Archivi tag: autismo

Vaccini: Un libero e pubblico dibattito? Impensabile!

Se esistesse un dibattito, tra sostenitori e detrattori dei vaccini, questo articolo ne mostrerebbe tutta l’inutilità. L’utilità dei vaccini non può essere stabilita da chi i vaccini li produce ed ha interesse a trarne profitto, specie se la produzione è nelle mani di individui senza scrupoli, il cui scopo non è certo la tutela della salute! Leggi QUI il pdf 

Robert Kennedy Jr le bugie sui vaccini hanno le gambe corte.

Prof. Mary Holland all’ONU parte 1 : se hai dubbi sui vaccini sei antivaccinista. Video prima parte QUI

Prof. Mary Holland all’ONU parte 2 : per 225.000 bambini non vaccinati in California niente scuola. Video seconda parte QUI

Hanno attraversato mezza Italia, non potevano mancare all’incontro del 29 ottobre 2016 a Roma, la associazione RAV-HPV (reazioni avverse al vaccino HPV). Il racconto di Giulia, Bianca e Federica…http://colorsradio.it 08/11/2016

 Report: la “reazione avversa” di Big Pharma 

 

di Massimo Mazzucco

Bufera (più che prevedibile) sulla puntata di Report dedicata al papilloma virus, e condotta da Sigfrido Ranucci.

Ma il vero problema non è tanto la reazione avvelenata di Big Pharma – prevedibile, come dicevamo – quanto piuttosto la mancata difesa da parte dei giornalisti italiani di un collega come Ranucci e dei suoi collaboratori.

Se infatti leggiamo una qualunque rassegna stampa – dal Corriere a Repubblica, da La Stampa al Fatto Quotidiano – troveremo che tutti i giornali parlano della “reazione avversa” avuta dal sistema, ma nessuno ha il coraggio di dire la cosa più semplice: Ranucci non ha affatto “diffuso informazioni antiscientifiche”, nè certamente “anti-vaccini” – come vorrebbe il capo d’accusa generalizzato – ma ha semplicemente denunciato la difficoltà di far funzionare il sistema che dovrebbe registrare le reazioni avverse ai vaccini, in Italia come in Europa. (E chissà perché non funziona?)

Qui potete vedere la puntata di Report andata in onda l’altro giorno: sfido chiunque a dimostrare che il lavoro di Ranucci e dei suoi colleghi sia “disinformazione antiscientifica”, e non semplicemente corretto giornalismo.

Siamo tutti con te Sigfrido, tieni duro.

Massimo Mazzucco

P.S. Le ragazze intervistate nel servizio di Report sono le stesse che hanno portato la loro testimonianza alla Prima Giornata Nazionale contro l’Obbligo Vaccinale, tenutasi a Roma lo scorso ottobre. Chi vuole vedere le loro testimonianze complete le trova in questo video, a partire dal minuto 38.

Ipnopedia vaccinale e (Ir)radiazione del pensiero

DI EMANUELA LORENZI
comedonchisciotte.org

[…]è chiaro che un governo del terrore funziona, nel complesso, meno bene del governo che, con mezzi non-violenti, manipola l’ambiente e i pensieri e i sentimenti dei singoli, uomini, donne e bambini. Il castigo pone un temporaneo arresto alla condotta indesiderata, ma non contiene permanentemente la tendenza della vittima a tale condotta. […] La società descritta in 1984 è una società controllata quasi esclusivamente dal castigo e dal timore di esso. Nel mondo immaginario della mia favola il castigo è raro e, di solito, mite. Il governo realizza il suo controllo, quasi perfetto, inducendo sistematicamente la condotta desiderata, e per far questo ricorre a varie forme di manipolazione pressoché non-violenta, fisica e psicologica, ed alla standardizzazione genetica.”

(Aldous Huxley , Ritorno al mondo nuovo 1958)

Ci siamo. Ipnopedia pura. L’articolo segue QUI

 Roberto Burioni contro Report per la puntata sul vaccino 
contro il Papilloma virus: “Atto grave e intollerabile”
 
Il vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai presenterà un’interrogazione urgente per “verificare la correttezza della trasmissione ‘Report'”
 
Dopo il caso Roberto Benigni, Report è di nuovo nella bufera. “Diffondere la paura raccontando bugie è un atto grave e intollerabile”: così Roberto Burioni, il medico che da anni si batte contro la cultura del rifiuto del vaccino, ha criticato, in un lungo post apparso sulla sua pagina Facebook, la trasmissione per la puntata dedicata al vaccino anti-Papilloma virus, in cui si parlava dei possibili danni. Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai, ha fatto sapere che presenterà un’interrogazione urgente per “verificare la correttezza della trasmissione ‘Report'”. Mentre per il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si tratta di “grave disinformazione”.
 
Il direttore della Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia e autore del libro dal titolo “Il vaccino non è un’opinione” non ha perdonato al programma di aver diffuso quella che, a suo dire, è una falsità: “Diffondere la paura raccontando bugie è un atto grave e intollerabile. E’ abusare in maniera perversa della libertà di opinione. E’ come gridare ‘c’è una bomba’ in uno stadio affollato per vedere la gente che fuggendo calpesta i bambini”. 
 

