Archivi categoria: Video

FRANKENSKIES

LA DOCUMENTAZIONE DI FRANKENSKIES  E’ DISPONIBILE SOLO NELLA FORMA COMPLETA DELLA SUA LUNGHEZZA 

Matt Landman

FrankenSkies è un documentario di 80 minuti sul cambiamento sociale riguardante l’agenda della Geoingegneria solare che colpisce ogni essere vivente sulla Terra. La lotta è per portare consapevolezza a questo argomento, nonostante gli ostacoli di una popolazione socialmente ingegnerizzata e del complesso industriale militare con le sue risorse infinite, è palpabile in questa funzione di svegliata verità.

In una apertura impeccabilmente temporizzata di esposizione, il film rivela la campagna per normalizzare le formazioni di nubi chimiche attraverso dispersioni di aerosol nell’atmosfera. Volto verso un calendario di normalizzazione che comprende un mezzo controllato e un sistema educativo indottrinandone la politica, gli attivisti fanno la domanda: il tuo silenzio è il tuo consenso? Una pellicola informativa scioccante sull’innovazione climatica, sul controllo della frequenza e sulla manipolazione della CIA, la narrazione del film si sviluppa attraverso una storica sequenza temporale di sperimentazione sull’umanità, portandoci ad un moderno laboratorio in pieno giorno che comprende l’aria che respiriamo e che impone quando e dove il sole deva splendere, o no..

FONTE https://theinternationalreporter.org/2017/06/26/frankenskies-full-length-documentary/

TRAILER 

DOCUMENTARIO COMPLETO 

Il regime di Geoingegneria solare progettato per bloccare il tuo sole Di Matt Landman 

Un gruppo di scienziati del clima sta attualmente sostenendo una mossa preventiva contro i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale, anche se probabilmente non hai mai sentito molto a questo proposito. Il piano è quello di bloccare il sole, simile a quello di imitare un’eruzione vulcanica, per questo motivo è chiamato Effetto del Monte Pinatubo che verrebbe attuato con una campagna di iniezione aerosolica già in atto per velare la LUCE del SOLE.

Le basi ingenue di questo approccio sono TRE assimilazioni e costituiscono quanto segue

1) Conosciamo tutto quello che c’è da sapere sul riscaldamento globale
2) Possiamo risolvere il problema
3) Dovremmo risolvere il problema

“Schiarire il cielo sbiancandolo”, cosiddetto dal piccolo gruppo d’élite di scienziati [pazzi], che prevede la dispersione di aerosol attraverso aerei per formare le “nuvole”, questo progetto è stato in fase di ricerca da decenni. Il 2017, tuttavia, è l’anno in cui questo “Regime di Geoingegneria Solare” (tenere d’occhio l’imponente, vaga terminologia) andrà dalla fase di ricerca alla Piena e Globale Scala di Dispiegamento.

La mancanza di informazioni pubbliche schermate da abbondanti tattiche di confusione, di disinformazione, di divieto totale e di terminologia eufemistica hanno lavorato finora per nascondere i fatti. Ma coloro che chiedono di conoscere la verità hanno prestato molta attenzione all’evoluzione della terminologia che circonda ciò che molti di noi hanno conosciuto fino ad ora come “chemtrails”. La lingua infatti ha la sua importanza. Ecco un elenco parziale:

Geoingegneria
Gestione delle radiazioni solari (SRM)
Programma di aerosol troposferico (TAP)
Iniezioni di aerosol stratosferiche (SAI)
Iniezione di particelle stratosferiche per l’ingegneria climatica (SPICE)
Esperimento di rilascio aerosol caricato (CARE)
Climate Geoengineering Governance Project (CGGP)
Progetto di ricerca sul cambiamento globale (GCRP)
Iniziativa del governo sulla radiazione solare (SRMGI)
Strategia nordamericana sull’ozono troposferico (NARSTO)

I media hanno anche coniato il termine segreto su larga scala Aerosol Program (SLAP) un fine incomprensibile per le persone nuove al soggetto. Poco sapevamo allora che il regime stava solo recuperando un po’ più tempo prima di lanciare il suo pazzesco schema questa primavera prossima.

Il 18 maggio 2017, allora, è stato stabilito a Chicago l’auto-proclamato Governo di Regime sulla Geoingegneria Solare per creare un corpo che sostituirà le Nazioni Unite, il cui obiettivo è quello di avviare la distribuzione su scala globale l’Ingegneria Solare sulla Terra.

Prima di attuare un programma così controverso, dovremmo sicuramente considerare gli impatti sulla salute umana nell’iniettare sostanze chimiche tossiche in aria, di discutere il diritto umano ad avere un ambiente sano e del diritto del pubblico a partecipare al processo decisionale ambientale. Il “regime”, tuttavia, si è già incontrato per pianificare e strutturare il dibattito pubblico, anticipando e dirigendo la reazione degli attivisti del clima. Ha anche dettagliato come i mezzi verranno utilizzati per “manifestare la volontà del popolo” per dare ai governi di attuarla senza lasciare “nessuna scelta”. La “Società”, ci crede ciecamente, “ma non conosce la strategia” a differenza del regime stesso che ha speso fino a 15 anni per la pianificazione, ricerca e alla strategia di una distribuzione in tutto il mondo della Geoingegneria Solare.

