Archivi categoria: Storia

La divinità etrusca Vatika.

Città del Vaticano Image credit: History Cooperative

La Dea Etrusca “Vatika dell’Oltretomba”
– Qual’è il collegamento? –

di Ellen Lloyd
25 Aprile 2017
dal Sito Web AncientPages
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese
Versione in spagnolo

Ellen Lloyd – è la proprietaria di AncientPages.com e l’autore che ha speso decadi per la ricerca sugli antichi misteri, miti, leggende e testi sacri, ma è anche molto interessata all’astronomia, astrobiologia e scienza in genere.

Il Vaticano è il simbolo della Cristianità.

Oggi siamo così abituati al nome che è arduo pensare come ha preso il nome di Vaticano. La verità è che il nome non è né latino né greco e non esiste traccia nemmeno nella Bibbia.

Il nome che associamo alla Chiesa è intimamente legato alla divinità etrusca Vatika.

Come Andiamo a scoprire, il nome “Vaticano” è antecedente alla Cristianità ed è avvolto dal mistero.

Mappa di Città del Vaticano In evidenza importanti edifici e i Giardini vaticani. Immagine: Wikipedia

Dentro lo Stato della Città del Vaticano

Lo Stato della Città del Vaticano fu fondato l’11 febbraio 1929.

Situato in Roma, Italia, è il più piccolo paese indipendente del mondo per popolazione e per area. La città ha una popolazione di circa 840 persone e si trova in un’area di circa 108 acri (44 ettari).

Il Vaticano è un simbolo della fede romana cattolica e il suo potere e la sua influenza sul popolo religioso è innegabile e l’autorità della Santa Sede si estende ai Cattolici in tutto il mondo.

Il Palazzo del Vaticano, a nord della Basilica di San Pietro è la residenza del Papa all’interno delle mura della città.

Il Vaticano è famoso per i suoi bei palazzi come la Cappella Sistina, la Piazza di San Pietro e la Basilica di San Pietro. I Musei Vaticani sono pieni di capolavori di pittura, scultura e altri pezzi d’arte raccolti dai Papi nei secoli.

La Libreria Vaticana si trova nel Palazzo del Vaticano

Cappella Sistina. da Wikimedia Commons

La Libreria Vaticana fu fondata nel 1451 d.C. e contiene più di 80.000 manoscritti, stampe, lamine e incunaboli (libri stampati prima del 1500 d.C.) scritti nel tempo da persone di diverse fedi di tutto il mondo.

Per rendere agibile al pubblico l’antico materiale, alcuni anni fa, la Libreria Apostolica Vaticana a iniziato a digitalizzare i suoi preziosi antichi manoscritti religiosi e li ha messi online nel suo sito web.

Nel 2014, la Libreria Vaticana aveva on line 4.000 antichi manoscritti

Libreria vaticana
Immagine di Fabio Frustaci/Eidon/Zuma

Gli archivi segreti del Vaticano non sono così segreti come molti pensano.

Nel 1881, Papa Leone XIII premise agli studenti di visitare gli archivi privati per la prima volta e oggi è possibile chiedere l’accesso ai documenti, ma gli esterni devono sapere cosa vogliono consultare perché con 52.000 scaffali di archivio, i bibliotecari vietano la libera navigazione.

L’etrusca Dea Vatika del Mondo Sotterraneo

Il nome Vaticano è un vero mistero.

Non ha niente a che vedere con la Bibbia, la lingua greca o latina. Come molte altre tradizioni e usi cristiani, il nome che noi associamo alla Chiesa, ha origini pagane.

Più di 28 secoli fa, e prima della leggendaria Fondazione di Roma di Romolo e Remo, esisteva un popolo chiamato gli Etruschi.

Circa 3000 anni fa, i misteriosi Etruschi si stabilirono in una regione dell’Italia centrale conosciuta come Etruria, governarono la regione del Mediterraneo prima del sorgere di Roma.

Nel mondo etrusco, Le donne come i loro contemporanei della civiltà greca, godevano di molta libertà.

Stiamo ancora cercando di decifrare la difficile lingua degli Etruschi, negli anni però abbiamo imparato molto delle loro credenze e della vita quotidiana.

Infatti, molte delle conoscenze che possediamo sulla civiltà romana provengono dagli Etruschi.

Gli Etruschi non seppellivano i morti entro le mura delle loro città. Invece costruivano un grande cimitero su un pendio collinare fuori della loro antica città nell’area che poi divenne la città di Roma.

Purtroppo la maggior parte della letteratura e mitologia etrusca è andata persa, ma sappiamo che la guardiana di quella necropoli era l’etrusca dea Vatika (a volte pronunciata come Vatica).

Era la dea dell’Oltretomba ed era suo dovere sorvegliare su coloro che erano passati a miglior vita.Gli Etruschi credevano nella vita oltre la vita, ma quello che noi sappiamo sull’argomento deriva solo da delle immagini e dai manufatti scoperti nelle loro tombe. Sembra che le credenze degli Etruschi sulla vita oltre la vita siano molto simili a quelle degli antichi Egizi.

Trattare i resti del defunto per la sopravvivenza e il loro futuro viaggio nella nuova vita era molto importante.

Statuetta di bronzo del demone Vanth. Etruschi, 425-400 a.C. Trovata vicino al monte Vesuvio, Campania, Italia Immagine dalla Collezione Hamiton.

Vanth, un demone degli inferi etrusco e servo di Caronte (in greco Cheiron), signore dell’Oltretomba era spesso ritratto sulle urne che contenevano le ceneri dei corpi cremati.

Vanth era di solito ritratta con ali e aveva dei serpenti Pelosi attorcigliati attorno alle braccia.

Secondo la mitologia etrusca, Vanth accompagnava dal momento della morte fino all’entrata nell’Oltretomba.

Da dove proviene il nome Vaticano?

Vatika ha molti altri significati nell’antico etrusco

Il nome non era solo associato alla dea dell’Oltretomba. Vatika era anche un’uva dal sapore quasi amaro usata dal contadino per produrre vino di bassa qualità.

L’uva, come un’erba dallo stesso nome, cresceva sulle colline. Quando le persone la mangiavano, aveva esperienze allucinogene e la parola passò alla lingua latina come un sinonimo di “visione profetica”

La parola latina vaticinator significa “predizione, profezia” da vatis “poeta, insegnante, oracolo”

Fonti bibliche danno svariate spiegazioni sull’origine del nome Vaticano. Secondo l’Enciclopedia Cattolica, l’origine del nome Vaticanus non è certa, alcuni sostengono che derive da una città etrusca scomparsa che si chiamava Vaticum.

Comunque, secondo in curatore vaticano, la Collina Vaticana prende il nome dalla parola latina Vaticanus, un vaticiniis ferendis, riferendosi agli oracoli; oppure da Vaticinia, che anticamente erano stati emessi in quel luogo.

