Archivi tag: bambini

Il Banco (Lo Stato) vince sempre

QUANDO LA SENILITÀ E’ PERICOLOSA…
Marcello Pamio – 13 settembre 2017
 

«Quando l’amore è dannoso» è il titolo dell’ultimo articolo a firma di Ferdinando Camon.

Titolo provocatorio che fa nascere molte domande, anche sulla salute dell’autore… 

La spiegazione però di questo ossimoro (amore=danno) arriva, purtroppo per i lettori, poche righe dopo…

«C’è una norma, va rispettata e fatta rispettare. Specialmente se riguarda i bambini: i bambini devono capire che quel che vuole lo stato vale di più di quel che vuole il papà o la mamma». 

Quindi per Camon siccome c’è una legge, va assolutamente rispettata. Poco importa se questa legge è stata dettata da un governo illegittimo perché eletto con legge elettorale incostituzionale (sentenza 1/2014 della Corte Costituzionale). Poco importa se tale legge (unica al mondo) impone obbligatoriamente 10 + 4 vaccini (senza nessuno studio che ne garantisca la loro sicurezza) e in assenza di qualsivoglia epidemia o emergenza sanitaria.

Non solo, i bambini devono ficcarselo in testa fin da piccolini che lo stato-padrone è superiore a qualsiasi volontà, anche quella dei propri genitori. Chiaro? Ma scusate, pensavate di essere in democrazia? Se la scienza non è democratica figuriamoci lo stato! 

Scusate, ma giuridicamente parlando cosa contano i genitori? Soprattutto cosa vogliono e cosa pretendono questi scriteriati che mettono al mondo dei figli?
Alla salute dei piccoli e alla loro istruzione ci pensano da una parte Beatrice Lorenzin e dall’altra Valeria Fedeli. Potete dormire sonni tranquilli.
 

Non contento Camon però prosegue nel ragionamento.

«Se c’è un braccio di ferro tra famiglia e stato, o tra comune e stato, o tra regione e stato, è giusto, per il bene di tutti, che lo stato vinca, ed è giusto che il papà e la mamma perdano, che il comune o la regione si arrenda».

Altra memorabile e mi auguro storica frase: «se c’è un disaccordo è giusto che il papà e la mamma perdano, perché lo stato prima di tutto!»

Di primo acchito, appena ho letto l’articolo, a caldo avrei commentato in altro modo, ma oggi ragionando a mente fredda, mi domando se tali affermazioni sono dovute all’età che avanza, alla senescenza o ad altri motivi, magari politici, o ancora perché ci crede proprio.

La cosa certa è che queste affermazioni sono molto inquietanti, anche perché rappresentano perfettamente lo specchio dell’attuale periodo storico italiano e dell’atmosfera che stiamo respirando.

Bambini espulsi da scuola, a cui viene impedito di essere appunto bambini e di giocare con i propri amichetti, perché i genitori hanno avuto la malsana idea di obiettare ad un TSO vaccinale illegittimo e pericoloso. Il tutto sotto lo sguardo vuoto e impotente delle forze dell’ordine che a testa bassa confermano la legittimità di tali divieti. Buttando nel cesso la Costituzione italiana, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

Bambini violentati da uno stato dittatoriale che abroga per legge l’articolo 32 della Costituzione: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana».

Nessuno Camon, neppure il suo stato totalitario! 

La cosa che fa specie è che Ferdinando Camon, classe 1935, dovrebbe ricordarsele certe cose o almeno saperle. Nonostante all’epoca avesse solo tre anni, la sua fortuna è stata quella di non essere ebreo. E’ del 5 settembre 1938 infatti il regio decreto-legge n. 1390, intitolato «Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola italiana»

Questo regio decreto sancì l’esclusione degli ebrei dall’insegnamento e dalla frequentazione delle scuole. 

Ecco i primi due agghiaccianti articoli:

Art. 1

All’ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado e nelle scuole non governative, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale,  non potranno essere ammesse persone di razza ebraica.

Art. 2

Alle scuole di qualsiasi ordine e grado, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere iscritti alunni di razza ebraica… 

Bambini fuori da scuola perché ebrei.

Lo stabilisce la “norma” e quindi, secondo il ragionamento di Camon, andava rispettata…

Il resto è storia…

Fonte:  http://www.disinformazione.it/

La Mucca Sacra

Per il Movimento dei diritti sui vaccini e necessario fare un Fronte Unito, un Fronte Unito in tutto il mondo. 

Di Brandon Turbeville 

Mentre Big Pharma ottiene sempre di più il controllo sui governi nazionali e l’autoritarismo diventa la normalità sull’ordine del giorno, i genitori che sono preoccupati sulla sicurezza dei vaccini, stanno guardando alla loro libertà e la capacità di proteggere i loro figli dai loro effetti nocivi.

Infatti, sembra che l’intero mondo occidentale stia lentamente a guardare la tenda di ferro che gli viene costruita intorno a loro su un numero di questioni, e i vaccini è una di queste questioni.

Sia negli Stati Uniti che all’esterno, i governi stanno sovvertendo i diritti individuali passando leggi che rendono difficile scegliere se vaccinare o non vaccinare e costantemente costringere a vaccinare i loro bambini.

In tutto il mondo occidentale, 15 paesi hanno promulgato leggi di vaccinazione obbligate e obbligatorie. Il numero è in aumento e le leggi stanno diventando più severe.

E non sono solo i governi sono coinvolti nella violazione dei diritti: le grandi corporazioni, il mondo accademico e i media hanno tutti cospirato a propagandare, mettendo in silenzio chiunque voglia mettere in discussione la mucca sacra della vaccinazione.

