Archivi tag: Abydos

Il Faraone Gigante

5.000 anni fa, un ‘gigante’ dominò l’Antico Egitto

Un antico faraone egiziano chiamato Sa-Nakht, dalla terza dinastia, era l’antico gigante dell’Egitto.

Sa-Nakht governò la civiltà del fiume Nilo circa 1.000 anni prima che Ramses II salisse al trono. Ramses, era considerato estremamente alto migliaia di anni fa, con un’altezza di circa 1,75 m, ma, era “sovrastato” dalla dimensione del faraone Sa-Nakht.

Sa-Nakht o Sanakht da anni è rimasto un enigma per gli esperti, dato che le informazioni riguardanti la sua dominazione, quando ha assunto la carica, quando è morto e su che tipo di faraone era, è rimasto ambiguo nel tempo. Quello che si sa di questo faraone è dovuto a diversi esperti che sono riusciti a raccogliere nel corso degli anni alcune reliquie che sono sopravvissute per più di 5000 anni.

Se si da un occhio ai registri dell’antico e storico egiziano Manetho (Manetone) e nella lista dei re di Torino, Sa-Nakht ha governato l’antico impero egiziano per 18 anni, ma molti archeologi sostengono che il periodo di tempo esatto rimasto sul trono rimane un mistero. La sua esistenza è attestata da frammenti di guarnizioni trovati a nella mastaba K2 a Beit Khallaf e un graffito – un marchio deliberato fatto da graffiti o incisioni su una grande superficie come un muro.

Negli ultimi anni, grazie a numerose scoperte archeologiche ad Abydos, la posizione di Sa-Nakht come fondatore dell’antica dinastia egiziana regnante d’Egitto, registrata da Manetho e dalla Roya Torino Canon, è stata seriamente minata, creando come mai prima d’ora più confusione intorno all’antico faraone egiziano.

Ok, quindi cosa sappiamo? Quello che sappiamo è che era un vero GIGANTE per il suo tempo. Si ritiene che nel 1901, nel piccolo villaggio di Beit Khallaf gli archeologi hanno scavato i resti di Sa-Nakht. I resti scheletrici appartenevano ad un uomo che si levava in piedi a 6 metri e di larghezza 1,6 pollici, quasi 2,00 metri. Questo avrebbe reso il faraone Sa-Nakht un vero gigante.

Secondo studi precedenti, l’altezza media per gli uomini intorno a questo tempo era di circa 5 metri secondo il co-autore dello studio Michael Habicht. Secondo Charles S. Myers, nel libro “Le ossa di Hen Nekht, un re egiziano della terza dinastia”, il cranio di Sa-Nakht era piuttosto grande e capiente.

Anche se la sua capienza cranica era insolitamente ampia e quasi brachicefalo, le proporzioni delle sue lunghe ossa erano regolate tropicamente come quelle di molti altri antichi egiziani in quel momento.

L’altezza di Sa-Nakht era diversa da qualsiasi cosa precedentemente vista. Infatti, era così alto che avrebbe torreggiato sopra Ramesses II, il più alto registrato antico faraone egiziano, alto circa 9 piedi (1,75 m), che governò l’antico Egitto 1000 anni dopo Sa-Nakht. Uno studio pubblicato su The Lancet: Diabetes & Endocrinology, indica come l’antico faraone egiziano possa aver sofferto di Gigantismo.

Gli esperti dell’Università di Zurigo che hanno analizzato accuratamente i resti ritengono che questo è il più antico esempio di gigantismo nella storia umana. Contrariamente alla credenza popolare, l’altezza di Sa-Nakht non gli avrebbe concesso alcun vantaggio sociale, come di fatto vengono raffigurate le statue nelle antiche dinastie dell’Egitto, sono preferite statue più piccole, dal momento che c’erano “molte piccole persone nel servizio regale”, così concludevano gli esperti dello studio.

“Le ragioni di questa inclinazione non sono sempre certe”, ha concluso il coautore dello studio Michael Habicht, un egittologo dell’Istituto di Medicina Evoluzionistica dell’Università di Zurigo.

https://www.ancient-code.com/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

CURIOSITÀ

Il grande Regno di Ramses II

Ramses II ovvero Ramses il Grande

Ramses II (alias Ramesse II, Ramesse II o Sese) è stato il terzo faraone della diciannovesima dinastia. E’ stato uno dei più potenti e influenti faraoni dell’antico Egitto.

Re Ramses II salì al trono d’Egitto poco più che ventenne (intorno al 1279), e regnò per 66 anni fino alla sua morte nel (1213 a.C.). Era il terzo sovrano della diciannovesima  dinastia e regnò incredibilmente per 67 anni, il secondo regno più lungo dei faraoni dell’antico Egitto.