Possiamo così concludere dicendo che l’origine del nome Vaticano non è Chiara, ma molti ricercatori pensano che il nome derivasse dalla lingua etrusca

http://www.bibliotecapleyades.net/

Progetto Luce del Sole

Il progetto segreto “Sunshine

Articolo NoGeoingegneria

SUNSHINE: progetto governativo del 1953 che esaminava l’impatto radioattivo del fallout dei test atomici sulla popolazione mondiale. Fuorviante l’utilizzo del nome per questo progetto co-sponsorizzato dalla Atomic Energy Commission e RAND.

PDF

Quanti test nucleari riesce a sopportare l’umanità?

Il progetto ‘Sunshine‘ fu lanciato per rispondere a questa domanda e per poterlo fare davvero e pienamente c’era bisogno di ‘materiale biologico’. Inizia così la caccia ai cadaveri e vengono raccolti campioni di tessuti umani in tutto il mondo, arrivando anche alla dissacrazione dei morti, scrive un articolo sullo Spiegel (1).

Le esplosioni atomiche venivano eseguite senza conoscere gli effetti degli ordigni. Non solo in termini di calore e onda d’urto sprigionati, ma soprattutto dal punto di vista delle radiazioni e del conseguente inquinamento ambientale prodotto dal fallout.

Il progetto ‘Sunshine’ è stato avviato il 6 di agosto del 1953 in una conferenza segreta di scienziati in California. Era il periodo d’oro dei test nucleari. Più aumentavano i test e il potere penetrante delle bombe, più cresceva la paura nella popolazioni.

Un team composto da scienziati americani, australiani ed inglesi fu incaricato di verificare in quale misura la pioggia radioattiva avrebbe reso la Terra inabitabile. L’occasione per tali verifiche fu data dal fatto che gli esperimenti sulla bomba atomica condotti (vedi 2 progetto Greenhouse) avevano pesantemente contaminato l’atmosfera terrestre provocando una serie di piogge radioattive che erano già state assimilate dall’essere umano causando i più disparati disagi.

Per questo sono state esaminate le deposizioni di materiali radioattivi, specialmente Stronzio-90 assimilato dalle ossa. Furono i neonati i primi soggetti testati perché ‘avevano l’opportunità’ di cominciare a vivere in un contesto già contaminato. 

I corpi esaminati provenienti da tutto il mondo quindi erano preferibilmente corpi di neonati, ma anche malati terminali oppure senzatetto. Le ossa dei morti venivano cremate per permetterne l’analisi delle ceneri. Molto apprezzati per ovvi motivi erano anche cadaveri di persone che avevano abitato vicino ad aree di test nucleari.

Le finalità degli esperimenti non vennero rese note ai parenti dei deceduti, perché altrimenti si sarebbe causata una serie di eventi di ‘paranoia collettiva’ sulla situazione dell’atmosfera in quel periodo. Un problema importante era la segretezza rigorosa del progetto e del relativo contenuto. Non era il caso di spiegare di voler determinare la distribuzione della radioattività nel mondo.

Un totale di 9.000 campioni di tessuti umani furono esaminati sotto questo il bellissimo nome in codice di Sunshine.

Nell’anno 1957 appaiono per la prima volta rapporti del progetto.

Le bombe atomiche segnalano un passaggio importante. E’ l’anno zero di una nuova morale, la NON MORALE. Tutte le etiche religiose e filosofiche crollano.

Il Pianeta e i suoi abitanti diventano campo di sperimentazione di una scienza scrupolosa e criminale senza limiti.

I risultati e le conseguenze dei test atomici erano ampi, ma non sono mai stati discussi pubblicamente.

In più la maggior parte delle persone non si rende nemmeno conto del fatto che siano esplose oltre 2000 bombe nucleari: nell’aria, nell’acqua e nel suolo. (3)

Da anni cerchiamo risposte su cosa sta succedendo nei cieli di oggi. L’uomo è una cavia ignara oggi come ieri.

(1) http://www.spiegel.de/einestages/projekt-sunshine-us-militaer-experimentierte-mit-radioaktiven-leichen-a-951217.html

(2) http://nuclearweaponarchive.org/Usa/Tests/Grnhouse.html

(3) http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/nucleare/hiroshima-e-nagasaki-i-primi-test-di-una-lunga-serie/

9 MAGGIO 2017 (50 ANNI DOPO)

Australia: sussidi sanitari agli aborigeni esposti ai test nucleari inglesi

A distanza di cinquant’anni dai test nucleari condotti dal governo britannico in Australia, i veterani militari e gli aborigeni riceveranno una Gold Card per le cure mediche, un documento che permetterà loro di ottenere gratuitamente la maggior parte delle prestazioni sanitarie. È il risarcimento a lungo atteso, e per qualcuno arrivato troppo tardi, con cui il Governo australiano, partecipe al piano di proliferazione nucleare inglese, cerca di riparare ai danni sulla salute provocati dalle radiazioni a cui sono stati esposti gli abitanti di Maralinga, Emu Field e Montebello tra il 1952 e il 1963.

In piena guerra fredda le bombe inglesi fatte esplodere in quelle remote regioni australiane, il più possibile lontano dagli occhi e dal cuore, avevano costretto le popolazioni indigene ad abbandonare le loro terre e trasferirsi altrove, non prima però di essere entrati in contatto con i pericolosi frutti radioattivi delle esplosioni. Con un investimento di 133 milioni di dollari il Governo australiano renderà disponibile la Gold Card anche ai veterani che hanno partecipato ai test nucleari ignorandone i rischi per la salute.

FONTE http://www.healthdesk.it/cronache/australia-sussidi-sanitari-aborigeni-esposti-test-nucleari-inglesi

DOCUMENTARIO

http://www.nogeoingegneria.com/

Caino e il suo mondo

 

Le scie formate dagli aerei sono un fenomeno recente? 

ARTICOLO NOGEOINGEGNERIA

Falso! dicono i debunker, mostrando vecchie foto. Secondo le loro affermazioni le cosiddette scie di condensazione che riempiono il cielo ci sono da quando volano gli aerei e quindi  si tratta di un fenomeno ‘normale’,  inteso come ‘naturale’. Un’indagine ci conferma che in varie circostanze scie di aerei sono state documentate fin da molti decenni fa. Ma solo da una ventina di anni sono diventate un’ incubo (almeno per noi che le denunciamo). Le  foto  sventolate  dai debunker ci mostrano aerei militari in azioni di guerra che risalgono agli anni quaranta.  Andando ancora più indietro nel tempo ne vediamo altre, troviamo documentate  scie davvero spettacolari. Sempre di aerei militari si tratta, che creano ‘smoke curtains’, una ‘tenda di fumo’. Parliamo degli anni venti. L’intento era quello di stendere un velo in modo di non far vedere determinate cose al nemico.