Gli scienziati del clima, tuttavia, sono molto divisi per quanto riguarda i motivi che causano il riscaldamento globale. Allo stesso modo, non si capisce quali siano gli effetti dell’intervento della Geiongegneria o come la natura reagirà. Il livello di imprevedibilità richiede un’analisi di valutazione del rischio che si concentra sui probabili risultati.

L’Uragano Aerosol e Microphysics Programme (HAMP), ad esempio, è un programma di ricerca geonesistente che utilizza l’implementazione di aerosol di carbonio nero per modificare gli uragani. Vari studi hanno identificato il carbonio nero come causa diretta del riscaldamento globale, ma l’impatto di tali iniezioni di aerosol non è stato adeguatamente considerato / studiato o addirittura discusso quando si affronta il fenomeno del riscaldamento globale. In effetti, è chiaramente contro-intuitivo utilizzare un componente chimico che promuove esattamente quello che stai cercando di evitare.

Esistono gravi rischi multipli nei metodi di iniezione proposti:
Esacerbare il riscaldamento globale
Danno alla salute umana
Cause di collasso biospherico
Creazione di siccità

Non possiamo permetterci di sperimentare solo per trovare in un momento successivo che sono stati commessi lungo la strada errori irreversibili e catastrofici, ma la sperimentazione sembra essere esattamente ciò che accade qui.

Ma questi possono essere evitati. La tecnologia di cattura del carbonio, gli incentivi a tecnologia verde aggressiva, le fioriture oceaniche di fitoplancton e l’urbanesimo rigenerativo offrono tutte alternative molto più sicure alle opzioni globali delle iniezioni di aerosol stratosferici. Avendo inquadrato l’intero dibattito dietro le quinte significa che i diritti e il consenso informato sono stati completamente ignorati e scoraggiati. Scioccamente, attori e media sono stati assunti anche per inquadrare il dibattito e modellare l’opinione pubblica. Che cosa dobbiamo fare per fermare questo assalto mortale, insidioso e disonesto sul nostro mondo fisico?

Tuttavia, il silenzio e l’inerzia non sono opzioni a fronte di una tale minaccia. Dobbiamo agire e agire rapidamente.

La rappresentanza pubblica è l’unico corso giusto e razionale e deve provenire da coloro che sono direttamente interessati dal programma di gestione della radiazione solare. Ciò significa che abbiamo bisogno di membri eletti da un campione adeguato di ricercatori e di parti interessate che rappresentino l’umanità nel suo complesso. Ecco come funziona un approccio basato sul diritto e consensuale al problema.

Quello che non possiamo permetterci è solo una piccola rappresentanza da parte di pochi che sono essenzialmente isolati da tutto e da tutti creando danno a causa del loro stato socio-economico. Un sì dato fatto, non è affatto una «rappresentazione». Eppure questo è quello che abbiamo.

Non vogliamo vedere una ripetizione dell’inflazione dell’acqua di Flint, MI, né la sfida pubblica che nasce quando i boliviani si sono opposti alla privatizzazione del loro approvvigionamento idrico a Cochamba.

Per una decisione di tale portata occorre adottare un approccio basato sui diritti, non discriminatori e inclusivo all’adattamento e alla mitigazione del cambiamento climatico. La piena eguaglianza deve essere rispettata come riconosciuto nella Dichiarazione di Rio, dove è stato dichiarato il diritto alla partecipazione del pubblico al processo decisionale ambientale. Nel dominio ad alto rischio e incerto della Geoingegneria, è chiaro che sono necessari ulteriori controlli e ricerche. L’assunzione è coprire i migliori interessi di tutti i giocatori. Il fatto che vengano considerati e rispettati non è semplicemente vero, le cose stanno così attualmente.

I valori, l’etica, la legge e i diritti umani sono tutti inestricabilmente legati. Questi devono essere presi in considerazione attraverso un processo di partecipazione attiva del pubblico quando si stanno attuando programmi altamente sperimentali che mettono a rischio la vita umana e l’ambiente.

Dobbiamo portare il pubblico alla consapevolezza dall’agenda sul Regime solare di Geingegneria e richiedere l’inclusione pubblica, il controllo e la trasparenza a tale compito.

Come cittadino interessato della Terra, non ho avuto altra scelta se non rispondere a una tale atrocità con una campagna di sensibilizzazione pubblica. Niente può essere più dannoso per la vita umana che togliere il nostro sole. Un tour di sensibilizzazione per attirare l’attenzione sul Regime di Geoingegneria Solare di Chicago il 18 maggio, il 20 aprile a Miami, Florida e visiterà ventiquattro città in tutto il Nord America.

FONTE http://www.newagora.ca/the-solar-geoengineering-regime-designed-to-block-out-your-sun/ 

Matt Landman – Geo-engineering è il controllo totale del cibo, dell’acqua, del tempo, della medicina e del movimento

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Ultimi e primi uomini

Francis Crick – Il segreto della vita e una civiltà straniera creatrice 

Francis Harry Compton Crick, uno dei più famosi biologi molecolari britannici, biofisico e neuroscienziato, noto per essere il Co-scopritore nel 1953 della struttura della molecola del DNA con James Watson aveva alcune affascinanti opinioni su come la vita ‘è sorta’ sulla Terra.