Devoti di una scienza nera

AMBIENTE INQUINATO E MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE, INFIAMMATORIE E TUMORALI

NON C’È MALATTIA CHE NON SIA INDOTTA DALL’INQUINAMENTO DELL’AMBIENTE. Così affermano gli studi relativi a quella che viene definita “rivoluzione epigenetica” e uno tra i maggiori esperti in questo nuovo campo di conoscenze il dr. Ernesto Burgio, presidente del Comitato tecnico-scientifico dell’Associazione Medici per l’ambiente ISDE (International Society of Doctors for Environment), Coordinatore Comitato Scientifico ISDE-Italia, Membro del Comitato Scientifico di ARTAC France (Association pour la Recherche Thérapeutique Anti-Cancéreuse), Membro ENSSER (European Network of Scientists for Social and Environmental Responsibility), Membro Commissione Cancerogenesi Ambientale – AIOM (Ass Italiana di Oncologia Medica),  Membro Commissione Ambiente-Salute della SIP (Società Italiana di Pediatria), Referente regionale Progetti OMS di Promozione della Salute – Sicilia.

Ma che cos’è l’epigenetica?

In estrema sintesi e in modo semplice si può definire l’epigenetica come quella branca della genetica che studia tutte le modificazioni che alterano l’attività dei geni senza modificare le sequenze del DNA; modifiche che possono essere anche ereditate.

Per semplificare: il DNA  può essere pensato come l’hardware di un computer e le attività ad esso connesse come il software. Il software in questo caso funziona più o meno bene a seconda delle informazioni che gli arrivano dall’esterno, cioè dall’Ambiente. Ogni giorno della nostra vita le nostre cellule ricevono in forma di molecole, correnti elettromagnetiche, sostanze chimiche di sintesi etc., informazioni dall’attuale Ambiente esterno inquinato e inducono interagendo con l’epigenoma il DNA – il genoma –  a funzionare in maniera diversa da come dovrebbe. Il che, in parole povere, significa che l’Ambiente inquinato interferisce in modo negativo sull’attività del DNA. Il dottor Mauro Mocci dell’ISDE, per la verità, ci aveva già trasmesso questa importante informazione nel convegno di Manziana del 2012.

E qual è il dato più allarmante di questi studi epigenetici?

Che trovano riscontro in un aumento spaventoso del numero di malattie cronico-degenerative, infiammatorie e tumorali sempre più in crescita nei paesi industrializzati e quindi con un più alto livello di inquinamento ambientale.

In Italia una persona su due, prima o poi contrae il cancro, per non parlare di tutta una serie di altre patologie in continuo incremento. Il problema da affrontare è dunque di ordine collettivo e se la collettività non riuscirà entro fine secolo a fare qualcosa per rovesciare il nostro attuale rapporto con l’Ambiente, l’intera specie umana sarà a rischio.

Queste sono parole del dottor Ernesto Burgio che si fondano anche su dati rilevati e su ricerche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La visione di questi due filmati non lascia più dubbi.


Grazie a questa esposizione molto chiara del dottor Ernesto Burgio ora possiamo tutti sapere che siamo in una vera e propria crisi ambientale e sanitaria e che sarebbe criminale non intervenire subito. Ed è bene sapere che non c’è essere al mondo, nemmeno il bioprofittatore, che non sia esposto alle trasformazioni della composizione dell’aria che respiriamo, alle trasformazioni della catena alimentare (per lo più impregnata di benzene e pesticidi) e alle trasformazioni degli ecosistemi che costituiscono il cuore della biosfera.

Ma qual è la soluzione?

La soluzione sta in una presa di coscienza collettiva, con o senza il permesso dell’attuale sistema politico-finanziario che ha dimostrato di non avere gli strumenti etici per rinunciare all’attuale modello di sviluppo economico lineare che ci sta portando diritti al rischio estinzione, anche se con un consolatorio stigma “bio” o “green”. Noi cittadini, invece, possiamo ancora fare qualcosa: dobbiamo cambiare la nostra visione del rapporto ambiente-salute ed esigere, senza se e senza ma, che i nostri amministratori centrali o locali compiano il loro mandato nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute, applicando il Documento Programmatico ISDE su Ambiente e Salute (www.isde.it).

Chiediamolo a tutti i Sindaci e a tutti i presidenti di Provincia e Regione. Ci basti pensare che se un paese cosiddetto avanzato eliminasse i pesticidi, nel giro di 10 anni i linfomi si dimezzerebbero.

Senza essere medici o scienziati, questo ci dice che siamo a una svolta importantissima. Il collasso dell’Ambiente e i nostri stili di vita sempre più avidi ed esigenti ci stanno preparando al prossimo salto evolutivo nell’ignoto. In parole povere, la nostra non è solo una crisi economica, energetica, sociale, politica, ma una crisi biologica, evolutiva. Sapremo tutti che il 70% della biosfera è costituita da microrganismi, e noi da 50-60 anni facciamo la guerra ai microrganismi, ignorando che senza microrganismi la biosfera rischia di collassare, mentre eliminare l’uomo – per la biosfera – potrebbe essere tutto sommato un bene sul piano evolutivo. In pratica, siamo alle porte di un periodo simile a quello in cui si è dovuti passare dalla respirazione branchiale a quella polmonare. Ma a differenza del pesce, l’evoluzione ci ha muniti di uno strumento in più, la Mente. Come vogliamo usarla? Vogliamo collaborare oppure affondare passivamente e lasciare che si compia questo salto nel buio in una prossima specie misteriosa o mostruosa, o addirittura in nessun’altra specie? Il problema è urgente, e non disponiamo di migliaia di anni evolutivi per risolverlo, forse neanche 30 anni.

