Archivi tag: Genoma

Devoti di una scienza nera

AMBIENTE INQUINATO E MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE, INFIAMMATORIE E TUMORALI

NON C’È MALATTIA CHE NON SIA INDOTTA DALL’INQUINAMENTO DELL’AMBIENTE. Così affermano gli studi relativi a quella che viene definita “rivoluzione epigenetica” e uno tra i maggiori esperti in questo nuovo campo di conoscenze il dr. Ernesto Burgio, presidente del Comitato tecnico-scientifico dell’Associazione Medici per l’ambiente ISDE (International Society of Doctors for Environment), Coordinatore Comitato Scientifico ISDE-Italia, Membro del Comitato Scientifico di ARTAC France (Association pour la Recherche Thérapeutique Anti-Cancéreuse), Membro ENSSER (European Network of Scientists for Social and Environmental Responsibility), Membro Commissione Cancerogenesi Ambientale – AIOM (Ass Italiana di Oncologia Medica),  Membro Commissione Ambiente-Salute della SIP (Società Italiana di Pediatria), Referente regionale Progetti OMS di Promozione della Salute – Sicilia.

Ma che cos’è l’epigenetica?

In estrema sintesi e in modo semplice si può definire l’epigenetica come quella branca della genetica che studia tutte le modificazioni che alterano l’attività dei geni senza modificare le sequenze del DNA; modifiche che possono essere anche ereditate.

Per semplificare: il DNA  può essere pensato come l’hardware di un computer e le attività ad esso connesse come il software. Il software in questo caso funziona più o meno bene a seconda delle informazioni che gli arrivano dall’esterno, cioè dall’Ambiente. Ogni giorno della nostra vita le nostre cellule ricevono in forma di molecole, correnti elettromagnetiche, sostanze chimiche di sintesi etc., informazioni dall’attuale Ambiente esterno inquinato e inducono interagendo con l’epigenoma il DNA – il genoma –  a funzionare in maniera diversa da come dovrebbe. Il che, in parole povere, significa che l’Ambiente inquinato interferisce in modo negativo sull’attività del DNA. Il dottor Mauro Mocci dell’ISDE, per la verità, ci aveva già trasmesso questa importante informazione nel convegno di Manziana del 2012.

E qual è il dato più allarmante di questi studi epigenetici?

Che trovano riscontro in un aumento spaventoso del numero di malattie cronico-degenerative, infiammatorie e tumorali sempre più in crescita nei paesi industrializzati e quindi con un più alto livello di inquinamento ambientale.

In Italia una persona su due, prima o poi contrae il cancro, per non parlare di tutta una serie di altre patologie in continuo incremento. Il problema da affrontare è dunque di ordine collettivo e se la collettività non riuscirà entro fine secolo a fare qualcosa per rovesciare il nostro attuale rapporto con l’Ambiente, l’intera specie umana sarà a rischio.

Queste sono parole del dottor Ernesto Burgio che si fondano anche su dati rilevati e su ricerche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La visione di questi due filmati non lascia più dubbi.


Grazie a questa esposizione molto chiara del dottor Ernesto Burgio ora possiamo tutti sapere che siamo in una vera e propria crisi ambientale e sanitaria e che sarebbe criminale non intervenire subito. Ed è bene sapere che non c’è essere al mondo, nemmeno il bioprofittatore, che non sia esposto alle trasformazioni della composizione dell’aria che respiriamo, alle trasformazioni della catena alimentare (per lo più impregnata di benzene e pesticidi) e alle trasformazioni degli ecosistemi che costituiscono il cuore della biosfera.

Ma qual è la soluzione?

La soluzione sta in una presa di coscienza collettiva, con o senza il permesso dell’attuale sistema politico-finanziario che ha dimostrato di non avere gli strumenti etici per rinunciare all’attuale modello di sviluppo economico lineare che ci sta portando diritti al rischio estinzione, anche se con un consolatorio stigma “bio” o “green”. Noi cittadini, invece, possiamo ancora fare qualcosa: dobbiamo cambiare la nostra visione del rapporto ambiente-salute ed esigere, senza se e senza ma, che i nostri amministratori centrali o locali compiano il loro mandato nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute, applicando il Documento Programmatico ISDE su Ambiente e Salute (www.isde.it).

Chiediamolo a tutti i Sindaci e a tutti i presidenti di Provincia e Regione. Ci basti pensare che se un paese cosiddetto avanzato eliminasse i pesticidi, nel giro di 10 anni i linfomi si dimezzerebbero.