Per questo motivo, molti genitori e persone possono sentirsi completamente soli e preoccupati nelle loro decisioni, possono sentirsi inermi a fare qualsiasi cosa circa il crescente assalto sui diritti dei genitori e nella libertà personale. Tuttavia, ci sono un certo numero di organizzazioni che stanno cercando di combattere, ma sono generalmente piccole sia in numero che nel loro effetto limitato, in particolare, quando si affrontano i soldi che dispone Big Pharma e gli sforzi pressanti del governo.

Questo è al centro del problema.

Le organizzazioni per i vaccini in Oregon e Florida combattono le leggi che obbligano i vaccini rispettivamente in Oregon e in Florida, ma non dialogano tra loro. Non uniscono le forze, non sviluppando risorse.

Allo stesso modo, per i diritti dei vaccini per ogni altro Stato dell’Unione. Anche gli stati vicini agiscono come se fossero mondi lontani l’uno dall’altro e quasi non si impegnassero in alcuna azione coordinata.

E se diversi gruppi all’interno degli Stati Uniti hanno difficoltà a comunicare, è ancora peggio per i gruppi in paesi stranieri.

Questo sfortunato errore strategico deve ora smettere.

Quello che il movimento dei diritti dei vaccini ha bisogno è una maggiore cooperazione tra gruppi all’interno degli Stati Uniti e al di fuori di esso per massimizzare il loro effetto.

Abbiamo superato il punto in cui si consente di dividere e impedire alle organizzazioni di lavorare con l’un l’altro sulle differenze di opinione, personalità e strategia.

Un insieme di principi guida e di richieste come un’opposizione a tutte le leggi che includono i vaccini possono e dovrebbero servire come faro e fare un fronte unito di tutti questi gruppi sparsi in giro unendosi con Francia, Italia, Australia, Slovenia, Belgio, Germania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Grecia, Ungheria, Lettonia, Malta, Polonia, Romania e Slovacchia che hanno approvato leggi in una forma o in un’altra sulle vaccinazioni.

Non è possibile gestire la verità sui vaccini (annuncio) 

Il movimento dei diritti dei vaccini ha immediatamente bisogno di una dimensione internazionale. Le dichiarazioni devono cambiare da quelle di paura e di panico a ciò che sta succedendo nell’oceano dell’informazione, cercando di trovare una solidarietà e una cooperazione internazionale.

Il programma di vaccinazione obbligatorio non è limitato alle frontiere nazionali, né la resistenza dovrebbe essere limitata alle singole nazioni.

Se gli attivisti e le organizzazioni dei diritti dei vaccini non riescono a trovare un modo per lavorare insieme con i confini stranieri e domestici, allora, senza dubbio, potremmo anche soccombere al totalitarismo medico.

Se tuttavia i movimenti sparsi nel mondo occidentale riescono nel loro intento, non solo sarà possibile, ma è probabile che potremmo riavvicinare e contrastare la marea in crescita del totalitarismo medico nel mondo occidentale.

http://www.naturalblaze.com/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