La vita sulla Terra – una civiltà creatrice aliena e diretta Panspermia

La panspermia diretta può essere interpretata come il trasporto deliberato di microrganismi nello spazio da utilizzare come specie introdotte su pianeti senza vita.

È interessante notare che nel 1966, Sclovskii, Sagan, Crick e Orgel prima di loro nel 1973, hanno teorizzato come la vita sulla Terra possa essere seminata deliberatamente da civiltà aliene, da altrove nell’universo.

L’idea della diretta Panspermia può essere ricondotta al lavoro di fantascienza chiamato – Ultimi e primi uominiLast and First Men di Olaf Stapledon, pubblicato nel 1930.

Nel 1953 Francis Crick disse: “… organismi sono stati veicolati deliberatamente alla terra da esseri intelligenti da un altro pianeta. Concludiamo che è possibile che la vita abbia raggiunto la terra in questo modo, ma al presente non possiamo dire nulla sulle prove scientifiche siano adeguate o no sulla probabilità …”

Inoltre, le idee di Crick sulla teoria secondo cui siamo il risultato di «un gruppo di molecole che si rompono l’una nell’altra» questo è probabile come l’assemblaggio di un jumbo jet, colpito da un uragano in un cestino.

Nel libro intitolato “Life Itself”, Francis Crick ha scritto che non esiste un modo positivo che la molecola del DNA possa con un calcio ricevuto essere arrivato sulla Terra in modo casuale ma, che deve aver avuto origine altrove. Panspermia diretta.

Crick si chiedeva come fosse possibile che la “natura” creasse contemporaneamente due elementi reciprocamente interdipendenti per dare inizio alla vita. Crick ha avuto difficoltà a capire come il materiale genetico (acidi nucleici, come il DNA o l’RNA) sia il meccanismo che le permette la sua perpetuazione (proteine ​​chiamate enzimi) si siano manifestati allo stesso tempo e spontaneamente.

Inoltre, se la sintesi dell’acido nucleico è dipendente dalle proteine e le proteine, a loro volta, contano sugli acidi nucleici, Crick e il suo collaboratore Leslie Orgel hanno affrontato un problema simile a quello dell’uovo e della gallina, chi è nato prima?

Così il duo dinamico della creazione giunse alla conclusione che la vita terrestre potrebbe / avrebbe potuto provenire in un mondo in cui esisteva una sorta di “minerale o composto” che avrebbe potuto sostituire la funzione degli enzimi da cui sarebbe stata diffusa in altri Pianeti, come il nostro, attraverso “un’attività deliberata da parte di una società extraterrestre”.

Anche se questo era lontano da un’ipotesi convenzionale, la verità è che Crick in un dato momento, ha cercato di rispondere a una domanda incisiva. Sarebbe stato molti anni dopo la scoperta della doppia elica del DNA finché non si scoprì che l’RNA può funzionare come enzima, senza bisogno di proteine, cioè la soluzione al problema che ha ispirato Crick alla teoria aliena della pan-spermica.

Gli scienziati sostengono che il DNA umano ‘è stato progettato dagli alieni’

Così, nel 1993, Crick e Orgel hanno pubblicato un nuovo articolo scientifico in cui non hanno più citato un presunto intervento extraterrestre.

Gli scienziati hanno scritto: il problema dell’uovo e della gallina “potrebbe essere risolto se, all’inizio dell’evoluzione della vita, gli acidi nucleici abbiano agito come catalizzatori”.

Sicuramente una civiltà aliena super avanzata sarebbe stata capace di qualcosa di simile, se naturalmente ci fosse un posto adeguato nel cosmo per poterlo sviluppare.

La nostra civiltà, ad esempio, è capace di seminare la vita su pianeti senza vita.

In un saggio pubblicato in Astrofisica e Space Science Claudius Gros, un fisico teorico dell’Università Johann Wolfgang Goethe, ha proposto l’idea di trapiantare la vita su altri pianeti. Riferendosi all’idea del Progetto Genesi.

L’idea è quella di inviare navi spaziali robotizzate a basso costo che contengono una spedizione piena di forme di vita microbica – batteri e eucarioti unicellulari – e indirizzarli verso gli esopianeti identificati dagli astronomi come potenzialmente abitabili.

Quindi, se possiamo farlo oggi, come facciamo a sapere se qualcuno in un lontano passato non ci abbia piantati qui sulla Terra?
Cibo per la mente?

Gilgamesh – Il senso della vita

 Gilgamesh, l’antico alieno trovato sepolto in Iraq

June 26, 2017
from YouTube Website 

Molti scritti attribuirono alla leggenda quello che circonda il grande antico re di Uruk, e molte delle città della mitologia.
 

La città di Uruk è stata dichiarata famosa come la capitale dell’antico re Gilgamesh, governatore e eroe dell’omonima epopea.

Si ritiene che Uruk fosse la Erech biblica da Genesi 10:10, la seconda città fondata da Nimrod in Shinar. 
 

L’epopea di Gilgamesh – scritta da uno studioso mediorientale di 2.500 anni prima della nascita di Cristo – commemora la vita del governatore della città di Uruk, da cui l’Iraq ottiene il suo nome. 

