Archivi categoria: Geoingegneria

VELATURE – ECCOLE DI NUOVO

Dopo una giornata di cielo libero da nubi, pioggia, grandine grande come palline da golf, con temperature sotto i 15°, ecco le famose velature, al satanico “Lucifero” non sono bastati i 38/42° (di giorno e di notte senza escursione termica), ci stiamo preparando ad un nuovo forno a microonde?

Questa mattina alle ore 7:00 il cielo era completamente terso e senza una nuvola, un azzurro che ricordo solo negli anni passati della mia gioventù, inoltre la notte completamente sgombra da nuvole, “velature” e inquinamento luminoso, ho visto dopo molto tempo il firmamento pieno di stelle e la luna raggiante (non più velata) al centro di esso.

Queste sono fotografie fatte dal mio portatile questa mattina; non mi stancherò mai di fotografare lo scempio che viene perpetrato ormai da oltre 15 anni, da quando è stato firmato quel fatidico documento.

Sullo sfondo di questa fotografia sono visibili i cumulonembi naturali sotto attacco da quelle che oggi vengono definite “velature”, (velature non esistenti in natura) partorite dalla mente compiacente di chi è complice volontario/involontario della élite votata alla satanica “Geoingegneria”

______________________________________

 Il regime di Geoingegneria solare progettato 
per bloccare il tuo sole – Di Matt Landman

 “Un gruppo di scienziati del clima sta attualmente sostenendo una mossa preventiva contro i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale, anche se probabilmente non hai mai sentito molto a questo proposito. Il piano è quello di bloccare il sole, simile a quello di imitare un’eruzione vulcanica, per questo motivo è chiamato Effetto del Monte Pinatubo che verrebbe attuato con una campagna di iniezione aerosolica già in atto per velare la LUCE del SOLE.”

“Le basi ingenue di questo approccio sono TRE assimilazioni e costituiscono quanto segue:”
“1) Conosciamo tutto quello che c’è da sapere sul riscaldamento globale

2) Possiamo risolvere il problema

3) Dovremmo risolvere il problema 

Continua QUI all’interno del blog”

FRANKENSKIES

LA DOCUMENTAZIONE DI FRANKENSKIES  E’ DISPONIBILE SOLO NELLA FORMA COMPLETA DELLA SUA LUNGHEZZA 

Matt Landman

FrankenSkies è un documentario di 80 minuti sul cambiamento sociale riguardante l’agenda della Geoingegneria solare che colpisce ogni essere vivente sulla Terra. La lotta è per portare consapevolezza a questo argomento, nonostante gli ostacoli di una popolazione socialmente ingegnerizzata e del complesso industriale militare con le sue risorse infinite, è palpabile in questa funzione di svegliata verità.

In una apertura impeccabilmente temporizzata di esposizione, il film rivela la campagna per normalizzare le formazioni di nubi chimiche attraverso dispersioni di aerosol nell’atmosfera. Volto verso un calendario di normalizzazione che comprende un mezzo controllato e un sistema educativo indottrinandone la politica, gli attivisti fanno la domanda: il tuo silenzio è il tuo consenso? Una pellicola informativa scioccante sull’innovazione climatica, sul controllo della frequenza e sulla manipolazione della CIA, la narrazione del film si sviluppa attraverso una storica sequenza temporale di sperimentazione sull’umanità, portandoci ad un moderno laboratorio in pieno giorno che comprende l’aria che respiriamo e che impone quando e dove il sole deva splendere, o no..

FONTE https://theinternationalreporter.org/2017/06/26/frankenskies-full-length-documentary/

TRAILER 

DOCUMENTARIO COMPLETO 

Il regime di Geoingegneria solare progettato per bloccare il tuo sole Di Matt Landman 

Un gruppo di scienziati del clima sta attualmente sostenendo una mossa preventiva contro i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale, anche se probabilmente non hai mai sentito molto a questo proposito. Il piano è quello di bloccare il sole, simile a quello di imitare un’eruzione vulcanica, per questo motivo è chiamato Effetto del Monte Pinatubo che verrebbe attuato con una campagna di iniezione aerosolica già in atto per velare la LUCE del SOLE.

Le basi ingenue di questo approccio sono TRE assimilazioni e costituiscono quanto segue

1) Conosciamo tutto quello che c’è da sapere sul riscaldamento globale
2) Possiamo risolvere il problema
3) Dovremmo risolvere il problema

“Schiarire il cielo sbiancandolo”, cosiddetto dal piccolo gruppo d’élite di scienziati [pazzi], che prevede la dispersione di aerosol attraverso aerei per formare le “nuvole”, questo progetto è stato in fase di ricerca da decenni. Il 2017, tuttavia, è l’anno in cui questo “Regime di Geoingegneria Solare” (tenere d’occhio l’imponente, vaga terminologia) andrà dalla fase di ricerca alla Piena e Globale Scala di Dispiegamento.

La mancanza di informazioni pubbliche schermate da abbondanti tattiche di confusione, di disinformazione, di divieto totale e di terminologia eufemistica hanno lavorato finora per nascondere i fatti. Ma coloro che chiedono di conoscere la verità hanno prestato molta attenzione all’evoluzione della terminologia che circonda ciò che molti di noi hanno conosciuto fino ad ora come “chemtrails”. La lingua infatti ha la sua importanza. Ecco un elenco parziale:

Geoingegneria
Gestione delle radiazioni solari (SRM)
Programma di aerosol troposferico (TAP)
Iniezioni di aerosol stratosferiche (SAI)
Iniezione di particelle stratosferiche per l’ingegneria climatica (SPICE)
Esperimento di rilascio aerosol caricato (CARE)
Climate Geoengineering Governance Project (CGGP)
Progetto di ricerca sul cambiamento globale (GCRP)
Iniziativa del governo sulla radiazione solare (SRMGI)
Strategia nordamericana sull’ozono troposferico (NARSTO)

I media hanno anche coniato il termine segreto su larga scala Aerosol Program (SLAP) un fine incomprensibile per le persone nuove al soggetto. Poco sapevamo allora che il regime stava solo recuperando un po’ più tempo prima di lanciare il suo pazzesco schema questa primavera prossima.