Senza essere medici o scienziati, questo ci dice che siamo a una svolta importantissima. Il collasso dell’Ambiente e i nostri stili di vita sempre più avidi ed esigenti ci stanno preparando al prossimo salto evolutivo nell’ignoto. In parole povere, la nostra non è solo una crisi economica, energetica, sociale, politica, ma una crisi biologica, evolutiva. Sapremo tutti che il 70% della biosfera è costituita da microrganismi, e noi da 50-60 anni facciamo la guerra ai microrganismi, ignorando che senza microrganismi la biosfera rischia di collassare, mentre eliminare l’uomo – per la biosfera – potrebbe essere tutto sommato un bene sul piano evolutivo. In pratica, siamo alle porte di un periodo simile a quello in cui si è dovuti passare dalla respirazione branchiale a quella polmonare. Ma a differenza del pesce, l’evoluzione ci ha muniti di uno strumento in più, la Mente. Come vogliamo usarla? Vogliamo collaborare oppure affondare passivamente e lasciare che si compia questo salto nel buio in una prossima specie misteriosa o mostruosa, o addirittura in nessun’altra specie? Il problema è urgente, e non disponiamo di migliaia di anni evolutivi per risolverlo, forse neanche 30 anni.

L’asfissia è alle porte, il “cocktail” d’inquinanti – spacciati spesso per “bio” o “green” – è sempre più venefico, il nostro sistema immunitario è sempre più compromesso dalla generosa quantità di antibiotici immessi nell’ambiente, soprattutto attraverso la zootecnia, le inondazioni si alternano a forti siccità, l’acqua e il cibo scarseggiano, e via così per un inquietante elenco di attacchi agli equilibri della biosfera.

Sicché, chiediamoci subito come vogliamo schierarci, possibilmente con totale disinteresse personale e localistico e togliendo l’audio a tutti quei governanti devoti di una “scienza nera” o addirittura ignoranti.

Ringraziamo di cuore la dottoressa Antonella Litta, referente dell’Associazione medici per l’Ambiente – Isde di Viterbo, che ci ha segnalato questi importantissimi filmati del dottor Ernesto Burgio e precisiamo che il nome Valerio, spesso richiamato dal dottor Burgio, corrisponde alla persona del dottor Valerio Gennaro, epidemiologo dell’IST (Istituto Nazionale Per La Ricerca Sul Cancro) di Genova.

FONTE: https://comitatibiogas.wordpress.com/

FONTE: http://www.nogeoingegneria.com/

SE VOLESSI METTERE IN GINOCCHIO L’UMANITÀ …

Articolo di Nogeoingegneria

“Se io volessi essere malvagio, se volessi mettere in ginocchio l’umanità, spruzzerei su tutto il suo cibo del glifosato, poi spruzzerei nell’aria dell’alluminio, e se questo ancora non basta, aggiungerei ancora un po’ di alluminio nei vaccini. In questo modo posso riuscire a rendervi tutti quanti stupidi, e nell’arco di due o tre generazioni vi porterei all’estinzione. Quello che mi occorrerebbe ancora per ottenere questo sono determinate frequenze elettromagnetiche, delle quali mi servo per bloccare i vostri enzimi responsabili della disintossicazione. E sono proprio esattamente queste frequenze quelle che provengono dai ripetitori della telefonia mobile. Se io fossi maligno, direi che dietro tutto questo dev’esserci un gruppo intelligente di scienziati molto, molto malvagi, e di politici. Ma siccome non sono cattivo, ritengo che si tratti solo di coincidenze casuali! ”  D. Klinghardt

Continua QUI – articolo del 7 febbraio 2016

L’incompleta storia dell’umanità

I ricercatori hanno trovato prove del DNA appartenente ad una specie umana sconosciuta

Gli esperti hanno fatto un’altra scoperta da capogiro hanno trovato la prova del DNA appartenente ad una specie umana sconosciuta che esisteva 440 mila anni fa. Nuovi studi hanno dimostrato che gli abitanti delle Isole del Pacifico portano il DNA di una specie umana sconosciuta. Secondo i ricercatori, i nostri antenati sono imparentati con almeno quattro specie di ominidi – e forse di più ancora, che mettono in discussione le nostre origini. 