Uruk ha attraversato diverse fasi di crescita, dall’antico periodo della sua nascita (4000-3500 a.C) fino al periodo della sua fine (3500-3100 a.C). 

Si dice che la città sia stata costituita quando due piccoli insediamenti a Ubaid si sono fusi. I complessi del tempio e i loro nuclei sono diventati il ​​Distretto di Eanna e il Distretto di Anu dedicati rispettivamente a Inanna e Anu. 
 

Nel 2003, poco prima dell’invasione irachena che ha rovesciato Hussein, furono fatte sorprendenti scoperte in Iraq, culminando in una delle affermazioni più straordinarie avvenute da secoli

Una critica e stata fatta alle forze americane, e fortemente accusate di confisca, diventando poi il principale sospetto della forza trainante di una completa soppressione di queste scoperte sorprendenti all’interno del paese.

Nell’aprile del 2003, Jorg Fassbinder, del dipartimento bavarese per Monumenti Storici, a Monaco di Baviera, ha dichiarato al programma della Scienza della BBC World Service, questa citazione,

“Non voglio dire definitivamente che fosse la tomba del re Gilgamesh, ma sembra molto simile a quella descritta nell’epopea”.

Fassbinder ha detto: “abbiamo trovato appena fuori città in una zona nel mezzo dell’ex fiume Eufrate i resti di un edificio che potrebbe essere interpretato come sepoltura”.

Nel libro, Gilgamesh è descritto come stato sepolto sotto l’Eufrate, in una tomba apparentemente costruita a seguito della sua morte quando le acque dell’antico fiume si separarono.

Fassbinder ha detto che l’incredibile scoperta della città antica sotto il deserto iracheno era stata resa possibile dalla tecnologia moderna.

“La cosa più sorprendente è che abbiamo trovato strutture già descritte da Gilgamesh”, ha dichiarato Fassbinder.

“Abbiamo coperto più di 100 ettari, abbiamo trovato strutture del giardino e strutture del campo come descritto nell’epica, e abbiamo trovato case babilonesi”.

Inoltre ha detto che la scoperta più sorprendente era un sistema incredibilmente sofisticato di canali.

Era prevedibile che la storia stesse in silenzio … a causa di conflitti all’interno del paese e in gran parte si credeva che gli scavi fossero stati fermati,

Tuttavia, sembra che la scoperta del re Gilgamesh non possa essere stata fatta in forma sottaciuta, anche perché sembra che alcuni spettatori siano stati in grado di registrare l’evento.

Questo filmato è stato presumibilmente pubblicato in numerosi luoghi attraverso Internet, ed è stato in gran parte messo giù come ripresa autentica della ricerca, poco dopo questo sono stati fatti dei rapporti che affermano che le forze americane si sono trasferite e sequestrato la scoperta.

Perché le potenze che si sentono in grado di sopprimere tali scoperte, scoperte di vere e proprie tombe di personaggi lungamente pensati per essere mitici?

La tragedia di Osiride è solo un esempio di molti che sono senza dubbio ancora nascosti al pubblico. Forse alcuni indizi sono il motivo per cui la sua tomba è stata nascosta, si trovano solo nell’epica di Gilgamesh, e così le sue immense potenze possedute.

Era il 5° re di Uruk e il suo potere era così potente, molti credono che le storie che lo circondano siano solo miti, costruiti intorno alla sua forza e resistenza apparentemente superiore.

Tuttavia, seri studiosi hanno concluso che la storia di Gilgamesh non è altro che una favola a causa della sua storia stupefacente.

In The Epic il grande re viene considerato dagli dei essere troppo orgoglioso e arrogante e così decidono di darle una lezione, mandandole un uomo selvaggio, Enkidu, per umiliarlo.

Enkidu e Gilgamesh, dopo una feroce battaglia in cui nessuno è risultato vincitore, diventano amici e insieme intraprendono molte avventure.

Quando Enkidu è colpito dalla morte, Gilgamesh cade in un profondo dolore e, riconoscendo la propria mortalità per la morte del suo amico, si interroga sul senso della vita e del valore della realizzazione umana di fronte alla finale estinzione.

Togliendo e eliminando via tutta la sua vecchia vanità e l’orgoglio, Gilgamesh si mette alla ricerca per trovare il senso della vita e, infine, in un certo modo sconfiggere la morte. In tal modo, diventa il primo eroe epico della letteratura mondiale.

Il dolore di Gilgamesh e le domande che la morte del suo amico evocano risuonano in ogni essere umano che ha lottato con il senso della vita di fronte alla morte.

Anche se Gilgamesh nella storia non riesce a vincere la morte per avere l’immortalità, le sue opere vivono attraverso la parola scritta e, lo fa così.

  • È questo il filmato sotto vuoto della tomba di Gilgamesh?
  • Indipendentemente dalla sua autenticità, perché tutta questa segretezza?
  • Siamo come una specie incapace di essere presentata con cose che provano le nostre credenze fondamentali, senza esplodere nel caos?