La protervia del pensiero unico scientifico

Ricevo dal mio carissimo amico
Dott. Roberto Slaviero e pubblico
La spada di Mikael
“scoppiò quindi una guerra in cielo: Michele ed i suoi angeli combattevano contro il drago.
Il drago combatteva insieme con i suoi angeli,ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo”
Apocalisse 12,7-8
l’imperatore Costantino nel 313 d.C, gli dedicò un imponente santuario nella nuova Costantinopoli (oggi Istanbul), il Micheleion.
Nel cattolicesimo Papa Leone XIII ordinò una preghiera alla fine di ogni messa, la Preghiera a San Michele,recitata in ginocchio davanti all’altare: stabilendo inoltre un rito esorcistico dove Michele viene invocato come “principe gloriosissimo delle milizie celesti”.
Tali preghiere vennero abolite dal Concilio vaticano II, svoltosi dal 1962 al 1965 sotto i pontificati di Giovanni XXIII e Paolo VI.
Molti cattolici ortodossi dicono che la miseria umana di pensiero e fede, che si è diffusa soprattutto nell’ultimo ventennio, sia figlia di questa involuzione della Chiesa di Roma, che pare si preoccupi più di fare “affari politici” sul pianeta, coprendo tra l’altro crimini sessuali orrendi perpetrati dai loro adepti, piuttosto che preservare la fede in Cristo.
Nell’iconografia cristiana la immagine di Michele è un uomo con le ali, con un armatura e con una spada o lancia, con cui sconfigge il drago (demonio).
Perché il mio articolo ha questo titolo?
Perché ci sono momenti nella storia umana, momenti che le varie religioni hanno testimoniato con immagini di forza, temperanza e di violenza fisica contro i malvagi, nei quali purtroppo l’uso della forza diventa indispensabile.
Ed oggi purtroppo pare sia uno di quei tempi!
E cercherò di proporvi degli esempi, che testimoniano la totale protervia dei potenti, intesi quali i riccastri del pianeta, nei confronti di milioni di persone inermi, usando falsità ideologiche scientifiche.
Scrivo il 29 giugno 2017.
E partiamo dal più scoppiettante dei problemi che riguarda la libertà di cura della persona ed il rispetto per i minori.
Con una scandalosa invenzione su famigerate epidemie di malattie virali quali il morbillo, questo illegittimo governo (illegittimo in quanto la Corte Costituzionale ha dichiarato la legge elettorale non a norma di legge), ha decretato con urgenza una campagna vaccinatoria che prevede inoculazioni di 12 vaccini in neonati, che tra l’altro sviluppano il vero equilibrio immunitario verso i 7 anni di età.
La ministra della salute ha occultato nel consiglio dei ministri i dati dell’Agenzia di controllo sui farmaci AIFA, che riportano le reazioni avverse da vaccini, (che sono moltissime) ed è stata denunciata per questo dal Codacons alla magistratura.
Vi sono dei dati preoccupanti che dimostrano che con l avvento dell’esavalente (sei vaccini iniettati insieme) nell’ultimo decennio, i problemi neurotossici nei bambini sono schizzati alla stelle,oltre che allergie ed intolleranze varie.
Si potrebbe continuare all’infinito,ma il concetto principale in medicina è solo uno: valutare il rapporto rischio-beneficio.
Vi potrebbero essere obbiettivamente dei casi, in particolari situazioni igenico-sanitarie, che mettono a repentaglio le vite di milioni di persone: come nelle guerre ad esempio dove non c’è più cibo ed acque pure e dove quindi il sistema immunitario è disintegrato.
Vi pare che siamo in tali situazioni? L’OMS dice che l’Italia è uno dei paesi più in salute del mondo e allora? Lascio a chi vuole verificare, come rappresentanti del nostro governo, nel 2014 abbiano ricevuto incarico dal governo Usa di preparare tali nuove campagne vaccinatorie e come qualche azienda farmaceutica abbia contattato più volte in tal senso i nostri politici.
Solite storie misere di chi non ha più un briciolo di sovranità e legalità.
Avete capito anche a cosa servano le volute ondate migratorie dall’Africa?
Creare il problema e creato il problema la soluzione è … vaccini a tutti a manetta!
Ma gli immigrati vengono vaccinati al loro sbarco in Italia?
Ma gli austriaci o i tedeschi ed inglesi sono un pericolo pubblico per la nostra salute, per la salute dei nostri figli?
Infatti in quegli stati non vi è nessun obbligo vaccinale. Cosa farà l’Italia, chiuderà le frontiere ai non vaccinati dell’Europa? Capite che siamo alla frutta e che tutto l’impianto legge sui vaccini è un disastro anticostituzionale in tutti i sensi.
Vi rimando ai miei articoli precedenti, dove racconto che nei primi mesi del 2017 la Corte costituzionale tedesca ha certificato, dopo 5 anni di processo intentato ad uno specialista virologo, che il virus del morbillo NON ESISTE.
Esiste il morbillo come sindrome ma il virus non si trova…
Ed allora, cosa iniettano i famosi genetisti malati, di derivazione rettiliana, ai bambini? Voi pensate che gli studi eugenetici nazisti e non, siano finiti? Come mai alla fine della seconda guerra mondiale 3000 scienziati nazisti sono stati salvati e distribuiti nei territori dei vincitori della guerra, dove probabilmente hanno continuato i loro studi che avevano applicato su ebrei e razze inferiori a loro dire.
Questa gentaglia che tiene in scacco il pianeta è gente che ha fatto scoppiare nel 1953 centinaia di bombe atomiche sopra i nostri cieli, su popolazioni inermi per vedere gli effetti radioattivi anche poi nei posteri, nelle generazioni successive a chi ha assorbito radiazioni…
Recenti studi dicono che l’aumento esponenziale dell’autismo soprattutto negli Usa, sia dovuto a lesioni genetiche subite dai nonni dei nipotini di oggi.
Quindi capite; testavano armi e chimica sui propri concittadini e adesso lo fanno sui poveracci in Africa o Asia e tentano nuovamente di farlo anche in Europa.
Capite con chi abbiamo a che fare? Capite a chi i nostri politici hanno svenduto la nostra sovranità? E gli oltre 5000 bambini spariti in Italia nel 2015 e quanti nel 2016? E’ chiaro che i Tg non ve lo dicono … Tratte d’organi, messe nere con sacrifici, pedofilia e quante altre porcherie … Orfani dati in custodia ad associazioni umanitarie che non si trovano più.
CAPITE O NO DOVE SIAMO ARRIVATI
I genetisti rettiliani si divertono a sperimentare sugli umani. Già in antichità si divertivano; uomini con i piedi equini, figure antropomorfe etc, dei nazisti abbiamo già detto … e degli anni bui di URSS e CINA chi sa chi lo sa!
Adesso si divertono probabilmente a verificare quante malattie autoimmuni si possono sviluppare negli umani iniettando virus e batteri con adiuvanti ai neonati, in assenza quasi totale di tali patologie.
Chiaramente loro parlano di effetto diga su tali patologie grazie alle vaccinazioni.
Se il loro pensiero fosse giusto, dovremmo iniettare tutti i virus e batteri presenti sul pianeta per stimolare l’immunità giusto? Vogliono intervenire modificando processi che la Natura ha salvaguardato per millenni.
La prima e più importante immunità è il latte della mamma, il colostro … altro che virus e batteri attenuati! E di seguito un alimentazione sana e vita all’aria aperta, altro che telefonini a radiazioni elettromagnetiche.
Capite che si atteggiano a dei sulla Terra in spregio al Creatore e alla potenza della Natura, che sa come preservare i suoi figli.
Bastardi, non ce la farete questa volta!
Hanno perfino facilitato la procreazione comprando ovuli, uteri e sperma favorendo il Gender; genitore uno e genitore due…
COSA?
Si chiamano papà e mamma, avete capito gentaglia infame! Per migliaia e migliaia di anni la Natura si è evoluta con la nascita dei bambini nell’utero al buio e a 37 gradi, non nei vostri porci laboratori a 22 gradi e alla luce, infami esseri!
Vi divertite a fare dio in Terra e provo pena per quelli che vi seguono in nome del dio denaro e della cosiddetta modernità dei pensieri, in nome della libertà individuale.
Vi siete cacciati in un vicolo cieco, uscirne sarà dura!
Capite adesso il titolo dell’articolo, dire altro non serve più … Serve agire se necessario, di fronte alla falsità ed alla protervia del pensiero unico scientifico e contro i continui abusi fisici e psicologici sui minori.
I BAMBINI SONO SACRI E NON SI TOCCANO

Vaccini: Un libero e pubblico dibattito? Impensabile!