Il 18 maggio 2017, allora, è stato stabilito a Chicago l’auto-proclamato Governo di Regime sulla Geoingegneria Solare per creare un corpo che sostituirà le Nazioni Unite, il cui obiettivo è quello di avviare la distribuzione su scala globale l’Ingegneria Solare sulla Terra.

Prima di attuare un programma così controverso, dovremmo sicuramente considerare gli impatti sulla salute umana nell’iniettare sostanze chimiche tossiche in aria, di discutere il diritto umano ad avere un ambiente sano e del diritto del pubblico a partecipare al processo decisionale ambientale. Il “regime”, tuttavia, si è già incontrato per pianificare e strutturare il dibattito pubblico, anticipando e dirigendo la reazione degli attivisti del clima. Ha anche dettagliato come i mezzi verranno utilizzati per “manifestare la volontà del popolo” per dare ai governi di attuarla senza lasciare “nessuna scelta”. La “Società”, ci crede ciecamente, “ma non conosce la strategia” a differenza del regime stesso che ha speso fino a 15 anni per la pianificazione, ricerca e alla strategia di una distribuzione in tutto il mondo della Geoingegneria Solare.

Gli scienziati del clima, tuttavia, sono molto divisi per quanto riguarda i motivi che causano il riscaldamento globale. Allo stesso modo, non si capisce quali siano gli effetti dell’intervento della Geiongegneria o come la natura reagirà. Il livello di imprevedibilità richiede un’analisi di valutazione del rischio che si concentra sui probabili risultati.

L’Uragano Aerosol e Microphysics Programme (HAMP), ad esempio, è un programma di ricerca geonesistente che utilizza l’implementazione di aerosol di carbonio nero per modificare gli uragani. Vari studi hanno identificato il carbonio nero come causa diretta del riscaldamento globale, ma l’impatto di tali iniezioni di aerosol non è stato adeguatamente considerato / studiato o addirittura discusso quando si affronta il fenomeno del riscaldamento globale. In effetti, è chiaramente contro-intuitivo utilizzare un componente chimico che promuove esattamente quello che stai cercando di evitare.

Esistono gravi rischi multipli nei metodi di iniezione proposti:
Esacerbare il riscaldamento globale
Danno alla salute umana
Cause di collasso biospherico
Creazione di siccità

Non possiamo permetterci di sperimentare solo per trovare in un momento successivo che sono stati commessi lungo la strada errori irreversibili e catastrofici, ma la sperimentazione sembra essere esattamente ciò che accade qui.

Ma questi possono essere evitati. La tecnologia di cattura del carbonio, gli incentivi a tecnologia verde aggressiva, le fioriture oceaniche di fitoplancton e l’urbanesimo rigenerativo offrono tutte alternative molto più sicure alle opzioni globali delle iniezioni di aerosol stratosferici. Avendo inquadrato l’intero dibattito dietro le quinte significa che i diritti e il consenso informato sono stati completamente ignorati e scoraggiati. Scioccamente, attori e media sono stati assunti anche per inquadrare il dibattito e modellare l’opinione pubblica. Che cosa dobbiamo fare per fermare questo assalto mortale, insidioso e disonesto sul nostro mondo fisico?

Tuttavia, il silenzio e l’inerzia non sono opzioni a fronte di una tale minaccia. Dobbiamo agire e agire rapidamente.

La rappresentanza pubblica è l’unico corso giusto e razionale e deve provenire da coloro che sono direttamente interessati dal programma di gestione della radiazione solare. Ciò significa che abbiamo bisogno di membri eletti da un campione adeguato di ricercatori e di parti interessate che rappresentino l’umanità nel suo complesso. Ecco come funziona un approccio basato sul diritto e consensuale al problema.

Quello che non possiamo permetterci è solo una piccola rappresentanza da parte di pochi che sono essenzialmente isolati da tutto e da tutti creando danno a causa del loro stato socio-economico. Un sì dato fatto, non è affatto una «rappresentazione». Eppure questo è quello che abbiamo.

Non vogliamo vedere una ripetizione dell’inflazione dell’acqua di Flint, MI, né la sfida pubblica che nasce quando i boliviani si sono opposti alla privatizzazione del loro approvvigionamento idrico a Cochamba.

Per una decisione di tale portata occorre adottare un approccio basato sui diritti, non discriminatori e inclusivo all’adattamento e alla mitigazione del cambiamento climatico. La piena eguaglianza deve essere rispettata come riconosciuto nella Dichiarazione di Rio, dove è stato dichiarato il diritto alla partecipazione del pubblico al processo decisionale ambientale. Nel dominio ad alto rischio e incerto della Geoingegneria, è chiaro che sono necessari ulteriori controlli e ricerche. L’assunzione è coprire i migliori interessi di tutti i giocatori. Il fatto che vengano considerati e rispettati non è semplicemente vero, le cose stanno così attualmente.

I valori, l’etica, la legge e i diritti umani sono tutti inestricabilmente legati. Questi devono essere presi in considerazione attraverso un processo di partecipazione attiva del pubblico quando si stanno attuando programmi altamente sperimentali che mettono a rischio la vita umana e l’ambiente.

Dobbiamo portare il pubblico alla consapevolezza dall’agenda sul Regime solare di Geingegneria e richiedere l’inclusione pubblica, il controllo e la trasparenza a tale compito.

