi ad un ritmo senza precedenti, tanto che le temperature erano in realtà più calde di regioni dell’Europa meridionale.
  • Poiché la nucleata regione ghiacciata si sposta a sud è ulteriormente integrata, con formazioni di nubi in movimento fino a nord e verso est, che sono anche state aumentate mediante l’inseminazione delle nuvole, la produzione artificiale di vapore acqueo sostenute dalla frequenza radar, sia sul mare che a terra.
  • Questo incontro di freddo e di caldo dà origine a tempeste intense, improvvise e innaturali “lampi e tuoni” in “neve bagnata pesante”, quello che i meteorologi amano tanto parlare.
  • La natura artificiale di questi eventi è ulteriormente evidenziata dalla velocità delle temperature che tornano da anormalmente basse a anormalmente elevate, una volta che temporaneamente viene cessata la bassa temperatura del freddo ingegnerizzato.
  • Una cortina di ghiaccio è in corso di definizione tra le regioni densamente popolate d’Europa.
  • Gli eventi degli anomali freddi ricevono anche la massima attenzione dei media, alimentando un perenne dibattito tra gli antropici sostenitori del riscaldamento globale e gli scettici.
  • Tutto questo distrae dalla realtà dell’operazione deliberata per sciogliere l’Artico.
  • La modifica del clima del raffreddamento (invece dei solfati) viene utilizzato per ridurre l’evaporazione e il trasferimento di calore verso l’atmosfera in cui le correnti oceaniche muovono l’acqua calda verso l’Oceano Artico.

L’acqua sotto la superficie dell’oceano, ha già fatto la parte del leone nel riscaldamento globale, rimanendo più calda muovendosi verso il ghiaccio artico.

In uno studio futuro spiegheremo come i geoingegneri riusciranno a creare tempeste perfette senza precedenti e uragani sempre di maggiore intensità e frequenza, prodotti dagli oceani in giganti serbatoi di calore trasformati deliberatamente dal riscaldamento globale.

Aumentati e stabiliti in anticipo dal Nero Carbone, su basi di piattaforme marine munite di radar, aerei e navi dotate di radar di bordo, che emettono impulsi per la distribuzione di carichi utili d’aerosol, non c’è praticamente alcun limite di quanto possano crescere questi grandi sistemi di tempesta.

Così più a nord il ghiaccio si fonde dalle nucleate tempeste, intensificando ancora di più il gradiente di pressione, che accelera la ripartizione del ghiaccio artico. In combinazione con la già lì presente e schierata geoingegneria, aggiungendo contenuto alla nuvola già migliorata, portando precipitazioni e calore nella regione abbastanza per aumentare la temperatura del Polo Nord sopra lo zero nel mezzo dell’inverno. Questi fattori vengono accelerati nella zona di mare aperto che aumentano nell’Oceano Artico.

FONTE http://enouranois.eu/?p=1651

Ulteriore lettura:

http://www.globalresearch.ca/Demystifying-the-del clima cambiamento-dibattito / 5566164

http://enouranois.eu/?p=1451 

Pubblicato su:

http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/what-caused-januarys-freak-weather/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Il grande evento europeo

di http://movisol.org

Nei primi rapporti riservati ai governi furono proposte le seguenti soluzioni:

  • stendere tappeti neri sulle calotte polari; 
  • sbarrare lo Stretto di Bering (soluzione considerata dalle Amministrazioni Kennedy, Nixon, Carter e dal PCUS di Breznev);
  • produrre grandi quantitativi di anidride carbonica;
  • disperdere polveri metalliche in atmosfera;
  • lanciare satelliti dotati di specchi per respingere la luce solare; 
  • fondere i ghiacci della Groenlandia per mezzo di reattori nucleari.

DOSSIER COP21 – I

GHIACCI POLARI SEMPRE IN OTTIMA SALUTE

Alla vigilia della conferenza di Parigi COP21, dopo qualche giorno torniamo a parlare di ghiacci polari, in questo caso quelli artici, visto che sono considerati il vero ago della bilancia climatica, che tra l’altro secondo alcuni catastrofisti, più per fede che per dati oggettivi, avrebbero già dovuto essersi sciolti completamente o quasi qualche tempo fa. Un breve esempio di propaganda catastrofica possiamo sentirla in questo filmato.

 

Intanto in Lombardia cercano di mitigare (in occasione della conferenza di Parigi) il presunto riscaldamento con la geo-ingegneria (naturalmente per il nostro bene). Queste brevi sequenze sono state riprese con un telefonino alle ore 16:00 nella zona di Bergamo; ma non fatevi forviare dai complottismi, sono solo scie di condensa…

Una popolazione debole è una popolazione controllabile.