L’asfissia è alle porte, il “cocktail” d’inquinanti – spacciati spesso per “bio” o “green” – è sempre più venefico, il nostro sistema immunitario è sempre più compromesso dalla generosa quantità di antibiotici immessi nell’ambiente, soprattutto attraverso la zootecnia, le inondazioni si alternano a forti siccità, l’acqua e il cibo scarseggiano, e via così per un inquietante elenco di attacchi agli equilibri della biosfera.

Sicché, chiediamoci subito come vogliamo schierarci, possibilmente con totale disinteresse personale e localistico e togliendo l’audio a tutti quei governanti devoti di una “scienza nera” o addirittura ignoranti.

Ringraziamo di cuore la dottoressa Antonella Litta, referente dell’Associazione medici per l’Ambiente – Isde di Viterbo, che ci ha segnalato questi importantissimi filmati del dottor Ernesto Burgio e precisiamo che il nome Valerio, spesso richiamato dal dottor Burgio, corrisponde alla persona del dottor Valerio Gennaro, epidemiologo dell’IST (Istituto Nazionale Per La Ricerca Sul Cancro) di Genova.

FONTE: https://comitatibiogas.wordpress.com/

FONTE: http://www.nogeoingegneria.com/

SE VOLESSI METTERE IN GINOCCHIO L’UMANITÀ …

Articolo di Nogeoingegneria

“Se io volessi essere malvagio, se volessi mettere in ginocchio l’umanità, spruzzerei su tutto il suo cibo del glifosato, poi spruzzerei nell’aria dell’alluminio, e se questo ancora non basta, aggiungerei ancora un po’ di alluminio nei vaccini. In questo modo posso riuscire a rendervi tutti quanti stupidi, e nell’arco di due o tre generazioni vi porterei all’estinzione. Quello che mi occorrerebbe ancora per ottenere questo sono determinate frequenze elettromagnetiche, delle quali mi servo per bloccare i vostri enzimi responsabili della disintossicazione. E sono proprio esattamente queste frequenze quelle che provengono dai ripetitori della telefonia mobile. Se io fossi maligno, direi che dietro tutto questo dev’esserci un gruppo intelligente di scienziati molto, molto malvagi, e di politici. Ma siccome non sono cattivo, ritengo che si tratti solo di coincidenze casuali! ”  D. Klinghardt

Continua QUI – articolo del 7 febbraio 2016

– gli eredi di Ippocrate –

 Vaccini e medici: la dittatura è al lavoro
Marcello Pamio – 20 luglio 2016 

L’attuale Sistema sta finalmente gettando la maschera, mostrando la propria faccia, la sua vera natura. 


La dittatura sinarchica continua a fare passi da gigante verso la fine di ogni libertà. 

“La libertà è partecipazione” cantava al mondo il grande Giorgio (Gaberscik) Gaber. 

Oggi dal cantautore toscano siamo passati ad un altro Giorgio, il romanziere-futurologo George Orwell, il quale nel suo fantaromanzo “1984” descrive magistralmente quello che sarebbe accaduto al mondo in un lontano futuro, cioè l’attuale presente. 

Nel suo libro infatti uno dei mantra più utilizzati dal Governo dittatoriale era “La libertà è schiavitù”!
Guai ad essere individui liberi, troppo pericoloso, perché la libertà fa malissimo ed è schiavitù. 

Oggi è esattamente così: per il Sistema la libertà degli individui è peggio di un cancro da estirpare con ogni mezzo.

Miliardi di persone che rappresentano la struttura portante della società, la base della piramide del potere, non sono viste dal vertice come esseri umani aventi diritti, ma piuttosto come semplici automi privi di anima, da usare per far andare avanti la struttura societaria, per mantenere quindi viva l’illusione ottica nella quale ci hanno fatto nascere e crescere.

Macchine ovviamente senza alcun diritto e senza alcun valore.

L’ultimo esempio, in questo caso da parte della dittatura medica, arriva con il documento della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo) sulle vaccinazioni pediatriche. 


Come mai si è scomodata addirittura la Casta delle Caste?
Forse perché sta dilagando qualcosa di molto rischioso e assai contagioso e non mi riferisco al virus del morbillo o al batterio alla pertosse ma alla LIBERTÀ.
Sempre più genitori consapevoli infatti si stanno destando dal letargo e decidono di prendersi LORO la responsabilità della salute del PROPRIO figlio e non il medico vaccinatore delle ASL (che in caso di danni non risponde di nulla).

Ecco qual è il vero problema: dalle ultime rivelazioni disponibili del 2014 in Italia i bambini vaccinati calano al ritmo di 5-10 mila ogni anno. 


Calano i malati, calano le vendite dei farmaci, calano gli affari.
Questo è un meccanismo pericolosissimo per le lobbies del farmaco!
Genitori che non delegano la salute del proprio figlio ad un medico che non hanno mai visto e che non conosce nulla della storia del loro bambino; non delegano il benessere del loro figlio ad un politico della Casta che ha votato una legge (voluta e imposta dai Poteri Forti) che obbliga la vaccinazione e infine non delegano la salute alle case farmaceutiche che vogliono le persone sempre più malate. 

Questi genitori incoscienti non sono bravi sudditi per cui vanno fermati. Ma come?

Minacciare i genitori di ripercussioni? Questa opzione è stata passata al vaglio ma al momento (non è detto che un domani non venga messa in pratica) non è realizzabile.

Impedire ai bambini non vaccinati di andare a scuola? Difficile perché si parla di scuola dell’obbligo, quindi diventa un po’ troppo complesso, anche se qualche povero in spirito in Emilia ha preso posizione vietando l’ingresso al nido per i non vaccinati (cosa questa vergognosamente illegittima e assolutamente illegale). 