Se esistesse un dibattito, tra sostenitori e detrattori dei vaccini, questo articolo ne mostrerebbe tutta l’inutilità. L’utilità dei vaccini non può essere stabilita da chi i vaccini li produce ed ha interesse a trarne profitto, specie se la produzione è nelle mani di individui senza scrupoli, il cui scopo non è certo la tutela della salute! Leggi QUI il pdf 

Robert Kennedy Jr le bugie sui vaccini hanno le gambe corte.

Prof. Mary Holland all’ONU parte 1 : se hai dubbi sui vaccini sei antivaccinista. Video prima parte QUI

Prof. Mary Holland all’ONU parte 2 : per 225.000 bambini non vaccinati in California niente scuola. Video seconda parte QUI

Hanno attraversato mezza Italia, non potevano mancare all’incontro del 29 ottobre 2016 a Roma, la associazione RAV-HPV (reazioni avverse al vaccino HPV). Il racconto di Giulia, Bianca e Federica…http://colorsradio.it 08/11/2016

 Report: la “reazione avversa” di Big Pharma 

 

di Massimo Mazzucco

Bufera (più che prevedibile) sulla puntata di Report dedicata al papilloma virus, e condotta da Sigfrido Ranucci.

Ma il vero problema non è tanto la reazione avvelenata di Big Pharma – prevedibile, come dicevamo – quanto piuttosto la mancata difesa da parte dei giornalisti italiani di un collega come Ranucci e dei suoi collaboratori.

Se infatti leggiamo una qualunque rassegna stampa – dal Corriere a Repubblica, da La Stampa al Fatto Quotidiano – troveremo che tutti i giornali parlano della “reazione avversa” avuta dal sistema, ma nessuno ha il coraggio di dire la cosa più semplice: Ranucci non ha affatto “diffuso informazioni antiscientifiche”, nè certamente “anti-vaccini” – come vorrebbe il capo d’accusa generalizzato – ma ha semplicemente denunciato la difficoltà di far funzionare il sistema che dovrebbe registrare le reazioni avverse ai vaccini, in Italia come in Europa. (E chissà perché non funziona?)

Qui potete vedere la puntata di Report andata in onda l’altro giorno: sfido chiunque a dimostrare che il lavoro di Ranucci e dei suoi colleghi sia “disinformazione antiscientifica”, e non semplicemente corretto giornalismo.

Siamo tutti con te Sigfrido, tieni duro.

Massimo Mazzucco

P.S. Le ragazze intervistate nel servizio di Report sono le stesse che hanno portato la loro testimonianza alla Prima Giornata Nazionale contro l’Obbligo Vaccinale, tenutasi a Roma lo scorso ottobre. Chi vuole vedere le loro testimonianze complete le trova in questo video, a partire dal minuto 38.

Ipnopedia vaccinale e (Ir)radiazione del pensiero

DI EMANUELA LORENZI
comedonchisciotte.org

[…]è chiaro che un governo del terrore funziona, nel complesso, meno bene del governo che, con mezzi non-violenti, manipola l’ambiente e i pensieri e i sentimenti dei singoli, uomini, donne e bambini. Il castigo pone un temporaneo arresto alla condotta indesiderata, ma non contiene permanentemente la tendenza della vittima a tale condotta. […] La società descritta in 1984 è una società controllata quasi esclusivamente dal castigo e dal timore di esso. Nel mondo immaginario della mia favola il castigo è raro e, di solito, mite. Il governo realizza il suo controllo, quasi perfetto, inducendo sistematicamente la condotta desiderata, e per far questo ricorre a varie forme di manipolazione pressoché non-violenta, fisica e psicologica, ed alla standardizzazione genetica.”

(Aldous Huxley , Ritorno al mondo nuovo 1958)

Ci siamo. Ipnopedia pura. L’articolo segue QUI

 Roberto Burioni contro Report per la puntata sul vaccino 
contro il Papilloma virus: “Atto grave e intollerabile”
 
Il vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai presenterà un’interrogazione urgente per “verificare la correttezza della trasmissione ‘Report'”
 
Dopo il caso Roberto Benigni, Report è di nuovo nella bufera. “Diffondere la paura raccontando bugie è un atto grave e intollerabile”: così Roberto Burioni, il medico che da anni si batte contro la cultura del rifiuto del vaccino, ha criticato, in un lungo post apparso sulla sua pagina Facebook, la trasmissione per la puntata dedicata al vaccino anti-Papilloma virus, in cui si parlava dei possibili danni. Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai, ha fatto sapere che presenterà un’interrogazione urgente per “verificare la correttezza della trasmissione ‘Report'”. Mentre per il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si tratta di “grave disinformazione”.
 
Il direttore della Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia e autore del libro dal titolo “Il vaccino non è un’opinione” non ha perdonato al programma di aver diffuso quella che, a suo dire, è una falsità: “Diffondere la paura raccontando bugie è un atto grave e intollerabile. E’ abusare in maniera perversa della libertà di opinione. E’ come gridare ‘c’è una bomba’ in uno stadio affollato per vedere la gente che fuggendo calpesta i bambini”. 
 