Sembra che per ora dobbiamo ancora aspettare di scoprirle … 

Video

http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

 Articoli correlati:

La prima vera Opera Letteraria della Storia 

Il mito di Gilgames 

Un fortuito ritrovamento 

GILGAMESH THE KING

Geostorm, trailer ma non troppo

POSSEDERE IL CLIMA E DISTRUGGERE IL MONDO – IL FILM GEOSTORM

La Warner Bros. ha diffuso online il secondo trailer ufficiale di ‘Geostorm’. Uscirà il 1 novembre nei cinema italiani il thriller apocalittico che segna il debutto alla regia di Dean Devlin, scrittore e produttore di Independence Day.

Geostorm fa parte di una lunga tradizione di disaster movie americani. Lo schema è frequentemente questo: il clima impazzisce, le città vengono distrutte, qualche eroe corre contro il tempo per salvare il pianeta.

Milioni di persone potranno ‘godersi’ i brividi delle scene catastrofiche in cui si divulga ad una massa di spettatori il (per loro) nuovo concetto del possesso e controllo delle forze della natura (meteo-clima), trasformato in arma e minaccia globale.

Curiosità: alcune scene ambientate alla NASA, sono state realmente girate presso il NASA Facility di New Orleans. Quindi la NASA è favorevole alla diffusione di questo film.

Un giornalista di ‘Motherboard’ ha contattato e intervistato alcuni esperti di geoingegneria, una tecno-scienza dichiarata in fase embrionale. Nell’articolo che segue possiamo leggere le loro risposte.

Quanto preoccupati si deve essere nella vita reale di ‘Geostorm?’

 di Carl Franzen 

Cosa sarebbe se ci fosse un network di satelliti a poter controllare il tempo intorno al globo? Cosa sarebbe se qualcuno (o qualcosa) potesse prendere il controllo di quei satelliti (o qualcosa del genere?) ed inizia ad utilizzarli per devastare, creando tornado giganti e congelando aerei in volo? Questa è la premessa emozionante di Geostorm , un nuovo thriller catastrofico di Hollywood del ragazzo che ha prodotto Independence Day, che vede protagonista Gerard Butler ed esce negli Stati Uniti il 20 ottobre, secondo il nuovo trailer. E si legge nelle descrizione del trailer: “I leader di tutto il mondo si sono riuniti per creare una fitta rete di satelliti per controllare il clima globale e mettere tutti al sicuro“.

Mettendo da parte la confusione tra meteo e clima (due cose correlate ma diverse), l’idea dell’uomo di alterare deliberatamente il clima per creare condizioni più favorevoli ha un suo fondamento nella realtà di una scienza fiorente, chiamata geoingegneria.

Gli scienziati hanno proposto una serie di schemi per rallentare il riscaldamento della Terra, tra cui spruzzare particelle riflettenti nell’atmosfera, illuminando nuvole con acqua salata, e concimando il plancton che consuma l’anidride carbonica

Ci sono alcune preoccupazioni su queste idee, che potrebbero ritorcersi contro in modo terribile. Ma se la geoingegneria procedesse nella vita reale (ndr: lo sta facendo) potrebbe avverarsi una cosa del genere come un ‘Geostorm’?

“La relazione di Geostorm con scienza e politica della geoingegneria sembra realistico quanto lo era ‘The day after tomorrow’ con scienza e politica del cambiamento climatico globale”, risponde in una e-mail David Keith, professore con doppi mandati accademici, in fisica applicata e politica pubblica presso la Harvard University. “Cioè, non v’è quasi alcuna relazione”.

Keith dovrebbe saperlo essendo lui stesso parte di un gruppo che sperimenta la geoingegneria lanciando aerosol riflettenti entro la fine dell’anno, aggiungendo che si tratta di un processo “che si muove intrinsecamente lento”. “Nulla cambia prima di un anno e poco cambia in 10 anni”, ha spiegato Keith. “Non c’è proprio nessuna manopola magica per regolare e poter far apparire improvvisamente un temporale (o non far apparire) in un luogo specifico.” (ndr che il luminare legga qui: aerosol tempeste

“I tornado multipli  e un enorme muro di acqua dal mare sono impossibili, data la mia comprensione della fisica del clima.”  (ndr invece sono stati avvistati)

Alan Robock, professore di scienze ambientali presso la Rutgers è d’accordo che non dobbiamo preoccuparci troppo di un reale Geostorm. La tecnologia ritratta nel film, per quanto posso vedere dal trailer, non esiste, e non conosco nessun modo attuale di controllare il tempo nella maniera indicata.“ dice Robock in una e-mail.

“E’ pura fantascienza. Tornado multipli e un enorme muro di acqua dal mare sono impossibili, data la mia comprensione della fisica del clima, e chiaramente sono stati inventati per rendere il film eccitante”.

Tuttavia, Robock, che di recente ha contribuito a creare simulazioni di geoingegneria al computer rendendo l’oceano più riflessivo spruzzandoci dentro schiuma, ha avvisato che la geoingegneria reale potrebbe essere utilizzata per il male. (link CIA-Robock)

“Se la tecnologia sarà mai sviluppata, potrebbe essere usata per scopi malvagi, e c’è una lunga storia di tentativi di controllare il tempo e il clima per scopi militari”, ha scritto Robock. “Se questo film su questo argomento dovesse spaventare la gente, non credo che sarebbe una brutta cosa”.