100 ANNI FA – scie create con un mix di solfuro di ammonio e potassio persolfato. Continua QUI

Quando si parla di IPCC
si parla di manipolazione dei dati – prima parte

Pubblicato da Sara Maria Maestroni

Non è la prima volta che scrivo di come l’IPCC, ovvero l’Intergovernmental Panel on Climate Change, si sia servita dei dati scientifici a proprio piacimento, pur di modificare l’agenda politica degli Stati più ricchi. Qui e qui avete due esempi, ma trovate anche più materiale nel sito se volete approfondire.

Proviamo ora ad ampliare lo sguardo e a complessificare il quadro perché se c’è chi corrompe, c’è anche chi è disponibile a reggere il gioco e a farsi corrompere…

Questo nuovo articolo ben dimostra come ci sia una reale intenzionalità nel creare uno scenario falso fin dall’inizio. Leggiamo infatti che:

“Il consenso era un tema centrale per la promozione politica del riscaldamento globale antropico (AGW) fin dall’inizio. Prima si trattava dei più di 6000 rappresentanti dell’IPCC. Più tardi, si trattò delle artificiali percentuali del 95 di Naomi Oreskes e poi del 97 di John Cooke. Ma c’è un’altra forma di consenso artificiale che continua ad influenzare l’opinione pubblica e politica. E’ una forma di consenso più potente perché sfrutta un appello ad un’autorità […] I due migliori esempi usati per promuovere il consenso dell’autorità nell’inganno rispetto al clima riguardano il Premio Nobel dato congiuntamente ad Al Gore e all’IPCC e il supporto apertamente dichiarato da parte delle società scientifiche per i Reports dell’IPCC.”

Sì, avete letto bene: la Commissione del Premio Nobel si presta a questi giochetti. Continua QUI

https://www.youtube.com/watch?v=cHb4lChdkys

UN CULTO DI LUCIFERO NELL’ALTA FINANZA.

di Maurizio Blondet

Vedo che alcuni blog  italiani hanno già postato parziali traduzioni di   questo video.  Non so chi  sia quello che parla, se davvero si chiami Ronald Bernard, sia olandese, e sia come dice un professionista interno all’alta finanza. Non so se quando dice che  in quegli ambienti alti si pratica  un culto luciferino, sia vero. Non ho prove. Solo che, quando comincia a  raccontare “sono stato invitato a  partecipare a dei sacrifici…all’estero…”,  gli occhi gli si  riempiono di lacrime.

“…Bambini…”. E’ davvero sconvolto al ricordo.

“Ti è stato chiesto di farlo?”, gli chiede l’intervistatore. “Sì, e io non potevo”. S’interrompe, non riesce  quasi più a parlare . Ma si sforza e continua.  Non sta mentendo, Ronald Bernard.

Quindi, traduco anch’io una parte (di 8 minuti:  l’intero video dura 40 minuti) delle confessioni di quest’uomo in cui la coscienza, come dice, “si è scongelata”. Continua QUI

I nemici della libertà di stampa

 «Esistono molti modi diversi per bruciare un libro:
e il mondo è pieno di gente
che corre su e giù con i fiammiferi accesi».
(Ray Bradbury)

I nemici della libertà di stampa sono moltissimi, sapete? Molti di più di quanti ne conosca la nostra filosofia – o la nostra fede politica.

I nemici della libertà di stampa sono i mafiosi, certo, ma a volte pure i magistrati, gli uomini in divisa e ogni tanto perfino quelli in tonaca porporata.

I nemici della libertà di stampa sono quelli che vogliono imporre leggi speciali e diverse a seconda che un contenuto sia su carta o sul web.

I nemici della libertà della stampa sono le corporation del web che censurano contenuti facendo prevalere le loro private e arbitrarie policy sulle Costituzioni delle democrazie.

I nemici della libertà di stampa sono i paradisi fiscali che nascondono gelosamente patrimoni e reati, lontanissimi da ogni trasparenza, da ogni diritto di sapere la verità sui potenti del mondo.

I nemici della libertà della stampa sono i politici di tutti i partiti – tutti, tutti, tutti – che telefonano ai direttori e agli editori.

I nemici della libertà della stampa sono i politici che danno una notizia a un cronista oggi in cambio di un favore a lui o alla sua parte domani. Continua QUI

I Muri della vergogna nel mondo – Eduardo Galeano 

Eduardo Galeano
Traduzione e sottotitoli di AlbaCanelli

“Il muro di Berlino è stata la notizia tutti i giorni dalla mattina alla sera abbiamo letto, guardato, ascoltato:  Il Muro della Vergogna, il Muro dell’infamia, la cortina di ferro

Infine, questo muro, che meritava di cadere, è caduto.

Ma altri muri sono sorti, continuano a germogliare nel mondo,

e anche se sono molto più grandi di quello di Berlino di essi si parla poco, molto poco o niente,

Poco si parla del muro che gli Stati Uniti stanno innalzando sul confine messicano, e poco si parla circa i recinti di Ceuta e Melilla.

Quasi per niente si parla del muro della Cisjordania, che Israele ha costruito per perpetuare l’occupazione delle terre palestinesi che presto sarà 15 volte più lungo del muro di Berlino.

E niente, niente di niente, si parla del muro del Marocco, il secondo muro più lungo del mondo, più lungo della Muraglia cinese, che da 20 anni perpetua l’occupazione marocchina del Sahara Occidentale. Questo muro, minato da un’estremità all’altra e sorvegliato da migliaia di soldati, è 60 volte il muro di Berlino.

Perché mai ci sono muri così altisonanti e muri così muti?
Sarà per i muri dell’isolamento, che i grandi media di “comunicazione” costruiscono ogni giorno?  Continua QUI

CRIMINALI PAZZI E LORO CORIFEI

Quelli che Regeni martire, quelli che bruciano le chiese, quelli che le formiche ci provocano

(Con alcuni importanti commenti al mio articolo precedente)

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post “LANOTTE DEI MORTI VIVENTI – IL GIORNO DELL’ORSO D…“:

150.000 riservisti americani hanno ricevuto la lettera di tenersi pronti per essere operativi entro quindici giorni. Invasione della Siria? La Germania approva il decreto anti fake news per i social e i siti non allineati alla narrazione globalista, questa sì, realmente fake. Provvedimento dunque di censura pre guerra. Navi americane in avvicinamento alla Corea del nord. Solo muscoli tesi? E poi, attentati ovunque e false flags sempre più ignobili, l’escalation purtroppo sta aumentando vertiginosamente. Dobbiamo aspettarci di tutto. Lo confesso, non sono per niente tranquillo.