(Omnia munda mundis; coinquinatis autem et infidelibus nihil mundum, sed inquinatae sunt eorum et mens et conscientia.)
 
Il “Troll” ha questo compito, abbassare le difese immunitarie di discernimento sulla popolazione non solo nella carta stampata e televisiva/giornalistica ma trova il suo terreno fertile anche nel WEB.

Il 6° Grande Evento

La Geo-ingegneria è causa della nostra morte ed estinzione. Time Event Horizon 

“Inoltre il Prof. Jennifer Francis ha dimostrato che l’attuale contenuto di CO2 nell’atmosfera ha una temperatura ritardata un’anomalia più di 12°C (53,6 F), che è maggiore e superiore alla avvenuta estinzione durante il “Permiano – Extinction Event” (Wignall, 2009) così ci troveremo di fronte alla totale estinzione a meno che non si riduca drasticamente le quantità delle emissioni di anidride carbonica (più del 90%) e il contenuto di metano esistente dell’atmosfera che è oltre il 60%.”

“L’IPCC ha deciso di non avvertire la popolazione mondiale del pericolo che questi grandi emissioni di metano porterà a cambiamenti climatici improvvisi nei decenni avvenire (Carana, 2013).”

Gente, purtroppo è così!

Non c’è niente di più chiaro in questo per chi ha “occhi per vedere” e “orecchie per sentire” la più sgradevole delle verità che non si sia mai presentata.

Negare la grande prova di un’estinzione agli abitanti della Terra che già si sta verificando con la geo-ingegneria è come si suol dire cuocere una torta in un forno. Siamo oltre il punto di non ritorno, già da un certo numero di anni, come potete leggere qui di seguito.

Negare semplicemente, è quello che si può dire avventato. Nel far accettare una eredità così deprimente e tragicamente triste da lasciare ai nostri figli, perché non riusciranno a sopravvivere nei prossimi decenni.

Quello che hanno causato, sta sempre più accelerando il riscaldamento del nostro clima, causato dal rilascio di metano nell’atmosfera, solo ora, stanno andando disperatamente a cercare di distruggere la “pistola” che ha sciolto il ghiaccio in artico rilasciando metano fatto fuoriuscire attraverso … la geo-ingegneria … che è solo stata testata in laboratorio.

L’ultima metà di questo post mostra le misure disperate utilizzate per rompere le estreme emissioni di metano, o “l’arma sciogli ghiaccio” esattamente usata dagli stessi scienziati della geo-ingegneria, che hanno fatto tutto questo per il nostro collettivo 6° Grande evento di estinzione.

La loro disperazione viene deliberatamente nascosta a tutti, come mostrano gli articoli che seguono, il motivo è che il mondo è molto vicino ad un evento di estinzione di massa, e gli addetti ai lavori geo-ingegneri si disperano per risolvere l’enorme problema comune, in primo luogo, con gli stessi rapidi e accelerati metodi del riscaldamento globale della Terra, mentre mantengono nascosta questa critica notizia a più di 7 miliardi di esseri umani, perché sono troppo pochi quelli che vogliono conoscere e chiedere aperta trasparenza a coloro che stanno accelerando la nostra collettiva estinzione. 

Il metano è l’innesto primario di questa bomba

~ Il Caltharate Gun ~

Enormi quantità di metano si stanno sprigionando in strutture simili al ghiaccio nelle paludi settentrionali fredde e in fondo ai mari. Essi sono chiamati clatrati (o cathrates). Essi sono  e rimangono stabili solo nel freddo o ad una alta pressione. Il metano è 24 volte più potente del gas ad effetto serra CO 2.

L’ammontare stimato di metano immagazzinato in questi clatrati è gigantesco. Sono la più grande concentrazione di metano trovato sulla terra.

La compressione del gas metano che si trova nei clatrati è enorme. Un metro cubo di clatrati portati in superficie dall’oceano rilascia 164 metri cubi di metano.

Il violento degassamento del metano (o “eruttazione”) è stato ipoteticamente chiamato clatrati pistola. Qualcuno ha suggerito che, se le acque del fondo dell’oceano si riscaldassero fino a 8° C., innescherebbe certamente una destabilizzante e massiccia fuoriuscita di clatrati. Questo è ciò che trasforma i clatrati in una bomba ad orologeria.