David Grinspoon, scienziato senior presso il Planetary Science Institute, un gruppo noprofit dedicato a promuovere l’esplorazione del sistema solare, condivide questa preoccupazione. Ma lui dice che non sarebbe andato fatto vedere nel trailer Geostorm. “Sarebbe difficile da usare come arma perché non sarebbe in grado di limitare gli effetti su una posizione molto specifica” ha detto Grinspoon in una e-mail (ndr: mi pare che queste preoccupazioni siano poco nella logica di certi poteri).

“Se un pazzo volesse prenderne il controllo e armeggiare per distruggere il mondo intero, sì questa è una preoccupazione realistica”.

Tutti gli esperti contattati da Motherboard hanno sostenuto che l’umanità deve esercitare cautela se si persegue un qualsiasi schema di geoingegneria.

FONTE https://motherboard.vice.com/en_us/article/9kw3we/geostorm-irl (Traduzione NoGeoingegneria)

VEDI ANCHE

Progetto Stormfury

Nubi inseminate, piogge pilotate e invasi straripanti: disastri ambientali e molte domande

Arming the nature – La natura come arma

IL CONTROLLO DEL CLIMA

WEATHER WARFARE ORDIGNI METEOROLOGICI

GLI AEROSOL RAFFORZANO LE NUBI TEMPORALESCHE, FAVORENDO CONDIZIONI METEO ESTREME

Fonte attiva:  http://www.nogeoingegneria.com/ 

Levitazione

L’inspiegabile Le antiche civiltà “levitano” i massi per costruire monumenti massicci?

È sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche? E se lo fossero, è possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

L’idea che antiche civiltà in tutto il mondo abbiano potuto trasportare blocchi supermassivi di pietre ha colto per anni gli interessi degli autori, dei ricercatori, degli ingegneri e del grande pubblico.

E’ possibile che antiche culture che hanno abitato la Terra migliaia di anni fa avessero la capacità di spostare blocchi di pietra che pesano 50, 70 o 100 tonnellate?

Inoltre, come sono stati in grado di posizionare queste enormi pietre con estrema precisione facendole aderire con massi più grandi?

Oggi, quando gli ingegneri vogliono trasportare blocchi supermassivi di pietra, hanno bisogno di super macchine. Per noi spostare un masso da 50 tonnellate utilizziamo una serie di strumenti diversi. Tra le altre cose, oggi vengono utilizzate delle gru, prese idrauliche, travi e travi in ​​acciaio quando i costruttori devono spostare i massi pesanti.

Così, la domanda è: come fecero gli antichi popoli presenti sulla Terra migliaia di anni fa a costruire siti come Puma Punku, Ollantaytambo, Baalbek, Teotihuacan e le Piramidi di Giza?

Se diamo un’occhiata a Baalbek in Libano, troveremo il tempio di Giove che contiene TRE delle pietre più alte del mondo. Uno solo di questi massi strepitosi pesa 1.000 tonnellate. Come gli hanno spostati?

Va bene, diciamo che in qualche modo sono riusciti a farlo, ma se andiamo in Bolivia troveremo la stessa cosa più e più volte. Puma Punku contiene alcuni dei blocchi più grandi mai tagliati pesanti 100 tonnellate che si crede siano stati realizzati oltre 2000 anni fa.

Ma Baalbek e Puma Punku non sono gli unici siti della Terra che hanno pietre massicce. Se andiamo in Africa, noteremo che l’altopiano di Giza è qualcosa da missione impossibile. La Grande Piramide di Giza è costituita da uno spettacolare 2,3milioni di blocchi. Quello che è ancora più sorprendente è che il peso della piramide è stimato a 5.955.000 tonnellate. Moltiplicato per 10 ^ 8 fornisce una stima ragionevole della massa terrestre. Alcune delle più grandi pietre di granito si trovano nella camera del Re e pesano tra 25 e 80 tonnellate ciascuna. Questi massicci blocchi di pietra sono stati trasportati da Aswan, a oltre 800 chilometri di distanza.

Questi blocchi di pietra hanno sconcertato esperti, autori e il pubblico per decenni. È possibile che i nostri antichi antenati conoscessero i segreti della levitazione? Una tecnologia che da allora è stata persa nel tempo e nello spazio?  O era tutto fatto con una gigantesca forza lavoro?

È forse sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche?

E se fosse vero? E’ possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

E se non fosse una tecnologia perduta o se NON trovarono i segreti della “levitazione” in che modo avrebbero potuto e creare sulla terra dei monumenti supermassivi?

Il segreto può risiedere nell’acustica

La domanda ovvia è … Come è possibile che una cultura vecchia di 10.000 anni potesse spostare pietre pesanti più di 50 tonnellate?

Curiosamente, tutti i siti antichi che sono caratterizzati da pietre MASSIVE hanno una cosa in comune: ci sono storie, leggende che dicono che queste sono state costruite dagli Dei.

Quindi, pensandoci … gli Dei arrivarono letteralmente sulla Terra per spostare pietre MASSIVE? O qui c’è qualcosa di più riguardo alla storia?

Ci sono diversi antichi miti che parlano di pietre massicce che si muovono in posizione orizzontale con l’aiuto del suono. La potenza del suono ha contribuito a far levitare i blocchi di pietre mettendoli in posizione.