In un incredibile e complesso rapporto di nuovi studi, sono state scoperte delle prove che sostengono l’idea dell’esistenza di altre specie di ominidi tra i nostri antenati vissuti negli ultimi centinaia di migliaia di anni.

Applicando nuove tecniche di ricerca, gli esperti sono stati in grado di stimare la percentuale di DNA nell’antico ominide attualmente presente nelle persone che vivono. Questo è quanto ci dice il Dr. Ryan Bohlender genetista presso l’Università dello Stato del Texas in grado di trovare le prove di numerosi eventi che si sono incrociati all’interno e all’esterno dell’Africa.  

I nuovi dati sono stati presentati presso l’American Society of Human Genetics a Vancouver, BC e ci dice quanto poco sappiamo sulle nostre origini e dei nostri antenati che abitavano la Terra centinaia di migliaia di anni fa.

Grazie ad analisi genetiche di europei, asiatici e gli altri con la discendenza non africana, gli esperti sono stati in grado di trovare segni rivelatori che gli antichi umani erano incrociati con i Neanderthal. Come si è visto, alcuni gruppi hanno ereditato fino al quattro per cento del loro DNA da cugini di ominidi estinti. 

Inoltre, Bolhlender ha scoperto – dopo aver esaminato il tasso di mescolamento genetico nel Neanderthal con le attuali tracce dei Melanesiani – di Denisova, ma anche una quota elevata di un’altra stirpe estinta. Gli esperti hanno concluso che questo misterioso DNA significa che gli antichi melanesiani potrebbero aver convissuto con un terzo gruppo sconosciuto di ominidi.

Il team ha spiegato: “Suggeriamo che un terzo dell‘arcaica popolazione sia legata più strettamente ai Neanderthal e Denisova rispetto per gli esseri umani moderni studiati fin qui che interagisse nei genomi dell’Africa nella regione del San (Mali).

I ricercatori hanno analizzato la quantità di DNA condivise tra Neanderthal e Denisova scoprendo che la terza specie misteriosa probabilmente discendeva dal loro comune antenato circa 440 mila anni fa.

Queste non sono solo speculazioni, ma non vi è nessuna prova genetica che indica chiaramente che un’altra specie parti del sud-est dell’Asia e che nello stesso tempo coesistesse con noi come Denisova. 

Stranamente, mentre i ricercatori ‘sapevano‘ che questa misteriosa specie è esistita in un lontano passato, anche se la prova fisica non è ancora stata trovata. Il fatto è che questa specie misteriosa rimane un profondo mistero che i ricercatori sperano di svelare in un prossimo futuro. 

Questo, tuttavia, risale all’inizio dei tempi, gli esperti hanno scoperto quello che credono sia una evidenza cristallina di unantica specie di esseri umani nascosti direttamente all’interno dei nostri geni. 

Sembra che, dopo tutto, abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per comprendere appieno le nostre origini. Fino ad allora, godremo dei numerosi misteri che suggeriscono chiaramente che la storia (così come ci è stata insegnata) è incompleta. 

Il dottor Bohlender ha detto: “Nel complesso, i nostri risultati confermano che l’albero della famiglia umana è più complicato di quanto pensiamo che sia”.

Aggiungendo inoltre: “Altre popolazioni arcaiche come i Denisovans, (che noi non conosciamo se non attraverso la genetica) sono suscettibili di essere esistite.”

Fonte link:

Gli scienziati trovano 19 pezzi di DNA non-umano nel genoma umano

Secondo un nuovo studio, l’otto per cento del nostro DNA è estraneo. In realtà, si compone di frammenti virali non-umani. Il nuovo studio è stato pubblicato  dalla National Academy of Sciences.  

Un recente studio ha rivelato che non vi è letteralmente DNA non umano che risiede nel genoma degli uomini moderni. 

Questo studio viene dopo che un gruppo di ricercatori ha esaminato 2.500 persone della Tufts University of Michigan Medical School. Gli esperti hanno scoperto che il nostro DNA è meno umano e che esistono diciannove pezzi di virus antichi di DNA all’interno del nostro genoma.

Sorprendentemente, la maggior parte degli esperti hanno scoperto il completo modello genetico dell’intero virus entro il 2 per cento delle persone che hanno esaminato. Secondo sciencedaily.com, non è ancora noto se il virus può essere replicato o riprodotto. Ma altri studi sull’antico virus all’interno del DNA ha dimostrato di poter influenzare gli esseri umani che sono portatori.  