La Dignità di un nonno bambino

Dopo che quest’uomo muore in una casa di cura, le infermiere trovano qualcosa che cambia le loro vite.

Ogni giorno migliaia di persone anziane attendono con ansia nelle case di riposo una visita o almeno una telefonata dei loro cari. Ma, nella fase finale delle loro vite, molto spesso i loro vecchi cuori rimangono amaramente delusi. Quando un uomo anziano, che le infermiere avevano sempre bollato come “brontolone”, muore e la sua stanza viene riordinata, le infermiere trovano qualcosa che tocca i loro cuori così profondamente da farle piangere.

Tra gli effetti personali del paziente, i ricordi di una vita intera, trovano infatti questa poesia:

Che cosa vedi infermiera? Che cosa vedi? A cosa stai pensando quando mi guardi? Un uomo vecchio e irritabile, non molto saggio, di abitudini incerte e con la distanza negli occhi? Che sbava sul cibo e non risponde.

Uno che, quando dici ad alta voce: “Voglio che ci provi!” sembra non accorgersene, anche delle cose che fai. Uno che sempre perde… un calzino o una scarpa? Uno che, resistendo o non lasciandoti fare ciò che vuoi, con il bagno o durante la cena, riempie le tue lunghe giornate? È questo che stai pensando? È questo che vedi?

Allora apri gli occhi, infermiera. Tu non mi guardi. Ti dirò chi sono, finché sono ancora qui, così come faccio ciò che mi chiedi e mangio ciò che tu vuoi.

Sono un bambino a 10 anni, con un padre e una madre, fratelli e sorelle, l’amore l’uno dell’altro. Un giovane ragazzo a sedici anni, con le ali ai piedi sognando, presto o tardi, di incontrare l’amore. Uno sposo precoce a vent’anni, il mio cuore sobbalza, ricordando i voti che ho promesso di mantenere.

A 25 anni, ho già il mio proprio figlio, che ha bisogno di essere indirizzato nella vita e condotto al sicuro a casa. A trent’anni, mio figlio è già cresciuto in fretta, siamo legati l’uno all’altro, indissolubilmente. A quarant’anni, i miei giovani figli sono cresciuti e se ne sono andati, ma la mia donna è ancora al mio fianco, per vedere che io non pianga. A cinquant’anni, ancora una volta, i bambini giocano sulle mie gambe, ancora siamo circondati da piccoli, la mia amata e io. Giorni bui per me, mia moglie ora è morta.

Guardo al futuro, mi vengono i brividi di terrore. Penso agli anni, all’amore che ho conosciuto. Ora sono vecchio, e la natura è crudele, la vecchiaia ti fa apparire come un pazzo. Il corpo si sbriciola, la grazia e il vigore vengono meno, vi è ora una pietra, dove una volta ho avuto un cuore.

Ma all’interno di questa vecchia carcassa ancora abita un giovane, e, di tanto in tanto, il mio cuore malconcio si gonfia. Ricordo le gioie, mi ricordo il dolore, e sto amando e vivendo la vita di nuovo.

Penso agli anni, troppo pochi, corsi via troppo velocemente, e accetto il fatto nudo e crudo che nulla può durare. Quindi, apri gli occhi e guarda: non un uomo irritabile e vecchio, guarda più da vicino, guarda ME!

Non dare mai per scontato che “un vecchio nonno” accanto a te sia solo questo e nulla più. Lui vive e sente proprio come te. In ogni corpo batte un cuore che rimane giovane, anche quando il corpo decade e invecchia. Ricordati le parole di quest’uomo ogni volta che vedi un anziano essere trattato in un modo che non merita.

Condividi questa poesia con tutti quelli che conosci e che sono in grado di ricordare che, nei nostri cuori, non invecchiamo mai.

Fonte

Impatto biologico dei nostri telefoni cellulari

Nuovi pericoli correlati all’uso dei telefoni cellulari
che tutti devono conoscere

Dr. Mercola

Se pensate che l’uso dei telefoni cellulari non sia pericoloso per la vostra salute, allora dovreste trovare il tempo di leggere cosa ne pensa la Dott.ssa Devra Davis autrice di “Disconnect – La verità sulle radiazioni da telefoni cellulari” che ha fatto delle ricerche approfondite sui pericoli delle radiazioni emanate dai cellulari.

Come molti di noi, quando iniziò i suoi studi, la Dott.ssa Davis non pensava che i telefoni cellulari potessero essere pericolosi. Ma oggi, basandosi su prove tossicologiche ed epidemiologiche è convinta che le radiazioni da cellulare non solo siano pericolose, ma addirittura, che possano essere letali.

Nelle sue conferenze la Davis spiega come l’impatto biologico dei nostri telefoni cellulari non sia legato alla potenza del segnale emesso dal dispositivo, quanto dalla frequenza irregolare in grado di interferire con il DNA.

Questa teoria, secondo la Davis, fornirebbe le risposte sull’insorgenza di una vasta gamma di patologie, cancro compreso…

Può il nostro cellulare provocare il cancro?

Un caso molto interessante, che può essere un utile avvertimento sul potenziale cancerogeno delle radiazioni da telefono cellulare, è quello di una giovane donna affetta da cancro al seno con la presenza di diversi focolai di metastasi. Indagando sulle abitudini della paziente si è scoperto che aveva l’abitudine di tenere il cellulare infilato nel reggiseno.

I due specialisti che seguivano il caso, Robert Nagourney e John West, hanno concluso che non c’era altra possibilità per la causa del suo cancro: “Abbiamo collegato i puntini” e la distribuzione delle cellule cancerose era allineata perfettamente con la forma del suo cellulare e del posto in cui era solita riporlo.