Come cittadino interessato della Terra, non ho avuto altra scelta se non rispondere a una tale atrocità con una campagna di sensibilizzazione pubblica. Niente può essere più dannoso per la vita umana che togliere il nostro sole. Un tour di sensibilizzazione per attirare l’attenzione sul Regime di Geoingegneria Solare di Chicago il 18 maggio, il 20 aprile a Miami, Florida e visiterà ventiquattro città in tutto il Nord America.

FONTE http://www.newagora.ca/the-solar-geoengineering-regime-designed-to-block-out-your-sun/ 

Matt Landman – Geo-engineering è il controllo totale del cibo, dell’acqua, del tempo, della medicina e del movimento

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Geostorm, trailer ma non troppo

POSSEDERE IL CLIMA E DISTRUGGERE IL MONDO – IL FILM GEOSTORM

La Warner Bros. ha diffuso online il secondo trailer ufficiale di ‘Geostorm’. Uscirà il 1 novembre nei cinema italiani il thriller apocalittico che segna il debutto alla regia di Dean Devlin, scrittore e produttore di Independence Day.

Geostorm fa parte di una lunga tradizione di disaster movie americani. Lo schema è frequentemente questo: il clima impazzisce, le città vengono distrutte, qualche eroe corre contro il tempo per salvare il pianeta.

Milioni di persone potranno ‘godersi’ i brividi delle scene catastrofiche in cui si divulga ad una massa di spettatori il (per loro) nuovo concetto del possesso e controllo delle forze della natura (meteo-clima), trasformato in arma e minaccia globale.

Curiosità: alcune scene ambientate alla NASA, sono state realmente girate presso il NASA Facility di New Orleans. Quindi la NASA è favorevole alla diffusione di questo film.

Un giornalista di ‘Motherboard’ ha contattato e intervistato alcuni esperti di geoingegneria, una tecno-scienza dichiarata in fase embrionale. Nell’articolo che segue possiamo leggere le loro risposte.

Quanto preoccupati si deve essere nella vita reale di ‘Geostorm?’

 di Carl Franzen 

Cosa sarebbe se ci fosse un network di satelliti a poter controllare il tempo intorno al globo? Cosa sarebbe se qualcuno (o qualcosa) potesse prendere il controllo di quei satelliti (o qualcosa del genere?) ed inizia ad utilizzarli per devastare, creando tornado giganti e congelando aerei in volo? Questa è la premessa emozionante di Geostorm , un nuovo thriller catastrofico di Hollywood del ragazzo che ha prodotto Independence Day, che vede protagonista Gerard Butler ed esce negli Stati Uniti il 20 ottobre, secondo il nuovo trailer. E si legge nelle descrizione del trailer: “I leader di tutto il mondo si sono riuniti per creare una fitta rete di satelliti per controllare il clima globale e mettere tutti al sicuro“.

Mettendo da parte la confusione tra meteo e clima (due cose correlate ma diverse), l’idea dell’uomo di alterare deliberatamente il clima per creare condizioni più favorevoli ha un suo fondamento nella realtà di una scienza fiorente, chiamata geoingegneria.

Gli scienziati hanno proposto una serie di schemi per rallentare il riscaldamento della Terra, tra cui spruzzare particelle riflettenti nell’atmosfera, illuminando nuvole con acqua salata, e concimando il plancton che consuma l’anidride carbonica

Ci sono alcune preoccupazioni su queste idee, che potrebbero ritorcersi contro in modo terribile. Ma se la geoingegneria procedesse nella vita reale (ndr: lo sta facendo) potrebbe avverarsi una cosa del genere come un ‘Geostorm’?

“La relazione di Geostorm con scienza e politica della geoingegneria sembra realistico quanto lo era ‘The day after tomorrow’ con scienza e politica del cambiamento climatico globale”, risponde in una e-mail David Keith, professore con doppi mandati accademici, in fisica applicata e politica pubblica presso la Harvard University. “Cioè, non v’è quasi alcuna relazione”.

Keith dovrebbe saperlo essendo lui stesso parte di un gruppo che sperimenta la geoingegneria lanciando aerosol riflettenti entro la fine dell’anno, aggiungendo che si tratta di un processo “che si muove intrinsecamente lento”. “Nulla cambia prima di un anno e poco cambia in 10 anni”, ha spiegato Keith. “Non c’è proprio nessuna manopola magica per regolare e poter far apparire improvvisamente un temporale (o non far apparire) in un luogo specifico.” (ndr che il luminare legga qui: aerosol tempeste

“I tornado multipli  e un enorme muro di acqua dal mare sono impossibili, data la mia comprensione della fisica del clima.”  (ndr invece sono stati avvistati)

Alan Robock, professore di scienze ambientali presso la Rutgers è d’accordo che non dobbiamo preoccuparci troppo di un reale Geostorm. La tecnologia ritratta nel film, per quanto posso vedere dal trailer, non esiste, e non conosco nessun modo attuale di controllare il tempo nella maniera indicata.“ dice Robock in una e-mail.

“E’ pura fantascienza. Tornado multipli e un enorme muro di acqua dal mare sono impossibili, data la mia comprensione della fisica del clima, e chiaramente sono stati inventati per rendere il film eccitante”.

Tuttavia, Robock, che di recente ha contribuito a creare simulazioni di geoingegneria al computer rendendo l’oceano più riflessivo spruzzandoci dentro schiuma, ha avvisato che la geoingegneria reale potrebbe essere utilizzata per il male. (link CIA-Robock)

“Se la tecnologia sarà mai sviluppata, potrebbe essere usata per scopi malvagi, e c’è una lunga storia di tentativi di controllare il tempo e il clima per scopi militari”, ha scritto Robock. “Se questo film su questo argomento dovesse spaventare la gente, non credo che sarebbe una brutta cosa”.