Il ScienceDaily riporta che lo studio offre una nuova visione sui retrovirus endogeni umani.  Malattie come l’HERV, sono in realtà antiche caratteristiche che possiedono stranamente simili a virus di immunodeficienza umana, il precursore di AIDS.

Gli esperti ritengono che questo virale ‘DNA sia stato tramandato attraverso migliaia di generazioni di esseri umani. Gli autori dello studio sono ancora incerti se gli antichi ceppi di DNA potrebbero causare infezioni.

L’anziano autore e virologo John Coffin, Ph.D. della Tufts University School of Medicine dice che: “Questo è quello che sembra sia in grado di fare il virus infettante, la cosa sarebbe molto interessante se fosse vera, in quanto consentirebbe di studiare un’epidemia virale che ha avuto luogo molto tempo fa”. 

“Questa ricerca fornisce importanti informazioni necessarie per comprendere come i retrovirus e gli esseri umani si siano evoluti insieme in tempi relativamente recenti.”

“Molti studi hanno cercato di collegare questi elementi virali endogeni al cancro e altre malattie, una delle principali difficoltà è stata quella che ancora non li abbiamo effettivamente trovati tutti,” questo è quello che dice il Co-primario autore Zachary H. Williams, un Ph.D. studente presso la Sackler School of Graduate Scienze Biomediche presso la Tufts University di Boston. 

Molti più elementi interessanti si trovano solo in una piccola percentuale di persone, il che significa che per trovarli si deve fare lo screening a un gran numero di persone.”

“Questa è una scoperta emozionante,” dice il Co-primario autore Julia Wildschutte, Ph.D., che ha iniziato a lavorare come studente ricercatore e dottorato nel laboratorio di Coffin presso la Tufts. 

“Si apriranno molte porte alla ricerca, per cercare di capirne di più, abbiamo stabilito in questo lavoro che possiamo utilizzare i dati genomici di più persone rispetto al riferimento del genoma umano per individuare nuovi HERVs. Ma questo ci ha anche dimostrato che alcune persone portano al loro interno questi elementi che non possiamo mappare per averne un riferimento.”

Riferimento: http://www.pnas.org/content/113/16/E2326.full.pdf

Fonte link: http://www.ancient-code.com/scientists-find-19-pieces-non-human-dna-human-genome/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

DNA: riflessioni sul codice del software

Il DNA Spazzatura … e la coscienza umana

Una lettura per il fine settimana:

Il DNA spazzatura? O la rivelazione della Fonte della nostra mente e della nostra intelligenza? Avete pensato a fondo alle ultime scoperte della genetica?

DUF1220 – “DUF” significa un dominio (proteina) di funzione sconosciuta – presumibilmente “DNA spazzatura”. Quest’ultimo però sembra essere ciò che ci distingue come “esseri umani” e può corrispondere a una maggiore funzionalità del cervello.

In effetti abbiamo il doppio della quantità di repliche (copie) di questa proteina quale risultato delle istruzioni (codici) del nostro genoma rispetto al nostro parente genetico più vicino: lo scimpanzé.

Sembra che sia in relazione con la crescita di certe parti del cervello – e – probabilmente con le reti neuronali più sofisticate.

Secondo Wikipedia:
“DUF1220 es un dominio de proteina de función desconocida que muestra un sorprendente aumento específico de linaje humano (HLS) incrementado en número de copias y pudiera ser importante para la evolución del cerebro humano.”

Il numero di copie di dominio DUF1220 aumenta generalmente come una funzione di una specie di prossimità evolutiva agli esseri umani.

Il numero di copie di DUF1220 è più alta negli esseri umani (più di 270, con alcune variazioni da persona a persona) e si vede l’incremento dell’HLS più grande nel numero di copie (un aggiunta di 160 copie) di qualsiasi regione codificata del genoma umano. Il numero di copie DUF1220 è ridotto nelle grandi scimmie africane (stimato su 125 esemplari degli scimpanzé), più ridotto negli orangutan (92) e nelle scimmie del Vecchio Mondo (35) di una o un numero basso di copie nei mammiferi che non sono primati e assente nei mammiferi”.

“Funzione sconosciuta” può essere un altro modo di dire “DNA spazzatura” – il DNA che non è considerato, che la scienza attuale non considera, ma è chiaramente il “codice software” che ci distingue dagli altri primati in termini di intelligenza – non è spazzatura.