Anche se i due medici non possono dimostrare che sia stato il cellulare la causa del tumore, questa storia dovrebbe servire come avvertimento per tutte le donne che hanno la stessa “brutta” abitudine. Ma anche per tutti coloro che tengono il telefono nella tasca dei pantaloni o della camicia.

Il nostro consiglio è di tenere a mente che i punti maggiormente pericolosi per queste radiazioni si estendono per un raggio di circa 15 centimetri attorno all’antenna del dispositivo. Fate quindi attenzione a dove riponete il vostro cellulare, tenendolo a debita distanza dal vostro corpo.

Ecco perché tenere il cellulare vicino al corpo non è una buona idea…

Alcune zone del nostro corpo sono più vulnerabili alle radiazioni da telefono cellulare.

Nel 2009 è stato pubblicato uno studio che ha preso in esame 150 uomini con l’abitudine di tenere il telefono su di un fianco, attaccato alla cintura. I soggetti avevano portato il telefono al fianco per circa 15 ore al giorno, per una media di 6 anni di tempo.

Mediante l’uso di raggi X e tecniche utilizzate nella diagnosi e nel monitoraggio di pazienti affetti da osteoporosi, i ricercatori hanno misurato la densità minerale pelvica.

Scoprendo che i soggetti della ricerca avevano una densità minore sul lato in cui erano soliti tenere il telefono. Questo dato è molto importante per lo studio dell’influenza dei campi elettromagnetici emessi dai nostri dispositivi.

Bisogna rendersi conto che il telefono emette radiazioni anche quando non si sta effettuando una chiamata. Di conseguenza tenere sul proprio corpo il cellulare per tutto il giorno ci espone a radiazioni quasi continuamente.

Molti studi concordano che le radiazioni emesse dai nostri cellulari siano in grado di influenzare negativamente: quantità, qualità e motilità degli spermatozoi umani. Un’altro problema da aggiungere alla minor densità ossea…

Uno studio pubblicato su “PLoS One” rileva che: “RF-EMR nella gamma di densità e frequenza dei telefoni cellulari aumenta le reazioni mitocondriali riducendo la motilità e la vitalità degli spermatozoi umani e in ultima analisi la frammentazione del DNA. Questi risultati hanno chiare implicazioni sulla sicurezza dell’uso di telefoni cellulari da parte di maschi in età riproduttiva. Implicazioni che interessano sia la fertilità e la salute sia il benessere dei figli.”

Per questo motivo, in particolare gli uomini, non dovrebbero tenere il proprio cellulare in tasca, evitandone il posizionamento vicino agli organi riproduttivi. Inoltre nella medesima zona vi sono altri organi sensibili alle radiazioni come fegato, reni, colon e vescica.

Prove recenti incolpano i cellulari dell’insorgenza del cancro.

L’anno scorso, un gruppo di ricerca israeliano, ha registrato un aumento dell’incidenza di tumori della ghiandola parotide negli ultimi 30 anni. Con un picco dopo il 2001. La parotide è un ghiandola salivare che si trova vicino alla guancia, proprio dove solitamente appoggiamo il telefono durante una conversazione.

Nello stesso anno il Dott. Siegal Sadetzki ha testimoniato in un intervento al senato degli stati uniti che i telefoni cellulari sono stati identificati come causa del cancro alla parotide.

Lo studio afferma che il rischio di questo tipo di tumore, sul lato di ascolto abituale, aumenta del:
34% nel caso di utenti che abbiano usato il cellulare per 5 anni.
58% se si hanno più di 5500 chiamate nel corso della vita.
49% se si hanno più di 266,3 ore di conversazioni telefoniche ne corso della vita.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità classifica le radiazioni dei telefoni cellulari come cancerogeno di classe B

Gli abbonamenti di telefonia cellulare nel mondo sono stimati in circa 5,9 miliardi, ovvero l’87% della popolazione globale… Penso si possa dire che abbiamo superato il punto di non ritorno per quel che concerne questa tecnologia. Ma, così come il numero di utenti, cresce anche il numero di ricercatori che studia e ci avverte in merito agli effetti collaterali.

Fortunatamente? I loro moniti stanno lentamente quanto inesorabilmente cominciando a farsi sentire.

Il 31 Maggio 2011 l’OMS (organizzazione mondiale della sanità) insieme al IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha pubblicato un rapporto in cui ammette la connessione tra telefoni cellulari e cancro. Classificando i campi elettromagnetici a radiofrequenza “possibilmente cancerogeni per l’uomo” (Classe 2B). Questa classificazione è la risposta ai molti studi che indicano i cellulari come responsabili del cancro al cervello. Il Dott. Jonathan Samet ( Università della California) presidente del gruppo di lavoro ha indicato che: “Mentre stiamo accumulando altre prove, è giusto sostenere una giusta conclusione la classificazione 2B. Date le potenziali conseguenze per la salute pubblica è importante prendere misure pragmatiche e a lungo termine per ridurre l’esposizione“.

I bambini sono i soggetti più a rischio, già nell’utero materno.

Purtroppo, bambini e adolescenti sono i soggetti più a rischio per i tumori della parotide, alle ossa e al cervello. Le ossa del cranio nei più piccoli sono più sottili permettendo alle radiazioni di raggiungere il mesencefalo, dove il cancro risulta più letale.

Inoltre, l’alta velocità di riproduzione cellulare, rende i più giovani maggiormente suscettibili alla crescita cellulare anomala quanto aggressiva di un tumore. Secondo il professor Lennart Hardell (Svezia) nei giovani che iniziano in tenera età ad usare telefoni cellulari aumentano di 4/5 volte le possibilità di cancro al cervello.