Una serie di problemi di salute (come l’artrite e problemi arteriosi) può aver contribuito alla fine della sua vita, ma per il suo tempo aveva fatto molto, come alcune realizzazioni di architettura, ancora visibili oggi a testimonianza della sua

Biografia:

Ramsesseum dall'aria

I risultati più noti di Ramses il Grande sono i suoi sforzi architettonici, il più notevole è il Ramesseum e gli interessanti templi di Abu Simbel. Ramses II ha realizzato più monumenti architettonici rispetto a qualsiasi altro faraone dell’antico Egitto. Ancora oggi, un numero significativo di tributi architettonici attribuiti a Ramses II dominano ancora il paesaggio dell’Egitto.

Il Ramesseum è un tempio memoriale, un complesso situato vicino a Luxor (vicino a Qurna). Anche se ora è in rovina, il suo interno è ancora riconoscibile per il grande Pilone di Ramesse e utile come documento storico.

Ramses pilone

Pylon è la parola greca che viene usata per l’ingresso di un tempio egizio. Il pilone è iscritto con immagini che mostrano le vittorie di Ramesses nella guerra contro gli Ittiti, e il successivo trattato di pace che ne seguì. Questo pilone, insieme ad altre iscrizioni e templi creati durante il regno di Ramses II, mostra che questo faraone voleva essere ricordato per la sua influenza militare, politico, e la vita religiosa.

Anche nel Ramesseum ci sono i resti di una gigantesca statua di Ramses II. Un tempo, la gigantesca statua era imponente, solo le parti alte misuravano 17.m, ma ora è rimasto solo il busto e la sua base (il busto è in mostra al British Museum). Altri resti trovati sono quelli di 2 grandi statue che raffigurano Ramesse II seduto. (vedi immagine sopra)

I templi di Abu Simbel, sono 2 imponenti templi gemelli di roccia, sono stati costruiti da Ramses II. Essi sono situati in Nubia (Sud Egitto), nei pressi del Lago Nasser, e sono stati eretti per commemorare il suo regno, e quella della sua regina, Nefertari. Scopri di più su Abu Simbel

Abu Simbel

Pi-Ramses, è un’antica città sul delta del Nilo, è stata edificata da Ramesse II e utilizzata per le sue campagne in Siria. Questa città è menzionata nella Bibbia, come un luogo dove gli israeliti furono costretti a lavorare per il Faraone.

Un’altra città antica, è Abydos (nota per le sue iscrizioni mitologiche) è stata utilizzata da Ramses II per registrare la storia del suo regno e quella dei suoi antenati, offrendo alle generazioni future una ricchezza di conoscenza sulle realizzazioni che questi faraoni hanno fatto.

Statua Ramses II a Memphis

 

La nota statua di Ramses II rinvenuta a Memphis è stata pensata e commissionata da Ramses II in persona. Essa vuole mostrare alla gente d’oggi di quanto grande è stato l’impatto di Ramses il Grande con l’uso del materiale illustrativo del suo tempo. Ci sono anche altri siti dove sono state edificate simili grandi statue di Ramses II. 

Ramses II: L’impatto militare

Il regno di Ramses II è stato caratterizzato da numerose battaglie militari e divenne uno dei più famosi faraoni egiziani noto per la sua forza militare. Gran parte del suo regno è avvenuto con l’occupazione e l’assunzione di nuovi territori che sono stati persi in Egitto durante il governo di altri antichi faraoni egiziani (in particolare Akhenaton) preoccupato solo a realizzare una religione monoteista. L’esercito di Ramses II era costituito da 100.000 possenti uomini, enormi per quel periodo di tempo.

La battaglia più famosa di Ramses II è stata la battaglia di Kadesh, che ha avuto luogo nell’omonima città (situata in oggi in Siria). Combattuta nel 1274 a.C. contro gli Ittiti, è stata la più grande battaglia mai fatta con i carri da guerra (vedi immagine sopra). Ramesse ha commesso un errore tattico in questa lotta dividendo le sue forze, la causa della divisione delle sue forze militari ha rischiato di essere spazzato via. Alla fine nessuna delle parti ha guadagnato la vittoria e Ramesse ha dovuto ritirarsi a causa delle difficoltà logistiche.

Il genio militare di Ramses II ha contribuito a proteggere i confini egiziani dagli invasori stranieri, e dalle scorrerie di pirati libici lungo il Mediterraneo. È riuscito a respingere le invasioni degli Ittiti e nubiani.

Inoltre, le sue campagne hanno consolidato e ripristinato il paese Egitto che era stato precedentemente perso a questi imperi. Con questi imperi ha fatto dei trattati di pace dopo la guerra con loro, Ramses II ha contribuito a consolidare i confini egiziani su tutti i lati, consentendo una maggiore stabilità interna. Molte di queste campagne sono state completate nei primi venti anni del suo regno: il grande regno di Ramses II.

Fonte

Traduzione e adattamento: http://ningizhzidda.blogspot.it/