Wikipedia continua con questa pepita d’oro:

“I domini DUF1220 sono approssimativamente 65 aminoacidi in longitudine e sono codificati da un doppione di esoni. Nel genoma umano DUF1220, le sequenze si trovano principalmente nel cromosoma 1 nella regione 1q21.1-q21.2, con varie copie anche se se ne trovano nel 1p36, 1p13.3 y 1p12.

Le sequenze che codificano domini DUF1220 mostrano segni di selezione positiva, specialmente nei primati, e si trovano in diversi tessuti umani, compreso il cervello, e la loro espressione si limita ai neuroni”. Il significato sembrerebbe che abbiamo identificato delle aree specifiche del nostro codice del DNA (regioni di cromosomi specifici) che daranno la crescita delle funzioni superiori del cervello.

E già che siamo sulla soglia dell’essere capaci di scrivere il nostro codice del DNA, diciamo che questo ha enormi implicazioni per il nostro futuro come specie.

Il problema è che che questa linea di ricerca è diventata in un recente passato proprietà di filosofie che l’hanno utilizzata per giustificare il genocidio e la eugenetica.

Riportiamo ancora quanto questo blogger esprime a riguardo:

“Pero almeno stiamo incontrando alcune delle risposte alle nostre domande. Fino a che permettiamo che la nostra scienza sia traviata da un falso senso di correzione politica, dobbiamo eventualmente ottenere un’immagine alquanto chiara di come si evolveranno i cervelli più grandi e più intelligenti.

Però c’è un altro aspetto in gran parte ignorato da questa scoperta.

Da dove e da chi nasce tutto questo?

In primo luogo come e perché le nostre copie di questa “linea di codice” in particolare, si duplicano solo con la nostra evoluzione? Lo si può attribuire alla mutazione o al caso?

E forse è ancora più importante – questo è un codice che nessun essere umano ha scritto agli inizi – non come Microsoft Word o Photoshop che è stato scritto per programmatori umani.

Ovviamente, questo frammento di “software” ha una intenzione e un significato – in realtà ha creato la capacità di un cervello per scrivere il codice di Microsoft Word o Photoshop!

Ci sono varie maniere per arrivarci. La scienza moderna, dice solo che questo è il risultato della “selezione naturale” e della “evoluzione”.

Però, è ragionevole pensare che gli organismi unicellulari col trascorrere degli eoni di tempo hanno creato questo livello di funzionalità senza l’intervento di un’intelligenza?

Sappiamo che il “codice genetico opera come un software.”

E sappiamo che il software che abbiamo creato – programmi come Photoshop o Word – non “evolvono” a caso. Sono il risultato della pianificazione, dello sviluppo e della sforzo cosciente.

In mancanza di una parola migliore diciamo che “furono disegnati”.

Una cascata non arriverà mai ad essere intelligente. Una nube di vapore nemmeno, solo un organismo vivo che è Consapevole può forse arrivare ad essere intelligente. (questo non è un argomento per la teoria fondamentalista del Disegno Intelligente che è solo un’altra proiezione dei nostri modelli antropomorfi del pensiero umano).

E’ solo riconoscere i diversi livelli di “essere”. La mente deve essere vista come quello che è – una “dimensione” diversa dalla materia. 

Intervento Alieno?

Altri ci hanno fatto fare il grande salto, visto che sul pianeta ci sono monumenti che non possiamo spiegare, una forma superiore di vita (extraterrestre) ha deliberatamente manipolato il nostro genoma, come noi stiamo iniziando a fare con altre forme di vita ed “ha aggiornato” la nostra intelligenza con un salto qualitativo che ci ha fatto passare dalla scimmia all’essere umano.

Mentre questo è plausibile a molti livelli, non c’è una diretta evidenza di tutto questo.

E arriva la domanda:
Dove e come si evolvono questi “alieni”?

L’UNICA evidenza diretta che questo esiste – adesso SAPPIAMO che qualcosa di simile al software che adesso creano gli esseri umani, sta in funzione nel nostro essere organico.

Il ruolo della Coscienza

Se “ribaltiamo” l’idea che la coscienza è “creata” dal cervello e invece ci apriamo alla possibilità che il nostro cervello è un recettore della coscienza, allora possiamo iniziare a comprendere una realtà totalmente diversa,- tutto l’universo( di cui conosciamo una piccola parte attraverso la nostra capacità sensoriale limitata) è immensamente intelligente.