Alla fine hanno scelto il male minore, bloccare e legare le mani dei loro associati: i medici! 

Così dice il segretario Luigi Conte: “sono già in corso e sono stati fatti procedimenti disciplinari per i medici che sconsigliano i vaccini.
Si può arrivare anche alla radiazione“. 

L’inquisizione moderna in camice bianco avverte quindi platealmente e mediaticamente i propri soci: state molto attenti perché rischiate la radiazione! Parola dell’Ordine. Amen.

Chiamarla strategia della tensione e del terrore è un semplice eufemismo…

Sconsigliare la vaccinazione ai propri pazienti va oltre la violazione del codice deontologico e quindi si rischia la professione. 


Così minacciano a parole. Sarebbe bello vedere cosa farebbe il Sindacato se migliaia di medici obiettori sconsigliassero le vaccinazioni!
La confusione sulla questione dei vaccini obbligatori in Italia sarebbe dovuta anche alla riforma del titolo V della Costituzione del 2001, che ha dato alle Regioni poteri sulle questioni della salute. 

Nel corso degli ultimi 15 anni alcune Regioni hanno attenuato (in Veneto sospeso) l’obbligatorietà di quattro vaccini in vigore a livello nazionale.

I medici – si legge nel documento riportato dai media mainstream – ricordano che secondo la Costituzione della Repubblica la tutela della salute dell’individuo rappresenta un interesse della collettività”. 


Sono bravissimi i medici della Casta a ricordarsi, quando serve (loro), della Costituzione (senza però citare un solo articolo), ma stranamente si sono dimenticati l’articolo 32 della Costituzione della Repubblica italiana (quella che l’attuale governo golpista vorrebbe ulteriormente ritoccare): “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario”. 

Ricordiamo a questi eredi di Ippocrate (il quale si è consumato a forza di girarsi e rigirarsi nella tomba) che nessuno ha mai scelto e votato, ma che si arrogano il diritto di decidere per 60 milioni di persone, ciò che sancisce la Costituzione: NESSUNO PUÒ ESSERE OBBLIGATO A UN TRATTAMENTO SANITARIO.
I vaccini sono o non sono un trattamento sanitario obbligatorio? Certo che sì e uno anche tra i più rischiosi, visto che viene fatto a esseri viventi piccoli e indifesi! 

Inoltre visto l’articolo 1 del Codice di Norimberga (1946): ”Il consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale (…) e prima di accettare una decisione affermativa da parte del soggetto dell’esperimento lo si debba portare a conoscenza della natura, durata, e di tutte le complicazioni e rischi che si possono aspettare e degli effetti sulla salute o la persona che gli possono derivare dal sottoporsi dell’esperimento”. 

Quale consenso informato viene fornito dai medici ai genitori prima di inoculare sostanze chimiche, virus attenuati, nanoparticelle, adiuvanti e conservanti vari (idrossido di alluminio, formaldeide ecc.) dichiaratamente tossici, nel corpicino del loro figlio di pochi giorni? 

Quali informazioni serie vengono fornite dal medico vaccinatore o dalle ASL ai genitori che volessero saperne di più?
Vengono spiegati dettagliatamente gli eventuali rischi?
Niente di tutto questo, perché l’Ordine dei medici afferma che i vaccini NON hanno NESSUN rischio per la salute dei neonati! NON ESISTE UN SOLO FARMACO PRIVO DI EFFETTI COLLATERALI. 

Nemmeno uno e questo nessun medico al mondo può negarlo!
Quindi perché i vaccini non dovrebbero comportare dei rischi? Sono o non sono farmaci? 

Viene spiegato perfettamente dall’articolo 7 lettera A della Dichiarazione di Helsinki, firmata dall’Associazione Mondiale dei Medici: “nella pratica medica corrente e nella ricerca medica, la maggior parte delle procedure preventive, diagnostiche e terapeutiche implicano rischi e aggravi”.
La maggior parte delle procedure terapeutiche comporta rischi e aggravi” ha dichiarato l’Associazione Mondiale dei Medici. Rischi che in questo caso riguardano neonati di pochissime settimane… 

Infine, la cosa più inquietante del documento del Fnomceo è che i medici si rivolgono perentoriamente anche alla magistratura chiedendo di “favorire il superamento dell’evidente disallineamento tra scienza e diritto“.

I medici dall’alto del loro scranno bacchettano tutti quei magistrati che si sono messi di traverso con le loro scomode sentenze.
In pratica il diritto si è disallineato con la (loro) scienza e va riportato quanto prima dentro il (loro) recinto.

Questi incoscienti di giudici devono recepire “nelle loro sentenze la metodologia dell’evidenza scientifica”.
Come al solito si usa l“evidenza scientifica” o “evidence based”, per tappare la bocca a tutti. 

Cosa significa evidenza scientifica e quanto questa dipende dal paradigma e dai soldi investiti? Un esempio per tutti lo chiarirà: l’AMA, l’Associazione dei Medici Americani (il sindacato potente statunitense) ha negato per decine di anni il collegamento tra fumo e salute (cosa risaputa oggi anche dai bambini) e questo soltanto perché riceveva decine di milioni di dollari dalle lobbies del tabacco!
Ecco cos’è l’evidenza scientifica! E’ il paradigma vigente che viene deciso dal più forte e influente: l’Industria del farmaco in questo caso. 

La storia viene scritta dai vincitori e i paradigmi scientifici dall’establishment.
Il passato insegna però che anche i paradigmi crollano e quello che prima si riteneva “evidence based” oggi è finito nel cesso…

Secondo il Fnomceo, i giudici non dovrebbero avere atteggiamenti tesi a “fomentare comportamenti scorretti e non compatibili con il vivere sociale”.