La firma è Isis, l’inchiostro e nostro

Visto che l’ininterrotto genocidio Usa e Nato non è considerato terrorismo, neanche quando mette in mano ai suoi sicari armi chimiche, per poi bombardarne le vittime, parliamo di attentati islamici.Continua QUI

L’Astra Brahmashirsha il gigantesco messaggero di morte

Antiche e potenti armi nucleari?
Descritte in antichi testi millenari

I testi antichi descrivono le armi potenti che gli dèi usavano sulla Terra migliaia, persino forse decine di migliaia di anni fa. “… Una colonna incandescente di fumo e di fiamma, luminosa più di dieci mila soli, si alzò in tutto il suo splendore. Era un’arma sconosciuta e un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte, che ridusse in cenere l’intera razza … “

E se le civiltà antiche avessero interpretato erroneamente i visitatori alieni come “dei”?

Quando diamo un’occhiata alla storia e leggiamo attraverso gli innumerevoli testi antichi lasciati da civiltà diverse in tutto il pianeta, notiamo una grande quantità di informazioni, che menzionano gli dei – che discendevano dal cielo – portando armi potenti sulla Terra, cose che gli antichi non avevano mai visto prima.

Ma queste “antiche armi” sono solo forse parte del folklore e dei miti? Che cosa accadrebbe se questi testi antichi non le descrivessero come mito e leggende, ma le armi reali, portate da civiltà straniere avanzate che furono interpretati come dèi?

Curiosamente, un recente studio – intitolato “Specie Indigene Tecnologiche” presentato da Jason Wright, assistente di astrofisica e astronomia della Pennsylvania State University, suggerisce che il nostro pianeta e altri corpi celesti nel nostro sistema solare siano stati abitati, nel lontano Passato da stranieri antichi. Il professor Wright suggerisce che le descrizioni tecniche extraterrestri potrebbero essere estremamente vecchie, limitando i luoghi che potrebbero ancora essere trovati sotto le superfici di Marte e la Luna, o nel sistema solare esterno.

Se diamo un’occhiata alla mitologia antica greca e indù, le armi degli dei sono degli attrezzi profondamente mortali capaci di incenerire dei nemici e di sottomettere intere civiltà.

L’attrezzo creato dall’antico Dio Hindu Vishnu era il Narayanastra – l’arma personale del Signore Vishnu.

Questa Astra (“arma” in sanscrito) a sua volta spara una potente quantità di missili mortali contemporaneamente. L’intensità della portata aumenta con un aumento della resistenza. L’unico modo di difendersi verso questo missile è quello di mostrarsi totalmente remissivi prima che i missili colpiscano. Questo a sua volta, farà sì che questa arma si arresti risparmiando l’obiettivo.

È interessante notare che se questa arma venisse utilizzata SOLO due volte invece di una, potrebbe allora distruggere entrambi gli eserciti.

Forgiata dal Signore Brahma era il Brahmastra. Questa arma feroce è descritta in un certo numero di purana – un vasto genere di letteratura indiana su una vasta gamma di argomenti – come arma molto distruttiva. Si dice che quando il Brahmastra veniva usato, non c’era né un contrattacco né una difesa che potesse fermarlo.

Il Brahmastra non ha mai perso la sua efficacia e veniva utilizzato con un intento molto specifico contro un nemico o un esercito individuale, in quanto il bersaglio era sottoposto a una distruzione completa.

Tuttavia, forse il dettaglio più importante del Brahmastra era il suo danno collaterale. Secondo i testi antichi, la terra in cui l’arma fu usata, tutta la vita dentro e intorno a essa esistita, diventava BARRATA. Gli uomini e la donna esposti ad essa sono diventati infertili. Dopo l’uso dell’arma, le piogge diminuirono e sulla terra crebbero fessure.

Infatti, il Brahmastra è menzionato negli epici e nei Veda come arma di ultima istanza e non è mai stata usata per combattere.

Nell’antico Mahabharata, si dice che questa arma sia un singolo proiettile carico di tutto il potere dell’universo.

L’evoluzione di questa arma terrificante è l’Astra Brahmashirsha. Si dice che l’astra di Brahmashirsha sia quattro volte più forte del Brahmastra. Nel Mahabharata, si spiega che quando questa arma fu evocata e usata ci sarebbero state fiamme, tuoni e la caduta di mille meteoriti, accompagnati da un gran frastuono e tremolio della terra.

Un’altra arma terribile – che ha lasciato scenari apocalittici – era il Pashupatastra. Pashupatastra è l’arma più distruttiva, potente e irresistibile di tutte le armi menzionate nella mitologia indù. Si dice che questa terribile arma antica sia in grado di distruggere ogni forma di vita.

Una narrazione dalla traduzione di Kisari Mohan Ganguli di Mahabharata riguardo al potere di Pashupatastra:

O tu delle braccia potenti, quell’arma (Pashupatastra) è superiore al Brahma, alla Narayana, all’Indra, all’Agneya e alle armi Varuna. In verità, è in grado di neutralizzare ogni altra arma dell’universo. Fu con quell’arma in tempi antichi che l’illustre Mahadeva aveva bruciato e consumato in un momento la tripla città delle Asura. Con la massima facilità, Mahadeva, usando quella singola freccia, ha raggiunto tale obiettivo. Quell’arma, sparata dalle braccia di Mahadeva, può, senza dubbio, consumare in metà del tempo, con l’innesco di uno scintillio degli occhi, tutto l’universo con tutte le sue creature mobili e immobili. Nell’universo non esiste nessuno che non possa essere ucciso da quell’arma compreso anche le divinità, incapaci di salvarsi.

Guardando la versione tradotta del Mahabharata, molti sono d’accordo che evidentemente descrive di come gli ‘Dei’ usavano armi avanzate sulla Terra decine di migliaia di anni fa. Gli eventi catastrofici che hanno scosso i continenti sono descritti nel modo seguente:

Gurkha, battendo un rapido e potente Vimana, ha lanciato un singolo proiettile carico di tutto il potere dell’Universo. Una colonna incandescente di fumo e di fiamma, luminosa di diecimila soli, si alzò in tutto il suo splendore. Era un’arma sconosciuta e un fulmine di ferro, un messaggero gigantesco di morte, che ridusse in cenere l’intera razza dei Vrishnis e degli Andhakas.

I cadaveri erano così bruciati da essere irriconoscibili. I capelli e le unghie caddero. La ceramica si è rotta senza alcuna causa apparente e gli uccelli sono diventati bianchi. Dopo poche ore, tutte le fonti alimentari sono state infettate …, per sfuggire a questo fuoco; I soldati si gettarono in torrenti per lavare se stessi e tutte le loro attrezzature.

Dopo aver letto quanto sopra, non si nota una somiglianza con le armi che abbiamo oggi? È come se la storia si ripetesse. Questi antichi testi indù descrivono ciò che oggi può essere interpretato come la bomba nucleare.