Naturalmente, questo ha profonde implicazioni per il nostro ego personale, come hanno segnalato i capi del pensiero tipo Eckhart Tolle.

Il pensiero in sé – la sua origine e il suo significato – è sottoposto ad uno scrutinio maggiore per la sua relazione con una realtà che è aldilà della capacità del pensiero stesso di comprendere totalmente; prendiamo solo la nozione di infinito – che è una parola che usiamo per descrivere l’insondabile, ma che non ha un vero “significato” – adesso sì che la nozione dell’infinito inizia ad avere un senso…

Infinito si collegherebbe in qualche modo alla Fonte del livello di significato e di intelligenza in cui ci troviamo.

Anche la nostra cosmologia si aprirebbe enormemente. Con la supremazia dell’intelletto e della mente che è evidente adesso, potremmo iniziare a intuire ciò che rappresentano realmente “le dimensioni” – i livelli di prontezza mentale che si aprono per noi solo quando si raggiunge un certo livello dell’essere (filologicamente, psicologicamente e chimicamente)

Così ci renderemmo conto delle esperienze di Percezione Extrasensoriale (PES), delle droghe, delle vite passate, delle realtà sulla morte e di ogni altro tipo di realtà mentali che la nostra scienza materiale non può iniziare ad approcciare.

Come afferma Eckhart Tolle:
“La morte non è il contrario della vita, la nascita è il contrario della morte. Nascita e morte sono parte di un’inconcepibile realtà  intelligente che sperimentiamo come Vita.” Questo significa che come specie, non dobbiamo continuare con le nostre scoperte in quest’area e e iniziare ad affettare la nostra evoluzione? Affrontiamolo – il genio è uscito dalla lampada.

Io direi che è imperativo farlo – ma farlo coscientemente con profonda reverenza per i livelli più elevati di significato e  intelligenza che in ultima istanza andremo a incontrare. E’ per questo che gli antichi fusero la scienza con il Sacro – perché era necessario che ci fosse una profonda relazione tra donare se stessi e umiltà di fronte a questo.
Ogni nostra Toda nuestra noción de un “dominio” sobre la vida debe ser visto como sin sentido, junto con todos los otros símbolos de nuestra “comprensión” conceptual de una realidad que no puede ser “explicada” en nuestros propios términos humanos.

Dobbiamo cambiare la nostra forma di vedere

Questo significa che dobbiamo smettere di costruire, crescere ed evolvere? Assolutamente no, questa è la nostra forma di essere.

Potrebbe, però, significare, tanto per cominciare, che iniziamo ad osservare con con rispetto che le relazioni con piante, api, ambiente e mezzi che abbiamo cercato di “dominare”, funzionano secondo principi più elevati e secondo delle leggi.

Questi principi, poi, non sono “ad personam” – se noi ci estingueremo come specie” non vuol dire che qualcosa è andato storto – l’universo snello nella sua infinita intelligenza continuerà senza di noi. Ne consegue che dovremmo lasciar perdere i presupposti concettuali, scientifici e religiosi che ci hanno portato a uno stato di mancanza di armonia con l’ordine naturale intelligente dal quale ci “evolviamo”.

Guardando la nostra mente come “un lavoro in progressione” e non l’essere e il fine di ogni evoluzione, potremmo iniziare a porci questioni su tutto – incluso sulla veridicità e il significato dei nostri pensieri – che a questo punto è stata l’unica Mente che forse abbiamo conosciuto.

In sua vece, dopo un esame più attento, dobbiamo comprendere che non siamo altro che una piccola frazione di tutto ciò che esiste, di un’intelligenza che codifica i geni, allo stesso modo in cui abbiamo codificato la nostra intelligenza nei computer.

Al livello attuale in cui ci troviamo non possiamo iniziare a comprendere questa intelligenza – è per questo che molti di noi “l’adorano”.

Solo perché la vita si sta esprimendo con un livello di benessere e di intelligenza più elevata di quella che possiamo comprendere oggi, non significa che dobbiamo accettare solo di “non sapere” arrendendoci totalmente.

Significa che dobbiamo studiare ciò che realmente significa “sapere” e forse come ha detto T.S. Elliot, possiamo tornare al presente e iniziare veramente a sapere come la prima volta.

di Tom Bunzel 13 ottobre 2014
dal Sito Web Collective Evolution
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese 
Versione in spagnolo 

wlady