Qui la denuncia è gravissima. 

Forse i medici della Casta dimenticano che le sentenze dei giudici si basano su complesse perizie mediche eseguite da loro colleghi specializzati in medicina legale! 

Da qui la minaccia di sollecitare il ministero e le autorità competenti a presentarsi in giudizio quando ci sono decisioni del giudice che mettono in relazione la vaccinazione con malattie come l’autismo.
Avanti con le minacce. 

Vietatissimo parlare di collegamento tra vaccini e autismo.
Quindi se anche esistono perizie fatte da medici legali che attestano senza ombra di dubbio il nesso causale tra inoculo vaccinale e autismo (o un altro danno grave), questo non si può e non si deve dire, per cui bisogna impedire alla magistratura di farlo. Punto e accapo. 

L’establishment non vuole sentir parlare di connessione tra autismo e vaccini, troppo rischioso per tutti, anche perché i vaccini sono obbligatori…
Se per caso venisse fuori che tutti i bambini autistici (1 bambino ogni 60 nati negli States soffrirebbe di una sindrome autistica) sono stati danneggiati dallo Stato… Dio ce ne scampi e liberi. 

Meglio spostare l’attenzione altrove e dare la colpa a qualcun altro: alla genetica, al virus di turno, alla sfortuna o perché no anche al Padreterno nei Cieli. A tutti ma non toccate i vaccini!
Poco importa se non si trova un solo bambino autistico che non sia stato vaccinato, oppure detto in altri termini tra i bambini non vaccinati è difficile trovare un bambino autistico.

Quindi siamo arrivati al punto che la Casta dei camici bianchi impone alla Casta delle tuniche nere il silenzio stampa in tema di salute!

I processi futuri chi li farà, l’imparziale e oggettivo sindacato Fnomceo?

Se questa non è una dittatura mascherata da democrazia rappresentativa, quanto manca?

http://www.disinformazione.it/dittatura_medica.htm

Pratiche Riprovevoli in agricoltura

82000 MATERIE TOSSICHE NEL CORPO UMANO,
CON IN TESTA GLIFOSFATO E ALLUMINIO

“Sei nelle loro mani peggio di quanto il contadino servo della gleba del medioevo era nelle mani del suo signore feudale.”

“Il recente articolo che vi allego, fornisce in modo chiaro le correlazioni, in molti casi strettissime, tra l’uso di questa sostanza in agricoltura e molte patologie gravi. Anche per il Glifosato, come per il Fluoro, esiste una sinergia con l’Alluminio, che ne aumenta la tossicità.

A titolo di assaggio, vi riporto una figura e relativi commenti presi dal lungo articolo. Da questo scenario di orrori non si salvano né i vegetariani né i carnivori …… Paolo de Santis”.

LETTERA

I DANNI MICIDIALI DEL GLIFOSFATO,
ERBICIDA DELLA MONSANTO

Caro Valdo, ti mando in allegato un articolo, uscito recentemente su una autorevole rivista scientifica, riguardante i danni provocati dall’uso del Glyphosate in agricoltura. Come sai, il Glifosato è un erbicida prodotto da Monsanto e commercializzato col nome di Roundup, estensivamente utilizzato negli Stati Uniti nelle colture di soia e mais OGM, ma suppongo anche in molte altre colture.

 IL DISERBO CHIMICO DEI TERRENI
È UNA PRATICA RIPROVEVOLE IN AGRICOLTURA

Il diserbo chimico viene usato estensivamente nelle coltivazioni commerciali di ortaggi. Nel caso di frutta che cresce su alberi il problema non si dovrebbe porre. Lì ci sono soltanto i fitofarmaci. Ma, per esempio, nel caso del melone, di cui sono un divoratore esagerato, e del cocomero che, essendo striscianti, vanno protetti dalle erbe infestanti che facilmente li soffocano, l’uso del glifosato è divenuto sistematico in fase di preparazione del terreno anche da noi.

SINISTRE CORRELAZIONI TRA ROUNDUP E
LE PIÙ GRAVI PATOLOGIE CEREBRALI

L’articolo che ti allego, fornisce in modo chiaro le correlazioni, in molti casi strettissime, tra l’uso di questa sostanza in agricoltura e molte patologie gravi. Anche per il Glifosato, come per il Fluoro, esiste una sinergia con l’Alluminio, che ne aumenta la tossicità. Gli attentati alla nostra sopravvivenza sono sferrati sia a livello del suolo, vedi fluoro negli acquedotti e nei dentifrici, che nel cielo mediante irrorazioni aeree.

 TI SCRIVO DAL BRASILE
E DOVRÒ RINUNCIARE A MELONI ED ANGURIE

A titolo di assaggio, ti riporto una figura presa dal lungo articolo, con i relativi commenti. Guarda il livello di correlazione fra le quantità usate di questo veleno e la percentuale di patologie del sonno.
In questo momento mi trovo in Brasile, e sto mangiando quantità industriali di deliziosi meloni “pele de sapo”. Temo che dovrò diminuire la quantità a favore di manghi, papaye e ananas, che dovrebbero contenere altri tipi di pesticidi. Temo pure che da questo scenario di orrori non si salveranno né i vegetariani e tanto meno i carnivori.