David Grinspoon, scienziato senior presso il Planetary Science Institute, un gruppo noprofit dedicato a promuovere l’esplorazione del sistema solare, condivide questa preoccupazione. Ma lui dice che non sarebbe andato fatto vedere nel trailer Geostorm. “Sarebbe difficile da usare come arma perché non sarebbe in grado di limitare gli effetti su una posizione molto specifica” ha detto Grinspoon in una e-mail (ndr: mi pare che queste preoccupazioni siano poco nella logica di certi poteri).

“Se un pazzo volesse prenderne il controllo e armeggiare per distruggere il mondo intero, sì questa è una preoccupazione realistica”.

Tutti gli esperti contattati da Motherboard hanno sostenuto che l’umanità deve esercitare cautela se si persegue un qualsiasi schema di geoingegneria.

FONTE https://motherboard.vice.com/en_us/article/9kw3we/geostorm-irl (Traduzione NoGeoingegneria)

VEDI ANCHE

Progetto Stormfury

Nubi inseminate, piogge pilotate e invasi straripanti: disastri ambientali e molte domande

Arming the nature – La natura come arma

IL CONTROLLO DEL CLIMA

WEATHER WARFARE ORDIGNI METEOROLOGICI

GLI AEROSOL RAFFORZANO LE NUBI TEMPORALESCHE, FAVORENDO CONDIZIONI METEO ESTREME

Fonte attiva:  http://www.nogeoingegneria.com/ 

Tra Clima e Meteorologia

L’importante è che crediate che tutto quel che avviene, avviene a caso.

Non farti trovare impreparato, la siccità che investe ormai da mesi il territorio Italiano e che ha fatto dichiarare già ad alcune regioni lo “stato di calamità” è stato programmato e lo puoi da te visionare su una cartina datata 17 giugno 2012, ovvero 5 anni fa. Segui l’articolo QUI

L’ondata di caldo del Giugno 2017 

Livello di anomalia relativo al periodo 1951-2017 per la zona rurale prossima a Milano

Ieri l’altro, giovedì 22 giugno, molti notiziari radiofonici e televisivi mettevano il caldo e la siccità come prima notizia, complice anche lo stato di emergenza per siccità dichiarato nelle provincie di Piacenza e Parma. Non è mia intenzione commentare lo stile adottato dai media o il fatto che nessuno sappia più distinguere fra meteorologia e clima o ancora il significato politico dato all’ondata di caldo, che secondo alcuni commentatori (oggi ho sentito il dottor Mentana sul TG di La sette) sarebbe nientemeno che da ricollegare al voltafaccia americano rispetto agli accordi di Parigi.

Premetto che l’anomalia termica positiva è frutto di un promontorio anticiclonico subtropicale di blocco da sudovest che influenza in modo più diretto il centro-nord e la Sardegna. Il meridione peninsulare e la Sicilia invece sono stati invece fin qui esposti a un regime di correnti più fresche da nordest che scorrono sul fianco orientale del promontorio in questione, per cui le temperature di giugno sono state fin qui pienamente nella norma. Segui l’articolo QUI

Cosa accade se le emissioni antropiche non sono tutte influenti? 

Studi scientifici indicano che i processi naturali sono dominanti sui cambiamenti del buco dell’ozono, del metano e sulle emissioni di CO2

Pubblicato da Enzo Ragusa 

Siamo stati portati a credere che possiamo controllare le dimensioni del buco dell’ozono, del metano e la concentrazione di CO2 con le nostre emissioni. 

Siamo anche stati portati a credere che controlliamo i modelli atmosferici (tempeste, siccità, inondazioni, uragani, tornado); Controlliamo le temperature troposferiche, atmosferiche, superficiali e profonde dell’oceano; Controlliamo il ritiro e l’avanzamento dei ghiacciai; Controlliamo il livello dei mari; Controlliamo se oltre un milione di specie saranno estinte entro il 2050. . . il tutto emettendo sostanze più o meno gassose nel nostro perseguimento di energia e comfort. 

Ma cosa accade se oltrepassiamo il nostro impatto sul pianeta? Cosa accade se le nostre emissioni gassose non agiscono in nessun modo sull’impatto che pensiamo di apportare? Cosa accade se siamo troppo arroganti per considerare la possibilità che la Terra non possa essere “salvata” costruendo più turbine e pannelli solari e riciclando più plastica? 

“Siamo così importanti. Ognuno ha intenzione di salvare qualcosa adesso. «Salviamo gli alberi, salviamo le api, salviamo le balene, salviamo le lumache». E la più grande arroganza di tutte: salvare il pianeta. 

Salvare il pianeta – ma non sappiamo neppure come prenderci cura di noi stessi.” 

“Il pianeta ha attraversato periodi anche peggiori di quello che pensiamo noi. Ci sono stati terremoti, le eruzioni vulcaniche, la tettonica a placche, la deriva continentale, i brillamenti solari, le macchie del sole, le tempeste magnetiche, l’inversione magnetica dei poli … centinaia di migliaia di anni di bombardamento da parte di comete, asteroidi e meteore, alluvioni in tutto il mondo, onde di maree, l’erosione, i raggi cosmici, l’epoca ricorrente dei ghiacci … E pensiamo che alcune borse di plastica e alcuni contenitori in alluminio farebbero la differenza? Il pianeta non va da nessuna parte. 

Noi siamo!” – George Carlin – Segui l’intero articolo QUI 

1976 LA FORMA DI GUERRA’ CHE VERRÀ?

Articolo NoGeoingegneria 

Questo articolo intitolato ‘La Guerra che verrà?’ era pubblicato su New Scientist (Australia) del 1976, evidenziando un’ altra volta la lunga storia della modificazione meteorologica e climatica per scopi bellici. Riprendiamo alcuni passaggi (tradotti da noi) : 

Modificazione meteorologica-climatica e guerra geofisica 

Manomissione del clima 

La modificazione del clima potrebbe essere raggiunto attraverso il cambiamento del bilancio radioattivo e termico dell’atmosfera – per esempio con la introduzione di aerosol.