Le terribili conseguenze descritte dall’uso di armi antiche quali Brahmashirsha Astra, Pashupatastra e Brahmastra sono estremamente simili a quelle dopo la detonazione di una bomba nucleare. Ci sono scienziati che stimano che se ci fosse una guerra nucleare che causi 100 esplosioni nucleari come quelle di Hiroshima sulle città, potrebbero significativamente causare una  perdita di vite in decine di milioni dai soli effetti climatici a lungo termine. L’ipotesi climatologica è che se ogni città avesse un fuoco causato da una esplosione, un’enorme quantità di fuliggine potrebbe essere gettata nell’atmosfera che potrebbe ricoprire la terra, tagliando la luce solare per anni e provocando la rottura delle catene alimentari, in quello che si chiama un inverno nucleare.

Cosa succederebbe se … gli antichi non avessero descritto leggende e miti quando parlavano della Brahmashirsha Astra, del Pashupatastra e del Brahmastra, ma di armi reali portate sulla Terra dagli Dei, che avrebbero potuto essere carne e sangue alieno?

Manoscritto illustrazione della battaglia di Kurukshetra
Credito immagine: WikimediaCommons. 

Chiediti, quali sono le definizioni di “Dio” e quelle di un alieno? Nessuno può dire che questi due termini non possono essere combinati o che un significato simile non li definisca.

Fermiamo l’immagine per un secondo, come se fossimo dei viaggiatori di oggi nell’antico Egitto di 2000-3000 anni fa, arrivando in aerei jet, elicotteri, e con le nostre tavolette, smartphone e armi potenti.

Come interpreterebbero quelle antiche persone in Egitto? Ci considererebbero come uomini comuni?

Credo che ci farà distinguere dal resto, dandoci una nozione di potere, semplicemente perché gli antichi umani allora non avrebbero riconosciuto la nostra tecnologia, non lo avrebbero capito, quindi è molto probabile che gli antichi popoli ci avrebbero categorizzato Come “Dei” che venivano a visitarli dal cielo, in un volare di uccelli con ali scintillanti, producendo fumo, fuoco e rumore estremo durante l’atterraggio … Molto come le descrizioni degli dèi antichi in Mesoamerica e in Asia, quando i serpenti o i Dragoni piumati arrivarono dalle stelle, Creando caos e danni nell’atterraggio.

Curiosamente, il ricercatore scientifico del progetto di Manhattan, il Dott. J. Robert Oppenheimer, che apparentemente aveva familiarità con gli scritti antichi sanscriti sapeva che avevano avuto esplosioni atomiche nel passato lontano sulla Terra.

In un’intervista condotta dopo aver visto il primo test atomico, ha citato la Bhagavad Gita:

“Ora sono diventata la morte, il distruttore dei mondi. Suppongo che tutti ci siamo sentiti così.”

Inoltre, quando uno studente ha chiesto al dottor Oppenheimer se il primo dispositivo nucleare è stato fatto in quel di Alamogordo. Durante il Progetto Manhattan, ha risposto … beh … sì. In tempi moderni, sì, naturalmente.

Ma dove sono le prove se tali armi esistevano nel lontano passato?

Nel Pakistan moderno, nelle vicinanze delle rive del fiume Indus, possiamo trovare uno dei siti archeologici più enigmatici della superficie del pianeta, che una volta apparteneva ad una delle più antiche civiltà del pianeta, la Valle dell’Indo Civiltà- Mohenjo-Daro.

Insieme a Harappa si trovano circa settanta chilometri più a nord-est, Mohenjo-Daro e Harappa sono due delle più antiche città appartenenti alla civiltà della Valle dell’Indo.

È interessante notare che, proprio come l’antica civiltà sumera, la Valle dell’Indo sembrava essere emersa improvvisamente, senza alcuna traccia di una precedente evoluzione prima dell’apparizione di Harappa e Mohenjo-Daro.

Ma se l’apparenza di una tale civiltà sorprendente rimane un mistero, la loro scomparsa è ancora più affascinante fu inizialmente attribuita all’arrivo di persone invasive di origine indoeuropea.

Curiosamente, gli esperti hanno trovato diversi resti scheletrici a Mohenjo Daro. Secondo gli esperti, la morte è arrivata molto rapidamente.

È interessante notare che esiste un cosiddetto epicentro di circa 45 metri di diametro al centro della città in cui il terreno e gli edifici sembrano essere cristallizzati come se fossero esposti ad una fonte di calore massiccia.

Negli edifici situati vicino al centro della città, i ricercatori hanno scoperto che i mattoni delle pareti che si affacciano verso l’esterno e che guardano lontano dall’epicentro sono anch’esse fuse.

Tuttavia, secondo i ricercatori, questo potrebbe essere stato raggiunto solo  esponendo gli edifici ad una temperatura di oltre 1500° C.

Che tipo di armi avrebbe potuto causare tali effetti devastanti sia alle persone che agli edifici circostanti?

È possibile e che, come alcune persone sostengano, Mohenjo-Daro sia stata davvero distrutta da un’esplosione nucleare.

http://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: https://ningizhzidda.blogspot.it/

Articoli correlati:

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”
“Le Sette città Rishi”
Le guerre dell’antico passato – storia ignorata
I misteriosi Figli delle Stelle

La struttura gerarchica del male

 

Il centro del male nel mondo
Lo stato ombra britannico

di Harun Yahya
16 Mar 2017
Sito Katehon

Il male nel corso della storia è sempre stato controllato da un unico centro.

Coloro che propagano guerre e massacri sono parte di una catena di comando e seguono progetti che si incrociano con altri:

  • le grandi guerre del XX secolo
  • la colonizzazione
  • i massacri
  • la Divisione del Medio Oriente e l’Africa
  • la crisi economica,

… hanno un unico obiettivo.

In aggiunta, il male è come una piovra con molti tentacoli ed i nostri occhi tendono a guardare prima il tentacolo più attivo. Ma si tratta di un cervello che dirige i tentacoli e li fa muovere in perfetta coordinazione. Inoltre, il male è una struttura gerarchica piramidale.

Non importa quanto sia ampia la sua base e il numero di classi che contano:

in cima c’è un’autorità assoluta su ciò che c’è al di sotto.

E’ impossibile ottenere risultati positivi nella lotta contro il male che semplicemente tende i suoi tentacoli a tutti i livelli come un polpo.

Dovremmo invece portare una lotta intellettuale contro il vertice, che controlla, gestisce e dirige il sistema prendendo la decisione finale. Per rendere chiaro il ruolo del vertice della piramide del male, si dovrebbe andare al centro di questa lotta. Perché questo è efficace solo quando ci confonde rimanendo nefastamente nascosto, approfittando di tutti i vantaggi della segretezza.