LA MONSANTO HA UNA STORIA INCREDIBILE
DI CRIMINALITÀ DISINFORMATIVA

Ecco una delle tante perle su Monsanto, da Wiki, alla voce Glyphosate: Il New York Times ha riportato che nel 1996 Dennis Vacco, Procuratore Generale di New York City, aveva già ordinato alla Monsanto di ritirare lo slogan commerciale dove si diceva che il Roundup è più sicuro del sale da cucina. La multinazionale ritirò gli spot ma fece presente che tali spot erano compatibili con le leggi vigenti.

FRODI E FALSIFICAZIONI ALL’ORDINE DEL GIORNO

In due altre occasioni la EPA Environmental Protection Agency aveva scoperto dei ricercatori  nel deliberato atto di falsificare i risultati dei test effettuati in laboratori noleggiati dalla Monsanto per  lo studio del glifosfato. Il Dipartimento Americano di Giustizia fece chiudere il Laboratorio della Industrial Biotest Laboratories (IBT) nel 1978. Poi nel 1983 i leader della Monsanto furono giudicati colpevoli di false dichiarazioni e di frode dei riguardi del pubblico e del governo americano. Nel 1991, Don Craven, proprietario della Craven Laboratories e 14 suoi impiegati furono condannati per una ventina di dichiarazioni mendaci.

DISORDINI DEL SONNO CHE PORTANO ALL’AUTISMO,
ALLA SLA, AL PARKINSON E ALL’ALZHEIMER 

I disordini del sonno si associano con un vasto numero di patologie neurologiche includenti l’autismo, il disordine da iperattività ADHD, il Parkinson, la schizofrenia, il disordine da ansia, la sclerosi laterale amiotrofica SLA e l’Alzheimer.

 LA MELATONINA È RILASCIATA DALLA PINEALE
NELLE ORE NOTTURNE

Il sonno  regolato dal neurotrasmettitore melatonina che viene lasciato dalla ghiandola pineale durante le ore notturne. La pineale è situata al centro del cervello e dietro il nervo ottico. Riceve un buon flusso sanguigno secondo solo a quello dei reni, per cui è molto suscettibile all’esposizione da prodotti tossici tipo alluminio, cadmio e fluoro. Uno studio anatomico post-mortem in varie regioni d’America rivela che la pineale accumula alluminio a ritmo doppio rispetto alle altre zone cerebrali.
Un caro saluto.
Paolo De Santis

*****

RISPOSTA

IN BRASILE TI DIFENDI MEGLIO

Ciao Paolo. Intanto permettimi di invidiarti per la località in cui ti trovi. In Brasile puoi permetterti almeno di poter scegliere tra meloni ed angurie da un lato e tra manghi e papaie dall’altro, per cui avrai modo di difenderti meglio dai guasti e dagli attentati alla salute umana da parte della esecrabile Monsanto.

DANNI INCALCOLABILI ALLE NOSTRE
CATTURE ENERGETICHE ALTERNATIVE

Grazie per questo tuo contributo che si collega agli articoli del prof Giuseppe Altieri, pubblicati sul blog la scorsa settimana. Danneggiare il sonno e la ghiandola pineale non solo produce terribili danni alla produzione di melatonina, ma impedisce pure il meccanismo di trasformazione dei raggi in somatotropina, risorsa alimentare gratuita ed alternativa, basata sulla cattura energetica solare da parte della retina.

LA MONSANTO NASCE COL PIEDE SBAGLIATO

La Monsanto Company è un’azienda multinazionale di biotecnologie agrarie, con 18000 dipendenti e un fatturato di 8,5 miliardi di dollari. Meriterebbe spazzata via dalla terra per gli spaventosi danni che ha prodotto, che produce e che produrrà, se nessuno si decide a fermarla. Fondata a Saint Louis, Missouri, è oggi guidata dal CEO scozzese (chief executive officer) Hugh Grant, che guadagna tra stipendio-base, bonus, opzioni ed altri compensi, una cifra assai superiore ai 10 milioni di US$/anno. La Monsanto nasce già col piede sbagliato nel 1901, come produttrice della micidiale saccarina e come amica intima della CocaCola Corporation, nata nel 1892 in Georgia.

FA I SOLDI CON I FAMIGERATI POLICLOROBIFENILI PBC

Nella grande crisi del ’29, mentre milioni di americani senza lavoro non riescono a mangiare, lei si mangia una ditta che ha giusto messo a punto un nuovo composto, i policlorobifenili, detti PBC. Sono inerti, resistenti al calore, utili all’industria elettrica allora in grande espansione e come liquidi di refrigeranti nei trasformatori. La Monsanto fa i soldi, ma già negli anni Trenta viene fuori che il PCB è un composto chimico tossico. Ma l’elettrico è troppo importante, e la Monsanto va avanti pressoché indisturbata.

ERBICIDI, DIOSSINE E DEFOLIANTI AL NAPALM

Negli anni Quaranta si occupa di diossine e comincia a fabbricare l’erbicida noto come 245T, il nome gli deriva dal numero di atomi di cloro del famigerato composto. Così efficace che già negli anni Sessanta le grandi praterie americane diventano silenti, senza insetti, senza vita e senza uccelli.
L’erbicida è così potente che l’esercito americano lo usa come defoliante nella guerra in Vietnam, dove concepisce l’idea demenziale che distruggendo tutte le foglie degli alberi del Nord e Centro Vietnam riuscirà a scovare i Vietcong. 