Il corposo articolo continua QUI

Caino e il suo mondo

 

Le scie formate dagli aerei sono un fenomeno recente? 

ARTICOLO NOGEOINGEGNERIA

Falso! dicono i debunker, mostrando vecchie foto. Secondo le loro affermazioni le cosiddette scie di condensazione che riempiono il cielo ci sono da quando volano gli aerei e quindi  si tratta di un fenomeno ‘normale’,  inteso come ‘naturale’. Un’indagine ci conferma che in varie circostanze scie di aerei sono state documentate fin da molti decenni fa. Ma solo da una ventina di anni sono diventate un’ incubo (almeno per noi che le denunciamo). Le  foto  sventolate  dai debunker ci mostrano aerei militari in azioni di guerra che risalgono agli anni quaranta.  Andando ancora più indietro nel tempo ne vediamo altre, troviamo documentate  scie davvero spettacolari. Sempre di aerei militari si tratta, che creano ‘smoke curtains’, una ‘tenda di fumo’. Parliamo degli anni venti. L’intento era quello di stendere un velo in modo di non far vedere determinate cose al nemico.

100 ANNI FA – scie create con un mix di solfuro di ammonio e potassio persolfato. Continua QUI

Quando si parla di IPCC
si parla di manipolazione dei dati – prima parte

Pubblicato da Sara Maria Maestroni

Non è la prima volta che scrivo di come l’IPCC, ovvero l’Intergovernmental Panel on Climate Change, si sia servita dei dati scientifici a proprio piacimento, pur di modificare l’agenda politica degli Stati più ricchi. Qui e qui avete due esempi, ma trovate anche più materiale nel sito se volete approfondire.

Proviamo ora ad ampliare lo sguardo e a complessificare il quadro perché se c’è chi corrompe, c’è anche chi è disponibile a reggere il gioco e a farsi corrompere…

Questo nuovo articolo ben dimostra come ci sia una reale intenzionalità nel creare uno scenario falso fin dall’inizio. Leggiamo infatti che:

“Il consenso era un tema centrale per la promozione politica del riscaldamento globale antropico (AGW) fin dall’inizio. Prima si trattava dei più di 6000 rappresentanti dell’IPCC. Più tardi, si trattò delle artificiali percentuali del 95 di Naomi Oreskes e poi del 97 di John Cooke. Ma c’è un’altra forma di consenso artificiale che continua ad influenzare l’opinione pubblica e politica. E’ una forma di consenso più potente perché sfrutta un appello ad un’autorità […] I due migliori esempi usati per promuovere il consenso dell’autorità nell’inganno rispetto al clima riguardano il Premio Nobel dato congiuntamente ad Al Gore e all’IPCC e il supporto apertamente dichiarato da parte delle società scientifiche per i Reports dell’IPCC.”

Sì, avete letto bene: la Commissione del Premio Nobel si presta a questi giochetti. Continua QUI

https://www.youtube.com/watch?v=cHb4lChdkys

UN CULTO DI LUCIFERO NELL’ALTA FINANZA.

di Maurizio Blondet

Vedo che alcuni blog  italiani hanno già postato parziali traduzioni di   questo video.  Non so chi  sia quello che parla, se davvero si chiami Ronald Bernard, sia olandese, e sia come dice un professionista interno all’alta finanza. Non so se quando dice che  in quegli ambienti alti si pratica  un culto luciferino, sia vero. Non ho prove. Solo che, quando comincia a  raccontare “sono stato invitato a  partecipare a dei sacrifici…all’estero…”,  gli occhi gli si  riempiono di lacrime.

“…Bambini…”. E’ davvero sconvolto al ricordo.

“Ti è stato chiesto di farlo?”, gli chiede l’intervistatore. “Sì, e io non potevo”. S’interrompe, non riesce  quasi più a parlare . Ma si sforza e continua.  Non sta mentendo, Ronald Bernard.

Quindi, traduco anch’io una parte (di 8 minuti:  l’intero video dura 40 minuti) delle confessioni di quest’uomo in cui la coscienza, come dice, “si è scongelata”. Continua QUI

I nemici della libertà di stampa

 «Esistono molti modi diversi per bruciare un libro:
e il mondo è pieno di gente
che corre su e giù con i fiammiferi accesi».
(Ray Bradbury)

I nemici della libertà di stampa sono moltissimi, sapete? Molti di più di quanti ne conosca la nostra filosofia – o la nostra fede politica.

I nemici della libertà di stampa sono i mafiosi, certo, ma a volte pure i magistrati, gli uomini in divisa e ogni tanto perfino quelli in tonaca porporata.

I nemici della libertà di stampa sono quelli che vogliono imporre leggi speciali e diverse a seconda che un contenuto sia su carta o sul web.

I nemici della libertà della stampa sono le corporation del web che censurano contenuti facendo prevalere le loro private e arbitrarie policy sulle Costituzioni delle democrazie.

I nemici della libertà di stampa sono i paradisi fiscali che nascondono gelosamente patrimoni e reati, lontanissimi da ogni trasparenza, da ogni diritto di sapere la verità sui potenti del mondo.

I nemici della libertà della stampa sono i politici di tutti i partiti – tutti, tutti, tutti – che telefonano ai direttori e agli editori.

I nemici della libertà della stampa sono i politici che danno una notizia a un cronista oggi in cambio di un favore a lui o alla sua parte domani. Continua QUI

I Muri della vergogna nel mondo – Eduardo Galeano 

Eduardo Galeano
Traduzione e sottotitoli di AlbaCanelli

“Il muro di Berlino è stata la notizia tutti i giorni dalla mattina alla sera abbiamo letto, guardato, ascoltato:  Il Muro della Vergogna, il Muro dell’infamia, la cortina di ferro

Infine, questo muro, che meritava di cadere, è caduto.