L’immagine seguente mostra chiaramente le differenze di penetrazione delle radiazioni tra adulti e bambini. Nei bambini le radiazioni attraversano il cranio molto più facilmente che negli adulti. 

La foto è stata tratta dal libro “Sanità pubblica SOS: il lato oscuro della rivoluzione wireless”

Le donne in gravidanza dovrebbero evitare l’uso del cellulare. Nel 2008 alcuni ricercatori analizzando i dati provenienti da 13000 bambini hanno scoperto che l’esposizione ai telefoni cellulari nel grembo materno e durante l’infanzia potrebbe essere collegata a disturbi comportamentali.

Un utilizzo minimo, due o tre volte al giorno durante la gravidanza alzerebbe il rischio nei futuri bambini di iperattività e difficoltà emozionali. Il fattore di rischi cresce ulteriormente se i bambini faranno uso di cellulari in età prescolare.

Nello specifico, il rischio di problemi comportamentali è aumentato del 54% nei figli di madri che hanno fatto uso di cellulare durante la gravidanza.

Quando i bambini hanno iniziato ad usare telefoni cellulari gli incrementi riscontrati sono stati i seguenti:
80% in più di probabilità di soffrire di disturbi comportamentali.
25% in più di rischio di problematiche emotive.
34% in più di rischio di complicazioni nella sfera relazionale con i coetanei.
35% in più di rischio di iperattività.
49% in più di rischio di problemi legati alla condotta.

Gli esperti categoricamente dichiarano che gli effetti nocivi sono dimostrabili.

I ricercatori in campo di impatto biologico delle frequenze elettromagnetiche (CEM) e tecnologie wireless ritengono che non ci siano più dubbi sulla relazione radiazioni cellulari e cancro. Esistono svariate patologie in relazione alle radiazioni elettromagnetiche. Come ad esempio la depressione, il diabete, le irregolarità cardiache e perdita di fertilità. Gli studiosi hanno spiegato come le onde elettromagnetiche danneggino cellule e DNA.

Il Dott. Martin Blank ha tenuto una conferenza nel 2010 intitolata ” Gli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici” in cui spiega come la struttura a doppia elica del DNA sia particolarmente vulnerabile a campi elettromagnetici di ogni tipo.

Il DNA possiede delle caratteristiche strutturali, conduzione elettronica e auto-simmetria, che contribuiscono ad una maggiore reattività con i campi elettromagnetici. Rendendo le lunghe e ripetute esposizioni alle radiazioni particolarmente dannose.

Blank sottolinea in molti suoi articoli e relazioni di come la scienza abbia già dimostrato questi effetti nocivi. Come ad esempio l’articolo del novembre 2010 intitolato: “Effetti non termici e meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici e materia vivente”. Inoltre altri studi mostrano un aumento del rischio di tumore al cervello in soggetti che abbiano usato il cellulare per più di 1640 ore. Uno studio indipendente svedese del 2007 ha riscontrato un aumento di rischio del 540% in soggetti con un uso del cellulare maggiore di 200 ore.

I miei consigli sull’uso del telefono cellulare
I bambini fino a 10 anni non dovrebbero mai usare i telefoni cellulari.
Ridurre l’uso del telefono.
Usa la rete di telefonia fissa a casa e in ufficio.
Riduci o elimina l’uso di dispositivi wireless.
Utilizza il cellulare solo quando la ricezione è buona (quando la ricezione è bassa il cellulare emette più radiazioni per ricevere segnale)
Non utilizzare il cellulare in macchina (le onde elettromagnetiche sono maggiori)
Evita di tenere il telefono vicino al corpo.
Usa un auricolare.
Non pensare che possa esistere un cellulare sicuro.
Spegni il cellulare di notte e non tenerlo vicino al letto.


Marco Falda
Come Difendersi dalle Onde Elettromagnetiche
Accademia Vis Vitalis


Riccardo Stagliano
Toglietevelo dalla Testa.
Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono
Chiarelettere


Riferimenti
i The Environmental Health Trust June 6, 2012
ii Journal of Craniofacial Surgery September 2009;20(5):1556-60
iii PLoS ONE 4(7): e6446
iv Epidemiology January 2011 – Volume 22 – Issue 1 – pp 130-131
v Mobithinking.com Mobile statistics 2012
vi Electromagnetichealth.org, WHO/IARC Classifies Radiofrequency Electromagnetic Fields as Possibly Carcinogenic to Humans
vii International Agency for Research on Cancer, May 31, 2011, Press release # 208
viii Epidemiology. 2008 Jul;19(4):523-9
ix International Journal of Radiation Biology April 2011, Vol. 87, No. 4 , Pages 409-415
x Electromagnetichealth.org, Non-Thermal Effects and Mechanisms of Interaction Between Electromagnetic Fields and Living Matter
xi International Journal of Epidemiology June 2010;39(3):675-94
xii International Journal of Occupational Safety and Ergonomics 2007: 13(1); 63-71

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Dionidream

Riproduzione consentita a patto che l’articolo non sia modificato in nessuna parte indicando autore e link attivo al sito.

Link attivo al sito: http://www.dionidream.com/danni-cellulare/

Il confronto fra Peppa e Masha resta disarmante.

“Prendili da piccoli e le possibilità sono infinite”:
i cartoni animati e il lavaggio del cervello

 di Simone Boscali e Enrico Galoppini

  glenn-quagmire-ipersessualita“Prendili da piccoli e le possibilità sono infinite”. Così recita un adagio ripetuto diverse volte nel film con Jet Li Danny the Dog. Una frase che sta ad indicare come un’accorta manipolazione avviata e ripetuta su menti giovanissime in formazione (in sostanza sulla carta bianca) potrà ottenere effetti devastanti quando quelle menti si saranno fatte adulte.