AGENTE ORANGE,
IN ASSOCIAZIONE CON LA RIVALE DOW CHEMICAL

Vietcong che invece arriveranno fino a Saigon, e faranno scappare l’ambasciatore americano dal tetto dell’ambasciata, con la bandiera a stelle e strisce arrotolata, e la coda fra le gambe. La Monsanto, durante tutta quella sciagurata guerra, la prima che gli Americani perdono nella loro storia, ha venduto all’esercito il tristemente famoso agente orange, un misto di diossine derivanti dal suo 245T e dal 24D della rivale Dow Chemical, sua alleata per la patriottica distruzione delle foreste del Vietnam. L’agente orange è cancerogeno, e continua a provocare enormi danni in Vietnam.

SCOPERTA DEL GLIFOSFATO NEGLI ANNI ’80

Come si vede, la Monsanto viene da lontano davvero. Ma questo è ancora poco. Negli anni Ottanta scopre il glifosato, sostanza base per molti erbicidi, e soprattutto del tristemente famoso Roundup. Il Roundup è un pesticida potente e redditizio. Porta in cassa profitti del 20% annui, proiettandola ai vertici. Peccato che abbia il grave difetto di far male agli umani. I disordini provocati dal glifosato sono noti e documentati, ma le lobbies pro-pesticidi sono ormai potentissime ed inarrestabili. 

ROUNDUP E ROUNDUP READY

Ma ormai la Monsanto, da grande multinazionale qual è, sa guardare lontano. Nel 1997 scorpora chimica e fibre sintetiche e le mette in una società di nome Solutia e spende miliardi di dollari che le vengono dai profitti del Roundup nel campo biotech, che, insieme a quello del software, sta diventando la perla di Wall Street. Capisce alla svelta chele due grandi strade del futuro sono informatica e biotecnologie. La Monsanto viene fuori con la grande pensata. Fabbrichiamo una semente resistente al glifosato, così possiamo vendere le sementi super-resistenti, che si chiameranno Roundup ready, insieme al Roundup stesso. Così possiamo continuare a prendere due piccioni con una fava. Vendiamo le sementi, e ancor più pesticida Roundup, un pacchetto doppio che abbiamo solo noi. Splendido, no?

OGM E SEMI MODIFICATI ARRIVANO SULLE TAVOLE DI TUTTI

Così, dal 1997, la Monsanto vende semi con un gene che li fa resistenti al Roundup. Ci prova con il cotone, ma gli va male. Però soia, mais e colza vanno bene, e arrivano sulle tavole di tutto il mondo, ormai abituate a prodotti con dentro di tutto. Basta che siano colorati, pubblicizzati e venduti nei supermercati come prodotti nuovi, perché la gente ignara ci caschi. 

STERILIZZAZIONE DELLE PIANTE ORIGINARIE
E BREVETTO TERMINATOR

E non è finita. Nel 1998 una delle nuove aziende Biotech, la Delta & Pine Land, si è inventata e brevettata una modifica genetica a molte piante, che le fa sterili. Come ogni persona di buon senso può capire, è peggio della bomba atomica. Sterilizzano le piante naturali e ti costringono a usare i loro semi. Sei nelle loro mani peggio di quanto il contadino servo della gleba del medioevo era nelle mani del suo signore feudale. Il brevetto prende il nome di Terminator. La Monsanto, dopo due mesi dal brevetto, si compra la Delta & Pine Land, con l’evidente scopo di vendere le sementi transgeniche, che vengono chiamate suicide, ai mercati dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina. 

LE BUGIE HANNO LE GAMBE CORTE

Ma la verità, si sa, alla fine viene fuori, e le bugie hanno le gambe corte. Un giornale tra i pochissimi, The Ecologist, inglese, fa un numero speciale sul transgenico, e cita i nomi della gente delle lobbies che hanno fatto passare le leggi sui brevetti. Sono spesso quelli che poco prima erano nel biotech. Era così e lo è ancora nel farmaceutico come negli armamenti. La chiamano la Revolving door. Entrano nelle multinazionali e escono dalle lobbies o dalle burocrazie ministeriali che decidono, e viceversa. Lo fanno da sempre.

GLIFOSFATO AI PRIMI POSTI COME
FATTORE AMMALANTE MONDIALE

Secondo la facoltà di Igiene della Università di California, il glifosato occupa il terzo posto nelle cause di malattie legate ai pesticidi contratte dai lavoratori. Ma la Monsanto, come le grandi multinazionali, può tranquillamente perdere una battaglia, dieci battaglie, perché alla fine vince le guerre decisive, grazie ai suoi avvocati e alle sue lobbies. Anzi è così forte che riesce ad imporre quel che vuole agli organismi mondiali come il WTO. 

GUERRA EUROPA-USA
SULLE CARNI E SUI LATTICINI AGLI ORMONI

Progresso contrabbandato come vittoria totale dei commerci senza barriere. Ma i ricchi non comprano il cibo dei poveri. Così, gli europei carnofili tutti, devono accettare le importazioni di carne e latte che provengono dagli USA, da bestiame trattato con Prosilac, l’ormone Monsanto che fa crescere gli animali e i profitti. Ed è proprio sulle carni ormonate Monsanto, che verte la guerra tra USA che mette gli ormoni e l’Europa che non ci sta. Una guerra commerciale a tutti gli effetti.

VISUALE PROFETICA DEL GRANDE STORICO TACITO

Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale devastazione, vanno a frugare anche il mare. Avidi se il nemico è ricco, arroganti se povero. Gente che né l’Oriente né l’Occidente possono saziare. Loro soli bramano possedere con pari smania ricchezze e miseria.
Rubano, massacrano, rapinano e con falso nome, lo chiamano impero. Infine, dove fanno deserto, lo chiamano Pace e Progresso. Publius Cornelius Tacitus (56-117 d.C).