Le leggende di Stonehenge parlano di levitazione e di come le massicce pietre utilizzate nella sua costruzione siano state trasportate da grandi distanze con l’aiuto della levitazione.

Curiosamente, si dice che nelle antiche leggende boliviane, ci raccontano di simili fatti come quello che sta dietro la costruzione di Puma Punku.

Ancora più interessante è il fatto che, secondo lo storico Erodoto Greco, gli Egiziani avrebbero preso conoscenza dagli “Dei” su come posizionare massicci calcarei di pietra, per costruire la grande piramide di Giza.

È tutto legato al suono?

Come può aiutare il suono a spostare oggetti? Questa è fantascienza, giusto? Non proprio. Mentre la tecnologia si muove in avanti così fanno i limiti di ciò che è possibile e non.

Un fascio di traino acustico mono-direzionale è già stato inventato e può ELEVARE e TIRARE un oggetto utilizzando solo le onde sonore da una direzione.

Ecco il video:

https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: http://ningishzidda.altervista.org/  

 Articoli correlati:   

Baalbek: la prova finale

L’Eldorado degli Anunnaki 

La nanotecnologia dell’antico Egitto

Animali Umani – Umani Animali

Questi elefanti hanno appena salvato il loro piccolo elefantino dall’annegamento, dimostrando la pianificazione, l’intelligenza e la compassione 

(Natural News 

La natura è piena di meraviglie, dalla spettacolare esposizione delle luci del nord al potere del sole per aiutare i nostri corpi a produrre la miracolosa vitamina D. Ecco perché è un tale oltraggio quando la gente distrugge ciò che la natura ci ha dato. Questo quando si tratta di distruggere monitorare, inquinare o spruzzare agenti tossici sulle coltivazioni vegetali. Ancora peggio, alcuni esseri umani hanno un brutto atteggiamento, quello di ignorare altre forme di vita, credendo che animali come leoni e elefanti esistano solo per il loro piacere di caccia. A volte, il mondo potrebbe usare come esempio queste creature maestose che sono molto più simili a noi di quello che le persone possono rendersi conto.

Questo video sotto è stato recentemente girato, nel mentre un paio di elefanti si sono prodigati nel salvare un piccolo elefantino dall’annegamento in uno zoo della Corea del Sud. Il filmato del toccante soccorso dell’incidente è stato visto da più di mezzo milione di persone.

Quando il piccolo elefante si è imbattuto nella piscina del Grande Parco Zoo della fauna selvatica di Seoul, ha lottato per mantenere la testa e la bocca (proboscide) sopra la superficie, l’elefante adulto in piedi accanto ad esso immediatamente si è scatenato in una azione e ha cercato di sorreggerlo con la sua proboscide. Un altro elefante vicino si precipitò per aiutare.

Il duo si accorse rapidamente che non avrebbero potuto tirare in salvo il piccolo elefantino con le loro proboscidi, e in una mossa incredibilmente intelligente e ben organizzata, entrambi si affrettavano rapidamente verso l’estremità bassa della piscina e entrarono insieme nell’acqua, dove Essi erano in grado di salvare il piccolo elefantino travagliato, dove in piedi uno affianco all’altro sono riusciti a portare la testa del piccolo elefante in su sopra la superficie guidando l’animale agitato fuori dalla piscina.

La situazione illustra perfettamente quanto siano intelligenti questi bei pachidermi e dimostrando anche la loro compassione. In questa vicenda c’è un altro ulteriore fatto, un terzo elefante che appare nel video dietro una recinzione, inizia a camminare nervosamente avanti e indietro e chiaramente sembra essere afflitto dalla situazione pericolosa accaduta al piccolo elefantino.

Gli elefanti piangono lacrime di gioia, piangono la perdita dei loro cari

L’anno scorso, un film affascinante, ha mostrato che questi giganti gentili potrebbero anche essere più compassionevoli e amorevoli delle persone. L’anima dell’Elefante, ha illustrato come questi giganti gentili si riuniscono per ammirare i loro piccoli neonati elefanti, facendo intervenire la parentela per aiutare le madri a disperdere le traccie dei loro piccoli. Ancora più incredibilmente, gli elefanti sono stati visti piangere per il lutto della perdita dei loro cari. Un altro elefante pianse lacrime di gioia e di sollievo dopo essere stato salvato dalla prigionia come propaggine per un mendicante, persino i più scientifici veterinari sono rimasti basiti, lasciandoli per tale testimonianza senza parole.

Gli elefanti sono anche una delle sole quattro specie animali che possono riconoscersi in uno specchio, sono in grado di auto consapevolezza legato alla complessità sociale e altre abilità di pensiero ad alto livello. Essi hanno anche la capacità di vedere i propri corpi come ostacoli nel compimento delle loro mansioni.

Nonostante la loro incredibile complessità e la natura profondamente empatica, la gente continua a cacciarli per sport, li spinge a vendere le loro zanne nel commercio illegale d’avorio, metterli a lavorare, fargli eseguire in circhi e, in caso di riluttanza ad essere ammaestrati, vengono maltrattati. Gli elefanti sono anche di fronte ad una estesa perdita di habitat a causa dell’espansione degli insediamenti umani e della costruzione di infrastrutture come le strade e le condutture. Gli elefanti necessitano di ampie quantità di spazio, acqua e cibo per sopravvivere e talvolta entrano in conflitto con gli esseri umani mentre competono per le risorse.