Nel mondo d’oggi, parlando della leadership del male, molti nomi vengono menzionati:

Ma questi sono solo gli ingranaggi del sistema. Sono i tentacoli del polpo, quelli ai livelli più bassi della piramide.
È lo Stato in ombra della Gran Bretagna che è stato al vertice della piramide gerarchica per secoli, uno stato che è stato anche il polo del colonialismo e della schiavitù.

Cina, India, Indonesia e Malesia sono rimasti sotto il dominio britannico per secoli. E’ stato anche lo stato che ha introdotto l’oppio in Cina, ha reso alla fame l’India e terrorizzato la maggior parte del sud-est asiatico con la Compagnia delle Indie orientali (East India Company). Attualmente non c’è genocidio in India, ma nel ricordo di quel tempo, 150 anni fa la Gran Bretagna ha messo sul sull’orlo della fame 330 milioni di persone e ucciso più di un milione di indù.

E’ stato lo Stato ombra britannico che ha distrutto l’Impero Ottomano e occupato l’Anatolia. Le figure fondatrici del comunismo emersero lì. “Il Manifesto del Partito Comunista” di Marx ed Engels (titolo originale della prima edizione: “Das Manifest der Partei Kommunistischen”), che è la pietra angolare del comunismo è stato pubblicato in Gran Bretagna.

Tutti i fondamentali testi teorici del comunismo, tra cui “Das Kapital” (“Capitale”), sono stati scritti lì. I fondatori del liberalismo, Adam Smith e David Ricardo, erano inglesi. Charles Darwin, che ha stabilito la base ideologica del darwinismo sociale che ha portato al mondo gli incredibili orrori del XX secolo, era inglese.

Essi sono stati i lavoratori dello Stato ombra britannico, le politiche che hanno attuato, hanno portato inevitabilmente il Medio Oriente ad un bagno di sangue. La maggior parte delle nazioni del Medio Oriente sono state fondate dalla Gran Bretagna. I confini del Medio Oriente sono stati elaborati al Cairo in una riunione presieduta da Winston Churchill.

La maggior parte dei responsabili dei paesi interessati sono stati eletti da parte dello Stato in ombra britannico. E, quei manager, sono stati nominati e formati da uomini di Stato in ombra britannico:

  • TE Lawrence
  • Gertrude Bell
  • generale Allenby
  • Orde Wingate
  • Hubert Young
  • Sir Percy Cox
  • Herbert Samuel, etc.

Nel XX secolo, la stragrande maggioranza dei quadri dirigenti che hanno governato nel Medio Oriente, sono stati preparati nelle scuole britanniche, come:

  • Military Academy Sandhurst
  • SOAS (SOAS)
  • Exeter
  • Cambridge o Oxford,

… al fine di servire i piani dello Stato Ombra inglese.

In questi centri di formazione innumerevoli persone oneste, sincere e buone sono state preparate. Ma questo non significa che questi siti non sarebbero anche serviti per la preparazione di funzionari ombra statali britannici.

La maggior parte dei fondatori della corrente del terrorismo radicale sono stati preparati ad Al-Azhar. L’anglo – Sassone, razzista ed evoluzionista Lord Cromer, governatore coloniale dell’Egitto, è stato colui che ha fatto l’Università al Al-Azhar. In questo compito ha compiuto il suo ruolo – finanziato e sostenuto da Lord Cromer – Muhammad Abduh, si tratta che questa università divenne il centro del darwinismo sociale nel mondo islamico.

Questi sono i formatori e gli ideologi dell’Islam radicale.

In 30 anni, il sistema istituito da Lord Cromer emanava la sua influenza in tutto il mondo islamico. E l’influenza esercitata è la principale causa del contesto dell’attuale guerra.

La Lega delle Nazioni è stata fondata nel 1919 alla Conferenza di Parigi, controllata dalla Gran Bretagna. Gran parte dei piani finalizzati dalla conferenza erano della Gran Bretagna. Lo stato ombra britannico è anche dietro la maggior parte delle decisioni e le risoluzioni dell’ONU. Il primo ministro britannico Churchill era il capo della NATO, e l’architetto Unione europea Gladio.

I fondatori e direttori iniziali erano invariabilmente britannici. In ogni caso, questi fatti storici non dimostrano che queste istituzioni o organizzazioni agivano sempre modo completamente tendenzioso. Senza dubbio, le Nazioni Unite fornisce molti servizi utili e che ogni servizio di intelligence fornisce importanti servizi al loro paese. Ma questo non altera la sinistra influenza dello Stato in ombra britannico, è presente nella struttura di tali istituzioni e organizzazioni e alcune delle loro decisioni.
Dietro lo stato ombra britannico,

  • il colpo di stato contro Mossadegh in Iran
  • colpi di stato del 1960, 1971, 1980, 1998 e 2016 in Turchia
  • tutti i colpi di stato in Egitto, Siria e Iraq,

… che è pieno di storia recente.

La CIA e Mossad, che si dice governino il mondo di oggi, sono stati stabiliti da personale addestrato all’MI6, dall’intelligence britannica.
La banca degli Stati Uniti, la Federal Reserve  è stata fondata anche da parte della Banca d’Inghilterra.

La famiglia Rothschild, una dei leader dell’economia mondiale, ha base in Gran Bretagna. George Soros è stato preparato in Gran Bretagna.
I “Cinque Occhi(o grande fratello Echelon, corsivo mio), il più grande sistema di monitoraggio globale, rivelato da Edward Snowden è stato fondato in Australia, controllato dalla campagna inglese.

Tale sistema coinvolge i servizi di intelligence degli Stati Uniti insieme a quelli di,

  • Canada
  • NZ
  • Gran Bretagna
  • Australia,

… i membri del Commonwealth britannico.

Karl Popper, è il padre fondatore del movimento “Open Society”, Soros è inglese. Richard Dawkins, che è il portabandiera dell’ateismo nel XXI secolo, è inglese.

Qui voglio far notare qualcosa di importante:

Gli inglesi sono amabili, buoni, simpatici, gente per bene. E meglio chiarire qual è la struttura dello stato ombra britannico che permetterà al suo popolo di non gli affetti ed evitare conseguenze spiacevoli, conseguenze che ha dovuto sopportare anche per secoli.

La Gran Bretagna ha invaso quasi tutte le nazioni, con l’ eccezione di 22 paesi.