Valdo Vaccaro

FONTE http://valdovaccaro.blogspot.it/2015/01/saccarina-diossina-napalm-e-trifosfati.html

 ANCORA PAOLO DE SANTIS  (LETTERA A NOI) 

 l Glifosato è un erbicida prodotto da Monsanto e commercializzato col nome di Roundup, estensivamente utilizzato negli stati uniti nelle colture di soia e mais OGM, ma suppongo anche in molte altre colture. Da noi, temo che ormai il diserbo chimico sia usato estensivamente nelle coltivazioni commerciali di ortaggi. Nel caso di frutta che cresce su alberi il problema non si dovrebbe porre: lì ci sono “soltanto” i fitofarmaci. Ma per esempio nel caso del il melone e del cocomero che, essendo striscianti, vanno protetti dalle erbe infestanti che facilmente li soffocano, l’uso del glifosato temo sia ormai divenuto sistematico in fase di preparazione del terreno. Da Wiki, alla voce Glyphosate:

The New York Times reported that in 1996, “Dennis C. Vacco, the Attorney General of New York, ordered the company to pull ads that said Roundup was “safer than table salt” and “practically nontoxic” to mammals, birds and fish. The company withdrew the spots, but also said that the phrase in question was permissible under E.P.A. guidelines.”[118]

On two occasions, the United States EPA has caught scientists deliberately falsifying test results at research laboratories hired by Monsanto to study glyphosate.[119] The first incident involved Industrial Biotest Laboratories(IBT). The United States Justice Department closed the laboratory in 1978, and its leadership was found guilty in 1983 of charges of falsifying statements, falsifying scientific data submitted to the government, and mail fraud.[120]In 1991, Don Craven, the owner of Craven Laboratories and three employees were indicted on 20 felony counts. Craven, along with fourteen employees were found guilty of similar crimes.

Il recente articolo che vi allego, fornisce in modo chiaro le correlazioni, in molti casi strettissime, tra l’uso di questa sostanza in agricoltura e molte patologie gravi. Anche per il Glifosato, come per il Fluoro, esiste una sinergia con l’Alluminio, che ne aumenta la tossicità.

A titolo di assaggio, vi riporto una figura e relativi commenti presi dal lungo articolo.

Da questo scenario di orrori non si salvano né i vegetariani né i carnivori……

Sleep disorders are associated with a large number of neurological diseases and conditions, including autism [1], attention deficit hyperactivity disorder (ADHD) [2]-[4], depression [5], Parkinson’s disease [6]-[8], schizophrenia [9]-[11], anxiety disorder [12], amyotrophic lateral sclerosis (ALS) [13], and Alzheimer’s disease [14]. ……………………………………Sleep is regulated by the neurotransmitter, melatonin, released by the pineal gland at night [20] [21]. The pineal gland is situated in the middle of the brain behind the optic chiasma. It is outside of the blood brain bar- rier (BBB) and is highly perfused—receiving a blood flow rate that is second only to that of the kidney [22]. These considerations likely explain why it is especially susceptible to exposure to environmental toxicants such as aluminum, mercury, cadmium and fluoride [23] [24]. A postmortem study of aluminum levels in various brain regions revealed that the pineal gland accumulates aluminum at a rate that is at least twice that of other brain regions [25].

VEDI: Aluminum and Glyphosate Can Synergistically Induce Pineal Gland Pathology: Connection to Gut Dysbiosis and Neurological Disease

82000 MATERIE TOSSICHE NEL CORPO UMANO, CON IN TESTA GLIFOSFATO E ALLUMINIO 

Ho investito di sicuro oltre mezzo milione di dollari in test di laboratorio per trovare le cifre e i dati che vi sto presentando. Sappiamo oggi che nel corpo si trovano più di 82.000 materie tossiche. Ma l’80 per cento della tossicità complessiva, della capacità di far ammalare, è data solo da due sostanze che sono l’alluminio e il glifosato. Il glifosato è un erbicida è prodotto dai miei amici della Monsanto negli USA e da 50 anni è commercializzato in quasi tutti i Paesi occidentali. È il veleno principale che viene spruzzato sui terreni, ma da esso ci si può in parte proteggere, se lo sappiamo. Ed esiste un altro veleno, che è l’alluminio, dal quale invece non possiamo più difenderci.

 L’ALLUMINIO RIMANE IL NEMICO NUMERO UNO

Vi mostro brevemente il perché. Qui c’è la correlazione, chiara e certa dal punto di vista medico, che l’autismo nei bambini oggi è causato principalmente dall’alluminio. Alluminio che, dal corpo della madre viene trasferito nel corpo del figlio, e poi dall’alluminio che viene somministrato in aggiunta con i vaccini. Prima avevo fatto vedere che c’è un enorme aumento delle patologie neurologiche. L’articolo che ho in mano prova che l’alluminio gioca un ruolo particolare nell’aumento di queste malattie neurologiche. Il principale sintomo è la perdita di memoria, e io oserei dire che tutti voi qui ne siete colpiti. Appena lo sai, puoi fare qualcosa per contrastarla! Ma fintanto che non lo sai finisci per soccombere. VEDI QUI SE VOLESSI METTERE IN GINOCCHIO L’UMANITA’

 Vedi anche

 

Biosfera e Geoingegneria: le improbabili ragioni di una convivenza impossibile

Fonte Link attivo: http://www.nogeoingegneria.com/effetti/salute/82000-materie-tossiche-nel-corpo-umano-con-in-testa-glifosfato-e-alluminio/ 

 Articoli correlati QUI  QUI  & QUI