Questi idrati sono già stati rilasciati. Foto satellitari mostrano enormi ciminiere di metano spumeggianti fuoriuscite dal fondo dell’oceano. Questi incendi li abbiamo già visti con la prima guerra del Golfo in Kuwait, si tratta degli stessi giacimenti di gas che è fuoriuscito ma in versione sotterranea.

Storicamente ci sono stati dei picchi record di metano che può essere spiegato con il violento degasaggio dei clatrati. Alcuni pensano che il periodo della terra chiamato Eocene abbia causato l’effetto serra proprio per la fuga di questi gas, un riscaldamento globale causato da clatrati rilasciati dagli oceani.

La più grande di queste catastrofi si è verificata alla fine del periodo Permiano circa 250 milioni di anni fa. Più del 94% di tutte le specie marine nei reperti fossili sono improvvisamente scomparsi per via del crollo dei livelli di ossigeno, e la vita stessa vacillò sull’orlo dell’estinzione. Ci sono voluti 20 milioni o più anni per far crescere le barriere coralline per cominciare a ristabilirsi, e in alcune zone oltre 100 milioni anni per ripristinare gli ecosistemi e per risanare la loro ex diversità.

Entrambi sono stati causati da aumenti di temperatura inferiori a 6½ ° C  (43,7 F). Ora si tratta di temperature medie, ma nel permafrost della Siberia, dove gran parte dei clatrati sono sepolti sotto la terra, il riscaldando sta avanzando più velocemente che in qualsiasi altro luogo sulla terra.

(Nota: Molte delle informazioni presentate i questo articolo sono di Arctic-News Blogspot e Sam Sam Carana. Carana è un’insieme di scrittori, come viene dimostrato in questo video, “Chi è Sam Carana?” Si dice che il nome sia stato creato in modo da evitare attacchi personali (truthers), ma trasparenti come Dane Wiggington di Geonegineeringwatch.org, che ha contribuito apertamente anche qui per dare pieno credito e la propria paternità). 

 

Negli ultimi 200 anni, le concentrazione di metano nell’atmosfera sono aumentata di tre volte e ad un tasso molto più veloce rispetto al biossido di carbonio il quale si ossida in oltre 10 a 30 anni (Shakova 2013). Inoltre, per periodi di pochi mesi a pochi anni il metano ha un potenziale di riscaldamento globale 1000 -100 volte quello dell’anidride carbonica (Carana, 2013; Luce 2013).

L’IPCC ha deciso di non avvertire la gente del pericolo che questi grandi emissioni di metano porterà a cambiamenti climatici improvvisi all’interno dei prossimi decenni. (Carana, 2013).

Fonte: http://tabublog.com/2015/07/01/geoengineering-to-death-our-extinction-event-time-horizon/

http://www.geoengineeringwatch.org/mysterious-extreme-warming-of-oceans-baffles-scientists/?inf_contact_key=28c4fb94e5e2367a115b3654cfe3d89590d6d6e1ea94b8f06859671236f41a10

https://sites.google.com/site/runawayglobalwarming/the-non-disclosed-extreme-arctic-methane-threat

http://iowa-city-climate-advocates.org/wp-content/uploads/2012/06/ProjectLucyExtendedVersion2.pdf

Fonte dell’articolo da dove è stato preso e tradotto in lingua inglese: QUI

  ***** 

Pubblicato il 07 ago 2015 da Zengardner.com 

Tutte le vite sono appese sulla bilancia dei Geo-ingegneri e stanno segretamente e disperatamente cercando di fare alternatamente zapping con le frequenze HAARP, per la massa delle emissioni di gas metano che si verificano nell’oceano Artico, Groenlandia e Siberia.

Il nomi dei progetti si chiamano Lucy, Alamo e il Progetto Angeli, tutto fatto in segreto, e di come è stato deciso che l’IPCC non debba essere rivelato, il pubblico non ha bisogno di sapere. Siamo nella sesta grande estinzione. Gli alberi stanno morendo,

il cibo che consumiamo con “i nostri stili di vita” ha difficoltà a crescere in tutto il mondo a causa della Geo-ingegneria. In California ci troviamo nella più grande crisi idrica nella storia causata dalla GE, ma i campi di gioco da golf, autolavaggi aperti, continuano a succhiare acqua preziosa che dovrebbe essere utilizzata per coltivare cibo. Follia pura.

La Profezia Hopi ci consiglia di riunirsi in riva al fiume tutti insieme per lasciare andare il fiume per la sua destinazione. Il 14 agosto unitevi a noi a Redding, CA per essere istruiti sulla protesta. Per parlare. Essere ascoltati perché … L’estinzione è prossima!!

http://ningizhzidda.blogspot.it/