Ma altri muri sono sorti, continuano a germogliare nel mondo,

e anche se sono molto più grandi di quello di Berlino di essi si parla poco, molto poco o niente,

Poco si parla del muro che gli Stati Uniti stanno innalzando sul confine messicano, e poco si parla circa i recinti di Ceuta e Melilla.

Quasi per niente si parla del muro della Cisjordania, che Israele ha costruito per perpetuare l’occupazione delle terre palestinesi che presto sarà 15 volte più lungo del muro di Berlino.

E niente, niente di niente, si parla del muro del Marocco, il secondo muro più lungo del mondo, più lungo della Muraglia cinese, che da 20 anni perpetua l’occupazione marocchina del Sahara Occidentale. Questo muro, minato da un’estremità all’altra e sorvegliato da migliaia di soldati, è 60 volte il muro di Berlino.

Perché mai ci sono muri così altisonanti e muri così muti?
Sarà per i muri dell’isolamento, che i grandi media di “comunicazione” costruiscono ogni giorno?  Continua QUI

CRIMINALI PAZZI E LORO CORIFEI

Quelli che Regeni martire, quelli che bruciano le chiese, quelli che le formiche ci provocano

(Con alcuni importanti commenti al mio articolo precedente)

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post “LANOTTE DEI MORTI VIVENTI – IL GIORNO DELL’ORSO D…“:

150.000 riservisti americani hanno ricevuto la lettera di tenersi pronti per essere operativi entro quindici giorni. Invasione della Siria? La Germania approva il decreto anti fake news per i social e i siti non allineati alla narrazione globalista, questa sì, realmente fake. Provvedimento dunque di censura pre guerra. Navi americane in avvicinamento alla Corea del nord. Solo muscoli tesi? E poi, attentati ovunque e false flags sempre più ignobili, l’escalation purtroppo sta aumentando vertiginosamente. Dobbiamo aspettarci di tutto. Lo confesso, non sono per niente tranquillo.

La firma è Isis, l’inchiostro e nostro

Visto che l’ininterrotto genocidio Usa e Nato non è considerato terrorismo, neanche quando mette in mano ai suoi sicari armi chimiche, per poi bombardarne le vittime, parliamo di attentati islamici.Continua QUI

Cosa ammetteranno in futuro?

Global Warming? Harvard propone le Scie Chimiche

Contrordine ragazzi: le scie chimiche esistono, e sono utili, anzi utilissime. La ventennale campagna di disinformazione sulle scie chimiche, improntata al tentativo di normalizzare ciò che è letteralmente sotto gli occhi di tutti, ha fatto un nuovo passo in avanti, attraverso il mainstream scientifico e televisivo, e travolgendo in questo modo le posizioni storiche di tutti i debunker negazionisti. Un team di ricercatori della celebre università statunitense di Harvard ha infatti messo nero su bianco un progetto che è già in fase di attuazione e che prevede di mettere in volo palloni sonda al fine di disseminare in cielo una nube chimica di particolato allo scopo dichiarato di oscurare il cielo e ridurre le temperature terrestri

Uno scudo chimico contro il global warming! La notizia è stata prontamente ripresa da tutti i principali media mondia, dalla BBC al New York Times. Nel nostro paese val la pena menzionare il mensile Focus, che in passato era stato tra i più feroci oppositori di queste teorie, e che adesso invece le riscopre con grande sorpresa.

  1. La fattibilità del progetto

Come spesso detto in passato dai ricercatori “complottisti” che studiano la geoingegneria clandestina e l’effetto di “globaldimming” delle scie chimiche, basta irrorare una piccola percentuale del cielo per aumentare significativamente la capacità dell’atmosfera di riflettere i raggi solari: basterebbe l’1% del cielo. Il progetto di Harvard si spinge anche più in là, e si propone di irrorare dal 2 al 4% del cielo per abbassare le temperature di 1,5 gradi centigradi, per riportare la temperatura ai livelli terresti pre-industriali.

  1. L’opportunità di farlo

A questo punto, capita la proposta, bisognerebbe chiedersi come per ogni altra scoperta scientifica se è opportuno, etico, e giusto portare avanti quelle azioni oppure no. Il dialogo relativo a questo progetto dev’essere stato qualcosa del genere:

F: Ciao David, lo sai che ho iniziato una nuova dieta?

D: Ah sì? Bravo Frank, era ora che ti mettessi a mangiare di meno, vecchio trippone!

F: Ma che dici David, io con la mia dieta posso mangiare quello che mi pare: pasta, dolci, fritti, mi posso pure strafogare di bignè con la nutella!

F: Ah, ma poi come fai?

D: Facile: mi sbombo di anfetamine, e calo lo stesso!

F: Uhm! Aspetta, aspetta che mi è venuta un’ideona…

Il progetto serve infatti a controbilanciare l’imponente consumo di petrolio e altri combustibili fossili, senza minimamente ridurlo. Anzi, aggiungiamo altro inquinamento volontario per oscurare il cielo, e poter così restare al fresco e continuare a bruciare carburanti.

  1. Aerei o Palloni?

La parte più ridicola della stesura del progetto dev’essere stata quella di evitare di menzionare l’uso degli aeroplani, che sono il mezzo più logico per fare queste irrorazioni rapidamente e dove serve, per cercare di dissimulare il fatto che queste cose vengano fatte anche adesso. Ma appena tre anni fa, quando il progetto era ancora in fase di sviluppo, la pubblicazioneufficiale di Harvard non si faceva grossi problemi a mettere nelle immagini gli aerei:

Allo stesso modo anche la recentissima intervista di The Verge all’ideatore del progetto mostra al minuto 1:35 che vengono mandati degli aerei oltre la troposfera (15 km di altitudine) nella stratosfera per lasciare le scie dei composti chimici selezionati.