Dopo aver visto il video, è difficile negare che questi esseri magnifici abbiano una simile preoccupazione e compassione per i loro giovani piccoli e per gli altri del gruppo. Quello che gli esseri umani fanno è scoraggiante, non mostrando lo stesso rispetto della vita, come questi animali mostrano. 

Le fonti includono:  

TheSun.co.uk  

NaturalNews.com  

NaturalNews.com  

WorldWildlife.org 

http://www.naturalnews.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Tra Clima e Meteorologia

L’importante è che crediate che tutto quel che avviene, avviene a caso.

Non farti trovare impreparato, la siccità che investe ormai da mesi il territorio Italiano e che ha fatto dichiarare già ad alcune regioni lo “stato di calamità” è stato programmato e lo puoi da te visionare su una cartina datata 17 giugno 2012, ovvero 5 anni fa. Segui l’articolo QUI

L’ondata di caldo del Giugno 2017 

Livello di anomalia relativo al periodo 1951-2017 per la zona rurale prossima a Milano

Ieri l’altro, giovedì 22 giugno, molti notiziari radiofonici e televisivi mettevano il caldo e la siccità come prima notizia, complice anche lo stato di emergenza per siccità dichiarato nelle provincie di Piacenza e Parma. Non è mia intenzione commentare lo stile adottato dai media o il fatto che nessuno sappia più distinguere fra meteorologia e clima o ancora il significato politico dato all’ondata di caldo, che secondo alcuni commentatori (oggi ho sentito il dottor Mentana sul TG di La sette) sarebbe nientemeno che da ricollegare al voltafaccia americano rispetto agli accordi di Parigi.

Premetto che l’anomalia termica positiva è frutto di un promontorio anticiclonico subtropicale di blocco da sudovest che influenza in modo più diretto il centro-nord e la Sardegna. Il meridione peninsulare e la Sicilia invece sono stati invece fin qui esposti a un regime di correnti più fresche da nordest che scorrono sul fianco orientale del promontorio in questione, per cui le temperature di giugno sono state fin qui pienamente nella norma. Segui l’articolo QUI

Cosa accade se le emissioni antropiche non sono tutte influenti? 

Studi scientifici indicano che i processi naturali sono dominanti sui cambiamenti del buco dell’ozono, del metano e sulle emissioni di CO2

Pubblicato da Enzo Ragusa 

Siamo stati portati a credere che possiamo controllare le dimensioni del buco dell’ozono, del metano e la concentrazione di CO2 con le nostre emissioni. 

Siamo anche stati portati a credere che controlliamo i modelli atmosferici (tempeste, siccità, inondazioni, uragani, tornado); Controlliamo le temperature troposferiche, atmosferiche, superficiali e profonde dell’oceano; Controlliamo il ritiro e l’avanzamento dei ghiacciai; Controlliamo il livello dei mari; Controlliamo se oltre un milione di specie saranno estinte entro il 2050. . . il tutto emettendo sostanze più o meno gassose nel nostro perseguimento di energia e comfort. 

Ma cosa accade se oltrepassiamo il nostro impatto sul pianeta? Cosa accade se le nostre emissioni gassose non agiscono in nessun modo sull’impatto che pensiamo di apportare? Cosa accade se siamo troppo arroganti per considerare la possibilità che la Terra non possa essere “salvata” costruendo più turbine e pannelli solari e riciclando più plastica? 

“Siamo così importanti. Ognuno ha intenzione di salvare qualcosa adesso. «Salviamo gli alberi, salviamo le api, salviamo le balene, salviamo le lumache». E la più grande arroganza di tutte: salvare il pianeta. 

Salvare il pianeta – ma non sappiamo neppure come prenderci cura di noi stessi.” 

“Il pianeta ha attraversato periodi anche peggiori di quello che pensiamo noi. Ci sono stati terremoti, le eruzioni vulcaniche, la tettonica a placche, la deriva continentale, i brillamenti solari, le macchie del sole, le tempeste magnetiche, l’inversione magnetica dei poli … centinaia di migliaia di anni di bombardamento da parte di comete, asteroidi e meteore, alluvioni in tutto il mondo, onde di maree, l’erosione, i raggi cosmici, l’epoca ricorrente dei ghiacci … E pensiamo che alcune borse di plastica e alcuni contenitori in alluminio farebbero la differenza? Il pianeta non va da nessuna parte. 

Noi siamo!” – George Carlin – Segui l’intero articolo QUI 

1976 LA FORMA DI GUERRA’ CHE VERRÀ?

Articolo NoGeoingegneria 

Questo articolo intitolato ‘La Guerra che verrà?’ era pubblicato su New Scientist (Australia) del 1976, evidenziando un’ altra volta la lunga storia della modificazione meteorologica e climatica per scopi bellici. Riprendiamo alcuni passaggi (tradotti da noi) : 

Modificazione meteorologica-climatica e guerra geofisica 

Manomissione del clima 

La modificazione del clima potrebbe essere raggiunto attraverso il cambiamento del bilancio radioattivo e termico dell’atmosfera – per esempio con la introduzione di aerosol.

Il corposo articolo continua QUI