Elenco delle invasioni:

  • Antigua e Barbuda
  • Australia
  • Bahamas
  • Bangladesh
  • Barbados
  • Belize
  • Botswana
  • Indian Ocean Territory
  • Isole Vergini Britanniche
  • Brunei …
  • Isole Cayman
  • Gibilterra
  • Isola di Natale
  • Cocos Islands
  • Isole Cook …
  • Dominica
  • Isole Falkland

(Nota del traduttore dell’articolo: tra un tentativo e invasioni concretizzate dalla Gran Bretagna all’Argentina, sono: 1763, 1783, 1788, 1806, 1807, 1851, 1859, 1869, 1908 e il 1982. E senza dimenticare le Malvinas, inoltre la Patagonia L’Argentina sono “pacificamente” occupate da oltre 100 anni, anche il suo aeroporto internazionale, infatti, è stato costruito nel 2007 – http://vientosurnoticias.com.ar/aseguran-que-joe-lewis-construyo-una-pista-de-aterrizaje-privato-in-sierra-big-to-no-no-controlli /)

  • Gambia
  • Galles
  • Ghana
  • Granada
  • Guyana
  • Sudafrica
  • India
  • Scozia
  • Giamaica
  • Camerun
  • Canada
  • Kenia
  • kiribati
  • Irlanda del Nord
  • Regno del Lesotho …

Ma non è tutto, c’è di più:

  • Repubblica del Malawi
  • Maldive
  • Malaysia
  • Malta
  • Mauritius
  • isole Corales
  • montserrat
  • Mozambico
  • Namibia
  • Repubblica di Nauru
  • Nigeria
  • isola Norfolk

ancora di più:

  • Papua Nuova Guinea
  • isole Pitcairn
  • La dipendenza di Ross (Antartide)
  • Isole di St. Kitts e Nevis
  • Santa Lucia
  • Saint Vincent e Grenadine
  • samoa
  • Santa Elena
  • Seychelles
  • Sierra Leone
  • Singapore
  • Solomons
  • Sri Lanka
  • Swaziland

e ancora:

  • Tanzania
  • tonga
  • Trinidad e Tobago
  • Tokelau
  • Isole Turks e Caicos
  • Tuvalu
  • Uganda
  • Vanuatu
  • NZ
  • Zambia

52 paesi sono membri del Commonwealth britannico.

In alcune si svolgono le elezioni e si elegge il Primo Ministro. Ma sopra di loro, in alcuni di questi luoghi, ci sono ancora governatori nominati da Londra. Ciò significa che il Regno Unito invia “governatori”, come se fossero i propri territori. Mandano i funzionari eletti a prendere decisioni, ma devono sostenere il governatore britannico, anche se in realtà questo rappresenta la regina, che dice “Sì” o “No”.

L’America è una ex colonia britannica. Le macchinazioni Ombra dello Stato inglese l’ha portata alla guerra nel 1812 e gli inglesi hanno occupato per breve tempo Washington DC, dando fuoco alla Casa Bianca.

I negoziati di pace dopo la prima e la seconda guerra mondiale erano sotto il controllo britannico. Da segnalare anche un che agente veterano dell’intelligence britannica veterano ha preparato rapporti falsi contro il presidente Trump.

Bernard Lewis, l’ideatore delle occupazioni dell’Afghanistan e dell’Iraq, la guerra tra Iran e Iraq, la rivoluzione iraniana, il progetto della Mezzaluna Rossa, la frammentazione del Medio Oriente, lo scontro di civiltà e il tempo delle Guerre musulmane, è un ufficiale dell’intelligence militare britannica.

Ha insegnato presso SOAS per 30 anni. Lewis fu improvvisamente inviato negli Stati Uniti nel 1974 e da allora è stato il consulente di piombo per i problemi del Medio Oriente per quasi tutti i presidenti americani. E’ stato il pedagogo di Kissinger, Brzezinski e Huntington che è il neocon più noto oggi. In effetti, lo hanno chiamato le politiche degli Stati Uniti.

Pakistan, Afghanistan, Iraq, Nigeria, Siria e Yemen – dove il terrorismo è costato la maggior parte delle vite – sono stati sotto occupazione britannica.

Osama bin Laden è stato educato in Gran Bretagna. La GIA, che ha bagnato di sangue l’Algeria, ha portato i suoi quadri in Gran Bretagna. I più importanti uomini armati dell’ISIS erano soldati britannici.

ISIS, Al-Qaeda, Boko Haram, Al-Shabaab, FETO, Hezbollah, il PKK, il PYD, Asala, il DHKP-C, le Brigate Rosse e le organizzazioni terroristiche simili,

… truppe statali al servizio nell’ombra britannica.

Questo impianto strutturato di sangue e lacrime, è ovunque egli vada. L’elenco su potrebbe continuare. Per riassumere, gli ultimi 300 anni della storia umana sono stati intrisi di sangue da parte dello Stato in ombra britannico.

Centinaia di milioni di persone innocenti, tra cui cittadini britannici, sono stati uccisi da questi assassini spietati, razzisti, colonialisti, egocentrici e brutali. I più grandi genocidi della storia sono stati fatti dallo Stato ombra britannico, che ha anche causato grandi sofferenze per il popolo britannico.

Il 15 luglio 2016, quando le maschere caddero e sapevano chi erano quelli che hanno guidato l’insurrezione armata in Turchia, l’Inghilterra ha inviato migliaia di soldati alla base della Royal Air Force sulla costa sud occidentale di Cipro a soli 100 miglia Turchia.

E mandò le navi della Marina nel Mediterraneo, nel mentre ha fatto un’ottima ricognizione aerea con la scusa di aiutare i 50.000 cittadini britannici ad allontanarsi dal pericolo.

I soldati sono stati autorizzati ad aprire il fuoco contro chiunque tentasse di interferire con questa operazione. E’ chiaro che una tale cosa non era certo per soccorrere dei cittadini in difficoltà. Era più una parte di un piano calcolato (rivolto a altri obiettivi).

Le Relazioni turco-russe sono migliorate rapidamente dopo  che la Russia è stata l’unico paese che ha offerto sostegno alla Turchia.

Lo stato in ombra britannico si è seriamente preoccupato quando si rese conto che l’unione delle forze dei tre paesi stava risolvendo la situazione in Siria che avrebbe portato pace e l’unità per la regione.

Il Regno Unito, in attesa, era pronto ad invadere durante il tentato colpo di stato, ha cominciato a mostrare un atteggiamento e presumibilmente ‘amichevole’ ‘onesto’ nei confronti della Turchia.

Naturalmente, per la Turchia che è importante avere buoni rapporti con la popolazione del Regno Unito. Ma le trame dello Stato Ombra inglese non è mai stato buono sia per la Turchia che per il suo popolo.

Nessun leader, nessun popolo, nessuno Stato può stare da solo contro le macchinazioni di una struttura che è stata organizzata su una tale scala che è penetrata nei capillari di altri paesi.

Questi piani spietati potranno essere fermati solo dall’alleanza del bene.

L’anno scorso si stabilirono le basi di un’alleanza forte e incrollabile tra la Russia e la Turchia sul l’iniziativa del Presidente Putin e il Presidente Erdogan.