La versione con i palloni è stata quindi ripescata dal progetto del 2011 con cui collaborava anche Cambridge, dove palloni sonda delle dimensioni dello stadio di Wembley sarebbero dovuti restare in volo e collegati con un tubo di 20km con la nave sottostante, che avrebbe pompato in atmosfera più di 1 milione di tonnellate di composto chimico all’anno.

  1. Il materiale

Fino allo scorso anno il progetto prevedeva il rilascio di solfati, che assieme all’ossigeno e all’acqua presenti in sospensione nella stratosfera, si sarebbero combinati assieme per realizzare niente meno che acido solforico in sospensione; un vero incubo per le relazioni pubbliche, dover spiegare che per combattere il global warming dovevamo accettare di spargere acido solforico in atmosfera! Così ora la scelta di ripiego del progetto è di prevedere una prima fase esplorativa in cui verrà rilasciato innocuo vapore acqueo, ma è già stabilito che dal 2022 si provvederà ad irrorare Ossido d’Alluminio, cioè l’Allumina: un sottoprodotto della Bauxite usato nell’industria del vetro per aumentare la riflettività delle superfici. L’argomentazione la si può camuffare un po’, ma anche questa è sempre roba che non vorremmo comunque ingerire.

  1. Dimensioni del particolato

Il video del TG2 si premura di ricordarci che queste particelle saranno piccolissime: un millesimo di millimetro. L’intento è ovviamente quello di sminuire il pensiero che questo materiale, una volta inalato, possa causare dei problemi: dopotutto anche la polvere dell’eruzione del Pinatubo del 91 è rimasta in aria per un paio d’anni… poi è ricaduta al suolo, sulle persone, sui corsi d’acqua, sulle coltivazioni. Ecco perché il giornalista ci parla di particelle piccolissime, ma purtroppo qui non stiamo parlando della quantità, che sarà sempre la stessa, ma piuttosto della dimensione di ciascuna particella, ed in questo caso più piccole sono le particelle e più strati protettivi del nostro apparato respiratorio esse riescono ad oltrepassare.

Nel nostro caso il ParticolatoPM1 (un millesimo di millimetro) può oltrepassare il naso, la laringe, i bronchi per andare a fissarsi proprio negli alveoli.

Buon appetito!

  1. Il pericolo per il pianeta

Curiosamente c’è anche qualche scienziato che è contrario all’idea del progetto: pare che ci sia un motivo se le modificazioni climatiche su scala planetaria sono proibite dall’ONU. Il Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite ricorda infatti che alterare la temperatura può portare scompensi imprevisti nel ciclo naturale delle precipitazioni, ed uno studio del 2013 del Met Office mette esplicitamente in relazione le polveri sottili in sospensione con una possibile carestia da siccità in Africa. Anche senza pensare alle ricadute di Ossido d’Alluminio, cosa accade se si oscura il cielo alla vegetazione sottostante? E se lo si fa sul mare, cosa accade alle alghe, all’ecosistema marittimo?

Tante belle domande, fermo restando ovviamente che l’occidente non può rinunciare al suo stile di vita.

  1. Il costo

Un ultima osservazione: il costo di questo bel progetto è di 20 milioni di dollari, quanto l’investigazione del NIST sui tre crolli del 9/11, per intenderci. Proibitivo? No, tranquilli, hanno già trovato i primi finanziatori: 7 milioni di dollari li mette un consorzio di ONG e Fondazioni, tra cui non poteva mancare ovviamente la fondazione di Bill Gates.

Ma questo è solo l’inizio, a regime il progetto dovrebbe costare intorno a 10 miliardi di dollari all’anno. Tranquilli, troveranno anche questi, cari contribuenti. Dopotutto ricordiamoci che questo è solo il riconoscimento ufficiale di quello che stava già avvenendo, in questi 20 anni chi credete abbia pagato?

Conclusioni

Le rivelazioni del progetto di Harvard hanno quindi cancellato anni e anni di indefesso lavoro di negazionismo da parte dei debunker, come il nostro Paolo Attivissimo che scherniva i ricercatori indipendenti domandandosi: chi ci guadagna quando in cielo piove? I venditori di ombrelli. Quindi le scie chimiche le fanno i venditori di ombrelli!

Harvard oggi ci spiega invece che con le scie chimiche ci guadagna il consumismo sfrenato, ed in particolare chi può continuare a vendere carbone e petrolio, a discapito degli umani, degli animali e della vegetazione di tutta la terra.

Fa un po’ meno ridere così, vero?

Farà ridere ancor meno la prossima volta, quando ci diranno che questa scelta era così obbligata che sono anni che è stata già presa, e in cui queste cose già le fanno.

di Riccardo Pizzirani [Sertes]

Pubblicato su: https://www.luogocomune.net/

Harvard: Conferenza sulla geoingegneria

Chi finanzia la Geoingegneria e perché?

In una recente conferenza sulla geoingegneria due ingegneri di Harvard hanno annunciato i piani per un esperimento di ingegneria sul reale clima mondiale a partire dal 2018.

Coloro che credono che la geoingegneria sia già in atto segretamente tendono a dividersi in due parti:

  • coloro i quali credono che i programmi siano gestiti da scienziati troppo zelanti che vogliono aiutare l’umanità
  • coloro che credono la geoingegneria sia un metodo per il controllo della popolazione 

Il secondo gruppo tende a indicare le fonti che finanziano questi progetti.

Di:

  • lo studio del finanziamento
  • le organizzazioni coinvolte
  • le filosofie degli individui dietro le organizzazioni,

… questi ricercatori sperano di comprendere le vere motivazioni per le scelte apparentemente illogiche.