Stiamo parlando evidentemente di bambini, di manipolazione sui bambini, e poiché le adunate oceaniche, i cinegiornali coi gerarchi in divisa e le gigantografie dei leader infallibili sono ormai passate di moda in una civiltà occidentale che non è più capace nemmeno di cogliere la carica romantica di quelle manifestazioni, è meglio occultare detta manipolazione sotto le innocue vesti di un cartone animato.

Vogliamo prendere spunto, per successive osservazioni, dal generoso articolo Dieci motivi per cui vogliamo più Masha e meno Peppa in cui emergono preliminarmente alcuni punti per cui il celebre cartone animato russo “Masha e Orso” è (decisamente) preferibile all’orrenda “Peppa Pig” inglese.

In realtà sulle due serie si possono spendere ulteriori e più profonde osservazioni che le qualificano come autentici riflessi dei rispettivi paesi di produzione, la Federazione Russa e la Perfida Albione.

Peppa Pig è infatti ricca di messaggi occulti, condizionamenti politici e mentali. Come già rilevato nel summenzionato articolo, Papà Pig è fondamentalmente un inetto, e la sua inettitudine viene sottolineata senza pietà dai suoi familiari nelle più diverse occasioni. È vero che è anche molto paziente e comprensivo, anche in situazioni che farebbero scappare la pazienza a un santo, ma ciò non toglie che la figura paterna incarnata dal grosso suino faccia una figura complessivamente barbina. Al contrario di Mamma Pig, la quale è sempre assai efficiente e… lavora, lavora sempre tanto, soprattutto al pc, ma mai in faccende di casa, delle quali anzi si occupa perlopiù il maschio. E lasciamo perdere il transfert psicologico consistente nel vedere “uomini” in animali, e per giunta in quelli più “sporchi” per definizione.

george-con-il-dinosauroIl personaggio del piccolo George (lo stesso nome dell’attuale erede al trono britannico, pur nato diversi anni dopo la creazione della serie) porta sempre con sé un rettile, quella pseudo-rana così mal realizzata nello stile semplicistico di Peppa. Chissà perché nell’entertainment per l’infanzia non mancano mai i “dinosauri”, assieme ad altri rettili e mostri d’ogni genere, così come i pirati (ovviamente simpatici e buontemponi) sono infilati dappertutto: le fortune dell’Inghilterra non sono forse cominciate grazie all’azione di questi “gentiluomini”?

E vi sono delle puntate in cui fa la sua, anzi, la Sua comparsa niente meno che la regina d’Inghilterra in persona a raccogliere gli omaggi dei suini sudditi.

Suini sì, e non solo, perché come già accennato, lo stile semplicistico, grottesco e brutto di questa serie inglese è in realtà anche funzionale a convogliare ulteriori significati.

Non serve un esperto di simbologie per capire quale organo rappresenti la testa dei maialini di Peppa e sappiamo bene che i messaggi trasmessi per mezzo di riferimenti sessuali, qualunque essi siano, sono sempre più efficaci (si pensi alla Air-action/erection delle gomme da masticare, ai re della patatina, alle immagini subliminali diffuse nelle pubblicità e negli stessi film per bambini). Nel caso specifico di Peppa Pig i suini sudditi hanno una testa che ricorda per l’appunto un genitale maschile e che pertanto suggerisce il loro svilimento al livello della “testa di cazzo”, evidentemente necessario per accettare la sottomissione alla casa di Windsor. Sottomissione, certamente, perché dietro la costituzionalità politicamente corretta della monarchia britannica occorre ricordare che la famiglia reale conserva di fatto una posizione di altissimo livello nella gerarchia globale. Aggiungiamo poi che l’ipersessualizzazione dei bambini in tenera età è un preciso obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, funzionale ad avere ragazzi e adulti più manipolabili, e alla stessa imposizione della cosiddetta “ideologia di genere”.

Fermo restando, a questo punto, che la televisione non può mai essere veramente educativa nemmeno quando trasmette contenuti “positivi” data la natura distruttiva del contenitore, il confronto fra Peppa e Masha resta disarmante.

masha&peppaMasha e Orso convoglia messaggi di tradizione e nazionalismo, certamente di una nazione non nostra e che pertanto non dobbiamo mutuare pappagallescamente, ma sicuramente si tratta di valori genuini e non dettati dai soliti fini oscuri: si pensi ad esempio ai numerosi riferimenti militari dell’oggettistica di Orso (il cappello da guardia bolscevica piuttosto che i due modellini di aerei con la stella rossa) o alla stessa incarnazione da parte di Orso dei comportamenti tipo del russo (l’amore per l’arte e la musica, una biblioteca ricchissima, un ritmo di vita lento). E infine, Masha in effetti non sembra avere genitori, cosa che può andare a sfavore di questa serie. Ma il ruolo di mamma e papà viene interpretato niente meno che da un animale che rappresenta tradizionalmente la nazione russa per cui è come se Masha fosse figlia della Russia (e la sua immagine di bimbetta energica in abiti tradizionali è coerente con questo) e quest’ultima potesse quindi essere la vera genitrice dei propri figli. Un’idea quanto mai rivoluzionaria e controcorrente nell’Occidente allo sbando.

Fonte:

http://www.ildiscrimine.com/prendili-da-piccoli-e-le-possibilita-sono-infinite-i-cartoni-animati-e-il-lavaggio-del-cervello/