Il dovere di tutti quelli con la coscienza pulita, che vogliono salvare il mondo dal flagello dello Stato in ombra britannico, è quello di difendere e sostenere l’alleanza.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

L’articolo non menziona l’Italia, ma con l’unità d’Italia del 1860, “la perfida albione” ha ingerito e non poco anche da noi: In quel periodo “risorgimentale” “i Savoia erano legati mani e piedi alle consorterie massoniche inglesi. Era chiaro che l’Inghilterra stava ridisegnando l’Europa (lo ha sempre fatto anche in seguito! Chi ha ridisegnato i confini del medio-oriente? Sempre loro!) e lo faceva secondo la Profezia Comenius espressa in Lux in tenebris.” Storia che certamente non è scritta sui libri di scuola

Che dire inoltre del colpo di grazia ricevuto nel 1992 (che ancora oggi stiamo pagando caramente), sembra che gli Italiani siano stati colpiti da un’amnesia storica: Era il 1992 quando il panfilo Britannia della regina Elisabetta II prendeva il largo per “affondare” l’Italia. Il 1992 fu un anno decisivo per la recente storia italiana.” 

Antichi Sigilli che raccontano la storia umana

 

Il segno della storia:
Gli incredibili antichi sigilli cilindrici sumeri

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri sono considerati senza dubbio alcuni degli oggetti più interessanti mai recuperati dall’antica Mesopotamia.

Un sigillo cilindrico è un piccolo oggetto decorato con immagini, parole, o in alcuni casi, entrambi incisi sulla sua superficie in modo intricato.I sigilli cilindrici mesopotamici sono importanti per gli studiosi dal momento che spesso raccontano la storia di una linea temporale di una specifica civiltà. Gli antichi sigilli cilindrici sumeri hanno lasciato un segno nella vera storia

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri venivano usati facendoli roteare su di una base di argilla fresca, una tavoletta che veniva impressa dal cilindro.

Quando l’argilla si essiccava, l’immagine rimaneva impressa sulla sua superficie. Queste impronte sono state utilizzate dagli antichi Sumeri per una varietà di scopi, ivi incluse le operazioni commerciali, decorazione, e la corrispondenza. La stampa del cilindro è stata considerata come una parte estremamente importante della vita quotidiana nell’antica Mesopotamia.

Dimensione dei sigilli impressi nell’argilla fresca, (impressioni moderne/ correnti)

I sigilli cilindrici erano noti in sumero come kishib e kunukku in accadico e sono stati utilizzati da tutti, sia dai reali che dagli schiavi.

I cilindrici sigilli sono stati fatti da un ‘sealcutter’ noto come burgul in sumerico e come purkullu in lingua accadica

Le immagini lasciate dai sigilli sulla tavoletta d’argilla erano piuttosto complesse e belle.

I sigilli cilindrici sono stati utilizzati da culture del Vicino Oriente antico, tra i Sumeri, Accadi, Ittiti, e Persiani.

Secondo gli esperti, l’origine di questi intriganti oggetti sono originari del periodo tardo Neolitico, intorno al 7600-6000 a.C., nella moderna Siria. Ci sono alcuni studiosi che sostengono che i sigilli cilindrici abbiano avuto origine in Sumer, il moderno Iraq.

I sigilli cilindrici sumeri erano solitamente creati di pietre (talvolta pietre dure) di diversi tipi. Gli antichi utilizzavano l’ametista, l’ossidiana, tra gli altri elementi usati c’era anche l’ematite. Tuttavia, gli esperti hanno riscontrato che per produrre questi oggetti in tempi antichi sono stati usati altri materiali come: vetro, ceramica, oro, argento, legno, osso e avorio.

Questi sigilli cilindrici sumeri, oltre di essere considerati simboli di status e amuleti, venivano usati anche per altri usi pratici.

Sigillo cilindrico e impressione mesopotamica di argilla calcarea del culto di  Shamash, (Louvre)

Essi sono stati usati per firmare documenti scritti su tavolette d’argilla. Utilizzandolo come un timbro, veniva impresso sulla superficie di una tavoletta di argilla fresca, così facendo un individuo avrebbe potuto certificare che il documento era autentico.

Questa necessità di autenticare i documenti si è manifestata con l’aumento della burocrazia che ha avuto luogo in Mesopotamia nel IV millennio a.C., in particolare nelle regioni meridionali, dove la burocrazia era più complessa.
Nel mondo degli affari e del commercio, i sigilli cilindrici sono stati usati per memorizzare e certificare le merci evitando la manomissione o il furto. In questo modo, le impressioni fatte dai sigilli cilindrici d’argilla, che sono stati trovati, venivano usate per sigillare vasetti e lo stoccaggio, sulle porte dei magazzini nell’antica Sumer.

Il disegno dei sigilli cilindrici sumeri ha sempre suscitato grande interesse tra gli esperti, principalmente a causa degli intagli intricati che coprono soggetti molto diversi.

Come viene fatto notare dagli esperti, i motivi erano solitamente concentrati su tre motivi principali: combattimento, banchetti e temi religiosi.

Sulla loro superficie, possiamo vedere le divinità, gli esseri umani, le piante, gli animali e l’iconografia religiosa. Tra gli altri disegni che si possono osservare sui sigilli cilindrici sono motivi geometrici e iscrizioni in scrittura cuneiforme.

Come notato da Ancient.eu, ci sono due stili di sigillo cilindrico: lo stile Uruk e lo stile Nasr Jemdet che si riferiscono ai motivi utilizzati e il modo in cui i sigilli sono stati intagliati. Gli autori Megan Lewis & Marian Feldman hanno commentato su questo, scrivendo:

Lo stile dei sigilli di Uruk mostrano animali e figure rappresentate in modo eccezionalmente naturalistico, suggerendo che gli incisori tenevano a una mirata chiarezza espressiva. I motivi sono narrazioni e rituali che coinvolgono i templi, le barche e le offerte agli dei, così come le rappresentazioni del mondo naturale negli accordi gerarchici. Essi sono abilmente tagliati, dettagliati, e la loro composizione tende ad essere equilibrata ed esteticamente piacevole. I sigilli in stile Nasr Jemdet, lo stile Uruk, sono meno dettagliati di guarnizioni e si caratterizzano per l’uso pesante di frese e dischi di taglio, che rispettivamente producono segni circolari e lineari. Motivi comuni del Nasr in stile Jemdet includono le donne con le trecce coinvolte nel lavoro domestico e gli allevamenti di animali davanti a templi.

Se diamo uno sguardo alla documentazione archeologica, troveremo che gli archeologi hanno scoperto molti sigilli cilindrici e di come le tavolette d’argilla siano  state stampate.

Ci sono numerosi sigilli cilindrici nei musei di tutto il mondo.
Il Museo di Baghdad, per esempio, ha una collezione di 7.000 sigilli cilindrici, sebbene la maggior parte di loro siano stati saccheggiati quando nel 2003 Baghdad cadde nelle mani delle truppe statunitensi .

Questi pezzi archeologici di valore non sono ancora stati recuperati.

Riferimento:

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da