David Keith, nel corso della conferenza, afferma che è interessante il fatto di quello che sta ricevendo la geoingegneria,

“finanziamenti da altre fonti”, che stanno portando “nuove risorse” per “nuovi significativi progetti”.

Egli non menziona esplicitamente di chi sono queste “altre fonti”, ma i finanziamenti per gli iniziali esperimenti sarebbero venuti dalle sovvenzioni di Harvard con possibili ulteriori fondi dalla ricerca del programma solare geo-ingegneristico di Harvard.

Il programma ha raccolto più di $ 7 milioni,

  • Microsoft co-fondatore Bill Gates 
  • la Fondazione Hewlett
  • il P. Sloan Foundation Alfred
  • Fondi di Harvard-interni,

… e altri filantropi.

Il Forum sulla ricerca della Geoingegneria Solare è stata sponsorizzata dalla Carnegie Endowment for International Peace e finanziato attraverso una generosa concessione da Alfred P. Sloan Foundation.

La presenza di Bill Gates rischia di andare nella stessa direzione a causa del suo coinvolgimento con la promozione di vaccinazioni e sterilizzazioni – un altro strumento per il controllo della popolazione.

C’è anche un sacco di documentazione relativa alla famiglia Carnegie e le loro segrete fondazioni che stanno lavorando contro la libertà e la salute delle persone (vedi questo, questo e questo).

Va inoltre notato che recentemente la Carnegie Science ha pubblicato uno studio che afferma di sfatare la possibilità di programmi di irrorazione segrete. Il coinvolgimento di Alfred P. Sloan coinvolto con il regime nazista e il sostegno dell’Eugenetica deve indurci ad allarmarci.

I rapporti del Washington Post articolo dal 1998:

I documenti mostrano che le società madri hanno seguito una strategia consapevole per continuare a fare affari con il regime nazista, piuttosto che spogliarsi dei propri beni tedeschi.

Poco meno di tre settimane dopo l’occupazione nazista della Cecoslovacchia nel marzo 1939, il presidente di GM Alfred P. Sloan ha difeso questa strategia come prassi commerciale, in considerazione del fatto che le operazioni tedesche della società erano “altamente redditizie.”

La politica interna della Germania nazista,

In data 6 aprile 1939, Sloan ha spiegato la questione in una lettera ad un azionista. Il business sulla gestione della General Motors non dovrebbe essere considerato”.

“Dobbiamo comportarci [in Germania] come l’organizzazione tedesca … Non abbiamo il diritto di chiudere l’impianto.”

L’Alfred P. Sloan Foundation è stata costituita per onorare Alfred Sloan.

Secondo il loro sito web, la Fondazione Sloan,

“crede che una sistematica comprensione accuratamente ragionata delle forze della natura e della società, quando applicate in forma inventiva e saggia, può portare ad un mondo migliore per tutti”.

L’attuale presidente della Alfred P. Sloan Foundation è il Dr. Paul L. Joskow, un laureato della Yale University, membro del Council on Foreign Relations, e consulente della corrente per la US Environmental Protection Agency.

Questo mette Joskow proprio nel bel mezzo di una serie di organizzazioni coinvolte con la promozione del governo globale.

E’ anche curioso notare che Joskow è allo stesso tempo,

un consigliere dell’EPA di Trump il capo di un’organizzazione che investe in ricerca di geoingegneria

Questo mi sembra un indicatore che l’amministrazione Trump sosterrà ulteriori ricerche.

Un’ultima nota interessante riguarda una recente lettera dal Comitato Editoriale Union-Tribune di San Diego.

Il consiglio ha condannato il Presidente Trump di lavorare contro le normative ambientali all’epoca di Obama per poi chiamare miliardari a investire privatamente nella ricerca sulla geoingegneria.

Il Comitato di redazione dell‘Union-Tribune di San Diego non può essere il solo a pensare a una copertura contro il senso comune di una catastrofe.

Chiediamo a uno o più dei miliardari benevoli della nazione di prendere in considerazione il finanziamento privatamente, uno sforzo enorme sulla scala del Progetto Manhattan per cercare una tale copertura sulla geoingegneria .

Ogni giorno la gente compra un’assicurazione sulla vita.

Anche la Terra ha bisogno di una assicurazione sulla vita, anche – soprattutto quando l’uomo più potente su di essa è indifferente a una minaccia esistenziale per l’umanità.

La scelta delle parole del Consiglio sono estremamente provocatorie se si considera che il ricercatore Peter Kirby ha riferito che le origini per i programmi di modificazione del clima dei nostri giorni si trovano nel Progetto Manhattan, il progetto infame e segreto che ha creato la bomba atomica.

E’ veramente possibile che il governo degli Stati Uniti e le altre nazioni stiano segretamente testando la tecnologia sull’ingegneria del clima? Sia per combattere il cambiamento climatico o di avvelenare le masse, questo argomento merita l’attenzione del pubblico.

Se le persone che stanno dietro questi programmi riusciranno a processare pubblicamente le loro intenzioni, inizieranno il processo di normalizzazione dell’ingegneria climatica spruzzando i cieli.

Dopo anni spesi a negare l’esistenza di programmi tecnologici, saranno lentamente “testarli fuori” in bella vista del pubblico.

Ancora prima che noi conoscessimo questa tecnologia, sembra banale mettere in discussione il potenziale pericolo così sgradito della sicurezza e l’efficacia dei vaccini.

Ultima parte di un corposo articolo visionabile QUI
in lingua inglese, dove vengono menzionati
i seguenti capitoli:
“I possibili pericoli della Geoingegneria”
“Geoingegneria per salvare l’umanità? O qualcosa di più nefasto?”

Fonte; https://www.bibliotecapleyades.net/

Che il clima stia cambiando sotto ai nostri occhi 
è ormai accettato da tutti